Settore Moda, Linee guida:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Moda, Linee guida:"

Transcript

1 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 1 Settore Moda, Linee guida: Prodotto (qualità, funzionalità, stile, varietà) Consumatore (eclettico, esigente, meno fedele) Quick response: investimenti/arco temporale Immagine del marchio, supply chain Pronto programmato (mix di prèt-àportèr e programmato) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 2

2 Settore Moda Le criticità del prodotto: caratteri intrinseci (materiali, modello, lavorazione, vestibilità, finiture) utilizzo (funzione d'uso, praticità, durata) le valenze estetiche, di stile livello d'innovazione, ricchezza di varianti proposte Grado di soddisfazione del consumatore (mix qualità - prezzo - styling dei prodotti): rifiuto della sottomissione ai canoni della moda, sempre più individualisti e desiderosi di creare autonomamente il proprio look. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 3 Settore Moda Il life-cycle di un trend si sta riducendo (da più di due anni a meno di tre mesi) Molti brand convergono sullo stesso trend arrivando a lanci simultanei (lo stile di base appare molto simile tra i diversi brand, ed è rischioso non comprendere il trend dominante e posizionarsi fuori dal coro ) Fonti del vantaggio competitivo: da competizione basata sul prezzo e/o sulla qualità, a competizione Quick Response e know-how Prevalenza delle imprese che adottano il modello pronto-programmato 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 4

3 TIMELINE GRUPPO INDITEX 1975 Zara inizia l attivita aprendo a Coruna (Spagna) il suo primo negozio, anche se l origine del gruppo è del 1963, l anno in cui Amancio Ortega Gaona, fondatore, inizia il suo business di successo 1976 Goasam è fondata dai proprietari degli Zara stores e continua con l apertura del primo negozio in Spagna 1985 istitutione della INDITEX a capo del gruppo 1988 apertura del primo Zara store fuori della Spagna (Oporto) Apertura outlets a NewYork e Parigi INDITEX apre in Messico, Grecia, Belgio e Svezia 1998 apertura in Argentina, Giappone, UK, Venezuela, Emirati Arabi, Kuwait e Turchia. seguono Germania, Polonia, Arabia saudita, Bahrain, Canada, Brasile, Cile, Uruguay 2001 Inditex diventa società quotata nello Spanish stock market e inizia l attività in Irlanda, Islanda, Lussemburgo, Repubblica Ceca e Italia Attualmente Inditex opera con cinque brand, tra questi, Zara (primo marchio creato dal gruppo Inditex) rappresenta il 70 per cento delle vendite e degli utili dello stesso. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 5 Carta d identità: Mission: offrire abbigliamento alla moda a tutti i clienti, in una logica di democratizzazione dei consumi. Settore di appartenenza: produzione e distribuzione commerciale(abbigliamento,accessori,complementi arredo). Anno di apertura del primo shop: 1975 Crescita media del fatturato per annuo: 22% circa Paesi (Zara):64 Numero di punti vendita nel mondo (Zara): 3131 Proprietà dei punti vendita: 100% Numero dipendenti 69240; in Italia 1700 Numero medio di disegni all anno: /02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 6

4 Gli ultimi fatturati 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 7 Zara Linee Guida (4P) Product: qualità medio-bassa, alta velocità di sviluppo nuovi prodotti (fast fashion) riduzione del life cycle Price: low cost, no sale (rimanenze sul totale a fine stagione: 2%) Place: copertura del mercato attraverso punti vendita in proprietà (franchising) Promotion: ampiezza dell assortimento; riconoscibilità del brand; riassortimento continuo dei pdv (2 volte a settimana) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 8

5 Zara Fashion per le masse: cheap & chic Leader nel suo segmento di mercato prima di H&M, Benetton (benchmarking) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 9 Confronto tra modelli di business diversi 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 10

6 Dipartimento commerciale Dipartimento Commerciale, costituito da tre unità operative ("Disegno", "Prodotto" e "Acquisti"), che lavorano in maniera integrata per gestire al meglio l evoluzione delle tendenze della moda, la risposta commerciale delle scelte di assortimento e la catena di fornitura. Fasi Design disegno e styling dei capi con scelta degli abbinamenti tessuto, colore ed accesso rielaborazione computerizzata dei bozzetti per lo sviluppo di taglie e modelli realizzazione dei prototipi per ciascun modello (prototipia). 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 11 Punti chiave Le fonti d'ispirazione dei designer sono quelle classiche degli specialisti del pronto moda Servizi fotografici delle più note fiere mondiali di settore, riviste di moda Attività di cool hunting : scovare precocemente i trend e tradurli in scelta dei tessuti ed in disegno con l ausilio di stabilimenti flessibili e logistica veloce. Informazioni raccolte quotidianamente in tempo reale all interno dei punti vendita della rete sistema informativo Casiopea che verifica in qualunque momento alcuni indici rilevanti: numero di visitatori, numero di clienti, ratio clienti/visitatori, tempo trascorso in negozio, tempo trascorso nei vari reparti, numero di reparti visitati, scontrino medio 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 12

7 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 13 Approvvigionamento di tessuti: 2 Fonti: Comditel, società con sede operativa in Spagna, di cui Inditex è proprietaria al 100%, soddisfa circa il 45% del fabbisogno di tessuto finito Fornitori esterni al gruppo, localizzati in massima parte in Europa (95%) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 14

8 Pronto-programmato: abbinamento alle collezioni stagionali - progettate e realizzate in tempi compressi rispetto alle produzioni leader - di un numero di flash dedicati a particolari momenti di consumo e/o ad articoli realizzati a seguito della lettura delle reali tendenze di mercato. Tempistica: 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 15 Produzione La produzione interna (circa il 60%) si concentra sugli articoli a più elevata rotazione, e su quelli con maggior rischio moda per i quali si effettuano gli investimenti in ricerca e sviluppo più rilevanti C è comunque una tendenza a ridurre la percentuale di lavorazioni in house a favore delle gestioni terziarizzate conseguenza della scelta di irrobustire la componente basic della gamma di vendita (Produzione del capo bianco e successiva colorazione) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 16

9 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 17 Zara: funzione logistica Contribuisce a creare il vantaggio competitivo e il successo di Zara. Tutto ruota intorno alla grande piattaforma distributiva di La Coruña, l hub primario nel quale si concentrano sia i prodotti provenienti dagli stabilimenti del Gruppo sia quelli realizzati da fornitori esterni per poi essere smistati in tutto il mondo. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 18

10 Deposito al produttore/distributore e inoltro diretto La base logistica di Inditex movimenta ogni settimana oltre 2 milioni di capi, utilizzando tecnologie con elevati standard di efficienza e di velocità. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 19 Layout magazzino Una parte è destinata alla merce "piegata" (maglie, camicie, ecc.) e l'altra ai capi "appesi" (giacche, cappotti, ecc). La struttura dispone di sorter automatici adibiti allo smistamento. Esso attinge allo stock per comporre e confezionare, con la massima velocità e precisione, gli ordini di merce da inviare ai negozi che - ad eccezione della spedizione prestagionale concepita ed implementata seguendo una logica di tipo push - vengono alimentati on demand, con cadenza regolare e prestabilita (due volte a settimana; martedì e venerdì in alcuni paesi, mercoledì e sabato in altri), con un lead time medio di consegna di ore in Europa e di ore nel resto del mondo. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 20

11 Layout del magazzino La logistica in entrata del centro di distribuzione è fondamentale per assicurare regolarità al flusso a valle verso i punti di vendita. La programmazione delle attività di produzione ha come obiettivo la costituzione e il mantenimento di livelli di giacenza adeguati in termini sia quantitativi sia assortimentali. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 21 Promotion /Place 1 Non promuove il suo marchio attraverso la pubblicità (con decine di migliaia di articoli disegnati ogni anno, con un time to market così breve il tradizionale advertising sarebbe infatti impossibile), bensì solamente attraverso i suoi punti vendita Curati nei minimi dettagli collocati nelle vie commerciali Seguono modello standard in merito a: disposizione della merce, illuminazione e colori utilizzati all insegna dell eleganza e lusso dell idea moda presente negli shop Incentivi economici per il personale finalizzati all incremento dell ascolto delle esigenze del cliente 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 22

12 Promotion/place 2 Pochi permanenti Acquistalo subito, altrimenti rischi di non trovarlo più Produzione al 95% in stagione Escasez y oportunidad: acquisto d impulso condizionato dal timore di non trovare più ciò che è ora nel negozio. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 23 Focus: 1 Che vantaggi sono garantiti a Zara dall avere una supply chain molto pronta? Velocità di risposta alle nuove tendenze e contenimento dei costi: abbattimento degli stock produttivi di sicurezza ciclo di fornitura costante durante tutto l arco dell anno, dai vari impianti e fornitori esterni, in cui a variare sono solo tessuti e modelli, bisettimanalmente aggiornati (contro i 6-12 mesi dei concorrenti, quindi lead time estremamente ridotto). Razionalizzazione del ciclo produttivo il vantaggio competitivo si contende nell arena del tempo (Quick Response) e del know-how Supply chain efficiente: agilità riduzione del time to market la capacità di modifiche rapide in base alle nuove esigenze. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 24

13 2 - Perché Zara ha scelto di avere produzione sia interna che esterna? Perché mantiene capacità produttiva in Europa nonostante in Asia i costi siano notevolmente inferiori? Perché Zara alloca la produzione degli articoli con domanda incerta ai produttori europei lasciando la produzione degli articoli con domanda prevedibile ai produttori asiatici? Produzione in Europa (Spagna) per circa il 60%; si concentra su articoli a più elevata rotazione con maggior rischio moda tendenza a ridurre la percentuale di lavorazioni in house a favore delle gestioni terziarizzate irrobustimento della componente basic della gamma di vendita (costi R&D, produzione minori) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI Posizionamento delle location: clienti finali Le location selezionate si trovano nelle aree di prestigio delle città. Vetrine costante elemento di richiamo, mentre il design degli interni definisce la forma attraverso la quale il cliente entra in contatto con il prodotto. Nella sede centrale di Arteixo si mettono a punto soluzioni in scala reale, tenendo conto della geometria degli spazi, dell illuminazione, della mobilità del cliente, degli itinerari al suo interno. Il modello adottato viene fotografato nei minimi dettagli, per essere riprodotto ed applicato ai negozi di tutti i paesi. Le uniche modifiche sono legate a particolarità di carattere religioso o culturale: ad esempio, in Arabia Saudita i manichini sono sprovvisti della testa e i cartelloni delle modelle si adeguano alle regole locali riguardo l immagine della donna; per il resto, l estetica del punto vendita rimane la stessa. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 26

14 3 - Posizionamento delle location: clienti finali Come fedele riflesso della distribuzione dei profili del consumatore e della propria offerta, la sezione femminile occupa uno spazio maggiore rispetto alle altre. Oltre agli abiti, si possono trovare accessori (scarpe, borse, cinture, ecc.) e prodotti di profumeria e di cosmetica, tutti con la firma Zara. Gli elementi degli interni, sebbene simili a quelli di un negozio di lusso, non devono permettere l identificazione del punto vendita con nessuna classe o settore sociale in particolare. L ampia superficie è concepita come uno spazio libero da ostacoli, diafano e accogliente, senza distrazioni decorative che distolgano l attenzione del cliente dal prodotto: l obiettivo è mettere le persone a proprio agio, onde aumentare il tempo di permanenza all interno del negozio. Gli abiti vengono collocati in base alle tendenze (stile, tessuti, prezzo) e suddivisi per colore. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI Posizionamento delle location: clienti finali Il cliente è libero di guardare, toccare, prendere e spostare: ha tutto il tempo per provare le novità che attirano la sua attenzione. Molti dei clienti entrano infatti da Zara senza un idea precisa e decidono l acquisto all ultimo minuto. Perché inserire una nuova location: Zara non è una marca di vestiti. Il suo nome identifica, con maggior precisione, un certo stile di spazio, il punto vendita Zara, dove si concentra la possibilità di soddisfare necessità sociali ed individuali, attraverso il consumo della moda da indossare ampio spettro di persone con differenti caratteristiche e condizioni sociali offerta la cui estensione e velocità di rinnovamento si adeguano alle necessità in continuo cambiamento del mercato. All interno del punto vendita si conoscono giorno per giorno i desideri dei clienti, ciò che si vende e ciò che non si vende, i dettagli che distinguono un determinato contesto ambientale da un altro. Il punto vendita è l osservatorio principale dell evoluzione del mercato: unitamente agli obiettivi dell impresa, esso determina gli investimenti a lungo termine. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 28

15 Posizionamento dei centri di stoccaggio 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI Che vantaggi ha Zara dal rifornimento due volte a settimana dei suoi punti vendita confrontato con uno a frequenza inferiore? Offerta completa, disegnata giorno per giorno. Il tempo è una variabile strategica fondamentale in un sistema di produzione e di logistica strutturato intorno al just in time e all eliminazione del magazzino Collezioni vive : prodotte, distribuite e vendute con la stessa rapidità con cui si modificano gli atteggiamenti e i comportamenti dei clienti. I clienti sanno che Zara rinnova l offerta ogni settimana e visitano spesso i suoi punti vendita (11 volte all anno rispetto alle 4 della concorrenza) Escasezy oportunidad (scarsità e opportunità) Bastano meno di due settimane perché un capo disegnato dal team di stilisti di La Coruña arrivi in uno qualunque dei negozi sparsi in tutto il mondo, 12 volte più in fretta della concorrenza. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 30

16 4 - Che vantaggi ha Zara dal rifornimento due volte a settimana dei suoi punti vendita confrontato con uno a frequenza inferiore? fast fashion : la flessibilità del mercato e la snellezza delle scorte sono più importanti della manodopera a prezzi stracciati. Zara realizza oltre il sessanta per cento della produzione entro fabbriche di sua proprietà. I tessuti, che arrivano dalla Spagna, dall Oriente, dall India e dal Marocco, vengono tagliati e colorati negli stabilimenti della compagnia, per essere poi confezionati, cuciti e rifiniti nelle cooperative e nei laboratori esterni, sparsi nella zona attorno a La Coruña. L elevata percentuale di produzione propria rappresenta un modello unico nel settore dell abbigliamento. Molti dei concorrenti subappaltano invece gran parte della fabbricazione. La velocità e la flessibilità contano più del prezzo in sé. L elevato potere d acquisto permette a Zara di acquistare - a prezzi sensibilmente ridotti - partite di tessuti d alta qualità, gli stessi utilizzati dalle firme più prestigiose. Possibilità di includere abiti di gran livello a prezzi tre o quattro volte inferiori a quelli delle grandi firme. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI Che vantaggi ha Zara dal rifornimento due volte a settimana dei suoi punti vendita confrontato con uno a frequenza inferiore? Il percorso produttivo si conclude presso la sede centrale di Arteixo, dove con l ausilio di sofisticate architetture informatiche i capi vengono controllati, stirati e imballati, prima di essere caricati sui camion, pronti a raggiungere i diversi punti vendita. Dai centri logistici di Arteixo e di Zaragoza si distribuiscono prodotti quattro giorni a settimana, in modo tale che ogni negozio della catena riceva due spedizioni settimanali sempre con nuovi modelli. Dal ricevimento dell ordine nel centro di distribuzione alla consegna della merce in negozio trascorrano circa 24 ore per gli stabilimenti europei e un massimo di 48 ore per i negozi in America e Asia. I centri logistici sono 8: Arteixo(la Coruna), Naròn (la Coruna), Meco (Madrid), Saragozza, Leòn, Tordera (Barcellona), Sallent de Llobregat (Barcellona) ed Elche (Alicante) 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 32

17 5 - Quali strutture informative sono necessarie a Zara per gestire in modo efficace la produzione, la distribuzione e la catena dei rivenditori? Il flusso d informazioni si realizza attraverso tre canali: tramite la cassa l impresa che riceve quotidianamente la fatturazione del negozio, quali prodotti ha venduto, quali no e l evoluzione del magazzinaggio; via telefono, fax o posta elettronica mediante le continue visite dei dirigenti dei diversi reparti della centrale; mediante Casiopea, software sviluppato da Inditex, che mette il punto vendita in condizione di verificare in qualunque momento la disponibilità di prodotto, di visualizzare le immagini di ogni modello e di trasmettere l ordine al centro logistico. Il lavoro di preparazione delle collezioni inizia, generalmente, un anno prima dell arrivo della merce nei punti vendita. Più di duecento professionisti disegnano per Zara, viaggiando in tutto il mondo alla ricerca delle future tendenze. I disegnatori portano con sé telecamere e macchine fotografiche, per registrare tutto ciò che attira la loro attenzione. 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI Quali strutture informative sono necessarie a Zara per gestire in modo efficace la produzione, la distribuzione e la catena dei rivenditori? Zara è passata dall'outsourcing all'insourcing, attraverso una supply chain estremamente corta e sotto controllo. Zara non è un'azienda di moda, è un'azienda di logistica che trasporta moda. Ha ridisegnato completamente la logistica, l'ha internalizzata, non si è fidata di terzi perché la considera un processo assolutamente competitivo. L applicazione di tecnologie R-fid ha tre limiti nel campo della moda: Tecnologico : l assenza di standard tecnologici è dovuta al fatto che in Europa la Uhf (ultra high frequency), una delle tecnologie più promettenti per l implementazione del Rfid nel settore della moda, ha problemi di accettazione normativa e vengono concessi solo permessi provvisori di utilizzo, in via sperimentale. Normativo: riferito all uso, alla vita del microchip dopo l uscita del capo dal negozio in quanto tutte le informazioni contenute nel microchip rimangono vive anche dopo che il prodotto è stato acquistato e questo consente sia di risalire facilmente all origine di un eventuale difetto sia di offrire prodotti stilisticamente consoni con quello acquistato. Organizzativo: progetti che puntano all efficienza (finalizzati al risparmio dei tempi, minori costi di logistica ecc.) nel dominio tecnico piuttosto che all efficacia (analisi del punto vendita, relazioni con il cliente) NECESSITA DI FARE SISTEMA TRA LE AZIENDE 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 34

18 5 - Quali strutture informative sono necessarie a Zara per gestire in modo efficace la produzione, la distribuzione e la catena dei rivenditori? Tra le strutture informatiche sono utilizzate: Nell area della comunicazione interna la tecnologia può fornire un valido supporto. Una soluzione PLM(product life cycle management) offre un efficiente soluzione al problema della comunicazione, permettendo alle aziende di creare un deposito di informazioni centralizzato ed univoco per tutti i livelli aziendali e che può essere consultato, aggiornato e arricchito via internet. Tale piattaforma informatica si identifica nell'integrazione di diverse soluzioni Ict che generano ed utilizzano dati di prodotto, dai sistemi di progettazione (i ben noti CAD, Computer Aided Design), ai software a supporto dell'organizzazione del lavoro dei progettisti (sinteticamente conosciuti come PDM, Product Data Management), ai sistemi di gestione documentale, fino ai sistemi gestionali (sistemi Erp e correlati). 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI Quali strutture informative sono necessarie a Zara per gestire in modo efficace la produzione, la distribuzione e la catena dei rivenditori? Tra gli strumenti di analisi di scenario sono utilizzati: T&t monitor 3sc, uno strumento di analisi e monitoraggio dell evoluzione socio culturale del Paese e dei riflessi sui prodotti e sulla comunicazione d impresa. Le informazioni rilevate consentono di: costruire degli indicatori per la misurazione del cambiamento socio-culturale; collegare tra loro consumatori prodotti marche media e comunicazione pubblicitaria e correlarli al mutamento socio culturale. Eurisko Oggetto di indagine sono le caratteristiche delle persone, i comportamenti di consumo e l esposizione ai mezzi di comunicazione. Permette di rispondere alle seguenti esigenze: la diagnosi del posizionamento; la progettazione del target; la pianificazione dei mezzi. Per il settore retail ricorrere individuare i seguenti indicatori di successo: numero di visitatori; numero di clienti; ratio clienti/visitatori; tempo trascorso in negozio; tempo trascorso nei vari reparti; numero di reparti visitati; scontrino medio; numero di referenze per scontrino 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 36

19 Zara Fashion Business video 05/02/2010 Silvia DURANTI - Elisa LANCIOTTI - Francesca RICCIONI - Francesca SANTARELLI - Valentina TICCHIARELLI 37

CASO INDITEX - ZARA. Fatturato 12.527 11.084 13% Utile Netto 1.732 1.314 32% Numero di Negozi 5.044 4.607 437. Numero di Paesi 77 74 3

CASO INDITEX - ZARA. Fatturato 12.527 11.084 13% Utile Netto 1.732 1.314 32% Numero di Negozi 5.044 4.607 437. Numero di Paesi 77 74 3 Barbara Francioni CASO INDITEX - ZARA Inditex, uno dei più grandi gruppi di distribuzione di moda a livello internazionale, conta più di 5.000 punti vendita in 78 Paesi Il primo negozio Zara aprì nel 1975

Dettagli

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE L azienda Il prodotto I negozi Contatti L AZIENDA storia CLASS nasce nel 1979 frutto di una grande attenzione all universo femminile nel quale ha espresso il suo ideale di donna ispirato da un minimalismo

Dettagli

FAST FASHION. La novità del Fast Fashion: perché è un fenomeno interessante LA DINAMICA DEL MERCATO:

FAST FASHION. La novità del Fast Fashion: perché è un fenomeno interessante LA DINAMICA DEL MERCATO: FAST FASHION Un modello di business emergente e la sua influenza sull industria tessile Como, 14 gennaio 2010 La novità del Fast Fashion: perché è un fenomeno interessante LA DINAMICA DEL MERCATO: è il

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto Specializzazione in commercio estero Mara Granzotto Stage svolto nell azienda Canalcom 28/05/2007-30/06/2007 CANALCOM - servizio consulenza UFFICIO STAMPA CLIENTI: Fornaci Calce Grigolin spa Superbeton

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO

LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO 1 Introduzione La nuova legge sugli Investimenti Diretti Esteri nel multi-brand retail apre nuovi scenari e nuove opportunità all interno

Dettagli

INNOVARE PER COMPETERE INNOVATION IN FASHION CAMERA DI COMMERCIO PRATO INNOVATION IN FASHION

INNOVARE PER COMPETERE INNOVATION IN FASHION CAMERA DI COMMERCIO PRATO INNOVATION IN FASHION 25 OTTOBRE 2007 IV GIORNATA STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE E DELLA FILIERA PRODUTTIVA RELATORE Dott.sa Azzurra Sani Dott.sa STRATEGIE Azzurra DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Sani Assegnista

Dettagli

Gli elementi chiave del progetto

Gli elementi chiave del progetto Gli elementi chiave del progetto 1 BELMONTE from inside: Dal 1938 Belmonte in Italia vuol dire camicia. Nata come piccola azienda familiare, la struttura è ormai una florida e ben radicata testimonianza

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

Fashion design Siamo lieti di vestire le compagnie più eleganti

Fashion design Siamo lieti di vestire le compagnie più eleganti Fashion design Fondata nel 1999, EGV1 si propone come azienda leader nella produzione di uniformi di alta qualità nello scenario nazionale ed internazionale. Offriamo una varietà illimitata di oggetti

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA:

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA: BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO MOD B COMPANY PROFILE 1) INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: P. IVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA

Dettagli

ricerca delle cause del costo di prodotto e esigenza di informazioni utili per le decisioni strategiche e il controllo di gestione

ricerca delle cause del costo di prodotto e esigenza di informazioni utili per le decisioni strategiche e il controllo di gestione Target Costing: definizione Cos è il Target Costing? Strumento di cost-management a supporto dell attività di progettazione di nuovi prodotti, che unisce ricerca delle cause del costo di prodotto e esigenza

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan Logisan Buyers Rd. Sellers Ln. Non riuscivo a trovare l'auto sportiva dei miei sogni, così l'ho costruita da solo... Ferdinand Porsche Mission Ottimizziamo i processi aziendali che da sempre affliggono

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

stampas Novembre 2012

stampas Novembre 2012 stampas Novembre 2012 Fiera leader internazionale per la lavorazione di materiali tessili e materiali flessibili Susanne Brendle Tel. +49 69 75 75-6457 Fax +49 69 75 75-6758 Susanne.Brendle@messefrankfurt.com

Dettagli

SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA VENDITA AL DETTAGLIO

SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA VENDITA AL DETTAGLIO SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA VENDITA AL DETTAGLIO UNA SOLUZIONE completa CHE SODDISFA esigenze FISCALI E GESTIONALI UNA SOLUZIONE COMPLETA E FLESSIBILE Passepartout Retail è una soluzione studiata per

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain. Progettare la catena distributiva 1

La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain. Progettare la catena distributiva 1 La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain Progettare la catena distributiva Linea guida Il ruolo della distribuzione nella Supply Chain Fattori che influenzano il progetto della

Dettagli

Corso di Alta Formazione RETAIL AND STORE MANAGEMENT: strumenti e metodologie operative orientate alla gestione e sviluppo della rete di punti vendita Obiettivi Il corso di Alta Formazione in Retail e

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

Company profile QUANDO ESSERE VIZIATI NON È UN PECCATO

Company profile QUANDO ESSERE VIZIATI NON È UN PECCATO Alexys Agency raccoglie con interesse tutte le richieste poste dagli operatori di questo complesso settore, attivandosi per esaudirle in modo professionale, prefiggendosi come obbiettivo la soddisfazione

Dettagli

FRANCHISING E CATENE DI

FRANCHISING E CATENE DI Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

the extended ERP solution Soluzione integrata dall ufficio stile al retail

the extended ERP solution Soluzione integrata dall ufficio stile al retail the extended ERP solution Soluzione integrata dall ufficio stile al retail TeamSystem Milano Srl. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione, l utilizzo e la comunicazione del contenuto di questo

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana

Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana Il mercato della Pellicceria Italiana ha raggiunto un plateau nell ultimo periodo dovuto principalmente ad un consumo interno stabile

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA

TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA COMPETENZE ABILITA * ORE FRON TALI * 1 Fibre naturali e fibre chimiche - Riconoscere le correlazioni

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Profilo Istituzionale

Profilo Istituzionale Profilo Istituzionale 17 aprile 2013 Indice dei contenuti 1. La società 2. Filosofia e missione 3. Principali dati economici 4. L offerta 5. Il Cliente 6. Contatti 1. La società Il Gruppo bonprix Italia

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA UNA TECNOLOGIA SOLIDA COME L ACCIAIO GRAZIE A M-SOFT Yvo van Werde non avrebbe mai immaginato che il sistema pioneristico che aveva contribuito a sviluppare 19

Dettagli

nuovo software Enterprise Resource Planning

nuovo software Enterprise Resource Planning nuovo software Enterprise Resource Planning il nuovo software ERP (Enterprise Resource Planning), denominato Codice01, multipiattaforma, scritto in Java e tecnologicamente all avanguardia; multilingua,

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 2 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

LA VOSTRA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO

LA VOSTRA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO LA VOSTRA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO Da quasi un ventennio ITAC-TRON svolge la propria attività su tutto il territorio nazionale ed europeo, proponendo ai retailer, soluzioni all avanguardia nella progettazione

Dettagli

Servizi per l industria del mobile

Servizi per l industria del mobile Engineering by Häfele Servizi per l industria del mobile Una forte partnership con Häfele Engineering. Oggi è indubbiamente essenziale disporre di partner efficienti, forti di un esperienza nel settore,

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Collaborazione estesa delle supply chain

Collaborazione estesa delle supply chain Il progetto di ricerca FLUID-WIN nell ambito del sesto Programma Quadro Panoramica generale Integrazione dei fornitori di servizio di terze parti con l intera Trend dell economia globale La globalizzazione

Dettagli

Reparto di pianificazione aziendale Organizzazione dei processi di business e pianificazione dei lavori logistici

Reparto di pianificazione aziendale Organizzazione dei processi di business e pianificazione dei lavori logistici Reparto di pianificazione aziendale Organizzazione dei processi di business e pianificazione dei lavori logistici Fraunhofer IML in Italia La nostra autocomprensione Prodotti, mercati ed esigenze dei clienti

Dettagli

Gestione della Supply Chain. Gestione della Supply Chain Soluzioni Internet per le aziende. Seminario on line

Gestione della Supply Chain. Gestione della Supply Chain Soluzioni Internet per le aziende. Seminario on line Gestione della Supply Chain Gestione della Supply Chain Soluzioni Internet per le aziende Seminario on line 1 Seminario on line Gestione della Supply Chain Seminario sulle soluzioni Internet per le aziende

Dettagli

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO FotoDigitalDiscount è la più grande catena di negozi di fotografia in franchising in Italia. Un marchio nato solo nel 2005 che già conta oltre 250 punti vendita distribuiti su tutto il territorio italiano

Dettagli

COMPANY PROFILE 2014

COMPANY PROFILE 2014 COMPANY PROFILE 204 THE NAME WHAT S BEHIND THE BRAND PRIMADONNA IL MARCHIO PRIMADONNA COLLECTION NASCE NEL 200 DA UN'INTUIZIONE DEL FONDATORE NONCHÉ CEO IL SIG. VALERIO TATARELLA. È IL FRUTTO DI UN LAVORO

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

UN CONCETTO ACCOGLIENTE, UNA FORMULA FORTUNATA

UN CONCETTO ACCOGLIENTE, UNA FORMULA FORTUNATA UN CONCETTO ACCOGLIENTE, UNA FORMULA FORTUNATA Decorazione e regali per la casa e per il giardino. L IMPEGNO CASA Far apprezzare e far vivere meglio la vita nella propria casa 2 www.casashops.com Pagina

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

TRONY. Profilo dell insegna

TRONY. Profilo dell insegna TRONY Profilo dell insegna Chi è Trony La mission L offerta sul punto vendita E-Commerce e CRM Trony e i fattori di successo Il nuovo modello di vendita L importanza del personale di vendita La comunicazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Vendi on line in tutto il mondo, senza investimenti LIVING, TRAVELLING, shopping on line

Vendi on line in tutto il mondo, senza investimenti LIVING, TRAVELLING, shopping on line Vendi on line in tutto il mondo, senza investimenti LIVING, TRAVELLING, shopping on line Cos è è lo store on line che ospita solo selezionati brand di qualità e si rivolge ad una clientela di elevato profilo.

Dettagli

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE

FRANCHISING E DISTRIBUZIONE Passepartout Retail è una soluzione studiata per soddisfare le esigenze gestionali e fiscali delle attività di vendita al dettaglio. Il prodotto, estremamente flessibile, diventa specifico per qualsiasi

Dettagli

Abstract. Costco rafforza la propria presenza ecommerce globale grazie a Reply. Scenario

Abstract. Costco rafforza la propria presenza ecommerce globale grazie a Reply. Scenario Abstract Reply ha messo a fattor comune le competenze e l esperienza del proprio network internazionale di aziende specializzate, affiancando Costco nell espansione mondiale della propria offerta ecommerce.

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente dott.ing. GIAMPAOLO

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna Le professioni comprese in questa unità raccolgono, controllano e archiviano la documentazione sulle merci esistenti, in entrata e in uscita

Dettagli

LEADER NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI TESSILE E ABBIGLIAMENTO

LEADER NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI TESSILE E ABBIGLIAMENTO LEADER NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI TESSILE E ABBIGLIAMENTO M2LOG NASCE DALL ESPERIENZA DEL GRUPPO MIROGLIO I NUMERI CHE FANNO LA DIFFERENZA 2POLI LOGISTICI DI SMISTAMENTO CAPI E

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

profilo aziendale sviluppo delle vendite ed il recupero di competitività e marginalità dei prodotti. approccio operativo e orientato ai risultati

profilo aziendale sviluppo delle vendite ed il recupero di competitività e marginalità dei prodotti. approccio operativo e orientato ai risultati profilo aziendale ROSTEAM è una società di consulenza direzionale nata nel 2004 su iniziativa di un team di professionisti con ampia visione delle problematiche inerenti lo sviluppo delle vendite ed il

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

UNYCA è un marchio italiano nato dallo spirito creativo. Il progetto Retail & Franchising UNYCA nasce nel 2008 da uno

UNYCA è un marchio italiano nato dallo spirito creativo. Il progetto Retail & Franchising UNYCA nasce nel 2008 da uno Il progetto Retail & Franchising UNYCA nasce nel 2008 da uno studio specifico di esperti nel settore, per ampliare il marchio a livello nazionale ed internazionale e di renderlo come punto di riferimento

Dettagli

FARE FRANCHISING, ORA PUOI. sorprendentemente comoda

FARE FRANCHISING, ORA PUOI. sorprendentemente comoda FARE FRANCHISING, ORA PUOI sorprendentemente comoda IL NOSTRO PRODOTTO È FRUTTO DI SCELTE OCULATE, DI STUDIO E DI RICERCA ATTENTA Il made in Italy come valore aggiunto. Le caratteristiche del nostro prodotto

Dettagli

Comunicare è di. moda. Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura TCF

Comunicare è di. moda. Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura TCF Comunicare è di moda Il linguaggio digitale per il tessile abbigliamento e calzatura Cos è ebiz? È un iniziativa europea rivolta ad armonizzare il linguaggio e le procedure per l integrazione delle imprese

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 AREA FORMAZIONE LA SUPPLY CHAIN NELLE AZIENDE SANITARIE: MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 Telefono: 02-72.34.39.07 - Fax: 02-72.34.38.28 - E-mail: cerismas@unicatt.it

Dettagli

PRESENTAZIONE Firenze 2014

PRESENTAZIONE Firenze 2014 PRESENTAZIONE Firenze 2014 INDICE Presentazione generale del progetto... pg 3 Obiettivi... pg 3 Le caratteristiche del nuovo sito e-commerce... pg 3 Strumenti di promozione del progetto web.... pg 4 I

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

di filiali, sportelli e uffici di direzione

di filiali, sportelli e uffici di direzione Modello logistico per l approvvigionamento Modello logistico per l approvvigionamento di filiali, sportelli e uffici di direzione Gli interventi di Business Value Business Value esprime un forte know-how,

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Mostra Maglifico 21 Giugno - 2 Setttembre 2012 Palazzo Morando, via Sant Andrea 6 - Milano

Mostra Maglifico 21 Giugno - 2 Setttembre 2012 Palazzo Morando, via Sant Andrea 6 - Milano Mostra Maglifico 21 Giugno - 2 Setttembre 2012 Palazzo Morando, via Sant Andrea 6 - Milano dentro e fuori casa... in ogni momento della tua giornata, il benessere veste FRANCHISING I NOSTRI PUNTI DI FORZA

Dettagli

IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it

IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it LA SOLUZIONE SAP NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IL CASO DELL AZIENDA Perché SAP Contare su un sistema che ci consente di valutare le performance di ogni elemento del nostro listino è una leva strategica

Dettagli

Natuzzi Group. Retail Development

Natuzzi Group. Retail Development Natuzzi Group Retail Development 1990 APRE Divani&Divani 1959 FONDAZIONE 1993 BORSA DI NEW YORK 6 733 DIPENDENTI* 468.8 mln FATTURATO 2012 90% QUOTA EXPORT* *dati al 31 Dicembre, 2012 Analisi dei trend

Dettagli

Produzione e Distribuzione. Produzione e Distribuzione Soluzioni Internet per le aziende. Seminario on line

Produzione e Distribuzione. Produzione e Distribuzione Soluzioni Internet per le aziende. Seminario on line Produzione e Distribuzione Produzione e Distribuzione Soluzioni Internet per le aziende Seminario on line 1 Seminario on line Produzione e Distribuzione Seminario sulle soluzioni Internet per le aziende

Dettagli

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ TARGATE

NUOVE OPPORTUNITÀ TARGATE NUOVE OPPORTUNITÀ TARGATE Entra in la Feltrinelli point e scopri tutti i vantaggi della rete di franchising Chi siamo la Feltrinelli rappresenta oggi non solo il principale retailer italiano di libri,

Dettagli