Il primo quotidiano di annunci e comunicati ufficiali. Banca Ifis, utile sale a mila euro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il primo quotidiano di annunci e comunicati ufficiali. Banca Ifis, utile sale a 7.772 mila euro"

Transcript

1 Milano, 26 Novembre 2007 II Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS S.p.A.- attiva nel finanziamento alle imprese quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, riunitosi sotto la presidenza di Sebastien Egon Fürstenberg ha approvato i risultati del terzo trimestre «I risultati del terzo trimestre 2007 dimostrano ancora una volta la validità del modello di business basato su un operatività finanziaria asset based che dà maggiore facilità di accesso al credito alle imprese italiane ed estere», ha dichiarato Giovanni Bossi, amministratore delegato di Banca IFIS, che prosegue: «nel quadro del recente cambiamento del contesto di mercato che rende più selettiva la concessione del credito alle imprese, Banca Ifis ha confermato il proprio ruolo attivo nei confronti della clientela dando continuo sostegno e introducendo nuovi servizi per il supporto al capitale circolante delle Il primo quotidiano di annunci e comunicati ufficiali Nel corso del terzo trimestre 2007 il gruppo ha registrato un turnover pari a 766 mln di euro (+40,6%) Rdb Angelo Monteleone lima quota al 2,649% Il consigliere d'amministrazione Angelo Monteleone ha ridotto, il 24 ottobre scorso, la partecipazione detenuta nel capitale di Rdb dal 2,745% del 19 giugno al 2,649%. Lo si apprende dalle comunicazioni societarie alla Consob. Banca Ifis, utile sale a mila euro Margine di intermediazione mila euro, +66,2% rispetto a mila del 3 trimestre 2006 imprese. In questa fase congiunturale, infatti, la disponibilità a continuare il finanziamento alle imprese con flessibilità è un fattore fondamentale». Nel corso del terzo trimestre 2007 il Gruppo Banca IFIS ha registrato un turnover (volume dei crediti acquisiti) pari a 766 milioni di euro (+40,6% rispetto ai 545 milioni di euro dell omologo periodo del 2006) portando la crescita nei volumi al 30 settembre 2007 al 31,9% ( milioni di euro contro milioni di euro al 30 settembre 2006). Il margine di interesse ha raggiunto mila euro contro i mila euro del terzo trimestre 2006 (+40%).Il margine commissioni nette ha registrato un incremento nel terzo trimestre (+54,9%), legato alla tipologia delle operazioni poste in essere, caratterizzate da una rilevante componente di servizio, passando da mila euro nel terzo trimestre 2006 a mila euro nel terzo trimestre Per effetto delle due voci precedenti e di utili da cessione di attività finanziarie, il margine di intermediazione nel terzo trimestre passa da mila euro a mila euro 1 (+66,2%) mentre l'incremento dei primi nove mesi del margine di intermediazione è del 28,1% passando da mila euro al 30 settembre 2006 a mila euro al 30 settembre Le rettifiche di valore su crediti sono pari a mila euro, in aumento rispetto ai 335 mila euro nel terzo trimestre I costi operativi hanno registrato un incremento passando da mila euro nel terzo trimestre 2006 a mila euro nel terzo trimestre 2007 (+63,3%), dovuti all espansione dell attività e al potenziamento della struttura. L'utile al lordo delle imposte del terzo trimestre 2007 si attesta a mila euro rispetto a mila euro dell omologo periodo del 2006 (+53,8%) con un incremento nei nove mesi del 26,9% ( mila euro al 30 settembre 2006 contro mila euro al 30 settembre 2007). Al netto delle imposte (che passano da mila euro a mila euro, +15,1%) l'utile netto del trimestre è pari a mila euro contro mila euro nel terzo trimestre 2006 (+76,2%) con un utile netto nei nove mesi che raggiunge i mila euro contro mila euro al 30 settembre 2006 (+41,1%). Il totale delle sofferenze nette verso la clientela si attesta a mila euro, in diminuzione rispetto al 30 giugno 2007 (-9,7%) e al 31 dicembre 2006 (-3,7%). L incidenza delle sofferenze nette sul totale dei crediti verso clientela al 30 settembre 2007 si porta allo 0,8%, in diminuzione rispetto allo 0,9% al 30 giugno 2007 e al 31 dicembre Il totale degli incagli si attesta, a valori netti di bilancio, a mila euro, contro i 925 mila euro al 30 giugno L incidenza degli incagli netti sul totale dei crediti verso clientela si porta allo 0,2% rispetto allo 0,1% del 30 giugno Il totale delle sofferenze e degli incagli netti verso clientela risulta pertanto pari a mila euro al 30 settembre 2007 (+3,6% rispetto al 30 giugno 2007; +3% rispetto al 31 dicembre 2006). (continua a pag. 3) Kerself PA Masselli sale al 26,936% Il 13 novembre scorso il presidente e a.d. Pier Angelo Masselli ha incrementato la partecipazione detenuta direttamente ed indirettamente nel capitale di Kerself dal 24,820% del 7 novembre al 26,936%. Lo si apprende dalle comunicazioni societarie alla Consob, dalle quali risulta che il 3,772% e' detenuto tramite Immobiliare Ve-Ga Spa.

2 1AGENDA 1. Dati Macro - 26 Novembre 2007 FRANCIA 8h45 - indice fiducia imprese novembre (precedente: 108; previsione: 107; consenso: 107) ACEA 8h00 - immatricolazioni veicoli commerciali Europa ottobre (precedente: +7,8% a/a a unita') 2AGENDA 2. Appuntamenti - 26 Novembre 2007 INCONTRI Milano 9h00 Osservatorio sul Marketing Territoriale Milano Internazionale. Le opportunita d Investimento. Partecipano, fra gli altri, Carlo Sangalli, Bruno Ermolli, Pietro Modiano, Paolo Fiorentino, Luigi Roth. (Via Meravigli 9/B) Napoli 9h00 Conferenza Nazionale sulle Infrastrutture Mobilita e Intermodalita. Partecipano, fra gli altri, Antonio Di Pietro Mauro Moretti, Paolo Buzzetti, Pietro Ciucci, Rosa Russo Jervolino, e Nichi Vendola. (Palazzo dei Congressi Stazione marittima) Roma 9h00 Workshop Abi su Utilizzo della posta elettronica e della rete Internet nel rapporto di lavoro. (Largo S.Lucia Filippini 20) Roma 9h30 Convegno L Europa delle Carte - Efficienza, Sicurezza e Opportunita per consumatori, imprese e Pubblica Amministrazione. Partecipa, fra gli altri, Giuseppe Zadra, (Ergife Palace Hotel Via Aurelia, 619) Milano 14h00 Consegna ad Eni del premio Iza Awards. (Fondazione Eni Enrico Mattei, cso Magenta, 63) Mediobanca: riumion edel comitato Nomine Cda: Aicon Consob Newsletter Antitrust Bollettino Assemblea Generale Bie, a Parigi, per la presentazione della candidatura di Milano all Expo Partecipa Romano Prodi. 2

3 3BILANCI & RISULTATI Price Sensitive TRIMESTRE AL 30 SETTEMBRE 2007 Enìa, ricavi 832,3 mln di euro Ebitda 114,1 mln di euro (+10,5%) Il Consiglio di Amministrazione di Enìa S.p.A. ha approvato la relazione trimestrale al 30 settembre Nei primi 9 mesi del 2007 Enìa ha conseguito ricavi consolidati per 832,3 milioni di euro rispetto agli 885,6 milioni di euro del 2006, per effetto della minor domanda di gas dettata dalle particolari condizioni climatiche dell anno e dei più penalizzanti metodi tariffari per la vendita del gas. L EBITDA ha raggiunto i 114,1 milioni di euro, in aumento del 10,5%, rispetto ai 103,2 milioni di euro del 2006, con un incidenza sui ricavi consolidati del 13,7%. L EBIT si è attestato a 52,9 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto ai 48,1 milioni di euro dello stesso periodo dell anno precedente, con una incidenza sui ricavi consolidati pari al 6,4%. Il risultato di esercizio si è attestato a 17,7 milioni di euro, in linea con i 17,9 milioni di euro dello stesso periodo del La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2007 è pari a 548,4 milioni di euro in netto miglioramento rispetto ai 657,7 milioni di euro del 30 giugno 2007, con un incidenza del 43,7% sul capitale investito contro il 55,4% del primo semestre. Il patrimonio netto consolidato al 30 settembre 2007 è di 707,0 milioni di euro (451,3 milioni di euro al 31 dicembre 2006). Gli investimenti lordi effettuati, che ammontano a 81 milioni di euro, hanno riguardato principalmente lo sviluppo ed il potenziamento delle reti (distribuzione gas ed energia elettrica, reti idriche e BANCA IFIS (segue da pag. 1) L incidenza del totale delle sofferenze e degli incagli netti sul totale dei crediti verso clientela è pari all 1%, invariata rispetto al 30 giugno 2007 (1,1% al 31 dicembre 2006); l incidenza del totale delle sofferenze e degli incagli netti sul patrimonio netto è pari 7,9%, anche questa invariata rispetto al 30 giugno 2007 (7,7% al 31 dicembre 2006). Evoluzione prevedibile della gestione Le previsioni sull andamento dell economia nell ultimo trimestre del 2007 e teleriscaldamento) e la manutenzione e lo sviluppo degli impianti del Gruppo. Al 30 settembre 2007 la capitalizzazione di Borsa del titolo Enìa era pari a milioni di euro. Nel terzo trimestre dell esercizio 2007 il valore del titolo ha registrato una performance positiva del 6,6%, passando dai 10,10 euro del collocamento a un prezzo medio nel trimestre di 10,77 euro. Principali risultati consolidati del terzo trimestre 2007 I risultati del terzo trimestre dell esercizio 2007 evidenziano un significativo incremento della marginalità rispetto allo stesso periodo dell anno precedente e un significativo recupero delle performance anche rispetto ai primi mesi dell anno, su cui avevano inciso in maniera rilevante la contrazione dei volumi venduti e la significativa riduzione delle tariffe di vendita del gas. Infatti nel corso del terzo trimestre 2007 Enìa ha conseguito ricavi consolidati pari a 241,6 milioni di euro, in crescita del 3,8% rispetto ai 232,7 milioni di euro del terzo trimestre L EBITDA si è attestato a 24,6 milioni di euro, in aumento del 54,7% rispetto ai 15,9 milioni di euro dello stesso periodo dell anno precedente, mentre l EBIT si è attestato a 4,4 milioni di euro, rispetto al valore negativo di 0,8 milioni di euro del La crescita di tutti gli indicatori e la completa messa a regime della ristrutturazione organizzativa e societaria del Gruppo ha commentato il Presidente Andrea Allodi ci consentirà di per il 2008 consentono di valutare con un moderato ottimismo lo scenario sul quale opererà Banca IFIS. L attitudine del sistema bancario al finanziamento delle PMI appare moderata e in contrazione, essendo condizionata sia da valutazioni di conformità ai requisiti di Basilea 2, sia dalla repentina rivalutazione del rischio di credito rilevabile sul mercato. Ciò conduce in talune circostanze ad una minore disponibilità di credito per le imprese e, in ogni caso, a costi più elevati in termini di spread rispetto al parametro di riferimento, soprattutto per 3 giungere alla piena integrazione industriale e ad un ancora maggiore rafforzamento della posizione di Enìa. Questo sia nei settori energetici sia dal lato dei costi operativi, grazie alle economie di scala dovute alle cresciute dimensioni del Gruppo. Nei primi 9 mesi del 2007 ha dichiarato l Amministratore Delegato Ivan Strozzi il Gruppo ha ottenuto positivi risultati che, insieme al buon andamento della partecipazione in Delmi e alle risorse ottenute dalla quotazione, ci permettono di prevedere anche un positivo andamento per la chiusura dell anno e una progressiva ottimizzazione delle risorse finanziarie. Chi è Enìa Enìa, è una delle principali società multiutility italiane e fornisce servizi di pubblica utilità (gas, energia elettrica, acqua, rifiuti e teleriscaldamento) nelle Province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza. La società è nata dalla fusione delle aziende Agac di Reggio Emilia, Amps di Parma e Tesa Piacenza, avvenuta nel marzo del Enìa ha chiuso l esercizio del 2006 con ricavi pari a milioni di euro, in crescita del 15,3% rispetto ai 1.063,2 milioni di euro dell'esercizio precedente, un EBITDA di 143,2 milioni di euro in crescita del 2,9% rispetto ai 139,2 milioni di euro dell esercizio precedente e un risultato netto di Gruppo pari a 27,1 milioni di euro, con un incremento del 37,7% nel confronto con l esercizio precedente. la clientela con merito creditizio medio o modesto. E pertanto possibile prevedere un incremento nei margini per gli operatori che operano nel comparto, cui si potrebbe accompagnare un accresciuta rischiosità negli impieghi generali bancari nei confronti delle imprese; tale maggiore rischiosità a sua volta potrebbe risultare contenuta dall utilizzo di operatività come il factoring che comporta il trasferimento del rischio su controparti meritevoli. Le prospettive per Banca IFIS si confermano pertanto positive e consentono ottimismo sull andamento della gestione nel suo complesso.

4 3BILANCI & RISULTATI Price Sensitive SOLUZIONI SOFTWARE Txt e-solutions, ricavi +3,5% Ebitda sale a 1,22 mln (+38%) Il Consiglio di Amministrazione di TXT e-solutions, società internazionale specializzata nella fornitura di soluzioni software per Demand & Supply Chain Management e per Multichannel Content Management, presieduto dall Ing. Alvise Braga Illa, ha approvato i dati relativi al terzo trimestre I ricavi consolidati si sono attestati ad Euro 12,2 milioni, in crescita di circa il 3,5% rispetto al terzo trimestre 2006 (11,8 milioni di Euro). La crescita è stata realizzata anche grazie all ingresso di clienti internazionali, tra cui Daregal (F), Yeo Valley Farms (UK), NKD Vertriebs (G), Findomestic (I). Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) di periodo si attesta a 1,22 milioni di Euro (0,88 milioni di Euro al 30/9/2006) con un incremento del 38% circa, confermando il trend di miglioramento della marginalità che si incrementa di 250 bps nel trimestre 2007, passando dal 7,5% nel III trimestre 2006 al 10% nel III trimestre del Tale aumento è essenzialmente dovuto alla riduzione dei costi e a una maggiore efficacia operativa; in particolare, nel trimestre si è registrata una diminuzione dell incidenza sui ricavi consolidati degli acquisti di servizi esterni e materiali (34% sui ricavi nel III trimestre 2007 vs 38% sui ricavi nel III trimestre 2006). Il Risultato Operativo (EBIT) ammonta a 0,17 milioni di Euro, contro un valore negativo di 0,28 milioni di Euro nel III trimestre Il Risultato prima delle imposte è 0,06 milioni di Euro, leggermente positivo, contro un risultato negativo di 0,27 nel IIIQ2006. L Indebitamento Finanziario Netto consolidato della Società al 30 settembre 2007 è di Euro 2,8 milioni rispetto ad Euro 0,1 milioni al 30 giugno Si segnala che nei primi nove mesi del 2007 i ricavi da licenze e manutenzioni sono passati da 5 a 6,4 milioni di Euro, con un aumento del 28%. Evoluzione prevedibile della gestione Nel terzo trimestre del 2007 il gruppo TXT e-solutions ha proseguito la strada della crescita della redditività, a fronte di ricavi in leggero aumento, in linea con i programmi di miglioramento della competitività del Gruppo e grazie anche agli investimenti in nuove linee di attività ed in nuovi mercati geografici. Il Consiglio di Amministrazione di TXT e- solutions ha inoltre discusso il piano di lancio dei nuovi prodotti per l anno I risultati del terzo trimestre 2007 sono complessivamente in linea con le nostre previsioni ed evidenziano i primi positivi effetti dell attuazione del nostro piano - dichiara Alvise Braga Illa, Presidente e Amministratore Delegato Continuiamo ad essere fortemente concentrati nello sviluppo della nostra attività al fine di creare le migliori condizioni nel breve e nel medio termine. Il Consiglio di Amministrazione di TXT e-solutions S.p.A. ha nominato l ing. Marco Guida quale dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari ai sensi dell art bis. Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili. Chi è Txt e-solution TXT e-solutions S.p.A. opera a livello internazionale nella fornitura di soluzioni software ed è leader in Europa in Strategic Enterprise Solutions, nei settori industriali, dei media e delle telecomunicazioni. Le principali aree di competenza sono Demand & Supply Chain Management (SCM), e Multichannel Content Management, con prodotti e soluzioni realizzate da TXT Polymedia (controllata al 100%). Quotata nel segmento Star di Borsa Italiana (TXTS), TXT impiega circa 560 dipendenti. La società ha sede in Milano con uffici a Genova, Torino, Vicenza, Bari, Perugia, Roma, Parigi, Lione, Barcellona, Chemnitz (Dresden), Halle (Leipzig), Haarlem, Londra e New York. 4

5 4Gsi Computer AZIONISTI & CAPITALI Lavori in corso ACQUISIZIONI NoemaLife acquisisce NoemaLife S.p.A. annuncia di avere sottoscritto in data odierna il contratto definitivo per l acquisto dell azienda di GSI Computer di Valgiusti Giovanni con sede a Cesena ( GSI ). GSI opera dal 1993 nella produzione e commercializzazione di software per lo screening oncologico. Con oltre trenta installazioni in 16 ASL, GSI è uno dei principali player in questo promettente settore. Il ramo d azienda oggetto di acquisizione comprende: il diritto di proprietà CORNELL Aumento capitale da 15 mln L'assemblea straordinaria degli azionisti di Cornell Bhn ha deliberato di aumentare il capitale sociale a pagamento della societa', con esclusione del diritto di opzione, per un importo di 15 mln euro, mediante emissione di 30 mln azioni ordinarie da offrire in sottoscrizione al fondo d'investimento YA Global Investment, per il tramite della controllata YA Global Dutch. Lo si apprende da una nota in cui si ricorda che la proposta di aumento di capitale era gia' stata approvata dall'assemblea di Cornell il 26 luglio scorso e il termine previsto per l'esecuzione di tale aumento era stato fissato nel 20 ottobre, data entro la quale non si era pero' conclusa la procedura per il rilascio dell'autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo da parte della Consob. L'assemblea odierna dei soci ha inoltre deliberato di attribuire al Cda tutti i piu' ampi poteri per dare esecuzione all'aumento di capitale. e di sfruttamento commerciale illimitato nel tempo del software per lo screening oncologico prodotto e commercializzato da GSI, il relativo know how e i contratti di licenza d uso del software e/o di assistenza in relazione al medesimo conclusi da GSI con i propri clienti. GSI ha realizzato nel 2006 ricavi per circa 200 mila Euro. La posizione finanziaria netta dell azienda ceduta è pari a zero. Il contratto di acquisto dell azienda prevede un corrispettivo di DATA SERVICE Acquista Universo Servizi da Intesa Sanpaolo Data Service ha acquisito il 100% di Universo Servizi, societa' attiva nel settore dei servizi IT per il mercato assicurativo, dal gruppo Intesa Sanpaolo. L'operazione, si apprende da una nota, prevede una valorizzazione di Universo Servizi pari a 20 mln euro, prezzo che per il 50% verra' corrisposto al closing, previsto entro il 31 dicembre, e per il residuo 50% a 12 mesi dalla chiusura stessa. Universo Servizi presenta un fatturato pro-forma di 15 mln euro e una redditivita' a livello di Ebitda prevista per il 2007 di 3,3 mln. Il Cda di Data Service, riunitosi ieri, oltre ad approvare l'acquisizione, ha preso atto dell'impegno finanziario della controllante Data Holding 2007 Srl di supportare l'operazione e ha deliberato di sottoporre all'assemblea straordinaria dei soci, convocata per il prossimo 21 e 22 dicembre, l'attribuzione di delega al Cda di aumentare il capitale sociale per 120 mila Euro. L operazione è stata finanziata unicamente con mezzi propri derivanti dall IPO dello scorso anno. A opinione del management di Noemalife l acquisizione consentirà a Noemalife di accelerare il processo di penetrazione commerciale nel mercato della sanità territoriale e, più in particolare, della gestione dei protocolli di screening, dando luogo a significative sinergie sia commerciali che tecniche. massimi 75 mln euro, entro 5 anni dalla delibera in una o piu' tranches, una delle quali verra' utilizzata per l'acquisizione di Universo Servizi. CATTOLICA ASSICURAZIONI Continua l'alleanza con Mapfre I Presidenti di Mapfre, José Manuel Martínez, e Cattolica, Paolo Bedoni, hanno tenuto una riunione a Madrid. Nel corso della stessa i Presidenti hanno confermato la volontà di mantenere e sviluppare i buoni rapporti di collaborazione, ed in particolare: - di continuare gli scambi nella riassicurazione tra Cattolica e Mapfre Re, che è uno dei principali riassicuratori di Cattolica - di sviluppare una nuova area di collaborazione nel ramo Assistenza, nel quale Cattolica affiderà a Mapfre Asistencia la prestazione di servizi per l auto e per la casa ai propri assicurati. Di continuare ad esaminare altre possibili aree di collaborazione. 5

6 AUTORIZZAZIONI & PROSPETTI Offerta in opzione BANCA ITALEASE Nulla osta alla pubblicazione 5Banca Italease comunica che, in data 22 novembre 2007, Consob ha rilasciato il nulla osta alla pubblicazione del supplemento al prospetto informativo relativo all offerta in opzione agli azionisti e all'ammissione a quotazione sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. di azioni ordinarie Banca Italease. Il supplemento al prospetto informativo è relativo a: i) la comunicazione da parte dei soci del supplemento al prospetto informativo di riferimento della riduzione del periodo di preavviso per l esercizio del diritto di recesso previsto nel patto di stabilità, di cui si è già fornita notizia con comunicato del 13 novembre u.s.; ii) la sottoscrizione da parte di Banca Italease di un accordo con Banca europea per gli investimenti (BEI) volto a regolare gli effetti derivanti dall intervenuta variazione del rating di Banca Italease sull operazione di cartolarizzazione denominata ITA-BEI (Erice Finance) di cui si è già fornita notizia con comunicato del 15 novembre u.s. Il supplemento al prospetto informativo, successivamente alla sua pubblicazione ai sensi di legge, sarà a disposizione del pubblico presso la sede sociale di Banca Italease in Milano, Via Cino del Duca n. 12, presso la sede di Borsa Italiana S.p.A. in Milano, Piazza Affari n. 6 nonché sul sito internet della Banca all indirizzo 6

7 CARICHE & CARRIERE Giro di poltrone PIRELLI & C. REAL ESTATE SGR Approvata lista dei candidati del comitato consultivo del fondo Berenice 6Si è riunito il Consiglio di Amministrazione di Pirelli RE SGR che ha approvato la lista di candidati per il Comitato Consultivo di Berenice Fondo Uffici così composta: Roberto Albertazzi, Claudio Cacciamani, Giuseppe Caggiano, Giuseppe De Leo, Francesco Magliochetti, Andrea Marietti, Andrea Moja, Stefano Questa, Marco Salvatori, Antonio Salvi, James Seppala, Gian Carlo Spaggiari, Stefano Stanghellini, Toni Steele, Giorgio Viganò e Massimo Zaccheo. Si tratta di soggetti che (i) godono dei requisiti di indipendenza previsti per gli amministratori indipendenti dal Protocollo di Autonomia per le società di gestione del risparmio predisposto da Assogestioni e (ii) hanno maturato una significativa esperienza nell industria immobiliare o del risparmio gestito o sono docenti universitari di materie finanziarie con preferenza per quelle legate al settore immobiliare. Si precisa inoltre che cinque dei nominativi presenti nella lista sono stati inseriti su segnalazione del quotista di maggioranza Zwinger Opco 6 B.V. e valutati idonei da Pirelli RE SGR. Lo scorso 13 novembre, i 5 componenti del Comitato Consultivo del Fondo nominato nel settembre del 2005 Claudio de Giovanni, Leonardo Di Brina, Lorenzo Greppi, Ivano Paci e Roberto Ruozi si sono dimessi dall incarico. La lista dei candidati oggi approvata sarà sottoposta all Assemblea dei Partecipanti di Berenice Fondo Uffici convocata per il prossimo 10 dicembre, per nominare il Comitato Consultivo. Le informazioni relative ai suddetti candidati saranno rese note mediante pubblicazione sui siti della Pirelli RE SGR (www.pirelliresgr.com) e del Fondo (www.fondoberenice.com) nonchè messe a disposizione presso la sede della Pirelli RE SGR. PUBBLICITA Gli avvisi di oggi 7Sulle pagine su MF e Italia Oggi del 26/11 Data Nome Società Oggetto Sito web 26/11/2007 Pirelli RE Fondo comune Berenice - Fondo Uffici di investimento immobiliare 26/11/2007 Tecnimont Avviso integrativo opvs 7

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli