Una composizione di valore.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una composizione di valore."

Transcript

1 Una composizione di valore. Relazioni e Bilancio consolidato Relazione semestrale 30 Giugno 2014

2

3 Relazione semestrale al 30 giugno 2014 Iccrea Holding Iccrea Holding SpA Sede legale: Via Lucrezia Romana 41/ Roma R.I. e C.F R.E.A. di Roma Capogruppo del Gruppo bancario Iccrea Iscritta all albo dei Gruppi Bancari Capitale Sociale: ,70 i.v.

4

5 INDICE Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione consolidata 5 Bilancio Consolidato al 30 giugno 2014 Stato patrimoniale 24 Conto Economico 26 Prospetto della redditività complessiva 27 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 28 Rendiconto finanziario 30 Nota illustrativa 31 Parte A - Politiche contabili 33 Parte B - Informazioni sullo stato patrimoniale consolidato 71 Parte C - Informazioni sul conto economico consolidato 113 Parte D - Redditività consolidata complessiva 135 Parte E - Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 137 Parte F - Informazioni sul patrimonio consolidato 165 Parte G - Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 176 Parte H - Operazioni con parti correlate 178 Parte I - Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 180 Parte L - Informativa di settore 182

6

7 Relazione sulla gestione 30 giugno 2014

8

9 INDICE 1. Introduzione 9 2. Lo scenario macroeconomico 9 3. Le Banche di Credito Cooperativo 9 4. Le principali aree strategiche di affari del Gruppo L andamento della gestione del Gruppo Gli eventi di rilievo del primo semestre L evoluzione prevedibile della gestione Altre informazioni 19 Allegato: raccordo tra utile e patrimonio netto della Capogruppo e utile e patrimonio netto consolidato 22

10

11 L ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO 1. INTRODUZIONE La Relazione semestrale al 30 giugno 2014 è costituita dalla Relazione intermedia sulla gestione e dal Bilancio intermedio consolidato, comprendente i prospetti contabili e le correlate note illustrative. Il Bilancio intermedio consolidato al 30 giugno 2014, in applicazione del D.LGS. 28 febbraio 2005 n. 38 è stato redatto secondo quanto disciplinato dai principi contabili internazionali IAS/IFRS emanati dall International Accounting Standards Board e delle relative interpretazioni dell International Financial Reporting Interpretations Committee (IFRIC), omologati dalla Commissione Europea, come stabilito dal Regolamento Comunitario n del 19 luglio In particolare, il Bilancio intermedio consolidato, sottoposto a revisione contabile limitata, è stato redatto in conformità alle prescrizioni dello IAS 34, che regola i bilanci intermedi. 2. LO SCENARIO MACROECONOMICO Il ciclo economico internazionale nel primo semestre dell anno si è caratterizzato per un indebolimento delle economie emergenti e per una relativa stabilità di quelle avanzate. A giugno 2014, il Composite Leading Indicator dell OCSE, che anticipa l andamento del ciclo economico futuro su di un orizzonte temporale fino a nove mesi, ha evidenziato un calo per il Brasile e la Cina, confermandosi al di sotto della media storica, così come per il Giappone, mentre per quanto riguarda gli Stati Uniti ha mostrato una sostanziale stabilità. Relativamente all Area Euro l indice ha registrato un aumento, preannunciando quindi un accelerazione dell attività economica. Il Fondo Monetario Internazionale nell aggiornamento del Rapporto di Luglio prevede che l economia globale si rafforzi nell anno in corso, con una crescita del +3,4% (+3% nel 2013). I mercati finanziari nel primo semestre 2014 sono stati caratterizzati da un andamento nel complesso positivo, con una over performance dei c.d. periferici, tra cui quello italiano. Per quanto concerne il tasso di rifinanziamento principale, il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea il 5 giugno 2014 lo ha tagliato allo 0,15% dallo 0,25% precedente (l'ultima modifica risaliva a novembre 2013). Tale manovra è ricompresa in un pacchetto di misure di credit easing finalizzate sia a facilitare il credito all economia reale che a riportare il tasso di inflazione al di sopra del 2%. La BCE ha inoltre lanciato una doppia iniezione di liquidità alle banche per euro 400 miliardi (una con decorrenza settembre e una dicembre 2014) mirata al riutilizzo di questi fondi a favore di famiglie e imprese, con l'esclusione dei mutui per l'acquisto di abitazioni (TLTRO, Targeted Long Term Refinancing Operation). Infine, la Bce si è detta pronta ad acquistare i titoli cartolarizzati (Asset backed securities) di prestiti al settore privato, per rilanciare il credito alle piccole e medie imprese. A giugno 2014, secondo i dati diffusi dall ABI, la raccolta bancaria da clientela residente, rappresentata dai depositi (conti correnti, depositi con durata prestabilita, depositi rimborsabili con preavviso e pronti contro termine al netto delle operazioni con controparti centrali e delle operazioni di cessione di crediti) e dalle obbligazioni (riferite a clientela residente e non residente e registrate al valore nominale incluso le passività subordinate ed escluso quelle riacquistate da banche), si è attestata a circa euro miliardi, registrando un calo su base tendenziale dello 0,9%, pari ad una diminuzione dello stock della raccolta di circa euro 15 miliardi, mentre rispetto a dicembre l aggregato segna una discesa più contenuta ( 0,6%). La dinamica tendenziale riflette un incremento dei depositi del 2,4% circa mentre le obbligazioni hanno subìto una contrazione dell 8,3%. Anche la dinamica dei prestiti bancari al settore privato a giugno ha proseguito il trend decrescente iniziato nella seconda metà del Peraltro in tale ambito, i prestiti a famiglie e società non finanziarie si sono attestati a miliardi di euro, in diminuzione tendenziale dell 1,4% ma in aumento dello 0,8% rispetto a dicembre LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Le BCC-CR hanno continuato a sostenere l economia con una offerta di credito molto superiore alla media del sistema bancario. La raccolta bancaria complessiva delle BCC nel primo trimestre 2014 si attesta a 194,5 miliardi di euro, in crescita del 4,9% rispetto allo stesso periodo dell anno scorso (contro il - 3,1% nella media di sistema). La raccolta da clientela (comprensiva di obbligazioni) cresce del 14,3% (contro una riduzione del 4,6% nel sistema bancario). La provvista complessiva delle BCC-CR risulta composta per l 82,3% da raccolta da clientela e obbligazioni e per il 17,7% da raccolta interbancaria. Gli impieghi lordi a clientela ammontano a 136,1 miliardi di euro, con un decremento nell'anno pari all1% rispetto al -3,3% del sistema bancario. I finanziamenti alle imprese sono pari a 88,6 miliardi di euro, con un decremento nell'anno pari all 1,7%, contro il -2,7% registrato dal sistema bancario. La quota di mercato delle BCC-CR per i finanziamenti alle imprese si attesta, nel primo trimestre 2014 al 9,6%. Con riguardo ai settori di destinazione del credito, i finanziamenti a famiglie consumatrici risultano in linea con l'anno 9

12 ICCREA HOLDING S.P.A. RELAZIONI SEMESTRALI E BILANCIO CONSOLIDATO 30 GIUGNO 2014 precedente contro il -1,1% medio del sistema; la quota di mercato delle BCC-CR nel comparto è stata dell 8,7%. Gli impieghi alle famiglie produttrici risultano in diminuzione dello 0,8% contro il -1,2% fatto registrare mediamente dal sistema; la quota di mercato delle BCC-CR è pari al 17,7%. Per quanto concerne la qualità del credito, a marzo 2014 si segnala nelle BCC-CR un tasso di variazione annuo delle partite in sofferenza del +28,5%, dato che risulta superiore a quello del sistema bancario complessivo (+25,4%). Gli incagli nelle BCC crescono ad un tasso del 12,8% contro il 24,2% medio di sistema (fonte Federcasse). Il rapporto sofferenze lorde/impieghi delle BCC è pari all 8,9%,dato che risulta pressoché in linea con quello del sistema bancario complessivo (8,8%). Il rapporto incagli lordi/impieghi delle BCC è pari al 7,2% superiore al sistema bancario (5,4%). Con riguardo alla sola clientela imprese, il rapporto sofferenze lorde/impieghi è pari per le BCC-CR all 11,3%, dato che risulta superiore a quello dell'anno precedente (8,5%) ma inferiore a quello del sistema bancario complessivo (14,1%). I crediti ristrutturati sono in crescita del 13,7% su base annua, mentre i crediti scaduti/sconfinanti risultano in contrazione (-36,9%). Il totale delle esposizioni deteriorate è pari al 17,7% degli impieghi lordi (15,9% nella media di sistema). 4. LE PRINCIPALI AREE STRATEGICHE D AFFARI DEL GRUPPO PREMESSA Il Gruppo bancario Iccrea è costituito da un insieme di aziende create per supportare l operatività delle Banche di Credito Cooperativo e soddisfare le esigenze che emergono, a livello territoriale, dalle loro clientele di elezione: corporate (piccole e medie imprese) e retail (famiglie). Le Società del Gruppo bancario Iccrea, tendenzialmente, non operano direttamente con il mercato, ma predispongono un sistema integrato di soluzioni d offerta a beneficio di ogni Banca di Credito Cooperativo, affinché possa essere attrice dello sviluppo economico e sociale nel proprio territorio di competenza. LE AREE DI BUSINESS Per assicurare una maggiore focalizzazione e specializzazione sul proprio mercato di riferimento il Gruppo è organizzato in tre aree di business. L area Istituzionale raggruppa le Società che offrono prodotti e servizi dedicati direttamente alle Banche di Credito Cooperativo. L ampio ventaglio di soluzioni disponibili include i servizi di natura finanziaria, i sistemi di pagamento, l amministrazione titoli, i servizi di recupero crediti, i servizi Web e da ultimo anche i servizi IT. Le società del Gruppo impegnate in questo segmento sono Iccrea Banca e BCC Gestione Crediti, BCC Beni Immobili, BCC Solutions e BCC Sistemi Informatici. In dettaglio BCC Solutions, proprietaria del Centro Direzionale di Lucrezia Romana, rivolge i propri servizi di facility management alle Società del Gruppo bancario Iccrea e alle strutture nazionali del Movimento, mentre BCC Beni Immobili (già Immicra) è proprietaria di altri immobili ad uso funzionale del Gruppo. L area Corporate è costituita dalle Società che offrono soluzioni alle piccole, e medie imprese ed enti pubblici locali clienti delle Banche di Credito Cooperativo. Si tratta di un ampia offerta che è in grado di rispondere a tutte le esigenze anche quelle più evolute di finanza ordinaria e finanza straordinaria, crediti medio/lungo termine e servizi estero, leasing e factoring, noleggio e altri avanzati servizi di consulenza. Le Società del Gruppo attive in questa area di offerta sono Iccrea BancaImpresa e le controllate BCC Factoring e BCC Lease. L area Retail raggruppa le Società che offrono prodotti e servizi per le persone clienti delle Banche di Credito Cooperativo. L ampio ventaglio di offerta comprende la gestione del risparmio, i finanziamenti personali, i mutui, la monetica e i prodotti assicurativi. Le Società del Gruppo che si adoperano in quest area sono Iccrea Banca, BCC 10

13 L ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO Risparmio & Previdenza, BCC Vita, BCC Assicurazioni, BCC CreditoConsumo, Bcc Retail e Banca Sviluppo. Nell ambito delle strutture di supporto, la Capogruppo ha accentrato al proprio interno le funzioni di Revisione Interna svolge la propria attività di indirizzo e coordinamento. IL VALORE CREATO PER LE BCC Il Gruppo bancario nell assolvere alla propria missione di supporto costante alle BCC per migliorarne il posizionamento sul mercato e accrescerne la capacità competitiva, contribuisce alla creazione di valore sul territorio oltre che attraverso la messa a disposizione di prodotti e servizi nei diversi segmenti di operatività, anche mediante la distribuzione di una quota significativa di commissioni commisurate ai volumi operativi sviluppati. In tale ottica, al 30 giugno 2014, il valore economico che complessivamente il Gruppo ha riconosciuto alle BCC a titolo di commissioni ammonta a 148 milioni di euro a cui contribuisce in modo più significativo il positivo sviluppo della monetica. /milioni Asset Management ,2 23,9 29,1 18,3 Bancassicurazione 3,7 4,0 14,2 17,3 13,5 9,6 Credito Corporate 14,5 12, ,4 3,6 Monetica 137,5 162,4 193,1 202, ,6 Crediper 24,9 21, Credito al consumo , ,8 7,8 Totale Commissioni 206,6 226,0 259,7 269,4 277,7 147,9 Contributi di Sistema 3,7 3,9 3,9 4,7 4,6 2,3 Dividendi Holding(*) 10,2 11,2 14,2 7,6 10,4 - Totale Complessivo 220,5 241,1 277,8 281,7 292,7 150,2 (*) dividendi per anno di erogazione. Il Gruppo bancario Iccrea contribuisce anche in modo significativo alle attività degli Enti Centrali federativi del Credito Cooperativo attraverso i contributi associativi e la partecipazione alle campagne promozionali nazionali. Tutte le società del Gruppo sono costantemente focalizzate sulla cura e sullo sviluppo della relazione con le BCC e con le Federazioni locali consolidando l approccio di partnership e vicinanza. Anche la Holding, attraverso l area Mercato, svolge l attività di coordinamento con le reti del Gruppo sul territorio contribuendo a qualificare la relazione con le Banche. I Comitati Commerciali, ormai diffusi su tutto il territorio nazionale, sono diventati un apprezzato strumento di confronto, riflessione e propositività sui principali temi di mercato. A fianco di questa dimensione domestica, Iccrea Holding è sempre più impegnata nel presidio anche del contesto internazionale sia attraverso la partecipazione diretta in UNICO, associazione che riunisce le principali banche cooperative europee e sia nel quadro di relazioni accresciute con istituzioni e/o soggetti nazionali, esteri e sovranazionali, volte a sviluppare le attività internazionali dello stesso Gruppo e del sistema delle BCC (ad esempio nel funding) così come a sostenere il processo di internazionalizzazione delle PMI clienti. 11

14 ICCREA HOLDING S.P.A. RELAZIONI SEMESTRALI E BILANCIO CONSOLIDATO 30 GIUGNO L ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO Il bilancio consolidato intermedio riassume i risultati della gestione del Gruppo Iccrea al 30 giugno Nella tabella seguente viene riportata la composizione dell attivo consolidato: /migliaia 30-giu dic-13 delta Crediti verso banche Crediti verso clientela Attività finanziarie: - detenute per la negoziazione (135) - valutate al fair value (8.485) - disponibili per la vendita detenute fino alla scadenza derivati di copertura (1.565) Attività materiali Attività immateriali Altre attività Totale dell'attivo Il totale dell attivo consolidato, a fine esercizio, si è attestato a 50,1 miliardi con un incremento pari a circa 4 miliardi (+8,5%) rispetto al 31 dicembre La variazione rispetto allo scorso esercizio è da ricondurre principalmente all incremento dei crediti verso banche (+0,65 miliardi, +3,2%) e delle attività finanziarie (+2,7 miliardi, +20%) per effetto, rispettivamente, dei maggiori finanziamenti collateralizzati concessi alle BCC, attraverso lo strumento del pool collateral (connessi al ruolo svolto dal Gruppo per l accesso delle BCC alle facilities BCE), e degli investimenti finanziari in titoli governativi (finalizzati ad aumentare sia la dotazione di attivi prontamente liquidabili sia i margini reddituali del Gruppo). In dettaglio, i finanziamenti collateralizzati erogati alle BCC attraverso lo strumento del pool collateral ammontano a 19,2 miliardi a fronte di titoli ceduti a garanzia dalle BCC per un fair value, al netto dell haircut applicato per le varie tipologie, di 23,2 miliardi. Il portafoglio delle attività finanziarie disponibili per la vendita include principalmente titoli governativi e partecipazioni di minoranza. Il portafoglio delle attività detenute fino alla scadenza si riferisce alle strategie di investimento in titoli di stato quotati finanziati con specifiche iniziative di pari scadenza ovvero operazioni di copertura al fine di immunizzare il rischio di tasso e per i quali si ha, pertanto, intenzione e capacità di detenere fino alla scadenza. Le attività materiali includono principalmente gli immobili strumentali di proprietà e gli immobili conferiti nei fondi immobiliari di cui il gruppo detiene il controllo e che, ai sensi dei principi contabili internazionali, sono oggetto di consolidamento nel bilancio (Securfondo, Fondi Immobiliari Securis Real Estate). Le attività immateriali sono rappresentate per 23,6 milioni dagli avviamenti pagati per l acquisizione di alcune partecipazioni di controllo (principalmente Bcc Risparmio & Previdenza, Banca Sviluppo e BCC Sistemi Informatici). In particolare, le principali variazioni riguardano: - l avviamento iscritto per 4,9 milioni a seguito dell acquisizione, in data 29 aprile 2014, del controllo di ISIDE, poi trasformata in Bcc Sistemi Informatici, nell ambito del progetto ICT di Sistema rivolto a realizzare un polo tecnologico comune in grado di garantire una soluzione informatica integrata e una filiera completa, omogena ed efficiente per tutte le BCC; - per 10 milioni da software di proprietà di Bcc Sistemi Informatici entrata nel gruppo nel corso del primo semestre. Le altre attività, che includono anche le attività fiscali, le partecipazioni, le disponibilità liquide e le attività in via di dismissione, aumentano di 284 milioni di euro per: la rilevazione tra le attività in via di dismissione di 293 milioni riferibili alle poste patrimoniali del ramo d azienda Banca depositaria che, nel processo di razionalizzazione dell assetto del Gruppo, sarà ceduto nel secondo semestre 2014 all Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane (ICBPI); la variazione negativa delle attività fiscali per 31,6 milioni, riconducibili per 14,6 milioni all aumento delle imposte anticipate (sulle svalutazioni dei crediti) e per 46,2 milioni alla riduzione delle imposte correnti; la diminuzione di circa 8 milioni delle disponibilità liquide e l aumento di 35 milioni delle altre attività; Sotto il profilo del rischio di credito, aumentano del 3% le attività deteriorate verso clientela, il cui valore lordo è pari a 2,22 miliardi (2,15 miliardi al 31 dicembre 2013) con un incidenza del 20,01% sul totale impieghi (19,7% a dicembre 2013). Il livello di copertura degli attivi deteriorati si attesta al 53,26% per le sofferenze (52,9% al 31 dicembre 2013) e al 20,02% per gli incagli (17,9% nell esercizio precedente). Analogamente agli impieghi, anche le passività finanziarie registrano un incremento del 7% rispetto all esercizio precedente, attestandosi sui 47,1 miliardi, così come evidenziato nella tabella seguente: 12

15 L ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO /migliaia 30-giu dic-13 delta Debiti verso banche Debiti verso clientela Passività finanziarie: - rappresentate da titoli di negoziazione valutate al fair value (12.154) - derivati di copertura Totale passività onerose Altre Passività e fondi Patrimonio netto Totale passivo La raccolta interbancaria si è attestata a 23,9 miliardi in aumento del 11,8 per cento rispetto a quelli di dicembre 2013 (21,4 miliardi), principalmente per la maggiore raccolta collateralizzata presso BCE (16 miliardi rispetto a 14 miliardi al 31 dicembre 2013) e per l incremento dei depositi vincolati da parte delle BCC. La provvista da clientela ordinaria è risultata in aumento rispetto a dicembre 2013, passando da 16,9 miliardi di dicembre 2013 a 17,2 di giugno 2014, a seguito dell effetto combinato della maggiore operatività in pronti contro termine passivi effettuata con la Cassa di Compensazione e Garanzia (15 miliardi rispetto a 14 miliardi al 31 dicembre 2013) e della riduzione dei c/c passivi e depositi liberi delle BCC. Le passività finanziarie rappresentate da titoli aumentano di 159 milioni, per l effetto netto delle nuove emissioni obbligazionari effettuate da Iccrea Banca, tra cui anche un prestito subordinato per 200 milioni, e dei rimborsi effettuati nel corso dell esercizio. Le passività finanziarie valutate al fair value (fair value option), rappresentate dalle obbligazioni strutturate emesse da Iccrea Banca, si riducono di 12 milioni per scadenze intervenute nel periodo. La composizione del patrimonio netto consolidato risulta la seguente: /migliaia 30-giu dic-13 delta Riserve da valutazione Riserve Capitale Sovrapprezzi di emissione Azioni proprie (-) (1.497) (1.489) (8) Utile (Perdita) d'esercizio (+/-) (12.793) Patrimonio di pertinenza del Gruppo Patrimonio di pertinenza di terzi (+/-) Totale patrimonio netto Il patrimonio netto di pertinenza del gruppo ammonta a 1,6 miliardi, segnando un incremento di 43,4 milioni rispetto al 31 dicembre 2013 (1,56 miliardi), dovuto principalmente: all aumento delle riserve da valutazione, riconducibile all incremento del fair value dei titoli disponibili per la vendita in portafoglio alla data del 30 giugno al netto delle cessioni effettuate nel semestre; all utile semestrale. Da un punto di vista regolamentare, la composizione dei fondi propri risulta la seguente: I fondi propri - / giu-14 (B3) 31-dic-13 (B2) delta - Capitale Sociale Riserve di utili Utile di esercizio (11.935) - Altre componenti di CE complessivo (1.866) Filtri prudenziali su AFS (68.514) (3.091) (65.423) - Avviamenti (18.436) (18.650) Immobilizzazioni immateriali (9.153) (10.230) Deduzione società assicurative - (24.528) Own credit risk (6.400) (10.769) Patrimonio netto Terzi (2.488) - Altri Elementi (890) (3.706) Common Equity Tier 1 (CET 1) Prestiti subordinati computabili Leggi speciali di rivalutazione (51.604) - Deduzione società assicurative - (24.528) Patrimonio netto Terzi (1.492) Altri Elementi (2.151) Tier 2 (T2) Totale Fondi propri

16 ICCREA HOLDING S.P.A. RELAZIONI SEMESTRALI E BILANCIO CONSOLIDATO 30 GIUGNO 2014 o Il Common Equity Tier 1 ( CET1 ) al 30 giugno 2014, quale capitale regolamentare di alta qualità, si attesta a milioni con un incremento di 111 milioni rispetto al 31 dicembre 2013 ( milioni), per effetto dei seguenti principali incrementi: 79 milioni, per l applicazione ai saldi consolidati al 31 dicembre 2013 delle nuove norme Basilea 3 che, tra l altro, prevedono: o l inclusione nel CET1 delle riserve per leggi speciali di rivalutazione, pari a 52 milioni al 31 dicembre 2013, precedentemente computate nel Tier 2; un trattamento prudenziale differente delle partecipazioni in società assicurative (Bcc Vita e Bcc Assicurazioni), da assoggettare a ponderazione (250%) rispetto alla precedente normativa in cui venivano dedotte dal patrimonio di vigilanza (circa 25 milioni dal Tier 1); 32 milioni, essenzialmente riferibili al risultato di periodo e ai minori filtri negativi ( FVO ) derivanti dal merito creditizio sulle passività strutturate di Iccrea Banca. Il totale dei fondi propri (TCR) ammonta a milioni ( milioni al 31 dicembre 2013), con un aumento di 153 milioni, riconducibile all effetto netto delle seguenti variazioni: emissione del prestito subordinato di classe 2 da parte di Iccrea Banca per 200 milioni, computabile a livello di gruppo per 181 milioni in considerazione dell eccedenza patrimoniale registrata al 30 giugno dalla Banca e tenuto conto delle disposizioni transitorie previste dalla CRR; differente determinazione dell ammortamento teorico di vigilanza sulle passività subordinata e mancata computabilità di due strumenti subordinati emessi da Iccrea BancaImpresa che incorporano clausole di tipo step-up con incentivo al rimborso a causa delle quali, ai sensi della nuova regolamentazione prudenziale, devono essere eliminate dai fondi propri, per complessivi 109 milioni. Gli attivi ponderati per il rischio ( RWA ) al 30 giugno 2014 si attestano a milioni: Attivi ponderati per il rischio ("RWA") - /000 Credito e controparte, di cui 30-giu-14 (B3) 31-dic-13 (B2) delta ( ) - supporting factor ( ) - ( ) - DTA CCG società assicurative CVA Mercato Operativo Totale RWA ( ) con una riduzione di 189 milioni rispetto al 31 dicembre 2013 ( milioni), per le seguenti principali variazioni, in parte riferibili alle nuove norme prudenziali (CRR) entrate in vigore al 1 gennaio 2014: -636 milioni per l effetto del supporting factor legato ai crediti concessi alle PMI che, ai sensi della nuova normativa, beneficiano di una riduzione dei requisiti patrimoniali (del 23,81%) per il rischio di credito sulle esposizioni in bonis che, a livello consolidato, non superino 1,5 milioni; +208 milioni quali maggiori RWA relative alle imposte anticipate ( DTA ) iscritte nel bilancio consolidato che pur essendo esposizioni verso amministrazioni centrali, rispetto al precedente quadro normativo, vengono ponderate in modo differente a seconda della tipologia; +123 milioni quali RWA riferite alla ponderazione delle società assicurative (Bcc Vita e Bcc Assicurazioni), in precedenza oggetto di deduzione; +51 milioni per la ponderazione, determinata con il cd calcolo alternativo (semplificato) previsto dall art. 310 della CRR, dell operatività con Cassa Compensazione e Garanzia; dei nuovi requisiti prudenziali da calcolarsi sugli aggiustamenti relativi al rischio di controparte (credit Valuation Adjustment CVA) per coprire le perdite derivanti dagli aggiustamenti al valore di mercato dei contratti derivati OTC a seguito delle variazioni del merito di credito, con stima di maggiori RWA per 180 milioni; +168 milioni quale maggiori RWA sui rischi di mercato per la maggiore operatività in strumenti derivati. Per effetto delle suddette variazioni, al 30 giugno 2014 il Common Equity Tier 1 ( CET 1 ) capital ratio si attesta all 11,13% (10,18% al 31 dicembre 2013), al di sopra 14

17 L ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO del 7% richiesto dalla normativa prudenziale (e al di sopra dell 8,5% di coefficiente di capitale di classe 1, cd. Additional Tier 1, soddisfatto con elementi di capitale primario in assenza di strumenti addizionali) tenuto anche conto del capital conservation buffer (2,5%) previsto per i Gruppi bancari. Il Total Capital Ratio ammonta al 12,73% (11,45% al 31 dicembre 2013), comprendendo i rischi di mercato e i rischi operativi, al di sopra del 10,5% previsto per i Gruppi Bancari. CAPITAL RATIOS 30-giu-14 (B3) 31-dic-13 (B2) delta CET 1 ratio 11,13% 10,18% 0,94% Total Capital ratio 12,73% 11,45% 1,28% Dal punto di vista reddituale, nella seguente tabella vengono riportate le principali grandezze economiche del Gruppo. minori plusvalenze realizzate da Iccrea Banca a seguito della cessione di titoli di stato classificati nel portafoglio AFS. minori variazioni negative da Fair value option (FVO) sulle passività strutturate di Iccrea Banca, per l andamento degli spread creditizi. Gli oneri operativi netti pari a 154 milioni aumentano di 9 milioni rispetto al periodo precedente (145 milioni) in relazione alle seguenti dinamiche: aumento delle spese del personale, per il rinnovo del CCNL e dell aumento della forza lavoro, principalmente per il rafforzamento delle strutture operative; aumento delle altre spese amministrative, correlato ai numerosi progetti di gruppo, con particolare riferimento a quelli regolamentari. Le rettifiche di valore nette su crediti si attestano a 86 milioni, importo complessivamente elevato e in linea al periodo precedente (83 milioni) a causa della dinamica della qualità degli attivi. /migliaia 30-giu giu-13 delta Margine di interesse (4.687) Commissioni nette Risultato da negoziazione (10.034) Utili da cessione titoli AFS (8.811) Risultato "FVO" (6.653) (22.469) Margine di intermediazione (11.993) - spese per il personale (79.452) (72.425) (7.027) - altre spese amministrative (79.186) (70.903) (8.283) Totale Oneri operativi netti ( ) ( ) (9.234) Risultato della gestione operativa (21.227) Rettifiche di valore nette crediti (85.591) (82.929) (2.662) Risultato corrente al lordo delle imposte (25.610) imposte sul reddito (16.737) (29.667) utile netto dei terzi (1.736) (1.304) (432) Utile netto del Gruppo Iccrea (12.908) L utile netto del Gruppo, pari a 22,3 milioni, si riduce di 13 milioni rispetto al periodo precedente (35,2 milioni), per effetto delle seguenti variazioni sulle principali componenti di conto economico. Il margine di intermediazione pari a 283 milioni è diminuito di 12 milioni rispetto al periodo precedente (295 milioni) per la dinamica delle seguenti voci: il margine di interesse si riduce a seguito della contrazione dei tassi minimi sui contratti di leasing e del maggior costo della raccolta; diminuzione del risultato netto di negoziazione per la minore operatività in derivati; 15

18 ICCREA HOLDING S.P.A. RELAZIONI SEMESTRALI E BILANCIO CONSOLIDATO 30 GIUGNO GLI EVENTI DI RILIEVO DEL PRIMO SEMESTRE 2014 VISITA ISPETTIVA DI BANCA D ITALIA In data 6 marzo u.s., in ottemperanza a quanto previsto dall art. 33 del Regolamento UE n. 1024/2013 del Consiglio del e della Decisione della BCE del , la Banca d Italia ha disposto l accertamento ispettivo sul Gruppo Iccrea con l obiettivo di esaminare la qualità degli attivi del bilancio consolidato al 31 dicembre 2013 (Asset Quality review) previsto nell ambito del Single Supervisory Mechanism. In tale ambito, inoltre, sono state avviate le attività per la fase di Stress Test condotta dalla BCE in collaborazione con l EBA e la Banca d Italia, da completarsi entro ottobre 2014 per la valutazione dell adeguatezza patrimoniale del Gruppo Iccrea. Nel mese di agosto e di settembre sono proseguite le interlocuzioni con la BCE e la Banca d Italia, fornendo dati e informazioni sui trattamenti seguiti nella fase di Stress Test, nonché chiarimenti o integrazioni rispetto ai controlli di qualità definiti a livello europeo. Nel mese di settembre, inoltre, inizieranno gli incontri tra la BCE e le banche per la condivisione dei risultati dell esercizio. I contatti con gli organismi di vigilanza sono continui, ma fino alla pubblicazione dei risultati, attesa per metà ottobre, non sono prevedibili le possibili misure di rafforzamento patrimoniale che saranno decise dalla BCE per i gruppi bancari assoggettati alla valutazione. BASILEA 3 Con l obiettivo di creare un unico quadro normativo in grado di armonizzare in termini di frequenza, contenuto informativo e modalità di rappresentazione la regolamentazione riferita alle segnalazioni di vigilanza degli Stati Membri, il Comitato di Basilea ha approvato i principi e le nuove regole, che hanno trovato la loro declinazione nelle normative approvate dal Parlamento Europeo (CRD IV e CRR) e nelle istruzioni operative emesse dall EBA (cd ITS). In particolare, una volta approvati dalla Commissione Europea, i nuovi requisiti tecnici (ITS) sono direttamente applicati alle banche dell Unione Europea e la Banca d Italia sta modificando le attuali segnalazioni di vigilanza, con particolare riferimento a: Corep, riferito alle segnalazioni prudenziali in materia di patrimonio, rischi e coefficienti patrimoniali; Finrep, riferito al bilancio e alle segnalazioni statistiche consolidate; Leverage ratio, indicatore riferito alla copertura del Tier 1 rispetto all esposizione totale (attivi patrimoniali e fuori bilancio); Liquidity ratios, finalizzati a rafforzare i presidi a breve e a medio-lungo termine a fronte del rischio di liquidità. Le disposizioni di Basilea 3 hanno profondamente riformato la disciplina del patrimonio di vigilanza delle banche, sia sotto il profilo qualitativo sia sotto quello quantitativo, con l obiettivo di rafforzare il ruolo del capitale quale principale presidio a fronte dei rischi assunti. In tale ambito, il nostro Gruppo ha dato corso all adeguamento alle nuove regole che, peraltro, costituiscono il quadro normativo nel quale la BCE eserciterà le proprie funzioni di vigilanza sui principali gruppi bancari europei, tra cui anche il Gruppo Iccrea. PATRIMONIALIZZAZIONE DEL GRUPPO In considerazione delle nuove norme approvate rispettivamente dal Parlamento Europeo e dal Consiglio Europeo (c.d. Basilea 3) e con l obiettivo di assicurare il rispetto dei livelli minimi di patrimonializzazione delle banche del Gruppo, nel corso del primo semestre 2014 sono state eseguite le operazioni di aumento del capitale sociale di Iccrea Banca Impresa, da 475 a 675 milioni, e di Banca Sviluppo, da 32 a 42 milioni. Inoltre, a marzo 2014 Iccrea Banca ha effettuato l emissione di un prestito obbligazionario subordinato Tier II per un importo di 200 milioni, da collocarsi presso il Sistema del Credito Cooperativo, che consentirà di migliorare ulteriormente il livello di patrimonializzazione individuale e di Gruppo. PROGRAMMA ICT DI SISTEMA Con l obiettivo di ridurre le attuali ridondanze e facilitare la gestione della relazione della singola BCC con il cliente finale, il Gruppo ha avviato un programma di trasformazione dell attuale modello di servizio per l ICT verso un modello integrato, evoluto ed efficiente. In tale ambito, a conclusione del progetto avviato nello scorso esercizio, il 29 aprile 2014 Iccrea Holding ha perfezionato il contratto di acquisto della maggioranza del capitale sociale di Iside Spa, poi trasformata in BCC Sistemi Informatici SpA, con l obiettivo di realizzare un polo tecnologico comune in grado di garantire 16

19 L ANDAMENTO DELLA GESTIONE DEL GRUPPO una soluzione informatica integrata ed una filiera completa, omogenea ed efficiente per tutte le BCC. Successivamente alla conclusione del Contratto con i Soci di riferimento, Iccrea Holding ha formulato agli altri Soci un offerta di acquisto delle partecipazioni dagli stessi detenuti in Iside alle medesime condizioni di prezzo offerte ai Soci di Riferimento, parzialmente conclusa a luglio Inoltre, a fine dicembre 2013 è stato sottoscritto un contratto con IBM per il consolidamento in un unica infrastruttura condivisa degli ambienti ICT di BCC Sistemi Informatici e di Iccrea Banca, in modo da aumentare il livello di ottimizzazione e conseguire importanti benefici sia in termini di riduzione dei costi operativi che di efficacia e resilienza del servizio. PROGETTO DI UN POLO UNICO DI GESTIONE NPL Con l obiettivo di razionalizzare le attività di recupero e di gestione per le diverse realtà del Gruppo Bancario e creare uno strumento che possa essere messo a servizio anche del Sistema, è stato deliberato la costituzione di un polo unico all interno del Gruppo per il recupero e la gestione dei crediti in sofferenza. Tale processo trova una sua prima concretizzazione con la cessione del ramo d azienda, in data 22 gennaio 2014, di Iccrea BancaImpresa a BCC Gestione Crediti SpA che è stata incaricata di svolgere l attività relativa alla gestione e recupero dei crediti in sofferenza anche per tutte le società del Gruppo. ed assimilati, attualmente svolte da Iccrea Banca e, parzialmente, anche da Iccrea Banca Impresa. L intervento di razionalizzazione ha previsto la cessione del ramo d Azienda di Iccrea Banca. La stipula dell atto è stata effettuata il 26 febbraio 2014, con efficacia giuridica dal 5 aprile RATING In data 03 febbraio 2014, l Agenzia di rating Fitch Ratings ha ridotto il giudizio attribuito ad Iccrea Holding, Iccrea Banca ed Iccrea BancaImpresa. Il rating di medio-lungo termine è stato ridotto da BBB+ a BBB, quello a breve termine da F2 a F3, confermando l outlook negativo. La riduzione del rating operata dall Agenzia Fitch Ratings riflette la deteriorata qualità dell'attivo, che è solo parzialmente compensata dalla recente ricapitalizzazione di Iccrea Holding. ASSIETTA PRIVATE EQUITY SGR Nel mese di giugno 2014 Iccrea Holding ha dismesso la quota azionaria del 20% in Intermonte BCC Private Equity SGRpA, successivamente fusa in Assietta Private Equity SGRpA di cui Iccrea Holding ha acquistato il 10% del capitale sociale. PROGETTO MOBILE PAYMENTS Il Gruppo, attraverso Iccrea Banca, ha valutato positivamente la possibilità di ingresso nel capitale sociale di Satispay, start-up operante nel campo dei mobile payments, avente l obiettivo di creare un circuito di pagamento nuovo e indipendente rispetto alle altre soluzioni di mobile payment, con lo sfruttamento della rete e degli strumenti di pagamento SEPA, offrendo nel contempo servizi complementari rispetto ai prodotti Monetica offerti da Iccrea Banca. TRASFERIMENTI INFRAGRUPPO Nell ambito del processo di razionalizzazione delle attività del gruppo, è stato deliberato di concentrare le attività di sportello nei confronti della clientela retail in un unica Banca del Gruppo, individuata in Banca Sviluppo in cui sono confluite tutte le attività di servizio inerenti la clientela retail per la gestione dei conti correnti e delle operazioni di credito, riferite ai dipendenti 17

20 ICCREA HOLDING S.P.A. RELAZIONI SEMESTRALI E BILANCIO CONSOLIDATO 30 GIUGNO GLI EVENTI SUCCESSIVI E L EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE EVENTI SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DELLA SEMESTRALE PATRIMONIALIZZAZIONE DEL GRUPPO Nell ambito del processo volto a favorire una rafforzamento quali-quantitativo dei mezzi propri del Gruppo Bancario Iccrea, tenendo anche conto degli impatti derivanti dall entrata in vigore del Nuovo Schema di Regolamentazione internazionale del Settore bancario (cd. Basilea 3 ) e degli obiettivi di capitalizzazione indicati dall Organo di Vigilanza, Iccrea Holding ha avviato fin dal 2012 un progetto di aumento del proprio capitale sociale, da attuare in più fasi, al fine di consentire contestualmente il riequilibrio della partecipazione delle BCC al capitale sociale della stessa. Con l obiettivo di consolidare il nuovo modello di relazione tra il Gruppo e le BCC, in coerenza con le condizioni economiche della precedente tranche e in modo da garantire uno sviluppo sostenibile al nostro Sistema - ritenendo che l attuale contesto di riferimento consenta di proporre alle BCC Azioniste che si trovino nella condizione prevista (partecipazione in Iccrea Holding inferiore al 6% del proprio patrimonio di vigilanza, riferito alla data del 31 dicembre 2013) un aumento di capitale loro riservato fino a concorrenza della soglia predetta - il Consiglio di Amministrazione di questa Capogruppo, nella seduta del 22 maggio u.s., ha deliberato di esercitare la facoltà anzidetta ex art c.c. previo rilascio del provvedimento di accertamento di cui alla presente istanza finalizzata all aumento del capitale sociale, scindibile, a pagamento, con esclusione del diritto di opzione, fino ad un massimo di 48 milioni, oltre sovrapprezzo, mediante emissione di un massimo di n azioni, del valore nominale di 51,65 cadauna, da offrire in sottoscrizione alle BCC/CR di cui sopra, entro il 30 novembre OPERAZIONI T-LTRO E COSTITUZIONE T-LTRO GROUP Nell ambito degli interventi di politica monetaria adottati dalla Banca Centrale Europea, lo scorso 5 giugno la BCE ha annunciato per il biennio un programma di prestiti destinati al sostegno dell economia reale, articolato in otto operazioni di finanziamento denominate Targeted Longer-Term Refinancing Operations T-LTRO. Nei documenti di dettaglio pubblicato il 3 luglio è prevista la partecipazione alle T-LTRO su base individuale ovvero mediante l adesione ad un gruppo all uopo costituito tra soggetti aventi stretti legami oppure collegati dalla detenzione delle riserve obbligatorie presso l Eurosistema. A tal fine, Iccrea Banca è capofila del T-LTRO Group delle BCC aderenti che, alla data del 31 luglio 2014, hanno conferito all Istituto la gestione in delega della riserva obbligatoria (ROB) e sottoscritto apposito contratto. CESSIONE DELL ATTIVITA DI BANCA DEPOSITARIA Sempre nell ambito del processo di razionalizzazione delle attività del Gruppo e secondo gli indirizzi strategici definiti dalla Capogruppo, il Consiglio di Amministrazione di Iccrea Banca ha deliberato l accettazione dell Offerta pervenuta da ICBPI per l acquisto delle attività di Banca Depositaria. Nel mese di maggio è stato siglato l accordo Quadro e sono in corso le attività implementative, propedeutiche per il perfezionamento dell operazione. PROGETTO DI UN POLO UNICO DI GESTIONE NPL Nel secondo semestre 2014, al fine della realizzazione di una soluzione a vantaggio di tutto il Credito Cooperativo, è stato individuato in Italfondiario S.p.A., società del Gruppo Fortress Investment Group LLC il partner industriale con cui saranno sviluppate sinergie sul lato operativo e finanziario, facendo leva sull ampia gamma di servizi e competenze di cui essa dispone. In coerenza con quanto precede, BCC Gestione Crediti ha acquisito il 100% di Federlus Factoring, società operante nel recupero crediti deteriorati per conto delle BCC della Federazione Lazio-Umbria-Sardegna. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Lo scenario economico atteso per il secondo semestre 2014 continua a presentarsi pieno di insidie, la ripresa economica rimane ancora fragile e incerta mentre il cammino verso una crescita economica stabile e duratura appare ancora lungo e non di facile attuazione. In questo contesto è ancora più fondamentale per il GBI ricercare strategie di sviluppo verticale (maggiore penetrazione dei servizi offerti sulla propria clientela) e di efficientamento con riferimento in particolare al presidio dei costi e in questa direzione si sviluppata anche la strategia dell ultimo Piano Industriale che prevede: la focalizzazione sulla mission di supporto alle BCC nello sviluppo delle proprie attività di riferimento attraverso la conferma del mercato di riferimento costituito dalle BCC e dai loro clienti elettivi sia attuali che potenziali (allargamento della base clien- 18

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli