Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Giugno 2012 SEZIONE LOMBARDIA. 184

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Giugno 2012 SEZIONE LOMBARDIA. 184 http://osseravtorionovara.liberapiemonte."

Transcript

1 SEZIONE LOMBARDIA 184

2 01/06/2012 Gli abusi edilizi della Batcasa La Repubblica (ed.milano) 185

3 01/06/2012 Scavo abusivo, salute a rischio - Settegiorni 186

4 01/06/2012 Mafia, Sebri difende Simonini: Vittima di un attacco politico - Settegiorni 187

5 01/06/2012 Droga, arrestato un muratore La Provincia Pavese Droga, arrestato un muratore E egiziano: fermato a Lodi. Ha lavorato a lungo nel Pavese BELGIOIOSO. Droga, un arresto: un egiziano clandestino di 26 anni originario di El Dhakaliae residente presso un cugino in via Colombo a Piacenza, ma per diversi mesi impegnato in un cantiere edile di Belgioioso, è stato arrestato lunedì sera dai poliziotti delle volanti della questura di Lodi mentre fuggiva dalla stazione ferroviaria, dove gli agenti ritengono di averlo visto liberarsi di un pacchetto scuro contenente circa 100 grammi di hascisc, lanciandolo tra i binari. Lo straniero, C.I. le sue iniziali, è sottoposto a misura cautelare per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Il controllo delle volanti è scattato verso le nel piazzale davanti allo scalo ferroviario: lo straniero era stato già visto aggirarsi nei giorni precedenti e così si è deciso per un controllo, ma ad aggravare i sospetti è stato il suo comportamento. Alla vista delle divise si è messo a camminare velocemente verso i locali interni della stazione, cercando di entrare nei servizi igienici. Un addetto alle pulizia lo ha respinto e così, dopo aver lanciato qualcosa sui binari (l involucro con la droga poi recuperato dai poliziotti) ha cercato di far perdere le proprie tracce attraverso un sottopassaggio pedonale. Ma è stato bloccato e arrestato. In tasca meno di 15 euro e nessun documento. Ma ai terminali della polizia era già noto. Ha raccontato come, per vivere e pagare l affitto lavora qualche giorno la settimana in una macelleria etnica di Casalpusterlengo, il paese dove dice di aver abitato a lungo. Formalmente però è senza fissa dimora. 188

6 01/06/2012 Marijuana, pizzaiolo nei guai La Provincia Pavese Marijuana, pizzaiolo nei guai Denunciato il gestore di un locale di Verrua. Il 31enne aveva anche coltivato piante in un campo VERRUA PO. E finito nei guai perché accusato di aver prodotto e detenuto piante di marijuana. Si tratta di D.C., 31, residente a Pinarolo, gestore di una pizzeria a Verrua. L operazione è stata condotta dai carabinieri della stazione di Santa Giuletta (compagnia di Stradella). Secondo quanto è stato possibile apprendere, i controlli sarebbero stati originati da una segnalazione arrivata all Arma, da cui sarebbero partite le verifiche a carico del giovane. In particolare i carabinieri sottoponevano alle perquisizioni del caso sia l auto sia l abitazione del pizzaiolo. Le loro attenzioni si concentravano anche sul locale di Verrua gestito da D.C. ed in questo caso, secondo le accuse dei carabinieri, nascosti nel garage della pizzeria e anche all interno dello stesso locale venivano trovati quattrocento semi di marijuana. Inoltre è stato possibile reperire anche 13 piante di marijuana coltivate in un campo abbandonato in località Cà de Giorgi, nel territorio comunale di Pinarolo Po. Inoltre, all interno dell auto del 31enne veniva trovato un grammo di hashish. A quel punto scattava la segnalazione alla Procura della Repubblica di Voghera. Tutto il materiale reperito veniva sottoposto a sequestro. L attività della pizzeria di Verrua prosegue regolarmente, non sono stati presi provvedimenti a carico del locale. Nei prossimi giorni D.C. verrà ascoltato dai magistrati, anche per consentirgli di spiegare quanto avvenuto e per dare la propria versione dei fatti. 189

7 03/06/2012 Ore 12.30, il sindaco Cattaneo in procura La Provincia Pavese Ore 12.30, il sindaco Cattaneo in procura Sugli avvisi: «Ho chiesto io l incontro. Non sono preoccupato, voglio solo che sia fatta chiarezza al più presto» PAVIA. Alle di ieri mattina il sindaco di Pavia Alessandro Cattaneo si è presentato negli uffici della procura. Quello che doveva essere un colloquio riservato, almeno nelle intenzioni, in un baleno è diventato di dominio pubblico. La presenza del sindaco in procura ha fatto pensare, in un primo momento, a una convocazione del magistrato Paolo Mazza, che sta indagando per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e alla truffa. Il sindaco potrebbe, infatti, anche essere sentito come persona informata sui fatti. «In realtà sono stato io a chiedere un colloquio al procuratore Gustavo Cioppa chiarisce il sindaco. Ho ritenuto doveroso farlo in virtù del rapporto istituzionale che c è tra un sindaco e un procuratore e alla luce delle poche certezze che fino ad ora sono emerse sulle note vicende di questi giorni». I contorni dell inchiesta, in effetti, sono ancora tutti da definire, ma ci sono diversi punti fermi: l indagine, che è in pieno svolgimento e per questo è coperta dal massimo riserbo, riguarda il geometra Arturo Marazza, due dirigenti e un tecnico dell Urbanistica (Angelo Moro, Francesco Grecchi e l architetto Vittorio Rognoni), i primi due impegnati in tempi e con ruoli differenti nella redazione del Pgt, il piano di governo del territorio. A loro, di fatto, è affidato il disegno del futuro urbanistico della città. E questo giustifica la delicatezza dell inchiesta. Ma l avviso di proroga delle indagini, che vale a tutti gli effetti come informativa di garanzia, è stato notificato anche a Ettore Filippi e al figlio Luca, per i quali Cattaneo ha appoggiato gli incarichi nel Cda del San Matteo e alla presidenza di Asm Lavori. Quanto basta, insomma, a creare un certo mal di testa al sindaco. «Non c è nessuna preoccupazione replica Cattaneo. Solo l esigenza, condivisa dalla procura, che tutto sia chiarito al più presto. Ho chiesto, per quanto possibile, che le indagini siano accelerate». L inchiesta, tuttavia, richiederà il suo tempo, come dimostra proprio la necessità di prorogare le indagini, dopo sei mesi di accertamenti a partire - questa è l ipotesi - dalle dichiarazioni di un pentito. La documentazione nelle mani del magistrato, che riguarda anche la contabilità di alcuni appalti e le carte relative a operazioni immobiliari, è sotto l esame della polizia giudiziaria, che sta cercando di mettere insieme tutti i tasselli. Si indaga su più fronti. Uno dei filoni riguarda il centro commerciale sulla Vigentina che ospita il Carrefour. E i 100mila metri quadrati di terreni agricoli, di proprietà del San Matteo, destinati, nel Pgt, a diventare aree commerciali. Ma c è anche il fronte Green Campus: un operazione immobiliare dalla quale la società di Arturo Marazza ha ricavato un utile di oltre 4 milioni di euro. 190

8 05/06/2012 Il pm: sei anni di carcere al consigliere Rinaldin La Repubblica (ed.milano) 191

9 05/06/2012 La ndrangheta al Nord come Codsa Nostra in Usa La Repubblica (ed.milano) 192

10 05/06/2012 Ndrangheta, il giudice: «Pavia aveva la sua locale» La Provincia Pavese Ndrangheta, il giudice: «Pavia aveva la sua locale» Processo Infinito, il gup di Milano ha depositato le motivazioni della sentenza. «Confermata la turbativa d asta di Borgarello per cui fu condannato Valdes» PAVIA. Una cupola lombarda, autonoma dalla Calabria, ma con tante ramificazioni. E con un tentacolo allungato fino a Pavia, dove il gup Roberto Arnaldi - che ieri ha depositato oltre 900 pagine di motivazioni della sentenza del processo Infinito, che si era chiuso con 110 condanne - ha individuato e confermato, ancora una volta, la presenza di una cellula di mafia. Ai protagonisti della presunta locale di Pavia e alla turbativa d asta di Borgarello, costata a novembre la condanna per l ex sindaco Giovanni Valdes, il giudice di Milano dedica più di 60 pagine. Ripercorrendo le intercettazioni telefoniche, che erano già state la spina dorsale dell inchiesta coordinata dal magistrato antimafia Ilda Boccassini, il giudice si concentra su ogni protagonista. A cominciare da chi, in questo processo, non era nemmeno coinvolto: Pino Neri, ancora a giudizio a Milano, è definito il traghettatore, l uomo incaricato dai clan calabresi di portare l organizzazione lombarda in una nuova fase dopo l omicidio di Carmelo Novella, mentre il nome di Carlo Chiriaco, ex direttore sanitario dell Asl di Pavia, a processo per concorso esterno, viene tirato in ballo per i presunti rapporti intrecciati proprio con alcuni imputati già condannati. Un capitolo è dedicato all imprenditore di Cura Carpignano Franco Bertucca, padre dell assessore di Borgarello Antonio, condannato da Arnaldi a sei anni di reclusione (è tuttora in carcere a Genova). Secondo il giudice Bertucca - che rientrerebbe nella locale di Pavia insieme a Neri e al biologo di Novara Rocco Coluccio, condannato a sei anni - avrebbe partecipato a diverse riunioni di ndrangheta, compresa quella di Paderno Dugnano, dove Neri tenne il proprio discorso. «D altro canto, anche escludendo la partecipazione dell imputato a tali riunioni dice il giudice la ricorrenza di altri indici di affiliazione, ovvero il possesso della dote e la sua presenza ad altri eventi, come il funerale del cugino di Neri, è già di per sé sufficiente a desumere l appartenenza di Bertucca al sodalizio criminoso». Ma una parte consistente delle motivazioni del giudice riguarda anche il filone della presunta gara truccata a Borgarello, dove il diritto di superficie del terreno di via Di Vittorio, secondo l'accusa, fu acquistato dalla società Pfp, la società intestata all imprenditore Salvatore Paolillo, ma riconducibile a Chiriaco e unica partecipante alla gara. A Valdes, che avrebbe avuto un ruolo in quell assegnazione non regolare, a Paolillo e al bancario di Binasco Alfredo Introini, non fu contestata l aggravante mafiosa, ma il processo a loro carico si chiuse con una condanna: un anno e 4 mesi per Valdes, un anno per gli altri due imputati. Per il giudice sull irregolarità della gara ci sarebbero «prove schiaccianti», «per i discorsi intercettati, per gli inesistenti mezzi di pubblicità della gara - fatta apposta per passare sotto silenzio durante le vacanze di Natale -, per le modalità, assolutamente irrituali, di formazione, consegna e protocollazione dell unica offerta pervenuta». Ma il giudice motiva la condanna anche con le dichiarazioni degli imputati fatte durante gli interrogatori in carcere. Introini, che avrebbe organizzato le modalità dell offerta della gara insieme a Chiriaco, e Paolillo avrebbero fatto «dichiarazioni confessorie», sostiene il giudice. E Valdes «pur cercando di sminuire il proprio ruolo, ammetteva di avere ricevuto le due buste, una con importo più alto, l altra con l importo più basso, consapevole che la prima doveva essere usata solo qualora si fossero presentati altri imprenditori alla gara». 193

11 06/06/2012 Quarta bomba davani a una panetteria gestita dalla famiglia Passafaro La Repubblica (ed.milano) 194

12 06/06/2012 Ndrangheta, confiscati beni a Voghera e Tortona La Provincia Pavese Ndrangheta, confiscati beni a Voghera e Tortona Due condannati nel processo Infinito avevano costituito una srl in viale Marx Tra i loro investimenti anche un terreno agricolo nell Alessandrino VOGHERA. Voghera e la mafia? Nessun rapporto. Tortona? Nemmeno. Chi è convinto di vivere in un isola felice dovrà cominciare a ricredersi. Nella sentenza che ha condannato 110 persone a Milano al temine del cosiddetto processo Infinito, ci sono due provvedimenti che interessano Oltrepo e Tortonese. Perché qui la ndrangheta aveva costituito una società - a Voghera - e acquistato un terreno - a Tortona -. E questi due beni, la società A-Z srl con sede a Voghera in viale Marx 26 e il terreno della società Boschettaro srl di Tortona, sono stati confiscati dal Gip Roberto Arnaldi. Da due anni i beni erano sotto sequestro - un provvedimento provvisorio - e ora sono definitivamente dello Stato. Con ogni probabilità saranno assegnati all Agenzia nazionale dei beni confiscati. Della A-Z, in realtà, non c è più traccia. Chi vive o lavora in viale Marx 26 non ricorda nemmeno un insegna. Quello che è certo è che Claudio Formica, 47 anni, di Vibo Valentia, aveva costituito la società con Domenico Ascioti (estraneo dall inchiesta) per farla amministrare da Massimo Schenone, 50 anni di Cassine (Al) e a Voghera aveva fatto il suo quartier generale. L oggetto sociale della A-Z srl andava veramente dalla A alla Z. Si comincia dalla gestione di spettacoli, bar, ristoranti, fino a compiere operazioni commerciali, l assunzione di prestiti e mutui, finanziamenti. Poteva addirittura assumere la rappresentanza di imprese estere nell ambito delle attività di intermediazione. Non risulta che Claudio Formica fosse ricco, anche se i dati sui suoi redditi appaiono al giudice di Milano poco veritieri. Attualmente è in carcere a Pavia. Nel processo Infinito è stato condannato a 3 anni e 4 mesi di reclusione. Le accuse nei suoi confronti vanno dall estorsione, all usura, alla detenzione di armi (pistole con matricole abrase di provenienza serba). Cosa facesse Formica a Voghera appare poco chiaro. Non si esclude che abbia cercato di costituire una società in una zona dove nessuno lo conosceva, tanto è vero che alle forze dell ordine locali è sostanzialmente sconosciuto. L acquisto del terreno a Tortona da parte di Pasquale Varca, sembra un investimento di capitali (probabilmente illeciti). Questo anche perché Varca appare molto più pericoloso. Nel processo Infinito è stato condannato a 15 anni, per vari reati che vanno dal commercio di droga, all usura, all estorsione. Era il referente della ndrina locale di Erba. 195

13 06/06/2012 Corruzione, nuovo avviso Dario Maestri è indagato La Provincia Pavese Corruzione, nuovo avviso Dario Maestri è indagato Notificata ieri la decisione di proroga delle indagini al costruttore pavese Il fascicolo è lo stesso di Filippi e Marazza, niente a che vedere con Punta Est PAVIA. Indagato per corruzione. Un accusa che sarebbe stata formulata nei confronti di Dario Maestri, costruttore pavese la cui figlia, Eleonora, già è indagata per la realizzazione del complesso edilizio di Punta Est. La notizia è emersa ieri, quando all imprenditore è stato notificato un avviso di proroga delle indagini. Ma questo nuovo atto, anzichè portare un poco di chiarezza nel contesto delle varie indagini che stanno intrecciandosi a Pavia, sembra contribuire a complicare il quadro. A quanto pare, infatti, il numero progressivo di iscrizione del fascicolo sarebbe lo stesso dell avviso di proroga delle indagini che, pochi giorni fa, venne notificato ad altre sei persone: Ettore Filippi, Luca Filippi, il costruttore Arturo Marazza, i dirigenti comunali Francesco Grecchi e Angelo Moro e il funzionario comunale Vittorio Rognoni. In quel caso le accuse ipotizzate dalla Procura erano associazione per delinquere, truffa e corruzione. Nel caso di Dario Maestri, invece, sarebbe stata contestata la sola corruzione. E pure in questo caso, i fatti sarebbero stati accertati in Pavia il 14 dicembre Una data che diventa, a questo punto, tanto centrale quanto misteriosa. L ipotesi più plausibile è che quel giorno una persona, sentita dagli inquirenti, abbia rilasciato dichiarazioni che, in qualche modo, hanno confermato accertamenti che già erano in corso da parte dell autorità giudiziaria. Ma al momento il quadro complessivo è ancora difficile da definire. Di certo, invece, vi è la fibrillazione della politica a ciascun annuncio. Proprio ieri, il consigliere comunale del Partito democratico, Guido Giuliani, ha dichiarato: «Il sindaco Cattaneo ha avuto un incontro con il procuratore capo, Gustavo Cioppa, e con il dirigente Francesco Grecchi. Chiediamo che venga in Consiglio comunale a spiegarci cosa sta succedendo. E, soprattutto, come intende risolvere il problema dell urbanistica». La dichiarazione è stata resa prima che si sapesse del nuovo sviluppo, ossia della notifica del provvedimento a Dario Maestri. L accusa di corruzione, però, lascia intendere che Maestri è sospettato di avere consegnato denaro a un pubblico ufficiale o a un incaricato di pubblico servizio. Quale sia il destinatario, però, al momento è un mistero ben custodito nelle carte della Procura. Se l opposizione si interroga su significato e portata di questa indagine, le notizie degli ultimi giorni preoccupano anche la maggioranza. Ieri pomeriggio, nel corso della riunione di giunta, l argomento è stato comunque discusso, pure se non in forma ufficiale. 196

14 Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie 07/06/2012 Tra amici e mazzette ecco il sisiema Penati Il Fatto Quotidiano 197

15 07/06/2012 Binasco, ora sull attentato indaga antimafia di Milano La Provincia Pavese Binasco, ora sull attentato indaga antimafia di Milano Reazione dei cittadini dopo la bomba: in 300 al consiglio comunale aperto I cittadini poi marciano in via Matteotti davanti ai negozi e alle case colpite BINASCO. Sulla raffica di attentati incediari ai negozi di via Matteotti. indaga ora anche la Direzione distrettuale antimafia. Troppe le similitudini, gli indizi, che porterebbero al modo di operare della ndrangheta. I carabinieri intanto hanno sentito ieri diverse persone, effettuando interrogatori a tappeto per vedere se dai racconti può uscire qualche spunto utile a ricostruire non solo l ultimo attentato, ma anche i raid precedenti. La mano che fa tremare Binasco, questa pare essere l unica certezza, è infatti la stessa. Un escalation sempre più violenta. In meno di un anno si è passati da un cassonetto incendiato lanciato contro la vetrina, alle bombe carta, fino ad arrivare al vero e proprio ordigno esploso nella notte fra lunedì e martedì. Un attentato che, questo volta, poteva anche fare delle vittime. E infatti un giovane di 22 anni, che abita davanti alla panetteria, è rimasto leggermente ferito. Rispetto al passato, la paura adesso si può toccare con mano in paese. Lo si è capito anche dalla folla (circa trecento persone) che ha letteralmente preso d assalto il cortile del Comune per il consiglio aperto. Questa, infatti, è stata la risposta immediata dell amministrazione all ennesimo ordigno esploso in pieno centro.la prola d ordine, oggi, non è più minimizzare, non suscitare inutili allarmi. Infatti ieri mattina il sindaco, Riccardo Benvegnù, si è recato dal prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi. I due hanno avuto un lungo colloquio riservato per fare il punto della situazione. «Non esiste un caso-binasco ha assicurato il prefetto spiega Benvegnù. Su questo è stato chiaro. La situazione va valutata nel suo complesso. Il prefetto ci ha garantito la massima attenzione, così come l impegno di tutte le forze dell ordine sul territorio». Ma la gente ora ha paura. Soprattutto chi abita in via Matteotti. Una stima dei danni non è stata ancora fatta, ma si parla di decine di migliaia di euro. E soprattutto di crollo di affitti e prezzi delle abitazioni nella via commerciale di Binasco. Molti residenti pensano di andarsene, dopo l ultima bomba esplosa a due passi dall piazza centrale del paese. Questa preoccupazione e paura le si sono percepite chiaramente anche l altra sera in consiglio. Tutte le forze politiche, non solo quelle di maggioranza, hanno voluto presenziare e dire la loro. I capigruppo di opposizione, indistintamente, hanno detto senza mezzi termini che di fronte a questa situazione «non c è e non ci può essere alcuna divisione politica». Leit-motiv che Benvegnù ribadisce il giorno dopo. «Abbiamo dimostrato compatezza l altra sera sottolinea il sindaco. Amministrazione, opposizione, cittadini. Tutti insieme abbiamo dato una dimostrazione di unità della società di Binasco». Qualcuno fra il pubblico però ha chiesto anche risposte certe a domande precise: perchè questi attentati colpiscono sempre le stesse persone? Domande, però, alle quali solo gli investigatori potranno dare una risposta. A partire dalla Dda che ora si occupa del quadruplice attentato alla panetteria e al bar di via Matteotti. Amministratori e cittadini hanno poi voluto terminare la serata con un gesto simbolico forte: una marcia silenziosa proprio in via Matteotti. Una marcia che si è fermata davanti al luogo dell ultimo attentato. Che, per la prima volta, ha registrato anche un ferito. 198

16 07/06/2012 Passerino resta in carcere «Ancora troppo reticente» La Provincia Pavese Passerino resta in carcere «Ancora troppo reticente» Maugeri, i magistrati motivano il «no» ai domiciliari per l ex manager Nell inchiesta sui fondi neri spunta anche l ipotesi di soldi a esponenti politici PAVIA. Scarsa collaborazione con i magistrati, nonostante i quattro interrogatori a cui è stato sottoposto. Ma anche un intreccio di rapporti con i politici ancora tutto da approfondire. Sono i due cardini attorno a cui ruotano le motivazioni che hanno spinto il giudice Vincenzo Tutinelli a rigettare la richiesta di arresti domiciliari avanzata dalla difesa di Costantino Passerino, l ex direttore amministrativo della Maugeri, arrestato lo scorso 13 aprile nell ambito dell inchiesta della procura di Milano che indaga sull ipotesi di una distrazione di 70 milioni di euro dalle casse della Fondazione. Soldi ipotizzano i magistrati, che potrebbero essere finiti su conti esteri e società off shore, per creare fondi neri. Ma anche nelle mani di alcuni politici. L unico indizio sul coinvolgimento del mondo politico, per ora, è legato al nome di Antonio Simone, l ex assessore regionale alla Sanità che era stato arrestato nella stessa inchiesta, insieme all uomo d affari Pierangelo Daccò e allo stesso Umberto Maugeri, patron della Fondazione, ai domiciliari. Passerino, più volte interrogato dai pm, aveva spiegato che la Fondazione aveva per Daccò «un occhio di riguardo» per «la sua influenza nell assessorato alla sanità» e in quanto era «uomo importante in Comunione Liberazione». L ex direttore amministrativo della Maugeri aveva anche raccontato che i suoi «rapporti» con Daccò erano cominciati almeno dal 1998 e che quest ultimo, assieme a Simone, propose «due modalità di pagamento per l attività da svolgere» in Regione in relazione ai finanziamenti per le prestazioni erogate dalla Maugeri: «Per il 50 per cento della somma, da sbloccare una tantum si legge in un atto oppure una somma forfettaria annuale pari al 25 per cento di quanto la Fondazione avrebbe ottenuto dalla Regione». Ma i magistrati milanesi Laura Pedio, Antonio Pastore e Gaetano Ruta ipotizzano anche che parte del denaro della Fondazione sarebbe finito nelle mani di politici. Lo mettono nero su bianco nel parere negativo alla richiesta di arresti domiciliari per Passerino, dove si parla di «pagamenti riservati anche a favore di funzionari regionali o loro familiari». Versamenti di denaro per «chi negli anni ha agevolato l attività della Maugeri in diverse iniziative». Il pm si sono opposti alla richiesta della difesa di Passerino anche perché «nonostante le significative aperture nei suoi interrogatori, non ha ancora maturato una frattura definitiva con il mondo criminale al quale è legato, come si evince dal fatto che su alcuni temi di indagine è ancora reticente e contraddittorio». Ieri sera è arrivata anche la notizia - che oggi sarà ufficializzata - che Passerino sarà sostituito da Enrico Paggi alla direzione dell ente. 199

17 08/06/2012 Una bomba squassa il cuore del paese - Settegiorni 200

18 08/06/2012 con la bimba in braccio si brucia lo stipendio. E poi c è chi si è giocato anche la moglie - Settegiorni 201

19 08/06/2012 Binasco, dossier di Libera alla Guardia di Finanza La Provincia Pavese Binasco, dossier di Libera alla Guardia di Finanza L associazione ricostruisce vent anni di intrecci e affari nell hinterland milanese. Realtà economiche e aree dismesse che fanno gola, come l ex Socimi BINASCO. Cinque o sei famiglie con forti legami con la ndrangheta e la camorra, un intreccio di interessi che va dall edilizia al commercio, dagli appalti alle banche. Con un equilibrio sempre precario fra i capi locali. A volte mediato da insospettabili colletti bianchi. Questo ed altro è contenuto in un rapporto consegnato al comando provinciale della Guardia di Finanza di Milano dall associazione territoriale di Libera, il movimento contro le mafie che di recente ha aperto una sede anche nel Sud Milano. Il movimento ha raccolto un dossier che racconta intrecci e collegamenti non solo (anche se soprattutto) a Binasco ma pure nei paesi vicini. Ci sono nomi, cognomi, società, attività commerciali, storie di intimidazioni. Una ricostruzione minuziosa e dettagliata che ora è al vaglio dell attività investigativa delle Fiamme gialle del capoluogo lombardo. Il rapporto ricostruisce il recente passato di una parte del tessuto economico cittadino, a partire da metà degli anni Ottanta. Dall arrivo in paese di personaggi che sarebbero legati alla criminalità organizzata campana e calabrese che iniziano in sordina con una singola impresa (commercio ed edilizia i settori più coinvolti secondo l informativa di Libera) che poco a poco estendono e diversificano le attività. «In breve tempo questi personaggi sono riusciti a creare una rete commerciale con legami soprattutto con Milano e l hinterland». Ma è a Binasco e dintorni che le famiglie riescono, poco a poco, a mettere in piedi un piccolo impero economico. E quando ormai si hanno i soldi, si aprono anche i cosiddetti santuari dell economica e della politica. Il rapporto di Libera parla esplicitamente anche di «crediti per operazioni mobiliari, finanziamenti dati ad imprese anche nella provincia di Pavia». Si aprono bar, negozi, imprese che vengono gestite direttamente o indirettamente. Si punta sempre più in alto, «svariando in tutti i settori delle attività economiche», anche di istituti di credito: «Nuovi sportelli vengono aperti a Sud di Milano, in particolare Corsico, Trezzano e Buccinasco nonostante la zona sia già servita da molte banche». Libera segnala poi due grossi affari a Binasco sui quali la criminalità avrebbe messo gli occhi da anni: l area della stazione dei bus e quella ex Socimi. A proposito di quest ultima, l episodio più inquietante: «Vengono presentate offerte di acquisto. Vince una società di Rozzano, rinconducibile ad un imprenditore irreprensibile. Appena depositata la cauzione, l uomo viene seguito da una moto e costretto a fermare la sua auto sulla statale dei Giovi. Il motociclista senza togliersi il casco, lo ringrazia anticipatamente per la rinuncia all acquisto dell area Atm». L imprenditore capisce il messaggio. E rinuncia all affare. 202

20 08/06/2012 Maugeri, i magistrati scavano tra i consulenti della Fondazione La Provincia Pavese Maugeri, i magistrati scavano tra i consulenti della Fondazione Tra gli atti nelle mani della procura milanese anche collaborazioni di Alpeggiani e Rosanna Gariboldi Il politico del Pdl: «Tutto regolare, sono un medico». La moglie di Abelli: «Erano pareri amministrativi» PAVIA. Inchiesta Maugeri: nelle mani dei magistrati milanesi, che stanno indagando sulla presunta distrazione di 70 milioni di euro dalle casse della Fondazione, ci sono anche alcune consulente pagate a politici e funzionari pavesi. Gli indagati, durante i loro interrogatori, avrebbero parlato, in particolare, della collaborazione fornita, proprio alla Maugeri, da Giovanni Alpeggiani, politico di spicco nel Pdl, che è stato anche consigliere in Regione del Psi negli anni 90, e da Rosanna Gariboldi, ex assessore provinciale a Pavia e moglie dell ex assessore regionale alla Famiglia Giancarlo Abelli. Consulenze confermate sia da Alpeggiani che da Gariboldi, che - va precisato - non sono indagati né sono stati sentiti come informati sui fatti. I pagamenti, da quanto risulta, sarebbero stati acquisiti dai magistrati insieme agli atti della Fondazione nel corso degli arresti del patron, Umberto Maugeri, e dell ex direttore amministrativo Costantino Passerino. I magistrati milanesi (tra loro anche Laura Pedio e Gaetano Ruta) ipotizzano che soldi della Maugeri siano stati distratti su conti esteri e società off shore o siano finiti nelle mani di politici. Anche le consulenze sono quindi sotto esame. «Non ho nulla da nascondere né da temere spiega Alpeggiani. Tanto più che quelle consulenze, che ho fatto in qualità di medico, risalgono alla fine degli anni 90, quando la mia attività politica si era peraltro conclusa. Non vedo, quindi, come si possa fare un collegamento con l inchiesta. Del mio lavoro e del mio tempo libero faccio quello che voglio. A me dispiace solo per Passerino, che è un mio carissimo amico». E a Passerino ha mandato il proprio sostegno, con una lettera in carcere, anche Rosanna Gariboldi. Che sulle consulenze chiarisce: «Erano pareri amministrativi, visto che al San Matteo era il mio ruolo. La collaborazione con la Maugeri è cominciata nel 1998, quando, durante una cena con Passerino e Maugeri, si discuteva di un contratto di 300 milioni di lire da fare con la Rsa di Stradella. Mi chiesero un analisi dei costi, che si rivelò azzeccata. Così cominciò la collaborazione, che ricordo si interruppe, per ragioni di opportunità, quando mio marito cominciò l attività politica in Regione. Visto però che ero ritenuta capace, negli ultimi anni mi fu chiesto di proseguire la collaborazione. Ho avuto un regolare contratto, che è scaduto quest anno. Ho prodotto consulenze sul personale, sulla legge Brunetta, le partecipazioni di un privato in un istituto scientifico. Quanto mi è stato dato? A occhio e croce 30mila euro l anno. Comunque, vista che la Finanza ha rivoltato i miei conti come un calzino, è tutto dichiarato e alla luce del sole. Chi dice che fossero pagamenti riservati fa soltanto illazioni». 203

21 09/06/2012 Un arsenale nella casa di Batman La Repubblica (ed.milano) 204

22 09/06/2012 Malati di slot, soldi e vite in fumo. In 300 al corteo La Provincia Pavese Malati di slot, soldi e vite in fumo. In 300 al corteo «Così ho perso 200mila euro»: la storia di Matteo, che ha trovato la forza di smettere. E c è chi si brucia lo stipendio in un giorno. In 300 al corteo contro i videopoker, tantissimi i giovani PAVIA. Una moneta da 500 lire. E la macchinetta ne restituisce 200mila. Con la sensazione di poter vincere ancora, poi ancora e ancora. E le monete si susseguono, una dietro l altra. E la dipendenza da gioco, le slot che inghiottono soldi e pezzi di vita. Per dire basta ai videopoker nei locali oggi pomeriggio la Casa del giovane e le associazioni marceranno in città. Bussano alla porta della comunità di via Lomonaco persone in difficoltà. Negli ultimi due giorni un ragazzo di 23 anni è andato a chiedere aiuto: ha preso lo stipendio e in poche ore lo ha speso tutto in macchinette. E una mamma ha portato suo figlio. E minorenne e già non riesce a smettere di spendere la paghetta nelle slot. In corteo ci saranno anche persone che stanno cercando di uscirne. Come Matteo. Per raccontare la sua storia useremo un nome di fantasia. Matteo ha iniziato a giocare a 14 anni, al bar. «La prima volta ho messo una moneta da 500 lire e ho vinto 200mila lire, una cifra altissima allora spiega Matteo e da lì ho provato sempre di più. La macchinetta ha il potere di prenderti». Nei videopoker ha speso 200mila euro. «Sono arrivato a rubare i soldi dal portafoglio di mio padre racconta e non smetto di vergognarmene. E difficile spiegare che in quel momento non ci pensavo». E difficile perché chi non ci è passato non capisce. «Per questo stiamo cercando di creare un associazione, in modo che chi come me ci è passato possa aiutare gli altri spiega Matteo io ho sempre saputo di avere un problema ma non sapevo come risolverlo». Trent anni, un lavoro, una vita apparentemente completa. Eppure qualcosa si rompe. Matteo ha parlato con molti psicologi, ora ha iniziato un percorso alla Casa del giovane. Ha provato a uscirne più volte. «L ultima volta però messo 5 euro e ne ho vinti 7400 racconta uno accanto a me ne ha vinti 280mila ed è la cosa che ti fa continuare: sapere che puoi vincere, quando in realtà perdi sempre». Ci sono stati giorni in cui in poche ore ha speso tutto lo stipendio appena preso. Altri in cui con le nuove slot che sono arrivate nei locali negli ultimi anni (e non prendono solo monete ma anche banconote) premendo poche volte nei tasti colorati dei videopoker ha visto cancellarsi davanti agli occhi 500 euro in pochi secondi. Ora sono due mesi che riesce a sentirsi fuori da questa dipendenza. Ma non può smettere di pensare all indifferenza con cui nei locali lo guardavano buttare via i suoi soldi. «E una situazione che sta diventando difficile spiega Simone Feder, psicologo della Casa del giovane ci serve sostegno. L aiuto più grande adesso ci sta arrivando dalle associazioni». Tutte quelle che oggi saranno in corteo dalle in stazione per arrivare al Ticinello con attività sul fenomeno del gioco d azzardo. 205

23 10/06/2012 Caso movida in centro: «Primo disagio lo spaccio» La Provincia Pavese Caso movida in centro: «Primo disagio lo spaccio» In piazza Duomo droga venduta al pomeriggio. Alcol e sporcizia gli altri problemi PAVIA. «L ho visto con i miei occhi, lo abbiamo visto tutti: in due hanno venduto della droga a una ragazzina che avrà avuto 18 anni». Roberto Traverso abita in una delle zone definite critiche: l angolo tra piazza Duomo e via dei Liguri. La scena che descrive è ambientata a Pavia, piazza Duomo, ore 16. Nella nostra redazione abbiamo organizzato ieri mattina una tavola rotonda sulla movida, sui giovani, sui temi dell alcol e della droga. Tra i tanti problemi sollevati (e le proposte) c è lo spaccio. E quella che commercianti e residenti chiamano «l emergenza Duomo». Sullo spaccio le forze dell ordine sono in grado di fare nomi e cognomi. Ci sono già stati arresti, per qualcuno c è un decreto di espulsione. Quando sindaco e assessore dicono «si sa chi sono ma non possiamo fare niente» i giovani presenti alla tavola rotonda non ci stanno. «Non si può dire che è impossibile fare qualcosa dice Paolo Ranieri, studente universitario E poi il problema dello spaccio comporta un ragionamento: se a Pavia ci sono gli spacciatori c è richiesta». Su questo punto chi vive in centro non nasconde una certa preoccupazione. «Fino a qualche anno fa spacciavano in piazzetta Cavagneria», spiega Traverso. Ora c è il Duomo. E i resti della Torre. Dove fino a poco tempo fa si lasciavano le dosi. E si entrava dal cancelletto laterale come in un bagno pubblico. «E bastato mettere un lucchetto», spiega l assessore alla sicurezza Marco Galandra. «Spacciano nei giorni morti, durante la settimana, quando c è meno gente in giro», spiega Elena Versilia titolare del ristorante Regisole. Il locale si affaccia sulla cattedrale. Chi lavora e vive in zona spesso non sa come intervenire. E quando chiede aiuto la situazione si risolve nell immediato, poi bastano poche ore e tutto torna come prima. «Quando è nato il Comitato centro storico ci eravamo dati come impegno di denunciare comportamenti scorretti racconta Edoardo Janko, che ha un bar-torrefazione in Strada Nuova e in piazza Duomo un giorno ho provato a riprendere un ragazzo che aveva buttato rompendola una bottiglia di vetro. Si è girato dall altra parte». La mappa del disagio in centro storica tocca anche piazza San Tommaso, via Bossolaro. C è anche l alcol. Con alcolici a basso costo, chupiti a un euro. E questo porta con sé degrado. Sporcizia, bicchieri lasciati in terra. Basta girare per il centro un sabato sera. Una ragazza, giovanissima, è seduta sul gradino di un negozio chiuso in via Bossolaro. Ha un bicchiere in mano. Sta parlando con gli amici, poi si interrompe, sposta le gambe, vomita, e riprende come se niente fosse. Chi le sta attorno ride. Lo sanno i commercianti che ogni mattina puliscono le serrande. Sono pezzi dello stesso puzzle che dicono che a Pavia non c è un «allarme» ancora, ma un disagio crescente. «Se piazza Duomo e le vie limitrofe sono scelte per lo spaccio dobbiamo riempire questi luoghi propongono i commercianti dobbiamo animarli, fare in modo che ci sia sempre qualcosa». «Ho una sorella più piccola, e dopo mezzanotte non può andare in giro da sola», dice Pierpaolo Grisanti. Non tutta la tavola rotonda è d accordo. Pavia è ancora accogliente: «Ma serve rispetto e su questo dobbiamo lavorare insieme». «Non vogliamo usare la repressione frontale dice il sindaco Cattaneo servono passi condivisi, anche sulle ordinanze». 206

24 13/06/2012 Nuovo interrogatorio per Daccò La Stampa 207

25 Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie 13/06/2012 Penati e il Pd, tutti i soldi illeciti portano a Roma Il Fatto Quotidiano 208

26 13/06/2012 «Appalti puliti a Pavia», ok al pacchetto legalità La Provincia Pavese «Appalti puliti a Pavia», ok al pacchetto legalità Certificazione antimafia della prefettura per lavori a partire da 250mila euro. Costi di manodopera e sicurezza sotto controllo, verifiche sui cartelli d imprese PAVIA. Più controlli negli appalti del Comune di Pavia contro le infiltrazioni mafiose, il Consiglio approva all unanimità il protocollo di legalità. Ma il consigliere Walter Veltri, appena insediato al posto di Paolo Ferloni per Insieme per Pavia, abbandona l aula e non vota: «È utile ma non risolutivo. E nella premessa dice che il territorio è esposto al rischio di coinvolgimento in fenomeni di illegalità riconducibili alla criminalità organizzata, quando le sentenze dicono che è già infiltrato. Parlare di rischio equivale a sottovalutare il fenomeno». Tiepide le associazioni di categoria: «Bene lavorare per la legalità, ma ora il problema è che non si lavora, con il patto di stabilità nessuno appalta più nulla, strade e scuole sono da manutenere e in provincia abbiamo perso 3mila occupati del settore spiega Alberto Righini, vice presidente Ance Serve un limite al massimo ribasso: se qualcuno riesce a fare il lavoro a metà prezzo, o il progettista dell opera pubblica ha sopravvalutato i costi o c è qualcosa di occulto dietro l impresa». C è voluto un anno di lavoro congiunto nella commissione antimafia presieduta da Franco Martini per arrivare al protocollo. Con la firma della convenzione con la prefettura sarà operativo: chi partecipa a una gara del Comune firmerà clausole in cui accetta le regole con cui si decide l esclusione, per evitare ricorsi dopo. È il primo approvato in Lombardia, l Anci ne ha chiesto copia per diffonderlo negli altri Comuni. «Era giusto, dopo i fatti recenti e meno recenti, trovare un metodo per controllare le gare d appalto», spiega Francesco Irianni, Pdl. «Tra le principali novità spiega Davide Ottini, Pd c è l acquisizione delle informazioni antimafia per lavori di valore più basso rispetto a quello di legge: appalti da 250mila euro, subappalti da 100mila e prestazioni di servizi da 150mila euro». Certificazioni che la prefettura si è impegnata a fornire in tempi rapidi per non rallentare le gare. Vietato il ribasso sui sicurezza già previsto per legge e sul costo del personale, per evitare il ricorso al lavoro nero. Inoltre le informazioni antimafia dovranno essere acquisite sempre, per qualunque importo, per lavori nei settori «trasporto materiali in discarica, smaltimento rifiuti, fornitura e trasporto terra, acquisizione di sabbia e ghiaia, fornitura o trasporto di bitume, di calcestruzzo, autostrasporti, custodia dei cantieri», per i lavori di somma urgenza. Niente certificazione per le procedure di manutenzione ordinaria e straordinaria, ristrutturazione e risanamento di edifici esistenti. E ancora, controlli sui cartelli di imprese, più imprese controllate dallo stesso padrone. Inoltre l amministrazione terrà conto delle eventuali condanne dei titolari delle imprese in gara. 209

27 Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie 14/06/2012 Contro di me operazioni militari ma io governerò fino al 2015 La Repubblica (ed.milano) 210

28 14/06/2012 Un etto di coca negli slip Arrestato un 26enne La Provincia Pavese Un etto di coca negli slip Arrestato un 26enne I carabinieri lo hanno intercettato l altra sera sul ponte del Ticino Droga destinata al mercato di Vigevano. Oggi l interrogatorio in carcere VIGEVANO. Un etto di cocaina negli slip. I carabinieri hanno arrestato Hicham Mouadine, 26 anni, marocchino regolarmente domiciliato a Vigevano e incensurato. L altra sera, la sua auto è stata controllata sulla ex statale 494, subito prima del ponte sul Ticino. La Punto arrivava da Milano: i militari si sarebbero insospettiti perché, vedendo una pattuglia ferma per un posto di blocco, l uomo al volante ha prima rallentato e poi accelerato bruscamente, senza fermarsi all alt. La Punto è stata subito raggiunta dalla macchina di servizio: Hicham Mouadine allora è sceso dalla sua auto e ha tentato di scappare, ma è stato bloccato. La perquisizione dell auto intestata al 26enne non ha dato risultato, quella personale invece sì: ha permesso di scoprire l involucro con 105 grammi di cocaina pura nascosto negli slip. All ingrosso la droga vale 7-8 mila euro, tagliata e venduta al dettaglio avrebbe potuto rendere il doppio. Il 26enne maghrebino ha dichiarato che aveva con sé la droga, perché era andato a Milano a prenderla per un committente romeno, che lo avrebbe ricompensato con 30 euro. Oggi in carcere dovrebbe tenersi l interrogatorio di garanzia per l immigrato, accusato di detenzione di droga ai fini dello spaccio. Lo stupefacente era destinato al mercato di Vigevano, dove nelle ultime settimane sono stati fatti diversi sequestri di droga. Il 6 giugno, la polizia ha sequestrato quasi 60 grammi di marijuana a uno studente 19enne dell istituto Leonardo Da Vinci. Una piccola quantità era nello zaino, circa 25 grammi nell auto del ragazzo e il resto a casa sua. Partendo da quel sequestro è stato arrestato un operaio disoccupato di Abbiategrasso, incensurato, con l accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio. A casa dell operaio c erano ovuli contenenti 145 grammi di hashish, e soprattutto 1 chilo e 160 grammi di marijuana. Sequestrati anche euro in contanti, due bilancini e materiale da taglio. Era stata la preside del Leonardo, Carla Fiorino, a chiedere i controlli della polizia dopo che, due settimane prima, era stato denunciato un altro studente 17enne della scuola, residente sempre dell Abbiatense, trovato con 32 grammi di marijuana e mezzo grammo di cocaina nello zaino. Un insegnante, notando un movimento sospetto in classe, aveva chiamato la preside e si era fatto consegnare la droga. Anche a Mortara i carabinieri hanno sequestrato delle piantine di cannabis, in un appartamento del centro città. Manette per un ragazzo di 18 anni, ucraino, e un italiana di 33 anni. In casa, i militari hanno ritrovato 16 piantine dell'altezza di 20 centimetri, 3 grammi di hashish e 2 di eroina già pronti per essere spacciati. 211

29 Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie 15/06/2012 Scandalo sanità, indagato Lucchina l opposizione: Formigoni è alla fine La Repubblica (ed.milano) 212

30 15/06/2012 Bancarotta, truffa e riciclaggio condannato l ex re della movisa La Repubblica (ed.milano) 213

31 15/06/2012 Formigoni, un alto fedelissimo nei guai La Stampa 214

32 15/06/2012 Insospettabile arrestato per droga - Settegiorni 215

33 15/06/2012 Gambizzato con quattro colpi di pistola - Settegiorni 216

34 16/06/2012 Lascia alla cassiera il trolley con la cocaina La Repubblica (ed.milano) 217

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA EDUCAZIONE ALLA LEGALITA I bambini hanno letto una nuova storia: Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando Giovanni è un bambino nato e cresciuto a Palermo e frequenta la scuola primaria. Per il

Dettagli

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Il radicamento Liguria terra di confine: meta dei soggiorni obbligati (anni 70),

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l ossessione dell ordine, mi sembra strano che fosse uscita

Dettagli

Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Marzo 2013 SEZIONE NOVARA. 1 http://osservatorionovara.liberapiemonte.

Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Marzo 2013 SEZIONE NOVARA. 1 http://osservatorionovara.liberapiemonte. SEZIONE NOVARA 1 01/03/2013 Ghemme, scontro in Consiglio per una mozione sulla discarica L Azione 2 01/03/2013 Quindici società sotto la lente NovaraOggi 3 01/03/2013 Lente d ingrandimento sull aministrazione

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Cota: Lamiagiunta nontraballa Èl oradiresistere Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Retroscena «La mia giunta non traballa. Nei m o m e n t i difficili bisogna saper resistere». Roberto Cota,

Dettagli

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie Non è un corteo come gli altri perché a partecipare sono i familiari delle vittime della mafia, una mafia che è come la peste che si espande come un cancro per tutto il Paese. Per combatterla non basta

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

3.7 La Città per la sicurezza

3.7 La Città per la sicurezza 3.7 La Città per la sicurezza 3.7.1 Gli obiettivi di mandato «Vogliamo una città aperta perché libera e sicura, una città dove la sicurezza non sia rappresentata solo dal controllo del territorio esercitato

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

ECOMAFIE DEL NORD. Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia

ECOMAFIE DEL NORD. Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia ECOMAFIE DEL NORD Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia La parola ecomafia è un termine coniato da Legambiente nel 1994 per indicare le organizzazioni criminali e altri soggetti che commettono reati arrecanti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti

Mafia, operazione Discovery nell'ennese con 12 arresti Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti di Redazione Sicilia Journal - 11, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/mafia-operazione-discovery-nellennese-con-12-arresti/ Maurizio Amendolia

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Raffaella una cassiera

Dettagli

C E CHI DICE NO: FRANCECA RAGUSA Giuliano Marrucci

C E CHI DICE NO: FRANCECA RAGUSA Giuliano Marrucci C E CHI DICE NO: FRANCECA RAGUSA Giuliano Marrucci Quella è la finestra di camera tua no? Si, quella lì sì. La guardi sì, la tengo sempre chiusa. - FUORI CAMPO Francesca abita a Parigi, ed ogni estate

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE)

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) 1 I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) Come nascono i Patti per la sicurezza La legge finanziaria 2007 (Legge 296/2006,

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02290/2014REG.PROV.COLL. N. 01377/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 12 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 16 - Prima Pagina pag. 7 - Modena Qui pag. / Sezione: Pianura Data:

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 Il fatturato della Ndrangheta Holding: 2,9% del Pil nel 2007 Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d affari della Ndrangheta stimato dall Eurispes per il 200 7. Un

Dettagli

Carlo Giuliani, quando il padre diceva a sua moglie: "Speriamo di fargli presto un bel funerale"

Carlo Giuliani, quando il padre diceva a sua moglie: Speriamo di fargli presto un bel funerale Via Farini, 62-00185 Roma tel. 06 48903773/48903734 - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA @COISPpolizia PAPA' GIULIANI

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona ernesto.savona@unicatt.it Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano www.transcrime.it Milano, 16 gennaio 2013 Da dove partiamo Background

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA,

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA, Siracusa Blitz antimafia per 28: coinvolta cellula clan Nardo. I Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa, hanno dato esecuzione di notte a 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

SICUREZZA & FORMAZIONE

SICUREZZA & FORMAZIONE SICUREZZA & FORMAZIONE Ieri 19 dicembre 2011 a Taranto una Guardia Giurata viene uccisa durante una rapina al furgone portavalori. Oltre a manifestare il mio più profondo cordoglio alla sua famiglia, colgo

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

Consigli agli anziani e non solo.

Consigli agli anziani e non solo. Consigli agli anziani e non solo. 2 Pronti ad aiutarvi Consigli per la vostra sicurezza non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa. Diffidate degli estranei che vengono a trovarvi in orari

Dettagli

Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE

Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE Questura di Bergamo FESTA DELLA POLIZIA 22 MAGGIO 2015 LA SICUREZZA IN CIFRE 2 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO 3 REATI REGISTRATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO 01/05/2013 30/04/2014

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.26

1 di 5 11/01/2012 0.26 1 di 5 11/01/2012 0.26 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di:

Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Esecuzione di 11 misure cautelari in carcere emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Perugia dott. Alberto Avenoso per i reati di: Art. 416 co. I,II,III c.p.: Associazione per delinquere. Artt. 624, 625

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia. Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario. Sala Luigi Calabresi, Giovedì 9 Aprile 2015

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia. Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario. Sala Luigi Calabresi, Giovedì 9 Aprile 2015 COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario Sala Luigi Calabresi, Giovedì 9 Aprile 2015 PGT Il percorso della Variante Generale: alcuni spunti

Dettagli

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO.

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO. N. 42 in data 19 novembre 2007 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CIRCA IL POTENZIAMENTO DELLA SICUREZZA SUL TERRITORIO. Introduce l argomento il Sindaco, ricordando che lunedì 26 novembre si svolgerà ad Oderzo

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Ufficio Operazioni Sezione Stampa e Relazioni Esterne Milano, 5 febbraio 2014 LA GUARDIA DI FINANZA IN LOMBARDIA BILANCIO 2013 Nel 2013 la Guardia di Finanza

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli