ESAMI DI STATO. Documento del Consiglio di classe. (Anno Scolastico 2012/13)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO. Documento del Consiglio di classe. (Anno Scolastico 2012/13)"

Transcript

1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI LUIGI LUZZATTI tel. e fax URL: Distretto 36 Cod. Fisc Prot. N : 1665/5m del Via Pedemontana s.n.c PALESTRINA (Roma) ESAMI DI STATO Documento del Consiglio di classe (Anno Scolastico 2012/13) Classe V Sezione B I.G.E.A.

2 Indice dei contenuti 1 GENERALITÀ COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE SINTETICA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA STRUTTURE E ATTREZZATURE RELATIVE AL CORSO I.G.E.A CARATTERISTICHE DELLA REALTÀ IN CUI OPERA LA SCUOLA RELAZIONE TRA SCUOLA E TERRITORIO E COLLABORAZIONE CON LE ISTITUZIONI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE STABILITÀ DEI DOCENTI FREQUENZA E PARTECIPAZIONE ALLA VITA SCOLASTICA METODI E STRUMENTI USATI DAGLI INSEGNANTI PER LE VERIFICHE DELLE COMPETENZE IN INGRESSO DEGLI STUDENTI PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI TIPOLOGIA DI LAVORO COLLEGIALE (CONSIGLI DI CLASSE, AREE DISCIPLINARI, ECC.) PERCORSO FORMATIVO GRIGLIA DI VALUTAZIONE CONCORDATA DAL CONSIGLIO DI CLASSE TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE PER CIASCUNA DISCIPLINA CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI ESEMPI DI TERZA PROVA DEFINITA DAL CONSIGLIO DI CLASSE TIPOLOGIA MISTA GRIGLIE DI VALUTAZIONE DI PRIMA PROVA DI SECONDA PROVA DI TERZA PROVA RELAZIONE FINALE PROGRAMMI.15 Pagina 2 di 36

3 1. GENERALITÀ Classe V sezione B I.G.E.A. Indirizzo Ordinario 1.1. Composizione del consiglio di classe MATERIA COMPONENTE Italiano Storia Economia Aziendale Diritto Scienza delle Finanze Matematica Inglese Francese Geografia Educazione fisica Religione Luciana Longo Luciana Longo Carlo Latini Paola Rossi Paola Rossi Laura Celsini Cristina Sale Linda Marina Di Matteo Laura Burzacca Pierpaolo Torresan Katia Loberti Dirigente Scolastico: Cinzia Delisi Coordinatore: Prof. Carlo Latini Rappresentanti Alunni: Enrico Cara Francesco Fichera Rappresentanti Genitori: Donatella Lazzara Anna Letizia Pagina 3 di 36

4 SINTETICA DESCRIZIONE DELLA SCUOLA 1.2. Strutture e attrezzature relative al corso I.G.E.A Laboratorio di informatica e di lingue straniere con relative attrezzature, laboratori di fisica e chimica, biblioteca tecnica, palestra e spazi polifunzionali. 2.2.Caratteristiche della realtà in cui opera la scuola a) Pendolarismo degli alunni e dei docenti 2.3. Relazione tra scuola e territorio e collaborazione con le istituzioni a) Orientamento in uscita b) Stage 3. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 3.1. Stabilità dei docenti La continuità didattica non è stata mantenuta nella classe V B I.G.E.A. a causa della rotazione annuale di una buona parte dei docenti Frequenza e partecipazione alla vita scolastica Frequenza: abbastanza regolare per la maggior parte dei ragazzi. Partecipazione alla vita scolastica non sempre adeguata da parte di pochi elementi, nonostante gli interventi da parte dei docenti Metodi e strumenti usati dagli insegnanti per le verifiche delle competenze in ingresso degli studenti Conversazione tra insegnanti, analisi dei risultati conseguiti nell anno precedente Metodo di comunicazione con le famiglie Due ricevimenti generali, come da calendario delle attività previste e individuali mensili. Convocazione tramite lettere e contatti telefonici. ricevimenti 4. ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI 4.1. Tipologia di lavoro collegiale (consigli di classe, aree disciplinari, ecc.) a) Programmazione inizio anno per materia. b) Collegio Docenti. c) Consigli di classe programmati nell ambito del Collegio dei docenti Percorso formativo Pagina 4 di 36

5 a) Obiettivi Trasversali: Capacità di decisione e valutazione; disponibilità ad ascoltare e conoscere le regole attinenti alla vita scolastica; sviluppare una capacità orientativa in relazione ai propri interessi e attitudini; esprimersi in modo chiaro e corretto utilizzando anche il lessico specifico delle varie discipline; comprendere un testo individuarne i punti fondamentali e saper esporre quelli significativi; collegare argomenti della stessa disciplina o di discipline diverse e coglierne le relazioni semplici; capacità d analisi e sintesi; stabilire connessioni tra causa ed effetto; interpretare fatti e fenomeni e di attualizzare la Storia. b) Strumenti: lezioni dialogate, applicazioni ed esercitazioni pratiche su quanto spiegato, apertura al confronto anche su argomenti non strettamente scolastici con modalità concordate. Lettura dl quotidiano in classe, strumenti audiovisivi, laboratorio multimediale con gli alunni Griglia di valutazione approvata dal Collegio dei docenti e inserita nel Pof Valutazione in decimi Preparazione 1 Mancanza di verifica 2 3 Scarsa 4 Insufficiente 5 Mediocre Descrittori L alunno rifiuta di svolgere la prova di verifica e non risponde alle sollecitazioni offerte dall insegnante Non conosce gli argomenti trattati. Delle sollecitazioni offerte e delle informazioni fornite durante la prova non sa servirsi o al più tenta risposte inadeguate e semplicistiche. Conosce in modo frammentario e molto superficiale gli argomenti proposti. Il linguaggio è stentato e il lessico usato non appropriato. Le risposte non sono pertinenti. Conosce in modo frammentario e superficiale gli argomenti proposti e, pur avendo conseguito alcune abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo anche in compiti semplici. Il linguaggio è corretto, ma povero e la conoscenza dei termini specifici è scarsa. Pagina 5 di 36

6 Anche all acquisizione mnemonica va attribuita questa valutazione poiché quanto appreso non permane e non permette il raggiungimento di nessuna abilità. 6 Sufficiente 7 Discreta 8 Buona 9 Ottima 10 Eccellente Conosce gli argomenti fondamentali senza approfondimento; non commette errori gravi nell esecuzione di compiti semplici ma non è in grado di applicare le conoscenze acquisite in compiti complessi. Capacità di riutilizzare le conoscenze acquisite, ma solo in compiti semplici o con le indicazioni dell insegnante Uso appropriato dei termini specifici e costruzione corretta, anche se semplice, delle frasi. Conosce e comprende in modo analitico, non commette errori gravi. Il linguaggio è corretto e pertinente. Comprende con facilità. Rielabora e collega fra loro conoscenze acquisite in tempi diversi conducendo ragionamenti logici con la guida dell insegnante La conoscenza degli argomenti è completa, anche con esempi ed alcuni approfondimenti. Non commette errori. Sollecitato dall insegnante, sa organizzare le conoscenze in situazioni nuove, fare collegamenti interdisciplinari e interpretare la realtà alla luce di quanto studiato. Si esprime con linguaggio fluido e appropriato. Come nella valutazione precedente, ma con maggiore sicurezza e spontaneità nell inserire nella prova tutte le conoscenze e le capacità acquisite anche nelle altre discipline. Ha una discreta capacità di astrazione. Le abilità sono le stesse della valutazione precedente, ma l alunno elabora, approfondisce e ricollega gli argomenti autonomamente, con originalità e personale apporto critico. Pagina 6 di 36

7 5. TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE PER CIASCUNA DISCIPLINA 5.1 Tipologia delle attività formative per disciplina METODI ADOTTATI Lavori di gruppo AREA CULTURALE Italiano Storia Diritto Geografia Ed. Fisica Sì Lezioni frontali Sì Sì Sì Sì Sì Ricerche Si Si Si Sì Tesine Recupero Sì Sì Sì Sì Integrazione Progetti individuali Costruzione di schemi logici Sì Glossari Sì Sì Dibattiti su temi d attualità Analisi della Costituzione. Si Sì Sì Sì Sì Pagina 7 di 36

8 METODI ADOTTATI AREA D INDIRIZZO Economia aziendale Sc. Finanze Francese Matematica Inglese Lavori gruppo di Lezioni frontali Sì Sì Sì Sì Sì Ricerche Sì Tesine Processi individualizzati Recupero Sì Sì Sì Sì Sì Dibattiti temi attualità su di Sì Sì Sì Sì Laboratorio Sì Sì Sì 5.2. Attività curriculari ed extracurricolari, le visite guidate ed i viaggi di istruzione Spettacolo teatrale Il berretto a sonagli di L. Pirandello; Film Novecento di B. Bertolucci Giornata di orientamento universitaria Nuova Fiera di Roma e Tor Vergata. Partecipazione alla conferenza sulle Fonti Energetiche Rinnovabili Stage formativi invernali Viaggio di istruzione a Budapest. 6. CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Gli strumenti utilizzati per l accertamento di Conoscenze, Competenze e Capacità sono stati: a) Prove strutturate a risposta chiusa b) Prove strutturate a risposta aperta c) Prove tradizionali d) Prove pluridisciplinari e) Verifiche orali Pagina 8 di 36

9 f) Interventi durante le lezioni frontali g) Compiti a casa 7. ESEMPI DI TERZA PROVA DEFINITA DAL CONSIGLIO DI CLASSE 7.1. Tipologia mista Le verifiche effettuate in relazione alla terza prova da sostenere in vista dell esame finale sono rientrate nell autonoma competenza dei docenti in relazione all effettiva pratica didattica svolta nella classe. Le prove eseguite corrispondono alla tipologia: a) QUESITI A RISPOSTA APERTA : Due per ciascuna materia (Tot. 10) b) QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA :Quattro per ciascuna materia (Tot.20) Il Consiglio di classe, in merito alla simulazione della terza prova scritta, opta per la forma mista: tipologia B (quesiti a risposta singola) + tipologia C (quesiti a risposta multipla). Considera infatti che la tipologia B sia affine alla tipologia A (trattazione sintetica), anche perché si stabilisce di assegnare per la riposta uno spazio sufficientemente ampio (massimo 10 righe). Inoltre alcuni item sono costituiti da esercizi che servono per verificare le capacità logiche e di ragionamento degli studenti. Per tali motivi il Consiglio ritiene che una terza prova così strutturata consenta di valutare in maniera ampia e completa la preparazione degli studenti. Materie oggetto della prima simulazione: o o o o o Diritto Storia Matematica Francese Inglese Della seconda simulazione : o o o o o Diritto Storia Matematica Francese Inglese La classe ha effettuato una simulazione della prima prova d esame (Italiano) ed una simulazione della seconda prova d esame (Economia aziendale) 8. GRIGLIE DI VALUTAZIONE Pagina 9 di 36

10 8.1 Della prima prova A = ANALISI SAGGIO BREVE B = ARGOMENTO ARTICOLO DI GIORNNALE C = ARGOMENTO STORICO D = TEMA N.B:Per ogni voce della seguente griglia di valutazione il punteggio può variare di punti 0,5 1)Correttezza e proprietà nell uso della lingua Max. Punti 4 Linguaggio forbito e corretto, espressione fluida p.3-4 Linguaggio non sempre chiaro ed p.2 appropriato,paratattico e con errori nella punteggiatura;alcuni errori ortografici Linguaggio confuso e scorretto con periodi p.1 sospesi, numerosi errori di ortografia,lessico povero,errori di punteggiatura. 2) CONOSCENZA RELATIVA ALL ARGOMENTO SCELTO Max. Punti 4 Completa e coerente p.4 Corretta ed essenziale p. 3 Superficiale e frammentaria P:2 Scarsa e confusa p.1 3) ADERENZA DELL ELABORATO ALLA TRACCIA MAX: PUNTI 3 Pienamente aderente p.3 Aderente con qualche incertezza p.2 Non sempre aderente,qualche tralignamento p.1 Esula completamente dalla traccia p.0 4)ARTICOLAZIONE E COERENZA ARGOMENTATIVA MAX.PUNTI 2 Elaborato coerente e ben articolato,denota capacità P.2 argomentative Elaborato sufficientemente argomentato ma poco P.1 coeso o poco coerente Disarticolato ed incoerente P.0 5)SVILUPPO CRITICO DELLE TESI AFFRONTATE E SPUNTI ORIGINALI MAX: PUNTI 2 Elaborato sviluppato in modo critico e con p.2 originalità. L elaborato presenta alcuni elementi di analisi p.1 critica Assenza di elementi argomentativi fondati,critici ed p.0 originali Pagina 10 di 36

11 8.2. Della seconda prova PARAMETRI E INDICATORI 1.Aderenza alla traccia Ampiezza dello svolgimento della prova A B C D LIVELLI DI PRESTAZIONE Trattazione di tutti i punti e i quesiti Più della metà dei punti e dei quesiti Metà dei punti e dei quesiti Almeno un punto o la metà dei quesiti MISURAZIONE E VALUTAZIONE Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente Insufficiente Punteggio attribuito Uso del linguaggio precisione correttezza specificità E A B C D Meno di D Del tutto preciso, corretto, specifico Corretto, specifico con qualche imprecisione Abbastanza corretto, preciso e specifico Nettamente insufficiente Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente Insufficiente E Impreciso e spesso inadeguato Completamente scorretto, impreciso Nettamente insufficiente 1 2.Conoscenza specifica dei contenuti Sviluppo delle conoscenze Commenti, analisi e motivazioni A B C D Conoscenze complete e approfondite con spunti di originalità, interpretazioni corrette Conoscenze complete ma nozionistiche, interpretazione corretta Conoscenze essenziali interpretazione corretta con qualche imprecisione Conoscenze frammentarie e lacunose, interpretazione lacunosa Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente Insufficiente Abilità Correttezza delle impostazioni tecnico contabili Congruenza dei dati Correttezza dei calcoli E A B C Conoscenze inadeguate e/o inesistenti Interpretazione scorretta Impostazioni tecnico contabili corrette, dati congrui, calcoli esatti Impostazioni tecnico contabili corrette con qualche imprecisione, dati quasi sempre congrui, calcoli quasi sempre esatti Impostazioni tecnico contabili e calcoli parzialmente corretti, dati parzialmente congrui Nettamente insufficiente Ottimo/eccellente Discreto/buono Sufficiente D E Impostazioni tecnico contabili frammentarie e lacunose, dati poco congrui, calcoli non sempre corretti Impostazioni tecnico contabili del tutto inadeguate, dati e calcoli errati Insufficiente Nettamente insufficiente 2 1 Pagina 11 di 36

12 8.3. Della terza Prova LEGENDA PUNTEGGIO quesito a risposta multipla 0 =risposta errata o non data 0,75 =risposta esatta n. STORIA INGLESE MATEMATICA DIRITTO FRANCESE totale totale (MAX 15) LEGENDA PUNTEGGIO quesito a risposta singola 0 = nessuna risposta 0,25 = risposta completamente errata e fuori traccia 0,50 = risposta appena accennata e/o con errori gravi 0,75 = risposta molto carente e/o con errori gravi, esposizione disorganica, linguaggio del tutto improprio 1 = risposta vaga o con errori, oppure con informazioni esatte, ma non pertinenti. Esposizione che inficia in parte la comprensione del contenuto. 1,25 = risposta parziale, con errori non gravi, ma con informazioni sostanzialmente esatte e Pertinenti. Esposizione molto elementare con qualche errore. 1,50 = risposta valida nel complesso, ma non esaustiva, imprecisioni o qualche errore non grave. Esposizione sostanzialmente corretta dal punto di vista grammaticale. 1,75 = risposta valida nel complesso, con imperfezioni o qualche lacuna non grave. Esposizione corretta, abbastanza appropriata. 2 = risposta esauriente, con qualche imperfezione. Esposizione corretta e coerente, con lessico appropriato. 2,25 = risposta con informazioni esatte e complete. Esposizione corretta, con lessico appropriato, organica. 2,50 = risposta con informazioni esatte e complete. Esposizione corretta, con lessico ricco ed appropriato,organica e personale NUMERO STORIA INGLESE MATEMATICA DIRITTO FRANCESE 1 2 TOT.PUNTI PUNTEGGIO (MAX 25) Punteggio Valutazione da 1 a 3 2 da 4 a 6 3 da 7 a 9 4 da 10 a 11 5 da 12 a 14 6 da 15 a 17 7 da 18 a 19 8 da 20 a 22 9 da 23 a da 26 a da 29 a da 33 a da 37 a da 39 a ALUNNO: PUNTEGGIO TOTALE (arrotondato per difetto sotto lo 0,50 e per eccesso dallo 0,50) /40 VALUTAZIONE /15 Pagina 12 di 36

13 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Tecnico Statale Comm.le e per Geometri L. Luzzatti Via Pedemontana s.n.c Palestrina tel e fax 06/ C.M: RMTD17000C C.F: SIMULAZIONE TERZA PROVA ESAME DI STATO Classe 5 B IGEA A.S. 2012/2013 Cognome e nome del candidato Tipologia: mista, 20 quesiti a scelta multipla e 10 a risposta singola Materie: Storia, Francese, Inglese, Diritto, Matematica. Obiettivi: * Conoscenza e comprensione degli argomenti; * Competenza linguistica; * Applicazione delle conoscenze Modalità: Lunghezza delle risposte singole al massimo10 righe. Le risposte al test possono essere corrette, ciascuna, una sola volta. Non è consentito l uso di alcun manuale. Il test viene consegnato per primo e ritirato dopo 30 minuti. Per le domande aperte si hanno a disposizione 1 ore e 30 minuti, trascorsi i 30 minuti per compilare il test. Punteggio Quesito a risposta multipla: 0 = risposta errata, non data o corretta più di una volta 0,75 = risposta corretta Quesito a risposta singola: da 0 a 2,50 punti Tempo massimo consentito per lo svolgimento della prova: 2 ore, 30 minuti per il test e 1 ore e 30 minuti per i quesiti a risposta singola. Palestrina, Pagina 13 di 36

14 9. RELAZIONE FINALE La classe V B I.G.E.A. nell anno scolastico 2012/13 risultava inizialmente composta da 19 alunni, tutti provenienti dalla medesima sezione, tranne uno che si è ritirato nel corso dell anno. Il comportamento per la maggior parte degli alunni è stato corretto ad eccezione di un esiguo gruppo che non sempre ha mostrato il dovuto rispetto delle regole. La partecipazione e l impegno sono stati in genere attivi. Gli alunni hanno evidenziato un proficuo metodo di studio. I docenti si sono preoccupati di sviluppare nei discenti l intervento nel dibattito educativo, le capacità logico deduttive e quando possibile, anche critiche in un contesto non riferito solo alle singole discipline, ma in un quadro pluridisciplinare. La maggior parte degli elementi ha risposto positivamente a questi stimoli, evidenziando impegno regolare e volontà di migliorare abilità e competenze. Solo per pochi discenti si è dovuto ricorrere a qualche sollecitazione e ad un richiamo ad un maggiore senso di responsabilità. Fermi restando i livelli di partenza individuali, una parte della classe ha ottenuto risultati pienamente soddisfacenti, alcuni hanno raggiunto gli obiettivi prefissati con un livello prossimo alla sufficienza. Pagina 14 di 36

15 10. PROGRAMMI I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: ITALIANO PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 3 MAGGIO 2013 DOCENTE: LUCIANA LONGO Il romanzo naturalista e verista E.Zola L Assomoir - Gervasia all assomoir G.Verga La vita, le opere, il pensiero la poetica Vita dei campi - Fantasticheria - La Lupa I Malavoglia - La famiglia Malavoglia - L arrivo e l addio di Ntoni Novelle Rusticane - La roba Mastro don Gesualdo - L addio alla roba - La morte di Gesualdo Il Decadentismo G. Pascoli La vita, le opere, il pensiero, la poetica Il Fanciullino - E dentro di noi un fanciullino Pagina 15 di 36

16 Myricae - X Agosto - Temporale - Il lampo - Il tuono G. D Annunzio la vita,le opere, il pensiero,la poetica Il piacere - Ritratto di un esteta Laudi Il Futurismo - La pioggia nel pineto - I pastori La lirica G.Ungaretti-la vita,le opere il pensiero, la poetica L allegria - Mattina - Soldati - Fratelli - Natale Il romanzo del primo Novecento J. Joyce Ulisse - L insonnia di Molly I. Svevo la vita, le opere, il pensiero, la poetica La coscienza di Zeno - Prefazione il Dottor S. L.Pirandello la vita, le opere, il pensiero, la poetica - L ultima sigaretta L umorismo - Il sentimento del contrario Pagina 16 di 36

17 Novelle per un anno Il fu Mattia Pascal - La patente - Io e l ombra mia Il berretto a sonagli A. Baricco Novecento V. Pratolini Metello E.Wiesel La Notte F.to Prof.ssa Luciana Longo F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 17 di 36

18 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: STORIA PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 3 MAGGIO 2013 DOCENTE: LUCIANA LONGO L imperialismo L età giolittiana - L inserimento delle masse nella vita politica - Mezzogiorno ed emigrazione - Socialisti e cattolici - La guerra di Libia La seconda rivoluzione industriale - Le nuove invenzioni - Le fonti di energia - Nascita dei mass media - Il tempo libero La grande guerra - Lo scoppio del conflitto - Dalla guerra di movimento alla guerra di posizione - L intervento dell Italia - La guerra dal 15 al 17 - Nuove armi - Conclusione del conflitto Il dopo guerra in Italia - Il biennio rosso - Crisi dello Stato liberale La dittatura fascista - Politica sociale ed economica - La conciliazione fra Stato e Chiesa - Gli intellettuali - La politica estera La rivoluzione bolscevica in Russia (linee portanti) Gli anni della crisi economica (linee portanti) La dittatura nazionalsocialista - Hitler conquista il potere - L ideologia nazionalsocialista e l antisemitismo - Il consenso delle masse La seconda guerra mondiale Hitler dà inizio all espansione - L inizio del conflitto - La resa della Francia e l intervento dell Italia - La guerra parallela di Mussolini - La guerra diventa mondiale - Le armi - La caduta di Mussolini e lo sbarco Anglo- Americana - L ultima fase del conflitto Pagina 18 di 36

19 - Il nuovo assetto mondiale F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera F.to Prof.ssa Luciana Longo Pagina 19 di 36

20 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 9 MAGGIO 2013 DOCENTE: CARLO LATINI U.D. 1 IMPRESE INDUSTRIALI CONTENUTI Forma giuridica delle imprese industriali. Caratteristiche e classificazioni Organi Organizzazione e sistema informativo Processo gestionale nelle imprese industriali Contabilità generale Organizzazione, struttura economicopatrimoniale Gestione delle immobilizzazioni. Acquisti, vendite e gestione del magazzino. Gestione del personale dipendente. Outsurcing e subfornitura Scritture di assestamento e valutazioni di fine esercizio Scritture di epilogo e chiusura CONOSCENZE CAPACITA COMPETENZE Gli alunni hanno una visione sufficientemente organica della dinamica delle imprese i industriali, ne conoscono la forma giuridica e le problematiche principali. Conoscono le contabilità sezionali e la contabilità generale. Conoscono i fondamentali documenti aziendali. 2 CONTABILITA ANALITICO- GESTIONALE BUDGET Finalità della contabilità analiticogestionale. Conoscono gli scopi della contabilità industriale, la Analisi dei costi. Analisi costi, volumi-risultati, diagramma di redditività e punto di equilibrio. Procedure di determinazione dei costi classificazione dei costi e le problematiche relative alla loro individuazione ed imputazione. Sanno effettuare le rilevazioni contabili relative al processo di di produzione e contabilità a costi pieni gestione dell imprese industriali e costi diretti. Imputazioni su basi aziendali. a livello di contabilità sezionali. Sanno redigere vari tipi di Programmazione aziendale, controllo budget ed un budget e budget. Redazione dei budget settoriali e di economico attraverso i budget parziali. esercizio.( Economico finanziario e patrimoniale ) Analisi degli scostamenti. Reporting. Pagina 20 di 36

21 3 BILANCIO ESERCIZIO DI Formazione e redazione del bilancio di esercizio e carico fiscale. Conoscono i principi di Normative e componenti di bilancio. Bilancio civilistico. Revisione di bilancio. Controllo annuale. Bilancio con dati a scelta Rielaborazione del Bilancio ( Stato Patrimoniale e C/Economico ) Analisi di Bilancio per indici redazione del bilancio. Sanno leggere, redigere ed interpretare un semplice bilancio. Conoscono le imposte che gravano sul reddito fiscale. Sanno rielaborare un bilancio, calcolare i principali indici e Analisi di bilancio per flussi e redazione trarne brevi considerazioni. di rendiconti finanziari : a variazioni Sono in grado dagli indici, di del Patrimonio Circolante Netto e della risalire alla redazione di un Disponibilità Monetaria Netta. bilancio. 5 ATTIVITÀ BANCARIA E IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 6 LE OPERAZIONI DI RACCOLTA LE PRESTAZIONI DI SERVIZI E LE ATTIVITÀ PARABANCARIE Il risparmio e il credito La banca moderna e le sue funzioni ed analisi dei passaggi che hanno portato alla definizione di Banca S.p.A. Il mercato dei capitali La gestione dell impresa bancaria Il controllo qualitativo e quantitativo sulle aziende di credito La struttura del sistema bancario italiano e la sua evoluzione Sistema Europeo di Banche Centrali Organizzazione e gestione strategica delle Banche. I depositi a risparmio liberi I depositi a risparmio vincolati Le obbligazioni bancarie I c/c di corrispondenza I servizi collegati ai c/c I mezzi bancari dei pagamento I sistemi di incasso I pagamenti per conto terzi Le cassette di sicurezza Le gestioni individuali di patrimoni mobiliari Le carte di credito Il leasing Il factoring La classe conosce la attività creditizia alla luce delle trasformazioni e innovazioni strutturali ed operative che hanno coinvolto il nostro sistema bancario, sino ad arrivare al concetto odierno di banca, con le sue caratteristiche e differenziazioni. La classe conosce le principali operazioni di intermediazione riesce a compilare i principali documenti, sa classificare i vari servizi offerti. i STRUMENTI DI VERIFICA Pagina 21 di 36

22 1) verifiche orali e scritte STRUMENTI UTILIZZATI Libro di testo: Corso Modulare di Economia Aziendale 5 Le Monnier Scuola Appunti forniti dall insegnante, Codice civile. F.to Prof. Carlo Latini F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 22 di 36

23 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: FRANCESE PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 3 MAGGIO 2013 DOCENTE: LINDA MARINA DI MATTEO Gli argomenti sono stati tratti dal libro di testo: La nouvelle Entreprise e dal materiale aggiuntivo proposto dall insegnante Le contrat de vente: - les étapes de la vente - obligations des partenaires - la vente internationale: la Convention de Vienne - les composantes des marchandises: l'emballage(conditionnement, emballage en sus, emballage à rendre) le poids net, la tare, - réduction sur le poids( le don, le surdon ) - les réductions: la remise la ristourne le rabais l escompte La commande : - le bon de commande - le bulletin de commande - caractéristiques formelles de la commande - la commande acceptée sans réserves / avec réserve / annulée La facturation: - Différents types de facture: (facture simple ou sur place, pro-forma ou simulée, consulaire, mémoire) La réclamation: - Caractéristiques formelles - La lettre de réclamation et la réponse La logistique et les transports: - la logistique - le contrat de transport - les moyens de transport - les documents du transport routier / maritime / aérien - la lettre de voiture - le connaissement - la lettre de transport aérien Le règlement et ses différentes formes: - le règlement au comptant: le chèque, les cartes des commerçants, les cartes bancaires. - le règlement à terme: la lettre de change ou traite, le billet à ordre. CIVILISATION - Porte ouverte sur l'europe: un rêve unitaire du vieux monde, le rêve se réalise, Pagina 23 di 36

24 - Les institutions de l'union européenne - La France physique: situation géographique: les limites - le relief - les mers et côtes - les fleuves - le climat. - Les activités et les espaces agricoles et ruraux. - Les espaces industriels: les mutations énergétiques, l'industrie - Evolution de la population française: délicates statistiques ethniques. - L'organisation administrative - La France d outre-mer. - Les institutions politiques: République, le Président de la République,le Premier Ministre, le Parlement F.to la Prof.ssa Linda Marina Di Matteo F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 24 di 36

25 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B Igea Materia LINGUA INGLESE Programma svolto fino al giorno 04/05/2013 Commerce Business Communication Revision Layout of Commercial Letters Revision Enquiries Revision Replies to Enquiries (positive and negative) Orders Orders Form Execution of orders Modification of orders Cancellation of orders Complaints and Replies to Complaints Reminders and Replies Job Applications, CCV and Cover letters Business Theory Business organisation The Channels of Distribution The contract of Sale Transportation The Contract of Carriage Transport documents (Bill of Lading, Air Waybill, Consignment Note) Packing Shipping Marks Containerisation Forwarding Agents Insurance Transport Documents (Delivery Note, Invoice, Certificate of Origin) Incoterms International Trade Methods of Payment (CWO, COD, Open Account, CAD, Bank transfer, Draft) Civilization History Revision from the Norman Conquest to the 16 th century The Stuart Period The Industrial Revolution Pagina 25 di 36

26 The Victorian Age (Parliamentary and Social Reforms) The British Empire The birth of the Party System The 20 th century: The Great War Britain in the 1920s and 30s British Institutions The Constitution The Separation of Powers The Functions of the Monarch The British Parliament The British Party System The Government The Prime Minister F.to Prof.ssa Cristina Sale F.to gli alunni Enrico Cara Francesco Fichera Pagina 26 di 36

27 I.T.C.G. L. LUZZATTI Anno scolastico 2012/2013 Classe V B IGEA MATERIA: MATEMATICA PROGRAMMA SVOLTO FINO AL GIORNO 9 MAGGIO 2013 DOCENTE: LAURA CELSINI RICHIAMI SULLE CONICHE Circonferenza. Parabola. DISEQUAZIONI IN DUE VARIABILI Le disequazioni in due variabili lineari. Le disequazioni in due variabili non lineari. I sistemi di disequazioni in due variabili lineari e non lineari. LE FUNZIONI IN DUE VARIABILI Il concetto di funzione di due variabili. Le linee di sezione e le linee di livello (cenni). Il calcolo delle derivate: Le derivate parziali prime Le derivate successive. Massimi e minimi liberi di una funzione di due variabili (funzioni razionali algebriche intere). Definizione. I massimi ed i minimi liberi con le linee di livello (cenni). I massimi ed i minimi liberi con le derivate. Massimi e minimi vincolati da equazioni : Il metodo elementare; Il metodo dei moltiplicatori di Lagrange. I massimi e i minimi di funzioni lineari con vincoli lineari Il metodo grafico. FINALITA E METODI DELLA RICERCA OPERATIVA Sistemi e modelli. Pagina 27 di 36

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli