Diventare sempre più co-operativi per essere sempre più competitivi Una proposta di metodo semplice, ma rigorosa: il Partnering turistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diventare sempre più co-operativi per essere sempre più competitivi Una proposta di metodo semplice, ma rigorosa: il Partnering turistico"

Transcript

1 Diventare sempre più co-operativi per essere sempre più competitivi Una proposta di metodo semplice, ma rigorosa: il Partnering turistico Maurizio Droli 4 maggio 2010

2 Indice 1. Nuovi imperativi di settore: la richiesta di proposte "virtuose 2. L'Albergo diffuso: un idea, un albergo e un modello di business "orizzontali 3. I Leader di settore: la necessità di "fare squadra... meglio degli altri! 4. Tendenze nelle destinazioni: sempre più co-marketing e co-management turistico 5. Partnering turistico: un "servosterzo" per gli operatori dello sviluppo turistico territoriale virtuoso 6. Vantaggio coopetitivo 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

3 1. La richiesta di proposte virtuose Visibilità di mercato: Il turista post-industriale, più esperto,capace di scegliere e di confrontare, tende ad auto-organizzarsi e chiede proposte diverse, nuove, più sogni che esperienze o servizi; Flessibilità: «Il modello della produzione flessibile, just-in-time (JIT), rappresenta forse la principale novità intervenuta nel modo di organizzare la produzione nelle imprese durante il periodo del secondo dopoguerra» (Bonazzi, 1993). 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

4 1. La richiesta di proposte virtuose Autenticità, Caratterizzazione, Identità: Il sociologo francese Bernard Cova stima che oltre il 50% della domanda turistica oggi cerchi autenticità; una ricerca identitaria, possibile conseguenza diretta del senso di sradicamento che caratterizza la società moderna; Eco-sostenibilità: La necessità di preservare le risorse naturalistiche è avvertita da gran parte dei cittadini (europei e non). 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

5 1. La richiesta di proposte virtuose Il Una modello caratteristica di sviluppo essenziale: virtuoso: qualsiasi le 4Esia la definizione normativa e il tipo di partnership, si tratta di costruire proposte insieme: Efficaci: che generano nuovo interesse nella stampa, che portano ospiti nuovi, per la prima volta nella località, ecc.; Efficienti: che colmano le lacune tra aspettativee offerta, più in sintonia con le richieste delle persone; Eque: che coinvolgono, motivano e re-distribuiscono opportunità di partecipare ad una gamma di operatori locali ampia e diversificata; Eco-sostenibili:che contribuiscono a preservare ed a mantenere le risorse naturali, storiche e culturali utilizzate dagli ospiti, ecc. 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

6 Indice 1. Nuovi imperativi di settore: la richiesta di proposte "virtuose 2. L'Albergo diffuso: un idea, un albergo e la necessità di un modello di business "orizzontale 3. I Leader di settore: la necessità di "fare squadra... meglio di quanto facciano concorrenti! 4. Tendenze nelle destinazioni: sempre più co-marketing e co-management turistico 5. Partnering turistico: un "servosterzo" per gli operatori dello sviluppo turistico territoriale virtuoso 6. Verso nuovi paradigmi: vantaggio coopetitivo 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

7 2. L Albergo diffuso: lucie ombre 27/06/2008. Un riconoscimento importante. L Albergo diffuso vince il primo premio nell ambito del concorso Helping New Talents to Grow 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

8 2. L Albergo diffuso: lucie ombre Motivi: la sostenibilità Ambientale Non richiede di costruire nulla di nuovo Culturale Unisce tradizione e innovazione Istituzionale: Unisce le necessità pubbliche e private Sociale Può essere realizzato anche in un piccolo paese 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

9 2. L Albergo diffuso: lucie ombre L idea: viene da lontano, dalla volontà di portare più turisti dei piccoli paesi (Paesi-albergo) Il nome: nasce nel paese di Comeglians, in Carnia, Friuli Venezia Giulia a seguito del terremoto del 1976 e della riconsegna delle prime case ristrutturate ai proprietari alla fine degli anni 70 Il progetto-pilota: Comeglians (1982) 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

10 2. L Albergo diffuso: lucie ombre Il concetto di prodotto: «Una struttura ospitale composta da due o più edifici diversi e preesistenti, localizzati in un centro storico di un [Dall Ara, 2007] borgo o di una città, in presenza di una comunità ospitante anch essa preesistente, gestita in modo unitario, il cui stile gestionale è integrato nel territorio e nella sua cultura, che dispone di locali adibiti a servizi comuni per gli ospiti, dotata di servizi di standard alberghiero nell'accoglienza, nell'assistenza, nella ristorazione, ecc., ed in cui la distanza tra le unità abitative (case e appartamenti) e gli spazi comuni sono contenute nei 200 metri». 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

11 2. L Albergo diffuso: luci e ombre Necessità di coordinamento, co-operazione, partnership: lessicali: contenute nella definizione di Albergo diffuso: ampie: dato il numero delle risorse che formano il mosaico inevitabili: dovute all interdipendenza fra Pubblico e Privato L albergo diffuso è una proposta orizzontale che necessita di un modello di business anch esso tale. 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

12 2. L Albergo diffuso: luci e ombre L attore protagonista: la comunità utopica o La comunità narrativa in termini particolari e dinamici Circuiti e organismi narrativa internazionali, tour-operator, 7 agenzie incoming, Consorzi, SLOT, Club di Prodotto Enti Pubblici sovracomunali Botteghe MERCATO 5 Laboratori 3 Aziende di artigiani produzione e di trasformazione agricola 4 Nucleo proprietari immobili EE. LL. 1 MOSAICO Associazioni, [Williamson, 1975] [Droli, 2009] 2 6 Università, Consulenti, Centri di ricerca privati Gestori di infrastrutture, e pubblici,... strutture, impianti, Esperti in aspetti locali 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

13 Indice 1. Nuovi imperativi di mercato: la richiesta di proposte "virtuose 2. L'Albergo diffuso: un idea, un albergo e un modello di business "orizzontali 3. I Leader di settore: la necessità di "fare squadra... meglio degli altri! 4. Tendenze nelle destinazioni: sempre più co-marketing e co-management turistico 5. Partnering turistico: un "servosterzo" per gli operatori dello sviluppo turistico territoriale virtuoso 6. Verso nuovi paradigmi: vantaggio coopetitivo 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

14 3. I leader di settore Alcuni dei casi considerati: Italia ed Europa Area: Paese: Segmento/i - Prodotto/i: Titolo iniziativa (ev.le): Contenuti: Tipo di Partnership: Italia: Lombardia, Piemonte, Liguria, FVG, Lazio, Umbria, Marche, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Pool di regioni: Puglia, Calabria, e Sicilia; Diversi di portafoglio Diversi di portafoglio Mare-Relax STL - Sistemi turistici locali (L.N. 29/3/2001 N. 135) Circuiti di prodotto Poli turistici regionali integrati al servizio del turista diversi obiettivi (strategia di comunicazione, di mercato/prodotto, ) Miglioramento dell'immagine paese e promo-broadcasting nel fuori stagione Rinforzo parco-camere, promozione coordinata, rete di vendita condivisa; diversi diversi diversi Europa: Ungheria Termalismo Operazione Wellness '10 Grecia - Creta Mare-Relax Creta d'inverno Danimarca - Copenghagen Congressi MeetingPlace Wonderful Rivitalizzazione di un segmento ex-vitale per l'economia nazionale Miglioramento dell'immagine paese e promo-broadcasting nel fuori stagione Miglioramento immagine, ricerca e monitoraggio prestazioni complessive Alleanza Strategica Alleanza Operativa Alleanza Tattica 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

15 3. I leader di settore Alcuni dei casi considerati: Africa e Medio-Oriente Area: Paese: Segmento/i - Prodotto/i: Titolo iniziativa (ev.le): Contenuti: Tipo di Partnership: Africa: Sud Africa Scoperta-Cultura La "Sonke Cape Touristic Route" Zimbabwe, Mozambico, Tutti di portafoglio Open Africa Tanzania, Kenia,, Egitto; Rinforzo competitvo del Libia Storia-Cultura comparto ricettivo e ri-lancio del Paese Aggregazione operatori individuali per una vera cluster experience attorno a Cape Town Costruzione a ciclo continuo di di rotte turistiche tra Cape Town ed il Cairo Standard ricettivo-alberghieri e linea Archeologica Alleanza strategica Alleanza strategica Alleanza Tattica Medio Oriente: Egitto Mare-Relax Operazione Red Sea Riviera Siria e Giordania Storia-Cultura Iran Storia-Cultura Rilancio Destinazioni nazionali sul Mar Rosso (Aqaba, Eilat) Rinforzo competitvo del comparto ricettivo e ri-lancio della Destinazione- Paese Sviluppo prodotti, Infrastrutture, investimenti, Presenza a fiere e workshop ed azioni congiunte sui mercati Nord Europa-Nord America in funzione difensiva (Egitto) Standard ricettivo-alberghieri e sviluppo linea Scoperta Storicoreligiosa Alleanza Strategica Alleanza Tattica Alleanza Strategica 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

16 3. I leader di settore Alcuni dei casi considerati: Americhe e Asia Area: Paese: Segmento/i - Prodotto/i: Titolo iniziativa (ev.le): Contenuti: Tipo di Partnership: Americhe: Canada Arte-Natura Arts in the Wild Canada Enogastronomia- Cultura Wine & Cultural Tourism USA tutti di portafoglio Malama-Waikiki Creazione di un'alleanza di prodotto Rinforzo e collegamento delle partnership attive sui due temi Creazione e lancio di un nuovo distretto turistico Alleanza Strategica Alleanza Strategica Alleanza Strategica Caraibi ed America Latina: Caraibi Panama, Costa Rica, Honduras, Guatemala, Ecuador Relax-Stop-Over Storia-Cultura Natura-Scoperta STEP - Small Tourism Enterprise Project Paseo Pantera Sviluppo prodotto e standard eco-lodging Sviluppo competitivo Alleanza Operativa Analisi, Ideazione e lancio di una destinazione Centro-Americana a Alleanza Operativa partire dal tema Natura- Archeologia Creazione, Lancio e Sviluppo Alleanza Strategica nuovi resort ecoturistici Nepal Tutti di portafoglio il Nuovo Nepal Tourism Board Ristrutturazione dell'organizzazione di Line Management pubblico-privato Asia: Thailandia Sud-est asiatico Blocco dei 7 paesi colpiti dal Maremoto dd. 26/12/2004 Tutti di portafoglio Co-Marketing Tutti di portafoglio Co-Management Rilancio dell'immagine di destinazione Contrasto effetti negativi legati al maremoto dd. 26/12/2004 Alleanza Operativa Co-Management 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

17 3. I leader di settore Necessità nelle diverse fasi: Di prima discussione Di progettazione Di avvio delle attività Di controllo Di ottimizzazione [Frangialli, UNWTO, 2001] Le necessità in sintesi: Diventare sempre più co-operativi per essere sempre più competitivi 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

18 Indice 1. Nuovi imperativi di mercato: la richiesta di proposte "virtuose 2. L'Albergo diffuso: un idea, un albergo e un modello di business "orizzontali 3. I Leader di settore: la necessità di "fare squadra... meglio degli altri! 4. Tendenze nelle destinazioni: sempre più comarketing e co-management turistico 5. Partnering turistico: un "servosterzo" per gli operatori dello sviluppo turistico territoriale virtuoso 6. Verso nuovi paradigmi: vantaggio coopetitivo 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

19 4. Tendenze nelle destinazioni «La competitività è l elemento cardine per la prosperità delle destinazioni turistiche e questa può essere migliorata soloattraverso la co-operazione e la partnership pubblicoprivata» [Zoreda, WTOBC, 2000] 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

20 4. Tendenze nelle destinazioni E richiesta più co-operazione quando si tratta di realizzare: Strategie di marketing Campagne Branding e Co-branding Sistemi informativi di marketing Cataloghi di promozione cartacei Portali web Passaggio dal Marketing al Co-marketing 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

21 4. Tendenze nelle destinazioni E richiesta più co-operazione quando si tratta di realizzare: Newsletter destinate agli ospiti ed agli operatori Card elettroniche per il turismo Reti di accoglienza e di vendita dei servizi Fiere, gli eductoure i workshop Sistemi informatici per la fidelizzazione degli ospiti (CRM), ecc. La prima delle missioni ancillari del partneringturistico consiste nel creare il valore richiesto dal mercato. Dall unione che crea a forza, alla forza che crea valore 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

22 4. Tendenze nelle destinazioni E richiesta più co-operazione quando si tratta di: verificare i livelli di produttività iniziale dei partner rendere la comunicazione interna più efficace realizzare la strategia condivisa gestire il cambiamento individuare i fattori di successo sui quali attirare l attenzione di tutti migliorare le motivazioni alla collaborazione Passaggio dal Management al Co-management 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

23 4. Tendenze nelle destinazioni E richiesta più co-operazione quando si tratta di: attuare la supervisione e mantenere uno stretto controllo sulle caratteristiche finali delle singole iniziative gestire in modo sempre più produttivo il fattore tempo migliorare lo spirito di squadra realizzare un agenda di aggiornamento Facilitare il co-managementè la seconda missione ancillare del partnering turistico. 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

24 4. Tendenze nelle destinazioni Considerare tipi di partnership turistica diversi in modo differente: verticale/orizzontale commerciale, tattica o strategica industriale/territoriale settoriale/intersettoriale logica/interlogica razionale o emotiva Partnership diverse comportano livelli di complessità differenti 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

25 4. Tendenze nelle destinazioni Obiettivi specifici recepiti: [Schemabase: Canadian Tourism Commission, WTOBusines s Council, KPMG] Marketing e Vendite o creare un brand di destinazione o migliorare la visibilità e l immagine o espandere il raggio delle azioni di vendita o rinforzare la rete di vendita Risorse e tecnologia Reperire, valutare, selezionare ed acquisire: o consulenza ed altri servizi tecnici o metodologie di ricerca e di monitoraggio o sistemi di rendicontazione statistica o tecnologie di supporto Risorse umane o definire standard di servizio o offrire programmi di formazione o migliorare la produttività Sistema socio-economico o interagire con l intera catena del valore o rinforzare servizi verso i residenti o integrare i servizi, alloggi ed attrazioni o definire standard di qualità Infrastrutture o migliorare strade, sentieri, attrezzature,... o sviluppare servizi intermodali, o rinforzare servizi per la salute, la sicurezza, o potenziare le telecomunicazioni Risorse finanziarie o migliorare l attrattività economica dei clienti o recuperare fondi e attivare investimenti o provocare escalation negli investimenti o ottenere fondi per l avvio di nuove attività 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

26 Indice 1. Nuovi imperativi di mercato: la richiesta di proposte "virtuose 2. L'Albergo diffuso: un idea, un albergo e un modello di business "orizzontali 3. I Leader di settore: la necessità di "fare squadra... meglio degli altri! 4. Tendenze nelle destinazioni: sempre più co-marketinge co-management turistico 5. Partnering turistico: un "servosterzo" per gli operatori dello sviluppo turistico territoriale virtuoso 6. Verso nuovi paradigmi: vantaggio coopetitivo 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

27 5. Partnering turistico Il partneringin generale è: "la disciplina che ha per effetto l aumento del vantaggio competitivo dei partner, basata sull acquisizione di buone prassi e che consiste nello sviluppare relazioni di successo nel medio termine tra clienti e fornitori o tra fornitori e fornitori. [Lendrum, 1997] 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

28 Il concetto: 5. Partnering turistico Il partneringturistico è la disciplina che studia i risultati prodotti dalle iniziative di co-marketing, di co- managementdi settore, finalizzata ad aumentare l efficacia, l efficienza, l equità e l ecosostenibilitàdi una proposta nel tentativo di aumentarne la produttività attraverso il buon senso, l etica e il metodo scientifico. [Droli, 2007] 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

29 5. Partnering turistico I 10 dilemmi nell aumentare la produttività 1. Delle prime discussioni Come aumentare la razionalità del processo primadi affrontare la questione dell identità strategica?* 2. Del progetto e delle prime iniziative [*Sen, 1991] Come attenuare il problema degli obiettivi di settore/di comparto/individuali in conflitto fra loro? Come fare in modo che le organizzazioni escano dalla routine? 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

30 5. Partnering turistico I 10 dilemmi nell aumentare la produttività 3. Nel coordinamento delle attività Come rendere le relazioni interne alla PPP sempre più simili rispetto a quelle create da un azienda ed evitare irrigidimenti? Come bilanciare il numero dei partner e l entità delle quote associative raccolte? Come facilitare la realizzazione precisa e tempestiva delle iniziative più costose, ma importanti e previste dal piano di rinforzo competitivo e/o commerciale? 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

31 5. Partnering turistico I 10 dilemmi nell aumentare la produttività 4. Sulle 4E: Come aiutare la PPP a lavorare in base ai criteri della produzione flessibile(just-in-time) Come integrare il prodotto nel senso della strategia in modo mirato e senza gravare sui costi di gestione? 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

32 5. Partnering turistico I 10 dilemmi nell aumentare la produttività 4. Sulle 4E: Come aumentare i benefici ottenuti dalla destinazione? Come apprendere la conoscenza non formalizzata, ma necessaria, prima dei competitori e garantire la continuità dello scambio? 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

33 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Individuare le opportunità per lo sviluppo virtuoso, chiarire i pro e i contro della co-op.ne.lettera d'intenti 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

34 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Aiutare i partner a trarre il massimo dei benefici dalla Strategia di Mktg: la Strategia di Partnering 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

35 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Dare seguito alla strategia di marketing in modo rapido, economico e coerente: il packaging dinamico 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

36 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Creare le regole adatte a fare funzionale la partnership come una quasi-azienda : organigramma (chi-fa-cosa?), disciplinare, ecc., ecc. 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

37 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Creare la base associativa e finanziaria necessaria per avviare l attività: il Monitoraggio, la Campagna di propaganda, il Sistema quote individuali, ecc. 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

38 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Realizzare le iniziative previste dalla Strategia in modo diretto e attraverso la supervisione. Centrale d'acquisto, Campagna di co-branding, Rete di vendita congiunta, ecc. 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

39 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Aumentare il ritmo del recupero competitivo dei partner. Incentivi e disincentivi 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

40 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Integrare i prodotti offerti e la rete di vendita in modo sistematico e mirato. Campagne di affiliazione 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

41 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Sviluppare, a partire dai risultati ottenuti le opportunità di fatturato, di business, di occupazione e di investimento. Core-Business& Opportunity Forum 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

42 5. Partnering turistico Fasi-variabili: Acquisire la conoscenza che serve, in misura sufficiente, prima dei competitori. Strategia di Intelligence 1. Attrattività 2. Assestamento 3. Adattamento 4. Articolazione 5. Adesione 6. Attivazione 7. Accelerazione 8. Acquisizione 9. Affiatamento 10. Approccio 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

43 5. Partnering turistico Zoom. Attrazione B. esperienziale metodologico X strumentale X 1.a. Sensibilizzare gli interessati alle opportunità di business, 1.b.Ascoltare per dare vita a un circuito ascolto, sensibilizzazione, 1.c. Analizzare: individuare le necessità reali dei possibili partner ma anche agli svantaggi ed ai tranelli della cooperazione (e dell AD) primadi iniziare a lavorare insieme interazione; e su cui fare leva per impostare il lavoro in modo sostenibile nel tempo Analizzare le sensibilità è:comprendere le iniziative individuali come «azioni dotate di senso» (Max Weber, 1961), valutare la distanza tra queste e la strategia proposta, impostare la migliore strategia di rilancio possibile (quella che considera anche come la pensano gli imprenditori che dovranno realizzarla). 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

44 5. Partnering turistico Quello che vogliono i partner : Il modello [Elaborazione dati su schema-base, Weber] Perché nessuno è così in alto da ordinare quello che una persona deve volere: La domanda è: Cosa si vuole e si può fare? 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

45 Indice 1. Nuovi imperativi di mercato: la richiesta di proposte "virtuose 2. L'Albergo diffuso: un idea, un albergo e un modello di business "orizzontali 3. I Leader di settore: la necessità di "fare squadra... meglio degli altri! 4. Tendenze disciplinari in atto: sempre più co-marketing e co-management turistico 5. Partnering turistico: un "servosterzo" per gli operatori dello sviluppo turistico territoriale virtuoso 6. Verso nuovi paradigmi: vantaggio coopetitivo 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

46 6. Vantaggio coopetitivo Definizione comportamentista: E «lo scostamento registrato da due o da più organizzazioni in termini economici, etici, morali ed umani rispetto ad una posizione iniziale e a seguito di iniziative di coordinamento, di co-operazione o di partnership». [Droli, 2007] 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

47 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti di misurazione etico-economici: Necessità correlate ridurre le perdite di tempo e di altre risorse connesse agli scambi individuali assumere decisioni condivise circa la strategia di mercato, di marketing, il business-plan estendere la rete di fornitura e rinforzare il sistema di vendita fare chiarezza circa gli scambi di informazioni interni al gruppo, la produzione-gestione di idee, ecc. creare strumenti di lavoro utili per aumentare i flussi economico-finanziari prodotti dalle risorse storiche, archeologiche, naturali, ecc. acquisire finanziamenti, sponsorizzazioni, quote associative, ecc. accelerare il rinforzo competitivo dei servizi forniti a: ospiti, residenti, investitori, partner, ecc. ridurre il rischio di fallimento del mercato e rinnovare la decisione di co-operare Riferimenti teorici Costi di transazione (Coase, Williamson) Management strategico (Drucker, Contractor, Lorange, Geringer) Potere di mercato (Porter, Child- Faulkner) Teoria d agenzia (Berle-Means, Eisenhardt) Rientri decrescenti (Arthur, Bettis- Hitt) Dipendenza da risorse scarse (Pfeffer-Salancik, Prahalad, Hamel, Hall, Piercy) Teoria dell acceleratore (Carver, Aftalion, Bickerdike, Clark); Dei giochi (Tucker, Casti, Parkhe, Axelrod) 04/05/2010 (c) Maurizio Droli,

48 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Attrattività 1. Informazioni: rimuoviamo (parte) degli equivoci sulle caratteristiche dell ambiente attivato [Weick, 1988, pg. 222] 2. Sensibilità: percepiamo le caratteristiche principali della nostra identità in termini assoluti o relativi, maturiamo un Sè organizzativo [Mead(1934), Blumer(1969), Ciacci(1983), Denzin(1992)] 3. Aspettative: capiamo la gerarchia dei bisogni [Maslow, 1954] delle persone interessate ai prodotti-servizi offerti, ma anche di dipendenti, collaboratori, ecc. 04/05/2010 Maurizio Droli

49 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Assestamento 4. Razionalità: facciamo si che l azione sia dotata di senso [Weber, 1958, pg. 241], evitare di improvvisare 5. Obiettivi: riduciamo l ambiguità, polverizzazione/concentrazione, contraddittorietà, sfasamenti rilevati tra fini realmente perseguiti/progettati e relative priorità [Etzioni(1960), Gouldner(1954), Blau(1968), Thompson (1968), McGuire(1961), March e Simon, (1958)] 6. Strategia: aumentiamo la precisione dei mezzi individuati per raggiungere gli obiettivi, conosciamo le conseguenze organizzative possibili al raggiungimento ed al mancato raggiungimento, riduciamo i limiti di razionalità tecnica [Thompson, 1967] 04/05/2010 Maurizio Droli

50 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Adattamento 7. Decisioni: aumentiamo il grado di partecipazione alle decisioni riguardanti la programmazione della produzione, facilitiamo la risoluzione di problemi inerenti la produzione, ed altri compiti complessi [Likert, 1961] 8. Ruoli: introduciamo procedure che facilitano i passaggi di ruolo, di funzione, di mansione interna, il turn-over interno in base alla strategia [Burawoy, 1979] in modo coerente 9. Funzioni: cogliamo i principi di base dell attività di marketing-management [Urwick, 1943] 04/05/2010 Maurizio Droli

51 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Articolazione 10. Responsabilità: bilanciamo il desiderio di remunerazione e la sensibilità al fatto che anche noi debbiamo controllare risorse per noi necessarie; riduciamo la scarsa percezione della dimensione strutturale-socialedello scambio economico [Homans(1961), Thibaute Kelley, (1967), Blau(1964), Dahlstrom(1966), Burns(1993)] 11. Regole: aumentiamo la tenuta delle norme dello scambio tra occasionalità, intermittenza e continuità [Stinchcombe, 1993, pg. 81] 12. Tecnologie: scegliamo le configurazioni organizzative ottimali di supervisione tecnica (diretta/indiretta, attuata per mezzo di: titolare o collaboratore esterno/interno, standardizzata/non, ecc.) [Mintzberg, 1979, 1983] 04/05/2010 Maurizio Droli

52 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Adesione 13. Risultati: diamo più stabilità a ciò che l organizzazione economica, il personale pensa di sé riguardo a: significati ed esperienze comuni, dimensione dell impresa, quote di mercato detenute, ecc.), capacità del management di attivare processi esperienziali di causazione circolare positiva [Weick, 1988, pg. 212](soliloqui) 14. Leadership: aumentiamo la produttività dei metodi di legittimazione [Gouldner, 1954] 15. Direzione tecnica: riduciamo l ambiguità sui fattori di successo e miglioriamo le interazioni impresa-ambiente [Woodward, 1965] 04/05/2010 Maurizio Droli

53 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Attivazione 16.Cultura: miglioriamo la cultura del lavoro, l igiene e la motivazione [Herzberg, 1966] a prendere parte all attività di gruppo 17.Valori: creare incentivi al mantenimento di comportamenti corretti [Clark, Wilson, 1961] 18.Innovazioni: perseguirela qualitàtotale [Ohno, Womack, Jones, Roos] 04/05/2010 Maurizio Droli

54 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Accelerazione 19. Tempo: aumentiamo il livello di autonomia, di simultaneità dei processi decisionali, di lungimiranza della progettazione in genere, di integrazione dei tempi interni, ecc., o grado di padronanza del tempo organizzativo [Strati, 1984] 20. Apprendimento: riduciamo le resistenze all apprendimento legate all Ordine organizzativo [Strauss, 1978] (livelli di organizzazione e di strutturazione di passaggi di status, di carriere, ecc.) 21. Adattamento: miglioriamo la qualità della risposta alle sollecitazioni degli ospiti, la flessibilità degli apparati produttivi [Touraine, 1955, pg ], uscire dalla logica dell arrangiarsi 04/05/2010 Maurizio Droli

55 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Affiliazione 22. Coesione: riduciamo i livelli arbitrio percepiti nella conduzione, di interiorizzazione degli obiettivi di produzione, aumentiamo la frequenza dei casi in cui ci si da una mano in caso di difficoltà, ecc. livelli JIT [Ouchi, 1988] 23. Capacità: bilanciamo l azione autonoma e la percezione dei limiti all azione autonoma stessa percezione di razionalità limitata [Simon, 1947] 24. Coinvolgimento: valorizziamo il personale nelle pratiche di programmazione, nella risoluzione di criticità, nell individuazione delle azioni prioritarie, negli orientamenti informativi e formativi ossia livelli di democrazia effettiva [ Cyert, March, 1963] 04/05/2010 Maurizio Droli

56 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Affiatamento 25. Fiducia: soddisfiamo i fini individuali dell impresa e anche (o soprattutto) offriamo sufficienti incentivi e benefici alla cooperazione tra le persone [Barnard, 1938] 26. Conflitto: controlliamo la parzialità dei decisori la volontà di muovere non verso gli obiettivi prefissati ma per fuggire dagli scenari indesiderati, incrementalismo disarticolato? [Braybrooke (1959), Lindblom(1963)] 27. Consenso: riduciamo l impatto tra aspetti strutturali-razionali ed informali (modelli culturali, schemi cognitivi e comportamentali interni, organizzare l impresa come una comunità naturale [Selznick, 1957] 04/05/2010 Maurizio Droli

57 6. Vantaggio coopetitivo Ambiti morali-umani: Approccio 28. Potere: incidiamo sui problemi, siamo orientati all azione, capiamo la struttura delle opportunità d azione [Burns, 1993, pg. 124] 29. Risorse: diamo la possibilità alle persone di costruire delle regole morali, sempre promesse e mai date dallo stato e dal mercato, forme di reciprocità nella vita quotidiana? composizione del conflitto modernità/moralità [Wolfe, 1989, pg. 234] 30. Rischio-crisi: individuiamo i fattori di incubazione delle crisi nei sistemi tecnologici e nelle relazioni interne o sociotecnici? [Turner, 1976, 1978, 1994] 04/05/2010 Maurizio Droli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli