Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia"

Transcript

1 Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Gestire le operazioni interne: iniziative a sostegno di una valida implementazione della strategia A cura di: Conti Maria Cristina Pacini Carla Cap. X, Thompson A., Strickland A.J., Gamble J.E. (2009) Strategia aziendale. Formulazione ed esecuzione, McGraw-Hill

2 INDICE 1 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA 2 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACIA IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA 3 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN MIGLIORAMENTO CONTINUO Il processo di individuazione e adozione delle best practices Strumenti per la promozione dell eccellenza operativa Riprogettazione dei processi aziendali Total Quality Management Metodo Six Sigma Cogliere i benefici delle iniziative per il miglioramento delle operazioni 4 L IMPORTANZA DEI SISTEMI OPERATIVI E INFORMATIVI Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo Adeguato controllo dei dipendenti che godono di maggiore autonomia 1 RICOMPENSE E INCENTIVI PER MOTIVARE IL PERSONALE

3 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA In uno stadio precoce del processo di implementazione e realizzazione di una nuova strategia, i manager devono definire il fabbisogno di risorse e valutare se le aree di business dispongono di budget adeguati. Ogni ASA deve disporre di finanziamenti e risorse che le consentano di applicare il piano strategico in modo efficace ed efficiente. Il management deve valutare le richieste allo scopo di approvare solo quelle il cui contributo all implementazione strategica appare tale da giustificarne i costi. Se l impresa non dispone di flussi di cassa interni sufficienti a finanziare le iniziative strategiche, il management deve reperire ulteriori risorse ad esempio attraverso: aumenti di capitale; prestiti; vendita di quote di capitale a investitori interessati all acquisto.

4 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA La capacità dell impresa di reperire le risorse necessarie a sostenere le nuove iniziative strategiche e di ripartirle con un allocazione ponderata ha profonde influenze: un finanziamento insufficiente rallenta il processo e contrasta gli sforzi di implementazione strategica delle singole unità; un finanziamento eccessivo rappresenta uno spreco di risorse e penalizza la perfomance finanziaria. Un cambiamento strategico richiede una ridistribuzione del budget e una diversa allocazione delle risorse: Downsizing delle aree funzionali che nella nuova strategia ricoprono una posizione più marginale rispetto alla precedente Incremento degli investimenti o del personale nelle unità con un ruolo più importante o cruciale

5 ALLOCAZIONE DI RISORSE SUFFICIENTI A A SOSTENERE GLI SFORZI DI IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA Più il cambiamento strategico è marcato, maggiori sono gli investimenti di risorse necessari. Di solito: notevole incremento del budget nelle unità dedicate al lancio delle nuove iniziative; incrementi modesti nei budget delle altre aree funzionali. Caso particolare ma molto ricorrente: tutti i cambiamenti strategici o le nuove iniziative di implementazione devono essere attuati senza un incremento delle spese complessive.

6 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA Le politiche e le procedure dell impresa possono favorire o ostacolare un efficace implementazione della strategia. I manager dovrebbero intraprendere un attenta revisione delle politiche e delle procedure esistenti, impegnandosi a modificare o abolire le pratiche che risultano inadeguate. Un cambiamento strategico richiede trasformazioni nelle pratiche operative nel comportamento del personale

7 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA Introduzione di politiche e procedure Guida dall alto lo svolgimento di determinate attività: contribuisce ad adeguare le azioni e il comportamento del personale ai requisiti essenziali per una valida implementazione strategica; pone dei limiti alle iniziative individuali e contribuisce a superare la resistenza al cambiamento; convoglia gli sforzi individuali e di gruppo lungo un percorso che sostiene la strategia. Contribuisce alla coerenza nello svolgimento di attività fondamentali ai fini strategici in unità funzionali situate in aree geografiche differenti. Contribuisce alla creazione di un ambiente lavorativo che agevola un efficace implementazione della strategia.

8 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICA I cuochi devono girare gli hamburger, non farli saltare Se non sono stati venduti, i Big Mac devono essere eliminati 10 min dopo la cottura e le patatine dopo 7 min I cassieri devono mantenere il contatto visivo e sorridere a ogni cliente

9 DEFINIZIONE DI POLITICHE E PROCEDURE CHE AGEVOLINO UN EFFICACE IMPLEMENTAZIONE STRATEGICAv da regolamentare con rigore dall alto ATTIVITA che richiedono un iniziativa individuale da parte del personale La soluzione ideale dovrebbe essere un equilibrata via di mezzo: elaborare politiche sufficienti a indicare al personale un chiaro orientamento ai fini dell implementazione strategica e a porre i dovuti confini alle iniziative personali ma, entro tali limiti, autorizzare i membri dell organizzazione ad agire come ritengono più opportuno.

10 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Best practice: tecnica per lo svolgimento di un attività o di un processo di business che si è dimostrata particolarmente efficace in almeno un impresa. Caratteristiche necessarie: devono esistere prove tangibili della sua capacità di produrre: o significative riduzioni dei costi; o notevole miglioramento della qualità o della performance; o considerevole compressione dei tempi; o forte incremento della sicurezza dell efficacia dei processi; o altri risultati operativi particolarmente positivi. deve dimostrare di avere successo nel tempo; deve essere ripetibile; deve generare risultati quantificabili ed estremamente positivi.

11 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Alcune organizzazioni che hanno sistematizzato una serie di best practices e che mettono tali risorse a disposizione dei propri clienti:

12 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Xerox è stata valutata come società in grado di assicurare ai propri clienti maggiore produttività e ottimizzazione dei costi, insieme ad una riduzione dell impatto ambientale. Best practice Best practice - 10% costi di stampa e documenti da 3000 fatture a trimestre in tutta Europa a un unica fattura mensile per ciascun paese + soddisfazione dei dipendenti per i servizi di gestione stampa + 99% tempo di attività delle macchine + controllo e responsabilità

13 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Fonte: Paper Analisi dele Organizzazioni, prof. Gerardo Patriotta Nottingham University Business School

14 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Campagne di comunicazione non convenzionali Canali alternativi di distribuzione Produzione di giostre ad altissima sicurezza, tecnologia e design Progettazione e costruzione di veicoli a trazione elettrica Superare qualsiasi problema tecnico che l architetto incontri nella realizzazione della sua opera d arte, rendendo possibile la sua creazione, plasmando il pensiero dell artista.

15 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Come avviene il processo di identificazione, studio e implementazione delle best practices? BENCHMARKING Il termine inglese benchmarking è traducibile con "parametro di riferimento", definisce lo standard con cui rapportarsi. Il benchmarking è un valido strumento di qualità che permette di aiutare l'azienda a migliorare con continuità i propri processi apprendendo dall'esperienza di altri. 5 condizioni essenziali: 1 Impegno totale e assoluto del vertice 2 Apertura al cambiamento e a idee nuove e diverse 3 Conoscenza completa delle attività dell'azienda 4 Disponibilità a condividere i risultati coi partner della ricerca 5 Dirigenza orientata al miglioramento continuo

16 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Il modo più valido per attuare il benchmarking è l'utilizzo del ciclo metodologico PSCA PIANIFICAZIONE SPERIMENTAZIONE CONTROLLO AZIONE Importante: le pratiche riprese da altre imprese devono essere adattate alle proprie esigenze specifiche! Maggiore è l impiego delle best practices nello svolgimento delle operazioni, più l impresa si avvicina ai massimi livelli di efficacia ed efficienza nello svolgimento delle attività della catena del valore.

17 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE E ADOZIONE DELLE BEST PRACTICES Il benchmarking impedisce che in azienda vengano istituzionalizzati quei rituali e procedure che hanno contribuito al successo in passato, ma che in un mondo in rapido cambiamento necessitano di continua evoluzione. Qualsiasi azienda che ritiene di conoscere le risposte a tutti i suoi problemi e di non avere nulla da imparare dagli altri, è probabilmente destinata a soccombere. Numerose associazioni di imprese e di categoria si sono dedicate alla raccolta dei dati di benchmarking dei vari settori o funzioni aziendali, offrendo ai propri membri la possibilità di consultare i propri database online:

18 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO RIPROGETTAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Molto spesso l ostacolo maggiore per il miglioramento dei processi operativi è la configurazione della struttura organizzativa. Che cos è il Business Process Reengineering (BPR)? Un radicale intervento di ristrutturazione organizzativa, volto a ridefinire i processi aziendali, facendo leva sull'analisi del valore delle attività che li costituiscono. Non solo Come possiamo eseguire meglio i processi che eseguiamo oggi? Ma Perché li facciamo così? Perché non li eseguiamo in modo completamente diverso? Per poter migliorare i processi è necessario classificarli e comprendere come si collocano all interno dell organizzazione.

19 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO RIPROGETTAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Identificare, capire e gestire i processi in modo da ottimizzarli + Efficacia + Efficienza Conseguimento obiettivi aziendali Vantaggi: Semplificazione del lavoro Riduzione della burocrazia Ridefinizione ed ampliamento di ruoli e mansioni Accorpamento di micro-attività in macro-attività Appiattimento della piramide aziendale

20 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO RIPROGETTAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Interventi: fusione di 6 unità di produzione snellimento delle fasi di stoccaggio e gestione della merce automatizzazione del sistema di progettazione eliminazione di 2 gradi su 3 della gerarchia aziendale Vantaggi: tempo fra la ricezione dell ordine e la consegna da 3 settimane a 3 giorni! + 20% produttività in 1 anno - 30% costo produzione unitario Interventi: 45 magazzini eliminati le squadre operano direttamente dai furgoni Vantaggi: riduzione personale impegnato in attività burocratiche e di supervisione delle squadre operative

21 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT Il Total Quality Management è una filosofia di gestione dell impresa incentrata sulla qualità, basata sulla partecipazione di tutti i suoi membri e rivolta ad un successo a lungo termine attraverso la soddisfazione del cliente e un continuo miglioramento della performance in ogni attività della catena del valore. Obiettivi: continuo miglioramento di tutte le fasi operative; accuratezza totale nello svolgimento delle singole attività; coinvolgimento e motivazione del personale; maggiore autonomia ai dipendenti a tutti i livelli della gerarchia aziendale; lavoro di squadra; soddisfazione del cliente (customer satisfaction). AUMENTO PRODUTTIVITA E COMPETITIVITA

22 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT Il compito più importante è dunque concentrarsi nell'assicurazione della qualità dei processi e dei prodotti/servizi offerti, attuandola in maniera tale da migliorare la soddisfazione sia del cliente interno sia del cliente esterno. È necessario: coinvolgere i dipendenti di tutte le aree funzionali e di ogni livello gerarchico; modificare la cultura aziendale; dare alla qualità un importanza strategica; un orientamento assoluto all attenzione al cliente interno/esterno. Ma ricordarsi sempre che tutto questo DEVE essere un processo continuo!

23 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT I successi ottenuti negli ultimi anni: 1) la produttività negli ultimi 25 anni è aumentata di 7 volte, il doppio dei suoi concorrenti; 2) negli ultimi 5 anni la produzione di automobili è cresciuta di 3 milioni, ovvero del 50%; 3) la Toyota ha raggiunto il profitto di 11,5 miliardi di dollari e vale sul mercato come le tre grandi società americane General Motors, Ford e Chrysler messe insieme. Come? TOYOTA PRODUCTION SYSTEM Eliminazione degli sprechi Rapidità d azione Responsabilizzazione del personale Scelta di obiettivi ambiziosi Cura della perfezione Self-problem solving Formazione Regola dei 5 perché

24 ADOZIONE DI BEST PRACTICES E RICERCA DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO TOTAL QUALITY MANAGEMENT TTCMS The Coca-Cola Management System Misurazione caratteristiche chiave dei prodotti Controllo attributi packaging Coerenza e precisione a livello globale Utilizzo dei più alti standards e processi per garantire qualità e sicurezza del prodotto a partire dalla produzione, all imbottigliamento fino alla consegna Approvazione del TCCMS da parte di tutto il management della Coca-Cola Company e impegno nella sua applicazione Assunzione di misure preventive come strumento del management: rigorose richieste nella pianificazione di nuovi prodotti e nell introduzione di nuovi servizi Incorporazione di sistemi informatici di analisi e controllo nel sistema Definizione di metodologie problem-solving e strumenti per guidare il miglioramento continuo della sicurezza e della qualità Ogni unità operativa deve stabilire, implementare, documentare e mantenere un sistema di qualità congruente con i requisiti del TCCMS Integrazione e allineamento fra ottenimento di elevati profitti e obiettivi di qualità

25 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST DI BEST PRACTICES E RICERCA E RICERCA DI UN DI CONTINUO UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA E una metodo strategia statistico manageriale per: di miglioramento continuo che utilizza un metodo statistico per: - ridurre gli errori, le difettosità e i tempi di ciclo - ridurre i costi - migliorare la produttività e i risultati economici - aumentare lo soddisfazione dei clienti e dei dipendenti L espressione nasce dalla lettera greca sigma che in greco significa VARIANZA l oscillazione di un parametro rispetto alla media. Se il parametro è la misura della qualità o del processo di un prodotto, la sua varianza indica quanto siamo vicini alla perfezione.

26 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA OBIETTIVO: raggiungere un controllo del processo da avere soltanto 3,4 parti difettose per milione di ripetizioni; coinvolgimento del management verso la filosofia dell eccellenza e della massima soddisfazione dei clienti. Esempio: Un impiegato esce di casa tutti i giorni alle 8.00 e deve entrare al lavoro alle Per raggiungere l ufficio in auto ha due possibilità: attraversare la città, o seguire un percorso di campagna, più lungo ma meno trafficato. Per decidere quale sia il percorso più conveniente, misura il tempo di percorrenza più volte su entrambi i percorsi e trova che attraversando la città impiega mediamente 25 minuti, mentre per il percorso in campagna occorrono in media 28 minuti. Quale percorso gli conviene seguire?

27 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Vecchia risposta: l uomo dovrebbe scegliere il percorso cittadino, che in media è più veloce. Risposta Sei Sigma: la media non è un indicatore significativo per questo studio. L impiegato è penalizzato quando arriva in ritardo, ma non ha alcun beneficio quando arriva in anticipo. L uomo definirebbe come difettosi i percorsi che richiedono più di 30 minuti di viaggio. Quindi si deve analizzare l intera distribuzione dei dati nei due casi. Il percorso cittadino presenta una forte variabilità dei dati, perché è molto influenzato (oltre che poco prevedibilmente) dal traffico; il percorso di campagna invece richiede un tempo praticamente costante. Visto l alto numero di difetti nel caso del percorso cittadino, è evidente che quello di campagna è decisamente preferibile dal punto di vista dell impiegato. La risposta fondata sul semplice paragone delle medie viene quindi ribaltata.

28 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Introdotto per la prima volta dalla Motorola nella seconda metà degli anni 80 da Bob Galvin e Bill Smith, si diffuse ad altre importanti compagnie, come General Electric, Toyota, Honeywell e Microsoft IL CASO MOTOROLA 1987, applicazione del metodo six sigma: nascita della cultura della qualità, da struttura verticale a struttura orizzontale per processi, assegnazione di premi alle squadre o persone che avevano ottenuto i migliori risultati, riduzione dei difetti nella produzione, assistenza tecnica, disponibilità dei prodotti, competenza dei rappresentanti.

29 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA METODOLOGIA Metodo DMAIC: Metodo da applicare per migliorare processi gia esistenti DEFINIRE: - definire gli obiettivi del progetto e dei clienti da fornire MISURARE: - misurare il processo per determinare le prestazioni attuali ANALIZZARE: - analizzare la causa dei difetti MIGLIORARE: - migliorare il processo eliminando i difetti CONTROLLARE: - controllare il processo di future prestazioni

30 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA METODOLOGIA Metodo DMADV: Metodo da applicare nel caso di nuovi processi DEFINIRE: - definire il processo e individuare dove non soddisfa il cliente MISURARE: - misurare il processo per determinare se soddisfa i clienti ANALIZZARE: - analizzare le opzioni necessarie per soddisfare il cliente DESIGN: - progettare cambi al processo in modo da soddisfare il cliente VERIFICA: - verificare che i cambi abbiano raggiunto le aspettative del cliente

31 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Impresa che ha applicato nel 1995 il six sigma traendone molti benefici come la riduzione del 98% degli errori di fatturazione e delle contestazioni Six sigma utilizzato per realizzare un prodotto di qualità eccellente attraverso produzioni snelle, eliminazione dei costi superflui, miglioramento continuo della qualità e bisogni dei clienti alla base di ogni funzione aziendale

32 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Il Six Sigma si è sviluppato molto rapidamente nel mondo industriale Tra le aziende più importanti: Motorola Polaroid Sony Honda Canon Toshiba Fiat Avio Iveco Beretta caldaie Italtel In Italia, tra le società che hanno adottato o stanno adottando six sigma

33 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA Metodologia sempre più utilizzata dalle aziende e in continuo sviluppo Esempio di azienda marchigiana: ha creduto nelle persone e nel cambiamento continuo, ottenendo risultati in termini di riduzione magazzino del meno 25% e una riduzione media dei lead time del 10%. Nel prescrivere i farmaci, il metodo six sigma ha individuato che la maggior parte degli errori venivano dalla difficolta di decifrare la calligafria dei medici. Introduzione di un programma per digitare le prescrizioni al computer Azienda ospedaliera

34 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO METODO SIX SIGMA I casi di applicazione presentati interessano settori diversi e organizzazioni di diverse dimensioni, questo a dimostrare che questi sistemi gestionali sono trasversali e adattabili a qualsiasi organizzazione: PMI, grandi aziende, ospedali, servizi, commercio. Nascita di numerosi master, letterature e corsi di formazione sulla metodologia six sigma. Limiti: - difficoltà nell ottenere un pieno impegno da parte dei manager nel diffondere una cultura incentrata sulla qualita e nel raggiungere coinvolgimento dipendenti - obiettivi poco chiari - costi eccessivi per la formazione dei dipendenti - diffidenza verso lo strumento.

35 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO Differenze tra la riprogettazione dei processi aziendali e programmi di miglioramento continuo Businnes process rengeniring riferita a processi operativi che interessano variabili quantitative e sono ripetuti su grandi volumi quotidianamente TQM SIX SIGMA Aspirano a un flusso costante di miglioramenti incrementali, con la ricerca di piccoli miglioramenti ripetuti che si sommano in un flusso continuo Tutti contribuiscono al miglioramento dell efficienza, riduzione dei costi, qualità del prodotto più elevata, maggiore soddisfazione del cliente

36 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO Differenze tra la riprogettazione dei processi aziendali e programmi di miglioramento continuo Il TQM e il Six Sigma hanno origini e aspetti differenti, ma perseguendo lo stesso obiettivo (che è la soddisfazione del cliente finale attraverso un processo di miglioramento continuo), sono accomunate da logiche e metodi molto simili. TQM Nasce in ambito accademico anni 50 come filosofia manageriale innovativa per gestire un impresa; si sviluppa fornendo un insieme di tecniche e strumenti generali di problem solving Ha origine aziendale e fonda il proprio sviluppo sulla raccolta dei dati; il principio di fondo è la misurabilità di ogni processo attraverso opportuni metodi statistici per migliorare le performance SIX SIGMA

37 ADOZIONE ADOZIONE DI BEST PRACTICES DI BEST PRACTICES E RICERCA E DI UN RICERCA CONTINUO DI UN CONTINUO MIGLIORAMENTO Iniziative per ottenere il max valore dai programmi TQM E SIX SIGMA 1. Dimostrare una dedizione inflessibile, evidente al miglioramento continuo 2. Stimolare il personale ad assumere comportamenti che denotino un orientamento alla qualità: a. rigorosa selezione del personale b. programmi di formazione c. ricorso a gruppi di lavoro ed esercizi per incoraggiare lo spirito di squadra d. riconosciemnto degli sforzi di gruppo e individualiu e. cura della prevenzione e non della verifica 3. Conferire ai dipendenti l autorità necessaria all offerta di un ottimo servizio 4. Adottare sistemi on line per la condivisione con tutte le parti interessate di informazioni sulle best practices più recenti 5. Diffondere l idea che la performance può essere migliorata

38 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Uso di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni interne all avanguardia per ottenere un vantaggio competitivo: Compagnie aeree che offrono un sistema di prenotazione on line facile da usare e rigoroso programma manutenzione aereomobili per ridurre al minimo i problemi tecnici Sistemi di comunicazione interni che consentono di coordinare furgoni nella gestione di 5,5 milioni di pacchi al giorno

39 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo: 5 macroaree di controllo: 1.Dati sui clienti 2.Dati sulle operazioni 3.Dati sui dipendenti 4.Dati sui fornitori, partner o alleati 5.Dati sulla performance finanziaria

40 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI E DI CONTROLLO UTILIZZANDO LA DIMENSIONE COMPETITIVA, SOCIALE, DELL INNOVAZIONE E ECONOMICO FINANZIARIA

41 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo: Sistemi informativi in tempo reale: permettono ai manager di mantenere un controllo sulle iniziative di implementazione e sulle operazioni quotidiane e di intervenire se qualcosa non dovesse funzionare come previsto. Utilizzo di SCORECARD ELETTRONICHE: schede informative che raccolgono dati statistici su base giornaliera o settimanale da vari database relativi a scorte, vendite, costi VANTAGGI: I manager possono tenersi aggiornati sull andamento degli eventi e prendere decisioni più efficaci in tempo reale

42 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Istituzione di adeguati sistemi informativi, di verifica e di controllo: Sistema on line che avvisa l impresa quando un volo arriva in ritardo e valuta la necessità di un adeguamento nei voli in coincidenza per agevolare i passeggeri arrivati in ritardo British Petroleum ha equipaggiato i vagoni ferroviari per il trasporto di materiali pericolosi con sensori e sistemi GPS per poter seguire l andamento del trasporto e trasmettere i dati alla intranet aziendale

43 ADOZIONE L IMPORTANZA DI BEST DEI PRACTICES SISTEMIE OPERATIVI E INFORMATIVI Un efficace implementazione della strategia aziendale implica la presenza di una serie di sistemi operativi per lo svolgimento delle operazioni di business. Adeguato controllo dei dipendenti che godono di maggiore autonomia: Importante verificare che le decisioni e i comportamenti dei dipendenti rientrino negli accordi previsti. Dipendenti che non si comportano in modo adeguato comportano costi notevoli, controversie legali e pubblicità negativa per l impresa. Utilizzare uno strumento per il monitoraggio dei risultati delle azioni del personale in tempo reale o giornaliero. Leva di controllo importante: CONTROLLO TRA PARI

44 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Incentivi alla motivazione positiva: volti a favorire la ripetizione del comportamento desiderato Incentivi alla motivazione negativa: volti a reprimere un comportamento non desiderato

45 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Condizioni per far funzionare al meglio un sistema di incentivi: - I compensi monetari dovrebbero costituire una percentuale dominante del pacchetto di remunerazione - Incentivi estesi a tutti i manager e dipendenti in modo equo e scrupoloso - Incentivi collegati ai target di performance indicati nel piano strategico - I target di performance dei singoli individui dovrebbero consistere in risultati che possono essere influenzati dal comportamento individuale

46 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Condizioni per far funzionare al meglio un sistema di incentivi: - Le ricompense dovrebbero essere distribuite immediatamente dopo il conseguimento dell obiettivo di performance previsto - Le ricompense monetarie dovrebbero essere integrate da un ampio ricorso ad altri metodi di riconoscimento - Bisognerebbe evitare la concessione di ricompense a soggetti che, seppur meritevoli, non abbiano conseguito i risultati prefissati

47 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti Strategie per motivare e premiare i dipendenti: 100 BEST COMPANY TO WORK FOR 1.NetApp 2.Edward Jones 3.Boston Consulting 4.Google 5.Wegmans 6.Cisco 7.Genentech 8.Methodist Hospital 9.Goldman Sachs 10.Nugget Market Tratto dalla rivista Fortune che si occupa di business globale

48 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti 100 BEST COMPANY TO WORK FOR 1 posto: NetApp Netapp, azienda che opera nel settore gestione dati per le aziende, si impegna a creare un ambiente stimolante che va incontro alle esigenze dei dipendenti obiettivo: tutelare la salute dei dipendenti e aumentare la loro soddisfazione

49 RICOMPENSE ADOZIONE E INCENTIVI DI BEST PRACTICES PER MOTIVARE E IL PERSONALE Strumenti manageriali per conquistare l impegno dei dipendenti 100 best company to work for! 1 posto: NetApp PROGRAMMI DI BENEFIT PER FAVORIRE I DIPENDENTI: -Programmi di assistenza sanitaria -Programmi di cure dentistiche oculistiche, per il benessere e la famiglia -Programmi assicurativi e assicurazioni sul reddito -Centro fitness, palestra -Sconti per parchi a tema, viaggi -Programmi di investimento e risparmio -Gratifiche in denaro per coloro che si distinguono nello svolgimento del loro lavoro -Promuove un abbigliamento informale e orari flessibili -Telelavoro

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli