GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Sei Sigma: una strategia per la competitività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Sei Sigma: una strategia per la competitività"

Transcript

1 Progetto grafico: PRC Roma Questa guida è stata realizzata grazie al contributo dell Accademia Italiana del Sei Sigma (www.aiss.it). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da approfondire sono più che benvenuti: IMPRESE X INNOVAZIONE Sei Sigma: una strategia per la competitività

2 COME SOSTENERE UNA CONCORRENZA SEMPRE PIÙ ESASPERATA Oggi le Aziende sia manifatturiere che di servizi operano in un contesto di concorrenza esasperata, caratterizzata da un continuo conquistare e perdere quote di mercato. Spesso la perdita di quote e di performance è imputabile alle difficoltà cicliche del mercato ed alle mutate condizioni esterne derivanti da processi di globalizzazione. La sfida consiste nel riconoscere che in molti casi, organizzandosi opportunamente, si potrebbero affrontare i problemi in modo diverso, ottenendo risultati interessanti, anziché insuccessi. Nel tempo sono stati messi a punto svariati approcci di tipo globale (Assicurazione Qualità, Total Quality Management, ecc.) per fare in modo che tutta l azienda, trasversalmente alle varie Direzioni, possa disporre di una struttura e di strumenti metodologici adeguati per evidenziare con chiarezza ed in tempo utile le difficoltà, affrontarle nel modo giusto e risultare così best in class rispetto alla concorrenza. Il più recente di questi approcci è il Sei Sigma che, adottato inizialmente da Motorola, Allied-Signal e General Electric, si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. Esso rappresenta la strategia più aggiornata e completa ed ingloba in sé praticamente tutti i principi e le metodologie degli approcci precedenti, avvalendosi non solo di un sistema coerente di strumenti metodologici, ma anche di una struttura organizzativa appropriata. 1

3 2 PERCHÈ AFFRONTARE UN PERCORSO SEI SIGMA? Per ottenere un balzo di competitività in Italia, in Europa e nel Mondo; per investire in uno sviluppo culturale indispensabile ad un rinnovamento positivo dell azienda; per conseguire consistenti benefici economici a breve, medio e lungo termine; per sistematizzare in un unico approccio integrato i vari programmi e gli strumenti del miglioramento già esistenti; per l applicabilità operativa del metodo sia nelle grandi che nelle piccole e medie aziende; per le ricadute in termini di sviluppo professionale e di motivazione del personale coinvolto; per condurre un programma sistematico di riduzione degli sprechi ed aumento della competitività in tutte le aree aziendali. SEI SIGMA NON È UN ALTRA MODA, MA UN EVOLUZIONE DECISIVA NELL APPROCCIO AZIENDALE AL MIGLIORAMENTO CHE SISTEMATIZZA L UTILIZZO DI STRUMENTI GIÀ NOTI IN AZIENDA Concettualmente, il Sei Sigma trova i suoi presupposti nell approccio del ciclo PDCA di Deming e cerca di coniugare la tendenza europea al miglioramento tramite cambiamenti sistematici (breakthrough) con l approccio giapponese al Miglioramento Continuo perseguito attraverso piccoli passi. La caratteristica fondamentale, che ne ha favorito la comprensione e la diffusione, è la trasversalità organizzativa: il Sei Sigma esce infatti dai confini del ciclo produttivo ed investe tutti i processi extra-fabbrica, sposando la logica dell organizzazione per processi. Il Sei Sigma non ha come obiettivo un generico miglioramento, ma un salto qualitativo di assoluto rilievo, e si configura come un approccio operativo strutturato per eliminare i difetti, individuando i processi fuori obiettivo e riducendone drasticamente la variabilità. Ha come scopo prioritario la riduzione dei costi e la soddisfazione del cliente, sia finale che intermedio, ed i suoi strumenti e tecniche non sono rivoluzionari, ma c è un enfasi fortissima sul coinvolgi- mento globale e sistematico, con investimenti considerevoli. Condizione necessaria per la sua implementazione e per il suo funzionamento è che il Top Management ne sia profondamente convinto e riesca a contagiare con il proprio entusiasmo gli Azionisti, ottenendone il consenso. Dove è stato applicato, si sono ottenuti risultati eclatanti, che hanno evidenziato, tra l altro, l importanza della comunicazione e diffusione al mondo finanziario dei piani di miglioramento e dei risultati conseguiti per far lievitare il valore dei propri titoli in borsa. La competizione si estende in modo globale, non solo nel mondo produttivo industriale, ma anche in quello delle pubbliche organizzazioni e dei servizi. Infatti l esigenza d innovazione e di dare efficacia ed efficienza alla Pubblica Amministrazione trova una possibile risposta nell adozione di modelli di autovalutazione, capaci di migliorare e tenere sotto controllo il sistema organizzativo. Per tutti è indispensabile, oggi, progettare da subito prodotti e processi ottimizzati che soddisfino il cliente, non solo attraverso una valutazione delle performance e dei costi, ma anche dell affidabilità, della sicurezza, dell ambiente. Il Design for X, la Robustezza dei processi, la Produzione Snella (Lean Production) sono non più un opportunità di competizione, ma una necessità per restare sui mercati. Di questi aspetti è fondamentale tener conto fin dalla prima fase di progetto e sviluppo prodotto, in modo da anticipare possibili difficoltà tecnologiche, di assemblaggio o di riciclo, che potrebbero scaturire durante l industrializzazione e a fine vita per un prodotto finito. Abbiamo ormai una forchetta molto stretta: da una parte c è il cliente, il protagonista che guida le nostre scelte e che ci valuta attraverso l analisi dei risultati conseguiti, dall altra ci sono risorse sempre più limitate, che è necessario ottimizzare. Diventa vitale puntare sulle capacità di cambiamento e d innovazione che, in un processo di miglioramento continuo, il cliente percepisce e valuta. I riferimenti storici ed attuali ai modelli EFQM, ISO 9000, BSC, ecc., sono strategici se ben interpretati come esigenza dell azienda a darsi delle regole e dei riferimenti certi, sui quali valutare i punti di forza ed i 3

4 4 punti di debolezza dell organizzazione, ma che devono essere integrati da strumenti nuovi in grado di permettere significative azioni di miglioramento. È sempre più evidente la necessità di affiancare a questi Modelli una metodologia di lavoro, come quella del Sei Sigma, che permetta di risolvere in modo efficace le criticità emerse. Se questa analisi è condivisa, si riesce a considerare come l efficacia e l efficienza di sistema delle istituzioni si possa ottenere dall applicazione di un modello d eccellenza, ad esempio EFQM, mentre gli indicatori ed il loro bilanciamento si possono ricavare tramite, ad esempio, la BSC (Balanced Scorecard), ed infine come il rigore metodologico, con l impiego degli strumenti statistici, venga opportunamente esercitato dalla strategia del Sei Sigma, che permette di operare in modo organizzato e con metodo. Si potrà così intervenire su queste aree, realizzando un miglioramento efficiente e dimostrabile, con un percorso agile che lavora per obiettivi, garantendo soluzioni certe in tempi rapidi. Concetto basilare del Sei Sigma è che la criticità di ogni processo (Critical To Quality: CTQ) sia misurabile e che quindi sia possibile intervenire con azioni di miglioramento solo dopo avere effettuato le misurazioni dei parametri caratteristici o degli indicatori più rappresentativi ed aver analizzato i dati così ottenuti. Ovviamente sarà necessario utilizzare dati attendibili e quindi raccolti con procedure rigorose, ma non si deve dare peso minore alla loro significatività. Un azienda o un organizzazione, che voglia realizzare al suo interno un processo dinamico di miglioramento continuo, deve avere una strategia integrata tra modelli e metodologie per promuovere in modo efficace sia l innovazione sia la competitività. Infine un aspetto importante da valorizzare è quello delle risorse umane, considerando che l elemento chiave, che porta un organizzazione ad accettare la logica del cam- i programmi di organizzazione snella ( lean thinking ) e relativi strumenti. Alla base della metodologia Sei Sigma c è il principio che le caratteristiche CTQ di ogni prodotto o servizio siano misurabili. Solo attraverso misure si hanno dati certi. Solo con dati certi si può intervenire, analizzando le cause della non conformità e promuovendo l azione di miglioramento. Un determinato processo o attività produttiva si dice essere a sei sigma, quando il valore della deviazione standard, che rappresenta un indice della variabilità del probiamento continuo, è la motivazione: una persona motivata è capace di mettersi in discussione, poiché vede che il suo lavoro produce risultati apprezzati dagli altri. IL PUNTO DI FORZA: UN APPROCCIO UNICO AL MIGLIORAMENTO La metodologia Sei Sigma consente di riunire in un unico sistematico approccio i più significativi strumenti metodologici finora sviluppati per il miglioramento (Figura 1), in particolare per: la soluzione di problemi esistenti per processi già in essere, come la riduzione della variabilità e l eliminazione delle cause di non conformità: approccio DMAIC; lo sviluppo di nuovi prodotti o processi: Design For Six Sigma (DFSS); l identificazione e l eliminazione degli sprechi: Lean Six Sigma, integrazione con We don t know what we don t know If we can t express what we know in the form of numbers, we really don t know much about it If we don t know much about it, we can t control it If we can t control it, we are at the mercy of chance Mikel Harry (Motorola) Padre del metodo Sei Sigma 5

5 6 FIGURA 1 - CONFRONTO TRA APPROCCIO TRADIZIONALE ED APPROCCIO SEI SIGMA cesso, è contenuto sei volte in metà specifica (Figura 2); ciò (ammettendo uno shift fra la media della distribuzione ed il target pari a 1,5 σ) corrisponde a 3,4 difetti per milione d opportunità. Operare secondo la metodologia Sei Sigma APPROCCIO TRADIZIONALE APPROCCIO SEI SIGMA Problema Focalizzato sui sintomi Focalizzato sulle cause Comportamento Reattivo Proattivo Decisioni Basate sulle impressioni Basate sui dati Scelta fornitore Costo Capability FIGURA 2 - ESEMPIO DI PROCESSO A SEI SIGMA CON MEDIA CENTRATA SUL TARGET inferiore σ superiore significa ridurre, per le attività più critiche, la difettosità, con l obiettivo finale di portarla fino a tale valore. Operativamente ogni problema è affrontato partendo dall individuazione delle CTQ, sulle quali si attivano i Progetti Sei Sigma, artico- Measure Questa fase si fonda sulla considerazione che ogni attività sia misurabile. Di conseguenza, dopo aver individuato una o più CTQ sulle quali si vuole intervenire per ottenere il miglioramento, si procede alla individuazione degli indicatori più rappresenlati secondo le 5 fasi DMAIC: Define, Measure, Analyze, Improve e Control (Figura 3). Define È la fase di impostazione del lavoro in cui occorre specificare: qual è il processo sul quale si vuole lavorare; quali sono gli obiettivi che si intende perseguire con il progetto; quali sono le risorse necessarie per realizzare il progetto; il tempo necessario per la sua conclusione. Nella fase di Define si tengono in considerazione tutti gli aspetti sopra indicati per valutare la fattibilità del progetto stesso. L importanza di questa fase risiede nella necessità di: individuare e mettere a fuoco la pro- FIGURA 3 - LE FASI DEI PROGETTI SEI SIGMA Definire, Misurare, Analizzare, Migliorare, Controllare DEFINE CONTROL IMPROVE ANALYZE MEASURE blematica che con il progetto si vuole affrontare; definire gli obiettivi che si intende raggiungere, sia in termini di prestazioni, sia di benefici finanziari; quantificare la disponibilità delle risorse necessarie per portare avanti il progetto; valutare la presenza delle competenze necessarie, la capacità di gestione e l organizzazione dello sviluppo delle varie fasi; fornire una previsione di durata del progetto. 7

6 8 tativi ed alla raccolta dei dati. La misurazione è di tipo statistico e per la validità della misurazione è necessario che i dati siano attendibili. Gli strumenti più utilizzati in questa fase vanno dal Diagramma di Pareto all Istogramma, dalla rappresentazione del fenomeno sotto forma di distribuzione della CTQ al calcolo della Process Capability. È ovvio che le modalità di campionamento ed i criteri utilizzati per raccogliere i dati incidono in maniera sostanziale sui risultati di questa prima fase. L importanza della fase Measure mette in evidenza il fatto che non si possono realizzare interventi significativi ed efficaci di miglioramento se non si hanno dati certi; infatti, solo se si conosce, si può intervenire in modo efficace. Lo strumento per conoscere in modo oggettivo il problema in esame è il valore della misura, che elimina i condizionamenti dovuti all esperienza. Analyze Per conoscere la variabilità delle CTQ prese in esame e comprendere le cause che le producono, si analizzano in questa fase i dati raccolti. Si fissano perciò i valori ottimali della prestazione e quali debbano essere le Capacità del Processo. Gli strumenti utilizzati in questa fase vanno dal diagramma causa-effetto alla FMEA, dal diagramma di correlazione al test delle ipotesi. Sarà possibile identificare tutte le potenziali cause di variabilità delle CTQ e le conseguenze da esse derivanti. Si terrà in particolare considerazione il processo di inferenza statistica, ossia il modello per valutare le caratteristiche dell intera popolazione, quali si deducono dalle analisi fatte sul campione. Improve Si stabilisce quali debbano essere gli interventi di miglioramento, in grado di rendere robusto il processo. In questa fase è ne- L implementazione di un programma di miglioramento Sei Sigma deve tener conto della specifica realtà aziendale e degli obiettivi dell organizzazione e pertanto dovrà essere definito in funzione di questi. La sua implementazione in azienda può avvenire in modo dirompente (quello classico americano), coinvolgendo simultaneamente tutta l azienda, o graduale. La prima opzione prevede la formazione della maggior parte delle Black Belt, che a loro volta cominceranno a formare in cascata un buon numero di Green Belt, diffondendo rapidacessario intervenire sulle variabili d ingresso che più influiscono sulle CTQ prese in esame, utilizzando tecniche di benchmarking, di DOE e, in alcuni casi, di superfici di risposta. L azione di miglioramento è volta a portare la caratteristica della CTQ entro i limiti di specifica programmati, riducendo le non conformità individuate nelle fasi precedenti. L azione di miglioramento necessita sicuramente di tutta l esperienza e la professionalità del process owner. Control Questa fase consiste nel verificare in primo luogo che il processo abbia raggiunto il livello di miglioramento previsto nella fase di Improve e quindi che sia in grado di mantenere nel tempo i risultati raggiunti. Ciò si ottiene attraverso un azione di controllo continuo e sistematico del processo per impedire, una volta raggiunto l obiettivo desiderato, che nel tempo si abbia un degrado dello stesso. Si stabilisce come monitorare gli indicatori di controllo che segnalano in modo tempestivo quando il processo sta deteriorandosi, intervenendo in modo mirato a ripristinare le condizioni operative desiderate. Per ottenere questi risultati si utilizzano come strumenti il mistake proofing, il potenziamento delle misure, le carte di controllo e le procedure operative. Se necessario, durante la fase di controllo si prenderanno provvedimenti di riesame parziale o totale dell intero processo produttivo. L IMPLEMENTAZIONE IN AZIENDA 9

7 mente la metodologia a tutti i livelli dell azienda. La soluzione graduale è costituita dapprima dalla formazione di alcune Green Belt, seguita dall applicazione del metodo a tutta una serie di Progetti di Miglioramento pilota sulla base dei quali sono selezionate alcune Green Belt da portare a livello di Black Belt. Questa seconda strada, sicuramente più adatta nel contesto italiano delle PMI, appare meno traumatica dal punto di vista degli investimenti e consente un adattamento naturale, on the job, fra organizzazione aziendale e metodologia. Il percorso Sei Sigma è costituito da un iter semplice, ma rigoroso. Si basa sostanzialmente sulla corretta analisi del processo o del servizio, l individuazione delle difettosità, l intervento sostanziale sulle stesse per rimuoverle o ridurle. Le fasi operative sono chiaramente definite, come del resto vengono identificati gli strumenti statistici che devono risultare adeguati a fornire, attraverso i dati, l identificazione del problema per arrivare a promuovere le azioni correttive di miglioramento e per controllare che queste si mantengano nel tempo. L azione del Sei Sigma è concepita come un processo globale d intervento per il miglioramento continuo di tutto il sistema aziendale. Proprio a tale scopo devono essere predisposti, in tutti i settori operativi, degli opportuni indicatori di misura che consentano il periodico monitoraggio dei progressi compiuti, in modo che esso possa essere continuamente controllato. Qualsiasi azienda, anche di medie o piccole dimensioni, può sicuramente adottare la metodologia Sei Sigma, come filosofia e metodologia di lavoro, ottenendone significativi vantaggi. Delineare in modo chiaro le strategie aziendali, valutare con esattezza le proprie prestazioni, raffrontandole con le richieste dei clienti, programmare le opportunità di miglioramento, incidere con un appropriata azione formativa sul modo di lavorare di ciascun operatore, farà sì che ogni azienda sia in grado di affrontare la sfida competitiva che il mercato globale oggi impone con sempre maggiore forza. Sarà certo compito di chi conosce e gestisce l azienda tarare e snellire gli interventi in modo opportuno, adeguandosi ai principi del Sei Sigma, sfruttando la versatilità degli strumenti forniti, applicandoli a tutte le funzioni del sistema aziendale: dai processi di progettazione e produzione ai processi transazionali amministrativi e commerciali. La squadra che sviluppa la metodologia in azienda (Figura 4) è composta da 5 differenti tipologie di esperti: i Quality Leader, i Champion, le Master Black Belt, le Black Belt e le Green Belt. Nello specifico il Quality Leader è il responsabile, solitamente unico, dello sviluppo della metodologia in azienda; il suo compito è quello di scegliere il percorso formativo del personale e di promuovere e verificare lo sviluppo dei Progetti Sei Sigma. I Champion hanno invece il ruolo di responsabili dello sviluppo dei Progetti: una volta presa visione del problema (individuazione delle CTQ rappresentative dei fenomeni ) ed aver definito il gruppo di lavoro aprono ufficialmente i nuovi Progetti e li chiuderanno al termine dello sviluppo degli stessi, evidenziando i risultati raggiunti. Le Master Black Belt sono gli esperti metodologici del Sei Sigma: la loro preparazione li pone quale punto di riferimento per le altre Belt per poter gestire e garantire la permanenza di un know-how fortemente specialistico in azienda. Le Black Belt sono invece le persone che lavorano a tempo pieno allo sviluppo dei Progetti, caratteristica che li pone spesso nel ruolo di responsabili del progetto elaborato, con il compito di gestire ed organizzare le altre Belt od esperti del settore che vi collaborano. Infine le Green Belt hanno una preparazione sulla metodologia paragonabile a quella delle Black Belt; la principale differenza sta nel tempo dedicato allo sviluppo dei progetti, circa un quarto del loro disponibile. FIGURA 4 - LE FIGURE ESPERTE DI SEI SIGMA Black Belt 100% Champion Green Belt 25% Yellow Belt 10% I team di sviluppo di ogni Progetto (Figura 5) sono in genere costituiti da 4-5 persone: fra queste, oltre alle Green Belt, Black Belt e Master Black Belt, sono presenti anche degli esperti del settore (Process Owner) che il Progetto si appresta ad analizzare. In questo modo si crea un gruppo capace di valutare tutti gli aspetti della CTQ in esame. Ciò sarà tanto più 10 11

8 fattivo quanto più si garantirà un azione di formazione globale, che veda coinvolta l intera organizzazione aziendale, con lo scopo di rendere consapevoli gli operatori di ogni settore. Il Sei Sigma rappresenta l opportunità di lavorare in modo migliore e più soddisfacente per tutti e con il supporto di tutti. FIGURA 5 - RUOLO DEL TEAM CHE SVILUPPA IL PROGETTO ED INTERAZIONE CON IL CHAMPION Progetto TEAM (quantificazione Savings) CHAMPION (possibile cambiamento progetto) Savings UN BILANCIO COSTI/BENEFICI I benefici di un programma Sei Sigma sono notevoli, fermo restando che è necessario: un forte committment da parte del Top Management aziendale; il coraggio nell utilizzare le risorse migliori; un impegno costante nel controllo dell avanzamento dei progetti e dei risultati economici raggiunti. Un programma di miglioramento sistematico Sei Sigma si basa sulla gestione di un insieme di progetti (il numero varia a seconda della complessità dell azienda) che devono essere valutati ciascuno per i benefici che è in grado di fornire. Ad esempio, tenuto conto degli investimenti necessari per la formazione di 1 FIGURA 6 - INTEGRAZIONE DEI PROCESSI PER IL CAMBIAMENTO PROCESSI OPERATIVI Sviluppo del prodotto Strategie e controllo Gestione ed evasione ordini PROCESSI DI SUPPORTO Risorse umane Black Belt e di 3/5 Green Belt (caso di una azienda medio-piccola), più un iniziale affiancamento esterno per l implementazione dei primi progetti, e del costo del lavoro interno, si potranno ottenere ritorni economici interessanti già dal primo anno attraverso l esecuzione di 3 progetti con un saving medio di circa per progetto. Si tenga presente che normalmente, in base alle esperienze consolidate, per ogni Black Belt si richiede l esecuzione di 3-4 progetti/anno con una media di ritorni di Risorse tecnologiche Risorse informatiche CLIENTE circa per progetto. Per aziende medio piccole può essere sufficiente iniziare con un programma di tipo Green Belt con investimenti minori, valutando in seguito, in funzione dei primi risultati raggiunti, l opportunità di estendere la formazione in orizzontale (Green Belt e membri del Team) e in verticale (formazione di una o più Black Belt). Altro aspetto, che si ritiene essere strategico per le aziende, è quello di sviluppare un nuovo approccio per il Design for Excellence, quello cioè di anticipare alla fase 12 13

9 di ideazione e di progettazione del prodotto/processo o servizio la strategia del Sei Sigma. Ciò permette di ottenere fin da subito risultati ottimali senza dover intervenire successivamente con azioni di miglioramento. Questo processo può anche definirsi il fare bene subito. Inoltre è necessario sviluppare l integrazione tra Lean Production e Sei Sigma per verificare come entrambe le strategie siano non solo integrabili, ma l una complementare all altra per abbattere i costi produttivi. LE FINALITÀ DELL ACCADEMIA ITALIANA DEL SEI SIGMA Già da alcuni anni si è costituita in Italia l Accademia Italiana del Sei Sigma, con una duplice finalità: 1) diffondere la cultura del cambiamento e del miglioramento continuo, fatto in progressione, ma in modo armonioso, attraverso una serie di molteplici piccoli passi che siano in grado di produrre grandi risultati. Ciò deriva dalla consapevolezza del crescente bisogno di: innovare e migliorare i processi esistenti (DMAIC); progettare da subito prodotti e processi ottimizzati (DFSS), che soddisfano il cliente, non solo attraverso una valutazione delle performance e dei costi, ma anche dell affidabilità, della sicurezza, dell ambiente. Sicuramente il Sei Sigma e le altre metodologie ad esso collegabili costituiscono oggi la risposta giusta, a patto che siano correttamente interpretate come un approccio per lavorare meglio, per produrre un effetto dinamico nell organizzazione (sia privata che pubblica), guidandola nella scelta delle soluzioni giuste: quelle di cui ha bisogno, quelle che producono guadagno. 2) Divenire un laboratorio aperto per lo sviluppo delle idee. Troppo spesso gli individui, ed in particolare i giovani, incontrano difficoltà a comunicare, ad verso il lavoro di gruppo, possano emergere le potenzialità dei singoli individui: a tal fine è necessario fare squadra e la squadra deve essere vincente. L Accademia vuole essere un laboratorio aperto, dove si sperimentano nuovi modi di lavorare, che siano in grado di produrre nelle organizzazioni un effettivo risultato di benefici immediati. In questo laboratorio sarà permesso di esprimersi sia ai giovani, che possano manifestare tutta la loro capacità di rinnovamento, sia a chi è meno giovane ma vuole portare contributi nuovi attraverso l esperienza e la competenza maturata in anni di lavoro, e sarà possibile sperimentare assieme metodologie nuove; un LABO- RATORIO DI IDEE che sia una sorta di palestra in grado di promuovere lo sviluppo di nuove proposte e la verifica della loro validità e portata. Per far questo è necessario che lo stesso approccio metodologico del Sei Sigma sia continuamente ripensato, non per sminuirne la severità ed il rigore, ma per una sua attualizzazione permanente in modo da rendere la metodologia flessibile ed adeguata alla specificità delle singole istituzioni. Se si fa riferimento al sistema Italia, dove oltre il 95% delle aziende sono Piccole/Medie Imprese (PMI), per realizzare un processo globale di cambiamento e di innovazione, non si può fare riferimento solo alle grandi organizzazioni od alle multinazionali. È necessario pertanto identificare una metrica nuova, idonea ad essere adattata alle diverse esigenze di ciaesprimere la loro creatività, a proporre idee nuove. Le nostre organizzazioni in gran parte sono invecchiate e sono gestite da una classe dirigente che pensa ed opera in modo conservativo, rifiutando spesso il cambiamento. È pertanto fondamentale proporre un organizzazione nuova, di individui che si mettano continuamente in discussione, che permettano di rispondere in modo adeguato alle istanze di cambiamento delle istituzioni. È chiaro che per sviluppare idee nuove c è bisogno di terreno fertile dove, attra

10 FIGURA 7 - CONFRONTO TRA UN PROCESSO A 3 SIGMA ED UNO A 6 SIGMA Processo a 3sigma = PPM Processo a 6sigma= 3,4 PPM (PPM = difetti per milione) N.B. I valori sopra indicati considerano una condizione peggiore rispetto a quanto indicato in figura e cioè che nel lungo periodo il valor medio della distribuzione abbia uno shift convenzionalmente stimato di 1,5sigma 16 inferiore ZLSL 6σ σ superiore ZUSL inferiore ZLSL 12 σ σ superiore scuna specifica organizzazione. Se si estende l approccio ai settori dei servizi, ad esempio, si può pensare al miglioramento dei processi nell ambito della formazione e della scuola, oppure nel settore della sanità. Si capisce che questa attività d integrazione tra la metodologia e la specifica struttura dell organizzazione deve essere approfondita ed è in quest ottica che l Accademia si sta muovendo da qualche tempo. Alcune positive esperienze sono già state fatte nelle PMI, ma resta ancora molta strada da percorrere. Durante i programmi istituzionali di formazione che l Accademia ha proposto in questi anni, la principale difficoltà incontrata, specie con le PMI, non è stata quella del trasferimento delle competenze agli allievi, ma piuttosto quella della comunicazione con i Responsabili dell organizzazione, con coloro che prendono le decisioni in azienda. Per questo motivo è essenziale intraprendere un percorso bivalente: da una parte approfondendo l applicabilità del Sei Sigma e dei suoi strumenti all organizzazione, dall altra trovando il giusto modo di comunicare con l Alta Direzione dell organizzazione stessa. In tutti i processi di cambiamento e di innovazione, solo se il Top Management è convinto e trainante, nuove metodologie come il Sei Sigma possono produrre risultati e contributi tangibili di miglioramento. ZUSL

La metodologia Six Sigma

La metodologia Six Sigma HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it La metodologia Six Sigma Page 2 1. Origini La metodologia

Dettagli

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi

SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi Mario Vianello Politecnico di Torino - Ingegneria dell Autoveicolo Incontro su SEI SIGMA SEI SIGMA: un miglioramento concreto di qualità, affidabilità e costi di prodotti e servizi 1 Il Sei Sigma, è senz

Dettagli

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità

SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità TAVOLA ROTONDA SUL TEMA SEI SIGMA e approcci globali a Qualità/Affidabilità Cosa si può fare concretamente per un reale miglioramento di Qualità/Affidabilità dei nostri prodotti? 1 Conviene riconoscere

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop Lean Six Sigma Workshop 1 Origini del Six Sigma La metodologia Six Sigma nasce a metà degli anni 80 in Motorola estendendosi poi ad altre grandi aziende americane; è una metodologia per il miglioramento

Dettagli

Diventare GREEN BELT

Diventare GREEN BELT La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Diventare GREEN BELT Accrescere le proprie potenzialità nel mondo del lavoro Percorso di Formazione e Certificazione

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale

La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale 1 - Motorola, General Electric e il Six Sigma La metodologia

Dettagli

Il Programma 6 sigma è stato messo a punto in

Il Programma 6 sigma è stato messo a punto in LORETTA DEGAN DESIGN FOR SIX SIGMA Da alcuni anni numerose aziende internazionali hanno sposato il Programma 6-sigma ottenendo risultati economici e di performance molto importanti. Le basi teoriche per

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli

http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli http://www.ateneonline.it/chase/ Cliccare su >area studenti Utile per accedere a test on-line, note tecniche e approfondimenti dei capitoli Capitolo 6 Total quality management: orientamento al Six Sigma

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Premio Manager per la Qualità

Premio Manager per la Qualità Premio Manager per la Qualità Dal primo progetto Sei Sigma al "Miglioramento Continuo di oggi" Quality Plant Manager Stabilimento Ciriè (TO) P. Colosimo Informazioni generali sito produttivo Ciriè (TO)

Dettagli

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda Roberto Candiotto Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt

Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt Accademia Italiana del Sei Sigma Percorso di Certificazione Lean Six Sigma Green Belt 19/20/21 novembre 2014 17/18/19 dicembre 2014 dalle 9,30 alle13 e dalle 14 alle 17,30 Prato Viale Vittorio Veneto,

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte)

LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte) LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte) Sommario Definizione di Six Sigma Cosa significa sigma? Una considerazione Perché proprio Six Sigma? L algoritmo DMAIC DFSS DEFINIZIONE DI SIX SIGMA Il Six Sigma

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

L approccio Festo Consulenza e Formazione

L approccio Festo Consulenza e Formazione L approccio Festo Consulenza e Formazione Festo Consulenza e Formazione opera con un approccio integrato, attraverso un Customer Team che integra le competenze nei diversi ambiti aziendali (Operations,

Dettagli

Sei Sigma nelle aziende di servizi

Sei Sigma nelle aziende di servizi M > Sei sigma generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione del miglioramento continuo in ottica Sei Sigma. Formare il personale che dovrà applicare

Dettagli

Implementare i principi di Supply Chain Management per ottenere un vantaggio competitivo: nuovi modelli di qualità nelle Operations

Implementare i principi di Supply Chain Management per ottenere un vantaggio competitivo: nuovi modelli di qualità nelle Operations Implementare i principi di Supply Chain Management per ottenere un vantaggio competitivo: nuovi modelli di qualità nelle Operations Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

Programma Lean Six Sigma (LSS)

Programma Lean Six Sigma (LSS) GRUPPO TELECOM ITALIA Programma Lean Six Sigma (LSS) Incontro AIDP Liguria Sede Confindustria Genova, 28 Gennaio 2011 Aldo Gallarà Responsabile Programma LSS Telecom Italia LSS: di cosa si tratta Disciplina

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Sei Sigma per Black Belts

Sei Sigma per Black Belts M Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione del miglioramento continuo in ottica sei sigma Formare le Black Belt operanti in azienda Inquadrare le metodologie

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi aziendali

La reingegnerizzazione dei processi aziendali La reingegnerizzazione dei processi aziendali Le componenti (I/V) L organizzazione per processi: 1. Perché 2. Definizioni 3. Caratteristiche La reingegnerizzazione: 1. Modelli e obiettivi aziendali 2.

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

L adozione dell approccio qualitativo Sei Sigma nel sistema aziendale

L adozione dell approccio qualitativo Sei Sigma nel sistema aziendale L adozione dell approccio qualitativo Sei Sigma nel sistema aziendale Enrico Maria Mosconi* - Daniele della Rocca** *Dipartimento di Economia e Impresa dell Università degli studi della Tuscia ** Docente

Dettagli

Master. Certificazioni Lean Yellow Belt Lean Green Belt Lean Black Belt. Un master full immersion per certificarsi sul campo.

Master. Certificazioni Lean Yellow Belt Lean Green Belt Lean Black Belt. Un master full immersion per certificarsi sul campo. Master Lean Six Sigma Certificazioni Lean Yellow Belt Lean Green Belt Lean Black Belt Un master full immersion per certificarsi sul campo. Bonfiglioli Consulting Consulenza e competenza per favorire lo

Dettagli

Piano Formativo Metodologie Six Sigma applicate all Efficienza Energetica AVS/51/08II

Piano Formativo Metodologie Six Sigma applicate all Efficienza Energetica AVS/51/08II Piano Formativo Metodologie Six Sigma applicate all Efficienza Energetica AVS/51/08II Milano, 20 luglio 2010 Finalità e Destinatari e Costi per le Imprese Il Piano di Formazione intende sviluppare le competenze

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement Strategic Business Improvement 0.11 0.11 0.10 0.10 0.09 0.09 0.08 0.08 0.06 108.6 98.8 0.06 1-Di namico_sx _(g) 1-Di namico_sx _(g) 0.05 0.05 0.04 0.04 88.9 79.0 69.1 0.03 0.03 0.02 0.02 59.3 49.4 0.01

Dettagli

Applicazione ISO TS 16949

Applicazione ISO TS 16949 M generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di qualità conforme alle UNI ISO TS 16949 Inquadrare le metodologie di gestione in ottica ISO TS 16949 Insegnare

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Catalogo Humanform 2013. Lean Six Sigma

Catalogo Humanform 2013. Lean Six Sigma Catalogo Humanform 2013 Lean Six Sigma PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è certificata UNI EN ISO

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo Un primo passo verso PAT Un applicazione di controllo preventivo Sommario Situazione iniziale: linea di produzione con controllo peso off-line Cambiamento vs. una linea con controllo peso automatico on-line

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Requisito imprescindibile di ogni processo

Requisito imprescindibile di ogni processo La Qualità è LA QUALITA E Requisito imprescindibile di ogni processo Prodotti di Qualità sono generati da Macroprocessi (Innovation e Supply Chain) di Qualità Gestiti da Aziende Eccellenti Quality Management

Dettagli

Le origini di Lean Six Sigma

Le origini di Lean Six Sigma 1 Le origini di Lean Six Sigma Le origini di Lean e Six Sigma risalgono agli anni 80 (e più indietro) Lean emerse come metodo per ottimizzare la produzione di automobili Venne sviluppato nei primi anni

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

BLACK BELT, UPGRADING

BLACK BELT, UPGRADING MASTER 6 sigma(*) Business Excellence: l eccellenza in tutti i processi aziendali Percorso formativo sul 6 sigma: BLACK BELT, UPGRADING da GREEN BELT a BLACK BELT, GREEN BELT Milano, febbraio-giugno 2012

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Corso di Specializzazione LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Meno sprechi in azienda! La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi del prodotto/servizio offerto sempre

Dettagli

Six Sigma Uno strumento per la crescita della sostenibilità ambientale

Six Sigma Uno strumento per la crescita della sostenibilità ambientale TRW Automotive Italia Six Sigma Uno strumento per la crescita della sostenibilità ambientale Marco Vallone HSE Manager - Black Belt Six Sigma TRW Automotive Italia Milano, 29 Ottobre 2010 TRW Automotive

Dettagli

Fasi di un progetto SIX SIGMA (DMAIC)

Fasi di un progetto SIX SIGMA (DMAIC) PREMESSA Come noto un progetto SIX SIGMA si articola in cinque fasi diverse, che abitualmente sono in sequenza ma che talvolta possono anche essere temporalmente in parte sovrapposte : DEFINIZIONE MISURA

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Percorso di formazione e Certificazione delle Competenze 6 sigma GREEN BELT @ BLACK BELT @ UPGRADING da GREEN BELT a BLACK BELT

Percorso di formazione e Certificazione delle Competenze 6 sigma GREEN BELT @ BLACK BELT @ UPGRADING da GREEN BELT a BLACK BELT La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso di formazione e Certificazione delle Competenze 6 sigma GREEN BELT @ BLACK BELT @ UPGRADING da

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Si sente spesso parlare di Performance per identificare

Si sente spesso parlare di Performance per identificare Il Performance Management a supporto del miglioramento organizzativo di Roberto Bugatti e Marco Tottoli 1 Si sente spesso parlare di Performance per identificare concetti simili ma di fatto diversi tra

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE Per un cambiamento culturale affidabile nella gestione della sicurezza di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement

Design For Six Sigma. Strategic Business Improvement Strategic Business Improvement 0.11 0.11 0.10 0.10 0.09 0.09 0.08 0.08 0.06 108.6 98.8 0.06 1-Di namico_sx _(g) 1-Di namico_sx _(g) 0.05 0.05 0.04 0.04 88.9 79.0 69.1 0.03 0.03 0.02 0.02 59.3 49.4 0.01

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il Total Quality Management e il Sei Sigma

Il Total Quality Management e il Sei Sigma Il Total Quality Management e il Sei Sigma Francesco Aggogeri Università di Brescia, Dip. di Ingegneria Meccanica, Brescia, Italy; aggogeri@yahoo.it Abstract The dynamism of the market, defined by the

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

SIX SIGMA. Catalogo Corsi. Sistema Aziendali a Zero Difetti

SIX SIGMA. Catalogo Corsi. Sistema Aziendali a Zero Difetti SIX SIGMA Catalogo Corsi Sistema Aziendali a Zero Difetti Six Sigma Indice Il metodo Six Sigma pag. 1 Caratteristiche del metodo pag. 1 Cosa sono i corsi six sigma pag. 2 Esami e Certificazioni pag. 2

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

Incontro su SEI SIGMA

Incontro su SEI SIGMA Silvia Martin Tesi di Laurea - Politecnico di Torino Contatto: silviavarese87@libero.it Incontro su SEI SIGMA Confronto parametrico fra i sistemi di Total Quality Management 1 Il Sei Sigmaa confronto con

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Total Quality Management

Total Quality Management Corso di Sistemi di Produzione Prof. Dario Antonelli Total Quality Management 28 settembre 2007 dott.ssa Brunella Caroleo Il concetto di qualità Conformità alle specifiche Conformità nel tempo di utilizzo

Dettagli

Dall Audit al recupero dei Certificati Bianchi e all efficienza energetica: Un percorso dall obbligo all opportunità. In collaborazione con:

Dall Audit al recupero dei Certificati Bianchi e all efficienza energetica: Un percorso dall obbligo all opportunità. In collaborazione con: Dall Audit al recupero dei Certificati Bianchi e all efficienza energetica: Un percorso dall obbligo all opportunità Taormina, 24 Aprile 2015 Diagnosi Energetica cosa è Abbiamo visto in precedenza che

Dettagli

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I)

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) 203 APPENDICE A: Tabella Process Sigma (II) 204 APPENDICE B: Tipologie di variabili Lo schema sottostante è utile per la corretta scelta degli indicatori durante

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA

IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA 01 DOCUMENTAZIONE MINISTERIALE DPR 80-28 marzo 2013 Art. 2 Obiettivi e organizzazione dell's.n.v. Ai fini del miglioramento della qualita' dell'offerta formativa e degli apprendimenti,

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

4.A.1 Il front line ed il back office

4.A.1 Il front line ed il back office 4.A.1 Il front line ed il back office [1.B.2] > Gestione della manutenzione Gli obiettivi del corso sono innanzi tutto quello di fornire un inquadramento delle caratteristiche e del front line e del back

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere M MODULI generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione per la qualità in una pmi di produzione Comprendere le esigenze dei clienti Valutare la soddisfazione

Dettagli