GUALDO T./SIGILLO Due nostri giovani avviati verso il. sacerdozio. Patrono d Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUALDO T./SIGILLO Due nostri giovani avviati verso il. sacerdozio. Patrono d Italia"

Transcript

1 N. 35 Venerdì 3 Ottobre 2014 Periodico settimanale Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale -D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Fil. di Perugia Uff. A/P GIORNALE LOCALE ROC 1,10 euro DIOCESI PERUGIA Madonna della Luce, 30 anni di adorazione DIOCESI CASTELLO Festa dei bambini delle scuole ORVIETO I catechisti della diocesi celebrano GUALDO T./SIGILLO Due nostri giovani avviati verso il GUBBIO Prestigioso incarico all oncologo Pier NORCIA Le Olimpiadi delle persone con CONTIENE I.P. 16 paritarie 18 il loro Giubileo 21 sacerdozio 24 Giuseppe Pelicci 26 disagio psichico 27 l editoriale L attualità di Francesco in un mondo in guerra Patrono d Italia di Elio Bromuri S ettantacinque anni fa san Francesco veniva proclamato patrono d Italia da Pio XII, insieme a santa Caterina da Siena. Era un periodo in cui il regime fascista aveva ottenuto grandi consensi; quella scelta era segno di una nazione pacifica e serena, che nel Santo di Assisi pensava di potersi rispecchiare in quanto, come fu detto, san Francesco è il più santo degli italiani e il più italiano tra i santi. Quest ultima notazione si poteva riferire - più che allo spirito francescano, così distante dallo spirito del regime - agli scritti di Francesco, che costituiscono esempi originari della nascente lingua italiana, si pensi soprattutto al Cantico delle creature. Negli anni successivi, fino a oggi, la devozione o la stima anche da parte di non cristiani e non credenti sono andate crescendo. I motivi sono diversi, e l attuale Pontefice li ha riassunti nel momento in cui, in maniera sorprendente - qualche protestante ha detto perfino provocatoria - ha scelto di chiamarsi Francesco. Tra i motivi della scelta papale e della crescente fama del Santo (non amo chiamarlo il Poverello, essendo un gigante della storia) è l aspetto della pace, sia per le parole del saluto pace e bene da lui utilizzato, sia per l esempio della sua vita, e in particolare perché in tempo di Crociata si recò, non per caso ma per sua precisa volontà, a parlare con il sultano d Egitto Melek al-kamel. Questa storia è nota, credo, a tutti, e non è il caso di raccontarla nei dettagli. Ma il suo significato è quanto mai chiaro in quel contesto: siamo alla quinta Crociata in atto, e Francesco, disarmato messaggero di Cristo, va dal nemico in guerra (si capisce perché i musulmani definiscano Crociata ogni azione dell Occidente contro un Paese a maggioranza islamica) e pensa di convertirlo. L incontro andò bene... il Sultano non si convertì, ma i due strinsero amicizia e Francesco ebbe dei regali come pegno di pace. Rileggere e ripensare questa storia oggi, quando in nome di Allah una rilevante corrente politico-religiosa del mondo musulmano giura di voler distruggere gli infedeli dell Occidente, suscita una serie di interrogativi (non si parla degli infedeli dell Oriente, indiani e cinesi, che sarebbero i veri infedeli secondo l islam, mentre i cristiani dovrebbero essere considerati con un certo rispetto in quanto uomini del Libro, i seguaci di un Profeta considerato tale dal Corano, e figlio di una Vergine). Ma chi sono questi, che vogliono issare bandiere nere sulla Casa bianca e arrivare a Roma, questi tagliatori di teste che non hanno paura di uccidere perché - dicono - è un modo per dare gloria ad Allah, e neppure di morire, perché andrebbero sicuri in paradiso come martiri della causa di Dio? In quale abisso di ignoranza e barbarie sono immerse le loro menti farneticanti? Di chi sono figli? In quale scuola si sono formati? Chi li finanzia? Chi chiude gli occhi di fronte ai loro massacri di popolazioni cristiane? Il grande mondo musulmano pare che cominci a rispondere ad alcune di queste domande e a prendere le distanze da questi folli che distruggono non solo le chiese ma anche le moschee che ritengono eretiche, cioè non allineate con la loro strategia politica. Per parte nostra, facciamo bene a celebrare il Patrono d Italia con solennità e a stringerci con viva partecipazione alla grande famiglia francescana che ha il suo centro e il suo punto di riferimento nella nostra regione Umbria. Fa bene il presidente Matteo Renzi a sintonizzare la sua chiamata al risveglio per un Italia stanca e sfiduciata con il messaggio di letizia e speranza per tutti. Rimanendo tuttavia pronti e prudenti nell operare realisticamente per la pace nel mondo. Non sarà fuori luogo, infatti, ricordare che dopo la visita al Sultano avvenuta nel 1219 vi fu, un anno dopo, un triste seguito nella vicenda dei cinque frati francescani decapitati a Marrakesh (Marocco) nel Martiri della pace predicata secondo il Vangelo di Gesù Cristo. Quest anno la festa di san Francesco d Assisi cade nel 75 anniversario della sua proclamazione a patrono d Italia. La regione italiana che offre l olio votivo sulla tomba del Santo è il Lazio. Presente anche il premier Matteo Renzi. 15 Parola a... Mons. Piemontese riceve dal Papa un vocabolario sui doveri di vescovo Società Contro il gioco d azzardo una proposta di legge della Regione Emergenza profughi L Umbria, sebbene non si affacci sul Mediterraneo, avrà un ruolo nell operazione Mare nostrum, anzi ha esperienze positive da condividere. Intervista alla vice presidente regionale Carla Casciari 4 5 La festa dà occasione a un grande esperto di storia francescana, padre Pietro Messa, di farci visitare alcuni luoghi meno conosciuti dell Umbria legati alla storia del Poverello e dei suoi seguaci 2 SINODO Si apre il 5 ottobre in Vaticano il Sinodo straordinario sulla famiglia. La partecipazione dell Umbria alla veglia di preghiera con Papa Francesco il giorno 4, san Francesco 9 &3 CSI - ORATORI Il Csi dell Umbria vara il progetto Sport uguale per tutti : fornirà a parrocchie e oratori materiali e competenze a favore delle sane attività ludiche e formative per i giovani 11

2 2 LA VOCE IN PRIMO PIANO VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 La vicenda francescana, oltre ad Assisi, coinvolge in una crescente apertura la Valle spoletana, il resto dell Umbria, e poi l Appennino umbromarchigiano L attenzione è concentrata su Francesco d Assisi e la sua città, ma questo può diventare fuorviante perché egli ha avuto un passato, un presente e anche un futuro. Un passato ben testimoniato ad esempio dal ricco patrimonio monastico, con la sua spiritualità, monumenti e cultura, ma anche la sua famiglia di origine rappresentata dal mercante Pietro di Bernardone che fu padre non solo del più famoso Francesco, ma anche di Angelo il quale ebbe a sua volta figli e quindi una discendenza. Un presente rappresentato non solo dal vescovo Guido o da Chiara, ma soprattutto dai fratelli che dal 1208 circa cominciarono a condividerne la vita secondo la forma del santo Vangelo e divennero l inizio dell Ordine dei frati minori. Tra essi emergono alcuni come frate Egidio d Assisi, frate Elia, frate Leone, ma anche Giovanni da Pian del Carpine o Tommaso da Celano. Un futuro che si propagò in diversi rivoli e continua ancora oggi. Quindi la vicenda di frate Francesco non è solipsistica, e similmente anche la sua città visse e vive in un incrocio di strade di cui Assisi diventa punto di arrivo o di partenza, e a volte più semplicemente di passaggio. Allora non risulta strano che la vicenda francescana sia più ampia del territorio assisano, e che coinvolga in una crescente apertura la Valle spoletana, l Umbria, l Appennino umbro-marchigiano e l intera Penisola italica, giusto per non andare con gli esempi oltre le Alpi o le coste del Mediterraneo. Posti poco noti Solo fermandosi all attuale regione Umbria, molti sono i luoghi che vantano la presenza di ricordi o tradizioni legate a san Francesco, a cui come detto vanno aggiunti i posti che conservano testimonianze della presenza francescana lungo i secoli. Enumerarli tutti, o anche solo i più rappresentativi sarebbe lungo; forse la cosa migliore è menzionarne alcuni meno conosciuti, seppur di notevole importanza. Partendo dal territorio di Norcia, ben rappresentativo dell eredità monastica benedettina, nella Valnerina si conserva il lebbrosario di San Lazzaro in Valloncello, frequentato da Francesco stesso e luogo privilegiato per ricordare quanto lui stesso nel Testamento, scritto nel 1226 poco prima di morire, definì come il momento del suo cambiamento di vita: Il Signore dette a me, frate Francesco, di incominciare a fare penitenza così: quando ero nei peccati mi sembrava cosa troppo amara vedere i lebbrosi, e il Signore stesso mi condusse tra loro e usai con essi misericordia. E allontanandomi da loro, ciò che mi sembrava amaro mi fu cambiato in dolcezza di animo e di corpo. E in seguito, stetti un poco e uscii dal secolo. Un vero peccato lo stato di abbandono in cui è lasciato, e il richiamo di Papa Francesco alla misericordia sarebbe una bella occasione per fare un restauro almeno della piccola chiesa! Continuando la strada ecco che si giunge sotto la cascata delle Marmore che non solo ricorda il Cantico di frate sole in cui l Assisiate can- San Francesco di Gerardo Dottori L esterno del Convento di Sant Angelo in Pantanelli Francesco e Assisi, incrocio di tante vie Sarebbe lungo enumerare tutti i luoghi francescani in Umbria. Ne esploriamo alcuni meno conosciuti, eppure di notevole importanza ta: Laudato si, mi Signore, per sor acqua, la quale è multo utile et humile e preziosa e casta, ma anche il film Fratello sole, sorella luna con cui Franco Zeffirelli nel 1972 portò sul grande schermo l inizio della vicenda francescana. Una delle scene più rappresentative, ossia la permanenza di Francesco con i lebbrosi così come l inizio della vita penitenziale di Chiara, sono ambientate proprio sotto lo scrosciare dell acqua del Velino che casca nel Nera. Anche questo ormai è traccia del francescanesimo che, dopo essere stato raffigurato da grandi pittori come Le celebrazioni del 4 ottobre ad Assisi S arà il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a partecipare alle celebrazioni in onore di san Francesco d Assisi che si terranno il 4 ottobre a partire dalle ore 10 ad Assisi. In occasione del 75 anniversario della proclamazione di san Francesco patrono d Italia, dopo la messa e l accensione della lampada del Santo è previsto un intervento del premier. Il tutto in diretta su Rai Uno, dalle ore 10 fino alle 12. È il caso di ricordare che la festa del Poverello aveva avuto lo scorso anno la presenza di Papa Francesco, che proprio in questa data aveva compiuto un pellegrinaggio nei luoghi che fanno parte della storia del francescanesimo. Non è la prima volta che un primo ministro italiano partecipa alla festa del 4 ottobre. Lo scorso anno era presente Enrico Letta, mentre nel passato erano intervenuti Romano Prodi (1998), Giulio Andreotti (1977), Amintore Fanfani (1962). Quest anno è la Regione Lazio a offrire l olio per la lampada votiva dei Comuni d Italia che arde sulla tomba di Francesco. Il gesto, di alto valore simbolico, verrà compiuto dal sindaco di Roma, Ignazio Marino. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, interverrà dalla loggia, mentre a presiedere la solenne celebrazione nella basilica superiore sarà il card. Agostino Vallini, vicario del Papa per la città di Roma. Intanto alla Camera dei deputati è stato celebrato il 75 anniversario della Abbazia (Lebbrosario) di San Lazzaro in Valloncello-Preci Quest anno è la Regione Lazio a offrire l olio votivo. Sarà presente il presidente del Consiglio Renzi. Il premio Rosa d argento - Frate Jacopa Giotto, Cimabue e altri ancora, nella modernità ha attirato l attenzione dell arte cinematografica che gli ha dedicato ormai oltre una decina di film. Giunti nella terra di Terni, la memoria va alla predicazione semplice e coinvolgente dell Assisiate - tesa a sradicare i vizi e annunciare le virtù -, che proprio in questa parte dell Umbria meridionale affascinò alcuni i quali lo seguirono nella vita evangelica. Una volta giunti alla Porziuncola e inviati in Marocco, testimonieranno la loro affezione a Cristo fino a morire per esso: saranno i proclamazione di san Francesco d Assisi a patrono d Italia, presenti Laura Boldrini, presidente della Camera dei deputati, mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana, e padre Mauro Gambetti, custode del Sacro Convento di Assisi. Nella giornata del 3 ottobre, che prevede alle ore 17 la cerimonia del Transito alla Porziuncola di Santa Maria degli Angeli con le delegazioni dei Comuni del Lazio, è in programma un appuntamento di rilievo, sempre alla Porziuncola, ma alle 11: il conferimento Rosa d argento Frate Jacopa Donne del nostro tempo testimoni di fede, speranza e carità. Il premio è promosso dalla Fraternità Francescana dei frati minori della Porziuncola in Assisi, insieme al Comune di Assisi, all associazione Lo storico cantiere di Marino (Roma) e alla Pro loco di Santa Maria degli Angeli. Prende spunto dalla figura di donna Jacopa dei Settesoli che, attraverso l incontro con san Francesco, cambiò radicalmente la propria vita, divenendo testimone di fede e di carità. Il riconoscimento è andato quest anno alla signora Margherita Caruso Coletta, moglie del brigadiere dei carabinieri Giuseppe Coletta, morto a Nassiriyah il 12 novembre del 2003, e madre di Paolo, scomparso a soli 6 anni per un male incurabile. Emilio Querini Molti luoghi vantano la presenza di ricordi legati a san Francesco, cui vanno aggiunti quelli che conservano le testimonianze della presenza francescana lungo i secoli primi Frati minori uccisi per la fede, come testimonia il santuario antoniano dei Protomartiri francescani di Terni che ne conserva le reliquie. Ma la loro testimonianza di sangue che colpì fortemente il canonico agostiniano Fernando da Lisbona, tanto che abbracciò la vita minoritica divenendo Antonio di Padova fu solo la prima, a cui ne seguirono tante altre tra cui, per rimanere solo in Umbria, san Massimiliano Kolbe ucciso nel Lager di Auschwitz, e che nell estate del 1918 trascorse alcune settimane ad Amelia. Prima di lui nel luglio del 1900 in Cina furono uccisi il vescovo francescano mons. Antonino Fantosati da Trevi assieme a Maria della Pace, suora Missionaria Francescana di Maria che crebbe a Bolsena, nella diocesi di Orvieto, entrambi canonizzati nel 2000 da Giovanni Paolo II. Jacopone e Angela Risalendo da Orte lungo la valle del Tevere, ecco il convento di Sant Angelo di Pantanelli dove, secondo la tradizione, frate Jacopone da Todi compose diverse laudi tra cui la famosa Stabat Mater. Montegiove è il paese d origine della beata Angelina dei Conti di Marsciano che, lasciata la sua famiglia, si trasferì a Foligno dove precedentemente non solo Francesco di Pietro di Bernardone avrebbe venduto stoffe e cavallo, ma sant Angela divenne riferimento per un vero e proprio cenacolo, tanto che la sua esperienza mistica si diffuse ben presto ed esercitò un influsso spirituale incisivo, come nel Brabante. La vicenda francescana della beata Angelina dei Conti da Marsciano la si coglie nel monastero di Sant Anna di Foligno in cui, tra l annessa casabottega dell Alunno e i numerosi dipinti, si può vedere una bella raffigurazione di Maria con la sorella Marta dedita alla cucina, testimonianza di quell alternanza di vita attiva e contemplativa che caratterizzò l esperienza cristiana di Francesco d Assisi e che fu recuperata dall Osservanza minoritica che ebbe inizio proprio a Foligno con frate Paoluccio. I luoghi e le testimonianze francescane di Spello, Assisi, Perugia e Gubbio sono abbastanza conosciute; non altrettanto forse la presenza a Città di Castello di santa Veronica Giuliani, rappresentante non solo della mistica cappuccina, ma anche di quel mondo spirituale tanto particolare quanto ricco che è quello dell epoca barocca. E pensare che, secondo quanto scrisse più volte lei stessa nel voluminoso Diario, tutto cominciò mentre da piccola coglieva i fiori in giardino e le si presentò Gesù bambino dicendogli che lui era il fiore più bello: da quell incontro ebbe origine un affezione per il Signore che l accompagnerà per tutta la vita. Molti altri posti si potrebbero aggiungere, ma anche solo questi bastano a testimoniare che l Umbria è una terra particolare segnata da san Benedetto e altri; da cui frate Francesco attinse, ma anche donò un autentica testimonianza di vita secondo il Vangelo. Padre Pietro Messa Ofm

3 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE IN PRIMO PIANO 3 I SINODO SULLA FAMIGLIA. La partecipazione dall Umbria alla veglia di preghiera del 4 ottobre con il Papa, proprio nel giorno della festa di san Francesco Vescovi umbri hanno appena presentato - il 2 ottobre - per bocca di mons. Domenico Sorrentino, vice presidente della Ceu, con i coordinatori delle Commissioni regionali Ceu per l educazione (Annarita Caponera) e per la famiglia e la vita (i coniugi Stefano e Barbara Rossi, e don Fabrizio Crocioni), la Lettera aperta a quanti sono impegnati nel mondo della scuola e il contributo delle famiglie umbre per la Veglia di preghiera con Papa Francesco in piazza San Pietro a Roma alla vigilia della III Assemblea straordinaria del Sinodo dei vescovi (Vaticano, 5-19 ottobre) dedicato a Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell evangelizzazione. Alla veglia, promossa dalla Cei il 4 ottobre, prenderanno parte anche centinaia di famiglie umbre, guidate dai loro vescovi e parroci. Entrambi gli argomenti, scuola e veglia per il Sinodo, sono legati tra loro dalla ricorrenza della festa di san Francesco d Assisi, il 4 ottobre, giorno in cui è tradizione divulgare il documento della Commissione Ceu per l educazione (Cresu) rivolto al mondo scolastico (vedi il testo nell articolo a fondo pagina). Il contributo delle famiglie umbre alla veglia di preghiera con Papa Francesco alla vigilia del Sinodo straordinario dei vescovi dedicato a Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell evangelizzazione è così riassunto dai coniugi Rossi e da don Crocioni: A un anno dalla visita di Papa Francesco ad Assisi, la giornata del 4 ottobre, ancora una volta, si presenta investita di una luce tutta speciale, e non solo per la festa del Poverello d Assisi, tanto cara alla terra umbra. Infatti molte famiglie in questa La Ceu (vedi articolo sopra) ha inviato una Lettera aperta di inizio nuovo anno scolastico a quanti sono impegnati nel mondo della scuola in Umbria. Testo a cura di mons. Domenico Sorrentino e di Annarita Caponera, coordinatrice Cresu. A ll inizio di un nuovo anno scolastico giunga a tutte le componenti della comunità scolastica un cordiale augurio di buon lavoro. L accenno alla comunità nasce spontaneo pensando al proverbio africano citata da Papa Francesco nel suo discorso alla scuola italiana del 10 maggio scorso a Roma: Per educare un figlio ci vuole un villaggio. Il Papa spiegava che l educazione e l apprendimento non sono un fatto individualistico, ma sono un impegno comunitario, a cui concorre una pluralità di esperienze e di Una luce speciale attorno alle famiglie giornata si troveranno a Roma per sostenere l inizio del Sinodo, per uno speciale momento di preghiera accanto al Pontefice. Le famiglie umbre giungeranno a Roma da tutte e otto le diocesi con oltre dieci autobus, per unirsi con gioia a tutti coloro che da ogni parte d Italia si recheranno in piazza San Pietro per l occasione. L Umbria ancora una volta [come ad Una grande sfida a sostegno della bellezza del matrimonio, nonostante le tante fragilità e fatiche di questo momento storico, perché la luce dello Spirito e della fede accompagni la riflessione dei Padri sinodali Assisi nel 2013, ndr] rinnoverà spiritualmente l abbraccio a Papa Francesco nel giorno della festa del suo Santo, e al tempo stesso si unirà alle altre famiglie nell invocazione allo Spirito santo, perché susciti nei Padri sinodali una riflessione profonda sui bisogni della famiglia. Una grande sfida - affermano ancora i responsabili della Commissione famiglia della Ceu - a sostegno della bellezza del matrimonio, nonostante la consapevolezza delle tante fragilità e fatiche di questo momento storico. Ogni famiglia affiderà se stessa e la Chiesa intera all infinita tenerezza di Dio, perché la luce dello Spirito e della fede accompagni la riflessione dei Padri sinodali, guidandoli secondo la via della Misericordia e della Verità che rende liberi. Come regione Umbria, siamo felici che questo momento di preghiera si collochi proprio nel giorno della festa di san Francesco d Assisi, perché, come raccontato nelle Fonti francescane (n. 623) forte era la convinzione del Santo sulla potenza della preghiera come sostegno all unità delle famiglie e alla comunione di coppia. Così, quando una giovane nobildonna gli chiese di pregare perché con il marito potesse trovare unità spirituale nel servire Cristo, il Poverello rispose commosso: Va, figlia benedetta, e sappi che tuo marito in futuro ti sarà di consolazione. E aggiunse: Gli dirai, da parte di Dio e mia, che ora è tempo di salvezza, ma più tardi di giustizia. E la benedisse. La donna se ne tornò a casa e, incontrato il marito, riferì quanto le era stato ordinato. Lo Spirito santo scese improvvisamente su di lui e, trasformatolo da vecchio in uomo nuovo, lo indusse a rispondere con tutta dolcezza: Donna, serviamo il Signore e salviamo le nostre anime qui nella nostra casa. R. L. Lettera della Ceu alla Scuola: serve un villaggio educativo persone. Nell attuale momento storico-sociale, di perdurante crisi economica e di difficoltà a sostenere la motivazione e la speranza delle persone, il valore della solidarietà è da riscoprire. Tanti sono i messaggi che la scuola veicola, ma uno dei più importanti criteri per distinguere un buon processo educativo rispetto a uno meno positivo è lo sviluppo del senso critico. Per chi fa riferimento al tesoro della Parola di Dio, è importante il discernimento, che passa anzitutto attraverso un cuore docile che si lascia ispirare dalla Parola, ma anche attraverso uno studio serio e approfondito. Oggi anche nel mondo della scuola vengono veicolati messaggi, suggestioni, proposte educative che ci fanno domandare: Ma chi è l uomo? Su quali fondamenti costruire il futuro dell umanità? Quali valori contano?. Come cristiani impegnati nella scuola crediamo che, nel rispetto di tutte le persone e di tutte le opzioni culturali e ideali, occorre rendere pubblica testimonianza che sul fondamento della Parola di Dio è possibile costruire un antropologia solida, rispettosa della libertà, propria e altrui, aperta ai valori della pace, della fratellanza, del rispetto del creato, sull esempio di san Francesco e san Benedetto. L auspicio è che questo nuovo anno scolastico veda in atto un rinnovato protagonismo delle famiglie perché cooperino con attenzione all educazione dei propri figli; un rinnovato impegno degli studenti perché capiscano che il loro è il tempo della semina, ma che poi il frutto verrà; una rinnovata sollecitudine dei dirigenti, docenti e personale scolastico affinché non smarriscano la bussola del rispetto per le persone e della consapevolezza che il loro è un servizio educativo per la piena promozione della persona umana, a partire dal sostegno ai più deboli e svantaggiati. Buon anno scolastico e buon lavoro! Per rispondere alle domande sopra evidenziate, anche quest anno la Commissione regionale per l educazione della Ceu proporrà incontri di aggiornamento-formazione nella primavera Tre sono già calendarizzati: Uomo ludens e ludopatie il 27 febbraio; Relazioni umane e relazioni digitali il 13 marzo; Umanodisumano-postumano il 27 marzo. ABAT JOUR A cura di Angelo M. Fanucci Quando anche lui fece la sua Scrivo il 30 settembre 2014, festa di san Girolamo, esattamente a distanza di anni 40 diconsi 40, da quando Era il Per tre anni avevamo vissuto in comunità a Fabriano, un gruppetto di persone valide a condividere non tanto l ideale quanto la vita concreta (compreso il cesso, soprattutto il cesso) di disabili fisicamente anche molto gravi, ma mentalmente validi, a volte pimpanti. Fabriano ci aveva pressoché ignorato, Gubbio ci voleva, e insisteva. Fu così che un gruppetto di noi, il 17 maggio 1974, giorno dopo la festa di sant Ubaldo, si trasferì a Gubbio per insediare una nuova comunità sul monte che nello stemma del Comune di Gubbio ( i cinque monti ) è a destra del monte Ingino: il monte Ansciano. A metà del monte, i Frati minori ci avevano messo a disposizione il vetusto convento di San Girolamo: un mucchio d ossi. Bisognava riparare qualcosina e rifare daccapo tutto il resto. Ma soprattutto non c era acqua: una tragedia per una comunità di disabili. Prelevarla con una tubatura chilometrica che partisse dalla località di Coppo, nell avvallamento tra l Ingino e l Ansciano ci voleva prima una fila di banconote lunga così, poi una fila di tubi da 6 m x 12 cm di diametro lunga più di così. E non ci avevamo un soldo. A questo punto arrivò Elio Cecchetti ( Elio de Barognola ): aitante, giovanile, impolverato dalla visiera del berretto alla punta delle scarpe. Io non lo avevo mai conosciuto di persona. Pensò a tutto lui. Pagò i tubi di tasca sua ( restituzione a babo morto e sepolto ). Mandò sul monte sopra San Girolamo un suo nipote con una ruspetta, la cui benna, inclinata di 45, scavava il tracciato, e dietro venivano i ragazzi del campo, con in testa Raniero Regni e Marco Marchetti, a portar su a spalla quei lunghi tubi che, prima d essere messi a dimora, collegati e incalciati, s impigliavano a ogni momento nella bassa e frastagliata macchia mediterranea. 30 settembre In un tratto del percorso ripido e scoperto, la ruspetta si rovesciò e prese a rotolare verso il cimitero di Gubbio, che l aspettava a gola aperta. Il ruspista ebbe la prontezza di non saltare giù dal mezzo meccanico, ché l avrebbe schiacciato, ma si rannicchiò entro lo spazio del posto di guida. Rotola, rotola... : in quel 1974 qualcuno conservava ancora il 45 giri con Il barattolo di Gianni Meccia. Rotola, rotola, e andò a fermarsi contro l unico albero presente in quella plaga spelacchiata come la testa del Duce. Salimmo con Elio, rincuorammo il ruspista con una fiaschetta di brandy d accatto. Elio mi chiese: Che santo è oggi?. San Girolamo, risposi. Elio: Beh, era ora che facesse qualcosa anche lui!.

4 4 LA VOCE ACCADE IN UMBRIA VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 SetteGIORNI a cura di Enzo Ferrini MAGA NON PREVEDE L ARRIVO DELLA GDF Diceva di potere prevedere il futuro degli altri (a pagamento), ma non aveva visto bene nel suo. Infatti una maga di Passignano sul Trasimeno, che per le sue consulenze telefoniche disponeva di ben tre call center a Perugia, non aveva previsto di essere al centro delle attenzioni della Guardia di finanza. Secondo l accusa, avrebbe emesso fatture false per un milione e mezzo di euro, sottraendo così al fisco euro. Alla maga-imprenditrice sono stati sequestrati un immobile, partecipazioni in varie società e conti correnti con euro. INDAGINE SU IMPRESA E LEGALITÀ Quando i conti non tornano più, per gli imprenditori è facile diventare preda di organizzazioni criminali che hanno tanti soldi sporchi da riciclare. Succede sempre più spesso anche in Umbria, ed è per richiamare l attenzione degli operatori economici su questi pericoli che la Camera di commercio di Perugia ha promosso l indagine Impresa e legalità attraverso un questionario online. Perché - sottolinea l ente camerale - trasparenza e legalità sono le gambe su cui far camminare il nostro Paese, e invece negli ultimi anni abbiamo assistito alla crescita dei fenomeni criminali nel tessuto sociale ed economico dell Umbria. CHIRURGO TERNANO CHIEDE BUSTARELLA Nei momenti del bisogno, è più facile diventare vittime di malintenzionati. Come successo a Terni a una donna che doveva essere operata con urgenza. Un chirurgo dell ospedale le ha proposto una scorciatoia per scavalcare le liste di attesa: pagare euro, 300 come anticipo e il resto a operazione avvenuta. Solo che la polizia, che da tempo monitorava ambulatori e ospedale per certe voci raccolte, ha arrestato il medico mentre riceveva l acconto. La sera stessa il chirurgo però era già libero (il giudice ha applicato le nostre leggi!). Un fatto avvenuto mentre la Regione sta avviando una riorganizzazione della sanità pubblica che - secondo la presidente Catiuscia Marini - porterà a ridurre i tempi di attesa per visite ed esami di laboratorio a un massimo di 30 giorni. COMPLIMENTI PER LA GESTIONE DEL SISMA Nononostante il brutto episodio del medico arrestato, va ricordato però che la sanità pubblica umbra è considerata dal ministero della Sanità un modello di efficienza. Così come la gestione dell emergenza e della ricostruzione dopo il terremoto del Definita eccellente dal direttore del Dipartimento nazionale di protezione civile Franco Gabrielli, intervenuto a Foligno a una cerimonia per l anniversario del sisma. Certo, anche in Umbria, durante e dopo il terremoto, non sempre tutto ha funzionato al meglio; ma se si considera che proprio in questi giorni sono stati consegnati alloggi di edilizia popolare a sfollati del terremoto del Belice del ARRIVANO ANCHE LE VILLE PER CANI Non ci sono case popolari per tutti, ma sarà più facile avere un alloggio adeguato per i nostri cuccioli. Dal Giornale dell Umbria apprendiamo che arrivano le ville per cani. Infatti in Regione si sta discutendo di una norma per realizzare strutture per cani detenuti a scopo amatoriale, ludico e sportivo e senza fini di lucro, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, paesaggistiche, ambientali e sul benessere degli animali. Si potrà costruire una maxi-cuccia fino a 100 metri quadrati di superficie e quasi due metri e mezzo di altezza. La Regione contro il gioco d azzardo P revenire e curare: si muove in queste due direzioni la proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d azzardo patologico approvata dalla terza Commissione del Consiglio regionale, presieduta da Massimo Buconi. Quando il testo sarà approvato, Comuni, autorità di pubblica sicurezza e Aziende sanitarie avranno in mano qualche strumento in più per arginare il diffondersi del gioco d azzardo, per il quale nella sola Umbria, vengono spesi 3 milioni di euro al giorno, certificati dai Monopòli. Cifre che, moltiplicate per 365 giorni l anno, fanno comprendere su quale patrimonio le mafie affondino le mani ha commentato il presidente della Commissione regionale contro la criminalità organizzata e le dipendenze, Paolo Brutti. La proposta di legge prevede l introduzione di un marchio regionale No Slot con incentivazioni che prevedono la riduzione dell aliquota Irap dello 0,92%. Inoltre i locali in cui si trovano apparecchi per il gioco - pur lecito - dovranno sorgere ad almeno 500 metri da scuole e altre strutture aggregative giovanili, e non, e sarà vietata qualsiasi pubblicità di sale giochi. Con sanzioni che vanno da euro fino alla chiusura delle sale da gioco o sigilli agli apparecchi. Tra le misure previste, anche l istituzione di un numero verde regionale per le segnalazioni e le richieste di aiuto, che dovrà essere affisso su ogni apparecchio e nei locali con offerta del gioco; e la promozione della ricerca di soluzioni tecniche per limitare l accesso al gioco dei mi- AFFITTI. La Regione offre contributi alle famiglie con almeno tre figli Èstato pubblicato mercoledì, 1 ottobre, il bando regionale che prevede l integrazione del canone di affitto del proprio alloggio (già individuato o anche da individuare) a favore delle famiglie numerose che, alla data di pubblicazione del bando, siano coniugate o conviventi anagraficamente, i cui componenti abbiano un età inferiore ai 45 anni, o compiano il 45 anno di norenni, oltre al sostegno di gruppi di auto-aiuto per le persone affette da gioco d azzardo patologico e i loro familiari. La proposta di legge presta attenzione anche alla formazione delle persone che possono intervenire nel prevenire gli eccessi del gioco attraverso il riconoscimento delle situazioni di rischio e delle loro dinamiche: può trattarsi di operatori sociali e socio-sanitari, educatori delle scuole e dei centri di aggregazione giovanile, fino ai gestori di sale da gioco. Previsti anche contributi ad associazioni e cooperative sociali che si occupano di ludopatie Vai con... i giri di valzer N on c è niente da fare: politici con estrazione, ideologie e formazione diverse... quando si avvicinano le nuove elezioni regionali, cominciano i giri di valzer. In vista delle regionali del 2015 sono già iniziate le manovre. In genere, uno non si riconosce più nel movimento o nel partito nel quale ha militato fino a qualche giorno prima. In attesa delle decisione del centrosinistra sul candidato - Catiuscia Marini pensa al bis, ma non si registra un consenso granitico c è chi si è già lanciato: il sindaco di Assisi, Claudio Ricci, con il suo movimento Per l Italia popolare, che nelle sue intenzioni punta ad andare oltre i partiti. In Consiglio regionale il Nuovo centrodestra ha perso Maria Rosi, che torna a Forza Italia, ma soprattutto si registra l abbandono il caso più eclatante del consigliere della Lega nord Gianluca Cirignoni, che aderisce al progetto di Ricci. Cirignoni non si riconosce più in una Lega nord che dall avvento della segreteria Maroni in poi, si è progressivamen- Che cosa prevede la proposta di legge per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d azzardo patologico età nel 2014, e che abbiano almeno tre figli, inseriti nel medesimo nucleo familiare anagrafico e fiscalmente a carico, dei quali almeno due minorenni. Il bando, ha spiegato l assessore regionale alle Politiche abitative Stefano Vinti, prevede un sostegno economico consistente in un incentivo pari alla caparra richiesta dal proprietario fino a un massimo di 200 euro, e in un contributo mensile, erogato per un Si vedono gli effetti dell approssimarsi delle elezioni regionali. Ricci è già lanciato, resta in forse la Marini. Intanto si verificano travasi tra i consiglieri regionali periodo di 36 mesi. Il contributo è calcolato in base all incidenza del costo dell affitto sul reddito annuo e può arrivare al massimo fino a 200 euro mensili. Per far fronte a te trasformata in un partito lombardo, incoerente e schizofrenico, con l attuale segretario la cui massima aspirazione è quella di fare il sindaco di Milano. Di fatto si è costituito in Consiglio il gruppo Umbria popolare - Nuovo centrodestra, di cui fanno parte, oltre a Cirignoni, Massimo Monni e Massimo Mantovani, già del Nuovo centrodestra, a sostegno del progetto politico che vede la candidatura di Claudio Ricci alla presidenza della Regione Umbria. Siamo convinti che tale candidatura possa consentire finalmente una reale possibilità di cambiare l Umbria nell interesse dei cittadini, delle imprese, del lavoro, e soprattutto delle nuove generazioni. Cirignoni ha inteso spiegare che la mia adesione al gruppo consiliare Umbria popolare - Nuovo centrodestra è coerente con le mie scelte, prese esclusivamente per il bene dell Umbria e degli umbri, ed è rivolta a sostenere la candidatura a per progetti integrati con i servizi sociosanitari territoriali o promossi dalla Regione stessa. Questo in una logica di collaborazione e integrazione con il Servizio sanitario regionale, il quale introdurrà nei livelli essenziali di assistenza anche le prestazioni relative al gioco d azzardo patologico. Nel testo è poi prevista l istituzione di un Fondo regionale per il contrasto alla dipendenza da gioco d azzardo patologico, che per il 2014 sarà di 60 mila euro. Il testo della proposta di legge è frutto dell unificazione di tre proposte di legge di iniziativa consiliare: la prima redatta da Sandra Monacelli (Udc), la seconda da Oliviero Dottorini (Idv), la terza dai consiglieri Franco Zaffini, Alfredo De Sio, Andrea Lignani Marchesani (FdI) unitamente a Massimo Mantovani, Massimo Monni e Maria Rosi (Ncd), alle quali si è aggiunto il disegno di legge della Giunta regionale. Maria Rita Valli queste situazioni - ha dichiarato l assessore - abbiamo destinato circa euro, prevedendo un sostegno economico all affitto che viene corrisposto per i contratti di locazione stipulati, a decorrere dal 1 gennaio 2012 fino al termine di 180 giorni successivi alla data di approvazione della graduatoria definitiva e regolarmente registrati. Le richieste di contributo potranno essere inviate alla Regione dell Umbria, entro il 31 ottobre, da cittadini che abbiano la residenza o attività lavorativa in regione da almeno ventiquattro mesi consecutivi. Claudio Ricci e Catiuscia Marini governatore dell Umbria di Claudio Ricci. L attuale sindaco di Assisi è un politico con una visione dell Umbria moderna ma legata alle sue radici, e un amministratore capace che si è distinto per aver fatto scelte coraggiose e popolari come l istituzione del Gruppo volontari per la sicurezza che opera ad Assisi sotto il coordinamento del Comando della polizia municipale già dal 2004; per aver allontanato dalla città accattoni e campi nomadi; per aver difeso sempre e strenuamente la famiglia naturale fondata sull unione tra uomo e donna. In Umbria, dopo 40 anni, c è bisogno di cambiare. E questo è il momento giusto. E. Q.

5 VENERDÌ 3 OTTOBRE LA VOCE ACCADE IN UMBRIA Come viene vissuto nella nostra regione il passaggio dei profughi nell ambito dell operazione Mare nostrum IMMIGRAZIONE A nche la nostra regione è diventata una terra di passaggio per le migliaia di disperati sfuggiti alla morte in mare su quei barconi arrugginiti, affollati anche di donne e bambini, che ormai siamo abituati a vedere quasi quotidianamente nelle immagini dei telegiornali. Una tappa dei loro viaggi della speranza che ormai non hanno più come meta l Italia ma altri Paesi, soprattutto del Nord Europa, dove hanno amici e parenti. L Umbria comunque - dice a La Voce la vice presidente della Regione con delega al Welfare, Carla Casciari - si è organizzata per rispondere al meglio all emergenza Mare nostrum, forte anche dell esperienza positiva della gestione dell altra ondata di profughi arrivati dal Nord-Africa tra il 2011 e Ma queste fughe in massa da Paesi poveri e in guerra, anche per il difficile quadro internazionale, quasi sicuramente non si fermeranno, mentre l Italia - ha aggiunto l assessore - non può più reggere da sola il peso di questa situazione, e sconcerta il fatto di un Europa che sembra non volere vedere. Oltre che per la gestione positiva dell accoglienza dei profughi, l Umbria - ha sottolineato Casciari - è considerata un modello di inclusione per la sua politica sull immigrazione, con un percorso di integrazione delle comunità straniere che coinvolge istituzioni, volontariato, associazioni di categoria e cittadini. Una rete di esperienze diverse, con la partecipazione attiva degli immigrati come coprotagonisti. Immigrati che, come ad esempio per il progetto Tra il dire e il fare, frequentano corsi di formazione linguistica e di orientamento civico, mentre i loro figli partecipano ai programmi e progetti di integrazione scolastica finanziati dalla Regione. Nel luglio scorso, poi, la Giunta regionale ha stanziato 250 mila euro per finanziare il programma regionale annuale di iniziative per l immigrazione, che prevede di intensificare e migliorare la qualità dei servizi per l integrazione delle persone immigrate, privilegiando i nuclei familiari stabili sul territorio. Dunque, un buon livello di integrazione - ha proseguito Carla Casciari - confermato anche dalle statistiche che vedono l Umbria tra le prime regioni italiane per la percentuale di bambini stranieri sui banchi di scuola e per il numero di immigrati regolari in rapporto alla popolazione. I nuovi italiani si trovano bene nelle nostre città, non troppo grandi, e cominciano a partecipare alla vita sociale delle comunità dei tanti paesi e paesini della regione, come succede sempre più spesso nelle tante sagre e feste dell Umbria. Anche se - e questo l assessore non lo nasconde - con la difficile situazione economica, le fabbriche che chiudono e con il lavoro che non si trova, aumentano i rischi di una convivenza più difficile. Ci sono poi i tanti fatti di cronaca nera con gli stranieri come protagonisti: spaccio di droga, furti, rapine. Episodi che rischiano di alimentare il timore che sia solo la presenza degli immigrati a turbare e inquinare la vita delle nostre comunità. Ma questi criminali - sottolinea l assessore - sono una piccolissima minoranza in comunità di gente perbene e che lavora. Quando si parlava I progetti umbri promossi dall Ue P rogetti di enti pubblici e associazioni umbre sono finiti in testa alle graduatorie del ministero dell Interno per la ripartizione del Fondo europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi, Tra questi, due progetti del Comune di Perugia: uno per l inclusione dei giovani stranieri e l altro per la formazione del personale della pubblica amministrazione in materia. L Acli provinciale di Perugia realizzerà sportelli anche mobili per l assistenza a nuclei familiari di immigrati. L Asl 1 avvierà un progetto di mediazione sociale, linguistica e interculturale che prevede un assistenza particolare alle neo-mamme straniere. Tra i progetti finanziati, anche quello dell Anci per la costituzione di una rete territoriale che favorisca forme di aggregazione e collaborazione all interno delle comunità straniere, e tra immigrati e cittadini italiani. tanto di Perugia capitale della droga per la presenza di spacciatori nordafricani, la comunità tunisina ha costituito in Umbria l associazione Jasmin. Associazione che ha organizzato iniziative per sensibilizzare tunisini e nordafricani su questi problemi e invitarli a una sorta di sorveglianza sociale nei confronti di connazionali sospetti. Ha però organizzato anche incontri con gli italiani per avviare un dialogo costruttivo. E a proposito della sicurezza - ha detto ancora l assessore -, invito anche gli italiani a questa sorveglianza sociale per segnalare alle forze di polizia persone e situazioni sospette. Perché il problema della sicurezza non può certo essere risolto con qualche pattuglia in più di polizia e carabinieri in giro per le strade. Enzo Ferrini Nella foto grande immigrati a Prugneto nel In piccolo Carla Casciari Creato un Tavolo regionale per gestire l emergenza Alla fine di settembre, l Umbria ospita 508 profughi dell operazione Mare nostrum. Alloggiano in strutture messe a disposizione da Arci, Caritas, Cidis e da altre cooperative e associazioni di volontariato. Di questi, 354 (le donne sono solo 2) sono ospitati in 17 Comuni della provincia di Perugia, e 154 in 6 Comuni di quella di Terni. Tutti molto giovani - ma non minorenni -, provengono in gran parte dall Africa. Ci sono però anche persone fuggite da Pakistan e Bangladesh. Con un ricambio quasi continuo, perché la maggior parte di loro, appena possono, se ne vanno. Dall inizio dell anno ne sono transitati più di un migliaio. I posti disponibili in Umbria sono circa 600 e attualmente non tutti sono occupati. Nel luglio scorso le prefetture di Perugia e Terni avevano emesso un bando, aperto anche a strutture alberghiere private, per ospitare i profughi. Non ci sono privati tra i vincitori del bando che ha assegnato 437 posti in provincia di Perugia e 175 in quella di Terni ad associazioni e cooperative. La gestione dell accoglienza affidata alle sole prefetture - ha detto Carla Casciari - rischiava però di creare disagi e incomprensioni nei territori interessati. Per questo il 9 luglio scorso è stata sottoscritta un intesa tra Governo, Regioni ed enti locali che prevede di costituire Tavoli regionali sulla base della positiva esperienza di accoglienza nell emergenza Nordafrica. Il Tavolo per l Umbria dovrebbe riunirsi all inizio di ottobre, con la partecipazione, oltre che di Comuni e Province, anche di associazioni ed enti privati e pubblici. Si cercherà di ripetere alcune delle positive esperienze avviate in Umbria con i profughi del Nordafrica, come quelle relative al loro inserimento lavorativo e l assistenza medica e legale. Alcuni di loro - ha raccontato l assessore - avevano partecipato come volontari insieme agli italiani alla raccolta delle olive sull isola Polvese ed alla manutenzione di impianti sportivi e aree pubbliche nei Comuni che li ospitavano. Di quel migliaio di profughi africani ospitati in momenti diversi, attualmente ne sono restati solo una decina. Persone con problemi di vario genere (anche di salute) il cui viaggio della speranza è finito nella nostra Umbria. E. F. Per essere informato su ciò che è importante. Per te Se non sei abbonato richiedi 8 copie omaggio. Anche on line. Collegati al sito utilizzando il QR code per conoscerci meglio... Invia i tuoi dati all indirizzo oppure riempi e spedisci il modulo sottostante a La Voce - Abbonamenti Piazza IV Novembre, Perugia. Puoi comunicarceli anche chiamando al numero Sì, desidero ricevere otto copie omaggio del vostro settimanale al seguente indirizzo Le copie omaggio saranno recapitate a partire dal primo numero utile al ricevimento della richiesta DESIDERIAMO INFORMARLA CHE I DATI DA LEI FORNITI SARANNO TRATTATI SECONDO LE INDICAZIONI DEL D.LGS. N. 196 DEL 30 GIUGNO 2003 ( CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI ). PER RICEVERE LINFORMATIVA IN DETTAGLIO PUæ RIVOLGERSI PRESSO GLI UFFICI DEL SETTIMANALE LA VOCE O CONTATTARCI AL NUMERO COGNOME... NOME... VIA e N CITT... CAP... PROVINCIA... TEL/CELL... DIOCESI...

6 6 LA VOCE ACCADE IN UMBRIA VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 IN BREVE CONFINDUSTRIA Master per la comunicazione e promozione sui social network Esperto in comunicazione e promozione sui social network : è il titolo del master presentato martedì 30 settembre durante un workshop formativo condotto Santamicone. Il master partirà a dicembre e sarà realizzato da SFCU Sistemi formativi Confindustria Umbria. Il corso è a numero chiuso (massimo di 20 diplomati e/o laureati in qualsiasi disciplina). Il master è a pagamento, ma grazie al sostegno finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia la quota di iscrizione sarà ridotta del 50%. Il costo di iscrizione, quindi, sarà di euro. Iscrizioni fino al 28 novembre. Bando e info su TERNI E VALNERINA Antropologia del cibo: alimentazione e salute Il 4 e 5 ottobre si svolge in Umbria un congresso sul tema: Antropologia del cibo: alimentazione e salute, Panorama della Valnerina organizzato dall Istituto superiore di ricerca in Medicina tradizionale e antropologia. Le relazioni si svolgeranno all Hotel Michelangelo di Terni il 4, mentre il 5 si farà un Tour enogastronomico in Valnerina. I principi generali su cui è impostato il Congresso sono formulati con le massime: Fa che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il cibo e l altro chi non sa mangiare non sa vivere. Tra i relatori il monaco camaldolese Claudio Ubaldo Cortoni che parlerà su alcuni trattati conservati nell Antica farmacia di Camaldoli e il prof. Salvatore Pezzella, paleografo giornalista ed esperto di piante officinali e di cucina antica che parlerà su Le città della Valnerina, custodi della ricca tradizione gastronomica locale. Il congresso del 4, con inizio alle ore 9.30, è libero. ANZIANI I sindacati presentano la Piattaforma casa per consentire agli anziani di restare nella propria I sindacati dei pensionati di Cgil Cisl e Uil hanno presentato la Piattaforma Casa quale risposta alle crescenti difficoltà dell abitare degli anziani su cui non escludono di aprire una vertenza con la Giunta regionale, l Anci Umbria, comuni capofila ambito sociale e con l Ater. In primo piano le difficoltà affrontate dagli anziani, spesso over 65, nel mantenere la propria abitazione spesso troppo grande ed onerosa per una o due persone, sulla quale alcune grandi agenzie immobiliari speculano invogliando per necessità l anziano alla vendita della nuda proprietà. Per contrastare il fenomeno i sindacati propongono di attivare l Agenzia Casa, detrazioni fiscali sulle tariffe dei servizi, limitare il più possibile la tassazione sugli immobili, ma anche superamento delle barriere architettoniche. UMBRIA - LUSSEMBURGO Unioncamere porta le eccellenze umbre al Salone del made in Italy di Luxespo Unioncamere Umbria ha presentato le eccellenze imprenditoriali della regione a Italia Dimensione 2000, il Salone del Made in Italy in Lussemburgo. La prestigiosa manifestazione si è svolta all interno del grande spazio di Luxexpo dal 26 al 28 settembre. Lo stand di Unioncamere Umbria ha puntato a dare un ampia visibilità all Umbria, attraverso la vendita diretta dei prodotti regionali e tutta una serie di incontri commerciali promossi dalla Camera di Commercio italo lussemburghese. Fa la cosa giusta!. All Umbriafiere di Bastia dal 3 al 5 ottobre Scegli le buone pratiche Manifesti dell iniziativa I l Centro fieristico di Bastia Umbra ospita in questi giorni la prima edizione in centro Italia di Fa la cosa giusta, fiera del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili. Ci sono 10 aree espositive, oltre 170 stand e più di 200 eventi gratuiti e la mostra mercato green con le aziende sostenibili del centro Italia e non solo. Dal 3 al 5 ottobre si snoda un ricco programma di confronti, dibattiti, educazione e didattica, presentazioni, mostre, convegni, cooking show, laboratori pratici, benessere del corpo e della mente, qualità della vita. L evento, organizzato dalla giovane società umbra Fair Lab in collaborazione con Umbriafiere, con il patrocinio dalla Regione Umbria e del Comune di Bastia, coinvolge molte realtà della società civile umbra, con l obiettivo di diffondere buone pratiche di consumo e produzione. Fai la cosa giusta! è nato dall incontro con Terre di mezzo Editore (casa editrice che organizza da 11 anni a Milano l edizione nazionale), e nel comitato promotore annovera associazioni quali Acli, Arci, Cittadinanzattiva, Cgil, Cisl, Uil, Legambiente, Libera, Forum del Terzo settore, Confcooperative, Csi Umbria che, tra l altro, nel suo stand ospita anche il nostro settimanale, e altri. M. R. V. TRA LE NUMEROSE INIZIATIVE SEGNALIAMO: sabato 4 ottobre ore 12.30/13.30 La fotografia come inclusione sociale Incontro a cura del Perugia Social Photo Fest. Ne parlano: Antonello Turchetti, direttore Perugia Social Fest, fotografo professionista e arte terapeuta; Giancarla Uguccioni, fotografa e arte terapeuta (Piazzetta Il Cartonaio) ore 16.30/17.30 La famiglia nella cittadinanza attiva. La crisi, la rete sociale e il welfare integrato: nuova frontiera delle relazioni tra pubblico e privato. A cura delle Acli Umbria e del Forum delle Associazioni Familiari dell Umbria. Intervengono: Santino Scirè, vicepresidente nazionale Acli con delega alla Famiglia; Ernesto Rossi, presidente Forum delle Associazioni Familiari dell Umbria; Barbara Caponnetti; ricercatrice ambito giuslavoristico, Università di Tor Vergata. (Piazzetta Il Cartonaio). ore 18.00/19.00 L informazione libera dalle mafie Vivere e raccontare la quotidianità dell antimafia. In collaborazione con Libera Informazione. Intervengono: Santo Della Volpe, Presidente della Fondazione Libera Informazione; Fabrizio Ricci, Libera Umbria; Giorgio Santelli, Il tennis in giro per l Umbria pro Telethon Come tutti gli anni il Comitato regionale umbro della Federtennis organizza Il Tennis in giro per l Umbria, manifestazione meglio nota come Tennis in piazza. La 16esima edizione farà tappa a Montefalco (9 ottobre, piazza del Comune) e a Bastia Umbra (11 ottobre, piazza Mazzini). La longevità di quest evento è dovuta alla collaborazione con le varie amministrazioni locali coinvolte e con gli istituti scolastici che, da sempre, accolgono favorevolmente questa iniziativa. Slogan della mattinata è Una pallina per una vita. Il Tennis in giro per l Umbria, oltre ad avvicinare giovani allo sport, ha anche una finalità benefica, essendo promosso in sinergia con Telethon. giornalista Domenica 5 ottobre ore Sobrietà, uno stile di vita contemporaneo, intervista a Don Paolo Giulietti, Vescovo Ausiliare di Perugia e Città della Pieve, a cura di Miriam Giovanzana, direttore editoriale Terre di mezzo (Sala Convegni Cesare Pozzo) ore 16.30/17.30 Consumo consapevole - Meglio una vita piena, che piena di cose inutili. A cura delle Acli Umbria e Forum dei Giovani dell Umbria. Ne parlano: Maurizio Pierdomenico, presidente Lega Consumatori Perugia; Gabriele Biccini, portavoce del Forum dei Giovani Umbria (Piazzetta Riuso) ore 18.30/ Riscoprire le Cooperative di Utenza al servizio di una nuova economia Ne parlano: Andrea Fora, Presidente e Lorenzo Mariani, Segretario Regionale di Confcooperative Umbria; Luca Briziarelli, coordinatore Progetto cooperativa di utenza Assicurazioni movimento cooperativo (Assimoco). Con: Franco Civetta, Gruppo Assimoco (Piazzetta Fa la casa giusta!) Ingresso in fiera 3 euro (gratis fino a 14 anni) Per info: I partecipanti e tutti gli spettatori, infatti, offrendo volontariamente 1 euro, avranno diritto ad una pallina da tennis da competizione, con l intero ricavato che sarà devoluto alla Fondazione Telethon. Protagonisti saranno gli alunni delle scuole elementari e medie inferiori (circa 250/300 per ogni tappa), che si alterneranno, dalle ore 9 alle 12.30, su tre mini campi da tennis, sotto la guida di istruttori federali. Al termine delle varie esercitazioni ci saranno gadget per tutti e premi per le classi che si saranno maggiormente distinte. Presenzieranno alla consegna dei riconoscimenti, il presidente del Coni regionale, Domenico Ignozza, il presidente del Comitato regionale della Federtennis, Roberto Carraresi con i suoi consiglieri e il referente BNL per Telethon area Umbria, Paolo Gallina. Michele Mencaroni Lanciata da Eugenio Guarducci l idea di una Laurea in Mobile technology Un Todi Appy Days oltre le aspettative Q uattro giorni dedicati al mondo delle App. Il Todi Appy days ha segnato un punto di svolta nel mondo delle applicazioni per telefoni cellulari e tablet. Più di 160 speaker e oltre 80 incontri dedicati alle moderne tecnologie del mondo mobile. Il primo grande evento italiano che ha richiamato in Umbria professionisti, curiosi ed esperti del settore: un successo sotto ogni aspetto. Molte le persone intervenute da tutta Italia per comprendere un mercato che, cifre alla mano, conta 26 miliardi di euro all anno: il 2% del prodotto interno lordo nazionale. Per tutti e quattro i giorni si è parlato di applicazioni e di come queste possono cambiare il modo di lavorare, studiare e divertirsi. Quattro le aree tematiche: Personal, Business, Enjoy, Life, Tech, Event. Centinaia di programmi in grado di offrire servizi e soluzioni. Applicazioni per la salute, il tempo libero, per imparare le lingue, per la tutela dell ambiente, per la fede, per la cultura e quant altro: non esiste un settore della via privata o professionale che non sia stato convogliato all interno di un App. Fino a qualche anno fa, le applicazioni erano progettate in modo verticale : una persona scaricava un App per informarsi su una cosa o risolvere un problema. Un rapporto uno ad uno. Oggi invece le applicazioni interagiscono tra loro per scambiare dati e contenuti, con un approccio più orizzontale. Molte delle soluzioni presentate, sono pensate in questo senso: scambiarsi informazioni e costruire una comunità di persone. Un esempio pratico è l applicazione presentata da Massimo Cecconi, responsabile del servizio informatico della diocesi di Perugia e Presidente della società informatica H24.it. Diocesi Pg, questo il nome dell App diocesana in grado di fornire informazioni sugli orari delle messe, su dove si trovano le chiese e su come contattare parroci, oltre che a indicare i luoghi di culto con tanto di schede tecniche e foto delle opere d arte. Notizie e approfondimenti sul mondo della App sono pubblicate nel sito In occasione dell evento Eugenio Guarducci, presidente di Sedicieventi, insieme ai rettori delle due Università perugine Moriconi e Paciullo, ha lanciato l idea di isttuire un corso di Laurea dedicato alla Mobile Technologies. Todi Appy Days ha visto nascere anche i primi due specialisti informatici in Mobile application developer, che hanno sostenuto un esame per vedere riconosciute le loro competenze in conformità alla norma Uni 11506: Riccardo Queri e Angelo Iacubino. Andrea Coli Joyrix un App per acquistare il cibo invenduto dei ristoranti R isparmiare, guadagnare e non sprecare cibo. Queste le ambizioni di Joyrix, una neonata applicazione per dispositivi mobili (telefoni cellulari di tipo smartphone e tablet), presentata al Todi Appy Days. Si tratta di un App pensata per combattere lo spreco alimentare. Nasce dall intuizione di un esperto di informatica mentre cenava in un ristorante, consapevole che dopo la chiusura del locale il cibo invenduto sarebbe finito nella spazzatura. Proprio in quell istante è nata l App, sviluppata in sinergia con la società TeamDev di Perugia. Con questa tecnologia un ristoratore è in grado vendere, intorno all orario di chiusura, pietanze a prezzo ridotto. Basterà fargli una foto, pubblicare l annuncio e nel giro di pochi secondi, chi ha installato Joyrix e si trova nei pressi di quel ristorante, vedrà l offerta. Un vero social di prossimità, un pplicazione che unisce persone vicine tra di loro in grado di condividere servizi e contenuti. Joyrix si può installare e usare senza costi: offre a chi vende la possibilità di non gettare più il cibo non venduto ma di venderlo a buon mercato e a chi compra di risparmiare denaro e tempo. Nel grande mercato delle App ci sono diversi progetti dedicati al food waste reduction (riduzione del cibo destinato all immondizia), ognuno con caratteristiche e specifiche diverse: anche le App possono migliorare la qualità della vita. (A. Coli)

7 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE TEOLOGIA IN UMBRIA 7 ITA ASSISI. La proposta formativa dell Istituto teologico per il nuovo anno accademico. I corsi e il progetto pastorale che li sostiene L Istituto teologico di Assisi è un servizio prezioso e costante alla Chiesa umbra. Particolarmente in questi anni, la Chiesa italiana invita sapientemente a una programmazione pastorale che abbia al proprio centro l educazione alla vita buona del Vangelo. Le vie del dialogo, dell ascolto, della prudenza sono particolarmente adatte in un tempo convulso che esige una sempre più sensibile capacità di discernimento. Ebbene, parlare di pastorale, di impegno nelle vita non è altra cosa rispetto allo specifico servizio che l Istituto teologico compie a servizio della Chiesa in questa nostra regione Umbria, ormai da molti anni. Proprio per le mutate condizioni culturali, proprio a causa delle sempre più forti esigenze che oggi si impongono di fronte a crisi continue e ad alcune lancinanti delusioni, tenendo conto delle complesse problematiche in atto nel mondo che cambia, non ci si può affidare a una pastorale dell improvvisazione. Sarebbe altrettanto sbagliato moltiplicare casualmente le iniziative, andando a tentoni alla ricerca di una quadratura pastorale mai soddisfacente. Per bene operare, è necessario bene riflettere, progettare sapientemente. Teologia e pastorale ce lo insegna il Concilio Vaticano II che nella sua espressione dottrinale si è caratterizzato proprio per il desiderio di manifestare la sua specifica indole pastorale non sono disgiunte, ma operano in intima sinergia, al punto di non poter esistere l una senza l altra. Presso l Istituto teologico di Assisi la programmazione accademica è pensata proprio per offrire, a diversi livelli di approfondimento, sia le solide basi necessarie ad alimentare l intelligenza ecclesiale per il tempo presente, sia una continua riflessione per l approfondimento e lo studio della Scrittura e della tradizione della Chiesa, combinando fedeltà e rinnovamento in una sintesi di rara bellezza. L offerta accademica e formativa sono così plasmate in modo da tener conto e delle esigenze specifiche di un sapere ben strutturato in una spiccata prospettiva culturale, e della necessaria fatica di tradurre la dottrina in scelte concrete per la vita della Chiesa contemporanea. Chi studia teologia beneficia di questo duplice sforzo che l Istituto profonde, avendo idealmente due riferimenti: da un lato l insegnamento del Concilio dal quale a cinquant anni di distanza si ha ancora molto da imparare, dall altro avendo presente l invito a Firenze e cioè a sviluppare una riflessione su Gesù Cristo quale fonte del nuovo umanesimo. Corsi e proposte Oltre alle proposte straordinarie che punteggiano il grande quadro dell attività dell Istituto teologico alle quali abbiamo ac- La programmazione accademica è pensata per offrire sia le basi necessarie ad alimentare l intelligenza ecclesiale per il tempo presente, sia una riflessione per l approfondimento e lo studio della Scrittura e della tradizione della Chiesa, combinando fedeltà e rinnovamento Inaugurazione dell anno accademico. Prolusione di mons. Sigismondi D urante lo svolgimento dell anno accademico vi sono momenti di particolare intensità in cui meglio traspare l orientamento che le varie attività stanno seguendo. Riveste particolare importanza nella vita accademica la prolusione inaugurale, pensando alla quale le autorità dell Istituto abitualmente cercano di evidenziare uno specifico valore programmatico. Quest anno, precisamente lunedì 6 ottobre, proprio al cuore dell inaugurazione dell anno accademico, a seguito della solenne concelabrazione eucaristica di apertura presieduta da mons. Giuseppe Piemontese, Vescovo di Terni- Narni-Amelia, che avrà luogo presso la basilica inferiore a partire dalle ore 9, verrà tenuta alle ore da mons. Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno, già docente stabile di Teologia dogmatica presso l Istituto Teologico di Assisi, una lectio sul tema Linee emergenti dell azione pastorale di Papa Francesco nel contesto della riforma nella Chiesa. cennato, vi sono ordinariamente corsi di vario tipo e livello la cui offerta riguarda i temi centrali della Scrittura, della teologia, delle liturgia, della filosofia e via dicendo. Molti studenti scelgono questo percorso di studio. Sempre di più sono i laici che si dedicano alla teologia e molti di più ancora sono coloro che, per varie ragioni e secondo diversi ritmi, si avvalgono come uditori della frequenza di corsi utili a un approfondimento personale e a una introduzione ai temi della fede. Si potrebbe così dire che vi è posto per tutti. Gli uni affrontano il curricolo accademico nelle sua interezza, altri invece saggiano la possibilità di un primo approccio alla cultura teologica, infine vi sono quelli che, nella modalità particolarmente favorevole dell iscrizione come ospiti-uditori, scelgono percorsi personalizzati di approfondimento rispondenti a necessità diverse. Specializzazioni Proprio per raccogliere l eredità lasciata dalla Giornata mondiale di preghiera per la pace, fu attivata presso l Istituto a partire dal 1993 una specializzazione che offre corsi di approfondimento sui temi del dialogo interreligioso, dell annuncio nella prospettiva della nuova evangelizzazione e che al contempo fornisce tutti gli strumenti per conoscere il mondo delle religioni, la loro storia e spiritualità. Nella specializzazione in Teologia fondamentale la trattazione di quelli che potrebbero ben a ragione dirsi temi di frontiera, viene supportata e notevolmente arricchita da riflessioni sistematiche sui fondamenti: rivelazione, fede, tradizione. Per far onore al luogo e alla sua specificità, successivamente è nata nell Istituto anche la specializzazione in Teologia e studi francescani, all interno della cui proposta formativa sono contemplati numerosi corsi utili a conoscere e studiare le Fonti francescane, la storia e il carisma specifico di questo inestimabile tesoro depositato nel cuore della storia della Chiesa dal Poverello di Assisi. Don Romano Piccinelli preside Ita 27 ottobre: lo spirito di Assisi A qualche tempo di distanza dalla solenne inaugurazione e dalla prolusione (vedi articolo a fianco), si avrà un altra iniziativa importante nella quale l Istituto teologico di Assisi collabora con molti altri enti e organismi, nel desiderio di ricordare, celebrare e rinnovare l eredità che Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno lasciato celebrando in Assisi momenti indimenticabili per la storia della Chiesa contemporanea. Per contribuire a far crescere ulteriormente lo spirito di Assisi che invita all incontro e al dialogo, e che intravede nella preghiera la via maestra per una spiritualità delle religioni a sostegno della pace, viene proposta un iniziativa di largo respiro all interno della quale l Ita coglie l opportunità di porgere nel modo che più gli è proprio una riflessione sulla maestosa figura di Abramo, padre nella fede. In un accordo polifonico, saranno fatte risuonare voci diverse. Quella cristiana sarà accompagnata da quelle ebraica e islamica, tutti uniti sotto l esemplarità della figura del patriarca Abramo nella cui fede le diverse tradizioni religiose comunemente si riconoscono. L iniziativa delle conferenze - previste per la mattina del lunedì 27 ottobre presso il Salone papale del Sacro Convento - si incastona nel quadro, in parte inedito, delineato dalla composizione di momenti di preghiera e spiritualità, con la proposta di una mostra d arte interreligiosa. La combinazione di varie iniziative: l una accademica, le altre spirituali e artistiche, in un certo senso fa rammentare l esigenza di una riflessione che nell oggi può solo darsi recuperando la pienezza dell umano anche attraverso la valorizzazione di tutte quelle espressioni che manifestano la trascendenza dell essere creaturale. I corsi della specializzazione in Teologia fondamentale (in corsivo quelli del primo semestre) Identità e compiti della Teologia fondamentale (prof. Piccinelli); Teologia della rivelazione (prof. Dotolo); Credibilità della rivelazione, tradizione, magistero (prof. Testaferri); Teologia della fede (prof. Caponera); Fede/ragione e problema post-moderno (prof. Sciurpa). Due seminari di studio: Il tema della rivelazione di Dio nella creazione, nella teologia ortodossa (prof. Bejan); L iter della Dei Verbum (prof. Testaferri). Due laboratori: su Rahner (prof. Testaferri) e su Bonhoeffer (prof. Angelini). I corsi della specializzazione in Teologia e studi francescani (in corsivo quelli del primo semestre) Introduzione al pensiero francescano (prof. Russo); Storia del francescanesimo - 1 (prof. Pellegrini); Introduzione alle Fonti francescane (prof. Accrocca); I mistici francescani spagnoli del secolo XVI (prof. Spirito); La storia del francescanesimo dal XVI al XX secolo (prof. Autieri); La conversione di Francesco (prof. Maranesi); Il pensiero cristologico di Scoto a confronto con Anselmo (prof. Serafini); L Ofs tra XIX e XX secolo (prof. Asselle); Prospettive formative francescane (prof. Roncalli). Un seminario su La Regola di Francesco (prof. Maranesi). L anno accademico Due laboratori: L Osservanza francescana nella storiografia riformata (prof. Mercuri); Strumenti per lo studio francescano (prof. Paoli). I corsi del primo semestre del quinquennio istituzionale Storia della filosofia antica e medievale (prof. Capitanucci) Storia della filosofia contemporanea (prof. Bianchi) Filosofia della scienza e Logica (proff. Capitanucci - Marcacci) Metafisica e teologia razionale (prof. Russo) Antico Testamento: introduzione (prof. Bruscolotti) Nuovo testamento: Esegesi Vangeli sinottici e Atti (prof. Michelini) Patrologia (prof. Monfrinotti) Teologia fondamentale - 1 (prof. Testaferri) Teologia fondamentale - 2 (prof. Piccinelli) Teologia dogmatica: trinitaria (prof. Segoloni) Teologia dogmatica: Antropologia ed escatologia (prof. Giacometti) Teologia dogmatica: sacramentaria (prof. Maranesi) Teologia spirituale e della vita consacrata (proff. Spirito - Grazioli) Teologia pastorale e catechetica (proff. Spirito - Decesaris) Teologia morale fondamentale (prof. Cappelli) Teologia morale religiosa: le virtù (prof. Maccari) Teologia morale sociale (prof. Vinerba) Storia della Chiesa antica e medievale (proff. Bini - Czortek) Storia della Chiesa moderna e contemporanea (prof. Bini - Tosti) Introduzione alla storia delle religioni (prof. Pucciarini) Liturgia speciale: battesimo, confermazione, Ordine sacro (prof. Viola) Diritto canonico - 1: introduzione e popolo di Dio (prof. Carpita) Psicologia (prof. Michielan) Pedagogia (prof. Cognigni) Ebraico biblico (prof. Pettigiani) Greco biblico propedeutico (prof. Bruscolotti) Latino (prof. Maiarelli) ORARI Le lezioni Ita si svolgono dal lunedì al venerdì, la mattina dalle 8.40 alle e, in alcuni casi, il pomeriggio dalle 15 alle LEZIONI E ISCRIZIONI Le lezioni dell anno accademico cominciano il 7 ottobre. Sono possibili iscrizioni ordinarie e straordinarie fino al 15 ottobre compreso. CONTATTI Istituto teologico di Assisi piazza San Francesco 2, Assisi (Pg) tel mail istitutoteologicoassisi.it; sito

8 8 LA VOCE CHIESA&RELIGIONE VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 BREVI DA S. MARTA Spunti dalle omelie pronunciate da Papa Francesco nella cappella di casa Santa Marta. I testi completi - che contengono riflessioni su un ventaglio di tematiche molto più ampio - si possono trovare sul sito del Vaticano (www.vatican.va), sezione Meditazioni quotidiane. Giovedì 25 settembre La verità finale Quanti cristiani vivono per apparire! ha esclamato il Vescovo di Roma. La vita loro sembra una bolla di sapone che è bella, ha tutti i colori, ma dura un secondo e finisce. Anche quando guardiamo alcuni monumenti funebri, pensiamo che è vanità, perché la verità è tornare alla terra nuda, come diceva il servo di Dio Paolo VI. Ci aspetta la terra nuda: questa è la nostra verità finale. Ma nel frattempo mi vanto, o faccio qualcosa? Faccio del bene? Cerco Dio? Prego?. Si deve puntare alle cose consistenti, mentre la vanità è bugiarda, è fantasiosa, inganna se stessa, inganna il vanitoso: prima [il vanitoso] fa finta di essere, ma alla fine crede di essere quello che dice. Ci crede, poveretto. Dunque pensiamo oggi ai consigli di Gesù di edificare la nostra vita sulla roccia. È Lui la roccia. L unica roccia è Gesù!. Venerdì 26 settembre L identità di Gesù A scanso di equivoci e di messianismi illusori, Cristo soltanto la domenica delle Palme permette che la folla dica, più o meno, la sua identità. Soltanto lì, perché era l inizio del cammino finale. Gesù fa questo per preparare i cuori dei discepoli, i cuori della gente a capire questo mistero di Dio: è tanto l amore di Dio, è tanto brutto il peccato, che lui ci salva così, con questa identità sulla croce. Non si può capire Gesù Cristo redentore senza la croce. Possiamo arrivare fino a pensare che è un gran profeta, fa cose buone, è un santo, ma il Cristo redentore senza la croce non lo si può capire. Tuttavia, i cuori dei discepoli, i cuori della gente non erano preparati per capirlo: non avevano capito le profezie, non avevano capito che lui era proprio l agnello per il sacrificio... La pedagogia di Gesù, anche con noi, è così: passo a passo ci prepara per capirlo bene. Ci prepara anche ad accompagnarlo con le nostre croci nella sua strada verso la redenzione. Ci prepara a essere dei Cirenei per aiutarlo a portare la croce. Tanto che la nostra vita cristiana, senza questo, non è cristiana. Lunedì 29 settembre L Uomo e chi lo odia La lotta contro i piani astuti di distruzione e disumanizzazione portati avanti dal demonio - che presenta le cose come se fossero buone inventando perfino spiegazioni umanistiche - è una realtà quotidiana. Già nell Apocalisse (12,7-12) si parla di gloria, ma come lotta... La lotta fra il demonio e Dio. Per questo, il compito del popolo di Dio è custodire in sé l Uomo: l uomo Gesù. Custodirlo, perché è l Uomo che dà vita a tutti gli uomini, a tutta l umanità. Ciò implica di resistere a Satana, perché tanti, tanti progetti di disumanizzazione dell uomo sono opera di lui, semplicemente perché odia l uomo. Martedì 30 settembre Si prega con la realtà di sé La preghiera della Chiesa si deve elevare per i tanti Gesù sofferenti che sono dappertutto. Papa Francesco ha confidato che nella sua esperienza pastorale tante volte sente persone che stanno vivendo situazioni difficili, dolorose, che hanno perso tanto, o si sentono sole e abbandonate, e vengono a lamentarsi e fanno queste domande: Perché?. Si ribellano contro Dio. La sua risposta è: Continua a pregare così, perché anche questa è una preghiera. Come lo era quella di Gesù quando ha detto al Padre: Perché mi hai abbandonato?, e come quella di Giobbe. Perché pregare è diventare in verità davanti a Dio. Si prega con la realtà. La vera preghiera viene dal cuore, dal momento che uno vive. È la preghiera nei momenti del buio, nei momenti della vita dove non c è speranza e non si vede l orizzonte ; al punto che tante volte si perde la memoria e non abbiamo dove ancorare la nostra speranza. PAPA FRANCESCO. Gli interventi in pubblico nella giornata di domenica 28 settembre Nell incontro tra generazioni D ue figli, il tema dell obbedienza al padre, il momento del pentimento per una risposta forse troppo affrettata, sicuramente sbagliata. È il Vangelo di Matteo e la parabola dei due figli ai quali il padre chiede di andare a lavorare nella vigna. Conosciamo le risposte: Non ne ho voglia il primo, ma poi andrà; Sì, signore, e invece eviterà di entrare nella vigna, il secondo. L evangelista usa due verbi per indicare il cambiamento avvenuto nel primo figlio: pentire e andare, si pentì e vi andò. È l immagine della Chiesa secondo Papa Francesco, dove peccato e conversione hanno cittadinanza. Come il figlio che, pentendosi della prima risposta, vede diversamente le cose: non è più il padrone che chiama a lavorare, ma il padre che invita a collaborare per portare frutti. Torna con forza il tema dell obbedienza, insieme alla volontà di affidarsi totalmente al Padre. E questo anche in tempi di crisi - tempi di tribolazione e di turbamento ha detto Francesco nell omelia pronunciata nella chiesa del Gesù a Roma per i 200 anni della ricostituzione dei Gesuiti - perché la notte e il potere delle tenebre sono sempre vicini e ci si salva con il discernimento della volontà di Dio, perché il Signore anche se siamo uomini di poca fede e peccatori, ci salverà. È lì immagine della barca di Pietro sballottata dalle onde, che Francesco ripropone nella sua omelia alla chiesa del Gesù. Tornano le parole dell umile operaio nella vigna del Signore, Benedetto XVI, che alla fiaccolata dell Azione cattolica per ricordare i 50 anni dall apertura del Concilio, parlava di zizzania PAPA FRANCESCO. Proseguono le catechesi sulla Chiesa Discernere i carismi P apa Francesco all udienza generale di mercoledì in piazza San Pietro ha svolto la sua catechesi sui carismi della Chiesa: Fin dall inizio ha detto - il Signore ha ricolmato la Chiesa dei doni del suo Spirito, rendendola così sempre viva e feconda con i doni dello Spirito santo. Tra questi doni, se ne distinguono alcuni che risultano particolarmente preziosi per l edificazione e il cammino della comunità cristiana: si tratta dei carismi. In questa catechesi - ha proseguito - vogliamo chiederci: che cos è esattamente un carisma? Come possiamo riconoscerlo e accoglierlo? E soprattutto: il fatto che nella Chiesa ci sia una diversità e una molteplicità di carismi va visto in senso positivo, come una cosa bella, oppure come un problema?. Nella prospettiva cristiana - ha spiegato - il carisma è ben più di una qualità personale, di una predisposizione di cui si può essere dotati: il carisma è una grazia, un dono elargito da Dio Padre attraverso l azione dello Spirito santo. Ed è un dono che viene dato a qualcuno non perché sia più bravo degli altri Papa Francesco saluta Benedetto XVI durante l incontro con gli anziani e i nonni del mondo Papa Bergoglio ha celebrato la liturgia in memoria dei 200 anni dalla rinascita dei Gesuiti dopo la soppressione forzata. Poi ha abbracciato il suo predecessore Benedetto XVI nel campo del Signore, di pesci cattivi nella rete di Pietro: Abbiamo visto che la fragilità umana è presente anche nella Chiesa, che la nave della Chiesa sta navigando anche con vento contrario, con tempeste che minacciano la nave. Peccatori, dunque. Ma chi sa di essere un peccatore, sa anche che Dio lo ama. Il Signore non si stanca mai di perdonare, semmai siamo noi che ci stanchiamo di chiedere perdono. Dio è sempre pronto ad accogliere il nostro cambiamento, la conversione. Un genitore sa che non sempre il figlio segue il padre, anzi spesso lo contesta; a maggior ragione il Padre celeste. E quei due figli del padrone della vigna sono un po il termine di paragone di quanti all oggi della conversione - figlio, oggi va a lavorare nella vigna - frappongono un rifiuto temporaneo, e coloro che invece dicono sì per timore del padrone ma poi continuano sulla loro strada, quelli che Francesco chiama cristiani di facciata. In piazza San Pietro il passaggio di testimone tra padri e figli è nella benedizione della lunga vita. Si legge il Vangelo della visita di Maria a Elisabetta: anche qui, giovani e anziani assieme. Perché, come diceva san Giovanni Paolo II e come ha ripetuto Papa Francesco, l uomo che non ha memoria è un uomo che non ha futuro. Visivamente è il passaggio di testimone tra giovani e anziani; non c è futuro senza questo incontro tra generazioni. C è un immagine forte: l abbraccio tra il Vescovo di Roma Francesco e il Papa emerito Benedetto XVI. Un padre, lo aveva definito Francesco parlando con i giornalisti di ritorno da Rio; o perché se lo sia meritato: è un regalo che Dio gli fa perché, con la stessa gratuità e lo stesso amore, lo possa mettere a servizio dell intera comunità, per il bene di tutti... Una cosa importante che va subito sottolineata è il fatto che uno non può capire da solo se ha un carisma, e quale... È all interno della comunità che sbocciano e fioriscono i doni di cui ci ricolma il Padre; ed è in seno alla comunità che si impara a riconoscerli come un segno del Suo amore per tutti i Suoi figli. Ognuno di noi, allora, è bene che si domandi: C è qualche carisma che il Signore ha fatto sorgere in me, nella grazia del suo Spirito, e che i miei fratelli, nella comunità cristiana, hanno riconosciuto e incoraggiato? E come mi comporto io riguardo a questo dono: lo vivo con generosità, mettendolo a servizio di tutti, oppure lo trascuro e finisco per dimenticarmene? O magari diventa in me motivo di orgoglio, tanto da lamentarmi sempre degli altri e da pretendere che nella comunità si faccia a modo mio?. Sono domande che noi dobbiamo fare. L esperienza più bella - ha aggiunto lo ha ripetuto in piazza san Pietro: È come avere il nonno saggio a casa. Nell abbraccio del colonnato berniniano altri 30 mila nonni; tra questi Mubarak e Aneesa, dieci figli, dodici nipoti, scappati da Qaraqosh, dalle violenze degli integralisti del Califfato con i soli abiti che indossavano, e con un desiderio grande: tornare nella loro terra, il Kurdistan iracheno, per ricominciare, per ricostruire nella pace. Torna nelle parole del Papa la cultura dello scarto che emargina giovani, e anziani la cui fragilità li pone fuori da una società dell efficienza. Francesco dice: Se non viene recuperato l incontro, se non si ritrova un equilibrio nuovo, fecondo tra le generazioni, quello che ne deriva è un grave impoverimento per il popolo, e la libertà che predomina nella società è una libertà falsa, che quasi sempre si trasforma in autoritarismo. Un proverbio arabo dice: i giovani hanno la forza per correre, ma gli anziani conoscono la strada. Fabio Zavattaro Bergoglio - è scoprire di quanti carismi diversi e di quanti doni del suo Spirito il Padre ricolma la sua Chiesa! Questo non deve essere visto come un motivo di confusione, di disagio: sono tutti regali che Dio fa alla comunità cristiana, perché possa crescere armoniosa, nella fede e nel Suo amore, come un corpo solo, il Corpo di Cristo. Lo stesso Spirito che dà questa differenza di carismi, fa l unità della Chiesa: lo stesso Spirito. Di fronte a questa molteplicità di carismi, il nostro cuore si deve aprire alla gioia e dobbiamo pensare: Che bella cosa! Tanti doni diversi, perché siamo tutti figli di Dio, e tutti amati in modo unico. Guai, allora, se questi doni diventano motivo di invidia o di divisione, di gelosia!.

9 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE CHIESA&RELIGIONE 9 I DATI ISTAT Matrimoni Al 31 dicembre 2013, l Istat rileva nuclei familiari e convivenze (un insieme di persone coabitanti per ragioni di natura diversa: religione, cura, assistenza, militari, pena e simili) aventi dimora abituale nello stesso Comune. Il numero medio di componenti per famiglia si attesta a 2,34. Rito civile I matrimoni civili, scorrendo i dati dell ultimo censimento Istat sulla popolazione italiana, hanno visto un recupero negli ultimi due anni ( cerimonie), arrivando a rappresentare il 41% del totale a livello nazionale (84.841). Erano il 37% nel Convivenze Attualmente gli sposi al primo matrimonio hanno, in media, quasi 34 anni e le spose quasi 31. L Istat mette in relazione questo dato con la progressiva diffusione delle unioni di fatto, che da circa mezzo milione nel 2007 hanno superato il milione nel Nozze miste Per l Istat, l aumento del numero delle nozze rispetto al 2011 è dovuto alla ripresa dei matrimoni in cui uno o entrambi i coniugi sono di cittadinanza straniera: nel 2012 sono state celebrate nozze di questo tipo (15% del totale), oltre in più rispetto al I matrimoni misti, con un coniuge italiano e l altro straniero, rappresentano la tipologia prevalente (68%) dei matrimoni con almeno uno sposo straniero. Rito cattolico Le nozze celebrate con rito religioso sono state Un numero in calo di 33 mila unità negli ultimi 4 anni. Ma il dato differisce in modo considerevole da quello riportato nell ultima edizione dell Annuarium statisticum Ecclesiae che, per lo stesso anno, censisce matrimoni tra cattolici e tra cattolici e non. Totale: matrimoni celebrati secondo il rito cattolico. L Italia si pone così al secondo posto in Europa, dietro alla Polonia ( ) e davanti a Francia (71.019), Spagna (69.275), Germania (46.170) e Ucraina (18.507). Il numero complessivo di matrimoni tra cattolici o tra cattolici e non, celebrati in tutta Europa nel corso del 2012, ammonta a VERSO IL SINODO. Il card. Baldisseri, segretario generale del Sinodo, a proposito dei temi che rimbalzano sui mass media Famiglia: soluzioni costruttive O rmai imminente l apertura della III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi, sul tema Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell evangelizzazione (Vaticano, 5-19 ottobre). Per il 4 ottobre la Chiesa italiana ha organizzato un incontro di preghiera in piazza San Pietro dalle ore 18 alle 19.30, al quale parteciperanno anche gruppi delle diocesi umbre. Questi mesi preparatori sono stati ricchi di dibattiti e approfondimenti. Facciamo il punto con il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi. Con che stato d animo accostarsi al Sinodo? Con animo sereno, ponderazione e calma. Capisco che gli animi si accendano alla vigilia dell evento, specialmente su certi argomenti che i media enfatizzano, a cui alcuni ecclesiastici hanno prestato il fianco. Esprimere le proprie opinioni è positivo, basta che lo si faccia con civiltà e senso costruttivo. Se si vogliono dare risposte adeguate, occorre costruirle nel confronto e nella buona volontà di fare passi avanti per trovare soluzioni nella verità e nella carità. Mi chiedo perché non parlare anche della poligamia, dei matrimoni combinati, dei matrimoni misti, delle povertà di ogni tipo che creano spesso le condizioni per separazioni, divorzi, fallimenti. Questi e molti altri saranno i temi discussi nel Sinodo, e soprattutto quello di trovare il linguaggio giusto per trasmettere ai giovani la bellezza del Vangelo della famiglia. Cosa si sente di dire a chi non è addentro ai lavori ma guarda con ansia e speranza a questo appuntamento? Che tutto questo non è e non deve essere un mezzo per creare confusione. Quando si dibatte su certi temi, anche sensibili, lo scopo è mettere sul tappeto il tema e lasciare che ciascuno opini e si esprima secondo le sue conoscenze e convinzioni. È stato ripetuto sovente che l insegnamento della Chiesa su matrimonio e Se si vogliono dare risposte adeguate, occorre costruirle nel confronto, per trovare soluzioni nella verità e nella carità. Perché non parlare anche della poligamia, dei matrimoni combinati, dei matrimoni misti, delle povertà di ogni tipo che creano spesso le condizioni per separazioni, divorzi, fallimenti? PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA Gesù, Maria e Giuseppe, a voi, santa Famiglia di Nazareth, oggi volgiamo lo sguardo con ammirazione e confidenza; in voi contempliamo la bellezza della comunione nell amore vero; a voi raccomandiamo tutte le nostre famiglie, perché si rinnovino in esse le meraviglie della grazia. Santa Famiglia di Nazareth, scuola attraente del santo Vangelo: insegnaci a imitare le tue virtù con una saggia disciplina spirituale, donaci lo sguardo limpido che sa riconoscere l opera della Provvidenza nelle realtà quotidiane della vita. Santa Famiglia di Nazareth, custode fedele del mistero della salvezza: fa rinascere in noi la stima del silenzio, rendi le nostre famiglie cenacoli di preghiera e trasformale in piccole Chiese domestiche, rinnova il desiderio della santità, sostieni la nobile fatica del lavoro, dell educazione, dell ascolto, della reciproca comprensione e del perdono. Santa Famiglia di Nazareth, ridesta nella nostra società la consapevolezza del carattere sacro e inviolabile della famiglia, bene inestimabile e insostituibile. Ogni famiglia sia dimora accogliente di bontà e di pace per i bambini e per gli anziani, per chi è malato e solo, per chi è povero e bisognoso. Gesù, Maria e Giuseppe, voi con fiducia preghiamo, a voi con gioia ci affidiamo. Papa Francesco 27 ottobre 2013, omelia della messa per la Giornata della famiglia, nell Anno della fede famiglia si trova affermato e descritto in documenti ufficiali, magisteriali. La misericordia e il perdono sono centrali nella dottrina della Chiesa e sono spesso richiamati da Papa Francesco come una verità che deve accompagnare in tutte le circostanze e i contesti la vita dell uomo. Il non possumus e la oikonomia sono affermazioni e concetti che fanno parte del dibattito, pongono questioni serie degne di attenzione e di rispetto, e aiutano a far riflettere e approfondire la materia. Discussione aperta e confronto reale durante i lavori: sarà effettivamente così? Papa Francesco in numerose occasioni ha ha fatto capire che è importante esprimersi senza paure e sospetti. La fede è vissuta e s incarna in persone concrete; lo sforzo della Chiesa e degli operatori pastorali è porgerla nella sua interezza alla portata della gente, con semplicità e onestà. Il sentirsi liberi di esprimere ciò a cui si crede o ciò di cui si dubita mostra la qualità dell uomo, che lo distingue da altre creature e lo rende responsabile davanti a Dio e agli uomini. La discussione, allora, nel Sinodo sarà aperta, vi sarà confronto: i partecipanti, nelle diverse loro funzioni, sono chiamati a far primeggiare non il proprio interesse o punto di vista, ma a cercare la verità, che non è un concetto astratto, frutto della speculazione filosofica o teologica, ma la persona di Cristo, Uomo-Dio. Da lì bisogna partire. Il primo evangelizzatore è stato Gesù, che è sceso nelle strade e si è fatto conoscere con la parola e con i segni e, in definitiva, con la sua testimonianza di vita. L Assemblea non si chiuderà a ottobre ma, con una decisione senza precedenti, verrà protratta in successive tappe. Come a dire che la sinodalità non accelera le decisioni, ma le fa maturare. Proprio così! La decisione del Santo Padre di indire un assemblea sinodale che si svolgerà in due tappe indica la volontà di identificare la sinodalità per quello che è, cioè un cammino insieme, che prevede riflessioni, pause, riprese e via dicendo, fino ad arrivare alla meta; tutto questo è compiuto non attraverso il lavoro di solitari, da piccoli gruppi di persone o Commissioni, ma attraverso il coinvolgimento del popolo di Dio intero. Lo abbiamo già visto con il documento preparatorio che ha diffuso il questionario, al quale hanno risposto un enorme numero di persone e istituzioni. Il Sinodo è un assemblea di vescovi e di altri aventi diritto, ma si muove con la partecipazione di tutta la Chiesa. Tra i partecipanti all Assemblea figurano anche 13 coppie di coniugi. QUALCHE DATO P L apertura del Sinodo dei vescovi il 26 ottobre 2008 nella basilica di San Pietro, in Vaticano apa Francesco ha convocato un Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi sul tema Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell evangelizzazione. È la terza assemblea straordinaria da quando è stata istituita questa modalità nel Vi partecipano 253 persone, ossia: 114 presidenti delle Conferenze episcopali, 13 capi delle Chiese cattoliche orientali sui iuris, 25 capi dicastero della Curia romana, 9 membri del Consiglio ordinario di segreteria, 3 religiosi (eletti dall Unione superiori generali), 26 membri di nomina pontificia, 8 delegati fraterni, 38 uditori, tra cui 13 coppie di sposi, 16 esperti. Sì, tredici coppie di coniugi provenienti dai cinque Continenti e anche da zone di guerra. La loro presenza, in primo luogo, è una testimonianza di vita vissuta, da offrire all attenzione di tutti come una bella esperienza di fede, componente essenziale per una buona riuscita di un matrimonio e di una famiglia. Questo nella varietà delle culture e delle tradizioni in tutto il mondo: non c è geografia, storia, o letteratura e scienza che non trattino del matrimonio e della famiglia come espressione fondamentale della società e, per il cristiano, una Chiesa domestica che vi s incarna, in forza del battesimo. Riguardo alla nuova metodologia interna dei lavori, può anticipare qualcosa? Durante i lavori sinodali sarà seguito il regolamento in vigore del Sinodo dei vescovi, che si chiama ordo Synodi episcoporum. Tuttavia, per il fatto che il tema scelto per l Assemblea si svolgerà in due tappe, nella preparazione come anche nello svolgimento dei lavori si darà attenzione particolare all aspetto dinamico e partecipativo. Gli interventi dei partecipanti saranno inviati in anticipo alla Segreteria generale per organizzare l ordine delle sessioni, che è tematico. Durante le sessioni interverrà una coppia di sposi per comunicare la propria testimonianza. Alla fine della giornata vi sarà l ora di discussione libera. L informazione sarà maggiormente curata e resa immediata e rapida. Si preferisce utilizzare ampiamente briefing e Twitter piuttosto che il testo sintetico, spesso modificato a voce in aula, ed è prevista anche la partecipazione di padri sinodali invitati, che daranno un volto agli interventi. Le relazioni generali pronunciate nei momenti stabiliti dal calendario del Sinodo saranno a disposizione nelle diverse lingue e offriranno il contenuto dei lavori dell Assemblea. Come si concluderà il Sinodo? Vi saranno un Messaggio al popolo di Dio e un documento detto sinodale, che sostituirà le propositiones. Il documento, approvato dall Assemblea, sarà consegnato nelle mani del Santo Padre che ne disporrà a suo piacimento, e sarà la base dell Instrumentum laboris del Sinodo del Vincenzo Corrado

10 10 LA VOCE CHIESA&RELIGIONE VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 CHIESA UMBRA. I temi dell ultima riunione della Ceu. Nasce una Consulta permanente composta dai Vescovi e dai coordinatori delle Commissioni regionali Da sinistra i vescovi Cancian,Tuzia, Giulietti, Piemontese,Bassetti, Ceccobelli, Sorrentino,Boccardo,Sigismondi Otto diocesi, una comune linea pastorale I l vantaggio di essere una piccola regione è soprattutto di poter collaborare insieme, avviando linee pastorali che ci accomunano sempre più. Così ha introdotto il discorso il card. Gualtiero Bassetti, presidente della Ceu, nel corso della riunione dei Vescovi umbri che si è svolta il 26 settembre ad Assisi presso il Seminario regionale; vi hanno partecipato anche i coordinatori delle varie Commissioni regionali. La scorsa primavera sono state ridisegnate sei macro-aree pastorali le quali, ha annunciato Bassetti, si coordineranno tra loro anche attraverso una Consulta permanente composta dai Vescovi e dai coordinatori di ciascuna delle Commissioni regionali di cui si compongono le sei aree pastorali. Mons. Domenico Sorrentino, vice presidente della Ceu, ha indicato alcuni spunti per una migliore collaborazione pastorale tra le diocesi umbre facendo leva sui principi della comunione e della sussidiarietà. La Ceu, nel suo insieme (comprese le Commissioni ed altri enti), ha detto Sorrentino, è lo strumento privilegiato per tale esperienza di comunione e sussidiarietà, svolgendo una funzione di osservatorio della situazione socio-religiosa della regione, e favorendo la condivisione di esperienze e la colla- borazione. La Consulta permanente - ha spiegato - dovrà tenersi almeno un paio di volte all anno, in modo da poter realizzare un proficuo incontro periodico su punti di interesse comune a livello regionale, per evitare di procedere solo tallonati dalle emergenze, e ha delineato quattro punti di criticità che costituiscono sfide comuni e suggeriscono l urgenza di percorsi ispirati a comunione e sussidiarietà a livello regionale. La Consulta si occuperà in particolare di nuova evangelizzazione, problemi della famiglia e della parrocchia, emergenze sul piano della carità, il pianeta giovani Questi i punti indicati dal Vescovo di Assisi: 1) crisi di senso e valori, sfida della nuova evangelizzazione; 2) crisi di relazioni (crisi della famiglia, fatiche delle comunità parrocchiali, ecc.): sfida di una pastorale di comunione; 3) crisi della solidarietà: la sfida della carità; 4) crisi di speranza: la sfida di ideare il futuro, il pianeta giovani. Affrontare queste criticità, ha aggiunto Sorrentino, significa rispondere anche a dei quesiti fondamentali: cosa possiamo fare per incrementare l incisività della nostra presenza evangelizzante a livello regionale? A che punto siamo con il rinnovamento della catechesi? Come rendere più funzionante la comunicazione a livello regionale? Per quanto riguarda i media ecclesiali, mons. Renato Boccardo, delegato Ceu per le comunicazioni sociali, ha detto: C è la necessità di utilizzare al meglio questa ricchezza [dei mass media cattolici, ndr] per rendere presente il messaggio della Chiesa nella società contemporanea. A questo fine i Vescovi hanno affidato alla Commissione regionale per le comunicazioni sociali il compito di svolgere innanzitutto un monitoraggio sui mezzi esistenti, di esaminare come meglio coordinare le diverse iniziative di comunicazione, e di formulare proposte concrete ai Vescovi in vista di una migliore organizzazione e di una più efficace presenza dei mezzi di comunicazione ecclesiali nella società contemporanea. Sempre riguardo all attività delle Commissioni regionali in vista dell avvio della Consulta permanente, è emersa l urgenza di dare più efficacia alla nostra presenza pastorale - ha sottolineato mons. Sorrentino - sul versante del sostegno alla famiglia e della presenza culturale sui punti caldi della crisi etica che riguarda insieme la famiglia e la vita. Occorre dare nuova spinta al rinnovamento delle parrocchie tenendo presenti le indicazioni della Evangelii gaudium e rimeditando il suggerimento ancora attuale di Chrisfideles laici (1988) n. 26: maggiore partecipazione dei laici, collaborazione tra parrocchie (Unità pastorali) e promozione della vitalità delle parrocchie attraverso le piccole comunità. È certamente necessario, inoltre, prestare ogni attenzione alla situazione esistenziale del clero, alla formazione dei futuri presbiteri e diaconi, all intesa pastorale tra clero, religiosi e laici. Altro tema trattato è stato quello della carità in rapporto alla attuale crisi. La nostra regione - ha dichiarato Sorrentino - si è distinta in questi anni per la sua iniziativa a livello di carità con le sue opere di ascolto e accoglienza, e con il Fondo di solidarietà per le famiglie in difficoltà a causa della perdita del posto di lavoro. Per i Vescovi umbri, i giovani sono indubbiamente la risorsa su cui investire di più e meglio. Da qui le domande: Che cosa possiamo fare di più sul versante che maggiormente li riguarda, ossia i tre ambiti della pastorale giovanile, vocazionale ed educativo-scolastica? Quali iniziative e collaborazioni sono auspicabili e realisticamente praticabili?. Sono state indicate anche alcune iniziative di prossima realizzazione che riguardano la Caritas regionale e per le missioni (basti pensare all ottobre missionario) che vedano un maggiore coinvolgimento dei giovani attraverso le Pastorali giovanile, vocazionale, scolastica, familiare e il Coordinamento regionale oratori. La Caritas Umbria ha organizzato un incontro allargato alle altre Commissioni Ceu per il prossimo 29 novembre, in cui illustrerà le attività caritative che vedranno un maggiore coinvolgimento delle singole Caritas diocesane. La Commissione per la famiglia promuoverà quest anno la Festa della famiglia, il 28 dicembre, a livello regionale. Su suggerimento del card. Bassetti, redigerà un documento/contributo al Sinodo straordinario indetto da Papa Francesco, che vedrà centinaia di famiglie umbre alla manifesazione nazionale in piazza San Pietro il 4 ottobre. La Commissione per l educazione e la scuola ha appena presentato (2 ottobre) la lettera per l inizio del nuovo anno scolastico, e le iniziative 2015 rivolte a quanti sono impegnati nel mondo della scuola. R. L. L 11 ottobre il convegno regionale dell Apostolato della preghiera Riascolta trasmissioni e speciali. Quando vuoi e dove vuoi. Scegli il podcast e play! O gni anno, l Apostolato della preghiera organizza il Convegno regionale con pellegrinaggio presso un santuario umbro: l evento della beatificazione di Madre Speranza è stato quest anno un motivo in più per scegliere Collevalenza e il suo santuario. Sabato 11 ottobre: una giornata intera di ritiro per riflettere sulle virtù eroiche e l operato di Madre Speranza, di santa Margherita M. Alacoque, di suor Faustina Kowalska, le tre donne che Gesù si è scelto per la diffusione del culto al suo divin Cuore. Padre Camillo Corbetta, promotore regionale dell Umbria, aprirà il convegno con la recita delle lodi (ore 9) e presenterà il tema: Un canto a tre voci sulla divina misericordia. Alla giornalista Marina Berardi, direttore responsabile del mensile del santuario, è affidato il primo intervento sulla santità e sui carismi di Madre Speranza (ore ). A padre Camillo il secondo intervento, nel pomeriggio (ore 15-16), su santa Margheria M. Alacoque: il canto specifico della divina misericordia. Santa Faustina, il filo rosso che lega le tre mistiche. Seguirà la celebrazione della messa (ore 16.30) che concluderà la giornata di spiritualità. Una opportunità, il convegno, per approfondire la conoscenza di queste tre donne, apostole della Divina Misericordia, oggi assolutamente necessaria. Molte cose vanno riviste in questa luce. Molte convinzioni vanno rivedute. Dio è un Padre e non un giudice - sentiamo continuamente affermare da Padre Il santuario di Collevalenza Camillo nei convegni diocesani. - Dio non tiene in conto le miserie degli uomini, le dimentica e le perdona. Con questo spirito l Adp dell Umbria si appresta a vivere la giornata dell 11 ottobre a Collevalenza. Sicuramente una ricarica spirituale. Angelina Gravina

11 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE 11 CSI UMBRIA. Parte il nuovo progetto per venire incontro alle difficoltà economiche Lo sport è uguale per tutti C on il presidente regionale del Csi, Carlo Moretti, parliamo del nuovo progetto Lo sport uguale per tutti. Prima di tutto - afferma - devo dire che lo sport è inteso come gioco, e quindi al tempo stesso uno svago ma anche un momento di sviluppo per l ingegno e le forze fisiche. L idea nasce dal semplice osservare ciò che ci succede intorno: tanti ragazzi abbandonano lo sport perché i genitori non riescono a pagare le quote alle società sportive; nelle parrocchie e negli oratori l attività sportiva diminuisce, o addirittura scompare, per la mancanza di chi se ne occupi direttamente. I ragazzi crescono con una visione distorta dello sport - si pensi al doping e all ottenere il successo a tutti i costi, - che influenza i comportamenti e le relazioni nella vita di tutti i giorni. Ci sono ragazzi che riescono a praticare lo sport di serie A e ragazzi che sono costretti allo sport di serie Z, e costretti molto spesso a vivere lo sport indirettamente, solo attraverso i videogiochi. L area d intervento e al tempo stesso le finalità del progetto sono molteplici - aggiunge. - Partendo dalle più semplici a quelle più complesse, abbiamo: - fornire attrezzature di base a quelle società sportive, parrocchie, oratori, scuole, squadre amatoriali che ne sono sprovviste, e in questo momento di crisi non riescono ad acquistare; - riuscire a formare ragazzi che poi possano fare da animatori nelle parrocchie e oratori affiancando i parroci - sempre più oberati di impegni - e permettendo lo svolgimento delle attività sportive; - creare un Prontosport, un 118 dello sport a disposizione di scuole, parrocchie, Comuni, ecc. per far riscoprire il gioco e lo sport nelle scuole, oratori e nelle piazze di ogni città. Tanta carne al fuoco! Quali i tempi di realizzo, e soprattutto dove reperire le risorse economiche? Lo sport uguale per tutti non ha SOLIDARIETÀ. Parlano i ragazzi di ritorno dalla missione a Haiti Questa estate una delegazione del Csi è andata a Haiti con 40 giovani delle società sportive arancioblu per dare vita al nono capitolo della missione Il Csi per Haiti. Ciò che non tutti sanno, e forse nemmeno possono immaginare, è cosa si prova a vivere un esperienza del genere, tanto forte da cambiarti la vita. Ci si può fare un idea andando alla pagina facebook Csiperhaiti, dove si trova il diario di viaggio di questa esperienza, con le testimonianze dei nostri ragazzi. Vale la pena leggerle, farle girare all interno delle società sportive. L essenziale è invisibile agli occhi: Haiti è stato un qualcosa di straordinario, fuori da ogni logica e da ogni di- Carlo Moretti, presidente regionale del Csi scadenza, ma parte subito! Innanzitutto con un analisi del territorio, con l individuazione dei luoghi dove esistono problematiche connesse allo sport e al gioco; dopodiché si analizzeranno le necessità e i possibili interventi. Sia chiaro che il progetto non vuole essere di mera sussistenza, ma vuole fare sì che ci sia un coinvolgimento dei ragazzi locali, che piano piano diventino autosufficienti e siano gli artefici del loro futuro. Le risorse economiche sono un grande punto interrogativo: vogliamo inaugurare una nuova linea e modo di fare. Partiremo con quello che abbiamo; una volta che il progetto inizi a dare risultati, solo allora andremo a presentarlo al Coni, ai Comuni, Province e Regione, presentando nero su bianco i primi risultati, e chiedendo contributi. Il progetto, come detto, parte subito: la data ufficiale è il 4 ottobre, san Francesco! Con lui condividiamo - con il dovuto rispetto - la volontà di andare verso chi ha bisogno. Il Csi metterà quello che può. A questo proposito, vorrei fare un appello a tutti coloro che mensione spazio-tempo. Ormai è trascorso qualche giorno da quando siamo tornati alla nostra quotidianità, ed è bellissimo vedere come tutto abbia assunto un sapore diverso. Ciascuno di noi è partito con delle domande, con la propria vita alle spalle, con un bagaglio di dubbi e paure. Haiti ti travolge e ti stravolge, ti porta ad interrogarti profondamente sul valore delle cose e dell esistenza intera. Haiti cambia la prospettiva da cui guardi il mondo, ti dona occhi, mani e un cuore diverso. Ti fa capire quali siano le cose importanti della vita, e che per essere felici basta spogliarsi di se stessi e riscoprire l essenziale, perché l essenziale è invisibile agli occhi, non lo vedi che con il cuore. Per continuare a leggere i racconti di questi ragazzi visitate la pagina facebook Csiperhaiti. Come contribuire P er contribuire al progetto Lo sport uguale per tutti si può fare un versamento sul c/c IT 42 C intestato al Csi comitato regionale Umbria presso Unicredit, filiale di Santa Lucia, scrivendo sulla causale Progetto Lo sport uguale per tutti. Oppure lasciare un offerta nel nostro stand allestito alla fiera Fa la cosa giusta nei giorni 3-5 ottobre a Bastia Umbra. Oppure destinando il 5 per mille a Sussidia, riportando il codice nei moduli della dichiarazione dei redditi. amano il prossimo, a tutti coloro che vedono nello sport e quindi nel gioco un elemento di crescita per giovani ma anche per gli adulti: vi chiedo di contribuire versando un euro (o quanto volete). La moneta da un euro per noi simboleggia l uno, il singolo che da solo conta poco, ma tanti uno fanno una squadra, fanno il gioco e lo sport. Vi chiedo di entrare in questa grande squadra e di condividere il progetto. Ci sono associazioni o enti che condividono con voi questo progetto? È possibile per altri aderire? Al nostro fianco abbiamo Sussidia, un associazione della quale il Csi Umbria fa già parte in quanto fondatori sono lo stesso Csi Umbria, accanto alle Acli - provincia di Perugia e all Azione cattolica della diocesi di Perugia. Sussidia nasce con l intento di mettere a frutto i proventi della raccolta del 5 per mille sul nostro territorio e farli divenire buone prassi, aiutando chi è in difficoltà. Saremmo ben lieti di avere enti, federazioni, società che vogliano aderire al nostro progetto. Più siamo, più riusciremo a fare!. BREVI DAL CSI CONVEGNO Sport, doping e salute Si tiene oggi, venerdì 3 ottobre alle ore all Umbriafiere di Bastia Umbra il convegno Csi Umbria Quando si sceglie davvero? Sport, doping e salute. Il convegno è inserito all interno della manifestazione Fa la cosa giusta. Saranno affrontate varie tematiche: le origini del doping, il doping nell era moderna; si parlerà della situazione doping a livello amatoriale, ma si parlerà anche di prevenzione nel contesto scolastico e all interno delle società sportive, e di promozione di stili di vita sportivi sani e vincenti. SPORT PARALIMPICI Incontro con il Papa Sabato mattina, Papa Francesco incontrerà tutto il mondo paralimpico. In aula Paolo VI si riunirà tutta la famiglia del Cip per fare festa insieme al Papa nell iniziativa Believe to Be Alive. Venerdì sera è prevista una cena ufficiale. Sabato mattina l incontro con il Papa e, a seguire, l attività sportiva in via della Conciliazione. MEETING Associativo ad Assisi Francesco, va e ripara la mia casa è il titolo di Assisi 2014, il tradizionale meeting associativo ispirato alla figura di san Francesco, in calendario dal 5 al 7 dicembre. La sede dei lavori sarà, al solito, la Domus Pacis a S. Maria degli Angeli. Sono aperte le iscrizioni alla tre giorni ciessina che, meditando sulla figura del Santo di Assisi, proporrà spunti di riflessione sull essere Csi e l essere associazione di ispirazione cristiana. Il sabato in programma la visita ai luoghi di Francesco. Messa serale in basilica. A impreziosire il meeting, attesi gli interventi dell arcivescovo di Chieti-Vasto mons. Bruno Forte e del nuovo presidente dell Azione cattolica, Matteo Trufelli. Per iscriversi: CSI - RADIO Collaborazione con InBlu Appuntamento radiofonico il lunedì mattina con lo sport del Csi all interno della trasmissione radiofonica curata da Ugo Scali e Andrea Domaschio. Radio InBlu apre dal mese di ottobre una finestra con collegamenti e interviste sugli argomenti e le iniziative legate al Csi. Una bella occasione per far sentire, attraverso le radio della Chiesa (trovate le frequenze per zona geografica su la voce del Centro sportivo italiano. PAPA - 7 GIUGNO Disponibile nuovo video È disponibile un nuovo video sull incontro con Papa Francesco del 7 giugno scorso. Si aggiunge a quelli che era già possibile trovare nella sezione del sito dedicata ai video e alle fotografie di quella storica giornata. PAGINA A CURA DI Il Centro sportivo italiano è un ente di promozione sportiva di ispirazione cristiana che promuove lo sport come momento di educazione, di crescita, di impegno e di aggregazione sociale, ispirandosi alla visione cristiana dell uomo e della storia nel servizio alle persone e al territorio. Il CSI risponde ad una domanda di sport non solo numerica ma qualificata sul piano culturale, umano e sociale. Da sempre i giovani costituiscono il suo principale punto di riferimento. Contatti: I La Convention di presentazione del Csi Perugia l 21 settembre, all interno del Villaggio dello sport Happy Meal Sport Camp realizzato in piazza IV Novembre a Perugia, si è svolta la Convention di presentazione del Csi - comitato di Perugia. Il presidente del Csi Claudio Banditelli, insieme a tutto il suo staff dirigenziale, ha descritto tutte le attività che vedranno come sempre il Centro sportivo italiano - comitato di Perugia in prima linea. La serata ha avuto un ottimo successo, e la sala del Dottorato all interno del chiostro di San Lorenzo, luogo della manifestazion, era gremita. È stato bellissimo vedere il sorriso sui volti dei bambini che, dopo una un pomeriggio trascorso in piazza a giocare, se ne tornavano sudati ma felici a casa : questo uno dei commenti espressi durante la serata dal presidente Banditelli. E parlando del Villaggio dello sport: Devo ringraziare l Amministrazione comunale ha proseguito che ci ha sopportato nell organizzare di questo bellissimo evento. È stata sicuramente una giornata lunga e impegnativa, ma ripagata ampiamente dai sorrisi e dal divertimento stampato sul volto dei bambini presenti. Mi preme ringraziare tutti i collaboratori e gli animatori che fanno parte di questa nostra grande associazione, e tutti i ragazzi dello staff McDonald e i collaboratori del Csi nazionale, in particolar modo Maurizio Caterina e Sara Chiostro, che ci hanno magistralmente supportato nell iniziativa. Interessanti anche gli interventi degli altri ospiti intervenuti per l occasione. Tra questi il presidente del Coni regionale dell Umbria, Domenico Ignozza, il presidente del Csi regionale Umbria, Carlo Moretti, e il consigliere nazionale e commissario del comitato di Terni Alessandro Rossi. Nel corso della convention, presentata magistralmente dal vice presidente provinciale Roberto Pascucci, sono anche state premiate tutte le squadre vincitrici dei tornei primaverili e presentate tutte le attività sportive e formative della stagione che sicuramente sarà, come al solito, avvincente e ricca di iniziative. Luca Alunni

12 12 LA VOCE ATTUALITÀ VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 CHIESE E UE. Si sono tenuti a Madrid i Catholic Social Days Laicato, fatti sentire Le parole di don Ciotti Indignazione cristiana Q uale contributo può dare la Chiesa per un Europa sociale? La Chiesa non ha alcuna soluzione tecnica. Non ha neppure concetti politici o economici propri con cui competere nell arena politica. La Chiesa tuttavia partecipa alle preoccupazioni e ai bisogni della gente, essendo nel mondo. Questo è il motivo per cui non è compito della Chiesa sviluppare soluzioni in campo tecnico per arrivare a miglioramenti nelle singole questioni individuali ( ). La dottrina sociale è un concetto olistico che si concentra sulle persone e sulla loro dignità, e non le strumentalizza. Facendo suoi i principi di personalità, solidarietà e sussidiarietà come un orientamento per permetterci di stabilire un sistema sociale che non sia unicamente diretto alle questioni economiche, ma metta a fuoco i singoli membri. La dottrina sociale cattolica comunque include non solo le proclamazioni in campo sociale del Papa e dei vescovi. Gli insegnamenti della Chiesa, piuttosto, sono solo uno dei tre pilastri. Un secondo è costituito dagli studi accademici di etica sociale nelle facoltà teologiche. Il terzo, a sua volta, è stato per molti anni il Movimento sociale cattolico. È in particolare in questo campo che, pertanto, chiamo urgentemente i laici cattolici a far sentire la loro voce nelle politiche europee e a proclamare e sostenere la dottrina sociale della Chiesa nel dibattito politico. L efficacia della dottrina sociale della Chiesa dipende anche, primariamente, da cristiani che s impegneranno nella comunità dell Europa e nelle attività cristiane politico-sociali. La rete di laici cattolici nell arena politica di tutta l Europa è certamente un campo in cui noi come Chiesa dobbiamo essere più coinvolti. Quando i presidenti della Commissione europea e del Consiglio europeo, José Manuel Barroso e Herman Van Rompuy, così come il vice presidente del Parlamento europeo, László Surján, si sono incontrati il 10 giugno di quest anno per dialogare con i leader religiosi, il presidente Barroso ha illustrato la sua iniziativa di riunire gli intellettuali europei per discutere di una nuova narrativa per l Europa. Nella pratica, questo significa che l idea della pace come ragione dell integrazione europea non è più sufficiente, quasi settanta anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Molte persone sono dell opinione oggi che combinare il rafforzamento economico, sociale e politico dell Europa nel mondo globalizzato sia la nuova ragione perché gli Stati in Europa dovrebbero lavorare insieme. Nella dichiarazione che ho tenuto in questo incontro a Bruxelles, ho detto che Robert Schuman già attribuiva la necessità dell integrazione europea non solo alla logica della pace e della riconciliazione, ma anche all autoaffermazione dell Europa nel mondo. Ritengo che entrambe queste ragioni debbano rimanere ugualmente centrali oggi. ( ) Particolarmente in questo anno di commemorazioni 2014 a 100 anni dall inizio della Prima guerra mondiale dovremmo comunque anche non dimenticare le motivazioni alla base della pace. Jean-Claude Juncker, il nuovo presidente della Commissione europea, è solito dire: Se avete qualche dubbio sull Europa, dovreste visitare un cimitero militare. Pertanto non dimentichiamo che le interconnessioni esistenti in Europa sono anche una ragione per cui noi, in Europa, non solo viviamo in pace, ma viviamo insieme da amici. L Europa rimane un progetto di pace, libertà e riconciliazione anche e in particolare in questo 2014, che è così difficile in termini di politica estera. La dimensione sociale dell Europa è un contributo maggiore per imparare la lezione della storia e rinforzare il progetto di unificazione europea. Come disse a Salisburgo Christopher Clark, l Europa sociale come un elemento costituente di un ordine basato sulla pace è senza dubbio uno dei più grandi traguardi della storia dell umanità. Card. Reinhard Marx presidente Comece Alcuni passaggi dell intervento di apertura della seconda giornata dei Catholic Social Days for Europe tenutisi a Madrid dal 18 al 21 settembre (fonte: Eurcom, testo integrale su di fronte alle ingiustizie e umiliazioni contro gli esseri umani N on dobbiamo perdere la capacità di indignarci, persino di arrabbiarci di fronte alle ingiustizie che piegano, che umiliano le persone. Le parole, non di oggi ma sempre attuali, di don Luigi Ciotti tornano alla mente leggendo la notizia che l Australia vende i profughi alla Cambogia in cambio di aiuti e denaro, nonostante Onu e Amnesty abbiano definito immorale l accordo. Le parole di don Ciotti tornano alla mente nel leggere di alcuni deputati intenti a difendere i propri privilegi mentre la crisi continua a tenere in ginocchio milioni di persone e famiglie. Le parole di don Ciotti tornano alla mente davanti alla notizia della tortura e della lapidazione, a Mosul, di Samira Saleh al-nuaimi, avvocatessa musulmana che si era battuta per il diritti umani e contro la violenza jihadista. Le parole di don Ciotti tornano alla mente di fronte alla notizia sulla lunghissima coda di persone per l iphone 6. L indignazione non è di certo per il prodotto, ma per l ennesima proposta di un uso consumistico delle nuove tecnologie che si traduce spesso nel furto della più preziosa risorsa dei giovani: la creatività. Ai bordi della cronaca, la questione dell indignazione si muove però in una direzione diversa, se non opposta, da quelle delle manifestazioni che negli anni scorsi hanno attraversato diverse piazze europee. C è un indignazione violenta che non costruisce alternative, che non conduce alla correzione di scelte sbagliate, che non restituisce dignità alle persone offese e umiliate. Si brucia da sola, oppure viene politicamente strumentalizzata. C è un indignazione culturale che risponde all affronto, all umiliazione e all ingiustizia con la forza della ragione e non con la ragione della forza. C è da preoccuparsi molto quando questa indignazione, in nome del perbenismo e del conformismo, scompare lasciando il posto all indifferenza e al distacco da problemi, disagi e tensioni. E c è ugualmente da preoccuparsi quando qualcuno dice che l indignazione non appartiene al cristiano. Come se Gesù non si fosse indignato per l occupazione In fila per l iphone 6 dello spazio sacro da parte dei mercanti, e non avesse reso nota la sua fortissima indignazione per ogni offesa arrecata ai piccoli. Certo, si tratta di un indignazione completamente diversa da quella delle piazze e c è un pensiero - che forse non è di sant Agostino, come alcuni affermano - che può aiutare a definirla: La speranza ha due figli bellissimi: l indignazione e il coraggio. L indignazione davanti alle cose così come sono, il coraggio per cambiarle!. Non importa stabilire ora l autenticità delle parole, ma certamente si può dire che la collera e l odio nulla hanno avuto e nulla hanno a che fare con l indignazione di persone libere e responsabili. E allora, ai bordi della cronaca quotidiana, a quale indignazione pensare? L indignazione è il frutto di una coscienza non assopita, che riceve e trasmette impulsi nella ricerca della verità, della bellezza e della bontà. L indignazione è il frutto di un educazione che anche con l aiuto - a volte sconclusionato - della cronaca, bussa alla porta della coscienza. L educazione di cui oggi abbiamo maggior bisogno - dice ancora don Ciotti - è allora proprio quella alla libertà, alla responsabilità, all intelligenza critica. L unica in grado di spezzare le catene del conformismo, della rassegnazione e quindi dell ingiustizia, rendendoci capaci di operare coraggiosamente i cambiamenti necessari affinché i diritti e la dignità di tutti gli uomini siano rispettati e promossi. Ai bordi della cronaca queste parole diventano appello a indignarsi. Indignarsi di fronte all ingiustizia, all egoismo, all indifferenza, al furto di umanità. Diventano un invito a fare dell indignazione una risposta forte e costruttiva. Una risposta pensata e maturata in un percorso, culturale ed educativo, consapevole che il perbenismo e il conformismo non sono strade verso il futuro. Paolo Bustaffa N on sappiamo se sia stato troppo pessimista il presidente della Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), Francesco Zanotti, quando la mattina del 25 settembre alla Camera dei deputati, intervenendo all incontro Garantire il pluralismo dell informazione. Appello urgente al Governo e al Parlamento, ha detto: La stampa diocesana che rappresento, con le sue 189 testate, sta vivendo un momento veramente difficile. Si naviga a vista, senza sapere cosa accadrà domani. Quasi non ci sono più lacrime per piangere, e ci domandiamo se nei confronti della stampa locale in genere, qualcuno voglia la nostra morte. Il fatto di aver indetto un incontro per presentare l appello al Governo, con alcune proposte concrete, denota la volontà di opporsi a una crisi che sta toccando un po tutto il mondo dell informazione: dalle reti televisive alle grandi società editoriali fino alle società editrici più piccole. Questo composito mondo della stampa regionale, provinciale, locale, dei piccoli editori di libri e riviste varie, delle giovani cooperative di giornalisti che si ci- La Fisc chiede al Governo di attenuare i tagli per sostenere le voci libere La proposta del presidente della Federazione dei settimanali cattolici: Chiediamo che anche nei nostri confronti si porti il taglio dei contributi al 30%, così da lasciare un po di respiro ai giornali diocesani mentano con la comunicazione in rete e con iniziative d avanguardia, oggi è accomunato da un destino che sta mettendo a repentaglio la sopravvivenza di giornali e riviste dalla storia lunga e gloriosa, ma con crescenti difficoltà economiche. I dati forniti all incontro sono allarmanti: meno 22% le vendite in edicola negli ultimi cinque anni, meno 50% la pubblicità, posti di lavoro persi nelle redazioni delle testate maggiori, in quelle dei giornali più piccoli e dei territori. Negli ultimi dieci anni i contributi pubblici all editoria sono scesi da 120 a 55 milioni di euro - ha ricordato Roberto Calari di Alleanza cooperative italiane. - Così non si può proseguire. Dopo i 32 giornali che hanno chiuso negli ultimi due anni, altre decine di testate locali rischiano di scomparire. Si tratta di giornali radicati nel territorio, che sono un elemento essenziale della democrazia e del pluralismo dell informazione. La crisi è di tutto il sistema editoriale ha affermato Franco Siddi, segretario generale della Federazione nazionale stampa italiana (Fnsi) e, oltre alla perdita dei posti di lavoro, siamo di fronte a un netto dimagrimento dell offerta e della qualità. Caterina Bagnardi, rappresentante della File (quotidiani locali) ha descritto i provvedimenti di sostegno all editoria in alcuni Paesi europei: l Austria con 500 mila euro a testata oltre a una quota variabile in funzione delle copie vendute; Danimarca con fondi fino a un massimo di 2 milioni di euro; la Francia con provvidenze varie; la Germania con fondi erogati dai Laender; la Gran Bretagna senza alcun aiuto specifico e totale libertà di stampa entro la Common Law. La richiesta formulata da Zanotti a nome della Fisc parte dal fatto che negli ultimi due anni abbiamo subìto tagli di circa il 60% dei contributi, mentre il resto dell editoria che usufruisce dei contributi sulla legge 250/90 ha subìto un taglio di circa il 30%. Quindi, per evitare di dover assistere a chiusure di testate, chiediamo che anche nei nostri confronti si porti il taglio al 30%, così da lasciare un po di respiro ai giornali diocesani. La questione - ha aggiunto - non è una battaglia per conservare privilegi, anzi è esattamente il contrario: si tratta di poter usufruire di quel minimo di sostegno che permette di mantenere in vita queste voci libere. Tre gli appelli rivolti al Governo: avviare un tavolo di confronto con gli operatori del settore per definire obiettivi e strategie per una vera riforma dell editoria da tempo attesa; accelerare la revisione delle norme sull emittenza televisiva e radiofonica; provvedere, con la prossima legge di stabilità, a garantire le risorse adeguate agli strumenti di intervento che la legge già oggi prevede per l editoria non-profit, cooperativa, di idee e di testimonianza (tra cui rientrano in particolare le testate diocesane). Luigi Crimella

13 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE UMBRIA&DINTORNI 13 Cioccolato e vino al castello Altrocioccolato Dal 10 al 12 ottobre a Città di Castello la manifestazione dedicata all equosolidale. Dal 3 al 5 ottobre a Corciano itinerari enogastronomici alla scoperta di tradizioni vitinicole del territorio D al 10 al 12 ottobre torna Altrocioccolato festa internazionale dedicata alla filiera del cacao equo-solidale. Tema di questa edizione, che si terrà a Città di Castello, è Il cibo è nudo che nasce proprio dall idea di spogliare il cibo, per mostrarne i lati nascosti. Scopo della manifestazione è quello di sostenere i valori del commercio equo e solidale, favorendo la conoscenza di un modello di sviluppo alternativo e offrendo ai produttori del Sud del Mondo la possibilità di presentare i frutti del loro lavoro. Contestualmente ad Altrocioccolato, si svolgeranno anche le iniziative che rientrano nell ambito delle Giornate regionali del commercio Equo e solidale. Protagonista della tre giorni una mostra mercato che Un fine settimana alla riscoperta della antica via Flaminia. Expeditio prima: Flaminia è il tema intorno al quale si svolge la prima edizione di una iniziativa sulle orme degli antichi romani nel territorio umbro compreso tra Ocriculum, Narnia e Carsulae. Il percorso è incentrato sul cammino compiuto da una legione romana in marcia, che si sposta lungo l antica arteria, sostando nelle aree archeologioche e nelle piazze delle tre città coinvolte: il 3 ottobre a Otricoli, il 4 a Nar- ospiterà stand di importatori, produttori e artigiani cioccolatieri, provenienti da ogni parte di Italia. Ospite d onore, dunque, il cioccolato, quello equo e solidale, biologico e artigianale. Ma non solo. Il programma prevede una fitta rete di eventi culturali, tra dibattiti, seminari, mostre e laboratori che faranno da cornice alla fiera, ospitata nel centro storico della città. Tra gli eventi più attesi dagli intenditori dell equosolidale, l assemblea nazionale di Agices. Ad accompagnare il tutto musica e artisti. A ni, il 5 a Terni (Carsulae). In occasione delle soste si svolgono delle rievocazioni storiche, come l allestimento di un accampamento militare di epoca romano - repubblicana, con rappresentazioni di scene di vita quotidiana e addestramenti militari. Gli eventi saranno affiancati da laboratori didattici e banchi artigianali, per ricostruire la vita romana e gli antichi mestieri, ospitati dalle varie trutture museali Corciano dal 3 al 5 ottobre si tiene la quarta edizione di Corciano castello di vino, tre giornate di degustazioni enogastronomiche, con 15 cantine della zona del Trasimeno e 13 punti di ristoro, sullo sfondo di eventi folkloristici, concerti live, dj set, premiazioni e conferenze. Un evento nato con l obiettivo di sostenere e qualificare il castello di Corciano attraverso la riscoperta e il recupero di tradizioni vinicole del territorio. Promosso dall associazione Corciano castello di vino, composta dalle tre storiche associazioni locali Apd Corciano, Filarmonica Corciano e Pro loco di Corciano, l evento si svolgerà all interno delle antiche vie medievali del borgo. Corciano castello di vino è un percorso sensoriale itinerante rivolto a tutti gli amanti del buon vino e delle tradizioni. I visitatori, acquistando il proprio calice a 5 euro, potranno degustare gratuitamente i diversi vini di tutte le cantine che per l occasione allestiranno spazi personali, distribuiti per le vie del paese. Nel corso dei tre giorni sarà possibile assaporare anche le numerose delizie gastronomiche locali grazie ai corner, punti di ristoro all aperto, dislocati nel centro storico del borgo. Musica dal vivo ed animazioni contribuiranno a creare un atmosfera suggestiva ed emozionante. Tra le novità di quest edizione, anche alcune collaborazioni con importanti realtà del territorio, quali l Associazione Avanti Tutta Onlus di Leonardo Cenci e l Accademia del Peperoncino di Perugia. Expeditio prima: Flaminia. Otricoli, Narni e Terni (l Antiquarium San Fulgenzo a Otricoli, il museo civico Palazzo Eroli a Narni, il centro visita U. Ciotti di Carsulae). I visitatori saranno coinvolti nella ricostruzione di acconciature romane, nei laboratori di scrittura antica e altro ancora, con particolare attenzione per attività dedicate ai più piccoli. Il progetto organizzato dai singoli comuni e dall associazione culturale Gens Iulia, in collaborazione con la società Space, è finalizzato alla valorizzazione territoriale, culturale e turistica della via Flaminia. Per info Facebook: anticaeviae

14 14 LA VOCE LETTERE&OPINIONI VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 IL PUNTO L islam ha dei lati allarmanti H o già parlato delle ragioni per cui trovo allarmanti gli effetti globali della (ri)nascita del Califfato islamico. L argomento merita di essere approfondito. Ci sono alcuni aspetti della mentalità islamica che devono essere conosciuti. Beninteso, se ne può parlare solo in termini generali e approssimativi, con riferimento a grandi masse e a linee di tendenza; le singole persone poi possono essere e sono molto diverse, e questo va precisato per non fare torto a nessuno. Dunque: il primo punto è che la dottrina islamica non conosce la distinzione tra la sfera religiosa e quella secolare, o per dirla in termini nostri, tra la Chiesa e lo Stato. La dottrina cristiana invece conosce questa distinzione ( Date a Cesare... ); nel corso dei secoli la Chiesa l ha tradita mille volte, ma il concetto è rimasto. Per gli islamici non è così: la comunità dei credenti e la società civile sono tutt uno, e i precetti religiosi sono legge dello Stato. Quindi, se c è un capo supremo religioso (il califfo), questi è anche il capo supremo civile, e non lo è solo entro un certo territorio ma dovunque vi siano fedeli. Il sedicente califfo dei nostri giorni è riconosciuto come tale solo da una piccola minoranza, ma basta che qua e là, nei Paesi occidentali, qualche gruppetto di fanatici lo segua, e avremo nuclei di terroristi pronti a tutto. Poi c è un fattore più propriamente culturale. Gli islamici si sentono i seguaci e i depositari della Rivelazione divina nella sua ultima e definitiva manifestazione, e pensano quindi di essere culturalmente e moralmente superiori a tutti gli altri, a cominciare dai cristiani che intimamente disprezzano, anche perché i cristiani sono i primi a non prendere sul serio la propria religione. Il fatto che gli occidentali negli ultimi secoli abbiano raggiunto livelli di benessere, potere economico, potere politico e via dicendo, superiori a quelli degli altri popoli, gli islamici lo vivono come un furto e una sopraffazione, e covano un sordo rancore pronto a trasformarsi in vendetta. Ripeto: non tutti sono così. Ma questa è l acqua nella quale nuotano i pesci che il sedicente califfo chiama a raccolta. Pier Giorgio Lignani Bene fa Assisi a tutelare la famiglia naturale! S to leggendo il vostro giornale n. 33 di venerdì 19 settembre, che a pagina 7 parla del Consiglio comunale di Assisi che ha approvato con una delibera a tutela della famiglia naturale. Per quello che mi riguarda, i sacramenti sono sette: battesimo, confessione, comunione o eucarestia, cresima, Ordine, matrimonio, unzione degli infermi. Perciò il matrimonio è un sacramento tra uomo e donna: si sposano e sono moglie e marito, poi avranno i figli e allora padre e madre. Sono millenni che è così, il matrimonio tra uomo e donna è indissolubile, come la famiglia che è sacra e egualmente indissolubile. Ma sia al Governo italiano che all Unione europea non importa nulla come sta la gente: parecchi si suicidano che non hanno lavoro, si tassa chi assume, se uno è ferito da un animale (orsa Daniza) tutelano l animale e non l uomo, vanno a favore di gay, lesbiche, omosessuali, ecc. Sbarcano gli immigrati a Lampedusa, li salvano, gli danno tutto, ma a noi italiani ci prendono a calci. I cristiani sono maltrattati. Io sto con il Consiglio comunale di Assisi, finalmente vedo persone serie cui sta a cuore la famiglia tradizionale, cioè uomo e donna, moglie e marito, padre e madre. Viva Papa Francesco e Giovanni Paolo II! Sono loro gli insegnanti! Giuseppe Lombardo Calvi dell Umbria Caro lettore, mi associo al suo evviva e grazie delle sue osservazioni. Per quanto riguarda gli immigrati, la questione è molto complessa, e carica di morti e di grande malessere e sofferenza per tutti. Non è vero che a loro si dà tutto: spesso non si dà nulla, ed è tanto se si riesce a salvargli la vita. Si deve prendere coscienza che il mondo è cambiato e cambia sempre di più, per cui ci si deve attrezzare per affrontare con consapevolezza le sfide del nostro tempo. Sinodo sulla famiglia: Gesù dà un suggerimento Gentile Direttore, alla vigilia del Sinodo dei vescovi, mentre viviamo una intensa riflessione, spesso divisa e al suo interno in contrasto, la parabola della liturgia di domenica 21 settembre pare provvidenziale (Matteo 20,1-16). Innanzi tutto chiarisce con semplicità e facile comprensione la diversità della logica umana e della logica di Dio, di conseguenza persuade sulla differenza della misura della giustizia e quella dell amore: sono due misure diverse in profondità, e non stupisce capirlo. Allora viene spontanea la domanda: quale misura deve praticare la Chiesa? Altrettanto chiara a me pare la risposta: quella dell amore, della misericordia (direbbe Papa Francesco), del perdono, come hanno sempre testimoniato i santi con la loro vita. Ancora una volta la Parola di Dio illumina nelle difficoltà, nelle difficili responsabilità, se l accogliamo; addirittura, io penso, può persuadere anche i non credenti. Chi può trovare ragione per rifiutare l amore? Certo l amore che concilia l amore per tutti, come nella parabola: gli operai del mattino non sono Don Franco nel cuore della sua comunità S ei stato così poco con noi, eppure sei entrato subito nella nostra vita. Sorriso schietto, occhi penetranti e sereni, mani aperte all accoglienza e alla benedizione; ci ammonivi, consigliavi, talvolta serravi le labbra e annuivi per dire: è così, sì, è proprio così, è questo il vostro Gesù, è questo il suo amore per noi. L Amore a cui dobbiamo corrispondere amandoci fra noi. Caro don Franco, creatura fragile, uomo di Dio, ostia spezzata per noi, custodiremo nel cuore le tue preziose parole ricche di fede e di speranza. Vergine santa, porta del Cielo, affidiamo il nostro Pastore al tuo amore di madre; lui, tuo figlio prediletto, sarà sempre vivo nell abbraccio misericordioso di Dio e nei cuori di chi lo ha amato. La comunità parrocchiale di Prugneto danneggiati dall amore per quelli della sera, hanno avuto quello che avevano pattuito. Amabilia Diotallevi Terni Eucaristia ai divorziati, tra Diritto e misericordia Non è un segreto che nell ambito della Chiesa si confrontino da mesi due linee: consentire o no l eucaristia ai divorziati risposati? Da tempo comunque nei loro confronti è emerso un atteggiamento di comprensione. Basti pensare alla differenza di giudizio tra il Codice di diritto canonico del 1917 che parlava di pubblici peccatori, e quello attuale. Sia san Giovanni Paolo II sia Benedetto XVI hanno esortato all accoglienza e alla cura pastorale. Stiamo parlando di donne e di uomini, di bambini e di adulti, che vivono situazioni difficili. Papa Francesco ha chiesto che i Padri sinodali, nei casi delle famiglie ferite, indichino la via del Samaritano, che si trovino il vino e l olio, che si accolgano nella locanda. La misericordia non si sgancia mai dalla verità; al riguardo il Vescovo di Roma ha precisato: Tra le condizioni che accomunano i partecipanti alla celebrazione eucaristica, due condizioni sono fondamentali per andare bene a messa: tutti siamo peccatori, e a tutti Dio dona la Sua misericordia. Papa Francesco ha HUMOUR di recente affermato che davanti a tante esigenze pastorali, davanti a tante richieste di uomini e donne, corriamo il rischio di spaventarci e di ripiegarci su noi stessi in atteggiamento di paura e difesa. Da questo atteggiamento di paura e difesa, ha spiegato Bergoglio, nasce la tentazione della sufficienza e del clericalismo, quel codificare la fede in regole e istruzioni, come facevano gli scribi, i farisei e i dottori della Legge del tempo di Gesù. Avremo tutto chiaro, tutto ordinato, ma il popolo credente e in ricerca continuerà ad avere fame e sete di Dio. Pier Luigi Galassi Perugia Qualche necessaria riflessione sulla fecondazione eterologa L eterologa in Umbria si farà, e si farà gratuitamente. Esistono però limiti etici non secondari, da più voci sollevati, già emersi nella discussione a livello ministeriale sulla fecondazione eterologa. Come e quanto si terrà in conto questa prospettiva? Comprendiamo che i temi etici rappresentino per il lettore medio un argomento poco attraente, ma la nostra preoccupazione diventa almeno in parte, più visibile in rapporto alla questione economica occulta che la fecondazione eterologa si trascina dietro: il grande business potenziale del Disegni di Marcello Cruciani È bello e di grande conforto sentire che vi è una comunità - e sappiamo che non è la sola - che ha un ricordo non solo positivo, ma carico dell affetto di tante persone. Rimane in tutta la vicenda l amaro in bocca per come si è svolta e per il suo tragico epilogo, e un rammarico per l insensibilità di chi si è affrettato a difendere i diritti di informazione e si è dichiarato preoccupato per la presunta messa in discussione di tale diritto. Non si è dimostrato preoccupato che da certe notizie potesse derivare più o meno direttamente un danno per la persona. Se vi sono delle regole nel fare informazione, una è il rispetto per la dignità delle persone, anche quando si tratta di un prete. mercato dei gameti e degli uteri, che dire in vendita e in affitto non si può, ma la casistica questo ci consegna, a tariffari decisamente anticrisi. La ragione lascia pensare che il mercato di materiale umano è un limite etico del quale discutere. Pur tenendosi fuori da questi aspetti - che per onor di verità vanno citati - la parola gratuità del percorso sanitario lascia sempre qualche dubbio. La gratuità per l utente non lo è affatto per il contribuente, e invece diventa un opportunità favorevolissima per gli operatori di settore. Ecco che allora i conti cominciano a tornare più giusti. Ma torneranno altrettanto giusti al momento di considerare che il diritto alla salute è una cosa, ma il diritto al figlio è una cosa diversa? Come spieghiamo alla comunità, nella crisi attuale, l onere di pagare il prezzo del diritto al figlio a tutti i costi? Raccogliamo allora la provocazione (ma neanche poi tanto) di Scienza & Vita: se l accesso alla fecondazione eterologa deve essere gratuito, perché anche il percorso alle adozioni non dovrebbe esserlo? Considerando costi che possono superare anche i euro, come riporta il Centro di ricerche sulla gestione dell assistenza sanitaria sociale. Il diritto al figlio si esprime anche nell utilissima e stavolta eticamente ineccepibile opzione adottiva. Tra l altro, aggiungiamo, la tutela del bambino futuro membro della società, nel caso dell eterologa, si pone pesantemente, a monte, con le tentazioni di selezione eugenetica; il rischio di produrre Ogm umani dovrebbe qui stimolare la coscienza a una riflessione. Parimenti, a valle, ritroviamo le ricadute sul diritto di ogni essere umano a conoscere le proprie radici. Nondimeno, esiste il rischio statisticamente significativo di consanguineità tra persone ignare della propria parentela che già in altri contesti internazionali si è posto. In sostanza, gli aspetti etici implicati nell eterologa sono davvero consistenti. Preghiamo tutti di tenere a mente questo tema, che non è aleatorio e non è ideologico, ma un dato oggettivo sul quale riflettere. Di tutto questo discorso, la cosa che vorremmo rimanesse nella testa e nel cuore del lettore è che parliamo di coppie che desiderano diventare genitori, che magari soffrono per una difficoltà ad avere figli, ma parliamo soprattutto di bambini, che sono quelli senza voce in capitolo in tutto questo, e ciò non può indurci a ragionare senza criteri etici. Ernesto Rossi presidente Forum famiglie Umbria Perugia Maria Rita Valli piazza IV Novembre, 6 Perugia Tel Terni Elisabetta Lomoro piazza Duomo, 9 - Terni Tel/fax Gubbio Giampiero Bedini via Monteverdi,2 Gubbio Tel Orvieto - Todi Michela Massaro Via S. Lorenzo, 18 - Todi Assisi Roldano Boccali Tel Città di Castello Moreno Migliorati, piazza Gabriotti,10 Città di Castello Tel Materiale fotografico - Archivio La Voce - Enrico Milanesi (Città di Castello) - Gavirati (Gubbio) - Giancarlo Belfiore ASSOCIATO ALL UNIONE DELLA STAMPA PERIODICA ITALIANA ISCRITTO ALLA FEDERAZIONE ITALIANA SETTIMANALI CATTOLICI Direttore responsabile: Elio Bromuri Redazione: piazza IV Novembre n Perugia tel fax Amministrazione e Pubblicità: tel fax Registrazione: Tribunale di Perugia N 145 Iscrizione al Registro degli operatori della comunicazione N La testata La Voce fruisce dei Contributi Statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n Stampa: Galeati s.r.l., Via Selice 187/189, Imola (Bo) Abbonamenti Annuale Annuale + on-line Annuale solo on line Semestrale Sostenitore Benemerito 43 e 55 e 35 e 23 e 68 e 150 e Versamento in c/c postale n Bonifico Bancario conto Unicredit Codice Iban IT 25 D intestato a: Chiesa di San Severo a Porta Sole - La Voce Piazza IV Novembre, Perugia Desideriamo informarla che i dati da lei forniti saranno trattati secondo le indicazioni del D. Lgs n. 196 del 30 giugno 2003 ( Codice in materia di protezione dei dati personali ).Per ricevere l informativa in dettaglio può rivolgersi presso gli uffici del settimanale La Voce o contattarci al numero Per informazioni sull abbonamento: Stampato su carta riciclata

15 15 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 I vescovi nominati nell ultimo anno sono stati convocati a Roma per un corso di formazione sul ministero episcopale da poco iniziato, promosso dalla Congregazione per i vescovi, dalla Congregazione per le Chiese orientali e da Propaganda Fide. Hanno partecipato i tre vescovi recentemente ordinati in Umbria: Piemontese, Marconi, Giulietti. Sono state giornate intense, riempite da quattro relazioni al giorno tenute da cardinali e vescovi, responsabili dei vari dicasteri della Curia romana. Tra i partecipanti si è subito stabilito un clima fraterno, caldo e arricchente nella conoscenza, nell incontro fraterno, nel confronto, nella preghiera, nel pellegrinaggio alla tomba dell apostolo Pietro, al santuario del Divino Amore, alla tomba di san Francesco e alla Porziuncola. Al termine del percorso formativo vi è stato l incontro con Papa Francesco, che ha rivolto un discorso a dir poco meraviglioso. Ha proposto parole che si possono sintetizzare in un vocabolario o Un vocabolario per i vescovi padre Giuseppe Piemontese* prontuario del vescovo. Conoscenza personale: Ora posso finalmente associare la prima conoscenza avuta dalle carte ai vostri volti, e dopo aver sentito parlare di voi, posso personalmente ascoltare il cuore di ciascuno e fissare lo sguardo su ciascuno per scorgere le tante speranze pastorali che Cristo e la sua Chiesa ripongono in voi. Profumate di Spirito santo con le vostre Chiese, siete case abitate dal Vangelo, che è stato aperto sulla vostra testa. Presenza stabile: Quando latita il Pastore o non è reperibile, sono in gioco la cura pastorale e la salvezza delle anime. Voi siete stati legati da un anello di fedeltà alla Angeli con insegne vescovili Chiesa che vi è stata affidata, perciò serve l intimità, l assiduità, la costanza, la pazienza. Non servono vescovi contenti in superficie: non siate vescovi con scadenza fissata. È importante non bloccare la forza risanatrice che sgorga dall intimo del dono che avete ricevuto, e questo vi difende dalla tentazione di andare e venire senza meta. E noi abbiamo imparato dove andiamo: andiamo sempre da Gesù. Per abitare pienamente nelle vostre Chiese è necessario abitare sempre in Lui e da Lui non scappare: dimorare nella sua Parola, nella sua eucaristia. Amate il popolo che Dio vi ha dato, anche quando avranno commesso grandi peccati, senza stancarvi di salire dal Signore per ottenere perdono e un nuovo inizio. Hanno bisogno della vostra pazienza per essere curati, per crescere. Vi raccomando soprattutto i giovani e gli anziani. I primi perché sono le nostre ali, e i secondi perché sono le nostre radici. Ali e radici senza le quali non sappiamo che cosa siamo e nemmeno dove dovremo andare. Pensate ai vostri sacerdoti, in primis: ce ne sono tanti che non cercano più dove Lui abita, o che dimorano in altre latitudini esistenziali, alcuni nei bassifondi. Altri, dimentichi della paternità episcopale o magari stanchi di cercarla invano, ora vivono come se non ci fossero più padri o si illudono di non aver bisogno di padri. Vi esorto a coltivare in voi, Padri e Pastori, un tempo interiore nel quale si possa trovare spazio per i vostri sacerdoti: riceverli, accoglierli, ascoltarli, guidarli. Vedo in voi le sentinelle: capaci di svegliare le vostre Chiese, alzandovi prima dall alba o in mezzo alla notte per ridestare la fede, la speranza, la carità; senza lasciarvi assopire o conformare con il lamento nostalgico di un passato fecondo ma ormai tramontato. Pastori in grado di ricomporre l unità, di tessere reti, di ricucire, di vincere la frammentarietà. Pur custodendo gelosamente la passione per la verità, non sprecate energie per contrapporsi e scontrarsi, ma per costruire e amare. * Vescovo di Terni - Narni - Amelia Commento alla liturgia della Domenica Azioni che arrivano lontano R iemerge nelle letture odierne il tema della domenica precedente: il rifiuto dell adesione al regno di Dio. Nella prima lettura, il profeta Isaia contrappone in maniera efficace e poetica l amore di Dio per il Suo popolo, la Sua iniziativa, la Sua dedizione, all atteggiamento del popolo eletto, che comporta la sua condanna. Il Vangelo presenta il medesimo atteggiamento di amore e dedizione di Dio verso il suo popolo, e il rifiuto di quest ultimo. Sono presenti però altri due elementi: LA PAROLA della Domenica PRIMA LETTURA Dal libro del profeta Isaia 5,1-7 SALMO RESPONSORIALE Salmo 79 SECONDA LETTURA Dalla Lettera di Paolo ai Filippesi 4,6-9 VANGELO Dal Vangelo secondo Matteo 21,33-43 Le nostre scelte - verso chi amiamo, verso Dio - hanno conseguenze più grandi del previsto l annuncio del sacrificio del Figlio di Dio e l accenno che il Regno sarà dato a un popolo che ne produca frutti. La seconda lettura mostra un altro aspetto del volto di Dio: la rassicurazione, l esortazione, la serenità, la pace, quasi come contrappunto, ma anche come integrazione agli altri due brani. Si dà per assunto che i brani non fanno solo riferimento ai fatti storici ma hanno una valenza sia sul piano personale che come Chiesa. SPAZIO CRUCIVERBA PER GRANDI E PICCINI CRITTOCRUCIVERBA Sistema nello schema una lettera per casella in modo da ottenere orizzontalmente 10 parole, ognuna delle quali è contenuta nel Vangelo di questa domenica. A numero uguale corrisponde lettera uguale. A lavoro ultimato, leggendo dall alto verso il basso nella colonna dal bordo nero, troverai la frase-chiave del Vangelo (4,6). (Le soluzioni del cruciverba nel prossimo numero) FIRMATO Famiglia Il rifiuto di aderire alla Parola viene presentato in tutta la drammaticità sia perché contrapposto all amore di Dio che si manifesta in maniera così dolce e piena, sia perché collega in maniera indissolubile i nostri comportamenti con la Passione di Cristo. Si propone qualche considerazione. Nei rapporti tra le persone, ogni scelta si inserisce in una concatenazione di eventi sul piano psicologico, relazionale e di accadimenti, per cui ogni scelta ha conseguenze delle quali non sempre è agevole avere consapevolezza, e che a volte hanno sviluppi al di là dei nostri gesti e intenzioni. La coscienza di ciò ci rende più attenti, più prudenti. Questo vale tanto più quanto più le relazioni sono intense e coinvolgenti. Si pensi alla vita familiare: è necessaria una cura assidua per mantenere rapporti soddisfacenti; è difficile a volte tornare indietro dopo un percorso - anche non molto lungo - di incomprensioni, di distrazione, SOLUZIONE DEL CRUCIVERBA DEL NUMERO PRECEDENTE La frase chiave è: Fare la volontà del Padre XXVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - ANNO A Vangelo C era un padrone di casa, il quale piantò una vigna, le fece attorno una siepe, vi scavò una buca per pigiare l uva e vi costruì una torre; poi l affittò a dei vignaiuoli e se ne andò in viaggio. Quando fu vicina la stagione dei frutti, mandò i suoi servi dai vignaiuoli per ricevere i frutti della vigna. Ma i vignaiuoli presero i servi e ne picchiarono uno, ne uccisero un altro e un altro lo lapidarono... Finalmente, mandò loro suo figlio, dicendo: Avranno rispetto per mio figlio. Ma i vignaiuoli, veduto il figlio, dissero tra di loro: Costui è l erede; venite, uccidiamolo, e facciamo nostra la sua eredità... di sottovalutazione, di noncuranza. Esistono elementi di analogia tra il rapporto che si sviluppa tra le persone e il nostro rapporto con Dio. Questo vale naturalmente per le creature, non per il Padre il cui amore e fedeltà rimangono immutati. Il nostro rapporto lo costruiamo nel tempo; i nostri gesti di fedeltà e infedeltà, la nostra attenzione o distrazione di ogni giorno hanno conseguenze importanti per il futuro della nostra vita cristiana. Anche nella dimensione comunitaria, le azioni di singole persone o di gruppi comportano conseguenze che a volte sono non preventivabili, e che spesso trascendono la rilevanza dei singoli episodi presi isolatamente, A cura di Michela Massaro determinando conseguenze a volte molto gravi. Si pensi allo scoppio della Prima guerra mondiale, con ripercussioni che andarono ben oltre le intenzioni e gli interessi dei singoli gesti delle persone e perfino degli Stati. Analogamente, in ambito ecclesiale, ricordiamo la sostanziale scomparsa di Chiese una volta floride come quelle dei primi secoli in Africa e Asia Minore; ciò senza una chiara causa che abbia determinato gli eventi. Oggi si va discutendo del declino delle Chiese occidentali e dello sviluppo di altre in Asia, Africa, America Latina. Cosa succederà negli anni futuri, non è dato saperlo. In conclusione, sia su un piano personale che comunitario, le conseguenze delle nostre azioni sono in genere più rilevanti di quanto noi ci aspettiamo e possiamo prevedere o desideriamo. Da un lato, quindi, l importanza di esercitare la vigilanza e il discernimento; dall altro, la consapevolezza che il nostro destino - sia umano che cristiano - necessita di Qualcuno che ci sappia guidare per poter sperare di non produrre acini acerbi. Sergio Biagini Ambretta Berioli

16 16 LA VOCE Perugia.Città della Pieve VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 BREVI MUSICA Aperte le iscrizioni ai corsi della Scuola diocesana Il 1 ottobre sono iniziate le lezioni alla Scuola musicale diocesana Frescobaldi. Sempre aperte le iscrizioni per frequentare i corsi di tastiera, chitarra, pianoforte, violino e qualsiasi altro strumento. Per facilitare la frequenza la scuola, oltre la sede centrale in corso Cavour 184, ha sezioni anche a Bagnaia e a Perugia presso la parrocchia di Monteluce e della chiesa Madonna delle Grazie in via Caprera. Telefonare di pomeriggio allo CITTÀ DELLA PIEVE Incontro eucaristico e adorazione al santuario L Associazione laicale eucaristica riparatrice (Aler) promuove per sabato 25 ottobre a Città della Pieve, presso il santuario Madonna Fatima (largo della Vittoria), un incontro eucaristico spirituale per gli associati della diocesi di Perugia e delle diocesi umbre. L incontro inizia alle ore 16 con una conferenza a carattere formativo e a seguire un ora di Adorazione eucaristica per concludersi con la Celebrazione eucaristica d orario, alle ore 18, presieduta dall assistente ecclesiastico nazionale p. Franco Nardi, ofm capp. Possono partecipare non solo i diretti interessati, ma chiunque del popolo di Dio fosse interessato spiega Luciano Sdruscia, delegato diocesano della Aler. AMICI DEL MALAWI Una precisazione sulle origini dell associazione In riferimento all articolo pubblicato su La Voce n. 34 del ed intitolato In otto in Malawi, come Associazione Amici del Malawi ci sentiamo in dovere di correggere alcune inesattezze. In particolare va precisato che, alla morte di don Gino Vicarelli, legato al missionario comboniano padre Duccio Stefani, avvenuta nel 1982, mons. Remo Bistoni, amico fraterno di don Gino, assieme ad Andrea Vicarelli, promuovono e guidano nel 1983 il primo avventuroso viaggio in Malawi, accompagnati da un gruppo di amici sacerdoti e laici. Nasce così il gruppo spontaneo Amici del Malawi, che il 30/01/2002 si costituisce giuridicamente in Associazione di volontariato Amici del Malawi onlus, della quale mons. Remo Bistoni diviene il primo presidente. (Associazione Amici del Malawi ) Il dono silenzioso di Dio PERUGIA. Sono 30 anni che nella chiesina della Madonna della Luce si porta avanti l adorazione eucaristica quotidiana S ono passati trent anni da quell ottobre 1984 in cui, per la prima volta nella chiesina della Madonna della Luce, il celebre predicatore padre Raniero Cantalamessa celebrò la messa per dare ufficialmente il via all adorazione eucaristica perpetua. Siamo a Perugia, al fondo di via dei Priori; la chiesa della Madonna della Luce era rimasta a lungo in disuso, ma è stata restaurata in seguito a un ispirazione improvvisa che aveva illuminato la Comunità Magnificat, nata nel Sentimmo con forza - ricorda una delle dirette interessate, Wanda Rossi - le parole di Gesù alla samaritana: Se tu conoscessi il dono di Dio!. Confidammo l idea dell adorazione perpetua al vescovo mons. Pagani, e lui ne fu subito entusiasta. Del resto, Wanda aveva già nel sangue il profondo valore dell adorazione silenziosa, avendolo assimilato a Spello nella comunità di fratel Carlo Carretto. Questi trent anni - aggiunge - non sono un traguardo, sono un punto di partenza che spinge sempre avanti, a oltranza. La Comunità Magnificat e la diocesi, in collaborazione con il Cammino neocatecumenale, intendono festeggiare questa prima tappa con una serie di momenti di preghiera e di riflessione (vedi box qui accanto). Per la verità - precisa ancora Wanda, con un po di rammarico - non si tratta di adorazione perpetua in senso stretto, sen- Festa solenne a Torale per i santi Cosma e Damiano patroni dell antica parrocchia Domenica 28 settembre si è celebrata nella zona di Torale, facente parte della 28a Unità Pastorale Passignano - Vernazzano - Tuoro - Borghetto, la festa dei santi Cosma e Damiano titolari dell antica parrocchia - oggi soppressa - sorta sulle colline che affacciano il lago Trasimeno, tra Passignano e Vernazzano di Tuoro. Alle 11e un quarto del mattino don Andrea Orlando, parroco moderatore, ha celebrato la messa solenne in onore dei santi - uno medico e l altro GLI INCONTRI Sempre nella chiesa di Santa Teresa degli Scalzi (al fondo di via dei Priori), ore 21 Venerdì 10 ottobre - card. Gualtiero Bassetti, Dall adorazione all azione: la Chiesa in uscita Giovedì 30 ottobre - mons. Paolo Giulietti, L eucaristia nel cuore della città Venerdì 7 novembre - padre Mauro Angelini, ofm, Mani innalzate per il mondo: la forza dell intercessione. A seguire, dalle ore 22 fino alle ore 8 di sabato 8 novembre, adorazione eucaristica ininterrotta nella vicina chiesa della Madonna della Luce farmacista - all interno della chiesa edificata nel 1771 da Paschalis canonicus Sonnati patritius Florianensis, che vi profuse tutto il suo ingente patrimonio e che Divo Iosepho a Leanissa dicavit, come ricorda l epigrafe latina. Nel suo testamento spirituale don Pasquale Sonnati domandava la carità di raccomandare la sua anima a Dio nel giorno della festa dei santi patroni, intenzione questa applicata da tutti i suoi successori incluso don Alviero. Una piccola Schola composta di circa una ventina di persone, per la maggior parte ragazze di scuola media o poco più... han cantato la messa in latino (Missa de Angelis), che in altre parrocchie se la sognano!, e va a merito di don Alviero, loro educatore musicale, che il 31 ottobre di quest anno festeggerà il 60 anniversario di sacerdozio. Per tutto il pomeriggio - e fino a tarda sera - è seguito un gioioso momento di fraterna convivialità a base di dolci fatti in casa, musica e giochi. L intero ricavato della giornata, frutto delle libere offerte di fedeli e devoti, è stato devoluto a favore della chiesa di Torale la quale ospita al suo interno pregevolissime opere d arte. Umberto Benini za interruzione, ma di adorazione quotidiana, per esigenze concrete. Attualmente viene portata avanti dalle ore 9 alle 18, tutti i giorni, domenica esclusa. All inizio, a seguire i turni di adorazione erano quasi esclusivamente alcune consacrate della Comunità Magnificat; adesso, con il loro trasferimento in zona Ferro di Cavallo presso la chiesa di San Manno, sono subentrati altri fedeli per raccogliersi in preghiera di fronte al Santissimo. Ma in questo modo, anche a San Manno (altra chiesa che era caduta in totale abbandono, poi salvata) ha avuto il via l adorazione continuata, dalle 8 del mattino del lunedì alla mezzanotte del venerdì. Si è cominciato proprio dalla solennità del Corpus Domini di quest anno. L adorazione - ribadisce Wanda - non è un rimanere statici, appagati di ciò che si ha. Dall eucaristia scaturisce la necessità della missione. In questi anni ci sono state varie persone che, attratte da quanto vedevano a Madonna della Luce, ci hanno accostate per parlare di Dio. È un modo per avvicinare i lontani, oltre a un servizio reso alla diocesi e alla città, per dire a tutti: Gesù ci aspetta, ci desidera. Lasciamoci trasformare da Lui!. Dario Rivarossa La chiesa dei santi Cosma e Damiano in Torale Lorenzo Perri G rande festa domenica scorsa nella parrocchia di Santa Maria Assunta in Monteluce a Perugia, nella quale da tempi immemorabili non avveniva un ordinazione diaconale. Lorenzo Perri, 25 anni, al sesto anno del Seminario regionale umbro, nel giorno della sua ordinazione diaconale nella chiesa di Monteluce, si è sentito stretto e sostenuto dall abbraccio della sua numerosa famiglia, dei suoi tredici meravigliosi nipoti schierati in prima fila, dei tanti amici, compagni di studi e Quando si diventa diacono, lo si diventa per sempre PERUGIA. L ordinazione del giovane Lorenzo Perri nella chiesa di Monteluce di avventure, e soprattutto dei tanti giovani conosciuti negli anni di formazione e di collaborazione nelle varie parrocchie e realtà ecclesiali diocesane. La nostra Chiesa locale è stata allietata da un altro privilegio della grazia come lo ha definito don Nicola Allevi nel saluto iniziale all arcivescovo card. Gualtiero Bassetti, al vescovo emerito mons. Giuseppe Chiaretti, al responsabile del Propedeutico del Seminario regionale don Simone Sorbaioli, ai numerosi sacerdoti e seminaristi presenti, e a Lorenzo, in particolare, visibilmente emozionato e in trepidante attesa. Nel suo anno di permanenza nella parrocchia di Monteluce, Lorenzo ha lasciato un segno nel cuore del parroco don Luciano Tinarelli, delle suore Pastorelle e dei giovani dell oratorio, dei quali ha seguito un tratto di cammino, e molto apprezzata è stata la sua recente testimonianza durante il ritiro degli adolescenti che riceveranno la cresima il prossimo 19 ottobre. Il Cardinale, anche lui visibilmente commosso e grato al Signore per il dono di questo nuovo figlio e fratello in Cristo, ha subito chiarito che sarebbe stato un grossolano errore considerare quello che stavamo celebrando, e ricevendo, come una semplice tappa intermedia nel cammino verso il presbiterato, ma ha sottolineato tutta la bellezza e la profondità del diaconato in sé e per sé: Anche il Vescovo - ha spiegato Bassetti - porta la dalmatica sotto la casula, perché è segno del nostro servizio. Quando uno diventa diacono, è diacono per sempre; quando uno si consacra a Dio, Gli appartiene per sempre; quando uno ama gratuitamente e in modo incondizionato i fratelli, è per sempre. Da mamma, mi hanno colpito molto i ringraziamenti di Lorenzo ai suoi genitori al termine della celebrazione. Grazie per il dono della vita e per il dono della fede in Cristo. Grazie perché mi avete dato dei fratelli con cui crescere, litigare, ridere e piangere, condividere le conquiste come anche le fatiche e le preoccupazioni. Commovente il ricordo finale di Lorenzo al suo compagno di seminario Giampiero Morettini, morto prematuramente poco più di un mese fa: Se fossi stato qui, mi avresti fatto una battuta e poi mi avresti chiesto di benedirti. Invece oggi sono io a chiederti una benedizione speciale dal Cielo. La festa per Lorenzo è proseguita all hotel Sacro Cuore, dove da diacono ha nuovamente impartito la sua benedizione con la potenza umile dell amore di Dio, come ha detto lui stesso, ringraziando ancora tutti per la presenza e l affetto dimostrato. I ragazzi di Montegrillo hanno testimoniato la gratitudine a Dio per il forte legame di amicizia con Lorenzo, e per il cambiamento portato nelle loro vite grazie al suo servizio, nel campo da calcio e fuori. Chiara Casagrande

17 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE Perugia.Città della 17 Ottobre al Museo del Capitolo PERUGIA. In programma tre conferenze sulla beata Colomba nell ambito dell iniziativa MaDonna - il femminile nell arte sacra in Umbria. E poi una proposta per Famiglie al museo e la presentazione di un libro I l Museo del Capitolo della cattedrale di Perugia partecipa alle iniziative promosse dalla rete dei musei ecclesiastici umbri (Meu) sul tema MaDonna - il femminile nell arte sacra in Umbria. Una serie di eventi proposti congiuntamente, in vari periodi fino al 2015, dai singoli musei ecclesiastici della regione. Il Museo del capitolo proporrà tre conferenze (ore 16.30, sala del Dottorato nel chiostro della cattedrale) sul tema della beata Colomba, in collaborazione con l associazione Beata Colomba. Il primo si tiene il 7 ottobre su Il contesto storico e la biografia della beata Colomba da Rieti con Giovanna Casagrande; il 14 ottobre Alessandra Bartolomei Romagnoli parlerà su Colomba mistica ; il 21 ottobre Maria Rita Silvestrelli interverrà su Colomba per immagini. A conclusione del ciclo di interventi il 28 ottobre (ore 16.30) verrà proposta una visita guidata al monastero della beata Colomba (prenotazione presso il Museo del capitolo al n. tel ). Per il mese di ottobre il Museo ha in serbo altre novità. Domenica 12, in occasione della 2a Giornata nazionale Famiglie al museo promossa tra gli altri dal Ministero per i Beni culturali, ci sarà l oppor- Perugia. Nutrition day: 4 giorni all insegna del cibo salutare con convegni e mostre mercato Èin corso a Perugia fino al 5 ottobre il Nutrition day, l evento che affronta il tema della nutrizione sotto vari aspetti, dalla medicina alla scienza agraria, dalla storia alla tradizione e alla cucina. Nei giorni del festival sono proposti convegni, workshop e progetti per le scuole. In diverse piazze del centro mostre e mercato dei produttori e distributori di prodotti agroalimentari, per Oratorio Don D. Pasquini. VI edizione di Bulo Bulissimo Non solo un concorso musicale L a manifestazione Bulo Bulissimo prende vita nel 2009 per festeggiare l inaugurazione del nuovo complesso parrocchiale di S. Maria della Speranza di Olmo, viene poi riproposta tutti gli anni l ultimo sabato di settembre per dare il via alle attività dell oratorio don Dario Pasquini. Ogni anno viene deciso un tema che i partecipanti dovranno prendere in considerazione per la scelta della canzone da portare in gara; Bulo Bulissimo è comunque un incontro che non è solo una sfida musicale, ma una possibilità di confronto tra le realtà giovanili presenti nel territorio. Il tema della sesta edizione che si è tenuta sabato 27 settembre era Canta la tua Pace!, i ragazzi che sono saliti sul palco erano divisi secondo le categorie cover base, cover live e cantautori. I vincitori, Suburban, The rightway e Cecilia, hanno ricevuto in premio la possibilità di incidere presso L Officina la canzone da loro portata al concorso, e tutti i partecipanti hanno ricevuto un buono pizza da consumare entro il primo dicembre presso il ristorante Mater Gratiae, con la limitazione che si devono pre- Una visita guidata con i bambini al museo tunità per tutta la famiglia, ma in particolare per i bambini (dai 7 ai 10 anni), di godere di una giornata per imparare qualcosa divertendosi. Grazie alle due archeologhe Francesca Germini e Monica Lupparelli di Archeodidattica, i bambini potranno partecipare ad uno scavo archeologico simulato. La prenotazione è obbligatoria ( ), il costo è di 10 euro a famiglia (due persone adulte e due bambini): due i turni, uno alle ore 10, l altro alle ore 15. Intanto i genitori potranno godersi in tutta tranquillità una visita guidata gratuita al museo. Si tratta di attività sempre gradite dal pubblico: nella scorsa edizione - spiegano le operatrici del museo - c è stato un buon riscontro e per l occasione realizzammo un allestimento con delle schede (in italiano e inglese) su dieci opere conservate dal museo, dove ad ognuna mancava un particolare; per cui i percorsi enogastronomici e intrattenimenti. I diversi appuntamenti sono dislocati in alcuni degli spazi e piazze del centro città e nelle sale dei palazzi storici. Tra gli eventi nel chiostro della Cattedrale di San Lorenzo Umbria Green Food, che prevede laboratori del gusto, degustazioni di cibi naturali utili a promuovere gli stili di vita salutari. Tra i convegni Venerdì 3 ottobre, al mattino, nel Palazzo dello della Provincia di Perugia, medici a confronto sul rapporto tra cibo e salute, moderato dai professori Fausto Santeusanio e Francesco Tei. Nel sentare un minimo di sei persone, per far si che si crei un tessuto di conoscenze e possibili amicizie. Terminato il concorso e premiati i vincitori, è stato il momento della testimonianza, anche questa legata al tema dell anno. È salito sul palco a donare la sua esperienza di vita ai ragazzi e alle persone presenti Luca, della comunità papa Giovanni XXIII di Palazzo di Assisi. Assieme a sua moglie Laura ha deciso di condurre una vita in povertà pronta ad accogliere l altro presso una casa-famiglia. La loro è una famiglia particolare, fuori dalla norma e piena di bellezza pura, che scaturisce da un amore reciproco e senza pretese. Attualmente composta da quindici persone, due sono le figlie naturali di Laura e Luca, ogni componente ha una sua storia alle spalle. Avendo deciso di vivere senza stipendio e rinunciando quindi alla possibilità di una pensione, i problemi economici vengono risolti per il 40% dallo Stato con i contributi assegnati alla casa-famiglia e per il 60% dalla provvidenza Divina, come ha spiegato Luca. bambini per rispondere a questa specie di caccia al tesoro erano costretti ad osservare bene le opere che incontravano nel corso della visita. Schede che ancora oggi vengono utilizzate per le visite di gruppo con i bambini. Nel corso dei mesi di agosto e settembre un ottimo successo hanno avuto le visite guidate agli scavi della cattedrale (due per ogni mese), con cena nel chiostro. Circa 250 i partecipanti. Ancora, il 16 ottobre, alle ore 16.30, nella sala del Dottorato conferenza di presentazione del libro Arte e devozione, Nidiaci Editore, di Divo Savelli, storico dell arte toscano che si occupa delle opere d arte rinascimentali lasciate lungo la via Lauretana. Si parla di grandi nomi: Raffaello, Ghiberti... Verrà presentato da Giordana Benazzi, storica dell arte e mons. Mario Sensi, studioso di vie di pellegrinaggio. Manuela Acito pomeriggio alle ore 16, nel chiostro della cattedrale di San Lorenzo a Perugia (sala Dottorato) incontro su Emergenza cibo: l Italia risponde, intervengono Carla Casciari, assessore regionale welfare e istruzione e Daniela Monni, direttrice Caritas diocesana. I temi: Mondialità e missione della diocesi di Perugia e Emporio Tabgha: l esperienza dell emporio solidale a sostegno delle famiglie in difficoltà. Verrà presentato il progetto Domus mea: saperi e sapori di casa. Nella casa convivono ex-carcerati, exprostitute, bambini vittime di abusi: tutti sotto lo stesso tetto condividendo le difficoltà e le gioie di tutti i giorni, consapevoli del fatto che dentro la casa, non sono più soltanto ex-abusati, carcerati o prostitute, sono persone che vengono accolte senza problemi, limitazioni o pregiudizi e che possono finalmente trovare la pace. La pace che gli viene data dalla certezza di avere qualcuno su cui contare, un fratello, un genitore, che non vede il suo passato quando lo guarda, ma la persona che ora è e che può diventare. Maria Teresa Cappannini BREVI DERUTA Convegno su Urbano IV e messa con il Cardinale La parrocchia di San Francesco in Deruta, con il patrocinio dell Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve, ha organizzato una serie di celebrazioni religiose e di iniziative culturali tra il 2 ed il 7 ottobre. Tra i momenti più importanti ci sarà il Convegno dal titolo: Urbano IV, il Papa del Corpus Domini, in programma il 4 ottobre (ore 15), presso la chiesa di Sant Antonio, moderato da mons. Elio Bromuri, vicario episcopale per la cultura con gli nterventi dei docenti Franco Mezzanotte e Mauro Branda. Seguiranno gli interventi di don Andrea Czortek sui miracoli eucaristici nel XIII secolo, di Sabina Bordino sulla Solennità del Corpus Domini, e di Luca Nulli Sargenti, su arte e fede nel duomo di Orvieto. Domenica 5 ottobre alle ore 18 nella chiesa di San Francesco, il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti presiederà la celebrazione eucaristica con l Unzione degli infermi. Al termine benedirà la targa in onore di Urbano IV il Papa che istituì la Solennità del Corpus Domini e che morì il 2 ottobre 1264 a Deruta. Il suo corpo fu sepolto nella cattedrale di San Lorenzo, dove ancora oggi sono custoditi alcune reliquie. La sua tomba è nelle grotte Vaticane. CATECHISTI Corso di formazione per chi è alle prime armi Scherzando un po su come vengono reclutati i catechisti l Ufficio catechistico diocesano ha titolato Pronto? Sono don Pino il corso di sopravvivenza per catechisti alle prime armi chiamati dai parroci. Si tratta di 6 incontri settimanali in cui saranno approfonditi l essere catechista, il sapere e il saper fare. Le iscrizioni vanno fatte entro il 19 ottobre Il corso inizia il 24 ottobre e si tiene dalle 18 alle presso la parrocchia di Ponte San Giovanni. CATECHESI Corso sul Vangelo di Marco con padre Michelini Inizia il 6 ottobre alle 21 il ciclo di quattro incontri (i lunedì di ottobre) sul Vangelo del Pimo annuncio, il Vangelo di Marco, guidato dal biblista padre Giulio Michelini ofm. Gli incontri promossi dall Ufficio catechistico si tengono al Centro Mater Gratiae di Perugia. SOCIETÀ Anche a Perugia la veglia nazionale di Sentinelle in piedi Il Forum delle Associazioni Familiari dell Umbria aderisce alla prima veglia nazionale unificata delle Sentinelle in piedi, movimento di cittadini che spontaneamente si aggregano per manifestare a favore della famiglia naturale e per la libertà d espressione. I partecipanti domenica 5 ottobre in piazza IV Novembre a Perugia dalle ore alle staranno in silenzio e in piedi leggendo un libro, per ribadire che il matrimonio è solo quello tra un uomo e una donna e che ogni bambino ha il diritto di avere una mamma e un papà. La manifestazione, inoltre, è promossa per ribadire la libertà di esprimere le proprie opinioni su questi temi. ACCADEMIA DEL DÒNCA Premio alla cultura a Brunello Cucinelli Lunedì 6 ottobre l Accademia del Dònca consegnerà a Brunello Cucinelli il premio alla cultura 2014 (attribuito ad un personaggio che ha saputo coniugare efficacemente imprenditoria e cultura) per le numerose le iniziative benefiche, in Italia e in Malawi. Cucinelli ha recuperato il borgo di Solomeo, ha creato un teatro, ha dato sostegno al teatro Stabile dell Umbria, ha contribuito con un sostansioso impegno economico al restauro dell Arco etrusco. Ha saputo creare un azienda del lusso secondo un modello apprezzato in tutto il mondo. Il socio del Dònca Rolando Chiaraluce, uno degli ultimi esponenti del lavoro a tarsie, omaggerà il premiato con una sua opera che gli verrà consegnata dall assessore Teresa Severini. L imprenditore - mecenate verrà intervistato da Donatella Milani.

18 18 LA VOCE Città di Castello VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 BREVI CITTÀ DI CASTELLO Festa di san Francesco La comunità dei francescani Conventuali di Città di Castello ha predisposto un ricco programma in vista della festa di san Francesco d Assisi, patrono d Italia. Signore, donaci la pace, insegnaci Tu la pace, guidaci Tu verso la pace : questa citazione del Papa sottende tutto il programma. Nella chiesa cittadina di San Francesco si sta svolgendo un triduo di preparazione, animato dai parroci dell unità pastorale. Venerdì 3 ottobre alle ore 18 ha luogo la celebrazione del Transito di san Francesco. Alle ore la messa presieduta da don Tonino Rossi. Sabato 4 ottobre, solennità del Santo, le celebrazioni saranno alle ore Alle ore quella presieduta dal vescovo Cancian. Al termine, la benedizione e la distribuzione dei ramoscelli di ulivo. CONCERTO Don Giosy Cento Venerdì 10 ottobre alle ore 21 nella chiesa di Santa Veronica a La Tina (in via Spluga a Città di Castello) avrà luogo un incontro-concerto con don Giosy Cento. Sacerdote e cantautore, don Giosy si esibirà coinvolgendo soprattutto le famiglie della Zona pastorale in occasione dell inaugurazione dell anno catechistico. L ingresso è libero. CULTURA Il Femminile nell arte Madonna: il Femminile nell arte sacra in Umbria è il titolo dell iniziativa regionale che prevede eventi artistici e itinerari culturali (convegni, mostre, incontri e visite guidate tematiche) legate a figure femminili, sante e beate radicate nelle diocesi umbre. La scelta del tema è stata suggerita dal riconoscimento ecclesiale della santità di vita di due figure di donne particolarmente significative per la nostra regione, e non solo: Angela da Foligno e Madre Speranza. Due mistiche dedite alla carità, che hanno saputo esaltare la loro femminilità nei rispettivi contesti storici, sociali ed ecclesiali, insieme ad altre quali santa Chiara, sant Agnese d Assisi, santa Chiara di Montefalco, santa Scolastica, santa Veronica Giuliani. Per quanto riguarda il Museo diocesano di Città di Castello, fino al prossimo 8 marzo saranno realizzate iniziative legate a santa Veronica e alla beata Margherita della Metola. Per informazioni ci si può rivolgere al Museo, tel , (Catia Cecchetti) IN LIBRERIA Buona Notizia Today Tra i sussidi per affrontare il nuovo anno catechistico merita sicuramente una menzione il percorso segnato da Buona Notizia Today. Curati da Paolo Sartor e Andra Ciucci, editi dalle Dehoniane di Bologna, si tratta per la verità di cinque sussidi: il primo dedicato al primo annuncio, il secondo e il terzo alla prima comunione, il terzo e il quarto alla cresima (questi ultimi saranno disponibili il prossimo anno). I sussidi sono affiancati da tre guide - primo annuncio, prima comunione e cresima -, che tracciano il lavoro dei catechisti. Nei mesi scorsi sono usciti i volumi La Via. Verso la Comunione (pag. 64, euro 3.50), La Tavola. Vivere la Comunione (pag. 64, euro 3.50) con relativa guida (pag. 168, euro 15). Pensati per le parrocchie che seguono un cammino tradizionale di preparazione ai sacramenti, i testi sono proposti utilizzando caratteri ben leggibili a tutti i bambini. Prevedono concetti-chiave espressi anche in lingua inglese e spagnola, al fine di favorire l integrazione dei bambini stranieri in parrocchia, o comunque stimolare positivamente i bambini sul fronte dell interculturalità, che essi già sperimentano a scuola e nelle attività sportive. Come fare ad annunciare il Vangelo agli adolescenti oggi? Non è facile dare una risposta. Ci prova il volume di Alessandro Bonetti Facciamoci le storie (Edb, pag. 136, euro 11.50). Gesù, modello dell uomo vero che insegna l amore del Padre, è al centro di questo cammino di evangelizzazione pensato per gli adolescenti. Il percorso segue la pedagogia di Gesù, che per rivelare il suo progetto d amore ha prima incontrato delle persone e ha annunciato il suo Regno; poi, vedendone l incomprensione, ha cambiato linguaggio usando le parabole. Infine, ha deciso di dare se stesso. (Francesco Mariucci) DIOCESI. Festa dei bambini e delle bambine iscritti alle scuole paritarie cattoliche. Le parole del vescovo Cancian Il vescovo Cancian alla festa dei bambini e delle bambine delle scuole paritarie Per loro, diamo il massimo Ordinazione diaconale di Filippo Milli il 5 ottobre Riflessioni sulla famiglia: priorità della coppia sulla genitorialità A U na festa come questa incoraggia famiglie, insegnanti, educatori e tutti gli operatori che si dedicano all infanzia e ai bambini, i quali rappresentano il nostro futuro. Inoltre questa è la terza edizione dell iniziativa, e vedendo l interesse e il numero delle adesioni, possiamo dire che sia una festa ben riuscita così il vescovo mons. Domenico Cancian ha elogiato la Festa dei bambini e delle bambine svoltasi a Città di Castello domenica 28 settembre. L appuntamento rappresenta, da tre anni a questa parte, un momento di ritrovo e di socializzazione per gli iscritti alle scuole paritarie tifernati a pochi giorni dall inizio dell anno scolastico. Con la loro vivacità e il loro entusiasmo, i bambini hanno riempito l intera giornata, dimostrandosi i veri protagonisti di questa festa dal primo all ultimo momento. Filippo Milli Lo stesso giorno in cui il Vescovo consegnerà alla diocesi le Linee pastorali per l anno pastorale , la Chiesa di Città di Castello sarà arricchita da un nuovo diacono: Filippo Milli. Il 24enne tifernate, dopo avere completato la prima parte degli studi teologici al Seminario regionale di Assisi, rice- A TE LA PAROLA Lettere in redazione ccolgo l invito, giunto dalla nostra comunità, di aprire o in un qualche modo sollecitare il dibattito circa il tema della famiglia, già posto in luce dalla recente Assemblea diocesana. È certamente un tema da affrontare con coraggio, perché la famiglia, a mio parere, per fortuna o per sfortuna (dipende dai punti di vista!), è cosa viva e in quanto tale non risponde sempre a schemi preordinati, ma muta e si plasma con la società e i suoi cambiamenti. Il tema famiglia ha mille declinazioni; ma, essendo io sposata da soli tre anni, faccio il punto su un campo così spinoso grazie alle felici esperienze familiari in cui sono potuta crescere e, non di meno, da quanto ho potuto osservare nell attività di educatrice di bambini e ragazzi, a contatto quindi con i loro padri e le loro madri. L argomento che più mi sta cuore La manifestazione è iniziata nel primo pomeriggio con il ritrovo sotto il loggiato Gildoni. A introdurre la giornata è stato lo stesso mons. Cancian, il quale ha ricordato che tutti: famiglie, scuole e Chiesa devono fare il massimo per far crescere al meglio i bambini. Il programma si è svolto lungo quattro percorsi, con altrettante tappe e attività cui hanno partecipato i bambini assieme alle loro famiglie. Presso le stesse logge Gildoni, Damiano Zigrino ha proposto uno spettacolo teatrale di burattini, il Teatro dei genitori di Riosecco; ha poi rappresentato Giacomino e i fagioli magici negli spazi dell istituto San Francesco di Sales, mentre nella sala Santo Stefano del vescovado era presente un laboratorio di Canzoni in movimento, e in piazza Fanti l associazione Lab oratorio ha effettuato delle letture animate. Al termine dell iniziativa e a ricordo del verà l ordinazione diaconale domenica 5 ottobre. La celebrazione, che inizierà alle ore 18, sarà presieduta dal vescovo mons. Domenico Cancian nella cattedrale tifernate. Sabato 4 ottobre, alle ore 21, si terrà una veglia di preghiera nel chiostro delle cappuccine di Santa Veronica Giuliani. In vista dell appuntamento, abbiamo chiesto a Filippo di raccontarsi alla nostra redazione. La mia vocazione ha risposto Filippo ricordando la sua esperienza vissuta da ragazzino e da giovane nella parrocchia di Santa Maria a Promano è nata in parrocchia e tra le tante attività che in quello spazio si svolgono. Ho sempre ammirato e tenuto a modello l impegno dei sacerdoti, nelle difficoltà come nelle mansioni ordinarie, il loro altruismo e la disponibilità che davano nei confronti del prossimo. Nonostante la sua sia una scelta controcorrente rispetto alla tendenza della nostra società, e a dispetto della sua giovane età, Filippo con umiltà e con decisione ha tenuto a precisare che al giorno d oggi, per un ragazzo di vent anni è una scelta coraggiosa anche quella di costruire una famiglia cristiana e di impegnarsi, legandosi per sempre, ad una sola persona. La mia scelta - ha aggiunto - sicuramente significa effettuare alcune rinunce e lasciare morire una parte della mia vita passata ma, come rassicura il Vangelo, chi lascia tutto per seguire Cristo riceverà cento volte tanto, e già ora sento la grandezza di quello che ti dà il Signore, in amicizie, in relazioni umane e nella vita. Ai ragazzi che sono in dubbio e è essere coppia prima ancora di essere genitori. Perché scomodare queste due grandi sfere, la coppia e la genitorialità? Non dicono forse in tanti essere genitori è la cosa più bella del mondo o mio figlio prima di tutto? Non intendo certo mettere in dubbio la buona fede dei genitori che hanno affermato questo, ma vorrei soltanto pensare all essere coppia come fondamento dell essere genitori, ristabilire una priorità, un ordine che non è solo quello del tempo, ma anche quello degli affetti. Credo sia giusto che una coppia si senta famiglia anche senza un figlio, aldilà di quanto gli stereotipi possano condizionare l immaginario. Il sacramento nuziale dà il via a un viaggio che inizia dai due e che può avere carburante per andare avanti solo se costantemente curato, mantenuto e rifornito. In questo tempo in cui la capacità procreatrice della coppia si scontra con molteplici difficoltà sociali (l evoluzione dei ruoli sessuali, la mancanza di lavoro, la pomeriggio passato insieme, tutti i bambini, sulla scalinata del duomo, hanno contribuito a realizzare l arazzo dei bambini e delle bambine. Un iniziativa di questo tipo - ha affermato il Vescovo - è molto importante perché in un modo giocoso e divertente mette al centro il bambino. Un fatto tanto più importante se pensiamo alle difficoltà che gravano su questi ragazzi, le loro famiglie e la scuola. Occasioni come questa servono anche agli educatori, per collaborare e realizzare insieme qualcosa di significativo. Sottolineando l importanza della cultura e dell istruzione, ha continuato: Le scuole cattoliche hanno un valore aggiunto, che va a completare la formazione umana: assieme alle altre conoscenze, infatti, propongono anche una formazione dal punto di vista spirituale. Francesco Orlandini stanno pensando di effettuare una scelta di questo tipo, consiglierei di buttarsi ha detto infine, lanciando un messaggio ai giovani che potrebbero vivere dubbi e incertezze legate a una scelta di vita importante come il sacerdozio. E concludendo: A un ragazzo in dubbio direi di vincere i timori, di trovare coraggio, e fidarsi e affidarsi al Signore. Dopo aver preso questa decisione, io stesso ho sperimentato questa grazia; se fino a qualche anno fa avevo tante paure legate a cosa potessero pensare gli altri, al sentirmi inadeguato per un impegno del genere, ora mi sento trasformato dal Signore e percepisco la Sua vicinanza. Un fatto che mi ha dato maggiore sicurezza e coraggio per affrontare e superare molte incertezze. F. O. crescita del tasso di infertilità anche nei giovanissimi, il protrarsi a dismisura della dipendenza dei figli dai genitori, l aumento delle separazioni ), mi sembra più che mai determinante riscoprire il valore di un uomo e di una donna, che non per forza saranno genitori di un bambino in carne e ossa, ma che non per questo non potranno essere padri e madri di altri progetti, di altre speranze e di altri sogni che possono generarsi dal loro essere coppia, aperta al messaggio del Vangelo, e dunque al prossimo e al mondo intero. Lucia Anderini

19 VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 LA VOCE Città di 19 I nostri donatori di vita CITTÀ DI CASTELLO. Giornata del donatore nel 60 anniversario di fondazione dell Avis locale U n traguardo importante per l Avis di Città di Castello, giunta al 60 anno di fondazione, e che ha festeggiato il 28 settembre la Giornata del donatore. Al mattino in cattedrale, messa solenne concelebrata dal vescovo, mons. Domenico Cancian, e da don Paolo Bruschi, cappellano dell Avis e donatore. Nel salutare i presenti, il Vescovo ha ricordato che il sangue è vita e come l essere donatori supponga una vita corretta. Terminata la messa, si è formato nella piazza cittadina un corteo preceduto dalla filarmonica Puccini, al quale hanno partecipato le rappresentanze di associazioni Avis provenienti da molti Comuni umbri e di altre regioni. Come di consueto, il corteo ha sfilato per corso Vittorio Emanuele sostando poi alla stele dei Caduti dove è stata deposta una corona. Quindi raduno nella sala consigliare per la consegna delle benemerenze ai donatori. Il presidente onorario dell associazione, Antonio Gasperini, dopo aver porto il suo saluto ai rappresentanti delle forze dell ordine, a quelli di altre associazione e a quanti erano nella sala, ha ricordato come nel corso degli anni il numero dei San Giustino e mons. Marconi salutano Sergio Giusti Qualche settimana fa è tornato alla casa del Padre, dopo alcuni anni trascorsi nella malattia, Sergio Giusti. La comunità di San Giustino perde un uomo che, accogliendo il messaggio di Cristo, ha vissuto amando gli altri come se stesso, oltre ad amare Dio con tutto il cuore. Le esequie sono state celebrate presso la chiesa di San Giustino dal neo-vescovo della diocesi di Macerata-Tolentino- Recanati-Cingoli-Treia, mons. Nazzareno Marconi, il quale per una decina d anni è stato vice parroco proprio in quella comunità, avendo così modo di conoscere da vicino Sergio e di apprezzarne la sua infaticabile attività nel sociale. Credo ha detto nell omelia mons. Concorso Axa: votate per Altotevere senza frontiere! S i chiama Nati per proteggere il concorso con cui il gruppo assicurativo Axa ha messo in palio euro per il miglior video realizzato da singoli o associazioni sul tema della protezione intesa nei suoi tanti significati, da quella rivolta alle persone all attenzione al territorio. Altotevere senza frontiere ha partecipato alla sfida raccontando, attraverso donatori sia andato crescendo fino a raggiungere i nel Non ha dimenticato di ricordare, in collegamento con l opera dell Avis, l alta efficienza dell ospedale locale. Il Sindaco ha preso la parola dichiarandosi orgoglioso di seguire l attività di un così alto numero di donatori e rallegrandosi dei 60 anni raggiunti dall associazione. Il presidente regionale, Giovanni Manara, ha ricordato la continuità con cui ha agito e agisce l Avis malgrado le difficoltà attuali. Ha osservato che, anche calando le donazioni, il Servizio sanitario garantisce la soluzione in tutte le situazioni. Il presidente provinciale Roberto Mancini ha fatto presente che oggi vi sono anche extracomunitari tra i donatori. La dott.ssa Speranza Cucciaioni ha ricordato come in alcune situazioni il sangue Marconi che sia doveroso trovarmi qui per salutare Sergio, un amico che mi ha sempre accolto in casa sua con gioia e allegria come se fossi un fratello. Abbiamo partecipato assieme a numerose riunioni, momenti conviviali, attività parrocchiali: in ogni occasione Sergio si distingueva per la sua intelligenza nel promuovere e seguire di persona iniziative di gran valore. È del resto per volontà di Sergio che nel piazzale antistante la chiesa di San Giustino è stata posta una bella statua di san Pio da Petrelcina, il cui culto da diversi anni testimonia la devozione popolare di questo piccolo ma vivace Comune umbro. Anche il presidente onorario delle Acli sia l unico farmaco possibile, quindi la sicurezza che dà avere donatori periodici e l importanza della raccolta differita. Il dott. Fabio Gori ha fatto un excursus sulla storia e l evoluzione della donazione del sangue fino a giungere alla separazione cellulare e alle Banche del sangue. Infine il presidente Paolo Celestini ha chiamato i donatori per la consegna del diploma. A 21 di essi è andato, col diploma, il distintivo in rame per 8 donazioni, a 20 il distintivo in argento (16 donazioni), a 17 il distintivo in argento dorato (24 donazioni), a 5 il distintivo in oro (50 donazioni); distintivo in oro con rubino per 75 donazioni, distintivo in oro con smeraldo (100 donazioni) e un distintivo in oro con diamante al sig. Anselmo Alunni Baldi per ben 122 donazioni. Eleonora Rose altotiberine, elenco delle attività Giuseppe promosse da Giusti. Gildoni, ha Ne ricordiamo rivolto durante le soltanto alcune, come esequie un saluto il suo impegno per all amico Sergio - aiutare le popolazioni che era stato umbre dopo il presidente terremoto del 1997, regionale e Sergio Giusti recandosi con alcuni provinciale delle volontari nei luoghi Acli negli anni 90 - con parole più colpiti dal sisma così da portare commoventi: Caro Sergio, tu sei viveri, coperte, medicinali. Nel stato per me, come per molti altri, 2011, in qualità di presidente del un vero amico. A ogni conferenza e Comitato Caterbi, Sergio ebbe incontro cui abbiamo preso parte, l idea di donare un pulmino al hai lasciato la tua impronta con le centro diurno Altomare, così da tue parole, con le tue riflessioni. facilitare gli spostamento ad Possiamo dire che sei stato, e sarai anziani, malati e disabili. Alla per tutti i giovani, un valido moglie e ai parenti giungano le esempio di vita. Non si può fare un nostre più sentite condoglianze. la figura del vecchio furgone Arturo, la propria storia e quella delle attività promosse e sostenute fin dalla sua nascita nel Un lungo viaggio di protezione dei più deboli, dagli sfollati de L Aquila dopo il terremoto del 2009 (esperienza che ha motivato la costituzione dell associazione l anno successivo) ai bambini della casa famiglia di Raduloc in Kosovo, agli anziani della residenza Muzi-Betti di Città di Castello. Attraverso il suo percorso, Asf ha mostrato il ruolo di protezione svolto sia sul territorio altotiberino, dove rifornisce anche l Emporio della solidarietà della Caritas con il raccolto dell orto solidale gestito dai volontari, sia fuori dai confini regionali o all estero, e ovunque si ritenga possibile e opportuno intervenire per far fronte alle necessità di persone in difficoltà. La storia di Arturo è arrivata in finale insieme ad altri otto partecipanti. Il video può essere visto sul sito dove fino al 24 ottobre è possibile sostenere la candidatura di Asf votando il video Il furgone Arturo cliccando su Vota questa storia. Il procedimento, rapido e gratuito, tanto gioverebbe all associazione tifernate e soprattutto alle tante attività sociali di cui si occupa. L eventuale ricavato della vincita sarebbe infatti destinato all acquisto di un nuovo furgone, un erede del vecchio Arturo che comincia ad avvertire gli acciacchi dovuti all età... La proclamazione del vincitore avverrà il 7 novembre, quando sarà possibile conoscere il destinatario dell ambìto premio. L altruismo di Asf sembra tuttavia essere contagioso: si è recentemente costituita un associazione gemella, o meglio una sezione distaccata: Casentino senza frontiere, perché la solidarietà non ha confini, e con passione e impegno si possono condividere progetti di solidarietà e protezione. Sabina Ronconi BREVI MUSEO DUOMO Clavicembalo e danza Grande successo del concerto tenutosi il 28 settembre, a cura del Kiwanis Club, nel salone gotico del Museo del Duomo. Al clavicembalo il maestro Alessandro Bianconi, di cui è stata, come sempre, altamente apprezzata l interpretazione dei brani scelti che si sono alternati con le prestazioni del soprano Emanuela Agatoni. Ricordiamo che il cembalo in sala era la ricostruzione di un Giusti fatta da Tamburini di Cremona e gentilmente prestato da Alessandro Tetragoni. A un brano di Vivaldi e al Magnificat di Bach è seguito il canto di alcune Arie di Corelli; dopo una Follia di Scarlatti, il canto di Ombra mai fu di Haendel. Eseguiti un minuetto e una bourrée da cembalo e violino, suonato questo da Emanuela Agatoni, tratti dall opera Water Music. È stato poi inserito un ballo settecentesco in costume che ha visto l intervento di Nicolò Mandrelli e Letizia Fiorucci dell associazione Danza classica e moderna. ALTROCIOCCOLATO Il cibo è nudo! Va in scena a Città di Castello dal 10 al 12 ottobre la 14a edizione di Altrocioccolato. Scopo è quello di sostenere i valori del commercio equo-solidale, favorendo la conoscenza di un modello di sviluppo alternativo e offrendo ai produttori del Sud del mondo la possibilità di presentare i frutti del loro lavoro. Il tema di quest anno, Il cibo è nudo, nasce proprio dall idea di spogliare il cibo per mostrarne i lati nascosti. La manifestazione è organizzata da Umbria equo-solidale, associazione che riunisce le Botteghe del mondo e che dal 2005 si occupa di diffondere la cultura del commercio equo. Al centro della mostra mercato, che ospiterà stand di importatori, produttori e artigiani cioccolatieri, ci sarà il cioccolato equo e solidale, biologico e artigianale. La due-giorni sarà poi animata da una fitta rete di eventi culturali: dibattiti, seminari, mostre, musica, arte di strada e laboratori per tutti i gusti. TIFERNO COMICS Dedicato a Marilyn Monroe È stata inaugurata il 27 settembre la 12a edizione di Tiferno Comics, dedicata a Marilyn Monroe. Per l occasione nell auditorium di San Antonio, assieme a Vincenzo Mollica, direttore artistico della mostra, erano presenti anche alcune autorità politiche. Tra gli intervenuti, il presidente della Provincia, Marco Vinicio Guaticchi, il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta, il consigliere regionale Andrea Lignani Marchesani e l assessore alla Cultura della Regione, Fabrizio Bracco hanno ricordato l importanza di una manifestazione in crescita negli anni (tra le e le le presenze nella passata edizione) e dedicata all arte del fumetto. Un arte, quest ultima, che andrebbe considerata al pari delle altre, come ha aggiunto Gianfranco Bellini, presidente degli Amici del fumetto, l associazione organizzatrice dell evento. Ciliegina sulla torta è stata l opera realizzata davanti a palazzo Vitelli, nel pomeriggio, da Bros, uno tra i writer (graffitari) più noti d Europa. L esposizione resterà aperta fino al prossimo 9 novembre, ma la kermesse risulta ricca di iniziative già a partire dal 17 ottobre, con una conferenza dedicata al fumetto. (F. O.) PROTEZIONE CIVILE Eventi per i 20 anni Eventi, incontri con le scuole, formazione a tutto campo e un convegno per i venti anni del gruppo comunale di Protezione civile di Città di Castello, già mobilitato, in stretta collaborazione con la Regione, per organizzare i numeri appuntamenti in programma tra 4 e 18 ottobre. È stato Facebook a fare da apripista alla manifestazione con la pagina Fai una domanda alla Protezione civile che ha esordito sul social network il 28 settembre come canale di dialogo con tutti i potenziali volontari della città. Vogliamo che i venti anni siano un occasione per integrarsi maggiormente con la nostra comunità dichiara la presidente Cecilia Cantoni, sottolineando come accanto a seminari finalizzati a formare i volontari su tematiche emergenti, sono previsti momenti aperti al pubblico e tra questi la visita alla nostra sede nella Cittadella dell emergenza.

20 20 LA VOCE Orvieto.Todi VENERDÌ 3 OTTOBRE 2014 BREVI GIUBILEO - UNITALSI Giornata del malato Domenica 19 ottobre si celebrano a Orvieto il Giubileo diocesano del malato e la Giornata del malato Unitalsi - sez. Umbria. Alle ore 9 ci sarà l accoglienza in piazza Duomo, alle 10 il passaggio attraverso la Porta santa, alle la messa presieduta dal Vescovo e alle ore 13 il pranzo. Alle ore in duomo si svolgerà un incontro con testimonianze, con la partecipazione del sacerdote cantautore Giosy Cento. COLLEVALENZA Convegno adorazione Dal 9 al 12 ottobre si terrà a Collevalenza il 5 Convegno nazionale dell Adorazione eucaristica perpetua, che vedrà gli interventi di mons. Tuzia, mons. Cancian, mons. Mauro Parmeggiani, vescovo di Tivoli, don Gianni Castorani collaboratore di padre Daniel Ange e padre Riccardo Barile. Per informazioni e iscrizioni: convegno5/convegno.asp3.html. MADRE SPERANZA Seminario di studio on-line Mercoledì 8 ottobre alle ore 22, da Collevalenza, si terrà un seminario on-line, da su Madre Speranza e l eucarestia. Sarà possibile fare interventi e/o domande. Partecipare è semplice: basta registrarsi sul sito https://attendee.gotowebinar.com/ register/ , compilare i campi richiesti (nome, cognome, , città e nazione) e confermare la registrazione; dopodiché si riceverà via mail un link personalizzato, al quale accedere dieci minuti prima di ogni sessione, accettando le richieste del sistema. Chi ha già partecipato ai precedenti seminari non deve effettuare una nuova registrazione, riceverà automaticamente una mail con il link per connettersi. CULTURA Puntiamo sull archeologia Il 29 settembre al Museo Faina, alla presenza di un vasto pubblico, si è svolta l inaugurazione della mostra Mario Bizzarri, archeologo fuori dagli schemi. L iniziativa ripercorre la vita dell archeologo, del professore e dell uomo, ed è occasione per proporre un progetto di ampio respiro che riesca a investire sulla storia degli Etruschi creando un motivo di attrazione per Orvieto. A detta degli addetti ai lavori, i tempi per Orvieto sono maturi per questa strada di sviluppo: Orvieto potrebbe concretamente proporsi come il cuore archeologico e simbolico dell Etruria che, investendo sulla valorizzazione della storia e della cultura, potrebbe confrontarsi da protagonista con altre realtà nazionali e mondiali. DIOCESI. Festa dell Amore Misericordioso al santuario di Collevalenza Credo nella Misericordia Le liturgie presiedute, rispettivamente, dal card. José Saraiva e dal vescovo Benedetto Tuzia, con la sintesi delle loro omelie D omenica 28 settembre si è celebrata a Collevalenza la festa diocesana del santuario dell Amore Misericordioso. Grande festa con la quale la Chiesa ci ricorda che tutti siamo chiamati ad annunziare e testimoniare la Misericordia che è il cuore del Vangelo. Lo ha rivelato Gesù stesso portando a compimento la progressiva rivelazione della paternità amorosa di Dio, iniziata nell Antico Testamento. Alle ore 11.30, il card. José Saraiva ha presieduto una solenne concelebrazione eucaristica, animata dal coro Edi Toni di San Vito di Narni. All inizio della sua omelia, il Cardinale si è rivolto alla famiglia dell Amore Misericordioso con queste parole: Cara Famiglia dell Amore Misericordioso! La beata Speranza di Gesù, al secolo Maria Josefa Alhama Valera, con il suo amore materno vi appartiene in modo speciale, e con il suo carisma è stata nella Chiesa la vostra fondatrice. In quanto beata, da oggi e per sempre appartiene a pieno titolo a quanti vivono nella Chiesa universale! Ella è stata interprete con generosa, indefettibile e amorevole fedeltà alla santità di Cristo, unico e vero Santo, da cui germoglia la santità che scaturisce dal sacramento battesimale e si sviluppa nella risposta personale, libera e perseverante. Alle ore ha avuto inizio la solenne messa presieduta dal vescovo mons. Benedetto Tuzia, con la partecipazione del vicario generale mons. Antonio Cardarelli, del clero diocesano e dei Figli dell Amore Misericordioso con il rettore del santuario padre Ireneo Martin. All omelia mons. Tuzia, ricordando la recente beatificazione con la quale la Chiesa ha invitato i fedeli a dare lode e riconoscenza a Dio Padre misericordioso per la santità che ha fatto risplendere nella vita di Madre Speranza, ha detto: Madre Speranza ha creduto nell Amore misericordioso, ne è stata profondamente segnata; ne è stata l apostola. Credere, per Madre Speranza, è stato un affidarsi all Amore misericordioso che sempre accoglie e perdo- Il card. Saraiva al momento della consacrazione E ssere santi - ha detto il card. José Saraiva - non può equivalere solo a essere buoni; ma essere santi deve significare essere per sempre di Dio! La santità ha origine da Dio, come Colui dal quale discende e riconduce a Sé ogni cosa. La santità è una scala speciale e sicura che ci conduce verso il cielo. È un patto che Dio stipula con l uomo. Nel Vangelo della parabola del padre buono, che ci viene presentata in questa santa liturgia, è posto in evidenza un tratto che custodisce la bellezza dell amore di Dio. Questo tratto è la Sua misericordia, quale forza che genera e custodisce l amore, che sana ogni forma di frattura e di lacerazione con Dio. Nella parabola si coglie la natura pedagogica della na, che sostiene e aiuta l esistenza e che si mostra potente nella sua capacità di raddrizzare le storture della nostra storia. La misericordia è la carezza di Dio sul mio peccato la misericordia è la chiave della vita cristiana. Ogni vero incontro con Dio (ha detto Papa Francesco) fa scattare il grilletto della misericordia. C è un immagine molto conosciuta che rappresenta il punto più alto della parabola ascoltata, nella lettura del Vangelo di oggi; è il quadro del pittore fiammingo Rembrandt, dipinto alcuni anni prima della morte; un icona da contemplare a lungo. Un padre in piedi, fuori della casa dove ha atteso a lungo il ritorno di suo figlio; e inginocchiato ai suoi piedi, un giovane. Colpisce l ampio mantello del padre, con il quale sembra voler ricoprire una vita squarciata. La luce della Misericordia illumina questo quadro di vita che ci interpella Misericordia che non solo blocca il male e la distruzione, ma cambia, trasforma, rinnova, rigenera e produce gioia. La liturgia è stata animata dai cori del santuario e da quello della città di Todi. Antonio Colasanto I tratti della santità cristiana misericordia, che diviene dinamica, e da cui scaturiscono l attesa paziente di chi antepone alla logica sempre il cuore; l accoglienza che sconfigge il rancore con l amore; l abbraccio, espressione sublime della carità che vede nella croce l emblema dell accoglienza universale di Gesù, in cui visibilmente le sue braccia sono aperte, spalancate, perché inchiodate sulla croce, unica e vera fonte dell amore supremo. Il fulcro dell intero racconto evangelico, fino a imprimere il carattere profondo al valore della misericordia, è la rinascita, la quale costituisce, per la fede cristiana, il grande miracolo generato dalla Misericordia che infonde con speranza la vita nuova, fino a dimenticare le nostre colpe. Un momento della celebrazione con le confraternite in processione CONFRATERNITE. Primo meeting dei responsabili diocesani Eventi giubiliari a Bolsena e Orvieto N ei giorni dal 19 al 21 settembre si sono date appuntamento a Bolsena oltre duemila persone, confratelli di Lazio, Umbria e del Ss. Sacramento convocati qui dalla Confederazione delle confraternite delle diocesi d Italia e dal suo presidente, Francesco Antonetti, di origini bolsenesi. L evento si inscriveva nell ambito del Giubileo eucaristico straordinario a ricordo del 750 anniversario del miracolo eucaristico (Bolsena, 1263) e dell istituzione della festività del Corpus Domini (Orvieto, bolla Transiturus, 1264). L emozione dei partecipanti è stata subito fortissima, fin dal momento in cui mons. Mauro Parmeggiani, vescovo di Tivoli e assistente ecclesiastico della Confederazione delle confraternite delle diocesi d Italia, ha portato l ostensorio con mani ferme ma viso commosso fuori della Porta santa. Adorare il mistero del Cristo eucaristico e aumentare il servizio ai fratelli più indigenti queste le motivazioni principali che il presidente Antonetti mette alla base di questo grande raduno delle confraternite, come 750 anni fa continua quando a Bolsena si ebbe il grande prodigio del miracolo eucaristico. Siamo qui proprio per adorare questa Presenza e anche per testimoniare la nostra realtà confraternale, fatta di migliaia di sodalizi il cui carisma di religiosità popolare sembra oggi rivitalizzarsi grazie al sostegno e all appoggio di Papa Francesco. L incontro prevedeva, oltre a occasioni di intensità spirituale, anche momenti di incontro con la convocazione di due assemblee, una fra i priori delle confraternite e la seconda con i delegati diocesani. Una grande novità, dato che era la prima volta che sacerdoti al servizio dei confratelli si ritrovavano a parlare e scambiarsi esperienze di pietà popolare. I delegati diocesani sono infatti giunti in rappresentanza della maggior parte delle diocesi regionali, di tutto il territorio nazionale; i sacerdoti sono stati accolti in Curia ad Orvieto da mons. Benedetto Tuzia, vescovo di Orvieto - Todi, il quale ha augurato loro un proficuo lavoro e caritatevole scambio di esperienze. I lavori dell assemblea sono stati estremamente interessanti. Dopo la relazione introduttiva di mons. Parmeggiani, sul tema Il servizio del sacerdote delegato diocesano delle confraternite, alla luce dell esortazione apostolica Evangelii guadium di Papa Francesco, sono seguiti gli interventi degli assistenti, tra cui molto molto seguito quello dei delegati di Senigallia (don Umberto Gasperini) di Salerno (don Generoso) di Tortona (don Giovanni) e del delegato del Vicariato di Roma mons. Antonio Interguglielmi. Quest ultimo, riprendendo le stimolanti riflessioni della relazione di mons. Parmeggiani e le proposte dei confratelli, ha riassunto nell importanza della formazione ai confratelli e dell apertura alla conoscenza storica anche del patrimonio ecclesiastico delle confraternali, le direttrici all interno del quale far conoscere la ricchezza del carisma delle confraternite. Antonello Cavallotto

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Decisioni ordinarie del Presidente dell'assemblea legislativa IX Legislatura Anno 2015

Decisioni ordinarie del Presidente dell'assemblea legislativa IX Legislatura Anno 2015 Decisioni ordinarie del Presidente dell'assemblea legislativa IX Legislatura Anno 2015 N. DATA OGGETTO 25 22/06/2015 Concessione del patrocinio gratuito e utilizzo del logo dell'assemblea legislativa -

Dettagli

IL PERDONO DI ASSISI

IL PERDONO DI ASSISI IL PERDONO DI ASSISI Il Perdono di Assisi è una manifestazione della Misericordia infinita di Dio e un segno della passione apostolica di San Francesco Indulgenza della Porziuncola 2 AGOSTO Festa della

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016 PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016 DOMENICA 10 Gennaio Battesimo di GESU' ore 9,00-11,00 S.MESSA Battesimo : FISCHIETTI Rebecca LUNEDI' 11 Gennaio Non c'è la messa ore

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Programma* Ore 11.00 13.00 Insieme per la pace, la fraternità e il dialogo Assemblea plenaria di apertura del Meeting in Piazza San Francesco

Programma* Ore 11.00 13.00 Insieme per la pace, la fraternità e il dialogo Assemblea plenaria di apertura del Meeting in Piazza San Francesco Sui passi di Francesco Meeting nazionale degli studenti e degli insegnanti, delle scuole e degli enti locali per la pace, la fraternità e il dialogo Assisi, 14-15 aprile 2014 Programma* Lunedì 14 aprile

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12

SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 SECONDA TAPPA verso il CoMiGi 12 Da discepoli a testimoni. La Parabola di Pietro. Il tema vuole mettere in luce quel discernimento che ha visto divenire Pietro da un semplice discepolo ad un testimone

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Vorrei avere mille lingue. Settimana di Animazione Missionaria. 10-18 ottobre 2015 PARROCCHIA SAN GASPARE DEL BUFALO

Vorrei avere mille lingue. Settimana di Animazione Missionaria. 10-18 ottobre 2015 PARROCCHIA SAN GASPARE DEL BUFALO Settimana di Animazione Missionaria in occasione dei festeggiamenti in onore di San Gaspare del Bufalo e del Bicentenario di fondazione di Missionari del Preziosissimo Sangue Vorrei avere mille lingue

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Salva una vita Un progetto dei Missionari Cappuccini per salvare la vita ai bambini cardiopatici in Africa

Salva una vita Un progetto dei Missionari Cappuccini per salvare la vita ai bambini cardiopatici in Africa Salva una vita Un progetto dei Missionari Cappuccini per salvare la vita ai bambini cardiopatici in Africa Un progetto di sostenuto da Chi siamo I Cappuccini Per la strada, i Cappuccini sono quelle persone

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

MISSIONI PARROCCHIALI:

MISSIONI PARROCCHIALI: MISSIONI PARROCCHIALI: BOSSICO 11 26 OTTOBRE 2008 Spesso i lontani sono gente male impressionata da noi sono spesso più esigenti che cattivi se non vi abbiamo compresi, se non siamo stati capaci di ascoltarvi

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

La piramide dei valori. Presentazione e conoscenza. 10 gennaio 2013. 17 gennaio 2013

La piramide dei valori. Presentazione e conoscenza. 10 gennaio 2013. 17 gennaio 2013 Presentazione e conoscenza Presentazione e conoscenza 10 gennaio 2013 La piramide dei valori La piramide dei valori 17 gennaio 2013 - Anche il vostro incontro non è stato un caso. E origine di un qualcosa

Dettagli

Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII

Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII Diocesi di Bergamo Presentazione delle iniziative per la Canonizzazione di Papa Giovanni XXIII Lo scorso 30 settembre Papa Francesco ha annunciato l evento straordinario della Canonizzazione di Papa Giovanni

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia Arcidiocesi di Pesaro Giubileo Straordinario della Misericordia Vogliamo vivere questo Anno Giubilare alla luce della Parola del Signore: Misericordiosi come il Padre. Misericordia è la via che unisce

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù Settembre 2009 dal 5 al 13 FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù 8 Martedì 4 giorni catechisti (ore 15.00 al Palladium) Riscoprire l iniziazione cristiana Consiglio Pastorale Decanale

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 La Parrocchia Gesù Maestro Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 Carissimi la Chiesa, dallo scorso novembre, celebra l Anno della Vita Consacrata e invita tutti noi a riscoprire la vocazione di

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Ordine Francescano Secolare d Italia Fraternità Regionale della Liguria

Ordine Francescano Secolare d Italia Fraternità Regionale della Liguria Ordine Francescano Secolare d Italia Fraternità Regionale della Liguria Circolare n. 1/2014 Genova, 29 ottobre 2014 Carissimi fratelli e sorelle Ministri di Fraternità, Padri Assistenti, sia lodato Gesù

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

"IL MIO GESÙ": UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE AL TEATRO MANZONI

IL MIO GESÙ: UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE AL TEATRO MANZONI "IL MIO GESÙ": UNO SPETTACOLO DA NON PERDERE AL TEATRO MANZONI Domenica 13 Marzo alle ore 21.00, presso il Teatro Manzoni di Pistoia va in scena Il Mio Gesù : un opera musicale di Beppe Dati sulla figura

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli