ESAMI DI STATO. Documento del Consiglio di classe. (Anno Scolastico 2012/13)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO. Documento del Consiglio di classe. (Anno Scolastico 2012/13)"

Transcript

1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI LUIGI LUZZATTI tel. e fax URL: Distretto 36 Cod. Fisc Prot. N : 1665/5m del Via Pedemontana s.n.c PALESTRINA (Roma) ESAMI DI STATO Documento del Consiglio di classe (Anno Scolastico 2012/13) Classe V Sezione B I.G.E.A.

2 Indice dei contenuti 1 GENERALITÀ COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE SINTETICA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA STRUTTURE E ATTREZZATURE RELATIVE AL CORSO I.G.E.A CARATTERISTICHE DELLA REALTÀ IN CUI OPERA LA SCUOLA RELAZIONE TRA SCUOLA E TERRITORIO E COLLABORAZIONE CON LE ISTITUZIONI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE STABILITÀ DEI DOCENTI FREQUENZA E PARTECIPAZIONE ALLA VITA SCOLASTICA METODI E STRUMENTI USATI DAGLI INSEGNANTI PER LE VERIFICHE DELLE COMPETENZE IN INGRESSO DEGLI STUDENTI PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI TIPOLOGIA DI LAVORO COLLEGIALE (CONSIGLI DI CLASSE, AREE DISCIPLINARI, ECC.) PERCORSO FORMATIVO GRIGLIA DI VALUTAZIONE CONCORDATA DAL CONSIGLIO DI CLASSE TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE PER CIASCUNA DISCIPLINA CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI ESEMPI DI TERZA PROVA DEFINITA DAL CONSIGLIO DI CLASSE TIPOLOGIA MISTA GRIGLIE DI VALUTAZIONE DI PRIMA PROVA DI SECONDA PROVA DI TERZA PROVA RELAZIONE FINALE PROGRAMMI.15 Pagina 2 di 36

3 1. GENERALITÀ Classe V sezione B I.G.E.A. Indirizzo Ordinario 1.1. Composizione del consiglio di classe MATERIA COMPONENTE Italiano Storia Economia Aziendale Diritto Scienza delle Finanze Matematica Inglese Francese Geografia Educazione fisica Religione Luciana Longo Luciana Longo Carlo Latini Paola Rossi Paola Rossi Laura Celsini Cristina Sale Linda Marina Di Matteo Laura Burzacca Pierpaolo Torresan Katia Loberti Dirigente Scolastico: Cinzia Delisi Coordinatore: Prof. Carlo Latini Rappresentanti Alunni: Enrico Cara Francesco Fichera Rappresentanti Genitori: Donatella Lazzara Anna Letizia Pagina 3 di 36

4 SINTETICA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA 1.2. Strutture e attrezzature relative al corso I.G.E.A Laboratorio di informatica e di lingue straniere con relative attrezzature, laboratori di fisica e chimica, biblioteca tecnica, palestra e spazi polifunzionali. 2.2.Caratteristiche della realtà in cui opera la scuola a) Pendolarismo degli alunni e dei docenti 2.3. Relazione tra scuola e territorio e collaborazione con le istituzioni a) Orientamento in uscita b) Stage 3. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 3.1. Stabilità dei docenti La continuità didattica non è stata mantenuta nella classe V B I.G.E.A. a causa della rotazione annuale di una buona parte dei docenti Frequenza e partecipazione alla vita scolastica Frequenza: abbastanza regolare per la maggior parte dei ragazzi. Partecipazione alla vita scolastica non sempre adeguata da parte di pochi elementi, nonostante gli interventi da parte dei docenti Metodi e strumenti usati dagli insegnanti per le verifiche delle competenze in ingresso degli studenti Conversazione tra insegnanti, analisi dei risultati conseguiti nell anno precedente Metodo di comunicazione con le famiglie Due ricevimenti generali, come da calendario delle attività previste e individuali mensili. Convocazione tramite lettere e contatti telefonici. ricevimenti 4. ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI 4.1. Tipologia di lavoro collegiale (consigli di classe, aree disciplinari, ecc.) a) Programmazione inizio anno per materia. b) Collegio Docenti. c) Consigli di classe programmati nell ambito del Collegio dei docenti Percorso formativo Pagina 4 di 36

5 a) Obiettivi Trasversali: Capacità di decisione e valutazione; disponibilità ad ascoltare e conoscere le regole attinenti alla vita scolastica; sviluppare una capacità orientativa in relazione ai propri interessi e attitudini; esprimersi in modo chiaro e corretto utilizzando anche il lessico specifico delle varie discipline; comprendere un testo individuarne i punti fondamentali e saper esporre quelli significativi; collegare argomenti della stessa disciplina o di discipline diverse e coglierne le relazioni semplici; capacità d analisi e sintesi; stabilire connessioni tra causa ed effetto; interpretare fatti e fenomeni e di attualizzare la Storia. b) Strumenti: lezioni dialogate, applicazioni ed esercitazioni pratiche su quanto spiegato, apertura al confronto anche su argomenti non strettamente scolastici con modalità concordate. Lettura dl quotidiano in classe, strumenti audiovisivi, laboratorio multimediale con gli alunni Griglia di valutazione approvata dal Collegio dei docenti e inserita nel Pof Valutazione in decimi Preparazione 1 Mancanza di verifica 2 3 Scarsa 4 Insufficiente 5 Mediocre Descrittori L alunno rifiuta di svolgere la prova di verifica e non risponde alle sollecitazioni offerte dall insegnante Non conosce gli argomenti trattati. Delle sollecitazioni offerte e delle informazioni fornite durante la prova non sa servirsi o al più tenta risposte inadeguate e semplicistiche. Conosce in modo frammentario e molto superficiale gli argomenti proposti. Il linguaggio è stentato e il lessico usato non appropriato. Le risposte non sono pertinenti. Conosce in modo frammentario e superficiale gli argomenti proposti e, pur avendo conseguito alcune abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo anche in compiti semplici. Il linguaggio è corretto, ma povero e la conoscenza dei termini specifici è scarsa. Pagina 5 di 36

6 Anche all acquisizione mnemonica va attribuita questa valutazione poiché quanto appreso non permane e non permette il raggiungimento di nessuna abilità. 6 Sufficiente 7 Discreta 8 Buona 9 Ottima 10 Eccellente Conosce gli argomenti fondamentali senza approfondimento; non commette errori gravi nell esecuzione di compiti semplici ma non è in grado di applicare le conoscenze acquisite in compiti complessi. Capacità di riutilizzare le conoscenze acquisite, ma solo in compiti semplici o con le indicazioni dell insegnante Uso appropriato dei termini specifici e costruzione corretta, anche se semplice, delle frasi. Conosce e comprende in modo analitico, non commette errori gravi. Il linguaggio è corretto e pertinente. Comprende con facilità. Rielabora e collega fra loro conoscenze acquisite in tempi diversi conducendo ragionamenti logici con la guida dell insegnante La conoscenza degli argomenti è completa, anche con esempi ed alcuni approfondimenti. Non commette errori. Sollecitato dall insegnante, sa organizzare le conoscenze in situazioni nuove, fare collegamenti interdisciplinari e interpretare la realtà alla luce di quanto studiato. Si esprime con linguaggio fluido e appropriato. Come nella valutazione precedente, ma con maggiore sicurezza e spontaneità nell inserire nella prova tutte le conoscenze e le capacità acquisite anche nelle altre discipline. Ha una discreta capacità di astrazione. Le abilità sono le stesse della valutazione precedente, ma l alunno elabora, approfondisce e ricollega gli argomenti autonomamente, con originalità e personale apporto critico. Pagina 6 di 36

7 5. TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE PER CIASCUNA DISCIPLINA 5.1 Tipologia delle attività formative per disciplina METODI ADOTTATI Lavori di gruppo AREA CULTURALE Italiano Storia Diritto Geografia Ed. Fisica Sì Lezioni frontali Sì Sì Sì Sì Sì Ricerche Si Si Si Sì Tesine Recupero Sì Sì Sì Sì Integrazione Progetti individuali Costruzione di schemi logici Sì Glossari Sì Sì Dibattiti su temi d attualità Analisi della Costituzione. Si Sì Sì Sì Sì Pagina 7 di 36

8 METODI ADOTTATI AREA D INDIRIZZO Economia aziendale Sc. Finanze Francese Matematica Inglese Lavori gruppo di Lezioni frontali Sì Sì Sì Sì Sì Ricerche Sì Tesine Processi individualizzati Recupero Sì Sì Sì Sì Sì Dibattiti temi attualità su di Sì Sì Sì Sì Laboratorio Sì Sì Sì 5.2. Attività curriculari ed extracurricolari, le visite guidate ed i viaggi di istruzione Spettacolo teatrale Il berretto a sonagli di L. Pirandello; Film Novecento di B. Bertolucci Giornata di orientamento universitaria Nuova Fiera di Roma e Tor Vergata. Partecipazione alla conferenza sulle Fonti Energetiche Rinnovabili Stage formativi invernali Viaggio di istruzione a Budapest. 6. CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Gli strumenti utilizzati per l accertamento di Conoscenze, Competenze e Capacità sono stati: a) Prove strutturate a risposta chiusa b) Prove strutturate a risposta aperta c) Prove tradizionali d) Prove pluridisciplinari e) Verifiche orali Pagina 8 di 36

9 f) Interventi durante le lezioni frontali g) Compiti a casa 7. ESEMPI DI TERZA PROVA DEFINITA DAL CONSIGLIO DI CLASSE 7.1. Tipologia mista Le verifiche effettuate in relazione alla terza prova da sostenere in vista dell esame finale sono rientrate nell autonoma competenza dei docenti in relazione all effettiva pratica didattica svolta nella classe. Le prove eseguite corrispondono alla tipologia: a) QUESITI A RISPOSTA APERTA : Due per ciascuna materia (Tot. 10) b) QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA :Quattro per ciascuna materia (Tot.20) Il Consiglio di classe, in merito alla simulazione della terza prova scritta, opta per la forma mista: tipologia B (quesiti a risposta singola) + tipologia C (quesiti a risposta multipla). Considera infatti che la tipologia B sia affine alla tipologia A (trattazione sintetica), anche perché si stabilisce di assegnare per la riposta uno spazio sufficientemente ampio (massimo 10 righe). Inoltre alcuni item sono costituiti da esercizi che servono per verificare le capacità logiche e di ragionamento degli studenti. Per tali motivi il Consiglio ritiene che una terza prova così strutturata consenta di valutare in maniera ampia e completa la preparazione degli studenti. Materie oggetto della prima simulazione: o o o o o Diritto Storia Matematica Francese Inglese Della seconda simulazione : o o o o o Diritto Storia Matematica Francese Inglese La classe ha effettuato una simulazione della prima prova d esame (Italiano) ed una simulazione della seconda prova d esame (Economia aziendale) 8. GRIGLIE DI VALUTAZIONE Pagina 9 di 36

10 8.1 Della prima prova A = ANALISI SAGGIO BREVE B = ARGOMENTO ARTICOLO DI GIORNNALE C = ARGOMENTO STORICO D = TEMA N.B:Per ogni voce della seguente griglia di valutazione il punteggio può variare di punti 0,5 1)Correttezza e proprietà nell uso della lingua Max. Punti 4 Linguaggio forbito e corretto, espressione fluida p.3-4 Linguaggio non sempre chiaro ed p.2 appropriato,paratattico e con errori nella punteggiatura;alcuni errori ortografici Linguaggio confuso e scorretto con periodi p.1 sospesi, numerosi errori di ortografia,lessico povero,errori di punteggiatura. 2) CONOSCENZA RELATIVA ALL ARGOMENTO SCELTO Max. Punti 4 Completa e coerente p.4 Corretta ed essenziale p. 3 Superficiale e frammentaria P:2 Scarsa e confusa p.1 3) ADERENZA DELL ELABORATO ALLA TRACCIA MAX: PUNTI 3 Pienamente aderente p.3 Aderente con qualche incertezza p.2 Non sempre aderente,qualche tralignamento p.1 Esula completamente dalla traccia p.0 4)ARTICOLAZIONE E COERENZA ARGOMENTATIVA MAX.PUNTI 2 Elaborato coerente e ben articolato,denota capacità P.2 argomentative Elaborato sufficientemente argomentato ma poco P.1 coeso o poco coerente Disarticolato ed incoerente P.0 5)SVILUPPO CRITICO DELLE TESI AFFRONTATE E SPUNTI ORIGINALI MAX: PUNTI 2 Elaborato sviluppato in modo critico e con p.2 originalità. L elaborato presenta alcuni elementi di analisi p.1 critica Assenza di elementi argomentativi fondati,critici ed p.0 originali Pagina 10 di 36

11 8.2. Della seconda prova PARAMETRI E INDICATORI 1.Aderenza alla traccia Ampiezza dello svolgimento della prova A B C D LIVELLI DI PRESTAZIONE Trattazione di tutti i punti e i quesiti Più della metà dei punti e dei quesiti Metà dei punti e dei quesiti Almeno un punto o la metà dei quesiti MISURAZIONE E VALUTAZIONE Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente Insufficiente Punteggio attribuito Uso del linguaggio precisione correttezza specificità E A B C D Meno di D Del tutto preciso, corretto, specifico Corretto, specifico con qualche imprecisione Abbastanza corretto, preciso e specifico Nettamente insufficiente Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente Insufficiente E Impreciso e spesso inadeguato Completamente scorretto, impreciso Nettamente insufficiente 1 2.Conoscenza specifica dei contenuti Sviluppo delle conoscenze Commenti, analisi e motivazioni A B C D Conoscenze complete e approfondite con spunti di originalità, interpretazioni corrette Conoscenze complete ma nozionistiche, interpretazione corretta Conoscenze essenziali interpretazione corretta con qualche imprecisione Conoscenze frammentarie e lacunose, interpretazione lacunosa Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente Insufficiente Abilità Correttezza delle impostazioni tecnico contabili Congruenza dei dati Correttezza dei calcoli E A B C Conoscenze inadeguate e/o inesistenti Interpretazione scorretta Impostazioni tecnico contabili corrette, dati congrui, calcoli esatti Impostazioni tecnico contabili corrette con qualche imprecisione, dati quasi sempre congrui, calcoli quasi sempre esatti Impostazioni tecnico contabili e calcoli parzialmente corretti, dati parzialmente congrui Nettamente insufficiente Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente D E Impostazioni tecnico contabili frammentarie e lacunose, dati poco congrui, calcoli non sempre corretti Impostazioni tecnico contabili del tutto inadeguate, dati e calcoli errati Insufficiente Nettamente insufficiente 2 1 Pagina 11 di 36

12 8.3. Della terza Prova LEGENDA PUNTEGGIO quesito a risposta multipla 0 =risposta errata o non data 0,75 =risposta esatta n. STORIA INGLESE MATEMATICA DIRITTO FRANCESE totale totale (MAX 15) LEGENDA PUNTEGGIO quesito a risposta singola 0 = nessuna risposta 0,25 = risposta completamente errata e fuori traccia 0,50 = risposta appena accennata e/o con errori gravi 0,75 = risposta molto carente e/o con errori gravi, esposizione disorganica, linguaggio del tutto improprio 1 = risposta vaga o con errori, oppure con informazioni esatte, ma non pertinenti. Esposizione che inficia in parte la comprensione del contenuto. 1,25 = risposta parziale, con errori non gravi, ma con informazioni sostanzialmente esatte e Pertinenti. Esposizione molto elementare con qualche errore. 1,50 = risposta valida nel complesso, ma non esaustiva, imprecisioni o qualche errore non grave. Esposizione sostanzialmente corretta dal punto di vista grammaticale. 1,75 = risposta valida nel complesso, con imperfezioni o qualche lacuna non grave. Esposizione corretta, abbastanza appropriata. 2 = risposta esauriente, con qualche imperfezione. Esposizione corretta e coerente, con lessico appropriato. 2,25 = risposta con informazioni esatte e complete. Esposizione corretta, con lessico appropriato, organica. 2,50 = risposta con informazioni esatte e complete. Esposizione corretta, con lessico ricco ed appropriato,organica e personale NUMERO STORIA INGLESE MATEMATICA DIRITTO FRANCESE 1 2 TOT.PUNTI PUNTEGGIO (MAX 25) Punteggio Valutazione da 1 a 3 2 da 4 a 6 3 da 7 a 9 4 da 10 a 11 5 da 12 a 14 6 da 15 a 17 7 da 18 a 19 8 da 20 a 22 9 da 23 a da 26 a da 29 a da 33 a da 37 a da 39 a ALUNNO: PUNTEGGIO TOTALE (arrotondato per difetto sotto lo 0,50 e per eccesso dallo 0,50) /40 VALUTAZIONE /15 Pagina 12 di 36

13 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Tecnico Statale Comm.le e per Geometri L. Luzzatti Via Pedemontana s.n.c Palestrina tel e fax 06/ C.M: RMTD17000C C.F: SIMULAZIONE TERZA PROVA ESAME DI STATO Classe 5 B IGEA A.S. 2012/2013 Cognome e nome del candidato Tipologia: mista, 20 quesiti a scelta multipla e 10 a risposta singola Materie: Storia, Francese, Inglese, Diritto, Matematica. Obiettivi: * Conoscenza e comprensione degli argomenti; * Competenza linguistica; * Applicazione delle conoscenze Modalità: Lunghezza delle risposte singole al massimo10 righe. Le risposte al test possono essere corrette, ciascuna, una sola volta. Non è consentito l uso di alcun manuale. Il test viene consegnato per primo e ritirato dopo 30 minuti. Per le domande aperte si hanno a disposizione 1 ore e 30 minuti, trascorsi i 30 minuti per compilare il test. Punteggio Quesito a risposta multipla: 0 = risposta errata, non data o corretta più di una volta 0,75 = risposta corretta Quesito a risposta singola: da 0 a 2,50 punti Tempo massimo consentito per lo svolgimento della prova: 2 ore, 30 minuti per il test e 1 ore e 30 minuti per i quesiti a risposta singola. Palestrina, Pagina 13 di 36

14 9. RELAZIONE FINALE La classe V B I.G.E.A. nell anno scolastico 2012/13 risultava inizialmente composta da 19 alunni, tutti provenienti dalla medesima sezione, tranne uno che si è ritirato nel corso dell anno. Il comportamento per la maggior parte degli alunni è stato corretto ad eccezione di un esiguo gruppo che non sempre ha mostrato il dovuto rispetto delle regole. La partecipazione e l impegno sono stati in genere attivi. Gli alunni hanno evidenziato un proficuo metodo di studio. I docenti si sono preoccupati di sviluppare nei discenti l intervento nel dibattito educativo, le capacità logico deduttive e quando possibile, anche critiche in un contesto non riferito solo alle singole discipline, ma in un quadro pluridisciplinare. La maggior parte degli elementi ha risposto positivamente a questi stimoli, evidenziando impegno regolare e volontà di migliorare abilità e competenze. Solo per pochi discenti si è dovuto ricorrere a qualche sollecitazione e ad un richiamo ad un maggiore senso di responsabilità. Fermi restando i livelli di partenza individuali, una parte della classe ha ottenuto risultati pienamente soddisfacenti, alcuni hanno raggiunto gli obiettivi prefissati con un livello prossimo alla sufficienza. Pagina 14 di 36

15 10. PROGRAMMI I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: ITALIANO PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 3 MAGGIO 2013 DOCENTE: LUCIANA LONGO Il romanzo naturalista e verista E.Zola L Assomoir - Gervasia all assomoir G.Verga La vita, le opere, il pensiero la poetica Vita dei campi - Fantasticheria - La Lupa I Malavoglia - La famiglia Malavoglia - L arrivo e l addio di Ntoni Novelle Rusticane - La roba Mastro don Gesualdo - L addio alla roba - La morte di Gesualdo Il Decadentismo G. Pascoli La vita, le opere, il pensiero, la poetica Il Fanciullino - E dentro di noi un fanciullino Pagina 15 di 36

16 Myricae - X Agosto - Temporale - Il lampo - Il tuono G. D Annunzio la vita,le opere, il pensiero,la poetica Il piacere - Ritratto di un esteta Laudi Il Futurismo - La pioggia nel pineto - I pastori La lirica G.Ungaretti-la vita,le opere il pensiero, la poetica L allegria - Mattina - Soldati - Fratelli - Natale Il romanzo del primo Novecento J. Joyce Ulisse - L insonnia di Molly I. Svevo la vita, le opere, il pensiero, la poetica La coscienza di Zeno - Prefazione il Dottor S. L.Pirandello la vita, le opere, il pensiero, la poetica - L ultima sigaretta L umorismo - Il sentimento del contrario Pagina 16 di 36

17 Novelle per un anno Il fu Mattia Pascal - La patente - Io e l ombra mia Il berretto a sonagli A. Baricco Novecento V. Pratolini Metello E.Wiesel La Notte F.to Prof.ssa Luciana Longo F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 17 di 36

18 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: STORIA PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 3 MAGGIO 2013 DOCENTE: LUCIANA LONGO L imperialismo L età giolittiana - L inserimento delle masse nella vita politica - Mezzogiorno ed emigrazione - Socialisti e cattolici - La guerra di Libia La seconda rivoluzione industriale - Le nuove invenzioni - Le fonti di energia - Nascita dei mass media - Il tempo libero La grande guerra - Lo scoppio del conflitto - Dalla guerra di movimento alla guerra di posizione - L intervento dell Italia - La guerra dal 15 al 17 - Nuove armi - Conclusione del conflitto Il dopo guerra in Italia - Il biennio rosso - Crisi dello Stato liberale La dittatura fascista - Politica sociale ed economica - La conciliazione fra Stato e Chiesa - Gli intellettuali - La politica estera La rivoluzione bolscevica in Russia (linee portanti) Gli anni della crisi economica (linee portanti) La dittatura nazionalsocialista - Hitler conquista il potere - L ideologia nazionalsocialista e l antisemitismo - Il consenso delle masse La seconda guerra mondiale Hitler dà inizio all espansione - L inizio del conflitto - La resa della Francia e l intervento dell Italia - La guerra parallela di Mussolini - La guerra diventa mondiale - Le armi - La caduta di Mussolini e lo sbarco Anglo- Americana - L ultima fase del conflitto Pagina 18 di 36

19 - Il nuovo assetto mondiale F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera F.to Prof.ssa Luciana Longo Pagina 19 di 36

20 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 9 MAGGIO 2013 DOCENTE: CARLO LATINI U.D. 1 IMPRESE INDUSTRIALI CONTENUTI Forma giuridica delle imprese industriali. Caratteristiche e classificazioni Organi Organizzazione e sistema informativo Processo gestionale nelle imprese industriali Contabilità generale Organizzazione, struttura economicopatrimoniale Gestione delle immobilizzazioni. Acquisti, vendite e gestione del magazzino. Gestione del personale dipendente. Outsurcing e subfornitura Scritture di assestamento e valutazioni di fine esercizio Scritture di epilogo e chiusura CONOSCENZE CAPACITA COMPETENZE Gli alunni hanno una visione sufficientemente organica della dinamica delle imprese i industriali, ne conoscono la forma giuridica e le problematiche principali. Conoscono le contabilità sezionali e la contabilità generale. Conoscono i fondamentali documenti aziendali. 2 CONTABILITA ANALITICO- GESTIONALE BUDGET Finalità della contabilità analiticogestionale. Conoscono gli scopi della contabilità industriale, la Analisi dei costi. Analisi costi, volumi-risultati, diagramma di redditività e punto di equilibrio. Procedure di determinazione dei costi classificazione dei costi e le problematiche relative alla loro individuazione ed imputazione. Sanno effettuare le rilevazioni contabili relative al processo di di produzione e contabilità a costi pieni gestione dell imprese industriali e costi diretti. Imputazioni su basi aziendali. a livello di contabilità sezionali. Sanno redigere vari tipi di Programmazione aziendale, controllo budget ed un budget e budget. Redazione dei budget settoriali e di economico attraverso i budget parziali. esercizio.( Economico finanziario e patrimoniale ) Analisi degli scostamenti. Reporting. Pagina 20 di 36

21 3 BILANCIO ESERCIZIO DI Formazione e redazione del bilancio di esercizio e carico fiscale. Conoscono i principi di Normative e componenti di bilancio. Bilancio civilistico. Revisione di bilancio. Controllo annuale. Bilancio con dati a scelta Rielaborazione del Bilancio ( Stato Patrimoniale e C/Economico ) Analisi di Bilancio per indici redazione del bilancio. Sanno leggere, redigere ed interpretare un semplice bilancio. Conoscono le imposte che gravano sul reddito fiscale. Sanno rielaborare un bilancio, calcolare i principali indici e Analisi di bilancio per flussi e redazione trarne brevi considerazioni. di rendiconti finanziari : a variazioni Sono in grado dagli indici, di del Patrimonio Circolante Netto e della risalire alla redazione di un Disponibilità Monetaria Netta. bilancio. 5 ATTIVITÀ BANCARIA E IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 6 LE OPERAZIONI DI RACCOLTA LE PRESTAZIONI DI SERVIZI E LE ATTIVITÀ PARABANCARIE Il risparmio e il credito La banca moderna e le sue funzioni ed analisi dei passaggi che hanno portato alla definizione di Banca S.p.A. Il mercato dei capitali La gestione dell impresa bancaria Il controllo qualitativo e quantitativo sulle aziende di credito La struttura del sistema bancario italiano e la sua evoluzione Sistema Europeo di Banche Centrali Organizzazione e gestione strategica delle Banche. I depositi a risparmio liberi I depositi a risparmio vincolati Le obbligazioni bancarie I c/c di corrispondenza I servizi collegati ai c/c I mezzi bancari dei pagamento I sistemi di incasso I pagamenti per conto terzi Le cassette di sicurezza Le gestioni individuali di patrimoni mobiliari Le carte di credito Il leasing Il factoring La classe conosce la attività creditizia alla luce delle trasformazioni e innovazioni strutturali ed operative che hanno coinvolto il nostro sistema bancario, sino ad arrivare al concetto odierno di banca, con le sue caratteristiche e differenziazioni. La classe conosce le principali operazioni di intermediazione riesce a compilare i principali documenti, sa classificare i vari servizi offerti. i STRUMENTI DI VERIFICA Pagina 21 di 36

22 1) verifiche orali e scritte STRUMENTI UTILIZZATI Libro di testo: Corso Modulare di Economia Aziendale 5 Le Monnier Scuola Appunti forniti dall insegnante, Codice civile. F.to Prof. Carlo Latini F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 22 di 36

23 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: FRANCESE PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 3 MAGGIO 2013 DOCENTE: LINDA MARINA DI MATTEO Gli argomenti sono stati tratti dal libro di testo: La nouvelle Entreprise e dal materiale aggiuntivo proposto dall insegnante Le contrat de vente: - les étapes de la vente - obligations des partenaires - la vente internationale: la Convention de Vienne - les composantes des marchandises: l'emballage(conditionnement, emballage en sus, emballage à rendre) le poids net, la tare, - réduction sur le poids( le don, le surdon ) - les réductions: la remise la ristourne le rabais l escompte La commande : - le bon de commande - le bulletin de commande - caractéristiques formelles de la commande - la commande acceptée sans réserves / avec réserve / annulée La facturation: - Différents types de facture: (facture simple ou sur place, pro-forma ou simulée, consulaire, mémoire) La réclamation: - Caractéristiques formelles - La lettre de réclamation et la réponse La logistique et les transports: - la logistique - le contrat de transport - les moyens de transport - les documents du transport routier / maritime / aérien - la lettre de voiture - le connaissement - la lettre de transport aérien Le règlement et ses différentes formes: - le règlement au comptant: le chèque, les cartes des commerçants, les cartes bancaires. - le règlement à terme: la lettre de change ou traite, le billet à ordre. CIVILISATION - Porte ouverte sur l'europe: un rêve unitaire du vieux monde, le rêve se réalise, Pagina 23 di 36

24 - Les institutions de l'union européenne - La France physique: situation géographique: les limites - le relief - les mers et côtes - les fleuves - le climat. - Les activités et les espaces agricoles et ruraux. - Les espaces industriels: les mutations énergétiques, l'industrie - Evolution de la population française: délicates statistiques ethniques. - L'organisation administrative - La France d outre-mer. - Les institutions politiques: République, le Président de la République,le Premier Ministre, le Parlement F.to la Prof.ssa Linda Marina Di Matteo F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 24 di 36

25 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B Igea Materia LINGUA INGLESE Programma svolto fino al giorno 04/05/2013 Commerce Business Communication Revision Layout of Commercial Letters Revision Enquiries Revision Replies to Enquiries (positive and negative) Orders Orders Form Execution of orders Modification of orders Cancellation of orders Complaints and Replies to Complaints Reminders and Replies Job Applications, CCV and Cover letters Business Theory Business organisation The Channels of Distribution The contract of Sale Transportation The Contract of Carriage Transport documents (Bill of Lading, Air Waybill, Consignment Note) Packing Shipping Marks Containerisation Forwarding Agents Insurance Transport Documents (Delivery Note, Invoice, Certificate of Origin) Incoterms International Trade Methods of Payment (CWO, COD, Open Account, CAD, Bank transfer, Draft) Civilization History Revision from the Norman Conquest to the 16 th century The Stuart Period The Industrial Revolution Pagina 25 di 36

26 The Victorian Age (Parliamentary and Social Reforms) The British Empire The birth of the Party System The 20 th century: The Great War Britain in the 1920s and 30s British Institutions The Constitution The Separation of Powers The Functions of the Monarch The British Parliament The British Party System The Government The Prime Minister F.to Prof.ssa Cristina Sale F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 26 di 36

27 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: MATEMATICA PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 9 MAGGIO 2013 DOCENTE: LAURA CELSINI RICHIAMI SULLE CONICHE Circonferenza. Parabola. DISEQUAZIONI IN DUE VARIABILI Le disequazioni in due variabili lineari. Le disequazioni in due variabili non lineari. I sistemi di disequazioni in due variabili lineari e non lineari. LE FUNZIONI IN DUE VARIABILI Il concetto di funzione di due variabili. Le linee di sezione e le linee di livello (cenni). Il calcolo delle derivate: Le derivate parziali prime Le derivate successive. Massimi e minimi liberi di una funzione di due variabili (funzioni razionali algebriche intere). Definizione. I massimi ed i minimi liberi con le linee di livello (cenni). I massimi ed i minimi liberi con le derivate. Massimi e minimi vincolati da equazioni : Il metodo elementare; Il metodo dei moltiplicatori di Lagrange. I massimi e i minimi di funzioni lineari con vincoli lineari Il metodo grafico. FINALITA E METODI DELLA RICERCA OPERATIVA Sistemi e modelli. Pagina 27 di 36

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M.

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» Sede legale: Via Italico Brass, 22 34170 GORIZIA tel. 0481/535190

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline.

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. 1 Griglie di valutazione della I prova scritta ANALISI DEL TESTO più che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia;

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia; 27/04/2010 REV 02 INDIRIZZO MECCANICO CLASSE V A A.S. 14-15 Profilo di indirizzo Il perito in MECCANICA È una figura professionale in grado di: Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Profilo Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: LORA DOMENICA Disciplina: DEA Classe 5 a AE A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: Percorsi di diritto ed economia per l azienda 3- Tramontana OBIETTIVI

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INGLESE/FRANCESE Anno Scolastico: 2014-2015 QUINTO ANNO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: OTTOBONI MIRELLA Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: Flavia Bentini, IN BUSINESS, Pearson-Longman Sono

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

SCHEMA UNITA DIDATTICA

SCHEMA UNITA DIDATTICA Titolo modulo: Differential calculus Unità didattica n. 2 dal titolo: Differentiation Ore previste per questa unità didattica: SCHEMA UNITA DIDATTICA Eventuali note sulla pianificazione e realizzazione:

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE CLASSE 5 A LSU Docente: Miragoli Cristina Ore settimanali: 2 Ore annuali (previste in data 8-6-16) : 55 FINALITA' E OBIETTIVI FINALITA Acquisire

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

Esami di Stato primo ciclo

Esami di Stato primo ciclo Esami di Stato primo ciclo Il giudizio di idoneità, oltre a considerare i risultati ottenuti nelle singole discipline, terrà conto anche dei seguenti elementi: partecipazione alle attività didattiche;

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli