F.2.11 REPERTORIO PROFESSIONALE E DELLE COMPETENZE RESPONSABILE DI COLLEZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F.2.11 REPERTORIO PROFESSIONALE E DELLE COMPETENZE RESPONSABILE DI COLLEZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE"

Transcript

1 Progetto «AU-DELA DE L APPENTISSAGE FOMEL» LLP-LDV/TOI/10/IT/499 F.2.11 EPETOIO POFESSIONALE E DELLE OMPETENZE DELLA FIGUA POFESSIONALE ESPONSABILE DI OLLEZIONE Il presente progetto è finanziato con il sostegno della ommissione Europea L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la ommissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto dalle informazioni in essa contenute epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 1

2 INDIE INTODUZIONE 1. DESIZIONE DEL POFILO POFESSIONALE 1.1. TITOLO 1.2. MISSIONE 1.3. ONTESTO LAVOATIVO 1.4. POSIZIONE GEAHIO-OGANIZZATIVA 1.5. ESPONSABILITÀ E AUTONOMIA 2. ATIOLAZIONE DELLE ATTIVITÀ PE DOMINI FUNZIONALI 3. ATE LIENTI-FONITOI 3.1. ATA LIENTI -FONITOI IEA-STUDIO E ANALISI 3.2. ATA LIENTI-FONITOI DOMINIO SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MATEIALI E TATTAMENTI (POTOTIPIA 1) 3.3. ATA LIENTI-FONITOI DOMINIO SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2) 3.4. ATA LIENTI -FONITOI DOMINIO PODUZIONE AMPIONAIO 4. EPETOIO ATTIVITÀ 4.1. IEA, STUDIO E ANALISI 4.2. SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MATEIALI (POTOTIPIA 1) 4.3. SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2) 4.4. PODUZIONE AMPIONAIO 4.5. OGANIZZAZIONE E GESTIONE INTENA DELL UFFIIO PODOTTO 4.. ASSISTENZA ALLA PODUZIONE DI API FINITI 5. ANALISI DEI OMPITI DELL ATTIVITA ONTOLLO POVA E SDIFETTAMENTO POTIPI 5.1. ANALISI OMPITI ONOLOGII DELL ATTIVITA DI ONTOLLO DELLE POVE E DI SDIFETTAMENTO DI UN POTOTIPO. EPETOIO OMPETENZE.1. U..1.: IEAE, STUDIAE E ANALIZZAE IDEE, TENDENZE MODA, DATI STATISTII E DI VENDITA STAGIONI PEEDENTI PE SUPPOTAE LA DEFINIZIONE DELLA STUTTUA DELLA OLLEZIONE (MEHANDISING GID ).2. U.. 2.: SELEZIONAE I MATEIALI (TESSUTI E AESSOI ), STABILIE LE POVE DEI MATEIALI DA UTILIZZAE, DEI TATTAMENTI DA EFFETTUAE E VALUTAE I ISULTATI ONSEGUITI.3. U..3.: DEFINIE E SVILUPPAE LA MODELLISTIA E LA VESTIBILITÀ DA ABBINAE AI TESSUTI E AI TATTAMENTI APPOVATI NELLA POTOTIPIA 1.4. U..4.: PIANIFIAE, DEIDEE IL LANIO DEL AMPIONAIO, GESTIE ED AGGIONAE IL DATABASE AZIENDALE PE I DATI DI OMPETENZA DELL UFFIIO PODOTTO.5. U..5.: OGANIZZAE E GESTIE LE ATTIVITÀ DELL UFFIIO PODOTTO IN FUNZIONE DELLE DIETTIVE AZIENDALI 7. INDIATOI DI ONTOLLO DI API AMPIONE 8. MATIE DI OELAZIONE ATTIVITA -OMPETENZE E LIVELLI EQF 9. IL MODELLOOGNITIVO DEL ESPONSABILE OLLEZIONE epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 2

3 INTODUZIONE Lo scopo del presente documento è quello di definire il repertorio delle attività e delle competenze relativamente alla Figura Professionale di esponsabile di collezione della Slowear spa Slowear S.p.a. è un impresa tessile leader nel suo settore, con 400 lavoratori; produce pantaloni, maglie, camicie giacche e giubbotti per uomo e donna, rispettivamente con le marche Incotex, ED, Zanone, Glanshirt et Montedoro; i valori fondamentali di Slowear sono la qualità, l innovazione continua dei tessuti e dei trattamenti, l'attenzione alle rifiniture, ai dettagli in particolare a quelli interni; i capi sono realizzati in Italia, omania e Portogallo e distribuiti, attraverso una rete di vendita a livello mondiale, in Europa, Stati Uniti e Giappone. L impostazione metodologica con cui è stata sviluppata l analisi complessiva del processo di Sviluppo collezione ha considerato l analisi inizialmente del lavoro prescritto e, successivamente, del lavoro ridefinito tramite un intervista al esponsabile di ollezione; questa attività ha permesso di determinare le seguenti attività di base: 1. icerca, studio e analisi 2. Sviluppo collezione con focus sui materiali (prototipia 1) 3. Sviluppo collezione con focus sui modelli (prototipia 2) 4. Produzione campionario 5. Organizzazione e gestione interna dell ufficio prodotto. Assistenza alla produzione di capi finiti Ogni attività è stata ulteriormente e singolarmente analizzata sotto i seguenti aspetti: 1. La definizione dell attività; 2. Il risultato finale; 3. La descrizione della performance; 3. I compiti elementari; 4. Le condizioni di realizzazione; 5. Gli indicatori di performance; epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 3

4 Successivamente l analisi ha considerato: - il lavoro effettivo, tramite l osservazione e la video-registrazione dei compiti elementari relativi alla valutazione di un prototipo di un pantalone realizzate da un team composto da : esponsabile ollezione, esponsabile linea di collezione icerca, Stilista e esponsabile prototipia - l attività reale, tramite il commento da parte del esponsabile di collezione delle tracce del lavoro video-registrate nella fase precedente. Questo approfondimento ha permesso di determinare gli indicatori i di processo e di risultato, il percorso logico di azione che sottende la performance, i saperi taciti e gli indicatori di controllo. In particolare l analisi dell attività reale ha permesso di determinare il modello cognitivo operativo del esponsabile di collezione illustrato nel apitolo 9. Sulla base delle informazioni descritte è stata effettuata una prefigurazione del livello EQF considerando in particolare la dimensione organizzativa dei descrittori EQF : omplessità del contesto; Tipologia di attività ; Autonomia e responsabilità Sulla base delle informazione raccolte sono state determinate, denominate e descritte le abilità tecnico, professionali, cognitive, sociali e personali delle U.. a cui sono stati associati i livelli EQF (vedi matrice capitolo 8): U..1.: ricercare, studiare e analizzare idee, tendenze moda, dati statistici e di vendita stagioni precedenti per supportare la definizione della struttura della collezione (merchandising grid ) U. 2.: selezionare i materiali (tessuti e accessori ), stabilire le prove dei materiali da utilizzare, dei trattamenti da effettuare e valutare i risultati conseguiti U.. 3.: definire e sviluppare la modellistica e la vestibilità da abbinare ai tessuti e ai trattamenti approvati nella prototipia 1 U...4.: pianificare, decidere il lancio del campionario, gestire ed aggiornare il database aziendale per i dati di competenza dell ufficio prodotto U...5.: organizzare e gestire le attività dell ufficio prodotto in funzione delle direttive aziendali epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 4

5 1. IL POFILO DEL ESPONSABILE DI OLLEZIONE: (SOLO PANTALONI INOTEX E ED ) 1.1. TITOLO: ESPONSABILE DELL UFFIIO PODOTTO UOMO 1.2. MISSIONE La sua missione e assicurare la realizzazione della collezione nel rispetto degli input e degli obiettivi aziendali (tempi, costi, concept, ecc) Nel processo di sviluppo del prodotto e della collezione, il.. svolge un ruolo di mediazione tra le esigenze esterne relative al mercato (vendite, modalità distributive, concorrenza,..), le tendenze di stile e le esigenze del processo produttivo e dei vincoli di industrializzazione. Si occupa della gestione complessiva dello sviluppo della collezione dalla discussione del Merchanding Grid con lo stile e la proprietà fino alla presentazione del campionario, in showroom ed allo sdifettamento di produzione; Il.. ottimizza con le opportune scelte e decisioni, la traduzione dell idea stilistica in prodotti da inserire nella collezione e realizza fisicamente le repliche di campionario da inviare alla rete di vendita costituita da propri e agenti, showroom localizzati in Italia, in Nord Europa, Stati Uniti e Giappone e alla organizzazione interna che gestisce il retail (Officina Slowear) (?) Gli aspetti critici che caratterizzano la missione sono contraddistinti: - dall esigenza di conseguire lo Sviluppo del campionario con le risorse economiche e temporali definite ( budget, tempi,.) - dalla necessità di mantenere una posizione di cerniera equilibrata tra Stile/Prodotto e industrializzazione/produzione 1.3. ONTESTO LAVOATIVO Il.. interagisce sia con le Unità Organizzative e soggetti interni quali la Proprietà ( con funzione Merchandiser che definisce le linee guida del prodotto), esponsabile icerca e Sviluppo, Line Builder (Slowear uomo), Stile, Produzione, Qualità, Modelli/Prototipia, Taglio, onfezione, sia con le Unità Organizzative esterne quali Tintorie, Lavanderie per i trattamenti in capo (confezionato), Stirerie, Service di collaudo e immagazzinamento, Unità di produzione POSIZIONE LAVOATIVA Il.. coordina gli attori coinvolti nel processo di sviluppo della collezione e di produzione del campionario. La sua posizione è caratterizzata: - dalla focalizzazione sulla qualità del prodotto : la priorità è costituita dalla ricerca continua dell innovazione dei materiali, dalla perfezione esecutiva dei particolari ed estrema attenzione ai particolari, ai dettagli ed agli interni. - dalla centralità delle attività di sviluppo della collezione (ricerca ed utilizzo materiali e realizzazione prototipi) e di produzione del campionario fino alla consegna alla rete di vendita - dalla rilevanza degli aspetti gestionali riguardanti la documentazione tecnica di prodotto, in termini di creazione, compilazione e aggiornamento della documentazione inerente lo sviluppo della collezione (Scheda Prototipi, Distinta base, Figurini, artelle colori, Scheda costi, ecc,) i cui contenuti sono utilizzati dalleunità Organizzative interne ed esterne - dalla forte attenzione agli aspetti di natura economica relativi ai costi di svilupporealizzazione della collezione che vengono (sempre più) analiticamente specificati, pianificati e monitorati dal responsabile della icerca e Svilupp0 epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 5

6 -dall importanza della gestione e del rispetto del timing di collezione definito anticipatamente dal esponsabile della icerca e Sviluppo POSIZIONE GEAHIO-OGANIZZATIVA - isponde al esponsabile icerca e Sviluppo - Ha la responsabilità diretta dell Ufficio Prodotto composto da: n. 1 product manager di linea n. 1 sviluppo prodotto n. 1 junior product manager di linea ( sviluppo prodotto) n. 7 assistenti al prodotto ( aspetti gestionali) n. 2 addetti all ufficio campioneria ( gestione dei vari campioni in entrata e uscita, allestimento cartelle colori e tessuti per la rete di vendita) 1.. ESPONSABILITÀ E AUTONOMIA - esponsabilità: il ha la responsabilità legata al raggiungimento degli obiettivi relativi agli aspetti economici (costi di sviluppo della collezione), temporale (timing programmato), quantitativi (composizione della collezione cioe quanto e cosa realizzare). - Autonomia: il dispone di una autonomia di decisione nelle scelte dei materiali (tessuti e accessori), modelli, abbinamenti modello-tessuto, nella gestione delle priorità in fase di realizzazione del campionario. Il controllo da parte del esponsabile si effettua con riferimento alle linee guida del Merchandising Grid, al Timing e al Budget dei costi della collezione 2. ATIOLAZIONE DELLE ATTIVITÀ PE DOMINI Il esponsabile di ollezione svolge delle attività nell ambito dei seguenti domini: 1. icerca, studio e analisi ; 2. Sviluppo collezione con focus sui materiali e trattamenti (Prototipia 1) 3. Sviluppo collezione con focus sui modelli (Prototipia 2) 4. Produzione campionario, 5. Assistenza alla produzione. Organizzazione e gestione interna dell Ufficio Prodotto Sono stati identificati tre livelli di responsabilità per ciascuna attività : = esponsabilità diretta = ollabora con quota di responsabilità specifica al suo ruolo P= Partecipa senza nessuna responsabilità N UBIA LIVELLI DI. ATTIVITÀ 1 IEA, STUDIO E ANALISI ollabora con Line Builder e con il esponsabile della icerca e sviluppo alla definizione del Timing dello sviluppo della collezione della stagione PE/AI ollabora con esponsabile della icerca e sviluppo, Linebuilder, Uff. ommerciale nell analisi del venduto della stagione precedente ollabora con Line Builder e Uff. Stile, esponsabile della icerca e sviluppo,alla definizione della struttura della collezione ( Merchandising grid) Acquisisce dal Line Builder il Merchandising grid, approvato dalla Proprietà (Merchandiser ) e il Timing dello sviluppo e realizzazione della collezione Acquisisce il budget dei costi del campionario definito dalla dal esponsabile icerca e sviluppo Acquisisce da Line Builder la griglia relativa ai capi campione, quota parte del Merchandising grid, da realizzare per la rete di vendita epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione P P P

7 2. SVILUPPO DELLA OLLEZIONE: FOUS SUI MATEIALI E TATTAMENTI (PIMA POTIPIA) icerca continuamente innovazioni sui materiali (tessuti e accessori) e sui trattamenti Partecipa con Stilista e altri soggetti a Fiere di Filati, Tessuti e Accessori Analizza le rimanenze di Tessuti e Accessori e collabora con la Direzione alla definizione dei materiali da riutilizzare o da eliminare ( Griglia IN-OUT) Decide l esecuzione di Test e Prove con i Fornitori su materiali e trattamenti e valuta i risultati in collaborazione con il ontrollo Qualità Valuta e sceglie i tessuti da utilizzare in prototipia considerando gli esiti della ricerca materiali e trattamenti, gli stock di magazzino da riutilizzare con gli input della M.G. ( temi ispiratori e proposte stilistiche costi e varianti ), ollabora con lo stilista alla scelta della cartella colori per ciascun articolo di tessuto Valuta e sceglie gli accessori da utilizzare in prototipia considerando, le caratteristiche del modello, gli esiti della ricerca accessori, i criteri di standardizzazione,,gli stock di rimanenze di magazzino rispetto agli input del M.G.( temi ispiratori e proposte stilistiche, costi e varianti) Definisce le prove e i trattamenti sui campioni di materiali, su parti del modello, sull intero capo e ne valuta il risultato ( Lancio Prima prototipia) ollabora con la Proprietà (Merchandiser), con lo Stile, con il Line builder e responsabile icerca e Sviluppo nella approvazione dei tessuti e accessori da utilizzare nella seconda prototipia focalizzata sullo sviluppo dei modelli ( iunione di editing) Sceglie i fornitori dei materiali e ordina i materiali per la realizzazione dei prototipi P 3. SVILUPPO DELLA OLLEZIONE : FOUS SUI MODELLI (SEONDA POTOTIPIA) ollabora con lo stile nella definizione dei modelli e del fitting da utilizzare in Seconda prototipia considerando gli input del MG e materiali approvati nella prima prototipia. Sceglie i fornitori dei materiali ontrolla i dati tecnici dei tessuti selezionati e valuta le tipologie di utilizzo Ordina i materiali (tessuto e accessori) relativi ai prototipi Decide l ordine di produzione (lancio) delle attività di prototipia 2 e controlla i rispetto delle date di rientro dei capi omunica all Uff. Modelli le informazioni per la realizzazione dei modelli (cartamodello) nuovi o di nuovi particolari e/o nuove lavorazioni, che omunica anche alla direzione Produzione Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation; in particolare ollabora con l Uff. Modelli alla ricerca e scelta di soluzioni di industrializzazione sin dalla fase di costruzione dei prototipi Prende decisioni in termini di modifica di lavorazioni ( confezione o trattamento) a fronte di problematiche segnalate in fase di modellistica e prototipia e lavaggi Assicura lo svolgimento dei compiti gestionali dell ufficio prodotto: codifica i materiali, aggiorna e completa ( es codici doganali) le anagrafiche esistenti nel sistema gestionale, assicura che ( tramite le schede tecniche dei materiali) vengano rispettati gli standard qualitativi aziendali ontrolla lo stato di avanzamento dello sviluppo dei prototipi. Organizza e gestisce riunioni per prove, fitting, sdifettamento ONTOLLA IL POTOTIPO EALIZZATO NELLE FASI DI POVA, FITTING E SDIFETTAMENTO (ATTIVITA PESELTA ) ollabora con lo Stile alla preparazione della riunione in cui si presenta la collezione alla Proprietà e Merchandiser per la valutazione, scelta e approvazione finale dei prototipi della collezione PODUZIONE AMPIONAIO Sceglie i materiali per la produzione del campionario Predispone gli ordini relativi ai capi di campionario da realizzare (Emissione ordine di produzione) Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation) tramite la compilazione della Documentazione tecnica di sua competenza ( vedi SW PDM) ollabora e coordina il flusso di informazioni con Uff.tecnico e Uff. Qualità per la epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 7

8 stima dei costi definitivi. omunica all Uff Tecnico gli abbinamenti di accessori di stile/prodotto per la produzione del campionario oordina e controlla le date di avanzamento del campionario Supervisiona i capi campione al rientro dalla produzione ( già controllati da ontrollo Qualità) e decide se accettare e spedire i capi definiti non conformi dal ontrollo Qualità- Decide se annullare o rilavorare ( es. ulteriori lavaggi) i capi non conformi. Presiede riunioni per il controllo dei requisiti stilistici ( se il risultato per i nuovi capi corrispondono alle aspettative stilistiche) e per il controllo dell avanzamento della produzione del campionario Dispone e verifica la realizzazione della documentazione di accompagnamento del campionario: book/modellario ( contenete i figurini di tutti i modelli), legenda tecnica ( che spiega i modelli, le vestibilità, i Brand, ecc) ollabora, con lo Stile, alla preparazione dei materiali per la presentazione della collezione agli agenti, agli store manager, ai resp. commerciali. ollabora alla preparazione per la spedizione dei campionari alla rete di vendita. Presenta il campionario alla rete di vendita 5 ASSISTENZA PODUZIONE PODOTTI FINITI ( iunione di sdifettamento del campionario prima dell avvio della produzione stagionale) ollabora nella individuazione dei difetti e delle criticità dei capi di collezione ollabora con Uff. Tecnico, Dir. produzione, Uff. Qualità allo sdifettamento del ampionario per l avvio della produzione. Propone soluzioni relativamente ai materiali e /o ai trattamenti. OGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL UFFIIO PODOTTO icerca nuove modalità operative ottimali e funzionali alle esigenze dei processi di Sviluppo della ollezione ontrolla e valuta il rispetto del budget del entro di costo ufficio prodotto ( MbO Management by objectives) iduce / ottimizza i costi di Sviluppo della collezione Gestisce gli orari di lavoro dell organico a disposizione con utilizzo dello strumento della flessibilità ( senza ricorrere agli straordinari) Assicura l aggiornamento del sistema gestionale: inserimento e aggiornamento codifiche, schede tecniche, emissione di documenti di carico/scarico materiali per la realizazione del campionario, controllo corrspondenza dati tecnico commerciali del fornitore con archivio sistema gestionale ollabora con l Assicurazione Qualità "Total quality" per il miglioramento continuo delle performance di prodotto e di processo. ura la comunicazione nei confronti dei collaboratori interni all ufficio, verso le Unità Organizzative aziendali e verso i fornitori esterni. ollabora con Uff Acquisti, la Supply chain e l Uff. Qualità negli acquisti e nella valutazione dei fornitori Fig. 1. Elenco delle attività per domino funzionale L analisi dell attività prescritta, ridefinita, effettiva e reale che sarà sviluppata dal gruppo di lavoro del Politecnico considererà l attività 3.12 relativa all attività di controllo e di sdifettamento della prototipia 2 considerando la scadenza prevista del finanziamento del progetto (Settembre 2012) 3. ATE LIENTI FONITOI epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 8

9 3.1. ATA LIENTI-FONITOI : IEA STUDIO E ANALISI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI api di ricerca raccolti in fase di ricerca in modo anticipato INFOMAZIONI Idee, tendenze moda, input della proprietà (strategie), statistiche, analisi del venduto stag.prec., UMANI TENOLOGII DOUMENTALI ESIGENZE VINOLI OGENTI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI api di ricerca e materiali di riferimento INFOMAZIONI - Merchandising Grid (dimensione quantitiva collezione ) - Proposta stilistica: Tema ispiratore, temi colori, immagini, tessuti (artellone Mood) - Budget costi sviluppo della collezione e Timing aggiornati MEZZI Proprietà, Line Builder (ruolo di raccordo tra mercato e prodotto), Stilista, esponsabile Prodotto Servizi internet, sistema gestionale software (analisi venduto,.. ) Budget costi, Timing, Statistiche di vendita sui prodotti e materiali, Depliant, iviste, eport tendenze moda ESIGENZE E VINOLI oerenza con l input della proprietà, oerenza con i valori Slowear e della linea di collezione, oerenza con la proposta stilistica (puntare sui tessuti e/o modelli ) e le tendenze (attese ) del mercato, ispetto del Timing e dei costi di sviluppo 3.2. ATA LIENTI -FONITOI DI SVILUPPO OLLEZIONE: FOUS SUI MATEIALI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI api di ricerca e materiali di riferimento reperiti sul mercato (utili per supportare la modellistica, la scelta delle vestibilità, dei trattamenti, degli accessori - Prototipo di pantalone completo di tessuti e accessori basato su di un modello sperimentato INFOMAZIONI INFOMAZIONI Merchandising Grid, Proposte stilistiche ; Budget e Timing sviluppo collezione Scheda Prototipi, scheda tecnica tessuti ; schede varianti colore dei tessuti ; odifica sistema gestionale aggiornata (?) ; MEZZI UMANI esponsabile Prodotto; esponsabile Linea ; Stilista; Esperto Qualità ; esponsabile trattamenti; esponsabile produzione, Fornitori tessuti ed accessori, esponsabile lavaggi Tecnologie di progettazione, taglio, confezione e stiro dei prototipi, sistema gestionale TENOLOGII DOUMENTALI Budget costi, Timing, Format scheda prototipi ; Format scheda tecnica tessuti (indicazioni cali..); Format Scheda fornitori, Schede di valutazione dei fornitori ; Schede lavaggi e trattamenti, ispetto dei vincoli di inserimento dei dati nel Sistema Gestionale ESIGENZE E VINOLI ESIGENZE VINOLI OGENTI oerenza con i contenuti del Merchandising Grid; Praticabilità-replicabilità produttiva del prototipo (industrializzazione ); ispetto Budget e Timing, 3.3. ATA LIENTI -FONITOI DI SVILUPPO OLLEZIONE: FOUS SUI MODELLI epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 9

10 INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI Prototipo: pantalone Prototipo sviluppato e approvato dalla Proprietà INFOMAZIONI INFOMAZIONI Figurino, Scheda tecnica tessuti e accessori, Scheda prototipo sezione materiali, Budget costi, Timing Scheda prototipo sezione Modelli aggiornata ; Scheda tecnica tessuti e accessori aggiornate, Budget costi aggiornato, Timing aggiornato MEZZI UMANI TENOLOGII DOUMENTALI esponsabile prodotto ;Stilista, Modellista, Esperto Qualità, esponsabile Produzione, esponsabile Ufficio Acquisti ; esponsabile trattamenti, esponsabile Lavaggi Sistema AD, Taglio automatico, Macchine per la confezione e stiro, Impianti per il lavaggio, trattamento e tintura Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti e accessori ; Scheda prototipo.; Scheda annotazioni modifiche prototipo ; Schede Fornitori, Schede valutazione fornitori ESIGENZE E VINOLI ESIGENZE VINOLI OGENTI oerenza del modello con il M.G. il tema ispiratore/proposta stilistica e con il Figurino; Praticabilità-replicabilità produttiva del prototipo (industrializzazione ); ispetto dei vincoli di inserimento dei dati nel Sistema Gestionale ispetto del Timing e del Budget costi; 3.4. ATA LIENTI -FONITOI DI SVILUPPO OLLEZIONE: PODUZIONE AMPIONAIO INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI ampionario presentato e consegnato alla rete vendita Prototipi approvati INFOMAZIONI INFOMAZIONI Merchandising Grid; Scheda prototipi sezioni materiali e modelli aggiornate Scheda tecnica tessuti e accessori, Modellario (strumento dato alla rete vendita contenente: figurini, Listino di vendita, artelle colori di vendita, legenda ); Scheda tecnica prodotto; Distinta Base; Scheda collaudo Movimoda relativa ai capi campione (con indicazioni utili per sdifettamento) MEZZI UMANI TENOLOGII DOUMENTALI esponsabile Prodotto; esponsabile Linea Stilista; Proprietà, Line Builder, esponsabile trattamenti, Addetto Qualità, esponsabile produzione (IT), Addetta collaudo, Stiratrice, esponsabile Produzione omania; fornitori materiali certificati ; responsabile ommerciale, Agenti di vendita; esponsabile magazzino 1) Sistema gestionale prodotto e produzione (omania); 2) Tecnologie AD - Taglio, onfezione,trattamento, Lavaggio, Stiro e ollaudo (tavolo con metro Scheda collaudo capi campione e artellino modifiche ( Movimoda) ; Distinta Base, Scheda tecnica prodotto; Documentazione movimentazione magazzino ESIGENZE E VINOLI ESIGENZE VINOLI OGENTI oerenza del campionario con M.G., oerenza campionario con Tema ispiratore/ Proposta stilistica; eplicabilità produttiva del campionario; ispetto dei vincoli di inserimento dei dati nel Sistema Gestionale ispetto timing, ispetto costi 3.5. ATA LIENTI -FONITOI SITUAZIONE DI FITTING E SDIFETTAMENTO POTOTIPO epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 10

11 INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI Prototipo da provare e sdifettare Prototipo sdifettato INFOMAZIONI INFOMAZIONI 1) M.G. ; Tema stilistico/proposte stilistiche, Figurino ; 2) Scheda prototipo, Scheda tecnica tessuti ; Scheda tecnica accessori ; 3) Budget costi, Timing; 1) Scheda prototipo aggiornata 2) Note di modifica al prototipo, 3) Budget aggiornato, Timing aggiornato epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 11

12 MEZZI UMANI esponsabile Prodotto ; esponsabile Linea, Stilista, Modellista, TENOLOGII Tavolo di appoggio, astrelliera con appesi i prototipi della collezione, metro, blocchi per appunti modifiche, Personal computer DOUMENTALI Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti ; Scheda prototipo, Scheda annotazioni modifiche ; figurino ESIGENZE 1) ispetto dei contenuti della M.G. ; 2) ispetto input stilistici : Tema ispiratore/proposte stilistiche ; 3) oerenza stlistica : modello-vestibilità ; tessuti e accessori interni ed esterni 4) oerenza dei trattamenti con i tessuti ; 5) oerenza con i valori della linea e dell azienda ) ispetto dei tempi programmati nel timing della collazione; 7) ispetto dei costi di sviluppo previsti dal budget ; 8) Identificazione problematiche produttive VINOLI OGENTI ispetto del timing e dei costi ESIGENZE E VINOLI 4.1. EPETOIO ATTIVITA IEA -STUDIO E ANALISI icerca studio e Analisi Descrizione attività: icercare, studiare e analizzare idee, tendenze moda, dati statistici e di vendita stagioni precedenti per definire il Piano di collezione per la nuova stagione (Merchandising Grid) ISULTATO FINALE Piano di collezione definito da:: a) proposta stilistica: costituita da foto di capi, immagini, selezione di tessuti (caratterizzati da peso, mano (pesante, morbido), colori del tema ( più o meno decisi, naturali o sofisticati,..) (cartellone Mood) ; è collegata al tema ispiratore (es. olonie inglesi, Università americane anni 50-0, Londra anni 0, ) b) Merchandising Grid: n tessuti, fascia prezzo del prodotto finito, n colori, n modelli, n incroci di vendita modelli-tessuti, n capi campione per agente di vendita DESIZIONE DELLA PEFOMANE Supportare l elaborazione del Merchandising Gridi collaborando con i diversi soggetti responsabili delle Unità Organizzative coinvolte (U.O.) e considerando le varie sorgenti informative di natura qualitativa e quantitativa: input strategici della proprietà e del mercato, proposte stilistiche statistiche di vendita, etc.. epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 12

13 Descrizione dei compiti elementari 1. ollabora con Line Builder e con il esponsabile della icerca e sviluppo alla definizione del Timing dello sviluppo della collezione della stagione PE/AI 2. ollabora con esponsabile della icerca e sviluppo, Linebuilder, Uff. ommerciale nell analisi del venduto della stagione precedente 3. ollabora con Line Builder e Uff. Stile, esponsabile della icerca e sviluppo, alla definizione della struttura della collezione (Merchandising Grid) 4. Acquisisce dal Line Builder il Merchandising grid, approvato dalla Proprietà (Merchandiser ) e il Timing dello sviluppo e realizzazione della collezione 5. Acquisisce il budget dei costi del campionario definito dalla dal esponsabile icerca e sviluppo. Acquisisce dal Line Builder la griglia relativa ai capi campione (componente del Merchandising Grid) da realizzare per la rete di vendita ondizioni di realizzazione - isorse Umane: Proprietà, Line Builder, Stile Prodotto - Tecnologiche: sw gestionale, risorse internet (servizi, siti,..) - Documentali: report tendenza moda, Statistiche di vendita sui prodotti stagioni precedenti i, Depliant, iviste, cartellone Mood, merchandising grid riteri - Indicatori di risultato - ompletezza e chiarezza del documento Merchandising grid - oerenza con le esigenze- input del mercato - oerenza con gli input strategici della Proprietà - oerenza con il messaggio dello stile: n e/o prevalenza di determinate tipologie - caratteristiche dei tessuti e/o modelli omplessità del contesto Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile) Attività - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare ) Autonomia apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse LIVELLO EQF EPETOIO ATTIVITÀ : SVILUPPO DELLA OLLEZIONE- FOUS SUI MATEIALI ( POTOTIPIA 1) INGESSO ON MATEIALI NUOVI HE VENGONO SPEIMENTATI ON UN MODELLO ONOSIUTO SVILUPPO DELLA OLLEZIONE : FOUS SUI MATEIALI (PIMA POTOTIPIA) Descrizione attività: Selezionare i materiali (tessuti e accessori ), stabilire le prove dei materiali da utilizzare, dei trattamenti da effettuare e valutare i risultati conseguiti ISULTATO FINALE - Prototipi di pantalone - Tessuti e accessori scelti e approvati - Trattamenti sui tessuti approvati DESIZIONE DELLA PEFOMANE Scegliere i materiali e i trattamenti effettuando delle ricerche sul mercato dei materiali, stabilendovalutando gli esiti di prove e trattamenti, considerando le dimensioni: 1) quantitative ( M.G.), 2) Economiche ( costi di sviluppo collezione) ; 3) temporali (Timing ) ; 4) industrializzazione; le scelte dovranno essere approvate dalla Proprietà 1. icerca continuamente innovazioni sui materiali (tessuti e accessori) e sui trattamenti 2. Partecipa con Stilista e altri soggetti a Fiere di Filati, Tessuti e Accessori 3. Analizza le rimanenze di Tessuti e Accessori e collabora con la Direzione alla definizione dei materiali da riutilizzare o da eliminare ( Griglia IN-OUT) epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 13

14 Descrizione dei compiti elementari ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato omplessità del contesto Attività Autonomia 4. Decide l esecuzione di Test e Prove con i Fornitori su materiali e trattamenti e valuta i risultati in collaborazione con il ontrollo Qualità 5. Valuta e sceglie i tessuti da utilizzare in prototipia considerando gli esiti della ricerca materiali e trattamenti, gli stock di magazzini da riutilizzare con gli input della M.G. ( temi ispiratori e proposte stilistiche costi e varianti ),. ollabora con lo stilista alla scelta della cartella colori per ciascun articolo di tessuto 7. Valuta e sceglie gli accessori da utilizzare in prototipia considerando, le caratteristiche del modello, gli esiti della ricerca accessori, i criteri di standardizzazione, gli stock di rimanenze di magazzino rispetto agli input del M.G.( temi ispiratori e proposte stilistiche, costi e varianti ) 8. Definisce le prove e i trattamenti sui campioni di materiali, su parti del modello, oppure sull intero capo e ne valuta il risultato 9. ollabora con la Proprietà (Merchandiser), con lo Stile, con il Line builder e responsabile icerca e Sviluppo nella approvazione dei tessuti e accessori da utilizzare nella seconda prototipia focalizzata sullo sviluppo dei modelli 10. Sceglie i fornitori dei materiali sulla base della griglia IN OUT e ordina i materiali (tessuti e accessori) - isorse Umane coinvolte: Proprietà, Prodotto, Prototipia, Modellistica, Produzione, Lavaggio e trattamenti, Stiro, Acquisti; Fornitori di materiali - Tecnologie ed impianti: SW Product Data Management per la elaborazione della documentazione (Scheda Prototipo ); Tecnologie di progettazione (AD), taglio, confezione e stiro dei prototipi; Lavanderie e Tintorie esterne ( per prove e test di materiali) - ispetto dei contenuti quantitativi del M.G. - oerenza con gli input stilistici : tema ispiratore/proposte stilistiche - ispetto delle caratteristiche funzionali e qualitative del prodotto pantalone secondo gli standard aziendali per quanto riguarda le caratteristiche dei materiali impiegati: peso, natura, composizione, colore, finissaggio, costi mimini, tempi di approvvigionamento - ispetto dei criteri di valutazione dei fornitori basandosi sulle specifiche dei capitolati - ispetto della valutazione espressa dalla Proprietà: prototipo accettato, prototipo da modificare/rivedere, prototipo scartato. - ispetto dei costi preventivati e del timing programmato Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile) - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare ) apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse LIVELLO EQF EPETOIO ATTIVITÀ SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2). INGESSO ON MATEIALI SPEIMENTATI IN PEEDENZA HE POSSONO ESSEE PESENTI IN MAGAZZINO OPPUE DEVONO ESSEE ODINATI 4.3. SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2) Descrizione attività: definire e sviluppare la modellistica e la vestibilità da abbinare ai tessuti e ai trattamenti approvati nella prototipia 1 ISULTATO FINALE Prototipo definito e approvato nella componente materiali ( tessuti e accessori) e nella modellistica-vestibilità DESIZIONE DELLA PEFOMANE ealizzare i prototipi da inserire nella collezione coordinando e gestendo le relazioni con le.u. delle diverse U.O. coinvolte, considerando la coerenza con i contenuti della M.G. nel rispetto dei tempi programmati, dei costi di sviluppo, dell innovazione prevista e delle esigenze di industrializzazione ; le scelte dovranno essere approvate dalla Proprietà Descrizione dei compiti elementari 1. ollabora con lo stile nella definizione dei modelli e del fitting da utilizzare in Seconda prototipia considerando gli input del MG e materiali approvati nella prima prototipia. 2. Sceglie i fornitori dei materiali 3. ontrolla i dati tecnici dei tessuti selezionati e valuta le tipologie di utilizzo 4. Ordina i materiali (tessuto e accessori) relativi ai prototipi 5. Decide l ordine di produzione (lancio) delle attività di prototipia 2 e controlla il rispetto delle date di rientro dei capi. omunica all Uff. Modelli le informazioni per la realizzazione dei modelli (cartamodello AD ) nuovi o di nuovi particolari e/o nuove lavorazioni, epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 14

15 7. Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation ; in particolare ollabora con l Uff. Modelli alla ricerca e scelta di soluzioni di industrializzazione sin dalla fase di costruzione dei prototipi 8. Prende decisioni in termini di modifica di lavorazioni ( confezione o trattamento) a fronte di problematiche segnalate in fase di modellistica -vestibilità 9. Assicura lo svolgimento dei compiti gestionali dell ufficio prodotto: codifica i materiali, aggiorna e completa ( es. codici doganali) le anagrafiche esistenti nel sistema gestionale 10. ontrolla lo stato di avanzamento dello sviluppo dei prototipi 11. Organizza e gestisce riunioni per prove, fitting, sdifettamento ONTOLLA I POTOTIPI EALIZZATO NELLE FASI DI POVA, FITTING E SDIFETTAMENTO (ATTIVITA PESELTA ) 13. ollabora con lo Stile alla preparazione della riunione in cui si presenta la collezione alla Proprietà e Merchandiser per la valutazione, scelta e approvazione finale dei prototipi della collezione. ondizioni di realizzazione isorse Umane appartenenti alle funzioni: Proprietà, Prodotto, Stle, Prototipia, Modellistica, Produzione, Lavaggio e trattamenti, Stiro, Acquisti; Fornitori di materiali - Tecnologie ed impianti: SW Product Data Management per la elaborazione della documentazione (Scheda Prodotto, e primi input della Distinta base); Tecnologie di progettazione (AD), taglio, confezione e stiro dei prototipi interni; Lavanderie e Tintorie esterne; Fornitori materiali Documentali: Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti ; Scheda tecnica prot.; Scheda annotazioni modifiche ; Indicatori di risultato - ispetto dei tempi programmati nel timing della collazione - ispetto dei costi di sviluppo previsti dal budget - ispetto dei contenuti della M.G.: tema ispiratore/ proposta stilistica, costi e quantità tessuti per linea - ispondenza alle attese funzionali e qualitative e di gusto del prodotto pantalone secondo gli standard aziendali omplessità del contesto Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse Attività Autonomia LIVELLO EQF 4.4. EPETOIO ATTIVITA PODUZIONE AMPIONAIO 3.5 PODUZIONE AMPIONAIO Descrizione attività: ealizzare e controllare la produzione del campionario, predisporre la documentazione di supporto necessaria e presentazione del campionario alla rete di vendita ISULTATO FINALE Il campionario replicato, corredato della documentazione tecnico commerciale necessaria (Modellarlo, Scheda Tecnica, Distinta Base,..) DESIZIONE DELLA PEFOMANE ealizzare il campionario coordinando e gestendo le relazioni con le.u. delle U.O. coinvolte considerando i contenuti del M.G. ( tema ispiratore, proposta stilistica, costi, varianti,..) e gli aspetti i relativi ai costi e tempi di sviluppo della collezione, bilanciando in modo ottimale la praticabilità produttiva e l idea stilistica Descrizione dei compiti elementari 1. Ordina i materiali per la produzione del campionario 2. Predispone gli ordini relativi ai capi di campionario da realizzare (Emissione ordine di produzione) 3. Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation) tramite la compilazione della Documentazione tecnica di sua competenza ( vedi SW PDM) 4. ollabora e coordina il flusso di informazioni con Uff.tecnico e Uff. Qualità per la stima dei costi definitivi. 5. omunica all Uff Tecnico gli abbinamenti di accessori di stile/prodotto per la produzione del campionario. oordina e controlla il processo di avanzamento del campionario 7. Supervisiona i capi campione al rientro dalla produzione ( già controllati da Movimoda ) e decide se accettare e spedire i capi definiti non conformi - Decide se annullare o rilavorare ( es. ulteriori lavaggi) i capi non conformi. epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 15

16 8. Presiede riunioni per il controllo dei requisiti stilistici ( se il risultato per i nuovi capi corrispondono alle aspettative stilistiche) e per il controllo dell avanzamento della produzione del campionario 9. Dispone e verifica la realizzazione della documentazione di accompagnamento del campionario(modellarlo) 10. ollabora, con lo Stile, alla preparazione dei materiali per la presentazione della collezione agli agenti, agli store manager, ai resp. commerciali 11. ollabora alla preparazione per la spedizione dei campionari alla rete di vendita. 12. Presenta il campionario alla rete di vendita ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato omplessità del contesto Attività Autonomia isorse Umane : esponsabile Prodotto, Stilista, Proprietà, Line Builder, esponsabile trattamenti, Addetto Qualità, esponsabile produzione (IT), Addetta collaudo, Stiratrice, esponsabile produzione (omania), Fornitori materiali certificati Tecnologie ed impianti : 1) Sistema gestionale prodotto; sistema gestionale di produzione (omania); 2) Tecnologie AD - Taglio, onfezione,trattamento, Lavaggio, Stiro e ollaudo (tavolo con metro ); 3) ompleto inserimento dei dati di competenza dell Uff. prodotto nel sistema gestionale; 4) Disponibilità dei materiali necessari per la produzione del campionario e Disponibilità di capacità produttiva per la realizzazione del campionario Documentazione: Scheda collaudo capi campione e artellino modifiche ( Movimoda) ; Distinta Base, Scheda tecnica prodotto; Documentazione movimentazione magazzino ; - ispetto delle specifiche del M.G - ispetto Temi ispiratori + proposta stilistica - ispetto costi programmati di sviluppo - ispetto tempi programmati - ispetto esigenze di industrializzazione (scheda Tecnica e Distinta Base ) Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse LIVELLO EQF 4.5. EPETOIO ATTIVITA ASSISTENZA ALLA PODUZIONE ASSISTENZA ALLA PODUZIONE Descrizione attività: Assistere la produzione dei capi finiti con attività di supporto nello sdifettamento e industrializzazione ISULTATO FINALE I capi campione appartenenti alla collezione sono sdifettati e approvati per essere prodotti industrialmente nelle fabbriche umene e Portoghesi DESIZIONE DELLA PEFOMANE ollabora con la Direzione della Produzione e l Esperto Qualità allo sdifettamento dei capi campione, alla ricerca di soluzioni delle criticità emerse in fase di campionario prima dell avvio della produzione 1. ollabora nella individuazione dei difetti e delle criticità dei capi di collezione 2. ollabora con Uff. Tecnico, Dir. produzione, Uff. Qualità allo sdifettamento del ampionario per l avvio della produzione. 3.Propone soluzioni relativamente ai materiali e /o ai trattamenti epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 1

17 Descrizione dei compiti elementari ondizioni di realizzazione isorse Umane: esponsabile Prodotto, esp. produzione, Addetto Qualità Tecnologie ed impianti: Impianti di produzioni SW PDM per l inserimento e la comunicazione delle problematiche rilevate e delle possibili soluzioni proposte e delle decisioni approvate e condivise Documentazione : schede tecniche di campionario con note di sdifettamento, distinte base di produzione Indicatori di risultato - Lead time delle attività di sdifettamento ( tempestività dello sblocco) - aggiungimento di soluzioni coerenti con il costo standard del prodotto omplessità del contesto - Il contesto di esperienza risulta instabile e variabile, cioè esposto a cambiamenti imprevedibili Attività - Le azioni richiedono discrezionalità e capacita di risolvere le criticità (problemi, errori; imprevisti, etc) Autonomia -apacita di realizzare le attività da solo senza aiuto esterno; ancorché con possibile supervisione LIVELLO EQF EPETOIO ATTIVITA OGANIZZAZIONE E GESTIONE UFFIIO PODOTTO 3. OGANIZZAZIONE E GESTIONE UFFIIO PODOTTO Descrizione attività: Organizzare e gestire le attività dell Ufficio Prodotto in funzione delle direttive aziendali ISULTATO FINALE Ufficio prodotto organizzato e gestito per garantire la realizzazione del campionario nei tempi e nei costi prefissati DESIZIONE DELLA PEFOMANE Organizzare e gestire le attività tecniche e gestionali dell Ufficio Prodotto prendendo decisioni per il miglioramento continuo dei parametri di efficienza, efficacia, flessibilità nell uso delle risorse umane, tecnologiche, economiche e di innovazione per lo sviluppo della collezione, considerando gli input strategici della Direzione e bilanciando gli aspetti relativi agli input stile ( i temi ispiratori e proposte stilistiche) con la praticabilità produttiva delle soluzioni individuate favorendo l applicazione del concetto di industrializzazione sin dall inizio del processo di sviluppo della collezione 1. icerca nuove modalità operative ottimali e funzionali alle esigenze dei processi 2. ontrolla e valuta il rispetto del budget del entro di costo ufficio prodotto epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 17

18 Descrizione dei compiti elementari ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato omplessità del contesto Attività Autonomia ( MbO - Management by objectives) 3. iduce / ottimizza i costi di Sviluppo della collezione 4. Gestisce gli orari di lavoro dell organico a disposizione con utilizzo dello strumento della flessibilità ( senza ricorrere agli straordinari) 5. Assicura l aggiornamento del sistema gestionale: inserimento e aggiornamento codifiche, schede tecniche, emissione di documenti di carico/scarico materiali per la realizazione del campionario, controllo corrspondenza dati tecnico commerciali del fornitore con archivio sistema gestionale. ollabora con Assicurazione Qualità "Total quality" per il miglioramento continuo delle performance di prodotto e di processo 7. ura la comunicazione nei confronti dei collaboratori interni all ufficio, verso le Unità Organizzative aziendali e verso i fornitori esterni. 8. ollabora con Uff Acquisti e la Supply chain negli acquisti e nella valutazione dei fornitori - Numero di Addetti previsti da Budget /piano di sviluppo con le competenze necessarie - Sistema di gestione software efficace : controllo costi, gestione Schede tecniche, etc - ispetto / scostamento rispetto al budget del centro di costo dell Ufficio prodotto. - Miglioramento ( riduzione) dei costi dell Ufficio prodotto rispetto ai budget - Miglioramento ( riduzione) dei costi di prototipia - Miglioramento dei costi di ricerca - Flusso di dati e informazioni corrette e tempestive da mettere a disposizione degli enti e soggetti coinvolti nello sviluppo della collezione - ispetto timing - Le azioni richiedono discrezionalità e capacita di risolvere le criticità (problemi, errori; imprevisti, etc) -apacita di realizzare le attività da solo senza aiuto esterno; ancorché con possibile supervisione LIVELLO EQF ANALISI ONOLOGIA DEI OMPITI DELL ATTIVITA ONTOLLO POVA E SDIFETTAMENTO POTOTIPI POVA E ONTOLLO POTOTIPO Descrizione attività: controllare il prototipo provando il prototipo indossato dall indossatore ISULTATO FINALE Prototipo definito e approvato nella componente materiali ( tessuti e accessori) e nella modellistica/confezione DESIZIONE DELLA PEFOMANE IL.P. ontrolla il prototipo da inserire nella collezione coordinando e gestendo le relazioni con esponsabile della linea prodotto; Stilista, Modellista considerando la coerenza con i contenuti della M.G., del Tema ispiratore/ Proposte stilistiche nel rispetto dei tempi programmati, dei costi di sviluppo, dell innovazione prevista, delle esigenze di industrializzazione e delle direttive della proprietà La prototipista 1) illustra le (eventuali )modifiche eseguite rispetto l eventuale controllo precedente 2) Misurazione del capo e verifica dell uniformità del capo rispetto alle misure previste 2) Il responsabile di linea condivide le ultime modifiche apposte sul disegno figurino con il gruppo di lavoro epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 18

19 OMPITI ELEMENTAI Non sempre avvengono con questa cronologia 3) Il gruppo osserva globalmente il pantalone indossato in piedi guradando il davanti, di fianco, dietro 4) Il gruppo osserva il pantalone indossato seduto (in particolare per le vestibilità strette ) per esaminare in particolare il comfort. 5) Il gruppo osserva i particolari esterni guardando il davanti e il dietro ) Il gruppo osserva i particolari interni guardando davanti e dietro 7) Il gruppo osserva e tocca con mano il tessuto per esaminarne la qualità 8) Il gruppo osserva la confezione: cuciture,taglio tessuto,.. 9). Il gruppo osserva gli accessori: ganci, bottoni, cerniere, 10) Il gruppo osserva gli abbinamenti esterni ; colore tessuto -filo, colore tessuto filati; -bottoni, 11) Il gruppo osserva gli abbinamenti interni : colore tessuto - fodere, colore tessuto fodere,..etc Il gruppo osserva sotto il profilo tattile e visivo i trattamenti effettuati sul prototipo ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato isorse Umane appartenenti alle funzioni:, Prodotto, Stle, Prototipia, Modellistica, Produzione, qualità (di solito non c è ma dovrebbe) - Tecnologie ed impianti: Tavolo di appoggio, astrelliera con appesi i prototipi della collezione, metro, blocchi per appunti modifiche, Personal computer Documentali: Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti ; Scheda prototipo, Scheda annotazioni modifiche ; figurino 1) ispetto dei contenuti della M.G. 2) ispetto input stilistici : Tema ispiratore/proposte stilistiche 3) oerenza degli abbinamenti 4) oerenza dei trattamenti 5) oerenza con i valori della linea e dell azienda ) ispetto dei tempi programmati nel timing della collazione 7) ispetto dei costi di sviluppo previsti dal budget 8) Problematiche produttive LIVELLO EQF omplessità del contesto Attività Autonomia epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 19

20 POFILO ESPONSABILE OLLEZIONE SLOWEA EPETOIO OMPETENZE «AU- DELA DE L APPENTISSAGE FOMEL» (ADAF) EPETOIO OMPETENZE epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 20

TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA

TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA TECNICO SUPERIORE DI PROCESSO, PRODOTTO E COMUNICAZIONE MARKETING PER IL SETTORE TESSILE ABBIGLIAMENTO MODA COMPETENZE ABILITA * ORE FRON TALI * 1 Fibre naturali e fibre chimiche - Riconoscere le correlazioni

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - SARTO Addetto alla rifinitura

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della produzione

3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della produzione 3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della I Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della monitorano e verificano la congruità con gli obiettivi

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Operatore dell abbigliamento - Sartoria. Standard formativo minimo regionale

Operatore dell abbigliamento - Sartoria. Standard formativo minimo regionale Operatore dell abbigliamento - Sartoria Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO - SARTORIA Referenziazioni del profilo Professioni NUP/ISTAT

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali N.PROT. 3448 C/27 del 02 dicembre 2010 Allegato 3 FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA

Dettagli

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13 Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PROGETTISTA MOBILI E

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

Cover. La soluzione gestionale per conoscere ed elaborare i TEMPI di produzione ottimizzandone i METODI di realizzo.

Cover. La soluzione gestionale per conoscere ed elaborare i TEMPI di produzione ottimizzandone i METODI di realizzo. Cover La soluzione gestionale per conoscere ed elaborare i TEMPI di produzione ottimizzandone i METODI di realizzo. Tempi e Metodi Realizzato sull esperienza vissuta in prima persona all interno delle

Dettagli

Rilevi Group srl viene costituita a Bologna, Italia, nel

Rilevi Group srl viene costituita a Bologna, Italia, nel R G R O U P Company Profile Profilo Rilevi Group srl è un nome che è sinonimo di qualità e servizio nel campo del ricamo fatto a mano fin dal 1991, anno di costituzione. Rilievi Group è conosciuta presso

Dettagli

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna Le professioni comprese in questa unità raccolgono, controllano e archiviano la documentazione sulle merci esistenti, in entrata e in uscita

Dettagli

Disponibilità di. Produzione. Rientro da produzione

Disponibilità di. Produzione. Rientro da produzione 1. I settori L azienda manifatturiera dove sono presenti maggiormente le problematiche relative alla produzione di serie o su commessa; L azienda commerciale con problematiche più spinte nell area della

Dettagli

I.T.I.S. V. E. Marzotto - Valdagno ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO. L esperienza del corso di specializzazione tessile

I.T.I.S. V. E. Marzotto - Valdagno ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO. L esperienza del corso di specializzazione tessile I.T.I.S. V. E. Marzotto - Valdagno ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO L esperienza del corso di specializzazione tessile D2 ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO L A.S.L. è una metodologia che prevede un periodo di apprendimento

Dettagli

1.3.1.2.0 - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese nell industria in senso stretto

1.3.1.2.0 - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese nell industria in senso stretto 1.3.1.2.0 - Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese nell industria in senso stretto Gli Imprenditori, gestori e responsabili di piccole imprese sono a capo di piccole imprese di cui definiscono,

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Denominazione del PROFILO Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.5.3.3 Sarti e tagliatori artigianali,

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Area Applicativa: Qualità

Area Applicativa: Qualità Il software progettato e sviluppato per gestire in modo del tutto informatizzato le attività relative al controllo qualità aziendale. Un applicazione specifica che consente di raccogliere dati, analizzarli

Dettagli

DISEGNATORE MECCANICO

DISEGNATORE MECCANICO DISEGNATORE MECCANICO Gestione distinte base, progettazione meccanica, tolleranze lavorazioni meccaniche e fusioni Stesura e rezione di documentazione e manuali tecnici necessari durante l intero ciclo

Dettagli

OBIETTIVI. SETTORE DI RIFERIMENTO: caratteristiche, esigenze formative, margini di sviluppo

OBIETTIVI. SETTORE DI RIFERIMENTO: caratteristiche, esigenze formative, margini di sviluppo Sede del master: Milano Data del master: Dal 10 al 22 giugno 2013 Durata: 100 ore in full immersion 2 settimane di stage in tutta Italia presso uffici stile, laboratori di moda, atelier e show room Numero

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero 3.1.5.2.0 - Tecnici del controllo della qualità industriale I Tecnici del controllo della qualità industriale assistono gli specialisti nelle ricerche e nella progettazione, sviluppo e valutazione di sistemi

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

Moda.PDM. Scheda tecnica

Moda.PDM. Scheda tecnica Scheda tecnica Modasystem è una sofware house, leader nel settore, nata e strutturata per realizzare e proporre software applicativo per industrie di abbigliamento e calzature. Il personale di Modasystem

Dettagli

Operatore dell abbigliamento. Standard formativo minimo regionale

Operatore dell abbigliamento. Standard formativo minimo regionale Operatore dell abbigliamento Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6. Artigiani,

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc VisualTailor Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc devo creare le specifiche per realizzare un prodotto personalizzato su richiesta dei miei clienti!!! Come devo fare????? Visual Tailor

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

La soluzione per la gestione completa della produzione nel settore delle confezioni

La soluzione per la gestione completa della produzione nel settore delle confezioni La soluzione per la gestione completa della produzione nel settore delle confezioni ( Magazzino Vendite e Acquisti ) W-CON è un software gestionale concepito per soddisfare le problematiche relative alle

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

viale tunisia, 38 20124 milano tel. (+39) 02 66719165 fax (+39) 02 67492728 gsm (+39) 335 275713 e-mail: info@estherlorber.com

viale tunisia, 38 20124 milano tel. (+39) 02 66719165 fax (+39) 02 67492728 gsm (+39) 335 275713 e-mail: info@estherlorber.com esther lorber ha uno studio creativo e dinamico con un ottica anche commerciale specializzato da oltre 23 anni nella notevole anticipazione delle tendenze, collaborando con fiere mondiali come milano unica,

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

TESSILE / CONFEZIONE

TESSILE / CONFEZIONE TESSILE / CONFEZIONE INDAGINE 2007 2008 DA RESTITUIRE A... indirizzo... fax... e-mail... PER QUALSIASI CHIARIMENTO CONTATTARE:... (Nominativo) (telefono) (e-mail)... (Nominativo) (telefono) (e-mail) codice

Dettagli

Proposta formativa modulare su: tecnologia tessile e confezione

Proposta formativa modulare su: tecnologia tessile e confezione Proposta formativa modulare su: tecnologia tessile e confezione Marzo 2008 Q 1 Un percorso altamente innovativo... tex &fash èuna proposta formativa progettata per aziende che puntano a: migliorare la

Dettagli

Operatore dell abbigliamento. Standard della Figura nazionale

Operatore dell abbigliamento. Standard della Figura nazionale Operatore dell abbigliamento Standard della Figura nazionale Denominazione della figura OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di

Dettagli

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE L azienda Il prodotto I negozi Contatti L AZIENDA storia CLASS nasce nel 1979 frutto di una grande attenzione all universo femminile nel quale ha espresso il suo ideale di donna ispirato da un minimalismo

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero (TAC)

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-abbigliamento-calzaturiero (TAC) 5.1.2.2.0 ommessi delle vendite al minuto Le professioni comprese in questa unità assistono, consigliano e informano i clienti sugli acquisti di prodotti e la fornitura di beni, inclusa la fornitura di

Dettagli

Progetto. TRANSALP Lavoro senza frontiere. Analisi delle competenze. profilo professionale: CAPO CANTIERE

Progetto. TRANSALP Lavoro senza frontiere. Analisi delle competenze. profilo professionale: CAPO CANTIERE Progetto TRANSALP Lavoro senza frontiere Analisi delle competenze profilo professionale: CAPO CANTIERE Analisi a cura di CARTESA Data a seguito dell intervista: Persona intervistata: Ruolo: indirizzo,

Dettagli

SETTORE PER SETTORE, I PROFILI PIU RICHIESTI (E PIU PAGATI) DALLE AZIENDE

SETTORE PER SETTORE, I PROFILI PIU RICHIESTI (E PIU PAGATI) DALLE AZIENDE SETTORE PER SETTORE, I PROFILI PIU RICHIESTI (E PIU PAGATI) DALLE AZIENDE SALUTE FINANZA LUSSO & MODA DIGITALE RISTORAZIONE VENDITA ENERGIA DIGITALE 1) Web marketing manager Ruolo: responsabile dello sviluppo

Dettagli

XMART per gestire il retail non food

XMART per gestire il retail non food XMART per gestire il retail non food Le aziende retail che oggi competono nei mercati specializzati, sono obbligati a gestire una complessità sempre maggiore; per questo, hanno bisogno di un valido strumento

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Interim & specialized recruitment www.pagepersonnel.it Page Personnel Italia SpA Chi siamo

Dettagli

RetailOne. RetailOne è l add-on sviluppato interamente su piattaforma SAP Business One, destinato ai punti vendita.

RetailOne. RetailOne è l add-on sviluppato interamente su piattaforma SAP Business One, destinato ai punti vendita. Le aziende che oggi vogliono operare nel settore della distribuzione organizzata devono saper interagire con l'ambiente competitivo che le circonda con grande prontezza. Avere le informazioni giuste al

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Tracciabilità strumentario e teleria chirurgica in sala operatoria e nelle centrali di sterilizzazione. Riccione, 13 ottobre 2012

Tracciabilità strumentario e teleria chirurgica in sala operatoria e nelle centrali di sterilizzazione. Riccione, 13 ottobre 2012 Tracciabilità strumentario e teleria chirurgica in sala operatoria e nelle centrali di sterilizzazione Riccione, 13 ottobre 2012 1 INTRODUZIONE La tracciabilità e rintracciabilità dello strumentario chirurgico

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza sulle tecniche di Management Accounting più

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA VENDITA

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

RIESAME CONTRATTO. Generalità (RIF. 4.3.1) Spesso i clienti chiedono certezze: - sui tempi di consegna, - sugli standard di qualità, ecc.

RIESAME CONTRATTO. Generalità (RIF. 4.3.1) Spesso i clienti chiedono certezze: - sui tempi di consegna, - sugli standard di qualità, ecc. RIESAME CONTRATTO Generalità (RIF. 4.3.1) Spesso i clienti chiedono certezze: - sui tempi di consegna, - sugli standard di qualità, ecc. e in risposta sentono frasi come le seguenti: - non programmate;

Dettagli

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO

ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO ENTE TITOLARE: ISTITUTO VENETO PER IL LAVORO PROGETTO 2/1/1/1758/2009 Riconoscimento e certificazione delle competenze acquisite in ambiente di lavoro dagli occupati in contratto di apprendistato AzioneMacro

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo di illustrare gli strumenti più

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

SOGEA CONSULTING SRL

SOGEA CONSULTING SRL SOGEA CONSULTING SRL Via I Maggio, 5-37069 Villafranca di Verona (VR) tel. 045 / 6305441 - fax 045 / 6336338 info@sogeaconsulting.com - www.sogeaconsulting.com x-ego è un software gestionale di base composto

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

Il sistema consente la gestione e la rintracciabilità dei materiali nei processi produttivi attraverso:

Il sistema consente la gestione e la rintracciabilità dei materiali nei processi produttivi attraverso: Gestione Taglie e Colori è uno specifico modulo di produzione integrato all interno della soluzione gestionale EGGs.web, appositamente studiato per la gestione delle taglie e dei colori dei diversi capi

Dettagli

indice mas logistics 05 persone 06 perchè scegliere mas logistics 12 LA progettazione del servizio 18 gestione DEI magazzini materie prime 20

indice mas logistics 05 persone 06 perchè scegliere mas logistics 12 LA progettazione del servizio 18 gestione DEI magazzini materie prime 20 maslogistics indice mas logistics 05 persone 06 perchè scegliere mas logistics 12 I PRINCIPALI servizi OFFERTI 14 LA progettazione del servizio 18 gestione DEI magazzini materie prime 20 gestione DEI magazzini

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 16. TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 16. TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 16. TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

I P E R T E C H w h i t e p a p e r Pag. 1/6

I P E R T E C H w h i t e p a p e r Pag. 1/6 Ipertech è un potente sistema per la configurazione tecnica e commerciale di prodotto. È una soluzione completa, che integra numerose funzioni che potranno essere attivate in relazione alle necessità del

Dettagli

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company La nuova voce del verbo CRM La soluzione ideale per il marketing e le vendite A WoltersKluwer Company Player il cliente al centro della nostra attenzione. Player: la Soluzione per il successo nelle vendite,

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

Rifinizione A L A N S.p.A.

Rifinizione A L A N S.p.A. Rifinizione A L A N S.p.A. Quando l integrazione del Sistema Informativo si trasforma in vantaggio aziendale L Azienda : Rifinizione ALAN SpA - Dal 1991 leader nel finissaggio, tintoria e resinatura in

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA

IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA LA MISURA DELLA PERFORMANCE AREA Core Management Skills Modulo Avanzato IL CONTROLLO DI GESTIONE DELLA LOGISTICA La misura della performance Il corso si focalizza

Dettagli

Software dedicato alle aziende del settore abbigliamento a partire dalla produzione alla vendita al dettaglio. Utile ai punti vendita con articoli

Software dedicato alle aziende del settore abbigliamento a partire dalla produzione alla vendita al dettaglio. Utile ai punti vendita con articoli Software dedicato alle aziende del settore abbigliamento a partire dalla produzione alla vendita al dettaglio. Utile ai punti vendita con articoli che richiedono la gestione di varianti di misure e colori

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli