LA REVOCATORIA FALLIMENTARE Pag LA REVOCATORIA RIFORMATA (decreto legge 14 marzo 2005, n. 35) Pag

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA REVOCATORIA FALLIMENTARE Pag. 1-40. LA REVOCATORIA RIFORMATA (decreto legge 14 marzo 2005, n. 35) Pag. 41-53"

Transcript

1 LA REVOCATORIA FALLIMENTARE Pag LA REVOCATORIA RIFORMATA (decreto legge 14 marzo 2005, n. 35) Pag

2 REVOCATORIE FALLIMENTARI Sommario. 1-Le revocatorie fallimentari. Principi generali 2-La revocatoria degli atti a titolo gratuito a-concetto di gratuità b-casistica b.1-costituzione fondo patrimoniale b.2-comunione tra coniugi b.3-donazione remuneratoria b.4-rinuncia all eredità b.5-garanzie per debito altrui b.6-varie c-atti gratuiti non soggetti all inefficacia 3-La revocatoria di cui all art. 67 l.fall. 3.1-Caratteristiche generali a-il danno b-il consilium fraudis c-il periodo sospetto d-la prescrizione e-determinatezza dell oggetto della domanda revocatoria 3.2-Le singole fattispecie revocatorie Il primo comma dell art. 67 l.fall. a-i num. 1 e 2 del primo comma dell art. 67 l.fall. a.1-la notevole sproporzione a.2-il pagamento con mezzi anormali b-i num. 3 e 4 del primo comma dell art. 67 l.fall. b.1-la contestualità Il secondo comma dell art. 67 l.fall. a-gli atti a titolo oneroso a.1-sono stati ritenuti revocabili a.2-sono stati ritenuti non revocabili b-le garanzie per debiti contestualmente creati c-il pagamento di crediti liquidi ed esigibili c.1-pagamenti coattivi. c.2-pagamenti in favore di legalmonopolista. c.3-pagamenti di crediti assistiti da garanzia reale consolidata c.4-pagamento effettuato da terzo. c.5-pagamento effettuato dal terzo su conto corrente bancario del fallito c.6-pagamento effettuato dal terzo fideiussore. c.7-varie d-il pagamento di crediti liquidi ed esigibili. La revocatoria delle rimesse in conto corrente bancario. d.1-rimesse solutorie e ripristinatorie d.2-saldo disponibile d.3-operazioni bilanciate d.4-pluralità di conti e compensazione 2

3 d.5-pluralità di linee di credito d.6-distribuzione dell onere probatorio d.7-distribuzione dell onere probatorio 3.3-L elemento soggettivo a-concetto di insolvenza b-la scientia decotionis nell ipotesi di fallimento del socio illimitatamente responsabile c-la scientia decotionis nelle fattispecie regolate dal 1 comma dell art. 67 d- La scientia decotionis nelle fattispecie regolate dal 2 comma dell art. 67 d.1-la prova per presunzioni d.2-la qualifica di banchiere dell accipiens d.3-casistica 3.4-Aspetti processuali a-competenza e giurisdizione b-composizione del tribunale c-legittimazione attiva c.1-la legittimazione nell ipotesi di fallimento di società di persone c.2-la pozione di terzo del curatore d-autorizzazioni all esercizio dell azione e-rapporti tra le varie fattispecie normative e modifica della domanda f-improseguibilità della revocatoria e concordato fallimentare g-l interesse ad agire h-legittimazione passiva 3.5-Effetti della pronuncia revocatoria a-effetti tra le parti e nei confronti della massa b-effetti del azione revocatoria nei confronti dei terzi subacquirenti b.1-esperibilità dell azione b.2-significato della mala fede b.3-distribuzione dell onere probatorio della mala fede 3.6-Le esenzioni dalla revocatoria a-istituti autorizzati b-credito fondiario c-factoring d-esenzioni da altre leggi speciali 3.7-La ricollocazione del credito di restituzione a-la reviviscenza delle garanzie e delle prelazioni a.1-reviviscenza della fideiussione a.2-reviviscenza dell ipoteca a.3-reviviscenza dei privilegi 3

4 1-Le revocatorie fallimentari. Principi generali Nell attuale legge fallimentare, improntata ad una visione del fallimento come procedura essenzialmente liquidatoria dell impresa, l azione revocatoria fallimentare è stata configurata come strumento tendenzialmente inteso a colpire tutte le operazioni compiute dal fallito nel periodo sospetto, con un attenuazione dei presupposti ed una maggiore agevolazione probatoria rispetto alla revocatoria ordinaria, dato che quest ultima comporta utilità per il solo creditore procedente, il quale può poi coattivamente soddisfarsi sul bene alienato dal debitore al terzo, nel mentre la revocatoria fallimentare determina l'accrescimento delle attività fallimentari a giovamento dell intera massa dei creditori. Consentita è comunque l'utilizzo di uno o dell altro rimedio a scelta del curatore, che può preferire fare ricorso alla revocatoria ordinaria, nonostante la necessità di assolvere agli oneri probatori di cui all art c.c., quando l atto non ricade nel periodo sospetto o quando un creditore abbia, precedentemente alla dichiarazione di fallimento, iniziato uti singulus un'azione revocatoria, che il curatore può, appunto, proseguire nell' interesse dalla massa. Le norme cardini del sistema revocatorio fallimentare sono quelle di cui agli artt. 64 e 67 l.fall.; la prima sancisce l inefficacia degli atti a titolo gratuito compiuti dall imprenditore poi fallito nei due anni antecedenti la dichiarazione di fallimento e la seconda sancisce l inefficacia di tutti gli atti a carattere oneroso, comprese costituzioni di garanzie e pagamenti, compiuti dal fallito nell ultimo anno o negli ultimi due anni antecedenti la dichiarazione di fallimento. La natura gratuita od onerosa dell atto revocando comporta una notevole differenza tra le due fattispecie, che si traduce, a sua volta, in una differente regolamentazione normativa. È sufficiente, infatti, porre a raffronto la disciplina dell art. 64 (e 65) con quella dell art.67 (e. 66) per evidenziare una chiara differenza tra le varie ipotesi di inefficacia relativa di atti giuridici nei confronti della massa, si vede, così che mentre nel primo gruppo il dettato normativo determina direttamente la privazione di effetti di determinati atti (sono privi di effetto rispetto ai creditori), per cui l'inopponibilità dei singoli atti alla massa dei creditori viene data per presupposta al semplice realizzarsi della fattispecie, nel secondo gruppo l'inopponibilità o viene esplicitamente subordinata ad una domanda della curatela (art. 66 per la revocatoria ordinaria nel falli mento, secondo cui "il curatore può domandare che siano dichiarati inefficaci"), o viene correlata ad una speciale ripartizione dell'onere della prova tra le parti (art. 67, 1 e 2 comma, così pure gli artt. 68 e 69 l.fall.), con la conseguenza di fare assumere al contraddittorio processuale il ruolo di uno strumento necessario per ottenere la modificazione giuridica degli effetti di determinati atti. Da questo raffronto emerge come ai destinatari degli atti gratuiti (art. 64), o che hanno elementi di gratuità (art. 65), la legge abbia inteso conferire una minore tutela rispetto a quelli che hanno una loro autonoma causa giustificativa, essendo evidente che, nel raffronto tra gli interessi della massa e quelli del singolo, chi si è avvantaggiato senza corrispettivo, con pregiudizio certo per la massa e violazione della par condicio in presenza di uno stato di insolvenza in atto, deve cedere all esigenza della tutela collettiva, che si traduce nella inefficacia degli atti a titolo gratuito per precetto normativo, quanto meno dalla dichiarazione di fallimento, indipendentemente dalla consapevolezza delle parti in ordine alla sussistenza dell'insolvenza di una di esse. Al contrario per quegli atti che hanno una loro corrispettività ed una causa giustificativa, la tutela della massa è subordinata all'accertamento sia di situazioni soggettive di consapevolezza (ancorché talora presunte in virtù dell'oggettiva anomalia dell'atto che di per sé è indice di detta consapevolezza, salvo prova contraria), sia di pregiudizio per la massa, ancorché concretizzato nella violazione della par condicio; situazioni che la lettera ed il sistema probatorio dell'art. 67 deferiscono ad una pronuncia giudiziale dalla quale l'inefficacia relativa, nonché il credito restitutorio alla finalità satisfattiva della massa, deriva. Da ciò deriva che mentre l azione disciplinata dall art. 64 ha carattere oggettivo, costituito dalla natura gratuita dell atto, opera automaticamente, indipendentemente dalla condizione soggettiva dei soggetti che hanno 4

5 partecipato all atto, l azione è imprescrittibile e la sentenza che riconosce inefficacia ha carattere dichiarativo, la sentenza che dichiara l inefficacia ex art. 67 l.fall. immuta una situazione giuridica in termini nuovi ed originali in forza di una decisione del giudice, per cui assume carattere costitutivo in quanto modifica ex post una situazione giuridica preesistente, sia nel privare di effetto nei confronti della massa fallimentare atti che altrimenti avevano già conseguito la loro piena efficacia, sia nella conseguente pronuncia restitutoria dei beni o delle somme oggetto di revoca alla funzione di garanzia generale (principio di responsabilità ex art C.C.) ed alla soddisfazione dei creditori di una delle parti dell'atto. A queste conclusioni la S.C. è pervenuta dopo un lungo ed articolato dibattito sulla natura costitutiva o dichiarativa dell azione revocatoria fallimentare di cui all art. 67 l.fall., del quale è superfluo rendere conto perché la questione può ormai ritenersi superata con l espressa presa di posizione delle Sezioni Unite nel senso sopra indicato. Invero, le Sezioni Unite sono intervenute due volte. La prima volta con due sentenze a breve distanza (Cass. S.u , n e Cass. S.u , n. 6225) hanno affermato che la situazione giuridica vantata dalla massa ed esercitata dal curatore non integra un diritto di credito (alla restituzione della somma o dei beni) esistente prima del fallimento (nè nascente all'atto della dichiarazione dello stesso) e indipendentemente dall'esercizio dell'azione giudiziale, per cui rappresenta un vero e proprio diritto potestativo all'esercizio dell'azione revocatoria, rispetto al quale non è configurabile l'interruzione della prescrizione a mezzo di semplice atto di costituzione in mora (conf. la giurisprudenza successiva, cfr. Cass , n. 8086; Cass , n. 1635; Cass , n. 58). La seconda volta hanno statuito che in ipotesi di vittorioso esperimento della revocatoria fallimentare relativa ad un pagamento eseguito dal fallito nel periodo sospetto, l'obbligazione restitutoria dell accipiens soccombente in revocatoria ha natura di debito di valuta e non di valore, atteso che l'atto posto in essere dal fallito è originariamente lecito e la sua inefficacia sopravviene solo in esito alla sentenza di accoglimento della revocatoria, dovendosi ritenere la natura costitutiva di tale sentenza e perciò qualificare come diritto potestativo (e non come diritto di credito) la situazione giuridica facente capo al curatore fallimentare che agisce in revocatoria; ne consegue che gli interessi sulla somma da restituirsi da parte del soccombente decorrono dalla data della domanda giudiziale e che il risarcimento del maggior danno conseguente al ritardo con cui sia stata restituita la somma di denaro oggetto della revocatoria spetta solo ove l'attore alleghi specificamente tale danno e dimostri di averlo subito (Cass. S.U , n. 437). Quasi obbligata questa seconda soluzione dal precedente intervento, ma molto significativa in quanto rifiuta quell interpretazione alla base della quale vi era la convinzione della natura illecita ab origine del pagamento poi soggetto a revocatoria, il cui elemento oggettivo è dato dalla sottrazione dei beni alla massa e l'elemento soggettivo è costituito dalla consapevolezza da violare le regole della par condicio creditorum (così testualmente Cass. n ); con la conseguente attribuzione all'azione revocatoria di una funzione meramente accertativa dell'illecito stesso e dichiarativa della correlata obbligazione restitutoria, appunto ex illicito e, come tale, di valore. Le S.u. hanno, invece, ribadito l opposta linea interpretativa, che- muovendo dalla inversa configurazione dell'azione revocatoria come azione costitutiva in quanto diretta a privare di efficacia, con riguardo alla finalità di ricostituire la garanzia patrimoniale del debitore, un atto perfettamente valido (e non quindi illecito) tra le parti, è pervenuta alla diversa conclusione che è solo dal vittorioso esperimento della predetta azione, con conseguente rimozione dell'effetto della sottrazione della somma pagata all'azione esecutiva concorsuale, che nascono, per il terzo convenuto, l'obbligazione personale di restituzione del tantundem (debito, per tale profilo, quindi, di valuta) e, per la massa, il corrispondente diritto di esigerlo per i fini indicati. Sebbene queste pronunce siano finalizzate alla soluzione delle specifiche problematiche della interruzione della prescrizione con un atto stragiudiziale e della natura del debito restitutorio conseguente alla pronuncia di inefficacia di pagamenti e dei riflessi sul computo degli interessi, è indubbio che esse, anche per la bontà degli argomenti addotti, hanno posto un punto fermo sulla natura costituiva dell azione di revocatoria fallimentare, i cui effetti refluiscono in più direzioni, da cui non è possibile più prescindere. 5

6 2-La revocatoria degli atti a titolo gratuito a-concetto di gratuità L art.64 sancisce l inefficacia degli atti a titolo gratuito compiuti dal fallito nei due anni anteriori alla dichiarazione di fallimento. Ciò sta a significare che l'art. 64 propone un concetto ampio di gratuità, che si fonda unicamente sulla diminuzione del patrimonio del fallito senza corrispettivo. Invero, la giurisprudenza più recente ha ben chiarito che occorre distinguere non solo tra negozio a titolo gratuito e negozio a titolo oneroso, ma anche tra gratuità e liberalità (Cass , n. 3615; Cass., , n ), nel senso che, infatti, l'assenza di corrispettivo, se è sufficiente a caratterizzare i negozi a titolo gratuito (così distinguendoli da quelli a titolo oneroso), non basta invece ad individuare i caratteri della donazione, per la cui sussistenza sono necessari, oltre all'incremento del patrimonio altrui, la concorrenza di un elemento soggettivo (lo spirito di liberalità) consistente nella consapevolezza di attribuire ad altri un vantaggio patrimoniale senza esservi in alcun modo costretti e di un elemento di carattere obbiettivo, dato dal depauperamento di chi ha disposto del diritto o ha assunto l'obbligazione Ciò significa che ai fini della inefficacia sancita dall'art. 64 sono irrilevanti, oltre alla sussistenza o meno dell'insolvenza dell'imprenditore al momento dell'atto in contestazione e alle situazioni soggettive tipiche di varie ipotesi revocatorie (la conoscenza o la conoscibilità dei presupposti soggettivi ed oggettivi del fallimento all'epoca dell'atto contestato), anche le situazioni tipiche della donazione (lo animus donandi), proprio perchè la nozione di gratuità, contenuta nella norma fallimentare, non è coincidente con la categoria civilistica dei negozi liberali non assumendo rilievo alcuno l'aspetto soggettivo della condotta dispositiva, sia nei rapporti tra solvens e accipiens sia nei riguardi dello stato di insolvenza. La S.C. ha, altresì, bene evidenziato come la nozione di gratuità contenuta nell'art. 64 non sia coincidente neppure con la categoria dei negozi tipici a titolo gratuito (comodato, mutuo senza interessi, deposito gratuito), perchè in questi manca il depauperamento del patrimonio di chi li pone in essere e normalmente non vi è neppure aumento patrimoniale di chi ne beneficia, e, nel sistema dell'art. 64 l.fall., al di fuori di una menomazione patrimoniale (intesa nel senso ampio accennato nel primo parag.) sfuma la ragione stessa della previsione normativa in esame. Se, invero, lo schema di riferimento essenziale, anche se non esclusivo, delle fattispecie dell'art. 64 l.fall. inerisse ai contratti tipici a titolo gratuito senza depauperamento patrimoniale per il disponente, alla tutela del fallimento sarebbe sufficiente l'esercizio delle azioni contrattuali di restituzione, e non avrebbe spiegazione la statuizione di inefficacia che trova nella disciplina dell'art. 64, una delle più drastiche disposizioni, fondata esclusivamente su situazioni oggettive che, come è pur stato rilevato, trova eguale rigore solo nel dettato dell'art. 44 l.fall.. Di conseguenza, la nozione ricavabile dalla lettera e dalla collocazione dell'art. 64 è che per atto gratuito deve intendersi l'atto di disposizione compiuto dal fallito senza alcun corrispettivo, diretto o indiretto; ossia, la norma colpisce, con la dichiarazione di inefficacia, l'atto gratuito in quanto esso refluisce negativamente sul patrimonio del fallito diminuendo la garanzia dei creditori, senza tener conto della posizione del terzo contraente, sicchè nessuna protezione viene a questi accordata quando non abbia sopportato alcun sacrificio riversabile nel patrimonio del fallito, perchè la legge ha come punto di riferimento la tutela dei creditori per gli effetti dell'atto sul patrimonio del fallito. E, a ben vedere, non potrebbe essere diversamente perchè l'art. 64 l.fall. copre l'intera area di tutela dei creditori del fallito rispetto agli atti a titolo gratuito, per cui è impensabile sottrarre alla sanzione dell'inefficacia solo gli atti a titolo gratuito per entrambi i soggetti. Se così fosse, infatti, mancherebbe per i creditori del fallito qualsiasi strumento di tutela specifica per quegli atti compiuti dal fallito nel periodo sospetto, senza spirito di liberalità, che comunque abbiano determinato una diminuzione patrimoniale senza contropartita. Si pensi, ad esempio, alla costituzione di fondo patrimoniale, agli atti unilaterali di rinuncia ad un diritto obbligatorio o reale parziale non determinato da animus donandi, e, più in generale, agli atti 6

7 dispositivi che si traducono in un beneficio per un terzo compiuti dal fallito nell'imminenza del fallimento non per attuare una donazione indiretta, ma con lo scopo preciso di sottrarre i beni all'aggressione dei creditori (esempio tipico: acquisto con danaro proprio di beni che vengono intestati ad altri). E pur vero che l'art. 64 l.fall. sottrae all'inefficacia alcuni atti di liberalità, quali i regali d'uso, gli atti compiuti in adempimento di un dovere morale o a scopo di pubblica utilità, che, pur provocando sul patrimonio del fallito lo stesso pregiudizio di altri atti a titolo gratuito, non subiscono la stessa sanzione in considerazione della loro apprezzabilità sociale e, quindi, in considerazione della causa dell'atto, degna di speciale tutela, e non degli effetti patrimoniali; ma questa parte della norma costituisce una disposizione di carattere eccezionale nella disciplina della fattispecie, per cui non può assurgere a principio generale e, comunque, anche per le eccezioni viene in parte recuperato il criterio della gratuità sanzionabile in quanto la sottrazione all'inefficacia viene condizionata ad un giudizio di proporzionalità; giudizio che ha come termini di riferimento la liberalità da un lato e il patrimonio del fallito dall'altro, sicchè gli atti citati sono opponibili ai creditori del fallito nella misura in cui non abbiano determinato un vero e reale pregiudizio per essi. In realtà, proprio queste limitate e tassative esenzioni, proposte dalla norma in via di eccezione, fanno capire come la regola comune sia quella contenuta nella prima parte della norma, che, comprende, quindi, ogni altro atto del fallito, che disponga del suo patrimonio senza che il medesimo riceva in cambio un qualche significativo vantaggio, senza che possa assumere rilievo il fatto che il solvens disponga del proprio patrimonio a vantaggio di un terzo, ovvero che l accipiens sia creditore di un terzo in favore del quale il solvens abbia effettuato il pagamento (Cass., , n. 5616; Cass , n ). In altre parole, la sanzione di inefficacia di cui all art. 64 colpisce il pagamento in sé considerato e non già il beneficio che da tale pagamento può derivare all accipiens. Nell ipotesi in cui un atto a titolo oneroso dissimuli la gratuità dell atto dispositivo, occorrerà esperire in via preliminare, contestualmente all azione di inefficacia ex art. 64 l azione di simulazione relativa per pervenire all accertamento della gratuità dell atto inefficace. Per quanto concerne, infine, la prova del carattere gratuito dell atto dispositivo, va ricordato che, secondo il constante orientamento giurisprudenziale, la natura gratuita di un atto di disposizione patrimoniale, agli effetti della declaratoria d inefficacia ai sensi dell art. 64 può essere desunta dalla mancanza di corrispettività contabile nei libri dell imprenditore fallito e dalla mancata deduzione ad opera del convenuto di un rapporto giuridico fondato su un apprezzabile e coerente sinallagma negoziale. b-casistica b.1-costituzione fondo patrimoniale La costituzione del fondo patrimoniale determina soltanto un vincolo di destinazione sui beni confluiti nel fondo stesso, affinché con i loro frutti assicurino il soddisfacimento dei bisogni della famiglia e di conseguenza, assumendo il contenuto della formazione di patrimonio di scopo, il fondo resta insensibile all attrazione alla massa; tuttavia, poichè la costituzione non incide sulla titolarità della proprietà dei beni stessi, nè implica l'insorgere di una posizione di diritto soggettivo in favore dei singoli componenti del nucleo familiare, in quanto non è previsto alcun obbligo dei coniugi a provvedere al mantenimento della famiglia mediante la creazione di tale fondo, questo rimane un atto gratuito in mancanza di qualsiasi corrispettivo in favore dei costituenti, che incide riduttivamente sulla garanzia generica dei creditori ai sensi dell'art c.c. (Cass., , n , Cass., , n. 8379; Cass., , n. 4174; Cass , 6954;Cass , n. 8013; Cass , n. 2604; Cass n ). b.2-comunione tra coniugi L attribuzione alla comunione tra coniugi ex art. 177 c.c. di beni personali dell imprenditore è stata considerata atto gratuito revocabile (Cass., , n. 351; Cass , n. 954, contra Cass., , n. 3164, poiché atto costituente adempimento di un dovere morale), così come, di contro, la 7

8 convenzione con la quale i coniugi scelgono il regime della separazione dei beni, e la successiva dichiarazione negoziale con la quale il coniuge non acquirente conferma che il bene non appartiene alla comunione (App. Trento in Giur. merito 2002, 1269 (s.m.). b.3-donazione remuneratoria La figura della donazione remuneratoria, prevista dall'art. 770, 1 comma, c.c., è caratterizzata dalla rilevanza giuridica che assume il "motivo" dell'attribuzione patrimoniale, correlata specificamente ad un precedente comportamento dei donatori, nei cui confronti la liberalità si pone come riconoscenza, apprezzamento di meriti o "speciale rimunerazione" di attività svolta. Ancorché dominata da tale "motivo", l'attribuzione non cessa peraltro di essere spontanea, e l'atto conserva la "causa" di liberalità, perché discrezionale, nel quomodo e nel quantum, non essendovi il donante tenuto né in base ad un vincolo giuridico, nè in adempimento di un dovere morale o di una consuetudine sociale, con la conseguenza che in nessun caso l'attribuzione patrimoniale può assumere la qualificazione giuridica di corrispettivo, neppure per la parte corrispondente al valore del servizio reso (In termini, Cass., , n. 1411; conf. Cass., , n. 1989). b.4-rinuncia all eredità Non configura atto a titolo gratuito la rinuncia all eredità, impugnabile nelle forme e con i limiti di cui all art. 524 c.c. (Cass., , n. 2395). Egualmente, qualora il fallito, quale legittimario pretermesso, abbia rinunziato all'azione di riduzione nei confronti delle disposizioni testamentarie lesive dei propri diritti, il curatore che intenda reagire avverso tale decisione pregiudizievole degli interessi dei creditori fallimentari, non può ricorrere all'azione revocatoria di cui all'art. 64 l. fall., ma deve impugnare la rinunzia all'azione di riduzione ai sensi dell'art. 524 c.c., norma che ancorché dettata per la rinunzia all'eredità deve ritenersi applicabile anche alla rinunzia ai diritti che spettano al legittimario (Trib. Napoli, in Giur. napoletana 2003, 469) b.5-garanzie per debito altrui Ai fini della declaratoria di inefficacia di cui all art. 64, gli atti di costituzione di garanzia per debito altrui, reale o personale, vanno distinti in contestuali o non contestuali al sorgere del credito. I primi sono di natura onerosa. La S.C. ha, infatti anche di recente (Cass , n.3615) ribadito che "con riguardo ad un atto costitutivo di garanzia prestata dal terzo contestualmente alla erogazione di un credito in favore di altro soggetto, il principio stabilito per l'azione revocatoria ordinaria dall'art. 2901, secondo comma, c.c.- secondo il quale le prestazioni di garanzia, anche per debiti altrui, sono considerati atti a titolo oneroso, quando sono contestuali al sorgere del credito garantito- è estensibile anche al sistema revocatorio fallimentare, essendo tale principio coerente con la natura intrinseca dell'atto (di prestazione di garanzia), il quale, nei confronti del soggetto erogatore del finanziamento, non può essere considerato gratuito- con conseguente inapplicabilità dell'art. 64 della l.fall. (salva la revoca ex art. 67, secondo comma, della legge stessa), perché viene a porsi in relazione di corrispettività con la contestuale erogazione del credito" (conf. Cass., , n ; Cass., , n. 5562; Cass., , n. 7997; Cass., , n. 4608; Cass., , n. 3085; contra Cass., , n. 5264). In questo caso, infatti, non può affermarsi che il soggetto erogatore del credito riceva una prestazione gratuita, anche se il garante non veda in concreto ricompensata la sua prestazione. Viene in gioco, cioè, non solo la posizione del terzo concedente la garanzia, ma anche quella del beneficiario della garanzia stessa, in una valutazione comparativa e bilanciata che porta ad escludere la gratuità quando la garanzia costituisce la condicio sine qua non dell'operazione creditizia, perché la garanzia, che nella sua fase attuativa individua una situazione di sussidiarietà, quando non di accessorietà, del credito, nella fase costitutiva può integrare un presupposto dell'operazione di credito, nel senso che l'operazione stessa non vi sarebbe stata se non vi fosse 8

9 la garanzia (Cass., , n ). Non sarebbe né ragionevole né equo, pertanto, privare il creditore di una garanzia senza la quale non avrebbe affatto erogato il credito, rendendola inefficace in nome di un'eventuale gratuità che non lo coinvolge, posto che egli è del tutto estraneo e indifferente al rapporto tra garante e garantito. Ovviamente, l'art c.c. fissa una presunzione di onerosità per la prestazioni di garanzia contestuali, ma non stabilisce affatto una presunzione di gratuità per le prestazioni di garanzia non contestuali, che possono essere, in relazione alla fattispecie, a titolo oneroso, ed allora rientreranno nella previsione dell art. 67 l.fall., ovvero a titolo gratuito, trovando in tal caso disciplina nell'art. 64 l.fall., come nel caso della mancanza di un corrispettivo economicamente apprezzabile proveniente dal debitore principale o dal creditore garantito (Cass., , n. 4608). E stato, invece, ritenuto oneroso il contratto di prestazione di garanzia ipotecaria per un debito altrui, qualora il creditore garantito presti corrispettivamente il consenso alla proroga di scadenza del debito del terzo suo debitore (Cass., , n ). Sulla contestualità si rinvia al commento del primo comma dell art. 67. b.6-varie Sono, altresì, inefficaci il patto di riservato dominio nella vendita di beni mobili, nel caso in cui il patto stesso sia reso opponibile nei confronti dei terzi con atto scritto successivo alla conclusione del contratto in forma verbale (Cass., , n. 5213, Cass., , n. 5324), il pagamento di debito altrui da parte del terzo successivamente fallito, che costituisce atto a titolo gratuito nei confronti dell originario debitore rimasto estraneo all atto solutorio (Cass., , n. 6929), la rinuncia al credito vantato verso la società da parte del socio di maggioranza successivamente fallito (Cass., , n. 73). c-atti gratuiti non soggetti all inefficacia Si è già detto che l art. 64 sottrae alla declaratoria di inefficacia i regali d uso e gli atti compiuti in adempimento di un dovere morale o a scopo di pubblica utilità, purché vi sia proporzione tra la liberalità ed il patrimonio del donante. Per quanto attiene il requisito della proporzione tra l atto gratuito ed il patrimonio del fallito, è opinione dominante che il giudizio di proporzionalità debba tenere conto del patrimonio del fallito al netto delle passività esistenti al momento dell atto (Cass., , n. 1045). La giurisprudenza di legittimità, in tema di adempimento di un dovere morale, ha, inoltre, affermato la necessità di accertare sia l esistenza della situazione tale da integrare, nella sua oggettività, gli estremi del dovere morale, sia che lo scopo perseguito dal solvens fosse stato effettivamente quello di adempiere al dovere morale (Cass., , n. 5268; Cass , n. 3164). Per quanto attiene ai regali d uso, il criterio di quantificazione viene solitamente individuato nelle donazioni di modico valore, di cui all art. 783 c.c. (Cass., , n. 4394). Per atti compiuti a scopo di pubblica utilità devono intendersi gli atti che, non potendo essere ricompresi tra i regali d uso e gli atti compiuti in adempimento di un dovere morale, costituiscono adempimento di principi di solidarietà sociale. 9

10 3-La revocatoria di cui all art. 67 l.fall. 3.1-Caratteristiche generali a-il danno La dottrina tradizionale ritiene che un atto sia soggetto a revocatoria solo se ed in quanto abbia apportato un pregiudizio al patrimonio del debitore poi fallito, che può essere costituito anche dalla lesione della par condicio provocata dall atto revocando (tesi indennitaria). Negli anni settanta è stata prospettata la funzione redistributiva della revocatoria fallimentare in quanto ha lo scopo di ripartire la perdita normalmente derivante dall insolvenza accertata dalla sentenza dichiarativa di fallimento, non solo tra i creditori esistenti al momento della sentenza, ma tra una collettività più ampia, comprensiva anche di coloro che hanno avuto causa dal fallito prima del fallimento, quale rimedio rivolto a ripristinare la parità di trattamento tra tutti i creditori, pur nel rispetto delle eventuali cause di prelazione, e, quindi, mirante a garantire il rispetto della par condicio creditorum. E questo il sunto della tesi antindennitaria, per la quale, quindi, la revocatoria fallimentare non ha tra i suoi presupposti il danno causato dall atto impugnato, tendendo, appunto a ripartire la perdita tra i creditori, per cui possono essere assoggettati a revocatoria anche atti che non hanno causato pregiudizio o addirittura hanno portato ad un incremento del patrimonio del fallito rispetto alla consistenza precedente al compimento dell atto. La giurisprudenza, pur continuando ad individuare nel danno uno dei presupposti della revocatoria fallimentare, ritiene anche che non è necessario l accertamento dell effettivo pregiudizio della massa dei creditori, essendo questo presunto, fatta salva, peraltro, la possibilità di una prova contraria a tale presunzione, così sfumando l onere probatorio a carico della curatela. Nell applicazione giurisprudenziale è, quindi, fortemente sfumata la differenza tra la tesi indennitaria e antindenniataria, conseguenza inevitabile nel momento in cui il legislatore ha ammesso la revoca dei pagamenti e la giurisprudenza ha, come si vedrà meglio in seguito, ritenuto il pagamento un atto autonomamente revocabile indipendentemente dalla revoca dei contratti sottostanti; scomposto, infatti, un rapporto sinallagmatico nelle sue varie componenti, il pagamento come atto autonomo è sempre necessariamente dannoso, nel mentre, se inserito nel contesto in cui è stato effettuato, poteva non essere pregiudizievole in considerazione della controprestazione ricevuta. O, almeno, lo è il pagamento di un creditore chirografario, ove il pregiudizio nasce dal soddisfacimento parziale ottenuto da un creditore a danno degli altri qualora l attivo sia insufficiente alla integrale soddisfazione di tutti. Ricondotta la lesione della par condicio nella più ampia categoria del pregiudizio, si spiega perchè la giurisprudenza dica che per i creditori il danno è presunto concretandosi nella stessa lesione della par condicio (Cass., , n. 3878; Cass., , n. 1390). Si tratta, tuttavia, di presunzione iuris tantum, restando a carico del convenuto la dimostrazione dell inesistenza del pregiudizio alla massa fallimentare (Cass., , n. 9146; Cass., , n. 9908; Cass , n )- mentre è precluso al giudice qualunque accertamento d ufficio (Cass., , n. 7649; Cass., , n. 1390). In realtà, posto che la prova della sussistenza del danno negli atti a titolo oneroso è anch essa implicita e comunque verificabile solo in sede di riparto finale, il riferimento alla assenza o meno del pregiudizio viene dalla giurisprudenza quasi esclusivamente riferito alla revoca dei pagamenti ai creditori assistiti da prelazione. In questi casi, e, in particolare, nella revocatoria dei pagamenti assistiti da garanzia ipotecaria, si dice che la revocatoria deve ritenersi ammissibile se il curatore provi che, ad onta della garanzia, sussista ugualmente il pregiudizio per la massa e cioè che il credito soddisfatto non troverebbe comunque capienza totale o parziale per la concorrenza di crediti privilegiati poziori (Cass , n. 9479; Cass , n. 9146; Cass , n. 2751; Cass , n. 495). In questi casi, cioè, l interesse ad azionare la revocatoria sussiste soltanto se e nei limiti in cui il curatore dimostri che il creditore, senza quel pagamento, non avrebbe trovato capienza, in tutto o in parte, sul ricavato del bene cui la garanzia si riferisce, in ragione della sua insufficienza ovvero della concorrenza su di esso di crediti privilegiati poziori; quel pagamento, 10

Le azioni del Curatore: Il sistema delle revocatorie a tutela recuperatoria e della par condicio creditorum

Le azioni del Curatore: Il sistema delle revocatorie a tutela recuperatoria e della par condicio creditorum Le azioni del Curatore: Il sistema delle revocatorie a tutela recuperatoria e della par condicio creditorum Intervento AIGA Catanzaro 14 giugno 2013 Master Diritto fallimentare Santo Viotti Il curatore,

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

Azione revocatoria ordinaria

Azione revocatoria ordinaria INDICE SOMMARIO Parte Prima Azione revocatoria ordinaria VINCENZO VITALONE CAPITOLO PRIMO LA NATURA DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA........... pag. 3 CAPITOLO SECONDO GLI ATTI REVOCABILI 1. Le esclusioni............................»

Dettagli

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA - EFFETTI SUL TERZO ACQUIRENTE E SUL TERZO SUB-ACQUIRENTE - Va innanzitutto evidenziato che l effetto dell azione revocatoria, quale mezzo di conservazione della garanzia patrimoniale,

Dettagli

L istituto della revocatoria fallimentare rappresenta ancor oggi, a distanza di oltre

L istituto della revocatoria fallimentare rappresenta ancor oggi, a distanza di oltre LE SCELTE DEL LEGISLATORE DEL 1942 L istituto della revocatoria fallimentare rappresenta ancor oggi, a distanza di oltre cinquant anni dall entrata in vigore della legge fallimentare, un pilastro portante

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A.

L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL PRIVILEGIO DI CUI ALL ART. 9, COMMA 5, D.LGS. N. 123/1998: LE GARANZIE RILASCIATE DA SACE S.P.A. di MICHELA MANCINI e TOMMASO STANGHELLINI SOMMARIO: 1. La fattispecie all esame

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDA DI DIRITTO CONCORSUALE N. 03/2013 MONETARI entità e natura Gli interessi sono prestazioni pecuniarie accessorie, cioè che si aggiungono ad

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ IN GENERALE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XV CAPITOLO PRIMO L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ IN GENERALE Guida bibliografica... 3 1. Le diverse forme di accettazione dell eredità... 7 2. L apertura

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Istituzioni di diritto privato corso L -Z

Istituzioni di diritto privato corso L -Z UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Istituzioni di diritto privato corso L -Z anno accademico 2010/2011 secondo semestre - seconda parte SCHEMI LEZIONI 4 Prof. Avv. Laura Cavandoli

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com

Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Anticipazioni bancarie in conto corrente: la banca può eccepire la compensazione alle procedure concorsuali Settembre

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA

GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA FOCUS E APPROFONDIMENTI Fallimento Rapporti pendenti GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SULLA VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA di Luciano M. Quattrocchio e Gabriele Varrasi Sommario: 1.1. Vendita a rate con riserva

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO)

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) di Giorgio Tarzia, Avvocato e Professore Sommario: 1. Premessa - 2. La salvaguardia dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE

DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEROGHE AI PRINCIPI DELLA SEPARAZIONE PATRIMONIALE SOMMARIO 1)Il nuovo articolo 2929 bic c.c. (d.l. in corso di conversione); 2)Responsabilità patrimoniale; Azione revocatoria ; Alienazioni a titolo gratuito;

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE NOTA A SENTENZA N. 1675/2012 DEL 3.2.2012 DELLA CORTE DI CASSAZIONE (SEZIONE II CIVILE) A CURA DI MICHELANGELO PRINCIPE La questione all esame della Seconda Sezione Civile della Suprema Corte concerneva

Dettagli

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati

La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati La prova della scientia decoctionis nell azione revocatoria fallimentare contro i c.d. operatori qualificati SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il presupposto soggettivo dell azione revocatoria fallimentare 3.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2

Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2 Mercato Immobiliare e Donazioni 1 Spunti a cura di C. De Nicolellis 2 In questi ultimi anni, a seguito dell impennata del mercato immobiliare italiano, dovuta a numerosi fattori, il mutuo come prodotto

Dettagli

Cass., 6 agosto 2010, n. 18437

Cass., 6 agosto 2010, n. 18437 Cass., 6 agosto 2010, n. 18437! Nel caso in cui all ammissione da parte del tribunale della domanda di concordato preventivo, proposta ai sensi dell art. 160 l.fall. - ratione temporis vigente, secondo

Dettagli

LEZIONE DEL 24 gennaio 2014 CRISI ECONOMICA DELL IMPRESA: LE PROCEDURE CONCORSUALI

LEZIONE DEL 24 gennaio 2014 CRISI ECONOMICA DELL IMPRESA: LE PROCEDURE CONCORSUALI LEZIONE DEL 24 gennaio 2014 CRISI ECONOMICA DELL IMPRESA: LE PROCEDURE CONCORSUALI L impresa, come ogni organismo economico, è suscettibile di avere le sue crisi. Può affermarsi che queste si verificano

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI

GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI GLI EFFETTI DELLA SENTENZA DICHIARATIVA DI FALLIMENTO NEI CONTRATTI COMMERCIALI A cura di Walter Strozzieri Strozzieri & Associati La riforma delle procedure concorsuali ha ridisegnato gli effetti della

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO

Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Sentenza Tribunale di Piacenza 23 dicembre 2014 n. 928/2014 FATTO E DIRITTO Con atto di citazione ritualmente notificato, il fallimento A s.r.l., in persona del curatore, dopo aver premesso che, con sentenza

Dettagli

IL CASO.it 18 marzo 2006 1

IL CASO.it 18 marzo 2006 1 La rilevanza della distinzione tra conto scoperto e conto passivo nella nuova disciplina della revocatoria di rimesse in conto corrente bancario Brevi note 1. Premessa. Con specifico riferimento all azione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI NOTA A CORTE DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE SENTENZA 17 marzo 2015, n. 5193 A cura di TAMARA BONFANTI La fideiussione plurima e le spese legali sostenute dal creditore per escutere l altro fideiussore

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da Fallimento Ammissione al passivo: opposizione Domanda riconvenzionale Azione revocatoria in sede di giudizio di opposizione allo stato passivo Medesimo titolo e rapporto giuridico dedotto in giudizio -

Dettagli

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p.

RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA. Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. RESPONSABILITA PATRIMONIALE DEL DOTTORE COMMERCIALISTA NELLA VESTE DI SINDACO DI SOCIETA Avv. Gabriele Di Nuzzo Cristofori + Partners s.s.t.p. Art. 2407 c.c. Art. 2407 c.c. (Responsabilità) I sindaci devono

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 1016/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione seconda civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott.

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA

I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA I RAPPORTI TRA LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI E LA PROCEDURA FALLIMENTARE NEL CODICE ANTIMAFIA di Clelia Maltese, Magistrato Sommario: 1. La necessità della tutela dei terzi, la prevalenza della

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI

NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI NOVITA IN MATERIA DI PERDITA SUI CREDITI Come noto la crisi economica che da parecchi anni affligge il nostro paese ha costretto molti imprenditori a rinunciare all attività di recupero dei crediti, tenuto

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

Decisione N. 896 del 14 febbraio 2014

Decisione N. 896 del 14 febbraio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.)

Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l. fall.) Avv. Vittorio Lupoli 14 febbraio 2014 www.beplex.com II. GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI EX ART. 182-BIS L. FALL. Sommario: 1.

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

I crediti dell'avvocato

I crediti dell'avvocato Alumni Litubium Claviere (TO) - 12 e 13 Dicembre 2104 I crediti dell'avvocato Nuovi e vecchi scenari dopo le recenti riforme I rapporti con i clienti 2 Prima Durante Dopo Premessa: riforma del Tariffario

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Capitolo Primo LA CESSIONE DI CREDITO E LA SUCCESSIONE DEL CESSIONARIO NEL DIRITTO CEDUTO 1. La cessione del credito nella sistematica del codice

Dettagli

Le azioni revocatorie nel fallimento

Le azioni revocatorie nel fallimento Le azioni revocatorie nel fallimento acuradipaolo Bosticco Itinerari della giurisprudenza L autore propone un itinerario dei principali orientamenti della giurisprudenza in tema azioni revocatorie promosse

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità

La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità La nuova azione revocatoria fallimentare: cenni sulle principali novità Come noto, con la Legge 14 maggio 2005, n. 80 (la Legge 80/2005 ), è stato convertito il Decreto Legge 14 marzo 2005, n. 35, recante

Dettagli

PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA E TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI DA COSTRUIRE

PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA E TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI DA COSTRUIRE PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA E TUTELA DEGLI ACQUIRENTI DI IMMOBILI DA COSTRUIRE Il D.Lgs. n. 122/2005 ha introdotto una serie di novità normative a tutela degli acquirenti di immobili da costruire nel

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI SOMMARIO: 1. L' ingiustificatezza qualificata come via di accesso alla tutela reale. - 2. Le due ipotesi

Dettagli

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646)

E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) LAVORATORE SUBORDINATO GIUDIZIALMENTE DICHIARATO E TRATTAMENTO ECONOMICO CONSEGUENTE ALLA DECLARATORIA (CASS. CIV., SEZ. LAV., 06.11.2006, N. 23646) La problematica che si analizza riguarda le ricadute,

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice Unico del Tribunale di Bari, Quarta sezione civile, GOT Dott. Savino Gambatesa, ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta

Dettagli

ESERCITAZIONI DI DIRITTO PRIVATO. Applicazione delle regole in materia di contratti: casi e materiali

ESERCITAZIONI DI DIRITTO PRIVATO. Applicazione delle regole in materia di contratti: casi e materiali ESERCITAZIONI DI DIRITTO PRIVATO Applicazione delle regole in materia di contratti: casi e materiali INTRODUZIONE Le esercitazioni affiancano alla descrizione generica di alcuni istituti contrattuali (contratti

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Le spese e gli interessi nella domanda di ammissione al passivo

Le spese e gli interessi nella domanda di ammissione al passivo Le spese e gli interessi nella domanda di ammissione al passivo NOTE: Il presente lavoro rappresenta la risultanza degli studi e delle conoscenze dell Autore, anche in considerazione del fatto che molte

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE

TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE Tribunale di Torino - sez. fallimentare - 4 novembre 2011, decr. TRIBUNALE DI TORINO SEZIONE FALLIMENTARE In composizione collegiale nelle persone di Sigg.ri Magistrati Dott. Francesco DONATO Dott. Michela

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Avvocato ROBERTO FATTORI

Avvocato ROBERTO FATTORI GLI ATTI E GLI ACCORDI PER EVITARE IL FALLIMENTO DELL IMPRESA IN CRISI: I PIANI ATTESTATI DI RISANAMENTO E GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLE RECENTI RIFORME DELLA LEGGE FALLIMENTARE Premessa

Dettagli

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN 1. Il presupposto dell imposta sulle successioni e donazioni, come definito

Dettagli

Prof. Avv. Stefano Ambrosini. Cenni sulla nuova disciplina della revocatoria. (con particolare riferimento alle operazioni bancarie)

Prof. Avv. Stefano Ambrosini. Cenni sulla nuova disciplina della revocatoria. (con particolare riferimento alle operazioni bancarie) Prof. Avv. Stefano Ambrosini Cenni sulla nuova disciplina della revocatoria (con particolare riferimento alle operazioni bancarie) Testo provvisorio Relazione al convegno La soluzione delle crisi d impresa:

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

TRIBUNALE DI SALERNO I SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Salerno, I sezione civile, riunito in Collegio nelle persone dei signori: 1) Dott.

TRIBUNALE DI SALERNO I SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Salerno, I sezione civile, riunito in Collegio nelle persone dei signori: 1) Dott. TRIBUNALE DI SALERNO I SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Salerno, I sezione civile, riunito in Collegio nelle persone dei signori: 1) Dott. Antonio Valitutti Presidente 2) Dott. Maria Assunta Niccoli Giudice

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari.

Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari. Regola n.7 Accertamenti ed informazioni relativi ai privilegi immobiliari. 1. Nell indagine preliminare al ricevimento degli atti per i quali sussiste l obbligo di visure ipotecarie, il Notaio deve esaminare

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 BIS L.F. a cura di Avv. Giuseppe de Filippo Avv. Elena Garda Art. 182 bis L.F. I comma L imprenditore in stato di crisi può domandare, depositando

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli