COMUNE DI BUDRIO LO SPETTACOLO DAL VIVO PER LA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BUDRIO LO SPETTACOLO DAL VIVO PER LA SCUOLA 2006-2007"

Transcript

1 COMUNE DI BUDRIO LO SPETTACOLO DAL VIVO PER LA SCUOLA

2 COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna ASSESSORATO ALLA CULTURA, SCUOLA E TEATRO TEATRO CONSORZIALE DI BUDRIO STAGIONE CONSORZIALE SCUOLA LO SPETTACOLO DAL VIVO PER LA SCUOLA «... le fiabe sono vere. Sono, prese tutte insieme, (...) una spiegazione generale della vita, nata in tempi remoti e serbata nel lento ruminio delle coscienze contadine fino a noi; sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna, soprattutto per la parte di vita che appunto è il farsi del destino: la giovinezza, dalla nascita che sovente porta in sé un auspicio o una condanna, al distacco dalla casa, alle prove per diventare adulto e poi maturo, per confermarsi come essere umano...» (Italo Calvino) Il fascino dello spettacolo dal vivo. Storie, gesti, silenzi, immagini, respiri, emozioni, sonorità inaspettate: sono questi gli aspetti che possono rendere la vista e l ascolto dal vivo di uno spettacolo un momento assai coinvolgente e affascinante. Da questa esperienza scaturiscono nel giovane pubblico mille curiosità e intuizioni che costituiscono uno degli elementi essenziali dei percorsi proposti. Agli Artisti è affidato il compito di mantenere vivo un dialogo con i ragazzi, fornire nuove conoscenze e condurre esecuzioni e performances che rendano ancor più efficace l incontro con lo spettacolo Le linee guida del progetto Consorziale scuola sono la trasversalità e la continuità dei percorsi educativi e formativi che, pur nella specificità degli obbiettivi e delle metodologie dei diversi ordini e gradi di scuola, rimane, e tale deve essere, intrinsecamente unitario. Si è inteso potenziare la capacità di comprendere i linguaggi nella loro caratterizzazione storico-culturale e poetico-emozionale, e guidare gli studenti alla ricerca di proprie emotività, aspettative, modelli e regole. Per informazioni sulla programmazione e delucidazioni sugli spettacoli ci si può rivolgere: Direzione del Teatro Consorziale, via Mentana n Budrio (BO) tel fax , nelle mattinate dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 13; Biglietteria del Teatro, Via Garibaldi n. 35 tel e fax dal martedì al venerdì dalle ore 16,30 alle ore 19. (in copertina: Teatrino delle marionette usato da Vittorio Emanuele II, re d Italia; marionette: il Principe di Luciano Zane, Madama Butterfly di Vittorio Podrecca, il Moschettiere di Raffaele Pallavicini. Budrio, Museo dei Burattini, Collezione Zanella Pasqualini) 2

3 indice prezzi e modalità di prenotazione pag. n. 4 spettacoli per : SCUOLA DELL INFANZIA pag. n. 5 spettacoli 23, 24 e 25 GENNAIO Aladino pag. n e 24 Marzo La fiaba di Leonconiglio della paura figlio pag. n. 5 3 e 4 MAGGIO Il giardino di Mirò pag. n. 5 SCUOLA PRIMARIA pag. n. 6 spettacoli 16 (e 17) GENNAIO Cenerentola e i sette nani pag. n. 6 23, 24 e 25 GENNAIO Aladino pag. n. 6 8 e (9) FEBBRAIO Un sorriso... una fata pag. n MARZO Il mago dei numeri pag. n (e 21) MARZO Lattafoglia pag. n e 28 Marzo La fiaba di Leonconiglio della paura figlio pag. n. 7 3 e 4 MAGGIO Il giardino di Mirò pag. n. 8 musica e balletto pag. n. 8 2 MARZO Il piccolo flauto magico di W. A. Mozart pag. n. 8 9 MARZO Il balletto in Europa ieri e oggi pag. n. 9 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO pag. n. 10 spettacoli 8 e (9) FEBBRAIO Un sorriso... una fata pag. n FEBBRAIO Sloi machine pag. n e (21) MARZO Lattafoglia pag. n APRILE Extracom pag. n. 11 Dal Testo allo spettacolo - Incontri con il teatro pag. n. 11 musica e balletto pag. n MARZO Il piccolo flauto magico di W. A. Mozart pag. n MARZO Il balletto in Europa ieri e oggi pag. n. 12 SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO pag. n. 12 spettacoli 22 FEBBRAIO Sloi machine pag. n APRILE Extracom pag. n. 13 Dal Testo allo spettacolo - Incontri con il teatro pag. n. 13 LABORATORI LIRICI pag. n. 14 IL TEATRO, uno spazio, una storia pag. n. 14 CRONOLOGIA DEGLI APPUNTAMENTI pag. n. 15 3

4 MODALITA DI PRENOTAZIONE E PREZZI Le adesioni per la partecipazione agli spettacoli dovranno pervenire a partire da lunedì 23 ottobre 2006 fino a sabato 11 novembre 2006, comunque fino ad esaurimento dei posti disponibili per ogni singola recita, alla Direzione del Teatro Consorziale, via Mentana n Budrio tel fax o nelle mattinate dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 13, oppure lasciare un messaggio nella segreteria telefonica, con le Vostre richieste e l indicazione del responsabile e del suo telefono a cui dare risposta. Dopo il 12 novembre verranno accettate prenotazioni solamente su eventuali posti ancora disponibili per le recite in calendario. Le prenotazioni telefoniche devono essere confermate entro 15 giorni con lettera, inviata anche a mezzo fax ( ) dalla Presidenza di appartenenza. Ciascun insegnante può esprimere, con la prenotazione, la propria preferenza per un determinato ordine di posti, di questa opzione si terrà conto, nel limite del possibile, al momento dell assegnazione delle poltrone; per ciascuna rappresentazione, infatti, i bambini verranno disposti in teatro, a partire dalle prime file, in ordine crescente di età, e a pari età in ordine di arrivo in teatro. I Signori Insegnanti sono vivamente pregati di effettuare la prenotazione solo quando sono certi di poter accompagnare la classe in Teatro. I biglietti si ritireranno la mattina stessa dello spettacolo e pagheranno solo gli alunni effettivamente partecipanti. La non partecipazione dell intera classe comunicata nella mattinata di spettacolo comporta il pagamento dei biglietti che verrà addebitato alla scuola di appartenenza. Il numero di spettacoli effettivamente rappresentati ed il numero di recite per ciascun spettacolo saranno determinati in relazione alle adesioni pervenuteci dalle scuole, pertanto è possibile che venga eliminata una prenotazione o che venga richiesto di spostarsi ad altra data. Le rappresentazioni verranno effettuate, di norma, una soltanto per mattinata, con inizio alle ore 9.30, salvo diversa indicazione contenuta nella scheda; si raccomanda la puntualità. E diseducativo far attendere i ragazzi in Teatro per aspettare l arrivo dei ritardatari. PREZZI dei biglietti: (salvo diversa indicazione contenuta nella scheda di presentazione dello spettacolo) Intero Ridotto (** con contributo del Comune di appartenenza) Platea e Prima galleria Euro 5,00 Euro 3,50 Seconda galleria * Euro 3,50 Euro 2,00 * Per alcuni spettacoli, è possibile utilizzare anche la Seconda galleria del Teatro. La Direzione è a disposizione per fornire indicazioni su quali spettacoli (gli impedimento sono dovuti al tipo di messa in scena, all età dei ragazzi, ed altro). ** Qualora il Vostro Comune di appartenenza, a cui è stata inviata lettera di richiesta di adesione si facesse carico della somma di Euro 1,50, per ciascun partecipante. Gli accompagnatori entrano gratuitamente. 4

5 SPETTACOLI PER LA SCUOLA DELL INFANZIA INIZIO SPETTACOLI ORE 9.30 GENNAIO, martedì 23, mercoledì 24 e giovedì 25 Rosaspina un Teatro - Fondazione ERT in ALADINO Liberamente tratto dall omonimo racconto della raccolta Le mille e una notte TECNICHE: teatro d attore con proiezioni e ombre DURATA 60 minuti TRAMA: Nel racconto originale un oscuro e malvagio Mago giunge in Cina per trovare il giovane Aladino: ha infatti saputo, attraverso le sue arti di magia, che egli è il solo in grado di raggiungere una lampada dai meravigliosi poteri, che si trova custodita allʼinterno di un giardino sotterraneo. Fingendosi suo zio, costringe dunque il giovane a calarsi sottoterra e a portargli la lampada, che non riuscirà però ad ottenere. Aladino, da spiantato che era, scoperti casualmente i benefici che può ottenere dallʼevocazione del genio che abita la lampada, si avvia a vivere una vita da signore. Ma lʼamore che scocca in lui per la proibitissima principessa Budur, e lo sfoggio di ricchezze che deve esibire al Sultano per poterla ottenere, lo espongono nuovamente alla cupidigia del Mago che ricorre a subdoli stratagemmi per carpirgli la lampada. La lotta tra Aladino e il Mago, che è lotta tra il Bene e il Male, si conclude a favore del primo, che potrà quindi vivere, come si conviene ad ogni fiaba, felice e contento. Nella nostra versione il giovane Aladino è uno scapestrato e fannullone che proprio non riesce a fare a meno di sognare una realtà di fantasia che lo trasporta lontano dai doveri e dalla realtà della sua vita di poverello: Aladino non studia, non aiuta la mamma nelle faccende domestiche, non si preoccupa di procurarsi il pane quotidiano, ma spende le giornate a spasso o si attarda a cercare nella forma delle nuvole figure fantastiche. Ma Aladino cattivo ragazzo cela in sé un segreto: il tesoro del desiderio che lo rende capace, a sua insaputa, di accedere al luogo che custodisce la lampada; cosa che invece non può il Mago, mosso solo dalla brama della ricchezza e del potere. La lampada è infatti il simbolo della ricchezza interiore di Aladino, la ricchezza di chi cerca, di chi sogna, di chi appunto desidera. Ed Aladino ad un certo punto desidera lʼamore e cioè il proprio compimento. Ma la vita non è una fiaba e le fiabe raccontano della vita: per lʼamore Aladino dovrà imparare a lottare e vincere. Il possesso della lampada infatti non gli garantisce la vittoria sul Male: la lampada può essere smarrita o rubata e il Genio che la abita può donare tutto ciò che gli si chiede a chiunque lo chieda. Bisogna quindi saper chiedere, bisogna saper formulare le domande del desiderio. Solo dopo avere imparato a interrogare il tesoro che è in lui (come in ognuno di noi) la felicità potrà compiersi, lʼamore essere perenne ed il finale lieto. MARZO, martedì 27 (doppio spettacolo ore 9,30 e ore 11,00) e mercoledì 28 Teatrino dell Es in LA FIABA DI LEONCONIGLIO DELLA PAURA FIGLIO TECNICHE: burattini a guaina e teatro in nero. DURATA: 55 minuti TRAMA: Il tema trattato è quello della PAURA, vista nei suoi aspetti pià fiabeschi. Fra mostri, streghe, fantasmi, ed orchi, ciò che spaventa di più ogni ogni bimbo è il timore dellʼabbandono e della perdita dei genitori. Lo scopo del viaggio attraverso il bosco che Eugenio, bimbo coraggioso, compirà, è proprio quello di trovare i suoi genitori, che sono stati rapiti dallʼorco Magone e richiusi nel tenebroso castello di Rocca Nera. Lungo la strada Eugenio, aiutato dal saggio Gufo Occhidoro, incontrerà un grande coccodrillo, un fantasma, una strega, e il terribile orco; ma incontrerà anche Florabella, una bimba astuta che lo affiancherà nel suo percorso. Proprio come capita a noi umani, che per far chiari esempi ai bambini, ci confrontiamo col regno animale, così mamma Leonessa racconterà la storia di Eugenio a suo figlio Felino Leoncino, piccolo leone senza un briciolo di coraggio, deriso da tutti gli animali della foresta con il nome di LEONCONIGLIO, perchè visto scappare a gambe levate di fronte ad un coniglietto. Riuscirà Leonconiglio a prendere esempio dal coraggioso Eugenio diventando così un vero Re della foresta? La fine dello spettacolo Vi darà la risposta. Dal canto nostro speriamo che i messaggi suggeriti ai bambini siano a loro utili per neutralizzare paure immaginarie, mettendo in risalto la differenza tra timore infondato e prudenza, e li stimolino a trovare dentro di sé il coraggio, lʼintelligenza e lʼastuzia per risolvere i problemi quotidiani. Lʼambientazione scenica si svolge in una baracca/bosco con due boccascena. MAGGIO, giovedì 3 (doppio spettacolo ore 9,30 e ore 11,00) e venerdì 4 Il teatro dei Burattini di Varese in IL GIARDINO DI MIRÓ TECNICHE: teatro di figura e d attore TRAMA: lo spettacolo è un invito ad entrare nellʼarte del pittore catalano tramite il teatro delle figure nate dal lavoro educativo e artistico con i bambini, rielaborate con sapiente sensibilitaʼ e animate e raccontate con esperienza. Meraviglia e fantasia sbocciano rigogliose nel giardino di Miró Il giardino è strano un bel poʼ: certo, è del signor Mirò! A guardar bene ci sono i fiori, tanti ma molto strani. Cʼè un albero che si sveglia solo quando un orologio apposito segna lʼora vuota. Volano gli uccelli rossi e neri; una gufa insegna a giocare ai suoi gufetti. I serpenti nascono in una culla apposita e non sono come li si aspettava! I colori e le forme sono ispirati alla pittura di Mirò e sono tutti di carta. I testi sono brevi, un poʼ surreali come le due guardiane che hanno lʼincarico di svegliare il giardino e che lo fanno con amore e con cura come si sveglia un bambino che si ama. La musica racconta insieme con le parole e diverte. Va svegliato il giardino perchè tutto riprenda a muoversi e a vivere mentre un sole rosso dallʼalto fa capolino. 5

6 SPETTACOLI PER LA SCUOLA PRIMARIA INIZIO SPETTACOLI ORE 9.30 GENNAIO, martedì 16 (e mercoledì 17 tenuto per una eventuale ulteriore replica) Il Teatro Antonin Artaud di Lugano (Svizzera) in CENERENTOLA E I 7 NANI FASCIA D ETÀ: per tutte le classi della scuola primaria TECNICHE: marionette, cantastorie, drammaturgia interattiva TRAMA: Tutti conoscono il Mondo Incantato delle Favole, quello dove dietro lʼalbero magico cʼè un castello e nel castello una principessa condannata a lavorare dal mattino alla sera... Nel pozzo in fondo al giardino un drago sonnecchia in attesa del Grande Ballo... o forse invece... nel giardino una fanciulla aspetta dormendo per cento anni il suo Principe Azzurro...? Ahimè! Cenerentola, Biancaneve, i nani burloni, la cattiva matrigna, lo specchio magico si confondono nella memoria del Vecchio Mago... Lo aiuteremo! Tutti assieme, spettatori, contastorie e marionettisti tenteremo di ricreare una nuova favola, degna del Mondo Incantato, una favola che esisterà soltanto per il Mago e per noi, e soltanto per oggi... poiché domani, se tornerete, ne inventeremo, sempre assieme, unʼaltra... La storia è composta da episodi variabili: la loro scelta è lasciata ai bambini. Perché in fondo che cosa ci impedisce di giocare con le favole? I 7 nani, ad esempio, non potrebbero lasciare un attimo Biancaneve per intromettersi nella storia di Cenerentola? Così tutti assieme non assistiamo ad uno spettacolo prefabbricato, lo costruiamo insieme col dialogo fra palco e platea GENNAIO, martedì 23, mercoledì 24 e giovedì 25 Rosaspina un Teatro - Fondazione ERT in ALADINO Liberamente tratto dall omonimo racconto della raccolta Le mille e una notte da Angelo Generali e Aurelia Camporesi - regia di Angelo Generali FASCIA D ETÀ: per le classi prima e seconda della scuola primaria TECNICHE: teatro d attore con proiezioni e ombre DURATA 60 minuti TRAMA: Nel racconto originale un oscuro e malvagio Mago giunge in Cina per trovare il giovane Aladino: ha infatti saputo, attraverso le sue arti di magia, che egli è il solo in grado di raggiungere una lampada dai meravigliosi poteri, che si trova custodita allʼinterno di un giardino sotterraneo. Fingendosi suo zio, costringe dunque il giovane a calarsi sottoterra e a portargli la lampada, che non riuscirà però ad ottenere. Aladino, da spiantato che era, scoperti casualmente i benefici che può ottenere dallʼevocazione del genio che abita la lampada, si avvia a vivere una vita da signore. Ma lʼamore che scocca in lui per la proibitissima principessa Budur, e lo sfoggio di ricchezze che deve esibire al Sultano per poterla ottenere, lo espongono nuovamente alla cupidigia del Mago che ricorre a subdoli stratagemmi per carpirgli la lampada. La lotta tra Aladino e il Mago, che è lotta tra il Bene e il Male, si conclude a favore del primo, che potrà quindi vivere, come si conviene ad ogni fiaba, felice e contento. Nella nostra versione il giovane Aladino è uno scapestrato e fannullone che proprio non riesce a fare a meno di sognare una realtà di fantasia che lo trasporta lontano dai doveri e dalla realtà della sua vita di poverello: Aladino non studia, non aiuta la mamma nelle faccende domestiche, non si preoccupa di procurarsi il pane quotidiano, ma spende le giornate a spasso o si attarda a cercare nella forma delle nuvole figure fantastiche. Ma Aladino cattivo ragazzo cela in sé un segreto: il tesoro del desiderio che lo rende capace, a sua insaputa, di accedere al luogo che custodisce la lampada; cosa che invece non può il Mago, mosso solo dalla brama della ricchezza e del potere. La lampada è infatti il simbolo della ricchezza interiore di Aladino, la ricchezza di chi cerca, di chi sogna, di chi appunto desidera. Ed Aladino ad un certo punto desidera lʼamore e cioè il proprio compimento. Ma la vita non è una fiaba e le fiabe raccontano della vita: per lʼamore Aladino dovrà imparare a lottare e vincere. Il possesso della lampada infatti non gli garantisce la vittoria sul Male: la lampada può essere smarrita o rubata e il Genio che la abita può donare tutto ciò che gli si chiede a chiunque lo chieda. Bisogna quindi saper chiedere, bisogna saper formulare le domande del desiderio. Solo dopo avere imparato a interrogare il tesoro che è in lui (come in ognuno di noi) la felicità potrà compiersi, lʼamore essere perenne ed il finale lieto. FEBBRAIO, giovedì 8 (e venerdì 9 tenuto per una eventuale ulteriore replica) Il Teatro Blu in UN SORRISO... UNA FATA Da uno studio su PETER PAN di James Matthew Barrie e CAPITAN HOOK di Steven Spielberg con Robin Williams e Dustin Hoffman FASCIA D ETÀ: per tutte le classi della scuola primaria TECNICHE: teatro d attore DURATA: 70 minuti TRAMA: Un uomo dʼ affari, di nome PETER, è impegnato nella sua piccola scalata sociale. Si sveglia la mattina di buon ora, si lava, si veste, fa colazione, corre in ufficio dove trascorre la sua giornata a ritmo accelerato fra telefonate, riunioni, corse da un piano allʼ altro, calcoli, responsabilità, riepiloghi, e mille altre faccende. La sera è così stanco che non riesce a prendere sonno e la sveglia suona inesorabilmente alla stessa ora. Durante la giornata ripetitiva e il susseguirsi sempre uguale delle azioni, interviene TRILLY una bambina un poʼ magica, che cerca di richiamare lʼuomo dʼ affari, di fermarlo, e di toglierlo dal vortice in cui si è, suo malgrado, catapultato. Ma lʼ uomo non la vuole ascoltare, la sua presenza lo infastidisce. Trilly continua nel suo disperante tentativo di aiutare Peter, gli corre intorno, grida, lo 6

7 abbraccia, salta, balla per lui, ma nessuna distrazione lo distoglie dal suo automatismo ormai patologico. Trilly non lo riconosce più e decide di andarsene, vuole ritornare nella sua isola: lʼ Isolachenoncè. Nel ricordarla incomincia a poco a poco a darle forma e tenta di trascinare Peter in questo suo gioco: riemergono così dalla memoria la nave dei Pirati, la laguna con le Sirene, gli indiani e Giglio Tigrato rapita da Capitan Uncino con lʼaiuto di Spugna, per costringerla a rivelare il rifugio segreto del suo più grande nemico: Peter Pan. E in questo susseguirsi di vicende lʼuomo e la bambina si abbandonano ai voli pindarici della fantasia dimenticando la fatica del ritmo quotidiano e riscoprendo il sapore del gioco. Catapultandosi da un personaggio allʼaltro i due narrano le rocambolesche avventure dei tanti personaggi che popolano la storia. Lʼuomo sembra dimenticare, almeno per un momento, il suo ruolo sociale e riscopre, attraverso il gioco fantastico, lo spirito della giovinezza e il piacere del lasciarsi andare in un luogo dove tutto è possibile. Peter e Trilly si riscoprono finalmente insieme, come due parti inscindibili di uno stesso pensiero, in cui uno alimenta ed è necessario allʼaltro. Il legame ritrovato continuerà a permeare il quotidiano, che pur con le sue regole, sarà vissuto con spirito diverso, più leggero, più sereno. MARZO, lunedì 12 Teatro dei Colori in IL MAGO DEI NUMERI Testo e regia di Gabriele Ciaccia, da H.M. Enzensberger FASCIA D ETÀ: Per le classi 3, 4 e 5 della scuola primaria TECNICHE: teatro di figura, teatro nero, videoproiezioni. TRAMA: In una notte come tutte le altre, Roberto, si addormenta e sogna, e tra un sogno e lʼaltro arriva un incubo, un incubo fatto di numeri. Si perché a volte i numeri spaventano, chi non ricorda quella strana bestiolina che è la matematica, uno scoglio che a volte sembra insormontabile, a volte invece apre e svela tutti i suoi segreti. E così uno strano ometto, un piccolo ometto rosso, un mago buffo, simpatico, birichino ma anche furbo e qualche volta antipatico gli propone strani giochi di parole e piccole magie con i numeri. Pian piano Roberto capisce che questi strani personaggi sono invenzioni del pensiero dellʼuomo, impara delle piccole e grandi regole, e così la paura della lezione di matematica diventa una curiosità svelata. Conoscerà le cose che hanno detto Pitagora e Archimede. Pesci che raccontano, animali, penne, matite, gomme e lavagne parlanti, piante di numeri, piccole geometrie in movimento, bacchette magiche, serpenti, sveglie con le orecchie; tutto costruito con figure di numeri che si animano in composizioni strane e particolari, ma le leggi della matematica regolano anche un bosco che cresce, la forma dei rami di un albero, le scale delle torri, i giocattoli figure solide, e quellʼantipatico del professor Mandibola adesso non spaventerà più nessuno. Hans Magnus Enzensberger ha scritto questo racconto animato per una bambina di dieci anni ma come ogni storia affascina le persone di ogni età. Sulla scena un grande fumetto interagisce con le parole e le immaginazioni di Roberto. MARZO, martedì 20 (e mercoledì 21 tenuto per una eventuale ulteriore replica) Teatro Evento in collaborazione con Centro Culturale Teatro Camuno in LATTAFOGLIA Ecospettacolo teatrale, testi di Nini Giacomelli, Janna Carioli - regia di Sergio Galassi FASCIA D ETÀ: Per tutte le classi della scuola primaria TECNICHE: teatro d attore e oggetti TRAMA: Lo spazzino Pacus Divorspuz accompagna gli spettatori in un viaggio immaginario nel mondo incontaminato di Valfiorita, che viene trasformata allʼarrivo del perfido Mister Marduk in un luogo inquinato e invivibile: la città di Zozzonia. Il processo di degrado dellʼambiente appare dunque inarrestabile: lʼarroganza e il potere, simboleggiati da Mister Marduk, sembrano trionfare e chi cerca di resistere non ha scampo. Ma ciò che uno solo non ha la forza di fare, si può ottenere con il contributo di molti. Lattafoglia, creatura fantastica, darà a Pacus le chiavi per sconfiggere il terribile Mister Marduk e per far sì che tutti i bambini divengano Cavalieri a difesa di un mondo più pulito e vivibile. La storia si articola alternando brani recitati e scene dʼanimazione a canzoni originali cantate dal vivo. Attraverso un linguaggio semplice ed efficace si suggerisce una panoramica esaustiva delle maggiori emergenze ambientali e si propongono piccole / grandi azioni di tutela dellʼambiente. MARZO, martedì 27 (doppio spettacolo ore 9,30 e ore 11,00) e mercoledì 28 Teatrino dell Es in LA FIABA DI LEONCONIGLIO DELLA PAURA FIGLIO FASCIA D ETÀ: per le classi prima e seconda della scuola primaria TECNICHE: burattini a guaina e teatro in nero. DURATA: 55 minuti TRAMA: Il tema trattato è quello della PAURA, vista nei suoi aspetti pià fiabeschi. Fra mostri, streghe, fantasmi, ed orchi, ciò che spaventa di più ogni ogni bimbo è il timore dellʼabbandono e della perdita dei genitori. Lo scopo del viaggio attraverso il bosco che Eugenio, bimbo coraggioso, compirà, è proprio quello di trovare i suoi genitori, che sono stati rapiti dallʼorco Magone e richiusi nel tenebroso castello di Rocca Nera. Lungo la strada Eugenio, aiutato dal saggio Gufo Occhidoro, incontrerà un grande coccodrillo, un fantasma, una strega, e il terribile orco; ma incontrerà anche Florabella, una bimba astuta che lo affiancherà nel suo percorso. Proprio come capita a noi umani, che per far chiari esempi ai bambini, ci confrontiamo col regno animale, così mamma Leonessa racconterà la storia di Eugenio a suo figlio Felino Leoncino, piccolo leone senza un briciolo di coraggio, deriso da tutti gli animali della foresta con il nome di LEONCONIGLIO, perchè visto scappare a gambe levate di fronte ad un coniglietto. Riuscirà Leonconiglio a prendere 7

8 esempio dal coraggioso Eugenio diventando così un vero Re della foresta? La fine dello spettacolo Vi darà la risposta. Dal canto nostro speriamo che i messaggi suggeriti ai bambini siano a loro utili per neutralizzare paure immaginarie, mettendo in risalto la differenza tra timore infondato e prudenza, e li stimolino a trovare dentro di sé il coraggio, lʼintelligenza e lʼastuzia per risolvere i problemi quotidiani. Lʼambientazione scenica si svolge in una baracca/bosco con due boccascena. MAGGIO, giovedì 3 (doppio spettacolo ore 9,30 e ore 11,00) e venerdì 4 Il teatro dei Burattini di Varese in IL GIARDINO DI MIRÓ FASCIA D ETÀ: per le classi prima e seconda della scuola primaria TECNICHE: teatro di figura e d attore TRAMA: lo spettacolo è un invito ad entrare nellʼarte del pittore catalano tramite il teatro delle figure nate dal lavoro educativo e artistico con i bambini, rielaborate con sapiente sensibilitaʼ e animate e raccontate con esperienza. Meraviglia e fantasia sbocciano rigogliose nel giardino di Miró. Il giardino è strano un bel poʼ: certo, è del signor Mirò! A guardar bene ci sono i fiori, tanti ma molto strani. Cʼè un albero che si sveglia solo quando un orologio apposito segna lʼora vuota. Volano gli uccelli rossi e neri; una gufa insegna a giocare ai suoi gufetti. I serpenti nascono in una culla apposita e non sono come li si aspettava! I colori e le forme sono ispirati alla pittura di Mirò e sono tutti di carta. I testi sono brevi, un poʼ surreali come le due guardiane che hanno lʼincarico di svegliare il giardino e che lo fanno con amore e con cura come si sveglia un bambino che si ama. La musica racconta insieme con le parole e diverte. Va svegliato il giardino perchè tutto riprenda a muoversi e a vivere mentre un sole rosso dallʼalto fa capolino. MUSICA E BALLETTO MARZO, venerdì 2 ore 10 Associazione Culturale Scena Musicale e Teatro Consorziale di Budrio IL PICCOLO FLAUTO MAGICO (libera riduzione dallʼopera in due atti Il Flauto Magico - Die Zauberflöte) Musica di WOLFGANG AMADEUS MOZART ( ) Libretto di Emanuel Schikaneder - Adattamento e revisione italiana a cura di Roberto Ferrari Personaggi: Regina della notte soprano; Tamino tenore; Pamina, sua figlia, soprano; Sarastro basso; una vecchia donna (Papagena) - soprano; Papageno - attore; Prima damigella, seconda damigella, terza damigella, Monostatos (un moro), Oratore - voci recitanti interne. Interpretata da giovani cantanti selezionati con il Concorso Internazionale di Canto Lirico Anselmo Colzani - Ensemble musicale di Scena Musicale - Allestimento, scene e costumi a cura di Scena Musicale e Teatro Consorziale FASCIA D ETÀ: per le classi 3, 4 e 5 scuola primaria TECNICHE: piccola opera lirica TRAMA: Lʼazione si svolge nellʼantico Egitto, trasfigurato in una dimensione fantastica e fiabesca. Il principe Tamino sta fuggendo da un serpente, e gli vengono incontro le tre dame della regina della notte per aiutarlo. Le dame lo presentano alla regina della notte, Astrifiammante, che lamenta il dolore per la scomparsa della figlia Pamina, rapita dal malvagio Sarastro. Tamino, affascinato da un ritratto della giovane, decide di andare con lʼuccellatore Papageno per salvare la principessa. Le Dame consegnano a Tamino un flauto magico e un carillon fatato a Papageno. Tamino e Papageno si incamminano verso il Tempio di Sarastro, sotto la guida di tre ragazzi. Papageno giunge per primo al tempio, e penetra persino nella stanza dove il perfido moro Monostatos tiene imprigionata Pamina. Papageno e Pamina, scacciando Monostatos, tentano la fuga. Tamino, giunge di fronte a tre Templi (Natura, Ragione e Saggezza) e si confronta con un sacerdote che, oltre a smontare lʼimmagine di un Sarastro cattivo, pone domande a Tamino sul suo essere uomo. Tamino, sconcertato e disorientato suona il flauto magico nella speranza di far comparire Pamina, invano. Trascinato da Monostatos, viene successivamente condotto dinnanzi a Sarastro, che lo libera e gli dice che, se vorrà entrare nel suo regno con Papageno, dovrà purificarsi. Tamino e Pamina si riconoscono e si amano da subito. Sarastro invoca Iside ed Osiride affinché aiutino spiritualmente Papageno e Tamino, e iniziano la prima prova: dovranno stare in silenzio qualunque cosa accada. Monostatos si avvicina furtivamente a Pamina addormentata: vorrebbe baciarla, ma è cacciato da Astrifiammante che, porgendo un pugnale alla figlia, le ordina di vendicarla uccidendo Sarastro. Monostatos, non visto, ha ascoltato tutto e minaccia di rivelare lʼintrigo se Pamina non lʼamerà. Sopraggiunge Sarastro: dopo aver scacciato Monostatos, si rivolge paternamente a Pamina e le spiega che solo lʼamore, non la vendetta, conduce alla felicità. Pamina cerca di parlare a Tamino, ma il giovane - essendo ancora sottoposto alla prova del silenzio - non può. Lei crede che non lʼami più, come le ha suggerito Monostatos, ora diventato alleato di Astrifiammante e forse innamorato di lei, e, colta dal dolore, medita il suicido, ma viene bloccata da tre ragazzi che lʼinformano dello scopo della prova. Durante questa prova, Papageno parla con una vecchina, che, poco più tardi, si rivelerà essere Papagena, una donna simile a lui, di cui si innamora. Tamino e Pamina superano le due successive prove: lʼattraversamento dellʼacqua e del fuoco. Ma subito dopo arrivano Astrifiammante, Monostatos e le tre dame per sconfiggere Sarastro. Un terremoto li fa inabissare, e così si celebra la vittoria del bene sul male. Pamina e Tamino vengono accolti nel regno solare di Sarastro. Il Flauto magico può essere letto sia come fiaba per bambini sia come storia a contenuto illuminista. La vicenda racconta però anche lo sviluppo di un individuo che da giovane, ignorante e debole 8

9 che diventa saggio, sapiente e uomo attraverso la scoperta dellʼamore e il superamento di varie prove iniziatiche (il dubbio, il silenzio e lʼattraversamento dei quattro elementi). Durante questo percorso formativo, il giudizio di Tamino sui due Regni nemici si capovolge: il bene, inizialmente identificato con il Regno lunare della Regina della notte in quanto vittima del rapimento della figlia condotto da Sarastro, finirà per essere identificato nel Regno solare di questʼultimo, inizialmente giudicato come malvagio. Nel Regno di Sarastro, Tamino troverà ragione e saggezza. Si scoprono così le buone intenzioni di Sarastro nel portare a sé Pamina, non togliendole libertà ma sottrarla con intento protettivo alla malvagia madre onde poterla destinare al giovane predestinato ed eroe della vicenda, ovvero lo stesso Tamino. Oltre ad unʼinterpretazione incentrata sulla contrapposizione orizzontale fra i due Regni, si può interpretare in unʼottica verticale dove la contrapposizione è fra il potere, lʼautorità, i Regni e il sottomondo popolare, semplice e genuino rappresentato da Papageno. Lʼantitesi è allora fra il concreto uomo-animale allo stato naturale e lʼeletto, aristocratico ed astratto Tamino. Il Regno della luna e quello del sole sono nemici ma, allora, sostanzialmente uguali. Entrambi rappresentano lʼautorità e lʼordine, mentre Papageno - che non ha superato le prove iniziatiche ma che di ciò se ne infischia beatamente - è lʼuomo di tutti i giorni capace di servire allo stesso modo la Regina della notte come Sarastro, consapevole che la bontà e la felicità, seppur materiale, stanno dalla sua parte. MARZO, venerdì 9 ore 9,30 Compagnia Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu in IL BALLETTO IN EUROPA IERI E OGGI arte - storia - spettacolo CONFERENZA SPETTACOLO - RELATORE: LILIANA COSI ESECUTORI: Ballerini professionisti della Compagnia Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu. FASCIA D ETÀ: per le classi 4 e 5 scuola primaria TECNICHE: danza DURATA: 90 minuti ( 1 h 30ʼ ) TRAMA: Programma della conferenza spettacolo: Origini della danza LE RADICI EUROPEE: Tarantella napoletana, Minuetto francese, Danza spagnola, Danza polacca LA DANZA CLASSICA: Esercizi di studio della Danza classica alla sbarra e al centro LʼARTE DEL BALLETTO: Brani tratti dai balletti Coppelia, Don Chisciotte e brani neoclassici Nel quadro di unʼesigenza che si fa sempre più viva in una società che si sta delineando multirazziale e multiculturale, educare i ragazzi e i giovani alla mondialità, alla non violenza, allʼarmonia nei rapporti tra diversi, allo scambio dei valori delle diverse culture è oggi una sfida indispensabile. Lʼarte del balletto può essere un momento particolarmente costruttivo e attraente di questo difficile compito educativo. Il fascino della danza, la sua magia, la sua tradizione, la sua storia, le ricchezze culturali e artistiche dei vari Paesi europei che esprime e fonde in armonia, sono i principali elementi che caratterizzano le insolite lezioni proposte dalla Compagnia di Balletto di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu. Teoria e pratica si fondono. In unʼora e mezza gli studenti sono condotti da Liliana Cosi attraverso la storia del balletto dalle origini, attorno al 1500, sino ai nostri giorni, vengono rivissuti i diversi periodi storici e le tradizioni di vari Paesi europei: Spagna, Italia, Francia, Polonia, Russia. Ogni intervento parlato è tradotto in passi di danza dai componenti del corpo di ballo che presentano le più significative espressioni della cultura europea: dalla scanzonata tarantella napoletana, alla grazia del minuetto francese, alla danza spagnola con il flamenco appassionato, alla vivacità della mazurka polacca. Non mancano esercizi di pura Danza classica come esempio della massima armonia che si possa raggiungere col corpo umano, come un vero linguaggio universale, per arrivare ad esprimere, a comunicare qualcosa dellʼinfinita gamma di sfumature della vita dellʼuomo. Attingendo da ciascun paese peculiarità, ritmi, tradizioni musicali, il balletto si è venuto via via imponendo come una delle attrazioni più affascinanti e culturalmente elevate. Questa fusione artistica viene presentata da brani tratti da balletti di repertorio come ʻCoppeliaʼ di Leo Delibes, ʻla Bella Addormentata nel Boscoʼ di Ciaikovski e brani scelti dal repertorio neoclassico e moderno come il ʻClair de luneʼ di Debussy e il ʻSogno dʼamoreʼ di Liszt ed altri ancora. Le conferenze-spettacolo - come le hanno battezzate i loro promotori - sono state sperimentate da alcuni anni con sorprendente successo: catalizzano lʼattenzione e suscitano lʼentusiasmo degli studenti dalle elementari alle superiori, non solo in Italia, ma anche allʼestero. Significativa quella realizzata nel 1992 al liceo George Washington nella zona nera di Los Angeles che era stata specchio di gravissimi fatti di violenza. Lo stesso direttore generale del Dipartimento cultura della metropoli presente alla lezione si è meravigliato nel vedere come il balletto con il suo fascino sia riuscito a ʻprendereʼ anche questa fascia di ragazzi. Questa originale iniziativa culturale-pedagogica è ispirata dagli obiettivi stessi dellʼassociazione Balletto Classico fondata da Liliana Cosi e Marinel Stefanescu nel 1977: Diffondere tra i giovani la conoscenza dellʼarte del balletto, quale espressione di arte e cultura, strumento di elevazione e liberazione oltre ogni confine sociale e nazionale, momento dellʼarmonia e della bellezza che lʼanima di ogni uomo ricerca. Un contributo allʼarmonia tra i popoli e le persone, proprio dellʼarte. Il nostro apporto come artisti - afferma Liliana Cosi - e far risvegliare nelle coscienze, nei cuori, nellʼintimo del pubblico quella pur assopita esigenza dʼarmonia e di bellezza che esiste in ogni persona per poi riversarla nella società, nei rapporti umani, quotidiani, aiutare le persone a far della loro vita unʼopera dʼarte. 9

10 SPETTACOLI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INIZIO SPETTACOLI ORE 9.30 FEBBRAIO, giovedì 8 (e venerdì 9 tenuto per una eventuale ulteriore replica) Il Teatro Blu in UN SORRISO... UNA FATA Da uno studio su PETER PAN di James Matthew Barrie e CAPITAN HOOK di Steven Spielberg con Robin Williams e Dustin Hoffman FASCIA D ETÀ: per le classi 1 della scuola secondaria di 1 grado TECNICHE: teatro d attore DURATA: 70 minuti TRAMA: Un uomo dʼ affari, di nome PETER, è impegnato nella sua piccola scalata sociale. Si sveglia la mattina di buon ora, si lava, si veste, fa colazione, corre in ufficio dove trascorre la sua giornata a ritmo accelerato fra telefonate, riunioni, corse da un piano allʼ altro, calcoli, responsabilità, riepiloghi, e mille altre faccende. La sera è così stanco che non riesce a prendere sonno e la sveglia suona inesorabilmente alla stessa ora. Durante la giornata ripetitiva e il susseguirsi sempre uguale delle azioni, interviene TRILLY una bambina un poʼ magica, che cerca di richiamare lʼuomo dʼ affari, di fermarlo, e di toglierlo dal vortice in cui si è, suo malgrado, catapultato. Ma lʼ uomo non la vuole ascoltare, la sua presenza lo infastidisce. Trilly continua nel suo disperante tentativo di aiutare Peter, gli corre intorno, grida, lo abbraccia, salta, balla per lui, ma nessuna distrazione lo distoglie dal suo automatismo ormai patologico. Trilly non lo riconosce più e decide di andarsene, vuole ritornare nella sua isola: lʼ Isolachenoncè. Nel ricordarla incomincia a poco a poco a darle forma e tenta di trascinare Peter in questo suo gioco: riemergono così dalla memoria la nave dei Pirati, la laguna con le Sirene, gli indiani e Giglio Tigrato rapita da Capitan Uncino con lʼaiuto di Spugna, per costringerla a rivelare il rifugio segreto del suo più grande nemico: Peter Pan. E in questo susseguirsi di vicende lʼuomo e la bambina si abbandonano ai voli pindarici della fantasia dimenticando la fatica del ritmo quotidiano e riscoprendo il sapore del gioco. Catapultandosi da un personaggio allʼaltro i due narrano le rocambolesche avventure dei tanti personaggi che popolano la storia. Lʼuomo sembra dimenticare, almeno per un momento, il suo ruolo sociale e riscopre, attraverso il gioco fantastico, lo spirito della giovinezza e il piacere del lasciarsi andare in un luogo dove tutto è possibile. Peter e Trilly si riscoprono finalmente insieme, come due parti inscindibili di uno stesso pensiero, in cui uno alimenta ed è necessario allʼaltro.il legame ritrovato continuerà a permeare il quotidiano, che pur con le sue regole, sarà vissuto con spirito diverso, più leggero, più sereno. FEBBRAIO, giovedì 22 Compagnia Teatro di Bambs Circolo teatri possibili in SLOI MACHINE di Michela Marelli e Andrea Brunello, Musiche originali di Carlo Casillo; regia di Michela Marelli FASCIA DʼETÀ: Classi 2 e 3 della scuola secondaria di 1 grado TECNICHE: teatro dʼattore TRAMA: Lʼoperaio della S.L.O.I. aveva la possibilità di vincere: la paga alla S.L.O.I. era il doppio di quella delle altre aziende e con gli extra fuori busta si faceva jackpot! Il rischio era quello di perdere lʼintelletto, la salute, la vita. Il vero jackpot lo facevano i proprietari della fabbrica. La S.L.O.I. era una delle pochissime al mondo a produrre il piombo tetraetile, lʼadditivo chimico nelle benzine super. Era troppo pericoloso, nessuno voleva averci a che fare. Andava a ruba. In ogni litro di benzina che il mondo usava cʼera un poʼ della salute degli operai della S.L.O.I. di Trento. Erano loro le monetine, la fabbrica era una slot machine e i padroni vincevano a mani basse. Fino al Un enorme incendio, i depositi del piombo tetraetile lambiti dal fuoco. La città di Trento ha sfiorato lʼannientamento. Nel 1978 solo la morte ha rischiato di fare jackpot. Andrea Brunello ci racconta una storia commovente ed appassionata, che scuote e invita a riflettere. MARZO, martedì 20 (e mercoledì 21 tenuto per una eventuale ulteriore replica) Teatro Evento in collaborazione con Centro Culturale Teatro Camuno in LATTAFOGLIA Ecospettacolo teatrale, testi di Nini Giacomelli, Janna Carioli - regia di Sergio Galassi FASCIA DʼETÀ: Per le classi 1 della scuola secondaria di 1 grado TECNICHE: teatro dʼattore e oggetti TRAMA: Lo spazzino Pacus Divorspuz accompagna gli spettatori in un viaggio immaginario nel mondo incontaminato di Valfiorita, che viene trasformata allʼarrivo del perfido Mister Marduk in un luogo inquinato e invivibile: la città di Zozzonia. Il processo di degrado dellʼambiente appare dunque inarrestabile: lʼarroganza e il potere, simboleggiati da Mister Marduk, sembrano trionfare e chi cerca di resistere non ha scampo. Ma ciò che uno solo non ha la forza di fare, si può ottenere con il contributo di molti. Lattafoglia, creatura fantastica, darà a Pacus le chiavi per sconfiggere il terribile Mister Marduk e per far sì che tutti i bambini divengano Cavalieri a difesa di un mondo più pulito e vivibile. La storia si articola alternando brani recitati e scene dʼanimazione a canzoni originali cantate dal vivo. Attraverso un linguaggio semplice ed efficace si suggerisce una panoramica esaustiva delle maggiori emergenze ambientali e si propongono piccole / grandi azioni di tutela dellʼambiente. 10

11 APRILE, martedì 3 CTB Teatro Stabile di Brescia in collaborazione con CTL Cooperativa Teatro Laboratorio in EXTRACOM testo e regia Giacomo Gamba FASCIA D ETÀ: Scuola secondaria di 1 grado TECNICHE: teatro d attore e di narrazione con oggetti TRAMA: Due uomini appartenenti a differenti civiltà - uno (denominato EM) è un borghese occidentale, lʼaltro (denominato DOG) è un extracomunitario con tratti arabi - si incontrano in un luogo di confine, dove campeggia una sbarra, simbolo del punto di frontiera tra i popoli. Lʼoccidentale proviene dal mondo caotico della cosiddetta civiltà postmoderna, da cui vuole allontanarsi perché nel profondo insoddisfatto. Lʼextracomunitario ha lasciato la sua terra e la sua donna per la promessa del benessere. Nel luogo di confine e nel tempo dellʼattesa che si alzi la sbarra, i due uomini possono conoscersi al di là dellʼapparenza e delle usuali convenzioni, vestire i panni dellʼaltro, scambiandosi ruoli e prospettive, e insieme vivere momenti di ascolto, gioco, di scherzo e di sogno. Sono proprio le situazioni e le attitudini legate ad un immaginario infantile, al semplice desiderio di giocare e sperimentare, e alla speranza in un futuro migliore, che finiscono con lʼabbattere la barriera, mettendo in luce il comun denominatore umano sotto la coltre delle diversità storiche e culturali. DAL TESTO ALLO SPETTACOLO Tre incontri con il teatro per la preparazione ad assistere agli spettacoli FASCIA DʼETÀ: Classi 3 della scuola secondaria di 1 grado 1) Sabato 9 e domenica 10 dicembre Teatro degli Incamminati FINALE DI PARTITA di Samuel Beckett Con Franco Branciaroli, Tommaso Cardarelli, Alessandro Albertini, Lucia Ragni scenografia Margherita Palli luci Gigi Saccomandi regia Franco Branciaroli 2) Sabato 10 e domenica 11 febbraio Società per attori UN SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE di William Shakespeare, traduzione di Massimo Palmese Con Maurizio Palladino, Stefania Politi, Vinicio Marchioni, Marta Ferranti, Alessandra Ingargiola, Benedetta Sicca, Luca Carboni, Giandomenico Cupaiuolo, Giulio Turli, Andrea Di Vincenzo, Nina Raia regia di Giuseppe Marini 3) Sabato 24 e domenica 25 marzo A. C. Le Sinergie in DEAR LUDWIG sogni, passioni, amori e frustrazioni di Ludwig Van Beethoven. Testo e regia di Nicola Costa. Con Riccardo Maria Tarci, Nicola Costa, Rossana Bonafede. Musiche al pianoforte Dario Forturello. Il percorso prevede un incontro preparatorio, presso la scuola: Dal testo letterario al copione, tecniche e problemi; Problemi scenici e interpretativi. Quindi un ulteriore appuntamente specifico attinente lo spettacolo prescelto, come la visione di un film per Un sogno di una notte di mezza estate o partecipare al Progetto Beethoven organizzato dallʼassociazione Culturale Amici del Consorziale (conferenze e concerti) per Dear Ludwig. Assistere allo spettacolo serale Eventuale confronto e verifica successivamente allo spettacolo. Eʼ possibile selezionare uno o più spettacoli, ingresso serale riservato ai ragazzi. 6,00. Referente del percorso: Liliana Stracuzzi 11

12 MUSICA E BALLETTO MARZO, venerdì 2 ore 10 Associazione Culturale Scena Musicale e Teatro Consorziale di Budrio IL PICCOLO FLAUTO MAGICO (libera riduzione dallʼopera in due atti Il Flauto Magico - Die Zauberflöte) Musica di WOLFGANG AMADEUS MOZART ( ) Libretto di Emanuel Schikaneder - Adattamento e revisione italiana a cura di Roberto Ferrari Personaggi: Regina della notte soprano; Tamino tenore; Pamina, sua figlia, soprano; Sarastro basso; una vecchia donna (Papagena) - soprano; Papageno - attore; Prima damigella, seconda damigella, terza damigella, Monostatos (un moro), Oratore - voci recitanti interne. Interpretata da giovani cantanti selezionati con il Concorso Internazionale di Canto Lirico Anselmo Colzani - Ensemble musicale di Scena Musicale - Allestimento, scene e costumi a cura di Scena Musicale e Teatro Consorziale FASCIA D ETÀ: per tutte le classi della scuola secondaria di 1 grado TECNICHE: piccola opera lirica TRAMA: ( vedi la scheda a pagina 8) MARZO, venerdì 9 ore 9,30 Compagnia Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu in IL BALLETTO IN EUROPA IERI E OGGI arte - storia - spettacolo CONFERENZA SPETTACOLO - RELATORE: LILIANA COSI ESECUTORI: Ballerini professionisti della Compagnia Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu. FASCIA D ETÀ: per tutte le classi della scuola secondaria di 1 grado TECNICHE: danza DURATA: 90 minuti ( 1 h 30ʼ ) TRAMA: Programma della conferenza spettacolo: Origini della danza LE RADICI EUROPEE: Tarantella napoletana, Minuetto francese, Danza spagnola, Danza polacca LA DANZA CLASSICA: Esercizi di studio della Danza classica alla sbarra e al centro LʼARTE DEL BALLETTO: Brani tratti dai balletti Coppelia, Don Chisciotte e brani neoclassici (Vedi la scheda a pagina 9) SPETTACOLI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO INIZIO SPETTACOLI ORE 9.30 FEBBRAIO, giovedì 22 Compagnia Teatro di Bambs Circolo teatri possibili in SLOI MACHINE di Michela Marelli e Andrea Brunello, Musiche originali di Carlo Casillo; regia di Michela Marelli FASCIA DʼETÀ: Classi 1 e 2 della scuola secondaria di 2 grado TECNICHE: teatro dʼattore TRAMA: Lʼoperaio della S.L.O.I. aveva la possibilità di vincere: la paga alla S.L.O.I. era il doppio di quella delle altre aziende e con gli extra fuori busta si faceva jackpot! Il rischio era quello di perdere lʼintelletto, la salute, la vita. Il vero jackpot lo facevano i proprietari della fabbrica. La S.L.O.I. era una delle pochissime al mondo a produrre il piombo tetraetile, lʼadditivo chimico nelle benzine super. Era troppo pericoloso, nessuno voleva averci a che fare. Andava a ruba. In ogni litro di benzina che il mondo usava cʼera un poʼ della salute degli operai della S.L.O.I. di Trento. Erano loro le monetine, la fabbrica era una slot machine e i padroni vincevano a mani basse. Fino al Un enorme incendio, i depositi del piombo tetraetile lambiti dal fuoco. La città di Trento ha sfiorato lʼannientamento. Nel 1978 solo la morte ha rischiato di fare jackpot. Andrea Brunello ci racconta una storia commovente ed appassionata, che scuote e invita a riflettere. 12

13 APRILE, martedì 3 CTB Teatro Stabile di Brescia in collaborazione con CTL Cooperativa Teatro Laboratorio in EXTRACOM testo e regia Giacomo Gamba FASCIA DʼETÀ: Classi 1 e 2 della scuola secondaria di 2 grado TECNICHE: teatro dʼattore e di narrazione con oggetti TRAMA: Due uomini appartenenti a differenti civiltà - uno (denominato EM) è un borghese occidentale, lʼaltro (denominato DOG) è un extracomunitario con tratti arabi - si incontrano in un luogo di confine, dove campeggia una sbarra, simbolo del punto di frontiera tra i popoli. Lʼoccidentale proviene dal mondo caotico della cosiddetta civiltà postmoderna, da cui vuole allontanarsi perché nel profondo insoddisfatto. Lʼextracomunitario ha lasciato la sua terra e la sua donna per la promessa del benessere. Nel luogo di confine e nel tempo dellʼattesa che si alzi la sbarra, i due uomini possono conoscersi al di là dellʼapparenza e delle usuali convenzioni, vestire i panni dellʼaltro, scambiandosi ruoli e prospettive, e insieme vivere momenti di ascolto, gioco, di scherzo e di sogno. Sono proprio le situazioni e le attitudini legate ad un immaginario infantile, al semplice desiderio di giocare e sperimentare, e alla speranza in un futuro migliore, che finiscono con lʼabbattere la barriera, mettendo in luce il comun denominatore umano sotto la coltre delle diversità storiche e culturali. DAL TESTO ALLO SPETTACOLO Tre incontri con il teatro per la preparazione ad assistere agli spettacoli FASCIA DʼETÀ: Classi della scuola secondaria di 2 grado 1) Sabato 9 e domenica 10 dicembre (Prevendita dal 5 dicembre Teatro degli Incamminati FINALE DI PARTITA di Samuel Beckett Con Franco Branciaroli, Tommaso Cardarelli, Alessandro Albertini, Lucia Ragni scenografia Margherita Palli luci Gigi Saccomandi regia Franco Branciaroli 2) Sabato 10 e domenica 11 febbraio (Prevendita dal 7 febbraio) Società per attori UN SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE di William Shakespeare, traduzione di Massimo Palmese Con Maurizio Palladino, Stefania Politi, Vinicio Marchioni, Marta Ferranti, Alessandra Ingargiola, Benedetta Sicca, Luca Carboni, Giandomenico Cupaiuolo, Giulio Turli, Andrea Di Vincenzo, Nina Raia regia di Giuseppe Marini 3) Sabato 24 e domenica 25 marzo (Prevendita dal 21 marzo) A. C. Le Sinergie in DEAR LUDWIG sogni, passioni, amori e frustrazioni di Ludwig Van Beethoven. Testo e regia di Nicola Costa. Con Riccardo Maria Tarci, Nicola Costa, Rossana Bonafede. Musiche al pianoforte Dario Forturello. Il percorso prevede un incontro preparatorio, presso la scuola: Dal testo letterario al copione, tecniche e problemi; Problemi scenici e interpretativi. Quindi un ulteriore appuntamente specifico attinente lo spettacolo prescelto, come la visione di un film per Un sogno di una notte di mezza estate o partecipare al Progetto Beethoven organizzato dallʼassociazione Culturale Amici del Consorziale (conferenze e concerti) per Dear Ludwig. Assistere allo spettacolo serale Eventuale confronto e verifica successivamente allo spettacolo. Eʼ possibile optare per uno o più spettacoli. Ingresso serale riservato ai ragazzi. 6,00. Referente del percorso: Liliana Stracuzzi. 13

14 LABORATORI LIRICI LʼAssociazione Culturale Scena Musicale e il Teatro Consorziale di Budrio nell ambito dell impegno alla formazione, propongono i Laboratorici Lirici legati alle opere: IL PICCOLO FLAUTO MAGICO di W. A. Mozart in scena il 2 e 4 marzo e CARMEN di G. Bizet che andrà in scena il 25 aprile alle ore 16,30 e il 27 aprile alle ore 21. Il calendario relativo ai Laboratori verrà fornito in dettaglio con largo anticipo a coloro che ne siano interessati e ne abbiano fatta richiesta alla Direzione del Teatro ( ). Essi sono offerti gratuitamente alle scuole. Comprenderanno discipline specialistiche e di cultura generale tenute da professionisti ed esperienze dirette di palcoscenico. Infatti, oltre a seguire lezioni relative a discipline come: - Storia della musica - Letteratura per il teatro - Lettura della partitura - Tecnica vocale - Direzione musicale, i partecipanti potranno: - assistere a prove di regia - seguire e/o partecipare alla preparazione di parte della scenografia - divertirsi con il gioco dei costumi. Scoprire così le meraviglie e i segreti dello spettacolo lirico. Inoltre potranno godere delle seguenti ulteriori offerte: partecipazione gratuita alle prove che possono essere di mattina o in orari pomeridiani; accesso ad un prezzo facilitato (6 euro) alla seconda replica. IMPORTANTE: i docenti interessati potranno chiedere di costruire un percorso concordato con il Teatro, idoneo alla propria attività didattica, ritagliato allʼinterno di questa offerta complessiva oppure scegliere solo alcuni di tali incontri e/o di tali esperienze. IL TEATRO, uno spazio, una storia... Il percorso parte dalla visita guidata al teatro, durante la quale ne vengono esaminate in modo particolare lʼarchitettura e le attrezzature di base. Nel corso della visita sʼillustra la storia del teatro, dalla cavea greca al teatro allʼitaliana, allargando il discorso ad altri modelli architettonici. La visita, concordata con la Direzione del Teatro (tel ) è gratuita. (Si propone per il secondo ciclo della scuola elementare) MUSEO DEI BURATTINI Via Garibaldi 29 - Budrio ho detto che la baracca dei burattini è eminentemente educatrice e lo provo: ivi la vicenda drammatica è sempre quella: la lotta tra il bene e il male e il trionfo del bene. (Antonio Pandolfini Barberi, Burattini e burattinai bolognesi) Esposizione di burattini, marionette, ombre, pupi, scenografie, teatrini storici del fantastico mondo dello spettacolo di figura. MOSTRA SCENOGRAFIE Nei mesi di novembre e dicembre mostra di antiche senografie presso il museo e presso la sala rosa di Palazzo Medosi Fracassati. Per informazioni e prenotazione visite rivolgersi alla Biblioteca Comunale di Budrio (telef ) 14

15 Calendario degli avvenimenti ANNO 2006 DATA ORARIO da lunedì 23 ottobre dalle 9 alle 13 Apertura prenotazioni a sabato 11 novembre dalle 9 alle 13 Chiusura prenotazioni (dopo questa data si accettano prenotazioni solo su disponibilità nelle date definite) ANNO 2007 DATA orario TITOLO COMPAGNIA FASCIA D ETÀ 16 GENNAIO 9,30 Cenerentola e i 7 nani Teatro A. Artaud Scuola Primaria (17 GENNAIO) eventuale altra replica 23 GENNAIO 9,30 Aladino 24 GENNAIO 9,30 Aladino 25 GENNAIO 9,30 Aladino 9,30 Cenerentola e i 7 nani Teatro A. Artaud Scuola Primaria Rosaspina, un teatro Rosaspina, un teatro Rosaspina, un teatro 8 FEBBRAIO 9,30 Un sorriso... una fata teatro Blu Infanzia e 1 ciclo scuola primaria Infanzia e 1 ciclo scuola primaria Infanzia e 1 ciclo scuola primaria Scuola Primaria e Cl. 1 Sc. secondaria 1 grado (9 FEBBRAIO) eventuale altra replica 9,30 Un sorriso... una fata Teatro Blu Scuola Primaria e Cl. 1 Sc. secondaria 1 grado Cl. 2 e 3 Sc. secondaria 1 22 FEBBRAIO 9,30 Sloi machine Comp. Teatro di Bambs 2 MARZO 10,00 Il piccolo flauto magico Scena Musicale 9 MARZO 9,30 Il balletto in Europa ieri e oggi Balletto Classico Cosi Stefanescu grado e 1 e 2 di 2 grado scuola primaria e Sc. secondaria 1 grado 4-5 scuola primaria e Sc. secondaria 1 grado 12 MARZO 9,30 Il mago dei numeri Teatro dei Colori scuola primaria 20 MARZO 9,30 Lattafoglia Teatro Evento Scuola primaria e Cl. 1 Sc. secondaria 1 grado (21 MARZO) eventuale altra replica 9,30 Lattafoglia Teatro Evento Scuola primaria e Cl MARZO 9,30 e 11,00 28 MARZO 9,30 La fiaba di Leonconiglio della paura figlio La fiaba di Leonconiglio della paura figlio Teatrino dell Es Teatrino dell Es 3 APRILE 9,30 Extracom CTB e CTL dal 11 al 21 aprile 3 MAGGIO 9,30 e 11,00 allestimento di Carmen di George Bizet Il giardino di Mirò 4 MAGGIO 9,30 Il giardino di Mirò prove dello spettacolo Teatro Burattini di Varese Teatro Burattini di Varese Sc. secondaria 1 grado Infanzia e 1 ciclo scuola primaria Infanzia e 1 ciclo scuola primaria Scuola Secondaria 1 grado e Cl. 1 e 2 Sc. secondaria 2 grado scuola primaria e e Sc. secondaria 1 grado Infanzia e 1 ciclo scuola primaria Infanzia e 1 ciclo scuola primaria 15

16 BURATTINANDO A BUDRIO XX Rassegna di Teatro per scuole dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 e di 2 grado Direzione Artistica del Teatrino dell ES di Vittorio Zanella e Rita Pasqualini MUSICANDO Esperienze sonore per la scuola Organizzazione e Direzione Artistica dell Associazione Diapason Progetti Musicali di Budrio LIRICA RAGAZZI IV edizione di spettacoli lirici per la scuola Organizzazione e Direzione Artistica della Direzione del Teatro Consorziale e dell Associazione Culturale Scena Musicale di Bologna Le iniziative di CONSORZIALE SCUOLA, sono state progettate in collaborazione tra L Assessorato alla Cultura, Scuola e Teatro del Comune di Budrio, la Direzione del Teatro Consorziale con il Teatrino dell Es e con le Associazioni Culturali Diapason Progetti Musicali e Scena Musicale. Per informazioni sulla programmazione e prenotazioni: Direzione del Teatro Consorziale, via Mentana n Budrio (BO) tel fax dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 13 Biglietteria del Teatro, Via Garibaldi n. 35 tel e fax dal martedì al venerdì dalle ore 16,30 alle ore 19.

17

18

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano Le piante producono alimenti, legno, carburante, tessuti, carta, fiori e l ossigeno che respiriamo! La vita

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE Autore: Liliana Minutoli PROGETTO DIDATTICO PER APPRENDERE DA SUONI, PAROLE, IMMAGINI, MOVIMENTI CORPOREI A BAMBINI E MAESTRI! Eccoci qui insieme

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO Giorni : GIOVEDI e VENERDI' Durata dell incontro : 9.30 12.30. 9.30-10.40 PARLIAMO DI GEOFISICA Il pianeta Terra e i fenomeni naturali: terremoti, vulcani, tsunami, magnetismo

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli