Implementazione della metodologia DMAIC per il miglioramento del prodotto Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Implementazione della metodologia DMAIC per il miglioramento del prodotto Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.)"

Transcript

1 Implementazione della metodologia DMAIC per il miglioramento del prodotto Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.) D. Falcone, G. Di Bona, A. Silvestri, V. Duraccio Department of Industrial Engineering - University of Cassino Via G. Di Biasio n Cassino (FR) - Italy tel.: ; fax: Keywords: Six Sigma, DMAIC, Critical to Quality. Abstract L obiettivo del presente lavoro è lo sviluppo di un progetto Six Sigma in una azienda manifatturiera, operante nel settore della componentistica per auto, attraverso la metodologia DMAIC. Partendo dalla descrizione delle strategie tecniche e culturali del programma Six Sigma, si è valutata la possibilità di migliorare gli standard qualitativi di una particolare linea produttiva: l Unità Tecnologica Elementare 3 (U.T.E.3), dedicata all assemblaggio del Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.). Dopo una attenta analisi delle lamentele più frequenti, registrate dal cliente, sono state individuate le Critical to Quality (CTQ) oggetto dell analisi. L implementazione della metodologia ha permesso di conseguire una riduzione dei costi aziendali (andamento decrescente del Costo Unitario Prodotto) e degli scarti di produzione. Inoltre, si è registrato un sensibile aumento in termini di produttività e di soddisfazione dei clienti. Tali traguardi si sono concretizzati attraverso valori di Sigma Level superiori a quelli obiettivo, prefissati in fase di Define, e prossimi alle sei unità. 1. Introduzione Il mercato mondiale dei vari beni di consumo è attualmente caratterizzato dalle innumerevoli e mutevoli richieste degli utenti. La grande diffusione dei prodotti ha portato il cliente finale ad essere sempre più esigente in termini di qualità customerizzata, frammentando così il mercato in vari settori. È nata, quindi, l esigenza di avere a disposizione delle metodologie e tecniche di analisi per la risoluzione dei problemi aziendali e per il monitoraggio delle performance. L approccio Six Sigma, se applicato correttamente, può incidere direttamente su tali esigenze. Il presente programma 6Sigma è stato progettato e sviluppato attraverso: l analisi dell approccio Six Sigma; la descrizione ed analisi dell azienda; la formazione e coinvolgimento del management: la scelta del progetto. l identificazione delle strategie culturali e tecniche del Six Sigma: la metodologia DMAIC; l individuazione delle caratteristiche di qualità (CTQ) e valutazione degli indici di Capacità di Processo; la definizione dei livelli obiettivo: il Sigma Level e il Costo Unitario Prodotto (CUP); la programmazione e l implementazione del DMAIC; l analisi dei risultai perseguiti e confronto con i livelli obiettivo. 2. Un Nuovo Approccio alla Qualità: Six Sigma Il Six Sigma non si riferisce alla qualità in senso tradizionale, come conformità alle richieste interne, ma fa riferimento ad una nuova filosofia, in grado di permettere alle aziende la diminuzione dei costi e l aumento dei fatturati, aiutando l organizzazione a fornire prodotti e servizi migliori. Le compagnie che operano a 3σ o 4σ spendono, solitamente, tra il 25% e il 40% delle loro entrate per l individuazione e la risoluzione dei problemi connessi con le CTQ. Queste aliquote di spesa sono note come Costi della Qualità Povera (COPQ). Le aziende che, al contrario, hanno in essere un programma Six Sigma sono riuscite a ridimensionare tali costi a circa cinque punti percentuali del loro fatturato. Sigma, σ, rappresenta un Indice della Dispersione di un Processo. Consente di definire la distribuzione e l estensione, intorno ad un valore medio, degli output di un sistema. Ne consegue, che le performance di una azienda possano essere misurate attraverso il Sigma Level, il quale indica la probabilità legata al numero di difetti. Più è alto il Sigma Level, minore sarà la probabilità che tale sistema produca elementi difettosi rispetto ad uno standard predefinito in progettazione. Inoltre, all aumentare del parametro Sigma diminuiscano i costi e i tempi di produzione. Gli output di processo sottoposti a misura con tecniche e metodologie 6σ possono essere: grandezze fisiche, chimiche, righe di codice, moduli amministrativi, tempi di produzione, distanze, etc. Capacità 3σ significa che le specifiche del processo, imposte in progettazione, sono posti sulla curva di capacità ad una distanza 3σ dal centro, rispettivamente alla destra e alla sinistra per la specifica superiore ed inferiore. Assumendo una distribuzione di tipo normale per la caratteristica di qualità, si possono ricavare la percentuale di difetti per milione di parti (ppm/dpm). L area sottesa dalla curva tra i due limiti imposti rappresenta prodotti o servizi conformi. Al contrario, l area esterna a tali limiti rappresenta output di processo fuori specifiche. In un processo centrato (la media coincide con il target), con specifica posta a ±3σ dal centro, le due aree sono pari rispettivamente a 99,73% e a 0,27%. In termini di ppm, 0,27% equivale a 2700 ppm. 1

2 U F F IC I D I O F F IC I N A S H O W R O O M C A R IC A B A T T E R IE U F F IC I D I O F F IC I N A Tale processo è definito come Processo 3σ Centrato e la qualità è definita come qualità a 3σ. In un Processo 6σ Centrato, il range di specifica è pari a ±6σ dal centro ed esso produce soltanto 2 ppm. Nella realtà è difficile controllare un processo che abbia la media perfettamente centrata sul valore target. Generalmente, ci si aspetta uno shift del valore medio. Quando un processo 3σ subisce uno spostamento di 1,5σ, solo il 93,32% dell area sottesa dalla distruzione rimane all interno delle specifiche, per cui le parti difettose raggiungono un valore pari a ppm. Invece, un processo 6σ, con simili valori di shift, è in condizioni di generare 3,4 ppm (fig.1). Tale mix produttivo è realizzato in cinque stabilimenti dislocati in prevalenza nell Italia centro-meridionale. Il programma 6σ è stato sviluppato nello stabilimento sito nella Regione Abruzzo (fig.2). L intera produzione viene realizzata per conto di clienti quali: FIAT, SEVEL, Lancia, Alfa Romeo. Il Layout è organizzato per Unità Tecnologiche Elementari U.T.E. (fig.3). M A G A Z Z I N O P R O D O T T I F I N I T I m q MONT. GR.RUOTA PUNTO LAV. DISCHI FRENO MONT. B.O.A. LAV. BRACCIO OSCIL.NTE POST. MULTIPLA MONT. SOSP. POST. MULTIPLA L A V O R A Z I O N E T A M B U R I M A R E A - U L I S S E MONT. SOSP. POST. PUNTO BANCHI MONT. SOSP. POST. PUNTO L A V O R. T A M B U R I L A V O R. M O N T A N T I L A V. D I S C H I F R E N O L A V O R A Z I O N E B R A C C I O S C I L L A N T I P O S T E R I O R I P U N T O / LAVORAZIONE MOZZI L A V O R A Z. M O N T A G G I O A S S A L E P O S T E R. E FUSI DUCATO IMPIANTI DI VERNICIATURA S A L D A T U R A E M O N T A G G I O B R A C C I A N T. SALDATURA TRAVERSA ANTERIORE DUCATO CARICO IMPIANTO VERNICIATURA CENTRI DI LAVORO LAVORAZIONE MONTANTI ANTERIORI PUNTO e 843 LAV. B.O.A. LAV. TAMBURI T O O L R O O M L A V O R A Z I O N E F U S I E K M A N U T E N Z I O N E m q A R E A Q U A L I T À LAV. PERNO SFERA M A G A Z Z I N O M A T E R I E P R I M E m q L A V O R A Z I O N E E M O N T A G G I O B. O. A ( S T I L O ) U T E 1 P O S T E R. T I P I M U L T I P L A m q U T E 2 A N T E R I O R E T I P I U 6 0 m q U T E 3 A N T E R I O R E P U N T O / m q D is p o n ib ilit à P o t e n z ia le m ² U T E 4 P O S T E R I O R E P U N T O m q U T E 5 A N T E R I O R E m q U T E 6 P O S T E R. E A N T E R. P A L I O m q Limiti di specifica Percentuale pezzi in specifica DPM ±1σ 30,23% ±2σ 69,13% ±3σ 93,32% ±4σ 99,3790% 6210 ±5σ 99,97670% 233 ±6σ 99,999660% 3,4 Fig.1: Effetto di uno shift pari a 1,5σ È importante notare come il legame tra il livello di qualità Sigma e il numero di difetti per milione (ppm) non è di tipo lineare, ma approssima la seguente espressione: Sigma Quality Level = 0, ,37 2, 221 ln( ppm) 3. Descrizione ed Analisi dell azienda Il progetto Six Sigma è stato implementato in un azienda operante nel settore della componentistica per auto, leader nazionale nella produzione di Sistemi Sospensioni e Ammortizzatori. Fig.2: Vista aerea dello stabilimento Fig.3: Layout Stabilimento Nelle U.T.E. è assemblato il gruppo Sistemi Sospensioni, secondo il seguente Piano di Produzione: Cliente Complessivo Pezzi/giorno Gruppo Ruota Anteriore SEVEL-Ducato Assale Posteriore 850 Braccio Oscillante Anteriore Traversa 850 FIAT-Multipla Braccio Oscillante Anteriore 750 Braccio Posteriore+Perno 400 FIAT-Stilo Fuso Posteriore Braccio Oscillante Anteriore Gruppo Ruota Anteriore Lancia Y Braccio Oscillante Anteriore Tamburo Freno Gruppo Ruota Anteriore FIAT-Punto Braccio Oscillante Anteriore Tamburo Freno FIAT-Palio/Uno Braccio Oscillante Anteriore 300 FIAT-Ulisse Braccio Oscillante Anteriore Tamburo Freno 800 AlfaRomeo-156/147 Fuso Posteriore TOTALI La Scelta del Progetto Six Sigma L azienda è certificata ISO/TS 16949:2002. La politica della qualità ha come obiettivo la soddisfazione del Cliente, la quale va perseguita sia per il Cliente diretto (produttore del veicolo) che per il Cliente finale (utilizzatore del veicolo). Ad entrambi deve essere garantita la sicurezza assoluta del prodotto, fornendo l eccellenza delle prestazioni: a) nella fasi di sviluppo del prodotto: proponendo soluzioni innovative e affidabili; b) durante la fase di industrializzazione: gestendo processi affidabili ed economicamente competitivi; c) durante la vita del prodotto: monitorando i processi di fabbricazione propri e dei fornitori. All interno dell azienda è stato istituito un comitato, il Six Sigma Council, al quale è demandato il compito di dare il via libera ai progetti che vengono presentati dai singoli 2

3 team. Il presente progetto, sottoposto al vaglio del consiglio e del management aziendale, è stato implementato all interno della U.T.E. 3, in quanto tale area presentava i bassi valori di process capability. In tale isola di lavoro vengono assemblati i componenti elementari del Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.). Il G.R.A. costituisce, assieme al Braccio Oscillante Anteriore (B.O.A.) e all Ammortizzatore, l intera sospensione anteriore. È composto da: montante anteriore, riparo freno, viti fissaggio riparo, cuscinetto ruota, anello elastico, mozzo ruota, disco freno, viti a colonnetta, pinza freno, viti fissaggio pinza freno, (fig.4). l oggetto dell analisi; gli obiettivi che si intendono perseguire; le risorse necessarie per realizzare il programma; il tempo necessario per la sua conclusione. Measure: in tale fase vengono individuate le CTQ sulle quali intervenire per il miglioramento qualitativo. Inoltre, si procede alla individuazione degli indicatori più rappresentativi ed ad una raccolta dei dati. Gli strumenti utilizzati sono: il QFD, il Diagramma di Pareto, e la Process Capability. Analyze: in questa fase vengono analizzati i dati raccolti e definiti i valori ottimali della prestazione. Gli strumenti utilizzati sono: il diagramma Causa- Effetto, la FMEA e il diagramma di correlazione. Improve: in questa fase è necessario individuare le variabili d ingresso che più influiscono sulle CTQ prese in esame. Si utilizzano tecniche di benchmarking, di DOE, l ANOVA e l analisi delle superfici di risposta, al fine portare i valori della CTQ entro i limiti di specifica programmati. Control: in ultimo viene verificato che il processo abbia raggiunto i livelli qualitativi previsti nella fase di Improve e, soprattutto, che sia in grado di mantenerli nel tempo (monitoraggio sistema). Fig.4: Foto del Gruppo Ruota Anteriore Assemblato Il montante viene acquistato grezzo e, previo verniciatura, inviato alla U.T.E. 3 dove subisce le seguenti lavorazioni: 1. formazione della sede per il cuscinetto, per l anello elastico e del vano per l attacco della pinza freno; 2. foratura per l attacco del montante con l ammortizzatore, con la leva sterzo e per l alloggiamento del perno sferico; 3. creazione della sede per il sensore ABS; 4. assemblaggio componenti. 5. Le tecniche del Six Sigma: il DMAIC La strategia Six Sigma parte dall analisi delle esigenze dei clienti, dove per cliente non s intende soltanto il destinatario finale del prodotto o del servizio, ma anche tutti coloro che ricevono i risultati di un attività o di un servizio. Grande importanza riveste, quindi, anche il coinvolgimento dei fornitori, attraverso azioni di qualificazione, indispensabili per raggiungere risultati d eccellenza. Le indicazioni del cliente dovranno essere il riferimento costante per definire e caratteristiche che, a suo giudizio, sono Critiche per la Qualità (CTQ) in riferimento ai competitors. Tali parametri costituiscono l obiettivo verso il quale rivolgere le azioni per il miglioramento delle prestazioni, sulla base di precise ed opportune misurazioni. L analisi parte dall individuazione delle CTQ, sulle quali si implementano i progetti, articolati attraverso il D.M.A.I.C., ovvero: Define: è la fase di progettazione e studio di fattibilità del progetto in cui occorre specificare: 6. L Applicazione del DMAIC alla U.T.E.1 All interno dell azienda, è stata creata una struttura organizzativa, denominata Business Quality Council, con il compito di individuare le aree di miglioramento, di articolare i progetti Six Sigma e di verificare il corretto andamento del programma attraverso revisioni periodiche. 5.1 La fase di Define Per poter individuare la differenza di prestazioni dei processi, rispetto a quelle che sono le prestazioni preventivate, si è preso in considerazione un periodo storico che va da settembre a dicembre L attenzione è stata focalizzata sulle seguenti tre voci di costo: Scarti: si sono stimati i valori mensili riferite ai pezzi scartati e rilavorati. Downtime: tale costo è stato valutato moltiplicando il numero delle ore in cui l operaio non ha prodotto per il costo orario della manodopera. Trasporti Speciali: è stato ottenuto moltiplicando il numero dei trasporti speciali per il loro costo unitario. Considerando i valori medi, si è strutturato un indicatore della performance globale che rappresenta l extracosto sostenuto per realizzare il prodotto, denominato: Costo Unitario Prodotto (C.U.P.). Ipotizzando una riduzione dei costi così ripartita: scarti produzione 50%; downtime macchinari 30%; trasporti speciali 50%; si è calcolato il valore del CUP obiettivo. 3

4 COSTO UNITARIO PRODOTTO (C.U.P.) settembre ottobre novembre dicembre Unita' Prodotte Costi Sostenuti ( ) , , , ,29 CUP ( ) 3,49 2,20 2,77 3,62 CUP Medio ( ) 2,96 2,96 2,96 2,96 CUP Obiettivo ( ) 1,79 1,79 1,79 1,79 Successivamente, si è quantificato il risparmio a consuntivo del progetto, considerando le previsioni dei volumi di produzione del Piano Operativo. Tale beneficio è stato stimato in circa mensili. 5.2 La fase di Measure Durante tale fase sono state sviluppate la: Matrice delle CTQ: dove sono riportate le caratteristiche CTQ di output, il loro fattore di peso e le loro eventuali correlazioni, sulla base delle lamentele più frequenti dei clienti interni-esterni; IPO Measures: è una tabella dove sono riportate le caratteristiche prese in considerazione per la fase di misura e dove esse si collocano rispetto al processo. Piano di Raccolta Dati: contiene una dettagliata e sistematica pianificazione di ogni singola misura. In relazione al progetto specifico, le Caratteristiche Critiche per la Qualità, sono risultate essere: 1. carico di piantaggio del cuscinetto; 2. cilindricità della sede cuscinetto; 3. quote fori della leva per l attacco ammortizzatore; 4. sfarfallamento del disco freno; 5. diametro cuscinetto; 6. rugosità superficiale; 7. diametro sede cuscinetto; 8. rugosità superficiale sede cuscinetto; 9. errore di oscillazione del disco freno; 10. errore di oscillazione del Piano Disco del Mozzo. I dati raccolti sono stati stratificati: per fornitore cuscinetti (ditte SKF e SNR); per specifiche tecnico-funzionali (lato dx e sx); ed elaborati tramite un software statistico dedicato. Per ogni CTQ, attraverso l utilizzo di strumenti come Carte di Controllo e Indici di Capacità di Processo, è stato stimato il Sigma Level di processo (fig.5). 72,034 Process Capability Sixpack for Diametro Cuscinetto SNR Individual and MR Chart UCL=72,03 Capability Histogram Nella seguente tabella viene riportato il valore del Sigma Level obiettivo, calcolato partendo da un indice di capacità obiettivo C pk =1,33 e considerando una distribuzione shiftata di 1,5σ. Stratif C p C pk DPMO DPMO σ LEV σ LEV OBIET MAX OBIET Dati Snr Dx 2,54-0, Carico Snr Sx 2,25-0, Piantaggio Cuscinetto Skf Dx 3,54 1,65 0, <1 C pk=1,33 5,5 Skf Sx 2,55 0, Cilindricitá Dx 0,67-0, Sx 1,08 1,03 975, <1 C pk=1,33 5,5 Coord Dx 0,63 0, Coord Quote Fori 0,74 0, Sx Attacco Ammortizza Dist 0,35 0, Asse Dx ,518 =1,33 5,5 Dist Asse Sx 0,3 0, Sfarfall , >6 - - Diametro Skf 3,57 2,53 0 Esterno ,474 C pk=1,33 5,5 Cuscinetto Snr 1,5 0, Rugosita Skf 4,79 4,11 0 Cuscinetto Snr 8,36 1, >6 - - Diametro Cuscinetto - 2,09 1, >6 - - Rugosita Cuscinetto - 3,73 2, >6 - - Oscill. Disco Freno - 3,81 2, >6 - - Oscill. Mozzo - 1,56 1, > La fase di Analyze Per conoscere la variabilità delle caratteristiche CTQ prese in esame e comprenderne le cause, si è proceduto ad un attenta analisi dei dati raccolti. Lo studio è stata condotto relativamente alle solo caratteristiche che presentavano bassi valori del Sigma Level, ovvero: carico di Piantaggio Cuscinetto; cilindricità della sede cuscinetto; quote dei Fori per l Attacco dell Ammortizzatore; diametro esterno cuscinetto. In particolare, dalle stratificazioni effettuate in fase di misurazione è emerso che i valori del carico di piantaggio risultavano essere fuori specifica (C pk <0). È stato costruito un diagramma Causa/Effetto in modo da poter individuare le cause che comportavano tali valori (fig.6). Cause-and-Effect Diagram Individual Value Mov.Range Values 72,031 72,028 72,025 Obser , , , ,0270 Last 20 Observations Observation Number Mean=72,03 LCL=72,03 UCL=5331 R=1632 LCL=0 StDev: Cp: : StDev: Pp: Ppk: ,50 0, ,31 0,57 Fig.5: Analisi Statistica Diametro cuscinetto 72,028 72,030 72,032 Normal Prob Plot 72, , ,0330 Capability Plot Process Tolerance I I I I I I Specifications I I 72,027 72,040 Measurements Strumenti di misura non affidabili Possibili variazioni di temperatura Env ironment Materials Personnel Eccessiva lubrificazione Gli operai addetti dei cuscinetti I cuscinetti utilizzati sbagliano a caricare non sono conformi la macchina alle specifiche Montanti non lavati Methods Errore di cilindricità della sede cuscinetto del montante Il metodo con cui avviene il piantaggio è sbagliato Machines La pressa che esegue il piantaggio è settata male Fig.6: Diagramma Causa-Effetto Carico Piantaggio Valori del Carico di Piantaggio fuori specifica 4

5 Tra tutte le possibili cause, sono state evidenziate: - la possibile non conformità del diametro dei cuscinetti utilizzati; - la presenza di un errore di cilindricità ed effetti di rugosità nella sede del cuscinetto. Nella fase di Measure era emerso che i valori del carico al di fuori delle specifiche appartenevano all accoppiamento tra montante e cuscinetto SNR. Dalle misurazioni eseguite, sia sul diametro esterno medio che sulla rugosità superficiale, è stato possibile determinare la correlazione esistente con il carico di piantaggio. Inoltre, tale correlazione è stata quantificata tramite la stima del relativo coefficiente (fig.7). Criteri e Possibili Soluzioni: è matrice in cui vengono riportate quelle che sono le possibili soluzioni, i vincoli a cui esse sono sottoposte e la decisione per ciascuna soluzione. Regression Plot CARICO SKF-S = ,5 Diametro (SK S = 99,0476 R-Sq = 69,1 % R-Sq(adj) = 68,3 % 1400 CARICO DI PIANTAGGIO SNR 72,027 72,028 72,029 72,030 72,031 72,032 72,033 72,034 72,035 72,036 Diametro Esterno Medio SKF Fig.7: Correlazione Carico-Diametro del cuscinetto Dal diagramma si comprende come i valori del diametro del cuscinetto SNR sono sensibilmente più bassi rispetto al cuscinetto SKF. La pressa, quindi, nel piantare il cuscinetto incontrava una resistenza minore e il carico di piantaggio forniva valori sensibilmente inferiori. In questo caso il valore del coefficiente di correlazione è: pari a r=0,8314. Tale caratteristica, imputabile ai cuscinetti SNR, è stata avvalorata anche dalla correlazione tra il carico di piantaggio e la rugosità del cuscinetto. Le analisi sono state estese, in fase di implementazione, anche alle caratteristiche CTQ i cui valori di Sigma Level risultavano essere inferiori alle sei unità. 5.4 La fase di Improve Per pianificare gli interventi di miglioramento del Sigma Level, è stato necessario individuare, nella fase di Analyze, le variabili d ingresso delle caratteristiche. L obiettivo è stato quello di ridurre le non conformità individuate nelle fasi precedenti e, conseguentemente, abbattere i valori del C.U.P. A tal fine, sono stati utilizzati i seguenti strumenti di supporto: Channel Brainstorming: è una tabella che contiene per ciascuna possibile causa di non conformità le probabili soluzioni; Quantifying the Opportunity: è una tabella che descrive l influenza delle singole difettosità sul costo unitario del prodotto (fig.7); Fig.7: Quantifying the Opportunità Il valore del carico di piantaggio al di fuori dei limiti di specifica dipendeva fortemente da due caratteristiche: i cuscinetti forniti dalla SNR; la cilindricità della sede cuscinetto. La fase Improve è stata mirata ad implementare delle azioni correttive volte a raggiungere, attraverso il miglioramento delle caratteristiche dei cuscinetti e della cilindricità della sede cuscinetto, i valori consentiti del carico. Essendo i cuscinetti forniti da una ditta esterna (SNR), si è pensato di coinvolgere il fornitore nel progetto, fornendo indicazioni circa le non conformità causate dall utilizzo dei suoi cuscinetti e quelle che, secondo lo studio effettuato nella fase di Analyze, potevano essere le possibili cause. Dall analisi dei dati è emerso che in alcuni montanti destri erano frequenti valori di cilindricità al di fuori dei limiti di specifica. Si è valutata, quindi, la possibilità di un fermolinea per intraprendere le seguenti azioni: 1. verifica delle coppie di serraggio, avvitatura e chiusura sui pallets; 2. manutenzione dei pallets della linea assemblaggio; 3. verifica dell allineamento delle teste che eseguono le lavorazioni di semifinitura e finitura; 4. verifica dell errore di oscillazione dei mandrini. A seguito di questa ultima attività è stata deliberata la sostituzione del mandrino destro, in quanto i giochi e le oscillazioni presenti erano sensibilmente amplificate rispetto a quelle presenti nel mandrino sinistro. Per tale motivo i valori di cilindricità fuori specifica si presentavano con maggiore frequenza nei montanti destri. Dopo tale intervento è stato effettuato un primo campionamento su cinque serie di pezzi: N Pezzi N Pallet Cilindricità Dx Cilindricità Sx ,65 7, ,95 6, , ,4 4, ,25 9,85 5

6 I valori sono risultati essere completamente all interno dei limiti di tolleranza. Dalla Root Cause costruita per le quote dei fori di attacco si è notato come l intervento prioritario era quello di effettuare un controllo sui dispositivi di bloccaggio dei montanti. Portando in manutenzione un gruppo di pallets si è potuto osservare, facendo anche un confronto di dimensioni con il Pallet Master, che il dispositivo di bloccaggio della leva per l attacco ammortizzatore terminava la corsa senza bloccare completamente il montante. Durante la lavorazione, il montante subiva degli spostamenti nel campo elastico e, di conseguenza, al rilascio perdeva il corretto allineamento dei fori. L azione intrapresa è stata quella di ripristinare tutti i pallets, spessorando il dispositivo di bloccaggio della leva per l attacco ammortizzatore. Tali azioni migliorative hanno permesso una sensibile riduzione dei costi aziendali. Il valore del CUP, nel periodo Gennaio-Marzo 2004, ha presentato un confortante trend decrescente, come esposto nella tabella e nel grafico seguenti. gennaio febbraio marzo Scarti Montanti 5.664, , ,27 Scarti G.R.A , , ,00 Downtime , , ,40 Trasporti Speciali Totale , , ,67 Produzione Cup 2,77 2,06 2,36 CUP MEDIO (Storico Sett-Dic 2003) 2,96 2,96 2,96 Cup Obiettivo 1,79 1,79 1,79 Target Mean Sample N StDev () StDev () Cp CPU CPL Cpm Pp PPU PPL Ppk Process Data 1, , , , Potential () Capability Target Mean Sample N 4,90 6,96 2,84 2,84 3,45 4,89 2,00 2,00 Process Capability Analysis for Rugosità Cuscinetti SNR 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 Capability Observed Performance Exp. "" Performance Exp. "" Performance StDev () StDev () Cp CPU CPL Cpm Pp PPU PPL Ppk Process Data 72, , , Potential () Capability 1,57 1,50 1,64 1,50 Process Capability Analysis for Diametro Cuscinetto SNR 72,026 72,028 72,030 72,032 72,034 72,036 72,038 72,040 Capability Observed Performance Exp. "" Performance Exp. "" Performance 1,71 1,64 1,79 1,64 0,41 3,46 3,87 Fig.9: Process Capability per diametro e rugosità A seguito dei valori di campionatura ricevuti è stato deciso di procedere alla verifica dei valori dei carichi di piantaggio (fig.10). 0,04 0,47 0,50 3,50 3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 - gen-04 VALORE DEL CUP DURANTE LO SVOLGIMENTO DEL PROGETTO feb-04 mar-04 apr-04 maggiu-04 lug-04 ago-04 set-04 Fig.8: Andamento del CUP- periodo gen-mar La fase di Control In ultimo, la metodologia DMAIC prevede il controllo delle performance raggiunte e la verifica del sistema a conservarle nel tempo. Per ottenere questi risultati sono stati utilizzati strumenti come le Carte di Controllo e la Process Capability. Dai riscontri ottenuti nella fase di Improve l azienda SNR ha fornito una campionatura certificata con i nuovi valori del diametro e della rugosità, a seguito delle modifiche sviluppate sui loro processi produttivi (fig.9). ott-04 nov-04 dic-04 gen-05 feb-05 mar-05 CUP MENSILE. CUP MEDIO CUP OBIETTIVO Target Mean Sample N StDev () StDev () Cp CPU CPL Cpm Pp PPU PPL Ppk Process Data , , ,6915 Potential () Capability 2,10 2,82 1,39 1,39 2,62 3,51 1,73 1,73 Process Capability Analysis for Carico Piantaggio Cuscinetto (SNR) Capability Observed Performance Exp. "" Performance Exp. "" Performance 16,02 16,02 Fig.10: Process Capability del Caricodi Piantaggio Nella tabella seguente sono riportati i valori del C pk e del Sigma Level prima e dopo le azioni correttive: C pk C pk iniziale Finale Iniziale Finale Carico piantaggio -0,67 1,39 <1 5,658 Al fine di evitare un degradamento degli indici qualitativi raggiunti, si è deciso di programmare delle azioni di controllo di frequenza pari a 10 pezzi/turno. Per ogni tipologia di montante e di cuscinetto, il responsabile della U.T.E riporterà su un modulo i valori del relativo carico di piantaggio. 0,11 0,11 6

7 Dopo aver spessorato in modo opportuno i pallets, si è stato interrotto il fermo-linea e si è eseguita una campionatura di 10 serie, al fine di poter verificare la bontà dell azione intrapresa. I rilievi hanno fornito i seguenti risultati: n Pallet MONTANTE DESTRO Coordinata Asse 6 Distanza Asse 5-6 MONTANTE SINISTRO Coordinata Asse 6 Distanza Asse ,783 75,886 3,740 75, ,767 75,790 3,778 75, ,767 75,807 3,752 75, ,782 75,853 3,748 75, ,774 75,831 3,757 75, ,738 75,833 3,742 75, ,750 75,780 3,770 75, ,770 75,827 3,774 75, ,754 75,831 3,753 75, ,718 75,851 3,750 75,840 Verificato che il processo era influenzato da solo cause comuni è stata condotta, anche per tale CTQ, un analisi di Capability per ambo le specifiche funzionali. Nella tabella sono riportati i valori del C pk e del Sigma Level prima e dopo le azioni correttive C pk C pk Iniziale Finale Coordinata Asse 6 Dx 0,54 1,48 Coordinata Asse 6 Sx 0,42 1,68 Distanza Asse 5-6 Dx 0,32 1,42 Distanza Asse 5-6 Sx 0,1 1,59 Iniziale Finale 1,518 5,763 Osservando i valori assunti dall indice di Capacità del Processo C pk e dal Sigma Level si evince come l applicazione della metodologia ha portato a rapidi e significativi cambiamenti. Anche in questo caso si è deciso di programmare delle azioni di controllo con frequenza pari ad una serie di pezzi a turno. La misurazione verrà effettuata con l apparecchiatura DEA In ultimo vengono riportati i valori degli indici qualitativi della cilindricità. Iniziale Finale Montante DX -0,47 1,44 Montante SX 1,03 4,00 Iniziale Finale <1 5,833 - i valori di sigma level ottenuti sono risultati essere superiori ai valori obiettivi definiti in fase di progettazione e molto prossimi alle sei unità; - il numero di reclami e i relativi costi in garanzia sono diminuiti del 48%. Bibliografia: [1] T. Pyzdek, The Six Sigma Handbook, McGraw-Hill Professional Publishing, 2000 [2] W. Forrester, III Breyfogle, Implementing Six Sigma: Smarter Solutions Using Statistical Methods, Wiley-Interscience, 1999 [3] P.S. Pande, R.P. Neuman, R.R. Cavanagh, The Six Sigma Way, McGraw-Hill Professional Publishing [4] S. Chowdhury, The Power Of Six Sigma : An Inspiring Tale of How Six Sigma is Transforming the Way We Work, Dearborn Trade, 2001 [5] M.J. Harry, The Vision Of Six Sigma, Sigma Publishing Company, 1994 [6] M.J. Harry; J.R. Lawson Six Sigma Producibility Analysis And Process Characterization Addison-Wesley [7] Galgano, I Sette Strumenti Manageriali Della Qualità Totale [8] D.C. Montgomery, Introduction To Statistical Quality Control, John Wiley & Sons, 1996 [9] Minitab Statistical Software, Release 13 DEMO [10] Rath & Strong, Six Sigma Pocket Guide, Rath & Strong, 2000 [11] Nancy E. Ryan, I Metodi Taguchi E Qfd, I come e i perchè sui problemi attuali della qualit, Edizione italiana a cura della ELEA S.p.A. [12] John S.Oakland, statistical process control, Fourth Editino [13] G.Girone, T.Salvemini, Lezioni Di Statisica, Vol. I e II [14] A.J. Duncan, Quality Control And Industrial Statistics, 1986 [15] W. J. Kolarik, Creating Quality: Concepts, Systems, Strategies and Tools, McGraw-Hill,1995 [16] R.H. Myers, D.C. Montgomery, Response Surface Methodology: Process and Product Optimization Using Designed Experiments, John Wiley & Sons, 1995 [17] G. Tenant, Six Sigma: SPC and TQM in Manufacturing and Services, Gower Pub Co, 2001 [18] J. Arthur, Six Sigma Instructor Guide, LifeStar, Conclusioni Dallo studio condotto il Six Sigma è apparso come un approccio sistematico ed oggettivo, molto concreto e fatto di pochi slogan. In termini generali, l applicazione del metodo ha comportato come benefit aziendale la riduzione dei costi, il miglioramento dei profitti e della produttività, ma soprattutto l aumento della soddisfazione dei clienti. I risultati ottenuti dal programma, in termini numerici, sono complessivamente soddisfacenti: - il trend dei costi sostenuti presenta un andamento fortemente decrescente; - la riduzione del CUP nei primi mesi dell anno è stata pari a circa il 39%; 7

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

Premio Manager per la Qualità

Premio Manager per la Qualità Premio Manager per la Qualità Dal primo progetto Sei Sigma al "Miglioramento Continuo di oggi" Quality Plant Manager Stabilimento Ciriè (TO) P. Colosimo Informazioni generali sito produttivo Ciriè (TO)

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17 Indice Prefazione 15 Introduzione 17 1. Pianificazione della qualità 1.1. Il concetto di 6 sigma 1.1.1. Le aree e le fasi del sei sigma 1.2. I processi produttivi e la variabilità 1.2.1. Cause comuni 1.2.2.

Dettagli

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I)

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) 203 APPENDICE A: Tabella Process Sigma (II) 204 APPENDICE B: Tipologie di variabili Lo schema sottostante è utile per la corretta scelta degli indicatori durante

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

Samanta Morelli Area Attività Laboratoristiche Arpa Emilia-Romagna

Samanta Morelli Area Attività Laboratoristiche Arpa Emilia-Romagna Utilizzo della metodologia Six-Sigma, di applicazione prevalentemente industriale, come strumento di controllo dei prcesi analitici nelle Agenzie Ambientali 1 Cos e il Six Sigma programma di gestione della

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi Mario Vianello Politecnico di Torino - Ingegneria dell Autoveicolo Incontro su SEI SIGMA SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi 1 Il Sei Sigma, è senz

Dettagli

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo Un primo passo verso PAT Un applicazione di controllo preventivo Sommario Situazione iniziale: linea di produzione con controllo peso off-line Cambiamento vs. una linea con controllo peso automatico on-line

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA CORSO DI FORMAZIONE PER GREEN BELT I Green Belt sono una figura importantissima nell implementazione della Lean Six Sigma: essi ricoprono il ruolo, part time, di Project Leader dei progetti di miglioramento

Dettagli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli Capitolo 6 Total quality management: orientamento al Six Sigma

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI 1. L azienda Wood produce legno compensato per costruzioni

Dettagli

. PRODUZIONE: Diminuire il denominatore cioè ridurre la variabilità del processo produttivo e centrare il suo valore medio sul valore target

. PRODUZIONE: Diminuire il denominatore cioè ridurre la variabilità del processo produttivo e centrare il suo valore medio sul valore target Tolerance Design Confronto tra metodo tradizionale (WCA) e metodo statistico (RSS) Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt 1. Introduzione C è un interesse crescente nell industria per

Dettagli

Diventare GREEN BELT

Diventare GREEN BELT La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Diventare GREEN BELT Accrescere le proprie potenzialità nel mondo del lavoro Percorso di Formazione e Certificazione

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement Strategic Business Improvement 0.11 0.11 0.10 0.10 0.09 0.09 0.08 0.08 0.06 108.6 98.8 0.06 1-Di namico_sx _(g) 1-Di namico_sx _(g) 0.05 0.05 0.04 0.04 88.9 79.0 69.1 0.03 0.03 0.02 0.02 59.3 49.4 0.01

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

La metodologia Six Sigma nello sviluppo nuovi prodotti

La metodologia Six Sigma nello sviluppo nuovi prodotti Torino, Febbraio 2006 La metodologia Six Sigma nello sviluppo nuovi prodotti Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt e-mail: pgrole@yahoo.it La metodologia Six Sigma è nota e la sua efficacia

Dettagli

ANALISI GRAFICHE PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA : ESEMPI DI APPLICAZIONI

ANALISI GRAFICHE PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA : ESEMPI DI APPLICAZIONI ANALISI GRAFICHE PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA : ESEMPI DI APPLICAZIONI (sintesi da Prof.ssa Di Nardo, Università della Basilicata, http://www.unibas.it/utenti/dinardo/home.html) ISTOGRAMMA/DIAGRAMMA

Dettagli

Metodologie statistiche in manutenzione

Metodologie statistiche in manutenzione M in in > Statistica di base per la > FMECA per la alla generali Sviluppare una sensibilità al valore aggiunto derivante da un applicazione di metodi e tecniche statistiche in Fornire conoscenze specifiche

Dettagli

Design for Six Sigma

Design for Six Sigma Cp = 2.0 Cpk = 1.5 ppm = 3.4 6σ Design for Six Sigma Applicazione ad un sotto-sistema di: - Robust Design - Sensitivity Analysis - Tolerance allocation Pier Giorgio DELLA ROLE i_dfss_applicazione05 1 Evoluzione

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Definizione di Prodotto e di Processo Analisi Statistica SPC Manutenzione programmata Pianificazione lavori Rilevamento e

Dettagli

L applicazione del metodo Six Sigma in una piccola azienda

L applicazione del metodo Six Sigma in una piccola azienda Torino, novembre 206 L applicazione del metodo Six Sigma in una piccola azienda (Pier Giorgio DELLA ROLE Master Black Belt) Introduzione Anche se il Six Sigma è stato implementato con successo in molte

Dettagli

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing

Il miglioramento in AVIO. Il sei sigma e il lean manufacturing Il miglioramento in AVIO Il sei sigma e il lean manufacturing 1 Contenuti Introduzione ad AVIO S.p.A. La decisione di avviare il programma Il programma Cartesio Plus Lean Sei Sigma Alcuni esempi Conclusioni

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA MEDIANTE L APPLICAZIONE DI TECNICHE DOE

MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA MEDIANTE L APPLICAZIONE DI TECNICHE DOE PRESENTATO AL CONVEGNO AIAS ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI XXXVII CONVEGNO NAZIONALE, 10-13 SETTEMBRE 2008, UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA MIGLIORAMENTO DI UN PROCESSO DI SMALTATURA

Dettagli

Piano Formativo Metodologie Six Sigma applicate all Efficienza Energetica AVS/51/08II

Piano Formativo Metodologie Six Sigma applicate all Efficienza Energetica AVS/51/08II Piano Formativo Metodologie Six Sigma applicate all Efficienza Energetica AVS/51/08II Milano, 20 luglio 2010 Finalità e Destinatari e Costi per le Imprese Il Piano di Formazione intende sviluppare le competenze

Dettagli

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop Lean Six Sigma Workshop 1 Origini del Six Sigma La metodologia Six Sigma nasce a metà degli anni 80 in Motorola estendendosi poi ad altre grandi aziende americane; è una metodologia per il miglioramento

Dettagli

Applicazione ISO TS 16949

Applicazione ISO TS 16949 M generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di qualità conforme alle UNI ISO TS 16949 Inquadrare le metodologie di gestione in ottica ISO TS 16949 Insegnare

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

L approccio Festo Consulenza e Formazione

L approccio Festo Consulenza e Formazione L approccio Festo Consulenza e Formazione Festo Consulenza e Formazione opera con un approccio integrato, attraverso un Customer Team che integra le competenze nei diversi ambiti aziendali (Operations,

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2013 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2013 - Sintesi

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

Formazione Aziendale per la Qualità

Formazione Aziendale per la Qualità 4 Corsi e Formazione per la Qualità Formazione Aziendale per la Qualità Il nostro obiettivo L organizzazione, l analisi e l interpretazione dei dati aziendali all interno del proprio business, può rappresentare

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ COMPETITIVITA 2.0? VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ F.Boccia/B.IT sas 1 SOMMARIO PROGETTAZIONE ASSISTITA DA CAE/SIMULAZIONE/SUPERCALCOLO LOGISTICA INTELLIGENTE

Dettagli

Area Applicativa: Qualità

Area Applicativa: Qualità Il software progettato e sviluppato per gestire in modo del tutto informatizzato le attività relative al controllo qualità aziendale. Un applicazione specifica che consente di raccogliere dati, analizzarli

Dettagli

LE CARTE DI CONTROLLO (4)

LE CARTE DI CONTROLLO (4) LE CARTE DI CONTROLLO (4) Tipo di carta di controllo Frazione difettosa Carta p Numero di difettosi Carta np Dimensione campione Variabile, solitamente >= 50 costante, solitamente >= 50 Linea centrale

Dettagli

SIX SIGMA. Catalogo Corsi. Sistema Aziendali a Zero Difetti

SIX SIGMA. Catalogo Corsi. Sistema Aziendali a Zero Difetti SIX SIGMA Catalogo Corsi Sistema Aziendali a Zero Difetti Six Sigma Indice Il metodo Six Sigma pag. 1 Caratteristiche del metodo pag. 1 Cosa sono i corsi six sigma pag. 2 Esami e Certificazioni pag. 2

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo www.agiplus.it La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo della carpenteria e dell automazione e

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

Il Tolerance Management nell Ingegneria di prodotto e di processo. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Il Tolerance Management nell Ingegneria di prodotto e di processo. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Il olerance Management nell Ingegneria di prodotto e di processo olerance Management e sviluppo prodotto Carlo La orre 4S Group Membro del Polo MESP -MEccatronica e Sistemi vanzati di Produzione orino

Dettagli

La metodologia Six Sigma

La metodologia Six Sigma HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it La metodologia Six Sigma Page 2 1. Origini La metodologia

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

Controllo Statistico della Qualità. Qualità come primo obiettivo dell azienda produttrice di beni

Controllo Statistico della Qualità. Qualità come primo obiettivo dell azienda produttrice di beni Controllo Statistico della Qualità Qualità come primo obiettivo dell azienda produttrice di beni Qualità come costante aderenza del prodotto alle specifiche tecniche Qualità come controllo e riduzione

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2012 Pubblicato in data 17 luglio 2012 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Situazione Operatori...3 3. TEE emessi...3

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità TAVOLA ROTONDA SUL TEMA SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità Cosa si può fare concretamente per un reale miglioramento di Qualità/Affidabilità dei nostri prodotti? 1 Conviene riconoscere

Dettagli

GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI

GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI Premessa L idea di redigere degli strumenti utili al lavoro delle segreterie regionali, va nella duplice direzione, da un lato, di uniformare

Dettagli

Il Total Quality Management e il Sei Sigma

Il Total Quality Management e il Sei Sigma Il Total Quality Management e il Sei Sigma Francesco Aggogeri Università di Brescia, Dip. di Ingegneria Meccanica, Brescia, Italy; aggogeri@yahoo.it Abstract The dynamism of the market, defined by the

Dettagli

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti

Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti Toyota: come riconquistare la fiducia dei clienti La Toyota è nella bufera. Nelle ultime settimane sono arrivati i richiami di 7 modelli di auto potenzialmente difettose, misure di controllo attivate negli

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 S OMMAR IO LA FUNZIONE DEI REPORT... 3 TIPOLOGIA DEI REPORT... 3 CRITERI

Dettagli

Metrologia, ispezioni e controllo qualità

Metrologia, ispezioni e controllo qualità Metrologia, ispezioni e controllo qualità Riferimento: capitolo 4 del Kalpakjian (seconda parte) Le tolleranze dei pezzi e il controllo sono fondamentali nel processo di produzione. Outline Metrologia

Dettagli

FORMAZIONE SIX SIGMA IN POLONIA PROGRAMMA E TARIFFE

FORMAZIONE SIX SIGMA IN POLONIA PROGRAMMA E TARIFFE FORMAZIONE SIX SIGMA IN POLONIA PROGRAMMA E TARIFFE OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi del progetto proposto sono sintetizzati in: fornire alla Direzione ed ai responsabili di Linea, le necessarie conoscenze

Dettagli

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali M Premessa La AS 9100 è una norma ampiamente adottata in campo aeronautico ed aerospaziale dalle maggiori aziende mondiali del settore, per la definizione, l utilizzo ed il controllo dei sistemi di gestione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement Strategic Business Improvement 0.11 0.11 0.10 0.10 0.09 0.09 0.08 0.08 0.06 108.6 98.8 0.06 1-Di namico_sx _(g) 1-Di namico_sx _(g) 0.05 0.05 0.04 0.04 88.9 79.0 69.1 0.03 0.03 0.02 0.02 59.3 49.4 0.01

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza

Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza Quanto investire in comunicazione? Francesco Potenza Marketing Club, 4 dicembre 2010 Gli investimenti in adv La crisi ha toccato gli investimenti che sono più facilmente e rapidamente manovrabili: la pubblicità

Dettagli

ISO 9000:2000 Assicurazione della qualità Parte della gestione per la qualità mirata a dare fiducia che i requisiti per la qualità saranno

ISO 9000:2000 Assicurazione della qualità Parte della gestione per la qualità mirata a dare fiducia che i requisiti per la qualità saranno ISO 9000:2000 Assicurazione della qualità Parte della gestione per la qualità mirata a dare fiducia che i requisiti per la qualità saranno soddisfatti. Azione correttiva Azione per eliminare la causa di

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

Controlli di tenuta e applicazioni speciali in linee di montaggio

Controlli di tenuta e applicazioni speciali in linee di montaggio Controlli di tenuta e applicazioni speciali in linee di montaggio Una moderna linea di produzione è progettata per ottenere un prodotto finale ad alta affidabilità con prestazioni sempre crescenti. Il

Dettagli

Esperienza Six Sigma

Esperienza Six Sigma Cp 6 = 2.0 Cpk = 1.5 ppm = 3.4 Novembre 2001 6 Esperienza Six Sigma. Cosa abbiamo imparato da questa esperienza Pier Giorgio DELLA ROLE aicq2.ppt 1 Indice. IL Six Sigma come evoluzione del Sistema Qualità.

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Lezione 9. Metodi statistici per il miglioramento della Qualità

Lezione 9. Metodi statistici per il miglioramento della Qualità Lezione 9 Metodi statistici per il miglioramento della Qualità Il Diagramma Causa Effetto Ultimo Aggiornamento: 14 Ottobre 2003 Il materiale didattico potrebbe contenere errori: la segnalazione e di questi

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

C) DIAGRAMMA A SETTORI

C) DIAGRAMMA A SETTORI C) DIAGRAMMA A SETTORI Procedura: Determinare la percentuale per ciascuna categoria Convertire i valori percentuali in gradi d angolo Disegnare un cerchio e tracciare i settori Contrassegnare i settori

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte)

LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte) LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte) Sommario Definizione di Six Sigma Cosa significa sigma? Una considerazione Perché proprio Six Sigma? L algoritmo DMAIC DFSS DEFINIZIONE DI SIX SIGMA Il Six Sigma

Dettagli

Corso di formazione e certificazione. Transazionale

Corso di formazione e certificazione. Transazionale Corso di formazione e certificazione Black Belt Six Sigma Transazionale con i docenti della Accademia Italiana del Sei Sigma in collaborazione con Fondazione Giacomo Rumor Centro Produttività Veneto Ente

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ

Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, FAQ Le Regole per ottenere il riconoscimento IATF, 2 edizione, sono state pubblicate nel 2004. Le seguenti FAQ sono state definite ed approvate da

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 3 famiglie per 76 modelli 5 modelli per 40% del fatturato fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno "Assemble To Order" Piano qualità dal '90

Dettagli

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1)

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) 151 Introduzione Un esperimento è una prova o una serie di prove. Gli esperimenti sono largamente utilizzati nel campo dell ingegneria. Tra le varie applicazioni;

Dettagli