Esperti in tecniche di Digital Pattern

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperti in tecniche di Digital Pattern"

Transcript

1 Esperti in tecniche di Digital Pattern convegno conclusivo Napoli, 24 Settembre 2014 Centro Congressi Università degli Studi di Napoli Federico II

2 Agenda 1/4 09:00 - Indirizzi di saluto da parte dei partner industriali ed accademici di progetto Umberto De Martinis (Presidente di TEST Scarl) Antonio Moccia (Direttore del DII) Bruno Montella (Direttore del DICEA) Aldo Maggiore (Responsabile ICT Engineering Methods & Services Fiat Item, Pomigliano) Rosario Troiano (Responsabile Pomigliano Technical Center - FGA R&D) Pasquale Verdosci (ICT Technical Manager AnsaldoBreda) Antonio Ruggieri (Coordinator of Funded Projects - Ansaldo STS) Antonio Lanzotti (Responsabile Scientifico del Progetto di Ricerca per TEST Scarl) 09:30 - Presentazione del progetto di formazione Giuseppe Di Gironimo (Responsabile Scientifico del Progetto di Formazione)

3 Agenda 2/4 Obiettivo 1: Ricercatore esperto in progettazione assistita dal calcolatore e prototipazione virtuale Contesto Automotive 10:00 - Introduzione e descrizione degli stage: Carmine Di Martino (FIAT ITEM) e Davide Tagliaferri (FGA) 10:15 - Testimonianze dei formandi: Metodi, Strumenti e Fasi di un approccio Pattern-based per lo Sviluppo del Prodotto Andrea Cangiano Acquisizione di metodi e strumenti PLM based nell ambito del progetto Digital Pattern Antonia Di Mauro 10:45 - Il Progetto di Ricerca: il ruolo dell università nell Obiettivo 1 Stanislao Patalano (TEST / Unina DII) 11:00 - Coffee break

4 Agenda 3/4 Obiettivo 1: Ricercatore esperto in progettazione assistita dal calcolatore e prototipazione virtuale Contesto Ferroviario 11:30 - Introduzione e descrizione degli stage: Pasquale Verdosci (AnsaldoBreda) 11:45 - Testimonianze dei formandi: Portfolio Managment: Sviluppo di metodi e strumenti per supportare il processo di partecipazione ad una gara d appalto nel contesto delle commesse ferroviarie Alessio Balsamo, Giusy Frezza L approccio DIGITAL PATTERN applicato alla progettazione di motori elettrici per veicoli ferroviari. Gennaro Calvano DIGITAL PATTERN DI PROCESSO: Progettazione e simulazione di attrezzature per l industrializzazione di componenti ferroviari e ottimizzazione ergonomica mediante tecnologie di digital human modeling Ciro Angelo Saviano 13:00 - Colazione di lavoro

5 16:00 - Chiusura dei lavori Agenda 4/4 Obiettivo 2: Ricercatore esperto in modelli di simulazione dell esercizio ferroviario 14:00 - Introduzione, descrizione degli stage e contestualizzazione nell ambito delle attività di Ansaldo STS: Barbara Brunetti (Ansaldo STS) 14:15 - Testimonianze dei formandi: Sviluppo di tecniche di simulazione per l analisi di soluzioni progettuali nell ambito del segnalamento ferroviario. Armando Carbone Strumenti e tecniche a supporto dei processi di ideazione e realizzazione delle soluzioni progettuali per il segnalamento ferroviario. Claudia Di Salvo Il paradigma Digital Pattern applicato alla progettazione dei servizi e dei sistemi ferroviari Gianpaolo Forgione Simulazione e testing di un sistema metropolitano Francesca Nugnes 15:15 - Il Progetto di Ricerca: il ruolo dell università nell Obiettivo 2 Luca D Acierno (TEST / Unina DICEA)

6 Esperti in tecniche di Digital Pattern Presentazione del progetto di formazione Giuseppe Di Gironimo Napoli, 24 Settembre 2014

7 Titolo: Esperti in tecniche di Digital Pattern Obiettivi: Ob1: formazione di 12 ricercatori esperti in Progettazione assistita dal calcolatore e prototipazione virtuale Ob2: formazione di 4 ricercatori esperti in Modelli di simulazione dell esercizio ferroviario Durata: marzo 2013 luglio 2014

8 GANTT Mesi mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ma ma mb mc ore giornate ma1* ma2* MB MC Aula 16 allievi 2 Aule 12 e 4allievi Aziende Aula 16 allievi

9 Per ciascun obiettivo il progetto formativo è stato articolato in tre moduli: Modulo A: Approfondimento conoscenze specialistiche A.1) Parte generale comune ai due obiettivi formativi (400 ore/allievo) A.2) Approfondimenti tematici differenziati per i due percorsi formativi (500 ore/allievo) Modulo B: Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale (1100 ore/allievo) Modulo C: Programmazione, gestione strategica, valutazione e organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. Comune ad entrambi gli obiettivi formativi (100 ore/allievo) Ore complessive di formazione: Mod. A: 900 ore (42,86 %); Mod. B: 1100 ore (52,38%); Mod. C: 100 ore (4,76% )

10 Obiettivo 1 Progettazione assistita dal calcolatore e prototipazione virtuale Formazione di una figura professionale in grado di gestire, in maniera integrata, attività di tipo progettuale, organizzativo e gestionale, con competenze specialistiche nell ambito della modellazione geometrica (CAD 3D), della progettazione assistita dal calcolatore (FEM), della prototipazione virtuale (RV), della gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) e dei dati di prodotto (PDM) e della gestione dei protocolli di riferimento per lo scambio di informazioni tra ambienti CAD e software di simulazione.

11 Obiettivo 2 Modelli di simulazione dell esercizio ferroviario Formazione di una figura professionale in grado di gestire, in maniera integrata, attività di tipo progettuale, organizzativo e gestionale, con competenze specialistiche nell ambito dei modelli di simulazione dell esercizio ferroviario sia per gli aspetti di segnalamento e controllo sia per quelli relativi agli impianti tecnologici secondo la tecnica del Virtual Engineering.

12 ATTIVITA PREPARATORIE Sito web Seminario informativo - 17 dicembre 2012

13 PROCEDURE SELEZIONE ALLIEVI 178 Candidati (grande successo del seminario di dicembre) Selezioni tra il 16 ed il 29 gennaio 2013 (partecipazione esterna alla commissione di Brunetti, Di Martino, Verdosci grazie!!!) Supporto organizzativo di TEST e Technapoli Selezione di 12 allievi + 1 uditore (OB.1) e di 4 allievi + 1 uditore (OB.2)

14 La squadra dei formandi ANDREA CANGIANO ANTONIA DI MAURO PIERFRANCESCO ESPOSITO LUCA ROBERTO POSTIGLIONE FABRIZIO MARCO VASSALLO FABRIZIO CARPENTIERO ALESSIO BALSAMO GIUSY FREZZA GENNARO CALVANO CIRO ANGELO SAVIANO PASQUALE SIANI WALTER TIZZANO ARMANDO CARBONE CLAUDIA DI SALVO GIANPAOLO FORGIONE FRANCESCA NUGNES

15 11 marzo 2013 Seminario di apertura Indirizzo di saluti Antonio Lanzotti, Vincenzo Torrieri, Stanislao Patalano, Luca D Acierno Gli allievi si presentano Benvenuto agli allievi da parte delle aziende partner del progetto C. Di Martino, A. Ruggieri, P. Verdosci, A. Bifulco, P. Mazzocca Presentazione dei moduli didattici comuni ai due obiettivi formativi Presentazione del calendario delle lezioni Giuseppe Di Gironimo Benvenuto agli allievi da parte dei docenti dei moduli didattici comuni Pausa Introduzione ai metodi di progettazione e sviluppo prodotto Francesco Caputo

16 11 marzo 2013 Seminario di apertura Gli allievi si presentano

17 Moduli didattici comuni ai due obiettivi formativi 11 marzo 19 giugno 2013

18 MA 1: Metodi di sviluppo prodotto Metodologie rivolte all innovazione dei prodotti industriali ed alla progettazione del ciclo di vita di un prodotto dalla progettazione concettuale alla dismissione.

19 MA 1: Metodi di sviluppo prodotto MA 1.1: Metodi di innovazione di prodotto industriale 30 ore Prof. Antonio Lanzotti Università di Napoli Federico II Progettazione del ciclo di vita di un prodotto dalla progettazione concettuale alla dismissione. Principi di eco design e progettazione sostenibile. Progettazione sistematica di Pahl e Beitz. User centred design, progettazione partecipativa e valutazione di ergonomia ed usabilità. Individuazione dei bisogni dei clienti. Individuazione dei bisogni dei clienti con tecniche visuali. Classificazione secondo Kano delle caratteristiche di qualità del prodotto. L ingegneria emozionale ed il Kansei Engineering. Gli aspetti psico-cognitivi del design. Il Design Function Deployment: dalle esigenze degli utenti ai requisiti funzionali. La metodologia TRIZ o TIPS (Theory of inventive problem solving) per progettare l innovazione di prodotto. I parametri di progettazione ed i principi di progettazione per la risoluzione di conflitti. Classificazione dei brevetti e livello di innovatività delle soluzioni tecniche. Brainstorming e Metodo Tecniche di sviluppo della creatività. Tecniche di fattorizzazione e combinazione. Tecniche di valutazione dei concetti: progettazione per la Qualità. Progettazione robusta di prodotti industriali: ottimizzazione di parametri e tolleranze. Scelta del concetto ottimale.

20 MA 1: Metodi di sviluppo prodotto MA 1.2: Tecniche di progettazione ottimizzata 18 ore Prof. Antonio Mancuso Università di Palermo Metodi di ottimizzazione delle forme. Tecniche di ottimizzazione topologica. Progettazione metodica e concurrent engineering. Algoritmi genetici, logica fuzzy, modelli analitici.

21 MA 1: Metodi di sviluppo prodotto MA 1.3: Concept Design del Prodotto Industriale 52 ore Prof. Arch.Francesco Fittipaldi Università di Bari, SUN. Il Concept Design panoramica storica nazionale ed internazionale dagli anni 50 ad oggi Il Concept Design Metodologia progettuale Il Concept Design Casi studio Analisi del progetto Studio del Target prodotto Pianificazione delle azioni da effettuare per definire il prodotto Individuazione dei trend di riferimento e confronto con gli scenari Analisi del brief per focalizzare gli input ricevuti verso la progettazione Preparazione bozzetti di stile Preparazione maquettes preparatorie Elaborazione dell idea nella trasposizione grafica di un concept Realizzazione dei primi figurini e disegni preparatori Preparazione bozzetti di studio dimensionali secondo le tre viste principali Preparazione maquettes definitive

22 MA 2: Modellazione geometrica Metodi di base per impostare e sviluppare i modelli 3D di assiemi meccanici, utilizzando tecniche di modellazione solida e per superfici, valutando la forma geometrica, la funzione dei componenti e la destinazione d uso dei modelli 3D. Studiare lo scambio-dati tra i sistemi CAD e gli ambienti di simulazione.

23 MA 2: Modellazione geometrica Docente Renno Renno Argomento Introduzione al corso: Richiami di Disegno Tecnico Industriale: proiezioni ortogonali, sezioni, quotatura, collegamenti filettati, collegamenti alberomozzo, disegno ed analisi di complessivi meccanici. Modellazione CAD base: Sistemi di drafting (2D); Modellazione solida 3D (wireframe, BREP, CSG, feature based) Software da impiegare ore autocad 18 solid edge 24 Patalano Modellazione CAD avanzata: Modellazione top-down e bottom-up Modellazione di curve e superfici a forma libera Trasformazioni geometriche e modellazione degli assemblaggi Impiego di software di calcolo numerico per la modellazione degli assemblaggi solid works 30 Martorelli Martorelli Prototipazione rapida: Fasi della prototipazione rapida; Tecniche di prototipazione rapida: stereolitografia, Fused Deposition Modeling, Sinterizzazione; Campi di impiego della prototipazione rapida Reverse engineering: fasi principali, sistemi di acquisizione a contatto e non a contatto, principio di triangolazione, campi di applicazione 12 geomagic 16

24 MA 2: Modellazione geometrica MA 2.1: Richiami di Disegno Tecnico Industriale 18 ore Prof. Fabrizio Renno Università di Napoli Federico II Proiezioni ortogonali, sezioni, quotatura, collegamenti filettati, collegamenti alberomozzo, disegno ed analisi di complessivi meccanici.

25 MA 2: Modellazione geometrica MA 2.2: Modellazione CAD base 24 ore Prof. Fabrizio Renno Università di Napoli Federico II Sistemi di drafting (2D); Modellazione solida 3D (wireframe, BREP, CSG, feature based).

26 MA 2: Modellazione geometrica MA 2.3: Modellazione CAD avanzata 30 ore Prof. Stanislao Patalano Università di Napoli Federico II Modellazione top-down e bottom-up Modellazione di curve e superfici a forma libera Trasformazioni geometriche e modellazione degli assemblaggi Impiego di software di calcolo numerico per la modellazione degli assemblaggi

27 MA 2: Modellazione geometrica MA 2.4: Prototipazione rapida 12 ore Prof. Massimo Martorelli Università di Napoli Federico II Fasi della prototipazione rapida; Tecniche di prototipazione rapida: stereolitografia, Fused Deposition Modeling, Sinterizzazione; Campi di impiego della prototipazione rapida

28 MA 2: Modellazione geometrica MA 2.5: Reverse Engineering 16 ore Prof. Massimo Martorelli Università di Napoli Federico II Fasi principali, sistemi di acquisizione a contatto e non a contatto, principio di triangolazione, campi di applicazione Oggetto reale Acquisizione nuvola di punti Creazione prima mesh

29 MA 3: Product Lifecycle Management Metodi di base per l utilizzo di sistemi di gestione dei dati del prodotto (Product Data Managent PDM) e sistemi di gestione del ciclo di vita del prodotto (Product Lifecycle Managment PLM). Integrazione dei sistemi PLM con le applicazioni gestionali e con i software di progettazione.

30 MA 3: Product Lifecycle Management MA 3.1: Il Product Data Management (PDM) - 22 ore Ing. Stefano Piccirillo PM Technology Consulting Contributo dell Ing. Pasquale Verdosci AnsaldoBreda (grazie!!!!) Storia ed evoluzione dei sistemi PDM Definizioni e scopi del PDM Funzionalità del PDM Architettura dei sistemi PDM Obiettivi e vantaggi dei sistemi PDM Il PDM Pro/INTRALINK di PTC Esempi pratici di integrazione CAD/PDM

31 MA 3: Product Lifecycle Management MA 3.2: Il Product Lifecycle Management (PLM) - 12 ore Ing. Stefano Piccirillo PM Technology Consulting Storia ed evoluzione dei sistemi PLM Definizione e funzionalità dei sistemi PLM Architettura e moduli dei sistemi PLM Integrazione dei sistemi PLM con le applicazioni aziendali Requisiti e vantaggi derivanti dall uso dei sistemi PLM

32 MA 3: Product Lifecycle Management MA 3.3: Panoramica su alcuni sistemi PLM - 24 ore Ing. Stefano Piccirillo PM Technology Consulting Windchil PDMLink di PTC ENOVIA di Dassault Systèmes Collaboration Desktop di Parallaksis Esempi pratici di integrazione CAD / PLM nel settore ferroviario; gestione dei dati di prodotto; personalizzazioni.

33 MA 3: Product Lifecycle Management MA 3.4: Panoramica su alcuni sistemi PLM - 42 ore Prof. Ing. Vittorio Romagnoli e Joel Sauza Politecnico di Torino La visione strategica del PLM e l esperienza del settore automotive La struttura e le funzioni dei sistemi PLM: come sono fatti, come funzionano e a cosa servono Un esempio di sistema PLM

34 MA 4: Gestione della qualità e della sicurezza Metodi di base per la gestione della qualità e della sicurezza di sistemi meccanici complessi nei settori automobilistico e ferroviario. Normativa sulla qualità e sulla sicurezza nei settori specifici; Manuali qualità e sicurezza; Procedure della qualità e della sicurezza.

35 MA 4: Gestione della qualità e della sicurezza MA 4.1: Controllo Statistico della Qualità - 60 ore Prof. Amalia Vanacore Università di Napoli Federico II Ing. Antonio Lepore Università di Napoli Federico II Elementi di total quality management. Significato e principi fondamentali della qualità totale. Strumenti statistici di base. Elementi di inferenza statistica. Controllo statistico di processo. Carte di controllo per variabili. Carte di controllo per attributi. Numero di campioni e frequenza di prelievo. Dimensione dei campioni ed efficacia del controllo. Limiti di sorveglianza e carte di controllo: CUSUM, a media mobile, EWMA. Applicazioni. Analisi di capacità di processo. Specifiche e capacità di un processo. Indici di capacità di processo. Applicazioni. Analisi sequenziale di processo o di un lotto. Cenni di Affidabilità: Funzione affidabilità e sue proprietà. Modelli di affidabilità. Affidabilità di sistemi non riparabili. Progettazione degli esperimenti e analisi della varianza.

36 MA 4: Gestione della qualità e della sicurezza MA 4.2: Interpretazione e applicazione della norma UNI EN ISO 9001:2008 e conduzione delle verifiche ispettive interne - 40 ore Prof. Valerio Teta Università di Napoli Federico II AICQ Meridionale I principi generali e l evoluzione della Qualità; Normazione e certificazione L approccio per processi; Responsabilità della direzione: Attenzione focalizzazione al cliente Requisiti generali del Sistema di Gestione per la Qualità - Politica, Obiettivi e Pianificazione Riesame della direzione - La gestione delle risorse: Risorse umane; Infrastrutture Redazione questionari - La realizzazione del prodotto: Pianificazione; Progettazione e sviluppo Approvvigionamento; Attività di produzione e erogazione di servizi Gestione dei dispositivi di monitoraggio e misurazione - Misurazione, analisi e miglioramento: Soddisfazione del cliente; Verifiche Ispettive Interne; Monitoraggio dei processi Monitoraggio dei prodotti - Prodotti non conformi; Analisi dei dati; Miglioramento continuo; Azioni correttive Azioni preventive; Test di apprendimento; Discussione del test; Redazione questionari CONDUZIONE DELLE VERIFICHE ISPETTIVE INTERNE PER LA QUALITÀ SECONDO LE NORME ISO 9001:2008 ED ISO 19011:2012.

37 Moduli didattici Specialistici (aule separate per OB.1 e OB.2) 20 giugno 14 novembre 2013

38 OB 1

39 MA 5: Software di modellazione specifici Applicare i metodi e le tecniche della modellazione geometrica per la progettazione di prodotto mediante l impiego dei software CAD di più comune impiego nei settori automobilistico e ferroviario

40 MA 5: Software di modellazione specifici MA 5.1: PTC CREO 2-40 ore Ing. Stefano Piccirillo PMTC MA 5.2: SIEMENS NX - 30 ore Ing. Marco Brino Politecnico di Torino MA 5.3: DASSAULT SYSTEMES CATIA V5 R20-30 ore Ing. Rocco Mozzillo IDEAinVR Lab Università di Napoli Federico II

41 MA 6: Progettazione assistita dal calcolatore Principi generali del Metodo degli Elementi Finiti (FEM) in campo strutturale; uso critico del FEM per la rappresentazione del comportamento di strutture e componenti meccanici in campo lineare e non lineare e per la corretta gestione dei parametri di progetto

42 MA 6: Progettazione assistita dal calcolatore MA 6.1: Fondamenti di scienza delle costruzioni, il metodo degli elementi finiti Prof. Massimiliano Fraldi Università di Napoli Federico II MA 6.2: Le tecniche di simulazione agli elementi finiti mediante i software Patran e Nastran della MSC Ing. Michelangelo Giuliani REDAM MA 6.3: Strumenti di pre e post processing e tecniche di modellazione Ing. Pasquale Penta Hyper Tech S.a.s.

43 MA 7: Prototipazione virtuale Impiegare le tecnologie di prototipazione virtuale, di Virtual Reality e di Human modeling per l analisi e la validazione di prodotti industriali. Laboratori di realtà virtuale immersiva.

44 MA 7: Prototipazione virtuale MA 7.1: La realtà virtuale nella progettazione industriale (Seminario) Prof. Francesco Caputo Università di Napoli Federico II MA 7.2: Dal modello CAD al prototipo virtuale; programmazione di ambienti virtuali; realizzazione di ambienti virtuali in laboratorio Ing. Andrea Tarallo IDEAinVR Lab Univ. di Napoli Federico II

45 MA 7: Prototipazione virtuale MA 7.3: Mixed and Augmented Reality Ing. Raffaele De Amicis Graphitech Foundation MA 7.4: Analisi multifisiche sul prototipo virtuale Ing. Pasquale Franciosa University of Warwick (Pa) (m/s)

46 MA 8: Progettazione funzionale di prodotto Comprendere modelli ed individuare regole per l analisi funzionale di prodotti complessi. Tradurre analiticamente i requisiti funzionali ed i parametri di progetto ed individuare le regole di progettazione che li legano.

47 MA 8: Progettazione funzionale di prodotto MA 8.1: Design Methods, techniques and instrumentations for Measuring Human Performance Prof. Stephan Odenwald Chemnitz University of Technology MA 8.2: Software tools for system architecture definition in case of multi-physic and geometric constraints. Mechatronics and Complex System Design Prof. Jean-Yves Choley Institut Supérieur de Mécanique de Paris SUPMECA

48 MA 8: Progettazione funzionale di prodotto MA 8.3: Tecniche di interazione uomo-macchina e tecniche di ergonomia cognitiva. Prof. Roberto Montanari Centro Interdipartimentale di Progettazione e di Ricerca Scienza Nuova Università Suor Orsola Benincasa MA 8.4: Analisi funzionale di prodotto Prof. Paolo Di Stefano Università dell Aquila MA 8.5: Human Modeling Ingg. Andrea Tarallo e Rocco Mozzillo IDEAinVR Lab Università di Napoli Federico II

49 MA 9: Progettazione degli assemblaggi Assegnare i riferimenti e le tolleranze ai componenti di sistemi meccanici per assicurare il soddisfacimento dei requisiti funzionali di progetto. Simulare le sequenze di assemblaggio e valutare l accumulo delle variazioni a livello di assieme, con riferimento a parti rigide e deformabili, mediante sistemi di Computer Aided Tolerancing

50 MA 9: Progettazione degli assemblaggi MA 9.1: Progettazione delle tolleranze ed impiego di sistemi CAT. Prof. Salvatore Gerbino Università del Molise MA 9.2: Analisi di assiemi meccanici complessi. Ing. Pasquale Franciosa University of Warwick MA 9.3: Manufacturing Systems Engineering: static and dynamic factory modelling; Knowledge management and semantics analysis Professor Darek Ceglarek University of Warwick

51 OB 2

52 MA 5: Tecnologie dei sistemi di trasporto ferroviario e Trasporto merci e logistica (42 ore) Ing. Vitillo Roberta Università di Napoli Federico II Analisi delle componenti materiali (infrastrutture, impianti, veicoli) e delle componenti immateriali (servizi, tariffe, regolamenti) dell offerta di trasporto ferroviaria o assimilata. Analisi delle nuove tecnologie applicate ai sistemi di trasporto individuale e collettivo. Introduzione al trasporto delle merci. Cenni introduttivi sulla logistica industriale e distributiva

53 MA 6: Metodi e modelli per la progettazione degli orari ferroviari (42 ore) Proff. Luca D Acierno e Francesca Russo Università di Napoli Federico II- DICEA Elementi di geografia politica. Analisi della domanda. Analisi della potenzialità della Infrastruttura: linee sature e non sature. Analisi della potenzialità del parco rotabile. Orario cadenzato e su domanda: pregi e difetti. Nodi, interscambi e coincidenze.

54 MA 7: Modelli di simulazione dell'esercizio ferroviario (84 ore) Prof. Luca D Acierno Università di Napoli Federico II - DICEA Prof. Gianluca Dell'Acqua Università di Napoli Federico II - DICEA Modelli di simulazione dell'esercizio ferroviario. Utilizzo dei pacchetti software dedicati: Open Track

55 MA 8: Sistemi di trazione e dinamica dei veicoli (48 ore) Ing. Francesco Murolo - SEPSA Coppia cinematica ruota-rotaia e dinamica delle resistenze. Trazione elettrica con veicoli a potenza concentrata e distribuita. Unità di trazione a casse singole o articolate. Ultima generazione dei locomotori. Automotori. Elettrotreni. Elettromotrici. Carrozze pilota e rimorchiate. Sistemi di trazione a lunga percorrenza, regionali, suburbani, urbani. Sistemi multimodali. Sistemi di trazione con linea di contatto in cc e ca. Sistemi politensione per interoperabilità. Mass-transit. Sistemi di trazione con motori lineari.

56 MA 9: Segnalamento ferroviario (48 ore) Ing. Gregorio Corapi Università di Napoli Federico II - DICEA Elementi di tecnica ferroviaria: Introduzione al segnalamento, all esercizio ferroviario e ai sistemi/impianti/dispositivi che ne realizzano le funzioni. Sistema di distanziamento tipo Blocco Automatico a Correnti Codificate (BACC) a 4 e 9 codici e sul sistema/impianto di segnalamento di stazione tipo Apparato Centrale Elettrico a pulsanti di Itinerario (ACEI). I sistemi di segnalamento e di controllo della circolazione con le tecnologie attuali.

57 MA 10: Propulsione elettromeccanica (42 ore) Ing. Francesco Murolo - SEPSA Cicli operativi e diagrammi di marcia. Specifiche degli azionamenti per trazione. Specificità dei motori e dei convertitori destinati alla trazione elettrica su ferro e su gomma. Propulsione di sistemi di trasporto su rotaia: tram, treni metropolitani e a lunga percorrenza MA 11: Progettazione linee di contatto e Sottostazioni di trasformazione e conversione (42 ore) Ing. Sebastiano D Avanzo Gueda Impianti - Ente Autonomo Volturno Linee di contatto. Sistemi di sospensione per linee di contatto ferroviarie e metropolitane. Circuiti di ritorno. Calcolo elettrico delle linee di contatto per trazione a corrente continua. Calcolo elettrico delle linee di contatto per trazione a corrente alternata. Protezioni delle linee di contatto contro le sovracorrenti e le sovratensioni.

58 MA 12: Impianti tecnologici a servizio dell'esercizio ferroviario (42 ore) Ing. Francesco Murolo - SEPSA Impianti elettrici a bordo di treni. Sevizi ausiliari. Sistemi di alimentazione dei servizi ausiliari. Schemi tipici. Convertitori statici per servizi ausiliari. Sistemi per la diagnostica a bordo dei rotabili. Analisi del carico di trazione. Diagrammi di carico. Energy management. Analisi delle prestazione energetiche. Tensione ottimale di alimentazione. Progettazione di impianti di rifasamento. Riequilibratura carichi. Recupero in frenatura. Sistemi di accumulo Analisi comparativa delle alternative di progetto in termini di efficienza energetica

59 MA 13: Normativa sul Trasporto Pubblico locale (42 ore) Ing. Antonio Placido - Università di Napoli Federico II - DICEA Quadro normativo del trasporto pubblico locale; dlgs 422/97 che prevede le modalità di affidamento del servizio (dlgs 422/97 e sue modifiche); normativa recente in materia, descritta dal reg. europeo 1370/07 e dalla legge 99/09. MA 14: Programmazione e gestione della manutenzione (26 ore) Ing. Sergio Henke - SEPSA Generalità manutenzione: preventiva, correttiva, predittiva, on condition. Definizione piani di manutenzione coerenti con i profili di missione dei veicoli. Cicli di manutenzione, definizione ricambi, flusso logistico dei materiali.

60 MA 15: Gestione delle commesse di produzione delle risorse umane e negoziazione (42 ore) Ing. Francesco Murolo - SEPSA Analisi e controllo dei processi produttivi e di esercizio; gestione delle risorse umane e turnazione ottima del personale; negoziazione dei costi di produzione e di esercizio

61 MODULO B STAGE IN AZIENDA 15 novembre luglio 2014

62 Avvio degli stage 15 Novembre 2013 Firme dei contratti Visita in Ansaldo

63 Obiettivo 1 FIAT GROUP AUTOMOBILES (3 allievi) FIAT ITEM (3 allievi) L approccio digital pattern per il Processo di Sviluppo Prodotto. Capitalizzare il know how aziendale attraverso tecniche e strumenti basati sul PLM- (Product Lifecycle Management) per la progettazione del prodotto e la verifica dei processi produttivi. AnsaldoBreda (6 allievi) Portfolio Managment: Sviluppo di metodi e strumenti per supportare il processo di partecipazione ad una gara d appalto nel contesto delle commesse ferroviarie; Approccio Digital Pattern per la progettazione del motore elettrico e del convertitore ausiliario di veicoli ferroviari; Approccio Digital Pattern applicato alla progettazione di attrezzature per l industrializzazione carrelli e per l allestimento di veicoli ferroviari.

64 Obiettivo 2 Ansaldo STS (4 allievi) Sviluppo di tecniche di simulazione per l analisi di soluzioni progettuali nell ambito del segnalamento ferroviario. Metodologie per la classificazione e tecniche di simulazione per soluzioni progettuali nell ambito del segnalamento ferroviario. Simulazione e testing di un sistema metropolitano.

65 MODULO C MC1: Project Management. MC2 Fonti di finanziamento regionali nazionali e comunitarie per la ricerca industriale, lo sviluppo sperimentale, l innovazione ed il trasferimento tecnologico. MC3 Tutela della proprietà industriale: i brevetti. MC4 Trasferimento di tecnologie.

66 MC1: Project Management (48 ore) Ing. Valerio Teta Trasferire le conoscenze di base sulla gestione dei progetti Richiamare le conoscenze di base dell innovazione tecnologica. Condividere la terminologia, L avvio di un progetto. Obiettivi d innovazione e fattibilità. Costruire un ipotesi di soluzione tecnica per le esigenze del cliente Integrare l offerta tecnica. Progettazione e pianificazione di massima Illustrare i caratteri generali della pianificazione esecutiva Pianificare ambito, tempi e costi Avviare e portare a regime un cantiere di progetto Rispondere alle aspettative delle parti interessate Controllare il progetto (generalità, ambito, costi) Controllare tempi, qualità, rischi, configurazione e modifiche. Concludere ordinatamente il progetto.

67 MC1: Project Management (48 ore) Ing. Valerio Teta Il corso è stato anche finalizzato al superamento della prova d esame relativa alla Certificazione Base di Project Management rilasciata dall Istituto Italiano di Project Management (www.isipm.org).

68 MC2: Fonti di finanziamento regionali nazionali e comunitarie per la ricerca industriale, lo sviluppo sperimentale, l innovazione ed il trasferimento tecnologico (16 ore) Ing. Giovanni Esposito Programmi a gestione diretta Le principali opportunità di finanziamento. Il programma Horizon 2020, Il nuovo programma COSME Le attività implementate dall Istituto europeo di innovazione e tecnologia, e dalle Kwowledge and Innovation Communities (KICs). Finanziamenti a valere sui fondi a gestione indiretta Introduzione al POR FSE e al POR FESR; Il Piano "Ricerca & Sviluppo e Innovazione"della Regione Campania; Focus sul Bando Sportello dell'innovazione, con particolare attenzione alla misura Progetti di trasferimento tecnologico cooperativi e di prima industrializzazione per le imprese innovative ad alto potenziale.

69 MC3: Tutela della proprietà industriale: i brevetti Ing. Fabrizio D Ambrosio Strumenti di tutela della proprietà intellettuale. Requisiti per la tutela e le procedure per l ottenimento di: Brevetti Marchi - Modelli di utilità - Design. Tutela del software.

70 MC4 Trasferimento di tecnologie: l introduzione dell innovazione nelle imprese (20 ore) Ing. Giovanni Esposito Innovazione Aperta e Organizzazione dell Innovation Management Technology scouting; Business modelling e planning; Pianificazione e gestione dell innovazione; Reengineering del processo di sviluppo del nuovo prodotto; Tecniche e strumenti di concurrent Engineering e Target Costing. La gestione dei dati tecnici di prodotto PDM Product Data management, PLM Product Lyfe Cycle Management Project Management e gestione del rischio. Innovazione: la domanda ed i bisogni delle imprese I tipi di impresa (es. Innovative, aspiranti, inerti). Le modalità con cui le PMI fanno innovazione e loro capacità di gestione dell innovazione. Il valore attribuito ai servizi di trasferimento tecnologico (Benefici, Costo totale del servizio accesso, interazione, costo strictu sensu, rischi)

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA pag. 1 La Societa CAE Technologies Srl e stata fondata nel marzo 2013. Il nome breve della CAE Technologies Srl e CAETECH.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS

Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Progetti ARTEMIS-JU CAMMI & D3CoS Cognitive Adaptive Man Machine Interface for Cooperative Systems 19 Settembre 2012 ENAV ACADEMY Forlì (IT) Magda Balerna 1 ARTEMIS JU Sub Project 8: HUMAN Centred Design

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli