UN PROBLEMA NP DEL MILLENNIO: LA FATTORIZZAZIONE VELOCE. Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN PROBLEMA NP DEL MILLENNIO: LA FATTORIZZAZIONE VELOCE. Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco"

Transcript

1 UN PROBLEMA NP DEL MILLENNIO: LA FATTORIZZAZIONE VELOCE Autori Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract In this paper we talk about NP Problem known as factoring Riassunto In questo lavoro parleremo brevemente del Problema NP del Millennio, che comprende migliaia di problemi, molti di qyesti noti anche come problemi dell ago nel pagliaio con particolare attenzione alla fattorizzazione veloce come il più noto e più importante tra loro. 1

2 Sul web o sui libri divulgativi di matematica ci sono diverse descrizioni dei sei problemi del Millennio rimasti ancora irrisolti.. Ne scegliamo una che riguarda soltanto i problemi NP, tra i quali il problema, esponenziale come molti altri, della fattorizzazione, e sul quale accenneremo a qualche nostro risultato parziale (Teorema Fondamentale della Fattorizzazione, Rif. 1)), partendo dalla congettura di Goldbach, ormai praticamente dimostrata (Rif. 2 e 3, congettura forte e debole di Goldbach, in italiano e in inglese) Testo Iniziamo con la descrizione dei problemi NP riportata in Mathepristem, link matematica.unibocconi.it/articoli/un-problema-del-millennio Un problema del millennio La prova del nove 2

3 La nostra (lontana?) esperienza di studenti delle scuole medie ed elementari ha certamente incluso l'incontro con la famosa prova: il controllo, cioè, della correttezza della soluzione di un'operazione o di una equazione o comunque di un problema di Matematica. Semplici procedure, come la ben nota prova del nove, hanno verosimilmente allietato qualche nostro pomeriggio di giovani scolari. Converremo tutti che questo esercizio di verifica può essere talora noioso, arido e poco stimolante. Pur tuttavia, ha proprietà di sicurezza e meccanicità che non possono non essere apprezzate, almeno da uno studente alle prime armi, ancora inesperto di tutte le sottigliezze matematiche: pochi passaggi, automatici e ripetitivi, bastano per confermare che la risposta precedentemente acquisita è esatta oppure, malauguratamente, a contestarla e a costringerci a ricominciare. In effetti, risolvere un esercizio è pur sempre una scommessa, una sfida piena di incognite, di incertezze e di pericoli. Verificarne la soluzione una volta che è stata acquisita può essere talora un'antipatica appendice, ma ha il pregio di una placida procedura lontana da ogni rischio. Anche per problemi più seri ed attuali, cercare una soluzione può essere esperienza delicata e impegnativa, mentre controllare la soluzione trovata richiede talvolta una semplice occhiata. Ad esempio, pensiamo alla decomposizione degli interi positivi N nei loro fattori primi. Recuperare i fattori primi di un assegnato numero composto N è, ancor oggi (almeno per N grande), esercizio complicato e difficile, privo di procedure adeguatamente veloci e soddisfacenti; invece, verificare la decomposizione di N, una volta che se ne conoscono i fattori, è impegno di poca spesa che si riduce ad una semplice moltiplicazione, gestibile in pochi attimi con un comune calcolatore, anche quando N ed i suoi fattori sono numeri di molte cifre. Fortunati sistemi di crittografia a chiave pubblica (come il famoso RSA) basano la loro sicurezza ed 3

4 efficienza sul dislivello ancora esistente tra determinare e verificare la decomposizione di un intero N. Nasce allora la curiosità generale di confrontare da un lato le risorse necessarie per risolvere un problema, dall'altro quelle richieste per controllarne le soluzione. In particolare, ci possiamo domandare: se la verifica può essere svolta in modo rapido (come nel caso della decomposizione), può dirsi lo stesso della soluzione? L'esempio degli interi ci mostra che la questione ha aspetti intriganti e fascinosi, ma in qualche caso attende ancora una risposta definitiva. L'articolo che segue vuole discutere in maggior dettaglio l'intera questione e sottolinearne sorprendenti venature, sottintesi e difficoltà. P e NP Come detto, il nostro intento è confrontare i tempi di soluzione e di verifica di un problema o, più esattamente, dei migliori algoritmi che gli si applicano. Naturalmente, un'analisi precisa e rigorosa della questione richiederebbe che prima si convenissero chiare definizioni teoriche di che cosa si intende per problema e per algoritmo e di come se ne misura l'efficienza temporale. Alan Turing Noi qui ci accontentiamo di prendere atto che queste esigenze hanno adeguata risposta (si veda, ad esempio, [1] o [2]): un preciso formalismo matematico descrive che cosa è un problema e la classica tesi di Alan Turing degli anni Trenta del secolo scorso sembra suggerire ancora un buon modello teorico di 4

5 quel che si deve intendere per algoritmo (o, meglio, per problema dotato di algoritmo). Quanto alla misurazione dell'efficienza di una procedura (di soluzione o di verifica), c'è una proposta in Informatica teorica, che è variamente attribuita (ad Edmonds, Cook, Karp) e risale ai tardi anni Sessanta. Sostiene che un algoritmo A è efficiente quando lavora in tempo al più polinomiale rispetto alla lunghezza dell' input: in dettaglio, ci deve essere un polinomio p A (x) che ha coefficienti interi, assume valori positivi da un certo punto in poi e dipende solo da A tale che la computazione di A su input di lunghezza al più n (a cui è possibile rispondere) si svolge entro p A (n) passi (almeno per n sufficientemente grande). Si propone così una stima asintotica del tempo di lavoro dell'algoritmo, tesa a valutarlo come funzione di n e a studiarne il comportamento per n che tende all'infinito: idea ragionevole, visto che quel che ci interessa per dichiarare A efficiente non è tanto il suo modo di trattare certi specifici particolarissimi input ma un quadro complessivo delle sue capacità di lavoro, al variare di tutti gli input e delle loro lunghezze. Da questo punto di vista, la tesi di Edmonds, Cook e Karp si può riassumere (in termini un po' rozzi e brutali) nello slogan efficiente=polinomiale. Naturalmente, si tratta di proposta discutibile (e discussa). In effetti, se è facile ammettere che un algoritmo A sia efficiente quando lavora in tempo lineare oppure anche quadratico rispetto alla lunghezza dell' input (in altre parole, quando il corrispondente polinomio p A è di primo oppure di secondo grado), quando il grado del polinomio cresce e si vanno a scomodare situazioni quali, si può realmente dubitare che A lavori davvero in modo rapido. D'altra parte, sembra difficile individuare un miglior livello di separazione e cioè un grado d tale che gli algoritmi che lavorano in tempo asintotico limitato da x d siano ritenuti veloci mentre quelli che impiegano x d+1 passi non lo siano più. Perché accettare d ed escludere d +1? Almeno a livello teorico, non ci sono 5

6 argomentazioni sufficienti per motivare una simile opzione. Così, la tesi di Edmonds-Cook-Karp è comunemente accettata, sia pure con le riserve sopra accennate. Semmai, ne sottolineiamo un aspetto che ci pare indiscutibile: siccome la funzione esponenziale x 2 x supera asintoticamente i polinomi di ogni possibile grado, un algoritmo che impiega tempo 2 n oppure superiore rispetto alla lunghezza n dei suoi input è da ritenersi lento e impraticabile (né ci pare che il senso comune possa qui smentire l'affermazione teorica). Così, rassicurati dal rigore scientifico circa la definizione di problema, algoritmo ed efficienza, possiamo far libero riferimento ad un'idea intuitiva di questi tre concetti e procedere nel nostro scopo. Anzi definiamo, per fissare le idee, P come la classe dei problemi che ammettono un algoritmo efficiente di soluzione (P sta per polinomiale, ovviamente) e NP come la classe dei problemi che ammettono un algoritmo efficiente di verifica delle soluzioni. È chiaro che P NP. La nostra curiosità è se vale addirittura l'uguaglianza P=NP, se dunque un problema che ha procedura rapida di verifica ammette anche un algoritmo (magari più lento ma ancora efficiente, cioè polinomiale) per trovare le soluzioni. Questo è quanto vorremmo discutere qui. Ciò stabilito, vale comunque la pena di fermarsi un attimo e spendere qualche parola sui motivi per cui dovremmo appassionarci (o almeno qualcuno dovrebbe appassionarsi) a questa domanda. 6

7 Clay Mathematics Institute Che si tratti di questione rilevante, si deduce facilmente vedendola inserita tra i sette Problemi del Millennio, quelli che il Clay Mathematics Institute di Cambridge, Massachussetts, ha segnalato come i più significativi e difficili nella ricerca matematica del Maggiori informazioni sull'argomento, e la lista completa dei sette problemi, possono trovarsi in [3] oppure direttamente nel sito del Clay Institute, Visitandolo, il lettore potrà osservare come un premio di un milione di dollari è promesso a chi risolverà una qualunque delle sette questioni, il che costituisce già da sé ottimo motivo per interessarsi anche di P=NP. C'è poi chi può essere attirato dalla questione a prescindere dal denaro, solo per la sua valenza teorica. Ma ciò che può accrescere la curiosità generale è lo spettro quasi illimitato delle sue applicazioni particolari, la quasi infinità dei problemi per i quali non è difficile intravedere un algoritmo di verifica efficiente, ma appare tragicamente complicato individuare una procedura rapida di soluzione. Pensiamo, ad esempio, alla questione di riconoscere i numeri primi e a quella di decomporre i numeri naturali composti N, cui già abbiamo accennato nell'introduzione. Come già osservato, quando conosciamo i fattori primi di N, non è difficile né lento controllare la decomposizione (e cioè se N è davvero il 7

8 risultato che si ottiene moltiplicandoli): anche se N ha 1000 cifre in base 10 ed i suoi singoli fattori sono quasi altrettanto lunghi, i moderni calcolatori impiegano tempi relativamente brevi per la verifica. Tuttavia, allo stato attuale delle conoscenze, non sono noti algoritmi capaci di decomporre N in tempo rapido (cioè al più polinomiale rispetto alla lunghezza di N, secondo i parametri sopra stabiliti). Il problema di riconoscere se N è primo (in genere chiamato problema di primalità) è lievemente diverso ed apparentemente più semplice. Non ci interessa infatti, per N composto, conoscere i suoi fattori ma soltanto dichiararlo tale. La relativa verifica è ovviamente rapida, almeno quando N è composto; controllare se N è primo (quando è primo) può invece riservare qualche maggior ostacolo, visto che non si tratta più di confermare una decomposizione che conosciamo ma di escludere ogni possibile fattorizzazione non banale di N. Esistono comunque algoritmi rapidi (di una qualche maggiore complicazione teorica) che sanno compiere rapidamente questa verifica. Del resto, nel 2002, tre ricercatori indiani (Agrawal, Kayal e Saxena) hanno finalmente proposto un procedimento capace di scoprire rapidamente se un fissato N è primo oppure no: l'algoritmo funziona infatti al più in tempo x 11 rispetto alla lunghezza dell' input e recenti perfezionamenti di Lenstra e Pomerance hanno abbassato a x 6 questa soglia (si veda [6]). Tra le questioni che appartengono a NP, ce ne sono alcune che hanno un interesse particolare per un motivo che adesso cerchiamo di spiegare. Ammettiamo di trovare un problema che dichiaratamente sta in NP ma di cui riusciamo a provare per qualche via teorica che non può stare in P. Deduciamo ovviamente, e correttamente, che P NP. Ma supponiamo adesso di considerare un altro problema S in NP e di riuscire a dimostrare che S P. Commetteremmo 8

9 un grosso errore matematico e logico a dedurre P=NP. Un esempio non può costituire una dimostrazione. Tuttavia, capita talora (anche nella vita di tutti i giorni) che esistano persone o riferimenti o valori così generali da rappresentare adeguatamente classi ampie ed articolate, coagulandone perfettamente le sensazioni e le aspettative. Come nel patto dei 3 (o 4) moschettieri di Dumas, vale il principio uno per tutti (e tutti per uno): il singolo rappresenta la totalità e la totalità si riconosce nel singolo. Lo stesso avviene nel caso di P e NP. Esistono davvero problemi S di NP capaci di rappresentare tutti gli altri loro confratelli, nel senso che per dirla in modo rozzo e vagamente impreciso se S appartiene a P, allora P=NP, ovvero, per usare termini più rigorosi e corretti, qualunque problema S' in NP si può tradurre in modo rapido in S, e quindi, se S ammette un algoritmo veloce di soluzione, anche S' lo eredita. Questi problemi S' si dicono NP-completi. Dunque, S è NP-completo se valgono due condizioni: S NP; per ogni problema S' NP, esiste un procedimento effettivo che traduce in tempo polinomiale ogni istanza di S' in una istanza di S (quest'ultima condizione si sintetizza dicendo che S è NP-arduo ). Dunque, per provare che P=NP, basta dimostrare che uno tra i possibili problemi NP-completi ammette un algoritmo rapido di soluzione: si applica cioè il 9

10 principio dei moschettieri ( uno per tutti ). Il primo problema che fu provato NP-completo (da Cook, nel 1971) riguarda una questione di Logica elementare, che ha il nome di Problema della Soddisfacibilità della Logica Preposizionale ma che è anche conosciuto con la sigla (più immediata) SAT. Lo discuteremo nel prossimo paragrafo in modo che ci auguriamo accessibile anche ai non addetti ai lavori. Ma, come vedremo sempre nello stesso paragrafo, SAT è solo il capostipite di una dovizia di esempi NP-completi. La situazione, che si viene così a configurare per ognuno di questi problemi S, è curiosa ed intrigante. Infatti, per ciascuno di essi, è facile verificare una soluzione (se la si conosce) ma è difficile trovarla, anzi è così impegnativo come risolvere l'intera questione P=NP. Non sorprenderà che una tale disparità di situazione sia ottima fonte di ispirazione per certe esigenze della moderna crittografia. La nostra epoca, infatti, va utilizzando sempre più intensamente le potenzialità dei calcolatori per eseguire pagamenti, certificazioni, firme, sottoscrizioni virtuali, cioè telematiche. Operazioni così delicate richiedono ovviamente strumenti capaci di garantire la privacy degli utenti e metterla al riparo da eventuali malintenzionati. In particolare, nasce l'esigenza di criptare i messaggi e i documenti trasmessi in rete in modo che la decodifica sia facile per l'interlocutore desiderato, ma complicata e difficile ai pirati di Internet. Le caratteristiche dei problemi NP-completi sembrano corrispondere perfettamente a questa situazione. L'analogia può dunque ispirare adeguati sistemi crittografici. Illustreremo nel sesto paragrafo un esempio di queste applicazioni, che del resto verranno ulteriormente discusse alla fine del lavoro. Completiamo questa sezione dicendo che il problema della primalità ovviamente non è NP-completo, a meno che P=NP; sta infatti in P. Quanto alla fattorizzazione, la questione è aperta ma criptosistemi largamente diffusi come il 10

11 famoso RSA (si veda ad esempio in [7]) si basano sulle difficoltà che ancora la riguardano e ne distinguono tempi minimi di soluzione e verifica. E qui veniamo al problema prescelto della fattorizzazione e alle difficoltà di violazione della crittografia RSA (Vedi Rif. finali) Osserviamo che purtroppo, fin dai tempi di Euclide (che come sappiamo dimostrò l infinità dei numeri primi), sono stati fatti enormi progressi in matematica; ma sulla fattorizzazione di un numero N =p*q, per esempio un numero RSA, ma anche un numero N di due - tre cifre, nessun matematico al mondo, che si sappia, è in grado di stimare, nemmeno approssimativamente, in quale parte di n = N vada a finire p < n, per esempio all inizio (per es. 15%), verso la parte centrale ( circa 50%), o verso la fine (per es. 90% di n), cioè vicino ad n. Insomma, in quale percentuale, anche approssimativamente di n, si possa stimare il più probabile valore di p. Su questa enorme difficoltà, com è noto, si basa la crittografia RSA, finora inviolabile per qualunque hacker, bravo per quanto 11

12 fosse. Un nostro teorema (Il teorema fondamentale della fattorizzazione,tff), permette di calcolare la percentuale p% di p rispetto ad n solo però se si conosce già il rapporto r = q/p, e tramite la formula p% = 1 / r. Siccome, ovviamente, non conosciamo p e q (cioè ciò che cerchiamo con la fattorizzazione di N = p*q), e quindi non possiamo calcolare r e quindi nemmeno p%. Solo aggirando il problema, qualora fosse possibile, di trovare r anche approssimativamente con altri eventuali algoritmi polinomiali (quindi in P), si potrà risolvere il problema della fattorizzazione in tempi polinomiali, e quindi violare infine la crittografia RSA. E un teorema della Teoria dei numeri, cosa che gli hacker, bravissimi in informatica, ma in genere non laureati in matematica, conoscono molto poco. E quindi, per fortuna, niente pericoli per la RSA. E nemmeno una eventuale dimostrazione dell ipotesi di Riemann, molto probabilmente, non 12

13 sarebbe loro di molto aiuto, come spesso erroneamente e frettolosamente, anche alcuni matematici credono (vedi Rif.5). Conclusioni Possiamo concludere ancora una volta che il problema della fattorizzazione veloce rimane ancora di difficile soluzione, sia per via informatica (forza bruta usando la potenza e la velocità dei computer, anche di quelli quantistici, di prossima realizzazione, o anche a DNA, oppure memcomputer, (Rif. 4) ancora in fase di studio teorico), sia per via teorica ( eventuali nuovi algoritmi teoricamente ingegnosi in generale o per aggirare il problema 1 / r con r = q/p in particolare, ovviamente qualora fosse possibile). Infine, un piccolo esempio pratico : 1 / r per N = (= 127*229); n = = 170,53 r = 229/127 = 1,8031 ( quadrato della ragione della progressione aritmetica p,n, q = 127, 170,53, 229 r = 1,

14 Per cui p n/ r =170,53/1,3427 = 127, 0052, 127 = p e q n* r = 170,53*1,3427 = 228, = q Il calcolo della percentuale p% rispetto ad n = 170,53 è semplicemente l inverso di r, e cioè, in questo caso, 1/1,3427 = 0,7447 =74,47%. Infatti, 170,53*0,7447= 126, = p Purtroppo, in generale (e per i numeri RSA in particolare), non conoscendo ancora p e q, non possiamo calcolare r ne direttamente ne indirettamente, e quindi da esso non possiamo risalire a p e a q. Attendiamo futuri progressi in questa direzione, poiché non crediamo che per un problema così semplice (apparentemente), come stimare la percentuale p% di p rispetto ad n, non ci sia ancora una soluzione teorica che possa aggirare la forza bruta dei computer passati, presenti e futuri. 14

15 Riferimenti (tutti sul nostro sito, salvo diversa indicazione) 1. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELLA FATTORIZZAZIONE Gruppo B.Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli 2. Congettura debole di Goldbach già dimostrata. Ne consegue la congettura forte (accenni alla fattorizzazione alla Fermat e alla RH1) Gruppo B. Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli 3. From the weak Goldbach s Conjecture to the strong Conjecture (hints to the RH1) Gruppo B. Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli 4. MEMCOMPUTER E NUOVO ALGORITMO DI CRITTOGRAFIA Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Altri riferimenti 5. CRITTOGRAFIA R.S.A. INVIOLABILE Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero 15

16 6. CONNESSIONI FONDAMENTALI NELLA TEORIA DEI NUMERI Autori Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero 7. - NOVITA SULLA TEORIA DEI NUMERI - (Le nostre proposte di soluzioni alle questioni di C. Caldwell) Gruppo B. Riemann * Francesco Di Noto, Michele Nardelli 8. Congetture matematiche ancora aperte - I nostri principali contributi Autori Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero 9) Da Il Sole 24 Ore del , articolo di Andrea Carobene Il futuro? Gli exascale computer dove l Autore parla dei computer che si stanno progettando per i prossimi decenni, in modo particolari quelli quantistici e a DNA, o comunque biologici, con possibile simulazione del cervello umano, vedi memcomputer in Rif. 4. Qui sotto riportiamo, per gli eventuali interessati, l articolo Di Andrea Carobene: 16

17 Tecnologie Gadget Il futuro? Gli exascale computer Andrea CarobeneCronologia articolo19 aprile 2015 In questo articolo Argomenti: Domenico Laforenza Google Consiglio nazionale delle ricerche Jerome Bonnet Leonard Adleman Nasa IBM Hardware Il prossimo traguardo saranno gli exascale computer: macchine capaci di eseguire miliardi di miliardi di calcoli al secondo. Se si tentasse oggi di costruirne uno usando la tecnologia attuale, occorrerebbe una centrale nucleare da oltre un Giga Watt per alimentarlo. Forse, tuttavia, sarà il cervello umano, i misteri della meccanica quantistica, o l'introduzione di nuovi nanomateriali a suggerirci nuove strade per aggirare i vincoli imposti dalla fisica sui futuri elaboratori. E' Domenico Laforenza, Direttore dell'istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa, che racconta quelli che saranno i computer di domani partendo dalla situazione attuale. Oggi siamo arrivati a realizzare chip con transistor aventi dimensione molto vicina ai 10 nanometri, ossia miliardesimi di metro, ma l'obiettivo é quello di scendere di un ordine di grandezza, arrivando a un solo nanometro, a livello atomico. La tecnica classica usata per creare computer più potenti è quella di fare lavorare insieme più processori: la strada seguita per aumentare la potenza computazionale dei calcolatori é quella del parallelismo ; il calcolatore più potente costruito al mondo, il cinese Tianhe-2, esegue 33,86 X 10^15 operazioni per unità di tempo, quasi 34 milioni di miliardi, e funziona facendo operare in contemporanea oltre tre milioni di elementi di calcolo (computing cores). Il raddoppio della potenza dei computer postulato dalla legge di Moore si scontra con il problema della miniaturizzazione e con la sempre maggiore richiesta di energia necessaria a fare funzionare più transistor in parallelo. Sono diversi i tentativi attualmente seguiti per superare questo duplice scoglio. Il primo é quello del quantum computing. Mentre nei computer classici il bit vale solamente 0 o 1, nelle macchine quantistiche un qubit può assumere contemporaneamente sia il valore 0 che 1 grazie al concetto di soprapposizione coerente. Il risultato è che un computer quantistico ha una capacità di calcolo e di memorizzazione incommensurabilmente maggiori rispetto a uno tradizionale: un computer di questo tipo esiste già, ed è il D-Wave, un progetto di una società privata, sponsorizzata dalla Nasa e da Google. Attualmente D-Wave ha realizzato una macchina che opera con 512 qubit, ma difficilmente, secondo Laforenza, si avrà tuttavia un vero e proprio computer quantistico commerciale, se non per usi molto particolari come l'analisi dei dati criptati, prima di venti anni. E questo anche perché, oltre ai problemi legati all'hardware e alla fragilità intrinseca dei qubit, la realizzazione di applicazioni software per questo tipo è macchine presenta elementi di complessità decisamente maggiori rispetto ai calcolatori convenzionali. 17

18 Un altro tentativo per rivoluzionare la logica dei computer classici è quello della computazione molecolare. Nel 1994 Leonard Adleman, dell'università della California Meridionale, dimostrò la possibilità di realizzare una macchina che funzionava calcolando direttamente con le molecole. L'idea era di utilizzare le proprietà del Dna per effettuare calcoli, spostando così a livello molecolare le attività di computazione. L'ipotesi era che in un futuro si potesse arrivare a costruire un computer formato da nulla di più che una singola macromolecola. In questi anni sono stati fatti diversi progressi in questo campo, e nel 2013 un gruppo di ricercatori dell'università di Stanford, guidati da Jerome Bonnet, ha annunciato su Science di avere realizzato il primo transcrittore : un transistor biologico composto da Dna e Rna. Anche in questo caso, però, occorreranno più decenni perché si possa arrivare a realizzare quei computer di cui parlava Adleam 21 anni fa. Sul versante biologico - continua Laforenza - un tentativo importante che si sta effettuando è quello di studiare la possibilità di realizzare dei computer che simulino il funzionamento del cervello umano. E' questo uno dei grandi obiettivi di ricerca del programma europeo FET Flagship di Horizon 2020, ma anche qui parliamo di risultati possibili tra anni. Assieme al cervello umano, l'altro fronte europeo importante di ricerca è quello del grafene, il materiale formato da uno strato monoatomico di atomi di carbonio che potrebbe essere usato per migliorare le prestazioni dei computer realizzando circuiti basati non più sul silicio ma sul carbonio. Su questo versante, ad esempio, Ibm ha già diffuso i risultati di un processo di fabbricazione di un circuito integrato al grafene da usare per trasmissioni wireless. L'aumento di potenza in questo caso potrebbe essere ottimizzato integrando questo tipo di transistor con i chip fotonici, apparecchi che favoriscono la trasformazione dell'informazione da cariche elettriche in segnali luminosi, aumentando quindi la velocità di trasmissione. Molteplici sono dunque i fronti sui quali la comunità scientifica si sta quindi muovendo per rispettare la legge di Moore: strade diverse che, ad oggi, non ci dicono ancora, però, che questa legge potrà davvero essere rispettata. Commento Secondo noi, tutti questi computer del futuro avranno probabilmente potenza e velocità di calcolo comparabili, ma non ancora la capacità di violare la crittografia RSA fattorizzando i nuovi numeri usati (di circa 1000 cifre), per i quali, con i computer attuali, occorrerebbero 15 miliardi di anni ( o al minimo solo 15 con quelli quantistici, ma sono sempre troppi) 18

19 Anche con una nostra recente osservazione, poiché il rapporto massimo r = q/p per i numeri RSA è di 2,25, r = 2,25 = 1,5 e l inverso di 1,5 = 0,66 = 67 % ; e poiché p è inversamente proporzionale alla percentuale, ed essendo 67% la minima, p è compreso tra il 67% di n ed n stesso. Non lo troveremo quindi dallo 0% al 67%, e quindi è inutile cercarvelo, eliminando così il 67% dei tempi di calcolo previsti per un dato nuovo numero RSA. Ma anche così, avremmo solo 5 anni di tempo, e anche questi sono troppi, oltre al fatto che in 5 anni tale numero potrebbe essere cambiato per maggiore sicurezza, e un eventuale hacker dovrebbe ricominciare tutto daccapo. Per un algoritmo di possibile violazione RSA basato sulla congettura di Goldbach, riportiamo il seguente (ma sul web ce ne sono di altri simili, anche basati sulla congettura debole di Goldbach), ma ciò nonostante la crittografia RSA risulta ancora inviolata (tuttavia l idea, in via del tutto teorica, ci sembra buona e interessante per eventuali futuri sviluppi). 19

20 Sul link: programmazione.it/index.php?entity=eitem&iditem=48227 Factoring RSA Numbers Using Goldbach's Conjecture RogerGDoss, 4 Jan 2012 CPOL 4.74 (6 votes) /5-6 votes μ 4.74, σ a 0.78 [?] Rate this: vote 1vote 2vote 3vote 4vote 5 Exploring the dream of designing a new algorithm for factoring semi-primes Download source KB Vote! Introduction In our effort to design a new algorithm for factoring semi-primes, we turn our attention to the Goldbach conjecture. The conjecture states that any even number greater or equal to 4 can be represented as the sum of two primes. We may refine the conjecture by stating that any even number greater or equal to 8 can be represented as the sum of two primes distinct. We can then define the maximum Goldbach partition (maxgb) as the product of the largest two distinct primes that sum to the even number e=p+q. We note that e can factor n=p*q by way of Quadratic equation. There is also the minimum Goldbach partition (mingb) which is the product of the least two distinct primes that sum to the even number e=p+q. Background Initial attempts at developing an algorithm utilizing both partitions resulted in failure. By graphing the output of mingb and maxgb, we see that the data for mingb is almost random, while maxgb is almost a smooth curve. Our attention then immediately turned to using a binary search on the maxgb partitions in order to approximate e=p+q for a given n=p*q. Below is the graph of the data: 20

21 With this, our approximation of e for a given n became: bool Q(unsigned long long n, unsigned long long e, unsigned long long *p, unsigned long long *q) { unsigned long long p_q = (unsigned long long)sqrt((e * e) - (4 * n)); *p = (e - p_q) / 2; *q = (e + p_q) / 2; if((*p * *q) == n) { return true; } return false; } Hide Shrink Copy Code unsigned long long f(unsigned long long n, unsigned long long min, unsigned long long max) { unsigned long long e = 0, p = 0, q = 0, p_e = 0, tmp = 0; if((min%2)) { min++; } if((max%2)) { max++; } while(min < max) { e = (min + max) / 2; if((e % 2) == 1) e++; if(p_e == e) { // printf("%d\n",e); return e; } tmp = maxgb(e); if(tmp > n) { 21

22 } } max = e - 1; if(tmp < n) { min = e + 1; } if(tmp == n) { Q(n,e,&p,&q); // printf("e=%d\tp=%d\tq=%d\n",e,p,q); return e; } if(q(n,e,&p,&q)) { // printf("e=%d\tp=%d\tq=%d\n",e,p,q); return e; } p_e = e; } // printf("%d\n",e); return e; Where f is our approximation logic and Q is our Quadratic equation logic for factoring n. A caller of f would do the following: unsigned long long e = f(n,2,n+1); Hide Copy Code The logic would then try to find an approximation for what e=p+q may be. We note that the algorithm is a binary search algorithm and therefore runs in O(logN) time. maxgb is defined as: unsigned long long maxgb(unsigned long long i) { unsigned long long t = i / 2, s = t; while(t) { t--; s++; if(is_prime(t) && is_prime(s) && ((s + t) == i)) { return t * s; } } return 0; } Hide Copy Code Using the Code The code is designed to run as a standalone command line tool. Calling function f on a given semiprime n produces an approximation of e=p+q which can be used as a starting point to find the real value and therefore factor n. Testing of the algorithm using a set of pseudo-random generated semi-primes produces results that look promising. In particular, comparing the algorithm to the output of Pollard-Rho on those semiprimes shows that Pollard-Rho required much more iterations in order to factor. In some cases, Pollard-Rho failed to factor the semi-primes, while in all cases, our algorithm worked successfully and rather quickly. There are limitations here when handling large semi-primes and the algorithm was only tested on 64bit semi-primes. Large semi-primes require that methods such as is_prime use a probabilistic 22

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1

ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1 ALCUNE REGOLARITA DAI NUMERI PRIMI (I e II PARTE ) CAROLLA GUIDO 1 Sunto Lo scopo del presente articolo e quello di evidenziare alcune regolarità riscontrabili dai numeri primi; partendo dai primi gemelli

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Alcune proprietà dei numeri primi, II

Alcune proprietà dei numeri primi, II This is the last preprint. The final paper will appear in the website http: //matematica.uni-bocconi.it/langzac/home2.htm. Alcune proprietà dei numeri primi, II Alessandro Languasco & Alessandro Zaccagnini

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PROBLEMI RISOLTI ED IRRISOLTI IN TEORIA DEI NUMERI.

PROBLEMI RISOLTI ED IRRISOLTI IN TEORIA DEI NUMERI. PROBLEMI RISOLTI ED IRRISOLTI IN TEORIA DEI NUMERI. PH. ELLIA Indice 1. Pitagora, Euclide, Diofante. 2 1.1. Pitagora. 2 1.2. Numeri geometrici. 2 1.3. Divisori di un numero, numeri perfetti. 8 1.4. Euclide.

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE Problema: "calcolare il Massimo Comun Divisore (M.C.D.) di due numeri naturali, A e B, secondo l'algoritmo cosiddetto delle sottrazioni successive". L'algoritmo "delle

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

E possibile costruire una mentalità matematica?

E possibile costruire una mentalità matematica? E possibile costruire una mentalità matematica? Prof. F. A. Costabile 1. Introduzione La matematica è più di una tecnica. Apprendere la matematica significa conquistare l attitudine ad un comportamento

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Dispense del Corso di Algoritmi e Strutture Dati

Dispense del Corso di Algoritmi e Strutture Dati Dispense del Corso di Algoritmi e Strutture Dati Marco Bernardo Edoardo Bontà Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea in Informatica Applicata Versione

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli