GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Sei Sigma: una strategia per la competitività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Sei Sigma: una strategia per la competitività"

Transcript

1 Progetto grafico: PRC Roma Questa guida è stata realizzata grazie al contributo dell Accademia Italiana del Sei Sigma (www.aiss.it). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da approfondire sono più che benvenuti: IMPRESE X INNOVAZIONE Sei Sigma: una strategia per la competitività

2 COME SOSTENERE UNA CONCORRENZA SEMPRE PIÙ ESASPERATA Oggi le Aziende sia manifatturiere che di servizi operano in un contesto di concorrenza esasperata, caratterizzata da un continuo conquistare e perdere quote di mercato. Spesso la perdita di quote e di performance è imputabile alle difficoltà cicliche del mercato ed alle mutate condizioni esterne derivanti da processi di globalizzazione. La sfida consiste nel riconoscere che in molti casi, organizzandosi opportunamente, si potrebbero affrontare i problemi in modo diverso, ottenendo risultati interessanti, anziché insuccessi. Nel tempo sono stati messi a punto svariati approcci di tipo globale (Assicurazione Qualità, Total Quality Management, ecc.) per fare in modo che tutta l azienda, trasversalmente alle varie Direzioni, possa disporre di una struttura e di strumenti metodologici adeguati per evidenziare con chiarezza ed in tempo utile le difficoltà, affrontarle nel modo giusto e risultare così best in class rispetto alla concorrenza. Il più recente di questi approcci è il Sei Sigma che, adottato inizialmente da Motorola, Allied-Signal e General Electric, si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. Esso rappresenta la strategia più aggiornata e completa ed ingloba in sé praticamente tutti i principi e le metodologie degli approcci precedenti, avvalendosi non solo di un sistema coerente di strumenti metodologici, ma anche di una struttura organizzativa appropriata. 1

3 2 PERCHÈ AFFRONTARE UN PERCORSO SEI SIGMA? Per ottenere un balzo di competitività in Italia, in Europa e nel Mondo; per investire in uno sviluppo culturale indispensabile ad un rinnovamento positivo dell azienda; per conseguire consistenti benefici economici a breve, medio e lungo termine; per sistematizzare in un unico approccio integrato i vari programmi e gli strumenti del miglioramento già esistenti; per l applicabilità operativa del metodo sia nelle grandi che nelle piccole e medie aziende; per le ricadute in termini di sviluppo professionale e di motivazione del personale coinvolto; per condurre un programma sistematico di riduzione degli sprechi ed aumento della competitività in tutte le aree aziendali. SEI SIGMA NON È UN ALTRA MODA, MA UN EVOLUZIONE DECISIVA NELL APPROCCIO AZIENDALE AL MIGLIORAMENTO CHE SISTEMATIZZA L UTILIZZO DI STRUMENTI GIÀ NOTI IN AZIENDA Concettualmente, il Sei Sigma trova i suoi presupposti nell approccio del ciclo PDCA di Deming e cerca di coniugare la tendenza europea al miglioramento tramite cambiamenti sistematici (breakthrough) con l approccio giapponese al Miglioramento Continuo perseguito attraverso piccoli passi. La caratteristica fondamentale, che ne ha favorito la comprensione e la diffusione, è la trasversalità organizzativa: il Sei Sigma esce infatti dai confini del ciclo produttivo ed investe tutti i processi extra-fabbrica, sposando la logica dell organizzazione per processi. Il Sei Sigma non ha come obiettivo un generico miglioramento, ma un salto qualitativo di assoluto rilievo, e si configura come un approccio operativo strutturato per eliminare i difetti, individuando i processi fuori obiettivo e riducendone drasticamente la variabilità. Ha come scopo prioritario la riduzione dei costi e la soddisfazione del cliente, sia finale che intermedio, ed i suoi strumenti e tecniche non sono rivoluzionari, ma c è un enfasi fortissima sul coinvolgi- mento globale e sistematico, con investimenti considerevoli. Condizione necessaria per la sua implementazione e per il suo funzionamento è che il Top Management ne sia profondamente convinto e riesca a contagiare con il proprio entusiasmo gli Azionisti, ottenendone il consenso. Dove è stato applicato, si sono ottenuti risultati eclatanti, che hanno evidenziato, tra l altro, l importanza della comunicazione e diffusione al mondo finanziario dei piani di miglioramento e dei risultati conseguiti per far lievitare il valore dei propri titoli in borsa. La competizione si estende in modo globale, non solo nel mondo produttivo industriale, ma anche in quello delle pubbliche organizzazioni e dei servizi. Infatti l esigenza d innovazione e di dare efficacia ed efficienza alla Pubblica Amministrazione trova una possibile risposta nell adozione di modelli di autovalutazione, capaci di migliorare e tenere sotto controllo il sistema organizzativo. Per tutti è indispensabile, oggi, progettare da subito prodotti e processi ottimizzati che soddisfino il cliente, non solo attraverso una valutazione delle performance e dei costi, ma anche dell affidabilità, della sicurezza, dell ambiente. Il Design for X, la Robustezza dei processi, la Produzione Snella (Lean Production) sono non più un opportunità di competizione, ma una necessità per restare sui mercati. Di questi aspetti è fondamentale tener conto fin dalla prima fase di progetto e sviluppo prodotto, in modo da anticipare possibili difficoltà tecnologiche, di assemblaggio o di riciclo, che potrebbero scaturire durante l industrializzazione e a fine vita per un prodotto finito. Abbiamo ormai una forchetta molto stretta: da una parte c è il cliente, il protagonista che guida le nostre scelte e che ci valuta attraverso l analisi dei risultati conseguiti, dall altra ci sono risorse sempre più limitate, che è necessario ottimizzare. Diventa vitale puntare sulle capacità di cambiamento e d innovazione che, in un processo di miglioramento continuo, il cliente percepisce e valuta. I riferimenti storici ed attuali ai modelli EFQM, ISO 9000, BSC, ecc., sono strategici se ben interpretati come esigenza dell azienda a darsi delle regole e dei riferimenti certi, sui quali valutare i punti di forza ed i 3

4 4 punti di debolezza dell organizzazione, ma che devono essere integrati da strumenti nuovi in grado di permettere significative azioni di miglioramento. È sempre più evidente la necessità di affiancare a questi Modelli una metodologia di lavoro, come quella del Sei Sigma, che permetta di risolvere in modo efficace le criticità emerse. Se questa analisi è condivisa, si riesce a considerare come l efficacia e l efficienza di sistema delle istituzioni si possa ottenere dall applicazione di un modello d eccellenza, ad esempio EFQM, mentre gli indicatori ed il loro bilanciamento si possono ricavare tramite, ad esempio, la BSC (Balanced Scorecard), ed infine come il rigore metodologico, con l impiego degli strumenti statistici, venga opportunamente esercitato dalla strategia del Sei Sigma, che permette di operare in modo organizzato e con metodo. Si potrà così intervenire su queste aree, realizzando un miglioramento efficiente e dimostrabile, con un percorso agile che lavora per obiettivi, garantendo soluzioni certe in tempi rapidi. Concetto basilare del Sei Sigma è che la criticità di ogni processo (Critical To Quality: CTQ) sia misurabile e che quindi sia possibile intervenire con azioni di miglioramento solo dopo avere effettuato le misurazioni dei parametri caratteristici o degli indicatori più rappresentativi ed aver analizzato i dati così ottenuti. Ovviamente sarà necessario utilizzare dati attendibili e quindi raccolti con procedure rigorose, ma non si deve dare peso minore alla loro significatività. Un azienda o un organizzazione, che voglia realizzare al suo interno un processo dinamico di miglioramento continuo, deve avere una strategia integrata tra modelli e metodologie per promuovere in modo efficace sia l innovazione sia la competitività. Infine un aspetto importante da valorizzare è quello delle risorse umane, considerando che l elemento chiave, che porta un organizzazione ad accettare la logica del cam- i programmi di organizzazione snella ( lean thinking ) e relativi strumenti. Alla base della metodologia Sei Sigma c è il principio che le caratteristiche CTQ di ogni prodotto o servizio siano misurabili. Solo attraverso misure si hanno dati certi. Solo con dati certi si può intervenire, analizzando le cause della non conformità e promuovendo l azione di miglioramento. Un determinato processo o attività produttiva si dice essere a sei sigma, quando il valore della deviazione standard, che rappresenta un indice della variabilità del probiamento continuo, è la motivazione: una persona motivata è capace di mettersi in discussione, poiché vede che il suo lavoro produce risultati apprezzati dagli altri. IL PUNTO DI FORZA: UN APPROCCIO UNICO AL MIGLIORAMENTO La metodologia Sei Sigma consente di riunire in un unico sistematico approccio i più significativi strumenti metodologici finora sviluppati per il miglioramento (Figura 1), in particolare per: la soluzione di problemi esistenti per processi già in essere, come la riduzione della variabilità e l eliminazione delle cause di non conformità: approccio DMAIC; lo sviluppo di nuovi prodotti o processi: Design For Six Sigma (DFSS); l identificazione e l eliminazione degli sprechi: Lean Six Sigma, integrazione con We don t know what we don t know If we can t express what we know in the form of numbers, we really don t know much about it If we don t know much about it, we can t control it If we can t control it, we are at the mercy of chance Mikel Harry (Motorola) Padre del metodo Sei Sigma 5

5 6 FIGURA 1 - CONFRONTO TRA APPROCCIO TRADIZIONALE ED APPROCCIO SEI SIGMA cesso, è contenuto sei volte in metà specifica (Figura 2); ciò (ammettendo uno shift fra la media della distribuzione ed il target pari a 1,5 σ) corrisponde a 3,4 difetti per milione d opportunità. Operare secondo la metodologia Sei Sigma APPROCCIO TRADIZIONALE APPROCCIO SEI SIGMA Problema Focalizzato sui sintomi Focalizzato sulle cause Comportamento Reattivo Proattivo Decisioni Basate sulle impressioni Basate sui dati Scelta fornitore Costo Capability FIGURA 2 - ESEMPIO DI PROCESSO A SEI SIGMA CON MEDIA CENTRATA SUL TARGET inferiore σ superiore significa ridurre, per le attività più critiche, la difettosità, con l obiettivo finale di portarla fino a tale valore. Operativamente ogni problema è affrontato partendo dall individuazione delle CTQ, sulle quali si attivano i Progetti Sei Sigma, artico- Measure Questa fase si fonda sulla considerazione che ogni attività sia misurabile. Di conseguenza, dopo aver individuato una o più CTQ sulle quali si vuole intervenire per ottenere il miglioramento, si procede alla individuazione degli indicatori più rappresenlati secondo le 5 fasi DMAIC: Define, Measure, Analyze, Improve e Control (Figura 3). Define È la fase di impostazione del lavoro in cui occorre specificare: qual è il processo sul quale si vuole lavorare; quali sono gli obiettivi che si intende perseguire con il progetto; quali sono le risorse necessarie per realizzare il progetto; il tempo necessario per la sua conclusione. Nella fase di Define si tengono in considerazione tutti gli aspetti sopra indicati per valutare la fattibilità del progetto stesso. L importanza di questa fase risiede nella necessità di: individuare e mettere a fuoco la pro- FIGURA 3 - LE FASI DEI PROGETTI SEI SIGMA Definire, Misurare, Analizzare, Migliorare, Controllare DEFINE CONTROL IMPROVE ANALYZE MEASURE blematica che con il progetto si vuole affrontare; definire gli obiettivi che si intende raggiungere, sia in termini di prestazioni, sia di benefici finanziari; quantificare la disponibilità delle risorse necessarie per portare avanti il progetto; valutare la presenza delle competenze necessarie, la capacità di gestione e l organizzazione dello sviluppo delle varie fasi; fornire una previsione di durata del progetto. 7

6 8 tativi ed alla raccolta dei dati. La misurazione è di tipo statistico e per la validità della misurazione è necessario che i dati siano attendibili. Gli strumenti più utilizzati in questa fase vanno dal Diagramma di Pareto all Istogramma, dalla rappresentazione del fenomeno sotto forma di distribuzione della CTQ al calcolo della Process Capability. È ovvio che le modalità di campionamento ed i criteri utilizzati per raccogliere i dati incidono in maniera sostanziale sui risultati di questa prima fase. L importanza della fase Measure mette in evidenza il fatto che non si possono realizzare interventi significativi ed efficaci di miglioramento se non si hanno dati certi; infatti, solo se si conosce, si può intervenire in modo efficace. Lo strumento per conoscere in modo oggettivo il problema in esame è il valore della misura, che elimina i condizionamenti dovuti all esperienza. Analyze Per conoscere la variabilità delle CTQ prese in esame e comprendere le cause che le producono, si analizzano in questa fase i dati raccolti. Si fissano perciò i valori ottimali della prestazione e quali debbano essere le Capacità del Processo. Gli strumenti utilizzati in questa fase vanno dal diagramma causa-effetto alla FMEA, dal diagramma di correlazione al test delle ipotesi. Sarà possibile identificare tutte le potenziali cause di variabilità delle CTQ e le conseguenze da esse derivanti. Si terrà in particolare considerazione il processo di inferenza statistica, ossia il modello per valutare le caratteristiche dell intera popolazione, quali si deducono dalle analisi fatte sul campione. Improve Si stabilisce quali debbano essere gli interventi di miglioramento, in grado di rendere robusto il processo. In questa fase è ne- L implementazione di un programma di miglioramento Sei Sigma deve tener conto della specifica realtà aziendale e degli obiettivi dell organizzazione e pertanto dovrà essere definito in funzione di questi. La sua implementazione in azienda può avvenire in modo dirompente (quello classico americano), coinvolgendo simultaneamente tutta l azienda, o graduale. La prima opzione prevede la formazione della maggior parte delle Black Belt, che a loro volta cominceranno a formare in cascata un buon numero di Green Belt, diffondendo rapidacessario intervenire sulle variabili d ingresso che più influiscono sulle CTQ prese in esame, utilizzando tecniche di benchmarking, di DOE e, in alcuni casi, di superfici di risposta. L azione di miglioramento è volta a portare la caratteristica della CTQ entro i limiti di specifica programmati, riducendo le non conformità individuate nelle fasi precedenti. L azione di miglioramento necessita sicuramente di tutta l esperienza e la professionalità del process owner. Control Questa fase consiste nel verificare in primo luogo che il processo abbia raggiunto il livello di miglioramento previsto nella fase di Improve e quindi che sia in grado di mantenere nel tempo i risultati raggiunti. Ciò si ottiene attraverso un azione di controllo continuo e sistematico del processo per impedire, una volta raggiunto l obiettivo desiderato, che nel tempo si abbia un degrado dello stesso. Si stabilisce come monitorare gli indicatori di controllo che segnalano in modo tempestivo quando il processo sta deteriorandosi, intervenendo in modo mirato a ripristinare le condizioni operative desiderate. Per ottenere questi risultati si utilizzano come strumenti il mistake proofing, il potenziamento delle misure, le carte di controllo e le procedure operative. Se necessario, durante la fase di controllo si prenderanno provvedimenti di riesame parziale o totale dell intero processo produttivo. L IMPLEMENTAZIONE IN AZIENDA 9

7 mente la metodologia a tutti i livelli dell azienda. La soluzione graduale è costituita dapprima dalla formazione di alcune Green Belt, seguita dall applicazione del metodo a tutta una serie di Progetti di Miglioramento pilota sulla base dei quali sono selezionate alcune Green Belt da portare a livello di Black Belt. Questa seconda strada, sicuramente più adatta nel contesto italiano delle PMI, appare meno traumatica dal punto di vista degli investimenti e consente un adattamento naturale, on the job, fra organizzazione aziendale e metodologia. Il percorso Sei Sigma è costituito da un iter semplice, ma rigoroso. Si basa sostanzialmente sulla corretta analisi del processo o del servizio, l individuazione delle difettosità, l intervento sostanziale sulle stesse per rimuoverle o ridurle. Le fasi operative sono chiaramente definite, come del resto vengono identificati gli strumenti statistici che devono risultare adeguati a fornire, attraverso i dati, l identificazione del problema per arrivare a promuovere le azioni correttive di miglioramento e per controllare che queste si mantengano nel tempo. L azione del Sei Sigma è concepita come un processo globale d intervento per il miglioramento continuo di tutto il sistema aziendale. Proprio a tale scopo devono essere predisposti, in tutti i settori operativi, degli opportuni indicatori di misura che consentano il periodico monitoraggio dei progressi compiuti, in modo che esso possa essere continuamente controllato. Qualsiasi azienda, anche di medie o piccole dimensioni, può sicuramente adottare la metodologia Sei Sigma, come filosofia e metodologia di lavoro, ottenendone significativi vantaggi. Delineare in modo chiaro le strategie aziendali, valutare con esattezza le proprie prestazioni, raffrontandole con le richieste dei clienti, programmare le opportunità di miglioramento, incidere con un appropriata azione formativa sul modo di lavorare di ciascun operatore, farà sì che ogni azienda sia in grado di affrontare la sfida competitiva che il mercato globale oggi impone con sempre maggiore forza. Sarà certo compito di chi conosce e gestisce l azienda tarare e snellire gli interventi in modo opportuno, adeguandosi ai principi del Sei Sigma, sfruttando la versatilità degli strumenti forniti, applicandoli a tutte le funzioni del sistema aziendale: dai processi di progettazione e produzione ai processi transazionali amministrativi e commerciali. La squadra che sviluppa la metodologia in azienda (Figura 4) è composta da 5 differenti tipologie di esperti: i Quality Leader, i Champion, le Master Black Belt, le Black Belt e le Green Belt. Nello specifico il Quality Leader è il responsabile, solitamente unico, dello sviluppo della metodologia in azienda; il suo compito è quello di scegliere il percorso formativo del personale e di promuovere e verificare lo sviluppo dei Progetti Sei Sigma. I Champion hanno invece il ruolo di responsabili dello sviluppo dei Progetti: una volta presa visione del problema (individuazione delle CTQ rappresentative dei fenomeni ) ed aver definito il gruppo di lavoro aprono ufficialmente i nuovi Progetti e li chiuderanno al termine dello sviluppo degli stessi, evidenziando i risultati raggiunti. Le Master Black Belt sono gli esperti metodologici del Sei Sigma: la loro preparazione li pone quale punto di riferimento per le altre Belt per poter gestire e garantire la permanenza di un know-how fortemente specialistico in azienda. Le Black Belt sono invece le persone che lavorano a tempo pieno allo sviluppo dei Progetti, caratteristica che li pone spesso nel ruolo di responsabili del progetto elaborato, con il compito di gestire ed organizzare le altre Belt od esperti del settore che vi collaborano. Infine le Green Belt hanno una preparazione sulla metodologia paragonabile a quella delle Black Belt; la principale differenza sta nel tempo dedicato allo sviluppo dei progetti, circa un quarto del loro disponibile. FIGURA 4 - LE FIGURE ESPERTE DI SEI SIGMA Black Belt 100% Champion Green Belt 25% Yellow Belt 10% I team di sviluppo di ogni Progetto (Figura 5) sono in genere costituiti da 4-5 persone: fra queste, oltre alle Green Belt, Black Belt e Master Black Belt, sono presenti anche degli esperti del settore (Process Owner) che il Progetto si appresta ad analizzare. In questo modo si crea un gruppo capace di valutare tutti gli aspetti della CTQ in esame. Ciò sarà tanto più 10 11

8 fattivo quanto più si garantirà un azione di formazione globale, che veda coinvolta l intera organizzazione aziendale, con lo scopo di rendere consapevoli gli operatori di ogni settore. Il Sei Sigma rappresenta l opportunità di lavorare in modo migliore e più soddisfacente per tutti e con il supporto di tutti. FIGURA 5 - RUOLO DEL TEAM CHE SVILUPPA IL PROGETTO ED INTERAZIONE CON IL CHAMPION Progetto TEAM (quantificazione Savings) CHAMPION (possibile cambiamento progetto) Savings UN BILANCIO COSTI/BENEFICI I benefici di un programma Sei Sigma sono notevoli, fermo restando che è necessario: un forte committment da parte del Top Management aziendale; il coraggio nell utilizzare le risorse migliori; un impegno costante nel controllo dell avanzamento dei progetti e dei risultati economici raggiunti. Un programma di miglioramento sistematico Sei Sigma si basa sulla gestione di un insieme di progetti (il numero varia a seconda della complessità dell azienda) che devono essere valutati ciascuno per i benefici che è in grado di fornire. Ad esempio, tenuto conto degli investimenti necessari per la formazione di 1 FIGURA 6 - INTEGRAZIONE DEI PROCESSI PER IL CAMBIAMENTO PROCESSI OPERATIVI Sviluppo del prodotto Strategie e controllo Gestione ed evasione ordini PROCESSI DI SUPPORTO Risorse umane Black Belt e di 3/5 Green Belt (caso di una azienda medio-piccola), più un iniziale affiancamento esterno per l implementazione dei primi progetti, e del costo del lavoro interno, si potranno ottenere ritorni economici interessanti già dal primo anno attraverso l esecuzione di 3 progetti con un saving medio di circa per progetto. Si tenga presente che normalmente, in base alle esperienze consolidate, per ogni Black Belt si richiede l esecuzione di 3-4 progetti/anno con una media di ritorni di Risorse tecnologiche Risorse informatiche CLIENTE circa per progetto. Per aziende medio piccole può essere sufficiente iniziare con un programma di tipo Green Belt con investimenti minori, valutando in seguito, in funzione dei primi risultati raggiunti, l opportunità di estendere la formazione in orizzontale (Green Belt e membri del Team) e in verticale (formazione di una o più Black Belt). Altro aspetto, che si ritiene essere strategico per le aziende, è quello di sviluppare un nuovo approccio per il Design for Excellence, quello cioè di anticipare alla fase 12 13

9 di ideazione e di progettazione del prodotto/processo o servizio la strategia del Sei Sigma. Ciò permette di ottenere fin da subito risultati ottimali senza dover intervenire successivamente con azioni di miglioramento. Questo processo può anche definirsi il fare bene subito. Inoltre è necessario sviluppare l integrazione tra Lean Production e Sei Sigma per verificare come entrambe le strategie siano non solo integrabili, ma l una complementare all altra per abbattere i costi produttivi. LE FINALITÀ DELL ACCADEMIA ITALIANA DEL SEI SIGMA Già da alcuni anni si è costituita in Italia l Accademia Italiana del Sei Sigma, con una duplice finalità: 1) diffondere la cultura del cambiamento e del miglioramento continuo, fatto in progressione, ma in modo armonioso, attraverso una serie di molteplici piccoli passi che siano in grado di produrre grandi risultati. Ciò deriva dalla consapevolezza del crescente bisogno di: innovare e migliorare i processi esistenti (DMAIC); progettare da subito prodotti e processi ottimizzati (DFSS), che soddisfano il cliente, non solo attraverso una valutazione delle performance e dei costi, ma anche dell affidabilità, della sicurezza, dell ambiente. Sicuramente il Sei Sigma e le altre metodologie ad esso collegabili costituiscono oggi la risposta giusta, a patto che siano correttamente interpretate come un approccio per lavorare meglio, per produrre un effetto dinamico nell organizzazione (sia privata che pubblica), guidandola nella scelta delle soluzioni giuste: quelle di cui ha bisogno, quelle che producono guadagno. 2) Divenire un laboratorio aperto per lo sviluppo delle idee. Troppo spesso gli individui, ed in particolare i giovani, incontrano difficoltà a comunicare, ad verso il lavoro di gruppo, possano emergere le potenzialità dei singoli individui: a tal fine è necessario fare squadra e la squadra deve essere vincente. L Accademia vuole essere un laboratorio aperto, dove si sperimentano nuovi modi di lavorare, che siano in grado di produrre nelle organizzazioni un effettivo risultato di benefici immediati. In questo laboratorio sarà permesso di esprimersi sia ai giovani, che possano manifestare tutta la loro capacità di rinnovamento, sia a chi è meno giovane ma vuole portare contributi nuovi attraverso l esperienza e la competenza maturata in anni di lavoro, e sarà possibile sperimentare assieme metodologie nuove; un LABO- RATORIO DI IDEE che sia una sorta di palestra in grado di promuovere lo sviluppo di nuove proposte e la verifica della loro validità e portata. Per far questo è necessario che lo stesso approccio metodologico del Sei Sigma sia continuamente ripensato, non per sminuirne la severità ed il rigore, ma per una sua attualizzazione permanente in modo da rendere la metodologia flessibile ed adeguata alla specificità delle singole istituzioni. Se si fa riferimento al sistema Italia, dove oltre il 95% delle aziende sono Piccole/Medie Imprese (PMI), per realizzare un processo globale di cambiamento e di innovazione, non si può fare riferimento solo alle grandi organizzazioni od alle multinazionali. È necessario pertanto identificare una metrica nuova, idonea ad essere adattata alle diverse esigenze di ciaesprimere la loro creatività, a proporre idee nuove. Le nostre organizzazioni in gran parte sono invecchiate e sono gestite da una classe dirigente che pensa ed opera in modo conservativo, rifiutando spesso il cambiamento. È pertanto fondamentale proporre un organizzazione nuova, di individui che si mettano continuamente in discussione, che permettano di rispondere in modo adeguato alle istanze di cambiamento delle istituzioni. È chiaro che per sviluppare idee nuove c è bisogno di terreno fertile dove, attra

10 FIGURA 7 - CONFRONTO TRA UN PROCESSO A 3 SIGMA ED UNO A 6 SIGMA Processo a 3sigma = PPM Processo a 6sigma= 3,4 PPM (PPM = difetti per milione) N.B. I valori sopra indicati considerano una condizione peggiore rispetto a quanto indicato in figura e cioè che nel lungo periodo il valor medio della distribuzione abbia uno shift convenzionalmente stimato di 1,5sigma 16 inferiore ZLSL 6σ σ superiore ZUSL inferiore ZLSL 12 σ σ superiore scuna specifica organizzazione. Se si estende l approccio ai settori dei servizi, ad esempio, si può pensare al miglioramento dei processi nell ambito della formazione e della scuola, oppure nel settore della sanità. Si capisce che questa attività d integrazione tra la metodologia e la specifica struttura dell organizzazione deve essere approfondita ed è in quest ottica che l Accademia si sta muovendo da qualche tempo. Alcune positive esperienze sono già state fatte nelle PMI, ma resta ancora molta strada da percorrere. Durante i programmi istituzionali di formazione che l Accademia ha proposto in questi anni, la principale difficoltà incontrata, specie con le PMI, non è stata quella del trasferimento delle competenze agli allievi, ma piuttosto quella della comunicazione con i Responsabili dell organizzazione, con coloro che prendono le decisioni in azienda. Per questo motivo è essenziale intraprendere un percorso bivalente: da una parte approfondendo l applicabilità del Sei Sigma e dei suoi strumenti all organizzazione, dall altra trovando il giusto modo di comunicare con l Alta Direzione dell organizzazione stessa. In tutti i processi di cambiamento e di innovazione, solo se il Top Management è convinto e trainante, nuove metodologie come il Sei Sigma possono produrre risultati e contributi tangibili di miglioramento. ZUSL

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Fare qualità oggi: strumenti e vantaggi per le piccole e medie imprese

GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Fare qualità oggi: strumenti e vantaggi per le piccole e medie imprese Questa guida è stata realizzata grazie al contributo dell Associazione Premio Qualità Italia. Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da approfondire sono più

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Statistical Process Control

Statistical Process Control Statistical Process Control 1 Introduzione SPC si occupa del miglioramento della qualità. I metodi per il miglioramento della qualità possono essere applicati a qualsiasi area in una fabbrica o organizzazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli