Dal Programma ai fatti Anno 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal Programma ai fatti Anno 1"

Transcript

1 Dal Programma ai fatti Anno 1 1

2 Indice Ø Irap, Bollo, Ticket pag. 3 Sostegno concreto all impresa e al lavoro pag. 8 Strada spianata alle infrastrutture pag. 29 Verso Expo 2015 pag. 46 Burocrazia più leggera pag. 57 Lombardia, regione d Europa pag. 61 Difendiamo il territorio pag , avviato il NUE anche a Milano pag. 73 Controllo e trasparenza pag. 79 Più risorse al territorio pag. 87 Anticipazione PAC pag. 91 Il sisma nel mantovano pag. 94 Sostegno all innovazione e alla ricerca pag. 97 Nuove fondamenta per la casa pag. 104 Lombardia in salute pag. 109 Coltivare la cultura pag. 115 Mens sana corpore sano pag. 123 Stop a Equitalia pag. 128 Fondo per le fragilità pag. 130 A scuola di innovazione pag

3 Ø Irap, Bollo,Ticket 3

4 Ø Irap, Bollo,Ticket 30 MILIONI PER START UP E RE- START E ZERO IRAP PER LE START UP INNOVATIVE Nel 2013, Regione Lombardia ha messo a disposizione complessivamente 30 milioni di euro (23 milioni per finanziamenti a tasso agevolato e 7 milioni per contributi a fondo perduto) a beneficio delle start up di impresa attraverso vari strumenti (formazione a sostegno della nuova imprenditorialità, linee di credito, contributi a fondo perduto, garanzie, fondo abbattimento tassi). Il programma prevede anche una forma di agevolazione fiscale consistente nell azzeramento dell Imposta Regionale sulle Attività Produttive (3,9%) per il primo anno di vita a favore delle Start Up innovative ed è prevista, inoltre, per il secondo e terzo anno di vita dell impresa, una riduzione di un punto percentuale. MENTORING - Il Programma prevede un attività di affiancamento continua e trasversale a servizio delle Start Up e delle imprese in fase di rilancio, in modo da supportare l imprenditore nella fase di avvio, sviluppo e consolidamento del progetto. DESTINATARI Con queste premesse la Giunta regionale ha inteso proporre una definizione estensiva di start up che include non solo le imprese di nuova creazione e cooperative sociali innovative, ma anche quelle aziende che sorgono da processi di ristrutturazione aziendale, nonché micro e piccole e medie imprese (mpmi) preesistenti da non più di 36 mesi, che intendono realizzare percorsi di rilancio e discontinuità (re-start up). Le società devono essere state costituite negli ultimi 24 mesi (Start up) o dimostrare di voler realizzare un percorso di forte discontinuità (Re-Start Up). Gli interventi riguarderanno le imprese di diversi settori (manifatturiero, artigianato, ricettivo, pubblici esercizi, terziario, etc.). LE IMPRESE INNOVATIVE LOMBARDE Con oltre 32 mila imprese, la Lombardia è la regione italiana più innovativa: il tessuto produttivo lombardo assorbe infatti quasi una su quattro (22%) delle attività nazionali legate alle nuove tecnologie e alla ricerca sperimentale. Il dato emerge da un elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati del registro delle imprese rilevati dal terzo trimestre 2012 al corrispondente del Dallo studio emerge che il settore cresce soprattutto a Cremona (+2%), Sondrio e Mantova (entrambe +1,8%). Nell insieme, però, è Milano la capofila, con oltre 16 mila imprese concentrate nel suo territorio provinciale, pari al 50% del totale. Seguono le province di Brescia, Bergamo e Monza e Brianza, le cui attività occupano una quota corrispondente al 10,4%, all 8,5% e all 8,2% rispettivamente. Milano, con l 11% del totale nazionale, è anche capofila dell imprenditoria innovativa italiana, davanti a Roma (9,8%) e Torino (4,9%). Guardando poi alla specializzazione dei singoli settori, si scopre che il 54,1% delle imprese lombarde impegnate in attività d avanguardia si occupa di informatica, con produzione di software, consulenza e attività d informazione e di altri servizi informatici. 4

5 Ø Irap, Bollo,Ticket 54 MILIONI DI EURO PER ALLARGARE L ESENZIONE DAI TICKET FARMACEUTICI La Giunta regionale ha stabilito uno stanziamento da 54 milioni di euro che consente l estensione della fascia di persone esenti dal pagamento dei ticket sui farmaci. LE ESENZIONI PER IL 2014 Attraverso un finanziamento di 40 milioni di euro, viene attuata l esenzione alla spesa per l assistenza farmaceutica per gli 800mila over 65 residenti in Lombardia con un reddito inferiore ai euro; Attraverso un aumento delle risorse di 12 milioni di euro viene confermato il mantenimento delle esenzioni per: - i minori di 14 anni indipendentemente dal reddito; - i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei centri per l impiego esclusivamente se il relativo reddito familiare risulti pari o inferiore a Euro/anno, ed i familiari a loro carico, per il periodo di durata di tale condizione; - i cittadini in cassa integrazione straordinaria o in deroga o in mobilità e i familiari a carico, per il periodo di durata di tale condizione; - i cittadini cui è stato concesso il contratto di solidarietà; Con lo stanziamento di 2 milioni di euro viene inoltre confermata limitatamente alla specialistica ambulatoriale, l esenzione regionale dalla compartecipazione alla spesa per i soggetti con età superiore ai 65 anni e reddito familiare fiscale inferiore o uguale a euro. OVER 65, LA FASCIA CRITICA L iniziativa della Giunta è stata voluta in considerazione delle particolari condizioni socioeconomiche e sanitarie dei cittadini lombardi. La popolazione con età maggiore ai 65 anni ha infatti delle disponibilità economiche inferiori rispetto a quella in età lavorativa: solo il 50% degli ultra sessantacinquenni appartiene ad un nucleo fiscale familiare con più di euro di reddito annuale, mentre per la classe di età dai 25 ai 65 anni tale limite è superato per il 65% dei soggetti. Ovviamente le persone più anziane hanno inoltre una maggiore probabilità di consumare farmaci: il 55% dei 77 milioni di ricette di farmaci che ogni anno vengono prescritte in Lombardia è riferibile infatti a cittadini di età superiore ai 65 anni. COME VERIFICARE L ESENZIONE Con la CRS è possibile controllare e certificare on line le esenzioni evitando di recarsi in ASL. Con il PIN della CRS e un lettore di Smart Card si può verificare autonomamente le esenzioni per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale a cui si ha diritto attraverso il Servizio di Visualizzazione dei Dati Anagrafici e Esenzioni e, se necessario, autocertificarle. 5

6 Ø Irap, Bollo,Ticket NIENTE BOLLO PER 3 ANNI PER LE AUTO ECOLOGICHE La Giunta Regionale ha approvato l esenzione dal pagamento della tassa automobilistica regionale per un triennio, in caso di acquisto - nell anno di un veicolo nuovo, a fronte della rottamazione di un veicolo inquinante. Questa misura rientra nell ambito delle politiche regionali per la difesa della qualità dell aria e la lotta all inquinamento atmosferico e nel contesto delle misure di incentivazione per il rinnovo dei veicoli più inquinanti previste dal Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell Aria (PRIA) e si affianca agli interventi di limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti vigenti e a quelli di prossima attuazione. CARATTERISTICHE TECNICHE DEI VEICOLI DA ROTTAMARE Il veicolo da rottamare deve essere un auto o un autoveicolo per il trasporto di merci con massa inferiore a 3,5 tonnellate e appartenere alle classi emissive Euro 0 benzina o diesel o Euro 1, Euro 2 e Euro 3 diesel. CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE AUTO Alimentazione - bifuel (benzina/gpl o benzina/metano) di cilindrata non superiore a cc - ibrida (benzina/elettrica) con cilindrata non superiore a cc - a benzina con cilindrata non superiore a cc e appartenente alla classe emissiva Euro 5 o superiore - a gasolio con cilindrata non superiore a cc e appartenente alla classe emissiva Euro 6. E DEI VEICOLI PER TRASPORTO MERCI - bifuel (benzina/gpl o benzina/metano) - ibrida (benzina/elettrica) - a benzina appartenente alla classe emissiva Euro 5 o superiore - a gasolio appartenente alla classe emissiva Euro 6 POSSONO USUFRUIRE DELL ESENZIONE I soggetti che hanno residenza o sede in Lombardia. La posizione tributaria del soggetto richiedente deve risultare regolare nel periodo compreso fra le annualità 2009 e COME OTTENERE L ESENZIONE (Call Center Tributi al numero , oppure rivolgersi agli Spazio Regione presso le Sedi Territoriali). - Privati cittadini: l esenzione avviene automaticamente sulla base dei dati in possesso degli uffici regionali. Il contribuente non presenta alcuna istanza. - Soggetti esercenti attività economica: Devono presentare un apposita dichiarazione relativa all adesione al beneficio e alla conformità alle disposizioni comunitarie in materia di aiuti di Stato in regime de minimis. La dichiarazione dovrà essere corredata dal documento di identità del legale rappresentante 6

7 Ø Irap, Bollo,Ticket dell impresa e dovrà essere inviata unicamente all indirizzo di posta elettronica certificata regionale (PEC): RISULTATI ATTESI (COME DA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO) - Sviluppo dell imprenditorialità e sostegno allo start up di nuove imprese - Sostegno e sviluppo di fattori di competitività del territorio - Sostegno all occupazione, all imprenditorialità e allo start up di impresa giovanile - Sviluppo di reti di monitoraggio delle emissioni - Riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera - Azioni a sostegno delle politiche regionali per l adattamento ai cambiamenti climatici - Interventi a sostegno dell inclusione e coesione sociale - Riorganizzazione della rete di offerta sociosanitaria - Efficiente programmazione, controllo e distribuzione delle risorse a garanzia della sostenibilità della spesa sanitaria - Riscossione dei tributi a livello regionale - Approvazione e attuazione del Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell Aria 7

8 Sostegno concreto all impresa e al lavoro Interventi per circa 5 miliardi di euro 8

9 Sostegno concreto all impresa e al lavoro NUOVA LEGGE IMPRESA LOMBARDIA E 20 MILIONI DI EURO PER GLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITÀ Approvata l 11 febbraio 2014, questa legge nasce dalla volontà di rispondere alle esigenze del mondo imprenditoriale nell attuale contesto economico per incrementare la competitività e l attrattività del territorio lombardo. PERCHÉ UNA NUOVA LEGGE SULLA COMPETITIVITÀ - La perdurante crisi economica e la conseguente contrazione del credito bancario richiedono un adeguamento delle misure a favore delle imprese - La burocrazia rappresenta una gravosa tassa sul tempo per l imprenditore: Il titolare di una piccola impresa lavora (direttamente) in media 45 giorni l anno per lo svolgimento di adempimenti burocratici e, per lo stesse fine, deve utilizzare anche il tempo dei suoi dipendenti per una media di 28 giorni l anno - Le imprese e le loro rappresentanze associative chiedono da tempo una soluzione concreta per contrastare la congiuntura economica negativa e l eccessivo peso della burocrazia. PRINCIPI ISPIRATORI - Fiducia: Ristabilire in modo forte lo sguardo di fiducia nei confronti degli imprenditori - Sussidiarietà: Riconoscere il ruolo sociale e pubblico delle imprese rispetto ai soggetti preposti al controllo - Responsabilità: A fronte di un apertura di credito da parte dell amministrazione pubblica, assunzione di responsabilità da parte delle imprese - Innovazione per il rapporto tra imprese e amministrazione, si prende atto delle possibilità che oggi sono consentite dalle tecnologie dell informazione e della comunicazione. STRUMENTI INTRODOTTI - Accordo per la competitività, finanziato con 20 milioni di euro Strumento negoziale sottoscritto da tutti i soggetti interessati (impresa, enti locali, sistema camerale, associazioni di categoria, parti sociali e fondazioni bancarie) per definire diritti e obblighi reciproci: tempi certi, numero di posti di lavoro previsti, incentivi anche fiscali e ricorso semplificato agli strumenti urbanistici per la localizzazione degli insediamenti produttivi, l ampliamento di insediamenti già esistenti, il recupero delle aree dismesse, degradate o sottoutilizzate. Sostituisce tutti i procedimenti intermedi e consente di avere certezza sui tempi allo scopo di sostenere investimenti privati finalizzati a favorire la realizzazione di progetti di sviluppo rilevanti. Le figure chiave che opereranno per la promozione e l attuazione degli accordi sono: - Il responsabile per gli accordi di competitività che coordina l attuazione degli accordi; - ARIFL, che promuove interventi per lo sviluppo dell offerta localizzativa, la gestione della filiera dell attrattività e la realizzazione di servizi per gli investitori (marketing territoriale) - ARPA, che potrà effettuare una preventiva valutazione dei progetti d insediamento o di ampliamento produttivo. 9

10 Sostegno concreto all impresa e al lavoro ACCESSO AL CREDITO Interventi di facilitazione dell accesso al credito, attraverso: - Potenziamento degli interventi di garanzia per le micro piccole imprese tramite l ottimizzazione della filiera delle garanzie e la riorganizzazione del sistema dei Confidi; - La sperimentazione di modelli alternativi di accesso al credito per le medie e grandi imprese (ad esempio i mini bond); - Particolare attenzione alle agevolazioni per le microimprese. CIRCUITO DI MONETA COMPLEMENTARE Uno strumento elettronico di compensazione locale per lo scambio di beni e servizi. Dopo una fase di sperimentazione, la Giunta, previo parere del Consiglio Regionale, approverà i criteri attuativi. RIDUZIONE DEL CARICO FISCALE Meno carico fiscale, regionale e locale, per le MPMI. La Regione potrà ridurre l imposizione fiscale di sua competenza che grava sulle imprese, anche attraverso risorse derivanti dal recupero dell evasione fiscale; inoltre, la Regione promuove accordi con i Comuni per favorire la riduzione del carico fiscale comunale gravante su imprese oggetto di accordi per la competitività. PROMOZIONE Anche attraverso gli accordi per la competitività, viene introdotta la promozione dell innovazione e della tecnologia nella filiera alimentare, della solidarietà e della cooperazione tra Paesi per favorire l alimentazione e migliori stili di vita. MADE IN LOMBARDIA La legge istituisce il riconoscimento Made in Lombardia finalizzato alla certificazione della provenienza del prodotto. MENO COSTI Riduzione dell incidenza dei costi energetici sulle imprese manifatturiere lombarde attraverso una revisione del sistema di produzione e trasporto dell energia. COME SI ATTUA LA SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA E AMMINISTRATIVA: Comunicazione unica regionale: Consiste in una dichiarazione telematica con cui l imprenditore dichiara di possedere i documenti necessari all avvio dell attività e che conserva presso la propria sede: l avvio dell attività è contestuale alla Comunicazione unica. Fascicolo elettronico d impresa: Contenitore virtuale che raccoglie tutte le informazioni, documenti e atti di vita dell impresa. Tutte le certificazioni necessarie all avvio dell impresa verranno inserite, dai soggetti che le hanno rilasciate, nel fascicolo d impresa conservato presso le Camere di Commercio dando piena attuazione all interoperabilità tra le banche dati di tutte le amministrazioni competenti. Conferenza dei servizi telematica: La legge promuove tale modalità per la riduzione dei tempi del procedimento. 10

11 Sostegno concreto all impresa e al lavoro Unico interlocutore: Gli Sportelli Unici presso il sistema camerale diverranno i soli interlocutori delle imprese per ogni pratica burocratica: a questo scopo la Regione promuove la loro riorganizzazione attraverso la riqualificazione del personale Premio ai Comuni che introducono esperienze positive di innovazione e semplificazione. SISTEMA DEI CONTROLLI PIÙ RAPIDO ED EFFICIENTE Fascicolo elettronico d impresa: Ogni amministrazione non potrà richiedere all impresa documenti già depositati presso il fascicolo elettronico né effettuare controlli se non dopo avere esaminato il fascicolo L attività di verifica e controllo non può sospendere l attività di impresa anche qualora siano riscontrate difformità: all impresa sono concessi fino a 180 giorni (con possibilità di proroga) per sanare i vizi rilevati La definizione di ruoli e compiti per evitare inutili e costose sovrapposizioni, vale il principio secondo cui ciò che è stato già oggetto di controllo da parte di un autorità amministrativa, salvo modifiche intervenute, si considera positivamente verificato Si riconosce pieno valore legale alle certificazioni rilasciate dagli enti di certificazione sollevando l impresa dalla conseguente responsabilità. VIENE INTRODOTTO IL GARANTE REGIONALE PER LE IMPRESE MINORI CHE: - Vigila sulla semplificazione - Monitora l attuazione dello Small Business Act - Elabora proposte per favorire lo sviluppo delle MPMI - Promuove sul territorio lombardo le migliori pratiche per le MPMI anche attraverso linee guida e la sottoscrizione di convenzioni con gli Enti pubblici anche appartenenti al sistema regionale 700 MILIONI DI EURO PER I LAVORATORI DELLA LOMBARDIA Oltre all attivazione di 530 milioni di euro di ammortizzatori sociali in deroga, la Giunta regionale ha realizzato una serie di progetti per sostenere l occupazione in questo momento particolarmente difficile di crisi economica. 53 MILIONI PER LA DOTE UNICA LAVORO L iniziativa supporta ogni persona in termini di accesso al mercato del lavoro, qualificazione e riqualificazione. Per il triennio 2013/2015 sono stati messi a disposizione 53 milioni di euro per i servizi alle persone, per incentivi all occupazione a favore delle imprese e per la formazione dei lavoratori. 11

12 Sostegno concreto all impresa e al lavoro INTERVENTI «SU MISURA» - La dote unica lavoro è suddivisa in quattro fasce con diversi massimali di spesa (da circa euro a euro) e di servizi, in relazione alla difficoltà di inserimento. - Fascia 1 (intensità di aiuto bassa) per persone che possono trovare lavoro in autonomia - Fascia 2 (intensità di aiuto media) per servizi intensivi per la collocazione o ricollocazione - Fascia 3 (alta): per chi necessita di servizi per un periodo medio/lungo e di forte sostegno - Fascia 4 è dedicata a persone occupate che necessitano di servizi per il mantenimento del lavoro - 4 le variabili per la collocazione nelle fasce: durata della disoccupazione, età, titolo di studio, genere. LE MISURE SONO DESTINATE: - All assunzione di giovani e soggetti svantaggiati - All assunzione di ex dirigenti con un età superiore ai 50 anni e/o che non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi - Alle imprese sociali costituite da un imprenditore che ha concluso un percorso di autoimprenditorialità, per l assunzione di lavoratori in CIGD / CIGS I servizi di inserimento lavorativo sono rimborsati agli operatori solo a risultato occupazionale raggiunto. La singola dote ha una durata massima di sei mesi. COME E DOVE RICHIEDERE LA DOTE LAVORO (http://www.lavoro.regione.lombardia.it) 15 MILIONI DI EURO PER LA FORMAZIONE CONTINUA Nel 2013 la Giunta Regionale ha messo a disposizione 15 milioni di euro per finanziare attività di formazione per lavoratori ed imprenditori di aziende lombarde. OBIETTIVO Promuovere e migliorare la formazione continua dei lavoratori e degli imprenditori per il riallineamento delle competenze e delle conoscenze, in considerazione delle profonde trasformazioni in atto nei modelli organizzativi e di business. DESTINATARI Possono essere presentati e finanziati progetti di formazione aziendali, interaziendali e di rete da parte di aziende di qualsiasi dimensione con sede operativa in Lombardia. In particolare il 70% delle risorse sono destinati a progetti aziendali e interaziendali, di cui il 5% interamente finalizzati per aziende localizzate nei territori lombardi interessati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, mentre il restante 30% è destinato al finanziamento di progetti di rete. I progetti di formazione possono essere rivolti sia a lavoratori (con contratti a tempo indeterminato, determinato, a progetto, apprendisti, soci-lavoratori di cooperative), sia a imprenditori (titolari e soci, collaboratori o coadiuvanti di imprese familiari, commerciali, artigiane ecc) di aziende di qualsiasi dimensione. 12

13 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 40 MILIONI PER INSERIMENTO LAVORATIVO DISABILI E SOGGETTI DEBOLI La dote è un insieme di risorse destinate alle persone con disabilità finalizzata all inserimento e reinserimento lavorativo, nella riqualificazione professionale e al mantenimento occupazionale nell ambito di un percorso personalizzato. LA MISURA È DESTINATA A: - inserimenti lavorativi di giovani in fase di transizione dalla scuola - inserimenti lavorativi rivolti a lavoratori over 50 - tirocini formativi nell ambito dell agricoltura sociale - azioni per favorire gli inserimenti lavorativi in connessione alle scoperture - nell ambito degli enti pubblici e degli enti del sistema regionale; 2 MILIONI PER CONTRATTI E ACCORDI DI SOLIDARIETÀ Il provvedimento prevede Il finanziamento della legge che sostiene i contratti di solidarietà per mantenere il più possibile i livelli occupazionali e professionali all interno del sistema produttivo. Il sostegno regionale viene concesso per un periodo massimo di 12 mesi e per ogni impresa non può superare i euro all anno. Oltre ai contratti di solidarietà sono favoriti gli accordi sindacali tra imprese e lavoratori - compresi quelli con contratto a tempo determinato e parasubordinato - anche per le aziende che non rientrano nei regimi della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) e per le aziende artigiane quando la riduzione dell orario di lavoro è almeno del 40% di quello normale 24,5 MILIONI PER ANTICIPAZIONE SOCIALE DELLA CIG Il 5 dicembre 2013 Regione Lombardia ha sottoscritto l accordo Anticipazione sociale con cui si impegna, per 3,5 milioni di euro a sostenere i lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria e in deroga sospesi a zero ore da aziende che si trovano in Lombardia per il periodo che intercorre fra la richiesta, da parte dell azienda, delle misure e la ricezione delle indennità erogate dall istituto di previdenza. In virtù di una leva di 7, sono ammesse a godere dei benefici dell iniziativa le anticipazioni presentate sino a concorrenza di 24,5 milioni di euro in linea capitale. FIRMATARI Regione Lombardia, Finlombarda S.p.A. ABI / Commissione Regionale ABI Lombardia, la Fondazione Welfare Ambrosiano, la CGIL Lombardia, la CISL Lombardia, la UIL Milano Lombardia, UGL Lombardia, Confindustria Lombardia, Confcommercio Lombardia, Confartigianato Lombardia, CNA Lombardia, C.L.A.A.I Lombardia, Confcooperative Lombardia, Confapindustria Lombardia, Legacoop Lombardia. 13

14 Sostegno concreto all impresa e al lavoro L INTESA L anticipazione delle indennità di cassa avviene mediante l apertura di credito in un apposito conto corrente, con disponibilità crescente con frazioni mensili, per un massimo di sette mesi, secondo quanto previsto dalla proposta di convenzione ognuna non superiore all 80% della retribuzione mensile percepita in servizio al netto degli oneri sociali e fiscali e comunque per un importo complessivo non superiore a 850 euro mensili. L apertura di credito cesserà con il versamento da parte dell INPS delle somme dovute dal lavoratore e, comunque, non potrà avere durata superiore a 12 mesi. 6 MILIONI DI EURO PER LA DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI La Giunta regionale ha stanziato 6 milioni di euro per promuovere e migliorare l accesso dei giovani al mercato del lavoro attraverso il ricorso al tirocinio formativo e di orientamento, oltre a forme di incentivi diretti alle imprese volti a sostenere l inserimento lavorativo del giovane in azienda. DESTINATARI Giovani residenti o domiciliati in Lombardia, di età compresa tra i 18 e 29 anni; neoqualificati e neodiplomati del sistema di Istruzione e Formazione professionale, neodiplomati del sistema di istruzione, neolaureati, che abbiano conseguito il titolo da non oltre 12 mesi; non occupati da almeno 6 mesi. Possono beneficiare dell incentivo economico le imprese private, di qualsiasi dimensione e settore di attività, con sede legale e/o operativa nel territorio della Lombardia. MODALITÀ La Dote si compone di servizi di politica attiva mediante i quali il giovane è supportato nell avvio e nella realizzazione di un tirocinio di 6 mesi da un operatore accreditato in Lombardia ai servizi al lavoro. I servizi di politica attiva, del valore di euro, sono riconosciuti all operatore promotore al completamento del periodo di tirocinio in azienda. Terminato il tirocinio, l azienda ospitante ha accesso ad un incentivo economico, del valore di euro, nel caso di assunzione del giovane con contratto di lavoro subordinato, sia full time che part time, non inferiore a 12 mesi. TEMPISTICA Il tirocinio deve essere regolarmente attivato dall azienda e dall ente promotore entro 12 mesi dalla data di conseguimento del titolo da parte del giovane. 14

15 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 31 MILIONI DI EURO PER LA DOTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Regione Lombardia ha assegnato, per il periodo , oltre 25 milioni di euro alle Province e 6 milioni di euro ai servizi di affiancamento e supporto alle aziende per l attivazione dei contratti di apprendistato, attraverso una dote del valore massimo di 1000 euro per apprendista. L IMPEGNO DELLA REGIONE Regione Lombardia programma e finanzia, attraverso la Dote Apprendistato, le attività formative (competenze di base e trasversali) e i servizi integrati per gli apprendisti assunti (come la certificazione delle competenze e la stesura del piano formativo individuale). DESTINATARI I beneficiari della dote sono giovani dai 18 ai 29 anni, o minorenni con qualifica o diplomati, residenti o domiciliati in Lombardia, che vengono assunti con contratto di apprendistato da aziende localizzate in Lombardia con più di 250 dipendenti. I giovani potranno usufruire dei servizi della dote per i servizi di supporto all attivazione del contratto di apprendistato, alle attività di progettazione e stesura del Piano Formativo Individuale, alle attività di supporto per l erogazione della formazione tecnico-professionale. 5 MILIONI DI EURO PER LA DOTE APPRENDISTATO PER QUALIFICA E DIPLOMA PROFESSIONALE La formazione è a carico della Regione, attraverso una dote di 5 milioni di euro totali, che può arrivare fino a 6mila euro annui per apprendista. DESTINATARI Giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni che possono così acquisire una qualifica di operatore professionale o un diploma professionale di tecnico e assolvere all obbligo di istruzione e formazione. TITOLI CONSEGUIBILI I titoli conseguibili sono quelli inseriti nel Repertorio nazionale dell offerta di Istruzione e Formazione Professionale, che prevede: - 22 figure professionali relative alle qualifiche di Operatore professionale attraverso un percorso formativo di durata triennale - 21 figure professionali relative ai diplomi professionali di Tecnico attraverso un percorso formativo di durata quadriennale 15

16 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 4 MILIONI DI EURO PER L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA Per questo specifico tipo di contratto, Regione Lombardia ha attivato diversi filoni di sperimentazione e mette complessivamente a disposizione 4 milioni di euro (2 per le lauree, 1,5 per i master e 500mila euro per i dottorati). NEL DETTAGLIO Per il conseguimento di titoli di laurea triennale, magistrale, a ciclo unico la Regione Lombardia finanzia le attività formative non curriculari degli apprendisti e le attività di tutoring per finalizzare il percorso di laurea alle esigenze dell azienda con un contributo che va da 8 a 12mila euro per la laurea triennale, e da 10 a 15mila euro per la laurea magistrale. Per il conseguimento di Master di I e II livello e del titolo di dottore di ricerca, Regione Lombardia finanzia i costi di formazione, tutoraggio e formazione complementare (anche all estero) degli apprendisti con contributi fino a 10mila euro per i Master di I o II livello e fino a 15mila per i dottorati di ricerca. 80 MILIONI PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Per l accordo di programma sottoscritto con il sistema camerale sono stati stanziati, per il 2014, circa 80 milioni di euro, oltre 50 dei quali messi a disposizione da Regione Lombardia. OBIETTIVI Con il nuovo Programma d Azione 2014 Regione Lombardia e Sistema Camerale intendono promuovere e consolidare le condizioni di contesto favorevoli alla ripresa economica e al consolidamento delle MPMI lombarde, attraverso iniziative concrete e sempre più vicine alle esigenze delle imprese e del territorio. Una parte rilevante delle attività del Programma sono state ideate a supporto delle imprese e in preparazione dell appuntamento di Expo È stata riconfermata la grande attenzione al tema dell accesso al credito e dato spazio alle iniziative a sostegno dell innovazione e sviluppo. TRE ASSI DI INTERVENTO - Asse 1 - Competitività delle imprese - è prevista una dotazione finanziaria di circa 16 milioni di euro per iniziative che pongono al centro dell attenzione il tema della competitività delle imprese, intervenendo sulle linee strategiche dell internazionalizzazione, dell attrattività degli investimenti e dell innovazione, leve fondamentali per favorire la crescita e la presenza dinamica e attiva delle imprese lombarde sui mercati mondiali, anche nell ottica di giovarsi del volano di EXPO Asse 2 - Attrattività e competitività dei territori - ha una dotazione finanziaria complessiva di circa 14 milioni di euro e si sviluppa su tre linee strategiche: monitoraggi territoriali, osservatori economici, studi, analisi e progetti di qualificazione per individuare gli elementi di co- 16

17 Sostegno concreto all impresa e al lavoro noscenza e creare le condizioni di una crescita sostenibile; promozione e valorizzazione delle produzioni e dell attrattività del territorio per rafforzare la competitività e il posizionamento del territorio; accordi, bandi e contributi per sviluppo territoriale, infrastrutturazione fisica-immateriale e settori non delocalizzabili per supportare lo sviluppo competitivo del territorio attraverso il rafforzamento e la qualificazione degli asset e l utilizzo di nuovi strumenti telematici. - Asse 3 - Progetti di sistema a supporto delle MPMI e imprenditorialità è allocata la dotazione finanziaria più consistente (47milioni di euro) ripartita su due linee strategiche: facilitazione dell accesso al credito e sostegno dell imprenditorialità delle MPMI, anche attraverso l attuazione della l.r. 11/2014 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. - Alle iniziative già approvate nel Programma 2014, si potranno aggiungere nuove misure a integrazione e completamento del Programma, che saranno istruite congiuntamente nell ambito degli organismi tecnici dell AdP (Comitati Tecnici di Gestione e Segreteria Tecnica) e, se condivise, troveranno realizzazione nel corso dell anno. L ACCORDO DI PROGRAMMA COMPETITIVITÀ NEL 2013 Nel 2013 sono state approvate iniziative per quasi 100 milioni di euro, confermando l elevato livello di impegni già raggiunto nel 2012 e portando a 576 milioni di euro l entità delle risorse complessivamente mobilitate dall Accordo di Programma a partire dalla sua sottoscrizione, nell estate del MILIONI DI EURO PER I CLUSTER TECNOLOGICI (ACCORDO CON MIUR) Al fine di sostenere la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale è stato approvato il bando Regione Lombardia- MIUR con una dotazione finanziaria di 118 milioni di euro di cui 50 milioni con Fondi Asse 1 Por FESR; 59 milioni con Fondi del FAR/Miur e 8,5 milioni con Fondi regionali EDI. 59 CONTRATTI PER 57 MILIONI - La graduatoria ha ammesso complessivamente 91 progetti. - Finlombarda ha stipulato 59 contratti per circa 57 milioni di euro, di cui 31 milioni con Fondi POR-FESR e ha in corso di erogazione circa altri 10 milioni di euro di cui 7,5 con Fondi FESR. - La Struttura Asse 1 ha erogato direttamente agli organismi di ricerca a valere sul POR-FESR e a titolo di anticipazione circa 800mila euro. 1 MILIARDO ALLE IMPRESE CON CREDITO IN CASSA Dal 30 settembre 2013 la Regione ha istituito il Credito in cassa per la cessione pro-soluto dei crediti delle imprese verso i Comuni, le Unioni di Comuni e le Province lombarde; il plafond complessivo, pari a 1 miliardo di euro, messo a disposizione da società di factoring, è desti- 17

18 Sostegno concreto all impresa e al lavoro nato per il 70% a sostegno delle imprese che vantano crediti nei confronti dei Comuni e delle Unioni di Comuni e per il 30% a sostegno delle imprese che vantano crediti nei confronti delle Province. Questo intervento, al quale hanno aderito tutte e 12 le Province e 142 Comuni, consentirà ricadute positive anche sulla filiera dei subfornitori. DESTINATARI Credito In Cassa si rivolge a tutte le imprese lombarde (micro, piccole, medie e grandi), con sede legale o operativa in Lombardia, appartenenti a tutti i settori, che abbiano crediti scaduti o che saranno scaduti alla data di presentazione della domanda per la fornitura di beni, servizi e/o lavori nei confronti degli Enti locali. All atto di adesione l Ente locale indicherà una durata massima entro cui si impegna a pagare le fatture che non potrà eccedere gli 8 mesi per le partite correnti, 12 mesi per quelle in conto capitale. Per evitare spostamenti di sedi operative (relative a imprese fuori Lombardia) con l unico obiettivo di ottenere il Credito in cassa la sede legale od operativa deve essere in Lombardia alla data del 12 luglio Inoltre sono esclusi dalla misura i crediti di cui le imprese sono divenute titolari a seguito di cessione del credito. OBIETTIVO L operazione mira a pagare circa 15mila imprese e generare un migliaio di posti di lavoro. I crediti potranno riguardare sia le spese correnti (spese ordinarie), sia le spese in conto capitale (spese di investimento) e avere un importo minimo di 10mila euro e massimo di 750mila per i Comuni e le Unioni di Comuni e di 1,3 milioni per le Province e i Capoluoghi di Provincia. COME OTTENERE IL CREDITO IN CASSA (www.finlombarda.it nella sezione dedicata) I crediti verso gli Enti locali dovranno essere scaduti al momento della presentazione della domanda da parte dell impresa ed avere un importo minimo di 10mila euro (in modo da rivolgersi anche alla micro-imprese) e un importo massimo: - Per i crediti verso Comuni/Unioni di Comuni: pari a 750mila euro; l importo massimo può salire a 950mila euro se l impresa che cede il credito si impegna a liquidare a sua volta i propri sub-fornitori; - Per i crediti verso Province e i Comuni Capoluogo di Provincia: pari a 1,3 milioni di euro; l importo massimo può salire a 1,5 milioni di euro se l impresa che cede il credito si impegna a liquidare a sua volta i propri sub-fornitori. Le imprese dovranno farsi certificare il credito dall Ente Locale debitore ed inserirlo nella piattaforma informatica messa a disposizione da Regione Lombardia a cui potranno accedere anche i factor. 18

19 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 250 MILIONI DI EURO PER CREDITO ADESSO Credito Adesso, nato nel 2012 per finanziare il fabbisogno di capitale circolante connesso all espansione commerciale, amplia il target dei beneficiari, introduce soglie di accesso più basse e semplificate, prevede condizioni ancora più favorevoli, incrementa la quota di finanziamento e dà la possibilità di richiedere più di un finanziamento. Credito Adesso è un iniziativa che intende sostenere le micro, piccole e medie imprese operanti in Lombardia mediante la concessione di finanziamenti chirografari dietro presentazione di uno o più ordini/contratti di fornitura di beni e/o servizi. Nel 2013 della dotazione finanziaria complessiva, 10 milioni di euro sono stati riservati alle imprese del mantovano colpite dal sisma di maggio 2012, 8,6 milioni alle imprese della provincia di Sondrio, circa 7 milioni ai Comuni della provincia di Lecco interessate dalla chiusura della Strada Statale 36 e 4 milioni di euro alle imprese con sede in alcuni Comuni della provincia di Milano (Grezzago, Masate, Trezzano Rosa e Trezzo sull Adda) che hanno subito danni dalla tromba d aria di luglio Per tutte queste imprese il contributo in conto interessi è pari al 3%. DESTINATARI Credito Adesso si rivolge alle micro, piccole e medie imprese (ivi comprese le imprese artigiane) che hanno sede operativa in Lombardia, iscritte al Registro delle Imprese, operative da almeno 24 mesi e appartenenti ai settori manifatturiero, delle costruzioni nonché ad alcuni comparti dei servizi alle imprese e del commercio all ingrosso. Il target di beneficiari è stato inoltre ampliato alle imprese turistiche operanti nel settore dell alloggio, alle agenzie di viaggio e ai tour operator, alle lavanderie industriali e alle imprese che svolgono attività di servizi per edifici e paesaggio. MODALITÀ DI ACCESSO E CONDIZIONI DEI FINANZIAMENTI Modalità di accesso ordinaria con presentazione di uno o più ordini o contratti di fornitura accettati di beni e/o servizi aventi un importo complessivo minimo pari a: 30mila euro per le Micro e Piccole Imprese; 100mila euro per le Medie Imprese. Ogni singolo Finanziamento sarà pari massimo al 60% dell ammontare degli Ordini accettati o dei Contratti di fornitura ammessi e avranno importi ricompresi tra: - 18mila e 500mila euro per le Micro e le Piccole imprese: - 60mila e 750mila euro, per le Medie imprese. MODALITÀ DI ACCESSO SEMPLIFICATA Limitatamente alle richieste di finanziamento fino a 45mila euro, è prevista una modalità semplificata di accesso alla misura. 19

20 Sostegno concreto all impresa e al lavoro 1,5 MILIARDI DI NUOVI CREDITI ALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DEI CONFIDI E LA RIORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA LOMBARDO DELLA GARANZIA I CONFIDI LOMBARDI Nell attuale scenario congiunturale il sistema dei Confidi svolge una funzione fondamentale a sostegno dell accesso al credito delle Mpmi, facilitandone la relazione con il sistema bancario e contribuendo a superare la progressiva restrizione nell erogazione dei finanziamenti. I Confidi infatti sono soggetti che rilasciano garanzie collettive a fronte di finanziamenti erogati a favore delle imprese associate. I Confidi svolgono da sempre un ruolo fondamentale nel sostenere l accesso al credito delle PMI localizzate sul territorio lombardo. Il sistema dei Confidi e il mercato delle garanzie lombardo è stato caratterizzato negli ultimi anni da alcune tendenze di fondo che ne hanno modificato la struttura e il funzionamento. In particolare: Forte riduzione del numero di confidi con sede legale nel territorio regionale con conseguente aumento della concentrazione del mercato; Entrata sul mercato lombardo di player provenienti da altre regioni e attivi su scala sovraregionale o addirittura nazionale; Nascita e sviluppo di Confidi di secondo livello che riuniscono e rappresentano numerosi Confidi di primo livello puntando al superamento dei confini associativi e settoriali e al rafforzamento del sistema delle garanzie. LE TAPPE DEL LAVORO DI REGIONE LOMBARDIA SUL SISTEMA DELLA GARANZIA - 31 maggio 2013 la Giunta regionale ha destinato 22 milioni di euro per rafforzare il sistema dei Confidi della Lombardia in modo da attivare nuovi crediti alle imprese per 500 milioni di euro e consentire, soprattutto alle piccole e medie imprese, un più facile accesso al credito. Con il provvedimento i finanziamenti, erogati nel 2009 sotto forma di prestiti, diventano contributi a fondo perduto, che andranno a rafforzare il capitale sociale dei Confidi. Lo stesso giorno è stato approvato lo schema di protocollo con Federfidi Lombarda per la realizzazione di un azione di Due Diligence rivolta ai Confidi di primo livello soci e non soci al fine di valutare la solidità dei Confidi di primo livello e individuare i necessari elementi di analisi utili a definire gli interventi sul sistema lombardo della garanzia dicembre 2013 la Giunta regionale ha presentato i risultati dell azione di Due Diligence. L analisi è stata condotta su 33 Confidi (di cui 29 lombardi) che operano nel mercato lombardo. Le imprese socie sono Il volume delle garanzie riferito ai 33 Confidi analizzati ammonta a circa 8 miliardi di euro (pari al 40% del totale delle garanzie mutualistiche erogate in Italia), che hanno generato 15,3 miliardi di finanziamenti garantiti alle imprese (dati al 30 giugno 2013). Lo stock di garanzie riferito alle sole imprese lombarde socie dei Confidi (circa ) ammonta a 3,2 miliardi di euro, pari a 6,4 miliardi di finanziamenti alle imprese. Partendo dai risultati della Due Diligence, è stato attivato il percorso per la definizione degli interventi a sostegno del Sistema lombardo della garanzia - 17 dicembre 2013 è stata costituita la Cabina di Regia pluridisciplinare per la definizione del modello regionale di intervento sul sistema della garanzia - 4 febbraio 2014 è stato costituito il Tavolo Tecnico congiunto per la definizione del modello regionale di intervento sul sistema della garanzia 20

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA. N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA. N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale Predisposizione delle domande entro il 14 marzo 2013. Invio delle domande dopo l 8 di

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 5 Maggio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 5 Maggio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 5 Maggio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRENDITORIA PER IL TRASFERIMENTO D AZIENDA Livello Nazionale INCENTIVI

Dettagli

Tutto ciò premesso: Convengono che:

Tutto ciò premesso: Convengono che: Premessa. Protocollo d intesa in tema di anticipazione sociale dell indennità di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria e in Deroga per il sostegno ai lavoratori e alle imprese. La Provincia, la Camera

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale BANDO SMART CITIES AND COMMUNITIES Livello Regionale DOTE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA NEWSLETTER n. 3 SETTEMBRE 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime informazioni relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. Evidenziamo, fra le opportunità nella sezione Regione Lombardia,

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE. Fase I AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI OPERATIVI PER L IMPRENDITORIALITA COMUNALE - (POIC) A VALERE SUL FONDO PISL POIC FSE Fase I POR FSE 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione ASSE II

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014/2016 Annualità 2014

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014/2016 Annualità 2014 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014/2016 Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE IMPRESA COLLOCAMENTO MIRATO Risorse e servizi per sostenere le imprese nel processo di inserimento

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

Giovanisì è il progetto regionale della Toscana per l autonomia dei giovani. Sei sono le aree d intervento adottate da giovani sì:

Giovanisì è il progetto regionale della Toscana per l autonomia dei giovani. Sei sono le aree d intervento adottate da giovani sì: Giovanisì è il progetto regionale della Toscana per l autonomia dei giovani. Comprende azioni di sistema e strumenti per la valorizzazione del merito, garantendo un diritto allo studio reale, una formazione

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI

Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI Protocollo dei principali incentivi regionali per le imprese le reti, le aggregazioni e il territorio (WORK IN PROGRESS) BANDI APERTI TIPOLOGIA OBIETTIVO SCADENZA ENTE FART Invito 2/2013 Linea 1 - sviluppo

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire

Dettagli

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA Settembre 2015 BANDI DI PROSSIMA SCADENZA VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE Voucher a fondo perduto di importo pari 10mila Euro a fronte di una spesa minima di 13.000 Euro, può essere richiesto da micro,

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4

Area Sviluppo Economico Settore Lavoro. PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Annualità 2012 DOTE 4 Azioni finalizzate all autoimprenditorialità delle persone disabili ai sensi della legge 68/99 Aggiornato

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale MISURE PER LO SVILUPPO DELL OCCUPAZIONE GIOVANILE NEL SETTORE DELLA GREEN ECONOMY

Dettagli

In Breve. n.13/2014 MISURE REGIONALI PER LA RIPRESA ECONOMICA. Informativa Breve

In Breve. n.13/2014 MISURE REGIONALI PER LA RIPRESA ECONOMICA. Informativa Breve Servizio Commissioni Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Marzo 2014 Informativa Breve In Breve MISURE REGIONALI PER LA RIPRESA ECONOMICA n.13/2014 1.FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO P. 2 2.CREARE

Dettagli

DECRETO LEGGE 21 maggio 2013, n. 54: interventi

DECRETO LEGGE 21 maggio 2013, n. 54: interventi LE ULTIME DAL GOVERNO Tra le principali misure approvate dal Consiglio dei ministri, importanti disposizioni per il rilancio dell economia, del mercato del lavoro, per aumentare l occupazione e sostenere

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Si è riunita oggi la Cabina di Regia per l attuazione del Piano di azione per l occupabilità dei

Dettagli

Mini GUIDA della Fondazione Studi

Mini GUIDA della Fondazione Studi ANNO 2015 Mini GUIDA della Fondazione Studi Il sostegno all imprenditorialità come strumento di politica attiva del lavoro. La grave crisi economica e finanziaria che oramai da anni attanaglia l economia

Dettagli

LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ. Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta

LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ. Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta LA LOMBARDIA PER L ATTRATTIVITÀ Bando per la realizzazione di iniziative di area vasta 17 luglio 2014 LA STRATEGIA PER L ATTRATTIVITÀ Attivazione di iniziative per potenziare l attrattività del territorio

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51

ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 ampania! piano d azione per il lavoro donne giovani disoccupati brochure14x21_8pp.indd 1 30/07/12 12:51 Campania al Lavoro, un piano di azione per favorire l, occupazione Qualità e innovazione per l occupazione.

Dettagli

Anno XL N. 240 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese

Anno XL N. 240 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese Anno XL N. 240 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese 47 3º Supplemento Straordinario Venerdì 26 novembre 2010

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI 10462 15/10/2009 Identificativo Atto n. 170 DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE DEL BANDO "CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) PER IL SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA.

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. In data 27 Febbraio 2008 in Milano: Tra ABI/Commissione Regionale Lombardia ASSOLOMBARDA

Dettagli

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO FAQ: Bando approvato con decreto n. 9441 del 18/10/2013 - Programma integrato di interventi a sostegno della creazione d impresa linea 8 Frim Start up e Re-start. SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.08/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Contributi per interventi finalizzati

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 648 Seduta del 06/09/2013

DELIBERAZIONE N X / 648 Seduta del 06/09/2013 DELIBERAZIONE N X / 648 Seduta del 06/09/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. Il 15 aprile 2009, in Roma

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. Il 15 aprile 2009, in Roma CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA Il 15 aprile 2009, in Roma tra ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA, CONFINDUSTRIA, CGIL,

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP AVVISO START MILANO DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 INDICE 1. FINALITA DELL INTERVENTO 2. AMBITI DI INTERVENTO 3 DOTAZIONE FINANZIARIA 4. MISURA : SUPPORTO ALLA CREAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE Settembre 2013 n 14 Livorno, 3 settembre 2013 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 Agevolazioni NAZIONALI ABRUZZO BANDI NAZIONALI E REGIONALI Bando per l internazionalizzazione, dal 25 ottobre 2012 è diventato operativo il Fondo Startup, nuovo

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 10 LUGLIO 2009 5º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 140 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro. Premessa

PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro. Premessa PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A VALERE SUL FONDO NAZIONALE PER L OCCUPAZIONE Premessa La Provincia

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015

DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 DELIBERAZIONE N X / 3975 Seduta del 31/07/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLIII N. 285 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto Inail 2014/2015 Contributi per il miglioramento della sicurezza sul lavoro Nuove

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove imprese Start up innovative (Smart & Start) Nascita e sviluppo società

Dettagli

************ ************

************ ************ ************ La seconda metà di ottobre vale la pena ricordarla per vari provvedimenti volti a valorizzare la Provincia di Como. Le iniziative più importanti, che vorrei segnalarvi, riguardano la Legge

Dettagli

Politiche attive 2012

Politiche attive 2012 Politiche attive 2012 Dote Lavoro Riqualificazione e Ricollocazione Paola Antonicelli Dirigente Struttura Tutela del Lavoro e Interventi per il Reimpiego Dote Lavoro Ricollocazione Servizio inserimento

Dettagli

56 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 53 - Lunedì 30 dicembre 2013

56 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 53 - Lunedì 30 dicembre 2013 56 Bollettino Ufficiale D.g.r. 20 dicembre 2013 - n. X/1173 Individuazione delle caratteristiche tecniche dei veicoli, della cilindrata e delle modalità applicative di esenzione dal pagamento della tassa

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per l attivazione di tirocini ai sensi dell articolo 63 della legge regionale 9 agosto 2005,

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 3 Marzo 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 3 Marzo 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 3 Marzo 2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA NEWS IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale Predisposizione delle domande entro il 14 marzo 2013. Invio delle domande dopo

Dettagli

Agevolazioni regionali e bandi UE

Agevolazioni regionali e bandi UE VANGI SAVERIO Agevolazioni regionali e bandi UE Abruzzo Abbattimento del tasso di interesse fino a tre punti per i prestiti concessi alle PMI della Provincia di Teramo. abbattimento fino a 3 punti del

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 cell. 335/6413321. Comunicati www.mi.camcom.it La ricerca: Il lavoro dei laureati in tempo di crisi LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL 12%

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Bandi in scadenza marzo 2012

Bandi in scadenza marzo 2012 Bandi in scadenza marzo 2012 AVVISO DOTE LAVORO TIROCINI PER I GIOVANI Finalità: L Avviso promuove interventi personalizzati di inserimento lavorativo per i giovani. L azione mira da un lato a sostenere

Dettagli

P.O.R. MARCHE Obiettivo 2 FSE 2007/2013 Assi I, II e III Annualità 2010 e 2011

P.O.R. MARCHE Obiettivo 2 FSE 2007/2013 Assi I, II e III Annualità 2010 e 2011 PROVINCIA DI FERMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE, SCUOLA E POLITICHE DEL LAVORO P.O.R. MARCHE Obiettivo FSE 007/013 Assi I, II e III Annualità 010 e 011 SCADENZA 15/04/011 AVVISO PUBBLICO INCENTIVI

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 33 - Martedì 12 agosto 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 33 - Martedì 12 agosto 2014 19 D.d.u.o. 5 agosto 2014 - n. 7587 Modifica dell avviso Dote Unica Lavoro di cui al d.d.u.o. n. 9308 del 15 ottobre 2013 e ss.mm.ii. in attuazione delle d.g.r. n. 1983/2014 e n. 2257/2014 IL DIRIGENTE

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 30.000.000,00, così suddivisa:

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

internazionalizzazione@regione.lombardia.it

internazionalizzazione@regione.lombardia.it Finalità: Favorire i processi di internazionalizzazione delle micro piccole medie imprese Risorse: 5.440.000 Ambiti di intervento: Valore del voucher: MPMI lombarde (escluso settore agricolo) Misura A:

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

REGIONE CAMPANIA PROGETTO CIG PIU

REGIONE CAMPANIA PROGETTO CIG PIU REGIONE CAMPANIA PROGETTO CIG PIU AVVISO REGIONALE WELFARE TO WORK Azione di Sistema per le politiche di Re-Impiego Formazione finalizzata al reintegro per lavoratori in Cigs in deroga AVVISO PUBBLICO

Dettagli