Progetto Insieme si può

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Insieme si può"

Transcript

1 Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail Sito del progetto

2 GLI OBIETTIVI Promuovere la qualità del lavoro di cura svolto a domicilio dagli assistenti familiari Offrire un opportunità di crescita professionale ed inserimento lavorativo agli assistenti familiari Facilitare alle famiglie la ricerca di assistenti familiari formati Sostenere gli anziani con interventi economici e di assistenza (sostituzioni) Far emergere il mercato sommerso del lavoro di cura

3 LE DUE IDEE ALLA BASE DEL PROGETTO 1. Partire dalla RELAZIONE DI FIDUCIA tra la persona anziana ed il suo assistente familiare 2. TENERE INSIEME le risposte

4 LE AZIONI Contributi economici rivolti agli anziani Formazione degli assistenti familiari Registro degli Assistenti Familiari Interventi di sostituzione dell A.F. impegnati nei corsi Accompagnamento al servizio Informazioni e consulenza sulle pratiche di assunzione Azioni di comunicazione

5 In base ad una Delibera di Giunta Comunale viene erogato un contributo economico direttamente all anziano calcolato sul valore ISEE comunale. CONTRATTO DI LAVORO DA 25 A 39 ORE SETTIMANALI CONTRATTO DI LAVORO DA 40 ORE SETTIMANALI E OLTRE VALORE ISEE COMUNALE CONTRIBUTO MENSILE VALORE ISEE COMUNALE CONTRIBUTO MENSILE Fino a ,05 300,00 Fino a ,05 450,00 fino a ,53 200,00 fino a ,53 350,00 fino a ,56 100,00 fino a ,56 180,00 Oltre ,56 0,00 Oltre ,56 0,00

6 Evoluzione del Progetto Gennaio 2004 raccolta adesioni: anziano + assistente Settembre 2004 avvio progetto:formazione, contributi, sostituzioni Marzo 2005 avvio registro Luglio 2005 segretariato sociale per l individuazione di A.F. idonei ai bisogni degli anziani Gennaio 2006 sperimentazione pacchetto di sevizi Marzo 2007 inaugurazione sportello Porte Sociali per facilitare e promuovere l accesso di tutti i cittadini ai servizi pubblici e del privato sociale

7 CHI SI E RIVOLTO AL SERVIZIO 4200 ACCESSI TELEFONICI nel ACCESSI TELEFONICI nel ANZIANI hanno beneficiato del pacchetto di servizi (279 anziani nel 2004/2005 e 300 nel 2006) 2719 FAMIGLIE hanno chiesto sostegno per la ricerca di un assistente familiare ASSISTENTI FAMILIARI che si sono rivolti al servizio: 1557 domande di partecipazione ai corsi di formazione 550 assistenti hanno conseguito l attestato 1000 assistenti iscritti al registro

8 COSA ABBIAMO REALIZZATO CALL CENTER (attivo dal 1 SETT. 2004) Dal lunedì al giovedì dalle 8,30 alle 17,30 ed il venerdì dalle 8,30 alle 14, SPORTELLO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA in collaborazione con i PATRONATI relativo alle pratiche di assunzione - attivo da NOVEMBRE 2005 SITO WEB:

9 Corso di formazione: modello organizzativo Corso 120 ore: 60 in aula 60 di tirocinio

10 Dati riferiti ai 579 ANZIANI che hanno beneficiato del pacchetto di servizi SESSO ANZIANI MASCHI 25% FEMMINE MASCHI FEMMINE 75%

11 Dati riferiti ai 579 anziani FASCE D'ETA' OLTRE 100 ANNI 1% DA 65 A 75 ANNI 11% DA 65 A 75 ANNI DA 76 A 85 ANNI DA 86 A 100 ANNI OLTRE 100 ANNI DA 86 A 100 ANNI 51% DA 76 A 85 ANNI 37%

12 Registro cittadino degli Assistenti Familiari per anziani REQUISITI PER L ISCRIZIONE 18 anni compiuti Obbligo scolastico assolto Conoscenza di base della lingua italiana Permesso di soggiorno per motivi di lavoro (se stranieri) Assenza di sentenze di condanna passate in giudicato Aver frequentato un percorso formativo, con prova finale,afferente l area dell assistenza alla persona ovvero essere in possesso di un titolo di studio nell area dei servizi socio-sanitari con riferimento all attività di cura alla persona.

13 Registro cittadino degli Assistenti Familiari per anziani 1000 A.F. ISCRITTI AL REGISTRO Così ripartiti: 3% disponibili alla convivenza 55% disponibili part-time 27% disponibili lungo-orario 15% disponibili la notte

14 Dati riferiti ai 1000 Assistenti Familiari iscritti al registro ITALIA 17% NAZIONALITA' ASSISTENTI FAMILIARI AFRICA 9% AFRICA AMERICA LATINA ASIA EUROPA ITALIA EUROPA 29% ASIA 5% AMERICA LATINA 40%

15 Dati riferiti ai 1000 Assistenti Familiari iscritti al registro SESSO ASSISTENTI FAMILIARI MASCHI 12% FEMMINE MASCHI FEMMINE 88%

16 Dati riferiti ai 1000 Assistenti Familiari iscritti al registro FASCE D'ETA' OLTRE 60 ANNI 4% DA 18 A 30 ANNI 7% DA 31 A 40 ANNI 23% DA 51 A 60 ANNI 24% DA 18 A 30 ANNI DA 31 A 40 ANNI DA 41 A 50 ANNI DA 51 A 60 ANNI OLTRE 60 ANNI DA 41 A 50 ANNI 42%

17 COSA ABBIAMO IMPARATO Difficoltà per le famiglie: avviare un rapporto di fiducia con una persona sconosciuta in una condizione di forte dipendenza accettare i vincoli e gli oneri della regolarizzazione, in assenza di una cultura condivisa su diritti e doveri sostenere il carico burocratico connesso all assunzione sostenere i costi per la retribuzione dell assistente familiare gestire correttamente i contributi gestire il turn over degli assistenti

18 COSA ABBIAMO IMPARATO Il Servizio ha dovuto attivarsi per: trovare strade per raggiungere il target sostenere la velocità, il ritmo dei cambiamenti di questo universo, cercando modalità di comunicazione idonee fornire aiuto e consulenza nelle pratiche attinenti l assunzione e la gestione del rapporto migliorare la rete che fornisca risposte adeguate ai bisogni degli utenti

19 Riferimenti utili: U.O. Terza Età Case di Riposo (direzione) Dott.ssa Tiziana Orsi tel Responsabile del Progetto: A.S. Rossella Savoia Progetto Insieme si può (sede centrale) Referenti: Dario De Prosperis e Ilaria Maione Via Merulana, 19, Tel , ; Fax: Collaborazioni: A.T.I. (Arciconfraternita del S.S. Sacramento e di San Trifone e Virtus Pontemammolo)

20 .di una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che riesce a dare ad un problema. Italo Calvino Grazie per l attenzione!

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PUBBLICO DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PUBBLICO DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PUBBLICO DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA 1 INDICE 1. Definizione e finalità...3 2. Soggetti che possono presentare domanda di iscrizione...3

Dettagli

SAVONA - CENSIMENTO 2001

SAVONA - CENSIMENTO 2001 Popolazione residente 59.97 Popolazione residente in famiglia 59.37 Popolazione residente in Convivenza 6 Popolazione residente straniera 1.66 Famiglie 27.831 Nuclei familiari 17.594 Convivenze con almeno

Dettagli

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI

PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ALLEGATO B PROGETTO ASSISTENTI FAMILIARI ANALISI DEL CONTESTO L identikit della badante, di seguito denominata assistente familiare, al lavoro in Italia è quello di una donna straniera, spesso originaria

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

Progetto Home Care Premium 2012 ELENCO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI

Progetto Home Care Premium 2012 ELENCO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI Progetto Home Care Premium 2012 ELENCO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI DESTINATARI 1.Persone disponibili ad assistere a domicilio soggetti non autosufficienti (persone adulte anche anziani e minori) nell ambito

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09 Sesso dei partecipanti Femmine 43,6% Maschi 56,4% Età dei partecipanti Oltre 60 anni 18,1% Fino a 30 anni 42,3% Da 30 a 60 anni 39,6% Come ritiene che evolverà la situazione economica? - Totale 14,7% 41,3%

Dettagli

FAQ E INDICAZIONI OPERATIVE IN TEMA DI LAVORO. A cura di Gianluca Cassuto

FAQ E INDICAZIONI OPERATIVE IN TEMA DI LAVORO. A cura di Gianluca Cassuto FAQ E INDICAZIONI OPERATIVE IN TEMA DI LAVORO A cura di Gianluca Cassuto DATORE DI LAVORO La domanda deve essere fatta esclusivamente dal datore di lavoro Un unico datore di lavoro La domanda di assunzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL SEGRETARIO GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL SEGRETARIO GENERALE Prot. gen. n. 2639 del 17 febbraio 2015 ENTE CAPOFILA SAN GIORGIO DEL SANNIO AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI UN REGISTRO PUBBLICO PER ASSISTENTI FAMILIARI AI FINI DELL EROGAZIONE DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 Comuni di: CASSANO D A. POZZUOLO M. INZAGO SETTALA LISCATE TRUCCAZZANO MELZO VIGNATE CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE Una guida pratica per le famiglie INDICE I servizi attivati

Dettagli

REGISTRO DISTRETTUALE DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI E DEGLI EDUCATORI DOMICILIARI

REGISTRO DISTRETTUALE DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI E DEGLI EDUCATORI DOMICILIARI DISTRETTO SOCIO SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona Comitini Favara Ioppolo Giancaxio - Porto Empedocle Raffadali Realmonte - Santa Elisabetta Sant Angelo Muxaro Siculiana Gestione ex Inpdap

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

Home Care Premium 2012 perché non c è posto migliore della tua casa

Home Care Premium 2012 perché non c è posto migliore della tua casa Home Care Premium 2012 perché non c è posto migliore della tua casa Assistenza Domiciliare ai Non Autosufficienti Utenti dell INPS - Gestione Ex Inpdap Pagina 1 di 8 Articolo 1 Oggetto e finalità dell

Dettagli

Registro pubblico degli Assistenti familiari Distretto di Sanluri. Sez B Assistenti Familiari Sez. C educatori domiciliari.

Registro pubblico degli Assistenti familiari Distretto di Sanluri. Sez B Assistenti Familiari Sez. C educatori domiciliari. DISTRETTO DI SANLURI Comuni di Barumini, Collinas, Furtei, Genuri, Gesturi, Las Plassas, Lunamatrona, Pauli Arbarei, Samassi, Sanluri, Segariu, Serramanna, Serrenti, Setzu, Siddi, Tuili, Turri, Ussaramanna,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ASSISTENTI FAMILIARI

AVVISO PUBBLICO ASSISTENTI FAMILIARI AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DEL REGISTRO PUBBLICO DI AMBITO DI ASSISTENTI FAMILIARI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER I DIPENDENTI E PENSIONATI PUBBLICI ISCRITTI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO per titoli ed esami per l assunzione di un Responsabile di piano. INTEGRAZIONE con proroga dei termini

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO per titoli ed esami per l assunzione di un Responsabile di piano. INTEGRAZIONE con proroga dei termini BANDO DI CONCORSO PUBBLICO per titoli ed esami per l assunzione di un Responsabile di piano INTEGRAZIONE con proroga dei termini IL SEGRETARIO DIRETTORE Vista la determinazione n. 87 del 22 Aprile 2014

Dettagli

Dott.ssa Angela Di Prinzio

Dott.ssa Angela Di Prinzio ed Accoglienza 800440022 Dott.ssa Angela Di Prinzio Assistente Sociale P.O. Emergenza Sociale e Accoglienza Roma 23 aprile 2010 - L esternalizzazione dei servizi come sfida e potenzialità positiva per

Dettagli

Regioni e lavoro di cura

Regioni e lavoro di cura Regioni e lavoro di cura Giselda Rusmini IRS, Milano Perdura l assenza di una politica nazionale sulla non autosufficienza, e di una strategia per l emersione del lavoro privato di cura. Mentre altri paesi

Dettagli

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo 6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE:

Dettagli

REGISTRO DISTRETTUALE DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI E DEGLI EDUCATORI DOMICILIARI (Assistenti all'infanzia)

REGISTRO DISTRETTUALE DEGLI ASSISTENTI FAMILIARI E DEGLI EDUCATORI DOMICILIARI (Assistenti all'infanzia) Corleone Comune capofila, Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina Giuliana e Roccamena Distretto D38 Lercara Friddi, Alia, Castronovo di Sicilia, Palazzo Adriano, Prizzi, Roccapalumba,

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

PROGETTO NETWORK sistema per i servizi di cura e assistenza domiciliare

PROGETTO NETWORK sistema per i servizi di cura e assistenza domiciliare PROGETTO NETWORK sistema per i servizi di cura e assistenza domiciliare Network: un un modello integrato a supporto della della qualificazione della della domanda e offerta di di assistenza e cura cura

Dettagli

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio 1 ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio Distretto Sanitario n.2 ( Cz Lido) Presentazione La Calabria negli ultimi anni ha visto progressivamente

Dettagli

COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza COMUNE DI ARZIGNANO Provincia di Vicenza SCADENZA: 10/08/2011 AVVISO PUBBLICO PER LA RICERCA DI PERSONALE PER 2 TIROCINI LAVORATIVI DELLA DURATA DI 6 MESI NELL AMBITO DEL PROGETTO DENOMINATO PATTO SOCIALE

Dettagli

PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino AVVISO PUBBLICO. per l iscrizione al registro pubblico degli assistenti familiari

PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino AVVISO PUBBLICO. per l iscrizione al registro pubblico degli assistenti familiari PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino AVVISO PUBBLICO per l iscrizione al registro pubblico degli assistenti familiari (EDUCATORI DOMICILIARI BADANTI - COLF) IL DIRIGENTE DEL

Dettagli

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012 La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO INDICE ART. 1 Definizione e finalità ART. 2 Compiti degli operatori ART. 3 Requisiti di accesso al Registro ART. 4 Modalità di presentazione della domanda ART. 5 Procedimento

Dettagli

Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare

Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare Questionario di gradimento dell Assistenza domiciliare Gentile Signora/Signore, il questionario che Le chiediamo di compilare ha lo scopo di farci capire se l assistenza domiciliare che Le è stata fornita

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

Il rischio di istituzionalizzazione dell anziano fragile: come sostenere i caregivers. FReNeSys Azione e-welfare

Il rischio di istituzionalizzazione dell anziano fragile: come sostenere i caregivers. FReNeSys Azione e-welfare Il rischio di istituzionalizzazione dell anziano fragile: come sostenere i caregivers FReNeSys Azione e-welfare Obiettivo generale Conoscere le difficoltà e i bisogni dei familiari che assistono o hanno

Dettagli

PROGETTO Ascolto in Movimento: L ascolto psicologico a scuola in un idea di rete verso un Servizio di Psicologia Scolastica

PROGETTO Ascolto in Movimento: L ascolto psicologico a scuola in un idea di rete verso un Servizio di Psicologia Scolastica PROGETTO Ascolto in Movimento: L ascolto psicologico a scuola in un idea di rete verso un Servizio di Psicologia Scolastica I.T.S. Casale I.I.S. Gobetti Marchesini Report ottobre 2011 maggio 2012 Nel corso

Dettagli

Ufficio di Piano - Comune di Portici REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012.

Ufficio di Piano - Comune di Portici REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012. La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 INDICE Sezione Prima - ASPETTI CONTRATTUALI Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 Le caratteristiche dei lavoratori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR DA LEGGERE CON MOLTA ATTENZIONE!!!! Il ruolo del Tutor è cruciale per come abbiamo progettato il FONDO STRAORDINARIO

Dettagli

I partecipanti, per tutta la durata del progetto, mantengono la figura giuridica di disoccupati.

I partecipanti, per tutta la durata del progetto, mantengono la figura giuridica di disoccupati. SCADENZA: MARTEDI 17/06/2014 ore 12,00 Bando Pubblico di selezione PROGETTO COMUNALE di accompagnamento al lavoro in favore di cittadini residenti inoccupati/disoccupati denominato SPERIMENTA - LAVORO

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7. Assistenza Domiciliare

COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7. Assistenza Domiciliare COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7 Assistenza Domiciliare Avviso Pubblico Per i dipendenti e pensionati pubblici, iscritti all INPS Gestione Dipendenti

Dettagli

La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di nascita di un figlio

La Redazione dell URP. URP MULTIENTE Cosa fare in caso di nascita di un figlio Cosa fare in caso di NASCITA DI UN FIGLIO 3 quadern UADERNiuTIL TILi 2 La nascita di un figlio o di una figlia è un evento importante a cui corrispondono doveri che i genitori devono compiere e diritti

Dettagli

RIAPERTURA TERMINI TIPOLOGIA B)

RIAPERTURA TERMINI TIPOLOGIA B) Comune di Morcone prot. n. 4139/13 del 09.04.2013 RIAPERTURA TERMINI TIPOLOGIA B) AVVISO PUBBLICO DELL AMBITO TERRITORIALE B4 PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA (Regolamento approvato

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Servizi Socio-Assistenziali AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI LANCIANO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Servizi Socio-Assistenziali AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2012 Comune di Lanciano COMUNE DI LANCIANO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Servizi Socio-Assistenziali AVVISO PUBBLICO PER L ISTITUZIONE DI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa

AVVISO PUBBLICO. 1. Premessa Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute U.O. Terza Età e Case di Riposo Direzione AVVISO PUBBLICO Reperimento di Strutture residenziali per le persone anziane disponibili all inserimento

Dettagli

La Redazione dell URP

La Redazione dell URP La nascita di un figlio o di una figlia è un evento importante a cui corrispondono doveri che i genitori devono compiere e diritti che a loro spettano. Il quaderno fornisce informazioni su come fare la

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA DEL GRAN SASSO Zona O TOSSICIA ( TERAMO ) Servizi Sociali

COMUNITÀ MONTANA DEL GRAN SASSO Zona O TOSSICIA ( TERAMO ) Servizi Sociali Prot. n. 3244 OGGETTO : PRECISAZIONI AL BANDO AFFIDAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Tutto ciò premesso, quale chiarimento e precisazione riferiti al Bando ed al Capitolato d oneri del Servizio

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 PREMESSA. IL PROGETTO.

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 PREMESSA. IL PROGETTO. 25734 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 PREMESSA. IL PROGETTO. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 25735 25736 Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

DI REGGIO EMILIA. L esperienza del Centro per la Salute della Famiglia Straniera a Reggio Emilia. dr. Andrea Foracchia. Como 24 marzo 2007

DI REGGIO EMILIA. L esperienza del Centro per la Salute della Famiglia Straniera a Reggio Emilia. dr. Andrea Foracchia. Como 24 marzo 2007 AUSL - CARITAS DI REGGIO EMILIA Como 24 marzo 2007 L esperienza del Centro per la Salute della Famiglia Straniera a Reggio Emilia dr. Andrea Foracchia Centro per la salute della famiglia straniera

Dettagli

DIREZIONE POLITICHE SOCIALI

DIREZIONE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE POLITICHE SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI BENEFICIARI DELLA NUOVA CARTA ACQUISTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA IL DIRIGENTE In attuazione dell art. 60 del D.L.

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona ANZIANI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI (S.A.D.) Cosa offre il servizio SAD L'assistenza domiciliare è un tipo di servizio erogato direttamente

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 34 del 27/03/2014 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del Regolamento

Dettagli

Centro Risorse Donne. Monastero S. Maria del Lavello Via dei Padri Serviti, 1 Calolziocorte (LC)

Centro Risorse Donne. Monastero S. Maria del Lavello Via dei Padri Serviti, 1 Calolziocorte (LC) Centro Risorse Donne Monastero S. Maria del Lavello Via dei Padri Serviti, 1 Calolziocorte (LC) Il Centro Risorse Donne : come nasce Nasce nell anno 2004 grazie ai finanziamenti europei del Progetto NCE,

Dettagli

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13

PROGETTO TUTOR EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 EDUCAZIONE ALLA SALUTE - C.I.C. I.T.C. SALVEMINI VIA SOMMOVIGO 40-00155 ROMA - DISTRETTO 13 PROGETTO TUTOR IN COLLABORAZIONE CON LA A.S.L. ROMA B FINANZIATO DAL COMUNE DI ROMA L. 285/97 Responsabile del

Dettagli

Allegato 2 RICERCA SULLE POLITICHE ATTIVATE IN ITALIA A LIVELLO LOCALE IN RELAZIONE AL FENOMENO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI

Allegato 2 RICERCA SULLE POLITICHE ATTIVATE IN ITALIA A LIVELLO LOCALE IN RELAZIONE AL FENOMENO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI Allegato 2 RICERCA SULLE POLITICHE ATTIVATE IN ITALIA A LIVELLO LOCALE IN RELAZIONE AL FENOMENO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI Secondo stime prudenziali elaborate dal Censis sono 700-800 mila le badanti immigrate

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

Misure anticrisi (REALIZZATE A LIVELLO LOCALE)

Misure anticrisi (REALIZZATE A LIVELLO LOCALE) Misure anticrisi (REALIZZATE A LIVELLO LOCALE) Il Comitato di Distretto nella seduta del 13 febbraio 2009 delibera l adozione l a livello distrettuale di misure straordinarie a favore delle famiglie per

Dettagli

Osservatorio inps Provincia Bolzano ANNO: 2012. Complesso delle pensioni liquidate nell anno 2012. Categoria anzianità Totale importo

Osservatorio inps Provincia Bolzano ANNO: 2012. Complesso delle pensioni liquidate nell anno 2012. Categoria anzianità Totale importo 19 Osservatorio inps Provincia Bolzano ANNO: 2012 Complesso delle pensioni liquidate nell anno 2012 Sottocategoria: Anzianità Sesso: Femmine Tipo ai lavoratori Complesso delle pensioni liquidate nell anno

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali: REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Borghetti, Alfieri, Alloni, Barzaghi, Brambilla, Carra, D'Avolio, Gaffuri,

Dettagli

Agenzia di Cura. Anziani, famiglie e assistenti familiari nel nuovo welfare di territorio. Sintesi progettuale

Agenzia di Cura. Anziani, famiglie e assistenti familiari nel nuovo welfare di territorio. Sintesi progettuale Agenzia di Cura. Anziani, famiglie e assistenti familiari nel nuovo welfare di territorio Sintesi progettuale Le assistenti familiari sono, dopo la famiglia, la risorsa di aiuto di gran lunga più utilizzata

Dettagli

IGEA Srl Agenzia per il Lavoro

IGEA Srl Agenzia per il Lavoro IGEA Srl Agenzia per il Lavoro IGEA, Agenzia per il lavoro, è nata dallo sviluppo ed evoluzione delle competenze acquisite dai soci nel settore delle Agenzie per il Lavoro a partire dal 1997 anno di entrata

Dettagli

una survey dell IRES

una survey dell IRES Seminario Le assistenti familiari nel lavoro di cura Incontro domanda offerta - formazione - emersione Roma, 28 ottobre 2009 - Cgil nazionale (Sala Santi) Le condizioni di lavoro: una survey dell IRES

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 -

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 - www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito PREMESSA

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI 116 questionari compilati in modo completo su 154 inviti con visita a domicilio CENTRO 64 S.PIETRO-S.GALLO LIMITROFI 7 MASCHI 45 9% ONETA E LIMITROFI 1 FEMMINE 1 88% CORNALITA 11 C. RIPOSO-OSP. DA PARENTI

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) I requisiti per l accesso alla pensione per le donne... 2 Adempimenti per

Dettagli

OFFERTA PER L ATTIVAZIONE DI N

OFFERTA PER L ATTIVAZIONE DI N OFFERTA PER L ATTIVAZIONE DI N. 31 TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PROMOSSI DALL UNIVERSITA DI BOLOGNA PRESSO IL COMUNE DI BOLOGNA ALL INTERNO DEL PROGETTO HOME CARE PREMIUM INPDAP MUOVE BOLOGNA BADABENE

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016

COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016 COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016 Ai sensi della deliberazione della Giunta Regionale n. 328 del 20.04.2015 sono destinatari dell

Dettagli

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 Spa 38100 TRENTO Via Solteri, 74 INFORMATIVA PER L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 INFORMATIVA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

Synergie Italia SpA, filiale ASSISTENZIALE di Via Massena 1G cerca N.1 BADANTE CONVIVENTE (PERIODO NATALIZIO)

Synergie Italia SpA, filiale ASSISTENZIALE di Via Massena 1G cerca N.1 BADANTE CONVIVENTE (PERIODO NATALIZIO) BADANTE CONVIVENTE PERIODO NATALIZIO TORINO Synergie Italia SpA, filiale ASSISTENZIALE di Via Massena 1G cerca N.1 BADANTE CONVIVENTE (PERIODO NATALIZIO) La risorsa si occuperà di fornire assistenza ad

Dettagli

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Si informano i cittadini che sono stati approvati i criteri per l assegnazione del CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Requisiti per l accesso: 1. anziani

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Mod. ISTAT/P/90/E SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (A cura del Comune) Provincia... Comune... RILEVAZIONE TRIMESTRALE DELLE FORZE DI LAVORO Numero generale progressivo: da

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino

La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino 44 3 2011 CASA AMICA NOTTE E GIORNO La sperimentazione di un sistema di domiciliarità in Provincia di Torino Maria Luisa Occhetti* Una sperimentazione di servizi a supporto della domiciliarità per anziani

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE (DAL 1 MARZO 2015 AL 30 NOVEMBRE 2015)

PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE (DAL 1 MARZO 2015 AL 30 NOVEMBRE 2015) PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE (DAL 1 MARZO 2015 AL 30 NOVEMBRE 2015) L Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha aderito, anche per l'anno 2015, all iniziativa Home Care Premium

Dettagli

CILP Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto di Feltre (BL)

CILP Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto di Feltre (BL) Progetto Un libro digitale per gli anziani a cura del CILP Centro Internazionale del Libro Parlato A.Sernagiotto di Feltre (BL) IN COLLABORAZIONE CON CENTRO SERVIZIO BRANDALISE DI FELTRE, CENTRO SERVIZIO

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

in partenariato con AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2011 Progetto My Care

in partenariato con AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2011 Progetto My Care in partenariato con AVVISO PUBBLICO Home Care Premium 2011 Progetto My Care Interventi innovativi e sperimentali di assistenza in favore di soggetti non autosufficienti, dipendenti pubblici e pensionati

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMILIARI È un contributo

Dettagli

PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia).

PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia). PLUS Distretto socio-sanitario di Iglesias ( Comuni di Buggerru, Domusnovas, Fluminimaggiore, Gonnesa, Iglesias, Musei, Villamassargia). Home Care Premium gestione ex I gestione ex INPDAP- ha promosso

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

AVVISOPUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA

AVVISOPUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA AVVISOPUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA DI CUI ALL'INTESA STATO REGIONI "CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO", AL PROGRAMMA ASSAP "VOUCHER ASSISTENTI FAMILIARI"

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO sportello di intermediazione linguistico-culturale, di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

BUONO SOCIALE Dei Comuni dell Ambito n 5

BUONO SOCIALE Dei Comuni dell Ambito n 5 BUONO SOCIALE Dei Comuni dell Ambito n 5 CRITERI PER L EROGAZIONE Finalità dell intervento L erogazione del Buono Sociale da parte dei Comuni del Distretto n. 5 si configura come servizio consolidato per

Dettagli