CORSO IN GESTIONE D IMPRESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO IN GESTIONE D IMPRESA"

Transcript

1 CORSO IN GESTIONE D IMPRESA 1

2 DIRITTO PRIVATO PER L IMPRESA - Mercato ed impresa. - Norma giuridica e fonti (di cognizione e di produzione) del diritto oggettivo. - Imprenditore: nozione generale. L imprenditore commerciale ed agricolo. Il piccolo imprenditore. - Soggetti d impresa e soggetti di diritto. Pubblicità. - Posizioni giuridiche soggettive: diritti soggettivi ed altre situazioni giuridiche. - Rapporto giuridico: struttura ed evoluzione. L oggetto del rapporto: i beni, con particolare riguardo ai beni immateriali (ditta, marchio, insegna, invenzioni, opere dell ingegno, avviamento) e all azienda. - Statuto dell imprenditore commerciale. - Concorrenza. Istituti giuridici e concentrazioni aziendali: consorzi, cartelli, joint venture, gruppi, fusioni. - Rapporto obbligatorio: struttura ed evoluzione. Tutela dei diritti: prove, responsabilità patrimoniale del debitore ed esecuzione forzata. - Titoli di credito. Documenti di legittimazione e titoli impropri. - Il contratto. - Il contratto di società. - Tipi di società: fonti e classificazioni. - Costituzione e obbligazione di conferimento. Patrimonio e capitale sociale. - Svolgimento del rapporto sociale: amministrazione e rappresentanza, modificazioni del contratto sociale, scioglimento (totale o parziale) del rapporto. LEGISLAZIONE TRIBUTARIA - Diritto tributario ed altri rami del diritto. Artt.23 e 53 della Costituzione. Incostituzionalità delle leggi. - Leggi nel tempo e nello spazio. Interpretazione delle leggi tributarie. Imposte, tasse e contributi. Imposte dirette e indirette, reali e personali. - Rapporto giuridico tributario: soggetti attivi e passivi. Base imponibile, aliquote, accertamento (specie, tipi, motivazioni), riscossione. - Accertamento: mezzi d indagine (questionari; convocazioni; richieste di documenti; accessi, verifiche). - Processi verbali, contestazione, avvisi di accertamento. - Ravvedimento operoso. Sanzioni civili, amministrative, penali, contenzioso tributario. - IRPEF; IVA; ECONOMIA DELL IMPRESA E DELLE FORME DI MERCATO - Natura dell impresa. - Impresa e mercato. - Obiettivi delle imprese. - L impresa nel breve e nel lungo periodo. - Equilibrio dell impresa. - Rappresentazione analitica del processo di produzione. - Costi di produzione. - Domanda individuale; domanda di mercato. - Monopolio; oligopolio. - Teoria economica dell organizzazione ed economia industriale. - Settore industriale e distretto industriale. - La produzione industriale in Italia. - Modello economico toscano: il sistema di piccole e medie imprese. - Analisi macroeconomica. - Domanda aggregata e livello dell attività economica. - Inflazione, mercato del lavoro e scambi internazionali. - Politica economica e debito pubblico. 2

3 AMMINISTRAZIONE DELLE IMPRESE Gli elementi dell impresa: a) L impresa come sistema. b) Relazioni impresa-ambiente. c) Aree funzionali. L attività dell impresa come sistema di valori : a) Il capitale: analisi qualitativa e quantitativo-monetaria. b) La gestione: i momenti e le operazioni. c) Aspetto economico e finanziario della gestione. d) Cicli di gestione. e) Reddito d impresa e reddito d esercizio. f) Costi e ricavi d esercizio, costi e ricavi sospesi. g) Relazioni fra capitale e reddito. h) Reddito operativo, ordinario, straordinario. i) Equilibri di gestione: equilibrio economico e finanziario. Contabilità: a) Rilevazione quantitativa dei fatti di gestione. b) Gli strumenti della rilevazione: il conto. c) La partita doppia ed il sistema del reddito. d) Conti finanziari ed economici. e) Scritture di costituzione e scritture continuative. f) Assestamento dei conti: inventario e situazione contabile. g) Scritture di rettifica e scritture di integrazione. h) Scritture di chiusura. i) Bilancio di esercizio. j) La riapertura dei conti e lo storno delle rimanenze. k) L utilizzo dei fondi. STATISTICA - La statistica come metodo quantitativo per lo studio dei fenomeni collettivi aziendali e non. Le fasi della investigazione statistica. - Fonti dei dati statistici interne ed esterne all azienda. Il censimento industriale e l indagine sul valore aggiunto. - Rilevazione dei dati. Rilevazioni complete e rilevazioni campionarie. - Scelta dei caratteri e scale di misura. - Mezzi per la raccolta delle informazioni: schede e questionari. Lo spoglio dei dati. - Simulazione di rilevazioni delle informazioni necessarie per la gestione del personale. - Distribuzioni statistiche semplici e doppie. - Rappresentazioni grafiche. - Rapporti statistici: di composizione, di coesistenza, di derivazione, di durata e di rinnovo. - Indici di posizione: i valori medi. - Indici di variabilità assoluti e relativi. - Simulazione di calcolo di indici di assenteismo e di analisi dei risultati della produzione. - Interpolazione. - Simulazioni riferite all andamento delle vendite e alla loro previsione. - Connessione, correlazione e regressione. - Simulazioni di analisi dei costi aziendali. - Analisi della produttività: le varie misure. - Analisi dei bilanci: indici. - La misura dell influenza imputabile ai vari fattori: scomposizione dei rapporti statistici; scomposizione della devianza. - Misura sintetica dell evoluzione dei fenomeni: numeri indici sintetici. Numeri indici dei prezzi e delle quantità. - Simulazioni riferite alla misura dell inflazione e alla scomposizione dell evoluzione del monte salari, nella parte imputabile alla variazione dei salari mensili e a quella imputabile alla variazione delle ore lavorate. - Metodi statistici per il controllo della qualità. - Metodi statistici per la gestione del magazzino. 3

4 INFORMATICA Sistema di elaborazione dati - Hardware: configurazione e funzionamento di un elaboratore elettronico; unità funzionali (CPU, memorie e periferiche). - Software applicativo. Reti: - Vantaggi di una rete locale rispetto a mini e mainframe. - Architettura client/server - Resource sharing. - Struttura di una LAN (server, workstation). - Prodotti software. - Informazioni sulle reti tipologia, sviluppi. a) Reti a larga area (wan, man): b) Collegamenti remoti di un PC a una LAN. c) Linee telefoniche (dedicate, asincrone, X25, ISDN). d) Caratteristiche di una wan. e) Differenze tra wan e reti locali. Windows NT utente finale - Utilizzazione ambiente operativo Microsoft Windows NT per esecuzione locale ed in rete: applicazioni. - Personalizzazione interfaccia utente mediante definizione di collegamenti. Office Automation - Creazione, modifica e registrazione di un documento semplice. - Gestione della formattazione di un testo. - Acquisizione dati ed oggetti da altri applicativi in ambiente Windows. - Creazione e invio di lettere circolari, buste ed etichette. Excel - Creazione prospetti personalizzati. - Utilizzazione formule e funzioni di calcolo. - Associazione grafici e tabelle di Excel. - Creazione e gestione database. Access - Database, tabella e scheda - Query - Oggetti e report Power Point Presentazioni Progetti MANAGEMENT E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE - Analisi dell organizzazione d impresa. - Linee di governo elaborate dal management e loro attuazione. - Articolazioni funzionali. - Compiti e ruoli. - L azienda come sistema di decisioni: a) flussi impresa-ambiente; scelta delle funzioni tecnico-economiche; b) sviluppo e organizzazione. - Strategie: a) strategie d impresa e politiche di gestione; b) sviluppo monosettoriale e diversificazione; c) decentramento; d) espansione internazionale; e) rapporti tra strategia e struttura. - Programmazione: a) dalla pianificazione dei vincoli alla pianificazione delle aree di affari, alla pianificazione del portafoglio; b) punti di forza e di debolezza dell impresa; c) formulazione di alternative strategiche e scelta tra di esse; d) piano strategico secondo l ottica obiettivo e secondo l ottica processo. 4

5 - Organi di governo dell impresa. Modelli organizzativo-direzionali - Il disegno della struttura organizzativa: a) relazioni di line e di staff; b) organigrammi. - Le varie forme di decentramento organizzativo: a) organizzazioni multifunzionali; b) organizzazioni divisionali; c) modelli per progetti; d) modelli matriciali. ORGANIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE - La produzione in una impresa industriale. - Sistemi di gestione. - Lay-out degli impianti. - Procedure e tecniche di programmazione push and pull. - Pianificazione degli approvvigionamenti. - Logistica industriale. GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE RELAZIONI INDUSTRIALI - Il sistema delle Relazioni in Italia ed Europa. - Le organizzazioni sindacali degli imprenditori e dei lavoratori. - Il sistema negoziale. - Aspetti di attualità delle relazioni industriali. - Sindacal-game. DIRITTO DEL LAVORO - Il rapporto di lavoro: autonomia, subordinazione, parasubordinazione. - Il contratto collettivo e la legge. - La norma inderogabile. - Il principio di tutela e di favore. - I licenziamenti collettivi e individuali. - Il trasferimento d azienda. - L ordinamento sindacale italiano e i diritti sindacali. - Lo sciopero e la serrata. Psicologia ed organizzazione del lavoro - Comportamenti organizzativi, motivazione, produttività e appartenenza. - Politiche del personale, principi e strumenti di gestione, responsabilità dei capi. - Processo decisionale e ruolo direttivo. - Relazioni interne, comunicazione e clima organizzativo. - Lavorare insieme : collaborazione, integrazione e gruppi di lavoro. - Leadership, autorità e gerarchia. - Assegnare obiettivi/responsabilità, organizzare il lavoro, utilizzare le deleghe. - Valutare le prestazioni ed il potenziale. - Formare, sviluppare e valorizzare le risorse umane. Amministrazione del personale - Struttura della retribuzione. - Assicurazioni previdenziali ed assistenziali. - Contribuzione obbligatoria. - Prevenzione infortuni. - Assicurazione infortuni sul lavoro. - Igiene sul lavoro. - Malattia. - Maternità. 5

6 MARKETING, DISTRIBUZIONE E TECNICHE DI VENDITA - L evoluzione degli orientamenti al marketing. - Organizzazione di marketing. - Analisi del consumatore e comportamenti di acquisto. - Il prodotto come paniere di attributi. - Analisi di settore. - Marketing strategico. - Pianificazione strategica. - Posizionamento concorrenziale e segmentazione della domanda. - Sistema informativo. - Commercializzazione del prodotto/servizio. - Matrici di portafoglio. - Ricerche qualitative. - Dal marketing-mix al marketing relazionale. - Il prodotto: processi di sviluppo e di lancio. - Comunicazione ed immagine. - Prezzo. - Protagonisti del sistema distributivo. - Trade marketing. - Organizzazione di vendita e canali di distribuzione. - Nascita di nuove imprese. - Orientamento alla qualità. - Marketing interno. - Marketing diretto. - Customer retention. - Evoluzione ed analisi dei mercati esteri. - Organizzazioni di supporto all export. - Il marketing internazionale delle piccole e medie imprese. - Strategie sui mercati internazionali. - Strategie di prodotto. - Accordi sui mercati internazionali. - Prodotto e comunicazione sui mercati internazionali. - Tecniche di vendita. - Marketing interattivo e multimedialità. - Applicazioni del marketing-mix all estero. - Distribuzione e vendita all estero. - Tecniche doganali e problematiche finanziarie. - Partenariati tra imprese. - Società di consulenza e piccole e medie imprese. - Marketing dei servizi. - Marketing dei beni industriali. - Mercato unico europeo. - Reti. - Banche dati internazionali. a) Rete informatica aziendale. b) Potenziamento immagine dell impresa. c) Assistenza clienti. d) Posta elettronica. e) Commercio elettronico. f) Telelavoro. 6

7 GESTIONE AMMINISTRATIVA, CONTABILITA' DEI COSTI E LOGISTICA GESTIONE AMMINISTRATIVA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI DIREZIONE - formulazione della strategia - pianificazione e controllo: fasi dei processi. - controllo strategico, direzionale e operativo. - articolazione per centri di responsabilità. - controller: ruolo e collocazione organizzativa. - strumenti del controllo. - attività di reporting. BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO - bilancio come strumento di controllo e di informazione. - principi contabili. - principi contabili internazionali. - disposizioni normative. - aspetti formali del bilancio. - valutazioni di bilancio: analisi delle principali poste sotto il profilo contabile, civilistico e fiscale. - come si legge un bilancio. - i gruppi aziendali: tipologie. - scopo, utilità segnaletica e funzionamento del consolidato. - area e metodologia di consolidamento. REVISIONE AZIENDALE - metodologia di controllo. - certificazione e controllo interno. - scopo e funzioni della certificazione. BILANCIO ED ASPETTI FISCALI - bilancio di esercizio e modello UNICO. - interferenze della normativa fiscale. - falso in bilancio. ANALISI DI BILANCIO - riclassificazione dei valori di bilancio. - analisi della redditività netta e operativa. - analisi del rischio. - analisi della situazione e della struttura finanziaria. - flussi di capitale circolante netto e di cassa. GESTIONE FINANZIARIA E CREDIT MANAGEMENT - Fonti interne ed esterne di finanziamento. - Costo del capitale di rischio. - Equilibrio strutturale-finanziario e grado di indebitamento: la leva finanziaria. - Credit Manager. - Ruolo della banca nei rapporti con le imprese: operazioni. - Borsa, leasing e factoring. 7

8 - Gestione crediti. - Gestione tesoreria e controllo liquidità: a) aspetti organizzativi. b) gestione accentrata e decentrata. c) formulazione delle previsioni. d) budget di tesoreria. e) analisi degli scostamenti. f) rischio di cambio. g) controllo finanziario degli investimenti: metodi di valutazione della convenienza finanziaria. analisi. FINANZIAMENTI PER LE PICCOLE MEDIE-IMPRESE - equilibrio economico e finanziario, analisi della struttura finanziaria, gestione della tesoreria. - canali tradizionali: sconto e ricevuta bancaria, factoring, leasing, contributi in c/impianti, finanziamenti agevolati, - canali evoluti: tecniche di copertura del rischio, venture capital, utilizzo dei derivati: option, future, swap. - richiesta di finanziamento: documentazione, business plan, valore del capitale economico, programmi europei. CONTROLLO BUDGETARIO - iter di formazione del budget d'azienda. - budget commerciale, di produzione e delle altre aree. - budget a base zero. - consolidamento dei budgets settoriali: il budget globale. - budget economico, finanziario, patrimoniale. CONTABILITA' DEI COSTI * Oggetto e scopi - Confronto e rapporti con la contabilità generale - Costi dei fattori produttivi (speciali e comuni; diretti e indiretti; variabili, costanti, semivariabili) - Problemi di determinazione dei costi (tempo, configurazioni, "full costing" e "direct costing", procedimento per processo e per commessa) * Costo di produzione secondo la tecnica del "full costing" - fasi di determinazione in un'azienda organizzata per centri di costo. - problematiche relative all'approccio "full costing". - punti di forza e di debolezza. * Costo di produzione secondo la tecnica del "direct costing" - margine lordo e semilordo di contribuzione. - separazione dei costi. * Costi standard - vantaggi e limiti di applicazione. - determinazione degli standards (processo e costi standard di materie prime, mano d'opera diretta, dei costi comuni industriali) - analisi degli scostamenti (calcolo e scomposizione in scostamenti elementari per le materie prime, la mano d'opera diretta, i fattori produttivi indiretti), interpretazione ed interventi correttivi. * Misurazione e gestione dei costi - "activity-based costing". - analisi e misurazione delle attività. - "activity based management". * Costi e decisioni aziendali - approccio differenziale. - "make or buy". 8

9 - soglia di redditività. - analisi di sensitività. - scelta del volume produttivo, leva operativa. - margine di sicurezza. - determinazione del prezzo di vendita. - la combinazione dei prodotti. * Costi e controllo di gestione - tipi e caratteri dei costi per il controllo di gestione. - la "responsability accounting". * Costi della qualità - qualità e processo di produzione. - struttura contabile per i costi di qualità. - controllo. LOGISTICA Gestione strategica Organizzazione Aspetti operativi della logistica dei materiali e dei prodotti Analisi delle performances Logistica integrata. Aspetti strategici, progettazione del prodotto e del processo produttivo, pianificazione della catena di fornitura, pianificazione della produzione. Gestione delle scorte: domanda indipendente, periodo singolo e multiplo, modelli a quantità d ordine fissa, domanda dipendente. Il controllo : costi, tempi, qualità. Balanced Scorecard Casi aziendali e esercitazioni pratiche. COMUNICAZIONE Tecniche relazionali e capacità di sintesi. Video curriculum. Contrattualistica e tecniche di confronto degli argomenti. Autopresentazioni. Colloqui di selezione individuali e di gruppo LINGUE STRANIERE INGLESE Tecniche conversazionali, esercitazioni su linguaggi aziendali e giornalistici. Vocabolario tecnico aziendale e comunicazione visiva. Analisi negoziali. Tecniche di elaborazione del curriculum. FRANCESE Perfezionamento la lingua francese corrente, vocabolario specifico e professionale dell impresa, cultura e le particolarità del Paese come condizione di conoscenza del mercato domestico. 1 a PARTE CIVILTA E ISTITUZIONI La Francia e i francesi: aspetti geografici, economici, sociali. Analisi di indicatori economici e confronti a livello europeo e internazionale 9

10 Le principali regioni francesi: aspetti geografici, economici regionali e culturali (in questo ambito, gli studenti devono preparare un dossier su una regione francese scelta e presentarla oralmente, sviluppando anche due competenze: sapere elaborare un dossier su un argomento, saper presentarlo davanti ad un pubblico) Le Istituzioni francesi: Potere legislativo: Camere e Parlamento Potere esecutivo: Presidente della Repubblica, Primo Ministro e Governo Istituzioni locali, con particolare attenzione riguardo al Comune. ( Esercitazioni scritte e orali su temi di attualità, utilizzando siti internet, telegiornali e giornali, in particolare Le Monde ) L insegnamento in Francia: Scuola dell obbligo e la sua organizzazione. Università e la sua organizzazione, ponendo particolare attenzione sulle caratteristiche specifiche del sistema francese: Les Grandes Ecoles. (in questo ambito, gli studenti devono preparare una esercitazione orale riguardante l analisi comparata di diversi sistemi scolastici europei o extra europei; utilizzo di documentari video a supporto dell esercizio) 2 a PARTE LA LINGUA FRANCESE NEL MONDO DELLE IMPRESE E DEGLI AFFARI (In questo secondo punto sono trattati aspetti linguistici, di diritto e culturali, traendo spunto dai seguenti argomenti) L impresa e le caratteristiche che la compongono: classificazione aziendale. definizione, tipologie secondo diversi criteri di Forme giuridiche di impresa. Organizzazione interna dell impresa (analisi comparata con altri paesi europei) Sistema fiscale: principali caratteristiche e differenze col sistema italiano. Il settore Risorse Umane all interno dell impresa : colloquio, CV, rapporti sociali e formazione interna dell azienda. Vendita e canali di distribuzione. Aspetti riguardanti il Marketing: Pubblicità : i diversi canali di comunicazione La Campagna pubblicitaria di un prodotto. Aspetti Finanziari e Contabilità aziendale: - documenti contabili, - prospetti finanziari, - servizi bancari e credito bancario. L informatica : aspetti linguistici e termini riguardanti l uso del computer. 3 a PARTE REVISIONE DI GRAMMATICA Verbi : Regolari e irregolari; le diverse coniugazioni dei modi e tempi verbali e il loro utilizzo (lezione approfondita sul congiuntivo) Aggettivi possessivi, dimostrativi e indefiniti. Pronomi: possessivi, dimostrativi e indefiniti, Pronomi relativi e personali. Formazione del femminile e del plurale. Preposizioni semplici e articolate ed il loro utilizzo. Partitivo. 10

11 TEDESCO Revisione delle conoscenze attive e passive: lingua parlata e scritta, lettura e comprensione del testo. Fin dall'inizio l'accento verrà posto soprattutto sull'esercitazione delle capacità colloquiali, per poter esprimersi in modo adeguato in un futuro ambiente di lavoro. La seconda fase consiste nell insegnamento della lingua specifica, cioè del tedesco commerciale. L'obiettivo è di poter ben usare il telefono, la corrispondenza e di imparare il vocabolario contrattualistico. Nella terza fase del corso: cultura e civiltà dei paesi di lingua tedesca, in particolare della Germania. Un aspetto importante sarà la lettura della stampa tedesca e la discussione su fatti politici ed economici europei. SPAGNOLO L obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti una solida base linguistica e conoscenze su tutti gli aspetti del mondo ispanico in modo da poter sostenere qualsiasi tipo di conversazione in lingua spagnola. La prima parte del corso è dedicata all approfondimento della grammatica e delle forme lessicali, pur sempre alternando le lezioni a dibattiti e scambi di opinioni su argomenti riguardanti l attualità e la cultura ispanica. La seconda parte del corso è dedicata al mondo del lavoro: preparazione e presentazione del CV, simulazioni di colloqui lavorativi, lettere commerciali, e internet. Si terranno lezioni di storia e geografia, di cultura, economia, mondo delle imprese e del lavoro della Spagna e, laddove possibile, dei paesi latinoamericani. Si analizzeranno e studieranno le diverse tipologie testuali, con particolare attenzione a testi di carattere espositivo, argomentativo e pubblicitario (articoli di testate spagnole di attualità ed economia, pubblicità, opuscoli e cataloghi). Sulla base di ricerche su internet o dirette a interlocutori ispano-parlanti (attraverso interviste o scambi di mail), si terranno esposizioni individuali e di gruppo che stimoleranno i dibattiti e le argomentazioni. Ci saranno momenti dedicati alla visione, studio ed analisi di film o programmi in lingua per evidenziare le caratteristiche dei diversi registri linguistici orali. Durante tutto il corso sarà posta particolare attenzione al confronto fra lingua italiana e lingua spagnola, per quanto riguarda il significato delle parole e la fraseologia. 11

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e p e r i S e r v i z i C o m m e r c i a l i Tu r i s t i c i A l b e r g h i e r i e d e l l a R i s t o r a z i o n e G. M a t t e o t t i 5 6 1 2 4 - P i s a

Dettagli

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE BIENNIO C Serale Disciplina: ECONOMIA AZIENDALE (ore di lezione svolte 118)

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE BIENNIO C Serale Disciplina: ECONOMIA AZIENDALE (ore di lezione svolte 118) ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO TORINO MATERIA: TECNICA DEI SERVIZI TURISTICI (ETAT) - PROGETTO POLIS PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI Biennio - 4-5 C Serale ed ex 3 M Serale

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE TERZA C Serale (ore di lezione svolte 136) 2. Il Turismo e le strutture ricettive

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE TERZA C Serale (ore di lezione svolte 136) 2. Il Turismo e le strutture ricettive ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO TORINO MATERIA: TECNICA DEI SERVIZI TURISTICI (ETAT) - PROGETTO POLIS PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSI 3-4 - 5 C Serale e 3 H Serale DOCENTE: MAZZA

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING CLASSE TERZA AFM Correlazioni, calcolo e analisi del fabbisogno Fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa Teoria e principi di organizzazione

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Aree gestionali e loro riflessi contabili e di bilancio [29 agosto 2013] Riclassificazione e analisi di bilancio di un impresa turistica [29

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE: QUARTA

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R 1 CLASSE II R U.D. I credito e i relativi calcoli finanziari - I finanziamenti dell attività economica - Remunerazione del credito: l interesse - Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE

DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Classe 4 A (Ristorazione) Anno Scolastico 2014/15 L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1. L organizzazione aziendale: concetti generali - La scelta del modello organizzativo 2.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13

PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 PIANO DI LAVORO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO CLASSE 5ALA PROF.SSA LUPETTI SIMONETTA ANNO SCOLASTICO 2012/13 MODULI UNITA ORARIE 1. Il controllo dei risultati attraverso l analisi di bilancio per 98 indici

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche MODULI FORMATIVI L'iniziativa coniugherà una formazione per l'acquisizione di competenze teorico - tecniche, finalizzate alla messa in atto di strategie funzionali e all'integrazione di diverse capacit{

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 5^ SI DOCENTE: BONOMINI MIRELLA A B C D Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture I CARATTERI DELLE Le

Dettagli

Programma di Economia aziendale a.s. 2014/2015 classe 5 C S.I.A.

Programma di Economia aziendale a.s. 2014/2015 classe 5 C S.I.A. Programma di Economia aziendale a.s. 2014/2015 classe 5 C S.I.A. I ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Concetto di produzione industriale Le aree della gestione La contabilità generale:

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA PRESIDENZA: BERNALDA (MT) Via Schwartz, s.n. 75012 - Tel./Fax: 0835-549136 FERRANDINA (MT) Via Lanzillotti s.n. - 75013 0835-556009 0835 554832 Programma

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Introduzione alla nuova edizione

Introduzione alla nuova edizione Prefazione di Francesco Cossiga Presentazione di Victor Ukmar Introduzione alla nuova edizione XIII XV XXI 1 Fare impresa oggi 3 1.1 Il nuovo modo di intendere l impresa 3 1.2 L impresa e le scelte strategiche

Dettagli

Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar

Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar 1 Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar Unità di apprendimento A PATRIMONIO, REDDITO E RISULTATI DI GESTIONE (4) Comprendere le differenze fra gli

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie Le applicazioni amministrative e finanziarie 1 LA CONTABILITA AZIENDALE L esatta esposizione degli indici e degli altri elementi che compongono la contabilità è fondamentale per formulare correttamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le Gruppo di Insegnanti di Economia Aziendale e di Informatica Coordinatore: prof. Pellegrini Claudio Contenuti e obiettivi minimi previsti per il percorso didattico relativo alle discipline di economia a

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

PIANO DI LAVORO CLASSE V IGEA I.T.E. DON PEPPINO DIANA CIRCELLO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014

PIANO DI LAVORO CLASSE V IGEA I.T.E. DON PEPPINO DIANA CIRCELLO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PIANO DI LAVORO CLASSE V IGEA I.T.E. DON PEPPINO DIANA CIRCELLO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI DISCIPLINARI MODULO 1: Le imprese industriali e la contabilità generale UNITA DIDATTICA

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE ISTITUTO TECNICO STATALE P. BRANCHINA ADRANO (CT) Programma Classe Quinta Sez. B IGEA Anno Scolastico 2013 2014 Prof. Angelo Leocata Materia d Insegnamento Economia Aziendale LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE

Dettagli

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato TEMATICA: Gestione aziendale Amministrazione Sviluppare un modello decisionale attraverso il coordinamento delle

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I R 1 CLASSE I R U.D. I IL Sistema azienda e i suoi soggetti - L azienda come sistema - Gli elementi del sistema azienda - Le varie categorie di aziende - Soggetti dell attività economica - Risorse e fattori

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

EBCL-MOD29A - Rev 1.2-08/10/2010. Syllabus EBC*L. Livello A. Versione 1.2

EBCL-MOD29A - Rev 1.2-08/10/2010. Syllabus EBC*L. Livello A. Versione 1.2 A EBCL-MOD29A - Rev 1.2-08/10/2010 Syllabus EBC*L Livello A Versione 1.2 EBCL Italia srl Viale Nervi Torre 10 Mimose Sc. A Centro Direzionale Latina Fiori Tel 0773 472002-0773 402713-06 52217581 Fax 06

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE)

PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) PROGRAMMA EBCL LIVELLO A CORSO AVANZATO (60 ORE) MODULO 1 REDAZIONE DEL BILANCIO Saper leggere un bilancio d esercizio (Stato Patrimoniale e Conto Economico). Conoscere e analizzare gli elementi fondamentali

Dettagli

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia

Syllabus. Livello A. Vers. 1.0. Pag. 1. EBCL International - EBCL-Italia Syllabus Vers. 1.0 Livello A Pag. 1 Indice dei moduli MODULO 1: Redazione del Bilancio 3 MODULO 2: Analisi di Bilancio 5 MODULO 3: Analisi dei Costi 6 MODULO 4: Elementi di Diritto Commerciale 7 Pag. 2

Dettagli

Indice. Parte 1 Costi, contabilità direzionale e sistemi di product costing

Indice. Parte 1 Costi, contabilità direzionale e sistemi di product costing Indice Prefazione Introduzione alla terza edizione italiana Autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIX XXI XXV XXVII XXIX Parte 1 Costi, contabilità direzionale e sistemi di product costing

Dettagli

Corso teorico pratico Il controllo di gestione nelle imprese

Corso teorico pratico Il controllo di gestione nelle imprese Corso teorico pratico Il controllo di gestione nelle imprese Il corso sarà erogato in modalità online e al momento dell acquisto gli allievi potranno scaricare il percorso didattico e iniziare immediatamente

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero

INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero Programma di Economia Aziendale Classe IV /D INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero Unità 1 Le società di capitali nel sistema economico mondiale Lezione 1 Società di

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

EBCL-MOD29A REV 1.1 08/02/2007 PAG 1 DI 12. Syllabus EBC*L Livello A Versione 1.1

EBCL-MOD29A REV 1.1 08/02/2007 PAG 1 DI 12. Syllabus EBC*L Livello A Versione 1.1 A EBCL-MOD29A REV 1.1 08/02/2007 PAG 1 DI 12 Syllabus EBC*L Livello A Versione 1.1 Indice dei moduli MODULO 1: Redazione del Bilancio 3 MODULO 2: Analisi di Bilancio 6 MODULO 3: Analisi dei Costi 8 MODULO

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI MATERIA CLASSE Sandra Bianco Patrizia Qualizza Economia d azienda - Laboratorio trattamento testi 5AP OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI CONOSCENZE,

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

INFORMATICO CONTABILE

INFORMATICO CONTABILE CORSO PER LA FORMAZIONE DI INFORMATICO CONTABILE PRESENTAZIONE Il corso di preparazione come INFORMATICO CONTABILE vuole formare giovani diplomati o laureati da avviare nel mondo del lavoro nel settore

Dettagli

UNITA DIDATTICA N 2. Il sistema tributario italiano

UNITA DIDATTICA N 2. Il sistema tributario italiano Istituto Tecnico Commerciale Statale F. Forti Via Caduti di Nassiriya, 87 51015 Monsummano T.me Programma didiscipline turistiche e aziendali Casse QUARTA sezione B indirizzo Turismo a.s. 2014-2015 MODULO

Dettagli

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE Introduzione... V Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE 1.1. Il controllo strategico... 4 1.2. Il controllo

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

Informatica e Amministrazione aziendale

Informatica e Amministrazione aziendale Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: CORSO A CATALOGO 2011 Informatica e Amministrazione aziendale Corsi di specializzazione Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione:

Dettagli

CORSI GG COSTO COSTO ASSOCIATI * NON ASSOCIATI*

CORSI GG COSTO COSTO ASSOCIATI * NON ASSOCIATI* COSTI Le quote di iscrizione sono comprensive del materiale didattico che viene rilasciato durante il corso, mentre non comprendono i costi logistici e di trasferimento che sono a carico del partecipante.

Dettagli

PICCOLA AZIENDA. Gestionale 1. Con i gestionali Zucchetti hai tutto sotto controllo!

PICCOLA AZIENDA. Gestionale 1. Con i gestionali Zucchetti hai tutto sotto controllo! PICCOLA AZIENDA Gestionale 1 Con i gestionali Zucchetti hai tutto sotto controllo! IL SOFTWARE CHE CREA SUCCESSO Gestionale 1 Qualità e semplicità a costi ridotti Gestionale 1 Zucchetti è la risposta immediata

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015 Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo CONTROLLO DI GESTIONE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale La contabilità analitica e la misurazione degli oggetti di calcolo Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 15 Ottobre 2010 ARGOMENTO

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE IF a. s. 2014/2015 Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docente: Angela Antoniazzi PROGRAMMA SVOLTO Al termine dell anno gli studenti dovranno possedere le seguenti conoscenze e competenze/abilità: Conoscenze

Dettagli