Schededisupporto. Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino ACCESSORI E MODIFICHE DESCRIZIONE FUNZIONE CONTROINDICAZIONI MODALITÀ DI UTILIZZO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schededisupporto. Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino ACCESSORI E MODIFICHE DESCRIZIONE FUNZIONE CONTROINDICAZIONI MODALITÀ DI UTILIZZO"

Transcript

1 Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino In lattice o in silicone 100%, abitualmente a due vie: una per il deflusso d urina, l altra per instillare l acqua che gonfia il dispositivo a palloncino che tiene in sede il catetere stesso. Il modello in silicone è trasparente, a due vie con scanalature longitudinali con imbuto a valvola Gestire l incontinenza vescicale maschile e femminile grave Il catetere a permanenza può essere messo o tolto solo da personale infermieristico o medico; si raccomanda di applicare sempre il calibro minore consentito Non va fatta manutenzione: verifica quotidiana del funzionamento e della pervietà; va aperto il meno possibile per non favorire infezioni ascendenti; quando si tappa all estremità distale, usare i tappi specifici per quel tipo di catetere; tenere i tappi in luogo, se non sterile, almeno pulito (immersi in soluzioni a base di ammonio o acido cloridrico tipo Amuchina o Steridrolo ). Non è riutilizzabile; durata massima 28 giorni; alcuni tipi possono essere lasciati in sede più a lungo secondo le istruzioni del fabbricante; controllare attentamente le eventuali reazioni delle mucose del meato urinario Raccordo, tramite tubicino, alla sacca raccogliurina da gamba o da letto; ne esiste una versione a tre vie generalmente usata quando si prevede la necessità di infondere in vescica medicazioni particolari (es., chemioterapia locale) o lavaggi speciali (es., in caso di sedimenti importanti in corso di flogosi) Il catetere a permanenza è una scelta obbligata in casi selezionati; va evitato sempre quando è possibile. Non esiste un catetere completamente innocuo per le mucose del tratto urinario, nonostante la tecnica abbia fatto passi da gigante nel ridurre il rischio di lesioni mucose. Controllare la presenza di allergie specifiche ai materiali modello 03, fornito in numero massimo di 2 pezzi al mese, con il codice ISO (catetere a permanenza tipo Foley a palloncino in silicone con scanalature longitudinali) del Nomenclatore Tariffario, a cui è riconducibile anche il catetere in lattice Catetere a permanenza scanalato (Rüsch)

2 Soluzione pronta per la gestione del catetere e/o l instillazione di farmaci in vescica Sistema pronto all uso, sterile, monouso, costituito da sacca con 100 ml di soluzione sterile a diversa composizione, per irrigazione con modalità a circuito chiuso; connettore flessibile universale, clamp Utilizzabile: nelle occlusioni a valvola di cateteri a permanenza, per esempio a causa di cristallizzazioni, incrostazioni, tappi di materiale organico, quando esista preclusione alla rimozione del catetere per l instillazione endovescicale di farmaci in vescica, nei casi in cui sia indicato un lavaggio vescicale È necessario un addestramento da parte di personale infermieristico specializzato, quando si preveda di farlo utilizzare direttamente al paziente o ai caregiver non professionali Sono previste soluzioni pronte di vario tipo: con acido citrico a varie concentrazioni, con soluzione fisiologica. È disponibile inoltre una sacca già predisposta con soluzione fisiologica e accesso diretto per l inserimento di farmaci Tutte le situazioni che controindichino l irrigazione vescicale. In particolare la soluzione contenente acido citrico può produrre irritazione delle mucose; il ph acido della soluzione può modificare l attività di farmaci (es., antibiotici) eliminati per via urinaria. Il medico deve valutare caso per caso l utilità del presidio Presidio non prescrivibile e rintracciabile nelle farmacie e nei negozi specializzati Sistema per il corretto mantenimento del catetere vescicale a permanenza e per l instillazione endovescicale di farmaci Uro-Tainer (B. Braun)

3 Catetere monouso autolubrificante Materiale in PVC o poliuretano, ipoallergenico, a varie lunghezze e differenti diametri, con punte che si adattano alle diverse esigenze (Tiemann, nelaton olivare normale trasparente). Non necessita di gel in quanto è già dotato di una sostanza lubrificante che si attiva sotto l acqua corrente Permettere lo svuotamento della vescica in persone con vescica neurologica, con le modalità del cateterismo a intermittenza L addestramento al paziente, se in grado di gestione autonoma, o a chi lo assiste deve essere curato da infermieri o terapisti adeguatamente preparati Non idoneo in persone con lesioni o irritazioni delle mucose; allergie al prodotto o al lubrificante; in anziani con scarsa manualità o difetti visivi o cognitivi la pratica va eseguita da parte dei familiari o da personale tecnico modello 03 con i seguenti codici ISO del Nomenclatore Tariffario: (catetere autolubrificante per donna) e (catetere autolubrificante per uomo), forniti in un numero massimo di 120 pezzi al mese, (catetere autolubrificante con sacca graduata), fornito in numero massimo di 60 pezzi al mese solo a persone professionalmente attive; (catetere nelaton per donna) e (catetere nelaton per uomo), forniti in numero massimo di 120 pezzi al mese, (spray lubrificante al silicone), fornito in un numero massimo di 1 flacone al mese Disponibile con sacca graduata per la misura dell urina Catetere per cateterismo a intermittenza con punta olivare idrofilico (Rüsch) Catetere autolubrificante per autocateterismo pronto all uso SpeediCath (Coloplast)

4 Catetere monouso autolubrificante Catetere sterile, pronto all uso, in PVC, completamente ricoperto di paraffina o di glicerina ed acqua, disponibile in vari calibri da 06 a 18 ch, disponibile anche punta Tiemann (precurvata) e con aggancio Luer Lock Permettere lo svuotamento della vescica in persone con vescica neurogena, con le modalità del cateterismo intermittente, sia sterile sia pulito, senza la necessità di reperire acqua o soluzione fisiologica L addestramento al paziente, se in grado di gestione autonoma, o a chi lo assiste deve essere curato da personale tecnico adeguatamente preparato Allergie o intolleranza alla paraffina. In anziani con scarsa manualità o difetti visivi o cognitivi, la pratica va eseguita da parte dei familiari o da personale tecnico modello 03 con i seguenti codici ISO del Nomenclatore Tariffario: (catetere autolubrificante per donna) e (catetere autolubrificante per uomo), forniti in un numero massimo di 120 pezzi al mese, (catetere autolubrificante con sacca graduata), fornito in numero massimo di 60 pezzi al mese solo a persone professionalmente attive; (catetere nelaton per donna) e (catetere nelaton per uomo), forniti in numero massimo di 120 pezzi al mese, (spray lubrificante al silicone), fornito in un numero massimo di 1 flacone al mese Presenta una guaina interna a contatto con il catetere, la quale, fungendo da guanto sterile, consente di maneggiare il catetere senza toccarlo. Disponibile con sacca graduata per la misurazione dell urina Catetere per cateterismo intermittente pronto all uso Actreen Lite (B. Braun) Catetere a gel pronto all uso (Rüsch)

5 Condom o catetere esterno e sistemi di fissaggio È un profilattico in caucciù o lattice o silicone sottile ed elastico che presenta un raccordo terminale che convoglia l urina in una sacca. Tale sacca può essere fissata all arto inferiore del paziente o al letto Gestire l incontinenza vescicale maschile; adatto per incontinenza non ritentiva, quando il pannolone sia sconsigliato Necessario per la scelta del tipo e della misura necessari; indispensabile per imparare a indossare il condom sia autonomamente sia con aiuto esterno Con il mastice: necessaria un igiene scrupolosa Con le fascette biadesive: attenzione alla tensione con cui si applica il materiale elastico perché sono facili le lesioni da compressione Allergie specifiche ai materiali. Va anche posta attenzione a movimenti o posizioni di trazione sul condom mentre è in sede, sempre per evitare i fenomeni di cui sopra modello 03 con il codice ISO del Nomenclatore Tariffario, fornito in numero massimo di 30 pezzi al mese della misura richiesta e completo di sistema di fissaggio La guaina viene tenuta in sede con alcuni sistemi di fissaggio: con mastice adesivo realizzato con caucciù masticizzato ed eptano con additivi non irritanti tali da permettere la tenuta del condom per 24 ore con fascetta biadesiva in materiale estensibile con strato di mastice applicato esiste una versione di condom autocollante e autoportante senza colle Creme spray e prodotti protettivi (e disinfettanti) sono di uso frequente per mantenere idratata localmente la pelle impedendo la formazione di lesioni da decubito; il loro uso va comunque attentamente valutato (vedi capitolo Cute, lesioni da pressione e lesioni vascolari ) Catetere esterno in puro silicone (Rüsch) Guaine per incontinenza urinaria in silicone (Coloplast)

Care at home. ELENCO BARCODE PRODOTTI Urologia Homecare

Care at home. ELENCO BARCODE PRODOTTI Urologia Homecare Care at home ELENCO BARCODE PRODOTTI Urologia Homecare 2 Gentile Cliente, Teleflex produce e distribuisce in tutto il mondo dispositivi medici che contribuiscono a ridurre il tasso di infezioni e ad aumentare

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO per la Regione Lazio.

NOMENCLATORE TARIFFARIO per la Regione Lazio. NOMENCLATORE TARIFFARIO per la Regione Lazio. Dal Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del SSN: modalità di erogazione e tariffe, DM 332 del 27 agosto

Dettagli

Presidi per la gestione della vescica e dell intestino

Presidi per la gestione della vescica e dell intestino AUTONOMIA E QUOTIDIANITÀ Presidi per la gestione della vescica e dell intestino Patrizia Ferroni CPS Infermiera Uroriabilitatrice - Perugia AUTONOMIA La parola autonomia deriva dal greco e significa poter

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2003 Allegato n 1

IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2003 Allegato n 1 AUSILI PER STOMIE 09.18 CODICE EX D.M. 28/12/92 CODICE ISO QUANTITATIVI MASSIMI CONCEDIBILI VECCHIO PREZZO 01/08/01 SISTEMA 1 PEZZO COLO-ILEOSTOMIA. * Sacca a fondo chiuso con filtro, barriera protettiva

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

CORSO S T E T O E RICO-PR P ATI T CO A.S. S L. L P E P S E C S ARA 14/17/19 D 19 I D CE C M

CORSO S T E T O E RICO-PR P ATI T CO A.S. S L. L P E P S E C S ARA 14/17/19 D 19 I D CE C M Il cateterismo vescicale CORSO TEORICO-PRATICO A.S.L. PESCARA 14/17/19 DICEMBRE 2007 Dott. R. Renzetti CATETERISMO VESCICALE Il cateterismo vescicale è una metodica di drenaggio atta all'evacuazione dell

Dettagli

Condom. Materiale: sintetico o lattice Fissaggio: autocollante oppure con il mastice adesivo per pelle. Strisce adesive

Condom. Materiale: sintetico o lattice Fissaggio: autocollante oppure con il mastice adesivo per pelle. Strisce adesive I diversi tipi di sistemi con condom vengono concepiti e realizzati nei nostri stabilimenti. Prodotti a Lobbach, questi condom presentano dei vantaggi, che in fatto di sicurezza, affidabilità tecnica e

Dettagli

Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia

Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia Eliminazione.. Calogero Papa Inf. Stomaterapista Fondazione IRCCS S. Matteo - Pavia 2 grossi problemi Urinaria Incontinenza Fecale stipsi Cause Traumatiche Post intervento Neuropatie Post Radioterapia

Dettagli

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE COMMISSIONE PROFESSIONALE PER LE CURE DOMICILIARI Fernando ANZIVINO, Mara CALDERONI, Giuseppina CAROSELLI, Alessandra GALLETTI, Stefano GIORDANI, Gaetano MARINELLI,

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

L igiene intima La pulizia del meato urinario La ventralizzazione del pene (fig. 1) cambiata la posizione di ancoraggio alla gamba

L igiene intima La pulizia del meato urinario La ventralizzazione del pene (fig. 1) cambiata la posizione di ancoraggio alla gamba IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA RIABILITAZIONE DELLA VESCICA NEUROGENA DEL MIELOLESO Patrizia Ferroni, Unità Spinale Unipolare Osp. Silvestrini PERUGIA La mielolesione, provoca l interruzione delle vie

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO REGIONE LIGURIA AZIENDA U.S.L. N.1 IMPERIESE VIA AURELIA 97-18038 BUSSANA DI SANREMO (IM) TEL. 0184/5361 - TELEFAX 0184/536588 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CATALOGO GENERALE. COM.MED Di Nola G. Via Madonna delle Grazie, 10 82016 Montesarchio (BN) Italia

CATALOGO GENERALE. COM.MED Di Nola G. Via Madonna delle Grazie, 10 82016 Montesarchio (BN) Italia CATALOGO GENERALE COM.MED Di Nola G. Via Madonna delle Grazie, 10 82016 Montesarchio (BN) Italia Strutture Produttive Camere bianche certificate classe ISO 7 e ISO 8 sorvegliate e validate in accordo con

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO Gara (cottimo annuale) per la fornitura di cateteri a media permanenza per la terapia

Dettagli

ALLEGATO 2. AUSILI MONOUSO Classe 09 "Ausili per la cura e la protezione personale" 04.19 ausili per somministrazione di medicinali

ALLEGATO 2. AUSILI MONOUSO Classe 09 Ausili per la cura e la protezione personale 04.19 ausili per somministrazione di medicinali AUSILI MONOUSO Classe 09 "Ausili per la cura e la protezione personale" ALLEGATO 2 04.19 ausili per somministrazione di medicinali 04.19.03 ausili per somministrazione e dosaggio ausili di collegamento

Dettagli

FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio

FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio OGGETTO DELLA SEGUENTE PROCEDURA AUSILI ANTIDECUBITO (cuscini, materassi) AUSILI PER LA PREVENZIONE

Dettagli

218 20.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 34 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 647

218 20.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 34 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 647 218 20.8.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 34 DELIBERAZIONE 4 agosto 2008, n. 647 Approvazione elenco Ausili Medici previsto dallo schema di Protocollo d Intesa di cui alla DGRT n

Dettagli

Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento.

Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento. Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

I diritti dell incontinente

I diritti dell incontinente I diritti dell incontinente La legislazione italiana è alquanto complessa e voluminosa, per non disperderci nei mille rivoli legislativi e per rendere sufficientemente comprensibili i principali diritti

Dettagli

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore OFFICINE H IVREA 25 GENNAIO 2012 Anna Paola Canori Carla Varola S.C. Farmacia Ospedaliera Ivrea/Ciriè

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

Codice Descrizione presidi Quantità massima Prezzo al pubblico

Codice Descrizione presidi Quantità massima Prezzo al pubblico 1. Diabetici I prezzi di rimborso dei prodotti che seguono sono da intendersi quali importi massimi. Qualora il paziente si orienti verso prodotti con prezzo superiore a quello indicato, è tenuto a pagare

Dettagli

Schededisupporto. Dispositivo per urostomia monopezzo DESCRIZIONE FUNZIONE MODALITÀ DI UTILIZZO ACCESSORI E MODIFICHE FORNITURA

Schededisupporto. Dispositivo per urostomia monopezzo DESCRIZIONE FUNZIONE MODALITÀ DI UTILIZZO ACCESSORI E MODIFICHE FORNITURA Dispositivo per urostomia monopezzo Dispositivo composto da un unico pezzo, con adesivo a base di idrocolloidi, valvola antireflusso e sistema di scarico raccordabile a raccoglitore da gamba (o da letto)

Dettagli

Da: Trattato delle Operazioni Ledran 1774

Da: Trattato delle Operazioni Ledran 1774 CATETERISMO La grande arte di cateterizzare consiste in una specie di intesa tra la mano che tiene il pene e quella che tiene la sonda; perché esse devono per così dire, sintonizzarsi in modo tale che

Dettagli

Coloplast Informa. www.incontricoloplast.it incontri con il turismo accessibile. Guida alla scelta degli ausili per la continenza

Coloplast Informa. www.incontricoloplast.it incontri con il turismo accessibile. Guida alla scelta degli ausili per la continenza Per i tuoi viaggi Coloplast mette a disposizione un nuovo sito web: vai su www.incontricoloplast.it e potrai costruirti una vacanza accessibile su misura rispetto alle tue necessità e ai tuoi desideri.

Dettagli

SISTEMI DI DRENAGGIO URINARIO A CIRCUITO CHIUSO RÜSCH. Per la massima protezione dalle infezioni nosocomiali del tratto urinario

SISTEMI DI DRENAGGIO URINARIO A CIRCUITO CHIUSO RÜSCH. Per la massima protezione dalle infezioni nosocomiali del tratto urinario SISTEMI DI DRENAGGIO URINARIO A CIRCUITO CHIUSO RÜSCH Per la massima protezione dalle infezioni nosocomiali del tratto urinario 2 introduzione SEMPLICI, SICURI ED IGIENICI: SISTEMI DI DRENAGGIO URINARIO

Dettagli

rüsch Urologia Per quasi qualsiasi applicazione

rüsch Urologia Per quasi qualsiasi applicazione rüsch Urologia Per quasi qualsiasi applicazione UROLOGIA Codice colore, punte e durata dell applicazione... 02 1 CATETERI DI FOLEY TRANSURETRALI 1.1 Drenaggio standard a 2 vie... 03 1.2 Cateteri per drenaggio

Dettagli

Care at home FLOCATH QUICK. Catetere con rivestimento idrofilico di terza generazione pronto all uso

Care at home FLOCATH QUICK. Catetere con rivestimento idrofilico di terza generazione pronto all uso Care at home FLOCATH QUICK Catetere con rivestimento idrofilico di terza generazione pronto all uso Flocath Quick tre volte migliore: tre volte minor frizione, il rivestimento idrofilico è ancora più omogeneo

Dettagli

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO Rappresentano 40% di tutte le ICA Associate a procedure invasive: 75-80% IVU a catetere vescicale 5-10% manipolazioni

Dettagli

Operazioni di igiene e manutenzione

Operazioni di igiene e manutenzione OPERAZIONI DI IGIENE Operazioni di igiene dei visi del manichino Laerdal Si consiglia di fornire un singolo viso del manichino a ciascuno studente per eliminare la necessità di decontaminazione tra uno

Dettagli

Capitolato Tecnico - Dispositivi CND U

Capitolato Tecnico - Dispositivi CND U CND U01 - SONDE URETERALI, PROSTATICHE E VESCICALI 603506987B U010201 1 Cateteri Foley in lattice di gomma siliconata Apirogeni, punta piena e dritta con due fori laterali. Palloncino di capacità 5-15

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele - Catania Direzione Medica di Presidio

Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele - Catania Direzione Medica di Presidio 6-3-2009 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 10 CIRCOLARE 23 febbraio 2009, n. 1256. Assistenza sanitaria integrativa - Revisione della distribuzione dei presidi e materiali sanitari

Dettagli

Protocollo Medico GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE

Protocollo Medico GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE Pagina 1 di 10 INIDICE 1.0 SCOPO... 2 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3.0 ABBREVIAZIONI, DEFINIZIONI E TERMINOLOGIA... 2 4.0 RESPONSABILITA... 3 5.0 MODALITA OPERATIVA / PROCEDURA... 4 Posizionamento Catetere

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO ELENCO PRODOTTI "MATERIALE SANITARIO VARIO"

AZIENDA SANITARIA DI NUORO ELENCO PRODOTTI MATERIALE SANITARIO VARIO CND LOTTO AZIENDA SANITARIA DI NUORO ELENCO PRODOTTI "MATERIALE SANITARIO VARIO" DESCRIZIONE fabbisogno complessivo1 2 + 12 mesi importo presunto del lotto (12 +12 mesi) N campioni A DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Lesioni del midollo spinale e vescica

Lesioni del midollo spinale e vescica encathopedia Lesioni del midollo spinale e vescica I cambiamenti della funzione vescicale Conoscere la lesione Il CIC può aiutarti Le lesioni al midollo spinale (LM) Una lesione al midollo spinale identifica

Dettagli

Il cateterismo vescicale

Il cateterismo vescicale Il cateterismo vescicale Roberto De Gesu M.D. Il catetere è un tubo lungo e sottile (sonda) flessibile o rigido, in metallo, vetro, gomma o materia plastica, destinato ad essere introdotto in un canale,

Dettagli

ESITO DI GARA INFORMALE

ESITO DI GARA INFORMALE U.O. C. PROVVEDITORATO ECONOMATO ESITO DI GARA INFORMALE Oggetto : FORNITURA DISPOSITIVI MEDICI NS PROT. 23145 DEL 05.10.2010 - PER CATETERISMO VESCICALE Si comunica che con determina del Dirigente U.O.

Dettagli

FABBRICAZIONE ARTICOLI MEDICALI CATALOGO PRODOTTI. 3 Edizione

FABBRICAZIONE ARTICOLI MEDICALI CATALOGO PRODOTTI. 3 Edizione FABBRICAZIONE ARTICOLI MEDICALI CATALOGO PRODOTTI 3 Edizione Composizione grafica Imago Comunicazione (TE) Finito di stampare nel mese di Settembre 2013 INDICE Presentazione UROLOGIA / DRENAGGIO Sacche

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

La prevenzione delle Infezioni delle vie urinarie correlate alle attività assistenziali è una cosa seria?

La prevenzione delle Infezioni delle vie urinarie correlate alle attività assistenziali è una cosa seria? La prevenzione delle Infezioni delle vie urinarie correlate alle attività assistenziali è una cosa seria? Luciano Urbani, infermiere Introduzione La letteratura riportante le evidenze scientifiche sulla

Dettagli

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto:

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto: L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche In questa unità didattica verranno appresi alcuni consigli e alcune tecniche per lavare i soggetti disabili e gli aiuti tecnici disponibili per eseguire

Dettagli

PROTOCOLLO DI GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE

PROTOCOLLO DI GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE PROTOCOLLO DI GESTIONE DEL CATETERE Premessa I cateteri vescicali sono tra gli strumenti maggiormente impiegati nella gestione dell incontinenza negli Ospiti della RSD, il 47% degli assistiti infatti è

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 19/I-II del 10/05/2011 / Amtsblatt Nr. 19/I-II vom 10/05/2011 77 59966 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2011 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

09.18 ausili per stomia

09.18 ausili per stomia ALLEGATO 2 AUSILI MONOUSO Classe 09 "Ausili per la cura e la protezione personale" 09.15 ausili per tracheotomia dispositivi in plastica o metallo per la respirazione dei soggetti tracheotomizzati 09.15.03.003

Dettagli

PP.DS.11 PROCEDURA DI PRESIDIO PER IL CATETERISMO VESCICALE IN SOGGETTO ADULTO

PP.DS.11 PROCEDURA DI PRESIDIO PER IL CATETERISMO VESCICALE IN SOGGETTO ADULTO Pag. 1/15 PROCEDURA DI PRESIDIO PER IL CATETERISMO VESCICALE IN SOGGETTO ADULTO REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 11 ottobre 2004 Gruppo di lavoro sul cateterismo vescicale C.I.O.

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prelievo di urine per urinocoltura OBIETTIVO Ottenere un campione

Dettagli

PUNTEGGI QUALITA' (a seconda del lotto: prezzo più basso o prezzo/qualità 50/50)

PUNTEGGI QUALITA' (a seconda del lotto: prezzo più basso o prezzo/qualità 50/50) PROCEDURA APERTA N. 107/2014 PER LA FORNITURA DI AGHI, MEDICAZIONI, CATETERI E ALTRO MATERIALE PER DIALISI IN AVEC ALLEGATO 9 PUNTEGGI QUALITA' LOTTO 1 DESCRIZIONE Ago per fistola artero-venosa, sterile,

Dettagli

Sclerosi Multipla e vescica

Sclerosi Multipla e vescica encathopedia Sclerosi Multipla e vescica Trattamento delle disfunzioni urinarie Quali sono gli effetti della SM sulla vescica Vantaggi del CIC Sclerosi Multipla (SM) La sclerosi multipla è una patologia

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 1. REGIONE PIEMONTE Torino S.C. PROVVEDITORATO LOGISTICA

AZIENDA SANITARIA LOCALE 1. REGIONE PIEMONTE Torino S.C. PROVVEDITORATO LOGISTICA AZIENDA SANITARIA LOCALE 1 REGIONE PIEMONTE Torino S.C. PROVVEDITORATO LOGISTICA CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI PRODOTTI MONOUSO PER ALLEGATO A ELENCO PRODOTTI E QUANTITA 1/17 1. PANNOLONE MUTANDINA

Dettagli

CATETERE VESCICALE POSIZIONAMENTO, GESTIONE, FATTORI DI RISCIO E COMPLICANZE

CATETERE VESCICALE POSIZIONAMENTO, GESTIONE, FATTORI DI RISCIO E COMPLICANZE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

CODICE ASO CODICE ASL AT QUANTITA' ANNUA PRESUNTA ASO ASLAT ASLAL

CODICE ASO CODICE ASL AT QUANTITA' ANNUA PRESUNTA ASO ASLAT ASLAL DISPOSITIVI ELASTOMERICI E CATETERI VENOSI LOTTO DESCRIZIONE GRUPPO A: DISPOSITIVI ELASTOMERICI DISPOSITIVO DI TIPO ELASTOMERICO MONOUSO PER TERAPIA INFUSIONALE CONTROLLATA E CONTINUA requisiti minimi:

Dettagli

Cateterismo vescicale

Cateterismo vescicale LA CHIRURGIA UROLOGICA ROMANA 2009 VII CORSO DI AGGIORNAMENTO IN CHIRURGIA UROLOGICA Ospedale Sandro Pertini 29-30 ottobre 2009 Roma IV SESSIONE Tecniche infermieristiche e responsabilità professionale

Dettagli

Diabete e sintomi vescicali

Diabete e sintomi vescicali encathopedia Diabete e sintomi vescicali Fattori da considerare Come riconoscere i segnali di allarme Il CIC può aiutarti Il Diabete (diabete mellito, DM) Al diabete mellito, spesso definito semplicemente

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

AZIENDA MONALDI COTUGNO CTO PROCEDURA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE (IVU) ASSOCIATE A CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA MONALDI COTUGNO CTO PROCEDURA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE (IVU) ASSOCIATE A CATETERISMO VESCICALE Pagina 1 di 9 POCEDUA PEVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE VIE UINAIE (IVU) ASSOCIATE A CATETEISMO VESCICALE Copia Controllata Modalità di trasmissione Copia Non Controllata ev. Data Motivo evisione 00 Approvazione:

Dettagli

ALL. A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO NORME GENERALI

ALL. A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO NORME GENERALI ALL. A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO NORME GENERALI I prodotti offerti devono essere forniti con etichette in lingua italiana, perfettamente aderenti al contenitore; le

Dettagli

La gravidanza per la donna

La gravidanza per la donna encathopedia La gravidanza per la donna con lesione midollare Consulenza pre-concezionale Fattori da considerare Parto e travaglio Con il contributo della dottoressa Lorita Cito Fattori da considerare

Dettagli

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00 ALLEGATO A6 - Procedura aperta per l affidamento della fornitura biennale in somministrazione, prorogabile di un ulteriore anno, di dispositivi medici non aggiudicati da SO.RE.SA. - Importo biennale a

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE CATETERI PER APPARATO GENITO - URINARIO. LOTTO 1 CATETERI FOLEY in lattice siliconato 2 vie varie misure (da CH12 a CH24)

SPECIFICHE TECNICHE CATETERI PER APPARATO GENITO - URINARIO. LOTTO 1 CATETERI FOLEY in lattice siliconato 2 vie varie misure (da CH12 a CH24) SPECIFICHE TECNICHE CATETERI PER APPARATO GENITO - URINARIO LOTTO 1 CATETERI FOLEY in lattice siliconato 2 vie varie misure (da CH12 a CH24) I CATETERI FOLEY IN LATTICE SILICONATO A 2 VIE debbono essere

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI DIPARTIMENTO MALATTIE DEL UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA Gruppo di lavoro - Coordinatore Dipartimento CPSE Dott.ssa Danila Massenti - CPS infermiere Susanna Bellavia - CPS infermiere Annalisa Massei

Dettagli

Gestione domiciliare del paziente respiratorio critico. Relatore: Salvatore Matarrese Infermiere presso la Rianimazione del P.O.

Gestione domiciliare del paziente respiratorio critico. Relatore: Salvatore Matarrese Infermiere presso la Rianimazione del P.O. Gestione domiciliare del paziente respiratorio critico Relatore: Salvatore Matarrese Infermiere presso la Rianimazione del P.O. di Andria Perché nasce questo servizio? Per l umanizzazione dell assistenza;

Dettagli

Segue % Prevenzione delle infezioni delle vie urinarie associate al cateterismo vescicale

Segue % Prevenzione delle infezioni delle vie urinarie associate al cateterismo vescicale Prevenzione delle infezioni delle vie urinarie associate al cateterismo Pag. 1 di Pag. 18 TIPO DI DOCUMENTO PROCEDURA ASSISTENZIALE ELABORAZIONE Maria Rosa Basso, Massimo Bonfanti, Tiziana De Prospo, Emanuela

Dettagli

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Giuliano Bon redazione Coordinatore infermieristico U.O. di Urologia, Ospedale di Gorizia emissione Novembre

Dettagli

Il cateterismo vescicale. Roberto De Gesu M.D.

Il cateterismo vescicale. Roberto De Gesu M.D. Il cateterismo vescicale Roberto De Gesu M.D. Il catetere è un tubo lungo e sottile (sonda) flessibile o rigido, in metallo, vetro, gomma o materia plastica, destinato ad essere introdotto in un canale,

Dettagli

PROCEDURA. PROPOSTA Struttura Cognome e nome Firma

PROCEDURA. PROPOSTA Struttura Cognome e nome Firma 1 di 11 REDAZIONE Struttura di appartenenza Cognome e nome Funzione/Qualifica Firma U. O. Professioni sanitarie Chetta Gaetano infermieristiche ed ostetriche Infermiere esperto P. O. Villa delle Ginestre

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE CORRELATE AL CATETERISMO VESCICALE IN AMBITO DOMICILIARE

LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE CORRELATE AL CATETERISMO VESCICALE IN AMBITO DOMICILIARE LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI URINARIE CORRELATE AL CATETERISMO VESCICALE IN AMBITO DOMICILIARE PROTOCOLLO OPERATIVO INFERMIERISTICO INDICE 1. Premessa... 3 2. Attori, riferimenti legislativi... 4 3.

Dettagli

Cuscino antidecubito in fibra cava siliconata

Cuscino antidecubito in fibra cava siliconata in fibra cava siliconata Sacca in tessuto traspirante contenente fibre cave; il silicone presente serve a mantenere l elasticità indispensabile per il modellamento sulla forma del paziente Prevenire le

Dettagli

Il Catetere Maschile Esterno

Il Catetere Maschile Esterno Buone pratiche nella salute Il Catetere Maschile Esterno Condom Guaine Urinarie 2008 European Association of Urology Nurses Buone pratiche nella salute Il Catetere Maschile Esterno Condom Guaine Urinarie

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Procedura generale sanitaria Gestione del paziente portatore di catetere vescicale

Procedura generale sanitaria Gestione del paziente portatore di catetere vescicale Cod. PGS10/DS Pagina di 1/22 ORIGINALE N CONSEGNATO A INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso (omesso)... 2 4. Responsabilità... 2 5. Descrizione delle attività... 2 5.1.

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

Sostegno nell eliminazione urinaria e intestinale. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. ****

Sostegno nell eliminazione urinaria e intestinale. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

PROTOCOLLO INSERIMENTO CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE

PROTOCOLLO INSERIMENTO CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO STERILE E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO INSERIMENTO CATETERE VESCICALE A CIRCUITO CHIUSO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO G. De Paoli, A. N. Paoletti, P. Lucchini, A. Sozzo, F. Tromba A. Casarico,

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Catalogo Prodotti 2-2004

Catalogo Prodotti 2-2004 Guanti da esplorazione PehaSoft - guanti da esplorazione in lattice o in vinile, con o senza polvere I guanti sono dedicati all'utilizzo in visite e lavori di laboratorio dove è richiesta ottima sensibilità

Dettagli

CATETERI VESCICALI ED ESTERNI CODICE CLASSIFICAZIONE ISO

CATETERI VESCICALI ED ESTERNI CODICE CLASSIFICAZIONE ISO Allegato 2 DESCRIZIONE PRODOTTO CATETERI VESCICALI ED ESTERNI 09.24 CLASSIFICAZIONE CATETERI VESCICALI: Cateteri vescicali a dimora 09.24.03 catetere a permanenza tipo Foley a palloncino in puro silicone

Dettagli

Estratto dall'allegato 1 - Elenco 2 Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99)

Estratto dall'allegato 1 - Elenco 2 Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) Estratto dall'allegato 1 - Elenco 2 Nomenclatore Tariffario delle Protesi (DM 332/99) - CATETERI VESCICALI ED ESTERNI ISO 09.24. - RACCOGLITORE PER URINA ISO 09.27. - AUSILI ASSORBENTI L URINA ISO 09.30.

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Codice Descrizione presidi Quantità massima mensile. 1. Diabetici

Codice Descrizione presidi Quantità massima mensile. 1. Diabetici 1. Diabetici I prezzi di rimborso dei prodotti che seguono sono da intendersi quali importi massimi. Qualora il paziente si orienti verso prodotti con prezzo superiore a quello indicato, è tenuto a pagare

Dettagli

ENUCLEAZIONE PROSTATICA TRANSURETRALE MEDIANTE LASER AL TULLIO (TULEP)

ENUCLEAZIONE PROSTATICA TRANSURETRALE MEDIANTE LASER AL TULLIO (TULEP) ENUCLEAZIONE PROSTATICA TRANSURETRALE MEDIANTE LASER AL TULLIO (TULEP) Definizione: la prostatectomia transuretrale mediante laser al Tullio (TULEP) è un intervento endoscopico, ovvero non implica l'incisione

Dettagli

Quantità prevista n pz/anno prezzo unitario a base d asta Euro 1,000

Quantità prevista n pz/anno prezzo unitario a base d asta Euro 1,000 Allegato A al Capitolato Tecnico e d Oneri per la fornitura di dispositivi medici per apparato Uro- Genitale per i PP.OO. di Mestre e di Venezia Servizi Territoriali e Case di Riposo. Lotto n. 1 CIG: 573381804D

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

ELENCO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI PRODOTTI OGGETTO DELLA FORNITURA

ELENCO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI PRODOTTI OGGETTO DELLA FORNITURA Allegato A ELENCO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI PRODOTTI OGGETTO DELLA FORNITURA Per ciascuna tipologia di prodotti richiesta dovranno essere presentate le schede tecniche, dalle quali si possa evincere

Dettagli

Allegato B 1. AGHI STERILI MONOUSO 2. AGHI STERILI MONOUSO A FARFALLA

Allegato B 1. AGHI STERILI MONOUSO 2. AGHI STERILI MONOUSO A FARFALLA Allegato B 1. AGHI STERILI MONOUSO Gli aghi sterili monouso, dovranno essere fabbricati con materiali inerti, apirogeni e atossici. Il cono dovrà esser in plastica e colorato secondo gli standards internazionali

Dettagli

Cateteri SAUER 2012-09-17-1/7. Registrazione NSIS

Cateteri SAUER 2012-09-17-1/7. Registrazione NSIS MANR SAUR GMBH NUROTT 7 74931 LOBBACH Cateteri SAUR 2012-09-17-1/7 Registrazione NSS 1. Codice GMN Codice: 36125 enominazione: Catetere, urologico, intermittente efinizione: Categoria 1: Un tubo flessibile

Dettagli

Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VESCICALE

Manuale della Qualità SITRA IL CATETERISMO VESCICALE Manuale della Qualità SITRA Ospedale Luigi Sacco AZIENDA OSPEDALIERA POLO UNIVERSITARIO IL CATETERISMO VESCICALE Edizione 1 del 03/2010 Rev. 0 REDAZIONE RESPONSABILE PROCEDURA VERIFICA APPROVAZIONE Renata

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

INNOVAPUGLIA S.P.A. BANDO DI GARA FORNITURE. InnovaPuglia S.p.A. - Str. prov. Casamassima km 3, Valenzano BARI

INNOVAPUGLIA S.P.A. BANDO DI GARA FORNITURE. InnovaPuglia S.p.A. - Str. prov. Casamassima km 3, Valenzano BARI INNOVAPUGLIA S.P.A. BANDO DI GARA FORNITURE SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE E INDIRIZZI: InnovaPuglia S.p.A. - Str. prov. Casamassima km 3, 70010 Valenzano BARI Italia. Persona

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

L INCONTINENZA URINARIA

L INCONTINENZA URINARIA L INCONTINENZA URINARIA MECCANISMO DELLA CONTINENZA La vescica si riempie Il segnale di vescica piena viene inviato al cervello Il cervello trattiene d urina in vescica Quando conveniente, il cervello

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli