COMMERCIO E FINANZA S.p.A. LEASING E FACTORING BILANCIO AL 31 DICEMBRE Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMERCIO E FINANZA S.p.A. LEASING E FACTORING BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2004. Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara"

Transcript

1 COMMERCIO E FINANZA S.p.A. LEASING E FACTORING BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2004 Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara

2 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Alfredo Diana Vice Presidente Alfredo Santini Consiglieri Giulio Felloni Umberto Giatti Mario Guidi Gennaro Murolo Enzo Zanardi COLLEGIO SINDACALE Presidente Andrea Malfaccini Sindaci Gaetano De Gregorio Stefano Leardini SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE Via Francesco Crispi, Napoli pagina 2

3 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA Gli azionisti sono convocati in Assemblea Straordinaria ed Ordinaria per il giorno 29 marzo 2005 alle ore 12,30 presso la sede legale in Napoli Via F. Crispi 4, in prima convocazione, ed il giorno 30 marzo 2005 stessa ora e luogo, in seconda convocazione, per discutere e deliberare sul seguente Ordine del Giorno: Parte Straordinaria OMISSIS Parte Ordinaria 1) Bilancio al 31 dicembre 2004; Relazione degli Amministratori sulla Gestione e Relazione del Collegio Sindacale. Delibere conseguenti. 2) Nomina nuovi Amministratori e Sindaci 3) Varie ed eventuali Il Presidente Alfredo Diana pagina 3

4 Relazione sulla Gestione RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Signori Azionisti, il 31 dicembre 2004 si è chiuso il 23 esercizio sociale, il cui bilancio, assoggettato alla revisione contabile da parte della Deloitte & Touche spa, sottoponiamo al Vostro esame ed approvazione. Le positive risultanze del documento contabile, che rimettiamo al Vostro giudizio, dimostrano come l impianto complessivo della società sia risultato idoneo a superare difficoltà originate da una sfavorevole congiuntura di mercato; capace di assorbire crescenti volumi di intermediato, senza variazioni dei costi operativi; dotato di una flessibilità che consente di sfruttare, di volta in volta, i prodotti che presentano maggiori margini di profittabilità. Per effetto di tanto il risultato lordo di gestione nel triennio ha fatto registrare una crescita costante, confermata dall utile netto che anche nel 2004 si caratterizza per un incremento dell ordine del 5%, in presenza di un ROE ormai stabile intorno al 10%. La società conferma altresì la sua visibilità sul mercato per qualità di servizi resi alla clientela, per solidità strutturale e prudente gestione, per l orientamento alla innovazione tecnologica. Lo scenario macroeconomico L analisi dei principali dati economici concordano nel delineare un quadro complessivo europeo non certo positivo. La significativa ripresa che ha caratterizzato l economia statunitense ed ancor più la cinese, con positivi riflessi su quella giapponese, non ha infatti avuto un effetto trainante sull economia dell area euro, che ha manifestato solo timidi segni di ripresa. In tale contesto gli indicatori non lasciano intravedere a breve il nascere di un ciclo virtuoso. Bisognerà pertanto prepararsi ad affrontare una difficile congiuntura economica. Analizzando l andamento del nostro Paese si rileva, sulla base dei dati oggi disponibili, che la crescita economica risulta ancora al di sotto di quella media dei Paesi dell area euro. In particolare i saldi negativi tra esportazioni ed importazioni hanno frenato sensibilmente la crescita del PIL. Sotto il profilo sociale, la seppur contenuta crescita dell economia del nostro Paese ha però contribuito ad un contenimento del tasso di disoccupazione. I consumi e gli investimenti hanno mostrato una dinamica migliore di quella registratasi in Germania, ma peggiore di quelle di Francia e Spagna; gli investimenti fissi lordi mostrano incrementi percentuali in termini reali del 2,2% (4,7% a valori nominali) rispetto al Le migliori dinamiche si sono registrate nel comparto immobiliare e in quello dei mezzi di trasporto. Infine rileviamo che la produzione industriale nell area euro, dopo una pagina 4

5 Relazione sulla Gestione iniziale fase espansiva, si è posizionata su valori stazionari. La domanda interna persistentemente debole, l apprezzamento dell euro e la intervenuta perdita di velocità dell economia mondiale, concorrono a mantenere su ritmi moderati la dinamica dell out put manifatturiero. Il mercato del leasing in Italia I dati definitivi al , forniti dall associazione di categoria Assilea registrano un incremento complessivo dello stipulato leasing dell ordine del 18,6% per importo e dell 8,51% per numero di contratti. Per effetto di tale risultato, il valore dei contratti stipulati nel 2004, pari a euro milioni ,00, risulta essere ritornato, dopo la flessione registrata nel 2003, sui livelli espressi nel 2002 (tabella 1). Tabella 1 I Contratti stipulati dal Sistema ( importi in euromiliardi) , , , , ,74 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00 45,00 50,00 55,00 Anche nel 2004 i principali attori del mercato hanno riservato particolare attenzione alle operazioni big ticket, che certamente hanno contribuito in maniera determinante alla realizzazione di performance di crescita, che però mal si conciliano con la congiuntura economica, pur tenendo conto delle ampie potenzialità dei principali competitors del mercato. L Associazione di categoria Assilea ha rilevato la discrasia, e si è anche posta il problema di dover meglio disciplinare le modalità di segnalazione, in modo da tener separato il mondo del leasing da quello di altri prodotti di finanziamento alle imprese, similari, ma non certo riconducibili alla locazione finanziaria e/o operativa. La crescita è risultata presente in tutti i comparti anche se con diversa incidenza. Le Tabelle 2 e 3 mostrano le performance registrate nel 2004 per le diverse tipologie di prodotto. pagina 5

6 Relazione sulla Gestione Tabella 2 Contratti stipulati dal sistema : numero IMMOBILIARE AERONAVALE STRUMENTALE TARGATO Tabella 3 Contratti stipulati dal sistema : importi in milioni IMMOBILIARE AERONAVALE STRUMENTALE TARGATO Il leasing in Commercio e Finanza La Vostra società, coerente con gli obiettivi individuati di concerto con la Capogruppo, ha fatto registrare una crescita del 4% in valore, con uno stipulato di 345 milioni di euro distribuito su contratti. Tale risultato, se paragonato all esercizio 2003, i cui volumi sono pari a quelli sviluppati dal sistema nel 2004, appare decisamente positivo. pagina 6

7 Relazione sulla Gestione Tabella 4 I contratti stipulati stipulati da Commercio e Finanza - Importi in milioni Approfondendo l analisi, rileviamo che Commercio e Finanza continua a caratterizzarsi per una veloce rotazione del capitale investito, prediligendo le operazioni di contenuta durata temporale ed aventi ad oggetto beni ad alta fungibilità. Tutto ciò ponendo la massima attenzione ad evitare concentrazioni di rischio. Il taglio medio dei contratti risulta in linea con quello rilevato nel 2003 ( ) mentre la concentrazione del rischio medio su cliente dei contratti 2004 risulta pari ad , valore che appare in linea con gli obiettivi strategici societari. Ancorchè la tipologia delle operazioni tipicamente concluse da Commercio e Finanza sia caratterizzata da una scarsa ripetitività, oltre il 30% dei contratti risultano stipulati con clientela che ha in regolare esazione almeno un altro contratto di leasing. La percentuale, in contrazione rispetto al 2003, sconta l effetto distorsivo dello sviluppo della nuova clientela riveniente dalla rete bancaria. La suddivisione geografica della produzione conferma la prevalenza sul totale della componente Italia meridionale (55%); il dato Italia centrale si adegua al 16%; la componente Italia settentrionale sale al 29%, essenzialmente per effetto della incidenza della rete bancaria. pagina 7

8 Relazione sulla Gestione Tabella 5 Leasing Contratti stipulati 2004 Ripartizione geografica Italia Settentrionale 29% Italia Centrale 16% Italia Meridionale 55% Italia Meridionale Italia Centrale Italia Settentrionale La società, pur in presenza di una crescita del 30% circa delle richieste di operazioni leasing, ha preferito non perseguire meri obiettivi volumetrici, ma ha operato una severa selezione delle operazioni, sia avendo riferimento al merito creditizio espresso, sia alla qualità dei beni oggetto di leasing. Percentualmente lo stipulato risulta pari al 42% del pervenuto (ex 53%). A fine 2004 i cespiti lordi risultano pari a euro milioni 1.246,4, distribuiti su contratti, con un capitale futuro pari a euro milioni 622,2. pagina 8

9 Relazione sulla Gestione Nella Tabella 6 viene riportato lo stipulato 2004 diviso per prodotto, raffrontato con lo stipulato di mercato. Tabella 6 Contratti stipulati Confronto sistema - CFLF % 50,00 45,00 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00-4,31 3,29 33,99 29,15 44,11 21,97 22,42 AERONAVALE STRUMENTALE IMMOBILIARE TARGATO 40,73 SISTEMA CFLF L analisi conferma la predilezione societaria per forme di investimento a veloce rigiro e ad alta fungibilità. La politica sin qui seguita potrà subire alcune correzioni, avuto riguardo alla durata delle operazioni, considerato che allo stato non sussistono più i condizionamenti connessi alla tesoreria, che in passato hanno orientato le scelte commerciali. Il Factoring in Commercio e Finanza Per quanto concerne il prodotto factoring l esercizio 2004 ha confermato e significativamente migliorato i dati Si è continuato a sfruttare la nicchia di mercato rappresentata dal factoring sanitario, incrementando la presenza sia nel prosolvendo che nel prosoluto. I risultati appaiono più che lusinghieri, anche se va rilevato che primari operatori del mercato hanno già nel 2004 effettuato ingenti investimenti nel settore, operando con spread molto concorrenziali. La Vostra società ha risposto facendo leva sulla propria efficienza e flessibilità operativa, che ha originato apprezzamento da parte della clientela e conseguente fidelizzazione. I rapporti continuativi hanno fatto registrare una crescita di oltre il 20% con prospettive ancora molto positive per il L incremento della clientela fidelizzata lascia intravedere la possibilità di stabilizzare nel tempo il contributo reddituale del prodotto. L investment al è risultato pari ad euromilioni 259,5 (+81%), valore medio euromilioni 202,7 (ex 110,8); il turnover è stato pari a euromilioni 318,3 (+12%). Il 27,7% dell investment è rappresentato da pagina 9

10 Relazione sulla Gestione anticipazioni prosolvendo a Farmacie della Provincia di Napoli; il 6,3% è rappresentato da operazioni prosolvendo con clientela c.d. ordinaria; il 58,7% è rappresentato da operazioni di finanziamento diretto alle ASL campane in applicazione della Delibera Regionale n. 2089; il 7,3% è costituito da operazioni prosoluto. Il Consiglio di Amministrazione ha ripetutamente affrontato la problematica connessa alla concentrazione di rischio venutasi a creare in capo alle ASL, per finanziamenti diretti e per operazioni concesse ad operatori funzionalmente dipendenti dai pagamenti ASL. Considerata la natura pubblica del debitore, i legami funzionali ed economici che le ASL hanno con l Ente Regione e la rilevanza sociale del settore, è stato ritenuto che l attuale esposizione, ancorchè significativa, sia ancora compatibile con gli standard di rischio societario. Segnaliamo che a dicembre 2004 la società ha acquistato prosoluto dalla collegata Finproget spa circa euromilioni 7 di crediti leasing e rateale performing. Il credito al consumo in Commercio e Finanza Il credito al consumo continua ad essere un attività marginale, con un monte finanziamenti che al risulta pari a con una flessione di circa il 8%. Complessivamente al la Vostra società presenta nell attivo investimenti per euromilioni 880 circa costituiti per il 70% circa da capitale futuro leasing, per il 30% circa da investment factoring; non significativa la percentuale del credito al consumo. Area Finanza L operazione di cartolarizzazione di crediti leasing performing, denominata Maestrale, nel corso del 2004 ha avuto un andamento sostanzialmente in linea con le aspettative. Sono state effettuate quattro applicazioni revolving complessivamente per circa 110 milioni, talchè il livello del credito si è mantenuto costante. Per meglio supportare finanziariamente la crescita societaria è stato conferito, di concerto con il Servizio Tesoreria della Capogruppo, ad ABN AMRO un incarico per l organizzazione di una nuova operazione di cartolarizzazione. Diversamente da quanto previsto per le altre operazioni, in quella in preparazione è stato previsto un periodo di warehousing di massimo 24 mesi, nel corso del quale potranno essere ceduti al veicolo crediti leasing e factoring. Decorso tale periodo verrà lanciata sul mercato l operazione che comporterà la cessione di soli crediti leasing per un ammontare non inferiore a 300 milioni di euro, in maniera tale che i costi fissi possano essere spalmati su una adeguata massa critica. La Capogruppo, che aveva deliberato nel 2003 di realizzare un sistema integrato di tesoreria di gruppo, ha comunicato ad inizio 2005 alla Vostra società le modalità di attuazione della delibera. Il 2005 verrà influenzato dagli effetti benefici di tale decisione in termini di stabilità e ampiezza della provvista, di assistenza nella fase di copertura del rischio di tasso e di gestione delle operazioni di finanza straordinaria. E infatti intenzione della Capogruppo pagina 10

11 Relazione sulla Gestione sostituirsi direttamente a tutte le Banche che oggi concedono credito alla Vostra società. Una volta realizzato l obiettivo, le fonti di finanziamento verranno esclusivamente rappresentate dalle linee di credito concesse dalla Capogruppo e da operazioni di cartolarizzazione. La società gode di fonti di finanziamento esclusivamente a tasso variabile agganciato all Euribor a tre mesi. Sul fronte dell attivo, circa il 18% delle operazioni leasing risulta regolato a tasso fisso. Al fine di presidiare il rischio di tasso, la società nel 2002 aveva contratto derivati di copertura. Nel 2004, verificato l andamento del mercato finanziario ed il livello di rendimento delle operazioni a tasso fisso, il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto di non procedere alla stipula di nuove operazioni accettando che circa il 50% del capitale futuro regolato a tasso fisso non fosse presidiato da alcuna operazione di copertura dal rischio di tasso. Interventi sul personale Al l organico della società risulta composto da 63 unità: 2 dirigenti (uno distaccato dalla Capogruppo), 16 quadri direttivi (uno in partime), 42 impiegati (due in partime), 3 commessi. Nel giugno 2004 il Rag. Gabriele Galliera, dirigente della Capogruppo, è stato distaccato presso la società assumendo la qualifica di Vice Direttore Generale. A seguito della cessione della controllata Finproget alla Capogruppo CARIFE, formalizzata nel giugno 2004, sono stati assunti 5 nuovi impiegati già dimissionari da Finproget. L organico è stato altresì integrato da 2 assunzioni promosse ai sensi della Legge 68/99. In coerenza con le assunzioni su descritte la società, dopo aver predisposto, in accordo con le organizzazioni sindacali, un progetto per accedere al Fondo di solidarietà, ha incentivato al prepensionamento 5 dipendenti che verranno accompagnati per tutto il periodo necessario alla maturazione dell accesso alla pensione INPS. Il costo del personale si è incrementato del 13% circa per effetto dell accantonamento delle indennità di vacanza contrattuale previste dal recente rinnovo del C.C.N.L., delle assunzioni effettuate, degli incrementi retributivi concessi ad alcuni dipendenti particolarmente meritevoli, dei premi per obiettivi stanziati in bilancio. Di converso ha fatto registrare una flessione l incidenza del costo del lavoro straordinario, che in termini di ore prestate presenta una contrazione dell ordine del 16%. Sul fronte delle relazioni sindacali, si è svolta una trattativa conseguente alla richiesta di concessione di un premio aziendale sostitutivo del VAP, in vigore presso la Capogruppo. Preso atto da parte delle organizzazioni sindacali aziendali che la problematica attinente la omogenizzazione del trattamento economico/normativo del personale tutto in forza al Gruppo, all attenzione di CARIFE, richiederà tempi lunghi, è stato raggiunto un accordo per il biennio , che prevede una erogazione a pioggia da corrispondersi proporzionalmente alla effettiva presenza in azienda e, comunque, condizionata al conseguimento di un utile netto aziendale pagina 11

12 Relazione sulla Gestione concordato. Sotto l aspetto gestionale e amministrativo, sono state portate a termine le innovazioni già avviate nel precedente esercizio. Per quanto concerne le disposizioni ex Dlg 626/94, sono stati designati nuovi incaricati alle emergenze, già precedentemente formati, ad integrazione di quelli già in forza ed è stata effettuata la prova d esodo annualmente prevista. La società ha assunto le opportune decisioni per assicurare il rispetto della normativa antifumo, entrata in vigore a gennaio Sotto il profilo della formazione, nel corso del 2004 si sono organizzati corsi tenuti da docenti esterni su materie di particolare interesse ai fini dello svolgimento delle mansioni specifiche. Area Organizzazione e Sistemi Informativi La struttura organizzativa societaria prevede l utilizzo di una rete di Agenti cui fa riferimento oltre il 90% della produzione, l inserimento a sistema informativo di dati essenziali ai processi valutativi da parte di soggetti non dipendenti ed infine l espletamento in outsourcing di alcune rilevanti fasi delle operazioni leasing. In tale contesto la normalizzazione dei comportamenti e la messa a punto di un sistema di controlli di linea, costituiscono obiettivi imprescindibili. I significativi investimenti, costantemente effettuati in uomini e mezzi, riconducibili all area informatica, rispondono alle esigenze su descritte. Anche nel corso del 2004 sono state implementate importanti procedure, ne sono state rilasciate di nuove e sono state portate avanti approfondite analisi segnatamente sui processi contabili. Nello specifico settore contabilità si conta, già nel corso del 2005, di introdurre importanti innovazioni procedurali che dovrebbero consentire, attraverso lo sviluppo di processi di automazione, la periferizzazione delle registrazioni di partitario, con conseguente maggiore vocazione ai controlli dell Ufficio contabilità. Si tratta di un obiettivo complesso ed ambizioso che una volta realizzato consentirà anche di ridurre il numero degli addetti al reparto Amministrazione. Parallelamente si è investito nell affinamento degli strumenti di controllo e quadratura dei flussi trasmessi all Organo di Vigilanza. Si è intervenuti sia nell adeguamento dei programmi di alimentazione delle segnalazioni con i dati estratti dal sistema informativo aziendale, sia nel miglioramento delle procedure di controllo dei dati, prodotti dal software EDS. E stata studiata e realizzata una procedura informatica ad hoc, che già dall è in adozione alle Filiali della Capogruppo, che consentirà di sviluppare il leasing originato dalla rete bancaria. Nel corso dell esercizio sono state introdotte le modifiche organizzative resesi necessarie per recepire le prescrizioni delle nuove normative in materia di privacy e trasparenza. In particolare si segnala che la società ha già adottato le misure minime per la sicurezza dei dati personali previste dal Codice della Privacy. Per effetto della riforma del diritto societario, si è reso necessario procedere alle modifiche di alcuni articoli dello Statuto, approvate dall Assemblea Straordinaria del Fra le principali modifiche ricordiamo l attribuzione del Controllo Contabile, prima di pertinenza del Collegio Sindacale, alla società di pagina 12

13 Relazione sulla Gestione revisione esterna. Infine si annota che l imminente prima applicazione dei principi contabili internazionali, imporrà l impegno massivo di tutte le capacità di analisi e programmazione presenti in azienda. L assetto contabile/amministrativo della società è stato già oggetto di un analisi da parte della KPMG, nell ambito di una iniziativa promossa dall Associazione di categoria Assilea, al fine di quantificare in via preventiva l impatto dell applicazione degli IAS sui dati contabili societari, verificare gli interventi organizzativi ed elaborativi necessari al reperimento delle informazioni necessarie per il corretto utilizzo dei principi contabili internazionali ed infine programmare tempi e metodi per il conseguimento dei risultati necessari a consentire alla società di alimentare correttamente il consolidato di gruppo in sede di semestrale 2005; infine di rendere totalmente operativa la nuova filosofia bilancistica, in occasione della redazione del bilancio individuale I risultati di tale prima indagine se da un lato tranquillizzano circa il presumibile impatto sul conto economico, certamente pongono l accento sulla necessità di un impegno straordinario principalmente di uomini che in azienda già ricoprono incarichi fondamentali per il corretto funzionamento della società. La società, di concerto con la Capogruppo, ha promosso gruppi di lavoro interdisciplinari che potranno avvalersi anche di consulenti esterni. Nel mese di aprile 2004, dopo aver completato un processo di autovalutazione e diagnosi del sistema dei controlli interni, è stata predisposta e trasmessa alla Banca d Italia la Relazione annuale sulla Struttura Organizzativa. Il sistema dei controlli Il 2004 è stato il primo esercizio completo di attività della funzione Ispettorato Internal Auditing insediatasi nel maggio Nel corso dell anno sono state effettuate tutte le verifiche previste dal Piano di Internal Audit approvato dal Consiglio di Amministrazione. Complessivamente sono state emesse 12 relazioni, tutte portate all attenzione del Consiglio di Amministrazione, nonchè del Collegio Sindacale, ed in tali sedi sono state discusse, senza generare richieste di chiarimenti e/o interventi. La funzione ha altresì effettuato alcuni interventi volti a fronteggiare, in termini di impatti organizzativi, l introduzione di nuove normative. Si è sentita l esigenza di valutare, con processi di autonalisi, l efficacia di alcune procedure e, più in generale, dell intero sistema dei controlli interni. Molte di tali attività sono state svolte nell ambito di gruppi di lavoro interdisciplinare. Tale attività ben si concilia con l interpretazione collaborativa e non inquisitiva, attribuita in azienda alla funzione. Per quanto concerne l area crediti, si è provveduto ad aggiornare la valutazione del rischio di controllo. In un documento organico, sottoposto al Consiglio di Amministrazione, sono stati identificati, per ciascuna area di rischio inerente il credito, i fattori di rischio ed i relativi punti di controllo, oggetto di verifiche da parte della funzione Ispettorato. La funzione Ispettorato ha altresì effettuato un analisi volta ad accertare la idoneità del modello organizzativo aziendale a prevenire i reati di cui al Dlg n pagina 13

14 Relazione sulla Gestione Sulla base del documento elaborato, il Consiglio di Amministrazione nella seduta del ha validato il modello organizzativo anche ai fini del Dlgs. 231 ed attribuito all Ispettorato Internal Audit la funzione di controllo prevista dall art. 6, 1 comma del citato decreto. Nel corso del 2004, a seguito delle sentenze in materia di anatocismo e per effetto dell invio delle comunicazioni annuali previste dalla normativa sulla trasparenza, si è registrato un fisiologico incremento dei reclami pervenuti dalla clientela. Tutte le istanze sono state evase e non si registrano situazioni di tensione con la clientela, nè azioni giudiziarie promosse a seguito di reclami. Nel corso del secondo semestre 2004 il Servizio Controlli di Direzione della Capogruppo ha svolto una serie di accertamenti sul sistema organizzativo aziendale. Attraverso l esame della documentazione aziendale, la Capogruppo ha accertato e validato l esistenza di un sistema di controlli interni coerente con le prescrizioni contenute nel Regolamento del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara. Andamento del contenzioso La controversia che vede la Vostra società in lite giudiziaria con l INPS per il riconoscimento degli interessi su un credito vantato nei confronti dell Ente e corrisposto con notevole ritardo, sconta i tempi necessari all accertamento contabile degli importi da noi richiesti. Considerati i termini fissati per la perizia, ci si augura che nel corso del 2005 possa essere emessa la sentenza di primo grado. Per quanto concerne le ragioni di credito vantate nei confronti di Isveimer spa in liquidazione e strettamente connesse all acquisizione da parte di CARIFE del pacchetto azionario della Vostra società, si precisa che le stesse sono state oggetto di attento esame da parte del Consiglio di Amministrazione che le ha valutate al presunto valore di realizzo. Nel corso dell esercizio l Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Campania, controlli fiscali ha effettuato una verifica contabile generale, relativa al periodo d imposta 2002, oltre al controllo formale fino alla data di accesso. La verifica si è conclusa con: a) ripresa a tassazione ai fini IRPEG per violazione del disposto art. 66, comma 3 DPR 917/86 per ,66 ed una identica ripresa a tassazione ai fini IRAP; b) ripresa a tassazione ai fini IRPEG per violazione del disposto art. 66, comma 5 del DPR 917/86 per ,89; c) ripresa a tassazione ai fini IVA per violazione art. 19, comma 2 del DPR n. 633 per ,05; d) ripresa a tassazione ai fini IVA per violazione del combinato disposto degli art. 19, comma 4 e art. 36, comma 5 del DPR n. 633 per 868,91. I rilievi evidenziati hanno generato soltanto un accantonamento di ai fini IVA in quanto la società aveva chiuso l esercizio 2002 con consistenti perdite fiscali, ad oggi non utilizzate. I consulenti aziendali hanno tutt ora in corso la valutazione dei rilievi mossi, al fine di verificare l opportunità e la convenienza di un eventuale ricorso da presentare una volta che sarà notificato l accertamento. Per quanto concerne il corposo credito IVA si prevede che entro il mese di maggio del corrente anno verrà rimborsato il credito relativo agli anni 2000 e 2001 per pagina 14

15 Relazione sulla Gestione complessivi euro milioni 13,3 più interessi. Nel corso del 2004 è stata presentata istanza di rimborso del credito IVA 2003 per 9,6 milioni di euro oltre interessi. Per quanto concerne il recupero crediti annotiamo che l Ufficio Legale nel corso dell esercizio in esame è riuscito ad ottenere la restituzione di beni per importi significativi ed ha realizzato, prevalentemente in via transattiva con debitori e garanti, l incasso di somme rilevanti. I risultati conseguiti appaiono confortanti, considerata la posizione di forza che i tempi della giustizia italiana attribuisce al debitore inadempiente. Strategie aziendali Prevedibili evoluzioni della gestione Nel corso dell esercizio in esame, la Capogruppo con la collaborazione della KPMG Consulting ha elaborato un Piano Strategico di Gruppo per il triennio Per quanto concerne la Vostra società è stato previsto che il livello dell investment factoring permanga sugli apprezzabili livelli realizzati nel 2004 con una crescita dei valori medi, mentre il prodotto leasing abbia una crescita costante dell ordine del 5% circa per anno. Sulla base delle proiezioni di conto economico effettuate la redditività aziendale dovrebbe risultare essenzialmente invariata. Tutto ciò ovviamente nel presupposto che il quadro economico rimanga stabile e che non si inseriscano processi involutivi ovvero evolutivi allo stato non prevedibili. Va comunque rilevato che le dimensioni aziendali e l organizzazione interna conferiscono alla Vostra società una flessibilità operativa che le consente in breve tempo di recepire e rispondere alle variazioni ed alle nuove richieste del mercato di riferimento. L appartenenza poi ad un gruppo creditizio, in continua evoluzione, rappresenta una garanzia al fine di cogliere le migliori opportunità che di volta in volta vengono a presentarsi sul mercato. Andamento economico I contratti leasing partiti del 2004 sono stati pari a 318 milioni con un incremento di circa il 4% rispetto al L outstanding leasing ha fatto registrare una crescita puntuale dell 11%, attestandosi su una consistenza media di 590 milioni (+ 15%). Il rapporto patrimonio, comprensivo del fondo rischi finanziari generali, impieghi complessivi si adegua al 4,89%, per effetto della consistente crescita dei volumi leasing e factoring. Sotto il profilo reddituale gli indici di riferimento, adottati nell ambito del Gruppo, risultano in incremento, così come mostrano performance positive gli indici di efficienza. pagina 15

16 Relazione sulla Gestione Tabella INDICI DI REDDITIVITA' ROE 8,53% 9,83% 9,92% Reddito da Impieghi/ Attivo Fruttifero 6,44% 5,57% 4,94% Margine Finanziario/ Attivo Fruttifero Medio 2,41% 2,57% 2,21% Ris.Gest non finanziario/ Margine di Intermediazione 5,91% 3,77% 11,65% INDICI DI RISCHIOSITA' Sofferenze nette / Impieghi Totali 1,21% 1,61% 1,65% INDICI DI PATRIMONIALIZZAZIONE Patrimonio Netto/ Impieghi 7,05% 6,13% 4,89% INDICI DI EFFICIENZA Costi di Struttura / Margine di Intermediazione 41,27% 33,43% 29,24% Costo del Personale/ Margine di Intermediazione 23,95% 20,02% 19,36% Costo del Personale /Numero dipendenti ( migliaia) 55,9 58,8 59,2 Rettifiche di Valore/ Margine di Intermediazione 21,01% 28,91% 40,12% Il ROE passa da 9,83% al 9,91%, confermandosi a livelli di tutto rispetto. Il prodotto leasing nel corso dell esercizio ha continuato ad apportare al risultato aziendale una contribuzione determinante, anche se non più significativamente influenzata dall ampia forbice che caratterizzava gli investimenti a tasso fisso. Il prodotto factoring da parte sua, grazie alla crescita dei volumi intermediati, ha brillantemente reagito alla flessione originatasi in ambito leasing. Di qui la seppur contenuta crescita del ROE. Il rapporto margine finanziario/attivo fruttifero medio registra una lieve flessione. La lettura del dato va però integrata tenendo conto dei proventi derivanti dai ricavi non finanziari factoring che sono in gran parte correlati alle operazioni di impiego e contribuiscono pertanto nella valutazione complessiva del ritorno dell investimento. In vero, tutte le voci dei ricavi non finanziari hanno contribuito alla formazione di una eccellente componente di reddito cresciuta del 262% e che rappresenta oltre l 11% del margine di intermediazione. Per quanto concerne gli indici di efficienza, i costi di struttura risultano in progressiva e significativa discesa talchè al rappresentano meno del 30% del margine di intermediazione. La componente costo del personale che nell ambito dei costi operativi rappresenta il 64%, rapportata al margine di intermediazione ne assorbe meno del 20%. Il costo medio del personale, comprensivo del premio per obiettivi ed al lordo delle variazioni economiche introdotte dal CCNL recentemente sottoscritto, si attesta sui euro con un incremento rispetto al 2003 dello 0,68%. Un discorso a parte merita il rapporto rettifiche di valore/margine di intermediazione. La società si pagina 16

17 Relazione sulla Gestione caratterizza per il particolare rigore con il quale valuta la recuperabilità dei crediti ed il presumibile valore di mercato dei beni concessi in locazione e connessi a contratti risolti. La politica adottata ha consentito di contabilizzare, segnatamente nell ultimo triennio, minusvalenze da vendita beni di valore insignificante. Parallelamente i crediti riscossi specie in via transattiva, non hanno comportato significativi oneri aggiuntivi sul conto economico, tenuto conto dei volumi intermediati dalla società. Costante è il controllo sulle posizioni che manifestano segni di anomalia e rigido risulta il sistema di rubricazione della clientela ad incaglio soggettivo e sofferenza. Le previsioni di recupero vengono ripetutamente monitorate durante tutto l esercizio, operando rettifiche di valore ispirate a criteri di prudenza e realismo. Tale attenta politica anche nel 2004 ha consentito di rilevare che le vendite di beni recuperati non hanno generato minusvalenze nette significative, così come le perdite nette su crediti sono risultate marginali, essendo le posizioni presidiate da adeguati fondi rettificativi. Nel corso del 2004 sono stati rubricati ad incaglio soggettivo e/o sofferenza clienti leasing con esposizione complessiva crediti/beni pari a circa euromilioni 12,5; sono state effettuate rettifiche di valore su tali posizioni per euromilioni 2,3, mentre sullo stock clientela anomala al sono state effettuate ulteriori rettifiche per euromilioni 1,4 circa. A fronte delle posizioni anomale sono stati realizzati incassi per pagamenti e vendita beni recuperati per complessivi euromilioni 7,15. La consistenza dei crediti anomali lordi al risulta pari ad euromilioni 25,7 (ex 21,1) mentre al netto delle rettifiche di valore il dato si adegua ad euromilioni 18,8 (ex 15,8). Le rettifiche di valore sulle sofferenze risultano pari al 34%, mentre sugli incagli la percentuale è pari al 26%. L incidenza delle sofferenze lorde sui crediti vivi leasing e factoring risulta pari al 2,47% (ex 2,50). Le sofferenze nette rapportate agli investimenti presenta un indice dell 1,65% (ex 1,61). Il numero totale delle posizioni anomale amministrate è pari a 725, oltre il 95% di esse presentano un rischio netto < euro. Le posizioni c.d. di rischio rilevante ossia > euro rappresentano il 25% del rischio netto sofferenze leasing. Rispetto all anno precedente, le rettifiche di valore e gli accantonamenti crescono del 62%. Va rilevato però che hanno inciso in maniera determinante due componenti che non hanno carattere ripetitivo: importo portato ad integrazione della c.d. fisiologica. L adeguamento si è reso necessario essendo intervenuta una variazione negli indici di riferimento strettamente connessa ad alcuni passaggi a perdita deliberati nel corso dell esercizio e che, per effetto degli accantonamenti effettuati in precedenza, non hanno inciso in maniera significativa sul conto economico Importo accantonato per neutralizzare il costo previsto per l accompagnamento alla pensione INPS di cinque dipendenti, nel periodo 2005/2009. Infine va rilevato che si è ritenuto di accantonare a fondo rischi generali l importo di in una logica di costante patrimonializzazione aziendale. pagina 17

18 Relazione sulla Gestione Gruppo di appartenenza La società fa parte del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ferrara. La Capogruppo redige il bilancio consolidato. In nota integrativa, ai sensi della disciplina contenuta nell art ter del C.C., viene riportato un prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell ultimo bilancio della Capogruppo, cui spetta la funzione di direzione e coordinamento della Vostra società. Nel corso dell esercizio 2004 ai sensi dell art ter sono state assunte le seguenti decisioni: 1. E stata stipulata con la Capogruppo una convenzione per lo sviluppo del prodotto leasing presso gli sportelli CARIFE. Nell ambito di tale convenzione è stata delegata alla Cassa la possibilità di deliberare direttamente operazioni di leasing entro limiti di importo prefissati e con assunzione diretta del rischio. La convenzione così come articolata è potenzialmente in grado di favorire lo sviluppo del prodotto leasing, senza originare rischi aggiuntivi per la Vostra società, e con positivi riflessi sulla redditività aziendale che non ha delegato le delibere relative alle operazioni di più ampio respiro. 2. Su disposizione della Capogruppo ed in conseguenza di un operazione di cartolarizzazione effettuata da CARIFE con BEI, la Vostra società ha inserito nei contratti leasing una clausola che richiama l operazione in parola. Anche grazie a tale operazione, la Capogruppo ha assicurato alla Vostra società, nell ambito del sistema di tesoreria di gruppo, le risorse finanziarie necessarie allo sviluppo del business aziendale. 3. La Cassa di Risparmio di Ferrara, verificata la posizione fiscale delle aziende facenti parte del Gruppo, ha optato per il consolidato fiscale art. 117 DPR n. 917 e successive modifiche. La Vostra società ha aderito. Il contratto, che verrà sottoscritto a giorni, regola il rapporto tra le consolidanti in maniera tale che nessuna possa subire alcun effetto negativo in conseguenza dell adesione al consolidato fiscale, mentre a livello di gruppo si potrà godere di vantaggi connessi ad una minore tassazione dei dividendi. 4. La società ha conferito l incarico ad ABN AMRO, quale Arranger, di una nuova operazione di cartolarizzazione di crediti performing leasing e factoring. La Capogruppo, prima del conferimento dell incarico, ha effettuato una approfondita indagine di mercato, verificando che le condizioni normative ed economiche offerte da ABN AMRO risultano essere le più convenienti per la Vostra società. 5. Nel giugno 2004 la Vostra società ha ceduto a valore di libro alla Capogruppo Cassa di Risparmio di Ferrara il 100% del pacchetto azionario della Finproget spa. A quest ultima società è stata conferita la funzione di bad bank di Gruppo per la gestione ed il realizzo dei crediti anomali. Stante tale nuova mission, anche su input dell Organo di Vigilanza, si è pervenuti alla decisione di estrapolare dalla gestione i crediti leasing e rateale auto ancora in regolare esazione. Per effetto di tale decisione, assunta a livello di Gruppo, la Finproget ha ceduto prosoluto con effetto dall alla Vostra società, sostanzialmente a valore nominale, i crediti performing. A fronte del servizio che verrà svolto dalla Vostra società in nome della collegata Finproget è stato fissato un equo corrispettivo. Il portafoglio oggetto della cessione presenta margini di redditività compatibili pagina 18

19 Relazione sulla Gestione con gli standards aziendali; risulta sufficientemente sperimentato, considerato che ha una vita media residua inferiore ai 12 mesi; consente di realizzare interessanti ricavi connessi ai servizi che verranno resi in sede di riscatto delle auto oggetto di locazione finanziaria; non comporta particolari oneri di gestione. Gli effetti che le decisioni tutte su descritte potranno avere sull esercizio dell impresa e su i suoi risultati potranno essere concretamente verificati solo a chiusura dell esercizio Rapporti con le società del Gruppo Per quanto concerne i rapporti con le società del Gruppo, nell attivo dello stato patrimoniale sono compresi: - saldi attivi su rapporti di c/c con CARIFE per ; - beni concessi in locazione finanziaria a CARIFE per , a Credito Veronese per ed a Finproget per 816; - altri crediti verso Finproget per costi EDP e service amministrativo, per ; - ratei attivi per interessi su contratti di locazione con CARIFE per 757, Credito Veronese per e Finproget per 2; - risconti attivi su provvigioni riconosciute a CARIFE per , a Banca Popolare di Roma per e e Banca di Treviso per 3.021; - risconto attivo su costo acquisito da cessione crediti Finproget per ; - crediti verso Finproget per movimentazione sui crediti acquistati per e altri crediti per Nel passivo dello stato patrimoniale sono compresi: - esposizioni debitorie a breve verso CARIFE per ; - fatture da ricevere per provvigioni verso CARIFE per 8.093; - altre passività verso Finproget per per costo del personale ribaltato ed altre causali. Tra i costi sono compresi: - interessi passivi verso CARIFE per ; - commissioni bancarie verso CARIFE per ; - provvigioni verso CARIFE per , verso Banca di Treviso per 799 e verso Banca Popolare di Roma per 524; - spese personale ribaltato a Finproget e service amministrativo per ; - costo acquisito da cessione crediti Finproget per ; - costo del personale distaccato ,49. Tra i ricavi sono compresi: - canoni leasing percepiti da CARIFE per , da Credito Veronese per e da Finproget per 2.772; - interessi su rapporti attivi di c/c con CARIFE per 406; - altri ricavi su contratti di leasing da CARIFE per 221, da Credito Veronese per e da Finproget per 113; - altri ricavi per service amministrativo e personale distaccato da Finproget per pagina 19

20 Relazione sulla Gestione Eventi significativi intervenuti dopo la chiusura dell esercizio Successivamente alla chiusura dell esercizio non sono emersi fatti o circostanze significative o comunque tali da modificare i criteri cui si è ispirata la redazione del Bilancio. Signori azionisti, il bilancio di esercizio chiude con un utile netto di ,16 dopo aver accantonato al Fondo Rischi Finanziari Generali l importo di ,00 e stanziato l importo di ,00 a fronte dell IRAP. Proponiamo di destinare l utile pari a ,16 per ,11 a riserva legale e per ,05 a titolo di dividendo all azionista. A conclusione della presente relazione, riteniamo doveroso esprimere un ringraziamento al Collegio Sindacale per la preziosa e professionale collaborazione fornita. Un ringraziamento particolare va riservato all ex Amministratore Delegato Dott. Paolo Sani, oggi destinato ad altro importante incarico all interno del Gruppo. Ringraziamo altresì il Direttore Generale Dott. Giovanni Coraggio ed il Personale tutto per la dedizione all azienda dimostrata e per il determinante contributo offerto per il conseguimento degli obiettivi aziendali. Un ringraziamento va altresì rivolto alle Organizzazioni Sindacali i cui rapporti sono stati sempre improntati alla massima correttezza e senso della responsabilità. Estendiamo infine il nostro ringraziamento alla Banca d Italia Filiale di Napoli, ad Assilea ed alla Società di Revisione Deloitte & Touche spa. Il Presidente Alfredo Diana Il Vice Presidente Alfredo Santini I Consiglieri Giulio Felloni Umberto Giatti Mario Guidi Gennaro Murolo Enzo Zanardi pagina 20

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli