LEGALIZZIAMO IL CARCERE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGALIZZIAMO IL CARCERE"

Transcript

1 Go Beyond the Wall! LEGALIZZIAMO IL CARCERE

2

3

4 Diamo i numeri?! detenuti posti regolari 205 istituti penitenziari in Italia condannati definitivi detenuti in attesa di giudizio stranieri donne 140% SOVRAFFOLLAMENTO Un vero record europeo

5 Numeri alternativi pene alternative 865 persone in semilibertà persone ai domiciliari affidati ai servizi sociali

6 IN CARCERE NON CI SONO SOLO AUTORI DI REATO! Corpo di Polizia Penitenziaria Garantisce l ordine, la sicurezza e la legalità all interno degli istituti penitenziari Partecipa al trattamento rieducativo dei condannati Costantemente in sottorganico! Educatori Trattamento rieducativo individuale e di gruppo Osservazione, trattamento e sostegno dei detenuti Con sempre meno fondi!

7 Direttore Organizzazione, coordinamento e controllo dello svolgimento delle attività dell istituto Decide le iniziative idonee allo svolgimento dei programmi intramurari Autorizza i colloqui e la corrispondenza telefonica dei detenuti, presiede il gruppo di osservazione e trattamento, infligge le sanzioni del richiamo e delle ammonizioni ai detenuti, è responsabile del programma di trattamento del semilibero e molto altro ancora! SI FANNO IN QUATTRO

8 < 4 m 2 a testa

9 La somma che l Italia ha dovuto versare a titolo di risarcimento a sette detenuti, a causa del sovraffollamento degli istituti penitenziari. che sono fuorilegge! Oltre altri 550 ricorsi contro l Italia sono pendenti dinanzi alla Corte Europea dei Diritti dell Uomo! NOI DI ASSOCIAZIONE LIBRA ONLUS, LEGALIZZIAMO IL CARCERE! Investendo sul lavoro, sull istruzione e sulle relazioni famigliari.

10 NOI, appassionati volontari e professionisti, ci impegniamo ogni giorno per costruire insieme a TE una comunità vera, che non giudica, non reprime, non esclude chi ha commesso errori, ma educa, forma e rafforza i legami. Operiamo dal 2010 per il miglioramento delle condizioni detentive, per la responsabilizzazione del reo e per il supporto psicologico, sociale e giuridico a favore delle vittime di reato. Ricucire la frattura provocata dal crimine è un opportunità per TUTTI: per l autore, che ne prende coscienza ed è quindi condotto ad una profonda riflessione, per la vittima, che non viene affatto dimenticata e viene riconosciuta come parte lesa e per la società, attivamente coinvolta in questa nuova partita che vogliamo giocare insieme a TE! Tu puoi fare la differenza ed aiutarci a vincere contro pregiudizi e luoghi comuni, che non risolvono i conflitti ma che anzi ne innescano altri. Abbattiamo insieme i pregiudizi!!!

11 Progetto Liberi di legare ( ) Grazie al contributo di Fondazione Comunità Mantovana Onlus, insieme a numerosi partner che hanno contribuito, e in particolare con la supervisione scientifica dell Istituto di Criminologia di Mantova, abbiamo attivato corsi di informatica, di grafica e di cartotecnica, per permettere ai detenuti di apprendere le abilità necessarie a realizzare attività lavorativa intramurarie nel laboratorio di cartotecnica della Casa Circondariale di Mantova. Dote soggetti deboli ( ) Grazie alle doti formazione finanziate integralmente dalla Regione Lombardia, abbiamo attivato percorsi di qualificazione, rivolti ai detenuti della casa Circondariale di Mantova, per Cuoco e Chef e Imbianchino. Tali percorsi hanno permesso ai detenuti coinvolti di migliorare la vivibilità di alcuni momenti e spazi comuni dedicati alle attività ricreative.

12 Progetto Lavorare per vivere (2012-oggi) Grazie al supporto finanziario di Fondazione Cariverona, insieme a numerosi partner che hanno contribuito, e in particolare con la supervisione scientifica dell Istituto di Criminologia di Mantova, abbiamo realizzato un percorso di qualificazione professionale per Manovale edile rivolto ai detenuti della Casa Circondariale di Mantova, che ora hanno acquisito abilità specifiche spendibili in un futuro reinserimento lavorativo e sociale e i risultati si vedono! Centro di Supporto alle Vittime di Reato per la provincia di Mantova (2012-oggi) Non solo carcere, la prospettiva è riparativa! Lo sportello accoglie le vittime di reato nel rispetto della privacy e della situazione di vulnerabilità della persona. Ascoltiamo il bisogno di aiuto, orientiamo e informiamo la vittima in merito ai suoi diritti e ai percorsi di aiuto presenti sul territorio. Rimaniamo costante punto di riferimento per la persona sino al superamento della condizione di vulnerabilità.

13 Riparazione Mantova, Italy, EU Progetto RiparAzioni (2013) Percorsi di Giustizia Riparativa Il progetto RiparAzioni mira a diffondere non solo la conoscenza teorica degli strumenti di restorative justice, ma anche a realizzare percorsi di responsabilizzazione che possano sfociare in concrete azioni riparatorie. L iniziativa verrà costantemente valutata e monitorata tenendo conto di indicatori oggettivi, idonei a rivelare se come auspichiamo il modello possa qualificarsi come good practice ed assumere quindi le vesti di un esperienza pilota da riproporre in ulteriori sedi. Per poter raggiungere tali obiettivi, l Associazione LIBRA ONLUS, in collaborazione con l U.E.P.E. Mantova e con l Istituto di Criminologia FDE di Mantova, ha elaborato un iniziativa che si rivolge agli operatori U.E.P.E. e a quelli provenienti dal terzo settore e dal mondo del volontariato, nonché ai soggetti in esecuzione penale esterna.

14 Abbiamo bisogno di te! Per attivare nuovi percorsi di formazione e lavoro, che possano aiutare il detenuto ad acquisire professionalità utili al futuro reinserimento sociale! Per permettere a chi si trova dietro le sbarre di migliorare le condizioni di vivibilità delle strutture! Per rinsaldare i legami familiari e genitoriali all interno delle mura del carcere! Perché siamo convinti che l istruzione, il lavoro, i contatti con la famiglia e con la società esterna siano la base per evitare la commissione di altri reati! Perché lavorare per la responsabilizzazione del reo, significa garantire alla vittima la possibilità di trovare le risposte a domande a cui difficilmente può rispondere la Legge! Perché l approccio riparativo prevede il coinvolgimento di tutti gli attori (autore, vittima e comunità) e permette agli stessi di ricreare relazioni sociali più mature e responsabili! Ricorda: un ambiente illegale non può educare alla legalità, può solo portare a nuove condanne questa volta, però, nei confronti dello Stato italiano e quindi di tutti noi!

15 Possono evitarci le condanne dell EU nel breve termine ma fra qualche anno? Lavoro, istruzione, religione, attività ricreative e sportive, contatti con il mondo esterno e con la famiglia aiutano la persona a reinserirsi con nuove competenze. Permette di ricucire la frattura provocata dal reato favorendo la comprensione, da parte del reo, del danno causato e dando una vera considerazione alla vittima coinvolgendo la comunità Noi crediamo in questo e per questo lavoriamo ogni giorno.

16 FESTIVAL DELLE SCELTE ALTERNATIVE Beyond the Wall! Incontri nelle Scuole provinciali (ogni ordine e grado) Presentazioni pubbliche nelle librerie e presso centri associativi e circoli Pubblicazione del libro dei detenuti "Vi racconto la mia storia" Start-up della campagna di sensibilizzazione LEGALIZZIAMO IL CARCERE! Eventi sociali (testimonianze, musica e dibattiti pubblici) NOVEMBRE SETTEMBRE

17 Festival delle Scelte Alternative Beyond the Wall Musica con artisti nazionali e internazionali Manifestazioni e attivismo Dibattiti e spazi riflessivi Testimonianze dirette Associazionismo e volontariato

18 Angelo Puccia (Presidente LIBRA Onlus Mantova) Rafforzamento legami di comunità Alessandra Morselli Continuità educativa Francesca Savazzi Flussi e percorsi formativi Ilaria Squinzani Design e media Elisa Corbari Tutela e supporto vittime di reato Marzia Tosi Giustizia riparativa Giuseppe Sandri Responsabilizzazione Mauro Bardi Solidarietà e giustizia Luigi Caracciolo Promozione della cultura della legalità Gianfranco Damiolini Festival manager Elena Froldi Paganini Cultura della sicurezza e territorio LIBRA ONLUS Via S. Pertini n Mantova Tel Fax Sosteniamo

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

GIUSTIZIA RIPARATIVA.

GIUSTIZIA RIPARATIVA. GIUSTIZIA RIPARATIVA. Motori di questo approccio originale alla giustizia sono forse due presupposti fondamentali quanto semplici: - l insoddisfazione verso i precedenti modelli di giustizia (retributivo/riabilitativo)

Dettagli

Non Muri ma Ponti: un Dialogo Possibile e Riparativo fra Vittime e Autori di Reato

Non Muri ma Ponti: un Dialogo Possibile e Riparativo fra Vittime e Autori di Reato Non Muri ma Ponti: un Dialogo Possibile e Riparativo fra Vittime e Autori di Reato PRISON FELLOWSHIP ITALIA Costituita il 7 dicembre 2009, si inserisce all interno della più vasta organizzazione mondiale

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

Premessa. Centro di Accoglienza Padre Nostro - onlus

Premessa. Centro di Accoglienza Padre Nostro - onlus Centro di Accoglienza Padre Nostro - onlus fondato dal Beato Giuseppe Puglisi il 16 luglio 1991 Eretto in Ente Morale con D.M. del 22.09.1999 Considerazioni e tracce di supporto alla elaborazione di un

Dettagli

Casa di Reclusione di Bollate. Un solo territorio per tutti Realizzazione del sito www.carcerebollate.it

Casa di Reclusione di Bollate. Un solo territorio per tutti Realizzazione del sito www.carcerebollate.it Categoria 3 65 Scheda del progetto Casa di Reclusione di Bollate Lucia Castellano Via Belgioioso, 120 20021 Bollate (MI) 02 3820 1617 www.carcerebollate.it Un solo territorio per tutti Realizzazione del

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA DI L.r. 8/2005 - Dgr 1004 del 29 novembre 2013 BIENNIO 2014-2015 Dati identificativi del progetto Ente titolare del progetto: Associazione Carcere Territorio Bergamo Data convenzione con ASL: 10/06/2014

Dettagli

CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI

CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI CONVENZIONE TRA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Venezia, Treviso e Belluno e ASSOCIAZIONI, ORGANISMI, ENTI L Ufficio di Esecuzione Penale Esterna ( codice fiscale 90086400273) nella persona del Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. PROTOCOLLO D INTESA Tra Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria - Provveditorato Regionale di Bari Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Puglia Atteso

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE CORSO DI LAUREA in SCIENZE della FORMAZIONE Classe L/19 Insegnamento di Criminologia Minorile CFU 8 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Sonia Specchia E-mail: sonia.specchia@unicusano.it

Dettagli

Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. CEC: Comunità Educante con i Carcerati. [Digitare il sottotitolo del documento]

Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. CEC: Comunità Educante con i Carcerati. [Digitare il sottotitolo del documento] Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CEC: Comunità Educante con i Carcerati [Digitare il sottotitolo del documento] 10/07/2012 Il sistema carcerario Le statistiche provenienti dalle realtà carcerarie

Dettagli

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Promuovere e consolidare la rete di volontari della giustizia Agire Sociale CSV Ferrara, aderisce all invito della

Dettagli

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013

Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 PIANO DI ZONA 2011-2013 2013 Quale futuro per il Welfare locale? 15 novembre 2013 Tavolo Minori e Famiglie: STORIE PER CRESCERE A cura di AS Angela Morabito ed AS Ilenia Petrucci Lab. Minori Sensibilizzazione

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

GRUNDTVIG - Partnenariato di apprendimento. Breve descrizione del programma

GRUNDTVIG - Partnenariato di apprendimento. Breve descrizione del programma GRUNDTVIG - Partnenariato di apprendimento Breve descrizione del programma Il programma settoriale Grundtvig nasce per rispondere alle esigenze didattiche e di apprendimento delle persone coinvolte in

Dettagli

MONTALI LORENZO MILANO: CHI RICERCA TROVA.

MONTALI LORENZO MILANO: CHI RICERCA TROVA. Sono professore di Psicologia sociale all Università di Milano-Bicocca e direttore di Query, la rivista del CICAP, associazione no-profit di educazione scientifica. La RICERCA per me è un metodo per comprendere

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA «LEONARDO DA VINCI»

BENVENUTI ALLA SCUOLA «LEONARDO DA VINCI» BENVENUTI ALLA SCUOLA «LEONARDO DA VINCI» IL NOSTRO LOGO Sulla facciata e sulla maglietta CONTINUA ALLA SECONDARIA LA FINALITA DELL ISTITUTO COMPRENSIVO "Una scuola in cui crescere e sviluppare le capacità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

La costituzione dei gruppi di partecipanti terrà conto della composizione delle classi che non saranno quindi suddivise.

La costituzione dei gruppi di partecipanti terrà conto della composizione delle classi che non saranno quindi suddivise. Intervento SUPPORTO NELLA RICERCA DEL LAVORO OBIETTIVI Offrire una panoramica sul mondo del lavoro e supportare gli studenti nelle attività propedeutiche alla ricerca del lavoro oltre che in costanza di

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO!

IL NOSTRO TEAM EMOZIONI IN CAMPO! IL NOSTRO TEAM SIAMO TRE GIOVANI PSICOLOGHE CON PERCORSI PERSONALI E FORMATIVI DIVERSI; CI SIAMO CONOSCIUTE DUE ANNI FA DURANTE LA NOSTRA ATTIVITÀ DI TIROCINIO POST-LAUREAM PRESSO UN ASSOCIAZIONE ONLUS

Dettagli

- Cosa è lo SVE - Informazione e riconoscimento, Youthpass - Opportunità in Italia

- Cosa è lo SVE - Informazione e riconoscimento, Youthpass - Opportunità in Italia Per un giorno e mezzo, 90 giovani rientrati dal Servizio Volontario Europeo, divisi in 3 gruppi, hanno messo a confronto le proprie esperienze di vita all estero. Ora condivideranno con voi le proprie

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Comunità Papa Giovanni XXIII associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio www.apg23.org

Comunità Papa Giovanni XXIII associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio www.apg23.org Progetto CEC Comunità Educante con i Carcerati La Comunità APGXXIII opera nel mondo carcerario sin dai primi anni 90. in Italia oggi: 290 detenuti ed ex detenuti comuni seguono un percorso educativo personalizzato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UFFICIO DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI VERCELLI E CASA CIRCONDARIALE DI IVREA E COMUNE DI BUROLO

CONVENZIONE TRA L UFFICIO DI ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI VERCELLI E CASA CIRCONDARIALE DI IVREA E COMUNE DI BUROLO CONVNZION TRA L UFFICIO DI SCUZION PNAL STRNA DI VRCLLI CASA CIRCONDARIAL DI IVRA COMUN DI BUROLO L Ufficio di esecuzione penale esterna (di seguito denominato UP) di Vercelli (Codice Fiscale 94023060026),

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO BOZZA DI PROGETTO PREMESSA L ITCG DELL ACQUA di Legnano e l ITC ENRICO TOSI di Busto Arsizio, chehanno avuto in passato ed hanno tuttora in corso esperienze di integrazione con

Dettagli

2 Convegno Nazionale

2 Convegno Nazionale Carcere e Scuola Educazione e Riparazione 2 Convegno Nazionale Prologo Quando sono entrato in carcere mi hanno detto che potevo andare a scuola e mi sembrava impossibile, ma quando mi sono seduto tra i

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

UFFICIO di GIUSTIZIA RIPARATIVA MEDIAZIONE PENALE e SOCIALE

UFFICIO di GIUSTIZIA RIPARATIVA MEDIAZIONE PENALE e SOCIALE La Provincia di Viterbo, espressione della Comunità territoriale, riconosce e promuove, nell ambito del suo programma istituzionale, l importanza della diffusione di strumenti utili alla prevenzione primaria

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014

IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO 13 NOVEMBRE 2014 DoCumentazione IL PROTOCOLLO OPERATIVO TRA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA E CONFERENZA NAZIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA SULLO STATUTO E LE MODALITÀ D AZIONE DEL VOLONTARIATO IN AMBITO

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA Relatrice dott.ssa M.Milano Vicepresidente Me.Dea Associazione di Promozione Sociale di Contrasto alla Violenza Contro la Donna ME.DEA UN TASSELLO DELLA RETE Ogni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: E01 (Settore Educazione e Promozione culturale; Area Centro di aggregazione giovani)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: E01 (Settore Educazione e Promozione culturale; Area Centro di aggregazione giovani) ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Giovani Energie Alternative Garanzia Giovani ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: E01 (Settore Educazione e Promozione culturale; Area Centro di

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo Daniela Carlini Trento 14 marzo 2016 DA DOVE PARTIAMO IN TRENTINO La costruzione

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Progetti di outplacement

Progetti di outplacement Progetti di outplacement Trasformiamo il cambiamento in solide e concrete opportunità. www.opsolution.it OP SOLUTION srl TORINO - MILANO - ROMA Sede legale: Corso Re Umberto 30-10128 TORINO (Italy) Tel.

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano

Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Area Servizi al Territorio Suzzara, 17/06/2014 Oggetto: esche avvelenate illegali presso le aree golenali di Tabellano Il Comune di Suzzara ha coordinato nei giorni scorsi le operazioni di accertamento

Dettagli

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE

COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE COSTRUIRE UNA CULTURA COMUNE PER IL LAVORO CON LE FAMIGLIE PREMESSA PERCORSO DI FORMAZIONE AUTOFORMAZIONE PER OPERATORI DEI SERVIZI TERRITORIALI E DELLA TUTELA MINORI DELL'AMBITO DICREMA La proposta di

Dettagli

Orientaonline: la scelta della professione orientata al mercato Job&Orienta Verona, 23 novembre 2012 http://orientaonline.isfol.it

Orientaonline: la scelta della professione orientata al mercato Job&Orienta Verona, 23 novembre 2012 http://orientaonline.isfol.it Orientaonline: la scelta della professione orientata al mercato Job&Orienta Verona, 23 novembre 2012 http://orientaonline.isfol.it La scelta del lavoro Ogni persona che abbia un occupazione trascorre la

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SOGGETTO PROPONENTE: PROGETTO ZATTERA BLU SOC. COOP. SOC. ONLUS Indirizzo: Via Divisione Julia 42 Cap: 36030, Comune: Calvene, Prov. Vicenza, Telefono: 0445/325393

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale;

Oltre 500 associazioni aderenti, di cui: 104 federate; 47 delegazioni di livello regionale e provinciale; Le reti oncologiche: presente e futuro Auditorium i Ministero i della Salute, Roma Il ruolo del volontariato nelle reti oncologiche Davide Petruzzelli Membro Esecutivo Nazionale F.A.V.O. Federazione Italiana

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole

Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole Un progetto educativo per giovani, famiglie e scuole INTERCULTURA nasce e si sviluppa intorno a un progetto educativo: si propone di contribuire alla crescita di studenti, famiglie e scuole attraverso

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto D Istruzione Superiore N. Miraglia Sezioni: I. P. S. S. C. T. N.Miraglia - LICEO GINNASIO N. Carlomagno e I.T.I.S. di LAURIA Via Cerse dello Speziale - 85045

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Il progetto educativo del nido d infanzia

Il progetto educativo del nido d infanzia QuickTimeª e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. Il progetto educativo del nido d infanzia a cura di Enzo Catarsi 1 Ambiente Organizzazione dell'ambiente: funzionalità e godibilità

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA sportelli orientati al segretariato sociale Presentazione a cura di Carlo Albanese 1 Obiettivi del progetto Rafforzare un servizio di segretariato sociale che mira

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. Denominazione Ente: Fondazione famiglia materna Indirizzo: via Saibanti 6 Recapito telefonico: 0464435200 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

DOPOSCUOLA PARROCCHIALE VALLENONCELLO

DOPOSCUOLA PARROCCHIALE VALLENONCELLO Carta dei servizi DOPOSCUOLA PARROCCHIALE VALLENONCELLO Elaborata secondo le linee guida della Carta dei servizi territoriali didattico/ricreativi ed educativi di supporto alla famiglia Pordenone Vallenoncello

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS CHI SIAMO

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS CHI SIAMO CHI SIAMO La nostra storia L Associazione Comunità Il Gabbiano onlus opera in Lombardia dal 1983 per la promozione e la tutela della dignità della persona, in particolare nei casi in cui sono presenti

Dettagli

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Strumenti per lavorare come psicologo nella scuola 10/24 maggio 2013

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Strumenti per lavorare come psicologo nella scuola 10/24 maggio 2013 Centro di psicologia per la Famiglia Il Nido e il Volo Consulenza psicologica infanzia adolescenza e età edulta Via dei Furi, 43 Roma (M Porta Furba) WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO

Dettagli

www.centroheta.it/eatme

www.centroheta.it/eatme DI COSA PARLIAMO? EAT ME vuole essere un mediatore culturale per favorire un cambiamento nel modo di considerare e parlare dei disturbi alimentari, aiutando a riconoscerli e favorendo una diagnosi precoce,

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

tavolo sulla fragilità economica lavorativa abitativa

tavolo sulla fragilità economica lavorativa abitativa Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale» tavolo sulla fragilità economica lavorativa abitativa Piano di Zona 2013-2015 Gemona del Friuli, mercoledì

Dettagli

L Innovazione nella Tutela Giudiziaria

L Innovazione nella Tutela Giudiziaria L Innovazione nella Tutela Giudiziaria 1 Quale soluzione fornisce ROLAND? L Assicurato trasferisce il rischio delle Spese Legali a ROLAND Cosa si intende per Spese Legali? Chart 2 Spese Proprio Avvocato

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE. Tra

ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE. Tra ACCORDO OPERATIVO PER L INSERIMENTO DI DETENUTI IN ATTIVITA LAVORATIVE Tra COMUNE DI GALATINA Via Umberto I 40-73013 (LE) - Codice Fiscale: 80008170757 rappresentato dal dr. Cosimo MONTAGNA, sindaco pro

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Luca Gasparetti ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI. Luca Gasparetti ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Luca Gasparetti Indirizzo Via Crocefisso, 6 Corte franca (BS) c.a.p. 25040 Telefono 338-3472868 Fax E-mail

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli