Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito"

Transcript

1 Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio crediti verso clienti ha da sempre rappresentato una delle principali cause che possono determinare per l impresa medio piccola lo stato d insolvenza. Tenuto conto della forte congiuntura economica in atto, oggi il presidio e la gestione adeguata di tale rischio ha assunto una rilevanza centrale nell ambito del mondo imprenditoriale. Ci soffermeremo sugli aspetti che interessano più da vicino il modo delle Pmi e quindi criticità e possibili soluzioni da porre in essere al fine di mitigare e presidiare adeguatamente il rischio. Nel mondo delle grandi corporate negli ultimi anni si è diffuso l utilizzo di sistemi di scoring per la misurazione del merito di credito dei propri clienti, sistemi che difficilmente possono essere replicati per le Pmi, considerato che il portafoglio crediti di questo segmento d imprese è di dimensioni ben più ridotte rispetto al portafoglio di una grande impresa. Nel caso delle Pmi si tratta d individuare soluzioni adatte alle dimensioni delle imprese, che in determinati casi possono essere anche gli stessi sistemi di scoring, si pensi ad esempio alle imprese che operano con contratti di somministrazione per la fornitura di servizi continuativi e quindi hanno un portafoglio clienti assai vasto. È fondamentale che un impresa sia sempre nelle condizioni di poter verificare la qualità del proprio portafoglio crediti e che tali analisi siano dovutamente riportate in una reportistica gestionale interna, oltre che nei documenti societari destinati ad essere consultati dagli stakeholder dell impresa. Inoltre, una puntuale percezione del rischio di credito a cui l impresa è esposta, consente di effettuare politiche di accantonamento al fondo rischi su crediti coerenti alle potenziali perdite, le quali se rispettate negli anni possono rappresentare un ottimo segnale di solidità dell impresa verso l esterno (azionisti, creditori, banche, fornitori ecc...). Nel momento in cui l impresa è nelle condizioni di effettuare analisi attendibili e puntuali sul rischio di credito in portafoglio, il secondo step è rappresentato dalla gestione di tale rischio, con strumenti come: cartolarizzazioni, anticipo pro-soluto, factoring, derivati su crediti ecc... Misurazione e monitoraggio del rischio di credito Saranno analizzare le metodologie di misurazione del rischio di credito, ovvero tecniche quantitative in grado di fornirci un informazione sintetica sul merito di credito del cliente e sulle metodologie utili alla valutazione del rischio di credito sul portafoglio crediti complessivo dell impresa. Gli strumenti di valutazione e monitoraggio del rischio sono differenti in relazione alla natura della controparte da valutare (privati o aziende), dalle modalità con cui il business viene svolto (contratti di somministrazione, vendite periodiche, contratti d appalto o commesse di vario tipo). 19

2 La valutazione Modello di rating 20 In relazione alle diverse caratteristiche del portafoglio crediti sarà necessario valutare soluzioni che consentano di misurare la rischiosità della singola controparte e del portafoglio crediti dell impresa. Un altro rischio legato al portafoglio crediti verso clienti è rappresentato dal rischio di concentrazione, il quale è generato dalla concentrazione del portafoglio crediti commerciale in pochi grandi clienti e di conseguenza l insolvenza di pochi nominativi può comportare delle perdite su crediti rilevanti, con effetti negativi non indifferenti sulla performance dell impresa e sulla sua stabilità finanziaria - patrimoniale. Per loro natura ci sono dei settori, come la nautica o l edilizia, nei quali si lavora prevalentemente su commessa con pochi grandi clienti, dove la mitigazione di tale rischio risulta assai complessa, mentre ve ne sono altri dove la possibilità di frazionare il portafoglio clienti risulta essere non difficoltosa. Come per il rischio di credito puro, anche per il rischio di concentrazione è indispensabile adottare metodologie che consentano di misurare e monitorare tale rischio. In aziende strutturare e di una certa rilevanza, tale rischio andrebbe preventivamente presidiato con delle specifiche policy and proceed adeguate, al fine di individuare dei limiti di concentrazione del portafoglio crediti sui singoli clienti e delle regole di comportamento in presenza di situazioni anomale. L implementazione di un modello di rating interno all interno di una Pmi può essere visto come un tecnicismo eccessivo per la tipologia di attività svolta, sicuramente è impensabile implementare un sistema sofisticato come avviene nel mondo bancario o realizzare un sistema complesso come hanno fatto alcune corporate di grandi dimensioni. La migliore scelta è quella di ricorrere ad un sistema sviluppato in house, il quale utilizzando alcune informazioni sintetiche, ci consente di ottenere un giudizio sulla solvibilità finanziaria della nostra controparte commerciale. A differenza di quanto avviene nel mondo bancario, per le corporate non sono previste regole di alcun tipo nelle scelte da fare per lo sviluppo di un sistema interno di rating, visto che queste ultime non sono sottoposte a vigilanza regolamentare e infatti il modello di rating è esclusivamente uno strumento gestionale interno. La costruzione di un modello di rating solido e attendibile è legata principalmente alla scelta della metodologia quantitativa di calcolo e alle variabili che vengono utilizzate. Con riferimento alla metodologia quantitativa, sul mercato sono presenti diverse soluzioni matematiche che consentono di ottenere in modo semplice un giudizio sintetico sul merito di credito della singola controparte. Per quanto riguarda la scelta delle valibili da utilizzare, un modello di rating sviluppato in una realtà corporate e non bancaria, potrebbe essere sicuramente alimentato da tre tipologie di variabili: informazione sull andamento del rapporto con l impresa, con particolare riferimento alla regolarità nei pagamenti, giudizio sulla solidità finanziaria (analisi su dati di bilancio attinti da info provider esterni) e infine analisi qualitativa dell impresa fondata sulle informazioni che attengono il management, il settore in cui opera l impresa, l area geografica, la propensione ad innovare ecc... Considerato che lo sviluppo di un sistema interno di rating rappresenta un investimento non indifferente, per le imprese di piccole dimensioni, con un portafoglio crediti verso clienti contenuto, sul mercato sono presenti dei pacchetti venduti da società specializzati per la misurazione e gestione del rischio di credito. In particolare, questi software funzionano anche da info provider, visto che dei report sintetici riescono a riprodurre sinteticamente tutte le informazioni che possono interessare una determinata impresa: camera di commercio, bilanci, tribunali, uffici di pubblicità immobiliari ecc... Le soluzioni più evolute di questi pacchetti informatici contengono anche dei software che forniscono un giudizio sintetico sull affidabilità del singolo nominativo, il quale risulta molto utile specie quando si intende acquisire un nuovo cliente. Si tratta di un giudizio sintetico sulla qualità creditizia e non di un vero e proprio rating, considerato che quest ultimo è sempre un giudizio sul merito di credito di una determinata controparte, ma con delle caratteristiche proprie,

3 come l orizzonte temporale con cui si prevede il default, l assegnazione di una probabilità di default che consente di classificare la controparte in una determinata classe della master scale, in parole povere, il rating si differenzia per essere uno strumento con una rilevante componente discriminante del rischio di credito. Oltre ad essere in grado di valutare l affidabilità della singola controparte, l impresa che intende disporre di un presidio adeguato del rischio di credito deve essere in grado di monitorare nel continuo l esposizione generata dal portafoglio crediti nella sua interezza. Rispetto alle tecniche utilizzare nel mondo bancario per il monitoraggio del credito, nel settore delle Pmi ciò che ci interessa è di consentire al top management di disporre di informazioni chiare sulla composizione del rischio che interessa il portafoglio crediti e della sua evoluzione. Un monitoraggio puntuale del portafoglio crediti non può prescindere da un sistema informativo avanzato in grado di gestire informazioni di dettaglio attinenti i singoli clienti dell impresa con cui intrattiene rapporti commerciali, inoltre, il secondo elemento indispensabile è rappresentato dalla reportistica interna, la quale deve essere costruita con metodo al fine di riportare in documenti sintetici ed affidabili tutte le informazioni necessarie per la valutazione della qualità del portafoglio crediti. Un impresa dotata di un efficace sistema di monitoraggio del portafoglio crediti può beneficiare di vantaggi competitivi non indifferenti, essendo nelle condizioni di potere gestire l esposizione al rischio di credito tout-court, si pensi ad una reportistica che permette di suddividere il portafoglio clienti per area geografica o settore e allo stesso tempo disporre dei dati sulle perdite su crediti registrate secondo tale ripartizione, in questo caso l impresa ha la possibilità di pianificare anticipatamente delle politiche commerciali orientate anche alla gestione del rischio di credito, cercando di limitare l esposizione nelle aree territoriali o settori nella quale è già eccessivamente esposta, piuttosto dove l impresa ha subito le maggiori perdite su crediti. L implementazione di un sistema di monitoraggio del credito in una Pmi a primo impatto può essere visto come un costo che si potrebbe evitare, ma negli ultimi anni con la crisi di liquidità che le imprese stanno vivendo e con l incremento esponenziale delle insolvenze, sul successo dell impresa assume una rilevanza non indifferente la componente legata al rischio di credito ed è chiaro che le imprese che intendono attuare processi di crescita hanno la necessità d investire anche nelle implementazioni di queste metodologie. Come visto per la valutazione del merito di credito della singola controparte, anche per la valutazione della qualità del portafoglio crediti sul mercato esistono delle soluzioni informatiche realizzate da software house che consentono di monitorare nel continuo la qualità dei crediti, ricorrendo sia ad informazioni interne all azienda, che ad informazioni attinte da info provider esterni. Sul mercato esistono diverse soluzioni e le metodologie di valutazione del portafoglio crediti, è chiaro che non esiste la soluzione perfetta adatta per tutte le imprese, ma è necessario volta per volta individuare le soluzioni adatte al portafoglio crediti della singola impresa. Esempio Al fine di rendere più chiaro quanto detto fin qui, di seguito sarà trattato un esempio riferito alla valutazione del portafoglio crediti di un impresa e alle possibili strategie da porre in atto al fine di gestire in modo ottimale il rischio di credito a cui l impresa è esposta. Il caso preso a riferimento è quello dell azienda Alfa s.p.a., si tratta di un impresa che opera su base nazionale nel settore dei trasporti, al fine di non legare l andamento dell azienda ad un particolare settore in cui operano i propri clienti, la politica di Alfa s.p.a. consiste nella diversificazione del proprio portafoglio clienti in relazione al settore. Nella Tavola 1 sono riportati i principali dati di sintesi del portafoglio crediti dell azienda in questione. 21

4 Tavola 1 - Sintesi portafoglio crediti azienda Alfa Portafoglio crediti azienda Alfa Valori in euro Crediti vs clienti ,53 Fondo rischi su credito ,00 Importo esposizione scaduta ,75 Credito vs clienti medio , Limite di concetrazione esposizione singola 1,50% Tempi medi incasso portafoglio 54 Crediti deteriorati su capitale proprio 2,76% Crediti deteriorati su portafoglio crediti 10,00% Perdita attesa di portafoglio ,88 Tasso di recupero su posizioni deteriorate 40% Costi del recupero 10% La Tavola 1 ci consente di sintetizzare con un numero di dati contenuto la qualità del portafoglio crediti. Nel caso in oggetto, la qualità del portafoglio risulta essere discreta, considerato che i crediti deteriorati 1 incidono per il 10% circa sul portafoglio crediti complessivo, nonostante i tempi medi d incasso pari a 54 giorni, siano in linea con il settore di riferimento. Visto i buoni livelli di capitalizzazione dell azienda Alfa s.p.a., nettamente più bassa è l incidenza dei crediti deteriorati rispetto al capitale proprio, percentuale che si attesta al 2,76%. L effetto concertazione risulta contenuto, il portafoglio clienti è composto da 100 nominativi che operano in diversi settori e aree geografiche del Paese (in merito si vedano le Tavole 7 e 8), con un esposizione media pari ad euro ,00 circa, al fine di contenere il rischio concentrazione per police aziendale si è deciso di fissare un limite di esposizione per singolo cliente massimo dell 1,50% del portafoglio crediti. Per quanto riguarda il recupero dei crediti deteriorati, si evince un tasso di recupero storico pari al 40%, al quale è necessario sottrarre i costi del recupero pari al 10%. Applicando queste percentuali di recupero al portafoglio crediti deteriorato otteniamo la potenziale perdita complessiva di portafoglio pari a ,00 euro circa, la quale risulta ampiamente copertura del fondo rischi su crediti stanziato in bilancio negli anni precedenti. Al fine di comprendere le dimensioni dell impresa Alfa s.p.a. all interno della Tavola 2 sono sintetizzati i principali dati di bilancio. Tavola 2 - Sintesi dati di bilancio azienda Alfa Dati di bilancio azienda Alfa Valori in euro Fatturato ,00 MOL ,00 1 Nel mondo corporate rientrano nell ambito della definizione di crediti deteriorati quei crediti che non risultano pagati alle scadenze contrattualmente convenute con i propri clienti. 22

5 Dati di bilancio azienda Alfa Valori in euro Reddito operativo ,00 Utile ,00 Totale attivo ,00 Capitale proprio ,00 Nelle Tavole 3 e 4 sono proposte i risultati delle analisi che consentono di valutare la qualità del portafoglio crediti con riferimento a singoli elementi che lo interessano: solidità finanziaria e qualità del management delle imprese che lo compongono. Tavola 3 - Analisi della qualità del management dei propri clienti Qualità management Alta 39 Bassa 21 Media 40 Il giudizio sulla qualità del management dei clienti di Alfa s.p.a. è elevato, visto che il 79% circa è posizionato nella fascia media e alta. Tavola 4 - Analisi della solidità finanziaria dei propri clienti Solidità finanziaria Buona 44 Insufficiente 13 Sufficiente 43 La solidità finanziaria delle imprese con cui opera Alfa s.p.a. risulta essere adeguata, con il 44% delle imprese che presenta un giudizio superiore alla sufficienza. Tale valutazione può essere ottenuta ricorrendo a software offerti da società specializzate che operano nel campo della valutazione del rischio di credito, tali sistemi attingono ad info provider esterni e ci forniscono un giudizio sintetico sulla solidità finanziaria della singola controparte. Con riferimento al rischio concertazione nelle Tavole 6 e 7 è analizzata rispettivamente la distribuzione del portafoglio crediti per area geografica e settore economico. Tavola 6 - Dettaglio del portafoglio crediti per area geografica Area geografica Centro 14 Isole 16 Nord Est 23 Nord Ovest 23 Sud Est 11 Sud Ovest 13 23

6 Tavola 7 - Dettaglio del portafoglio crediti per settore di attività Settore Commercio alimentari e bevande 15 Commercio dettaglio abbigliamento 4 Commercio ingrosso abbigliamento 9 Commercio ortofrutticolo 27 Fabbricazione di macchine utensili 6 Industria farmaceutica 5 Produzione tessuti e confezioni 5 Produzione acqua minerale 9 Produzione infissi 2 Produzione prodotti in legno 5 Produzione succhi di frutta e ortaggi 7 Produzione articoli di carta e cartone 4 Produzione prodotti in ceramica 2 Come si evince dalla Tavola 6, la distribuzione dei clienti risulta essere equamente distribuita sul territorio nazionale, con una particolare concentrazione nel Nord Italia. Anche la ripartizione settoriale del portafoglio crediti risulta essere equa, con un effetto concertazione nel settore del commercio ortofrutticolo, il quale ruba anche una quota rilevante dei crediti deteriorati, ciò ovviamente è un segnale ed è evidente che è necessario riequilibrare il business verso altri settori. Come accennato sopra i crediti deteriorati dell impresa Alfa s.p.a. ammontano a circa ,00 euro e incidono per il 10% sul portafoglio complessivo, per monitorare in modo puntuale tale fenomeno è utile che l impresa si è dotata di un adeguata reportistica. Ai fini esemplificativi, nella Tavola 8 è riportata la distruzione dei clienti con crediti scaduti e del limite di concentrazione della singola posizione. In estrema sintesi, la Tavola 8 ci fornisce un informazione fondamentale sulla qualità del portafoglio cediti, ovvero la distruzione dei crediti deteriorati e il loro peso rispetto al portafoglio legato all indice di contrazione del 1,50%, infatti, se osserviamo l azienda nr. 30, anche se la quota parte di crediti deteriorata risulta essere contenuta, l esposizione ancora buona verso questa controparte risulta essere elevata, quindi è necessario capire se non sono stati effettuati dei pagamenti puntuali per motivi di vario genere o se siamo di fronte ad un primo allert di rischio e quindi necessario rientrare dall esposizione. Se osserviamo invece l impresa 32, si evince già una situazione patologica del credito, considerato che il livello di concentrazione dell 1,50% risulta essere sforato e il credito deteriorato elevato rispetto ai crediti in essere verso questa controparte. Un ulteriore analisi che ci consente di valutare la qualità del portafoglio può essere quella di confrontare per ciascuna posizione l ammontare dell esposizione scaduta (crediti scaduti e non pagati dai clienti) con i crediti in essere (importo dei crediti vs lo stesso cliente non ancora scaduti). È evidente che più si avvicina a 100 il rapporto tra l esposizione scaduta e il credito in essere verso la singola controparte maggiore sarà la probabilità che questa si trovi già in uno stato d insolvenza conclamato. Al fine d individuare una soglia di rilevanza di tale 24

7 fenomeno, per politica interna all impresa Alfa s.p.a. è stata individuata una soglia di tolleranza del 35%, quindi le posizioni che si trovano oltre questa soglia presentano uno stato patologico. Un ulteriore analisi potrebbe essere quella di verificare da quanti giorni le posizioni che hanno superato la soglia del 35% risultano con esposizioni scadute (pagamenti in ritardo). Con riferimento al caso di Alfa s.p.a., del totale di 30 posizioni che presentano esposizioni scadute, il 60% circa di queste supera la soglia di tolleranza del 35% e compongono la parte critica del portafoglio crediti dell impresa, ovvero quella che probabilmente si trasformerà in perdita. Tavola 8 - Confronto tra esposizione scaduta per singolo cliente e limite d esposizione Tavola 9 - Esposizione scaduta su crediti in essere per posizione 25

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Letizia Sampoli Firenze, 26 febbraio 2015 Cerved è il più grande Information Provider in Italia e una delle principali agenzie

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Il factoring sul territorio: opportunità e vincoli. Dr. Enrico Dehò Direttore Generale Aosta Factor Spa

Il factoring sul territorio: opportunità e vincoli. Dr. Enrico Dehò Direttore Generale Aosta Factor Spa 1 Il factoring sul territorio: opportunità e vincoli Dr. Enrico Dehò Direttore Generale Aosta Factor Spa 2 Targets: Imprenditori locali Grandi aziende Piccole e medie imprese Indotto locale Fornitori di

Dettagli

I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend

I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend I pagamenti come motore della crescita: condivisione, processi e trend Marco Preti Economic Outlook L Europa è l area geografica che crescerà meno nei prossimi anni. Allo stesso tempo nel 2013 l Europa

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

«PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A»

«PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A» «PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A» 1 COSA SI INTENDE CON CLASSE «A» La classe di consumo energetico, detta anche classe di efficienza energetica, è una suddivisione della scala di consumi

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

in collaborazione con: Presenta

in collaborazione con: Presenta in collaborazione con: Presenta La gestione dei crediti verso i Clienti nelle Imprese le azioni preventive, gli insoluti e gli interventi di recupero, gli effetti sui rapporti con gli istituti di credito

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

Start up & PMI Report 2013

Start up & PMI Report 2013 & PMI Report 2013 Introduzione alla terza edizione Start Up & PMI Report 2013 è la terza edizione dell analisi effettuata su un campione di 150.000 imprese iscritte a H2biz: 20.000 start up con meno di

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Business all estero? Rischi e opportunità di una corretta gestione del portafoglio clienti

Business all estero? Rischi e opportunità di una corretta gestione del portafoglio clienti Business all estero? Rischi e opportunità di una corretta gestione del portafoglio clienti Fabio Lazzarini, Marketing Director CRIBIS D&B Credit Risk Council Verona, 13 Novembre 2014 CRIF nel mondo 2.400

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 Febbraio 2011 Finanza a supporto della crescita delle PMI Finanza a breve termine La capacità

Dettagli

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II Commissione Regionale del Piemonte Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo -Torino L OPPORTUNITA DI BASILEA. Il Dottore Commercialista tra Banca e Impresa Il processo di concessione del credito

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

La chiave per l'accesso al credito

La chiave per l'accesso al credito La chiave per l'accesso al credito CR EXPERT è un prodotto consulenziale ad alto livello che permette di analizzare la Centrale Rischi Interbancaria e che consente di rappresentare l'andamento degli affidamenti

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo Il merito creditizio Giuseppe Squeo 1 Il rischio di credito Il rischio di credito consiste: nell eventualità che alle scadenze previste dal contratto il cliente finanziato si riveli insolvente in misura

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O AD UN ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

ISPL Unit Private Style

ISPL Unit Private Style Prospetto d offerta Offerta al pubblico di ISPL Unit Private Style Prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked Si raccomanda la lettura della Parte I (Informazioni sull investimento e sulle coperture

Dettagli

Rapporto sull industria italiana 2013

Rapporto sull industria italiana 2013 KF Economics - K Finance Rapporto sull industria italiana 2013 Analisi dei bilanci 2005-2011 Maggio 2013 Rapporto sull industria italiana 2013 1/35 Disclaimer La presente ricerca Rapporto sull industria

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing AICS MEETING DAY 2014 Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing 21 MAGGIO 2014 Agenda: Chi siamo Cos è il Factoring

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE. Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito MARZO 2015. Con il patrocinio di Confcommercio Bari e

RAPPORTO ANNUALE. Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito MARZO 2015. Con il patrocinio di Confcommercio Bari e RAPPORTO ANNUALE MARZO 2015 Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito Con il patrocinio di Confcommercio Bari e Obiettivo finanza, l Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI Al fine di ottenere un rating sempre più rispondente alla concreta realtà aziendale l impresa può adottare correttivi in grado di modificare la PD. Se la netta specificazione

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

Intervista al Dottor Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl

Intervista al Dottor Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl Recupero del Credito Intervista al Dottor Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl Dott. Alfredo Goldaniga Amministratore Unico SPC srl Dottor Goldaniga, ci racconta qualcosa di SPC srl? SPC nasce

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Milano, Settembre 2014

Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 Agenda - Il mercato italiano - Chi Siamo - Le nostre competenze - La nostra offerta - La Piattaforma IT - Processi supportati - Modularità - Principali funzionalità - Risultati raggiunti

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale

Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale Natalia Leonardi, Direttore Area Centrale Bilanci, Cerved Luca Cianci, Responsabile U.O. Progetti Speciali, Cerved AICS Meeting Day Lazise

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SARA Sistema di Analisi e Rating delle Aziende italiane

SARA Sistema di Analisi e Rating delle Aziende italiane SARA Sistema di Analisi e Rating delle Aziende italiane Obbiettivi e metodologia...2 Le attività preparatorie...2 Calcolo degli indici di bilancio e degli indicatori di posizionamento...2 Costruzione dei

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli