Occidente. conquista. Le nuove economie alla dell. Con fusioni e acquisizioni i Paesi emergenti cambiano il volto della finanza mondiale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Occidente. conquista. Le nuove economie alla dell. Con fusioni e acquisizioni i Paesi emergenti cambiano il volto della finanza mondiale"

Transcript

1 Mondo La strada della globalizzazione Con fusioni e acquisizioni i Paesi emergenti cambiano il volto della finanza mondiale Non ci sono solo i Bric. Oltre a BRASILE, INDIA e CINA che mostrano performance che cancellano la crisi, alla ribalta internazionale si affacciano nuovi Paesi, dal MESSICO alla TURCHIA passando per VIETNAM e INDONESIA. Per conquistare avamposti commerciali e marchi di prestigio. Mentre l AFRICA si delinea come prossima frontiera dello sviluppo di Ugo Bertone Le nuove economie alla dell conquista Occidente 16 OUTLOOK OUTLOOK 17

2 Jim O Neill, chief economist di Goldman Sachs, è l inventore dell acronimo «Bric» (Brasile, Russia, India, Cina) che riunisce i principali Paesi emergenti: sua l intuizione quasi dieci anni fa che il futuro dell economia avrebbe viaggiato in quella direzione Vietnam (sopra) e Turchia (pagina a fianco) sono alcune tra le realtà economiche mondiali maggiormente in crescita Proviamo a mettere le lancette dell'orologio indietro di dieci anni, alla vigilia dell'anno Duemila. Ve la ricordate l'ansia per il Millennium Bug, ovvero il rischio che i computer potessero andare in tilt perché non era stato previsto il salto nel nuovo secolo? Viene quasi da sorridere a ripensare a quell'allarme virtuale di un'epoca che, due lustri dopo, ci appare davvero remota. «All'inizio del nuovo millennio», ricorda Niall Ferguson, brillante storico dell'economia docente ad Harvard, «il New York Stock Exchange era al centro di un vasto network economico americano sia nello spirito che, in larga misura, nella proprietà». Solo i più incontentabili sottolineavano i potenziali talloni d'achille del potere Usa: la fragilità delle dot.com, vetrina della new economy, e la crescita esponenziale dell'indebitamento delle famiglie cui, però, faceva da contraltare l'ottima congiuntura della finanza pubblica americana. Soprattutto, sembrava che il capitalismo avesse trovato una sorta di formula magica: il denaro a buon mercato, negli States, consentiva alle famiglie di sostenere sia i mutui per gli investimenti nell'immobiliare sia un alto livello di consumi di merci sempre più convenienti, grazie alle fabbriche cinesi e ai servizi in outsourcing, gestiti dalle software house indiane. Questo quadretto, si sa, è andato velocemente in crisi. Meno di venti mesi dopo il San Silvestro del 2000 in Times Square, i cieli di New York sono stati squarciati dall'attentato alle Torri Gemelle. In quel momento, a Londra Jim O'Neill, chief economist di Goldman Sachs (una delle più grandi e affermate banche d'affari del mondo), era collegato in audio-conferenza con i suoi collaboratori a- mericani, riuniti in un ufficio delle Twin Towers. «All'improvviso», ricorda, «ci fu un vuoto nelle comunicazioni. Intanto, dalla tv apprendevamo in presa diretta che cosa stava capitando ai nostri colleghi in America». Secondo il suo racconto, fu in quel momento che O'Neill, inglese, figlio di un postino, tifoso del Manchester United (di cui è stato direttore finanziario prima dell'arrivo della famiglia Glazer), ebbe l'intuizione del decennio: il futuro sarebbe appartenuto ai Paesi emergenti, anzi ai Bric (Brasile, Russia, India e Cina). «L'11 settembre», continua, «mi ha fatto capire che, per quanto la globalizzazione dell'economia fosse ormai un fenomeno irreversibile, non avrebbe potuto funzionare come una semplice "americanizzazione" del mondo. La crescita del capitalismo poteva avere successo solo se avesse adottato usi e culture locali». Difficile trovare una profezia più centrata e redditizia nella storia dell'economia. Nel corso di questi anni sono nati centinaia di fondi di investimento, azionari e obbligazionari, concentrati su un cocktail di prodotti finanziari di Paesi all'apparenza totalmente dissimili sotto il profilo politico, economico e storico. Un patchwork a prima vista privo di senso, ma che ha addirittura portato a un vertice politico tra i quattro nuovi «grandi». Eppure, ironia della storia, Jim O'Neill fino a quel momento aveva % crescita globale Economie a confronto Cina Russia India Brasile BRIC G3 (Usa, Giappone, Europa) Fonte: Gs Global Ecs Research mila miliardi di $ Il contributo alla crescita economica G7 BRIC N-11 Altri Paesi industrializzati Fonte: Gs Global Ecs Research Altri Paesi emergenti dalla sua un solo viaggio nei Paesi Bric, un weekend a Shanghai. Alla fine del 2010, il mondo sembra cambiato dalle fondamenta. La Cina è ormai la seconda economia del pianeta,hasorpassatoprimalagermania(nel2007)e poi il Giappone, a metà di quest'anno. La crescita dell'india si aggira sull'8 per cento abbondante, poco al di sopra di quella brasiliana. La stessa Russia, che in assenza di riforme continua a dipendere quasi esclusivamente dall'andamento di metalli e petrolio, può contare su un Prodotto interno lordo che cresce del 4 per cento annuo, ben oltre le performance Usa, nonostante gli stimoligovernativichecercanodidrogare l'economia. E ancora, tra Pechino e Shanghai hanno sede quattro delle dieci banche più ca- FUSIONI E ACQUISIZIONI (M&A) NEI PRIMI SEI MESI DEL 2010 L Occidente ha realizzato 758 acquisizioni (+9%) verso i Bric I Paesi emergenti hanno effettuato 253 operazioni nell area Ocse (+25%) Prime in classifica le multinazionali indiane con 50 fusioni e acquisizioni, seconde quelle cinesi (47) Finanza Il valzer delle valute Udaya Kumar è un giovane grafico indiano che, a meno di trent anni, si è guadagnato un posto di prima fila nella terra del miracolo economico. Infatti, ha vinto il concorso per la rappresentazione grafica della rupia indiana, moneta che presto potrebbe affiancare al pari del renmimbi cinese e del real brasiliano le grandi valute dell Occidente: una «R» maiuscola senza la riga verticale, ma con due tratti orizzontali che stanno a indicare l eguaglianza, valore caro alla democrazia di New Dehli. Un simbolo che vale la pena imparare a riconoscere al più presto, a giudicare dal tasso di espansione degli scambi in valute emergenti di questi anni. Nel 2007, per limitarci alla rupia, gli scambi internazionali in valuta indiana ammontavano all equivalente di 17 miliardi di dollari: a metà 2010 la cifra era salita a 36 miliardi, pari allo 0,9 per cento degli scambi internazionali. Ancora più impetuosa la crescita del rand sudafricano, cresciuto di tre volte. O del realbrasiliano,chedai5miliardididollaridel2007èschizzatofinoa quota 27 miliardi. La vera sfida, però, si gioca sul renmimbi cinese, passato da 9 a 31 miliardi di dollari in tre anni. Una performance di rilievo, ma inadeguata a rappresentare la forza della seconda economia del pianeta che, per giunta, detiene nei suoi forzieri riserve per miliardi di dollari, per due terzi investite nella valuta Usa, artificialmente sostenuta dai tesorieri di Pechino per favorire le esportazioni del made in China. 18 OUTLOOK OUTLOOK 19

3 Next Eleven (N-11) sono gli undici Paesi (Bangladesh, Egitto, Iran, Turchia, Indonesia, Messico, Corea del Sud, Nigeria, Pakistan, Vietnam e Filippine) che secondo Goldman Sachs, una delle più affermate banche d affari del mondo, hanno un tale potenziale da candidarsi a essere primi protagonisti dell economia del XXI secolo Edilizia e agricoltura sono i principali settori produttivi del Bangladesh (foto sopra) ma cresce anche il manifatturiero pitalizzate del pianeta; il gruppo manifatturiero con più dipendenti nel Regno Unito è Tata, il colosso automobilistico di Mumbai che controlla Rover, Jaguar e le acciaierie Corus. Intanto, nelle acque dell'atlantico che fronteggiano Santos, la brasiliana Petrobras sta avviando la più straordinaria sfida negli oceani: 224 miliardi di dollari di investimenti per trasformare il Brasile in una delle maggiori potenze petrolifere, grazie alle piattaforme che per- foreranno la roccia sette chilometri sotto il livello delle acque. Per questo ci vorrà, prima della fine dell'anno, un aumento di capitale di 25 miliardi di dollari. Più di quanto Gm spera di raccogliere a Wall Street (16 miliardi) e in linea con l'ipo di 22 miliardi diagricultural Bank, la banca rurale della Cina che conta 360 milioni di clienti nelle campagne del Paese asiatico. Gli esempi concreti possono continuare all'infinito. E le statistiche contribuiscono a chiarire ulteriormente la situazione: forse la più eloquente proviene dallo studio di Kpmg, una delle principali società di business advisory, sull'attività di merger and acquisition (M&A) nella prima metà del Da questa analisi si scopre che le società attive nei Paesi emergenti hanno effettuato in questi sei mesi 243 operazioni di acquisto nell'area Ocse, il 25 per cento in più dell'anno precedente. In testa alla classifica, a sorpresa, sono le multinazionali indiane (50 operazioni) seguite dalla Cina (47). È la conferma che gli «emerging market» sono ormai protagonisti attivi della sfida economica a 360 gradi, impegnati a conquistare avamposti commerciali, tecnologie, veri e propri hub produttivi e, più ancora, marchi di prestigio in giro per il pianeta. Dopo la fase delle imitazioni (anzi, diciamolo, della contraffazione nuda e cruda) si passa a quella dello shopping o delle alleanze. Anche se un confine preciso tra le varie strategie spesso non esiste, come ben sanno i tedeschi, i primi a battere con metodo e grande profitto le strade del made in China, senza però abbassare la guardia. Aconferma, basti il lungo reportage del settimanale tedesco «Der Spiegel» in cui si lancia l'allarme all'industria dell'auto: i cinesi, grazie all'ingresso nei board locali delle aziende a maggioranza tedesca, hanno carpito i segreti dell'industria dell'energia solare teutonica di cui sono ora i primi concorrenti. Guai se La novità Il salto di qualità delle acquisizioni Dallo scorso settembre i Burger King sparsi in tutto il mondo battono bandiera brasiliana: il controllo della concorrente di Mc Donald's, infatti, è passato a una società di private equity, Capital 3 G, controllata da imprenditori brasiliani. Gli stessi che nel 2006 avevano conquistato, grazie a Inbev (la più grande società belga produttrice di birra), il controllo di Anheuser Busch, multinazionale statunitense, creando il primo gruppo mondiale di bevande alcoliche e analcoliche. Sempre nel settembre scorso i giornali di tutto il mondo davano notizia dell'assenso del governo di Pechino a Sinochem, colosso chimico, perché intervenisse per contrastare l Opa dell'anno, 40 miliardi di dollari offerti da Bhp Billiton, multinazionale mineraria anglo-australiana, per il controllo della canadese Potash, il primo produttore al mondo di potassa, materia prima essenziale per i fertilizzanti. Pechino non ha esitato a scendere in campo come «cavaliere bianco» a favore della preda, per evitare il rischio di dovere dipendere da un fornitore, Bhp, che potrebbe manovrare i prezzi. E quasi contemporaneamente, Mahindra, che contende a Tata il primato sul mercato automobilistico indiano, ha messo a segno l acquisto della coreana Ssangyong. Sono tre esempi di un trend che, complice il diverso tasso di crescita tra Paesi emergenti e area Ocse, ha preso velocità nel corso del 2010, anche se il panorama mondiale registra ancora la prevalenza della finanza dell Ovest che, nella prima parte del 2010, ha realizzato 758 acquisizioni (+9 per cento) verso i Bric. UMANA S.p.A. Aut.Min.Lav.Prot. n.1181-sg del 13/12/04 Direzione Generale e Sede Legale: Via Colombara, Marghera - VENEZIA - Tel. 041/ Fax 041/ OUTLOOK

4 È in Africa la prossima frontiera dello sviluppo: certamente l Egitto e il Sudafrica, ma più ancora la Nigeria, che per possesso di materie prime e dimensione demografica ha le carte in regola per fare da traino all intero continente, superando prima del 2050 Italia e Corea del Sud nella classifica del Pil Nonostante l instabilità politica e sociale, la Nigeria (foto sopra) ha grandi potenzialità di crescita grazie soprattutto alla disponibilità di materie prime la cosa si ripetesse con Volkswagen. O, perché no, con l'ingresso dei cinesi in un azienda come Alfa Romeo. Ma l'aggressività dell'economia d'oriente non vale solo per il manufacturing o per la finanza; anche nel mondo del terziario e dei servizi, compresi quelli del tempo libero, il primato dell'occidente è a rischio. Così come il palazzo di vetro del Nasdaq in Times Square fu l'immagine simbolo del Duemila, con il capodanno all'insegna della finanza e della new economy, la cover del decennio che verrà potrebbe essere l'immenso complesso di Marina Bay Sands, le tre torri di 55 piani che dal 2011 ospiteranno il casinò di Singapore che, tra sale congressi, teatri, parchi acquatici e molto altro, dedicherà alle sale da gioco (più di 600 tavoli e slot machine) solo il 3 per cento della sua estensione, oltre un ettaro di superficie e una lunghezza superiore all'altezza della torre Eiffel. Secondo le previsioni dei tecnocrati della città-stato, che nel corso del 2010 ha registrato una crescita dell'industria manifatturiera nell'ordine del 29 per cento, dovrebbe ripagarsi in soli cinque anni grazie a un giro d'affari di un miliardo di dollari ogni dodici mesi. Ma il valore simbolico di Marina Bay sta nelle «barriere invisibili» ma efficaci che la nomenclatura confuciana dell'isola ha già alzato per impedire che gli abitanti di Singapore frequentino le sale da gioco. Insomma, lo Stato non abdica alla sua funzione di guida morale, per il bene dei cittadini: il boom asiatico, almeno per ora, intende fare a meno della democrazia occidentale. Come ha sempre voluto Lee Kuan Yew, classe 1923, il capostipite della dinastia che governa attraverso i fondi sovrani l'economia del Paese. Sono i princìpi del padre della patria, primo ministro dal 1959 al 1990 e poi nominato ministro mentore. Lo stesso che nel '66, quando l'isola tropicale era poco più di una base logistica per le truppe americane sulla strada del Vietnam e per quelle inglesi che fronteggiavano la guerriglia comunista a nord (Malesia) e a sud (Indonesia), spiegò all'allora segretario della Difesa degli Stati Uniti Robert McNamara che «i rossi si combattono con la cazzuola del muratore, non con i mitra». Oppure chissà. Come è già successo dieci anni fa, la storia giocherà, magari in tempi brevi, un brutto scherzo a chi cerca di prevederne gli sviluppi. Guai a limitarsi a proiettare nel futuro gli enormi progressi conseguiti nel recente passato dai Bric o dagli N-11, i Paesi che, dal Messico alla Turchia passando per il Sudafrica, il Vietnam o l'indonesia, già si propongono come i candidati a prendere il posto dei Bric. Per almeno due ragioni. Intanto perché 2010 RITORNA OTTOBRE ROSA Cultura, economia, sport, spettacolo: insieme per la prevenzione del tumore al seno LA FORZA DEI BRIC L economia di India e Brasile è cresciuta nel 2010 dell 8% circa e la Russia, pur con l assillo dei problemi interni, ha visto crescere il suo Pil del 4% La Cina è ormai la seconda economia mondiale e tra Pechino e Shanghai hanno sede 4 delle 10 banche più capitalizzate del pianeta. Tata, il colosso automobilistico indiano con sede a Mumbai, è il gruppo manifatturiero con più dipendenti nel Regno Unito 22 OUTLOOK Campagna di sensibilizzazione con la collaborazione di cce.com

5 COSTRUIRE CON PASSIONE DAL 1933 Realizzazioni, ristrutturazioni e costruzioni di rilievo per Modena e provincia: su questo l azienda ha costruito la sua storia, che è anche la storia della città. Serietà e professionalità hanno accompagnato la Mario Neri attraverso gli anni, permettendole di crescere e di trasformarsi in una società in grado di operare in più settori e su tutto il territorio nazionale. Mario Neri S.p.A. Viale Indipendenza 12/ Modena Tel Fax Mondo questi Paesi dovranno confrontarsi con le turbolenze, politiche e sociali, che seguono lo sviluppo. Infatti, in Cina già cresce la protesta operaia, fattore di cui il congresso del Partito comunista nel 2012 dovrà tenere conto, mentre non meno pericolose sono le ten-sioni etniche che percorrono la democrazia indiana. Più ancora, non è facile prevedere che la crescita degli «emergenti» possa proseguire senza subire i contraccolpi negativi della crisi delle economie dell'occidente. Come osserva Nouriel Roubini, l'economista che ha anticipato la grande crisi, «queste economie non sono autosufficienti, ma legate alle economie avanzate da ampi rapporti finanziari e commerciali, perciò non possono sganciarsi completamente dai problemi di questi ultimi: una ripresa anemica degli Stati Uniti penalizzerà inevitabilmente i mercato emergenti più dinamici». In sintesi, le sorti dei Paesi emergenti e di quelli industrializzati si avviano a essere sempre più legate assieme. Anzi, a essere più integrate che concorrenti, a meno che le tentazioni protezionistiche non giochino un brutto scherzo allo sviluppo. Speriamo, al proposito, che funzioni ancora la profezia di O'Neill: la marcia della globalizzazione è troppo sicura per essere interrotta a metà strada. Ma va adattata alle culture locali, senza pretese di supremazia da parte di nessuno. Del resto, nel frattempo lo stesso O'Neill si è portato avanti: la prossima frontiera dello sviluppo, anzi la prossima occasione dei mercati finanziari, sta in Africa. In Egitto e nel Sudafrica, che pure vive la tentazione di una svolta autoritaria di fronte all'ondata di scioperi del dopo mondiali di calcio. Più ancora in Nigeria, enorme serbatoiodimaterieprime,conlecarteinregola, anche per le dimensioni della popolazione, per fare da traino al continente nero e superare, nella classifica del Pil, Italia e Corea del Sud prima del Prendiamo la notizia con l'atteggiamento zen dei nipponici: Tokyo ha subìto il sorpasso di Pechino ma i giapponesi, pure in crisi, godono di un reddito dieci volte superiore a quello dei cinesi, nel frattempo divenuti i migliori clienti del made in Japan. Magari fosse questa la sorte degli italiani del 2050.

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Edoardo Reviglio * Capo Economista, CDP Group LUISS Guido Carli Convegno: NORD AFRICA TRA INSTABILITÀ POLITICA E OPPORTUNITÀ ECONOMICHE

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

FNP AgricultureProject

FNP AgricultureProject FNP AgricultureProject Una speranza per la Sierra Leone Social Business: la chiave dello sviluppo PERCHÈ L AFRICA Proporre investimenti in Africasolo qualche anno fa sembrava davvero una follia, un opportunitàaperta

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Women of Tomorrow. Il carrello rosa. Milano, dicembre 2011

Women of Tomorrow. Il carrello rosa. Milano, dicembre 2011 Il carrello rosa Milano, dicembre 2011 La voce delle donne in 21 paesi 3.421 interviste nei PAESI SVILUPPATI U.S. Canada Italy D Germany France Sweden South Korea U.K. Spain Turkey Thailand Mexico Brazil

Dettagli

PERCHE INVESTIRE A MANHATTAN

PERCHE INVESTIRE A MANHATTAN PERCHE INVESTIRE A MANHATTAN Workshop tenuto presso AICI (Associazione Italiana Consulenti Immobiliari) a cura di Guido Pompilj Vivaldi Real Estate, Ltd. guido@vendesi.com Tel. +1 212 537 6504 Tra 20 anni

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

Il tuo futuro è l investimento più importante. Il nostro lavoro è dargli sempre nuovo valore.

Il tuo futuro è l investimento più importante. Il nostro lavoro è dargli sempre nuovo valore. Il tuo futuro è l investimento più importante. Il nostro lavoro è dargli sempre nuovo valore. Generali Italia ha creato Valore Futuro, un nuovo modo di pensare all investimento assicurativo per dare al

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Pur interessando tutte le principali aree industrializzate, l incremento della domanda di macchine utensili non sarà distribuita in modo uniforme.

Pur interessando tutte le principali aree industrializzate, l incremento della domanda di macchine utensili non sarà distribuita in modo uniforme. PRESENTATA OGGI A ROMA EMO MILANO 2015 COSTRUIAMO IL FUTURO. 150.000 VISITATORI ATTESI A OTTOBRE PER LA MONDIALE DEDICATA ALL INDUSTRIA DELLE MACCHINE UTENSILI, ROBOTICA E AUTOMAZIONE. NEL 2018 IL CONSUMO

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Assemblea ACIMIT 2014 1 / 11 Perimetro, Obiettivi e Strumenti dello studio Perimetro Prodotti tessili della filiera Sistema Persona

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Produzione di tabacco in alcuni Paesi rispetto alla produzione mondiale (anno 2005*): valori percentuali

Produzione di tabacco in alcuni Paesi rispetto alla produzione mondiale (anno 2005*): valori percentuali I CONSUMI DI TABACCO E I FUMATORI OSSFAD Istituto Superiore di Sanità Situazione mondiale La produzione mondiale di tabacco è pari a circa 6,6 milioni di tonnellate. Il principale Paese produttore rimane

Dettagli

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA Accademia dei Georgofili Firenze, 2 dicembre 2014 PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA PAOLO DE CASTRO Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo LA CRESCITA

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sette Investimenti diretti esteri Investimenti diretti esteri nell economia mondiale 7-3 Il flusso di IDE è l ammontare di investimenti esteri realizzati in un dato

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Scenari internazionali: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa premessa export strategia necessaria fatturato interno ed estero dell industria italiana indice mercato estero dal 2009

Dettagli

S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA

S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA APRILE 2012 15º paese più grande del mondo per estensione (1.973 milioni di km2 (kilometri quadrati) 11 paese più popolato del mondo e 1 tra

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

I Focus de l OIV. Il mercato dei vini spumati

I Focus de l OIV. Il mercato dei vini spumati I Focus de l OIV Il mercato dei vini spumati Il mercato dei vini spumanti è cresciuto nel corso degli ultimi anni grazie alla spinta di una forte domanda mondiale. La produzione è aumentata notevolmente:

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Economia Internazionale. Movimento internazionale dei fattori

Economia Internazionale. Movimento internazionale dei fattori Economia Internazionale Movimento internazionale dei fattori Adalgiso Amendola adamendola@unisa.it Organizzazione del capitolo Introduzione La mobilità internazionale del lavoro I prestiti internazionali

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia LO SVILUPPO ECONOMICO in Italia. e nel mondo: presente, passato, futuro Giuseppe GAROFALO Prof. di Economia politica Università della Tuscia Pil (miliardi di $ PPA base 1990) Anno: 2006 Parità poteri d

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il mercato del lapideo. Passato e presente

Il mercato del lapideo. Passato e presente Il mercato del lapideo Passato e presente Il mercato per il settore lapideo è il mondo che noi dividiamo in macro aree: Europa, America, Medio Oriente e Africa, Estremo Oriente e Australia. Massa Carrara

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI

LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI Corso Avanzato di Economia dello Sviluppo LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI Pier Giorgio Ardeni Dipartimento di Scienze Economiche November 28, 2012 1 La disuguaglianza nel mondo Diseguaglianza

Dettagli

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi «La crescita dell industria alimentare passa necessariamente

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Il partner per le Imprese italiane nel mondo Roberto Luongo

Il partner per le Imprese italiane nel mondo Roberto Luongo Il partner per le Imprese italiane nel mondo Roberto Luongo (Direttore Generale ICE-Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane) L Agenzia ICE Lavora a fianco

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

FEDERLEGNOARREDO desiderio di fare impresa

FEDERLEGNOARREDO desiderio di fare impresa FEDERLEGNOARREDO desiderio di fare impresa FEDERLEGNOARREDO è il cuore della filiera italiana del legno-arredo. Dal 1945 difendiamo il nostro saper fare, sosteniamo lo sviluppo delle nostre imprese, siamo

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO CHECK-IN RAPPORTO EXPORT ONLINE SU SACE.IT/RAPPORTOEXPORT QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO 12 SACEMAG ANDARE OLTRE I BRIC E PUNTARE SUI NEXT GENERATION MARKET PER LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ GEOGRAFICO-SETTORIALI,

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita globale: Ci salverà la produttività in un mondo che invecchia? Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita del PIL mondiale dal 1964 al 2015 50 anni x6 1 Popolazione e

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli