TBS GROUP. Data prima emissione rating: 20/06/2014 (Rating B1.1 PDI 1,14%) Data emissione: 29 maggio Analista responsabile Mara Cassinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TBS GROUP. Data prima emissione rating: 20/06/2014 (Rating B1.1 PDI 1,14%) Data emissione: 29 maggio 2015. Analista responsabile Mara Cassinari"

Transcript

1 TBS GROUP Data prima emissione rating: 20/06/2014 (Rating B1.1 PDI 1,14%) Data emissione: 29 maggio 2015 Analista responsabile Mara Cassinari Analista di supporto Andrea Fasoli Presidente del Comitato di Rating Cristina Zuddas

2 TBS GROUP Società per Azioni Via Padriciano Trieste (TS) Report Analitico Rating RATING... 3 RATING E PROBABILITÀ DI INSOLVENZA... 3 GIUDIZIO COMPLESSIVO... 4 PUNTI DI FORZA... 6 PUNTI DI DEBOLEZZA E FATTORI DI RISCHIO... 7 ANDAMENTO TENDENZIALE... 9 SCENARI FATTORI DI RATING TREND DATI ANDAMENTALI NEGATIVI SETTORE DI APPARTENENZA POSIZIONAMENTO COMPETITIVO QUALITÀ DEL PORTAFOGLIO CLIENTI GRADO DI CONCENTRAZIONE DELLA CLIENTELA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA RELAZIONI CREDITIZIE A BREVE TERMINE QUALITÀ DEL MANAGEMENT INFORMAZIONI PROFILO SOCIETARIO PROFILO ECONOMICO-FINANZIARIO Cerved Rating Agency S.p.A 2

3 Rating Rating Rating e probabilità di insolvenza Il rating è un'opinione relativa alla capacità di un soggetto di onorare i propri debiti che scaturisce da elementi oggettivi combinati con valutazioni soggettive espresse da un analista di rating. Cerved Group emette rating a lungo termine che esprimono giudizi di affidabilità sul debitore indipendenti dalla struttura tecnica dell'indebitamento. Rating e probabilità di insolvenza E' la valutazione delle capacità di un soggetto economico di onorare puntualmente gli impegni finanziari assunti. Rating: Probabilità di insolvenza: (a 12 mesi) Merito creditizio alto (A3.1) Bassa (0.6%) Azienda con fondamentali solidi e una buona capacità di far fronte agli impegni finanziari. Il rischio di credito è basso. Azienda C2.1 C1.2 C1.1 B2.2 B2.1 B1.2 B1.1 A3.1 A2.2 A2.1 A1.3 A1.2 A1.1 Merito creditizio basso Merito creditizio alto Cerved Rating Agency S.p.A 3

4 Rating Giudizio complessivo TBS Group è una società quotata all AIM Italia, con sede nell Area Science Park di Trieste, con oltre 20 centri di competenza specialistici e più di 300 laboratori on site collegati a ospedali ed Enti pubblici e privati. L attività consiste nella progettazione e gestione di servizi in outsourcing di ingegneria clinica e di ICT, inoltre progetta e fornisce soluzioni integrate di e-health ed e-government e sistemi di apparecchiature mediche, al fine di rendere più sicuro, efficiente ed efficace la gestione e l utilizzo delle tecnologie biomediche ed informatiche nelle strutture sociosanitarie, sia pubbliche che private. La sua offerta mira ad innovare i processi ed è volta a contenere e riqualificare la spesa delle prestazioni erogate, attività svolta attraverso la presenza in 21 paesi. Complessivamente conta circa addetti. Durante il 2014 il Gruppo TBS ha proseguito nella riorganizzazione finalizzata all attuazione di interventi per ottimizzare la struttura di governo societario e migliorare l assetto organizzativo del Gruppo, a vantaggio dell efficienza dei processi decisionali e operativi. La strategia ha riguardato inizialmente la revisione della Governance con un sistema di amministrazione affidato a un Amministratore Delegato e a quattro Direzioni Generali ognuna dedicata a una specifica area e un sistema di controllo attribuito al Comitato Strategico e al Comitato Operativo; sta tuttora proseguendo attraverso un ulteriore aggiornamento che riguarda la matrice funzionale dei poteri, per razionalizzare gli stessi nell ottica di una più efficiente attuazione della funzione di Direzione e Coordinamento della Capogruppo. Un altro importante intervento consiste nell attuazione delle linee guida per semplificare l assetto societario del Gruppo TBS in Italia, mediante accorpamento e/o razionalizzazione di legal entities al fine di rendere la struttura più snella, ottimizzando i costi delle singole società; sono state effettuate le incorporazioni di Tecnobiopromo in TBS Group, di Caribel Programmazione in Insiel Mercato (entrambe già controllate al 100% dalle due incorporanti) e di Tesan in EBM dopo il trasferimento di quote da Insiel Mercato. Nel 2015 è stata inoltre costituita TBS Bohemia, start-up finalizzata a presidiare un area potenzialmente promettente e dove il gruppo avrebbe già in corso alcune opportunità di business. È stato completato il processo di razionalizzazione delle attività in Germania, ora concentrate sulla controllata MSI GmbH a seguito della cessione delle quote della società Subitec in data 23 dicembre Ulteriori operazioni di riorganizzazione saranno finalizzate a meglio definire il ramo DI che attraverso REM DI, DELTA X, la recente acquisizione di ING. BURGATTI ed un segmento di attività interna ad EBM attivo nella Diagnostica per Immagini, ha un potenziale affaristico di circa 25 milioni, di fatto in buona parte già realizzato dalle società sulla base dei risultati dell ultimo esercizio. Questa linea di business risulta di notevole interesse per il Gruppo anche in relazione agli spazi che si rendono possibili sul mercato estero. In termini commerciali il gruppo è orientato a diverse modalità di approccio alle gare (da effettuarsi anche attraverso il project financing) in grado di generare ritorni più significativi nel breve e medio lungo; di fatto la partecipazione del gruppo ai tender è in aumento. L attività di trading anche nel second hand consente ulteriori margini di crescita, sia presso strutture aventi minori capacità economiche, sia in paesi non ancora adeguatamente sensibilizzati al tema dell ingegneria clinica e quindi meno disposti ad investire cifre consistenti. In termini geografici Nord Africa, Sud America e Medio Oriente risultano essere aree di mercato dove i servizi offerti dal Gruppo Tbs, in tema di Sanità, hanno un elevato potenziale di crescita. Il mercato nazionale risulta maturo, mentre l Europa è in grado di offrire tuttora discreti spazi di Cerved Rating Agency S.p.A 4

5 crescita. TBS IT ha evidenziato interessanti opportunità crescita relativamente al segmento IT presso le strutture ospedaliere pubbliche e private. Complessivamente sul piano delle attività realizzate e degli obiettivi che si intendono perseguire sul piano della crescita il Gruppo ha mostrato nell ultimo anno un elevato dinamismo. Parallelamente è stato oggetto di attenzione per il Gruppo il tema della riduzione dei costi concretizzata sia attraverso le aggregazioni effettuate sia attraverso un processo di razionalizzazione dei costi interni, con significativi risultati evidenziati nel 2014 a livello di Capogruppo. In termini economico finanziari il Gruppo TBS ha riportato apprezzabili risultati nel 2014, sia in termini di crescita affaristica, sia di margini. L indebitamento, seppur non trascurabile, evidenzia una situazione più equilibrata rispetto al 2013, grazie all emissione di un prestito obbligazionario (minibond) che ha consentito di riposizionare sul lungo termine parte delle esposizioni. Le strategie di crescita del gruppo necessitano di risorse finanziarie la cui allocazione ha sino ad oggi dato riscontri positivi. Per la gestione delle esigenze correnti il supporto esterno è costante grazie alla validità complessiva che caratterizza il gruppo ed il suo portafoglio clienti. Nonostante i risultati poco performanti realizzati nel Q12015 (periodo fisiologicamente meno dinamico rispetto ad altri nell arco dell anno) le previsioni di recupero nella seconda parte dell esercizio si ritengono attuabili. L anno 2015 dovrebbe pertanto generare risultati positivi. Non è tuttavia di secondaria importanza, la mancata conversione del POC che, qualora fosse avvenuta, avrebbe generato un duplice effetto positivo (in termini di aumento del capitale e di maggiori risorse finanziarie da impiegare nel proseguimento delle strategie in corso). Il costante controllo attuato dal management al fine di mantenere un adeguato rapporto fra IFN/Equity oltre agli altri parametri impiegati danno evidenza di una gestione comunque sensibile a queste tematiche in ottica di costante miglioramento delle performance di gruppo. In considerazione di quanto emerso il giudizio complessivo appare positivo e colloca il gruppo Tbs in una situazione di sicurezza con un basso rischio di credito. Cerved Rating Agency S.p.A 5

6 Rating Punti di forza Mantenimento di una posizione rilevante nel mercato di appartenenza a livello nazionale nonostante una maggiore pressione competitiva. Mercato non saturo, buona qualità del portafoglio clienti, bassa concentrazione dello stesso Stabilità dell assetto azionario di riferimento composto in parte da realtà imprenditoriali storicamente presenti, precedentemente all IPO. Elevato know-how acquisito e personale qualificato. Flessibilità nella gestione: in caso di perdite di commesse il personale on-site segue di norma il nuovo commissionario. La riorganizzazione attuata attraverso un processo di aggregazione, ha permesso di recuperare efficienza e risparmio di costi, di valorizzare le competenze delle varie legal entities aprendo a nuove opportunità di crescita. Potenzialità espresse dal segmento DI che assumerà un ruolo sempre più rilevante all interno del business di gruppo. Il percorso di evoluzione in questo segmento, di fatto iniziato nel 2012, ha generato ritorni nell arco di breve tempo, anche in questo caso la strategia attuata si è rivelata nel concreto performante. Ne sono conseguiti positivi risultati economici in linea con le aspettative, la cui entità risulta apprezzabile se inserita nell attuale contesto economico caratterizzato da elevata complessità (per minori disponibilità di spesa degli enti pubblici, per effetto della crisi, ecc..) Cerved Rating Agency S.p.A 6

7 Rating Punti di debolezza e fattori di rischio Andamento legato alle dinamiche della Pubblica Amministrazione: pur evidenziando continuità e buona consistenza in termini di valore delle commesse acquisite, risente di tempi di pagamento molto lunghi, con conseguente necessità di avvalersi in misura costante del sostegno finanziario esterno con i costi correlati. Nonostante la rimodulazione del debito avvenuta nel 2014, concretizzatasi attraverso l operazione di emissione del Minibond, sussistono in prospettiva ulteriori esigenze di mezzi finanziari, finalizzate da un lato a sostenere la prosecuzione del piano di crescita e dall altro a coprire la mancata conversione del POC. La struttura di gruppo molto articolata ha evidenziato una ridefinizione nell ultimo anno, ma richiede ulteriori aggregazioni in ottica di efficientamento complessivo, soprattutto finalizzato al risparmio di costi e valorizzazione delle competenze. Per fronteggiare gli obiettivi e le esigenze del gruppo è auspicabile un rafforzamento dell equity per dare un adeguato sostegno alla struttura in termini di rapporto fra mezzi propri e di terzi. Il gruppo, data la sua presenza internazionale e le dimensioni, è esposto a varie tipologie di rischi finanziari, sia interni che esteri. Nonostante le problematiche che si è trovato ad affrontare nel corso dell ultimo anno, legate principalmente a fattori normativi interni al nostro Paese non si rilevano effetti negativi degni di nota a riguardo. Il Rischio di tasso di interesse è essenzialmente legato al tasso variabile cui è sottoposto l indebitamento di natura finanziaria, con l esclusione del prestito obbligazionario (per il quale è stato determinato nella misura dell 8% nominale annuo. e per il prestito obbligazionario mini-bond il cui tasso di interesse è stato determinato nella misura fissa del 6,5%). Le variazioni nei tassi d interesse di mercato influenzano il costo delle varie forme di finanziamento incidendo sul livello degli oneri finanziari del Gruppo. Variazioni nei tassi d interesse influenzano il livello degli oneri finanziari di gruppo che secondo l analisi di sensitività effettuata, stante un ipotetica variazione in aumento di 100bp porterebbe ad una maggiorazione su base annua degli oneri finanziari netti di circa 720 mila. Rischio di credito L azienda non è esposta in modo significativo al rischio di credito, operando con Enti Pubblici, o privati convenzionati con il settore pubblico. Non si rilevano concentrazioni significative di rischio di credito il quale trova lo stanziamento nella misura correlata allo stesso nel Fondo Svalutazione Crediti. Rischio di liquidità I principali fattori che influenzano la liquidità sono le risorse generate o assorbite dalle attività operative o di investimento da un lato e, dall altro, le caratteristiche di scadenza e rinnovo del debito. Inoltre, al fine di tutelarsi rispetto ai lunghi cicli di incasso dal settore Pubblico, le aziende del gruppo adottano la cessione del credito a società di factoring. Nel corso del 2014 sono stati ceduti crediti per complessivi Euro 96.5 milioni (vs 89.8 al ). Cerved Rating Agency S.p.A 7

8 Rischio di cambio Il gruppo opera prevalentemente nell area Euro pertanto non risulta esposto in modo significativo a tale rischio, fanno eccezione le transazioni effettuate con le controllate ubicate in UK, India, Cina e Serbia dove sono circoscritte le oscillazioni valutarie. Relativamente alla gestione del capitale al fine di mantenerne o adeguarne la struttura, il Gruppo può adeguare i dividendi pagati agli azionisti, rimborsare il capitale o emettere nuove azioni. Il Gruppo verifica il proprio capitale mediante il rapporto tra l indebitamento finanziario netto e il patrimonio netto di Gruppo. Rischi connessi alla presenza internazionale del gruppo: TBS Group è presente storicamente a livello europeo (95% circa del fatturato), soprattutto nell area centro ovest Europa in paesi che hanno risentito in misura limitata della crisi. L introduzione dell attività di trading potrebbe tuttavia esporre il Gruppo a rischi di varia natura (nel mutamento del quadro normativo locale, situazione politica economica e sociale, ed altri al momento ritenuti non prevedibili. Il gruppo effettua in ogni caso opportune analisi finalizzate al contenimento di tale rischio attraverso precisi accordi con i singoli paesi e con banche internazionali in condivisione con Sace. Rischi connessi ai fornitori dei prodotti e servizi che il Gruppo utilizza nella realizzazione delle proprie strategie. Non si sono verificate negli ultimi anni eventi che abbiano potuto determinare la responsabilità del Gruppo per tali rischi, tuttavia il management ha posto in essere dal 2013 le analisi finalizzate ad individuare le azioni da intraprendere al fine di mitigare i rischi di business nel loro insieme. Cerved Rating Agency S.p.A 8

9 Rating Andamento tendenziale Le strategie di riorganizzazione attuate (finalizzate alla crescita e al posizionamento sul mercato interno ed estero) hanno generato nel 2014 esiti positivi, confermando gli obiettivi previsti dal piano. La politica di aggregazione di legal entities, unitamente all individuazione di nuove aree di sbocco sia in termini di mercato, sia di competenze spendibili al loro interno, stanno dando riscontri positivi. Costituisce un elemento di attenzione, fra gli altri, l obiettivo di un accrescimento dei ricavi accompagnato in parallelo da una minore incidenza del CCO, grazie al maggior sostegno dato dalle società estere. Queste ultime, escludendo la Spagna sono in grado di ridurre il DSO, che sul mercato interno e spagnolo appare influenzato dalla lunghezza dei tempi di incasso dovuta al settore pubblico. L evoluzione dell IFN che viene costantemente monitorata anche in relazione all Equity, è ancora da definire in ragione della necessità di procedere al rimborso del POC, la cui conversione è venuta meno. Quest ultima potrà spostare gli equilibri (date le risorse finanziarie complessivamente necessarie per l anno in corso) in termini di minori opportunità di investimento per fronteggiare l esigenza di rimborso del prestito stesso, oltre agli effetti derivanti da una minore capitalizzazione del gruppo. Relativamente alle modalità di copertura di rimborso del POC sarebbe contemplato un mix di fonti, in questo senso il Gruppo continua a poter contare su adeguato sostegno, in ragione della sua validità complessiva. Il primo trimestre 2015 ha evidenziato una flessione dei risultati rispetto al allo stesso periodo dell anno precedente dovuta principalmente allo slittamento di gare internazionali che troveranno compimento nella seconda parte dell anno. La divisione Dispositivi medici e soluzioni ICT riporta una flessione di 3,2 milioni di euro (da 51,1 milioni del 1Q2014, pari all 88,3% a 48 milioni del 1Q2015, pari all 86,7% del fatturato dell intero Gruppo). Per contro si assiste ad un incremento di 0,5 milioni(+7,9%) della divisione Soluzioni Integrate di e-health & e-government (salita dai 6,8 milioni di euro del 1Q2014 agli attuali 7,3 milioni). Cerved Rating Agency S.p.A 9

10 A livello geografico il territorio nazionale si conferma l ambito principale per le attività del Gruppo TBS (68,2% del totale vs il 63,3% del 1Q2014), ma va evidenziata la crescita significativa nei paesi europei (riconducibile principalmente a TBS GB) che nei primi tre mesi hanno totalizzato il 29,1% dei ricavi complessivi vs il 25,1% del 1Q2014. I Paesi extraeuropei fanno segnare una flessione legata allo slittamento delle gare internazionali. Ricavi per area geografica 1Q2014 1Q2015 2,7% 68,2% 29,1% 63,3% 25,1% 11,6% Italia UE Extra UE L indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2015 è di 81 milioni di euro, con un incremento di 18,4 milioni rispetto ai 62,5 milioni della fine dell esercizio 2014, principalmente dovuto all operazione di acquisto di Ing. Burgatti S.p.A. Le operazioni di cessioni del credito pro-soluto leggermente inferiori, rispetto all esercizio precedente (anche l effetto della normativa dello split payment ), scese da 20 milioni del 1Q2014 ai 18 milioni di euro al 1Q2015. E conseguentemente aumentato in valore assoluto ed in termini di incidenza sui ricavi il Capitale Circolante Operativo Nonostante l evoluzione del 1Q2015 risulti in flessione rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, il gruppo ha sinora evidenziato un discreto dinamismo e gli effetti negativi derivanti dallo slittamento di alcune gare potranno trovare compensazione nel corso dell anno, permettendo il proseguimento del trend di crescita anche in ottica futura. Va peraltro considerato il peso non secondario rappresentato dal segmento DI che risulta già in grado di esprimere un potenziale affaristico di circa 25 milioni e l affidabilità dimostrata dalla subsidiary britannica, in termini di costanti ritorni economici positivi. Il Gruppo ha mostrato concretezza in termini di riscontri fra gli obiettivi prefissati ed il conseguimento degli stessi. Cerved Rating Agency S.p.A 10

11 Rating Scenari Indicazioni del rating in caso di scenario più sfavorevole Lo scenario più sfavorevole, eccetto eventi catastrofici, riguardante l azienda e il suo settore di appartenenza, potrebbe portare l opinione sul merito creditizio a subire un downgrading. In particolare, si stima che il valore minimo di rating potrebbe assumere un valore pari ad B1.1 (PDI 0.77%-1,50%) con un rischio di credito contenuto. Indicazioni del rating in caso di scenario più favorevole Lo scenario più favorevole riguardante l azienda ed il settore di appartenenza, potrebbe comportare, tenuto conto delle potenzialità della società, un upgrading, portando il merito creditizio in una classe superiore, ovvero A2.2 (PDI 0,30%-0,40%)con un rischio di credito basso. Cerved Rating Agency S.p.A 11

12 Fattori di Rating Fattori di Rating Trend Il Gruppo TBS nel 2014 ha realizzato Ricavi per Euro 232 milioni con una variazione in aumento del 6,6% rispetto al Appare significato l incremento dell Ebitda pari a fine 2014 a Euro 24,1 milioni (+20,3% vs all esercizio 2013) evidenziando ritorni in termini di efficienza grazie alle strategie attuate. L Ebitda margin, denota quindi un miglioramento ed è pari a fine 2014 al 10,4% (vs 9,2% del 2013); va a riguardo sottolineato l effetto legato a Rem DI che ha contribuito favorevolmente all Ebitda in assenza del quale sarebbe stato pari a Euro 23,7 milioni. Riguardo alla gestione dei costi si assiste ad un aumento del 5% rispetto al 2013, ed un incidenza dell 89% sul totale ricavi (vs il 90% circa del 2013). Nel merito si rileva una diminuzione delle capitalizzazioni pari al 31 dicembre 2014 a euro 2.9 milioni (vs euro 4.1 milioni nel 2013) relative a costi di personale interno e servizi sostenuti per alcuni progetti di sviluppo di nuovi software e applicativi. Sono aumentati gli acquisti di materiali del 12,7% (pari a 32,3 milioni del 2014 vs 28,3 milioni del 2013). Del suddetto valore euro 4.6 milioni si riferiscono ad acquisti relativi all attività di trading internazionale della Capogruppo (Cina e Honduras), a seguito delle commesse acquisite. I costi per servizi risultano aumentati in misura meno che proporzionale all aumento dei ricavi (+1,5% vs 2013). Relativamente alla sola capogruppo, nel proseguimento delle attività di sviluppo di servizi di progettazione, fornitura globale e manutenzione di apparecchiature biomediche per ospedali di Paesi in via di sviluppo, ha realizzato significativi risultati nel 2014, con complessivi ricavi di competenza pari a 9,3 milioni di euro (2,2 milioni di euro nel 2013). Si sono concluse due importanti commesse destinate al mercato cinese (entrambe nella provincia di Sichuan) destinate a strutture ospedaliere dell area. I due contratti avevano un valore di rispettivi Euro 7,55 milioni di euro (di cui Euro 1,4 milioni di euro realizzati nel 2013) e di Euro 1,85 milioni (di cui euro 629 migliaia realizzati nel 2013). La suddivisione per linee di business evidenzia una crescita nei Dispositivi Medici e Sistemi ICT, pari a Euro 199,3 milioni vs Euro 188,3 del 2014, con un incremento del 5,8%; i ricavi di tale BU rappresentano l 85,9% del totale complessivo (86,3% nel 2013), come evidenziato riconducibili principalmente alla Capogruppo, ma anche alla crescita della società TBS GB, con un incremento pari a 4,3 milioni di euro. Si rileva inoltre una crescita anche nella BU Soluzioni Integrate di e- Health & e-government, che ha realizzato ricavi per 32,7 milioni di Euro (vs Euro 29,8 milioni), in crescita (9,7%) e pari al 14.1% del totale ricavi (13,7% nel 2013). Cerved Rating Agency S.p.A 12

13 Il mercato di riferimento del Gruppo è prevalentemente nazionale, ma con una significativa compresenza del mercato estero che appare in positiva evoluzione nei mercati Extra Ue, UK, Austria. Trend fatturato per area geografica (K ) 31/12/ /12/2014 Fatturato ,3 2% 4% 1% 6% 2% 5% Italia Regno Unito Francia 11% Austria 22,3 26,5 13,1 13,1 7,6 8,3 2,5 4,9 5,8 5,6 2,6 4,7 4,1 11,6 69% Germania Spagna Italia Regno Unito Francia Austria Germania Spagna Altri Paesi Altri Paesi UE Extra UE Altri Paesi UE Le aziende del Gruppo appartenenti alla BU i Dispositivi Medici e Soluzioni Ict durante il 2014 hanno svolto le proprie attività produttive, nell ambito di specifici contratti, in circa Aziende Sanitarie e/o Ospedaliere pubbliche e/o private in 16 differenti Nazioni, sia direttamente che tramite le società controllate. In tale contesto la società EBM ha assunto nel corso dell anno 2014 una funzione di riferimento in termini di coordinamento e di definizione delle strategie relative alle società italiane appartenenti a tale divisione. Nel settore di competenza di EBM sono state indette n. 19 gare per un valore complessivo (pluriennale) di circa 158 milioni di euro ed una durata media di 4 anni. Di rilevante importanza è peraltro l aggregazione del segmento DI nella sfera di EBM, che con le tre società Delta-X, Rem DI (e la recente acquisizione di Ing. Burgatti Spa avvenuta nel 2015) è in grado di generare ulteriori sinergie e ritorni sul conto economico, di fatto già avvenuti nel Il mercato UK ha confermato la sua importanza sia in termini di fatturato realizzato che di opportunità in termini di continuità e crescita. A riguardo si segnala il contratto stipulato a gennaio 2014 da TBS GB con il The Robert Jones and Agnes Hunt Orthopaedic Hospital NHS Foundation Trust della durata di sei anni con possibilità di proroga di un ulteriore anno, che prevede un importo complessivo pari a circa 2 milioni di sterline. TBS GB sarà responsabile della gestione del ciclo di vita di ciascun dispositivo medico a partire dalla sua prova di collaudo. A febbraio 2014 la controllata TBS FR ha ottenuto il rinnovo del contratto con Médi PARTENAIRES per un ammontare complessivo pari a 3,06 milioni di euro (contratto triennale con la possibilità di ulteriori proroghe annuali automatiche alla scadenza). In data 28 novembre 2014 la propria controllata francese TBS FR si è aggiudicata un importante rinnovo del contratto di gestione e la manutenzione delle apparecchiature biomedicali presso due ospedali dell Alta Savoia: Centre Hospitalier Alpes Lèman (CHAL) e Hôpitaux du Pays du Mont - Blanc (HDPMB). La commessa - della durata biennale e rinnovabile tacitamente per ulteriori tre anni - decorre dal 1 gennaio 2015 e prevede un corrispettivo di circa 2,2 milioni di euro (oltre IVA). Si tratta del principale cliente di TBS FR in Francia nel settore della sanità pubblica. Cerved Rating Agency S.p.A 13

14 Le attività riguardanti la BU Soluzioni Integrate di e-health & e-government, dove la società di riferimento risulta essere Insiel Mercato Spa, sono state sviluppate sia in Italia che all estero con l Italia che rappresenta il mercato principale totalizzando circa il 75% del valore della produzione. Le attività sono concentrate nella gestione integrata di prodotti IT e servizi per la Pubblica Amministrazione (oltre 500 clienti supportando quasi 1000 enti utilizzatori). Gli investimenti industriali che hanno interessato la BU sono stati indirizzati principalmente allo sviluppo e aggiornamento del portafoglio prodotti di proprietà. Fra le commesse acquisite si segnala l aggiudicazione della gara indetta dalla Regione Marche (in RTI) composta da due lotti (dove la quota spettante a Insiel Mercato per ciascun lotto ammonta rispettivamente a 800 mila e 700 mila Euro). Si segnala inoltre una gara (in RTI) indetta dalla Regione Toscana per l Evoluzione e Sviluppo del Sistema Tosca Catasto, fiscalità e territorio per un durata complessiva di 4 anni ed un valore a base d asta di circa 8,5 milioni. L andamento delle due BU evidenziano una crescita sia in termini fatturato, sia di marginalità alla quale hanno contribuito sia le aziende italiane che estere. Al netto di ammortamenti pari a Euro 10.5 milioni (-24% vs al 2013, esercizio sul quale pesava l impairment sull avviamento Insiel per Euro 3.5 milioni) la gestione 2014 contabilizza un Risultato Operativo (Ebit) pari a Euro 13.5 milioni (vs 6,2 milioni del 2013), facendo rilevare un incremento significativo rispetto all anno precedente. L Ebit margin pari al 5.9% vs il 2.8% del 2013 esprime concretamente la performance positiva realizzata nell anno 2014, supportata dal miglioramento dell Ebitda. Gli oneri finanziari risultano in diminuzione del 3.3% rispetto al 2013 ed il rapporto con l Ebitda è pari a 3,5 (vs a 2,8 del 2013). La gestione finanziaria netta dell esercizio non ha comunque riportato variazioni significative con un saldo pari a 6,7 milioni nel 2014 (vs 6,6, milioni nel 2013). Da rilevare nell anno 2014 la differenza nel risultato ante imposte che nel 2014 risulta positivo per Euro 6.9 milioni (vs una perdita di Euro 500 mila del 2013), nonché l assenza di componenti di natura straordinaria che nel 2013 avevano generato una perdita di Euro 6 milioni, essenzialmente riconducibili alla ex partecipata tedesca Subitec. Al netto delle imposte l esercizio 2014 chiude con un utile di Euro 2.3 milioni (con un incremento di 12,8 milioni rispetto al 2013). Sull analisi dei dati sopra descritti si evidenzia la capacità di crescita del Gruppo, avvenuta sia per linee esterne, attraverso nuove acquisizioni, sia organica, condizioni che hanno permesso un rafforzamento del gruppo in termini di posizionamento nel mercato nazionale ed estero (principalmente europeo) dell ingegneria clinica. Cerved Rating Agency S.p.A 14

15 Fattori di Rating Dati andamentali negativi Eventi negativi Protesti Non sono stati rilevati protesti sull'azienda, né sui soggetti relazionati alla stessa. I controlli effettuati sugli incroci "dubbi" hanno comportato verifiche puntuali per escludere eventuali omonimie. Fallimenti e procedure concorsuali REM S.R.L. - IN LIQUIDAZIONE In data 03/06/2013 si rileva presso il Tribunale di SALERNO (SA): CONCORDATO PREVENTIVO del 03/06/2013 a carico di:i - REM Srl - IN LIQUIDAZIONE (Codice Fiscale: ) (Partita Iva: ) Iscritto nel Registro Imprese in data 04/06/ Omologato il 30/12/2013 Commissario giudiziale: PICCOLO VINCENZO - Codice Fiscale: PCCVCN69R15G273Q Si tratta di una partecipazione irrilevante all interno del gruppo e in fase di liquidazione, che non impatta in alcun modo sull operatività del gruppo stesso; l attività di Rem Srl prosegue attraverso la newco Rem DI Srl che ha acquistato il ramo d azienda da Rem Srl in data 29/12/2014. Pregiudizievoli di conservatoria Non sono stati rilevati Pregiudizievoli di Conservatoria sull'azienda, né sui soggetti relazionati alla stessa. Ritagli di stampa di tenore negativo Dalla nostra rassegna stampa, che comprende l'analisi giornaliera di 100 quotidiani ad ambito nazionale, regionale e soprattutto provinciale, non emergono notizie di tenore negativo sull'impresa in esame. Cerved Rating Agency S.p.A 15

16 Fattori di Rating Settore di appartenenza TBS Group opera nel settore dell ingegneria clinica, specificamente nell ambito dei sevizi finalizzati alla gestione integrata delle apparecchiature e dispositivi biomedici e ai servizi e prodotti e-health. Il contesto nel quale è attiva risulta fortemente influenzato dalle dinamiche che scaturiscono dalle scelte effettuate dalla Sanità pubblica e privata, sempre più orientate verso l adozione di misure di contenimento dei costi. Nonostante ciò, in Italia la spesa sanitaria continua a rappresentare una delle voci principali della spesa pubblica totale, rispettando quanto stimato già nel 2007, quando si prevedeva un aumento dell incidenza sul Prodotto Interno Lordo, che all epoca si assestava intorno all 8.5% e che attualmente è intorno al 9.1%. Le stime dicono inoltre che la spesa sanitaria pubblica italiana raggiungerà entro il 2025 l 11% del PIL nazionale. Il driver principale di tale crescita sembra essere stata l introduzione sul mercato delle nuove tecnologie, soprattutto ICT, biomediche e farmaceutiche. Gli effetti dovuti alle scelte di riduzione dei costi da parte delle aziende sanitarie sia private che pubbliche si sono accusati soprattutto nel comparto dedicato alla produzione delle apparecchiature medicali, che unitamente all alto grado di concorrenza, ha generato un leggero trend negativo nel La produzione italiana di apparecchiature medicali nel 2014 ha contabilizzato un valore di 3,65 miliardi di euro, in calo dell 1.1% rispetto al Complessivamente poi, il mercato italiano si presenta con un saldo commerciale ancora negativo, con un livello di esportazione cresciuto del 2.6% e complessivamente pari a circa il 77% della produzione, mentre a livello di importazioni si è verificato un aumento del 4.6% facendo registrare un incidenza di circa l 84% della domanda interna. Un opportunità importante per le aziende operanti nel settore, sembra essere quella data dall utilizzo dell ICT come driver di crescita; l orientamento delle aziende sanitarie, come già anticipato, è quello volto all adozione di una politica di ridimensionamento dei costi che si traduce da un lato in una diminuzione degli acquisti di attrezzature, ma al contempo in un aumento degli investimenti che in un lungo periodo possano garantire la realizzazione di tale obiettivo. Ciò è possibile sfruttando quanto le aziende hanno da offrire in termini di servizi di gestione outsourcing delle tecnologie, in particolare di tutti i dispositivi medici e di tutti i sistemi e le soluzioni ICT, che, a fronte di un alto investimento iniziale, garantiscono un ottimizzazione dei costi gestionali ed organizzativi non indifferente. I dati mostrano infatti un aumento in questo senso della spesa dedicata a questi servizi: nel biennio il trend è stato negativo, registrando un calo del 5%, ma nel 2014 sembra che tale andamento si sia invertito, avendo prodotto un impennata della spesa pari al 17%. In termini di volumi significa che dagli 1.3 miliardi di euro movimentati nel 2011, scesi a 1.17 nel 2013, si è poi risaliti agli attuali 1.37 del La composizione della spesa ICT nella sanità italiana risulta suddivisa tra 4 diversi attori, quali le Strutture Sanitarie (960 mln di Euro), le Regioni (325 mln di Euro), il comparto MMG (68 mln di Euro) e il Ministero della Salute (20 mln di Euro). Composizione della spesa ICT nella sanità italiana 24% Composizione della spesa ICT nella Sanità Italiana 5% 1% 70% Strutture sanitarie Regioni MMG Ministero della Salute Cerved Rating Agency S.p.A 16

17 La principale barriera che le aziende incontrano nel concretizzare collaborazioni in questo senso è dovuto alla scarsa percezione dei benefici che hanno le aziende sanitarie, e alla resistenza che esse oppongono al cambiamento tecnologico; per questo motivo le prospettive che si aprono sono altamente positive, in quanto, una volta sbloccata la situazione di resistenza, il mercato presenterebbe ampie e vantaggiose opportunità in termini di quota di mercato disponibile. Un esempio è rappresentato dall introduzione della cartella clinica elettronica che comporterebbe la dematerializzazione del cartaceo con conseguente risparmio correlato alla gestione del cartaceo: in caso di adozione parziale di un sistema ICT si assisterebbe ad un risparmio di circa 980 mln di Euro, mentre nel caso di un adozione totale da parte del Sistema Sanitario Nazionale il risparmio totale si porterebbe a 1.65 mld di Euro. Per quanto riguarda il settore specifico dei dispositivi medici e dei sistemi ICT, la modalità di acquisizione delle commesse nei confronti degli enti pubblici prevede la partecipazione a gare di appalto; si stima che complessivamente nel 2014 si siano svolte 19 gare per un valore complessivo pluriennale di circa 158 mln di Euro e una durata media di 4 anni. Attualmente poi risultano in essere gare in ambito di Global IT e System Integration per un valore totale di 8 mln di Euro, a livello locale e regionale. Per quanto riguarda la domanda di apparecchiature medicali si è assistito nel 2014 ad un incremento a seguito di una ripresa del mercato interno di circa l 1.7%. Si stima inoltre che tale domanda interna si possa mantenere pressoché stabile nel 2015, con una leggera flessione dello 0.6%. La domanda è influenzata dalle politiche governative nazionali e regionali, poiché quasi il 73% delle apparecchiature medicali è relativo alle strutture sanitarie pubbliche mentre il restante 27% è destinato agli istituti privati e, direttamente agli utenti finali. La forte pressione sui prezzi di acquisizione delle forniture sanitarie e di contenimento dei consumi esercitata dalle Regioni a seguito dell accentuazione della loro responsabilità in materia sanitaria sembra dunque essersi attenuata, a vantaggio della progressiva adozione di nuove tecnologie; le principali tendenze evidenziate sono dunque quelle volte alla crescente richiesta di: - Dispositivi ad elevato contenuto tecnologico con alta capacità e velocità di acquisizione, trattamento dei dati e software specialistici incorporati; - Miniaturizzazione dei componenti e delle dimensioni delle tecnologie; - Realizzazione di biosensori sempre più sofisticati; - Messa in rete informatica dei dispositivi medici con la conseguente realizzazione di software e hardware medicali che organizzano e integrano le informazioni che provengono dalle tecnologie sanitarie. Favorevoli sono inoltre i contributi apportati dalle richieste provenienti dai mercati emergenti, che rappresentano una voce importante nella domanda complessiva. Dal lato dell offerta l Italia mostra un certa disomogeneità nella presenza degli operatori, concentrati per la maggior parte nelle regioni settentrionali. Il quadro generale evidenzia i forti limiti del paese in ambito di innovazione, riflettendo la situazione complessiva in merito allo sviluppo infrastrutturale tecnologico ed economico. A livello regionale infatti i valori più elevati che riguardano l indice di innovazione sanitaria sono riscontrati in Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Liguria, Veneto e Lombardia mentre i più bassi sono concentrati in Calabria e Campania, con l Abruzzo che rappresenta un eccezione, riportando valori più simili a quelli delle regioni settentrionali. L elevata frammentazione nelle politiche di pianificazione sanitaria del Sistema Sanitario Nazionale rappresentano una delle maggiori barriere allo sviluppo Cerved Rating Agency S.p.A 17

18 tecnologico, precludendo l apertura e l espansione di tale mercato alle società che operano nel settore. La presenza di società estere è un ulteriore fattore negativo per le realtà italiane, soprattutto per quanto riguarda la produzione di apparecchiature medicali; circa il 60% delle aziende è presente nelle regioni settentrionali, specialmente in Lombardia dove sono presenti produttori e uffici commerciali delle più grandi multinazionali del settore, che causano un alto grado di concentrazione. Elemento fondamentale per poter operare in questo ambito è rappresentato dall innovazione, alla base del successo nel settore; gli investimenti in ricerca e sviluppo rappresentano quindi una voce dal peso non indifferente nei bilanci delle aziende, sempre più orientate a migliorare la propria offerta con proposte innovative e vincenti. L evoluzione del contesto sembra poter offrire prospettive positive, legate alle emergenti opportunità sorte in risposta alla necessità crescente di una riorganizzazione del Sistema Sanitario Nazionale, sempre più orientato all efficienza che solo le innovazioni tecnologiche possono garantire. In tale contesto le aziende operanti nel settore dell Ingegneria clinica quali TBS Group esercitano un ruolo chiave nell efficientamento della gestione del SSN e delle strutture pubbliche in generale, fornendo un complesso di servizi declinati nell ottica della spending review. Cerved Rating Agency S.p.A 18

19 Fattori di Rating Posizionamento competitivo TBS Group è una realtà che all interno del mercato italiano risulta aver acquisito una posizione di rilievo nei molteplici settori in cui opera, nonostante la presenza di altri operatori. In ottica internazionale vi sono player quali Albano Health, Allscripts Health, Bastide, Boston Scientific, Cerner, McKesson, Mindray Medical Int, Nexus, Noemalife, Smith&Nephew e Synergy Health che per dimensioni e consolidamento nel contesto di mercato esercitano un ruolo importante nello scenario competitivo di questo settore. L Italia è tuttavia entrata in questo mercato in tempi successivi rispetto ad altri paesi (primo fra i quali gli Stati Uniti) per le dinamiche che sottendono alla gestione del sistema pubblico. In tale contesto TBS Group ha mostrato una notevole capacità di evoluzione nel corso degli anni, attraverso una diversificazione dei servizi offerti, e con un attenzione costante agli sbocchi offerti dal mercato estero non solo in paesi emergenti. Il mercato britannico ne è una prova concreta. Per quanto riguarda la vendita e assistenza di apparecchiature biomedicali il competitor di riferimento è rappresentato dalla società Ingegneria Biomedica Santa Lucia, che detiene quote di mercato non trascurabili; tale realtà nasce nel 1998, ha sede a Gragnano Trebbiense (PC) e appartiene al Gruppo Giglio, a cui fanno capo diverse società operanti nel settore dell ingegneria biomedica e dell assistenza di apparecchiature biomediche. Ingegneria Biomedica Santa Lucia ha come attività core la vendita, manutenzione e assistenza di apparecchiature biomedicali, tanto che al 30/06/2014 con lo svolgimento di tale attività ha garantito un apporto di circa il 67.9% al fatturato totale. Le ulteriori linee di business nelle quali è protagonista sono rappresentate dalla vendita di apparecchiature e servizi di logistica del farmaco e Global Services, che hanno contribuito al fatturato totale rispettivamente per il 24% e il 5.1%. TBS Group, è presente in questa linea di business specialmente attraverso l operato della controllata Elettronica Bio Medicale (EBM), specializzata proprio nel mercato dell ingegneria clinica dei relativi servizi in ambito sanitario, operando soprattutto le strutture sanitarie pubbliche. Ulteriore competitor di riferimento a livello nazionale è la società Hospital Consulting (HC), presente sul mercato dal 1980, che ad oggi impiega 296 dipendenti, la maggior parte dei quali nella sede legale e operativa di Bagno a Ripoli (FI); la società nel giugno 2012 è stata acquisita dalla tedesca Hermed Technische BeratungsGmbH, facente capo al Gruppo Vamed, leader di livello mondiale nel mercato sanitario. HC svolge principalmente attività di consulenza, gestione, progettazione e organizzazione Sanitaria e ambientale, fornendo servizi di assistenza. Player di rilievo nel comparto dell erogazione di servizi integrati per l ingegneria clinica è la società Tecnologie Sanitarie. È presente sul mercato dal 2002, con sede a Roma ed attualmente impegna 222 dipendenti. Prevalentemente si occupa della gestione del patrimonio tecnologico della clientela, definendo le strategie e pianificando gli investimenti, al fine di ottimizzare i processi in tutte le attività inerenti l ingegneria chimica. Attualmente ha in gestione circa apparecchiature di vario livello tecnologico, da quelle per assicurare l assistenza sanitaria di base, fino alle più innovative e sofisticate tecnologie. Nel settore dell informatica per il comparto sanitario è inoltre ben affermata la società NoemaLife Spa, presente sul mercato nazionale ed internazionale dal 1996 con sede a Bologna; è specializzata nella realizzazione di software innovativi destinati all ottimizzazione dell organizzazione delle strutture sanitarie sia private che pubbliche, per il miglioramento della gestione integrata del processo clinico e diagnostico. Cerved Rating Agency S.p.A 19

20 Il gruppo costituito dalla società permette di operare attraverso una buona presenza su gran parte del territorio nazionale, attraverso l attività di diverse controllate, specializzate nella realizzazione e nello sviluppo dei software principali, quali, Praezision Life, Solinfo e Connexxa Life. TBS Group com è noto, opera a livello internazionale: focalizzando l attenzione sul mercato italiano agisce tramite diverse società controllate, che garantiscono una presenza articolata su buona parte del territorio. Attraverso una politica che ha previsto l attuazione di diverse operazioni di acquisizione nel corso degli anni, TBS Group ha strutturato la propria attività attraverso due Business Unit. La prima è quella che prevede la gestione delle attività in ambito di dispositivi medici e sistemi ICT; in Italia la società EBM svolge la funzione di società guida per il coordinamento e la definizione delle strategie della BU MD & ICT e di tutte le controllate che operano in tale ambito. Ha dunque il compito di dettare le linee guida al fine di migliorare l offerta di servizi di ingegneria clinica integrati ed innovativi per le strutture sanitarie a cui si rivolge il gruppo, sfruttando ed ottimizzando le sinergie che scaturiscono dalla collaborazione con le altre controllate che operano in questo ramo di mercato, quali TeSAN Spa, Crimo Italia (che offre servizi dedicati alla soluzione di diverse esigenze delle strutture ospedaliere al pari della HC), SLT e TBS IT. E oggetto di interesse da parte del gruppo l inserimento nel settore dalla Diagnostica per Immagini: un primo step è stato effettuato nel 2013 con Rem Di e nel 2014 l acquisizione di Ing. Burgatti rappresenta un ulteriore rafforzamento finalizzato all attuazione delle strategie di gruppo. La seconda BU raggruppa invece le attività che prevedono l offerta di soluzioni integrate di e-health & e- Government. Tutta l attività svolta in questo senso dalla BU è coordinata dalla società Insiel Mercato e prevede l erogazione e lo sviluppo di servizi e prodotti di informatica medica per la fornitura, l installazione, il collaudo e la gestione integrata di tutti i sistemi e le soluzioni di informatica medica e la loro integrazione con quelli amministrativi, prodotti e sistemi e soluzioni IT per la PA e infine attività di System Integration. Per quanto riguarda l analisi che seguirà si precisa che il confronto tra TBS Group e i principali competitors è stato realizzato tra le società guida EBM ed Insiel Mercato con le già citate Biomedica Santa Lucia, Hospital Consulting, Tecnologie Sanitarie e NoemaLife. Posizione di Mercato Confronto della crescita degli indicatori nel 2013 tra le principali società Del gruppo TBS e i principali concorrenti italiani (dati in migliaia di Euro) COMPETITORS SALES VAR % EBITDA VAR % EBIT VAR % HC - HOSPITAL CONSULTING ,90% ,40% ,87% INGEGNERIA BIOMEDICA S.LUCIA ,14% ,01% ,85% TECNOLOGIE SANITARIE ,91% ,56% ,39% NOEMALIFE ,39% ,66% ,27% SOCIETA' DEL GRUPPO TBS SALES VAR % EBITDA VAR % EBIT VAR % EBM - ELETTRONICA BIO MEDICALE ,66% ,27% ,69% INSIEL MERCATO ,36% ,97% ,23% Cerved Rating Agency S.p.A 20

21 Posizione di Mercato Confronto della crescita degli indicatori di redditività nel 2013 tra le principali società Del gruppo TBS e i principali concorrenti italiani COMPETITORS ROI VAR % ROS VAR % HC - HOSPITAL CONSULTING 12-4,00% 10,31 19,33% INGEGNERIA BIOMEDICA S.LUCIA 19,5 62,50% 16,7-10,02% TECNOLOGIE SANITARIE 30-11,50% 19,7 4,84% NOEMALIFE -12,2 (*) -16,04 (*) (*) le variazioni non sono state riportate in quanto non significative SOCIETA' DEL GRUPPO TBS ROI VAR % ROS VAR % EBM - ELETTRONICA BIO MEDICALE 15,9 11,19% 11,17-6,29% INSIEL MERCATO 2,2-55,10% 3,67-26,16% TBS Group è un fornitore della Pubblica Amministrazione e tale aspetto influenza sensibilmente i tempi di incasso dei crediti, di norma molto lunghi, e subordinati agli interventi normativi (quali ad esempio lo split payment in vigore dall che influenzerà il credito iva vantato da aziende fornitrici delle PA). Uno strumento generalmente adottato per fronteggiare le esigenze di liquidità dovute a tali dinamiche è rappresentata dall utilizzo del Factoring, strumento che tuttavia impatta negativamente sul costo del debito. In merito a tale dinamica è da precisare che nel 2013 ha preso il via il Piano del pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione ai soggetti creditori in base al decreto legge n. 35 e n. 102 del 2013 e alla legge di stabilità del Lo Stato ha dunque stanziato complessivamente 57 mld di Euro da destinare al pagamento dei debiti arretrati al 31 dicembre Le stime indicano quote già rimborsate per un totale di 36.5 mld di Euro al 30 gennaio 2015, migliorando la situazione finanziaria di molte società, del settore. La media di incassi a seguito del Piano del pagamento dei debiti della PA sopra descritto, ha permesso che da una media di settore pari a circa 285 giorni del 2013, si sia passati a circa 215 nel 2014, con un miglioramento in media di 70 giorni. Cerved Rating Agency S.p.A 21

22 Raffronto DSO e DPO fra aziende del gruppo TBS ed alcuni competitor Dati espressi in giorni e riferiti al 2013 COMPETITORS DSO DPO HC - HOSPITAL CONSULTING 272,20 227,40 INGEGNERIA BIOMEDICA S.LUCIA 355,60 262,50 TECNOLOGIE SANITARIE 296,20 332,50 NOEMALIFE 383,80 308,40 SOCIETA' DEL GRUPPO TBS DSO DPO EBM - ELETTRONICA BIO MEDICALE 253,40 281,80 INSIEL MERCATO 326,10 234,90 Rapporto EBITDA/ON. FIN. COMPETITORS ON. FIN. VAR % EBITDA/ON.FIN. HC - HOSPITAL CONSULTING ,31% 12,82 INGEGNERIA BIOMEDICA S.LUCIA ,63% 38,23 NOEMALIFE ,80% 1,57 SOCIETA' DEL GRUPPO TBS ON. FIN. VAR % EBITDA/ON.FIN EBM - ELETTRONICA BIO MEDICALE ,41% 3,03 INSIEL MERCATO 611 2,35% 1,42 Osservando le tabelle sopra esposte si rendono necessarie alcune precisazioni, che meglio spiegano l importanza di tali indicatori in relazione alle operazioni di factoring che impattano sensibilmente sugli oneri finanziari delle società; Per quanto riguarda la società Hospital Consulting, si è registrata una evidente diminuzione degli oneri finanziari, pari al 64,31% dall esercizio precedente, unitamente a quella che sembrerebbe una sensibile diminuzione del ricorso al factoring; tale dinamica è però dovuta principalmente alla gestione infragruppo del finanziamento delle attività, dopo la chiusura dei debiti a breve termine con le banche ed i factoring a seguito dell intervento diretto da parte di VAMED Management und Service GmbH & Co. KG. all inizio dell esercizio. Si segnala inoltre che il ricorso al factoring è esclusivamente pro solvendo e che nel 2012, Cerved Rating Agency S.p.A 22

23 prima del finanziamento da parte della controllante, gli interessi ed oneri su factoring ammontavano a Euro. La società Ingegneria Biomedica Santa Lucia presenta invece una diminuzione del 46,63% degli oneri finanziari. Il factoring produce interessi pari a Euro e si sono rilevate commissioni per Euro. La società NoemaLife è solita ricorrere al factoring per importi molto elevati, tanto che nel 2013 ha dato luogo ad operazioni di cessione di credito pro soluto per un valore nominale di circa 22,77 mln di Euro, in crescita rispetto ai 18,98 mln di Euro dell anno precedente. A fronte di tali operazioni gli oneri derivanti dagli interessi passivi verso società di factoring ammontano a Euro, ovvero il 37,32% degli oneri finanziari totali. In merito alla società Tecnologie Sanitarie non è sembrato opportuno calcolare gli indici in quanto si è rilevata una presenza di limitati oneri finanziari (1000 Euro). È prassi della società EBM e del gruppo effettuare un constante e sensibile ricorso operazioni di factoring, tanto che i crediti a breve termine a fine esercizio 2013 sono diminuiti di Euro. Ciò è infatti imputabile al maggior ricorso alle operazioni di factoring di natura pro soluto effettuate dalla società durante l esercizio. A fronte di tale aumento si sono conseguentemente incrementati gli oneri finanziari (+41,41%) con una quota considerevole da imputare agli interessi dovuti al ricorso al factoring. Anche Insiel Mercato ricorrere costantemente al factoring. La quota di oneri finanziari riconducibile alle operazioni di factoring è percentualmente significativa rispetto al totale, tanto che ne rappresenta quasi la metà. Si segnala che nel corso dell esercizio sono sati infatti ceduti pro soluto crediti per 10,8 mln di Euro. Come in precedenza, anche nel 2014, alcune società del Gruppo hanno fatto ricorso ad operazioni di factoring pro soluto, cedendo crediti per complessivi euro 96,5 milioni (89,8 milioni nel 2013). Cerved Rating Agency S.p.A 23

24 Fattori di Rating Qualità del portafoglio clienti Il portafoglio clienti Italia relativo ad aziende appartenenti al settore privato, sulla base dei dati forniti da TBS Group, è composto da un esiguo numero di nominativi in quanto la maggioranza è costituita da imprese appartenenti al settore pubblico o aventi altra natura giuridica per le quali non sono reperibili dati analizzabili ai fini della valutazione effettuata in tal senso. Complessivamente tuttavia il portafoglio clienti di TBS in termini qualitativi/rischiosità appare sostanzialmente esente da problematiche di rilievo come riscontrabile dal costante ricorso al factoring pro-soluto effettuato dal gruppo stesso. Fattori di Rating Grado di concentrazione della clientela Il Gruppo TBS presenta un portafoglio clienti con una bassa concentrazione la quale appare più significativa se si considera, per i clienti nazionali, la presenza di strutture pubbliche o enti/fondazioni appartenenti al settore sanitario non assimilabili ad aziende del comparto privato. Fra i due esercizi a confronto si evidenzia che i clienti con volumi superiori al milione di Euro rappresentano rispettivamente il 15,1% (2014) e il 16,4% del totale (2013) con una prevalenza di fatturato relativa alla controllata EBM. Sulla base dei dati forniti da TBS Group emerge un portafoglio clienti caratterizzato da un buon livello qualitativo in termini di importanza dei nominativi presenti e di potenzialità di incasso dei crediti, unitamente ad un grado di fidelizzazione che in parte dipende dalla presenza di commesse aventi la durata di più esercizi. Cerved Rating Agency S.p.A 24

25 Fattori di Rating Situazione patrimoniale e finanziaria Il patrimonio netto del gruppo rappresenta nel 2014 il 19.4% delle fonti complessive, l attivo immobilizzato trova completa copertura attraverso il margine di struttura di secondo livello. Il rapporto Debt/Equity utilizzato dal gruppo per mantenere o adeguare la struttura del capitale è pari nel 2014 a 1.28 (vs 1.25 del 2013). Si evidenzia pertanto un sufficiente, ancorché migliorabile equilibrio strutturale. Il capitale immobilizzato, pari a Euro 84.3 milioni registra un aumento del 2% rispetto al Più in dettaglio si rileva una diminuzione, delle Attività Immateriali (da Euro 55.7 milioni del 2013 a Euro 54.4 milioni del 2014 pari al -2,3%), un aumento delle Attività materiali (da Euro 17.1 del 2013 a 19.8 del 2014, pari al 16.1%) oltre ad un incremento del 2% delle attività non correnti. Le immobilizzazioni rappresentano complessivamente il 33.5% dell Attivo e le attività immateriali rappresentano la quota più rilevante, del totale immobilizzato. Investimenti - Nel corso dell esercizio 2014 sono stati effettuati investimenti in immobilizzazioni immateriali per euro relativamente a: TBS IT (euro 751 migliaia) nella categoria Sviluppo per ottenere nuovi processi produttivi, strutture organizzative più efficienti,ecc. Si rilevano inoltre investimenti relativamente all ambito Brevetti, licenze e marchi prodotti da collocare nel mercato dedicati a Tesan, Ebm e dalla Capogruppo (Euro 735 migliaia). Euro 491 migliaia sono relative a Rem Di ed si segnalano infine fra le immobilizzazioni in corso investimenti in ambito software (per nuovi moduli applicativi) relativi ad Insiel, Pcs e alla Capogruppo per complessivi Euro migliaia. Fra le immobilizzazioni materiali si rilevano investimenti per Euro 2.6 milioni in nuovi effettuati da EBM (impianti e macchinari) e da TBS GB legati all incremento delle attività nel settore endoscopia (euro 1.7milioni). Le passività non correnti rappresentano il 20,9% delle fonti; le passività finanziarie non correnti pari al 13,2% del totale passivo sono aumentate rispetto al 2013 del 67.2% (passate da Euro 19.9 milioni del 2013 a Euro 33.3 milioni nel 2014). La variazione comprende l emissione di un minibond da Euro 15 milioni (tasso 6.50% ) oltre alla presenza del POC di Euro 10 milioni riservato al Fondo Italiano d Investimento (tasso fisso 8% emesso il 9 Febbraio 2012 con scadenza ), oltre a finanziamenti a medio lungo termine per rimanenti Euro 5.5 milioni. In capo a TBS Group si rilevano passività finanziarie non correnti per Euro 28.2 milioni, corrispondente pertanto alla quota principale del debito complessivo a medio lungo (fra i quali figurano il Minibond ed il prestito obbligazionario). Il passivo corrente rappresenta il 58.6% delle fonti ed è diminuito rispetto al 2013 del 6,7%, per effetto di minori debiti commerciali (da Euro 48.1 milioni del 2013 a 38.8 milioni del 2014) e minori esposizioni a breve verso banche (da Euro 54 milioni del 2013 a Euro 47.5 nel 2014). La riduzione dei debiti commerciali ha interessato anche la capogruppo che nel 2013 aveva registrato un incremento per effetto degli acquisti di apparecchiature elettromedicali rivendute dalla società nell ambito della propria attività di trading. A livello consolidato le passività correnti vedono quindi una riduzione per complessivi Euro 7,2 milioni di euro a seguito della diminuzione dei debiti commerciali connessi alle gare internazionali per 2,9 milioni di euro, delle passività finanziarie correnti per 5,6 milioni e dell aumento delle altre passività correnti per 0,5 milioni di euro e dei debiti per imposte sul reddito per 0,8 milioni di euro Cerved Rating Agency S.p.A 25

26 L attivo corrente aumenta di Euro 5,5 milioni a seguito di un aumento delle disponibilità liquide per 10 milioni, dovuto all emissione del minibond, che viene parzialmente compensato dal decremento del magazzino per Euro 1 milione, dal minori crediti commerciali (Euro 2,3 milioni) e di altre attività correnti (1,2 milioni). Anche in questo caso gli effetti sulla riduzione del magazzino sono riferite all attività di trading svolta da TBS Group in seguito alle gare che si era aggiudicata nel 2013 in Cina e Gabon e che avevano comportato l acquisito di apparecchiature a fine esercizio e in attesa di essere consegnate. In merito alla variazione dei crediti commerciali pari a Euro migliaia vs migliaia del 2013 (- 5,2%) si segnala che anche nel 2014, il ricorso da parte di alcune società del Gruppo ad operazioni di factoring pro soluto con la conseguente rimozione dei crediti ceduti per complessivi Euro 96,5 milioni (vs 89,8 milioni nel 2013) con un aumento in valore assoluto pari a circa 6.7 milioni di euro. Tali operazioni hanno permesso di contenere in valore assoluto l aumento del CCO (dato dalla della differenza fra crediti commerciali, rimanenze e debiti commerciali) nel 2014 pari a Euro migliaia (vs Euro migliaia del 2013). Il rapporto fra Cco/Ricavi è uno dei parametri di riferimento impiegati dal Gruppo e in questo caso evidenzia un miglioramento in quanto risulta pari al 31.5% vs il 35,8% del L IFN a fine 2014 è pari a 62,5 milioni di euro (in aumento per complessivi Euro 2,6 milioni rispetto al E tuttavia sensibilmente variata la composizione dello stesso che vede un aumento dell IFN a medio lungo pari a Euro (vs Euro del 2013) con un incremento del 68.2% a fronte di una riduzione dell IFN a breve termine, pari a Euro nel 2014 (vs Euro del 2013) con una diminuzione del 21.7%. Per effetto dell aumento dell indebitamento finanziario complessivo il rapporto tra IFN e Patrimonio Netto di gruppo sale da 1,25 a 1,28. In virtù dei vari finanziamenti in essere, compreso il Minibond emesso nel 2014 viene richiesto il rispetto di alcuni parametri finanziari fra i quali il suddetto rapporto che deve essere pari o inferiore a 2,0. Cerved Rating Agency S.p.A 26

27 Viene inoltre verificato il rapporto IFN/EBITDA che deve essere pari o inferiore a 4 e il rapporto fra Ebitda/Oneri finanziari pari o superiore a 2,5. I suddetti parametri con esclusione del rapporto IFN/PN (comunque rientrante nel range richiesto, ma che descrive l auspicabile miglioramento del livello di mezzi propri, già citato in precedenza) risultano in miglioramento nei due esercizi. Cerved Rating Agency S.p.A 27

28 Fattori di Rating Relazioni creditizie a breve termine La gestione finanziaria del Gruppo fa capo alla controllante TBS Group; i principali affidamenti bancari (sia in via diretta, sia sotto forma di garanzia) sono accentrati presso la Capogruppo. In merito ai rapporti di natura bancaria TBS Group opera stabilmente con numerosi istituti fra cui i principali gruppi nazionali; nelle relazioni con gli stessi non si sono registrate anomalie nella gestione delle linee di credito. La composizione delle linee di credito concesse vede, nella situazione al 28/2/ , un utilizzo medio complessivo nella norma rispetto all accordato operativo. Riguardo ai soli clienti della Capogruppo si evidenzia un valore in diminuzione nel 2014 rispetto a 2013 (K vs K 4.095) dovuto alla conclusione delle attività di trading da parte della società, conseguenti alle aggiudicazioni di gare internazionali per la fornitura di apparecchiature elettromedicali in Gabon e Cina. Il totale crediti della Capogruppo è pari a K (vs K del 2013) e comprende K migliaia relativi a rapporti con parti correlate. A livello di gruppo la composizione della clientela e dei fornitori vede, da un lato la rilevante presenza di aziende del settore pubblico e di aziende operanti nel settore delle apparecchiature medicali dall altro. La problematica relativa ai tempi di incasso dalle PA influenza costantemente le capacità di autonomia finanziaria del gruppo, ferma restando la qualità dei crediti sospesi. Anche nel 2014 alcune società del Gruppo si sono avvalse di operazioni di factoring pro-soluto che hanno comportato la rimozione di crediti commerciali per 96.5 mln (vs 89,8 min del 2013 e 78.7 del 2012). In particolare è la controllata EBM ad effettuare il ricorso più rilevante al Factoring che nel 2013 è stato pari a K 81.2 (l 84% del totale). Di seguito l analisi dei crediti a livello consolidato da Relazione Finanziaria al (in migliaia di euro) totale non scaduti < 30 gg < 30/60gg <60/90gg <90/180 gg oltre 180gg Crediti v/clienti Incidenza sul totale 100,00% 75,39% 1,26% 3,81% 1,75% 4,88% 12,91% Crediti v/clienti Incidenza sul totale 100,00% 67,56% 3,29% 4,51% 2,64% 6,34% 15,66% Le Pubbliche Amministrazioni di norma hanno tempi di pagamento molto lunghi, con distinzioni fra una regione e l altra, dove si assiste a tempistiche fra loro molto diverse. Si verifica pertanto una sfasatura temporale fra DSO e DPO. I pagamenti verso fornitori in particolare il segmento OEM richiedono tempistiche ridotte per l applicazione della normativa europea (30-60 gg) con Bonifico Bancario a fronte di una media di incasso di nove mesi (esistono tuttavia regioni, quali il Friuli V.G., che si disimpegnano regolarmente e in tempi decisamente più celeri). Cerved Rating Agency S.p.A 28

29 I debiti verso fornitori del gruppo sono pari, al , a 38.8 milioni (vs 48 milioni del 2013) in diminuzione del 19.2% rispetto all anno precedente. L evasione dei pagamenti riflette, pur nella sua regolarità rispetto agli impegni assunti, le tempistiche ed i cicli operativi lunghi che caratterizzano la società ed il gruppo. Non emergono in ogni caso anomalie La gestione dei rapporti con i terzi, tenuto conto degli aspetti sopra evidenziati, appare complessivamente lineare. Cerved Rating Agency S.p.A 29

30 Fattori di Rating Qualità del management Il giudizio sul management permane positivo in considerazione della capacità mostrata nel conseguimento degli obiettivi sulla base delle strategie delineate in precedenza; il perseguimento di obiettivi di efficienza, ha trovato il primo segnale concreto nella definizione del nuovo modello di Governance. In data il Consiglio di Amministrazione di TBS Group, ha confermato l ingegner Diego Bravar nel ruolo di Presidente della società, e il dottor Paolo Salotto nel ruolo di Amministratore Delegato, attribuendo loro i relativi poteri. Sono stati inoltre nominati i membri del Comitato di controllo interno e rischi rispettivamente l Ing. Carlo Solcia, (quale Presidente), e degli ing. Laura Amadesi e Dario Scrosoppi; il Comitato per le nomine, per le retribuzioni e per la governance vede la presenze dei medesimi referenti:l ingegner Carlo Solcia, sempre in qualità di Presidente, e degli ing. Laura Amadesi e Dario Scrosoppi. Cerved Rating Agency S.p.A 30

31 Informazioni Informazioni Profilo societario Anagrafica Denominazione Sigla Indirizzo ITAL TBS TELEMATIC & BIOMEDICAL SERVICES TBS GROUP VIA PADRICIANO 99, TRIESTE (TS) Telefono Indirizzo Internet certificata Forma giuridica Stato Attività SOCIETA' PER AZIONI Operativa Data costituzione 17/02/1987 Data inizio attività 17/02/1987 Capitale sociale Deliberato, Sottoscritto e Versato: ,60 Numero Rea / registrata il TS95352, iscritta il 07/08/1987 Codice fiscale Partita IVA Codice Istat Codice Nace Codice Rae 830 Codice Sae 430 Impresa appartenente al gruppo TBS Numero uffici sedi secondarie 4 Cerved Rating Agency S.p.A 31

32 Proprietà La società dal è stata ammessa alle quotazioni della Borsa Valori di Milano (Mercato di Quotazione: AIM Italia). Nell ambito dell operazione, Eidos Partners ha agito in qualità di advisor finanziario della Società, mentre MPS Capital Services e Intermonte hanno svolto il ruolo di Joint Global Coordinator. Il capitale sociale di TBS Group ammonta a Euro ,60 suddiviso in n azioni del valore nominale di Euro 0,10 ciascuna. L ammontare complessivo delle azioni proprie detenuto dalla società è pari a All inizio del 2012 è avvenuto l ingresso nella compagine sociale del Fondo Italiano di Investimento, attraverso un aumento di capitale riservato pari a 10 milioni di euro (con una partecipazione post aumento del 13,17%) e la sottoscrizione di un prestito obbligazionario convertibile di 10 milioni di euro (che in caso di completa conversione avrebbe incrementato la partecipazione del Fondo al 21,28%). Il POC non sarà convertito mantenendo quindi invariata la quota del fondo al 13,17%. La quota flottante è pari al 22.80%, azioni proprie di TBS l 1.81% e fra i soci si rileva anche la società CE & IT (con il 22.18%), finanziaria cui partecipano direttamente e indirettamente alcuni manager di TBS Group e altri soci terzi Il 27/4/2015 socio Monte Paschi Fiduciaria S.p.a. ha conferito azioni al socio Servizi Integrati per la Sanità - S.I.S. S.r.l. che a seguito di questa operazione, del valore complessivo di euro, Clinical Engineering & Information Technology Spa 21,18% Allegro Sarl per conto di General Finantial Holdings FCP- FIS Sub Fund 2 15,86% Azionariato al 27/4/2015 Fondo It.no di Investimento SGR 13,17% TBS Group Spa 1,81% SIS Srl 7,64% Mercato 22,80% Terra Nova Capital Srl 5,17% Emmepi Srl 5,72% Capitol Health Special Fund L.P. 6,65% detiene azioni, pari al 7,64% del capitale sociale. L ing. Fabio Faltoni, Amministratore di TBS Group, detiene il 95,74% del capitale sociale di SIS S.r.l. e quindi, indirettamente, il 7,31% del capitale sociale di TBS Group S.p.a. Monte Paschi Fiduciaria S.p.a. non possiede più alcuna azione di TBS Group. Cerved Rating Agency S.p.A 32

33 Gruppi L'impresa e' la capogruppo del gruppo TBS che comprende attività principalmente operanti nello sviluppo e nella gestione di servizi integrati di ingegneria clinica multivendor in outsourcing, manutenzione apparecchiature endoscopiche, nella gestione di servizi di informatica medica, e per le pubbliche amministrazioni. Opera con numerose consociate in 21 paesi: Austria, Belgio, Cile, Cina, Gabon, Emirati Arabi, Francia, Germania, Honduras, India, Italia, Nigeria, Olanda, Perù, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica di Irlanda, Slovenia, Spagna e Svizzera. Struttura Societaria alla chiusura dell esercizio 2014 Nota: non risulta indicata nell organigramma la neo costituita TBS Boemia Cerved Rating Agency S.p.A 33

34 PERIMETRO DI CONSOLIDAMENTO (da bilancio 31/12/2014) (1) In seguito alla valutazione di un impegno ad acquistare il restante 3,87% delle quote la percentuale di consolidamento è del 100% (2) In seguito alla valutazione di un opzione put e call sul restante 49% delle quote la percentuale di consolidamento è del 100%\ Variazioni intervenute nel dicembre 2014: deconsolidamento della società Sinopharm TBS (Beijing) Clinical Engineering Technology Co Ltd, controllata al 50%, in seguito all applicazione dell IFRS 11. Tale società è ora valutata con il metodo del patrimonio netto. - in data 20 giugno 2014 il Gruppo ha acquistato l ulteriore 3% delle quote di Crimo Italia Srl, già posseduta al 55,75%, al prezzo di euro 254 migliaia; - in data 30 settembre 2014 il Gruppo ha acquistato l ulteriore 5,1% delle quote di Tesan Televita, già posseduta al 70%, al prezzo di euro 130 migliaia; - in data 30 novembre 2014 TBS Group ha esercitato la propria opzione call per l acquisto del residuo 5,03% delle quote di EBM, ora anche formalmente detenuta al 100%. Già nei precedenti esercizi non venivano riconosciute interessenze di terzi in forza della put & call esistente. Cerved Rating Agency S.p.A 34

35 - la società Tesan è stata ceduta da Insiel Mercato ad EBM in data 26 giugno 2014, quest ultima ha provveduto ad una fusione per incorporazione della stessa in data 19 febbraio Sono inoltre state effettuate operazioni di fusione per incorporazione delle società: Tecnobiopromo in TBS Group; Caribel Programmazione in Insiel Mercato. La partecipazione nella controllata Subitec è stata ceduta in data 23 dicembre La controllata era classificata, fino al 31/12/2013, tra le attività possedute per la vendita. Relativamente alla Capogruppo si segnalano ricapitalizzazioni di partecipate riferite a: rinuncia e conversione a patrimonio del credito finanziario di euro migliaia vantato da TBS Group nei confronti della controllata spagnola TBS ES SL. rinuncia e conversione a patrimonio del credito finanziario di euro migliaia vantato da TBS Group nei confronti della controllata tedesca Subitec GmbH; tale importo era stato erogato nel corso del TBS Group ha effettuato la cessione integrale delle quote di Subitec GmbH in data 23 dicembre 2014 al prezzo di euro 1. La dismissione della partecipata non ha generato componenti straordinari. Variazioni avvenute nel primo trimestre 2015 Oltre alla summenzionata incorporazione di Tesan da parte di EBM si segnalano i seguenti eveni: - 7 gennaio: EBM ha stipulato il contratto definitivo per l acquisto del 51% di Ing. Burgatti S.p.A.. Il prezzo di acquisto per il 51% delle azioni - il cui saldo è stato interamente corrisposto - è stato di 2,9 milioni di euro. Nella linea di controllo Delta X controllata da EBM possiede il 51% di Ing. Burgatti gennaio: è stata costituita TBS Bohemia, controllata al 100% da TBS Group S.p.A, che opererà nel settore dell ingegneria clinica nella Repubblica Ceca. Cerved Rating Agency S.p.A 35

36 Composizione attuale de gruppo lo schema, aggiornato al 20 febbraio 2015, riporta solo le società operative, non evidenzia eventuali interposizioni societarie di natura meramente finanziaria e indica le percentuali di partecipazione complessivamente detenute dal Gruppo; non risulta inoltre evidenziata nel prospetto la società TBS Bohemia start-up direttamente in capo alla capogruppo TBS Group, controllata al 100%. Cerved Rating Agency S.p.A 36

TBS GROUP - S.p.A. Report Analitico Rating. Data evasione: 25 Giugno 2014. Cerved Rating Agency S.p.A.u.s.

TBS GROUP - S.p.A. Report Analitico Rating. Data evasione: 25 Giugno 2014. Cerved Rating Agency S.p.A.u.s. TBS GROUP - S.p.A Report Analitico Rating Data evasione: 25 Giugno 2014 Analista: Responsabile approvazione: Mara Cassinari Comitato Rating Presidente Cristina Zuddas Cerved Rating Agency S.p.A.u.s. TBS

Dettagli

Progetto RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014. www.tbsgroup.com

Progetto RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014. www.tbsgroup.com Progetto RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 www.tbsgroup.com al 31 dicembre 2014 Indice Indice 7 11 13 14 15 17 ORGANI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO IL GRUPPO IN SINTESI Dati sintetici

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 www.tbsgroup.com TBS GROUP S.p.A. Sede in Trieste, AREA SCIENCE PARK - Padriciano n. 99-34149 TRIESTE (TS) Capitale Sociale euro 4.218.557,60 i.v. Cod.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

31 dicembre 2015. Cash flow operativo 7.285 (826) Investimenti 4.733 5.462

31 dicembre 2015. Cash flow operativo 7.285 (826) Investimenti 4.733 5.462 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2015 Fatturato in diminuzione dell 11% rispetto al 2014. EBITDA a 5,8 milioni di Euro. EBIT negativo di 630 mila Euro. Posizione finanziaria

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Relazione Finanziaria Annuale al 31 Dicembre 2014 Stefano Beorchia CFO TBS Group

Relazione Finanziaria Annuale al 31 Dicembre 2014 Stefano Beorchia CFO TBS Group Relazione Finanziaria Annuale al 31 Dicembre 2014 Stefano Beorchia CFO TBS Group Trieste, 27 marzo 2015 Assumptions (1) Il bilancio consolidato del Gruppo TBS è stato redatto in conformità agli International

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6%

TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del 2012 ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Milano, 13 novembre TOD S S.p.A. Solida crescita del Gruppo nei primi nove mesi del ricavi: +7,3% (Tod s: +16,9%); il margine Ebitda sale al 26,6% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

DIASORIN S.P.A., IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2009: SIGNIFICATIVA CRESCITA DEI RICAVI E FORTE MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA

DIASORIN S.P.A., IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2009: SIGNIFICATIVA CRESCITA DEI RICAVI E FORTE MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA Comunicato Stampa DIASORIN S.P.A., IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2009: SIGNIFICATIVA CRESCITA DEI RICAVI E FORTE MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA I risultati del 1 trimestre 2009 evidenziano:

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA Invio Codice di Condotta ai fornitori Ricaduta sul territorio: il 62% dei fornitori ha sede nel distretto della Concia di Arzignano 54% Circa il 54% dei fornitori è dotato di

Dettagli

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015

EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 EUROTECH: RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 Amaro (UD), 13 novembre 2015 Ricavi consolidati: da 45,95 milioni a 47,26 milioni Primo margine consolidato: da 22,15 milioni

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln.

In particolare nel 2009 sono stati distribuiti dividendi alla Capogruppo per 51,4 /mln. Risultati ed andamento della gestione L esercizio in esame rileva un risultato economico positivo che conferma l equilibrio economico della Capogruppo nel compimento della propria attività di holding.

Dettagli

Profilo aziendale Trieste, settembre 2014

Profilo aziendale Trieste, settembre 2014 Profilo aziendale Trieste, settembre 2014 Indice Il Gruppo TBS Strategia Evoluzione dell offerta Risultati finanziari & rating Stato patrimoniale / Conto economico 2 Modello di business Vision del Gruppo

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2013

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2013 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2013 In conseguenza della vendita della controllata americana Parvus Corp., perfezionata in data 1 ottobre 2013 e che ha prodotto

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI

MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI MODELLI DI VALUTAZIONE PER LE PMI Al fine di ottenere un rating sempre più rispondente alla concreta realtà aziendale l impresa può adottare correttivi in grado di modificare la PD. Se la netta specificazione

Dettagli

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Buzzi Unicem S.p.A. Sede: Casale Monferrato (AL) Via Luigi Buzzi 6 Capitale sociale 118.265.497,80 Registro delle Imprese di Alessandria n. 00930290044 Indice

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia SOMMARIO 1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo 2. Evoluzione della struttura dell Industria molitoria italiana 3. L approvvigionamento

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

...Un Gruppo Multinazionale partner senza uguali nei servizi alla Sanità

...Un Gruppo Multinazionale partner senza uguali nei servizi alla Sanità ...Un Gruppo Multinazionale partner senza uguali nei servizi alla Sanità LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY VI Edizione Hotel Splendide Royal 25 settembre 2015 Dott. Enea Righi Vice Presidente e CEO ...UN

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A Comunicato Stampa SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI DEL 3 TRIMESTRE 2013: ACCELERAZIONE DELLE VENDITE A CAMBI COSTANTI E CONTINUA ESPANSIONE DELLA BASE INSTALLATA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Assemblea degli Azionisti, 20 giugno 2013

Assemblea degli Azionisti, 20 giugno 2013 Assemblea degli Azionisti, 20 giugno 2013 Il nostro business Eukedos è tra i primari gruppi italiani attivi nel settore del managed care, con particolare riguardo ai servizi e prodotti legati al mondo

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 30 SETTEMBRE

ANDAMENTO DEL GRUPPO POLIGRAFICI PRINTING AL 30 SETTEMBRE Comunicato Stampa In data 11 novembre 2015 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione della relazione trimestrale al 30 settembre 2015: Ricavi

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company ha esaminato i dati del primo trimestre 2013 e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione In un contesto di arretramento del mercato

Dettagli

Dati economici Consolidati 2013 2012

Dati economici Consolidati 2013 2012 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Fatturato in calo del 2,6% rispetto all anno precedente, la contrazione è interamente riconducibile alle dinamiche del comparto fotovoltaico.

Dettagli

Comunicato Stampa. PP ha chiuso la situazione al 31 marzo 2012 con una perdita, contabilizzata secondo i principi contabili

Comunicato Stampa. PP ha chiuso la situazione al 31 marzo 2012 con una perdita, contabilizzata secondo i principi contabili Comunicato Stampa Si è riunito oggi, 24 maggio 2012 a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione della situazione trimestrale al 31 marzo 2012: Ricavi consolidati

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 www.tbsgroup.com Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Relazione degli amministratori sulla gestione FATTI SALIENTI DEL PERIODO Si segnalano

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 31 MARZO 2008 PRIMI 3 MESI DEL 2008 CONFERMANO IL POSITIVO RISULTATO OTTENUTO NEL PRIMO TRIMESTRE 2007, IN UN CONTESTO DI MERCATO

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

L utile per azione base nel primo trimestre equivale a Euro 0,35 (Euro 0,24 nel 2009).

L utile per azione base nel primo trimestre equivale a Euro 0,35 (Euro 0,24 nel 2009). Comunicato Stampa DIASORIN S.P.A., IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2010: CRESCITA DEI RICAVI E CONTENIMENTO DEI COSTI CONTRIBUISCONO AD UN ULTERIORE MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA I risultati

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012

B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 Valore della Produzione pari a Euro 39,69 milioni (Euro 44,52 milioni nel 1H 2011) EBITDA pari a Euro 4,34 milioni (Euro

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Annuario R&S 2014 Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui maggiori Gruppi italiani della Grande distribuzione organizzata nel quinquennio 2009 2013

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli