Dal Programma ai fatti Anno 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal Programma ai fatti Anno 1"

Transcript

1 Dal Programma ai fatti Anno 1 1

2 Indice Ø Irap, Bollo, Ticket pag. 3 Sostegno concreto all impresa e al lavoro pag. 8 Strada spianata alle infrastrutture pag. 29 Verso Expo 2015 pag. 46 Burocrazia più leggera pag. 57 Lombardia, regione d Europa pag. 61 Difendiamo il territorio pag , avviato il NUE anche a Milano pag. 73 Controllo e trasparenza pag. 79 Più risorse al territorio pag. 87 Anticipazione PAC pag. 91 Il sisma nel mantovano pag. 94 Sostegno all innovazione e alla ricerca pag. 97 Nuove fondamenta per la casa pag. 104 Lombardia in salute pag. 109 Coltivare la cultura pag. 115 Mens sana corpore sano pag. 123 Stop a Equitalia pag. 128 Fondo per le fragilità pag. 130 A scuola di innovazione pag

3 Ø Irap, Bollo,Ticket 3

4 Ø Irap, Bollo,Ticket 30 MILIONI PER START UP E RE- START E ZERO IRAP PER LE START UP INNOVATIVE Nel 2013, Regione Lombardia ha messo a disposizione complessivamente 30 milioni di euro (23 milioni per finanziamenti a tasso agevolato e 7 milioni per contributi a fondo perduto) a beneficio delle start up di impresa attraverso vari strumenti (formazione a sostegno della nuova imprenditorialità, linee di credito, contributi a fondo perduto, garanzie, fondo abbattimento tassi). Il programma prevede anche una forma di agevolazione fiscale consistente nell azzeramento dell Imposta Regionale sulle Attività Produttive (3,9%) per il primo anno di vita a favore delle Start Up innovative ed è prevista, inoltre, per il secondo e terzo anno di vita dell impresa, una riduzione di un punto percentuale. MENTORING - Il Programma prevede un attività di affiancamento continua e trasversale a servizio delle Start Up e delle imprese in fase di rilancio, in modo da supportare l imprenditore nella fase di avvio, sviluppo e consolidamento del progetto. DESTINATARI Con queste premesse la Giunta regionale ha inteso proporre una definizione estensiva di start up che include non solo le imprese di nuova creazione e cooperative sociali innovative, ma anche quelle aziende che sorgono da processi di ristrutturazione aziendale, nonché micro e piccole e medie imprese (mpmi) preesistenti da non più di 36 mesi, che intendono realizzare percorsi di rilancio e discontinuità (re-start up). Le società devono essere state costituite negli ultimi 24 mesi (Start up) o dimostrare di voler realizzare un percorso di forte discontinuità (Re-Start Up). Gli interventi riguarderanno le imprese di diversi settori (manifatturiero, artigianato, ricettivo, pubblici esercizi, terziario, etc.). LE IMPRESE INNOVATIVE LOMBARDE Con oltre 32 mila imprese, la Lombardia è la regione italiana più innovativa: il tessuto produttivo lombardo assorbe infatti quasi una su quattro (22%) delle attività nazionali legate alle nuove tecnologie e alla ricerca sperimentale. Il dato emerge da un elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati del registro delle imprese rilevati dal terzo trimestre 2012 al corrispondente del Dallo studio emerge che il settore cresce soprattutto a Cremona (+2%), Sondrio e Mantova (entrambe +1,8%). Nell insieme, però, è Milano la capofila, con oltre 16 mila imprese concentrate nel suo territorio provinciale, pari al 50% del totale. Seguono le province di Brescia, Bergamo e Monza e Brianza, le cui attività occupano una quota corrispondente al 10,4%, all 8,5% e all 8,2% rispettivamente. Milano, con l 11% del totale nazionale, è anche capofila dell imprenditoria innovativa italiana, davanti a Roma (9,8%) e Torino (4,9%). Guardando poi alla specializzazione dei singoli settori, si scopre che il 54,1% delle imprese lombarde impegnate in attività d avanguardia si occupa di informatica, con produzione di software, consulenza e attività d informazione e di altri servizi informatici. 4

5 Ø Irap, Bollo,Ticket 54 MILIONI DI EURO PER ALLARGARE L ESENZIONE DAI TICKET FARMACEUTICI La Giunta regionale ha stabilito uno stanziamento da 54 milioni di euro che consente l estensione della fascia di persone esenti dal pagamento dei ticket sui farmaci. LE ESENZIONI PER IL 2014 Attraverso un finanziamento di 40 milioni di euro, viene attuata l esenzione alla spesa per l assistenza farmaceutica per gli 800mila over 65 residenti in Lombardia con un reddito inferiore ai euro; Attraverso un aumento delle risorse di 12 milioni di euro viene confermato il mantenimento delle esenzioni per: - i minori di 14 anni indipendentemente dal reddito; - i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei centri per l impiego esclusivamente se il relativo reddito familiare risulti pari o inferiore a Euro/anno, ed i familiari a loro carico, per il periodo di durata di tale condizione; - i cittadini in cassa integrazione straordinaria o in deroga o in mobilità e i familiari a carico, per il periodo di durata di tale condizione; - i cittadini cui è stato concesso il contratto di solidarietà; Con lo stanziamento di 2 milioni di euro viene inoltre confermata limitatamente alla specialistica ambulatoriale, l esenzione regionale dalla compartecipazione alla spesa per i soggetti con età superiore ai 65 anni e reddito familiare fiscale inferiore o uguale a euro. OVER 65, LA FASCIA CRITICA L iniziativa della Giunta è stata voluta in considerazione delle particolari condizioni socioeconomiche e sanitarie dei cittadini lombardi. La popolazione con età maggiore ai 65 anni ha infatti delle disponibilità economiche inferiori rispetto a quella in età lavorativa: solo il 50% degli ultra sessantacinquenni appartiene ad un nucleo fiscale familiare con più di euro di reddito annuale, mentre per la classe di età dai 25 ai 65 anni tale limite è superato per il 65% dei soggetti. Ovviamente le persone più anziane hanno inoltre una maggiore probabilità di consumare farmaci: il 55% dei 77 milioni di ricette di farmaci che ogni anno vengono prescritte in Lombardia è riferibile infatti a cittadini di età superiore ai 65 anni. COME VERIFICARE L ESENZIONE Con la CRS è possibile controllare e certificare on line le esenzioni evitando di recarsi in ASL. Con il PIN della CRS e un lettore di Smart Card si può verificare autonomamente le esenzioni per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale a cui si ha diritto attraverso il Servizio di Visualizzazione dei Dati Anagrafici e Esenzioni e, se necessario, autocertificarle. 5

6 Ø Irap, Bollo,Ticket NIENTE BOLLO PER 3 ANNI PER LE AUTO ECOLOGICHE La Giunta Regionale ha approvato l esenzione dal pagamento della tassa automobilistica regionale per un triennio, in caso di acquisto - nell anno di un veicolo nuovo, a fronte della rottamazione di un veicolo inquinante. Questa misura rientra nell ambito delle politiche regionali per la difesa della qualità dell aria e la lotta all inquinamento atmosferico e nel contesto delle misure di incentivazione per il rinnovo dei veicoli più inquinanti previste dal Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell Aria (PRIA) e si affianca agli interventi di limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti vigenti e a quelli di prossima attuazione. CARATTERISTICHE TECNICHE DEI VEICOLI DA ROTTAMARE Il veicolo da rottamare deve essere un auto o un autoveicolo per il trasporto di merci con massa inferiore a 3,5 tonnellate e appartenere alle classi emissive Euro 0 benzina o diesel o Euro 1, Euro 2 e Euro 3 diesel. CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE AUTO Alimentazione - bifuel (benzina/gpl o benzina/metano) di cilindrata non superiore a cc - ibrida (benzina/elettrica) con cilindrata non superiore a cc - a benzina con cilindrata non superiore a cc e appartenente alla classe emissiva Euro 5 o superiore - a gasolio con cilindrata non superiore a cc e appartenente alla classe emissiva Euro 6. E DEI VEICOLI PER TRASPORTO MERCI - bifuel (benzina/gpl o benzina/metano) - ibrida (benzina/elettrica) - a benzina appartenente alla classe emissiva Euro 5 o superiore - a gasolio appartenente alla classe emissiva Euro 6 POSSONO USUFRUIRE DELL ESENZIONE I soggetti che hanno residenza o sede in Lombardia. La posizione tributaria del soggetto richiedente deve risultare regolare nel periodo compreso fra le annualità 2009 e COME OTTENERE L ESENZIONE (Call Center Tributi al numero , oppure rivolgersi agli Spazio Regione presso le Sedi Territoriali). - Privati cittadini: l esenzione avviene automaticamente sulla base dei dati in possesso degli uffici regionali. Il contribuente non presenta alcuna istanza. - Soggetti esercenti attività economica: Devono presentare un apposita dichiarazione relativa all adesione al beneficio e alla conformità alle disposizioni comunitarie in materia di aiuti di Stato in regime de minimis. La dichiarazione dovrà essere corredata dal documento di identità del legale rappresentante 6

7 Ø Irap, Bollo,Ticket dell impresa e dovrà essere inviata unicamente all indirizzo di posta elettronica certificata regionale (PEC): RISULTATI ATTESI (COME DA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO) - Sviluppo dell imprenditorialità e sostegno allo start up di nuove imprese - Sostegno e sviluppo di fattori di competitività del territorio - Sostegno all occupazione, all imprenditorialità e allo start up di impresa giovanile - Sviluppo di reti di monitoraggio delle emissioni - Riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera - Azioni a sostegno delle politiche regionali per l adattamento ai cambiamenti climatici - Interventi a sostegno dell inclusione e coesione sociale - Riorganizzazione della rete di offerta sociosanitaria - Efficiente programmazione, controllo e distribuzione delle risorse a garanzia della sostenibilità della spesa sanitaria - Riscossione dei tributi a livello regionale - Approvazione e attuazione del Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell Aria 7

8 Sostegno concreto all impresa e al lavoro Interventi per circa 5 miliardi di euro 8

9 Sostegno concreto all impresa e al lavoro NUOVA LEGGE IMPRESA LOMBARDIA E 20 MILIONI DI EURO PER GLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITÀ Approvata l 11 febbraio 2014, questa legge nasce dalla volontà di rispondere alle esigenze del mondo imprenditoriale nell attuale contesto economico per incrementare la competitività e l attrattività del territorio lombardo. PERCHÉ UNA NUOVA LEGGE SULLA COMPETITIVITÀ - La perdurante crisi economica e la conseguente contrazione del credito bancario richiedono un adeguamento delle misure a favore delle imprese - La burocrazia rappresenta una gravosa tassa sul tempo per l imprenditore: Il titolare di una piccola impresa lavora (direttamente) in media 45 giorni l anno per lo svolgimento di adempimenti burocratici e, per lo stesse fine, deve utilizzare anche il tempo dei suoi dipendenti per una media di 28 giorni l anno - Le imprese e le loro rappresentanze associative chiedono da tempo una soluzione concreta per contrastare la congiuntura economica negativa e l eccessivo peso della burocrazia. PRINCIPI ISPIRATORI - Fiducia: Ristabilire in modo forte lo sguardo di fiducia nei confronti degli imprenditori - Sussidiarietà: Riconoscere il ruolo sociale e pubblico delle imprese rispetto ai soggetti preposti al controllo - Responsabilità: A fronte di un apertura di credito da parte dell amministrazione pubblica, assunzione di responsabilità da parte delle imprese - Innovazione per il rapporto tra imprese e amministrazione, si prende atto delle possibilità che oggi sono consentite dalle tecnologie dell informazione e della comunicazione. STRUMENTI INTRODOTTI - Accordo per la competitività, finanziato con 20 milioni di euro Strumento negoziale sottoscritto da tutti i soggetti interessati (impresa, enti locali, sistema camerale, associazioni di categoria, parti sociali e fondazioni bancarie) per definire diritti e obblighi reciproci: tempi certi, numero di posti di lavoro previsti, incentivi anche fiscali e ricorso semplificato agli strumenti urbanistici per la localizzazione degli insediamenti produttivi, l ampliamento di insediamenti già esistenti, il recupero delle aree dismesse, degradate o sottoutilizzate. Sostituisce tutti i procedimenti intermedi e consente di avere certezza sui tempi allo scopo di sostenere investimenti privati finalizzati a favorire la realizzazione di progetti di sviluppo rilevanti. Le figure chiave che opereranno per la promozione e l attuazione degli accordi sono: - Il responsabile per gli accordi di competitività che coordina l attuazione degli accordi; - ARIFL, che promuove interventi per lo sviluppo dell offerta localizzativa, la gestione della filiera dell attrattività e la realizzazione di servizi per gli investitori (marketing territoriale) - ARPA, che potrà effettuare una preventiva valutazione dei progetti d insediamento o di ampliamento produttivo. 9

10 Sostegno concreto all impresa e al lavoro ACCESSO AL CREDITO Interventi di facilitazione dell accesso al credito, attraverso: - Potenziamento degli interventi di garanzia per le micro piccole imprese tramite l ottimizzazione della filiera delle garanzie e la riorganizzazione del sistema dei Confidi; - La sperimentazione di modelli alternativi di accesso al credito per le medie e grandi imprese (ad esempio i mini bond); - Particolare attenzione alle agevolazioni per le microimprese. CIRCUITO DI MONETA COMPLEMENTARE Uno strumento elettronico di compensazione locale per lo scambio di beni e servizi. Dopo una fase di sperimentazione, la Giunta, previo parere del Consiglio Regionale, approverà i criteri attuativi. RIDUZIONE DEL CARICO FISCALE Meno carico fiscale, regionale e locale, per le MPMI. La Regione potrà ridurre l imposizione fiscale di sua competenza che grava sulle imprese, anche attraverso risorse derivanti dal recupero dell evasione fiscale; inoltre, la Regione promuove accordi con i Comuni per favorire la riduzione del carico fiscale comunale gravante su imprese oggetto di accordi per la competitività. PROMOZIONE Anche attraverso gli accordi per la competitività, viene introdotta la promozione dell innovazione e della tecnologia nella filiera alimentare, della solidarietà e della cooperazione tra Paesi per favorire l alimentazione e migliori stili di vita. MADE IN LOMBARDIA La legge istituisce il riconoscimento Made in Lombardia finalizzato alla certificazione della provenienza del prodotto. MENO COSTI Riduzione dell incidenza dei costi energetici sulle imprese manifatturiere lombarde attraverso una revisione del sistema di produzione e trasporto dell energia. COME SI ATTUA LA SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA E AMMINISTRATIVA: Comunicazione unica regionale: Consiste in una dichiarazione telematica con cui l imprenditore dichiara di possedere i documenti necessari all avvio dell attività e che conserva presso la propria sede: l avvio dell attività è contestuale alla Comunicazione unica. Fascicolo elettronico d impresa: Contenitore virtuale che raccoglie tutte le informazioni, documenti e atti di vita dell impresa. Tutte le certificazioni necessarie all avvio dell impresa verranno inserite, dai soggetti che le hanno rilasciate, nel fascicolo d impresa conservato presso le Camere di Commercio dando piena attuazione all interoperabilità tra le banche dati di tutte le amministrazioni competenti. Conferenza dei servizi telematica: La legge promuove tale modalità per la riduzione dei tempi del procedimento. 10

11 Sostegno concreto all impresa e al lavoro Unico interlocutore: Gli Sportelli Unici presso il sistema camerale diverranno i soli interlocutori delle imprese per ogni pratica burocratica: a questo scopo la Regione promuove la loro riorganizzazione attraverso la riqualificazione del personale Premio ai Comuni che introducono esperienze positive di innovazione e semplificazione. SISTEMA DEI CONTROLLI PIÙ RAPIDO ED EFFICIENTE Fascicolo elettronico d impresa: Ogni amministrazione non potrà richiedere all impresa documenti già depositati presso il fascicolo elettronico né effettuare controlli se non dopo avere esaminato il fascicolo L attività di verifica e controllo non può sospendere l attività di impresa anche qualora siano riscontrate difformità: all impresa sono concessi fino a 180 giorni (con possibilità di proroga) per sanare i vizi rilevati La definizione di ruoli e compiti per evitare inutili e costose sovrapposizioni, vale il principio secondo cui ciò che è stato già oggetto di controllo da parte di un autorità amministrativa, salvo modifiche intervenute, si considera positivamente verificato Si riconosce pieno valore legale alle certificazioni rilasciate dagli enti di certificazione sollevando l impresa dalla conseguente responsabilità. VIENE INTRODOTTO IL GARANTE REGIONALE PER LE IMPRESE MINORI CHE: - Vigila sulla semplificazione - Monitora l attuazione dello Small Business Act - Elabora proposte per favorire lo sviluppo delle MPMI - Promuove sul territorio lombardo le migliori pratiche per le MPMI anche attraverso linee guida e la sottoscrizione di convenzioni con gli Enti pubblici anche appartenenti al sistema regionale 700 MILIONI DI EURO PER I LAVORATORI DELLA LOMBARDIA Oltre all attivazione di 530 milioni di euro di ammortizzatori sociali in deroga, la Giunta regionale ha realizzato una serie di progetti per sostenere l occupazione in questo momento particolarmente difficile di crisi economica. 53 MILIONI PER LA DOTE UNICA LAVORO L iniziativa supporta ogni persona in termini di accesso al mercato del lavoro, qualificazione e riqualificazione. Per il triennio 2013/2015 sono stati messi a disposizione 53 milioni di euro per i servizi alle persone, per incentivi all occupazione a favore delle imprese e per la formazione dei lavoratori. 11

12 Sostegno concreto all impresa e al lavoro INTERVENTI «SU MISURA» - La dote unica lavoro è suddivisa in quattro fasce con diversi massimali di spesa (da circa euro a euro) e di servizi, in relazione alla difficoltà di inserimento. - Fascia 1 (intensità di aiuto bassa) per persone che possono trovare lavoro in autonomia - Fascia 2 (intensità di aiuto media) per servizi intensivi per la collocazione o ricollocazione - Fascia 3 (alta): per chi necessita di servizi per un periodo medio/lungo e di forte sostegno - Fascia 4 è dedicata a persone occupate che necessitano di servizi per il mantenimento del lavoro - 4 le variabili per la collocazione nelle fasce: durata della disoccupazione, età, titolo di studio, genere. LE MISURE SONO DESTINATE: - All assunzione di giovani e soggetti svantaggiati - All assunzione di ex dirigenti con un età superiore ai 50 anni e/o che non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi - Alle imprese sociali costituite da un imprenditore che ha concluso un percorso di autoimprenditorialità, per l assunzione di lavoratori in CIGD / CIGS I servizi di inserimento lavorativo sono rimborsati agli operatori solo a risultato occupazionale raggiunto. La singola dote ha una durata massima di sei mesi. COME E DOVE RICHIEDERE LA DOTE LAVORO (http://www.lavoro.regione.lombardia.it) 15 MILIONI DI EURO PER LA FORMAZIONE CONTINUA Nel 2013 la Giunta Regionale ha messo a disposizione 15 milioni di euro per finanziare attività di formazione per lavoratori ed imprenditori di aziende lombarde. OBIETTIVO Promuovere e migliorare la formazione continua dei lavoratori e degli imprenditori per il riallineamento delle competenze e delle conoscenze, in considerazione delle profonde trasformazioni in atto nei modelli organizzativi e di business. DESTINATARI Possono essere presentati e finanziati progetti di formazione aziendali, interaziendali e di rete da parte di aziende di qualsiasi dimensione con sede operativa in Lombardia. In particolare il 70% delle risorse sono destinati a progetti aziendali e interaziendali, di cui il 5% interamente finalizzati per aziende localizzate nei territori lombardi interessati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, mentre il restante 30% è destinato al finanziamento di progetti di rete. I progetti di formazione possono essere rivolti sia a lavoratori (con contratti a tempo indeterminato, determinato, a progetto, apprendisti, soci-lavoratori di cooperative), sia a imprenditori (titolari e soci, collaboratori o coadiuvanti di imprese familiari, commerciali, artigiane ecc) di aziende di qualsiasi dimensione. 12

13 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 40 MILIONI PER INSERIMENTO LAVORATIVO DISABILI E SOGGETTI DEBOLI La dote è un insieme di risorse destinate alle persone con disabilità finalizzata all inserimento e reinserimento lavorativo, nella riqualificazione professionale e al mantenimento occupazionale nell ambito di un percorso personalizzato. LA MISURA È DESTINATA A: - inserimenti lavorativi di giovani in fase di transizione dalla scuola - inserimenti lavorativi rivolti a lavoratori over 50 - tirocini formativi nell ambito dell agricoltura sociale - azioni per favorire gli inserimenti lavorativi in connessione alle scoperture - nell ambito degli enti pubblici e degli enti del sistema regionale; 2 MILIONI PER CONTRATTI E ACCORDI DI SOLIDARIETÀ Il provvedimento prevede Il finanziamento della legge che sostiene i contratti di solidarietà per mantenere il più possibile i livelli occupazionali e professionali all interno del sistema produttivo. Il sostegno regionale viene concesso per un periodo massimo di 12 mesi e per ogni impresa non può superare i euro all anno. Oltre ai contratti di solidarietà sono favoriti gli accordi sindacali tra imprese e lavoratori - compresi quelli con contratto a tempo determinato e parasubordinato - anche per le aziende che non rientrano nei regimi della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) e per le aziende artigiane quando la riduzione dell orario di lavoro è almeno del 40% di quello normale 24,5 MILIONI PER ANTICIPAZIONE SOCIALE DELLA CIG Il 5 dicembre 2013 Regione Lombardia ha sottoscritto l accordo Anticipazione sociale con cui si impegna, per 3,5 milioni di euro a sostenere i lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria e in deroga sospesi a zero ore da aziende che si trovano in Lombardia per il periodo che intercorre fra la richiesta, da parte dell azienda, delle misure e la ricezione delle indennità erogate dall istituto di previdenza. In virtù di una leva di 7, sono ammesse a godere dei benefici dell iniziativa le anticipazioni presentate sino a concorrenza di 24,5 milioni di euro in linea capitale. FIRMATARI Regione Lombardia, Finlombarda S.p.A. ABI / Commissione Regionale ABI Lombardia, la Fondazione Welfare Ambrosiano, la CGIL Lombardia, la CISL Lombardia, la UIL Milano Lombardia, UGL Lombardia, Confindustria Lombardia, Confcommercio Lombardia, Confartigianato Lombardia, CNA Lombardia, C.L.A.A.I Lombardia, Confcooperative Lombardia, Confapindustria Lombardia, Legacoop Lombardia. 13

14 Sostegno concreto all impresa e al lavoro L INTESA L anticipazione delle indennità di cassa avviene mediante l apertura di credito in un apposito conto corrente, con disponibilità crescente con frazioni mensili, per un massimo di sette mesi, secondo quanto previsto dalla proposta di convenzione ognuna non superiore all 80% della retribuzione mensile percepita in servizio al netto degli oneri sociali e fiscali e comunque per un importo complessivo non superiore a 850 euro mensili. L apertura di credito cesserà con il versamento da parte dell INPS delle somme dovute dal lavoratore e, comunque, non potrà avere durata superiore a 12 mesi. 6 MILIONI DI EURO PER LA DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI La Giunta regionale ha stanziato 6 milioni di euro per promuovere e migliorare l accesso dei giovani al mercato del lavoro attraverso il ricorso al tirocinio formativo e di orientamento, oltre a forme di incentivi diretti alle imprese volti a sostenere l inserimento lavorativo del giovane in azienda. DESTINATARI Giovani residenti o domiciliati in Lombardia, di età compresa tra i 18 e 29 anni; neoqualificati e neodiplomati del sistema di Istruzione e Formazione professionale, neodiplomati del sistema di istruzione, neolaureati, che abbiano conseguito il titolo da non oltre 12 mesi; non occupati da almeno 6 mesi. Possono beneficiare dell incentivo economico le imprese private, di qualsiasi dimensione e settore di attività, con sede legale e/o operativa nel territorio della Lombardia. MODALITÀ La Dote si compone di servizi di politica attiva mediante i quali il giovane è supportato nell avvio e nella realizzazione di un tirocinio di 6 mesi da un operatore accreditato in Lombardia ai servizi al lavoro. I servizi di politica attiva, del valore di euro, sono riconosciuti all operatore promotore al completamento del periodo di tirocinio in azienda. Terminato il tirocinio, l azienda ospitante ha accesso ad un incentivo economico, del valore di euro, nel caso di assunzione del giovane con contratto di lavoro subordinato, sia full time che part time, non inferiore a 12 mesi. TEMPISTICA Il tirocinio deve essere regolarmente attivato dall azienda e dall ente promotore entro 12 mesi dalla data di conseguimento del titolo da parte del giovane. 14

15 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 31 MILIONI DI EURO PER LA DOTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Regione Lombardia ha assegnato, per il periodo , oltre 25 milioni di euro alle Province e 6 milioni di euro ai servizi di affiancamento e supporto alle aziende per l attivazione dei contratti di apprendistato, attraverso una dote del valore massimo di 1000 euro per apprendista. L IMPEGNO DELLA REGIONE Regione Lombardia programma e finanzia, attraverso la Dote Apprendistato, le attività formative (competenze di base e trasversali) e i servizi integrati per gli apprendisti assunti (come la certificazione delle competenze e la stesura del piano formativo individuale). DESTINATARI I beneficiari della dote sono giovani dai 18 ai 29 anni, o minorenni con qualifica o diplomati, residenti o domiciliati in Lombardia, che vengono assunti con contratto di apprendistato da aziende localizzate in Lombardia con più di 250 dipendenti. I giovani potranno usufruire dei servizi della dote per i servizi di supporto all attivazione del contratto di apprendistato, alle attività di progettazione e stesura del Piano Formativo Individuale, alle attività di supporto per l erogazione della formazione tecnico-professionale. 5 MILIONI DI EURO PER LA DOTE APPRENDISTATO PER QUALIFICA E DIPLOMA PROFESSIONALE La formazione è a carico della Regione, attraverso una dote di 5 milioni di euro totali, che può arrivare fino a 6mila euro annui per apprendista. DESTINATARI Giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni che possono così acquisire una qualifica di operatore professionale o un diploma professionale di tecnico e assolvere all obbligo di istruzione e formazione. TITOLI CONSEGUIBILI I titoli conseguibili sono quelli inseriti nel Repertorio nazionale dell offerta di Istruzione e Formazione Professionale, che prevede: - 22 figure professionali relative alle qualifiche di Operatore professionale attraverso un percorso formativo di durata triennale - 21 figure professionali relative ai diplomi professionali di Tecnico attraverso un percorso formativo di durata quadriennale 15

16 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 4 MILIONI DI EURO PER L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA Per questo specifico tipo di contratto, Regione Lombardia ha attivato diversi filoni di sperimentazione e mette complessivamente a disposizione 4 milioni di euro (2 per le lauree, 1,5 per i master e 500mila euro per i dottorati). NEL DETTAGLIO Per il conseguimento di titoli di laurea triennale, magistrale, a ciclo unico la Regione Lombardia finanzia le attività formative non curriculari degli apprendisti e le attività di tutoring per finalizzare il percorso di laurea alle esigenze dell azienda con un contributo che va da 8 a 12mila euro per la laurea triennale, e da 10 a 15mila euro per la laurea magistrale. Per il conseguimento di Master di I e II livello e del titolo di dottore di ricerca, Regione Lombardia finanzia i costi di formazione, tutoraggio e formazione complementare (anche all estero) degli apprendisti con contributi fino a 10mila euro per i Master di I o II livello e fino a 15mila per i dottorati di ricerca. 80 MILIONI PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Per l accordo di programma sottoscritto con il sistema camerale sono stati stanziati, per il 2014, circa 80 milioni di euro, oltre 50 dei quali messi a disposizione da Regione Lombardia. OBIETTIVI Con il nuovo Programma d Azione 2014 Regione Lombardia e Sistema Camerale intendono promuovere e consolidare le condizioni di contesto favorevoli alla ripresa economica e al consolidamento delle MPMI lombarde, attraverso iniziative concrete e sempre più vicine alle esigenze delle imprese e del territorio. Una parte rilevante delle attività del Programma sono state ideate a supporto delle imprese e in preparazione dell appuntamento di Expo È stata riconfermata la grande attenzione al tema dell accesso al credito e dato spazio alle iniziative a sostegno dell innovazione e sviluppo. TRE ASSI DI INTERVENTO - Asse 1 - Competitività delle imprese - è prevista una dotazione finanziaria di circa 16 milioni di euro per iniziative che pongono al centro dell attenzione il tema della competitività delle imprese, intervenendo sulle linee strategiche dell internazionalizzazione, dell attrattività degli investimenti e dell innovazione, leve fondamentali per favorire la crescita e la presenza dinamica e attiva delle imprese lombarde sui mercati mondiali, anche nell ottica di giovarsi del volano di EXPO Asse 2 - Attrattività e competitività dei territori - ha una dotazione finanziaria complessiva di circa 14 milioni di euro e si sviluppa su tre linee strategiche: monitoraggi territoriali, osservatori economici, studi, analisi e progetti di qualificazione per individuare gli elementi di co- 16

17 Sostegno concreto all impresa e al lavoro noscenza e creare le condizioni di una crescita sostenibile; promozione e valorizzazione delle produzioni e dell attrattività del territorio per rafforzare la competitività e il posizionamento del territorio; accordi, bandi e contributi per sviluppo territoriale, infrastrutturazione fisica-immateriale e settori non delocalizzabili per supportare lo sviluppo competitivo del territorio attraverso il rafforzamento e la qualificazione degli asset e l utilizzo di nuovi strumenti telematici. - Asse 3 - Progetti di sistema a supporto delle MPMI e imprenditorialità è allocata la dotazione finanziaria più consistente (47milioni di euro) ripartita su due linee strategiche: facilitazione dell accesso al credito e sostegno dell imprenditorialità delle MPMI, anche attraverso l attuazione della l.r. 11/2014 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. - Alle iniziative già approvate nel Programma 2014, si potranno aggiungere nuove misure a integrazione e completamento del Programma, che saranno istruite congiuntamente nell ambito degli organismi tecnici dell AdP (Comitati Tecnici di Gestione e Segreteria Tecnica) e, se condivise, troveranno realizzazione nel corso dell anno. L ACCORDO DI PROGRAMMA COMPETITIVITÀ NEL 2013 Nel 2013 sono state approvate iniziative per quasi 100 milioni di euro, confermando l elevato livello di impegni già raggiunto nel 2012 e portando a 576 milioni di euro l entità delle risorse complessivamente mobilitate dall Accordo di Programma a partire dalla sua sottoscrizione, nell estate del MILIONI DI EURO PER I CLUSTER TECNOLOGICI (ACCORDO CON MIUR) Al fine di sostenere la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale è stato approvato il bando Regione Lombardia- MIUR con una dotazione finanziaria di 118 milioni di euro di cui 50 milioni con Fondi Asse 1 Por FESR; 59 milioni con Fondi del FAR/Miur e 8,5 milioni con Fondi regionali EDI. 59 CONTRATTI PER 57 MILIONI - La graduatoria ha ammesso complessivamente 91 progetti. - Finlombarda ha stipulato 59 contratti per circa 57 milioni di euro, di cui 31 milioni con Fondi POR-FESR e ha in corso di erogazione circa altri 10 milioni di euro di cui 7,5 con Fondi FESR. - La Struttura Asse 1 ha erogato direttamente agli organismi di ricerca a valere sul POR-FESR e a titolo di anticipazione circa 800mila euro. 1 MILIARDO ALLE IMPRESE CON CREDITO IN CASSA Dal 30 settembre 2013 la Regione ha istituito il Credito in cassa per la cessione pro-soluto dei crediti delle imprese verso i Comuni, le Unioni di Comuni e le Province lombarde; il plafond complessivo, pari a 1 miliardo di euro, messo a disposizione da società di factoring, è desti- 17

18 Sostegno concreto all impresa e al lavoro nato per il 70% a sostegno delle imprese che vantano crediti nei confronti dei Comuni e delle Unioni di Comuni e per il 30% a sostegno delle imprese che vantano crediti nei confronti delle Province. Questo intervento, al quale hanno aderito tutte e 12 le Province e 142 Comuni, consentirà ricadute positive anche sulla filiera dei subfornitori. DESTINATARI Credito In Cassa si rivolge a tutte le imprese lombarde (micro, piccole, medie e grandi), con sede legale o operativa in Lombardia, appartenenti a tutti i settori, che abbiano crediti scaduti o che saranno scaduti alla data di presentazione della domanda per la fornitura di beni, servizi e/o lavori nei confronti degli Enti locali. All atto di adesione l Ente locale indicherà una durata massima entro cui si impegna a pagare le fatture che non potrà eccedere gli 8 mesi per le partite correnti, 12 mesi per quelle in conto capitale. Per evitare spostamenti di sedi operative (relative a imprese fuori Lombardia) con l unico obiettivo di ottenere il Credito in cassa la sede legale od operativa deve essere in Lombardia alla data del 12 luglio Inoltre sono esclusi dalla misura i crediti di cui le imprese sono divenute titolari a seguito di cessione del credito. OBIETTIVO L operazione mira a pagare circa 15mila imprese e generare un migliaio di posti di lavoro. I crediti potranno riguardare sia le spese correnti (spese ordinarie), sia le spese in conto capitale (spese di investimento) e avere un importo minimo di 10mila euro e massimo di 750mila per i Comuni e le Unioni di Comuni e di 1,3 milioni per le Province e i Capoluoghi di Provincia. COME OTTENERE IL CREDITO IN CASSA (www.finlombarda.it nella sezione dedicata) I crediti verso gli Enti locali dovranno essere scaduti al momento della presentazione della domanda da parte dell impresa ed avere un importo minimo di 10mila euro (in modo da rivolgersi anche alla micro-imprese) e un importo massimo: - Per i crediti verso Comuni/Unioni di Comuni: pari a 750mila euro; l importo massimo può salire a 950mila euro se l impresa che cede il credito si impegna a liquidare a sua volta i propri sub-fornitori; - Per i crediti verso Province e i Comuni Capoluogo di Provincia: pari a 1,3 milioni di euro; l importo massimo può salire a 1,5 milioni di euro se l impresa che cede il credito si impegna a liquidare a sua volta i propri sub-fornitori. Le imprese dovranno farsi certificare il credito dall Ente Locale debitore ed inserirlo nella piattaforma informatica messa a disposizione da Regione Lombardia a cui potranno accedere anche i factor. 18

19 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 250 MILIONI DI EURO PER CREDITO ADESSO Credito Adesso, nato nel 2012 per finanziare il fabbisogno di capitale circolante connesso all espansione commerciale, amplia il target dei beneficiari, introduce soglie di accesso più basse e semplificate, prevede condizioni ancora più favorevoli, incrementa la quota di finanziamento e dà la possibilità di richiedere più di un finanziamento. Credito Adesso è un iniziativa che intende sostenere le micro, piccole e medie imprese operanti in Lombardia mediante la concessione di finanziamenti chirografari dietro presentazione di uno o più ordini/contratti di fornitura di beni e/o servizi. Nel 2013 della dotazione finanziaria complessiva, 10 milioni di euro sono stati riservati alle imprese del mantovano colpite dal sisma di maggio 2012, 8,6 milioni alle imprese della provincia di Sondrio, circa 7 milioni ai Comuni della provincia di Lecco interessate dalla chiusura della Strada Statale 36 e 4 milioni di euro alle imprese con sede in alcuni Comuni della provincia di Milano (Grezzago, Masate, Trezzano Rosa e Trezzo sull Adda) che hanno subito danni dalla tromba d aria di luglio Per tutte queste imprese il contributo in conto interessi è pari al 3%. DESTINATARI Credito Adesso si rivolge alle micro, piccole e medie imprese (ivi comprese le imprese artigiane) che hanno sede operativa in Lombardia, iscritte al Registro delle Imprese, operative da almeno 24 mesi e appartenenti ai settori manifatturiero, delle costruzioni nonché ad alcuni comparti dei servizi alle imprese e del commercio all ingrosso. Il target di beneficiari è stato inoltre ampliato alle imprese turistiche operanti nel settore dell alloggio, alle agenzie di viaggio e ai tour operator, alle lavanderie industriali e alle imprese che svolgono attività di servizi per edifici e paesaggio. MODALITÀ DI ACCESSO E CONDIZIONI DEI FINANZIAMENTI Modalità di accesso ordinaria con presentazione di uno o più ordini o contratti di fornitura accettati di beni e/o servizi aventi un importo complessivo minimo pari a: 30mila euro per le Micro e Piccole Imprese; 100mila euro per le Medie Imprese. Ogni singolo Finanziamento sarà pari massimo al 60% dell ammontare degli Ordini accettati o dei Contratti di fornitura ammessi e avranno importi ricompresi tra: - 18mila e 500mila euro per le Micro e le Piccole imprese: - 60mila e 750mila euro, per le Medie imprese. MODALITÀ DI ACCESSO SEMPLIFICATA Limitatamente alle richieste di finanziamento fino a 45mila euro, è prevista una modalità semplificata di accesso alla misura. 19

20 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 1,5 MILIARDI DI NUOVI CREDITI ALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DEI CONFIDI E LA RIORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA LOMBARDO DELLA GARANZIA I CONFIDI LOMBARDI Nell attuale scenario congiunturale il sistema dei Confidi svolge una funzione fondamentale a sostegno dell accesso al credito delle Mpmi, facilitandone la relazione con il sistema bancario e contribuendo a superare la progressiva restrizione nell erogazione dei finanziamenti. I Confidi infatti sono soggetti che rilasciano garanzie collettive a fronte di finanziamenti erogati a favore delle imprese associate. I Confidi svolgono da sempre un ruolo fondamentale nel sostenere l accesso al credito delle PMI localizzate sul territorio lombardo. Il sistema dei Confidi e il mercato delle garanzie lombardo è stato caratterizzato negli ultimi anni da alcune tendenze di fondo che ne hanno modificato la struttura e il funzionamento. In particolare: Forte riduzione del numero di confidi con sede legale nel territorio regionale con conseguente aumento della concentrazione del mercato; Entrata sul mercato lombardo di player provenienti da altre regioni e attivi su scala sovraregionale o addirittura nazionale; Nascita e sviluppo di Confidi di secondo livello che riuniscono e rappresentano numerosi Confidi di primo livello puntando al superamento dei confini associativi e settoriali e al rafforzamento del sistema delle garanzie. LE TAPPE DEL LAVORO DI REGIONE LOMBARDIA SUL SISTEMA DELLA GARANZIA - 31 maggio 2013 la Giunta regionale ha destinato 22 milioni di euro per rafforzare il sistema dei Confidi della Lombardia in modo da attivare nuovi crediti alle imprese per 500 milioni di euro e consentire, soprattutto alle piccole e medie imprese, un più facile accesso al credito. Con il provvedimento i finanziamenti, erogati nel 2009 sotto forma di prestiti, diventano contributi a fondo perduto, che andranno a rafforzare il capitale sociale dei Confidi. Lo stesso giorno è stato approvato lo schema di protocollo con Federfidi Lombarda per la realizzazione di un azione di Due Diligence rivolta ai Confidi di primo livello soci e non soci al fine di valutare la solidità dei Confidi di primo livello e individuare i necessari elementi di analisi utili a definire gli interventi sul sistema lombardo della garanzia dicembre 2013 la Giunta regionale ha presentato i risultati dell azione di Due Diligence. L analisi è stata condotta su 33 Confidi (di cui 29 lombardi) che operano nel mercato lombardo. Le imprese socie sono Il volume delle garanzie riferito ai 33 Confidi analizzati ammonta a circa 8 miliardi di euro (pari al 40% del totale delle garanzie mutualistiche erogate in Italia), che hanno generato 15,3 miliardi di finanziamenti garantiti alle imprese (dati al 30 giugno 2013). Lo stock di garanzie riferito alle sole imprese lombarde socie dei Confidi (circa ) ammonta a 3,2 miliardi di euro, pari a 6,4 miliardi di finanziamenti alle imprese. Partendo dai risultati della Due Diligence, è stato attivato il percorso per la definizione degli interventi a sostegno del Sistema lombardo della garanzia - 17 dicembre 2013 è stata costituita la Cabina di Regia pluridisciplinare per la definizione del modello regionale di intervento sul sistema della garanzia - 4 febbraio 2014 è stato costituito il Tavolo Tecnico congiunto per la definizione del modello regionale di intervento sul sistema della garanzia 20

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli