Parrocchie di Candiolo, La Loggia, None e Vinovo-Garino. Supplemento a Il giornale della Comunità, Direttore Responsabile Marco Bonatti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parrocchie di Candiolo, La Loggia, None e Vinovo-Garino. Supplemento a Il giornale della Comunità, Direttore Responsabile Marco Bonatti."

Transcript

1 Insieme Parrocchie di Candiolo, La Loggia, None e Vinovo-Garino. Supplemento a Il giornale della Comunità, Direttore Responsabile Marco Bonatti. Anno XVI - Numero 88 Redazione Locale: presso le parrocchie Febbraio 2015 I Cardinali alla Fine del mondo Nel 1970, durante la sua prima (e unica) visita ai fedeli delle isole Samoa, Paolo VI chiese: Sapete che cosa significa Chiesa cattolica? Significa che è fatta per l intero universo, che è fatta per tutti, che non è estranea in nessuna parte: ciascun uomo, qualunque sia la sua nazione, la sua razza, la sua età o istruzione, trova posto in lei. Tre anni dopo il Papa nominava cardinale il vescovo Pio Taufinu u, della diocesi di quell isola. Se quindi il collegio dei cardinali è chiamato a guidare la Chiesa cattolica, sotto la guida e al Papa, anch esso deve essere cattolico e quindi devono esservi rappresentati tutti i continenti. Nel conclave del 14 febbraio il Papa poserà sul capo la berretta rossa ai nuovi 20 cardinali da lui indicati lo scorso gennaio. Quindici tra questi hanno meno di ottanta anni e avranno quindi diritto di voto in un eventuale Conclave. La sorpresa, che con Francesco sta diventando normalità, è la provenienza dei neo-eletti: due africani, tre asiatici, tre latino americani, due dall Oceania, cinque europei. Il 13 marzo 2013 Francesco disse che i suoi colleghi cardinali erano andati a cercare un Papa fino alla fine del mondo ; ora è il Papa a chiamare pastori di diocesi geograficamente lontane da Roma per nominarli cardinali. Un segno, anche questo, dell attenzione e dell affetto verso le periferie. pag. 2: Approfondimento su quanto successo a Parigi in gennaio AUGURI A TUTTI GLI INNAMORATI. E se vi arrabbiate... la vostra ira sia spenta prima del tramonto del sole. Efesini 4:26 Un esempio è certamente la scelta del vescovo Soane Patita Paini Mafi, giovane vescovo (53 anni) delle isole Tonga, in una diocesi che conta solo 14 parrocchie. Questi, in un intervento al Sinodo dei Vescovi del 2012, a proposito della figura del sacerdote e del vescovo diceva: Desidero mettere in evidenza due parole: intimo e personale. La prima indica profondità, la seconda un rapporto autentico. Propongo che i sacerdoti e i vescovi esaminino costantemente la propria vita personale alla luce di questo semplice modo di essere, ovvero dell essere semplici. La semplicità esclude l autoinganno, l indossare maschere, atti tipici di che è diviso tra la realtà di essere un personaggio pubblico molto rispettato e quella di essere ambasciatore del Regno di Dio. Nel mondo attuale la vita delle persone è segnata da ferite e da dolori profondi, e quindi esse desiderano pastori autenticamente compassionevoli che possano toccare la loro vita nel profondo e liberarli dalle loro miserie, ovvero pastori che possono camminare con loro e mettersi nei loro panni. La coerenza nella riflessione personale può evitare la tendenza ad essere risucchiati inconsapevolmente nel mondo superficiale del protagonismo a tutti i costi e della ricerca di visibilità e celebrità. Dall isola di Tonga, meglio nota con il nome di isola dell amicizia, passando dal Myanmar per arrivare a Capo Verde e poi a Panama, è questa l immagine di Chiesa che emerge dal cuore del Papa: autentica, semplice, senza maschere, senza ricerca di onori e celebrità, intrisa dell odore delle pecore. Silvia Barbero Si può rubare di più? C è un limite all ondata di furti che colpisce i nostri paesi? Al mattino ci sono voluti alcuni minuti per capire che di notte, mentre tutti dormivano, un ospite inatteso era entrato in casa. Erano spariti i soldi lasciati sul tavolo per i figli e banconote dal mio portafoglio. Il freddo entrava da una porta sul retro. L antifurto non era attivato perché ci sentivamo comunque al sicuro. Poi il sopralluogo dei Carabinieri e l invito a sporgere denuncia presso i loro uffici di Vinovo. La denuncia potrebbe servire per rafforzare l organico e aumentare i mezzi delle Forze dell Ordine per migliorare la protezione dei cittadini mi fa notare un Carabiniere. La denuncia mi sembrava una perdita di tempo ma alla fine il senso civico mi ha guidato fino alla Caserma. Quella mattina di ottobre i Carabinieri avevano ricevuto parecchie chiamate da Candiolo. Le visite si concentravano in alcune vie tra loro contigue: un agire a macchia di leopardo su case singole ed adiacenti, forse pianificando colpi e vie di fuga, forse dopo aver osservato e studiato gli obbiettivi. Fa sempre piacere quando qualcuno si occupa di te e poi in fondo il disturbo tutto compreso è costato come una adozione a distanza. Don Carlo ha sempre detto che Candiolo è un paese generoso ed è bello partecipare. Le notti seguenti a differenza dei figli il sonno tardava ad arrivare. Mi appisolavo verso l alba quando era quasi l ora di alzarsi. Una inquietudine crescente, sicuramente dovuta alla caffeina di qualità arabica assunta in dosi massicce, dava corpo a riflessioni sempre più lancinanti. Nel caso della mia donazione erano a portata di mano un PC portatile ed un cellulare che sono però rimasti nella mia disponibilità. Il dubbio assillante era: ma poi ritornano? Pochi giorni fa a Bricherasio il furto è stato accompagnato da violenza sulle persone. Parlando con la gente si percepisce che questo è un problema sentito e che c è un bisogno di sicurezza La facilità e serialità dei furti, la loro frequenza, la spavalda leggerezza nell agire impuniti, come se noi fossimo cittadini che non si ribellano, in assenza di una nostra reazione non potrebbero far pensare a questi signori che si può rubare di più? Prima che accada qualcosa di peggio forse sarebbe importante trovarsi e condividere le osservazioni della cittadinanza su quanto sta avvenendo. Mappare i casi per trovare indizi da comunicare alle forze dell ordine, avere consigli di esperti, cercare soluzioni concrete: non basterebbero poche telecamere per controllare il traffico? E se qualche volontario volesse contribuire alla vigilanza? Non si potrebbero concordare misure di sorveglianza con i paesi vicini? Generosi si ma vogliamo trovare un limite? Nicola Garofalo

2 pag. 2 Approfondimento Democrazia senza futuro se non si sanano le fratture Il fatto Caro amico musulmano Parigi: cronologia della strage al Charlie Ebdo e dei sequestri 7 gennaio: i fratelli Cherif e Said Kouachi. armati di kalashnikov, entrano nella sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo e fanno fuoco, bilancio 12 morti tra cui un poliziotto 8 gennaio: nel quartiere Mountrouge a sud di Parigi, una donna-poliziotto di 26 anni viene uccisa ed un altro uomo ferito. 9 gennaio: Il jihadista Amedy Coulibaly, 32 anni, l assassino della poliziotta a Montrouge, fa irruzione sparando con due kalashnikov all Hyper Cacher, supermercato specializzato in prodotti kosher (conformi alle leggi alimentari ebraiche), uccidendo quattro clienti e prendendone in ostaggio diversi altri. Alle porte di Parigi, i due fratelli autori della strage al Charlie Hebdo si barricano in una tipografia prendendo in ostaggio un dipendente. Gli attentatori del giornale satirico Charlie Hebdo, vengono uccisi in un blitz dei corpi speciali. Le forze speciali di polizia irrompono all Hyper Cacher e Coulibaly viene crivellato da una sessantina di colpi e gli ostaggi liberati. 11 gennaio: Il leader francese Francois Hollande, 50 capi di stato e almeno due milioni di persone manifestano a Parigi contro il terrorismo islamico. Sale il livello di attenzione anche in Italia dopo le ultime minacce per eventuali attentati diretti contro il Vaticano visto come simbolo della Cristianità. 15 gennaio: Papa Francesco durante la sua visita apostolica nello Sry Lanka e nelle Filippine afferma:...in nome di Dio non si uccide ma non si insulta la fede degli altri. Il miglior modo di rispondere è sempre la mitezza. Domenico Govoni Mensile delle Parrocchie di: * San Giovanni Battista - Candiolo, * San Giacomo - La Loggia, * Santi Gervasio e Protasio - None, * San Bartolomeo e * San Domenico Savio - Vinovo. Supplemento a Il giornale della Comunità Direttore Responsabile Marco Bonatti. Piazza R. Sella Candiolo (TO) Tel. e Fax Redazione del giornale Ambrogio Claudio Barbero Silvia Bellotti Maria Ester Bernardi Mario Boccardo Paola Cherici Guido Chiomento don Carlo Damasio Felice Garofalo Nicola Ghiazza don Marco Gosmar don Giancarlo Govoni Domenico Maina Piero Marini don Ruggero Scaglia Franco Per la Pubblicità o inserimento foto contattare i redattori locali o Portare in redazione a candiolo (mart. e giov. dalle 17,00 alle 18,30) Videoimpaginazione e stampa la fotocomposizione torino all indomani della strage di Parigi ad opera di alcuni musulmani, seguaci di una dottrina islamica violenta, condivido con te alcune riflessioni a cuore aperto. So che anche tu, nel profondo del tuo cuore e della tua coscienza, credi che Dio aborrisce la violenza. Infatti quando proclami che Dio è la Pace (Salàm, radice slm), contemporaneamente affermi che l islàm (stessa radice, slm) è pace. So che la grande maggioranza della Umma islamica rifiuta la violenza ma che una parte di essa pretende che questa sia non solo lecita ma addirittura doverosa, secondo la vera interpretazione del Corano. Dopo gli attentati di Parigi molti musulmani senza se e senza ma hanno preso le distanze da questa follia che infanga l islàm, dalle azioni orripilanti dei fanatici dell Isis, di al-qa eda, di Boko Haram, dei Talebani e di tutte le sigle che, proclamando il takfìr (dichiarazione di infedeltà ), si arrogano il diritto blasfemo di uccidere i takfìri in nome di Dio e del Corano, anche musulmani, come accade in Iraq e in Siria. Proprio per questo, il 4 dicembre u. s., ben 700 ulema di ogni dove, riuniti nell Università di al Azhar, hanno condannato l ideologia dell Isis in nome dell interpretazione dotta e autorevole del Corano. In seguito, l 1 gennaio u. s., prima degli attentati di Parigi, il Presidente egiziano, il Generale al-sisi, considerando insufficiente la condanna degli ulema di al-azhar, ha pronunciato un discorso che oso definire storico. Riporto una parte, rinviandoti alla lettura dell intero discorso in lingua araba: Mi rivolgo agli studiosi della religione e alle autorità religiose. Dobbiamo rivolgere uno sguardo attento e lucido alla situazione attuale. È inconcepibile che l'ideologia che noi santifichiamo faccia della nostra intera nazione una fonte di preoccupazione, pericolo, morte e distruzione nel mondo intero. Non mi riferisco alla religione bensì alla ideologia - il corpo di idee e di testi che abbiamo santificato nel corso di secoli, al punto che rimetterli in discussione diventa difficile ( ) È concepibile che 1,6 miliardi di musulmani uccidano il resto della popolazione mondiale, per vivere da soli? È inconcepibile. Io dico queste cose qui, ad al- Con rispetto critico Azhar, davanti ad autorità religiose e studiosi. Che Allah possa testimoniare nel Giorno del Giudizio della sincerità delle vostre intenzioni, riguardo a quello che vi dico oggi ( ) Dovete opporvi a questa ideologia con determinazione. Abbiamo bisogno di rivoluzionare la nostra religione ( ). Onorevole Imàm (=Sceicco di al Azhar, n.d.r.), voi siete responsabile davanti ad Allah. Il mondo intero aspetta le vostre parole, perché la nazione islamica è lacerata, distrutta, avviata alla rovina. Noi stessi la stiamo conducendo alla rovina. È come se il califfo d altri tempi sollecitasse gli ulema a fare ijtihād (sforzo interpretativo competente e autorevole) per aggiornare la religione. Non a caso al-sisi ha esortato gli ulema a riprendere il percorso riformatore, interrotto, del grande shaykh di al Azhar e muftì egiziano Muhammad Abduh che, nella seconda metà dell 800, proponeva una riforma dell islàm che includesse gli aspetti positivi e non contraddittori della modernità, purtroppo ostacolato dagli ulema conservatori. Casomai tu fossi un musulmano wahhabita, ti invito a riflettere criticamente sulla tua ideologia: come è possibile che in nome di Dio e dell islàm si lapidi l adultera (rarissimamente l adultero ), si tagli la mano e il piede del ladro, si uccida l apostata ecc in Arabia Saudita e nei paesi del Golfo mentre numerosi Stati islamici non applicano queste pene? Non c è forse contraddizione? Non c è forse un ijtihād diversa da un luogo all altro? Non avverti il paradosso? Forse sei un Fratello Musulmano e ti adiri perché ho menzionato al Azhar una lunga storia di disaccordi, la tua, con gli ulema azhariani e nientemeno che al-sisi, il tuo grande nemico. Ecco, in Occidente abbiamo fatto il tifo per te, dopo la vittoria elettorale del tuo partito in Egitto, sperando che l islàm politico desse una chance alla democrazia ma, che delusione! Ci hai presentato la fotocopia dello Stato islamico e, contestualmente, una caduta verticale dell economia, tradendo assolutamente la rivoluzione dei giovani di Piazza Tahrīr, inesperti di politica ma pieni di speranza, connessi con le esigenze del loro tempo, cristiani e musulmani mano nella mano, che sognavano l avvento di uno Stato civile (tu In qualche modo accomunati dalla condanna ineludibile degli attentati di Parigi, abbiamo accettato di essere omologati nello slogan io sono Charlie Hebdo ma ora vorrei esporre vari motivi di una presa di distanza. Cari politici, giornalisti, società civile, manifestanti ecc. dei nostri Occidenti, qual è la legittimità e la sensatezza della seconda guerra dell Occidente contro l Iraq al fine di esportare la democrazia, invero nient altro che una guerra geostrategica, per il petrolio e i cospicui proventi del commercio delle armi? Questa guerra sciagurata con le sue perduranti tragiche appendici, hanno causato centinaia di migliaia di morti innocenti, distrutto due paesi (Siria ed Iraq), creato milioni di profughi. Cara Francia, ti sei forse strappata le vesti allo stesso modo degli attentati di Parigi quando Sarkozy ha destabilizzato la Libia per abbattere un dittatore, occultando dietro questa ragione personali ambizioni politiche frustrate, ragioni neocoloniali vanificate, il controllo del mercato petrolifero e minerario del Maghreb e dell Africa subsahariana? Ebbene, proprio queste guerre hanno scoperchiato il vaso di Pandora del terrorismo dell Isis, di al Qa eda e della Libia. Adesso abbiamo i terroristi in casa! Liberté, égalité, fraternité, la democrazia, grandi conquiste ma una democrazia asimmetrica, soprattutto una libertà e ed un uguaglianza asimmetriche la fraternità invece attende ancora all uscio. La rivoluzione francese ha conosciuto anche il Terrore e, per ragioni storiche, è stata antireligiosa nella sua essenza. Da essa ereditiamo una laïcité sui generis, non ancora scevra del suo carattere antireligioso. La Francia è il paese occidentale più intollerante dei simboli religiosi pur ammettendo una certa ambiguità, come emerge dal rapporto sulla laicità della Commissione Stasi, sfociata poi nella legge dello Stato (2004) che limita i simboli religiosi nello spazio pubblico. Invece, nella maggioranza dei paesi europei, gli stessi simboli religiosi sono accettati. Non è questa una limitazione di libertà? Perché allora vituperate i paesi anglosassoni che non pubblicano le vignette di Charlie Hebdo all indomani delle stragi di Parigi? La codardia? Ma non è forse sensato limitare la propria libertà se crea pericolo a se stessi? Anche voi fate lo stesso, come ho appena detto! Inoltre, la Carta dei diritti dell uomo degli Stati Uniti d America (1787) nasce religiosa, nomina Dio nel suo preambolo. Storia diversa, diversa concezione della libertà, Dio non è nemico della libertà dell uomo, società diverse, un diverso rapporto tra le religioni e lo Stato. Una libertà dunque pragmatica, con il senso del limite, nel rispetto di tutti senza la pruderie di offendere la sensibilità alcuno. Non approviamo assolutamente l uccisione nel nome di Dio! Uniti idealmente nella manifestazione di Parigi di domenica 11 gennaio nello slogan io sono Charlie Hebdo, per la salvaguardia della democrazia, patrimonio inalienabile di tutto l Occidente. Ma non nel nome della laïcitè né del correlato concetto di liberté irridente, irrispettosa, irriverente. Nella fattispecie, Maometto e il Corano non sono il patrimonio dei terroristi islamici ma di 1,6 miliardi di persone, vilipesi dalla vostra mancanza di rispetto. La libertà non è un assoluto, l uguaglianza nemmeno, ma entrambe sono illuminate dalla fraternità non nazionale ma universale (purtroppo ostracizzata), oppure entrambe zoppicano. non usi la parola laico e ti capisco). Perciò una fiumana di ben 30 milioni di Egiziani, nella più grande manifestazione mai vista in Egitto, hanno delegittimato il governo della Fratellanza Musulmana. Le democrazie occidentali, autoreferenziali, si sono scandalizzate. Ma il popolo egiziano ha motivato con grande realismo la sua scelta: tra una dittatura militare e una dittatura religiosa preferiamo la prima! Non vogliamo fare la stessa fine dell Iran! Della dittatura militare prima o poi ci si sbarazza, di quella religiosa è molto molto più difficile! Già, la democrazia. L Occidente autoreferenziale ha finto di volerla esportare nella tua terra. Eppure, i germi di questa democrazia sono già presenti, bisogna saperli vedere. Le primavere arabe sono un sussulto delle tue società plurali che chiedono una migliore rappresentanza e spartizione di potere su basi confessionali. È un fatto enorme, un passo verso una più solida democrazia! Ebbene, caro amico musulmano, l Occidente non comprende perché non conosce o non vuole conoscere. C è già un esempio luminoso per il tutto Medio Oriente di questa democrazia, il Libano. Giovanni Paolo II, in visita al Libano (1997), affermava di fronte ad una piazza straripante di persone di tutte le confessioni religiose: il Libano è più di un Paese, è un messaggio. Un altra pagina di speranza democratica la sta scrivendo la Tunisia, a caro prezzo, quello del sangue. Per la prima volta in uno Stato islamico un partito civile (Nidaa Tounes), dopo libere elezioni succede nel governo ad un partito religioso (al Nahda). Sta nascendo la democrazia islamica e in Occidente tifiamo tutti per la riuscita del progetto, con un po di fiato sospeso. Se permetti, vorrei suggerirti una strategia per la riuscita della democrazia. La storia dimostra che essa non ha un futuro se non si sana la frattura storico-religiosa fra Sunniti e Sciiti. Questione delicata, simile, per capirci, a quella del sec. XVI fra Cattolici e Protestanti. Dopo un lungo periodo di guerre e divisioni abbiamo capito il valore dell unità nella diversità, l ecumenismo Potresti approfondire la nostra storia per il bene dei tuoi paesi, perché historia magistra vitae dicevano i nostri saggi padri latini. Vi aspettiamo, crediamo nella vostra possibilità di cambiare, siamo convinti che nell orizzonte del dialogo interreligioso l islàm è un valore aggiunto per lo sviluppo di tutta l umanità, perché le religioni portano in sé un senso dell uomo e della storia che i non credenti non possiedono. Ringraziamo per gli articoli Don Augusto (Tino) Negri Direttore del Centro Peirone e la Direzione del settimanale Il Nostro Tempo Diocesi di Torino Massacro di 2000 persone in Nigeria a pag. 9

3 pag. 3 Rubriche Attualità Slot Mob, l Italia che si rigenera Un migliaio di persone, in prevalenza giovani, si sono ritrovati a maggio a premiare due bar a Roma, che hanno detto no alle slot machine nel proprio esercizio. Un no che significa minori entrate mensili per centinaia (o migliaio) di euro. Quei baristi non se la sentono di vedere persone che si rovinano con le macchinette mangiasoldi. Sono andati in gran numero a fare colazione da loro e imbandendo davanti all esercizio una serie di giochi non solitari, tra cui il biliardino. Questo appuntamento era la tappa numero 52 di un cammino iniziato a Biella mesi prima che sta registrando un successo inatteso. Il fenomeno è in progressione. Le macchinette sono passate in pochi anni da 80 mila a 430 mila: siamo tristemente primi in Europa (e terzi al mondo) per la raccolta di giocate dell azzardo nel suo complesso. Ma sono in aumento i baristi che, per sfrattare le mangiasoldi, chiedono aiuto per potersi liberare da contratti con salate pe- nali in caso di rescissione. Dietro questa invasione dell azzardo (compresi i «gratta e vinci» e i giochi che promettono vincite formidabili) si trovano grandi società private che hanno la concessione da parte del nostro Stato. Ecco perché è legalizzato. Ma resta pur sempre un azzardo, che crea nefaste conseguenze sociali: sempre più giocatori diventano malati, ricorrono all usura, perdono il lavoro, distruggono la famiglia, scelgono il suicidio, con costi sociali di 6 miliardi all anno. Si potrebbe pen- sare che le iniziative di Slot Mob facciano il solletico alle lobby dell azzardo. Vero. Ma cresce il consenso popolare e l attenzione dei mass media contro le società internazionali che gestiscono il gioco d azzardo, interessate a diffondere i loro strumenti per incrementare i profitti a danno di chi spera di risolvere i problemi con una vincita. Viene da pensare a Davide contro Golia. I sindaci si sono opposti alla diffusione delle sale d azzardo, ma sono stati fermati dalla legge nazionale che ha liberalizzato il fenomeno, nell illusione che, rendendolo legale, sarebbe diminuito. Solo un movimento civile diffuso può fare pressione sul Parlamento e contrastare le lobby dell azzardo. Una proposta d iniziativa popolare sottoscritta da 600 comuni chiede di ridare poteri d intervento ai sindaci. Intanto ciascuno potrebbe scegliere anche così dove andare a fare colazione al bar... Franco Scaglia Toc... Toc... Chiedi! Gli antichi romani hanno inventato un sistema di numeri che si vede usare ancor oggi ma che ha una grande limitazione:manca il numero zero. Non si possono fare calcoli complessi senza lo zero, così come non si può comporre poesia senza conoscere un numero sufficiente di parole. La magia dell alfabeto sta nel fatto che 21 lettere (o 26 per gli anglosassoni) sono sufficienti a comporre un numero infinito di parole. O pensate ai mattoncini Lego, in fondo non ne servono così tanti per costruire qualcosa di straordinario. Immaginate però quanto sarebbe difficile scrivere qualcosa se aveste a disposizione solo 12 lettere dell alfabeto. In molti campi il proprio lavoro viene ostacolato dal fatto di avere a disposizione solo alcuni strumenti o delle nozioni superficiali. È indispensabile conoscere gli elementi base di molti campi diversi, dalla finanza al marketing o alla tecnologia, se vogliamo seguire e portare a termine un progetto importante, e per conoscere bisogna imparare. Ogni volta che sentite qualcuno di esperto usare una parola o un concetto che non capite, alzate la mano e chiedete spiegazioni. Ogni volta. Nel giro di poco tempo avrete un vantaggio enorme rispetto a chi non l ha fatto, e avrete arricchito il vostro bagaglio di molti nuovi strumenti. Guido C. Conoscere per crescere Di seguito la dichiarazione dell Arcivescovo in merito al pronunciamento della Corte d Appello di Torino resa nota il 7 gennaio 2015: «Due madri, e una sentenza che non aiuta. La Corte d Appello di Torino ha stabilito, in un suo recente pronunciamento, che i diritti genitoriali su un bambino vanno affidati alla pari alle sue due mamme, la coppia omosessuale che aveva avuto il figlio grazie all inseminazione eterologa. Le due donne, che poi hanno divorziato, si erano rivolte al Tribunale di Torino per la trascrizione dell atto di nascita del bambino (le due mamme sono una cittadina spagnola e una italiana). Senza entrare nel merito delle decisioni della Magistratura, ci sono alcune osservazioni che, con dolore e con preoccupazione, ci coinvolgono. Se è vero che Mons. Cesare Nosiglia due madri, e una sentenza che non aiuta Dichiarazione dell Arcivescovo in merito al pronunciamento della Corte d Appello di Torino l interesse primario da tutelare è quello del minore, non si può non notare come certe situazioni limite creino dei veri paradossi, giuridici ed esistenziali. stratura italiana, nei due gradi di giudizio, abbia comunque sottolineato l attenzione prioritaria alla tutela della persona più debole: ma la crescita di questo bambino avverrà comunque in una situazione dove si incrociano diverse, obiettive difficoltà, legate in particolare all assenza di un vero contesto familiare. È augurabile che l affidamento congiunto alle due mamme stimoli il reciproco senso di responsabilità degli Non si tratta di appassionarsi alla problematica legislativa, ma di constatare come l espansione senza fine di certi diritti soggettivi porti a situazioni di grande confusione (giuridica e non solo), con il rischio che a pagarne le conseguenze siano prima di tutto proprio quei minori che si intende tutelare. È importante che la Magiadulti in questione; ma non si può non rilevare che proprio il merito della vicenda giudiziaria si caratterizza per le assenze di vari presupposti: l assenza di figure materne e paterne chiare, riconoscibili e presenti ; l assenza di un contesto sociale, culturale e normativo che metta in esplicito collegamento i diritti degli individui con i doveri dei genitori e dei cittadini. Al di là della propaganda ideologica o politica, che cerca subito di tirare dalla propria parte la sentenza, ci auguriamo che nel buon senso della gente comune prevalga sempre il detto di mamma ce n è una sola ; e nessuna dichiarazione, anche trascritta nei registri come madre A e madre B potrà mai sostituire questa. don Carlo Chiomento

4 pag. 4 Chiesa e UP54 SOCIETà La necessità gioiosa del... Io non sono! Ha iniziato lo stesso Dio Padre... quando ha detto che non era vento o fuoco... lontano e sordo... come gli altri e lo stesso Spirito Santo silente, dimenticato e bistrattato. Hanno continuato i profeti e il Battista e il loro martirio per tutta la verità. Per non parlare di Gesù che prima di dire Io Sono... ha dovuto più volte dichiarare che non era un Messia politico, un Re contro Erode e i romani, un Profeta come gli altri, un Sacerdote di sacrifici antichi..., un manipolatore di folle o un ideologo venduto ai padroni di turno E oggi? Quando Papa Francesco ha detto che non è comunista ma uno che mette in pratica il vangelo non soltanto ha detto una necessaria verità ma sembra indicarci la strada per nuove testimonianze e più serie evangelizzazioni. Una chiesa senza e contro i poveri non è la chiesa di Gesù Cristo! Essere peccatori ma mai corrotti e corruttori è atto d amore e di liberazione. Vivere ciò che si dice e dare a tutti ciò che non è solo nostro è giustizia per il Regno di Dio Non presentarsi come miracolo ma concorrere con altri a risposte più serie e permanenti è saggezza e umiltà. Chiedere perdono, specialmente ai poveri, ai giovani e alle donne, quando scandalizziamo con la nostra ipocrisia e retorica, indegnità e falsità non soltanto è atto dovuto e necessario, ma purificazione e consacrazione Non essere a servizio della colonizzazione ideologica che priva popoli interi e nuove generazioni della loro identità e alimenta la cultura dello scarto non è lotta politica ma Vangelo vissuto e patito fino alla morte! Dire io non sono Charlie H. non è voler dare pugni o giustificare chissà quale risposta ma cercare con buon senso e sano realismo di separare la questione della libertà di espressione dalle offese inopportune e non rispettose alle religioni... Io non sono figlio di Voltaire e neppure di maestri del pensiero debole ma furbo! Quando il buon contadino vede i suoi alberi pieni di foglie che sembrano soffocare il frutto che verrà e che ha bisogno del sole qualche pedata è necessaria e salutare. Davanti a tragedie vicine e lontane dire guardate il Crocifisso che soffre con voi e non vergognarci di piangere... permette al nostro io non sono di diventare condivisione e speranza. Scegliere il silenzio e lo sguardo contemplativo davanti a tante urla, lamenti e indignazione non è impotenza o complicità ma tempo di grazia che trasforma la possibile bestemmia in preghiera e abbandono filiale. Si, c è molta più verità, amore, libertà e pace nel Io non sono che in tante agitazioni e rivendicazioni pronti a farci evangelizzare dai poveri, scandalizzare in modo benefico da tanti giovani pronti all impegno civico e sociale (79,5% secondo l Istituto Toniolo) e forse anche in quello religioso e spirituale stupirci dalla dignità di tante periferie umane che ogni giorno ci danno lezioni di vangelo e di vita cristiana vissuta con gioia, coraggio e creatività. don Ruggero Marini Un profeta. Cioè un portaparola di Dio, capace di risvegliare le coscienze dal torpore nel quale esse, appesantite dal peso della normalità e della quotidianità, tendono a cadere. Uno che sappia spolverare gli occhi per renderli capaci di andare al di là delle apparenze. Uno capace di rimanere libero dai compromessi, dagli accomodamenti, dalle convenienze del momento. Dio è stato sempre fedele alla sua promessa e non ha fatto mai mancare uomini e donne capaci di risvegliare l amore per la verità, per la giustizia, per la carità, per il bello. La promessa di Dio ha trovato la sua pienezza in Gesù, la Parola stessa di Dio, il profeta senza cedimenti e senza incoerenze, capace al cento per cento di «insegnare una dottrina nuova con autorità», confermandola cioè con i fatti, con la sua vita. Dopo Gesù, Dio non ha smesso di inviare i suoi profeti per richiamarne il messaggio e la vita. Cosa sono i santi se non profeti, donati al mondo per risvegliare nelle coscienze il messaggio di Gesù nella sua inte- PAROLE di VITA C è bisogno di profeti «Il Signore tuo Dio susciterà per te, in mezzo a te, un profeta. A lui darete ascolto». (Deuteronomio 18, 15) rezza, o in alcuni aspetti da sottolineare in quel preciso momento storico? Pensiamo a Francesco di Assisi, a Giovanni Bosco, a Teresa di Calcutta, a Giovanni Paolo II... Pensiamo anche a tanti uomini e donne che, anche al di fuori del cristianesimo, hanno richiamato il mondo ai valori della pace, dell 'uguaglianza, della giustizia. Non possiamo sottrarci a questo compito. Ci sentiamo piccoli e inadeguati? Non può servirci da alibi e da scappatoia. Nella Chiesa e nella società c'è posto anche per i piccoli profeti. Quelli che nella quotidianità accettano di essere disturbatori e stimolatori delle coscienze arrese o assuefatte alla normalità del male, della banalità, della volgarità, della vita prigioniera nell'orizzonte puramente terreno. Non possiamo sottrarci all impegno di far esclamare: «Che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità». Certo, non saremo capaci di scacciare gli spiriti immondi come Gesù e i grandi profeti, ma quanti demoni dell invidia, della gelosia, del carrierismo, del menefreghismo possiamo scacciare dalla famiglia, dall ambiente di lavoro, dalla cerchia delle nostre amicizie e frequentazioni? Naturalmente questo ci richiede scelte coraggiose. Chi ce lo fa fare? Nessuno. Soltanto noi possiamo decidere di farlo, nella convinzione libera e consapevole. don Giancarlo Gosmar UNITà PASTORALE 54: CANDIOLO, LA LOGGIA, NONE, VINOVO E GARINO L Unità Pastorale e il riassetto territoriale della Diocesi L Equipe della nostra Unità Pastorale, composta dai rappresentati di ogni parrocchia nei diversi ambiti della pastorale, si incontra periodicamente per verificare il cammino dell Unità Pastorale e di ciascuna parrocchia, nei diversi ambiti e per programmare percorsi comuni tra le parrocchie e conformi alle direttive della Diocesi. Già e non ancora In modo particolare sono due le direzioni che da alcuni mesi l Equipe, intende seguire. La prima riguarda soprattutto le attività delle Commissioni (Catechesi, Liturgia, Caritas, Giovani e Famiglia) chiamate a confrontarsi sulle lettera del Vescovo verificando cosa di quanto richiesto dalla Diocesi è già presente nelle nostre parrocchie e quanto invece resta ancora da fare. Si tratta di un analisi attenta del territorio per un progetto concreto e condiviso. Sono già emersi alcuni aspetti che richiedono maggiore approfondimento per delineare un percorso comune: pastorale battesimale dei bambini, il catecumenato degli adulti, la preparazione alla Cresima degli adulti, maggior apertura della Caritas al territorio per affrontare il problema attuale dell impoverimento. Il riassetto diocesano La seconda direzione riguarda un tema molto più ampio: il riassetto territoriale della Diocesi (accorpamento di parrocchie e ristrutturazione delle unità pastorali) nei prossimi anni. Da circa un anno, infatti, il Consiglio Presbiterale (assemblea dei rappresentanti dei sacerdoti presieduta dal Vescovo) sta cercando di stabilire tempi, criteri e modalità per una riorganizzazione della Diocesi resasi necessaria sia per i cambiamenti sociali avvenuti in questi ultimi anni, sia per il calo e l invecchiamento del clero. Sono già stati individuati tre criteri, ovvero tre attenzioni da tener presente in questo processo di trasformazione che riguarderà parrocchie e Unità Pastorali: gradualità: ovvero il ri- spetto delle realtà esistenti; - sostenibilità: ovvero la verifica delle risorse e delle forze disponibili; flessibilità: ovvero esclusione di una soluzione unica da applicare indiscriminatamente a tutta la Diocesi. Tale riflessione vuole però coinvolgere anche i laici e le parrocchie. È infatti previsto per ciascuna UP un incontro tra il vescovo e i Consigli Pastorali con l aiuto di una scheda comune che vorrebbe far emergere risposte pertinenti al territorio di ciascuna Unità. Incontro tra i Consigli Pastorali e l Arcivescovo Gli interrogativi su cui si è già soffermato il Consiglio Presbiterale e che saranno oggetto del confronto tra il Vescovo e le diverse Unità Pastorali riguardano: le condizioni di esistenza di una parrocchia (numero di abitanti, cura dell Eucarestia domenicale, sufficiente presenza di una comunità educante, adeguata attenzione alla carità operosa); Torneo pallavolo dell UP svoltosi a Candiolo il 18 gennaio 2015 il modo in cui esse devono essere applicate sul territorio; se sia meglio mantenere tutte le parrocchie o accorparle in centri religiosi differenziati (all interno di questi si dovranno individuare parrocchie che forniranno una formazione centralizzata e importanti servizi di base a tutta l area); il ruolo delle Unità Pastorali (utile punto di partenza, passaggio intermedio verso un riassetto definitivo o esperienza che deve concludersi?); quale destinazione per i beni immobili dismessi (occorre anche semplificare il carico burocraticoamministrativo che soffoca i sacerdoti titolari di più parrocchie; quale rapporto con gli ordini religiosi e le associazioni presenti sul territorio. Sono domande che riguardano aspetti importanti non solo dell esistenza, ma anche dell essenza di una parrocchia. Una riflessione particolare riguarda la provincia dove, a differenza di Torino, è maggiore la distanza chilometrica tra i centri religiosi ed è maggiore la fedeltà ai legami affettivi con le parrocchie (che spesso coincidono con il paese) con la loro storia e il forte attaccamento alle tradizioni. I Consigli Pastorali della nostra UP, che stanno confrontandosi con questi interrogativi, incontreranno il Vescovo il prossimo 23 febbraio. Silvia Barbero

5 pag. 5 Lettera di don Carlo Quando la vita ti costringe a fermarti Ciascuno di noi vive grazie a due motori: essere valido ed essere amato. Amare ed essere utili agli altri, rende la nostra vita piena. Da oltre un anno, uno dei miei due motori è andato in panne: mi sento incapace di produrre qualcosa. Mi stanco facilmente. Ho poca autonomia. Avendo un carattere primario, sono sempre stato spinto ad agire, senza fermarmi. Elenco, senza pretesa, ciò che sto riscoprendo: Ora che sono fermo, ho tutto il tempo per pensare, leggere, pregare, fare revisione sulla mia vita. Camminare con calma mi aiuta molto. Insomma, dovendo mettere da parte le cose da fare, sto riscoprendo la bellezza e l utilità di ciò che rigenera il mio essere. So di essere amato, so che molti pregano per me. Quando un giovane compie gli anni, se ho il suo cellulare, mando i miei auguri e chiedo preghiera per me. Mi ha fatto un gran bene la risposta di un giovane: Certamente, pregherò con tutto il cuore. Sto scoprendo l acqua calda: anche il tempo della malattia è utile per crescere. Il tempo pare rallentato, i minuti e le ore sembrano più lunghi, non conosco il significato della parola fretta. Quello che pareva urgente, ora è meno importante. In questo momento, altre cose mi sembrano più importanti e urgenti. Ho più tempo per stare con i miei sei fratelli. Hanno tutti famiglia, mi sono sempre tutti vicini. Quando sono in parrocchia, li frequento poco, perché la mia famiglia siete voi. Soprattutto sto con più calma, chino sulla Parola di Dio. Leggerla come una cosa nuova, meditarla, assaporare il suo significato. È esaltante leggere così le parole di Gesù, Maestro e Signore. Le sento rivolte a me, mi sento un privilegiato. FESTA DI S. ANTONIO ABATE Giornata del ringraziamento per i campi, il raccolto, gli animali, le case e le famiglie Grazie ai Priori/Priore di S. Antonio e a tutti i contadini che hanno organizzato la bella festa e distribuito il pane benedetto davanti alla Chiesa. Le offerte ricevute sono state devolute all oratorio. Comunità San Giovanni Battista - Candiolo Sto pregando di più, ma i volti delle persone che ho incontrato nella mia vita mi fanno spiritualmente vagabondare qua e là. Ne approfitto per ricordare tutti nella preghiera. Questa mia esperienza mi aiuta a rivalutare il senso delle piccole cose quotidiane: mi fermo a vedere un passero, a parlare con una persona, ad ammirare la natura, a visitare tante chiese. Sto leggendo la vita di alcuni santi: è evidente che la loro fecondità è sempre frutto di una forte intimità con il Signore. Avrei molto ancora da scrivere, ma non voglio annoiare. Ringrazio tutti, in modo particolare P. Raffaele per il suo generoso impegno. A presto, quando Dio vorrà. Don Carlo Chiomento 1 Premio Biribum Asilo Villa di Montpascal Per aver creato un opera dove l acqua reale diventa strumento per trasmettere pienamente i molteplici significati e valori ad essa collegati. W la Filarmonica di Candiolo! La nostra banda invitata a suonare al teatro Regio di Torino!!! Chi l avrebbe immaginato? segue a pag Premio Scuola dell Infanzia Istituto Adorazione Cadorna Torino Sezione VERDI Per l allegra rappresentazione dell acqua come un bene indispensabile per tutti i popoli della terra, necessaria per far germogliare i semi di zucca, cibo per il corpo e simbolico nutrimento per la mente. Scuola Primaria di Primo Grado 1 Premio Classe 1ª C Scuola Pertini Adesso tocca... a voi Vincitori 2014 concorso della Zucca Biribum di Candiolo. Per aver interpretato fedelmente il tema proposto con un opera tridimensionale di forte impatto ed immediata comprensione. 2 Premio PARI MERI- TO C l a s s e 4ª Scuola Cardinal G. Gamba San Giulio-San Damiano d Asti Per aver- La Filarmonica A. Vivaldi è stata scelta (unica banda) per suonare alcuni brani al teatro Regio di Torino in occasione dell inizio dei festeggiamenti del bicentenario della nascita di S. Giovanni Bosco. Grazie ai musici, al maestro Banchio, al Presidente Angioletta per aver portato Candiolo così in alto! ci fatto compiere un meraviglioso viaggio lungo le acque del Nilo, fonte di vita di un popolo millenario. Classe 2ª A Istituto Comprensivo S. Pertini di Candiolo. Per l accurata esecuzione grafica dei singoli elaborati, ben collegati alla narrazione della corredo utilizzato dai faraoni durante le cerimonie sul Nilo. Scuola Secondaria di Primo Grado 1 Premio PARI MERITO Enrico Mola 2ª B ISTI- TUTO COMPRENSIVO Ada Gobetti NONE. Per aver rappresentato con intensità il tema proposto, utilizzando colori accesi e inserendo personaggi espressivi, che conferiscono alla composizione dinamismo e vivacità 1 Premio P ARI MERITO Mollo Alice 2A ISTITU- TO COMPRENSIVO Ada Gobetti NONE. Per l elaborazione delicata e raffinata, frutto di un attenta riflessione sulle tematiche legate alla preziosità dell acqua. 2 Premio Serena Falcone 1ª A ISTITUTO COM- PRENSIVO Ada Gobetti NONE. Per aver ideato un educativa storia fantascientifica, nella quale un AGENDA febbraio, venerdì sabato e domenica Corso fidanzati 18 febbraio, mercoledì LE CENERI: ore 18 e 21 Ogni venerdì di Quaresima, ore 15 Via Crucis in Chiesa (dal 20 febbraio) 23 febbraio, lunedì Incontro con l Arcivescovo ed i Consigli Pastorali dell UP, ore marzo, mercoledì 8 anniversario inaugurazione Casa di Accoglienza: Messa in Parrocchia con i volontari, ore marzo, martedì Confessioni, ore 21 Il venerdì ci sarà un unica Messa alle ore 9. Nei giorni feriali, in caso di funerale la Messa delle 18 non viene celebrata e le intenzioni vengono riportate nella Messa del giorno seguente. Gli orari della SETTIMANA SANTA saranno pubblicati sul prossimo numero che esce sabato 21 marzo Adesso tocca a voi, è la lettera che l Arcivescovo di Torino, Mons. Cesare Nosiglia, ha consegnato ai ragazzi cresimandi sabato 29 novembre 2014, presso il Duomo di Torino. L incontro con il nostro Arcivescovo è stato seguito dai ragazzi e dagli accompagnatori con silenzio e raccoglimento. L Arcivescovo ha iniziato il suo discorso parlando della sua personale esperienza di ragazzo e di pastore ed ha concluso sottolineando l importanza del sacramento della Cresima, perché ciascun ragazzo, con il dono dello Spirito Santo che riceverà con la Cresima, dovrà vivere l amicizia con Gesù con maturità e impegno. Carissimi ragazzi/e che nel nuovo anno riceverete il Sacramento della Cresima, vi auguriamo che lo Spirito Santo sia fonte di amore e di gioia e vi aiuti nel cammino della vostra vita. Le catechiste Angela, Stefania, Antonella fiaba ideata dalla classe. 3 Premio Classe 3ª A Istituto Adorazione Cadorna Torino Per il messaggio ambientalista reso attraverso una composizione efficace e tecnicamente ricercata. Premio Originalità PARI MERITO Giorgia Opesso 3ª A Istituto Comprensivo S. Pertini Candiolo. Per aver valorizzato creativamente il proprio disegno con un inserto tridimensionale, composto di materiali riciclati. Irene e Marta Giaccone Istituto Comprensivo S. Pertini Candiolo. Per aver rappresentato il ciclo dell acqua con un elaborato fantasioso e in grado di suscitare più di una riflessione sul tema del concorso. Premio Speciale Giuria Sofia Bissacco e Letizia Maina Istituto Comprensivo S. Pertini Candiolo. Per aver realizzato un pettorale prezioso e ricco di elementi, che ricordano il mondo inaridito ricorre a figure aliene per rifornirsi del prezioso bene. 3 Premio Stefano Fontana 3ª C ISTITUTO COM- PRENSIVO Ada Gobetti NONE. Per aver sintetizzato in maniera efficace il valore dell acqua, riserva preziosa per l intero pianeta. Premio tecnica PARI MERITO Simona Rosso 3ª B ISTITUTO COM- PRENSIVO Ada Gobetti NONE. Per l esecuzione tecnica che, grazie ad un chiaroscuro accurato, conferisce volume e profondità al soggetto rappresentato. Anna Bonifazio 1ª A ISTITUTO COM- PRENSIVO Ada Gobetti NONE. Per aver interpretato in maniera decorativa la natura dinamica e multiforme dell elemento acqua. Antonietta e Adriana

6 pag. 6 Sono Charlie NON sono Charlie SIAMO CREATURE DELL UNICO DIO! Conoscere, per poter esprimere pareri equi, per scacciare le paure talora ingiustificate, ma crescenti, a ridosso della tragedia di Parigi. Domenica 18 gennaio, all inizio della Settimana di Preghiera per l Unità dei Cristiani, il nostro Parroco Don Ruggero Marini, in una sala parrocchiale idonea, ha promosso un incontro di preghiera tra la comunità Araba musulmana che ha sede a Torino in via Genova e la nostra comunità cristiana e laica. Il titolo dell incontro era: OLTRE PROVOCA- ZIONI ED INSULTI... Cristiani e Mussulmani a La Loggia si incontrano nel segno del dialogo, dell ascolto, del confronto, della ricerca e del rispetto. Dopo il saluto iniziale del nostro Parroco che, con apertura sociale, ha evidenziato il desiderio che tutti i Figli di Dio vivano in pace nel rispetto reciproco, l Imam dr. Mohammed Bahreddine, ha intonato i canti delle SURE, i salmi del CORANO, spiegando che Dio accetta i credenti che lo seguono, unico messaggio che arriva attraverso tanti incaricati, i profeti, da Adamo fino a Gesù Cristo. Dio ha creato il mondo con uomini e donne e non ci sono differenze tra i popoli, siano essi neri o bianchi; LA DIFFERENZA STA UNICAMENTE NEL PENSIERO DELL UO- MO, IN COSA HA NEL SUO ANIMO; Dio ci ha creati per conoscerci, rispettarci ed amarci. Dio, disse: quelli che seguono i miei ordini hanno la salvezza in terra e poi in paradiso. Scendono gli angeli dal cielo per prendere, al termine della vita, chi ha fatto del bene. Anche noi cristiani, abbiamo proclamato tre salmi il 46, Il Signore è sempre con noi, il salmo 66, Invito a lodare Dio, proclamato coralmente da tutti i presenti ed il salmo 85, Preghiera per la pace e la giustizia, proclamata da Don Ruggero, che ha concluso auspicando l unità delle tre religioni monoteiste perché: INSIEME annunciamo la Parola e la bellezza dell Unico Dio e ne onoriamo la Sua grandezza, nel pellegrinaggio terreno verso l unico Dio come creature oranti, deboli ma forti nel lodare Dio, nella purificazione attraverso il digiuno e nella VERA GUERRA SANTA del CAMBIA- MENTO INTERIORE, Il 10 e l 11 gennaio abbiamo trascorso un week end formativo a Pinerolo. Durante questo ritiro abbiamo provato a capire quali sono le nostre paure, da quelle più semplici a quelle più nascoste e abbiamo provato a capire anche cosa sia la fiducia. Ad accompagnarci, è stato il vangelo di Matteo (14, 22-32). Abbiamo cercato di capire dove si trova Gesù rispetto alla nostra barca, quali sono i nostri dubbi, quali venti contrari ci minacciano e su quali acque Gesù ci chiama a camminare. Abbiamo capito che le nostre paure più grandi, in realtà, ci accomunano molto. La paura di scegliere, di agire, di superare gli ostacoli... ma anche la paura di non farcela, di non essere accettati e giudicati... e poi la paura più grande... Gesù ci sta aiutando? A questo proposito abbiamo letto la poesia Orme sulla sabbia di Margaret Fishback Powers. Spesso, nei momenti di difficoltà, nonostante Ge - sù ci abbia promesso di starci vicini, vediamo che sulla sabbia ci sono solo un paio di orme e pensiamo che ci abbia abbandonati. Non ci rendiamo conto per costruire un mondo dove non si uccida ma, cantando allo stesso Dio, si giunga all unione rispettosa delle differenze e perché aprendo il Libro Sacro, siamo la religione dell UNICO GRANDE LIBRO. Il Presidente del Centro Culturale Arabo ha concluso ricordando i 5 PI- LASTRI DEL CORANO: La testimonianza di fede, Le preghiere rituali, L elemosina, Il digiuno durante il mese di Ramadan, Il pellegrinaggio a La Mecca almeno una volta nella vita per tutti quelli che siano in grado di affrontarlo. Inoltre ci ha cordialmente invitati a visitare il Centro culturale e la Moschea, dichiarando la disponibilità a ripetere questi incontri per instaurare un dialogo, approfondire conoscenze e, pregando l Unico Dio, essere fratelli. Don Ruggero, in qualità di ospitante, ha proposto lo SCAMBIO DI PACE che Fiducia e paura... cosa sono? però, che Gesù mantiene sempre fede alle promesse e, quelle orme che scorgiamo, sono le sue. Proprio così. Perché Lui, nei momenti di difficoltà, ogni volta che cadremo, non ci lascia soli, ma ci prende in braccio e ci accompagna nel nostro cammino. Ci siamo fatti accompagnare anche dalla canzone di Nesli Andrà tutto bene. In questo testo è racchiuso un messaggio fon- ha coinvolto i fratelli arabi con tutti i circa cento loggesi presenti, uniti al Sindaco Sergio Ingaramo e all Assessore alle Politiche Sociali e Istruzione Angela Matarazzo. Momento di gioia permeato dalla dolcezza delle torte offerte dai volontari parrocchiali, sano e giusto coronamento ad un incontro di preghiera rivolta all Unico Dio, affinché la finalità primaria di questa serata, rispetto, pace e fratellanza, contribuiscano, sensibilizzando tutti a lavorare in sinergia, ponendo le basi per una concreta politica sociale comunitaria. Il dialogo tra Islam e cultura europea, non solo affidato a uomini di religione, deve far leva su famiglie e comunità locali, incoraggiandole, assisten - dole e dotandole di strumenti idonei a trasmettere, soprattutto ai giovani, valori e visione capaci di promuovere una cultura di onestà che onori qualità come bontà, sincerità, rispetto, fedeltà e solidarietà. Solide basi per un collante morale che unisca la società multietnica in cui viviamo. Valori essenziali, perché l essenziale è invisibile agli occhi...è visibile solo col cuore! (A. de Saint-Exupery) Gianpiera Manzo Per CPP Liturgia e Preghiera Commissione Liturgia e Preghiera damentale per noi. Possiamo uscire dai problemi e dalle nostre paure soltanto e lottando. Gesù ci chiede di fidarci di Lui. Dobbiamo riuscire ad affrontare gli ostacoli della vita per continuare a camminare e vedere negli altri il sorriso e il volto di Gesù. Da questo ritiro portiamo a casa la voglia di fare, di provare e di affrontare tutto ciò che capita davanti alla nostra barca, bei e brutti momenti. Infine condividiamo con Voi un messaggio che ci è stato regalato in questi giorni e che, ci auguriamo, possiate a vostra volta condividere: la nostra vita cresce nella misura in cui noi la doniamo agli altri (Suor Giusy). I ragazzi del Biennio Comunità San Giacomo - La Loggia Un altra associazione di volontariato è nata a La Loggia! Perché? Per far cosa? Domande legittime se si guarda a: 5 PANI E 2 PE- SCI LA LOGGIA senza sapere che, in realtà, si tratta semplicemente della veste legale che assume finalmente la Caritas loggese. 5P2P sposa appieno i principi fondanti dello spirito cristiano di cui la Caritas, in quanto tale, è permeata: l attenzione agli ultimi e ai più deboli, il servizio attento e premuroso in risposta ai bisogni primari delle famiglie di oggi sempre più oppresse da ingenti difficoltà economiche e sociali, la vicinanza ed il supporto alle svariate forme di sofferenza che percorrono la civiltà odierna, ma non solo. La nuova associazione infatti intende per così dire giocare d attacco, agendo soprattutto sulla prevenzione delle condizioni che innescano il processo di richiesta d aiuto sociale. In altre parole: ci si prefigge di lavorare per precedere le domande e le urgenze, intessendo una fitta rete di collaborazioni e scambi con altri enti e realtà operanti nel medesimo territorio ed in quelli limitrofi e che, come noi, hanno a cuore il miglioramento delle condizioni di vita dei loggesi tutti ed in particolar modo di quelli in stato d indigenza, povertà e disagio. Oltre all attivazione d iniziative mirate al sostegno economico immediato ed alla prima assistenza, come la distribuzione di pasti e pacchi alimentari di cui già si occupa efficacemente la Caritas (vedere agenda allegata) ed i pacchi dono natalizi CARITAS GREETINGS, per la prima volta distribuiti quest anno a diverse famiglie del territorio, verranno messe in campo strategie nuove. Cercheremo infatti di sensibilizzare la popolazione circa le problematiche che affliggono adulti, ragazzi e bambini svantaggiati, di promuovere ed accompagnare all autonomia ed all inserimento sociale e lavorativo le persone in stato di necessità, di valorizzare forme espressive, artistiche e comunicative in un ottica di sostegno culturale, psicologico ed aggregativo per combattere emarginazione e solitudine. Un utopia? Forse. Una grande scommessa, sicuramente! Che necessita di volontari audaci, entusiasti e propositivi o anche solo dotati come noi di tanta buona volontà! Se volete saperne di più scriveteci: - visitate sito: - oppure rivolgetevi in Parrocchia. Aspettiamo anche Te! Pacchi alimentari d aiuto - circa 60/settimana, 157 codificati, martedì Mensa d asporto - circa 50 pasti il mercoledì ed il giovedì Centro d ascolto con don Ruggero - martedì, mercoledì e giovedì mattina. Forniture: accordi con Banco alimentare e Supermercato Gigante + raccolta 2ª Dom Sostegno economico: pagamento bollette, medicine, aiuto per canone affitto, bombole gas Per Caritas/5P2P Loiacono Andrea

7 pag. 7 Un tempo di grazia per verificare il nostro cuore Dal Mercoledì delle ceneri alla Veglia pasquale Comunità Santi Gervasio e Protasio - None CATECHESI 2015 Adulti & Giovani Incontri sulla lettera Evangelii gaudium DONATORI SANGUE PIEMONTE GRUPPO COMUNALE DI NONE Tel SEDI PRELIEVO: VIA BECCARIA 3 (1 piano - c/o Centro medico) e AUTOEMOTECA via Orbassano NONE Calendario 2015 «Lasciatevi riconciliare con Dio!». È questo solenne invito, anzi un imperativo, che convoca la comunità cristiana all inizio del periodo quaresimale: si tratta di una svolta, che viene richiesta per accogliere la rivelazione della misericordia di Dio in Gesù Cristo. Si tratta di una rinuncia a interessi chiusi sulla sola prospettiva mondana ed egoistica, per fare ritorno a Dio e al suo amore che libera, attraverso cui si aprono a noi orizzonti nuovi, capaci di dare luce e senso all esistenza. L invito riguarda certo le singole persone, ma anche la comunità, che nel mondo deve essere segno di possibilità alternative di vita: segno di scelte e comportamenti alternativi alle logiche di dominio e di potere, che mirano a rendere tutto e tutti oggetti di una brama insaziabile, e consumista. Le liturgie quaresimali non dovrebbero essere una memoria puramente individualistica e devozionale di e- venti passati, ma memoria che sconvolge il quieto vivere, memoria di un mistero-progetto che può trasformare l esistenza di persone e popoli: una ripresentazione di ciò che Dio ha fatto e continua a fare per noi. Così diventa efficace la memoria della passione e della risurrezione di Gesù. Allora, attraverso la memoria vissuta di domenica in domenica, il quotidiano può acquistare un nuovo senso e una luce nuova: alla sfiducia e alla rassegnazione può subentrare la speranza di un futuro donato da Dio, il quale dà senso anche a tutti i limitati sforzi e alle insufficienti lotte dell uomo. Quaresima 2015 Mercoledì delle ceneri. Convertitevi e credete nel Vangelo. La conversione coinvolge il cuore e si traduce in un ritorno a Dio fatto di decisioni concrete. Non riduciamo la conversione a semplice esteriorità e a vuoto formalismo. 1ª domenica di Quaresima. Progetto casa-lavoro Da due anni la nostra Comunità ha aderito al Progetto casa proposto dalla Diocesi. Ora si è arricchito di nuove esigenze che vengono dal problema del lavoro diventando così Progetto casa-lavoro. L obiettivo è continuare ad aiutare varie famiglie in difficoltà. Nel 2014 dalla sensibilità di tanti nonesi abbiamo ricevuto la somma di e abbiamo distribuito: (affitti casa); (bollette luce-gas); (sostegno studenti); 2000 (acquisto alimenti). Ancora una volta vediamo che quello che l Ente pubblico non può fare per la fragilità/inadeguatezza delle sue strutture e la lentezza della burocrazia, viene supplito con l esiguità dei mezzi e delle risorse dal volontariato, mosso da ragioni di solidarietà e di carità. La testimonianza della carità non è portata avanti solo dalla nostra Caritas parrocchiale con i suoi volontari, ma da tante persone di buona volontà. A loro va il grazie nostro e di chi beneficia di questa solidarietà. Noi della Caritas non amministriamo cose nostre ma della comunità, perciò accettiamo anche suggerimenti per fare meglio il nostro servizio. E ora richiediamo ancora la fiducia per un altro anno di sostegno a chi fa fatica perché le necessità non sono... finite. A fine febbraio 2015 chi si è impegnato a versare la quota mensile e coloro che vorranno unirsi, al fondo della chiesa troverà un modulo per proseguire ancora nella solidarietà. Non è tanto importante la quantità della cifra, ma la qualità del dono. Grazie di cuore. Franco Scaglia e i volontari Caritas None Centro Medico 1 piano Via Beccaria 3 Orario: feriali 8,00-11,30 - festivi: 8,00-12,00 Donazione Sangue - Domenica 8 marzo - Venerdì 10 aprile Prelievo Plasma e donazione Sangue: - da lunedì 23 a sabato 28 marzo Gli darò salvezza e gloria. Il nostro destino non è retto da un cieco caso, perché in Gesù ha trovato compimento la promessa di alleanza da parte di Dio. Questo dà fiducia anche per superare la tentazione, cioè la sfida del male. 2ª domenica di Quaresima. Il tuo volto io cerco, o Signore. La scena della trasfigurazione di Gesù si conclude con l invito: Ascoltatelo! È attraverso di lui, infatti, che Dio continua a mostrare a noi il suo volto. 3ª domenica di Quaresima. Chi crede in lui ha la vita eterna. La religione è questione di un cuore purificato per vivere la relazione con Dio in modo sincero e libero. Siamo invitati a stare in guardia di fronte ad ogni tentazione di idolatria. 4ª domenica di Quaresima. Esultate, voi che eravate nella tristezza. La vera fede può essere anche fonte di profonda gioia, poiché il Emozionante il Recital di Natale dei giovani del 27 dicembre scorso. Già il titolo era significativo: È nato. Venite adoriamo. Venite accogliamo. Venite abbracciamo. È Dio. Scusa: non ho tempo.. L idea nasce all inizio di quest anno di oratorio, con lo scopo di dare un alternativa all animazione a quei ragazzi che, una volta concluso il cammino catechistico, sono desiderosi di proseguire il loro percorso di crescita. Il Recital di Natale è stato messo in scena con la consapevolezza che la nascita di Gesù è un evento che interessa ogni giorno della nostra vita, non sentirsi ogni volta liberati da Dio ci rafforza e sostiene nel compito quotidiano di rimanere fedeli. Il Signore è sempre fedele alla sua promessa di vita e il suo amore va oltre il nostro peccato. 5ª domenica di Quaresima. Se uno mi vuoi servire, mi segua. Gesù propone di seguirlo. Anche là dove noi sperimentiamo disorientamento e inquietudine Dio è all opera silenziosamente per creare vita nuova. Domenica delle palme e Triduo pasquale. Obbediente fino alla morte. Si può trovare una preziosa chiave di lettura della passione di Gesù: certo, sul piano umano egli venne consegnato come vittima a chi lo crocifisse, ma sul piano divino è Gesù stesso che si consegna liberamente in fedeltà alla sua vita e alla sua missione. don Giancarlo Scusa: non ho tempo! febbraio, ore 17,30 // 26 febb. 20,45 Una Chiesa che evangelizza marzo, ore 20,45 // 11 marzo, 17,30 La dimensione sociale del Vangelo aprile, ore 20,45 // 15 aprile, 17,30 Il bene comune e la pace sociale aprile, ore 20,45 // 29 aprile, 17,30 Lo Spirito dell evangelizzatore Quaresima 2015 Mercoledì 18 febbraio: LE CENERI ore 17,00: Celebrazione per i ragazzi ore 20,30: Celebrazione per tutti Tutti i venerdì di quaresima ore 17,30: Via Crucis ore 18,00: Celebrazione della Messa Venerdì 27 marzo, ore 20,30 Via Crucis cittadina Celebrazioni Sacramenti Ritiro Messa di Prima Comunione Domenica 12 aprile, ore 09,00-17,00 Celebrazioni a gruppi in parrocchia Sabato 18 aprile, ore 18,00 Domenica 19 aprile, ore 10,30 Sabato 25 aprile, ore 18,00 Domenica 26 aprile, ore 10,30 Domenica 3 maggio, ore 10,30 Cresima Domenica 10 maggio, ore 17,00 solo pochi giorni all anno, e che può fornirci molti importanti spunti di riflessione. Partendo dunque dai versetti del Vangelo che raccontano il Natale, abbiamo rielaborato, alla luce delle tendenze del mondo di oggi, gli aspetti che hanno caratterizzato la nascita di Gesù, cercando di offrire spunti stimolanti e attuali, utili non a dare risposte ma a suscitare domande (nessuno ha la Verità in tasca). In particolare, abbiamo invitato le persone a pensare al perché non abbiamo tempo. Tempo per amare, per essere felici, stupirci, sognare tempo per Dio. I ragazzi di 2ª superiore del Gruppo Giovani sono stati i protagonisti indiscussi della recitazione di tutte le otto scene del recital: fatto che è costato loro non poca fatica, poiché lo abbiamo preparato in poco più di un mese. I ragazzi hanno dovuto buttarsi e decidere se mettersi in gioco, affrontando la timidezza e tutte quelle paure e insicurezze Confessioni ragazzi Venerdì 6 marzo, ore 16,00: 1ª media Sabato 21 marzo, ore 09,00: 2ª media Sabato 18 aprile, ore 09,30: 3ª media Sabato 28 marzo, ore 10,00: 4ª elementare Sabato 14 marzo, ore 10,00: 5ª elementare Celebrazione penitenziale adulti/giovani Martedì 24 marzo, ore 20,45 tipiche dell età degli adolescenti! A prescindere quindi dall esibizione di quella sera, il recital si è rivelato uno strumento importante attraverso cui questo gruppo di ragazzi ha potuto confrontarsi e crescere. E ci auguriamo che sia stato così anche per il nostro pubblico attento e caloroso. Elisa Occhipinti Parrocchia Ss. Gervasio e Protasio Tel Fax Orario Sante Messe * Festive: ore 18,00 (prefestiva) ore 08,30-10,30-18,00 (ottobre - giugno) * Feriali: ore 08,00 Ufficio parrocchiale * Martedì - Giovedì - Sabato: ore 9-11 * Mercoledì - Venerdì: ore 17-18,30 * Segreteria: tel * Parroco: don Giancarlo ( ) * Diacono: Franco Scaglia ( )

8 pag. 8 QUARESIMA 2015: RINFRANCATE I VOSTRI CUORI (Gc 5,8) Comunità San Bartolomeo e San Domenico Savio - Vinovo GRAZIE, RENZO dal Messaggio di Papa Francesco Cari fratelli e sorelle, la Quaresima è un tempo di rinnovamento per la Chiesa, le comunità e i singoli fedeli. Succede che quando noi stiamo bene e ci sentiamo comodi, certamente ci dimentichiamo degli altri (cosa che Dio Padre non fa mai), non ci interessano i loro problemi, le loro sofferenze e le ingiustizie che subiscono allora il nostro cuore cade nell indifferenza: mentre io sto relativamente bene e comodo, mi dimentico di quelli che non stanno bene. Questa attitudine egoistica, di indifferenza, ha preso oggi una dimensione mondiale, a tal punto che possiamo parlare di una globalizzazione dell indifferenza. Si tratta di un disagio che, come cristiani, dobbiamo affrontare. 1. Se un membro soffre, tutte le membra soffrono (1 Cor 12,26) La Chiesa La Quaresima è un tempo propizio per lasciarci servire da Cristo e così diventare come Lui. Ciò avviene quando ascoltiamo la Parola di Dio e quando riceviamo i sacramenti, in particolare l Eucaristia. In essa diventiamo ciò che riceviamo: il corpo di Cristo. In questo corpo quell indifferenza che sembra prendere così spesso il potere sui nostri cuori, non trova posto. Poiché chi è di Cristo appartiene ad un solo corpo e in Lui non si è indifferenti l uno all altro. Quindi se un membro soffre, tutte le membra soffrono ; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui (1 Cor 12,26). 2. Dov è tuo fratello? (Gen 4,9) Le parrocchie e le comunità Quanto detto per la Chiesa universale è necessario tradurlo nella vita delle parrocchie e comunità. Si riesce in tali realtà ecclesiali a sperimentare di far parte di un solo corpo? Un corpo che riceve e condivide quanto Dio vuole donare? Un corpo, che conosce e si prende cura dei suoi membri più deboli, poveri e piccoli? O ci rifugiamo in un amore universale che si impegna lontano nel mondo, ma dimentica il Lazzaro seduto davanti alla propria porta chiusa? (cfr Lc 16,19-31). Cari fratelli e sorelle, quanto desidero che i luoghi in cui si manifesta la Chiesa, le nostre parrocchie e le nostre comunità in particolare, diventino delle isole di misericordia in mezzo al mare dell indifferenza! 3. Rinfrancate i vostri cuori! (Gc 5,8) Il singolo fedele Anche come singoli abbiamo la tentazione dell indifferenza. Siamo saturi di notizie e immagini sconvolgenti che ci narrano la sofferenza umana e sentiamo nel medesimo tempo tutta la nostra incapacità ad intervenire. Che cosa fare per non lasciarci assorbire da questa spirale di spavento e di impotenza? In primo luogo, possiamo pregare nella comunione della Chiesa terrena e celeste. Non trascuriamo la forza della preghiera di tanti! L iniziativa 24 ore per il Signore, che auspico si celebri in tutta la Chiesa, anche a livello diocesano, nei giorni 13 e 14 marzo, vuole dare espressione a questa necessità della preghiera. In secondo luogo, possiamo aiutare con gesti di carità, raggiungendo sia i vicini che i lontani, grazie ai tanti organismi di carità della Chiesa. La Quaresima è un tempo propizio per mostrare questo interesse all altro con un segno, anche piccolo, ma concreto, della nostra partecipazione alla comune umanità. E in terzo luogo, la sofferenza dell altro costituisce un richiamo alla conversione, perché il bisogno del fratello mi ricorda la fragilità della mia vita, la mia dipendenza da Dio e dai fratelli. Se umilmente chiediamo la grazia di Dio e accettiamo i limiti delle nostre possibilità, allora confideremo nelle infinite possibilità che ha in serbo l amore di Dio. E potremo resistere alla tentazione diabolica che ci fa credere di poter salvarci e salvare il mondo da soli. Qualche data significativa per i Vinovesi (potete tenervi aggiornati anche su Facebook: Cristiani a Vinovo ) LE CENERI Mercoledì 18 febbraio A San Bartolomeo ore Liturgia della Parola ore 18 S. Messa ore S. Messa A San Domenico Savio ore 8.30 S. Messa ore Liturgia della Parola ore Liturgia della Parola LECTIO DIVINA Mercoledì 25 febbraio Mercoledì 11 marzo A San Bartolomeo ore A San Domenico Savio ore PREGHIERA DIOCE- SANA dei RAGAZZI Sabato 7 marzo CELEBRAZIONI PENITENZIALI COMUNITARIE A San Domenico Savio Mercoledì 25 marzo ore A San Bartolomeo Giovedì 26 marzo ore ORE per il SIGNORE (Adorazione e possibilità di Confessioni) secondo l invito di Papa Francesco marzo Renzo Viola ha iniziato a rendersi disponibile per il Cinema Parrocchiale nel secondo dopoguerra (il Sacro Cuore di don Pietro Donadio, precedente all attuale, frutto della ristrutturazione messa in atto da don Gerardo Russo negli anni 70). Solo l aggravarsi della malattia, negli ultimi mesi, gli ha impedito di continuare il servizio, proseguito ininterrottamente per più di sessant anni. Il Signore lo ha chiamato a sé l 8 gennaio Ne abbiamo ammirato la generosità, la cultura, la discrezione, la competenza, l umiltà, la fede. Speriamo di essere all altezza di cotanto esempio. Grazie, Renzo. In questi anni il sorgere di nuovi complessi abitativi e il ricambio familiare ha parzialmente rinnovato e aumentato la popolazione di queste due borgate vinovesi. A partire dalle esigenze e dalle proposte di alcune famiglie la Parrocchia e l Amministrazione Comunale stanno studiando come creare piccoli spazi di ritrovo. Il giornale potrebbe essere un ulteriore strumento di collegamento tra le famiglie della zona e tra la zona e il centro di Vinovo? Noi crediamo di sì provando a collaborare. Accogliamo per questo nelle righe che seguono la testimonianzainvito di Felice: Di Tetti Grella ho un ricordo particolare. Da ragazzino, nel 1954, facevo il pa- TETTI GRELLA E TETTI BORNO nettiere e portavo il pane nelle famiglie con una bici a torpedo e la cesta del pane sul manubrio. A quel tempo non c erano recinzioni e citofoni, arrivavo nei cortili e urlavo il nome. Ne ricordo ancora alcuni: Vittone (l alpino), Avataneo, Mola, Solavagione, Paschetta, la meisinoira Poi a Tetti Borno, passando sulla pianca tutti i giorni (con la pioggia, la neve, il caldo) dove qualche volta vedevo un sacerdote che lavorava il giardino davanti alla chiesa. In estate c era un cavallo bendato che girava attorno a un pozzo per estrarre l acqua attraverso un marchingegno per irrigare l orto dei coltivatori: gente tranquilla che lavorava. Ora in quel terreno ci sono le ville a schiera e le altre case sono state ristrutturate, ma al di là di questo non vedo altro e ognuno va per la sua strada. Non c è un negozio, un servizio qualunque (compresa la navetta), un ritrovo (ad eccezione di qualche rosario nel mese di maggio al pilone e una messa a Tetti Borno). Da qualche anno viene recapitato il giornale INSIEME. Ora l unico volontario che lo porta a Tetti Grella ha chiesto un aiuto; a sua volta don Marco ha inviato 150- centocinquanta lettere a ogni famiglia presente nel territorio, senza ricevere l aiuto da nessuno. Mentre a Tetti Borno lo sta portando la signora Mola. Nel giornale INSIEME traspare la figura di Gesu Cristo che dopo i 10 comandamenti è stato l unico a dare inizio alla riforma sociale, umanitaria, caritativa. L unico che ebbe parole di un Amore universale e che ebbe parole di vita eterna. INSIEME è un giornale con notizie della comunità, dello sport, di attualità, e dei nostri cari, che richiede l impegno nel recapitarlo di 3-tre ore all anno. Sarebbe dunque utile collaborare con questa buona opera, riscoprendo le nostre radici. Purtroppo nei servizi uno non sa da dove incominciare. Nel riconoscersi nella fede non c è niente di più facile che recitare il Rosario al pilone (per chi può venire) per tutto il mese di maggio, e poi si vedrà. Felice D

9 pag. 9 L angolo del Prevosto Comunità San Bartolomeo e San Domenico Savio - Vinovo IL TESTAMENTO DI UN UOMO DI DIO Molto, se non troppo, è stato scritto a proposito dei fatti di Parigi. Il nostro mondo è così carico di informazioni che rischiamo di faticare a fare analisi (perché le notizie si rincorrono e non abbiamo il tempo di elaborarle) e discernimento (perché serve mitezza per poter provare ad esprimere dei giudizi). In quei giorni mi è tornato alla mente il testamento di uno dei monaci di Thibirine, in Algeria, morti nel I giornalisti non erano monaci. Anzi, si vantavano della loro libertà di prendere in giro ogni tipo di riferimento religioso. Padre Christian ci aiuta a capire come un uomo di Dio può arrivare ad affrontare anche una morte violenta, che rimane incomprensibile e, di conseguenza, ingiustificata. Sempre. Se mi capitasse un giorno e potrebbe essere oggi di essere vittima del terrorismo che sembra voler coinvolgere ora tutti gli stranieri che vivono in Algeria, vorrei che la mia comunità, la mia Chiesa, fatti, come potrei rallegrarmi del fatto che questo popolo che io amo venisse indistintamente accusato del mio assassinio. Sarebbe pagare a un prezzo troppo alto ciò che verrebbe chiamata, forse, la grazia del martirio, doverla a un Algerino, chiunque sia, soprattutto se egli dice di agire in fedeltà a ciò che crede essere l Islam. So di quale disprezzo hanno potuto essere circondati gli Algerini, globalmente presi, e conosco anche quali caricature dell Islam incoraggia un certo islamismo. È troppo facile mettersi la coscienza a posto identificando questa via religiosa con gli integrismi dei suoi estremismi. L Algeria e l Islam, per me, sono un altra cosa, sono un corpo e un anima. L ho proclamato abbastanza, mi sembra, in base a quanto ho visto e appreso per esperienza, ritrovando così spesso quel filo conduttore del Vangelo appreso sulle ginocchia di mia madre, la mia primissima Chiesa proprio in Algeria, e, già allora, nel rispetto dei credenti musulmani. La mia morte, evidentemente, sembrerà dare ragione a quelli che mi hanno rapidamente trattato da ingenuo, o da idealista: Dica, adesso, quello che ne pensa!. Ma queste persone debbono sapere che sarà finalmente liberata la mia curiosità più lancinante. Ecco, potrò, se a Dio piace, immergere il mio sguardo in quello del Padre, per contemplare con la mia famiglia, si ricordassero che la mia vita era donata a Dio e a questo paese. Che essi accettassero che l unico Signore di ogni vita non potrebbe essere estraneo a questa dipartita brutale. Che pregassero per me: come essere trovato degno di una tale offerta? Che sapessero associare questa morte a tante altre ugualmente violente, lasciate nell indifferenza dell anonimato. La mia vita non ha valore più di un altra. Non ne ha neanche di meno. In ogni caso non ha l innocenza dell infanzia. Ho vissuto abbastanza per sapermi complice del male che sembra, ahimè, prevalere nel mondo, e anche di quello che potrebbe colpirmi alla cieca. Venuto il momento, vorrei poter avere quell attimo di lucidità che mi permettesse di sollecitare il perdono di Dio e quello dei miei fratelli in umanità, e nello stesso tempo di perdonare con tutto il cuore chi mi avesse colpito. Non potrei augurarmi una tale morte. Mi sembra importante dichiararlo. Non vedo, inlui i Suoi figli dell Islam così come li vede Lui, tutti illuminati dalla gloria del Cristo, frutto della Sua Passione, investiti del dono dello Spirito, la cui gioia segreta sarà sempre di stabilire la comunione, giocando con le differenze. Di questa vita perduta, totalmente mia e totalmente loro, io rendo grazie a Dio che sembra averla voluta tutta intera per questa gioia, attraverso e nonostante tutto. In questo grazie in cui tutto è detto, ormai della mia vita, includo certamente voi, amici di ieri e di oggi, e voi, amici di qui, a mio padre e a mia madre, alle mie sorelle e ai miei fratelli, e a loro, centuplo regalato come promesso! E anche te, amico dell ultimo minuto che non avrai saputo quel che facevi. Sì, anche per te voglio questo grazie, e questo a-dio nel cui volto ti contemplo. E che ci sia dato di ritrovarci, ladroni beati, in Paradiso, se piace a Dio, Padre nostro, di tutti e due. Amen Inch Allah. Algeri, 1 dicembre 1993 Tibihrine, 1 gennaio Esperienze di vita Nigeria: massacro Jiadista. Oltre 2000 morti Loro non hanno avuto la stessa attenzione dei 17 morti diparigi Il peggior massacro nella storia dei Boko Haram, così ha definito Amnesty International l eccidio che si è consumato in Nigeria, mentre tutti i riflettori del mondo erano puntati su Parigi. Due attacchi in meno di una settimana nel municipio di Baga, lungo le rive del lago Ciad, nel nord-est nigeriano. Sedici villaggi sono stati rasi al suolo dalla milizia integralista islamica Boko Haram che ha trucidato almeno 2000 persone sui 12 mila abitanti che vivono in quell area, ammazzati uno a uno a colpi d arma da fuoco o con i machete, uomini anziani, donne e bambini inseguiti nelle strade e nella foresta, finiti dopo essere stati atrocemente mutilati. Le testimonianze raccolte tramite i sopravvissuti sono da incubo. I morti non si riescono a contare, anche perché si spera che tra coloro che mancano all appello qualcuno sia riuscito a salvarsi attraversando le frontiere con il Ciad e con il Camerun. Ma anche perché decine di cadaveri restano abbandonati nelle strade senza che nessuno abbia il coraggio o la forza di seppellirli. I miliziani di Boko Haram hanno attaccato una seconda volta la popolazione di Baga giovedì scorso, senza incontrare alcuna opposizione per- ché le forze di sicurezza, distaccate in una vicina base militare, erano scappate al primo attacco degli integralisti, avvenuto sabato scorso. Alcuni residenti della zona che hanno cercato scampo dirigendosi verso la capitale dello stato di Borno, Maiduguri, hanno raccontato alla stampa che i miliziani hanno attaccato, saccheggiato, ucciso chiunque incontrassero sulla loro strada, bruciato i villaggi radendoli praticamente al suolo. Qualcuno riporta che molti sono fuggiti a bordo di piccole imbarcazioni affrontando le acque del lago Ciad, sono riusciti a raggiungere alcuni isolotti prima che le barche affondassero e da giorni sono privi di qualunque mezzo di sussistenza. Stanno morendo di fame e di stenti, ha raccontato un ragazzo aggiungendo che la stessa sorte stanno vivendo nella foresta feriti e anziani. Altri testimoni della mattanza raccontano che durante la fuga hanno visto centinaia di cadaveri sparsi per le strada. Tutti i villaggi sulle rive del lago Ciad sono stati distrutti, Baga è diventata una zona fantasma sotto controllo di Un massacro senza precedenti ha visto i terroristi islamici nigeriani Boko Haram massacrare persone nel nord-est distruggendo la citta di Baga. Lo riferiscono fonti di Abuja citate dalla Bbc. Boko Haram. Sabato scorso il gruppo integralista aveva attaccato una base che ospitava militari di diversi paesi, messa su originariamente per fare fronte al crimine internazionale attivo nella zona del lago Ciad, le cui acque sono condivise tra Nigeria, Niger, Ciad e Camerun, successivamente la base avrebbe dovuto essere utilizzata per combattere Boko Haram. Tuttavia, a causa della crescente pressione del gruppo sulla zona costiera, le unità degli altri tre paesi si erano da tempo ritirati, secondo quanto dichiarato dal capo delle forze armate nigeriane, maresciallo Alex Barde. Non si sa però che fine abbiano fatto le forze nigeriane che, comunque, erano rimaste a presidiare la base. Il maresciallo Barde non ha offerto dettagli sull attacco, ha solo assicurato che l esercito nigeriano tenterà di organizzare una operazione per recuperare la base quanto prima possibile. Nella sua campagna per stabilire un califfato islamico nel nord-est della Nigeria, Boko Haram ha ucciso oltre persone dal 2009, da quando ha iniziato il suo scontro con il governo nigeriano guidato dall inetto presidente Goodluck Jonathan. Il prossimo 14 febbraio il paese dovrà affrontare le elezioni legislative e presidenziali e, quasi quotidianamente, si segnalano assalti da parte di Boko Haram. Gli ultimi due però, di sabato e giovedì scorso, secondo le testimonianze sono stati tra i più cruenti. I jihadisti di Boko Haram, il cui nome tradotto significa l educazione occidentale è sacrilega, sono finiti sotto i riflettori internazionali per i rapimenti di massa, soprattutto di giovani studentesse (aprile 2014), molte delle quali non sono mai state rilasciate e di cui non si hanno notizie da mesi. Anche in questo caso il presidente Buonafortuna non è riuscito a fare nulla, e questi ultimi massacri nel cuore dell Africa, costati la vita ad oltre 2000 nigeriani, hanno trovato ben poca attenzione sui media internazionali, quasi tutti esclusivamente puntati sui tragici fatti di Parigi. Fonte: popoffquotidiano.it

10 pag. 10 Un Chisola da Record Idee, proposte e varie L Educazione... al denaro Si chiude l anno 2014, ed è tempo di bilanci e considerazioni anche per la società Asd Chisola Volley che non conta i debiti, i crediti o tutto ciò che riguarda la parte amministrativa ma solamente le soddisfazioni... tante soddisfazioni. A partire dalle squadre non si può che parlare della serie C femminile che con un organico tutto giovane si trova in solitaria in testa alla classifica con un occhio scherzoso verso un serie B mai stata così vicina. La squadra guidata dal coach Perrotta ha inoltre centrato la final four di coppa Piemonte a dimostrazione che lo staff e le atlete sono all altezza di ogni competizione. Il gruppo della prima divisione ed under 16 femminile guidato dal coach Viola con l importantissimo aiuto del futuro allenatore Marulli, può vantare oltre al primato in tutti e due i campionati anche l imbattibilità nelle gare fino ad ora disputate. Nel maschile il nuovo progetto di crescita del settore giovanile gestito dal duo De Palo e Casamassa, festeggia la fine dell annata nel campionato under 15 con un ottimo secondo posto alle spalle del solito ed irraggiungibile Cuneo, mentre nel campionato under 16 un momentaneo terzo posto in attesa di recuperare alcune gare che potrebbe proiettare il Chisola verso la testa della classifica. Le mini atlete dell under 13 femminile del coach Durando imitano le grandi e come loro guidano il proprio campionato sognando un giorno di poter crescere oltre che in altezza anche in mentalità e tecnica. Con i campionati in previsione a Gennaio 2015 le under 13 e 12 maschili della coppia Casamassa e Merlone ed under 12 femminile del solito Viola non sono state inattive ma forti in realtà di molte partecipazioni a tornei, concentramenti e manifestazioni proprio per arrivare più che pronti all inizio della prima gara di federazione. Tutte le volley school hanno dato poi vita all ormai consueta festa di fine anno che ha visto la partecipazione dei suoi 80 atleti tutti riuniti all interno del palazzetto di Candiolo con un pubblico da stadio a farne da cornice. Tanto gioco, regali, sottoscrizione a premi e lo sport della pallavolo come ospite speciale hanno impresso nelle menti di tutti coloro che han potuto partecipare tanto amore e devozione verso questa realtà societaria. La sera stessa tutte le squadre, allenatori, dirigenti, direttivo e genitori si sono ritrovati presso il King s Junior di Candiolo per scambiarsi gli auguri di un buon Natale e felice anno nuovo con davanti a sè un giro pizza infinito. Il Presidente Marco Dabbene coglie l occasione di invitare tutti i lettori ad avvicinarsi a questa atmosfera che oltre ad offrire lo sport ad atleti di tutte le età, avvicina sempre più nuove passioni attraverso concorsi, manifestazioni, studio e molte altre attività. Allo stesso tempo l invito viene esteso anche alla presenza del popolo candiolese ed intorni, alle gare in programma al palazzetto dello sport di Candiolo, perché sempre più le imprese chisoline stanno dando soddisfazioni oltre che alle atlete, la società e tifosi anche a tutta la comunità grazie al nome Asd Chisola Volley portato con onore e fierezza in tutto il Piemonte. Andrea Laruffa Ragazzi non è un gioco ridursi all ultimo respiro. Una circolare inquietante è presente in molte scuole rivolte ai giovani fra i nove e sedici anni per una pratica in cui si perdono i sensi esercitando una pressione sulla carotide. I ragazzi vi ricorrerebbero per saltare le lezioni e per la sensazione che si proverebbe al risveglio. Ma attenzione: chi ci casca rischia la vita. Che bella scoperta. Vogliamo fare qualche nome? John Dalton uno dei fondatori della chimica moderna visse in evangelica povertà impegnandosi tutta la vita nella chiesa di cui faceva parte. Albert Eisten non escluse mai l opera di Dio nella creazione. Francesco Faà di Bruno, matematico. Sacerdote, lo troviamo addirittura fra i beati della chiesa cattolica. Seguono molti altri Lo sapevate? Sarà il timore che iniziamo a copiare gli asiatici con lo scambio di soldi che caratterizza il capodanno cinese che questo inverno mi è partito l embolo! Da quest ultimo atteggiamento umano osservato un po in giro di recente ho iniziato a pensare un po più seriamente a cosa vogliamo insegnare ai nostri figli a riguardo del denaro ed ora che sono di ritorno nel mio piccolo avamposto cinese tento di buttar giù qualche pensiero a riguardo. Credo che uno dei segreti dell educazione sia quello di individuare i tempi. Con i figli piccoli è importante che ignorino cosa sia il denaro. Questo perché se gli diamo troppa importanza sin dall inizio lo eleveranno a valore primario conferendogli anche una nobiltà che non possiede. Purtroppo oggi le banche propongono conti risparmio sin dalla nascita e forse ancor prima, ahimè. Temo che sia un errore che insegnerà silenziosamente ai bambini ad averne reverenza, che lo situerà in uno stato superiore ad altri valori spirituali di cui invece si parla molto meno. Il risparmio è importante soprattutto in questi tempi ma è cosa da grandi metter via i soldi. Ai bambini forse sarebbe meglio insegnare come spenderli sensatamente quei pochi che gli appartengono, magari frutto del passaggio del topino dei denti, dando loro anche la possibilità di sperimentare come gli oggetti una volta acquistati perdano spesso di importanza. Pian piano sulla base dell esperienza costruiranno il pensiero che il denaro ha anche un aspetto di impotenza in quanto per la realizzazione dei desideri più veri, legati alle relazioni tra persone, esso è inutile. Crescendo è importante poi fargli capire che il denaro appartiene a noi quanto a loro perché come tutti i beni è cosa comune della famiglia e come tale necessita un uso responsabile e entro certi limiti condiviso. Talvolta anche sbagliare un acquisto ha il suo valore educativo. Parlo per esperienza diretta purtroppo. Mio figlio di 15 anni ha infatti appena comprato in autonomia per la prima volta una felpa. Orrenda. Non solo per i colori che non so in quale stato mentale lo stilista possa averla disegnata ma anche per la qualità del tessuto. Poco alla volta se ne sta rendendo conto ma il risultato è che avendo a disposizione il denaro per comprare due felpe nuove per l inverno ora andrà in giro con una davvero informe per i prossimi mesi. Dal canto mio dovrò solo resistere alla tentazione di comprargliene un altra o di far finta di non esser sua madre. Vengo da una famiglia assolutamente nella norma e ringrazio i miei genitori per avermi insegnato ad esser libera rispetto al denaro. Quando si poteva si andava in vacanza, anche in posti belli ma alcuni anni siamo stati in campagna dalla nonna senza che questo mi facesse sentire povera. Con i miei figli, vivendo in questo periodo di maggior tentazione al consumismo mantenere la rotta non è così semplice infatti ho da poco scoperto dalla maestra che la nostra piccola di sei anni ha inventato di esser andata in Thailandia per un lungo week end. Ciò implica che non possiamo perder la concentrazione perché appena si volge un po lo sguardo da un altra parte loro sconfinano in lidi esotici e pericolosi. La strada è ancora lunga con lei quindi ho speranza di corregger il tiro. Coi figli un po più grandi mi piacerebbe riuscire nel grande obiettivo di insegnargli ad esser generosi con il prossimo e un po più sobri con noi stessi. Su questo punto si va in cordata ed ogni volta che ognuno di noi cade anche solo di un po tira giù anche gli altri... quindi massima allerta. Non credo sia giusto dar loro dei soldi come premio per il loro studio, in verità si presenta raramente l occasione quindi son fortunata. Neppure per i lavoretti domestici diamo loro denaro perché credo che la vita familiare comporti la libera e necessaria presenza di tutti. Sulla partecipazione volontaria ci stiamo ancora lavorando, siamo talvolta ancora nella fase del ricatto ma spero vivamente di poter raggiungerne uno più politically correct. A nessun genitore piace agire così barbaramente ma spiegarlo ai figli in certe fasi non sembra possibile. Poi però magari passa un mese e si raggiunge il livello superiore, sia come adulti che come bambini, si cresce. Teniamo alta la guardia perché il denaro non diventi sempre più il Dio di tutte le grandi occasioni di festa. Simona Obialero Shanghai, Cina è l Irisina che sveglia la mente di chi fa sport. Questa sostanza prodotta dal corpo in movimento potenzia memoria e ragionamento. Segue un altra cura, spiega il dottor Bruce Spiegelman, quella di una sostanza BDNF che ha la funzione di far crescere le cellule del cervello. Felice D. Cureremo l alzheimer. La straordinaria scoperta sui benefici effetti dell attività fisica per il cervello

11 pag. 11 Ricordi e varie Ricordiamo i nostri cari Le fotografie pubblicate sono portate in REDAZIONE o nelle rispettive PARROCCHIE dalle IMPRESE FUNEBRI indicate sotto la foto, dai FAMILIARI, AMICI o CONOSCENTI che desiderano ricordare i propri cari anche pubblicando la fotografia sul giornale INSIEME CASALATI ALBERINO 11/08/ /12/2014 CHIRIOTTO FRANCESCO 16/12/ /11/2014 CIOCCHETTI NATALE 17/12/ /11/2014 CUTULI DOMENICO 10/09/ /12/2014 GATTI EMMA (IRMA) ved. AGOSTO 07/05/ /12/2014 GHIONE FRANCESCA in CORNAGLIA 12/10/ /12/2014 Parr. S. Giacomo - La Loggia Parr. Natività M.V. - Piobesi T.se Parr. S. Dom. Savio - Garino Parr. S. Giacomo - La Loggia PAGOTTO GIOVANNI 12/01/ /01/2015 PAGLIUZZI GIUSEPPE 01/03/ /11/2014 MARGIANI ALDO 25/09/ /01/2015 MARCELLINO BERNARDINO 26/07/ /12/2014 LUCCHIARI MARY ved. POZZATI 25/08/ /11/2014 GHIRARDELLO ZAIRA ved. RIBERTO 29/11/ /12/2014 Parr. Natale del Signore - Torino Parr. S. Giacomo - La Loggia Parr. Natività M.V. - Piobesi T.se Parr. SS. Trinità - Nichelino AGGERO PAOLO CESARE 10/12/ /01/2015 ASTORINO SANTO 04/11/ /11/2014 SIBONA GIOVANNA in DOMENINO 29/09/ /12/2014 ROLLE MICHELINA ved. OLIVERO 08/07/ /12/2014 PRONE ANGELA ved. RONCO 07/06/ /11/2014 FORNO EMMA ved. BUSSO 29/01/ /01/2015 Duomo - Carignano Parr. S. Giov. Battista - Candiolo Foto portata dal figlio Elio ANNIVERSARIO A due anni dalla sua scomparsa vogliamo ricordare con immutato affetto IMPRESE FUNEBRI RIUNITE - DAL 1979 DI VIOTTO FLAVIO - RAZZETTI MARCO - ROLFO PAOLO NONE via Roma 6 Tel SAN REMIGIO Carignano Via Umberto I n 39 Tel LA LOGGIA La Loggia Via Bistolfi n 29 Tel DRESDO GIUSEPPINA I Familiari LA VINOVEISA Vinovo Via Marconi n 70/A Tel LA CANDIOLESE Candiolo Via Roma n 5/A Tel OSASIO ABITAZIONE TEL LA PIOBESE Piobesi T.se Via Magenta n 2 Tel

12 pag. 12 Corso di Formazione gratuito per nuovi volontari a Candiolo Dare aiuto ad una vita segnata dalla malattia aiuta a dare un senso alla nostra vita. L ANAPACA è un associazione onlus di volontariato che dal 1980 offre assistenza amicale gratuita ai malati di cancro ed ai loro familiari. Svolge un servizio di assistenza nei day hospital e nei reparti di oncologia di molti ospedali distribuiti sul territorio di Torino e provincia ed è anche presente al domicilio del malato su richiesta. ANAPACA, FPO IRCCS organizzano un corso di formazione gratuito per nuovi volontari destinati ad aiutare i pazienti dell Istituto di Candiolo. Questo Corso inizierà l 11 marzo 2015 alle 17,30 presso l Istituto stesso. Per ulteriori informazioni e adesioni, telefonate allo (segreteria Anapaca martedì, mercoledì, giovedì dalle ore 9 alle ore 12) oppure al (Carla, responsabile gruppo volontari di Candiolo). ANAPACA onlus Il Presidente dott. Mario Airoldi Metti un giorno al Teatro Regio di Torino Era il 24 gennaio 2015, per tanti un sabato qualunque, ma non per i nostri musici: un giorno che passerà alla storia della nostra Filarmonica! Un grande spettacolo dal titolo Un Amore moderno da 200 anni, all insegna della professionalità, ma con una straordinaria carica comunicativa! Con queste caratteristiche, di fronte ad un pubblico di 1500 persone, tra autorità religiose, civili e militari e la Grande Famiglia Salesiana, presente in ben 132 paesi, sono filate via le tre ore di spettacolo al Teatro Regio, che hanno aperto a livello nazionale, le celebrazioni per i 200 anni dalla nascita di S. Giovanni Bosco. Un evento per riflettere su cosa possano fare gli adulti per il bene più prezioso delle società: i giovani. La divertente e garbata conduzione di Gigi Cotichella, la sapiente regia di Simone Lotrionte, un nostro giovane candiolese, l emozionante monologo in piemontese dell attrice Laura Curino, l affettuoso e divertente ricordo di un infanzia all oratorio di Giacomo Poretti: ma fra tutti questi interventi, i grandi protagonisti sono stati i giovani (c erano anche delle ragazze di Candiolo!). Alla nostra Filarmonica è toccato il compito di aprire lo spettacolo, con gli inni a Don Bosco e l inno di Mameli: ed è stata veramente una grande emozione! Ma qualcuno forse penserà: come avete fatto ad arrivare su quel grande palco! Semplicemente grazie al ricordo lasciato un anno fa quando abbiamo eseguito un bel concerto al Teatro Valdocco. Per questo dobbiamo dire grazie al grande impegno dei nostri musici e del maestro Fabio Banchio, alla sua professionalità, perché in tutti questi anni è riuscito a valorizzare in modo semplice le capacità dilettantistiche di tutti i componenti della Filarmonica Candiolese. Come ricordava il sindaco di Torino e il nostro Arcivescovo Cesare Nosiglia, Educare vuol dire testimoniare con la propria vita, come ha fatto Don Bosco; solo così si può incrociare il cuore dei ragazzi! Nel ricordo e nella testimonianza della strada percorsa da questo grande Santo torinese, il suo impegno in tutti i campi sociali, un punto assoluto in campo educativo, come ha scritto nel suo messaggio il presidente emerito Giorgio Napolitano, abbiamo ricevuto nel nostro piccolo un motivo di fiducia e di speranza per un mondo migliore, in un futuro che assicuri lavoro e dignità per tutti. Angioletta Faule Associazione Medjugorje Torino Pellegrinaggio a Medjugorje aprile 2015 Il programma prevede: La guida di accompagnatori qualificati e di un sacerdote. A tutti i partecipanti viene dato in omaggio il libro Convertitevi e pregate sussidio valido sia durante il pellegrinaggio che dopo il ritorno a casa.. Partecipazione alle funzioni religiose previste dalla Parrocchia di Medjugorje con tutti i pellegrini provenienti dalle diverse parti del mondo. Salita al Monte Podbrdo (collina delle Apparizioni). Salita al Monte della Croce (Krizevac) con preghiera della Via Crucis. La testimonianza di un veggente o di un testimone locale (quando è possibile). Possibilità di incontro con una delle Comunità religiose del luogo, segno evidente dei frutti di Medjugorje Aprile STANDARD 6 giorni Partenza mattino presto da Candiolo. Arrivo a Medjugorje per il pranzo del giorno dopo, ed inizio del trattamento di pensione completa. Lungo il percorso, sia all andata che al ritorno, pranzo libero e sosta per cena e pernottamento, incluso. Per informazioni e prenotazioni rivolgersi a: Paola Bressan e Franco Rubino Partenza da CANDIOLO Con almeno 10 partecipanti Prenotazioni fino ad esaurimento posti Viaggio effettuato da OT- TAGONO VIAGGI Str. Carpice 10 Moncalieri DOTT. VALENTINO DE MARIA MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA DENTISTA Territorio CURE PROTESI DENTALI DETARTRASI IMPIANTI VISITE E PREVENTIVI GRATUITI VIA BRIGNONE 11 NONE A. V. A. S. ASSOCIAZIONE VOLONTARI AUTONOMA DI SANGUE Date prelievi: sabato 29 novembre 2014 sabato 28 febbraio 2015 sabato 30 maggio 2015 sab. 29 agosto 2015 sab. 28 nov Sede del prelievo: via GOBETTI Comune - Candiolo Orario: 8,00-11,00 TEL Piazza 2 Giugno n VINOVO Visite e prelievi in sede. Calendario prelievi: domenica 15 febbraio 2015 sabato 25 aprile 2015 Usa bene il tuo tempo: aiutaci a salvare vite umane! Donando il tuo sangue avrai anche un controllo sul tuo stato di salute! VIENI, l AVIS è con TE! DUE FIRME per AIUTARE TANTI senza pagare NULLA L 8xmille ed il 5xmille sono due firme che non ti costano nulla e consentono di destinare una parte delle tue tasse versate allo Stato a CHI VUOI FIRMA PER LA CHIESA CATTOLICA nell apposito spazio dell 8xMILLE, in questo modo farai molto per tanti CASA DI ACCOGLIENZA LA MADONNINA di Candiolo ONLUS per parenti e malati di cancro in cura 5xmille - Firma e scrivi il numero

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Parrocchia Immacolata Concezione CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Come già indicato anche nel progetto annuale,

Dettagli

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014

DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 CENTRO PARROCCHIALE OSNAGO PROGRAMMA DICEMBRE IN ORATORIO S. NATALE 2014 È Natale È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli