IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI"

Transcript

1 IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti stagionali determinavano inoltre la comparsa di centinaia di esemplari, provenienti dall Europa meridionale, sulle Alpi e nei territori limitrofi. Il marcato declino della specie negli ultimi 150 anni ne ha notevolmente ridotto l areale di distribuzione fino ad arrivare alla scomparsa dall Europa centrale. In Italia è rimasto come nidificante esclusivamente in Sardegna ed ha continuato a comparire in numero limitato nel periodo estivo sulle Alpi orientali. Il grifone nidificava probabilmente in Friuli fino all inizio del XX secolo. Ora, le colonie più vicine sono quelle ubicate sulle isole del Golfo del Quarnero (Croazia) per un totale di 120 coppie. L obiettivo di contrastare il declino della specie ha portato a un progetto di Conservazione attuato nella Riserva Naturale del Lago di Cornino in comune di Forgaria nel Friuli (UD). L iniziativa è finanziata dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e si propone di reintrodurre il grifone, come specie nidificante, sulle Alpi orientali. 1

2 Sono stati liberati dal 1992, circa 70 grifoni provenienti principalmente dalla Spagna. Nei periodi successivi grifoni sono scomparsi o si sono allontanati dall area. Le perdite sono state bilanciate dall arrivo d individui da altre aree e dalle successive nascite. La colonia conta un numero minimo di 80 soggetti in inverno e durante l estate poiché è proprio durante il periodo estivo che la disponibilità di cibo è maggiore. Risulta pertanto necessario integrare le risorse trofiche con un carnaio rifornito con una quantità annua di tonnellate di carne. Viene utilizzato un unico punto di alimentazione rifornito con carcasse di animali domestici e selvatici. Le carcasse di animali domestici sono fornite in forma gratuita dai vicini allevamenti, mentre la fauna selvatica (20-30% del totale, in gran parte caprioli, cervi e cinghiali) viene recuperata a seguito di incidenti stradali dal Corpo Forestale Regionale e dalla Polizia Provinciale. Questa popolazione ha un importanza strategica fondamentale per la tutela dell ultima colonia di grifoni della Croazia in quanto fornisce ulteriori risorse trofiche ed un punto di riferimento importante per quei soggetti che in estate frequentano l area alpina. Il numero di questi è aumentato nel tempo fino a raggiungere (in tutta la stagione estiva) oltre 100 individui negli ultimi anni. I grifoni arrivano sulle Alpi in maggio- giugno e frequentano, assieme a quelli della locale colonia, anche le Alpi slovene e austriache. Altri grifoni arrivano da Francia (17), Grecia (7), Spagna e Israele (3), Austria, Bulgaria e Ungheria (1). Le prime riproduzioni si sono registrate nel Al momento, sono presenti coppie con oltre una decina di giovani che si è involata negli ultimi anni (un massimo di 16 nel 2011, 74 involati dall avvio del progetto). Sono note 5-6 aree di nidificazione a 6-20 km dal punto di rilascio. Il progetto, oltre ad importanti finalità dal punto di vista scientifico e della Conservazione, prevede varie attività divulgative e legate alla fruizione naturalistica. 2

3 Introduzione La presenza storica del grifone in Europa centrale e sulle Alpi è documentata in varie aree, pur se con informazioni non sempre attendibili. Si può supporre che la specie fosse un tempo distribuita in diversi settori sulle Alpi meridionali, favorita da situazioni climatiche e trofiche adeguate. Le aree più importanti erano probabilmente le estremità occidentali e orientali dell arco alpino che, facevano parte di areali molto più vasti che si estendevano rispettivamente verso la Francia e i Balcani. Il grifone era considerato comune e nidificante sulle Alpi Giulie e Carniche ((UD) fino all inizio del XX secolo. Successivamente, ha continuato a comparire come estivante, da maggio a settembre, in una vasta area che interessa parte dell Austria (Salisburghese e Carinzia), della Slovenia e del Friuli, con soggetti provenienti in gran parte dalla Croazia. Questi regolari spostamenti stagionali rappresentano l ultima importante testimonianza di movimenti che in passato avevano una ben maggiore portata, interessando centinaia di avvoltoi di varie specie che si disperdevano su vaste aree delle Alpi e dell Europa centrale. Obiettivi e metodi L obiettivo di contrastare il declino del grifone e di reintrodurre la specie come nidificante sulle Alpi orientali, ha portato ad un progetto di Conservazione, proposto inizialmente dal noto ornitologo Fabio Perco. Per la realizzazione del progetto è stata costruita una voliera di acclimatazione che si trova a circa 80 m dal punto di alimentazione. Al fine di creare un nucleo di grifoni è stato seguito il metodo utilizzato per la prima volta nelle Cevennes in Francia che, consiste nel liberare in natura, almeno nei primi anni, soggetti adulti. I grifoni sono stati ottenuti dalla Spagna, dal WWF Austria, OGS e dal Parco Natura Viva di Bussolengo (VR). Sono stati inoltre utilizzati grifoni nati in cattività. 3

4 Tutti i soggetti liberati sono marcati con anelli metallici e plastici colorati e con la depigmentazione di uno o più gruppi di 3-6 remiganti e/o timoniere. I primi anni venivano applicate trasmittenti per il monitoraggio telemetrico ora, sono utilizzati trasmittenti GPS GSM satellitari. Risultati e conclusioni L insediamento di un nucleo di grifoni nell area Prealpina ha incontrato in principio alcune difficoltà legate a perdite (mortalità e allontanamenti) relativamente elevate; tale andamento è stato condizionato dall utilizzo iniziale di grifoni provenienti dalla cattività e da vari fattori di mortalità, elettrocuzione e strutture, presenti nella vicina pianura. 4

5 Dopo 2-3 anni, con l insediamento dei primi grifoni, le immissioni sono risultate molto più agevoli con un rapido adattamento degli uccelli all area. La colonia ha raggiunto i 40 individui nel 1998 ed è successivamente aumentata con le nidificazioni e l arrivo di grifoni da altre zone. La colonia e il punto di alimentazione, infatti, esercitano una notevole attrazione sui grifoni estivanti o in transito sulle Alpi. La maggior parte proviene dalla Croazia ma alcuni arrivano da Francia, Grecia, Spagna e Israele. Negli anni questi soggetti hanno imparato a conoscere l area ritornando con altri grifoni e i nuovi nati. Il numero di grifoni estivanti è pertanto rapidamente aumentato fino a superare i 100 individui. Si tratta per lo più di soggetti immaturi, ma compaiono anche molti adulti e verso la fine di agosto- settembre vari giovani dell anno giungono dalla Croazia. 5

6 Prima di questo progetto i grifoni rimanevano sulle Alpi dall inizio di maggio alla fine di settembre- inizio ottobre; attualmente il periodo di permanenza si è notevolmente allungato con arrivi dal mese di marzo e presenze fino a novembre e circa soggetti che rimangono anche durante l inverno. Alcuni si sono uniti stabilmente alla colonia e nidificano. Quelli che si allontanano si dirigono in autunno verso l Europa sudorientale, il Medio Oriente e a volte l Africa del nord. La colonia creata sulle Prealpi friulane ha una consistenza pari ad almeno 100 grifoni nel periodo invernale e nel periodo estivo. L area regolarmente frequentata è di circa 2000 kmq, con notevoli ampliamenti, nel periodo primaverile- estivo, verso le Alpi slovene e austriache. I risultati del progetto si possono ritenere positivi: la creazione di colonie nidificanti in Friuli, punto di riferimento fondamentale per i grifoni estivanti o in transito sulle Alpi, ha consentito di contrastare la progressiva contrazione numerica dei grifoni che durante l estate dai Balcani raggiungono le Alpi, mettendo a disposizione ulteriori risorse trofiche e aree sicure dove sostare. Nel contempo le numerose iniziative di sensibilizzazione e divulgazione hanno consentito di ridurre i potenziali pericoli sia per questa specie sia per i rapaci in generale, creando una situazione favorevole per la loro tutela. Inoltre la colonia friulana gioca un rilevante ruolo di collegamento tra le popolazioni dell Europa orientale e occidentale, che appare in aumento con un crescente arrivo di grifoni dalla Francia. La mortalità, esclusi i primi anni, è limitata e l unico caso accertato di avvelenamento è dovuto a saturnismo. La presenza dei grifoni e il punto di alimentazione attirano anche altri rapaci, incluse specie rare quali il capovaccaio, l avvoltoio monaco e l aquila di mare. La telemetria satellitare ha fornito risultati interessanti, pur con problemi tecnici legati al funzionamento delle radio. In generale i soggetti della colonia e i grifoni croati si muovono regolarmente tra Friuli, Slovenia, Austria e Croazia. Altri 2 soggetti, recuperati in Europea centrale e liberati nell area, dopo alcuni mesi di permanenza si sono spostati verso la Francia e la Spagna. 6

7 La popolazione risulta in aumento. Si ritiene importante però importante, l attivazione di ulteriori punti di alimentazione. A questo scopo varie iniziative sono in atto in diverse aree della Regione e della vicina Slovenia. Alti Tauri AUSTRIA ITALIA SLOVENIA Sito di reintroduzione Principali aree di estivazione Recenti linee di spostamento Principali direttrici di collegamento con la Croazia 7 COLONIE IN CROAZIA Situazione del grifone sulle Alpi orientali ed in Croazia e Slovenia.

8 Liberati Coppie N. max Andamento del Progetto Grifone: numero massimo di soggetti osservati negli anni, numero di coppie e soggetti liberati Fulvio Genero Riserva naturale del Lago di Cornino- Forgaria nel Friuli (UD) 8

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO I diversi approcci utilizzati nell ambito di questa ricerca, hanno permesso di valutare l andamento generale dei movimenti migratori degli uccelli in

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Il Progetto di reintroduzione dell Avvoltoio Grifone nel Parco dei Nebrodi. Chi è il Grifone

Il Progetto di reintroduzione dell Avvoltoio Grifone nel Parco dei Nebrodi. Chi è il Grifone Il Progetto di reintroduzione dell Avvoltoio Grifone nel Parco dei Nebrodi Il progetto di reintroduzione del Grifone realizzato dall Ente Parco dei Nebrodi ha dato i suoi risultati; una colonia di circa

Dettagli

Il Grifone sulle Alpi Occidentali: monitoraggio della recente espansione Luca Giraudo*/***, Silvia Alberti**/***

Il Grifone sulle Alpi Occidentali: monitoraggio della recente espansione Luca Giraudo*/***, Silvia Alberti**/*** Il Grifone sulle Alpi Occidentali: monitoraggio della recente espansione Luca Giraudo*/***, Silvia Alberti**/*** * Rete Osservatori Alpi Occidentali - Parco Naturale Alpi Marittime, Piazza Regina Elena

Dettagli

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero 27 FRATELLO LUPO L interazione fra l uomo e gli animali selvatici La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

Dettagli

PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI STAGIONE 2015

PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI STAGIONE 2015 PROPOSTE PER I CENTRI ESTIVI STAGIONE 2015 CHI SIAMO La Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino è stata istituita con legge regionale nel 1996. Al suo interno è stato avviato con successo il progetto

Dettagli

Stupizza - Pulfero (UD) 28 Giugno, 4 Luglio 2010

Stupizza - Pulfero (UD) 28 Giugno, 4 Luglio 2010 Dipartimento di Scienze Animali dell Università degli Studi di Udine Associazione In collaborazione con il Comune di Pulfero Stupizza - Pulfero (UD) 28 Giugno, 4 Luglio 2010 Foto:. DIAN Graph 2 OBIETTIVI

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Il progetto Junior Rangers di Europarc nel Parco naturale delle Prealpi Giulie

Il progetto Junior Rangers di Europarc nel Parco naturale delle Prealpi Giulie Il progetto Junior Rangers di Europarc nel Parco naturale delle Prealpi Giulie Il PNPG è venuto a conoscenza del progetto in qualità di membro della Federazione Europarc. Grazie al rapporto di collaborazione

Dettagli

WORKSHOP IL GRIFONE IN ITALIA

WORKSHOP IL GRIFONE IN ITALIA WORKSHOP IL GRIFONE IN ITALIA Status Problematiche Prospettive A cura di Pietro Serroni, Ester Del Bove, Francesco Rotondaro Settore Conservazione Ente Parco Nazionale del Pollino 10 dicembre 2010 Castrovillari

Dettagli

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA Questa brochure nasce con un obiettivo importante: fornire agli automobilisti e ai cittadini consigli utili

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

I risultati del progetto

I risultati del progetto CENTRO CICOGNA BIANCA DI GOITO (MANTOVA) - PARCO DEL MINCIO I risultati del progetto Nel 1990 si osserva nel territorio del Parco del Mincio un tentativo di nidificazione, il primo storicamente noto, a

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI RUMINANTI - 2013 - A cura di: Giordano Omar Tecnico faunistico C.A. CN2 RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Roberto Tinarelli 29.03.2014 - I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Un Associazione

Dettagli

La presenza del Grifone Gyps fulvus in Provincia di Cuneo

La presenza del Grifone Gyps fulvus in Provincia di Cuneo La presenza del Grifone Gyps fulvus in Provincia di Cuneo A cura di Luca Giraudo Associazione Cuneobirding www.cuneobirding.it Un volo di avvoltoi, maestosi e muti, rotea alto su un pendio assolato Un

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Premio SWAROVSKI OPTIK L oasi più bella per osservare gli animali in Italia Prima edizione Organizzato da EBN Italia e Swarovski Optik Italia

Premio SWAROVSKI OPTIK L oasi più bella per osservare gli animali in Italia Prima edizione Organizzato da EBN Italia e Swarovski Optik Italia Premio SWAROVSKI OPTIK L oasi più bella per osservare gli animali in Italia Prima edizione Organizzato da EBN Italia e Swarovski Optik Italia in collaborazione con LIPU, WWF Italia e Legambiente INTRODUZIONE

Dettagli

PARCO DEI NEBRODI UN PARCO FUORICLASSE

PARCO DEI NEBRODI UN PARCO FUORICLASSE PARCO DEI NEBRODI UN PARCO FUORICLASSE È ormai cresciuto come un ragazzo di quattordici anni il Parco dei Nebrodi, la più grande delle aree protette siciliane, che sin dalla sua istituzione ha riservato

Dettagli

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA SELVATICA: UN FENOMENO DA NON SOTTOVALUTARE Il Piemonte è una delle Regioni in cui le popolazioni di fauna selvatica di grossa taglia sono tra le più

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente Decreto n 34 / V Regione Autonoma della L Assessore della Difesa dell Ambiente OGGETTO: Azione di protezione delle produzioni ittiche negli stagni dell Oristanese dalla predazione degli uccelli ittiofagi.

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos)

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) Mauro FISSORE Resp. servizio Guardiaparco Primi dati sull attività di monitoraggio nel territorio del Parco naturale del Marguareis Territorio interessato dalla ricerca:

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE 2009 2013

PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE 2009 2013 PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO CACCIA E PESCA... PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE 2009 2013 PARTE QUARTA : FAUNISTICA (Art. 25, comma 2, R.R. del 04/08/2008 n. 3 e ss.mm.ii.) Arch. Anna Aiello, Dott.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Layman s Report. Il presente documento costituisce il Layman s Report redatto nell ambito del:

Layman s Report. Il presente documento costituisce il Layman s Report redatto nell ambito del: Layman s Report Il presente documento costituisce il Layman s Report redatto nell ambito del: PROGETTO LIFE CO-OP NATURA CRITERI PER LA CREAZIONE DI UNA METAPOPOLAZIONE ALPINA DI ORSO BRUNO LIFE2003NAT/CP/IT/000003

Dettagli

Ornitologia e Fauna. Nature Point Srl P.za S.Benco 3-34122 Trieste Tel.e fax +39 040 364230 e-mail naturepoint@libero.it

Ornitologia e Fauna. Nature Point Srl P.za S.Benco 3-34122 Trieste Tel.e fax +39 040 364230 e-mail naturepoint@libero.it Ornitologia e Fauna Uccelli del Friuli Venezia Giulia di B.Dentesani 20 CO.EL Editrice. Una guida illustrata sugli Uccelli del Friuli Venezia Giulia con nozioni didattiche e aggiornate. L autore propone

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Relazione al disegno di legge: ISTITUZIONE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DELL OASI DI TEPILORA, DELLEFORESTEDI GUTTURU MANNU E DEL MONTE ARCI presentato dall Assessore della Difesa dell Ambiente dr Antonio

Dettagli

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale

NEWSLETTER. O1 maggio 2010. La gestione sostenibile delle aree protette: il Delta del Po come laboratorio di pianificazione interregionale NEWSLETTER O1 maggio 2010 in questo numero: 1. development with nature : gli obiettivi del progetto NATREG 2. verso una strategia transnazionale per la conservazione attiva delle aree protette 3. NATREG

Dettagli

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Mettiamoci in gioco! Incontro con l esperta del Biolab nella nostra scuola Com è grande l Europa! Le alte e le basse pressioni atmosferiche comportano

Dettagli

I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DI CORTINA D'AMPEZZO: ANNI

I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DI CORTINA D'AMPEZZO: ANNI Premessa I FLUSSI TURISTICI DELL' ALBERGHIERO NEL COMPRENSORIO TURISTICO DI CORTINA D'AMPEZZO: ANNI 2005-2015 In queste pagine viene presentato l'approfondimento per comprensorio turistico della precedente

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA - A cura di Omar Giordano Giorgio Ficetto Tecnici faunistici C.A. CN2 PREMESSA

Dettagli

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Alfredo Altobelli, Katja Mignozzi, Rossella Napolitano Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste XIV meeting degli utenti italiani GRASS

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA

COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA CICONIA Nr.2 luglio 2005 FOGLI DI CONSERVAZIONE DELLA CICOGNA BIANCA COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA Lo scorso anno, l Associazione Olduvai Onlus ha coordinato la raccolta di informazioni relative

Dettagli

Il Ghiacciaio Del Calderone

Il Ghiacciaio Del Calderone Il Ghiacciaio Del Calderone DOV E SITUATO Il ghiacciaio del Calderone si trova in Abruzzo, provincia di Teramo, sul versante settentrionale del Corno Grande all'interno del massiccio del Gran Sasso d'italia,

Dettagli

PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA

PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA 2 Inquadramento territoriale A24: 165 km A25: 116 km 3 Parchi Nazionali (Gran Sasso e Monti della Laga, della Majella, di Abruzzo, Lazio e Molise) 1 Parco Regionale

Dettagli

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (16-31 DICEMBRE 2015)

ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (16-31 DICEMBRE 2015) ATTIVITÀ DI ESCURSIONISMO (16-31 DICEMBRE 2015) Per informazioni e prenotazioni: http:///iscriversi.html Email: info@friultrekandtrout.com - Cellulare: 3453597254 PER POTER PARTECIPARE ALLE SINGOLE ATTIVITÀ

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

Gestione della Fauna. ATC Unico di Brescia LA GESTIONE FAUNISTO VENATORIA DELL. Suddivisione cacciatori

Gestione della Fauna. ATC Unico di Brescia LA GESTIONE FAUNISTO VENATORIA DELL. Suddivisione cacciatori ATC Unico di Brescia LA GESTIONE FAUNISTO VENATORIA DELL DELL ATC UNICO DI BRESCIA Suddivisione cacciatori Comprende 132 comuni in 11 Zone Omogenee: Totale territorio Agro Silvo Pastorale 205.419 ha Superficie

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONIO BORGO Indirizzo 154, VIA DEI FANTI, 36040, TORRI DI QUARTESOLO (VI) - ITALIA Telefono (0039) 0444

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Udine, 26 gennaio 2014 Alessandro Manzano info@apecarnica.it

Udine, 26 gennaio 2014 Alessandro Manzano info@apecarnica.it Udine, 26 gennaio 2014 Alessandro Manzano info@apecarnica.it COME E NATA LA NOSTRA ASSOCIAZIONE DA ALCUNI ANNI CI SI INCONTRAVA TRA DI NOI PER PARLARE DI API ANCHE CON AMICI DI OLTRE CONFINE E ANCHE NOI

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA SPECIE IN DIRETTIVA PICCHIO DORSOBIANCO, IN LEGGERO DECLINO NEL PNALM, CON SIGNIFICATIVA

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: Prima C Unità 1 GLI STRUMENTI DI BASE Forma e misura della terra Le carte geografiche L informatica applicata

Dettagli

PROGRAMMA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI GEOGRAFIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Sotto il segno del biancone. Giornate di studio sul biancone e sulla conservazione dei rapaci mediterranei seconda circolare

Sotto il segno del biancone. Giornate di studio sul biancone e sulla conservazione dei rapaci mediterranei seconda circolare EVENTI AL MUSEO 2015 Museo di Storia Naturale della Maremma Sotto il segno del biancone Giornate di studio sul biancone e sulla conservazione dei rapaci mediterranei seconda circolare Si terrà dal 10 al

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

CROAZIA LA REGIONE MEDITERRANEO-BALCANICA ALICE, ARIANNA E REBECCA

CROAZIA LA REGIONE MEDITERRANEO-BALCANICA ALICE, ARIANNA E REBECCA CROAZIA LA REGIONE MEDITERRANEO-BALCANICA ALICE, ARIANNA E REBECCA IL TERRITORIO Il territorio della Croazia è prevalentemente montuoso; Il clima lungo la fascia costiera è di tipo mediterraneo mentre

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

- PROGRAMMA DI LAVORO DELLA CONVENZIONE E ANALISI DEI COSTI

- PROGRAMMA DI LAVORO DELLA CONVENZIONE E ANALISI DEI COSTI - PROGRAMMA DI LAVORO DELLA CONVENZIONE E ANALISI DEI COSTI Programma triennale di lotta biologica al cinipide del castagno Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu per mezzo dell antagonista esotico Torymus sinensis

Dettagli

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia POSIZIONE E CONFINI Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare Adriatico Ovest: Lombardia Montuoso (29%), collinare (14%), pianeggiante

Dettagli

L Europa mediterranea

L Europa mediterranea L Europa mediterranea Nel bacino del mar Mediterraneo sono nate le grandi civiltà dell uomo: gli egiziano, i fenici, i greci e i romani. Si sono diffuse le grandi religioni monoteiste. Questa zona di frontiera

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Venezia Giulia 1918-1954 Storia del confine orientale. Fabio Todero qualestoria@irsml.eu

Venezia Giulia 1918-1954 Storia del confine orientale. Fabio Todero qualestoria@irsml.eu Venezia Giulia 1918-1954 Storia del confine orientale Fabio Todero qualestoria@irsml.eu REGNO D ITALIA LITORALE La Provincia austriaca del LITORALE CARNIOLA LITORALE Fiume, Corpus separatum Mare Adriatico

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA A cura di Omar Giordano Tecnico faunistico C.A. CN2 PREMESSA Nella presente relazione

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour L APPROCCIO INTEGRATO ALLA PIANIFICAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE PROTETTE: IL CASO DEL PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME Angela

Dettagli

Ottima proprietà in vendita a Umago (Istria - Croazia) a pochi chilometri dall Italia

Ottima proprietà in vendita a Umago (Istria - Croazia) a pochi chilometri dall Italia Ottima proprietà in vendita a Umago (Istria - Croazia) a pochi chilometri dall Italia Dal 1 luglio 2013 la Croazia è diventata il 28 Stato membro dell Unione europea e sono diverse le ragioni che hanno

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Repertorio Cartografico REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Geografia regionale Il Friuli Venezia Giulia è una regione autonoma a statuto speciale con circa 1,2 milioni di abitanti, formata dal Friuli (che costituisce

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ITER VITIS Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri Creazione di un circuito

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Settore Vigilanza Corpo di Polizia Locale

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Settore Vigilanza Corpo di Polizia Locale REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Settore Vigilanza Corpo di Polizia Locale ALLEGATO AL BANDO DI GARA: Affidamento del servizio di gestione del Centro unico di recupero per il soccorso della fauna

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO?

IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO? IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO? (scheda a cura di Andrea Wehrenfennig, Legambiente Friuli-Venezia Giulia, aggiornata al 15.5.27) In soli 2 anni, dal 198 al, i mezzi pesanti

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/TN ANNO 3 N.1/2014 SPECIALE LUCCIO UNA NUOVA SPECIE: IL LUCCIO ITALICO

Dettagli

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Rete Natura 2000 e valutazione ambientale transfrontaliera

Rete Natura 2000 e valutazione ambientale transfrontaliera Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna Servizio tutela ambienti naturali e fauna Rete Natura 2000 e valutazione ambientale transfrontaliera arch. pierpaolo zanchetta Natura

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

VALORIZZAZIONE TURISTICA DEGLI EVENTI GRANDE GUERRA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO

VALORIZZAZIONE TURISTICA DEGLI EVENTI GRANDE GUERRA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO VALORIZZAZIONE TURISTICA DEGLI EVENTI GRANDE GUERRA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO 24 maggio 2016 Auditorium della Cultura Friulana, Gorizia Nicola Revelant Responsabile Prodotto Grande Guerra PromoTurismoFVG

Dettagli

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT

TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO OMT 1 TURISMO = SETTORE ECONOMICO DEI SERVIZI = TERZIARIO (ORGANIZZAZIONE MONDIALE DEL TURISMO) stima nel 2010 900 miliardi di dollari da turismo internazionale 1 miliardo di arrivi internazionali 225 milioni

Dettagli

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE

REGIONI TOTALE ITALIANI TOTALE GENERALE AZIENDA AUTONOMA U.O.B. -STATISTICA E GESTIONE DEL PORTALE GENNAIO 2005 GENNAIO 2006 DIFFERENZA FEBBRAIO 2005 FEBBRAIO 2006 DIFFERENZA MARZO 2005 MARZO 2006 DIFFERENZA Esercizi 16 Esercizi 19 Esercizi

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Carlo Cacciamani Workshop Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011

Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011 Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2012-2013 L inverno 2012-2013 (trimestre dicembre 2012 febbraio 2013) è stato caratterizzato nella nostra regione sia da

Dettagli