Il falso nella moneta Euro. a cura del C.N.A.C. Coins National Analysis Centre Sezione Zecca Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il falso nella moneta Euro. a cura del C.N.A.C. Coins National Analysis Centre Sezione Zecca Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A."

Transcript

1 a cura del C.N.A.C. Coins National Analysis Centre Sezione Zecca Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.

2 La moneta autentica

3 Aspetti estetici della moneta metallica euro Unità europea Identità nazionale 3

4 Particolarità delle monete euro Scelta nazionale delle immagini di una faccia e del bordo moneta da 2 euro Possibilità di emissione annuale di una moneta da 2 euro commemorativa dal 2004 Completa intercambiabilità delle monete emesse dai vari stati membri Cambiamento delle facce europee dal 2007 con l Europa allargata per i tagli intermedi e le bimetalliche 4

5 Le nuove facce comuni La faccia comune delle monete da 10, 20, 50 eurocent e delle monete da 1 e 2 Euro è stata modificata dal 2007 in conseguenza dell allargamento dell Unione Monetaria Europea. 5

6 Valore Accuratezza coniazione e tolleranze Colore Bordo Materiale 1 eurocent N. A. rosso liscio acciaio ramato 2 eurocent N. A. rosso liscio con solco acciaio ramato 5 eurocent N. A. rosso liscio acciaio ramato 10 eurocent Conducibilità elettrica giallo godronato nordic gold 20 eurocent Conducibilità elettrica giallo liscio nordic gold 50 eurocent Conducibilità elettrica giallo godronato nordic gold 1 Euro Conducibilità elettrica + Magnetismo esterno giallo interno bianco godronato discontinuo Int. rame-nickel Est. ottone al nickel 2 Euro Conducibilità elettrica + Magnetismo esterno bianco interno giallo godronato + iscrizione Int. ottone al nickel Est. rame-nickel 6

7 Materiale creatore Punzone Conio 7

8 Virola 8

9 Cesaglie e tondelli 9

10 Il procedimento di coniazione 10

11 Caratteristiche di sicurezza per poter sospettare falsa una moneta occorre conoscere bene le caratteristiche delle monete autentiche

12 Le monete sono state progettate con: Precisione Precisione nei parametri fisico-geometrici Forme Forme dei bordi particolari e complesse Leghe Leghe speciali e materiali compositi proprietà elettrico-magnetiche specifiche non in commercio 12

13 Caratteristiche dei bordi Il profilo nei diversi tagli La scritta nei 2 euro Euro Area Italia-San Marino-Vaticano BE,ES,FR,IE,LU,M T Incisione sul contorno 2, sei volte a orientazione alternate dal basso in alto e dall alto in basso 2, sei volte a orientazione alternate dal basso in alto e dall alto in basso Gli altri paesi hanno scelto patterns differenti composti da scritte e simboli 13

14 Struttura della parte centrale delle monete da 1 e 2 Euro «debole magnetismo» 14

15 Come distinguere le monete autentiche da quelle false esempi di contraffazione

16 Le monete contraffatte Genuina Contraffatta Aspetto cromatico differente Mancanza di definizione nel disegno Disegno rielaborato Superficie non regolare (difetti di conio) Forme dei bordi imprecise Scritte sul bordo imprecise o mancanti Proprietà elettro-magnetiche differenti (materiali) } Elementi di sospetto 16

17 1 euro contraffatta 17

18 2 genuina 18

19 2 Contraffatta 19

20 20

21 Contraffatta Contraffatta Genuina 21

22 Contraffatta 22

23 confronto bordo 2 (edge lettering) Genuina Contraffatta Contraffatta 23

24 Confronto dettagli Contraffatta Genuina Contraffatta 24

25 Confronto dettagli 25

26 Conio contraffatto 26

27 Moneta contraffatta 27

28 Pattino per edge lettering contraffatto 28

29 Ulteriori esempi di contraffazione 29

30 il C.N.A.C. centro centro di analisi nazionale costituito per per contrastare il fenomeno della contraffazione della moneta europea (esistono 27 centri in Europa) coordinato dalla Commissione Europea tramite l OLAF opera opera insieme al Centro Europeo di analisi Tecnico Scientifica (E.T.S.C.) opera opera parallelamente al centro nazionale di analisi delle banconote con sede nella Banca d Italia d (N.A.C.( N.A.C.) 30

31 Principali riferimenti normativi Regolamento (CE) N.1338/2001: dispositivo protettivo Legge n. 409 (23/11/01): obbligo di ritiro (soggetti obbligati) Decreto (01/03/2002) Min. Ec. E Fin.: modalità ritiro D.M. n. 524 (05/08/99) art. 24: monete danneggiate Gazzetta europea C 173/2 (19/07/02): immagini genuine Regolamento (CE) N.2182/2004: medaglie - gettoni 31

32 Flusso di analisi di un sospetto falso Compiti del soggetto obbligato Obbligo di ritiro Invio dei falsi sospetti al centro di analisi Compiti del C.N.A.C. Esecuzione Perizia Classificazione del falso Invio della perizia al soggetto obbligato e informazioni sulla falsificazione alle forze dell Ordine 32

33 dall analisi analisi base all analisi analisi avanzata test di laboratorio sui sospetti falsi

34 Test di laboratorio sulle monete Euro Analisi di base: esame del disegno esame dei bordi colore del metallo (ricopertura) test magnetico semplice 34

35 Test di laboratorio sulle monete Euro Analisi avanzata: confronto dettagliato con monete autentiche di riferimento analisi dell immagine (falsiscopio) analisi proprietà elettro-magnetiche analisi metallografica (eventuale) Classificazione 35

36 Counterfeit monitoring system Collegamento informatico protetto con la Banca Centrale Europea 36

37 Perizie ricevute dal CNAC Italia n Perizie

38 Ripartizione dei falsi per taglio 1,5% 1,0% 0, ,5% 38

39 Attività del C.N.A.C. italiano Collaborazione con le forze dell Ordine nello smantellamento di 5 Zecche clandestine in Italia Esecuzione di oltre 5500 perizie a partire dal 2002 Corsi di formazione ai soggetti obbligati ed alle forze dell Ordine Riunioni periodiche con Forze dell Ordine sullo stato del falso Partecipazione attiva a gruppi tecnici in materia di contraffazione monetaria (C.C.E.G.) Grading system 39

40 Grading system Oggettivazione del livello di contraffazione 40

41 Stima inquinamento del circolante Europeo Rinvenimenti di falsi in Europa (dato consolidato al 2007): (*) Numero di monete in circolazione in Europa: 75 miliardi Rapporto falsi su circolante: < Alcuni pezzi per milione Ripartizione per taglio: 86% 2 8% 1 6% 50 cent (*) il dato è influenzato dall introduzione, in alcuni paesi membri, del controllo sistematico del circolante, ancora non attivo in Italia. 41

42 il direttore della Zecca ing. Renato Vigezzi 42

LA STRATEGIA DI CONTRASTO DELL ARMA DEI CARABINIERI NELLA LOTTA AL FALSO MONETARIO ED IL MODELLO INVESTIGATIVO DEL ANTIFALSIFICAZIONE MONETARIA

LA STRATEGIA DI CONTRASTO DELL ARMA DEI CARABINIERI NELLA LOTTA AL FALSO MONETARIO ED IL MODELLO INVESTIGATIVO DEL ANTIFALSIFICAZIONE MONETARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA - A.I.PRO.S. BANCASICURA 2011 XXI Convegno Nazionale sulla Sicurezza nelle Banche LA STRATEGIA DI CONTRASTO DELL ARMA DEI CARABINIERI NELLA LOTTA AL

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 21.12.2004 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 373/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 2182/2004 DEL CONSIGLIO del 6 dicembre 2004 relativo

Dettagli

SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO. sesta edizione (1 gennaio 30 giugno 2004)

SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO. sesta edizione (1 gennaio 30 giugno 2004) DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE III RELAZIONI FINANZIARIE INTERNAZIONALI UFFICIO CENTRALE ANTIFRODE MEZZI DI PAGAMENTO (UCAMP) RAPPORTO STATISTICO SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO sesta edizione (1 gennaio

Dettagli

N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010

N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010 N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO - Visto il Trattato del Laterano, sottoscritto

Dettagli

U.C.A.M.P. UFFICIO CENTRALE ANTIFRODE DEI MEZZI DI PAGAMENTO «IL SISTEMA SIRFE NELLA GESTIONE DEL CONTANTE»

U.C.A.M.P. UFFICIO CENTRALE ANTIFRODE DEI MEZZI DI PAGAMENTO «IL SISTEMA SIRFE NELLA GESTIONE DEL CONTANTE» U.C.A.M.P. UFFICIO CENTRALE ANTIFRODE DEI MEZZI DI PAGAMENTO «IL SISTEMA SIRFE NELLA GESTIONE DEL CONTANTE» Milano, 27 maggio 2014 ORDINAMENTO GERARCHICO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO

Dettagli

La nuova Decisione della BCE 2010/14 del 16 settembre 2010 e l evoluzione del quadro normativo per il ricircolo del contante 13 dicembre 2010

La nuova Decisione della BCE 2010/14 del 16 settembre 2010 e l evoluzione del quadro normativo per il ricircolo del contante 13 dicembre 2010 Scenario evolutivo del ciclo del contante La nuova Decisione della BCE 2010/14 del 16 settembre 2010 e l evoluzione del quadro normativo per il ricircolo del contante 13 dicembre 2010 I GESTORI DEL CONTANTE

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA SIRFE PER LA SEGNALAZIONE DEI FALSI

LA NUOVA PROCEDURA SIRFE PER LA SEGNALAZIONE DEI FALSI LA NUOVA PROCEDURA SIRFE PER LA SEGNALAZIONE DEI FALSI Ministero Economia e Finanze Direzione V Ufficio Centrale Antifrode Mezzi di Pagamento DECISIONE BCE DEL 16.9.2010 RAFFORZAMENTO DEL FRAMEWORK DI

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Proposta di Bruxelles, 26.11.2010 COM(2010) 691 definitivo REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO 2010/0338 (NLE) C7-0034/11 riguardante i valori unitari e le specificazioni tecniche delle monete

Dettagli

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA LE PRIME FALSIFICAZIONI DELL URO Cap. GAETANO TERRASINI 1 2 BANCASICURA 2005 Padova,20 ottobre 2005 XV Convegno Nazionale sulla sicurezza nelle Banche LE PIU RECENTI FALSIFICAZIONI DELL EURO G. Terrasini

Dettagli

Dipartimento del Tesoro Direzione III Relazioni finanziarie internazionali Ufficio Centrale Antifalsificazione Mezzi di Pagamento

Dipartimento del Tesoro Direzione III Relazioni finanziarie internazionali Ufficio Centrale Antifalsificazione Mezzi di Pagamento Dipartimento del Tesoro Direzione III Relazioni finanziarie internazionali Ufficio Centrale Antifalsificazione Mezzi di Pagamento (UCAMP) I Rapporto Statistico sulla Falsificazione dell euro (1 gennaio

Dettagli

RAPPORTO STATISTICO SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO

RAPPORTO STATISTICO SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA FINANZIARIO PER FINI ILLEGALI UFFICIO CENTRALE ANTIFRODE MEZZI DI PAGAMENTO (UCAMP) RAPPORTO STATISTICO SULLA FALSIFICAZIONE DELL

Dettagli

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure Cosmetici e contraffazione 20 dicembre 2013 Cosmetici e contraffazione Definizione Per cosmetico contraffatto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RITIRO DALLA CIRCOLAZIONE DI BANCONOTE E MONETE IN EURO SOSPETTE DI FALSITA. anno 2010 / numero 02

REGOLAMENTO PER IL RITIRO DALLA CIRCOLAZIONE DI BANCONOTE E MONETE IN EURO SOSPETTE DI FALSITA. anno 2010 / numero 02 REGOLAMENTO PER IL RITIRO DALLA CIRCOLAZIONE DI BANCONOTE E MONETE IN EURO SOSPETTE DI FALSITA anno 2010 / numero 02 INDICE ARTICOLO 1 - DEFINIZIONI...3 ARTICOLO 2 - PREMESSA...3 ARTICOLO 3 - FINALITÀ

Dettagli

LA CONVERGENZA DEI SERVIZI DI CASSA DELLE BANCHE CENTRALI E NELLE OPERAZIONI DI RICIRCOLO DEL CONTANTE

LA CONVERGENZA DEI SERVIZI DI CASSA DELLE BANCHE CENTRALI E NELLE OPERAZIONI DI RICIRCOLO DEL CONTANTE LA CONVERGENZA DEI SERVIZI DI CASSA DELLE BANCHE CENTRALI E NELLE OPERAZIONI DI RICIRCOLO DEL CONTANTE Maria Agnese Gaeta ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA ROMA 26 maggio 2008 Sommario REGIME DI EMISSIONE,

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro. Ventunesima edizione MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro. Ventunesima edizione MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Ventunesima edizione MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP)

Dettagli

CARATTERISTICHE DI SICUREZZA DELLE BANCONOTE E DELLE MONETE IN EURO. Banca centrale europea, 2007

CARATTERISTICHE DI SICUREZZA DELLE BANCONOTE E DELLE MONETE IN EURO. Banca centrale europea, 2007 CARATTERISTICHE DI SICUREZZA DELLE BANCONOTE E DELLE MONETE IN EURO BANCONOTE IN EURO (FRONTE) Le finestre e i portali simboleggiano lo spirito di apertura e di cooperazione che anima i paesi europei.

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO No i Capitan i Re gge n ti la Se re n issim a Re pubblica di San Marin o Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/ 2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/

Dettagli

FALSI IN CIRCOLAZIONE IN ITALIA

FALSI IN CIRCOLAZIONE IN ITALIA FALSI IN CIRCOLAZIONE IN ITALIA IW2BSF - Rodolfo Parisio Novembre 2013 OLOGRAMMA senza nessuna immagine : solo una placca metallica Striscia MAGNETICA inserita dentro, piu spessa e grossolana In compenso

Dettagli

Evoluzione tecnologica: nuovo concetto di filiale e security bancaria

Evoluzione tecnologica: nuovo concetto di filiale e security bancaria Evoluzione tecnologica: nuovo concetto di filiale e security bancaria Ing. Claudio Branchesi Product Line Manager Gunnebo Italia S.p.A. Fino ad ora Antintrusione, Antirapina, Bussole, Biometria, Videoregistrazione,

Dettagli

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica, PROGRAMMA MINIMO COMUNE DI TECNOLOGIA MECCANICA ED ESERCITAZIONI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 La disciplina di Tecnologia Meccanica ed Esercitazioni è coinvolta nel progetto di Sperimentazione Meccatronica,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUI FENOMENI DELLA CONTRAFFAZIONE E DELLA PIRATERIA IN CAMPO COMMERCIALE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUI FENOMENI DELLA CONTRAFFAZIONE E DELLA PIRATERIA IN CAMPO COMMERCIALE CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUI FENOMENI DELLA CONTRAFFAZIONE E DELLA PIRATERIA IN CAMPO COMMERCIALE AUDIZIONE DELLA BANCA D ITALIA IN MATERIA DI CONTRAFFAZIONE DELLE BANCONOTE

Dettagli

Legge federale sull unità monetaria e i mezzi di pagamento

Legge federale sull unità monetaria e i mezzi di pagamento Legge federale sull unità monetaria e i mezzi di pagamento (LUMP) 941.10 del 22 dicembre 1999 (Stato 2 maggio 2000) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 99, 122 capoverso

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA EUROSISTEMA. Euro falsi? Ecco cosa fare

BANCA CENTRALE EUROPEA EUROSISTEMA. Euro falsi? Ecco cosa fare BANCA CENTRALE EUROPEA EUROSISTEMA Euro falsi? Ecco cosa fare Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, 2008 ISBN 978-92-79-06289-6 Comunità europee/olaf, BCE, Europol,

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

V RO o FALSO? Paolo Casella & c. sas - dal 1977. via croce bianca, 28 - ALASSIO (sv) - tel 0182 660 210 www.paolocasella.it casella@paolocasella.

V RO o FALSO? Paolo Casella & c. sas - dal 1977. via croce bianca, 28 - ALASSIO (sv) - tel 0182 660 210 www.paolocasella.it casella@paolocasella. V RO o FALSO? Paolo Casella & c. sas - dal 1977 via croce bianca, 28 - ALASSIO (sv) - tel 0182 660 210 www.paolocasella.it casella@paolocasella.it L entrata in vigore dell EURO Le banconote in euro sono

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

L EURO IN FAMIGLIA ISTRUZIONI PER L USO

L EURO IN FAMIGLIA ISTRUZIONI PER L USO L EURO IN FAMIGLIA ISTRUZIONI PER L USO Melissano 9 dicembre 2001 Dott. Fernando Bellisario LE TAPPE DELL EURO 1957 -TRATTATO DI ROMA (CREAZIONE DEL MERCATO COMUNE EUROPEO) 1992 - TRATTATO SULL UNIONE

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 6 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 febbraio 2013 Disposizioni applicative della trasmissione al Ministero dell'economia e delle finanze, per via telematica, dei dati e delle

Dettagli

DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 aprile 2013 relativa a tagli, specifiche, riproduzioni, sostituzione e ritiro delle banconote in euro

DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 aprile 2013 relativa a tagli, specifiche, riproduzioni, sostituzione e ritiro delle banconote in euro 30.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 118/37 DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 aprile 2013 relativa a tagli, specifiche, riproduzioni, sostituzione e ritiro delle banconote in

Dettagli

MANUALE OPERATIVO SEGNALAZIONI STATISTICHE DEI GESTORI DEL CONTANTE

MANUALE OPERATIVO SEGNALAZIONI STATISTICHE DEI GESTORI DEL CONTANTE MANUALE OPERATIVO SEGNALAZIONI STATISTICHE DEI GESTORI DEL CONTANTE Versione1.1 Pag. 1 di 9 Sommario --------------- 1 Premessa 2 2 Definizioni 2 3 Segnalazioni statistiche 4 3.1 I gestori del contante

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 181/6 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1338/2001 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2001 che definisce talune misure necessarie alla protezione dell'euro

Dettagli

LA GESTIONE DEL CASH IN ITALIA

LA GESTIONE DEL CASH IN ITALIA LA GESTIONE DEL CASH IN ITALIA INDICE DEL DOCUMENTO 1. Note Introduttive... 3 2. Il contante in Italia... 4 2.1 Il ricorso al contante in Italia... 4 2.1.1 Il ricorso ai pagamenti in contante... 4 2.1.2

Dettagli

LA MONETA SCHEDA PER I DOCENTI

LA MONETA SCHEDA PER I DOCENTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LA MONETA SCHEDA PER I DOCENTI Pagina 1 di 34 SOMMARIO CHE COSA È LA MONETA...3 LE ORIGINI DELLA MONETA...5 BANCONOTE, MONETA BANCARIA, MONETA

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE F REATI DI FALSITA' IN MONETE IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E SEGNI

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

La Verifica del Falso

La Verifica del Falso La Verifica del Falso V RO o FALSO? L entrata in vigore dell EURO Le banconote in euro sono entrate t in circolazione i il 1 gennaio 2002. Le nuove banconote sono disponibili in 7 tagli I disegni, diversi

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2012 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Lo schema Bitcoin: aspetti economici ed istituzionali. Gianni Bonaiuti Università di Siena 29 ottobre 2014

Lo schema Bitcoin: aspetti economici ed istituzionali. Gianni Bonaiuti Università di Siena 29 ottobre 2014 Lo schema Bitcoin: aspetti economici ed istituzionali Gianni Bonaiuti Università di Siena 29 ottobre 2014 Agenda L attenzione verso le monete alternative Caratteristiche del sistema Bitcoin Aspetti economici

Dettagli

MT CONTROLLO MAGNETOSCOPICO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 40 PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO MAGNETOSCOPICO 1.1) Scopo e limitazioni del metodo di controllo magnetoscopico PARTE 2 - BASI

Dettagli

Le banconote e le monete in euro. Italiano

Le banconote e le monete in euro. Italiano Le banconote e le monete in euro Italiano Una nuova moneta per l Europa EURO Il nome della valuta europea è stato adottato dal Consiglio europeo nel vertice di Madrid del 15 e 16 dicembre 1995. AREA DELL

Dettagli

TECNOLOGIE MECCANICHE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE MECCANICHE ED APPLICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE MECCANICHE ED APPLICAZIONI CLASSE TERZA B MAT DOCENTE : GARAU STEFANO Pag. 1 di 6 FINALITA L insegnamento della disciplina Tecnologia meccanica ed

Dettagli

Monetazione della Repubblica Italiana Collezione 2013. Coins of the Italian Republic Collection 2013. Included in the annual 10 pcs currency set

Monetazione della Repubblica Italiana Collezione 2013. Coins of the Italian Republic Collection 2013. Included in the annual 10 pcs currency set Collezione 2013 Collection Monetazione della Repubblica Italiana Collezione 2013 Coins of the Italian Republic Collection 2013 5 Euro 150 Anniversario della nascita di Gabriele D Annunzio 150 th Anniversary

Dettagli

1.2436 (X210CrW12) 1.2436

1.2436 (X210CrW12) 1.2436 G1 AISI D6 Acciaio da utensili per lavorazioni a freddo adatto alla realizzazioni di utensili di taglio, piegatura, pressatura e incisione, punzoni, barre piegatrici e lame. Il 1.2436 è un acciaio ledeburitico

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano Laurea in Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche Esercizi sul calcolo del numero di bit STEFANO FERRARI Fondamenti di informatica per la sicurezza Esercizi sul

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Le circolari della Regione Toscana

Le circolari della Regione Toscana Riunione tecnica con le imprese del comparto di distribuzione G.P.L. Firenze, 28 settembre 2006 Le circolari della Regione Toscana Ing. Luca Albizzi, Azienda U.S.L. 7 di Siena Gruppo Regionale Macchine

Dettagli

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 52 i dossier www.freefoundation.com LEZIONI AMERICANE PER MONTI 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il presidente della Federal Reserve, la banca centrale americana, Ben Bernanke

Dettagli

Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria

Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria IL CONTRASTO AL FALSO NUMMARIO ESPERIENZE DI SUCCESSO Associazione Bancaria Italiana A.B.I. BANCHE E SICUREZZA 2009 Roma,10 giugno 2009 Il Comando CC AFM - Riferimenti normativi - La collaborazione con

Dettagli

Il cambio della moneta: bilancio di un anno

Il cambio della moneta: bilancio di un anno ROTARY CLUB VAL TICINO DI NOVARA Il cambio della moneta: bilancio di un anno Intervento di Antonio Finocchiaro Vice Direttore Generale della Banca d Italia Novara, 10 febbraio 2003 Dal 1 gennaio 1999 l

Dettagli

COMMERCIO, MANUTENZIONE, RIPARAZIONE E RICAMBI CENTRI DI TAGLIO LASER PER LAMIERA www.laserservice.eu

COMMERCIO, MANUTENZIONE, RIPARAZIONE E RICAMBI CENTRI DI TAGLIO LASER PER LAMIERA www.laserservice.eu CENTRO DI TAGLIO LASER TRUMPF MOD. LASERCELL 6005 4KW ANNO 2004 TOTALMENTE REVISIONATO POCHISSIME ORE LAVORO foto di archivio La TCL6005 appartiene alla serie di macchine TRUMPF LASERCELL. Queste macchine

Dettagli

N. LXIV LEGGE RECANTE NORME IN MATERIA MONETARIA PER L ANNO 2014 (16/12/2014) LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

N. LXIV LEGGE RECANTE NORME IN MATERIA MONETARIA PER L ANNO 2014 (16/12/2014) LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. LXIV LEGGE RECANTE NORME IN MATERIA MONETARIA PER L ANNO 2014 (16/12/2014) LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO - vista la Legge Fondamentale dello Stato della Città del Vaticano,

Dettagli

Lettura Laboratorio CLIL

Lettura Laboratorio CLIL Lettura Laboratorio CLIL Politica economica e monetaria con il Trattato di Lisbona INTRODUZIONE. Il Trattato di Lisbona rafforza il ruolo della Commissione nella politica economica dell Unione europea

Dettagli

DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA 20.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 253/19 DECISIONI DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 7 settembre 2012 recante modifica alla decisione BCE/2010/14 relativa al controllo dell autenticià

Dettagli

CONTROLLO CON PARTICELLE MAGNETICHE (MT)

CONTROLLO CON PARTICELLE MAGNETICHE (MT) Controllo Welding Inspection con particelle magnetiche CONTROLLO CON PARTICELLE MAGNETICHE (MT) Introduzione al magnetismo Il magnetismo è la capacità di alcuni materiali (detti ferromagnetici) di attrarre

Dettagli

copertina: Grafica Editrice Bose Giesse disegni di Daniele Falzone

copertina: Grafica Editrice Bose Giesse disegni di Daniele Falzone 1 copertina: Grafica Editrice Bose Giesse disegni di Daniele Falzone 2 Rino Falzone I SEGRETI DELL EURO GUIDA PRATICA AL COLLEZIONISMO NUMISMATICO Bonfirraro Editore 3 2013 by Bonfirraro Editore Viale

Dettagli

2 LEZIONE TIPI DI MONETA

2 LEZIONE TIPI DI MONETA LA MONETA SVOLGE LE SEGUENTI FUNZIONI 1. MEZZO GENERALE DELLO SCAMBIO 2. UNITÀ DI CONTO 3. MEZZO LEGALE DI PAGAMENTO 4. RISERVA DI VALORE La moneta consente agevolmente il trasferimento delle merci tra

Dettagli

Premessa, la moneta CONTROLLI SULLA CIRCOLAZIONE E LAVORAZIONE DELLE BANCONOTE

Premessa, la moneta CONTROLLI SULLA CIRCOLAZIONE E LAVORAZIONE DELLE BANCONOTE Premessa, la moneta CONTROLLI SULLA CIRCOLAZIONE E LAVORAZIONE DELLE BANCONOTE 1. Emissione dei BB e sorveglianza sul SdP dell Eurosistema 2. Revisione dei processi operativi della Banca d Italia 3. Controlli

Dettagli

USER MANUAL HT-6050/6060

USER MANUAL HT-6050/6060 USER MANUAL HT-6050/6060 HT-6050/6060 MANUALE DI ISTRUZIONI Catalogue Istruzioni per la sicurezza 1 Introduzione Operazioni 3 Risoluzione dei problemi 6 Manutenzione 7 Specifiche 8 Istruzioni per la sicurezza

Dettagli

VERIFICA BANCONOTE. GEM SNC Di Grossi Galeazzo & C. Via G.Deledda, 122 Loc.Pioppelle 46030 Borgoforte MN TEL 0376/648587 FAX 0376/649110

VERIFICA BANCONOTE. GEM SNC Di Grossi Galeazzo & C. Via G.Deledda, 122 Loc.Pioppelle 46030 Borgoforte MN TEL 0376/648587 FAX 0376/649110 ATTENZIONE: CREDITO D IMPOSTA ALL 80% DEL VALORE DI ACQUISTO PER LE PMI COMMERCIALI DI VENDITA ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO DECRETO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 06/02/2008 CIRCOLARE n 37/E VERIFICA

Dettagli

PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE

PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE DI LIVORNO COFINANZIATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO A SEGUITO DI CONVENZIONE CON L ANCI NAZIONALE PROGETTO LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE NEL COMUNE

Dettagli

Fastener 2015 Rappresentazione, Catalogazione e Impiego

Fastener 2015 Rappresentazione, Catalogazione e Impiego Short Master Fastener 2015 Rappresentazione, Catalogazione e Impiego 4 a Edizione Modena, 15 Ottobre - 26 Novembre 2015 Corso Accreditato per la Formazione Continua dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri*

Dettagli

Il Ministro dell Interno

Il Ministro dell Interno Il Ministro dell Interno Visto l'articolo 31 del decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, che demanda a un decreto del Ministro dell'interno la determinazione delle caratteristiche e delle modalità di

Dettagli

1.1 MOTIVI ALLA BASE DELLA DEFINIZIONE DI UN QUADRO DI RIFERIMENTO COMUNE PER IL RICIRCOLO DELLE BANCONOTE

1.1 MOTIVI ALLA BASE DELLA DEFINIZIONE DI UN QUADRO DI RIFERIMENTO COMUNE PER IL RICIRCOLO DELLE BANCONOTE RICIRCOLO DELLE BANCONOTE IN EURO: QUADRO DI RIFERIMENTO PER L IDENTIFICAZIONE DEI FALSI E LA SELEZIONE DEI BIGLIETTI NON PIÙ IDONEI ALLA CIRCOLAZIONE DA PARTE DELLE BANCHE E DI TUTTE LE CATEGORIE PROFESSIONALI

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 PROTOCOLLO DI COMPLIANCE 5 PREVENZIONE DAI REATI DI FALSITA IN MONETE E VALORI APPROVATO ED ADOTTATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 17 MAGGIO 2011

Dettagli

Finiture Superficiali e 7 Errori 8 Profili 9 Rugosimetro 10 Definizione (Rp,Rz, ) 11 Indicazioni di segno grafico di base lavorazioni con lavorazioni senza asportazione asportazione di truciolo di truciolo

Dettagli

Soggetti tenuti alla corresponsione. art. 19, comma 4, ed ex art. 200, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998

Soggetti tenuti alla corresponsione. art. 19, comma 4, ed ex art. 200, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998 COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA - DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 17601: Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'articolo 40 della legge n. 724/1994, per

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: TECNOLOGIA MECCANICA A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TIM 1) PREREQUISITI Possedere conoscenze relative alle proprietà chimico-strutturali,

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica Inquadramento della giornata con riferimento alla legge provinciale n. 16/2007 "Risparmio energetico e inquinamento

Dettagli

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte.

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Indice: 1. Corrente elettrica 2. Radiazione ottica 3. Sostanze pericolose per la salute 4. Protezioni individuali 5. Gestione

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

CAVI SPECIALI PER TERMOCOPPIE CAVI ALTE TEMPERATURE CAVI SPECIALI. s.r.l.

CAVI SPECIALI PER TERMOCOPPIE CAVI ALTE TEMPERATURE CAVI SPECIALI. s.r.l. PER TERMOCOPPIE CAVI ALTE TEMPERATURE s.r.l. PER TERMOCOPPIE CAVI ALTE TEMPERATURE s.r.l. s.r.l. TABELLA 1: SIMBOLI E TIPI DI TERMOCOPPIE Tipo T J E K S R B Temperatura di esercizio -184 370 C -300 700

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana Dicembre 2012 Nel primi mesi del 2012, il flusso di ritorno statistico della "matrice dei conti" è stato riattivato nella sua interezza e per tutte le date

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA MANUTENZIONE DEGLI ASCENSORI E DEI MONTACARICHI PROVINCIA DI LECCO

PROGRAMMA D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA MANUTENZIONE DEGLI ASCENSORI E DEI MONTACARICHI PROVINCIA DI LECCO PROGRAMMA D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALLA MANUTENZIONE DEGLI ASCENSORI E DEI MONTACARICHI PROVINCIA DI LECCO 1. PREMESSA Il candidato deve dimostrare di avere conseguito per suo studio

Dettagli

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte

Nuovi prodotti. Stampi per tranciatura 2014. Guide modulari. Guide compatte Nuovi prodotti Stampi per tranciatura 2014 5.8.3.1 Catalogo CD e lin Catalogo on Con il nuovo ampliamento di prodotti abbiamo voluto dare voce ai vostri desideri e consigli. Come fornitore sistematico

Dettagli

MODULO PROFESSIONALIZZANTE 40 ORE ACCESS PER LA GESTIONE LOGISTICA (Intersettoriale)

MODULO PROFESSIONALIZZANTE 40 ORE ACCESS PER LA GESTIONE LOGISTICA (Intersettoriale) MODULO PROFESSIONALIZZANTE 40 ORE ACCESS PER LA GESTIONE LOGISTICA (Intersettoriale) AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE (intersettoriale) AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' GENERALE base (Intersettoriale) CONTENUTI

Dettagli

Macchina da taglio per tubi

Macchina da taglio per tubi Macchina da taglio per tubi REMS Cento REMS Cento RF for Professionals 5 Brevetto EP 1 782 904 Velocissima. Per tagli ad angolo retto. Senza trucioli. Senza bavature. A secco. 1 Prodotto tedesco di qualità

Dettagli

A cura dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena

A cura dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena A cura dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena PRESENTAZIONE Questo opuscolo, realizzato da alcuni studenti del biennio dell Istituto Tecnico Industriale Enrico Fermi di Modena, è stato

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 600 TSE 600 TSE/TSP - 550 TSE/TSP Troncatrice doppia testa elettronica Troncatrice doppia testa a 3 assi controllati per alluminio, PVC e leghe leggere, ideale per

Dettagli

CONOSCENZE MINIME RICHIESTE

CONOSCENZE MINIME RICHIESTE CICPND CENTRO ITALIANO DI CERTIFICAZIONE PER LE PROVE NON DISTRUTTIVE E PER I PROCESSI INDUSTRIALI Patrocinato da: CNR ENEA UNI ISPESL - UNIV. LA SAPIENZA Via C. Pisacane, 46 20025 Legnano MI Tel. +39

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Prodotti sinterizzati

Prodotti sinterizzati Prodotti sinterizzati - Composto bimetallico refrattario prodotto tramite un processo, rigorosamente controllato, di pressatura e sinterizzazione di polveri di tungsteno e infine infiltrazione del materiale

Dettagli

DIREZIONE V: Prevenzione dell Utilizzo del Sistema Finanziario per Fini Illegali Newsletter n 9 - Marzo 2015

DIREZIONE V: Prevenzione dell Utilizzo del Sistema Finanziario per Fini Illegali Newsletter n 9 - Marzo 2015 Frauds: some facts DIREZIONE V: Prevenzione dell Utilizzo del Sistema Finanziario per Fini Illegali Newsletter n 9 - Marzo 2015 UCAMP: Ufficio Centrale Antifrode Mezzi di Pagamento In questo numero: Frodi

Dettagli

Sistemi monetari a base metallica (1)

Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta La moneta Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta è qualunque merce che serve da intermediario negli scambi o come deposito di valore Numerose merci sono servite come moneta nelle società

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA:

FATTURAZIONE ELETTRONICA: FATTURAZIONE ELETTRONICA: stato dell arte e normativa Bologna, 25/02/2014 Chiara Pezzi La fatturazione elettronica è obbligatoria? La fatturazione elettronica è obbligatoria? a. no b. sì, solo per le Pubbliche

Dettagli

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009 Solar Energy Italia Building a solar future Aprile 2009 1 La società Investire in un impianto fotovoltaico significa avere la garanzia di un ritorno certo per 20 anni se ci si affida ad un partner di provata

Dettagli

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20

Introduzione...xi. 1.3 Affidabilità secondo gli Eurocodici... 19. 1.4 Requisito di durabilità secondo gli Eurocodici... 20 INDICE GENERALE Introduzione...xi 1.1 Premessa sugli Eurocodici strutturali... 13 Struttura Eurocodici strutturali... 13 Scopo degli Eurocodici... 14 Il ruolo degli Enti Normativi... 14 Ruolo della EN

Dettagli

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa Gli elettrodi nell EDM G. Fantoni Università di Pisa Erodibilità di diversi materiali metallici PURI T fus. -MRR Ma Ag, Cu anomali infatti erodibilità dipende anche da conducibilità termica, capacità

Dettagli

di Giovanna Bettonte (1758IM)

di Giovanna Bettonte (1758IM) Università di Trento Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria dei Materiali La MONETAZIONE di Giovanna Bettonte (1758IM) Corso di: Metallurgia dei metalli non ferrosi Docenti: prof. ing. Diego

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 9.10.2010 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 267/1 II (Atti non legislativi) DECISIONI DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 16 settembre 2010 relativa al controllo dell autenticità e idoneità

Dettagli

Esperto Controlli Non Distruttivi

Esperto Controlli Non Distruttivi Esperto Controlli Non Distruttivi Il profilo professionale individuato deve assicurare l esecuzione dei Controlli Non Distruttivi, deliberando le parti e documentandone i risultati e garantire il rispetto

Dettagli