F.2.11 REPERTORIO PROFESSIONALE E DELLE COMPETENZE RESPONSABILE DI COLLEZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F.2.11 REPERTORIO PROFESSIONALE E DELLE COMPETENZE RESPONSABILE DI COLLEZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE"

Transcript

1 Progetto «AU-DELA DE L APPENTISSAGE FOMEL» LLP-LDV/TOI/10/IT/499 F.2.11 EPETOIO POFESSIONALE E DELLE OMPETENZE DELLA FIGUA POFESSIONALE ESPONSABILE DI OLLEZIONE Il presente progetto è finanziato con il sostegno della ommissione Europea L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la ommissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto dalle informazioni in essa contenute epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 1

2 INDIE INTODUZIONE 1. DESIZIONE DEL POFILO POFESSIONALE 1.1. TITOLO 1.2. MISSIONE 1.3. ONTESTO LAVOATIVO 1.4. POSIZIONE GEAHIO-OGANIZZATIVA 1.5. ESPONSABILITÀ E AUTONOMIA 2. ATIOLAZIONE DELLE ATTIVITÀ PE DOMINI FUNZIONALI 3. ATE LIENTI-FONITOI 3.1. ATA LIENTI -FONITOI IEA-STUDIO E ANALISI 3.2. ATA LIENTI-FONITOI DOMINIO SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MATEIALI E TATTAMENTI (POTOTIPIA 1) 3.3. ATA LIENTI-FONITOI DOMINIO SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2) 3.4. ATA LIENTI -FONITOI DOMINIO PODUZIONE AMPIONAIO 4. EPETOIO ATTIVITÀ 4.1. IEA, STUDIO E ANALISI 4.2. SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MATEIALI (POTOTIPIA 1) 4.3. SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2) 4.4. PODUZIONE AMPIONAIO 4.5. OGANIZZAZIONE E GESTIONE INTENA DELL UFFIIO PODOTTO 4.. ASSISTENZA ALLA PODUZIONE DI API FINITI 5. ANALISI DEI OMPITI DELL ATTIVITA ONTOLLO POVA E SDIFETTAMENTO POTIPI 5.1. ANALISI OMPITI ONOLOGII DELL ATTIVITA DI ONTOLLO DELLE POVE E DI SDIFETTAMENTO DI UN POTOTIPO. EPETOIO OMPETENZE.1. U..1.: IEAE, STUDIAE E ANALIZZAE IDEE, TENDENZE MODA, DATI STATISTII E DI VENDITA STAGIONI PEEDENTI PE SUPPOTAE LA DEFINIZIONE DELLA STUTTUA DELLA OLLEZIONE (MEHANDISING GID ).2. U.. 2.: SELEZIONAE I MATEIALI (TESSUTI E AESSOI ), STABILIE LE POVE DEI MATEIALI DA UTILIZZAE, DEI TATTAMENTI DA EFFETTUAE E VALUTAE I ISULTATI ONSEGUITI.3. U..3.: DEFINIE E SVILUPPAE LA MODELLISTIA E LA VESTIBILITÀ DA ABBINAE AI TESSUTI E AI TATTAMENTI APPOVATI NELLA POTOTIPIA 1.4. U..4.: PIANIFIAE, DEIDEE IL LANIO DEL AMPIONAIO, GESTIE ED AGGIONAE IL DATABASE AZIENDALE PE I DATI DI OMPETENZA DELL UFFIIO PODOTTO.5. U..5.: OGANIZZAE E GESTIE LE ATTIVITÀ DELL UFFIIO PODOTTO IN FUNZIONE DELLE DIETTIVE AZIENDALI 7. INDIATOI DI ONTOLLO DI API AMPIONE 8. MATIE DI OELAZIONE ATTIVITA -OMPETENZE E LIVELLI EQF 9. IL MODELLOOGNITIVO DEL ESPONSABILE OLLEZIONE epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 2

3 INTODUZIONE Lo scopo del presente documento è quello di definire il repertorio delle attività e delle competenze relativamente alla Figura Professionale di esponsabile di collezione della Slowear spa Slowear S.p.a. è un impresa tessile leader nel suo settore, con 400 lavoratori; produce pantaloni, maglie, camicie giacche e giubbotti per uomo e donna, rispettivamente con le marche Incotex, ED, Zanone, Glanshirt et Montedoro; i valori fondamentali di Slowear sono la qualità, l innovazione continua dei tessuti e dei trattamenti, l'attenzione alle rifiniture, ai dettagli in particolare a quelli interni; i capi sono realizzati in Italia, omania e Portogallo e distribuiti, attraverso una rete di vendita a livello mondiale, in Europa, Stati Uniti e Giappone. L impostazione metodologica con cui è stata sviluppata l analisi complessiva del processo di Sviluppo collezione ha considerato l analisi inizialmente del lavoro prescritto e, successivamente, del lavoro ridefinito tramite un intervista al esponsabile di ollezione; questa attività ha permesso di determinare le seguenti attività di base: 1. icerca, studio e analisi 2. Sviluppo collezione con focus sui materiali (prototipia 1) 3. Sviluppo collezione con focus sui modelli (prototipia 2) 4. Produzione campionario 5. Organizzazione e gestione interna dell ufficio prodotto. Assistenza alla produzione di capi finiti Ogni attività è stata ulteriormente e singolarmente analizzata sotto i seguenti aspetti: 1. La definizione dell attività; 2. Il risultato finale; 3. La descrizione della performance; 3. I compiti elementari; 4. Le condizioni di realizzazione; 5. Gli indicatori di performance; epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 3

4 Successivamente l analisi ha considerato: - il lavoro effettivo, tramite l osservazione e la video-registrazione dei compiti elementari relativi alla valutazione di un prototipo di un pantalone realizzate da un team composto da : esponsabile ollezione, esponsabile linea di collezione icerca, Stilista e esponsabile prototipia - l attività reale, tramite il commento da parte del esponsabile di collezione delle tracce del lavoro video-registrate nella fase precedente. Questo approfondimento ha permesso di determinare gli indicatori i di processo e di risultato, il percorso logico di azione che sottende la performance, i saperi taciti e gli indicatori di controllo. In particolare l analisi dell attività reale ha permesso di determinare il modello cognitivo operativo del esponsabile di collezione illustrato nel apitolo 9. Sulla base delle informazioni descritte è stata effettuata una prefigurazione del livello EQF considerando in particolare la dimensione organizzativa dei descrittori EQF : omplessità del contesto; Tipologia di attività ; Autonomia e responsabilità Sulla base delle informazione raccolte sono state determinate, denominate e descritte le abilità tecnico, professionali, cognitive, sociali e personali delle U.. a cui sono stati associati i livelli EQF (vedi matrice capitolo 8): U..1.: ricercare, studiare e analizzare idee, tendenze moda, dati statistici e di vendita stagioni precedenti per supportare la definizione della struttura della collezione (merchandising grid ) U. 2.: selezionare i materiali (tessuti e accessori ), stabilire le prove dei materiali da utilizzare, dei trattamenti da effettuare e valutare i risultati conseguiti U.. 3.: definire e sviluppare la modellistica e la vestibilità da abbinare ai tessuti e ai trattamenti approvati nella prototipia 1 U...4.: pianificare, decidere il lancio del campionario, gestire ed aggiornare il database aziendale per i dati di competenza dell ufficio prodotto U...5.: organizzare e gestire le attività dell ufficio prodotto in funzione delle direttive aziendali epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 4

5 1. IL POFILO DEL ESPONSABILE DI OLLEZIONE: (SOLO PANTALONI INOTEX E ED ) 1.1. TITOLO: ESPONSABILE DELL UFFIIO PODOTTO UOMO 1.2. MISSIONE La sua missione e assicurare la realizzazione della collezione nel rispetto degli input e degli obiettivi aziendali (tempi, costi, concept, ecc) Nel processo di sviluppo del prodotto e della collezione, il.. svolge un ruolo di mediazione tra le esigenze esterne relative al mercato (vendite, modalità distributive, concorrenza,..), le tendenze di stile e le esigenze del processo produttivo e dei vincoli di industrializzazione. Si occupa della gestione complessiva dello sviluppo della collezione dalla discussione del Merchanding Grid con lo stile e la proprietà fino alla presentazione del campionario, in showroom ed allo sdifettamento di produzione; Il.. ottimizza con le opportune scelte e decisioni, la traduzione dell idea stilistica in prodotti da inserire nella collezione e realizza fisicamente le repliche di campionario da inviare alla rete di vendita costituita da propri e agenti, showroom localizzati in Italia, in Nord Europa, Stati Uniti e Giappone e alla organizzazione interna che gestisce il retail (Officina Slowear) (?) Gli aspetti critici che caratterizzano la missione sono contraddistinti: - dall esigenza di conseguire lo Sviluppo del campionario con le risorse economiche e temporali definite ( budget, tempi,.) - dalla necessità di mantenere una posizione di cerniera equilibrata tra Stile/Prodotto e industrializzazione/produzione 1.3. ONTESTO LAVOATIVO Il.. interagisce sia con le Unità Organizzative e soggetti interni quali la Proprietà ( con funzione Merchandiser che definisce le linee guida del prodotto), esponsabile icerca e Sviluppo, Line Builder (Slowear uomo), Stile, Produzione, Qualità, Modelli/Prototipia, Taglio, onfezione, sia con le Unità Organizzative esterne quali Tintorie, Lavanderie per i trattamenti in capo (confezionato), Stirerie, Service di collaudo e immagazzinamento, Unità di produzione POSIZIONE LAVOATIVA Il.. coordina gli attori coinvolti nel processo di sviluppo della collezione e di produzione del campionario. La sua posizione è caratterizzata: - dalla focalizzazione sulla qualità del prodotto : la priorità è costituita dalla ricerca continua dell innovazione dei materiali, dalla perfezione esecutiva dei particolari ed estrema attenzione ai particolari, ai dettagli ed agli interni. - dalla centralità delle attività di sviluppo della collezione (ricerca ed utilizzo materiali e realizzazione prototipi) e di produzione del campionario fino alla consegna alla rete di vendita - dalla rilevanza degli aspetti gestionali riguardanti la documentazione tecnica di prodotto, in termini di creazione, compilazione e aggiornamento della documentazione inerente lo sviluppo della collezione (Scheda Prototipi, Distinta base, Figurini, artelle colori, Scheda costi, ecc,) i cui contenuti sono utilizzati dalleunità Organizzative interne ed esterne - dalla forte attenzione agli aspetti di natura economica relativi ai costi di svilupporealizzazione della collezione che vengono (sempre più) analiticamente specificati, pianificati e monitorati dal responsabile della icerca e Svilupp0 epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 5

6 -dall importanza della gestione e del rispetto del timing di collezione definito anticipatamente dal esponsabile della icerca e Sviluppo POSIZIONE GEAHIO-OGANIZZATIVA - isponde al esponsabile icerca e Sviluppo - Ha la responsabilità diretta dell Ufficio Prodotto composto da: n. 1 product manager di linea n. 1 sviluppo prodotto n. 1 junior product manager di linea ( sviluppo prodotto) n. 7 assistenti al prodotto ( aspetti gestionali) n. 2 addetti all ufficio campioneria ( gestione dei vari campioni in entrata e uscita, allestimento cartelle colori e tessuti per la rete di vendita) 1.. ESPONSABILITÀ E AUTONOMIA - esponsabilità: il ha la responsabilità legata al raggiungimento degli obiettivi relativi agli aspetti economici (costi di sviluppo della collezione), temporale (timing programmato), quantitativi (composizione della collezione cioe quanto e cosa realizzare). - Autonomia: il dispone di una autonomia di decisione nelle scelte dei materiali (tessuti e accessori), modelli, abbinamenti modello-tessuto, nella gestione delle priorità in fase di realizzazione del campionario. Il controllo da parte del esponsabile si effettua con riferimento alle linee guida del Merchandising Grid, al Timing e al Budget dei costi della collezione 2. ATIOLAZIONE DELLE ATTIVITÀ PE DOMINI Il esponsabile di ollezione svolge delle attività nell ambito dei seguenti domini: 1. icerca, studio e analisi ; 2. Sviluppo collezione con focus sui materiali e trattamenti (Prototipia 1) 3. Sviluppo collezione con focus sui modelli (Prototipia 2) 4. Produzione campionario, 5. Assistenza alla produzione. Organizzazione e gestione interna dell Ufficio Prodotto Sono stati identificati tre livelli di responsabilità per ciascuna attività : = esponsabilità diretta = ollabora con quota di responsabilità specifica al suo ruolo P= Partecipa senza nessuna responsabilità N UBIA LIVELLI DI. ATTIVITÀ 1 IEA, STUDIO E ANALISI ollabora con Line Builder e con il esponsabile della icerca e sviluppo alla definizione del Timing dello sviluppo della collezione della stagione PE/AI ollabora con esponsabile della icerca e sviluppo, Linebuilder, Uff. ommerciale nell analisi del venduto della stagione precedente ollabora con Line Builder e Uff. Stile, esponsabile della icerca e sviluppo,alla definizione della struttura della collezione ( Merchandising grid) Acquisisce dal Line Builder il Merchandising grid, approvato dalla Proprietà (Merchandiser ) e il Timing dello sviluppo e realizzazione della collezione Acquisisce il budget dei costi del campionario definito dalla dal esponsabile icerca e sviluppo Acquisisce da Line Builder la griglia relativa ai capi campione, quota parte del Merchandising grid, da realizzare per la rete di vendita epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione P P P

7 2. SVILUPPO DELLA OLLEZIONE: FOUS SUI MATEIALI E TATTAMENTI (PIMA POTIPIA) icerca continuamente innovazioni sui materiali (tessuti e accessori) e sui trattamenti Partecipa con Stilista e altri soggetti a Fiere di Filati, Tessuti e Accessori Analizza le rimanenze di Tessuti e Accessori e collabora con la Direzione alla definizione dei materiali da riutilizzare o da eliminare ( Griglia IN-OUT) Decide l esecuzione di Test e Prove con i Fornitori su materiali e trattamenti e valuta i risultati in collaborazione con il ontrollo Qualità Valuta e sceglie i tessuti da utilizzare in prototipia considerando gli esiti della ricerca materiali e trattamenti, gli stock di magazzino da riutilizzare con gli input della M.G. ( temi ispiratori e proposte stilistiche costi e varianti ), ollabora con lo stilista alla scelta della cartella colori per ciascun articolo di tessuto Valuta e sceglie gli accessori da utilizzare in prototipia considerando, le caratteristiche del modello, gli esiti della ricerca accessori, i criteri di standardizzazione,,gli stock di rimanenze di magazzino rispetto agli input del M.G.( temi ispiratori e proposte stilistiche, costi e varianti) Definisce le prove e i trattamenti sui campioni di materiali, su parti del modello, sull intero capo e ne valuta il risultato ( Lancio Prima prototipia) ollabora con la Proprietà (Merchandiser), con lo Stile, con il Line builder e responsabile icerca e Sviluppo nella approvazione dei tessuti e accessori da utilizzare nella seconda prototipia focalizzata sullo sviluppo dei modelli ( iunione di editing) Sceglie i fornitori dei materiali e ordina i materiali per la realizzazione dei prototipi P 3. SVILUPPO DELLA OLLEZIONE : FOUS SUI MODELLI (SEONDA POTOTIPIA) ollabora con lo stile nella definizione dei modelli e del fitting da utilizzare in Seconda prototipia considerando gli input del MG e materiali approvati nella prima prototipia. Sceglie i fornitori dei materiali ontrolla i dati tecnici dei tessuti selezionati e valuta le tipologie di utilizzo Ordina i materiali (tessuto e accessori) relativi ai prototipi Decide l ordine di produzione (lancio) delle attività di prototipia 2 e controlla i rispetto delle date di rientro dei capi omunica all Uff. Modelli le informazioni per la realizzazione dei modelli (cartamodello) nuovi o di nuovi particolari e/o nuove lavorazioni, che omunica anche alla direzione Produzione Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation; in particolare ollabora con l Uff. Modelli alla ricerca e scelta di soluzioni di industrializzazione sin dalla fase di costruzione dei prototipi Prende decisioni in termini di modifica di lavorazioni ( confezione o trattamento) a fronte di problematiche segnalate in fase di modellistica e prototipia e lavaggi Assicura lo svolgimento dei compiti gestionali dell ufficio prodotto: codifica i materiali, aggiorna e completa ( es codici doganali) le anagrafiche esistenti nel sistema gestionale, assicura che ( tramite le schede tecniche dei materiali) vengano rispettati gli standard qualitativi aziendali ontrolla lo stato di avanzamento dello sviluppo dei prototipi. Organizza e gestisce riunioni per prove, fitting, sdifettamento ONTOLLA IL POTOTIPO EALIZZATO NELLE FASI DI POVA, FITTING E SDIFETTAMENTO (ATTIVITA PESELTA ) ollabora con lo Stile alla preparazione della riunione in cui si presenta la collezione alla Proprietà e Merchandiser per la valutazione, scelta e approvazione finale dei prototipi della collezione PODUZIONE AMPIONAIO Sceglie i materiali per la produzione del campionario Predispone gli ordini relativi ai capi di campionario da realizzare (Emissione ordine di produzione) Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation) tramite la compilazione della Documentazione tecnica di sua competenza ( vedi SW PDM) ollabora e coordina il flusso di informazioni con Uff.tecnico e Uff. Qualità per la epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 7

8 stima dei costi definitivi. omunica all Uff Tecnico gli abbinamenti di accessori di stile/prodotto per la produzione del campionario oordina e controlla le date di avanzamento del campionario Supervisiona i capi campione al rientro dalla produzione ( già controllati da ontrollo Qualità) e decide se accettare e spedire i capi definiti non conformi dal ontrollo Qualità- Decide se annullare o rilavorare ( es. ulteriori lavaggi) i capi non conformi. Presiede riunioni per il controllo dei requisiti stilistici ( se il risultato per i nuovi capi corrispondono alle aspettative stilistiche) e per il controllo dell avanzamento della produzione del campionario Dispone e verifica la realizzazione della documentazione di accompagnamento del campionario: book/modellario ( contenete i figurini di tutti i modelli), legenda tecnica ( che spiega i modelli, le vestibilità, i Brand, ecc) ollabora, con lo Stile, alla preparazione dei materiali per la presentazione della collezione agli agenti, agli store manager, ai resp. commerciali. ollabora alla preparazione per la spedizione dei campionari alla rete di vendita. Presenta il campionario alla rete di vendita 5 ASSISTENZA PODUZIONE PODOTTI FINITI ( iunione di sdifettamento del campionario prima dell avvio della produzione stagionale) ollabora nella individuazione dei difetti e delle criticità dei capi di collezione ollabora con Uff. Tecnico, Dir. produzione, Uff. Qualità allo sdifettamento del ampionario per l avvio della produzione. Propone soluzioni relativamente ai materiali e /o ai trattamenti. OGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL UFFIIO PODOTTO icerca nuove modalità operative ottimali e funzionali alle esigenze dei processi di Sviluppo della ollezione ontrolla e valuta il rispetto del budget del entro di costo ufficio prodotto ( MbO Management by objectives) iduce / ottimizza i costi di Sviluppo della collezione Gestisce gli orari di lavoro dell organico a disposizione con utilizzo dello strumento della flessibilità ( senza ricorrere agli straordinari) Assicura l aggiornamento del sistema gestionale: inserimento e aggiornamento codifiche, schede tecniche, emissione di documenti di carico/scarico materiali per la realizazione del campionario, controllo corrspondenza dati tecnico commerciali del fornitore con archivio sistema gestionale ollabora con l Assicurazione Qualità "Total quality" per il miglioramento continuo delle performance di prodotto e di processo. ura la comunicazione nei confronti dei collaboratori interni all ufficio, verso le Unità Organizzative aziendali e verso i fornitori esterni. ollabora con Uff Acquisti, la Supply chain e l Uff. Qualità negli acquisti e nella valutazione dei fornitori Fig. 1. Elenco delle attività per domino funzionale L analisi dell attività prescritta, ridefinita, effettiva e reale che sarà sviluppata dal gruppo di lavoro del Politecnico considererà l attività 3.12 relativa all attività di controllo e di sdifettamento della prototipia 2 considerando la scadenza prevista del finanziamento del progetto (Settembre 2012) 3. ATE LIENTI FONITOI epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 8

9 3.1. ATA LIENTI-FONITOI : IEA STUDIO E ANALISI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI api di ricerca raccolti in fase di ricerca in modo anticipato INFOMAZIONI Idee, tendenze moda, input della proprietà (strategie), statistiche, analisi del venduto stag.prec., UMANI TENOLOGII DOUMENTALI ESIGENZE VINOLI OGENTI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI api di ricerca e materiali di riferimento INFOMAZIONI - Merchandising Grid (dimensione quantitiva collezione ) - Proposta stilistica: Tema ispiratore, temi colori, immagini, tessuti (artellone Mood) - Budget costi sviluppo della collezione e Timing aggiornati MEZZI Proprietà, Line Builder (ruolo di raccordo tra mercato e prodotto), Stilista, esponsabile Prodotto Servizi internet, sistema gestionale software (analisi venduto,.. ) Budget costi, Timing, Statistiche di vendita sui prodotti e materiali, Depliant, iviste, eport tendenze moda ESIGENZE E VINOLI oerenza con l input della proprietà, oerenza con i valori Slowear e della linea di collezione, oerenza con la proposta stilistica (puntare sui tessuti e/o modelli ) e le tendenze (attese ) del mercato, ispetto del Timing e dei costi di sviluppo 3.2. ATA LIENTI -FONITOI DI SVILUPPO OLLEZIONE: FOUS SUI MATEIALI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI api di ricerca e materiali di riferimento reperiti sul mercato (utili per supportare la modellistica, la scelta delle vestibilità, dei trattamenti, degli accessori - Prototipo di pantalone completo di tessuti e accessori basato su di un modello sperimentato INFOMAZIONI INFOMAZIONI Merchandising Grid, Proposte stilistiche ; Budget e Timing sviluppo collezione Scheda Prototipi, scheda tecnica tessuti ; schede varianti colore dei tessuti ; odifica sistema gestionale aggiornata (?) ; MEZZI UMANI esponsabile Prodotto; esponsabile Linea ; Stilista; Esperto Qualità ; esponsabile trattamenti; esponsabile produzione, Fornitori tessuti ed accessori, esponsabile lavaggi Tecnologie di progettazione, taglio, confezione e stiro dei prototipi, sistema gestionale TENOLOGII DOUMENTALI Budget costi, Timing, Format scheda prototipi ; Format scheda tecnica tessuti (indicazioni cali..); Format Scheda fornitori, Schede di valutazione dei fornitori ; Schede lavaggi e trattamenti, ispetto dei vincoli di inserimento dei dati nel Sistema Gestionale ESIGENZE E VINOLI ESIGENZE VINOLI OGENTI oerenza con i contenuti del Merchandising Grid; Praticabilità-replicabilità produttiva del prototipo (industrializzazione ); ispetto Budget e Timing, 3.3. ATA LIENTI -FONITOI DI SVILUPPO OLLEZIONE: FOUS SUI MODELLI epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 9

10 INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI Prototipo: pantalone Prototipo sviluppato e approvato dalla Proprietà INFOMAZIONI INFOMAZIONI Figurino, Scheda tecnica tessuti e accessori, Scheda prototipo sezione materiali, Budget costi, Timing Scheda prototipo sezione Modelli aggiornata ; Scheda tecnica tessuti e accessori aggiornate, Budget costi aggiornato, Timing aggiornato MEZZI UMANI TENOLOGII DOUMENTALI esponsabile prodotto ;Stilista, Modellista, Esperto Qualità, esponsabile Produzione, esponsabile Ufficio Acquisti ; esponsabile trattamenti, esponsabile Lavaggi Sistema AD, Taglio automatico, Macchine per la confezione e stiro, Impianti per il lavaggio, trattamento e tintura Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti e accessori ; Scheda prototipo.; Scheda annotazioni modifiche prototipo ; Schede Fornitori, Schede valutazione fornitori ESIGENZE E VINOLI ESIGENZE VINOLI OGENTI oerenza del modello con il M.G. il tema ispiratore/proposta stilistica e con il Figurino; Praticabilità-replicabilità produttiva del prototipo (industrializzazione ); ispetto dei vincoli di inserimento dei dati nel Sistema Gestionale ispetto del Timing e del Budget costi; 3.4. ATA LIENTI -FONITOI DI SVILUPPO OLLEZIONE: PODUZIONE AMPIONAIO INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI ampionario presentato e consegnato alla rete vendita Prototipi approvati INFOMAZIONI INFOMAZIONI Merchandising Grid; Scheda prototipi sezioni materiali e modelli aggiornate Scheda tecnica tessuti e accessori, Modellario (strumento dato alla rete vendita contenente: figurini, Listino di vendita, artelle colori di vendita, legenda ); Scheda tecnica prodotto; Distinta Base; Scheda collaudo Movimoda relativa ai capi campione (con indicazioni utili per sdifettamento) MEZZI UMANI TENOLOGII DOUMENTALI esponsabile Prodotto; esponsabile Linea Stilista; Proprietà, Line Builder, esponsabile trattamenti, Addetto Qualità, esponsabile produzione (IT), Addetta collaudo, Stiratrice, esponsabile Produzione omania; fornitori materiali certificati ; responsabile ommerciale, Agenti di vendita; esponsabile magazzino 1) Sistema gestionale prodotto e produzione (omania); 2) Tecnologie AD - Taglio, onfezione,trattamento, Lavaggio, Stiro e ollaudo (tavolo con metro Scheda collaudo capi campione e artellino modifiche ( Movimoda) ; Distinta Base, Scheda tecnica prodotto; Documentazione movimentazione magazzino ESIGENZE E VINOLI ESIGENZE VINOLI OGENTI oerenza del campionario con M.G., oerenza campionario con Tema ispiratore/ Proposta stilistica; eplicabilità produttiva del campionario; ispetto dei vincoli di inserimento dei dati nel Sistema Gestionale ispetto timing, ispetto costi 3.5. ATA LIENTI -FONITOI SITUAZIONE DI FITTING E SDIFETTAMENTO POTOTIPO epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 10

11 INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI INPUT OMPONENTI E SEMILAVOATI Prototipo da provare e sdifettare Prototipo sdifettato INFOMAZIONI INFOMAZIONI 1) M.G. ; Tema stilistico/proposte stilistiche, Figurino ; 2) Scheda prototipo, Scheda tecnica tessuti ; Scheda tecnica accessori ; 3) Budget costi, Timing; 1) Scheda prototipo aggiornata 2) Note di modifica al prototipo, 3) Budget aggiornato, Timing aggiornato epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 11

12 MEZZI UMANI esponsabile Prodotto ; esponsabile Linea, Stilista, Modellista, TENOLOGII Tavolo di appoggio, astrelliera con appesi i prototipi della collezione, metro, blocchi per appunti modifiche, Personal computer DOUMENTALI Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti ; Scheda prototipo, Scheda annotazioni modifiche ; figurino ESIGENZE 1) ispetto dei contenuti della M.G. ; 2) ispetto input stilistici : Tema ispiratore/proposte stilistiche ; 3) oerenza stlistica : modello-vestibilità ; tessuti e accessori interni ed esterni 4) oerenza dei trattamenti con i tessuti ; 5) oerenza con i valori della linea e dell azienda ) ispetto dei tempi programmati nel timing della collazione; 7) ispetto dei costi di sviluppo previsti dal budget ; 8) Identificazione problematiche produttive VINOLI OGENTI ispetto del timing e dei costi ESIGENZE E VINOLI 4.1. EPETOIO ATTIVITA IEA -STUDIO E ANALISI icerca studio e Analisi Descrizione attività: icercare, studiare e analizzare idee, tendenze moda, dati statistici e di vendita stagioni precedenti per definire il Piano di collezione per la nuova stagione (Merchandising Grid) ISULTATO FINALE Piano di collezione definito da:: a) proposta stilistica: costituita da foto di capi, immagini, selezione di tessuti (caratterizzati da peso, mano (pesante, morbido), colori del tema ( più o meno decisi, naturali o sofisticati,..) (cartellone Mood) ; è collegata al tema ispiratore (es. olonie inglesi, Università americane anni 50-0, Londra anni 0, ) b) Merchandising Grid: n tessuti, fascia prezzo del prodotto finito, n colori, n modelli, n incroci di vendita modelli-tessuti, n capi campione per agente di vendita DESIZIONE DELLA PEFOMANE Supportare l elaborazione del Merchandising Gridi collaborando con i diversi soggetti responsabili delle Unità Organizzative coinvolte (U.O.) e considerando le varie sorgenti informative di natura qualitativa e quantitativa: input strategici della proprietà e del mercato, proposte stilistiche statistiche di vendita, etc.. epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 12

13 Descrizione dei compiti elementari 1. ollabora con Line Builder e con il esponsabile della icerca e sviluppo alla definizione del Timing dello sviluppo della collezione della stagione PE/AI 2. ollabora con esponsabile della icerca e sviluppo, Linebuilder, Uff. ommerciale nell analisi del venduto della stagione precedente 3. ollabora con Line Builder e Uff. Stile, esponsabile della icerca e sviluppo, alla definizione della struttura della collezione (Merchandising Grid) 4. Acquisisce dal Line Builder il Merchandising grid, approvato dalla Proprietà (Merchandiser ) e il Timing dello sviluppo e realizzazione della collezione 5. Acquisisce il budget dei costi del campionario definito dalla dal esponsabile icerca e sviluppo. Acquisisce dal Line Builder la griglia relativa ai capi campione (componente del Merchandising Grid) da realizzare per la rete di vendita ondizioni di realizzazione - isorse Umane: Proprietà, Line Builder, Stile Prodotto - Tecnologiche: sw gestionale, risorse internet (servizi, siti,..) - Documentali: report tendenza moda, Statistiche di vendita sui prodotti stagioni precedenti i, Depliant, iviste, cartellone Mood, merchandising grid riteri - Indicatori di risultato - ompletezza e chiarezza del documento Merchandising grid - oerenza con le esigenze- input del mercato - oerenza con gli input strategici della Proprietà - oerenza con il messaggio dello stile: n e/o prevalenza di determinate tipologie - caratteristiche dei tessuti e/o modelli omplessità del contesto Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile) Attività - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare ) Autonomia apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse LIVELLO EQF EPETOIO ATTIVITÀ : SVILUPPO DELLA OLLEZIONE- FOUS SUI MATEIALI ( POTOTIPIA 1) INGESSO ON MATEIALI NUOVI HE VENGONO SPEIMENTATI ON UN MODELLO ONOSIUTO SVILUPPO DELLA OLLEZIONE : FOUS SUI MATEIALI (PIMA POTOTIPIA) Descrizione attività: Selezionare i materiali (tessuti e accessori ), stabilire le prove dei materiali da utilizzare, dei trattamenti da effettuare e valutare i risultati conseguiti ISULTATO FINALE - Prototipi di pantalone - Tessuti e accessori scelti e approvati - Trattamenti sui tessuti approvati DESIZIONE DELLA PEFOMANE Scegliere i materiali e i trattamenti effettuando delle ricerche sul mercato dei materiali, stabilendovalutando gli esiti di prove e trattamenti, considerando le dimensioni: 1) quantitative ( M.G.), 2) Economiche ( costi di sviluppo collezione) ; 3) temporali (Timing ) ; 4) industrializzazione; le scelte dovranno essere approvate dalla Proprietà 1. icerca continuamente innovazioni sui materiali (tessuti e accessori) e sui trattamenti 2. Partecipa con Stilista e altri soggetti a Fiere di Filati, Tessuti e Accessori 3. Analizza le rimanenze di Tessuti e Accessori e collabora con la Direzione alla definizione dei materiali da riutilizzare o da eliminare ( Griglia IN-OUT) epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 13

14 Descrizione dei compiti elementari ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato omplessità del contesto Attività Autonomia 4. Decide l esecuzione di Test e Prove con i Fornitori su materiali e trattamenti e valuta i risultati in collaborazione con il ontrollo Qualità 5. Valuta e sceglie i tessuti da utilizzare in prototipia considerando gli esiti della ricerca materiali e trattamenti, gli stock di magazzini da riutilizzare con gli input della M.G. ( temi ispiratori e proposte stilistiche costi e varianti ),. ollabora con lo stilista alla scelta della cartella colori per ciascun articolo di tessuto 7. Valuta e sceglie gli accessori da utilizzare in prototipia considerando, le caratteristiche del modello, gli esiti della ricerca accessori, i criteri di standardizzazione, gli stock di rimanenze di magazzino rispetto agli input del M.G.( temi ispiratori e proposte stilistiche, costi e varianti ) 8. Definisce le prove e i trattamenti sui campioni di materiali, su parti del modello, oppure sull intero capo e ne valuta il risultato 9. ollabora con la Proprietà (Merchandiser), con lo Stile, con il Line builder e responsabile icerca e Sviluppo nella approvazione dei tessuti e accessori da utilizzare nella seconda prototipia focalizzata sullo sviluppo dei modelli 10. Sceglie i fornitori dei materiali sulla base della griglia IN OUT e ordina i materiali (tessuti e accessori) - isorse Umane coinvolte: Proprietà, Prodotto, Prototipia, Modellistica, Produzione, Lavaggio e trattamenti, Stiro, Acquisti; Fornitori di materiali - Tecnologie ed impianti: SW Product Data Management per la elaborazione della documentazione (Scheda Prototipo ); Tecnologie di progettazione (AD), taglio, confezione e stiro dei prototipi; Lavanderie e Tintorie esterne ( per prove e test di materiali) - ispetto dei contenuti quantitativi del M.G. - oerenza con gli input stilistici : tema ispiratore/proposte stilistiche - ispetto delle caratteristiche funzionali e qualitative del prodotto pantalone secondo gli standard aziendali per quanto riguarda le caratteristiche dei materiali impiegati: peso, natura, composizione, colore, finissaggio, costi mimini, tempi di approvvigionamento - ispetto dei criteri di valutazione dei fornitori basandosi sulle specifiche dei capitolati - ispetto della valutazione espressa dalla Proprietà: prototipo accettato, prototipo da modificare/rivedere, prototipo scartato. - ispetto dei costi preventivati e del timing programmato Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile) - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare ) apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse LIVELLO EQF EPETOIO ATTIVITÀ SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2). INGESSO ON MATEIALI SPEIMENTATI IN PEEDENZA HE POSSONO ESSEE PESENTI IN MAGAZZINO OPPUE DEVONO ESSEE ODINATI 4.3. SVILUPPO OLLEZIONE ON FOUS SUI MODELLI (POTOTIPIA 2) Descrizione attività: definire e sviluppare la modellistica e la vestibilità da abbinare ai tessuti e ai trattamenti approvati nella prototipia 1 ISULTATO FINALE Prototipo definito e approvato nella componente materiali ( tessuti e accessori) e nella modellistica-vestibilità DESIZIONE DELLA PEFOMANE ealizzare i prototipi da inserire nella collezione coordinando e gestendo le relazioni con le.u. delle diverse U.O. coinvolte, considerando la coerenza con i contenuti della M.G. nel rispetto dei tempi programmati, dei costi di sviluppo, dell innovazione prevista e delle esigenze di industrializzazione ; le scelte dovranno essere approvate dalla Proprietà Descrizione dei compiti elementari 1. ollabora con lo stile nella definizione dei modelli e del fitting da utilizzare in Seconda prototipia considerando gli input del MG e materiali approvati nella prima prototipia. 2. Sceglie i fornitori dei materiali 3. ontrolla i dati tecnici dei tessuti selezionati e valuta le tipologie di utilizzo 4. Ordina i materiali (tessuto e accessori) relativi ai prototipi 5. Decide l ordine di produzione (lancio) delle attività di prototipia 2 e controlla il rispetto delle date di rientro dei capi. omunica all Uff. Modelli le informazioni per la realizzazione dei modelli (cartamodello AD ) nuovi o di nuovi particolari e/o nuove lavorazioni, epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 14

15 7. Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation ; in particolare ollabora con l Uff. Modelli alla ricerca e scelta di soluzioni di industrializzazione sin dalla fase di costruzione dei prototipi 8. Prende decisioni in termini di modifica di lavorazioni ( confezione o trattamento) a fronte di problematiche segnalate in fase di modellistica -vestibilità 9. Assicura lo svolgimento dei compiti gestionali dell ufficio prodotto: codifica i materiali, aggiorna e completa ( es. codici doganali) le anagrafiche esistenti nel sistema gestionale 10. ontrolla lo stato di avanzamento dello sviluppo dei prototipi 11. Organizza e gestisce riunioni per prove, fitting, sdifettamento ONTOLLA I POTOTIPI EALIZZATO NELLE FASI DI POVA, FITTING E SDIFETTAMENTO (ATTIVITA PESELTA ) 13. ollabora con lo Stile alla preparazione della riunione in cui si presenta la collezione alla Proprietà e Merchandiser per la valutazione, scelta e approvazione finale dei prototipi della collezione. ondizioni di realizzazione isorse Umane appartenenti alle funzioni: Proprietà, Prodotto, Stle, Prototipia, Modellistica, Produzione, Lavaggio e trattamenti, Stiro, Acquisti; Fornitori di materiali - Tecnologie ed impianti: SW Product Data Management per la elaborazione della documentazione (Scheda Prodotto, e primi input della Distinta base); Tecnologie di progettazione (AD), taglio, confezione e stiro dei prototipi interni; Lavanderie e Tintorie esterne; Fornitori materiali Documentali: Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti ; Scheda tecnica prot.; Scheda annotazioni modifiche ; Indicatori di risultato - ispetto dei tempi programmati nel timing della collazione - ispetto dei costi di sviluppo previsti dal budget - ispetto dei contenuti della M.G.: tema ispiratore/ proposta stilistica, costi e quantità tessuti per linea - ispondenza alle attese funzionali e qualitative e di gusto del prodotto pantalone secondo gli standard aziendali omplessità del contesto Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse Attività Autonomia LIVELLO EQF 4.4. EPETOIO ATTIVITA PODUZIONE AMPIONAIO 3.5 PODUZIONE AMPIONAIO Descrizione attività: ealizzare e controllare la produzione del campionario, predisporre la documentazione di supporto necessaria e presentazione del campionario alla rete di vendita ISULTATO FINALE Il campionario replicato, corredato della documentazione tecnico commerciale necessaria (Modellarlo, Scheda Tecnica, Distinta Base,..) DESIZIONE DELLA PEFOMANE ealizzare il campionario coordinando e gestendo le relazioni con le.u. delle U.O. coinvolte considerando i contenuti del M.G. ( tema ispiratore, proposta stilistica, costi, varianti,..) e gli aspetti i relativi ai costi e tempi di sviluppo della collezione, bilanciando in modo ottimale la praticabilità produttiva e l idea stilistica Descrizione dei compiti elementari 1. Ordina i materiali per la produzione del campionario 2. Predispone gli ordini relativi ai capi di campionario da realizzare (Emissione ordine di produzione) 3. Trasferisce le informazioni relative alle caratteristiche del prodotto, ai responsabili delle attività operative ( Operation) tramite la compilazione della Documentazione tecnica di sua competenza ( vedi SW PDM) 4. ollabora e coordina il flusso di informazioni con Uff.tecnico e Uff. Qualità per la stima dei costi definitivi. 5. omunica all Uff Tecnico gli abbinamenti di accessori di stile/prodotto per la produzione del campionario. oordina e controlla il processo di avanzamento del campionario 7. Supervisiona i capi campione al rientro dalla produzione ( già controllati da Movimoda ) e decide se accettare e spedire i capi definiti non conformi - Decide se annullare o rilavorare ( es. ulteriori lavaggi) i capi non conformi. epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 15

16 8. Presiede riunioni per il controllo dei requisiti stilistici ( se il risultato per i nuovi capi corrispondono alle aspettative stilistiche) e per il controllo dell avanzamento della produzione del campionario 9. Dispone e verifica la realizzazione della documentazione di accompagnamento del campionario(modellarlo) 10. ollabora, con lo Stile, alla preparazione dei materiali per la presentazione della collezione agli agenti, agli store manager, ai resp. commerciali 11. ollabora alla preparazione per la spedizione dei campionari alla rete di vendita. 12. Presenta il campionario alla rete di vendita ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato omplessità del contesto Attività Autonomia isorse Umane : esponsabile Prodotto, Stilista, Proprietà, Line Builder, esponsabile trattamenti, Addetto Qualità, esponsabile produzione (IT), Addetta collaudo, Stiratrice, esponsabile produzione (omania), Fornitori materiali certificati Tecnologie ed impianti : 1) Sistema gestionale prodotto; sistema gestionale di produzione (omania); 2) Tecnologie AD - Taglio, onfezione,trattamento, Lavaggio, Stiro e ollaudo (tavolo con metro ); 3) ompleto inserimento dei dati di competenza dell Uff. prodotto nel sistema gestionale; 4) Disponibilità dei materiali necessari per la produzione del campionario e Disponibilità di capacità produttiva per la realizzazione del campionario Documentazione: Scheda collaudo capi campione e artellino modifiche ( Movimoda) ; Distinta Base, Scheda tecnica prodotto; Documentazione movimentazione magazzino ; - ispetto delle specifiche del M.G - ispetto Temi ispiratori + proposta stilistica - ispetto costi programmati di sviluppo - ispetto tempi programmati - ispetto esigenze di industrializzazione (scheda Tecnica e Distinta Base ) Il contesto di esperienza risulta strutturato ed esposto a cambiamenti imprevedibili (cioè instabile e variabile - Le azioni implicano conoscenze e abilità avanzate per gestire e risolvere con padronanza, capacità critica e di innovazione, problemi complessi e imprevedibili in un ambito lavoro specializzato (Analizzare apacità di lavorare in maniera indipendente, gestendo attività complesse LIVELLO EQF 4.5. EPETOIO ATTIVITA ASSISTENZA ALLA PODUZIONE ASSISTENZA ALLA PODUZIONE Descrizione attività: Assistere la produzione dei capi finiti con attività di supporto nello sdifettamento e industrializzazione ISULTATO FINALE I capi campione appartenenti alla collezione sono sdifettati e approvati per essere prodotti industrialmente nelle fabbriche umene e Portoghesi DESIZIONE DELLA PEFOMANE ollabora con la Direzione della Produzione e l Esperto Qualità allo sdifettamento dei capi campione, alla ricerca di soluzioni delle criticità emerse in fase di campionario prima dell avvio della produzione 1. ollabora nella individuazione dei difetti e delle criticità dei capi di collezione 2. ollabora con Uff. Tecnico, Dir. produzione, Uff. Qualità allo sdifettamento del ampionario per l avvio della produzione. 3.Propone soluzioni relativamente ai materiali e /o ai trattamenti epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 1

17 Descrizione dei compiti elementari ondizioni di realizzazione isorse Umane: esponsabile Prodotto, esp. produzione, Addetto Qualità Tecnologie ed impianti: Impianti di produzioni SW PDM per l inserimento e la comunicazione delle problematiche rilevate e delle possibili soluzioni proposte e delle decisioni approvate e condivise Documentazione : schede tecniche di campionario con note di sdifettamento, distinte base di produzione Indicatori di risultato - Lead time delle attività di sdifettamento ( tempestività dello sblocco) - aggiungimento di soluzioni coerenti con il costo standard del prodotto omplessità del contesto - Il contesto di esperienza risulta instabile e variabile, cioè esposto a cambiamenti imprevedibili Attività - Le azioni richiedono discrezionalità e capacita di risolvere le criticità (problemi, errori; imprevisti, etc) Autonomia -apacita di realizzare le attività da solo senza aiuto esterno; ancorché con possibile supervisione LIVELLO EQF EPETOIO ATTIVITA OGANIZZAZIONE E GESTIONE UFFIIO PODOTTO 3. OGANIZZAZIONE E GESTIONE UFFIIO PODOTTO Descrizione attività: Organizzare e gestire le attività dell Ufficio Prodotto in funzione delle direttive aziendali ISULTATO FINALE Ufficio prodotto organizzato e gestito per garantire la realizzazione del campionario nei tempi e nei costi prefissati DESIZIONE DELLA PEFOMANE Organizzare e gestire le attività tecniche e gestionali dell Ufficio Prodotto prendendo decisioni per il miglioramento continuo dei parametri di efficienza, efficacia, flessibilità nell uso delle risorse umane, tecnologiche, economiche e di innovazione per lo sviluppo della collezione, considerando gli input strategici della Direzione e bilanciando gli aspetti relativi agli input stile ( i temi ispiratori e proposte stilistiche) con la praticabilità produttiva delle soluzioni individuate favorendo l applicazione del concetto di industrializzazione sin dall inizio del processo di sviluppo della collezione 1. icerca nuove modalità operative ottimali e funzionali alle esigenze dei processi 2. ontrolla e valuta il rispetto del budget del entro di costo ufficio prodotto epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 17

18 Descrizione dei compiti elementari ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato omplessità del contesto Attività Autonomia ( MbO - Management by objectives) 3. iduce / ottimizza i costi di Sviluppo della collezione 4. Gestisce gli orari di lavoro dell organico a disposizione con utilizzo dello strumento della flessibilità ( senza ricorrere agli straordinari) 5. Assicura l aggiornamento del sistema gestionale: inserimento e aggiornamento codifiche, schede tecniche, emissione di documenti di carico/scarico materiali per la realizazione del campionario, controllo corrspondenza dati tecnico commerciali del fornitore con archivio sistema gestionale. ollabora con Assicurazione Qualità "Total quality" per il miglioramento continuo delle performance di prodotto e di processo 7. ura la comunicazione nei confronti dei collaboratori interni all ufficio, verso le Unità Organizzative aziendali e verso i fornitori esterni. 8. ollabora con Uff Acquisti e la Supply chain negli acquisti e nella valutazione dei fornitori - Numero di Addetti previsti da Budget /piano di sviluppo con le competenze necessarie - Sistema di gestione software efficace : controllo costi, gestione Schede tecniche, etc - ispetto / scostamento rispetto al budget del centro di costo dell Ufficio prodotto. - Miglioramento ( riduzione) dei costi dell Ufficio prodotto rispetto ai budget - Miglioramento ( riduzione) dei costi di prototipia - Miglioramento dei costi di ricerca - Flusso di dati e informazioni corrette e tempestive da mettere a disposizione degli enti e soggetti coinvolti nello sviluppo della collezione - ispetto timing - Le azioni richiedono discrezionalità e capacita di risolvere le criticità (problemi, errori; imprevisti, etc) -apacita di realizzare le attività da solo senza aiuto esterno; ancorché con possibile supervisione LIVELLO EQF ANALISI ONOLOGIA DEI OMPITI DELL ATTIVITA ONTOLLO POVA E SDIFETTAMENTO POTOTIPI POVA E ONTOLLO POTOTIPO Descrizione attività: controllare il prototipo provando il prototipo indossato dall indossatore ISULTATO FINALE Prototipo definito e approvato nella componente materiali ( tessuti e accessori) e nella modellistica/confezione DESIZIONE DELLA PEFOMANE IL.P. ontrolla il prototipo da inserire nella collezione coordinando e gestendo le relazioni con esponsabile della linea prodotto; Stilista, Modellista considerando la coerenza con i contenuti della M.G., del Tema ispiratore/ Proposte stilistiche nel rispetto dei tempi programmati, dei costi di sviluppo, dell innovazione prevista, delle esigenze di industrializzazione e delle direttive della proprietà La prototipista 1) illustra le (eventuali )modifiche eseguite rispetto l eventuale controllo precedente 2) Misurazione del capo e verifica dell uniformità del capo rispetto alle misure previste 2) Il responsabile di linea condivide le ultime modifiche apposte sul disegno figurino con il gruppo di lavoro epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 18

19 OMPITI ELEMENTAI Non sempre avvengono con questa cronologia 3) Il gruppo osserva globalmente il pantalone indossato in piedi guradando il davanti, di fianco, dietro 4) Il gruppo osserva il pantalone indossato seduto (in particolare per le vestibilità strette ) per esaminare in particolare il comfort. 5) Il gruppo osserva i particolari esterni guardando il davanti e il dietro ) Il gruppo osserva i particolari interni guardando davanti e dietro 7) Il gruppo osserva e tocca con mano il tessuto per esaminarne la qualità 8) Il gruppo osserva la confezione: cuciture,taglio tessuto,.. 9). Il gruppo osserva gli accessori: ganci, bottoni, cerniere, 10) Il gruppo osserva gli abbinamenti esterni ; colore tessuto -filo, colore tessuto filati; -bottoni, 11) Il gruppo osserva gli abbinamenti interni : colore tessuto - fodere, colore tessuto fodere,..etc Il gruppo osserva sotto il profilo tattile e visivo i trattamenti effettuati sul prototipo ondizioni di realizzazione Indicatori di risultato isorse Umane appartenenti alle funzioni:, Prodotto, Stle, Prototipia, Modellistica, Produzione, qualità (di solito non c è ma dovrebbe) - Tecnologie ed impianti: Tavolo di appoggio, astrelliera con appesi i prototipi della collezione, metro, blocchi per appunti modifiche, Personal computer Documentali: Merchandising Grid ; Scheda tecnica tessuti ; Scheda prototipo, Scheda annotazioni modifiche ; figurino 1) ispetto dei contenuti della M.G. 2) ispetto input stilistici : Tema ispiratore/proposte stilistiche 3) oerenza degli abbinamenti 4) oerenza dei trattamenti 5) oerenza con i valori della linea e dell azienda ) ispetto dei tempi programmati nel timing della collazione 7) ispetto dei costi di sviluppo previsti dal budget 8) Problematiche produttive LIVELLO EQF omplessità del contesto Attività Autonomia epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 19

20 POFILO ESPONSABILE OLLEZIONE SLOWEA EPETOIO OMPETENZE «AU- DELA DE L APPENTISSAGE FOMEL» (ADAF) EPETOIO OMPETENZE epertorio Professionale e delle competenze della Figura Professionale esponsabile di ollezione 20

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO SPEIMENTAZIONE FAMAI - IPATO - Sperimentazione SOBIHAEM89-001 sper. n. 18/2014 - Medico esponsabile TOSETTO ALBETO 4.160,00 A. (riscosso con fatt. n. Z 1141 del 12/03/2015 ) - FONDO 3.952,00 - SEVIZIO

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli