La qualità in azienda con il metodo Six Sigma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La qualità in azienda con il metodo Six Sigma"

Transcript

1 DIPSIT D i p a r t i m e n t o d i S t u d i p e r l I m p r e s a e i l T e r r i t o r i o La qualità in azienda con il metodo Six Sigma Roberto Candiotto Working paper n. 25, Luglio 2008

2 Abstract Il Six Sigma è un metodo di lavoro strutturato, basato sull assidua rilevazione e soddisfazione delle esigenze dei clienti e sull incessante misurazione dei risultati, che, attraverso il ripensamento e la riprogettazione radicale dei processi aziendali, persegue il miglioramento continuo e sostanziale della qualità e delle prestazioni e, conseguentemente, l aumento della competitività e della redditività. Le numerose implementazioni hanno dimostrato come i già ottimi risultati ottenibili dall applicazione degli strumenti di matrice statistica, possano essere superati e il metodo possa assurgere, se inserito nella pianificazione strategica, a sistema di management. La successiva adozione da parte di aziende di grandi dimensioni e di rilevanza mondiale, i risultati da esse conseguiti e l ottenimento di premi internazionali di qualità ne hanno sancito il successo e ne hanno decretato la validità nel contesto competitivo del nuovo millennio. Il Six Sigma ben si attaglia, infatti, alle attuali condizioni di successo, quali la velocità di risposta al mercato, la capacità di innovazione, l economicità e la qualità nell esecuzione delle operazioni aziendali e nel livello dei prodotti o servizi offerti. Nel corso del presente lavoro, dopo aver tratteggiato le caratteristiche peculiari del Six Sigma, si sono analizzate le fasi nelle quali è articolato il metodo, esponendo princìpi, concetti e strumenti in modo da poterne cogliere l essenza operativa e nello stesso tempo il valore di «filosofia manageriale». 2

3 ROBERTO CANDIOTTO Professore associato presso la Facoltà di Economia di Novara dell Università del Piemonte Orientale LA QUALITÀ IN AZIENDA CON IL METODO SIX SIGMA SOMMARIO: 1. Premessa - 2. La fase Definie - 3. La fase Measure - 4. La fase Analyse - 5. La fase Improve - 6. La fase Control - 7. Conclusioni. 1. Premessa L impellente necessità di garantire la qualità e l innovazione dei prodotti/servizi e dei processi, mantenendo costi contenuti, ha condotto numerose realtà aziendali a sperimentare, già negli anni novanta, il metodo Six Sigma 1. Il Six Sigma, che in estrema semplificazione può essere definito come l indicatore dell eccellenza o come indice di variabilità dei prodotti e dei processi aziendali 2, per J. Welch, amministratore delegato della General Electric, responsabile della più estesa diffusione del metodo in tutte le divisioni mondiali e a tutti i livelli dell organizzazione, è, non solo una metodologia disciplinata di problem solving mirata al miglioramento continuo dei processi, ma è un concetto, un insieme di strumenti, una filosofia manageriale e, in sostanza, un modo per affrontare il business. Queste affermazioni lasciano ben intendere come sia da superare l accezione prettamente statistica del metodo per proiettarsi verso una concezione sistemica e strategica della metodologia che, mirando a coinvolgere le risorse aziendali nella definizione e implementazione di 1 Ai primi progetti di Motorola, IBM, GE, DEC, Kodak, Allied Signal, sono seguiti nel 97 quelli di DuPont, Compaq, Lockheed, Siemens, Sony, Toshiba, Whirpool, nel 99 American Express, Ford, Johnson & Johnson, Ericsson, Nokia, Philips, US Postal Service, LG e molte delle aziende multinazionali di grandi dimensioni hanno in seguito adottato tale approccio metodologico. Nel 1990 R. Galvin e M. Harry, rispettivamente amministratore delegato e capo del progetto pilota in Motorola, diedero vita al Motorola s Six Sigma Reaserch Institute; nel 1994 M. Harry e R. Schroeder, ex manager Motorola, fondarono la Six Sigma Academy. Attualmente, il gruppo Fiat, Pininfarina e altri leader nazionali stanno affrontando la radicale rivisitazione dei processi per l implementazione del metodo Six Sigma. 2 Si ricorda che nella terminologia statistica il simbolo σ (sigma) viene utilizzato per definire la variabilità di un fenomeno attraverso la dispersione dei dati attorno al valore medio; la deviazione standard nel controllo dei prodotti e dei processi viene utilizzata come indice di variabilità (nonché misura di difettosità). All interno di un intervallo di tolleranza un livello sigma pari a sei è indice di scarsissima difettosità e di una quasi completa conformità. 3

4 sistemi di misurazione, tenda all eccellenza dei processi aziendali che più soddisfano le aspettative del cliente. Diversi autori ed esperti di Six Sigma concordano nel definire il Six Sigma 3 : - un sistema di gestione valido per competere sul mercato, ottimizzando la soddisfazione delle esigenze del cliente; - un metodo focalizzato sulla soddisfazione del cliente; - una disciplina che minimizza i difetti attraverso lo studio della variabilità di un sistema; - una misura di variabilità e di difettosità; - uno standard per definire la capacità di ogni processo. Il Six Sigma, in sintesi, è un metodo di lavoro strutturato, basato sull assidua rilevazione e soddisfazione delle esigenze dei clienti e sull incessante misurazione dei risultati, che, attraverso il ripensamento e la riprogettazione radicale dei processi aziendali, persegue il miglioramento continuo e sostanziale della qualità e delle prestazioni e, conseguentemente, l aumento della competitività e della redditività. Il ripensamento radicale consiste nel riesaminare le regole e le modalità di svolgimento della gestione aziendale, alla scoperta di inefficienze e mettendo in dubbio anche princìpi consolidati che possono verificarsi superati, errati o non coerenti con i fattori contingenti. Comprendere i processi significa interrogarsi intorno agli effettivi output del processo, quali sono le sue prestazioni e quali sono gli elementi critici che le influenzano. Ridisegnare i processi in base alle aspettative del cliente può mettere in luce attività ridondanti o non sufficientemente coerenti ed è la via migliore per ottenere incrementi straordinari nelle prestazioni. La realtà ha dimostrato che i migliori risultati sono stati ottenuti dalle aziende che hanno consolidato i princìpi del Six Sigma fra gli obiettivi di fondo della gestione o, ancor meglio, hanno articolato la proiezione strategica secondo la logica del metodo Six Sigma. Per il completo successo del Six Sigma occorre, quindi, che l azienda: - preveda il Six Sigma fra le priorità strategiche; - assuma un orientamento basato sulle esigenze del cliente; - adotti un approccio per processi; - definisca una politica di protezione delle risorse aziendali e una coerente gestione dei rischi; - ridefinisca e valorizzi il ruolo delle risorse umane. 3 Si veda, fra gli altri: P. PANDE - L. HOLPP, What is Six Sigma?, McGraw-Hill, New York, 2002; F. AGGOGERI - E. GENTILI, Lean Six Sigma: la nuova frontiera per la qualità, Franco Angeli, Milano, 2006; R. TARTARI, Sei Sigma+, Franco Angeli, Milano, 2005; M. GEORGE, Lean Six Sigma, McGraw-Hill, New York, 2003; M. GEORGE, What is Lean Six Sigma?, McGraw-Hill, New York, 2004; T. PYZDEK, Six Sigma Hand-Book, McGraw-Hill, New York, 2001; G. BRUE, Six Sigma for Manager, McGraw-Hill, New York,

5 Integrando questi princìpi si possono identificare appieno le aspettative dei clienti, individuare il livello di prestazioni ritenute idonee e concentrarsi sulle azioni per riconoscere le aree di miglioramento. La metodologia Six Sigma, nella sua versione classica, prevede, per l attuazione dei progetti, cinque fasi, conosciute con l acronimo DMAIC: - Define (Definire); - Measure (Misurare); - Analyse (Analizzare); - Improve (Migliorare); - Control (Controllare); che nei paragrafi successivi verranno analizzate. 2. La fase Define Nella fase Define è necessario: specificare dettagliatamente i termini del problema, il suo preciso contesto, la sua frequenza e quali sono le ricadute economiche quando si manifesta; determinare gli obiettivi del progetto (specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e delimitati nel tempo). Occorre inoltre: - identificare i clienti e le loro richieste; - individuare i processi preposti alla loro soddisfazione; - pianificare il progetto e assegnare le risorse. 2.1 L identificazione dei clienti e delle loro richieste Per esigenze o requisiti del cliente si intende l insieme delle aspettative e dei bisogni che un cliente (o le parti interessate) ha nei confronti di un prodotto o di un servizio. Per classificare le esigenze del cliente e riconoscerne le prioritarie si può utilizzare il modello di Kano, il quale distingue i requisiti in: - «scontati», vale a dire le caratteristiche implicite per il cliente: se carenti generano forte insoddisfazione e conseguente perdita del cliente, mentre se presenti non sono foriere di particolare soddisfazione (ad esempio gli standard di sicurezza per le persone e i dati). Questo insieme di elementi stabilisce anche il livello di soddisfazione minimo per il cliente; - «lineari», che la tecnologia può mettere a disposizione e che possono variamente ed economicamente essere incorporati nel prodotto/servizio. Le attese, come anche la soddisfazione delle stesse, si distendono in un ampio intervallo, all interno del quale si dispiegano le offerte del quadro competitivo. Con la presenza di tali attributi migliora proporzionalmente la soddisfazione del cliente (così come alla mancanza corrisponde una proporzionale insoddisfazione); 5

6 - «attraenti», l inclusione di caratteristiche qualitative inattese e sorprendenti inducono a rapidi e non lineari incrementi di soddisfazione. Progettare l inserimento di questi attributi può portare a risultati eccezionali, riconducibili al breve o medio periodo, a seconda della più o meno rapida riproducibilità da parte dei concorrenti. Il processo adottato per richiedere, monitorare e misurare le informazioni di ritorno sulla soddisfazione del cliente deve fornire informazioni con continuità. L organizzazione pianifica e attiva processi per ascoltare in modo efficace ed efficiente la «Voice of the Customer» (rispetto alle richieste e aspettative dei clienti, alle caratteristiche del prodotto/servizio che sono percepite di maggior valore e alle loro valutazioni del prodotto/servizio). Attualmente, un sistema strutturato per migliorare, in termini di efficacia, tutti i processi che interagiscono con il cliente cogliendone appieno tutti gli elementi che riguardano le informazioni, le aspettative, i requisiti e i comportamenti è fornito dai moduli di CRM (Customer Relationship Management), largamente adottati dalle aziende che utilizzano sistemi informativi integrati. Le soluzioni applicative di CRM risultano totalmente integrate con il sistema gestionale e sono in grado di «tracciare» tutte le fasi del «ciclo di soddisfazione del cliente», indipendentemente dalla funzione che le ha generate. Le funzionalità del CRM che più risultano consone a questa fase del Six Sigma sono quelle che conducono a: - conoscere e capire il comportamento di ciascun cliente e il suo effettivo contributo al fatturato e alla redditività; sviluppare e migliorare i canali commerciali, gli strumenti di marketing e i servizi offerti in relazione alle preferenze e alle esigenze del cliente; - definire e costruire una struttura che consenta di interagire in modo personalizzato con il cliente; - condividere le informazioni relative ai clienti con l'organizzazione nel suo complesso, quindi nelle diverse aree funzionali e con i partner esterni; - gestire in modo proattivo le interazioni con i clienti mediante la definizione dei profili e delle relative caratteristiche. L elaborazione dei dati deve fornire informazioni, di natura quantitativa, per tradurre le richieste dei clienti in requisiti chiari e misurabili (Critical to Quality CTQ) e per riconoscere quali attributi sono considerati scontati, lineari e attraenti. Le Critical to Quality devono indicare specifiche tecniche (non generiche), facili da misurare, critiche per la qualità; consentono di acquisire, nello svolgimento dei processi, quei valori target di riferimento che rappresentano la «voce del cliente» e devono essere presi come standard per verificare il progressivo grado di raggiungimento della soddisfazione del cliente (Figura 1). FIGURA 1. Albero delle Critical to Quality 6

7 BISOGNI DRIVERS SICUREZZA SERVIZI A TERRA CRITICAL TO QUALITY Disponibilità lounge Snacks e bevande Comodità poltrona VOLO INTER- CONTINENTALE COMODITA' Video e musica Snacks e bevande Gentilezza assistenti PASTI A BORDO Qualità cibo Varietà menu PUNTUALITÀ 2.2 L individuazione dei processi Per la buona riuscita del progetto Six Sigma è indispensabile effettuare l analisi dei processi e delle relazioni fra processi che soddisfano le Critical to Quality; essa è condotta per offrire una prima rappresentazione dei processi che creano valore per il cliente. In questa fase occorre capire quali sono gli elementi che risultano fondamentali per lo svolgimento della gestione aziendale in condizioni di efficacia e di efficienza, quali sono i processi basilari ai fini del mantenimento e del miglioramento di un adeguata capacità competitiva e su quali informazioni critiche si deve fare affidamento per il raggiungimento degli obiettivi definiti nella pianificazione strategica. Per questa ragione, è necessario predisporre una rappresentazione dell azienda come «sistema di processi» 4. 4 La mappa dei macro-processi aziendali deve mettere in luce: - i processi chiave, prioritari per il funzionamento dell impresa (in quanto hanno un impatto immediato sui fattori critici di successo); - i processi di supporto (nei quali si sviluppano attività ausiliarie ai processi chiave); - i processi di management, riguardano le attività di pianificazione, organizzazione, gestione e controllo delle risorse (decisive per la loro influenza sull elaborazione delle strategie aziendali); 7

8 I processi di business, costituenti la catena del valore, devono essere declinati in «processi organizzativi», per descrivere il reale funzionamento dell'azienda (con particolare riferimento alle attività svolte), e in «processi informativi», per delineare il modo di operare delle soluzioni informatiche. Le risorse impegnate in un progetto Six Sigma, in termini di costo e di tempo, sono considerevoli ed è quindi indispensabile individuare e indirizzare correttamente gli interventi di cambiamento per ponderare, operando delle scelte, le risorse necessarie con quelle disponibili. Quanto esposto si traduce operativamente nella individuazione dei fattori critici di successo derivanti dall analisi strategica e determinanti per il raggiungimento degli obiettivi e dell impatto che i processi hanno su di essi. I fattori critici di successo, chiaramente definiti e scelti in numero limitato, permettono di valutare la qualità degli output e l efficacia del processo. In questa fase è sufficiente tratteggiare sinteticamente i processi che si intendono fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi specifici precedentemente individuati, per poi distinguerli, in seguito, in sottoprocessi e attività. Rappresentare i processi significa metterne in luce con adeguata chiarezza, ma senza indugiare in eccessi di analisi gli elementi distintivi facilitando la comprensione dello svolgimento delle attività con l ausilio di grafici e disegni. La riproduzione semplificata del processo, attraverso un modello, consente un efficace condivisione delle finalità dell analisi svolta, favorisce l uso di un linguaggio comune e il coinvolgimento di tutte le risorse interessate all esame. 2.3 La pianificazione del progetto e l assegnazione delle risorse L'intervento deve essere pianificato e articolato in fasi, con una chiara definizione delle responsabilità, una precisa identificazione delle scadenze entro le quali ciascuna fase deve essere conclusa (in modo tale da garantire l impegno e l efficienza dei protagonisti dell intervento) e un adeguato sistema di controllo. Un piano ordinato del progetto deve prevedere dei risultati programmati a determinate scadenze, come minimo al termine di ogni fase. Il progetto Six Sigma viene, in genere, supportato da un manager di alto livello che, dotato di sufficiente autorità per promuovere l azione e le scelte radicali che comporta, assicura che i princìpi del progetto siano coerenti con le linee di fondo della strategia aziendale e diviene lo sponsor del progetto. Se gli indirizzi del cambiamento provengono, invece, da linee guida esterne tracciate in altre unità organizzative (ad esempio, scelte strategiche del gruppo al quale l azienda appartiene), si assegna questo - i processi che si sviluppano oltre i confini dell impresa (cruciali per la loro estensione e per i collegamenti con gli altri attori della catena del valore). 8

9 compito a responsabili del vertice aziendale (scelti fra i più inclini all innovazione) per la loro forza trainante, e ai primi livelli, per la loro competenza in campo operativo. La struttura del Six Sigma prevede le seguenti figure: - l Executive Leader; - il Project Champion; - i Black Belt e i Green Belt; - il team di sviluppo del progetto. L Executive Leader è scelto fra il top management per le sue abilità a trasmettere lo scopo e il senso della missione, motivare e promuovere l azione nelle diverse fasi del Six Sigma. Dotato di spiccato senso di curiosità intellettuale, ambizione ed energia, profonde larga parte del suo impegno a delineare, promuovere e partecipare la definizione degli obiettivi strategici, spronando e rendendo corresponsabili gli altri protagonisti del progetto. In sintesi, il leader: fornisce le indicazioni strategiche; guida l attuazione delle fasi previste; effettua la progettazione dell intervento; alloca le risorse ai progetti; approva gli stati di avanzamento; definisce i ruoli e la struttura; esamina e approva le proposte dei team di lavoro; assicura la comunicazione; si espone in prima persona per appianare le barriere al cambiamento; esamina i risultati e verifica l andamento generale dei progetti. Il Project Champion è il responsabile dello sviluppo del progetto; figura di collegamento fra l Executive Leader e la struttura operativa, garantisce che l indirizzo strategico trovi attuazione nei gruppi di miglioramento. Il Project Champion guida l implementazione del Six Sigma in un dato segmento. Deve assicurare l effettiva esecuzione dei piani previsti dal Six Sigma, così come l adeguata selezione dei progetti per i Black Belt e la puntuale revisione degli obiettivi e verifica dei risultati. È una figura orientata all esecuzione del programma con l autorità organizzativa e la responsabilità sui risultati economici. Per queste sue prerogative il Project Champion, affrontando le fasi problematiche e cogliendo appieno le opportunità, è a salvaguardia dello sviluppo operativo del Six Sigma. In sintesi, il Project Champion: assicura il coordinamento tra i team; verifica la coerenza dei progetti e la conformità economica; approva i progetti operativi; accerta la corretta applicazione della metodologia Six Sigma; valuta le competenze delle risorse umane che saranno impegnate nei progetti; predispone i piani formativi, garantendone le coperture finanziarie. I Black Belt sono gli esperti metodologici del Six Sigma e possiedono le conoscenze e le abilità richieste per promuovere i miglioramenti sostanziali dei «processi chiave» individuati negli obiettivi basilari del Six Sigma. Il riferimento alle arti marziali sta proprio a indicare che le «cinture nere» sono eccezionalmente addestrate, disciplinate ed esperte nella filosofia del Six Sigma e combattono la variabilità dei prodotti e dei processi, gli sprechi, i difetti e le altre fonti di disturbo dell efficienza aziendale. 9

10 I Black Belt, oltre a padroneggiare le tecniche specifiche, possiedono abilità e competenze per gestire il lavoro in team e le riunioni, assistono i Champion, sono punti di riferimento, agenti del cambiamento, consulenti interni e guide per i Green Belt e gli altri operatori. Essi stimolano la riflessione sulle nuove metodologie di lavoro, dimostrandone la validità operativa, portano il loro contributo individuale (in termini di dettagli implementativi, strumenti qualitativi, tecniche statistiche, metodi di problem solving, ecc.) e sono considerati i referenti nella gestione dei progetti e dei rischi connessi. I Black Belt, ottimizzando le tecnologie esistenti o proponendone di nuove, tendono al miglioramento delle condizioni operative di un processo e delle sue prestazioni. Le attività dei Black Belt sono, in sintesi: selezionare le risorse; costituire e gestire il team di sviluppo del progetto; favorire la precisa definizione degli obiettivi; pianificare le azioni operative del progetto nei suoi dettagli; seguire la scansione temporale e verificare i risultati delle fasi del Six Sigma; individuare i metodi e gli strumenti tecnologici più corretti e renderli fruibili; esaminare le soluzioni prospettate dal gruppo di lavoro; presentare l avanzamento dei lavori e il rendiconto degli obiettivi raggiunti. Nella sua veste di team leader il Black Belt: gestisce il team; organizza e governa le riunioni; assegna i compiti ai membri; garantisce la documentazione dei lavori svolti e delle soluzioni prospettate; intrattiene le relazioni con l Executive Leader. I Green Belt svolgono un ruolo prevalentemente operativo nello sviluppo del Six Sigma e sono responsabili del raggiungimento dei risultati di specifici progetti. Pur avendo la stessa preparazione dei Black Belt, essi non sono impegnati a tempo pieno nel progetto Six Sigma. Il team di sviluppo del progetto è formato da un numero di elementi limitato che svolge effettivamente il lavoro di produzione e di realizzazione di idee e programmi. Vi partecipano, oltre alle Green Belt, Black Belt (con funzione di coordinamento), membri interni e membri esterni ai processi che sono coinvolti nel problema da risolvere e figure provenienti dalle diverse funzioni aziendali che condividono il progetto. In sintesi, i membri del gruppo di progetto: esaminano e rappresentano il problema; individuano criticità e aree di intervento; forniscono le indicazioni per le soluzioni; perfezionano il piano di attuazione; indicano i supporti tecnologici e le logiche di utilizzo; verificano in itinere lo sviluppo delle nuove soluzioni. Al termine della fase Define si redige un Project Charter, uno snello documento che sintetizza: il problema affrontato e gli obiettivi del progetto, la struttura delle risorse impiegate, i costi inerenti il problema, i clienti e le loro CTQ, il contesto del progetto e la pianificazione delle fasi e delle scadenze. 10

11 3. La fase Measure La fase di misurazione prende avvio dai risultati ottenuti dalla fase Define e muove i primi passi nell identificazione, in funzione delle caratteristiche dei processi, delle variabili critiche da sottoporre a misurazione, definendone le priorità. Per comprendere la rilevanza di ogni singolo processo al raggiungimento dell appagamento delle esigenze del cliente, occorre determinare il contributo di ogni processo alla soddisfazione delle caratteristiche critiche della qualità, individuandone gli scostamenti di prestazione ed effettuando un confronto con le aziende concorrenti. Una matrice che metta in relazione i processi chiave e le Critical to Quality, può ben rappresentare l importanza relativa dei processi (si veda Figura 2). FIGURA 2. Diagramma ad albero e correlazione CTQ-processi VOLO INTER-CONTINENTALE SICUREZZA PUNTUALITA' SERVIZI A TERRA COMODITA' A BORDO QUALITA' PASTI CTQ1 CTQ2 CTQ1 CTQ2 CTQ3 CTQ4 CTQ1 CTQ2 CTQ3 P PROCESSO 1 PROCESSO 2 PROCESSO 3 PROCESSO 4 PROCESSO PROCESSO n 3.1 Il Quality Function Deployment Il Quality Function Deployment rappresenta uno strumento per meglio tradurre la «voce del cliente» in specifiche di qualità e le CTQ in caratteristiche per la progettazione e produzione di prodotti e servizi che rispondano alle esigenze dei clienti. Il metodo è rivolto, inoltre, a combinare le aspettative dei clienti con le attività e le responsabilità delle diverse funzioni aziendali, consentendo anche di individuare i contributi delle differenti funzioni aziendali e il sistema di relazioni tra funzioni che dovrebbe garantire la massima qualità. 11

12 In Figura 3 si chiariscono i diversi livelli di applicazione dello strumento: predisponendo le richieste del cliente e le specifiche funzionali nelle due dimensioni della matrice e valutandone il livello di interazione (con indicatori numerici) si perviene alla individuazione delle priorità del cliente rispetto alle specifiche di prodotto/servizio. Nel passaggio successivo, con procedimento analogo, dalle specifiche tecniche si giunge a definire le caratteristiche essenziali del prodotto/servizio; similmente, con un ulteriore passo, si individuano i processi che più sono coinvolti nella realizzazione delle caratteristiche determinanti, sino a mettere in luce le variabili chiave del processo. FIGURA 3. I livelli di applicazione del QFD SPECIFICHE FUNZIONALI RICHIESTE DEL CLIENTE CASA DELLA QUALITÀ 1^ LIVELLO SPECIFICHE FUNZIONALI CHIAVE SPECIFICHE FUNZIONALI CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO/SERVIZIO CASA DELLA QUALITÀ 2^ LIVELLO CARATTERISTICHE CHIAVE CARATTERISTICHE CHIAVE PROCESSI DI PRODUZIONE CASA DELLA QUALITÀ 3^ LIVELLO PROCESSI CHIAVE PROCESSI CHIAVE VARIABILI DI PROCESSO CASA DELLA QUALITÀ 4^ LIVELLO VARIABILI CHIAVE DEL PROCESSO 3.2 L identificazione degli indicatori chiave e misurazione delle prestazioni L albero della qualità contenente le indicazioni delle CTQ, precedentemente individuato, deve essere integrato con gli indicatori previsti per ogni variabile critica. La misurazione delle prestazioni complessive del processo e delle attività che lo costituiscono, realizzata attraverso un sistema di indicatori, è indispensabile non solo in questa fase, nella quale è necessario fornire indicazioni sulle condizioni di inefficacia e di inefficienza del processo, ma anche per precisare e quantificare gli obiettivi di miglioramento in modo da indirizzare correttamente gli sforzi e, in un secondo momento, per accertarne i progressi. L enfasi riposta nell analisi delle attività e dei processi porta a interpretare la creazione del valore come la risultante dell interazione e dell integrazione del valore generato dai molteplici processi aziendali, a riconoscere i legami e le connessioni nella mappa dei processi e a identificare il contribuito di ogni processo al perseguimento della mission aziendale. Per queste ragioni e per il verificarsi delle condizioni che hanno 12

13 portato all incremento delle classi di costo non direttamente riconducibili ai singoli prodotti a fianco delle tradizionali misurazioni di tipo economico, assumono sempre più rilevanza le misurazioni di performance di tipo operativo. Così come non è pensabile tentare di rappresentare il funzionamento delle diverse tipologie di aziende attraverso un modello universale di interpretazione delle attività e dei processi che in queste si spiegano, così anche l individuazione dei peculiari indicatori (e del sistema di indicatori) dipende dalle specificità delle scelte strategiche e dei comportamenti organizzativi (che si manifestano nelle modalità di svolgimento di attività e processi) intrapresi da ogni singola realtà operativa. Il peso e il significato assegnato a ogni indicatore riflettono la particolarità e l importanza relativa dell attività o del processo nel quadro generale di riferimento (mappatura dei processi) e sono connessi al fine ultimo per il quale (attività e processi) sono operanti: la soddisfazione delle esigenze del cliente. FIGURA 4. Valori di riferimento per ogni KPI BISOGNI DRIVERS CRITICAL TO QUALITY KEY PERFORMANCE INDICATORS VALORI TARGET tolleranze medie ± 10% SERVIZI A TERRA Disponibilità lounge Snacks e bevande dimensioni poltrona cm 70x140 n poltrone 50 tempo a disposizione 24h n snacks 20 n bevande 20 tempo a disposizione 24h Comodità poltrona dimensioni poltrona cm 60x140 reclinabilità poltrona 180 spazio circostante cm 30 VOLO INTER- CONTINENTALE COMODITA' Video e musica n video a disposizione 20 n canali tv 12 n canali audio 12 Snacks e bevande n snacks 20 n bevande 20 tempo a disposizione 24h Una tecnica di management, adatta a mettere in luce gli scostamenti delle prestazioni con quelle migliori riscontrate sul mercato e con quanto richiesto dal cliente, è rappresentata dal benchmarking; il metodo ha incontrato crescente successo fra le aziende impegnate nella ricerca di strumenti di misurazione delle performance volti a determinare miglioramenti continui. 13

14 3.3 La raccolta dei dati e la valutazione del sistema di misura Uno dei princìpi basilari del Six Sigma è che tutto debba essere misurato e valutato oggettivamente. Le decisioni devono essere basate su dati di fatto e informazioni documentate. L obiettivo fondamentale di questa fase è quello di impostare un «sistema di rilevazioni» atto a fornire un complesso di procedure per la raccolta dei dati, la realizzazione e la distribuzione delle informazioni necessarie per lo svolgimento delle attività. La valutazione della variabilità della prestazione di un processo dipende da cause imputabili al reale svolgimento delle attività che lo compongono (e dalla loro relativa variabilità), ma anche dall'affidabilità degli strumenti impiegati nella misurazione. L analisi del sistema di misura (Measurement System Analysis - MSA) consiste in un insieme di test che hanno lo scopo di stimare quanta parte della variabilità possa essere attribuibile al sistema di misura e di valutare se il sistema in uso è affidabile. In estrema sintesi, occorre valutare se il sistema necessita di una «messa a punto» (quando il valore medio delle misurazioni si discosta da uno standard di riferimento), se gli strumenti sono ugualmente accurati per valori estremamente alti o bassi, se riporta gli stessi valori per misure effettuate in tempi diversi (stabilità). Altri aspetti da considerare relativamente al sistema di misura sono: - la ripetibilità, vale a dire la capacità di ottenere lo stesso valore misurato quando l operazione viene ripetuta utilizzando lo stesso strumento e il medesimo operatore. Se la ripetibilità è la causa principale di variabilità, si deve sostituire o riparare lo strumento di misura, oppure rivedere la procedura standard per l utilizzo dello strumento; - la riproducibilità, quando più misurazioni vengono effettuate da diversi operatori e/o differenti strumenti e i valori risultanti non si discostano. Se la ragione predominante di variabilità è la riproducibilità si devono ricercare le motivazioni delle differenze fra la carenza di abilità, la mancanza di chiarezza delle procedure standard o la non corretta applicazione delle procedure stesse; - la discriminazione, o risoluzione, riguarda l idoneità del sistema di misura di distinguere anche le minime variazioni della caratteristica in esame e di differenziare in modo adeguato i valori di un parametro; - la comprensibilità, i criteri, i parametri e i termini devono essere chiari e univoci (facilitando così anche la riutilizzabilità), così come inequivocabili devono essere i risultati conseguiti; - la condivisione, i dati e le informazioni prodotti in itinere e i risultati ottenuti devono poter essere disponibili e condivisi fra gli operatori che li impiegano nelle attività dei processi e delle funzioni; 14

15 - la coerenza, i dati e le informazioni devono essere conformi e concordi con le politiche di miglioramento della qualità definite dalla pianificazione strategica; - la riutilizzabilità, i risultati devono essere disponibili e riusufruibili per evidenti vantaggi economici. 4. La fase Analyse Nella fase Analyse si esaminano le informazioni raccolte e si individuano le cause di variabilità delle prestazioni, si considerano e si scoprono le motivazioni degli scostamenti fra le attuali performance e quelle attese dai clienti, mettendo in luce le relazioni tra variabili indipendenti e dipendenti. La prima mappatura dei processi effettuata nella fase Define, utile a scorgere le relazioni fra processi, fattori critici di successo e caratteristiche specifiche per la soddisfazione delle esigenze dei clienti, deve essere, in questa fase, approfondita per rendere manifeste le responsabilità delle unità organizzative, per comprendere i flussi sequenziali di attività, per rendere evidente l effettivo flusso di lavoro e per cogliere le relazioni interfunzionali. L individuazione dei processi chiave risulta indispensabile anche per l analisi dei rischi ai quali sono sottoposte le risorse critiche per lo svolgimento della gestione aziendale. Le indagini suindicate vengono affidate ai team di progetto; le ricerche possono essere facilitate da sessioni di brainstroming, nelle quali si incoraggia la partecipazione attiva di tutti i membri del gruppo, permettendo ai singoli partecipanti di esprimere liberamente le loro opinioni, prescindendo dal ruolo ricoperto nell organizzazione. Gli strumenti più usati per identificare le cause della variabilità sono la «mappa dei processi», il Failure Modes and Effects Analysis (FMEA), la matrice causa-effetto, il diagramma causa-effetto e il diagramma di Pareto. 4.1 La rappresentazione dei processi Un efficace e completa tecnica di rappresentazione definisce sia l insieme di regole e simboli che possono essere utilizzati nella costruzione del modello del processo, sia la semantica del linguaggio adottato, ovvero il significato che a tali simboli viene attribuito. Il processo viene scandito dagli «eventi»: essi possono avviare un attività, possono concluderla o possono verificarla in coincidenza di fatti rilevanti. Gli eventi sono rappresentati da simboli puntuali, diversi tra di loro a seconda del significato che devono esprimere. Per identificare le responsabilità delle unità organizzative e individuare le eventuali duplicazioni o sovrapposizioni sono utili e di semplice realizzazione le matrici di responsabilità. 15

16 I diagrammi di flusso (flowchart) illustrano, utilizzando il sistema di simboli standard della ANSI (American National Standards Institute), la successione di attività e i punti di decisione di un processo, ponendo l accento sulla comprensione del flusso sequenziale del lavoro fisico o informativo. La rappresentazione del processo è un illustrazione di come funziona un processo; stabiliti i confini e gli elementi significativi, come precedentemente esposto, occorre, attraverso figure e grafici, rendere evidente l effettivo flusso di lavoro per comprenderne le relazioni interfunzionali. La riproduzione semplificata del processo, attraverso un modello, consente un efficace comunicazione nei e fra i gruppi di lavoro e, nei due sensi, con il vertice; inoltre, favorisce l uso di un linguaggio comune, l esame delle diverse opzioni e lo scambio di vedute fra chi dovrà operativamente intervenire nel ridisegno. L uso opportuno delle diverse tecniche di modellizzazione ognuna con proprie regole, simboli e corrispondenti univoci significati permette di rappresentare un processo sia «com è» (As is) sia «come dovrebbe essere» (To be). Un idonea rappresentazione dei processi viene realizzata con la tecnica IDEF 0. I metodi IDEF (Integrated Computer Aided Manufacturing DEFinition) sono stati sviluppati verso la fine degli anni settanta dal Dipartimento della Difesa Statunitense. Fra gli altri metodi per rappresentare i processi merita richiamare le tecniche Action Workflow, le quali si basano sul principio che i processi sono costituiti da una rete di rapporti clienti-fornitori e dagli impegni che essi si scambiano e si promettono di soddisfare; le operazioni (di movimentazione, trasformazione, elaborazione, ecc.) derivano di conseguenza. 4.2 La capacità di un processo (capability) La capacità di un processo (capability) è la relazione esistente fra le prestazioni del processo e le richieste del cliente. Essa misura il grado di soddisfacimento dei limiti di specifica stabiliti. Per limiti di specifica si intendono quelli individuati seguendo la «voce del cliente»; rappresentano un vincolo nella fase di progettazione di quei processi che si sviluppano per soddisfare i requisiti espressi dal cliente. I limiti di controllo sono determinabili rilevando i dati riferiti agli output del processo e mettono in luce il «comportamento» del processo stesso; tanto più si riesce a ridurre l ineliminabile variabilità dei processi, tanto più si può stabilire quale sarà il comportamento futuro. La capacità di processo mette in relazione l intervallo delimitato dai limiti di controllo con quello delimitato dai limiti di specifica. 16

17 L analisi della capacità di un processo è uno strumento per valutarne le prestazioni. Si articola in due fasi: analisi del processo; analisi del rapporto fra limiti di specifica e limiti di controllo. L analisi del processo è utile per determinare se esso si trova in uno stato di controllo statistico. Quest analisi può essere condotta con una serie di strumenti come, ad esempio, la matrice causa-effetto, le carte di controllo, il diagramma di Pareto, ecc. Un processo è stabile se le variabilità degli input, combinate con le cause comuni di variabilità del processo, producono una variabilità casuale dell output tale per cui sono prevedibili i comportamenti futuri. Un processo è instabile quando uno o più input hanno un comportamento imprevedibile e la variabilità dell output, dovuta a cause speciali, non consente di prevedere l andamento futuro. Per analizzare il rapporto fra specifiche e prestazioni del processo si definiscono gli indici di capacità del processo, i quali mettono in relazione le prestazioni (o il potenziale) del processo con i limiti di specifica, così come segnalati dal cliente. La capacità di un processo, valutabile per ogni caratteristica, dipende dai limiti di specifica, dalla dispersione e dalla posizione del processo. Gli indici più comunemente usati sono l indice di capacità potenziale Cp e l indice di capacità reale Cpk. L indice Cp indica la potenzialità del processo di rispettare le specifiche ed è definito come 5 : USL LSL Cp = 6σ Al numeratore compare l intervallo di tolleranza indicato dal cliente (dispersione ammissibile per il processo) e al denominatore la cosiddetta tolleranza naturale rappresentata dal valore 6σ 6. Un processo con capability inferiore a 1 è del tutto inaccettabile; il valore 1 segnala che il processo si distende in tutto l intervallo di tolleranza; dal valore 1,33 a 2 le prestazioni del processo sono ritenute soddisfacenti. L aumento dell indice corrisponde a una diminuzione della dispersione (variabilità) del processo. Nel caso di un processo centrato, l indice di capacità potenziale è una buona misura dell idoneità del processo a soddisfare le specifiche del cliente. Gli stessi indicatori, però, si avrebbero anche se il processo presentasse derive tali da condurlo lontano dalla media. L indice di capacità potenziale Cp è un buon indicatore della dispersione del processo, ma non è sufficiente a chiarire se esso è «centrato». 5 Dove per LSL (Lower Specification Limit) si intende il limite di specifica inferiore e per USL (Upper Specification Limit) quello superiore. 6 Si utilizza 6 sigma perché in una distribuzione gaussiana, come si suppone che sia quella sotto esame, il 99,73% degli elementi è compreso in sei volte la deviazione standard, quando si hanno esclusivamente variazioni casuali. Cfr. A. CHIARINI, Total Quality Management, FrancoAngeli, Milano,

18 Per tale ragione risulta più opportuno determinare l indice di capacità reale Cpk, il quale è più adatto a segnalare gli scostamenti dalla media nell intervallo di tolleranza. L indice, infatti, evidenzia sia l ampiezza della distribuzione che la «centratura» rispetto alla media di tolleranza. µ LSL USL µ Cpk = min ; 3σ 3σ Se Cpk è maggiore di 1, l ampiezza dei dati cade completamente nei limiti di specifica; un Cpk compreso tra 0 e 1 indica che una parte degli output del processo cadono oltre i limiti. Un Cpk uguale ad 1 indica, inoltre, che la difettosità riguarda solo 3 parti su Molte aziende chiedono, ai loro fornitori, indici Cpk compresi tra 1,33 e 2; con un Cpk di 1,33, infatti, il 99,994% degli output del processo rispetta le specifiche richieste. La Figura 5 chiarisce la diversa sensibilità degli indici rispetto ai limiti di specifica. FIGURA 5. Indici di capacità potenziale e reale Alta dispersione e non centrata rispetto ai limiti di specifica Processo non preciso e non accurato Bassa dispersione ma non centrata rispetto ai limiti di specifica Processo preciso ma non accurato Cp = 1 insoddisfacente Cpk = 0,5 insoddisfacente Cp = 2 buona Cpk = 0,5 insoddisfacente Alta dispersione ma centrata rispetto ai limiti di specifica Processo non preciso ma accurato Bassa dispersione e centrata rispetto ai limiti di specifica Processo accurato e preciso Cp = 1 insoddisfacente Cpk = 1 soddisfacente Cp = 2 buona Cpk = 2 buona In sintesi, la capability di un processo dipende dalla sua variabilità, dalla distanza tra la media dei valori misurati e il valore target e dall ampiezza delle tolleranze. Per esprimere in modo più accurato la capacità di un processo si determina il livello di Sigma: µ LSL USL µ Livello di Sigma = min ; σ σ Il livello di Sigma è una misura di capability di un processo riferito ai suoi limiti di specifica. Esso indica il numero di Sigma (deviazioni standard) contenute nella distanza tra il valore centrale di un processo e il limite di specifica più vicino e, ovviamente, a valori più alti corrispondono processi con migliore capacità (Figura 6). Un processo nel lungo periodo manifesta maggiore variabilità e, per questa ragione, è lecito supporre che il valore medio si sposti nel tempo. Dati empirici e la pratica 18

19 aziendale, così come sperimentato nelle applicazioni del metodo Six Sigma in Motorola, hanno permesso di determinare questo slittamento, verso il limite superiore di specifica, nella misura di 1,5 Sigma. FIGURA 6. Rappresentazione grafica del livello di Sigma TARGET LSL USL σ Pertanto, il Sigma capability risulta: media Sigma capability = Livello di Sigma + 1,5 Sigma Si usa il livello di Sigma come indicatore della scarsa difettosità di un processo in quanto, oltre a essere più sensibile rispetto alla percentuale di difetti riscontrati, mette in luce anche numeri minimi di difetti ed è diventato un indice così diffuso da permettere il confronto fra processi diversi nella stessa azienda o tra aziende diverse (Tavola 1). TAVOLA 1. Sensibilità del Sigma capability Probabilità di asssenza di difetti Difetti per milione di opportunità Sigma capability 93,3189% ,7250% ,5 99,3790% ,8650% ,5 99,9767% ,9968% 32 5,5 99,9997% 3, Strumenti per identificare le cause di variabilità dei processi Il Failure Modes and Effects Analysis (FMEA) Il Failure Modes and Effects Analysis (FMEA, ovvero Analisi dei modi ed effetti dei fallimenti) è un approccio strutturato per identificare i modi in cui un prodotto o un 19

20 processo possono non raggiungere le prestazioni attese dal cliente e stimare il rischio relativo a cause specifiche che provocano gli insuccessi. Attraverso il FMEA si può valutare il rischio attuale a cui il processo è sottoposto, la probabilità di avvenimento delle cause, così da assegnare priorità agli interventi da intraprendere per ridurre il rischio. Il FMEA prende avvio dalle precedenti considerazioni intorno alle caratteristiche dei processi (mappa di processo, matrice causa-effetto, descrizione dettagliata delle attività e delle procedure tecniche, ecc.) e fornisce indicazioni su come istituire interventi per rilevare i fallimenti e per impedirne le cause, lasciando memoria delle azioni intraprese e pianificando le attività future. Lo strumento si articola nei seguenti punti: - per ciascun input di processo si identificano le «modalità di errore», vale a dire i modi in cui una fase del processo può funzionare in modo variabile e anomalo; - per ciascuna «modalità di errore», associata agli input, si determinano i relativi effetti e le cause potenziali; - per ciascuna causa si elencano i metodi e i dispositivi attualmente applicati al fine di prevenire o rilevare le modalità di errore (o le cause) prima che queste si ripercuotano in effetti indesiderati; - per ogni effetto si assegna una valutazione numerica che rappresenta l indice di gravità dell effetto di un fallimento (severità dell effetto) sul cliente; - per ogni causa si assegna una valutazione di frequenza di accadimento e la capacità di rilevamento, con i metodi o dispositivi attualmente applicati, - per ogni «scenario di errore» si calcola il «numero di priorità del rischio» (Risk Priority Number, RPN); il numero deriva dalle precedenti quantificazioni della gravità, della frequenza e della capacità di rilevamento (RPN = gravità frequenza rilevamento). Nelle fasi successive si definisce il valore limite inferiore per l indice RPN per poter identificare le priorità degli interventi e si pianificano le azioni per ridurre i RPN considerati elevati; si stabilisce la tempistica delle azioni correttive; si intraprendono le azioni appropriate e si documentano i risultati; si ricalcola il RPN; si rendono sistematici i controlli Il diagramma causa-effetto (a lisca di pesce) I diagrammi causa-effetto (a lisca di pesce) mettono in luce, attraverso una rappresentazione grafica, le cause di variabilità del processo. Per formulare ipotesi intorno alle sorgenti di difettosità risulta utile, oltre all esperienza e alle competenze tecniche del team, promuovere sessioni di brainstorming per favorire la creatività e la propensione a trovare soluzioni e per far emergere tutte le possibili origini delle criticità. 20

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli