Relazioni e Bilancio. Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 SOCIETÀ PER AZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilancio. Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 SOCIETÀ PER AZIONI"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio al 31 Dicembre 2012 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 SOCIETÀ PER AZIONI

2 sommario - Composizione Organi Sociali 3 - Le attività di Sirti 4 - Schema Gruppo Sirti 6 RELAZIONE SULLA GESTIONE - Condizioni operative ed evoluzione prevedibile della gestione 7 - Panorama dell'esercizio 11 - Partecipazioni 12 - Rischi ed incertezze 18 - Risorse Umane 27 - Ambiente 32 - Investimenti Industriali 33 - Ricerca e Sviluppo 34 - Analisi dei risultati reddituali e della situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo Sirti 37 - Tavole di analisi dei risultati reddituali e patrimoniali del Gruppo Sirti 46 - Analisi dei risultati reddituali e della situazione patrimoniale e finanziaria di Sirti S.p.A Tavole di analisi dei risultati reddituali e patrimoniali di Sirti S.p.A Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio 57 BILANCIO SEPARATO SIRTI S.p.A. AL 31 DICEMBRE Contenuto e forma del Bilancio - Prospetti della situazione patrimoniale-finanziaria e di Conto economico complessivo - Prospetto delle variazioni delle poste del patrimonio netto - Rendiconto finanziario - Note al bilancio - Altre informazioni - Rapporti con parti correlate - Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio - Allegati RIASSUNTO DELLE DELIBERAZIONI 130 ALTRE INFORMAZIONI Costi di revisione RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI ai sensi dell art. 2429, Comma 3, C.C. 132 RELAZIONE DI CERTIFICAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE - BILANCIO SEPARATO SIRTI S.p.A. 140 BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO SIRTI AL 31 DICEMBRE Contenuto e forma del Bilancio - Prospetti consolidati della situazione patrimoniale-finanziaria e di Conto economico complessivo - Prospetto delle variazioni delle poste del patrimonio netto - Rendiconto finanziario - Note al bilancio - Altre informazioni - Rapporti con parti correlate - Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell esercizio - Allegati RELAZIONE DI CERTIFICAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE - BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO SIRTI 204

3 Società per Azioni Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte di H.I.I.T. Holding Italiana Investimenti Tecnologici SpA Relazioni e Bilancio Bilancio consolidato al 31 Dicembre 2012 Bilanci certificati dalla

4

5 composizione organi sociali consiglio Prof. Angelo Miglietta (1) Presidente (a) Di amministrazione (Dott. Paolo Vantellini) Presidente (b) Ing. Stefano Lorenzi (2) (Ing. Filippo Aleotti) Dott. Danilo Oreste Broggi Ing. Salvatore Cerchione (Dott. Gianni Maria Chiarva) Dott. Alessandro Maria Cremona Dott. Giovanni Crespi Dott. Gianluca D'Avanzo Dott. Francesco De Leo (Dott. Salvatore Delle Cave) Ing. Galliano Di Marco Dott. Luca Maurizio Duranti Avv. Luca Scipione Fabbrini Dott. Gianmaria Lombardo (Dott. Dino Furlan) Dott. Philippe Minard Dott. Andrea Pescatori Ing. Edoardo Professione Dott. Pier Paolo Quaranta (Dott. Roberto Saviane) Dott. Marco Zanobio Avv. Francesco De Gennaro Amministratore Delegato Consigliere (c) Consigliere (d) Consigliere Consigliere (e) Consigliere (f) Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere (g) Consigliere Consigliere (h) Consigliere (i) Consigliere (l) Consigliere (m) Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere (n) Consigliere Segretario collegio Dott. Maurizio Salom Presidente sindacale Dott. Giovanni Bandera Sindaco Effettivo Dott. Cesare Piovene Porto Godi Sindaco Effettivo Dott. Francesco Genoni Sindaco Supplente Dott. Guido Riccardi Sindaco Supplente società Di Revisione Reconta Ernst & Young S.p.A. (1) Dal 18 dicembre 2012 rappresentante legale con i poteri di legge e di statuto. (2) Dal 1 febbraio 2011 rappresentante legale con i poteri di legge e di statuto. (a) Nominato Presidente dall'assemblea Ordinaria del 18 dicembre 2012, precedentemente nominato consigliere dall'assemblea Ordinaria del 21 maggio 2012 (b) Dimesso dalla carica di Presidente a far data dal 18 dicembre 2012 (c) Dimesso dalla carica di Consigliere a far data dal 2 aprile 2012 (d) Nominato con Assemblea Ordinaria del 18 dicembre 2012 (e) Dimesso dalla carica di Consigliere a far data dal 19 aprile 2012 (f) Nominato con Assemblea Ordinaria del 4 maggio 2012 (g) Nominato con Assemblea Ordinaria del 21 maggio 2012 e successivamente dimesso dalla carica di Consigliere a far data dal 23 maggio 2013 (h) Nominato Consigliere per cooptazione dal Consiglio di Amministrazione dell'1 giugno L'Assemblea Ordinaria del 31 gennaio 2012 lo ha confermato nella carica di membro del Consiglio di Amministrazione di Sirti S.p.A. (i) Nominato con Assemblea Ordinaria del 4 maggio 2012 (l) Nominato Consigliere per cooptazione dal Consiglio di Amministrazione del 27 maggio L'Assemblea Ordinaria del 27 giugno 2013 lo ha confermato nella carica di membro del Consiglio di Amministrazione di Sirti S.p.A. (m) Dimesso dalla carica di Consigliere a far data dal 18 aprile 2012 (n) Dimesso dalla carica di Consigliere a far data dal 20 aprile

6 le attività Di sirti Il Gruppo Sirti opera nel settore dell ingegneria e dell'impiantistica di rete e conta su un importante patrimonio di competenze tecnologiche, di capacità realizzative e gestionali e di soluzioni innovative per le telecomunicazioni, i trasporti e l energia, l information and communication technology e le infrastrutture. Si rivolge alle imprese, agli enti pubblici e a tutte le organizzazioni che hanno bisogno di una società di servizi in grado di seguire tutte le fasi di un progetto progettualità, realizzazione, procurement, gestione dei processi, manutenzione o di soluzioni turn key per reti, sistemi e infrastrutture tecnologiche, con affidabilità e una particolare attenzione alla sostenibilità e alla sicurezza. L offerta di Sirti, in virtù delle proprie profonde conoscenze tecniche delle reti, dei sistemi e dei processi di gestione, include la proposta dei c.d. 'managed services' ossia interi processi gestionali dei Clienti gestiti in maniera efficiente e competente da Sirti; tali servizi sono, di volta in volta, personalizzati sulle specifiche esigenze ed obiettivi del Cliente stesso. Il Gruppo pone una particolare attenzione nello svolgimento delle proprie attività, all impatto delle opere sull ambiente, sul territorio e sulla comunità; ha brevettato tecniche di installazione a basso impatto ambientale e adotta soluzioni operative orientate al risparmio energetico e alla salvaguardia dell ambiente. La società è certificata a Norma ISO 14001, lo standard internazionale che fissa i requisiti di un Sistema di gestione ambientale. Più nel particolare, il know-how di Sirti nei diversi settori, si declina in: Telecomunicazioni Sviluppo e realizzazione delle reti Conoscenza delle tecnologie e degli apparati Installazione ed integrazione Sviluppo di sistemi di gestione, controllo e supervisione delle reti Gestione delle politiche di sicurezza Outsourcing e gestione di processi e attività operatori (managed services) Attività di consulenza IT, system integration e data management. Trasporti su rotaia (ferrovie, metropolitane, filovie) Reti di telecomunicazione in cavo interrate o aeree (per trasmissioni WDM, SDH, ATM e IP) e reti radiomobili in ambito ferroviario GSM-R (Global System for Mobile Communication Railways) Impianti di trazione elettrica e di luce e forza motrice Sistemi di diffusione sonora Sistemi di videosorveglianza e messa in sicurezza delle gallerie Impianti di energia e forza motrice e impianti ausiliari Sistemi di segnalamento, tradizionali 4

7 e innovativi lungo linea e di stazione per ferrovie, metropolitane e tramvie: dispositivi ACC (Apparato Centrale a Calcolatore) e CTC (Controllo del Traffico Centralizzato) Energia reti di trasporto (ad alta tensione) aeree e interrate reti di distribuzione (media e bassa tensione) impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (solare ed eolico) soluzioni e servizi per l'analisi di compatibilità elettromagnetica soluzioni per la sicurezza, i sistemi di supervisione e controllo. Sirti è inoltre impegnata nell ambito degli Energy Services: fotovoltaico, eolico, impianti di cogenerazione anche attraverso tecniche e soluzioni per l efficienza energetica e la sostenibilità. La società fornisce ai propri clienti, sia presso le loro sedi che le proprie, servizi IT regolati da SLA e applicativi software negli ambiti, non esaustivi, del workflow management e della progettazione di reti; offre inoltre soluzioni ad alto contenuto tecnologico per la sicurezza dei dati e il networking e servizi di gestione e monitoraggio centralizzato per impianti di varia natura. Infrastrutture Tecnologiche impianti elettrici per edifici pubblici e privati, data center, porti, aeroporti, strade autostrade e stazioni ferroviarie impianti di climatizzazione e condizionamento d avanguardia, come quello realizzato per la Base Nato AF SOUTH impianti e sistemi di sicurezza fisica (videosorveglianza, controllo degli accessi, antintrusione e antipermanenza, rilevazione presenze) e sistemi di sicurezza logica, finalizzata a proteggere le reti, applicazioni, server e dati da attacchi e atti dolosi servizi di facility management per la gestione delle infrastrutture fisiche e logiche sede legale di sirti s.p.a.: Via Stamira d Ancona, 9 - Milano sede amministrativa di sirti s.p.a.: Via Stamira d Ancona, 9 - Milano 5

8 gruppo sirti al 31 DicemBRe 2012 Perimetro di consolidamento SIRTI S.p.A. (Italia) 100% 80% 55% 100% SIRTI FZ-LLC (Dubai) SIRTI SAUDI ARABIA Co. Ltd (Arabia Saudita) SIRTI ComPANy (Libia) SIRTI ARGENTINA S.A. (Argentina) Società collegate valutate a Patrimonio Netto nel bilancio consolidato 20% GENESA Ltd (Regno Unito) 6

9 Relazione sulla gestione Signori Azionisti, in ottemperanza a quanto stabilito dall art Codice Civile, Vi illustriamo la situazione della società e l andamento della gestione nel corso dell esercizio Si ricorda che il Consiglio di Amministrazione di Sirti S.p.A. del 25 marzo 2013 aveva deliberato di avvalersi ove dovesse rendersi necessario in relazione al verificarsi di una delle situazioni di cui all art. 2364, comma 2, Cod. Civ. e in particolare, in relazione alla tempistica necessaria per la redazione del bilancio consolidato del maggior termine di centottanta giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, per la convocazione dell Assemblea dei soci chiamata all approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre condizioni operative ed evoluzione prevedibile della gestione Nel corso dell esercizio 2012, le azioni volte al rilancio della società hanno consentito di realizzare una significativa svolta. Dopo un lungo periodo di contrazione degli ordinativi e delle attività, conseguente alla crisi economica nazionale ed ancor di più alle crescenti difficoltà del settore delle telecomunicazioni, nel corso del 2012 Sirti si è aggiudicata importanti commesse, in Italia ed all estero, che hanno permesso di accrescere il portafoglio degli ordini del 28% e di invertire il trend negativo di ricavi a partire dal mese di maggio Questi risultati sono ancora più rilevanti se contrapposti ad uno scenario del mercato italiano delle telecomunicazioni in forte deterioramento, caratterizzato da una continua pressione sui prezzi. Infatti la spesa degli operatori delle telecomunicazioni in investimenti e manutenzioni della rete fissa (mercato prevalente) è scesa nel 2012 del 6% (fonte Between febbraio 2013). Ciò nondimeno, Sirti ha ricevuto nel 2012 nuovi ordini per circa euro 642 milioni, in crescita del 3% rispetto al 2011 e soprattutto ha sottoscritto contratti quadro pluriennali per oltre euro 950 milioni. Si ricorda a questo proposito che i contratti quadro non vengono inclusi nell ammontare del portafoglio ordini, poiché la società rileva l acquisizione di un ordine solo limitatamente agli ordinativi di lavoro esecutivi effettivamente emessi all interno del contratto quadro. Si sottolinea che ben 247 milioni di euro di nuovi ordini (il 38% del totale) provengono da settori di attività diversi dalle telecomunicazioni, a riprova della validità della strategia di diversificazione intrapresa dall azienda. In dettaglio, si segnala l aumento degli ordinativi ricevuti dai clienti del settore Energia e da quelli del comparto estero; in evidenza in quest ultimo l assegnazione a Sirti Saudi Arabia di un contratto 7

10 pluriennale dell importo di quasi 10 milioni di euro e l assegnazione a Sirti di una gara per la realizzazione di una rete di trasporto ad Alta Tensione in Finlandia e di un altra gara analoga in Svezia di un importo di oltre 20 milioni di euro. Anche nell ambito delle attività tradizionali nelle telecomunicazioni, in coerenza con la propria strategia, la società si è impegnata a riequilibrare il portafoglio, focalizzandosi su contratti di maggiore complessità e di più elevato valore aggiunto. A questo riguardo, di particolare importanza è stata l aggiudicazione preliminare avvenuta alla fine di dicembre 2012, sottoscritta definitivamente in febbraio 2013 all ATI Huawei -Sirti di un importante accordo quadro quinquennale relativo alla realizzazione e manutenzione delle reti fisse e mobili per il cliente Wind. Tale accordo rappresenta per Sirti una prospettiva di ricavi per oltre 500 milioni nel quinquennio. Significativi contratti pluriennali, seppure di entità più contenute, sono stati assegnati a Sirti anche dal cliente Fastweb con il quale è stato avviato in partnership con Huawei un contratto di attività innovative in ambito managed services. Le acquisizioni di ordini da Telecom Italia, il principale cliente, si sono allineate a quelle del 2011, dando un positivo segnale di inversione del trend di discesa registrato negli ultimi anni. Si segnala il rinnovo del contratto quadro triennale relativo alla rete di accesso di Telecom Italia del valore di circa euro 390 milioni nel triennio. Per quanto riguarda gli Altri Operatori di Telecomunicazioni, si registra un generalizzato calo degli ordinativi a causa della contrazione negli investimenti e del calo di attività degli operatori minori. Infine, il portafoglio ordini consolidato a fine 2012 ammonta a circa 453 milioni di euro, in aumento del 28% rispetto al dato di dicembre I ricavi, nei primi mesi dell esercizio 2012, hanno proseguito l andamento negativo del recente passato, con una contrazione di circa il 20% rispetto al 2011, ma dal mese di maggio si è verificata una significativa inversione di tendenza con valori di crescita dei ricavi che si sono via via incrementati, sino a toccare una crescita anno su anno del 10% nell ultimo trimestre. Per effetto di questa dinamica, i ricavi consolidati hanno raggiunto i 518 milioni di euro, in lieve contrazione rispetto al Nel dettaglio, i ricavi verso il Cliente di riferimento (Telecom Italia), sono risultati sostanzialmente invariati, con un evidente recupero della relazione commerciale e delle quote di mercato. Sono invece risultati in calo i ricavi relativi all attività realizzata nei confronti degli Altri Operatori di Telecomunicazioni, per le citate dinamiche di spesa. La divisione Trasporti ed Energia ha realizzato il più significativo tasso di crescita dei ricavi rispetto al 2011 (+37%). In flessione invece i volumi di attività verso i mercati verticali (General 8

11 Contractors e Pubblica Amministrazione) a causa del completamento di vecchie commesse e del ritardo nella partenza di nuove commesse (prevalentemente Infratel). All estero è ripartita, pur in un contesto ancora di attenzione, l attività produttiva in Libia e proseguono le attività inerenti la realizzazione del tunnel in Abu Dhabi; è iniziata l attività produttiva inerente i contratti acquisiti in Scandinavia (Svezia e Finlandia): l estero ha quindi dato segnali di ripresa quasi triplicando i volumi di produzione rispetto al La costante pressione sui prezzi, ulteriormente rafforzata rispetto all esercizio precedente, ha causato una contrazione sotto il profilo reddituale. L EBITDA 1 consolidato, attestatosi a 27,9 milioni di euro (5,4% dei ricavi) mostra una riduzione rispetto al 2011 (che si è chiuso con un EBITDA 31,2 milioni di euro ). Al peggioramento dei profitti hanno concorso gli oneri derivanti dalla conflittualità e delle agitazioni sindacali generatasi nel periodo di aprile/maggio, a seguito della decisione della società di dare disdetta agli accordi economici integrativi al contratto nazionale di lavoro e di attuare un nuovo piano di gestione degli esuberi attraverso il ricorso ad ammortizzatori sociali (cassa integrazione guadagni e contratto di solidarietà). Il risultato operativo è pari a circa 9,4 milioni (rispetto agli 8,3 milioni del 2011) ed il risultato netto è negativo per 1 milione di euro circa (rispetto alla perdita netta di 22,7 milioni del 2011); tale risultato netto sconta, a livello di oneri finanziari, l andamento ancora negativo della valutazione dei derivati IRS in essere (-13,4 milioni di euro nell esercizio in chiusura, peraltro in miglioramento rispetto ai -16,6 milioni registrati nel 2011) e beneficia, a livello di imposte, degli effetti (+10,6 milioni di euro) derivanti dalla rideterminazione degli imponibili fiscali pregressi a seguito: i) delle istanze di rimborso IRES derivanti dalla mancata deduzione dell IRAP relativa alle spese per il personale dipendente ed assimilato, in attuazione di quanto concesso dal Decreto Legge n.201/2011 (effetto complessivo pari a quasi 8,9 milioni); ii) delle istanze di rimborso e delle dichiarazioni integrative presentate in relazione alla riconosciuta deducibilità degli oneri da contratti derivati di negoziazione (effetto economico complessivo pari a 1,7 milioni). A livello patrimoniale l indebitamento finanziario netto 2 a fine periodo è risultato pari a 189 milioni di euro, rispetto a 214 milioni di fine 2011, beneficiando della conversione in capitale sociale e riserve del patrimonio netto (intervenuta in data 30 giugno 2012 per complessivi 40,9 milioni) del prestito obbligazionario emesso a fine 2010 e sottoscritto da Banca IMI S.p.A. 1 Coincide con il Risultato operativo prima degli ammortamenti, delle svalutazioni/ripristini di valore di attività, delle plus./minusvalenze da alienazione. L EBITDA è un parametro utilizzato dal management per monitorare e valutare l andamento operativo, pur non essendo identificato come misura contabile nell ambito dei principi IFRS. 2 Include l indebitamento finanziario a breve, medio e lungo termine, le disponibilità liquide e mezzi equivalenti, i crediti finanziari ed i ratei e risconti di natura finanziaria. 9

12 Per quanto riguarda le società controllate, Sirti FZ-LLC ha realizzato ricavi inerenti la realizzazione delle infrastrutture tecnologiche del tunnel di Abu Dhabi per quasi 10 milioni di euro, chiudendo il periodo con un EBITDA leggermente positivo. In Medio Oriente la controllata Sirti Saudi Arabia Co. Ltd, ha avviato solo nella seconda parte dell esercizio le attività legate alle nuove acquisizioni precedentemente ricordate, pertanto con un modesto contribuito ai risultati consolidati dell esercizio (ricavi per circa 1 milione di euro ed EBITDA negativo per 0,2 milioni). La ripresa delle attività in Libia ha invece contribuito ai ricavi consolidati per oltre 16 milioni di euro, un EBITDA di 1,8 milioni e chiudendo con un risultato netto positivo di circa 1,5 milioni. Per quanto attiene all evoluzione dell attività del Gruppo, la capogruppo sta proseguendo nel processo di risanamento interno volto al recupero di efficienza operativa e ad un deciso contenimento dei costi, secondo le linee guida contenute nel Piano Industriale. Particolare attenzione in tal senso è rivolta ad un più ampio recupero di efficienza del fattore produttivo rappresentato dalla forza lavoro, sia attraverso interventi di revisione della struttura organizzativa, sia attraverso politiche di rideterminazione di alcune componenti del costo del lavoro, in funzione del raggiungimento di determinate performance aziendali, non potendo non tener conto dell evoluzione del settore delle Telecomunicazioni sotto illustrata. In tale prospettiva, sono in corso trattative con le OO.SS., volte alla rinegoziazione degli accordi integrativi aziendali che la società ha disdettato nel mese di aprile L esito di tali trattative, di rilevante importanza ai fini della competitività dell impresa, è tuttora incerto. Le prospettive a breve e medio termine dell attività verso gli operatori di telecomunicazioni sul mercato italiano, mentre sono da ritenersi positive in termini di crescita di volumi, segnalano tuttavia una contrazione della marginalità; ciò si correla con la negativa dinamica economica dei principali operatori del settore, clienti della Società. Per quanto concerne l attività all estero, si è detto delle attività nell Europa scandinava e in Libia, mentre prosegue l attività di scouting nelle regioni Middle East Nord Africa anche attraverso la ricerca di partner atti a rendere maggiormente efficace l approccio al mercato. È in fase di avvio la Joint Venture con un importante gruppo industriale del Qatar orientata allo sviluppo delle opportunità di mercato nel settore mediorientale/nordafricano. Per il 2013 si prevede una crescita significativa dei volumi di attività, con ricavi previsti a budget superiori a 600 milioni, peraltro nel ricordato contesto di un mercato che presenta erosioni dei margini industriali. 10

13 panorama dell esercizio Gli ordini acquisiti da Sirti S.p.A. nel 2012 sommano complessivamente circa 607 milioni di euro, in linea con le acquisizioni del 2011, ma con andamenti differenti nei diversi mercati in cui opera Sirti. Relativamente agli operatori di Telecomunicazioni, si registra una sostanziale tenuta degli ordinativi di Telecom Italia mentre relativamente ai nuovi operatori si evidenzia un calo di ordinativi di circa l 8%, da attribuirsi prevalentemente al calo di ordinativi di Wind nel periodo di emissione della gara per l outsourcing delle attività di rete (progetto BTN Build the network), il cui contratto quadro quinquennale è stato aggiudicato al raggruppamento di imprese Huawei/Sirti nel mese di dicembre con formula provvisoria e firmato definitivamente nel mese di febbraio Si segnalano tra le acquisizioni più significative anche il contratto di outsourcing poliennale acquisito da Fastweb (con Huawei main contractor) e, sempre da Fastweb, il contratto per la realizzazione di reti in fibra ottica in tecnologia FTTS. I ricavi realizzati da Sirti S.p.A. nel periodo sono pari a circa 492 milioni di euro, in calo del 6% rispetto ai 524 milioni del periodo di confronto. Tale diminuzione ha interessato i nuovi operatori in particolare Wind per le ragioni già citate la Pubblica Amministrazione e, soprattutto, i General Contractors per le Infrastrutture, mentre sono cresciuti i volumi di produzione del settore Trasporti e del comparto Energia. Infine va segnalata pur nel quadro di mercato assai difficile per quanto riguarda l attività produttiva e la redditività ad essa correlata la nota positiva del continuo incremento del portafoglio ordini che a fine esercizio, per le sole attività domestiche, si attesta a 383 milioni, +30%, senza tenere in considerazione i contratti quadro pluriennali i quali non vanno a comporre il portafoglio se non in misura degli ordinativi di lavoro già emessi in seno ai contratti stessi; oltre a Wind e Fastweb, già citati, si ricorda il rinnovo del contratto triennale per la rete di accesso con Telecom Italia. La stima complessiva di tali contratti, ancorché non impegnativa, appare dell ordine del miliardo di euro. Il volume degli ordinativi da parte dei clienti del comparto Trasporti si è mantenuto in linea con il 2011, gli ordinativi del comparto Energia sono più che raddoppiati, mentre nel settore Infrastrutture si è registrato un calo, soprattutto nella Pubblica Amministrazione. 11

14 partecipazioni L informativa riguarda i fatti più significativi che hanno caratterizzato nell esercizio 2012 le principali imprese del Gruppo Sirti. Si osserva che i bilanci delle società controllate sono stati elaborati applicando i criteri di valutazione e misurazione stabiliti dai principi contabili internazionali (IFRS) procedendo, in situazioni di eventuale discordanza con i local GAAP delle controllate estere, ad opportuni adattamenti. I riferimenti economici e patrimoniali contenuti nel presente commento sull andamento delle partecipazioni in società controllate sono pertanto espressi in configurazione IFRS. Imprese controllate La controllata Sirt Company for engineering and technology (55% Sirti S.p.A.; 45% LPTIC), con sede a Tripoli (Libia), ha realizzato nel corso dell esercizio 2012 ricavi per oltre 26 milioni di Dinari (circa 16,3 milioni di euro), conseguendo un EBITDA di circa 2,9 milioni di Dinari 1,8 milioni di euro) e un utile netto pari a 2,3 milioni di Dinari (1,5 milioni di euro). Il patrimonio netto al 31 dicembre 2012 è pari a 4,6 milioni di Dinari (2,8 milioni di euro) mentre la posizione finanziaria netta risulta positiva per 9,4 milioni di Dinari (5,7 milioni di euro). Il portafoglio ordini residuo al 31/12/2012 risulta pari a circa 34,5 milioni di euro. Oltre ad alcune residue attività relative agli originari contratti, le attività in portafoglio riguardano in particolare i contratti NGBN B3 e NGBN extension. La ripresa delle attività, sebbene avvenuta in un clima sociale e di sicurezza ancora instabile, ha consentitio comunque di confermare la previsione di un risultato economico positivo nell esercizio Dopo le elezioni tenutesi nel luglio 2012, la Libia sta attraversando una lenta fase di stabilizzazione politica, che non si è ancora conclusa e pertanto non sono stati ancora sbloccati i rilevanti programmi di ricostruzione e di investimento infrastrutturali necessari alla piena ripartenza del paese. L organico in forza al 31 dicembre 2012 è di 70 unità. La controllata Sirti Saudi Arabia Co. Ltd (80% Sirti S.p.A., 20% Al-Shoaibi Group) ha svolto nei primi mesi del 2012 prevalentemente attività commerciale e di Business Development, con l eccezione delle attività relative ad un change order, del contratto per il cliente Saudi Aramco Maintain Potential SCADA and RTU for Haradh and Hawiyah, acquisito ad inizio 2008, completate nel terzo trimestre Un ulteriore Contratto con Saudi Aramco per impianti SCADA, di importo assai più limitato (Mid Form Contract di circa 70mila ) è stato acquisito a luglio 12

15 2012 e completato nel corso dell anno. I ricavi totali dell esercizio sono stati pari a quasi 5 milioni di Saudi Riyals (circa 1 milione di euro) con un EBITDA ed un risultato netto negativi per circa 1 milione di Saudi Riyals (0,2 milioni di euro). Il patrimonio netto della società al 31 dicembre 2012 è pari a 1,6 milioni di Saudi Riyals (0,3 milioni di euro) mentre la posizione finanziaria netta risulta positiva per circa 0,5 milioni di Saudi Riyals (0,1 milioni di euro). Il 3 Luglio 2012 la società ha siglato con Saudi Aramco e Sumitomo Chemicals un Contratto Lump Sum Turn Key per attività prevalentemente di Telecomunicazioni nel Complesso Petrolchimico di Rabigh, 200 km a nord di Jeddah, per un importo complessivo di circa 10 milioni di euro. Le attività relative a tale contratto sono iniziate a fine luglio, con l esecuzione del Detailed Design, che si prevede di completare entro il terzo trimestre del Nel corso dei successivi mesi, Sirti Saudi Arabia ha proceduto all acquisto dei materiali relativi alla prima fase del Progetto, alla Costruzione dei Site Offices ed alla Mobilization dei primi Subcontractors in sito. Nel corso del 2012 la società ha intrapreso diverse iniziative commerciali, principalmente relative a gare per il cliente Aramco. Va segnalato che all inizio di aprile 2013 Sirti Saudi Arabia è risultata aggiudicataria di un contratto con Sadara Chemical Company, joint venture tra Saudi Aramco e Dow Chemical Company che sta costruendo un impianto petrolchimico in Arabia Saudita, del valore di circa 18,2 milioni di dollari, avente ad oggetto la realizzazione dei sistemi integrati di sicurezza. L organico in forza al è pari a 15 unità, tra personale dipendente locale, personale di Sirti S.p.A. in distacco e consulenti locali. La controllata Sirti FZ-LLC (100% Sirti S.p.A.), con sede negli Emirati Arabi Uniti, ha realizzato nel corso dell esercizio ricavi per circa 45,8 milioni di Dirham (9,7 milioni di euro), un EBITDA di 0,7 milioni di Dirham (poco più di 0,1 milioni di euro) ed una lieveperdita netta. Il patrimonio netto al 31 dicembre 2012 è pari a circa 7,4 milioni di Dirham (oltre 1,5 milioni di euro), mentre la posizione finanziaria netta risulta negativa per 6,1 milioni di Dirham (1,2 milioni di euro), di cui circa 10 milioni di Dirham (2,1 milioni di euro) rappresentati da debiti finanziari verso la controllante Sirti S.p.A. Nell esercizio 2012 la società è stata ancora impegnata sul progetto per la realizzazione dell automazione del Tunnel di Al Salam (ora rinominato Sheik Zayed) nell emirato di Abu Dhabi, con il cliente Samsung Saif Bin Darwish JV (il cliente finale è la municipalità di Abu Dhabi). In parallelo si è intensificata l attività di business 13

16 development sia tramite la partecipazione a gare pubbliche, sia attraverso una selettiva ricerca di opportunità commerciali nel settore MEP contracting, associata all individuazione e definizione di partnership. Dal punto di vista commerciale, le principali attività nel corso del 2012 hanno riguardato la negoziazione e finalizzazione delle varianti sul progetto Al Salam, la partecipazione a tre gare per il cliente Dewa (Ente per l Elettricità e Acqua di Dubai) e l elaborazione di offerte per le società di General Contracting locali. A seguito dell ormai completata attività relativa al contratto con Samsung Saif Bin Darwish JV per la realizzazione dell automazione del tunnel, il portafoglio ordini al risulta azzerato. Gli obiettivi per l anno 2013 prevedono l ottenimento del PAC per il progetto del tunnel, unitamente all acquisizione di nuove commesse, in particolare il contratto triennale di manutenzione preventiva e correttiva per tutti i sistemi di competenza nel progetto dello Sheik Zayed tunnel. Vanno anche segnalate iniziative commerciali su altri tunnel (ampliamento dell aereoporto di Abu Dhabi) e verso i General Contractor locali verso i quali Sirti FZ si è accreditata. Sono inoltre in discussione accordi di partnership con fornitori di tecnologie di rete e di sistemi di gestione SCADA (Huawei, BETA 80) per completare l offerta della società nel mercato locale. L organico in forza al 31 dicembre 2012, includendo il personale italiano in distacco (5 persone), è di 17 unità. La controllata Sirti Argentina S.A. (95% Sirti S.p.A.; 5% Sirti FZ-LLC), in assenza di attività produttiva, si limita alla gestione di alcuni contenziosi e vertenze legali in essere, proseguendo nella sua politica di minimizzazione dei costi di gestione. Il risultato netto risulta pertanto, anche per l esercizio 2012, lievemente negativo. Imprese collegate La collegata inglese Genesa Limited (20% Sirti S.p.A.) ha realizzato nel 2012 ricavi per 3,1 milioni di sterline (3,8 milioni di euro), in aumento di quasi il 15% rispetto al dato dell esercizio di confronto, un EBITDA di 0,3 milioni di sterline (circa 0,4 milioni di euro) e un utile netto di oltre 0,2 milioni di sterline (poco meno di 0,3 milioni di euro). La società ha beneficiato dell aumento dei volumi di attività nel corso di tutto il 2012 aumento, migliorativo rispetto alle originarie ipotesi di budget, direttamente legato ai progetti derivanti dal legame commerciale con Openreach, alcun dei quali si sono conclusi e altri inizeranno nel corso del 2013; si è inoltre sfruttato l Effetto Olimpiadi, con l esecuzione di lavori dei più vari dalle attività all interno degli stadi a quelle nei punti vendita degli operatori mobili. Misure di razionalizzazione ed efficientamento 14

17 operativo hanno consentito di far fronte all aumento dei volumi con un modesto incremento della forza lavoro. Il patrimonio netto al risulta pari a quasi 0,9 milioni di sterline (1,1 milioni di euro). Il Consorzio Con.tr.el. (in liquidazione), formato da Sirti S.p.A. (30%), Bonciani S.r.l., Siemens S.p.A. e Busi Impianti S.p.A., ha cessato la sua attività commerciale e propositiva nei confronti di FS all inizio del 2004 poiché, a seguito di una modifica al regolamento RFI per il Sistema di qualificazione delle imprese, sono venuti a mancare certi requisiti indispensabili da parte di alcune società consorziate (Busi Impianti, che a luglio 2012 è stata dichiarata fallita). Nel corso 2012 l attività del Consorzio si è incentrata esclusivamente sui collaudi relativi ai contratti applicativi inerenti all Accordo Quadro con RFI per i lavori del Lotto Centro. Nel maggio del 2012 è stata costituita la BLUE SImECo S.C.A.R.L. (EREDI GIUSEPPE MERCURI S.P.A. 46,93%, SIRTI S.P.A. 43,455%, CONSORZIO ARMATORI FERROVIARI Società Consortile per Azioni 9,615%), con sede a Napoli, a seguito dell aggiudicazione nel 2011, da parte dell ATI precedentemente costituita dai i soci della consortile, della gara di appalto indetta da Ferrovie del Sud Est e Trasporti Automobilistici S.r.l., avente ad oggetto la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori relativi ad interventi di trazione elettrica, di segnalamento e di armamento lungo la rete gestita dal committente. Tale commessa rappresenta per volume di ricavi prodotti la principale commessa produttiva Sirti nel 2012; a fronte di un portafoglio di attività acquisite pari a circa 85 milioni di euro, i ricavi complessivi registrati nell esercizio sono risultati pari a circa 34 milioni di euro: l attività produttiva, che ha avuto inizio nel terzo trimestre 2011, nel corso del 2012 ha infatti espresso una potente accelerazione dei volumi. Sempre nel corso del mese di maggio del 2012 è stata costituita la AUToSARC 6 S.C.A.R.L. (GRUPPO PSC S.p.A.51%, SIRTI S.P.A. 49%), con sede a Roma, a seguito dell affidamento a fine 2011 all ATI precedentemente costituita dai soci della consortile, di un lotto dei lavori acquisiti dal General Contractor Consorzio Reggio Calabria-Scilla Società Consortile per Azioni, avente ad oggetto la realizzazione sull Autostrada SA-RC dei lavori di ammodernamento ed adeguamento della tratta autostradale. Nel corso del 2012 le attività eseguite a fronte di tale commessa sono risultate ancora esigue. Altre imprese Il Gruppo Retelit (al 31 dicembre 2012 la quota di Sirti S.p.A. era pari al 10,84%) ha chiuso il 2012 con una perdita netta consolidata di 3,6 milioni di euro, che si confronta con la perdita 15

18 netta di 3,4 milioni di euro del precedente esercizio, mentre il patrimonio netto consolidato al 31/12/2012 si attesta a 135,7 milioni di euro. I ricavi consolidati, pari a 37,3 milioni di euro, sono risultati in crescita rispetto ai 35,2 milioni di euro del 2011, con un incremento del 5,9%; mentre l EBITDA (pari a 9,7 milioni di euro) evidenzia un lieve decremento rispetto all esercizio di confronto, dovuto principalmente all incremento del costo del venduto. Nel corso del 2012 sono stati effettuati investimenti pari a 6,8 milioni di euro relativi alla realizzazione dei collegamenti per i clienti, all adeguamento dei data center in funzione e al potenziamento della fibra ottica. L estensione della rete è aumentata di 152 km rispetto alla fine del 2011, raggiungendo km di cui km in ambito urbano. La posizione finanziaria netta consolidata a fine 2012 presenta un saldo positivo per 8,2 milioni di euro, in significativo miglioramento rispetto ai 4,7 milioni di euro di fine L organico al 31 dicembre 2012 è pari a 50 unità. Nel corso del 2012 il Consorzio Saturno (composto da Sirti S.p.A. 16,67%, Ansaldo STS S.p.A., Alstom Ferroviaria, Balfour Beatty Rail) ha proseguito le proprie attività di realizzazione dei contratti, ormai in via d esaurimento, in corso con Iricav Uno (Roma-Napoli), Cavet (Bologna- Firenze), Cepav Uno/Saipem (Milano- Bologna) e Cavtomi (Novara-Milano). Nell anno il Consorzio ha acquisito il contratto per la tratta Treviglio-Brescia e sono inoltre proseguite le attività relative all acquisizione del contratto per la tratta Terzo Valico. La produzione complessiva nel 2012 sulle suddette tratte è stata di circa 11,5 milioni di euro, e il consuntivo progressivo a fine anno dei lavori in corso è di circa 2,34 miliardi di euro. Per la tratta Milano-Bologna si è avuta una produzione nell anno pari a circa 11,3 milioni di euro. Nel corso dell anno non sono state ordinate varianti. È tuttora pendente il Collaudo finale dei lotti. Per quanto riguarda la tratta Roma- Napoli, non si è avuta produzione nell anno. Le attività eseguite nel corso dell anno hanno riguardato lavori minori in campo per interventi in garanzia e, oltre alle attività di retrofit sulle copiglie che termineranno presumibilmente nel primo semestre del 2013, attività derivanti da verifiche delle CVT. Il certificato finale di Collaudo Secondario del 1 Lotto Funzionale è stato emesso in data 11/06/2012, mentre il certificato finale di Collaudo del 2 Lotto Funzionale non è stato ancora emesso ed il General Contractor presume che possa essere emesso nel corso del Per la tratta Bologna-Firenze nel corso dell anno sono state ordinate varianti. Il 21/12/2012 è stato emesso da Cavet a Saturno il Secondo Certificato di Collaudo Finale Secondario. Nel corso del 2012 sono stati emessi da RFI a 16

19 Cavet i certificati per il terzo ed il quarto Collaudo Finale Secondario mentre il Certificato di quinto ed ultimo Collaudo Finale Secondario è atteso dal General Contractor nel Le attività eseguite nel corso dell anno hanno riguardato lavori minori in campo per interventi in garanzia ed il completamento delle poche attività residue delle ultime varianti ordinate nel Relativamente alla subtratta Novara- Milano, non si è avuta produzione nell anno. Il General Contractor prevede che il certificato di Collaudo Finale venga emesso entro il Relativamente alla subtratta Treviglio- Brescia in data 09/08/2012 è stato stipulato il contratto tra Cepav Due ed il Consorzio Saturno, per un importo forfettario pari a 176 milioni di euro suddiviso in 2 Lotti Costruttivi, il primo già efficace per un importo di circa 3,5 milioni di euro mentre il secondo, per i restanti 172,5 milioni di euro, è subordinato al finanziamento dello stesso da parte di RFI. In data 28/12/2012 Cepav Due ha comunicato l avvenuto finanziamento del Lotto Costruttivo 2, la cui data di efficacia è stata fissata tra RFI e Cepav Due all 8 gennaio La società spagnola Comfica Soluciones Integrales S.L. (20% Sirti S.p.A.) fu acquisita da Sirti nel corso del 2011 mediante concambio senza regolamento monetario tra il 100% delle azioni Seirt S.A.U., assegnate da Sirti a Comfica, ed il 20% delle quote sociali di Comfica, assegnate a Sirti S.p.A. Il contratto che portò al concambio azionario prevedeva che le parti producessero, al momento del Closing, una situazione patrimoniale di riferimento di Seirt e di Comfica, con l impegno di garantire la veridicità e correttezza delle poste patrimoniali ivi iscritte, per il periodo di un anno. Nei corso del 2011 e con maggior insistenza nel 2012, il socio spagnolo ha avanzato un certo numero di contestazioni in merito alla effettiva consistenza dell attivo netto di bilancio evidenziato dal bilancio di Seirt alla data di perfezionamento del concambio azionario. Per parte sua Sirti contesta al socio spagnolo il mancato pagamento di crediti vantati verso Seirt S.A.U. sorti antecedentemente alla operazione di concambio azionario per un importo in linea capitale pari a 0,9 milioni di euro. Tali contestazioni hanno condotto alla fase iniziale di un contenzioso di cui è oggi complesso prevedere la durata ed il relativo esito finale. Anche a seguito dell avvio di tale contezioso e della conseguente complessa situazione di governance venutasi a creare, benchè Sirti S.p.A. possieda il 20% delle quote sociali di Comfica, la partecipazione non è stata iscritta nel bilancio Sirti come impresa collegata nel rispetto di quanto previsto dallo IAS 28 che, al fine del riconoscimento di tale qualifica, richiede che la società partecipante sia in grado di esercitare nei confronti della partecipata una influenza notevole, intesa come la capacità di influire sulle scelte amministrative e gestionali della società. 17

20 Rischi ed incertezze Ai sensi di quanto previsto dall art del Codice Civile e nel rispetto dei requisiti di informativa dettati dal principio contabile internazionale IFRS 7 (Strumenti finanziari: informazioni integrative), vengono di seguito descritti i principali rischi ed incertezze cui Sirti S.p.A. e il Gruppo Sirti sono esposti. a. Rischi di mercato Rientrano in questa tipologia i rischi legati alle fluttuazioni dei fair value o dei flussi finanziari futuri di uno strumento finanziario, in seguito a variazioni dei prezzi di mercato. In particolare, rientrano in questa fattispecie: il rischio tasso di interesse il rischio tasso di cambio il rischio prezzo delle commodity il rischio di prezzo di altri strumenti finanziari Rischio di tasso di interesse Sirti è esposta alle fluttuazioni del tasso di interesse soprattutto per quanto riguarda l entità degli oneri finanziari relativi all indebitamento. L indebitamento finanziario del Gruppo Sirti al verso banche, al lordo della disponibilità liquide pari ad oltre 100 milioni di euro, pari a circa 256,8 milioni di euro (erano 213,6 milioni di euro di fine 2011) è interamente a tasso variabile. Anche gli oneri relativi alle operazioni di securitization di crediti di Sirti S.p.A. ed alle operazioni di factoring pro-soluto del Gruppo Sirti risultano assoggettati alle fluttuazioni dei tassi di interesse. L esposizione al rischio di incremento dei tassi di interesse risulta tuttavia mitigata dall esistenza di strumenti derivati. In particolare, è in essere un contratto Interest Rate Swap (IRS) stipulato dalla capogruppo con Banca IMI S.p.A., scadente a giugno 2016, il cui valore nozionale complessivo di riferimento alla data del 31 dicembre 2012 è pari a circa 311 milioni di euro; il fair value di tale derivato, calcolato mediante la valutazione mark to market al , determina una valutazione negativa di circa -30,7 milioni di euro (in peggioramento rispetto ai 24,5 milioni di euro di fine 2011). A fine 2012 era inoltre in essere un ulteriore contratto Interest Rate Swap (IRS) di durata 4 anni con partenza forward di 12 mesi, su un nozionale di 50 milioni di euro; il fair value di tale IRS alla data del determina una valutazione negativa pari a circa -0,4 milioni di euro (rispetto ai - 1,3 milioni di euro di fine 2011). Tale derivato è scaduto il 24 aprile La valutazione al fair market value degli strumenti derivati sopra descritti può risentire nel breve termine di una certa volatilità, in quanto legata alle variazioni pro tempore dei tassi di interesse e di altri parametri economici, che risultano particolarmente accentuate in periodi di forte turbolenza finanziaria. L esposizione alle fluttuazioni dei tassi di interesse riguarda, con dinamiche opposte, inoltre l entità dei proventi finanziari legati alle disponibilità liquide. A fine periodo, a livello di Gruppo Sirti, le 18

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli