Tecniche per la realizzazione artigianale di prodotti del made in Italy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche per la realizzazione artigianale di prodotti del made in Italy"

Transcript

1 CANDIDATURA PER l OFFERTA FORMATIVA IFTS ANNO FORMATIVO Scheda Progetto per il progetto formativo prioritario e l eventuale secondo progetto formativo Utilizzare carattere calibri, dimensione 11, interlinea singola mantenendo invariate le dimensioni dei layout. PROGETTO FORMATIVO PRIORITARIO SPECIALIZZAZIONE IFTS DI RIFERIMENTO (indicare una delle specializzazioni elencate nell allegato A1 dell Avviso) Tecniche per la realizzazione artigianale di prodotti del made in Italy DENOMINAZIONE SPECIFICA DEL PERCORSO FORMATIVO (indicare la denominazione specifica del percorso formativo da definire in funzione della declinazione rispetto alle specificità del progetto in funzione dei fabbisogni territoriali del mercato del lavoro) _ Artigiano digitale: Tecnico Superiore per la realizzazione di prodotti made in Italy con ingegnerizzazione e marketing nel settore Legno-Arredo EVENTUALE SECONDO PROGETTO FORMATIVO SPECIALIZZAZIONE IFTS DI RIFERIMENTO (indicare una delle specializzazioni elencate nell allegato A1 dell Avviso) DENOMINAZIONE SPECIFICA DEL PERCORSO FORMATIVO (indicare la denominazione specifica del percorso formativo da definire in funzione della declinazione rispetto alle specificità del progetto in funzione dei fabbisogni territoriali del mercato del lavoro) 1

2 SEZIONE 1: PRESENTAZIONE COMPLESSIVA DEL PROGETTO E DELL ATS/FONDAZIONE 1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO COMPLESSIVO Presentare la struttura generale del progetto evidenziandone le logiche unitarie e descrivendone gli obiettivi generali con riferimento al progetto formativo prioritario ed all eventuale secondo progetto L Artigiano digitale,tecnico Superiore per la realizzazione dei prodotti Made in Italy utilizza competenze innovative utili a molteplici aziende dei comparto dei legno dei territorio, sia nella fase di progettazione-produzione che nella fase di progettazione-marketing. In azienda assume una forte comunicazione tra l Ufficio progettazione, l'ufficio Commerciale, la Qualità, il Servizio di prevenzione e protezione, l'ambiente di implementazione, e/o di produzione dell'impianto automatico. Internamente all'azienda si relaziona con il Project leader ed i responsabili dei progetti e/o processi ed è in grado di contribuire tecnicamente allo sviluppo dell'elaborazione dei progetto. Coordina il lavoro di gruppi di tecnici ed addetti per la realizzazione dei sistema e/o processo automatizzato progettato. Nello svolgimento della sua attività, cura il rapporto con i fornitori di materiale tecnico, sia occupandosi degli aspetti legati alle caratteristiche dei prodotti, sia seguendone la fornitura. 2. COMPOSIZIONE E CARATTERISTICHE DEL PARTENARIATO Illustrare e documentare la natura e le caratteristiche del partenariato, descrivere la rappresentatività del partenariato rispetto al settore oggetto dell intervento, specificare i CFU riconosciuti nell ambito dell accordo tra l Università e l ATS/Fondazione, specificare se il partenariato è costituito in un PTP. Il progetto nasce all interno del PTP Legno-Arredo-Design Lombardia, con l arricchimento di nuovi partner universitari e aziende. La presenza nella partnership di università, imprese, scuole, agenzie formative, associazioni di categoria ed enti locali documenta il consolidato radicamento territoriale, nelle provincie lombarde del nord, degli attori e la loro riconosciuta esperienza nel settore, garantendo in questo modo l'incrocio tra competenze teoriche (legate alla ricerca e all'innovazione) e un sapere pratico che ha reso riconoscibile nel mondo il nostro territorio nel settore dell'arredo e dei design. La scelta della figura proposta deriva da un'ampia e continua analisi che da anni viene svolta (anche tramite progetti europei), presso le imprese del settore, dei fabbisogni formativi necessari alla promozione di un"innovazione di processo e di prodotto. La partnership garantisce, per la specifica peculiarità degli attori, la copertura di tutto il processo di filiera sia in riferimento al ruolo degli enti coinvolti (e di quelli che hanno manifestato il loro interesse) sia in riferimento alle diverse fasi dei progetto di vita che conduce dal percorso formativo all'inserimento lavorativo, con una forte integrazione tra istituzione scolastica/istituzione formativa/istituzione accademica e di ricerca/servizi per il lavoro/aziende e associazioni di settore. L adeguatezza di tale offerta di IFTS è dunque garantita dal grado di copertura complementare delle funzioni specifiche dei partner e dalla naturale continuità delle relazioni tra soggetti formativi e soggetti produttivi che trova, già nell'attuale configurazione, risultati ottimali di occupabilità e incrocio/domanda offerta pur in un momento di crisi occupazionale come quello presente. Il coinvolgimento ed il ruolo dei centri di ricerca scientifica e di innovazione tecnologica ed organizzativa avviene tramite la collaborazione con l Univertià ECampus di Novedrate e con la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. A loro sono affidati gli insegnamenti teorico/scientifici i cui programmi sono strettamente correlati con l'attività di laboratorio svolte presso l'isis-ipsia Meroni di Lissone ed il CFP Terragni di Meda. Il programma delle diverse annualità viene concordato con i vari docenti in base allo sviluppo dei settore. L Università si impegna a riconoscere 12 crediti formativi nell'area delle tecnologie e dell organizzazione aziendale, mentre l'accademia si impegna a riconoscere 18 crediti formativi nell'area del Design. 2

3 Proposta formulata da Polo Tecnico Professionale: Sì - Specificare la denominazione del PTP: Settore Legno Arredo Design per i territori della Brianza, della Bergamasca, della Valtellina e Valchiavenna No Elencare i partecipanti all ATS Soggetto partecipante all ATS Tipologia Partecipa al PTP proponente? (SI/NO) I.P. Crotto Caurga di Chiavenna (SO) Istituto Si scolastico lstituto d'lstruzione Superiore Balilla Pinchetti di Tirano Istituto Si (SO) scolastico Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro Ente di Si di Monza e Brianza formazione Ente di Formazione sez. A Istituto Luigi Gatti Ente di Si Formazione sez. B Università ECAMPUS di Novedrate (CO) Università No NABA Nuova Accademia Belle Arti Milano Università No FORMAPER Azienda speciale della Camera di Ente di Si Commercio di Milano formazione Comune di Lissone Ente Si Pubblico Grancasa S.p.A. Impresa No Galbiati Natale & Figli S.N.C. Impresa Si Riva Industria Mobili S.p.A. Impresa Si Cleaf S.p.A. Impresa Si Arredamenti Perego S.N.C. Impresa Si Porro S.p.A. Impresa No Colombo Stile S.p.A. Impresa No Confartigianato Imprese Lissone Associazione Si di imprese Aggiungere le righe necessarie Indicare i crediti formativi universitari (CFU) riconosciuti nell ambito dell accordo tra l Università e l ATS/Fondazione 12 3

4 Per le Imprese partecipanti al partenariato (compilare la seguente tabella): Impresa Collabora al progetto per partecipante ad ATS Grancasa S.p.A. Ideazione e gestione Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Altro (specificare ) Galbiati Natale & Figli S.N.C. Ideazione e gestione Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Altro (specificare ) Riva Industria Ideazione e gestione Mobili S.p.A. Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Altro (specificare ) Cleaf S.p.A. Ideazione e gestione Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Arredamenti Perego S.N.C. Porro S.p.A. Colombo S.p.A. Stile Aggiungere le righe necessarie Altro (specificare ) Ideazione e gestione Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Altro (specificare ) Ideazione e gestione Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Altro (specificare ) Ideazione e gestione Messa a disposizione docenti Tirocini Disponibilità ad assunzione allievi diplomati Messa a disposizione di laboratori Altro (specificare ) 4

5 SEZIONE 2: PROGETTO FORMATIVO PRIORITARIO 6. STRATEGIA DI INTERVENTO: INDIVIDUAZIONE FABBISOGNI FORMATIVI Illustrare in modo puntuale le valutazioni sul contesto economico territoriale alla base della proposta del progetto formativo, evidenziando fabbisogni formativi del settore/territorio oggetto di intervento, priorità e obiettivi; descrivere il modello di analisi (tipo di analisi, fonti documentali, metodologia adottata, soggetti coinvolti) ed evidenziare le esigenze che richiedono lo sviluppo di tutte le attività legate alla formazione in relazione alle esigenze di competitività e di innovazione delle aziende. Il piano formativo per il settore della legno-arredo-design della Lombardia rappresenta uno strumento di lavoro condiviso a livello territoriale per realizzare interventi formativi puntuali nell'offrire risposte al comparto artigiano, un settore che, in Regione e in Brianza, risulta denso di attività: l incidenza delle imprese artigiane in provincia di Monza e Brianza sul totale delle imprese attive è maggiore di oltre 4 punti percentuali rispetto alla media della Lombardia (il 36,3% in Brianza contro il 31,5% in Lombardia) e di oltre 9 punti nei confronti della media nazionale (27,0%). Le parti sociali concordano nell'affermare che l'aggiornamento progressivo del livello di competenze professionali possedute é uno dei principali fattori di successo per l impresa artigiana nonché una garanzia di stabilità occupazionale per i lavoratori. Proprio con questa motivazione il piano formativo della legnomobile, basato sull analisi dell attuale situazione economico-produttiva regionale e sulle possibilità di rilancio, vuole sviluppare le seguenti azioni formative a carattere: - "curativo", ovvero rivolte al mantenimento dei livelli occupazionali, al superamento della crisi di settore, alla qualificazione e diversificazione delle competenze professionali soprattutto dei lavoratori a bassa professionalità e ai lavoratori over 45, soggetti maggiormente a rischio di espulsione; - "preventivo", cioè finalizzate al miglioramento della competitività delle imprese nel mercato della legno, mobile e arredo. Le azioni preventive permetteranno di affrontare le nuove sfide richieste dal mercato e dalle innovazioni tecnologiche di settore, aumentando le competenze professionali delle maestranze, aggiornando le conoscenze e le competenze dei lavoratori. Il piano formativo del legno, mobile e arredo, intende sviluppare i seguenti obiettivi: 1. adeguare e potenziare le conoscenze e le competenze professionali dei lavoratori che operano nel settore del legno, mobile e arredo, con particolare riferimento ai profili dei giovani, ai lavoratori a bassa qualifica e ai lavoratori più anziani; 2. formare ed aggiornate i vari profili professionali con l'obiettivo di creare un percorso di crescita lavorativa e di carriera; 3. sostenere la preparazione dei dipendenti aziendali negli attuali processi di cambiamento (ad esempio: delocalizzazione produttiva); 4. portare il personale aziendale a potenziare, comprendere, sostenere ed attuare l'innovazione di prodotto e di processo nell'impresa. L artigianato italiano riveste un importanza basilare nell economia del nostro Paese. Infatti il comparto artigiano contribuisce a creare una vera e propria identità produttiva nazionale che ci è riconosciuta in tutto il mondo (dal settore tessile a quello del legno-mobile, dalle costruzioni alla ristorazione). In Italia, al giugno 2013, sono le imprese attive nel comparto del legno e mobile, comprendente imprese della lavorazione del legno e dei prodotti in legno e imprese della fabbricazione di mobili. Il comparto rappresenta circa il 12% delle imprese manifatturiere italiane, ed è uno dei più importanti in termini di numero di imprese insieme alla meccanica e all abbigliamento. Per numero di imprese attive, Monza e Brianza è la prima provincia italiana, con imprese, in gran parte (1.670) attive nella fabbricazione di mobili, seguita da Roma con imprese, concentrate però in prevalenza nella lavorazione del legno (1.656). Seguono due province venete, Treviso e Verona, quindi le aree metropolitane di Torino, Milano e Napoli. Distretti tradizionali del mobile come Treviso, Verona e Como sono le uniche province oltre alla Brianza con più di mille imprese attive nella fabbricazione di mobili (segue Pesaro e Urbino con 958), mentre se consideriamo la lavorazione del legno, sopra la quota del 5

6 migliaio di imprese troviamo, in ordine decrescente, Roma, Napoli, Torino e Bolzano. In termini di concentrazione sul territorio, la provincia fortemente urbanizzata di Monza e Brianza stacca nettamente le altre con 5,7 imprese del comparto per chilometro quadrato, seguita a distanza da Napoli (1,52), Como (1,21) e Milano (1,15). In Brianza le imprese attive nel comparto del legno e mobile rappresentano il 3,7% delle imprese attive della provincia a giugno 2013 e il 24,5% di quelle attive nel manifatturiero. A livello comunale troviamo le maggiori concentrazioni come detto nell area distrettuale ad ovest della provincia, al confine con la provincia di Como, i comuni di Lissone (281), Cesano Maderno (242) e Seregno (153), mentre nella graduatoria per peso percentuale troviamo Lentate sul Seveso (58,4%), Barlassina (49,5%) e nuovamente Cesano Maderno (46,8%). Scendendo nel dettaglio dei settori, la fabbricazione di mobili ha perso meno imprese rispetto alla lavorazione del legno (-3,4% contro -4,0%) e le imprese con sede nei comuni del distretto hanno retto relativamente meglio su entrambi i fronti. All interno della fabbricazione di mobili, un numero consistente di imprese (780) non ha specializzazione produttiva specifica, seguono 763 imprese che producono mobili ad uso domestico, quasi tutte con sede nei comuni del distretto, mentre il segmento specializzato nella produzione di mobili per ufficio è ancora di piccole dimensioni (79 imprese), ma è l unico a crescere (+1,3%). Tra le assunzioni considerate di difficile reperimento per l inadeguatezza dei candidati, la motivazione più ricorrente è la mancanza di candidati con adeguata formazione/preparazione (38,9% del totale), seguita dalla mancanza delle caratteristiche personali adatte allo svolgimento della professione (31,4%). Analizzando la richiesta di assunzioni delle imprese in base ai gruppi professionali e ai livelli di istruzione emerge che le assunzioni maggiori riguardano le professioni commerciali e nei servizi (26,2% delle assunzioni non stagionali previste), mentre al secondo posto la figura più richiesta è quella delle professioni tecniche (18% del totale) e la richiesta di artigiani e operai specializzati interessa il 9,8% delle assunzioni complessive. Le professioni high skills, di elevata specializzazione, ricoprono da sole il 10,8% del totale delle assunzioni non stagionali. I.S.I.S. I.P.S.I.A. G.Meroni, con i progetti Dewebas, WoodPort ed altri, ha rilevato spesso la domanda formativa delle imprese del territorio, rispetto alla quale sono stati raccolti dati che confermano i risultati sopra esposti e che permettono di definire un chiaro quadro del settore. L indagine relativa è stata fatta con questionari, interviste e raccolte dati. 6

7 7. 7.DESCRIZIONE DEL PROGETTO Numero di allievi atteso 24 Lettere di allievi che hanno manifestato l interesse a partecipare al percorso IFTS 39 (la lettera deve essere allegata e deve riportare i riferimenti della specializzazione IFTS prescelta ed essere intestata al raggruppamento) 7.1 Attività formative Ideazione e progettazione percorso formativo, fornire una descrizione esaustiva del percorso formativo in relazione a durata, ambito di riferimento, area tecnologica, destinatari, ecc; definire le competenze in esito, i moduli formativi, il raccordo competenze/moduli Descrizione generale e competenze in esito Il progetto formativo scaturisce dall analisi delle dinamiche produttive del cluster del mobile della Brianza. Solo le aziende che sono in grado di produrre, in tempi brevi, prodotti molto customizzati destinati principalmente ai mercati esteri riescono a realizzare performance commerciali positive. La produzione per piccoli lotti, la personalizzazione spinta dei prodotti, la velocità di risposta alle richieste dei mercati richiedono nuove figure professionali capaci di governare il flusso dei processi che vanno dall analisi dei requisiti del cliente, alla progettazione e prototipazione rapida, alla produzione ed alla commercializzazione. L artigiano è la classica figura professionale che riesce a governare tutti i processi. E stata scelta la denominazione Artigiano Virtuale o artigiano tecnologico proprio per connotare questa specificità; infatti l artigiano digitale (o maker) è una figura professionale in grado di utilizzare modalità e tecnologie innovative per attivare processi produttivi volti alla realizzazione di produzioni innovative legate al made in Italy. Le tecnologie innovative coniugate con il sapere tradizionale, patrimonio del distretto, permettono di attivare processi efficienti per la realizzazione dei prodotti Made in Italy. Il progetto prevede una durata temporale di 800 h di cui 240 di stage presso aziende artigiane o PMI della Brianza considerate leader nel settore del mobile Made in Italy Le competenze in esito al progetto sono: competenza professionale: progettare e realizzare prodotti artigianali Made in Italy che prevedano la valorizzazione dei processi produttivi e dei materiali della cultura e della tradizione; competenza relazionale: interagire nel gruppo di lavoro, adottando modalità di comunicazione e comportamenti in grado di assicurare il raggiungimento di un risultato comune; competenza gestionale: assumere comportamenti e strategie funzionali ad un efficace ed efficiente esecuzione delle attività. L artigiano digitale è in grado di: Interpretare le esigenze del cliente/mercato Rispondere in tempi brevi alle richieste con l ideazione e progettazione del prodotto Gestire la produzione Promuovere/Valorizzare il prodotto Made in Italy Declinazione e innovatività del profilo specifico proposto rispetto alle competenze delle specializzazioni IFTS dell allegato A1 7

8 Questo profilo caratterizza una nuova idea di produzione realizzata a piccoli lotti e fortemente personalizzata (produzione su commessa, contract, ). L indicazione nel titolo di Artigiano sta ad indicare la centralità dell'uomo nel processo produttivo, ma ora tecnologico, ovvero in grado di governare ed utilizzare nuovi strumenti computer-based e tecniche di prototipazione rapida, per accelerare i processi di innovazione, riducendo al contempo i costi. L artigiano digitale è inoltre in grado di progettare, realizzare prototipi e prodotti utilizzando nuove tecnologie e modalità produttive condivise basate sul lavoro di gruppo, sull utilizzo ottimale delle risorse specialistiche e del know-how del cluster e sullo scambio di conoscenze mediante l utilizzo dei nuovi media e di internet. L aggiornamento costante gli permette di valutare i trend di mercato, i nuovi materiali e i requisiti innovativi richiesti ai prodotti come ad esempio l ecosostenibilità, il consumo energetico, l emissione di VOC/COV, Carb fase 2, reazione al fuoco etc. Il monitoraggio dei settori correlati al sistema mobile ed arredo permette di rispondere tempestivamente alle nuove norme cogenti o volontarie di prodotto. Un esempio è dato dalla certificazione LEED delle costruzioni, dal Green Label, dalla nuova normativa francese dei prodotti da costruzione, etc. L artigiano digitale può operare in diversi ambiti di lavoro (artigianato, PMI) e può realizzare una propria idea di impresa (auto imprenditorialità). Illustrare in forma sintetica i moduli formativi (con le modalità didattiche prescelte) fra cui anche lo stage. indicandone finalità, obiettivi, tematiche, durata, e modalità di erogazione previste N. H Modulo Tematiche 1 10 Orientamento Verifica competenze di provenienza e personalizzazione dei percorsi 2 30 Economia dell'azienda innovativa Pianificare la struttura organizzativa ottimale in funzione dell'innovazione Utilizzare strumenti di analisi per le diverse funzioni aziendali Problem solving Principi e tecniche di controllo della qualità 3 20 L' impresa e la sua organizzazione Fonti documentali che regolano la vita dell impresa 4 60 Progettazione del prodotto Progettazione in 2D e 3D Ergonomia applicata 5 40 Tecnologia dei materiali innovativi Applicazione dei materiali in legno, in metallo, in pietra e polimeri Sostenibilità ambientale dei materiali Normativa cogente europea e internazionale sui materiali 6 70 Gestione informatizzata di prodotto e CNC, CAD-CAM di processo Sistemi di prototipazione rapida 7 50 Sistemi di produzione Macchine e impianti di produzione avanzata Sistemi innovativi di produzione 8 70 Industrializzazione del prodotto Analisi del prodotto Tecniche di analisi del valore 9 40 Fondamenti di marketing per l'innovazione Strumenti di marketing Analisi dei mercati e individuazione dei target Canali distributivi internazionali dei prodotti Made in Italy Normativa a tutela del Made in Italy Comunicazione Tecniche di vendita Tecniche di negoziazione e gestione dei conflitti Tecniche di reporting Prodotti e lavorazioni tipiche I distretti produttivi del mobile Storia, evoluzione e produzioni tipiche Sicurezza e privacy Prevenzione 8

9 Normative, protocolli e procedure Qualità Sistemi e procedure Inglese tecnico Make an indipendent use of english Using English as a Technical Language Informatica Office avanzato Gestione flussi informativi e comunicazione Stage con tutorato specifico Relazionarsi Affrontare Diagnosticare Progettare Realizzare Orientarsi nell organizzare Il saper essere in un organizzazione Economia dell azienda innovativa Il modulo intende in primo luogo fornire agli studenti gli strumenti di base per capire l economia dell innovazione, una disciplina che sta diventando cruciale negli ultimi anni per interpretare i rapidi cambiamenti economici e sociali che ci circondano. Tali strumenti concettuali sono trasmessi in modo da rivelarsi utili non solo sui piano teorico, ma anche sul versante operativo. L apprendimento sarà testato durante le lezioni, oltre che tramite la realizzazione di brevi report, centrati su casi di studio reali. Tutto ciò al fine di promuovere negli studenti la crescita di capacità progettuali, richieste da organismi e soggetti che operano nella definizione di strategie di sviluppo economico a livello territoriale, settoriale o aziendale. - Gestire i flussi di conoscenza - Applicare modelli settoriali dell'innovazione - Pianificare le politiche dell'innovazione dell'azienda - Comprendere le logiche e le metodologie di controllo della qualità dei processi e dei prodotti - Utilizzare le procedure per il controllo e la gestione della qualità aziendale - Ricercare eventuali non conformità ed individuarne la cause Modalità didattiche: Case study, Lavoro di gruppo, Discussioni L' Impresa e la sua Organizzazione Il modulo mira alla formazione di una figura professionale consapevole delle opportunità, delle difficoltà organizzative e dei rischi collegati all'impresa che, come entità di un sistema economico-sociale, interagisce continuamente con il "mercato" e con la "cultura sociale" del territorio di riferimento. Le competenze riguardano l'attività d'impresa, le sue regole, le sue componenti e le relazioni tra imprese e ambiente circostante, dalle quali emergono aspetti comuni a qualunque contesto lavorativo: dipendente e/o autonomo. L'erogazione del modulo prevede una modalità d'aula con modalità formative che includono attività dì gruppo, discussione e confronto. -Individuare le caratteristiche del settore e dei mercati in cui opera un'impresa -Descrivere i principali elementi che contribuiscono al funzionamento dell'impresa -Descrivere i più comuni modelli organizzativi -Mettere in relazione le scelte organizzative dell'impresa con le caratteristiche del mercato e del territorio di riferimento -Individuare i fattori che concorrono a produrre i risultati dell impresa -Inserirsi nel contesto organizzativo - Realizzazione dell'idea di impresa -Identificare un'idea di business -Sviluppare un piano di realizzazione del progetto di business (business plan) 9

10 -Sviluppare le linee essenziali di un piano di finanziamento -Orientarsi tra le forme d'impresa -Valutare la fattibilità e convenienza del progetto complessivo Modalità didattiche: Case study, Lavoro di gruppo, Discussioni Progettazione del prodotto Il modulo prevede la formazione di soggetti capaci di disegnare prodotti conformi ai principi ergonomici utilizzando tecnologie informatiche come il CAD. Le aree di attività fondamentali riguardano l'esecuzione del disegno dei singoli componenti, del complessivo di un oggetto di arredo e/o di un ambiente completo. -Conoscere i metodi di progettazione e disegno tecnico -Utilizzare CAD 2D e 3D -Personalizzare le applicazioni CAD -Collegare le applicazioni CAD a tecnologie CAM -Applicare i principi ergonomici Modalità didattiche: Laboratorio CAD, Laboratorio CAM, lavori di gruppo, simulazioni, riesami e verifiche Tecnologia dei materiali di base e innovativi Il modulo è finalizzato a fornire conoscenze specifiche in riferimento alle proprietà chimiche, fisiche, meccaniche e tecnologiche dei materiali di base e dei materiali innovativi del settore legno/arredo. -Conoscere gli aspetti teorico-scientifici della scienza dei materiali finalizzati ad identificare, formulare e risolvere problemi complessi anche in modo innovativo; -Progettare e realizzare componenti e strutture con proprietà idonee per particolari applicazioni Modalità didattiche: Laboratori tecnologici, lavori di gruppo, analisi dei prodotti, verifiche prestazionali Gestione informatizzata di prodotto e di processo Obiettivo del modulo è lo studio dei sistemi CAD (Computer Aided Design), del sistemi CAM (Computer Aided Manufacturing) per la programmazione delle macchine utensili CNC (Computerized Numerical Control), e della loro integrazione in sistemi CAD/CAM. Si prevede l analisi dei requisiti informatici, l analisi delle procedure, dei dati che definiscono il prodotto, il processo ed il sistema di produzione. La modellazione del prodotto, del processo e del sistema di produzione sarà orientata da un lato alla comprensione delle strutture e dei dati, dall'altro all automazione integrata e flessibile dei processi e dei sistemi. Finalità del modulo è inoltre lo studio delle tematiche inerenti la definizione e gestione dei dati relativi al prodotto (sistemi di Product Data Management - PQM) e delle tematiche inerenti la pianificazione del processi tecnologici di produzione (sistemi di Computer Aided Process Planning - CAPP), nell'ottica di una integrazione a livello sistemico delle funzioni aziendali, e tra aziende, basata su architetture di Computer Integrated Manufacturing (CIM). -Analizzare le principali strutture impiantistiche adottabili per la configurazione dei sistemi produttivi -Utilizzare le metodologie ed i principali strumenti per la gestione operativa di un moderno impianto industriale -Ricercare criteri di analisi del problemi di progettazione, potenziamento e ammodernamento degli impianti industriali -Conoscere architettura e funzionamento delle macchine utensili CNC -Programmare lavorazioni con macchine utensili CNC ed i sistemi CAD/CAM -Definire e gestire l informazione relativa al prodotto - Product Data Definition (PDD) and Product Data Management (PDM) -Definire e gestire l informazione relativa al processo - Computer Aided Process Planning (CAPP) -Pianificare il processo di produzione assistita dal calcolatore - Computer Aided Process Planning (CAPP) Modalità didattiche: Laboratorio CAD/CAM, Laboratorio CAM, Reparti di lavorazione tradizionali e con centri di lavoro CNC, esercitazioni di gruppo, realizzazione di prodotti Sistemi e di produzione Il modulo finalizzato a fornire un approfondita conoscenza del processi tecnologici e sistemi di produzione 10

11 nel settore legno-arredo ed in particolare dei sistemi produttivi più innovativi (es. impiego del laser, nanotecnologie ) -Definire le modalità produttive interne all'impresa (cicli tecnologici, tempi e metodi, attrezzature da utilizzare) -Dare le opportune indicazioni per la scelta e panificazione degli investimenti tecnologici relativi al processo produttivo. Modalità didattiche: Reparti di lavorazione, lavori di gruppo, simulazioni, studio dei casi Industrializzazione del prodotto Il modulo è finalizzato a fornire gli elementi necessari per l implementazione di un processo di industrializzazione dell attività di una azienda produttiva, in particolare: -Programmazione temporale -Progettazione del prodotto -Industrializzazione del processo produttivo -Qualificazione del prodotto e del processo produttivo -Avvio e controllo della produzione -Elaborazione e gestione di un Piano di Controllo -definire le modalità organizzative e regolare le variazioni rispetto alla produzione programmata -definire la programmazione della produzione -adottare le logiche e le metodologie per l'industrializzazione dei prodotti e la realizzazione dei processi produttivi -utilizzare le metodologie per la definizione dei tempi e metodi per la realizzazione dei cicli produttivi -ricercare, sviluppare ed elaborare strategie per l'ottimizzazione dei flussi produttivi Modalità didattiche: Laboratorio informatica, lavori di gruppo, simulazioni, studio dei casi Fondamenti di marketing per l'innovazione Elementi costitutivi di base dei marketing dei servizi: i clienti, i dipendenti e l'attività di servizio stessa, nella sua specificità. Temi principali della gestione delle attività di marketing: l'organizzazione delle operazioni, la progettazione, le strategie di comunicazione e di prezzo. Elementi che caratterizzano la capacità competitiva di un'impresa: la qualità, la soddisfazione del cliente, i sistemi di "service recovery" e di "customer retention". Una parte del corso affronta infine gli aspetti legati alla possibilità dì utilizzare i nuovi media (internet per primo) per l'erogazione di servizi e il CRM. Argomenti trattati - Psicologia della comunicazione - Marketing Management - Internet marketing - Teoria e Tecnica della pubblicità - Web content management - Comunicazioni infotelematiche - Marketing nella PMI - E-commerce Modalità didattiche: Laboratorio informatico/internet, lavori di gruppo, simulazioni, studio dei casi,role planning Comunicazione Il modulo è finalizzato a favorire le opportune tecniche comunicative che possono essere utilizzate per la gestione delle operazioni e comunicazioni differenziate nei vari contesti operativi. - internet - Social media Modalità formativa: Laboratorio di informatica multimediale, attività di gruppo, discussione, role playing Prodotti e lavorazioni tipiche I prodotti Made in Italy sono caratterizzati da una forte valenza storico- culturale propria del territorio di riferimento. 11

12 Il modulo formativo prevede l analisi dei prodotti e dei processi tipici della Brianza direttamente nelle botteghe artigiane e nelle PMI considerate leader del distretto. Modalità didattiche: Reparti di lavorazione delle aziende di riferimento, lavori di gruppo,studio dei casi, discussioni Sicurezza e privacy Il modulo sviluppa le tematiche ed i requisiti cogenti del DLGS 81/08 e del DLGS 196 -Interpretare la normativa vigente per operare efficacemente in ambiente sicuro -Elaborare analisi del rischio a priori ed a posteriori relativamente alla sua area di operatività. Modalità formativa: studio di casi, discussione, lavoro di gruppo stesura di procedure ed istruzioni operative. Inglese Il modulo mira a consolidare la competenza linguistica, attraverso lo sviluppo delle conoscenze (sintattiche e semantiche), delle capacità (ricettive, produttive ed interattive) e dei comportamenti comunicativi (funzioni e registri linguistici), al fine di consentire un approccio autonomo ed efficace ai diversi contesti relazionali. L'erogazione del modulo prevede una modalità d'aula con modalità formative che includono attività di gruppo, discussione e confronto, role playing. Le competenze attese sono: - make an indipendent use of english: Comprendere (ascoltare ed elaborare) testi orali, anche complessi e articolati, su argomenti concreti e astratti inerenti la vita quotidiana (dominio pubblico-sociale e privatopersonale), in presenza o da mezzi di comunicazione; Comprendere (leggere ed elaborare) testi scritti, anche complessi e strutturati, su argomenti concreti; Interagire, con un certo grado di scioltezza e spontaneità, in conversazioni (orali) e comunicazioni (scritte) relative ad argomenti ordinari e straordinari nell'ambito dei propri interessi, esprimendo e sostenendo le opinioni personali con spiegazioni ed argomentazioni efficaci;. - Using english as a technical language: Utilizzare la lingua inglese per orientarsi all'interno del mercato del lavoro globale, individuando le opportunità professionali di interesse, a scopo formativo e/o occupazionale; Comprendere (ascoltare ed elaborare) testi orali, anche complessi e articolati, su argomenti concreti e astratti inerenti il dominio professionale (settore/contesto produttivo di riferimento), in presenza o da mezzi di comunicazione; Comprendere (leggere ed elaborare) testi scritti, anche complessi e strutturati, su argomenti concreti e astratti inerenti il dominio professionale (settore/contesto produttivo di riferimento), distinguendo le diverse fonti informative e disponendo di un proprio vocabolario tecnico ampio e articolato; Interagire, con un certo grado di scioltezza, spontaneità e precisione terminologica, in conversazioni (orali) e comunicazioni (scritte) relative ad argomenti ordinari e straordinari nell'ambito professionale (formativo e lavorativo), esprimendo e sostenendo le proprie tesi con spiegazioni ed argomentazioni efficaci; Esporre oralmente, in ambito formativo o lavorativo, descrizioni e presentazioni su temi tecnicospecialistici relativi al dominio professionale, sviluppandone e supportandone i contenuti con approfondimenti ed esempi rilevanti; Produrre testi scritti, anche complessi e dettagliati, su temi tecnico-specialistici relativi al dominio professionale, comparando e sintetizzando informazioni provenienti da fonti diverse. Modalità formativa: Laboratorio di informatica multimediale, studio di casi, discussione, lavoro di gruppo, role playing Informatica Il modulo finalizzato allo sviluppo delle competenze di base necessarie per garantire padronanza degli strumenti e dei modelli statistici e probabilistici più comunemente utilizzati per leggere e interpretare i fenomeni economici, anche per favorire una consapevole ed efficace partecipazione alla vita sociale ed economica; predisporre la base su cui costruire ulteriori segmenti formativi in settori specifici, tra i quali il controllo statistico di qualità. La buona padronanza degli strumenti informatici e infatti parte della competenza insieme alla consapevolezza delle potenzialità di specifiche applicazioni in termini di soluzioni 12

13 tecnologiche a sostegno della promozione dell'innovazione nell impresa. -Analizzare, elaborare e rappresentare informazioni -Interpretare dati utilizzando indicatori di sintesi e di variabilità -Studiare connessioni e correlazioni -Analizzare le caratteristiche e le proprietà di una variabile aleatoria -Utilizzare in modo consapevole un computer e i principali programmi applicativi -Comunicare con strumenti informatici nel proprio ambiente di lavoro e all'esterno -Ricercare informazioni funzionali alla sua attività lavorativa. Modalità formativa: Laboratorio di informatica multimediale, lavoro di gruppo, studio dei casi Stage Le caratteristiche della formazione in azienda sono quelle legate ad una impostazione meno teorica e più pratica dei contenuti, presentata secondo la formulazione di problemi e la valutazione di soluzioni, caratteristici dell attività lavorativa quotidiana sperimentata in azienda. In tale senso la propedeuticità della formazione d aula rispetto allo stage fa si che i contenuti di quest ultimo siano valorizzati e i saperi organizzati in maniera sequenziale e trasversale. In particolare, in ambito di stage, il corsista sarà inserito nei processi di progettazione e produzione. -dimostrare abilità di relazione, di diagnosi e di analisi delle criticità nell ambito di un contesto personale e professionale; - conoscere l impresa e la sua organizzazione; -conoscere e utilizzare la normativa nell ambito dei contesti lavorativi, dalla sicurezza e prevenzione alla legge sulla privacy e il rapporto di lavoro. Indicare il raccordo tra i moduli e le competenze in esito N. Modulo Competenze 1 Orientamento Professionale 2 Economia dell'azienda innovativa Professionale Gestionale 3 L' impresa e la sua organizzazione Professionale Gestionale 4 Progettazione del prodotto Professionale 5 Tecnologia dei materiali innovativi Professionale 6 Gestione informatizzata di prodotto e di processo Professionale 7 Sistemi di produzione Professionale 8 Industrializzazione del prodotto Professionale Gestionale 9 Fondamenti di marketing per l'innovazione Gestionale 10 Comunicazione Professionale Relazionale Professionale 11 Prodotti e lavorazioni tipiche Professionale 12 Sicurezza e privacy Gestionale 13 Inglese tecnico Relazionale 14 Informatica 15 Stage Relazionale Gestionale Descrivere le dotazioni laboratoriali ad uso del progetto, anche con riferimento alle strumentazioni rese disponibili per l attività didattica da parte delle aziende: 13

14 L'ISIS-IPSIA Meroni di Lissone mette a disposizione per I'attività didattica le seguenti dotazioni laboratoriali e strumentazioni: n 26 Aule n 1 Laboratorio informatica CAD n 2 Laboratori informatica Multimediale n 1 Laboratorio CNC n 2 CNC - Centro di Lavoro no 1 Laboratorio tecnologico prove legno n 1 Laboratorio tecnologico prove derivati del legno n 1 Laboratorio tecnologico prove mobili n 3 Laboratori di falegnameria n 1 Laboratorio di discipline plastiche e pittoriche n 1 Biblioteca n 2 Laboratori di disegno n 1 Laboratorio linguistico Il CFP Terragni di Meda mette a disposizione per l attività didattica le seguenti dotazioni: n 12 Aule n 1 Laboratorio informatica CAD n 1 Laboratorio CNC n 1 CNC - Centro di Lavoro n 1 Laboratori di falegnameria n 1 Biblioteca n 1 Laboratori di disegno 14

15 7.2 Azioni di accompagnamento e sostegno all utenza Descrivere gli obiettivi specifici, l articolazione e le modalità di attuazione delle attività preparatorie, di sostegno e accompagnamento previste nel progetto, nell ambito delle seguenti tipologie. Pubblicizzazione e promozione del progetto La promozione del progetto viene svolta: - tramite i canali ordinari delle istituzioni scolastiche promotrici, con i propri alunni diplomati e con gli ex alunni fortemente interessati e che non hanno mai avuto la possibilità di poter frequentare specializzazioni post-diploma - pubblicazione sui giornali locali - locandine per APA CONFARTIGIANATO, AIMB, FORMAPER, COMUNI, - siti web delle scuole del polo formativo - comunicazione alle Scuole superiori e CFP del territorio di riferimento Orientamento, individuazione, selezione dei partecipanti ORIENTAMENTO DEI PARTECIPANTI Scopo di questa attività di accompagnamento è I' orientamento dei partecipanti, o dei potenziali partecipanti, ai percorsi didattici offerti dal polo fornendo un'attività di consulenza e tutoraggio, anche durante lo svolgimento del percorso didattico, finalizzata all' orientamento degli allievi verso sbocchi lavorativi del settore, all autoimprenditorialità In particolare sono previste 3 modalità di orientamento: Preventivo rivolto agli allievi delle scuole superiori finalizzato ad aiutare gli studenti a capire le loro attese verso il mondo del lavoro anche attraverso i percorsi formativi IFTS Formativo nei confronti dei partecipanti alle attività formative IFTS che manifestino l'intenzione di proseguire il percorso di studi aiutandoli a capirequale percorso universitario o lavorativo sia più idoneo alle loro competenze e specificità Informativo orientato alle offerte presenti sul territorio e rivolto a quegli studenti che desiderassero, al termine dei percorso formativo del polo, intraprendere un'attività lavorativa. Tali attività di orientamento e consulenza saranno realizzate grazie all impiego di un equipe di tutor composta da un tutor didattico, la cui funzione sarà prevalentemente di accompagnamento e supporto nell apprendimento; un tutor orientatore, che interverrà nel percorso formativo secondo un numero di incontri pianificato per ogni singolo docente a supporto della personalizzazione del percorso formativo; un tutor organizzativo di supporto al coordinamento, a cui viene riservato un ruolo di facilitatore dei processi di raccordo tra tutor didattici e tutor aziendali. Anche al termine del processo formativo verranno svolte attività di consulenza e supporto individuale con collegamenti a servizi del territorio, con possibilità di incontri presso Enti e associazioni pubbliche e private per valutazioni e possibilità di sbocchi lavorativi (coinvolgendo in particolar modo i centri per l impiego). I tutor, inoltre, attiveranno una serie di strumenti, tra cui, il bilancio di competenze, il bilancio attitudinale, l autovalutazione delle aspettative di controllo locus of control, biogramma volti principalmente a favorire la conoscenza di se, l autovalutazione delle abilità, opinioni ed atteggiamenti pro attivi nei confronti del lavoro, gli interessi professionali, la determinazione della scala dei valori, la stesura di un progetto professionale, il piano d azione, il processo di produzione. L attività è finalizzata a creare figure professionali capaci di diventare attori di innovazione attraverso la loro capacità di intervenire nello sviluppo dell automazione del processo produttivo e nell introduzione di 15

16 materiali innovativi. INDIVIDUAZIONE, SELEZIONE DEI PARTECIPANTI Al corso verranno ammessi i partecipanti che supereranno la selezione propedeutica all avvio delle attività corsuali. Una commissione di valutazione, composta dal responsabile didattico, tre docenti (uno per area d competenza) e due esperti del mondo del lavoro (nominati dalle associazioni datoriali o dalle aziende aderenti) procederà alla valutazione delle candidature attraverso: -valutazione del titolo di studio posseduto; eventuale valutazione di altri titoli -valutazione delle esperienze professionali -test scritto finalizzato ad individuare il livello di conoscenze di base in funzione dell indirizzo specifico del corso - colloquio individuale tendente ad accertare e valutare conoscenze, attitudini e motivazioni del candidato. La tipologia e la durata del corso impongono una valutazione particolarmente attenta della motivazione del partecipante. Attività di sostegno all utenza (borse di studio, trasporti per utenti, vitto, servizi per utenza svantaggiata, servizi per il lavoro) A causa della provenienza certa di studenti che frequenteranno il corso dalla Valtellina, dalla Bergamasca e dal Comasco sarà necessario provvedere con forme di sostegno alle situazioni svantaggiate attraverso voucher a copertura parziale di trasporto e vitto come integrazione agli impegni finanziari sostenuti dagli iscritti. La direzione dall ATS provvederà a valutare le necessarie documentazioni e a stabilire le quote integrative da assegnare 7.3 Assetto organizzativo per l esecuzione del progetto 16

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO UN MANUALE PER CAPIRE PROGETTARE E REALIZZARE L ALTERNANZA LE ESPERIENZE DEL SISTEMA CAMERALE LOMBARDO Alternanza scuola-lavoro: un manuale per capire, progettare e realizzare

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli