Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia"

Transcript

1 Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia A cura di: Conti Maria Cristina Pacini Carla Cap. X, Thompson A., Strickland A.J., Gamble J.E. (2009) Strategia aziendale. Formulazione ed esecuzione, McGraw-Hill

2 INDICE 1 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA 2 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACIA IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA 3 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN MIGLIORAMENTO CONTINUO Il processo di individuazione e adozione delle best practices Strumenti per la promozione dell eccellenza operativa Riprogettazione dei processi aziendali Total Quality Management Metodo Six Sigma Cogliere i benefici delle iniziative per il miglioramento delle operazioni 4 L IMPORTANZA DEI SISTEMI OPERATIVI E INFORMATIVI Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo Adeguato controllo dei dipendenti che godono di maggiore autonomia 1 RICOMPENSE E INCENTIVI PER MOTIVARE IL PERSONALE

3 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA In uno stadio precoce del processo di implementazione e realizzazione di una nuova strategia, i manager devono definire il fabbisogno di risorse e valutare se le aree di business dispongono di budget adeguati. Ogni ASA deve disporre di finanziamenti e risorse che le consentano di applicare il piano strategico in modo efficace ed efficiente. Il management deve valutare le richieste allo scopo di approvare solo quelle il cui contributo all implementazione strategica appare tale da giustificarne i costi. Se l impresa non dispone di flussi di cassa interni sufficienti a finanziare le iniziative strategiche, il management deve reperire ulteriori risorse ad esempio attraverso: aumenti di capitale; prestiti; vendita di quote di capitale a investitori interessati all acquisto.

4 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA La capacità dell impresa di reperire le risorse necessarie a sostenere le nuove iniziative strategiche e di ripartirle con un allocazione ponderata ha profonde influenze: un finanziamento insufficiente rallenta il processo e contrasta gli sforzi di implementazione strategica delle singole unità; un finanziamento eccessivo rappresenta uno spreco di risorse e penalizza la perfomance finanziaria. Un cambiamento strategico richiede una ridistribuzione del budget e una diversa allocazione delle risorse: Downsizing delle aree funzionali che nella nuova strategia ricoprono una posizione più marginale rispetto alla precedente Incremento degli investimenti o del personale nelle unità con un ruolo più importante o cruciale

5 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA Più il cambiamento strategico è marcato, maggiori sono gli investimenti di risorse necessari. Di solito: notevole incremento del budget nelle unità dedicate al lancio delle nuove iniziative; incrementi modesti nei budget delle altre aree funzionali. Caso particolare ma molto ricorrente: tutti i cambiamenti strategici o le nuove iniziative di implementazione devono essere attuati senza un incremento delle spese complessive.

6 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA Le politiche e le procedure dell impresa possono favorire o ostacolare un efficace implementazione della strategia. I manager dovrebbero intraprendere un attenta revisione delle politiche e delle procedure esistenti, impegnandosi a modificare o abolire le pratiche che risultano inadeguate. Un cambiamento strategico richiede trasformazioni nelle pratiche operative nel comportamento del personale

7 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA Introduzione di politiche e procedure Guida dall alto lo svolgimento di determinate attività: contribuisce ad adeguare le azioni e il comportamento del personale ai requisiti essenziali per una valida implementazione strategica; pone dei limiti alle iniziative individuali e contribuisce a superare la resistenza al cambiamento; convoglia gli sforzi individuali e di gruppo lungo un percorso che sostiene la strategia. Contribuisce alla coerenza nello svolgimento di attività fondamentali ai fini strategici in unità funzionali situate in aree geografiche differenti. Contribuisce alla creazione di un ambiente lavorativo che agevola un efficace implementazione della strategia.

8 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA I cuochi devono girare gli hamburger, non farli saltare Se non sono stati venduti, i Big Mac devono essere eliminati 10 min dopo la cottura e le patatine dopo 7 min I cassieri devono mantenere il contatto visivo e sorridere a ogni cliente

9 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICAv da regolamentare con rigore dall alto ATTIVITA che richiedono un iniziativa individuale da parte del personale La soluzione ideale dovrebbe essere un equilibrata via di mezzo: elaborare politiche sufficienti a indicare al personale un chiaro orientamento ai fini dell implementazione strategica e a porre i dovuti confini alle iniziative personali ma, entro tali limiti, autorizzare i membri dell organizzazione ad agire come ritengono più opportuno.

10 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Best practice: tecnica per lo svolgimento di un attività o di un processo di business che si è dimostrata particolarmente efficace in almeno un impresa. Caratteristiche necessarie: devono esistere prove tangibili della sua capacità di produrre: o significative riduzioni dei costi; o notevole miglioramento della qualità o della performance; o considerevole compressione dei tempi; o forte incremento della sicurezza dell efficacia dei processi; o altri risultati operativi particolarmente positivi. deve dimostrare di avere successo nel tempo; deve essere ripetibile; deve generare risultati quantificabili ed estremamente positivi.

11 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Alcune organizzazioni che hanno sistematizzato una serie di best practices e che mettono tali risorse a disposizione dei propri clienti:

12 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Xerox è stata valutata come società in grado di assicurare ai propri clienti maggiore produttività e ottimizzazione dei costi, insieme ad una riduzione dell impatto ambientale. Best practice Best practice - 10% costi di stampa e documenti da 3000 fatture a trimestre in tutta Europa a un unica fattura mensile per ciascun paese + soddisfazione dei dipendenti per i servizi di gestione stampa + 99% tempo di attività delle macchine + controllo e responsabilità

13 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Fonte: Paper Analisi dele Organizzazioni, prof. Gerardo Patriotta Nottingham University Business School

14 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Campagne di comunicazione non convenzionali Canali alternativi di distribuzione Produzione di giostre ad altissima sicurezza, tecnologia e design Progettazione e costruzione di veicoli a trazione elettrica Superare qualsiasi problema tecnico che l architetto incontri nella realizzazione della sua opera d arte, rendendo possibile la sua creazione, plasmando il pensiero dell artista.

15 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Come avviene il processo di identificazione, studio e implementazione delle best practices? BENCHMARKING Il termine inglese benchmarking è traducibile con "parametro di riferimento", definisce lo standard con cui rapportarsi. Il benchmarking è un valido strumento di qualità che permette di aiutare l'azienda a migliorare con continuità i propri processi apprendendo dall'esperienza di altri. 5 condizioni essenziali: 1 Impegno totale e assoluto del vertice 2 Apertura al cambiamento e a idee nuove e diverse 3 Conoscenza completa delle attività dell'azienda 4 Disponibilità a condividere i risultati coi partner della ricerca 5 Dirigenza orientata al miglioramento continuo

16 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Il modo più valido per attuare il benchmarking è l'utilizzo del ciclo metodologico PSCA PIANIFICAZIONE SPERIMENTAZIONE CONTROLLO AZIONE Importante: le pratiche riprese da altre imprese devono essere adattate alle proprie esigenze specifiche! Maggiore è l impiego delle best practices nello svolgimento delle operazioni, più l impresa si avvicina ai massimi livelli di efficacia ed efficienza nello svolgimento delle attività della catena del valore.

17 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Il benchmarking impedisce che in azienda vengano istituzionalizzati quei rituali e procedure che hanno contribuito al successo in passato, ma che in un mondo in rapido cambiamento necessitano di continua evoluzione. Qualsiasi azienda che ritiene di conoscere le risposte a tutti i suoi problemi e di non avere nulla da imparare dagli altri, è probabilmente destinata a soccombere. Numerose associazioni di imprese e di categoria si sono dedicate alla raccolta dei dati di benchmarking dei vari settori o funzioni aziendali, offrendo ai propri membri la possibilità di consultare i propri database online:

18 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO RIPROGETTAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Molto spesso l ostacolo maggiore per il miglioramento dei processi operativi è la configurazione della struttura organizzativa. Che cos è il Business Process Reengineering (BPR)? Un radicale intervento di ristrutturazione organizzativa, volto a ridefinire i processi aziendali, facendo leva sull'analisi del valore delle attività che li costituiscono. Non solo Come possiamo eseguire meglio i processi che eseguiamo oggi? Ma Perché li facciamo così? Perché non li eseguiamo in modo completamente diverso? Per poter migliorare i processi è necessario classificarli e comprendere come si collocano all interno dell organizzazione.

19 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO RIPROGETTAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Identificare, capire e gestire i processi in modo da ottimizzarli + Efficacia + Efficienza Conseguimento obiettivi aziendali Vantaggi: Semplificazione del lavoro Riduzione della burocrazia Ridefinizione ed ampliamento di ruoli e mansioni Accorpamento di micro-attività in macro-attività Appiattimento della piramide aziendale

20 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO RIPROGETTAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Interventi: fusione di 6 unità di produzione snellimento delle fasi di stoccaggio e gestione della merce automatizzazione del sistema di progettazione eliminazione di 2 gradi su 3 della gerarchia aziendale Vantaggi: tempo fra la ricezione dell ordine e la consegna da 3 settimane a 3 giorni! + 20% produttività in 1 anno - 30% costo produzione unitario Interventi: 45 magazzini eliminati le squadre operano direttamente dai furgoni Vantaggi: riduzione personale impegnato in attività burocratiche e di supervisione delle squadre operative

21 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT Il Total Quality Management è una filosofia di gestione dell impresa incentrata sulla qualità, basata sulla partecipazione di tutti i suoi membri e rivolta ad un successo a lungo termine attraverso la soddisfazione del cliente e un continuo miglioramento della performance in ogni attività della catena del valore. Obiettivi: continuo miglioramento di tutte le fasi operative; accuratezza totale nello svolgimento delle singole attività; coinvolgimento e motivazione del personale; maggiore autonomia ai dipendenti a tutti i livelli della gerarchia aziendale; lavoro di squadra; soddisfazione del cliente (customer satisfaction). AUMENTO PRODUTTIVITA E COMPETITIVITA

22 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT Il compito più importante è dunque concentrarsi nell'assicurazione della qualità dei processi e dei prodotti/servizi offerti, attuandola in maniera tale da migliorare la soddisfazione sia del cliente interno sia del cliente esterno. È necessario: coinvolgere i dipendenti di tutte le aree funzionali e di ogni livello gerarchico; modificare la cultura aziendale; dare alla qualità un importanza strategica; un orientamento assoluto all attenzione al cliente interno/esterno. Ma ricordarsi sempre che tutto questo DEVE essere un processo continuo!

23 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT I successi ottenuti negli ultimi anni: 1) la produttività negli ultimi 25 anni è aumentata di 7 volte, il doppio dei suoi concorrenti; 2) negli ultimi 5 anni la produzione di automobili è cresciuta di 3 milioni, ovvero del 50%; 3) la Toyota ha raggiunto il profitto di 11,5 miliardi di dollari e vale sul mercato come le tre grandi società americane General Motors, Ford e Chrysler messe insieme. Come? TOYOTA PRODUCTION SYSTEM Eliminazione degli sprechi Rapidità d azione Responsabilizzazione del personale Scelta di obiettivi ambiziosi Cura della perfezione Self-problem solving Formazione Regola dei 5 perché

24 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT TTCMS The Coca-Cola Management System Misurazione caratteristiche chiave dei prodotti Controllo attributi packaging Coerenza e precisione a livello globale Utilizzo dei più alti standards e processi per garantire qualità e sicurezza del prodotto a partire dalla produzione, all imbottigliamento fino alla consegna Approvazione del TCCMS da parte di tutto il management della Coca-Cola Company e impegno nella sua applicazione Assunzione di misure preventive come strumento del management: rigorose richieste nella pianificazione di nuovi prodotti e nell introduzione di nuovi servizi Incorporazione di sistemi informatici di analisi e controllo nel sistema Definizione di metodologie problem-solving e strumenti per guidare il miglioramento continuo della sicurezza e della qualità Ogni unità operativa deve stabilire, implementare, documentare e mantenere un sistema di qualità congruente con i requisiti del TCCMS Integrazione e allineamento fra ottenimento di elevati profitti e obiettivi di qualità

25 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST DI BEST PRACTICES E RICERCA E RICERCA DI UN DI CONTINUO UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA E una metodo strategia statistico manageriale per: di miglioramento continuo che utilizza un metodo statistico per: - ridurre gli errori, le difettosità e i tempi di ciclo - ridurre i costi - migliorare la produttività e i risultati economici - aumentare lo soddisfazione dei clienti e dei dipendenti L espressione nasce dalla lettera greca sigma che in greco significa VARIANZA l oscillazione di un parametro rispetto alla media. Se il parametro è la misura della qualità o del processo di un prodotto, la sua varianza indica quanto siamo vicini alla perfezione.

26 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA OBIETTIVO: raggiungere un controllo del processo da avere soltanto 3,4 parti difettose per milione di ripetizioni; coinvolgimento del management verso la filosofia dell eccellenza e della massima soddisfazione dei clienti. Esempio: Un impiegato esce di casa tutti i giorni alle 8.00 e deve entrare al lavoro alle Per raggiungere l ufficio in auto ha due possibilità: attraversare la città, o seguire un percorso di campagna, più lungo ma meno trafficato. Per decidere quale sia il percorso più conveniente, misura il tempo di percorrenza più volte su entrambi i percorsi e trova che attraversando la città impiega mediamente 25 minuti, mentre per il percorso in campagna occorrono in media 28 minuti. Quale percorso gli conviene seguire?

27 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Vecchia risposta: l uomo dovrebbe scegliere il percorso cittadino, che in media è più veloce. Risposta Sei Sigma: la media non è un indicatore significativo per questo studio. L impiegato è penalizzato quando arriva in ritardo, ma non ha alcun beneficio quando arriva in anticipo. L uomo definirebbe come difettosi i percorsi che richiedono più di 30 minuti di viaggio. Quindi si deve analizzare l intera distribuzione dei dati nei due casi. Il percorso cittadino presenta una forte variabilità dei dati, perché è molto influenzato (oltre che poco prevedibilmente) dal traffico; il percorso di campagna invece richiede un tempo praticamente costante. Visto l alto numero di difetti nel caso del percorso cittadino, è evidente che quello di campagna è decisamente preferibile dal punto di vista dell impiegato. La risposta fondata sul semplice paragone delle medie viene quindi ribaltata.

28 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Introdotto per la prima volta dalla Motorola nella seconda metà degli anni 80 da Bob Galvin e Bill Smith, si diffuse ad altre importanti compagnie, come General Electric, Toyota, Honeywell e Microsoft IL CASO MOTOROLA 1987, applicazione del metodo six sigma: nascita della cultura della qualità, da struttura verticale a struttura orizzontale per processi, assegnazione di premi alle squadre o persone che avevano ottenuto i migliori risultati, riduzione dei difetti nella produzione, assistenza tecnica, disponibilità dei prodotti, competenza dei rappresentanti.

29 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA METODOLOGIA Metodo DMAIC: Metodo da applicare per migliorare processi gia esistenti DEFINIRE: - definire gli obiettivi del progetto e dei clienti da fornire MISURARE: - misurare il processo per determinare le prestazioni attuali ANALIZZARE: - analizzare la causa dei difetti MIGLIORARE: - migliorare il processo eliminando i difetti CONTROLLARE: - controllare il processo di future prestazioni

30 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA METODOLOGIA Metodo DMADV: Metodo da applicare nel caso di nuovi processi DEFINIRE: - definire il processo e individuare dove non soddisfa il cliente MISURARE: - misurare il processo per determinare se soddisfa i clienti ANALIZZARE: - analizzare le opzioni necessarie per soddisfare il cliente DESIGN: - progettare cambi al processo in modo da soddisfare il cliente VERIFICA: - verificare che i cambi abbiano raggiunto le aspettative del cliente

31 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Impresa che ha applicato nel 1995 il six sigma traendone molti benefici come la riduzione del 98% degli errori di fatturazione e delle contestazioni Six sigma utilizzato per realizzare un prodotto di qualità eccellente attraverso produzioni snelle, eliminazione dei costi superflui, miglioramento continuo della qualità e bisogni dei clienti alla base di ogni funzione aziendale

32 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Il Six Sigma si è sviluppato molto rapidamente nel mondo industriale Tra le aziende più importanti: Motorola Polaroid Sony Honda Canon Toshiba Fiat Avio Iveco Beretta caldaie Italtel In Italia, tra le società che hanno adottato o stanno adottando six sigma

33 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Metodologia sempre più utilizzata dalle aziende e in continuo sviluppo Esempio di azienda marchigiana: ha creduto nelle persone e nel cambiamento continuo, ottenendo risultati in termini di riduzione magazzino del meno 25% e una riduzione media dei lead time del 10%. Nel prescrivere i farmaci, il metodo six sigma ha individuato che la maggior parte degli errori venivano dalla difficolta di decifrare la calligafria dei medici. Introduzione di un programma per digitare le prescrizioni al computer Azienda ospedaliera

34 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA I casi di applicazione presentati interessano settori diversi e organizzazioni di diverse dimensioni, questo a dimostrare che questi sistemi gestionali sono trasversali e adattabili a qualsiasi organizzazione: PMI, grandi aziende, ospedali, servizi, commercio. Nascita di numerosi master, letterature e corsi di formazione sulla metodologia six sigma. Limiti: - difficoltà nell ottenere un pieno impegno da parte dei manager nel diffondere una cultura incentrata sulla qualita e nel raggiungere coinvolgimento dipendenti - obiettivi poco chiari - costi eccessivi per la formazione dei dipendenti - diffidenza verso lo strumento.

35 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO Differenze tra la riprogettazione dei processi aziendali e programmi di miglioramento continuo Businnes process rengeniring riferita a processi operativi che interessano variabili quantitative e sono ripetuti su grandi volumi quotidianamente TQM SIX SIGMA Aspirano a un flusso costante di miglioramenti incrementali, con la ricerca di piccoli miglioramenti ripetuti che si sommano in un flusso continuo Tutti contribuiscono al miglioramento dell efficienza, riduzione dei costi, qualità del prodotto più elevata, maggiore soddisfazione del cliente

36 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO Differenze tra la riprogettazione dei processi aziendali e programmi di miglioramento continuo Il TQM e il Six Sigma hanno origini e aspetti differenti, ma perseguendo lo stesso obiettivo (che è la soddisfazione del cliente finale attraverso un processo di miglioramento continuo), sono accomunate da logiche e metodi molto simili. TQM Nasce in ambito accademico anni 50 come filosofia manageriale innovativa per gestire un impresa; si sviluppa fornendo un insieme di tecniche e strumenti generali di problem solving Ha origine aziendale e fonda il proprio sviluppo sulla raccolta dei dati; il principio di fondo è la misurabilità di ogni processo attraverso opportuni metodi statistici per migliorare le performance SIX SIGMA

37 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO Iniziative per ottenere il max valore dai programmi TQM E SIX SIGMA 1. Dimostrare una dedizione inflessibile, evidente al miglioramento continuo 2. Stimolare il personale ad assumere comportamenti che denotino un orientamento alla qualità: a. rigorosa selezione del personale b. programmi di formazione c. ricorso a gruppi di lavoro ed esercizi per incoraggiare lo spirito di squadra d. riconosciemnto degli sforzi di gruppo e individualiu e. cura della prevenzione e non della verifica 3. Conferire ai dipendenti l autorità necessaria all offerta di un ottimo servizio 4. Adottare sistemi on line per la condivisione con tutte le parti interessate di informazioni sulle best practices più recenti 5. Diffondere l idea che la performance può essere migliorata

38 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Uso di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni interne all avanguardia per ottenere un vantaggio competitivo: Compagnie aeree che offrono un sistema di prenotazione on line facile da usare e rigoroso programma manutenzione aereomobili per ridurre al minimo i problemi tecnici Sistemi di comunicazione interni che consentono di coordinare furgoni nella gestione di 5,5 milioni di pacchi al giorno

39 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo: 5 macroaree di controllo: 1.Dati sui clienti 2.Dati sulle operazioni 3.Dati sui dipendenti 4.Dati sui fornitori, partner o alleati 5.Dati sulla performance finanziaria

40 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI E DI CONTROLLO UTILIZZANDO LA DIMENSIONE COMPETITIVA, SOCIALE, DELL INNOVAZIONE E ECONOMICO FINANZIARIA

41 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo: Sistemi informativi in tempo reale: permettono ai manager di mantenere un controllo sulle iniziative di implementazione e sulle operazioni quotidiane e di intervenire se qualcosa non dovesse funzionare come previsto. Utilizzo di SCORECARD ELETTRONICHE: schede informative che raccolgono dati statistici su base giornaliera o settimanale da vari database relativi a scorte, vendite, costi VANTAGGI: I manager possono tenersi aggiornati sull andamento degli eventi e prendere decisioni più efficaci in tempo reale

42 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo: Sistema on line che avvisa l impresa quando un volo arriva in ritardo e valuta la necessità di un adeguamento nei voli in coincidenza per agevolare i passeggeri arrivati in ritardo British Petroleum ha equipaggiato i vagoni ferroviari per il trasporto di materiali pericolosi con sensori e sistemi GPS per poter seguire l andamento del trasporto e trasmettere i dati alla intranet aziendale

43 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Adeguato controllo dei dipendenti che godono di maggiore autonomia: Importante verificare che le decisioni e i comportamenti dei dipendenti rientrino negli accordi previsti. Dipendenti che non si comportano in modo adeguato comportano costi notevoli, controversie legali e pubblicità negativa per l impresa. Utilizzare uno strumento per il monitoraggio dei risultati delle azioni del personale in tempo reale o giornaliero. Leva di controllo importante: CONTROLLO TRA PARI

44 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Incentivi alla motivazione positiva: volti a favorire la ripetizione del comportamento desiderato Incentivi alla motivazione negativa: volti a reprimere un comportamento non desiderato

45 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Condizioni per far funzionare al meglio un sistema di incentivi: - I compensi monetari dovrebbero costituire una percentuale dominante del pacchetto di remunerazione - Incentivi estesi a tutti i manager e dipendenti in modo equo e scrupoloso - Incentivi collegati ai target di performance indicati nel piano strategico - I target di performance dei singoli individui dovrebbero consistere in risultati che possono essere influenzati dal comportamento individuale

46 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Condizioni per far funzionare al meglio un sistema di incentivi: - Le ricompense dovrebbero essere distribuite immediatamente dopo il conseguimento dell obiettivo di performance previsto - Le ricompense monetarie dovrebbero essere integrate da un ampio ricorso ad altri metodi di riconoscimento - Bisognerebbe evitare la concessione di ricompense a soggetti che, seppur meritevoli, non abbiano conseguito i risultati prefissati

47 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Strategie per motivare e premiare i dipendenti: 100 BEST COMPANY TO WORK FOR 1.NetApp 2.Edward Jones 3.Boston Consulting 4.Google 5.Wegmans 6.Cisco 7.Genentech 8.Methodist Hospital 9.Goldman Sachs 10.Nugget Market Tratto dalla rivista Fortune che si occupa di business globale

48 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti 100 BEST COMPANY TO WORK FOR 1 posto: NetApp Netapp, azienda che opera nel settore gestione dati per le aziende, si impegna a creare un ambiente stimolante che va incontro alle esigenze dei dipendenti obiettivo: tutelare la salute dei dipendenti e aumentare la loro soddisfazione

49 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti 100 best company to work for! 1 posto: NetApp PROGRAMMI DI BENEFIT PER FAVORIRE I DIPENDENTI: -Programmi di assistenza sanitaria -Programmi di cure dentistiche oculistiche, per il benessere e la famiglia -Programmi assicurativi e assicurazioni sul reddito -Centro fitness, palestra -Sconti per parchi a tema, viaggi -Programmi di investimento e risparmio -Gratifiche in denaro per coloro che si distinguono nello svolgimento del loro lavoro -Promuove un abbigliamento informale e orari flessibili -Telelavoro

Prof. Tonino Pencarelli. Teamwork: Mauro De Maggi Gregory Scupola Damian Stankiewicz

Prof. Tonino Pencarelli. Teamwork: Mauro De Maggi Gregory Scupola Damian Stankiewicz Prof. Tonino Pencarelli Teamwork: Mauro De Maggi Gregory Scupola Damian Stankiewicz Scuola di Economia Corso di Strategia d impresa A.A. 2013/2014 Cos è l implementazione strategica Implementare la strategia

Dettagli

Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia

Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia A cura di Margherita Berloni Stefano Pandolfi Matteo Pierleoni Mariafrancesca Sticca Michele Vigna Corso

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

CAPITOLO 11 GESTIRE LE OPERAZIONI INTERNE:

CAPITOLO 11 GESTIRE LE OPERAZIONI INTERNE: UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI ECONOMIA CAPITOLO 11 GESTIRE LE OPERAZIONI INTERNE: INIZIATIVE A SOSTEGNO DI UNA VALIDA IMPLEMENTAZIONE DELLA STRATEGIA Corso di Strategia d impresa

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

Leadership e cultura aziendale

Leadership e cultura aziendale Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Leadership e cultura aziendale A cura di: Massimo Fattori Marco Cameli Caso I, Thompson A., Strickland A.J.,

Dettagli

CAPITOLO 11 Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia.

CAPITOLO 11 Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia. CAPITOLO 11 Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia. A C U R A D I : S T E F A N I A D I B E N E D E T T O D A N I L A T O R T O M A S I EDA L

Dettagli

Introduzione ai processi aziendali

Introduzione ai processi aziendali Introduzione ai processi aziendali Introduzione Negli ultimi tempi si è cercato di vedere l'azienda anche come insieme di processi oltre che come insieme di funzioni, si è cercato di vedere ad esempio

Dettagli

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop Lean Six Sigma Workshop 1 Origini del Six Sigma La metodologia Six Sigma nasce a metà degli anni 80 in Motorola estendendosi poi ad altre grandi aziende americane; è una metodologia per il miglioramento

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Che cos'è la strategia aziendale e perchè è importante

Che cos'è la strategia aziendale e perchè è importante Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Che cos'è la strategia aziendale e perchè è importante A cura di: Casavecchia Alessandro, Borgognoni Nicola,

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management

Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Philip Morris: lo Start Up di un Progetto di Facility Management Luca Fiorucci, Direttore Divisione FM, Cofely Italia Piergiorgio Marini, Direttore Purchaising Italia, Philip Morris Il CLIENTE: Philip

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

100 aziende giudicate migliori ambienti di lavoro in Europa dai propri dipendenti

100 aziende giudicate migliori ambienti di lavoro in Europa dai propri dipendenti 100 aziende giudicate migliori ambienti di lavoro in Europa dai propri dipendenti Milano, 19 giugno 2012 Great Place to Work ha oggi rivelato i nomi delle 100 aziende che sono state riconosciute dai propri

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati.

12/04/2011. I costi aziendali possono essere classificati in modi differenti a seconda della finalità per la quale sono determinati. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Definizione e classificazione dei costi aziendali Riferimenti bibliografici: libro di testo capitolo 2 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

NUCOR CORPORATION: come competere con l importazione di acciaio a basso costo

NUCOR CORPORATION: come competere con l importazione di acciaio a basso costo Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani NUCOR CORPORATION: come competere con l importazione di acciaio a basso costo A cura di: Scaccia Simone, Sorvillo

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale

La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale La metodologia Six Sigma per la gestione dei progetti di miglioramento Alessandro BRUN Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale 1 - Motorola, General Electric e il Six Sigma La metodologia

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 SDA Bocconi School of Management Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 cristina.filannino@sdabocconi.it 1 Cosa motiva le

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Sistemi ERP e controlli automatici Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Descrivere gli obiettivi di un sistema

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio

Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Modulo 1 Pianificazione Strategica dello Studio Alessandra Damiani Managing Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti alessandra.damiani@barbierieassociati.it 1 Guida alla gestione dei PMstudi

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali L erp de Il Sole 24 ORE L INNOVAZIONE CHE FA CRESCERE LA TUA AZIENDA Controllare e snellire tutti i processi aziendali Il miglioramento dell efficienza aziendale si ottiene anche con nuovi strumenti di

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Introduzione La politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler illustra il contenuto strategico delle iniziative rivolte al personale Schindler. Si

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Capitolo 10. Lorandi David Rinaldi Daniela Manzoni Mirko Ceroni Chiara Spampatti Carlo

Capitolo 10. Lorandi David Rinaldi Daniela Manzoni Mirko Ceroni Chiara Spampatti Carlo Capitolo 10 Lorandi David Rinaldi Daniela Manzoni Mirko Ceroni Chiara Spampatti Carlo Ambiente competitivo molto complesso ed in continua evoluzione Nuove sfide competitive da affrontare per il management

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO CLIC web searching people social media marketing display adv SEO search engine optimization pay per click analytics DEM Newslettering Web Performance (Pay per Lead, Pay per Sale) social media marketing

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli