MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 Revisione 0.4 Emissione - Revisione Data Elaborato da Verificato da Approvato da Rev RSGA DIR PRES Rev RSGA DIR PRES Rev RSGA DIR PRES Rev RSGA DIR PRES Rev RSGA DIR PRES MA - Rev. 0.4 del pag. 1 di 16

2 indice 0.1 Presentazione dell'azienda Organizzazione dell Azienda Scopo e campo d applicazione Riferimenti normativi Termini e definizioni Requisiti del Sistema di Gestione Ambientale Requisiti generali Politica Ambientale Pianificazione Aspetti ambientali Prescrizioni legali e altre prescrizioni Obiettivi, traguardi e programmi Attuazione e funzionamento Risorse, ruoli e responsabilità Competenza, formazione e consapevolezza Comunicazione Documentazione Controllo dei documenti Controllo operativo Gestione delle emergenze Verifica Sorveglianza e misurazione Valutazione del rispetto delle prescrizioni Non conformità, azioni correttive e azioni preventive Controllo delle registrazioni Audit interno Riesame della Direzione MA - Rev. 0.4 del pag. 2 di 16

3 0.1 Presentazione dell'azienda Denominazione dell organizzazione Elbana Servizi Ambientali S.p.A. (ESA SpA) Indirizzo sede legale Viale Elba, 171 Comune CAP e Provincia Portoferraio Livorno Telefono fax Posta elettronica Sito web Nome della società capo fila (se esiste) n dipendenti totali Campo d applicazione del SGA ISO 14001: 2004 Classificazione ai sensi del D. Min. Ind. 18/9/97 GU 229 del No 56 a tempo indeterminato 2 a tempo determinato (Dirigente) 20/25 (in media) a tempo determinato (stagionali) Ricezione, selezione, trattamento, smaltimento e recupero di rifiuti urbani e assimilati impianto di Buraccio e discarica di Literno Società di servizi Classificazione ai sensi Decisione CE 681/01 Allegato I Codice NACE Codice EA dell attività economica principale Organizzazione dell Azienda L organigramma aziendale è riportato nell allegato A al presente Manuale; per dettagli relativi alle mansioni vedasi Lettere mansionario. MA - Rev. 0.4 del pag. 3 di 16

4 1. Scopo e campo d applicazione Il Sistema di Gestione Ambientale di ESA S.p.A., implementato e attuato secondo la famiglia delle Norme ISO 14000, ha lo scopo di sviluppare ed attuare: la Politica Ambientale definita dal CdA; gli Obiettivi Ambientali definiti dal CdA; nonché mantenere attivo e migliorare il Sistema di Gestione Ambientale in essere. Il Sistema di Gestione Ambientale è applicato a quegli aspetti ambientali, emersi dall Analisi Ambientale Iniziale, nei siti Discarica di Literno e Impianto di Buraccio, che ESA monitora sistematicamente e sui quali è in grado di agire. 2. Riferimenti normativi Le Norme cui si fa riferimento il Sistema Gestione Ambientale di ESA S.p.A. sono: UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di gestione ambientale: requisiti e guida per l uso ; UNI EN ISO 14004: 2005 Linee guida generali su principi, sistemi e tecniche di supporto ; UNI EN ISO 19011: 2003 Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale ; UNI EN ISO 9000: 2005 Sistemi di gestione per la qualità: Fondamenti e vocabolario ; UNI EN ISO 9001: 2000 Sistemi di gestione per la qualità: Requisiti. 3. Termini e definizioni Per il presente SGA si applicano i termini e le definizioni seguenti: Auditor: persona che ha la competenza per effettuare un audit. Miglioramento continuo: processo ricorrente di accrescimento del sistema di gestione ambientale per ottenere miglioramenti della prestazione ambientale complessiva coerentemente con la politica ambientale dell'organizzazione. Azione correttiva: azione tesa ad eliminare la causa di una non conformità rilevata. Documento: informazioni con il loro mezzo di supporto (il mezzo di supporto può essere carta, nastro magnetico, disco elettronico od ottico, fotografia, campione di riferimento o una loro combinazione). MA - Rev. 0.4 del pag. 4 di 16

5 Ambiente: contesto nel quale un organizzazione opera, comprendente l aria, l acqua, il terreno, le risorse naturali, la flora, la fauna, gli esseri umani e le loro interrelazioni (il contesto si estende dall interno di un organizzazione al sistema globale). Aspetto ambientale: elemento delle attività o dei prodotti o dei servizi di un'organizzazione che può interagire con l'ambiente (un aspetto ambientale significativo è un aspetto ambientale che ha, o può avere, un impatto ambientale significativo). Impatto ambientale: qualunque modificazione dell ambiente, negativa o benefica, causata totalmente o parzialmente dagli aspetti ambientali di un organizzazione. Sistema di gestione ambientale (SGA): parte del sistema di gestione di un'organizzazione utilizzata per sviluppare ed attuare la propria politica ambientale e gestire i propri aspetti ambientali (un sistema di gestione è un insieme di elementi correlati utilizzato per stabilire la politica e gli obiettivi e per conseguire tali obiettivi; un sistema di gestione comprende la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, le responsabilità, le prassi, le procedure, i processi e le risorse). Obiettivo ambientale: fine ambientale complessivo, coerente con la politica ambientale, che un organizzazione decide di perseguire. Prestazione ambientale: risultati misurabili della gestione dei propri aspetti ambientali da parte di un organizzazione (i risultati possono essere misurati rispetto alla politica ambientale, agli obiettivi ambientali, ai traguardi ambientali e agli altri requisiti di prestazione ambientale dell'organizzazione). Politica ambientale: intenzioni e direttive complessive di un organizzazione relative alla propria prestazione ambientale (3.10) come espresso formalmente dall'alta direzione (La politica ambientale fornisce un quadro di riferimento per condurre le attività e per definire gli obiettivi ambientali e i traguardi ambientali). Traguardo ambientale: requisito di prestazione dettagliato, applicabile all intera organizzazione (3.16) o ad una sua parte, derivante dagli obiettivi ambientali e che bisogna fissare e realizzare al fine di raggiungere tali obiettivi. Parte interessata: persona o gruppo coinvolto o influenzato dalla prestazione ambientale di un organizzazione. Audit interno: processo sistematico, indipendente e documentato, atto ad ottenere le evidenze di audit e valutarle in maniera oggettiva, per determinare in che misura i criteri di audit del sistema di gestione ambientale stabiliti dall organizzazione siano rispettati. Non Conformità: mancato soddisfacimento di un requisito. Organizzazione: gruppo, società, azienda, impresa, ente o istituzione, ovvero loro parti o combinazioni, in forma associata o meno, pubblica o privata, che abbia una propria struttura funzionale e amministrativa. Azione Preventiva: azione tesa ad eliminare la causa di una non conformità potenziale. MA - Rev. 0.4 del pag. 5 di 16

6 Prevenzione dell inquinamento: utilizzo di processi, prassi, tecniche, materiali, prodotti, servizi o fonti di energia per evitare, ridurre o tenere sotto controllo (separatamente o in combinazione) la generazione, l'emissione o lo scarico di qualsiasi tipo di inquinante o rifiuto, al fine di ridurre gli impatti ambientali negativi (la prevenzione dell'inquinamento può comprendere la riduzione o l'eliminazione alla fonte, modifiche di processo, prodotto o servizio, l'uso efficiente delle risorse, la sostituzione di materiali o fonti di energia, il riutilizzo, il recupero, il riciclaggio, la bonifica e il trattamento). Procedura: modo specificato per svolgere un'attività o un processo (le procedure possono essere documentate o meno). Registrazione: Documento: che riporta i risultati conseguiti o che fornisce l'evidenza delle attività eseguite. Alta Direzione: Il Consiglio di Amministrazione dell azienda (o suoi delegati: il Presidente, il Direttore, ecc.). Responsabile Tecnico: responsabile degli indirizzi di gestione tecnica ed ambientale del sito (D.M. 406/98). Direttore tecnico: coordinatore gestionale degli impianti. 4. Requisiti del Sistema di Gestione Ambientale 4.1 Requisiti generali Il Sistema di Gestione Ambientale di ESA S.p.A., implementato secondo la norma UNI EN ISO 14001: 2004, comprende la struttura organizzativa, le attività di pianificazione, le responsabilità, la prassi, le procedure, i processi, le azioni di miglioramento continuo, le risorse per elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva e adeguata la Politica Ambientale; per cui il presente SGA ha l obiettivo di: - evidenziare e pianificare le attività aziendali che danno luogo ad impatti ambientali significativi; - gestire tali attività attraverso metodiche pianificate, con specificazione dei ruoli e responsabilità attribuite alle varie funzioni aziendali; - identificare e applicare le leggi e altre prescrizioni adottate; - individuare e monitorare obiettivi e traguardi, stabilendone la priorità; - definire programmi inerenti gli obiettivi, i traguardi e la politica; - riesaminare l adeguatezza e l efficacia del SGA per individuare le azioni e le aree di miglioramento; - rendere flessibile il SGA in seguito a cambiamenti circostanti. MA - Rev. 0.4 del pag. 6 di 16

7 Il campo di applicazione del presente SGA è relativo alle attività di: selezione, trattamento e stabilizzazione dei rifiuti urbani e assimilati presso l Impianto di Buraccio: smaltimento degli scarti provenienti dal trattamento dei rifiuti urbani (RU) provenienti dall Impianto di Buraccio presso la Discarica di Literno. Le modalità con cui l'organizzazione assicura la realizzazione dei citati requisiti sono descritte nei paragrafi del presente Manuale. E stato escluso da campo di applicazione del presente SGA il servizio di Raccolta (Spezzamento, lavaggio strade e piazze, raccolta differenziata, raccolta, trasporto e conferimento finale di rifiuti urbani ed assimilati), dato che per tale servizio ESA SpA ha un controllo di gestione, una sua autonomia in termini di budget, di centro di costo, di Responsabilità Tecnica nonché un contratto di servizio specifico, con i committenti. 4.2 Politica Ambientale L alta Direzione di ESA S.p.A. è pienamente cosciente dell interazione delle proprie attività con l ambiente e ritiene un dovere verso la società civile avere una completa conoscenza dell'ambiente nel quale opera e gestire le relazioni fra le proprie operazioni e i propri impianti affinché gli effetti positivi sull ambiente ne risultino massimizzati. L alta Direzione di ESA S.p.A. è responsabile e promuove ogni azione che è in suo potere, diretta a far sì che le attività aziendali non presentino rischi significativi per le persone e per l ambiente. L alta Direzione di ESA S.p.A. ha definito una Politica Ambientale (vedasi Allegato B al presente Manuale): a. adeguata alla natura, alle dimensioni e agli impatti ambientali derivanti dalla realizzazione dei propri prodotti/servizi; b. concreta nella riduzione dell inquinamento e/o miglioramento dell ambiente, che privilegia le misure preventive rispetto a quelle correttive; c. rigorosa nel rispetto di leggi, regolamenti, politiche societarie e ai codici di riferimento per l ambiente; d. riferimento per la definizione e riesame di obiettivi e traguardi ambientali; e. attuata sistematicamente; f. coinvolgente e di sensibilizzazione per tutto il personale aziendale al fine di promuovere un comportamento responsabile nei confronti dell'ambiente; g. comunicata e resa disponibile all esterno a clienti, fornitori e a tutti i terzi interessati. MA - Rev. 0.4 del pag. 7 di 16

8 L alta Direzione di ESA S.p.A. riconosce che tutte le sue azioni sono improntate al principio del miglioramento continuo delle prestazioni ambientali e per questo si pone obiettivi e traguardi da raggiungere con programmi strutturati di attività. Tali obiettivi e traguardi riguardano principalmente le seguenti aree di intervento: - l uso delle materie prime (o risorse naturali); - l uso di fonti energetiche; - le emissioni in atmosfera; - i livelli di rumore; - la contaminazione del suolo; - la qualificazione dei fornitori di beni e servizi. 4.3 Pianificazione Aspetti ambientali La Direzione di ESA ha identificato gli aspetti ambientali diretti inerenti le attività svolte presso il sito di Discarica di Literno e il sito Impianto di Buraccio e determinato gli aspetti che hanno e/o potrebbero avere impatto/i significativo/i attraverso un Analisi Ambientale Iniziale dei siti a cui è applicato il SGA; la loro gestione e/o riesame (a cadenza annuale o in seguito ad eventi e condizioni che lo rendono necessario) avviene secondo le indicazioni riportate nella PA Identificazione, quantificazione e valutazione/conformità leggi e prescrizioni. Gli aspetti ambientali indiretti sono identificati e rivalutati attraverso l Analisi Ambientale Iniziale dei siti a cui è applicato il SGA. La Direzione di ESA ritiene di non divulgare gli aspetti ambientali significativi all esterno Prescrizioni legali e altre prescrizioni ESA S.p.A ha stabilito e mantiene attiva la procedura PA Identificazione, quantificazione e valutazione/conformità leggi e prescrizioni, per identificare, consentirne l'accesso e applicare le prescrizioni legali e di ogni qualsiasi altro tipo sottoscritte dall'azienda, che riguardano gli aspetti ambientali relativi alle attività espletate, prodotti e/o servizi realizzati Obiettivi, traguardi e programmi La Direzione di ESA stabilisce e/o riesamina periodicamente, con particolare riferimento e coerenza con la Politica Ambientale, obiettivi, traguardi e programmi ambientali, dando priorità a MA - Rev. 0.4 del pag. 8 di 16

9 obiettivi e traguardi individuati, che risultato misurabili (ove possibile); l attuazione degli obiettivi e traguardi definiti sono implementati e attuati attraverso programmi che evidenziano ruoli, responsabilità, mezzi e tempi di raggiungimento degli stessi. La metodologia applicata per la definizione e attuazione di obiettivi, traguardi e relativi programmi è descritta nella PA Obiettivi, programmi e traguardi. 4.4 Attuazione e funzionamento Risorse, ruoli e responsabilità La Direzione di ESA ha definito ruoli e responsabilità di pertinenza dei vari responsabili delle funzioni aziendali che sono approfonditamente esplicati nel par. 0.2 (Organizzazione dell Azienda). L Alta Direzione di ESA ha nominato il Rappresentante della Direzione per il Sistema Gestione Ambientale, nonché il Responsabile del Sistema Gestione Ambientale -RSGA- (vedasi Allegato All C al presente Manuale). Il Rappresentante della Direzione per il Sistema Gestione Ambientale, con il supporto del RSGA, ha la responsabilità di: predisporre, sviluppare, attuare e mantenere il SGA coerente alle caratteristiche e ai programmi della Società, conformemente alla Norma ISO 14001: 2004 e finalizzato alla soddisfazione delle parti interessate; riferire alla Direzione sulle prestazioni del SGA; garantire la diffusione e la conoscenza della Politica e degli Obiettivi Ambientali a tutti i livelli e la crescita e coerenza delle risorse umane inerentemente al SGA; definire, con la Direzione, i ruoli e assegnare le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi ambientali prestabiliti; promuovere l addestramento di tutto il personale; stimolare il processo di miglioramento continuo del SGA; assicurare l impegno continuo a migliorare la gestione delle attività dell organizzazione coerenti e inerenti l SGA; riesaminare periodicamente il SGA per garantirne l adeguatezza e l efficacia nel tempo e proporre le azioni preventive/correttive opportune a salvaguardare l ambiente. Il riesame della struttura e delle responsabilità avviene annualmente durante il riesame della Direzione (vedasi par. 4.6). Si effettuano, inoltre, modifiche a seguito di possibili eventi o situazioni che lo rendono necessario, in particolare, in presenza di nuove esigenze aziendali, secondo le modalità stabilite di volta in volta dalla Direzione. MA - Rev. 0.4 del pag. 9 di 16

10 4.4.2 Competenza, formazione e consapevolezza La Direzione di ESA, consapevole dell importanza delle competenze del proprio personale interno e del personale che opera per l Azienda, ne verifica periodicamente le competenze e prevede azioni sistematiche di istruzione e/o formazione in relazione agli aspetti ambientali e al SGA implementato e attuato. La procedura PQA Formazione e addestramento dettaglia le modalità con cui vengono pianificate e gestite le azioni di formazione e addestramento del personale interno, mirate a diffondere in ESA la cultura del rispetto dell ambiente attraverso il SGA implementato, attuato e da migliorare nel tempo. La procedura dettaglia anche la metodologia utilizzata dalla Direzione per garantire la cultura del rispetto dell ambiente al personale esterno a ESA (es.: fornitori, ecc.) Comunicazione La Direzione di ESA, in merito al SGA implementato e attuato, consapevole degli aspetti ambientali che interessano l Azienda, ha definito canali di comunicazione al fine di garantire ad ogni livello dell Organizzazione comunicazioni puntuali; inoltre ha definito le modalità di comunicazione con le parti interessare esterne, in merito a domande e risposte da parte degli stessi. Dettagli sulla comunicazione sono riportati nella PQA Comunicazione interna ed esterna Documentazione Il presente SGA comprende tre tipi di documenti, così definiti: documenti normativi: - L analisi Ambientale Iniziale per i siti scopo della certificazione ( Discarica di Literno e Impianto di Buraccio ); - la Politica Ambientale; - Obiettivi e traguardi - il presente Manuale SGA - le Procedure Ambientali, che sviluppano in dettaglio (cosa, chi, come, dove e quando) così come definito nei paragrafi del Manuale (vedasi l allegato D Elenco delle Procedure Ambientali al presente Manuale); - le Istruzioni Operative Ambientali che dettagliano le modalità di corretta attuazione dei processi funzionali o dei processi operativi; documenti programmatici: - Programma ambientale; MA - Rev. 0.4 del pag. 10 di 16

11 - Piani Ambientatali specifici per la prevenzione e rispetto dell'ambiente; - Piani di Formazione; - Piani delle Verifiche ispettive; - Piani di Comunicazione interna ed esterna. documenti di registrazione: registrazioni che danno evidenza oggettiva dell implementazione e attuazione sistematica del SGA Controllo dei documenti Tutti i documenti (vedasi par ) del SGA di ESA e tutti quei documenti che possono essere fondamentali per il SGA (es.: documenti di origine,ecc.) esterna sono tenuti sotto controllo; per i documenti di registrazioni si fa riferimento a quando precisato nel par del presente Manuale. L Organizzazione garantisce che i documenti del SGA seguano un iter ben preciso che ne attesti l ufficialità, lo stato di revisione, l identificazione, la rintracciabilità, nonché il collegamento ad altri documenti del sistema SGA; la PQA Gestione della documentazione e delle registrazioni descrive in dettaglio la metodologia di controllo dei documenti del SGA. Tutti i documenti di origine esterna sono protocollati ed inoltrati al personale che, secondo diversi livelli di responsabilità, deve averne conoscenza Controllo operativo ESA intende gestire e tenere sotto controllo le proprie attività aziendali coerentemente con la politica ambientale, gli obiettivi e i traguardi, effettuando controlli sistematici sulle attività di tipo operativo e/o gestionale, legati agli aspetti ambientali o che possono e/o producono impatti significativi. L'individuazione delle attività e degli elementi che possono produrre impatti significativi reali e/o potenziali o responsabilità, avviene attraverso quanto riportato nei paragrafi e 4.3.2, e nella PA "Identificazione, quantificazione e valutazione/conformità leggi e prescrizioni ". Tutte le attività che possono avere impatto sull'ambiente, sono gestite mediante procedure ambientali e/o istruzioni operative ambientali le quali, nell'ambito delle attività operative: sono legate ad aspetti ambientali significativi con potenziale o effettivo impatto ambientale; sono emesse dai singoli responsabili di funzione e verificate e approvate dal RSGA; stabiliscono le corrette modalità operative da adottare in una qualunque fase del ciclo produttivo e in caso di situazioni anomale ragionevolmente prevedibili (che cosa fare, come fare, ecc.); dettano quali situazioni devono essere assolutamente evitate; MA - Rev. 0.4 del pag. 11 di 16

12 descrivono le modalità di gestione, ispezione (e pulizia) e manutenzione ordinaria e/o straordinaria indicano i ruoli e le responsabilità relative ad ogni attività; indicano, se necessario, le modalità di registrazione delle attività e degli eventi che sono (o possono essere) determinati al fine di prevenire o ridurre gli impatti ambientali. Le procedure ambientali redatte ed attuate dall Organizzazione per il controllo delle attività operative sono: - PA Controlli operativi e manutenzione sito di Literno ; - PA Controlli operativi e manutenzione sito di Buraccio. Le modalità di svolgimento delle attività gestionali in ambito ambientale sono legate all'approvvigionamento; ciò ha reso utile la creazione di un albo fornitori, per prevenire che qualunque fornitura possa comportare impatti ambientali, in particolare per i fornitori di: servizi ambientali; prodotti e/o servizi relativi a elementi delle attività svolte, che producono impatti significativi all'interno del sito; contratti per lavori all'interno del sito (impianti, manutenzioni, ecc.); Le modalità di selezione fornitori sono riportate nella procedura PQA "Valutazione dei fornitori " Gestione delle emergenze Il RSGA, con il supporto dei responsabili di funzione, è il responsabile dell'individuazione dei possibili incidenti e delle situazioni di emergenza ragionevolmente prevedibili e delle modalità per affrontare tali situazioni con il fine di elidere o ridurre al minimo le conseguenze, intervenendo con rapidità ed efficacia. Ogni preparazione e risposta alle emergenze è formalizzata in istruzioni operative ambientali, le quali contengono per la gestione delle emergenze le seguenti specifiche: la natura del pericolo; il tipo e la dimensione di situazione di emergenza (o incidente più probabile); le modalità più appropriate per affrontare la situazione di emergenza; le modalità di comunicazione (interna ed esterna) per affrontare l emergenza; le azioni più efficaci per ridurre i danni ambientali; la modalità di valutazione ex-post delle emergenze necessarie a definire azioni correttive e/o preventive; la modalità/periodicità di simulazione della gestione delle emergenza; ruoli e responsabilità (interne ed esterne) per la gestione di ogni emergenza; MA - Rev. 0.4 del pag. 12 di 16

13 la logistica relativa alla gestione dell emergenza; considerazioni su aziende, che operano nelle vicinanze dei siti dell Organizzazione, con emergenze simili; la collaborazione con aziende che operano nelle vicinanze dei siti dell Organizzazione al presentarsi di emergenze. Le modalità di gestione delle emergenze sono riportate nella procedura PA "Preparazione e risposta all'emergenza discarica di Literno" e PA "Preparazione e risposta all'emergenza impianto di Buraccio". 4.5 Verifica Sorveglianza e misurazione ESA ha definito e mette in atto modalità per monitorare le proprietà e gli aspetti ambientali significativi, inclusi gli indicatori delle prestazioni, valutando l'attinenza alle leggi ed agli altri requisiti di interesse delle parti interessate. Inoltre ha definito le modalità di gestione delle apparecchiature di misurazione delle performance riguardanti le misure stesse (PA Controlli operativi e manutenzione sito di Literno e PA Controlli operativi e manutenzione sito di Buraccio ). La conduzione e le responsabilità di tali attività di sorveglianza e valutazioni quantitative sono di competenza del RSGA. Sulla base degli elementi e delle attività che producono impatti ambientali significativi emergenti dall'attuazione della procedura PA "Identificazione e quantificazione degli aspetti ambientali significativi" e dalle procedure e/o istruzioni operative ambientali che stabilisco le modalità di gestione e di regolazione delle attività (PA Controlli operativi e manutenzione sito di Literno e PA Controlli operativi e manutenzione sito di Buraccio, ecc.) la procedura PA "Sorveglianza e misurazioni operative per processo" definisce e attua le azioni di monitoraggio (check) sulle attività produttive e gestionali, misurandone le prestazioni e mostrando evidenza oggettiva dei risultati (registrazioni) ottenuti Valutazione del rispetto delle prescrizioni L Organizzazione in base a quando descritto nel paragrafo del presente Manuale, ha individuato i requisiti di legge e le altre prescrizioni di proprio interesse; la valutazione dell applicazione e la valutazione della conformità a leggi e prescrizioni adottate è affidata dalla Direzione al RSGA che si attiene per lo svolgimento di tale compito a quando riportato nella PA Identificazione, quantificazione e valutazione/conformità leggi e prescrizioni. MA - Rev. 0.4 del pag. 13 di 16

14 Inoltre, almeno con cadenza annuale e/o funzionali alle esigenze, l Organizzazione valuta la conformità alle leggi e altre prescrizioni adottate (in occasione del Riesame della Direzione) Non conformità, azioni correttive e azioni preventive L Organizzazione, allo scopo di monitorare l andamento delle proprie attività nel rispetto dell ambiente, ha coinvolto tutto il suo personale nel segnalare qualunque situazione che può avere impatto sull ambiente. Tali segnalazioni vengono gestire dal RSGA in collaborazione con il Responsabile del servizio interessato secondo quanto riportato nella PQA Gestione NC-AC- AP. Anche i reclami provenienti dalle parti interessate o comunque dall esterno, riguardanti aspetti ambientali significativi sono trattati come non conformità, secondo le indicazioni riportare dalla PQA Controllo delle registrazioni Costituiscono documenti di Registrazione del SGA tutti quei documenti che permettono di dare evidenza oggettiva (formalizzata) delle attività effettuate per il rispetto dell ambiente. La procedura PQA Gestione della documentazione e delle registrazioni descrive le modalità con cui vengono generate, revisionate, distribuite e archiviate anche le registrazioni del SGA. Le registrazioni relative al SGA sono organizzate in modo tale che vengano soddisfatte le seguenti condizioni siano: raggruppate per tipologie di oggetti omogenei e chiaramente identificate; facilmente accessibili, identificabili e consultabili tutto il personale interno e/o dalle parti interessate, ove questo sia richiesto o previsto; conservati in modo corretto per evitare deterioramenti, danneggiamenti o smarrimenti, sotto la responsabilità delle funzioni competenti; opportunamente mantenute e aggiornate previa eliminazione delle copie obsolete. Responsabile della gestione delle registrazioni relative al SGA é il RSGA, che valuta periodicamente anche le registrazioni di competenza delle varie funzioni aziendali Audit interno L organizzazione prevede ispezioni interne (audit) effettuate periodicamente allo scopo di: verificare se le attività ed i risultati correlati al rispetto dell ambente sono in linea con le disposizioni prescritte; verificare se il SGA implementato e attuato è nel suo complesso efficace; MA - Rev. 0.4 del pag. 14 di 16

15 dare alla Direzione di ESA informazioni sul sistema attuato. La procedura PQA Verifiche Ispettive Interne dettaglia l organizzazione e le metodologie secondo cui sono eseguite le verifiche del SGA. RSGA è responsabile del contenuto della procedura PQA Verifiche Ispettive Interne, della sua applicazione e della sua distribuzione. Le funzioni responsabili delle attività operative significative per gli effetti ambientali indotti, hanno la responsabilità di rendere disponibili in fase di audit interno le risorse necessarie per la conduzione della visita ispettiva, secondo i tempi le modalità pianificate. La frequenza minima di audit interni é per lo meno una volta all anno. 4.6 Riesame della Direzione La Direzione, supportata dal Direttore Tecnico e dal Responsabile Tecnico, esegue un riesame globale dello stato del SGA almeno una volta l anno, al fine di accertarne l adeguatezza alla norma UNI EN ISO 14001: 2004, la diffusa e corretta applicazione e la coerenza con la Politica Ambientale. Costituiscono elementi di ingresso al Riesame della Direzione del SGA almeno i seguenti argomenti: campo di applicazione del sistema SGA; risultatati degli audit interni; valutazione della conformità legislativa e altre prescrizioni a cui la Società ha aderito; comunicazioni con le parti interessate; reclami; prestazioni ambientali dell Organizzazione; stato delle azioni relative agli obiettivi e traguardi ambientali; stato delle azioni correttive e delle azioni preventive; punto delle azioni previste in precedenti riesami della direzione; cambiamento delle situazioni circostanti (incluse prescrizioni legali ed altre); necessità/problematiche individuate dal Direttore Tecnico e/o Responsabile Tecnico; raccomandazioni per il miglioramento. Costituiscono elementi di uscita al Riesame della Direzione del SGA almeno i seguenti argomenti: decisioni e azioni relative alla modifica della Politica Ambientale; decisioni e azioni relative alla modifica degli obiettivi e traguardi; decisioni e azioni relative alla modifica di elementi del SGA; necessità di risorse. MA - Rev. 0.4 del pag. 15 di 16

16 I risultati del riesame sono documentati e conservati presso la Funzione Ambiente. MA - Rev. 0.4 del pag. 16 di 16

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004 Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE La ISO 14001 è una norma internazionale, che stabilisce i requisiti per definire, attuare e gestire un Sistema

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Miglioramento continuo

Miglioramento continuo 7 Il sistema di gestione ambientale Il Sistema di Gestione ambientale della Provincia di Bergamo è stato progettato e implementato per rispondere a tutti i requisiti previsti dal Reg. CE n. 761/2001 e

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE Pag. 1 di 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE INDICE 1. Scopo... 2 2. Principi guida... 2 3. Politica per la qualità e l Ambiente... 2 4. Pianificazione... 2 5. Responsabilità, autorità e comunicazione...

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Rev.0 Data 10.10.2002 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Indice: 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 RIFERIMENTI E DEFINIZIONI 4.0 RESPONSABILITÀ 5.0 MODALITÀ ESECUTIVE 6.0 ARCHIVIAZIONE 7.0

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative Unione Industriale 19 di 94 4.2 SISTEMA QUALITÀ 4.2.1 Generalità Un Sistema qualità è costituito dalla struttura organizzata, dalle responsabilità definite, dalle procedure, dai procedimenti di lavoro

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

ISO 9000:2000 Assicurazione della qualità Parte della gestione per la qualità mirata a dare fiducia che i requisiti per la qualità saranno

ISO 9000:2000 Assicurazione della qualità Parte della gestione per la qualità mirata a dare fiducia che i requisiti per la qualità saranno ISO 9000:2000 Assicurazione della qualità Parte della gestione per la qualità mirata a dare fiducia che i requisiti per la qualità saranno soddisfatti. Azione correttiva Azione per eliminare la causa di

Dettagli

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L.

AREZZO MULTISERVIZI S.R.L. Approvato e Verificato Presidente Elaborato: Resp. Personale [Data]: 18/02/14 [Data]: 18/02/14 [Firma]: [Firma]: 1. Generalità La documentazione del Sistema o è così strutturata: l Analisi Iniziale: è

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA

SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA SISTEMA DI GESTIONE SICUREZZA Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità, Salute

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità,

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

CERTIFICAZIONE ISO 14001

CERTIFICAZIONE ISO 14001 CERTIFICAZIONE ISO 14001 Il Comune di Mozzate ha ottenuto la certificazione ambientale ISO 14001 in data 30.04.2003, ha difatti impostato e mantiene attivo un Sistema di Gestione Ambientale in linea con

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 01 Pag. 1 di 5 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10.05.11 1 a Emissione Tutti Tutte Sommario 4 LA QUALITA... 2 4.1 Requisiti Generali... 2 4.2

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO Il presente Progetto è essenzialmente finalizzato a: diffondere i principi e i concetti della Qualità come strategia

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE Copia controllata n : 01 02 03 04 05 06 07 08 Copia non controllata In consegna a: Firma: Funzione: Data Rev Causale Preparato Approvato 08.07.09 0 Emissione Resp Gestione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli