TRASPORTO INTERMODALE MERCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRASPORTO INTERMODALE MERCI"

Transcript

1 TRASPORTO INTERMODALE MERCI

2 Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte ed autonome dei diversi vettori interessati, ma come un unica prestazione, dal punto di origine a quello di destinazione, in una visione globale del processo di trasferimento delle merci e, quindi, in un ottica di catena logistica integrata(ottimo e Vona, 2001) Due logiche alla base dell intermodalità Politica Economica

3 Cos èl intermodalità Differenza fra trasporto multimodale trasporto intermodale trasporto combinato

4 Cos èl intermodalità Trasporto multimodale Trasferimento di una merce che utilizza almeno due modi di trasporto differenti.

5 Cos èl intermodalità Trasporto intermodale Trasferimento di una merce che utilizza piùdi modi di trasporto ma con uno stesso contenitore, senza rottura di carico. Le unità di carico possono essere diverse: -Semirimorchi, container, casse mobili, veicoli completi

6 Elementi caratterizzanti il trasporto intermodale L utilizzo di una o più modalità di trasporto; Il caricamento della merce in unitàstandardizzate o su veicoli stradali; Il trasferimento delle unità di carico da una modalità all altra; L assenza di trattamento della merce stessa ( no freight handling ) nel cambio di modalità.

7 Elementi caratterizzanti il trasporto intermodale Il trasporto intermodale è strutturato - in una tratta principale (ad. es ferroviaria o marittima o aereo) - in tratte secondarie (che generalmente utilizzano la modalitàstradale) Le tratte secondarie si definiscono feeder ovvero alimentatrici

8 Cos èl intermodalità Trasporto combinato Trasporto intermodale a due modalità le cui percorrenze si effettuano principalmente per ferrovia mare (o vie navigabili interne) aereo mentre i percorsi terminali o iniziali, i più corti possibili, sono realizzati su strada. - Combinato accompagnato - Combinato non accompagnato

9 Cos èl intermodalità Trasporto combinato Trasporto strada - ferrovia ( ferroutage) Trasporto ferrovia mare ( ferroulage) - Combinato accompagnato - Combinato non accompagnato

10

11 Cos èl intermodalità Sistema combinato strada ferrovia Autostrada viaggiante (Ro-la"RollendeAutobahn ) Trasporto di veicoli stradali completi mediante speciali carri ferroviari a pianale ribassato.

12 Cos èl intermodalità Sistema combinato strada ferrovia (Ro-La) Autostrada viaggiante (Ro-La Rollande Landstrasse o Ro-Mo Rolling Motorway) Trasporto di veicoli stradali completi mediante speciali carri ferroviari a pianale ribassato.

13 Cos èl intermodalità Sistema combinato strada ferrovia (Ro-La) Gli autisti viaggiano comodamente nel vagone passeggeri agganciato al treno (posti a sedere o cuccette).

14 Cos èl intermodalità

15 I vantaggi della Ro-la: Intermodalità riduzione dei consumi di carburante risparmio sui pedaggi nessuna perdita di tempoa causa di code e ingorghi stradali risparmio sui chilometri operativi possibilitàdi rispettare i periodi di riposo previsti dalla legge per gli autisti dei camion nessuna limitazione, come il divieto di circolazione notturno o nei fine settimana per il tragitto iniziale e finale

16 Cos èl intermodalità Trasporto combinato marittimo Accompagnato RO/RO(roll-on/roll-off) dove il veicolo entra e esce con le proprie ruote (tipo traghetto). Usato per brevi-medie distanze. Non accompagnato LO/LO(lift-on/lift-off) dove viene caricato solo il container tramite apposite gru su navi mercantili. Usato per le grandi distanze.

17

18

19 Trasporto intermodale e unitàdi carico Tipologie di trasporto intermodale Trasporto intermodale ferroviario Trasporto intermodale marittimo Trasporto intermodale per vie navigabili Trasporto intermodale aria-ferrovia Specializzazioni del trasporto intermodale Trasporto intermodale strada-rotaia Trasporto intermodale marerotaia Autostrada viaggiante Roll on-roll off (Ro-Ro) Load on-load off (Lo-Lo) Load on-load off (Lo-Lo) Trasporto intermodale aria ferrovia Unità di carico intermodale utilizzata Casse mobili Semirimorchi Container marittimi Veicoli completi Semirimorchi Veicoli completi Container marittimi Container marittimi Air-container

20 Scelte modali in funzione della distanza

21 Il Trasporto intermodale Consente di utilizzare le caratteristiche ottimalidei diversi mezzidi trasporto (autocarro, nave, ferrovia, aereo) ciascuno per la propria peculiarità Richiede terminali (porti marittimi e fluviali, interporti, aeroporti, piattaforme logistiche), che consentano di trasferire il carico da un mezzo di trasporto ad un altro in tempi molto brevi, mediante l impiego di idonee attrezzature Terminale: luogo dove si effettua un cambio di modalità

22 Le logiche dell intermodalità Logica politica Il sistema dei trasporti èun tutto integrato e ogni modalitàèun segmento intercambiabile all altro Logica economica Ogni modalità possiede un diverso rapporto distanza-peso che la rende più idonea delle altre ad effettuare una determinata tipologia di servizi di trasporto Minimizzazione dei costi

23 Soglie di traffico per le tipologie di intermodale Tipologia Mezzo di trasporto Principale Int Ferr Treno completo con 40 TEU Portata Media netta Utile 280 ton.nette Medie per tratta Frequenza Minima richiesta dal mercato 5 giorni la settimana Soglia minima di merci scambiate via intermodale fra due bacini di traffico di riferimento Soglia minima di merci scambiate totale fra i due bacini di traffico di riferimento ton. annue ton. annue Int. Marit Nave Ro-Ro 1150 con 1460 ton.nette metri lineari di per tratta stiva effettiva 3 partenze settimanali ton. annue ton. annue Int.Fluv. Chiatta con portata utile di 160 TEU 840 ton. per tratta 3 partenze settimanali ton. annue ton. annue

24 Benefici e costi dell intermodalità(1) L intermodalitàèpossibile solo se i benefici compensano i costi connessi: Benefici: utilizzo del mezzo di trasporto più idoneo alle caratteristiche del servizio di trasporto (volume, stagionalità e tipologia della merce,) per ogni tratta del percorso e, quindi, riduzione dei costi-opportunità minori costi fissi(d investimento) minor transit time

25 Benefici e costi dell intermodalità(2) Costi costi delle operazioni terminali costi di organizzazione costi legati all utilizzo di unità di carico standardizzate aumento dei tempidi viaggio probabile minor qualità del servizio (in termini di minor affidabilità, flessibilità, controllo, e sicurezza del servizio)

26 Margini di competitività dell intermodalità(1) Se il tutto-strada è più flessibile, affidabile, capillare, l intermodale dà la possibilità di ridurre i costi medi per unità di distanza al crescere della quantità trasportata

27 Margini di competitività dell intermodalità(1) L area di competitività del trasporto intermodale aumenta: Con la possibilitàdi far confluire flussi di traffico dalle tratte secondarie alla tratta principale al ridursi dei costi di trasbordo (possibile attraverso la standardizzazione delle unità di trasporto) all aumentare del tasso chilometrico dei trasporti feeder gestione integrata di tutte le operazioni di trasporto e movimentazione della merce

28 Margini di competitività dell intermodale (2) Ulteriori margini di competitività possono venire: dalla politica infrastrutturale possibilitàdi influenzare la scelta del trasporto intermodale attraverso il miglioramento della specifica rete di trasporto (fornitura di tracce orarie ferroviarie per il passaggio di treni intermodali, la costruzione di nuovi terminal intermodali) dall assunzione di normative specifiche stimolare la competitivitàdel trasporto intermodale grazie a normative che ne favoriscano o ne implicano la scelta

29 Le operazioni di un ciclo di trasporto intermodale Le operazioni compiute dal punto di partenza al terminal intermodale Tali operazioni sono: stivaggio e consegna dell unità di carico (UTI); ritiro dell unita di carico e posizionamento sul mezzo di trasporto stradale; trasferimento al terminal intermodale; Le operazioni compiute da terminal a terminal. Qui le operazioni principali sono: trasbordo dell UTI dalla modalitàstradale alla modalitàferroviaria, marittima o fluviale; compimento tratta principale e trasferimento al terminal di destinazione; Le operazioni compiuta dal terminal di destinazione al punto di consegna. Le operazioni sono: ritiro dell UTI dal terminal finale e trasbordo della stessa dalla modalità non stradale a quella stradale; trasferimento al punto di destinazione (solitamente un magazzino).

30 Costi del trasporto intermodale Il costo del trasporto tra origine e destinazione con un punto intermedio di interscambio è pari a: Origine Interscambio Destinazione Cc Cs Consolidamento Cm1 Ct1 Ct2 Cm2 Deconsolidamento e Movimentazione Trasporto Trasbordi Trasporto Movimentazione Carico Scarico

31 Costi del trasporto intermodale Il costo del trasporto tra origine e destinazione con un punto intermedio di interscambio è pari a: Ci = Cc+ Cm1+ CT1+ CT2+ Cm2 + Cs Cc,, Cs: costi di carico e scarico in O e D Cm1, Cm2: costi per km del trasporto con il modo 1 e 2 CT1,, CT2C : costi di terminali di trasbordo nei punti A e B

32 CONVENIENZA DEL TRASPORTO INTERMODALE Il ciclo complesso comporta di solito un percorso maggiore di quello semplice; la localizzazione dei nodi di interscambio (A e B) costringe a tratte OA e BD che rendono il percorso O-A-B-D O D complessivamente più lungo del percorso monomodale O-DO m1 O A m1 m2 B m1 D OD: trasporto monomodale (modo di trasporto m1) OABD: alternativa intermodale (modi m1 per OA e BD, m2 per AB) Cc,, Cs: costi di carico e scarico in O e D Cm1, Cm2: costi per km del trasporto con il modo 1 e 2 Ct1, Ct2 : costi di terminali di trasbordo nei punti A e B O m 1 A m 1 m 2 B m 1 D

33 CONVENIENZA DEL TRASPORTO INTERMODALE Costi complessivi del ciclo semplice OD (per unità di carico) C = CC + (C m1 DOD) + CS Costi complessivi del ciclo complesso OABD (per unità di carico) C =CC + (C m1 DOA) + CT1 + (C m2 DAB) + CT2 + (C m1 DBD) + CS Il trasporto intermodale è conveniente quando: [C m1 (DOD DOA DBD)] (C m2 DAB) 2CT > 0 m1 O A m1 m2 B m1 D [C m1 (DOD DOA DBD)] (C m2 DAB) > 2CT Dove: CT = oneri di trasbordo nodo intermodale C mi = tasso km di trasferimento dell unità di carico per l iesimo modo di trasporto Cc = costi di carico in O CS = costi di scarico in D

34 COSTI DEL TRASPORTO CALCOLO DELLA DISTANZA DI CONVENIENZA [C m1 (DOD DOA DBD)] (C m2 DAB) > 2CT Se DOD DOA DBD = y m1 A m2 B m1 (C m1 y) (C m2 DAB ) > 2CT O m1 D C y > + C m2 2 DAB m1 C C T m1 Dove: CT = oneri di trasbordo nodo intermodale C mi = tasso km di trasferimento dell unità di carico per l iesimo modo di trasporto Cc = costi di carico in O CS = costi di scarico in D

35 COSTI DEL TRASPORTO

36 COSTI DEL TRASPORTO

37 COSTI DEL TRASPORTO FERROVIARIO

38 COSTI DEL TRASPORTO FERROVIARIO

39 COSTI DEL TRASPORTO FERROVIARIO

40 COSTI DEL TRASPORTO

41 COSTI DI TRASPORTO INTERMODALE Costo trasporto Container 20 Container 40 - ferrovia 0,23 / 0,68 /Km 0,46-1,21 /Km - marittimo ro-ro 0,27 / 0,84 /Km 0,54-1,67 /Km - Mare 0,13 /Km 0,26 /Km

42 COSTI DI TRASPORTO INTERMODALE Costo operazioni terminali - Strada ferrovia / movim - Strada naviga int 50 - Ferrovia mare Mare Navig int Ferrovia Ferrovia Strada Mare Costo giornaliero UTI 8-9 /giorno - Nolo carri ferroviari /giorno -Costo carico scarico /t

43 Gli operatori del trasporto intermodale Un trasporto intermodale ètale solo se un unico soggetto si assume nei confronti del committente l obbligazione di organizzare, coordinare ed eseguire il trasporto da porta a porta Importanza del ruolo svolto dagli MTO (grandi compagnie di spedizione, armatori marittimi) Assume la responsabilità dell intero ciclo del trasporto Deve possedere capacità organizzative e doti di analisi Importanza delle società di traffico Ha il compito di acquistare dal vettore ferroviario la trazione ferroviaria e di rivenderla alla compagnia che gestisce il trasporto intermodale (MTO) Favoriscono la concentrazione del traffico intermodale verso le ferrovia

44 Trasporto intermodale strada-ferrovia Terminal Terminal ferroviario Terminal ferroviario Terminal Caricatore Trasporto stradale Trasporto ferroviario Trasporto stradale Destinatario Impresa di trasporto stradale Impresa di trasporto ferroviario Impresa di trasporto stradale Spedizioniere (Fonte: Musso, 2005)

45 Trasporto intermodale strada-mare Terminal Terminal Caricatore Trasporto stradale Impresa di trasporto stradale Porto Impresa terminalista Trasporto marittimo Compagnia di navigazione marittima Porto Impresa terminalista Trasporto stradale Impresa di trasporto stradale Destinatario Spedizioniere/Agenzia Marittima (Fonte: Musso, 2005)

46 Trasporto intermodale ferrovia-mare Terminal Terminal ferroviario Terminal ferroviario Terminal Caricatore Trasporto stradale Impresa di trasporto stradale Trasporto ferroviario Porto Impresa terminalista Trasporto marittimo Compagnia di navigazione marittima Porto Impresa terminalista Trasporto Ferroviario Trasporto stradale Impresa di trasporto stradale Destinatario Spedizioniere/Agenzia Marittima/Mto (Fonte: Musso, 2005)

47 Trasporto intermodale aeroferrovia Caricatore Terminal Trasporto stradale Impresa di trasporto stradale Terminal ferroviario Trasporto ferroviario Aeroporto Impresa terminalista Trasporto aereo Compagnia di navigazione aerea Aeroporto Impresa terminalista Terminal ferroviario Trasporto Ferroviario Trasporto stradale Terminal Impresa di trasporto stradale Destinatario (Fonte: Musso, 2005) Spedizioniere/Agenzia Marittima/Mto

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Struttura del trasporto merci

Struttura del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Struttura del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica MERCI

Dettagli

SISTEMA DEI TRASPORTI

SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI SISTEMA DEI TRASPORTI INSIEME DELLE MODALITA CON CUI SI REALIZZA IL TRASFERIMENTO DELLE PERSONE E DELLE COSE DA UN LUOGO AD UN ALTRO 1 IL TRASPORTO Lo svolgimento di qualsiasi attività

Dettagli

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata

Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comitato Centrale per l Albo degli Autotrasportatori Progetto Formazione di esperti in telematica applicata Metodi di valutazione della offerta di trasporto

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

Intermodalità e Interporti.

Intermodalità e Interporti. Intermodalità e Interporti. INTERMODALITA - TERMINOLOGIA Innanzitutto, occorre fare chiarezza su quella che è la terminologia di riferimento. La conferenza dei ministri dei trasporti dei paesi europei

Dettagli

Gli attori del trasporto merci

Gli attori del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Gli attori del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata

Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata Monica Grosso Università di Anversa, Facoltà di Economia applicata TransportNet Marie-Curie fellow Società Italiana degli

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 481 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CASTELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 1996 Norme a favore

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logostica INFRASTRUTTURE PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Aree attrezzate per consentire la movimentazione,

Dettagli

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna Overview on facilities, policies and strategies for better freight delivery in urban areas Elvezia M. Cepolina Alessandro Farina Marino Lupi Università di Pisa Cenni sulla logistica urbana 1. Introduzione

Dettagli

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE

UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI MOVIMENTAZIONE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Le (UM) che garantiscono lo spostamento delle Unità di Carico

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica VEICOLI PER IL TRASPORTO INTERMODALE prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione Unità di Trasporto Stradale Unità di Trasporto Ferroviario

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica UNITÀ DI CARICO prof. ing. Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni (1/2) (UC) numero di articoli (o materiale sciolto) disposti

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

Logistica Distributiva

Logistica Distributiva Logistica Distributiva L oggetto della logistica distributiva è il prodotto e gli obiettivi fondamentali sono: effettuazione delle consegne nel rispetto degli accordi con il cliente esterno o interno (es.

Dettagli

Oggetto: Divieti di circolazione dei mezzi pesanti in Italia. Calendario 2013.

Oggetto: Divieti di circolazione dei mezzi pesanti in Italia. Calendario 2013. Presidenza e Segreteria Generale Piazza G.G. Belli n 2 00153 Roma Tel. 06/58.300.213 Fax.: 06/58.16.389 Sede operativa nazionale Viale Bacchiglione n 16 20139 - Milano Tel. 02/53.93.539 r.a. Fax 02/53.97.381

Dettagli

Chi, cosa, dove: la mappatura dell'offerta ferroviaria in Italia

Chi, cosa, dove: la mappatura dell'offerta ferroviaria in Italia Chi, cosa, dove: la mappatura dell'offerta ferroviaria in Italia Valeria Franchella Junior Project Manager ECR GS1 Italy Indicod-Ecr Intermodability 15 aprile 2014 1 GS1 Italy Indicod-Ecr Lo spazio del

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato, dopo aver letto attentamente, opti per una sola delle due tracce ed affronti la soluzione del tema e di due quesiti tra i quattro proposti nella traccia selezionata.

Dettagli

IL TRASPORTO FERROVIARIO delle MERCI e la Liberalizzazione del mercato del trasporto ferroviario in Europa

IL TRASPORTO FERROVIARIO delle MERCI e la Liberalizzazione del mercato del trasporto ferroviario in Europa IL TRASPORTO FERROVIARIO delle MERCI e la Liberalizzazione del mercato del trasporto ferroviario in Europa A cura di Francesco Del Vecchio Napoli, 6 maggio 2016 1 LE DIMENSIONI DEL SETTORE - QUOTA DI MERCATO

Dettagli

Trasporto ferroviario merci. Documento di Vision

Trasporto ferroviario merci. Documento di Vision INDUSTRIA DI MARCA DISTRIBUZIONE MODERNA Trasporto ferroviario merci Documento di Vision Luglio 2011 2 Indice ECR Italia... 4 Introduzione... 5 Processo organizzativo... 5 Le logiche di scelta della modalità

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO UNITA DI CARICO UNITA DI TRASPORTO UNITA DI MOVIMENTAZIONE PARTE C M.Lupi "Sistemi di Movimentazione e Stoccaggio"- A.A. 2011/12 - Università di Pisa - Polo

Dettagli

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Oliviero Baccelli Direttore Università Bocconi 03 Dicembre 2015 Obiettivi, contesto

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa "groupage" i

I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa groupage i I rischi del trasporto multimodale: il carico e l impresa "groupage" i 1 Il termine "groupage" nel commercio internazionale indica un particolare tipo di spedizione che consiste nel riunire e raggruppare

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Definizioni Ai fini del presente documento, s intende per: Servizio di Accesso: quanto necessario per consentire ai Clienti l accesso e l utilizzo dei terminali merci

Dettagli

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie»

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Milano 24 Giugno 2014 Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Un tipo di trasporto combinato che consiste nel trasportare, via ferrovia, dei mezzi pesanti stradali come semirimorchi o casse mobili.

Dettagli

YOUR FREIGHT & LOGISTIC SOLUTION

YOUR FREIGHT & LOGISTIC SOLUTION Chi siamo Furlog opera da anni quale gestore di terminal e MTO (Multimodal Transport Operator): offre spazi (unità di carico intermodali e carri tradizionali) sui propri treni alle imprese interessate.

Dettagli

Area di specializzazione in tecnico del commercio estero. A cura di: Gloria Feltrin

Area di specializzazione in tecnico del commercio estero. A cura di: Gloria Feltrin Area di specializzazione in tecnico del commercio estero A cura di: Gloria Feltrin Il trasporto internazionale Trasporti Prima funzione aziendale marginale Oggi ruolo sempre più importante e decisivo anello

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO Titolo elaborato: RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE "A3" ANALISI DELLA DOMANDA

Dettagli

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 Ministero dei Trasporti Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 IL MINISTRO DEI TRASPORTI VISTO l art. 6, comma 1, del nuovo codice

Dettagli

L intermodalità nel trasporto dei rifiuti: strumento di innovazione per ottimizzare la gestione di un impianto complesso ed integrato di RSU

L intermodalità nel trasporto dei rifiuti: strumento di innovazione per ottimizzare la gestione di un impianto complesso ed integrato di RSU L intermodalità nel trasporto dei rifiuti: strumento di innovazione per ottimizzare la gestione di un impianto complesso ed integrato di RSU Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Massimo Guido, Patrizia

Dettagli

Sorrento, 21 novembre 2015

Sorrento, 21 novembre 2015 Sorrento, 21 novembre 2015 «Mezzogiorni d Europa d e Mediterraneo» e mobilità delle merci Linee guida per lo sviluppo dei trasporti e della logistica nel Mezzogiorno Sergio Curi, Fabrizio Dallari, Marco

Dettagli

Il processo di integrazione europea presume la multimodalità dei trasporti.

Il processo di integrazione europea presume la multimodalità dei trasporti. barbara.revelli@eurocite.eu Il processo di integrazione europea presume la multimodalità dei trasporti. Barbara Revelli e Adriano Turso Fondatori EuroMed EuroCité Le Autostrade del Mare Tra i capisaldi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 30 giugno 2014, n. 10

LEGGE REGIONALE 30 giugno 2014, n. 10 LEGGE REGIONALE 30 giugno 2014, n. 10 INTERVENTI PER IL TRASPORTO FERROVIARIO E FLUVIOMARITTIMO DELLE MERCI. ABROGAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 4 NOVEMBRE 2009, N. 15 (INTERVENTI PER IL TRASPORTO FERROVIARIO

Dettagli

Logistica ed Intermodalità. Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010

Logistica ed Intermodalità. Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010 Logistica ed Intermodalità Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010 Profilo del Gruppo Hupac Facts & figures Anno di fondazione 1967 Capitale azionario CHF 20 mio. Azionisti

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione

Regione Siciliana. Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione Via Emanuele Notarbartolo 9, 90141 Palermo Tel 0039 091

Dettagli

Progetto di Ottimizzazione dei flussi merce della filiera dell orto-frutta: un esperienza della Pubblica Amministrazione

Progetto di Ottimizzazione dei flussi merce della filiera dell orto-frutta: un esperienza della Pubblica Amministrazione Progetto di Ottimizzazione dei flussi merce della filiera dell orto-frutta: un esperienza della Pubblica Amministrazione Dario Di Vincenzo, Ph.D. Comiso Vittoria (RG) 23.01.2015 Obiettivo: Pervenire alla

Dettagli

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1

Divisione Cargo LISTINO. Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 Divisione Cargo LISTINO Trenitalia Divisione Cargo Listino > 1 INDICE SEZIONE I CAMPO DI APPLICAZIONE E NORME D IMPIEGO Paragrafo 1 - Campo di applicazione Paragrafo 2 - Calcolo del corrispettivo Paragrafo

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale

Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale XVI Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO Milano, 20-21 giugno 2011 Definizione di flussi e del profilo di missione di veicoli commerciali pesanti in ambito portuale G. Zamboni, S. Malfettani, M.

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci

Tavolo regionale per la mobilità delle merci Tavolo regionale per la mobilità delle merci Scenari e prospettive di contesto Milano 04 Marzo 2011 Oliviero Baccelli CERTeT Università Bocconi Indice dei temi trattati Gli scenari socio-economici di riferimento

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali. Attori. Attori

Contenuto e scopo presentazione. I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali. Attori. Attori Contenuto e scopo presentazione I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali 24/10/2005 11.31 Contenuto viene descritta la struttura base dei sistemi di trasporto e le problematiche gestionali

Dettagli

IL TRASPORTO INTERMODALE OPZIONE STRATEGICA PER GLI INTERSCAMBI NELLA MACROREGIONE METR

IL TRASPORTO INTERMODALE OPZIONE STRATEGICA PER GLI INTERSCAMBI NELLA MACROREGIONE METR IL TRASPORTO INTERMODALE OPZIONE STRATEGICA PER GLI INTERSCAMBI NELLA MACROREGIONE METR A. Premessa I paesi costituenti la macro regione METR rappresentano una realtà di grande importanza a livello mondiale

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE DICAM Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali. TESI DI LAUREA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Trasporto Intermodale delle merci PARTE A

Trasporto Intermodale delle merci PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2011/12 TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi Trasporto Intermodale delle merci PARTE A M. Lupi: "Tecnica ed economia dei Trasporti"

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

Questionario di Assicurazione per raccolta informazioni della AZIENDA INDUSTRIALE o COMMERCIALE nel Trasporto Terrestre Marittimo Aereo di Merci

Questionario di Assicurazione per raccolta informazioni della AZIENDA INDUSTRIALE o COMMERCIALE nel Trasporto Terrestre Marittimo Aereo di Merci Questionario di Assicurazione per raccolta informazioni della AZIENDA INDUSTRIALE o COMMERCIALE nel Trasporto Terrestre Marittimo Aereo di Merci La sottoscrizione del presente Questionario non impegna

Dettagli

6.7.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

6.7.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 6.7.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 185/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 1346/2001/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

TRENI. -Autostrada Ferroviaria Viaggiante- Tratte prenotabili

TRENI. -Autostrada Ferroviaria Viaggiante- Tratte prenotabili TRENI -Autostrada Ferroviaria Viaggiante- FAI Service ha stipulato per i propri Soci delle convenzioni con i concessionari dell autostrada ferroviaria viaggiante dove oltre ad i vantaggi propri del trasporto

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il 31 gennaio 2014. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL TRASPORTO INTERMODALE DI MERCI IN EUROPA: DUE MODELLI A CONFRONTO.

PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL TRASPORTO INTERMODALE DI MERCI IN EUROPA: DUE MODELLI A CONFRONTO. DIPARTIMENTO DI IMPRESA E MANAGEMENT CATTEDRA DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL TRASPORTO INTERMODALE DI MERCI IN EUROPA: DUE MODELLI A CONFRONTO. RELATORE Prof. Massimo De Falco CANDIDATO

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2012 Direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione Servizio Statistica e affari generali Corso Cavour, 1-34132 Trieste tel. +39 040 377 2228 - fax +39

Dettagli

«Da un mezzo all'altro»

«Da un mezzo all'altro» «Da un mezzo all'altro» Meeting informativo «Ferrovia & Trasbordo» Francesco Meroni, Cadenazzo 25 settembre 2013 1 SBB Cargo punta su una strategia a 3 pilastri. Transito (SBB Cargo International) Affermare

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : CINQUE UNITA : UNO STRUTTURE PORTUALI Generalità Nomenclatura: I Porti sono spazi acquei, protetti naturalmente o artificialmente dal vento e dalle

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

Trasporto multimodale

Trasporto multimodale Magazzino del mese Si presenta il caso di un trasportatore conto terzi che offre servizi di trasporto multimodale su tratte internazionali. In risposta alla crescente domanda di riduzione dei tempi di

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007 LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola Roma, Gennaio 2007 1 Indice Definizioni La logistica La logistica integrata Il trasporto intermodale L interporto La

Dettagli

LA REALTÀ DEL BRENNERO

LA REALTÀ DEL BRENNERO LA REALTÀ DEL Il principale valico del trasporto merci in Italia è oggetto di un deciso potenziamento, al termine dei quale presenterà soprattutto un innalzamento della sagoma-limite, permettendo all autostrada

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. Logistica Distributiva. Altri siti in rete. Siti in rete

Contenuto e scopo presentazione. Logistica Distributiva. Altri siti in rete. Siti in rete Contenuto e scopo presentazione Logistica Distributiva Elio Padoano Raffaele Pesenti Contenuto viene introdotto il concetto di logistica distributiva e le problematiche ad esso associate Scopo permettere

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - IL TRASPORTO COMBINATO - di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO** Con il Decreto Ministeriale 15 febbraio 2001, n. 28T, il Ministero dei Trasporti ha recepito la Direttiva

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

D.M. 4 agosto 2010 (1)

D.M. 4 agosto 2010 (1) 1 di 5 10/09/2013 12:31 D.M. 4 agosto 2010 (1) Modalità di attuazione dell'articolo 5, comma 7-octies del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio

Dettagli

Il trasporto intermodale come innovazione nella logistica: alcune evidenze da Italia e Norvegia

Il trasporto intermodale come innovazione nella logistica: alcune evidenze da Italia e Norvegia Dipartimento di Impresa e Management Cattedra di Economia e Gestione delle Imprese Il trasporto intermodale come innovazione nella logistica: alcune evidenze da Italia e Norvegia RELATORE Prof. Paolo Boccardelli

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011

Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011 Il settore dei trasporti nel FVG: anni 2008-2011 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze, patrimonio

Dettagli

Questionario per l analisi della logistica di distretto (District Logistics Analysis DLA)

Questionario per l analisi della logistica di distretto (District Logistics Analysis DLA) Questionario per l analisi della logistica di distretto (District Logistics Analysis DLA) Aprile Maggio 2003 Il presente questionario è rivolto ad un gruppo di aziende del Casentino. Le domande riguardano

Dettagli

Roma, 17 dicembre 2014. Circolare n. 231/2014

Roma, 17 dicembre 2014. Circolare n. 231/2014 Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 17 dicembre

Dettagli

I divieti delle domeniche e sabati estivi sono stati accorciati di un ora, anticipando l orario di fine divieto.

I divieti delle domeniche e sabati estivi sono stati accorciati di un ora, anticipando l orario di fine divieto. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 23 dicembre

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile

UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Civile Guida alla esercitazione del corso di TERMINALI PER I TRASPORTI E LA LOGISTICA DOCENTE prof. ing. UMBERTO CRISALLI BOZZA

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docente: Marino

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Introduzione 1 IL PUNTO DI PARTENZA MICROLOGISTICA: tutto ciò che concettualmente è (o avviene o viene

Dettagli

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA PROGETTI BOLOGNA L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA L'interporto di Bologna, oltre ad essere uno dei maggiori in Italia per traffico merci, si presenta come caso emblematico di infrastruttura interportuale,

Dettagli

Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE

Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE Roma 21 giugno 2007 L ORARIO DI LAVORO E LE NUOVE NORME IN MATERIA DI TEMPI DI GUIDA, INTERRUZIONI E PERIODI DI RIPOSO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE 1 IL QUADRO NORMATIVO Orario di lavoro, guida, interruzioni

Dettagli

Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione.

Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione. Trasporti nazionali ed internazionali. Logistica e distribuzione. 1985 nasce Angelucci Trasporti 50.000 metri quadri sede 10.000 metri quadri magazzini 28.500 spedizioni annue 118.000 118.000 tonnellate

Dettagli

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2008 - RAPPORTO FINALE

INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2008 - RAPPORTO FINALE INDAGINE CAMPIONARIA SUI TRASPORTI INTERNAZIONALI DELL ITALIA BENCHMARK 2008 - RAPPORTO FINALE INDICE INTRODUZIONE... 5 1. METODOLOGIA... 7 1.1 ESTRAZIONE DEL CAMPIONE... 7 1.2 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Dettagli

Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari. 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 2015 anni

Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari. 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2010 2015 anni proporzione di domanda Infrastrutture ferroviarie e declino del traffico merci attraverso il valico del Frejus Paolo Ferrari Il declino del traffico ferroviario delle merci attraverso il valico del Frejus,

Dettagli

La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo

La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo Bologna 28 Gennaio 2013 Oliviero Baccelli Vicedirettore CERTeT Centro di Economia

Dettagli

ALLE AZIENDE ASSOCIATE

ALLE AZIENDE ASSOCIATE Via Cornalia, 19 20124 Milano Telefono 02.67.154.1 Fax 02.67.15.42.53 e-mail: alsea@alsea.mi.it http://www.alsea.mi.it ALLE AZIENDE ASSOCIATE CIRCOLARE N. 192/2014 19 dicembre 2014 OGGETTO: AUTOTRASPORTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI D.A. n 60 1 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO COMUNICAZIONI E TRASPORTI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTE le norme sulla Contabilità di Stato; VISTO il

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_2012 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI

CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO TERMINALI 1 TERMINALI INTERMODALI STRADA-ROTAIA Il terminale intermodale strada-rotaia è composto fondamentalmente da tre sottosistemi: Sistema ferroviario:

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli