Gabiano e dintorni. Nost Munfrà il decollo. Il mensile dal Nost Munfrà. Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gabiano e dintorni. Nost Munfrà il decollo. Il mensile dal Nost Munfrà. Sommario"

Transcript

1 Gabiano e dintorni G&d Il mensile dal Nost Munfrà Sommario Nost Munfrà il decollo Casale e il Basso Monferrato: analisi di un declino La pagina di G&d Il sommelier racconta il Freisa Il Castello di Cereseto fra storia e cronaca nera Tre giorni di festa alla Piagera di Gabiano Le squadre di tamburello di Gabiano Giugno 2012

2 Nost Munfrà: troviamoci... Enzo Gino Una opportunità per tutti coloro che vogliono fare qualcosa di utile per il nostro territorio... Vi aspettiamo numerosi! Primo incontro pubblico per organizzare iniziative sul territorio. Facendo seguito all appello di Alessandro Bossetto, Alessandro Coggiola e Pier Garimanno pubblicato sullo scorso numero di G&d, si terrà il primo incontro per organizzare una serie di iniziative sul territorio. L appuntamento è per il 15 giugno alle ore 20,30 ed è aperto a tutte le persone di buona volontà che intendono impegnarsi su iniziative concrete per il nostro Monferrato. Nella serata verranno presentati diversi progetti tutti mirati a valorizzare la nostra terra a coinvolgere chi è interessato ed a mettere in contatto le persone anche al di fuori dei confini comunali oltre che raccogliere idee e proposte. La serata è aperta a tutti, anche agli amici di altri comuni che sono cordialmente inviatati, alcune delle proposte di cui parleremo infatti andranno al di là dei confini gabianesi con il chiaro intento di coinvolgere la grande comunità che vive e frequenta le nostre colline. Ci aspettiamo la presenza di giovani e meno giovani perché le iniziative che si intende proporre spazieranno a 360 gradi. Dalla musica Venerdì 15 giugno Gabiano Story Park Ore 20,30 allo sport alla cultura, il tutto ovviamente con al centro: il Monferrato ma non solo. Amici e conoscenti di G&d sono quindi invitati al passa parola per far partecipare a loro volta amici e conoscenti, la serata sarà anche un momento per incontrare nuovi amici/amiche oltre che per parlare di cose interessanti e utili. Quindi arrivederci al 15 giugno... Per contatti cell Alessandro Bossetto cell Alessandro Coggiola cell Pier Garimanno cell Fotografia dello Story Park 2

3 Casale e il basso Monferrato analisi di un declino Da un Casalese doc una controstoria sulla capitale di quello che un tempo era un potente stato... Riportiamo un estratto di un documento insolito. Insolito perché fa una specie di controstoria su Casale ed il Monferrato. Il termine ci pare adatto a rappresentare il racconto del declino, di quello che fu un grande stato facente capo al Marchesato del Monferrato che vedeva Casale come sua capitale ma che, nel tempo, un po per scarsa lungimiranza di amministratori locali, un po per indifferenza dei cittadini, ha visto trasformare un ricco territorio, non solo sotto il profilo economico ma anche istituzionale, in un area sempre più marginale. Queste note sono estratte da due dispense scritte da Gian Carlo Curti, noto avvocato Casale oggi in pensione col quale abbiamo avuto un incontro nel quale con la foga e la passione del cittadino che ha visto la sua città decadere, non accettando questa situazione, si ribella. Lo ha fatto e continua a farlo con tutti i mezzi di cui dispone, dagli scritti, di cui riportiamo qualche passaggio ma che i lettori potranno trovare integralmente sul nostro sito, sino alla fondazione con altri amici di una associazione. Riportiamo quindi per sommi capi i principali passaggi di questo declino che ci interessa anche per le sue implicazioni Monferrine. Storicamente infatti questa parte del Monferrato ha sempre seguito le sorti di Casale che oggi conta 36 mila abitanti, analogamente ad altre aree delle nostre colline che hanno invece seguito le sorti di una realtà più dinamica: Asti. Il Monferrato ha avuto quindi una storia straordinaria che, per durata, ricchezza, intensità varietà, fascino ecc.., potrebbe occupare lo spazio di una corposa enciclopedia e sicuramente meriterebbe di essere maggiormente valorizzata e divulgata in tutto i mondo. Pochi altri stati di piccole dimensioni come il Marchesato del Monferrato possono vantarsi di aver influito sulle sorti della Storia e quindi delle popolazioni del Mediterraneo e dell Europa per tutto il medioevo ed il Rinascimento, disponendo tra i suoi marchesi veri e propri principi illuminati dotati di elevata capacità di governo, diplomatiche e militari e con legami familiari con Re e imperatori. Pochi ancora sono a conoscenza ad esempio che il Marchesato del Monferrato nei periodo della sua massima espansione disponeva di vasti possedimenti in ben 12 delle attuali province comprese fra Liguria, Piemonte e Lombardia, esercitando la sua autorità su molti capoluoghi di provincia e di regione, che batteva moneta in diverse zecche e che disponeva di un esercito di ben 17 mila armigeri effettivi. Le note attraversano diversi secoli a partire dalla fine del XIII secolo quando l imperatore Rodolfo istituisce il primo senato del Monferrato per arrivare al 1730 quando, dopo cinquecento anni di attività, Carlo Emanuele III lo sopprime. Nel 1873 Carlo Alberto lo ricostituisce nella forma di Corte d appello di Casale Monferrato che affianca quella di Torino. Il declino avvenne a partire dalla seconda metà dell 800, quando sotto il ministero dell alessandrino Urbano Rattazzi, ministro degli interni e Guardasigilli venne approvata la legge che suddivideva il territorio in province che per il Piemonte prevedeva solo Torino, Alessandria, Cuneo e Novara. Richiamando le analisi di Alberto Lupano (che pubblicò il Libro - L altro Piemonte nell età di Carlo Alberto -), due eventi si dimostrarono decisivi marcando in modo negativo le sorti della città: il citato declassamento da provincia a circondario della riforma Rattazzi e nel 1879 la scelta del governo di far passare da Alessandria la linea ferroviaria Torino-Genova scartando così Casale dal suo tracciato. 3

4 Parrebbe che gli amministratori dell epoca non volevano che la stazione sorgesse a Casale Popolo anziché dove ancor oggi si trova in quanto i nobili avrebbero dovuto recarvisi in carrozza Idro Grignolio nel suo libro Il Monferrato 120 anni della nostra Storia riporta che il giornale di Casale il 18 agosto 1871 intraprese una battaglia che durerà a lungo ma sarà purtroppo persa, affinché fosse scelto il tracciato ferroviario della Casale-Torino sulla destra del Po che passava da Pontestura e la Valle Cerrina. Tale tracciato avrebbe favorito le colline già allora depresse nonché gli allacciamenti più facili con le altre vie ferroviarie come quelle per Genova. Venne preferito invece il tracciato in sinistra Po che passa per Trino. 1878, Gabriele Serrafero: due sono i progetti: uno alla sinistra del Po e l altro alla destra per la valle Cerrina, appoggiato da Torino. Casale è nuovamente divisa in due fazioni: progressisti di sinistra vogliono la ferrovia alla destra, i moderati di destra vogliono la ferrovia 4 alla sinistra. E uno di quei momenti storici che danno l avvio alla decadenza di Casale. Senza dubbio si può affermare che la ferrovia alla destra del Po, facilitando la comunicazione fra Casale e i comuni del Basso Monferrato avrebbe certamente messo una ipoteca al ritorno della Prefettura; Casale sarebbe stata la provincia del Monferrato; la Corte d Appello non sarebbe stata rimossa. Infatti da qualche anno i paesi del circondario di Asti fanno petizioni a Roma al fine di trasferire la loro giurisdizione a Torino, giustificando la richiesta con le difficoltà di comunicazione con Casale, purtroppo la ferrovia seguì il tracciato della pianura Stessa sorte sarebbe toccata alla costruzione dell autostrada Genova Sempione che sarebbe dovuta passare da Alessandria proseguendo per la Lomellina escludendo Casale. Tracciando invece la Genova Trafori si riuscì se non a passare per le colline almeno a lambire Casale. Si riporta anche il commento di Serrafero su Il Secolo del 27 marzo 1892 in cui si scrive su Casale: E vivace, come ambiente, possiamo dire perché, oltre la normale densità della popolazione, v è una numerosa guarnigione militare, v è la sede d una Corte d appello, v è una considerevole affluenza di commercianti e di gente d affari da tutto il Monferrato. E una vivacità quella di Casale che incomincia dalla stazione ferroviaria dove facendovi capo parecchie linee - da Milano, per Mortara, da Vercelli da Torino, da Asti da Alessandria - assiduo è il movimento dei treni e dei viaggiatori, e si ripete nei passeggi pubblici, nei caffè, negli alberghi che sono parecchi e ben tenuti Il circondario di Casale aveva oltre 165 mila abitanti, comprendeva 16 mandamenti e 71 Comuni... Da Il Monferrato per la penna del suo direttore Verda che il 14 dicembre 1990 scriveva... A Casale (e con la città intendiamo sempre abbinare la vasta area del Monferrato Casalese) vengono uno dopo l altro tolti enti e istituzioni come se fossero le foglie di un carciofo. ( ) Restare ancora inerti significa lasciar decadere la città e il circondario Anche Vita Casalese metteva in evidenza il declino della città. Ricordiamo, che è il giornale della Diocesi che, indipendentemente dalle vicende politiche e amministrative, ha continuato la sua attività ininterrottamente dalla sua costituzione, datata 1474, attività che prevede la giurisdizione su 148 parrocchie che vanno da Monteu da Po a Cocconato a Verrua Savoia a Montemagno, Fubine e San Salvatore Monferrato con circa 150 mila abitanti. Così nel 2007 nasce un associazione che si pone come obiettivo la difesa ed il rilancio di Casale Monferrato l Associazione Nuove Frontiere. Oltre ad essere apartitica, aconfessionale e senza scopo di lucro fra i suoi obiettivi si pone la valorizzazione, promozione, tutela, rilancio armonizzazione delle attività della città di Casale Monferrato e delle realtà territoriali del Monferrato. Area di influenza del Marchesato del Monferrato

5 La pagina di G&d G&d viene inviato via mail agli iscritti, ed è reperibile nei seguenti luoghi: Gabiano - Giornalaio Zanotto in via Torino 23 fr. Piagera; - Salumeria Colombano - Cantina del Rubino Entrambe in piazza Libertà fr. Cantavenna; - Farmacia Siri - Ristorante Commercio - Alimentari Vellano Paola tutti su via S.Pietro rispettivamente ai civici 19, 22, 7 - Alimentari Al Negosi via San Sebastiano 69/bis fr. Sessana; - Banca di Legnano via Vittorio Veneto, 12 in Gabiano; Cerrina - Giornalaio Bonello Via Nazionale, 66 in Cerrina Coniolo - Macelleria, alimentari - via F.lli Bandiera, 45; Pontestura - Giornalaio corso Italia 2 - Ancol piazza Castello 20 - Giornalaio Cannicci Fraz Castagnone 39 Camino - La Butega alimentari - Via Roma 1 in Camino; - Vellano Alimentari Roberto Via Del Centro, 29 fr. Castel San Pietro; Solonghello - Moretti & Orio alimentari p.zza Dante, 3 Mombello - F.lli. Caramellino Alimentari Macelleria, Via Gaminella, 3 fr. Gaminella Creiamo la rete dei siti amici E sufficiente inserire il link a e noi faremo altrettanto, non costa niente, farai conoscere e ti farai conoscere nel nostro territorio Serralunga di Crea - Ristorante - Pizzeria - La Foglia D'Oro, Via Madonnina, 33, fr. Madonnina - Biblioteca civica C. Pavese via Villaforte 5 Murisengo - Tabaccheria/giornali Turino Lucia, via Umberto I, 3 Cereseto - Minimarket Broggi via Casale, 1 Alfiano Natta - Alimentari Cerrato Gabriella Corso Umberto I, 25; - Ristorante Munfrà Piazza Vitt. Emanuele 1 Castelletto Merli - Penna Alimentari Vendita Dilve via San Giuseppe, 33 Verrua Savoia - Alimentari l Articioch, Localita' Ronzo, fr. Ronzo. - Barbiere Walter Località Rocca n 104/105 Inoltre presso i municipi di: Villadeati, Moncestino, Ponzano, Odalengo Grande, Odalengo Piccolo. Chi fosse interessato a distribuire G&d nella propria attività pubblica ci contatti. Sponsor cercasi G&d in collaborazione con tanti altri amici sta preparando una serie di iniziative sul territorio di cui daremo notizia sul prossimo numero del mensile. Anticipiamo ai titolari di attività che stiamo cercando sponsor per queste iniziative. Chi fosse sin d ora disponibile a collaborare può mettersi in contatto con la redazione. Ringraziamo si d ora coloro che risponderanno al nostro invito. È anche su : chiedi l amicizia! E distribuito gratuitamente, ma per favore, non sprecarlo! quando hai finito di leggerlo mettilo nella posta di un vicino o regalalo a un amico. Aiuterai a far conoscere il nostro territorio. Se invece lo collezioni, puoi richiedere gli arretrati, al solo costo di spedizione postale o, se preferisci, passare a prenderli in un luogo concordato. Sostienici con un contributo libero: Conto Corrente Postale ; Banca di Legnano: filiale di Gabiano - Conto Corrente n 195. IBAN: IT26S www. gabianoedintorni.net Autorizzazione n 5304 del del Tribunale di Torino Direttore Responsabile Enzo GINO - Sede: via S. Carpoforo 97 - Fraz. Cantavenna Gabiano - Stampato presso A4 di Chivasso (TO) - Editore: Associazione Piemonte Futuro: P. Iva ; Per informazioni e pubblicità cell ; 5

6 Il castello di Cereseto fra storia e cronaca nera Continua il racconto sul castello di Cereseto che, come il Gualino, avrà una vita movimentata... Sul sito di G&d potrete leggere e, se volete scaricare e stampare, il libro di Mirko Carzino Cereseto Monferrato Dalle origini al XXI secolo da cui sono tratte queste pagine 6 La villa, prima della costruzione dell attuale maniero, veniva definita dai ceresetesi la Villa di Madama Garè o Madamun. A memoria d uomo si ricorda che un dipendente ceresetese della Villa fu un certo Palivia (di cognome faceva Giorcelli e risiedeva in Via Valle); il suo mestiere era quello di cantiniere dei Marchesi Ricci: si dice che fosse molto lento nei movimenti. La signora di casa (si racconta da generazioni), sapendo con chi aveva a che fare, un giorno gli disse: quando ti convoco, devi interrompere qualsiasi attività, gettare a terra qualunque cosa hai in mano e recarti da me ; un giorno, mentre il Palivia stava spostando una damigiana di vino bianco in cantina, la signora lo chiamò e lui, attenendosi alle disposizioni date, lasciò cadere a terra la damigiana (naturalmente rompendola), e corse da lei. Un altra curiosità o leggenda legata a questo personaggio era quella che di domenica, quando la gente del paese si ritrovava presso il circolo ricreativo, allora chiamato Circolo Agricolo Operaio, si sedeva orgoglioso di sé a sfogliare il giornale (in quegli anni non tutti sapevano leggere): ma invece di leggerlo per colonne, lui lo leggeva per righe, a partire dalla prima riga della prima colonna a sinistra ad arrivare alla prima riga dell ultima colonna a destra (tenendo il giornale completamente aperto sulle due pagine e guai a chi glielo togliesse di mano); quindi riprendeva dalla seconda riga della prima colonna e leggeva fino alla seconda riga dell ultima colonna e così via. Gualino acquistò il podere e la villa nel 1908; dopo breve tempo la villa venne fatta demolire ed iniziò la costruzione del castello. I lavori ed il progetto furono eseguiti da Vittorio Tornielli (una caratteristica dell ingegnere era che si lamentava spesso di avere freddo). Nel 1924 Gualino regalò al comune di Cereseto l asilo (come ringraziamento per la vendita, e quindi la privatizzazione, della strada Colarè nel 1910), oggi sede del municipio, e la lapide ai caduti per la patria (anche se in realtà non è un monumento ai caduti, poiché il suo titolo è PAX POST BELLUM), posta alla base della torre del castello ed i- naugurati entrambi nel La lapide fu acquistata dal Gualino in Russia (probabilmente a Leningrado) ed era destinata ad esser posata su un pilastro alla base del monumento dedicato allo Zar di Russia Nicola II a San Pietroburgo; in seguito alla rivoluzione comunista la lapide, come molte altre in Russia, non fu mai posta nel luogo per la quale era stata costruita. La lapide raffigura un contadino russo (mujik) al lavoro nei campi mentre ara il terreno con un cavallo, al tramontare del sole; mentre sente suonare in lontananza le campane, si ferma e fa il segno della croce pensando al figlio scomparso in guerra. L opera fu realizzata dal celebre scultore Pietro Canonica ( ) di Moncalieri (To); sono attribuite all artista altre celebri opere tra cui Benedetto XV e San Giovanni Bosco in San Pietro a Roma. La lapide fu inaugurata il 21 Settembre del 1924 e vi figura la frase PAX POST BELLVM - A SUOI FIGLI CADUTI NELLA GRANDE GUERRA CERESETO CONSACRA Il bassorilievo prima della posa (foto 1924)

7 SETTEMBRE MCMXXIV. Seguono i nomi dei caduti della patria. Gualino a Cereseto portò inoltre una rivoluzione sotto l aspetto del lavoro in quanto, per esempio, le donne che lavoravano nel parco per la pulizia dei viali e delle aiuole venivano pagate a ore, mentre gli altri salariati presso i datori di lavoro ceresetesi (lavoratori stagionali agricoli a tempo determinato) venivano retribuiti dal sorgere del sole al tramonto, senza tenere conto delle ore di lavoro effettuate. I lavoratori dipendenti di Gualino lavoravano comunque soltanto otto ore ; durante la costruzione del castello furono molti gli abitanti di Cereseto ad essere stati assunti dal Gualino, sia per opere murarie che di diverso genere. Ruto Pietro (padre di Ruto Arturo, Sindaco di Cereseto dal 1951 al 1960), per esempio, lavorò come muratore ed addetto alla costruzione delle finestre (in stile gotico-lombardo) e delle cornici. Inizialmente i mattoni utilizzati per la costruzione del castello provenivano da una fornace non limitrofa (presumibilmente da Tortona) in quanto giungevano tramite treni merci, alla stazione di Madonnina di Serralunga di Crea, mentre in seguito, venne aperta una fornace che li costruì secondo i metodi medioevali. I mattoni venivano trasportati dalla stazione ferroviaria al castello tramite carri trainati da cavalli; in quell epoca il mestiere destinato al trasporto delle merci era definito con il termine dialettale caratè cioè carrettaio (colui che porta il carro). I caratè ceresetesi che contribuirono al trasporto dei mattoni furono Secondino Doria, Cavallero ( caratè di Gualino a tempo pieno) e Anacleto Scagliotti (conosciuto come Cletu). All interno del castello vi era nell - entrata un meravigliosa sala d armi; il motivo per cui questa esisteva (nel 1920 non era più necessaria) era quello che l ing. Vittorio Tornelli voleva ricostruire un castello medioevale il più possibile veritiero; riuscì ad acquistare il materiale alle aste o in antichi e veri La grotta nel parco del castello (foto 1975) castelli e si procurò anche molte testate dei camini dal medio Oriente e dall Egitto. All interno del parco vi erano grotte o tane artificiali, fatte costruire appositamente per tenervi degli animali particolari, inizialmente si pensava feroci ma in seguito furono allevati camosci, mufloni (i ragazzi del paese si divertivano a far infuriare le bestie per vederne la reazione), cigni e struzzi. Verso ovest vi era una voliera, posta alla cima di un ripido pendio all altezza delle torri del castello, che ospitava uccelli d ogni razza e specie, alcune rare. Gualino, per partecipare alle funzioni religiose nella Chiesa Parrocchiale, su consenso del parroco Don Giuseppe Pagani (oratore e predicatore d eccezione), fece aprire una porta laterale in prossimità della base del campanile a sinistra della balaustra, che dal castello gli consentiva di recarsi in chiesa nei banchi riservati alla famiglia Gualino. Inizialmente (1910 circa) il Gualino desiderava ampliare il parco fin sulla collina ove sorgeva (e sorge tuttora) la Chiesa Parrocchiale; propose quindi alla Curia di acquistare l intera zona, impegnandosi a far ricostruire il luogo di culto in un altra parte del paese, ma il Vescovo non accettò la proposta, benché l offerta fosse di una cifra colossale. I giardinieri permanenti o quasi, addetti alla manutenzione del parco ed alla pulizia dei viali erano più di venti, comprese anche le donne che saltuariamente venivano assunte per tagliare con le forbici i fili d erba che ricrescevano fra un pietra e l altra dei sentieri. Una tradizione era quella che il lunedì della Festa Patronale di Cereseto (16 Agosto), la famiglia Gualino permetteva, a chi lo desiderasse, di entrare nel parco e attraversare il lago e la galleria in tufo su una passerella di legno. Inoltre vi era un enorme serra in vetro con telaio in ferro tondo, sul versante sud-est del parco; prosperava un immenso frutteto e appena sotto di questo una vigna che si estendeva per molti ettari, a partire dalla prima curva che porta verso Ottiglio, ad arrivare fino al lato ovest del parco e terminava come estensione fino alla cascina Osterietta. La vigna era chiamata la colonnella per via del nome del proprietario, un colonnello di cavalleria in pensione conosciuto come Clivio. Nell edificazione che si trova nella valle esposta ad ovest del parco, detta Cabina ( o Gabina ), anch essa costruita in stile, dove era stato scavato un pozzo alimentato da una fonte d acqua quasi interminabile, si trovavano le pompe per alimentare il castello, i laghi artificiali, le fontane, i ruscelli e i giochi d acqua presenti in tutto il parco, oltre che per irrigare i prati. La Cadana fu adibita a falegnameria per la costruzione e la riparazione delle porte e degli infissi del castello, oltre che per la fabbricazione di tavoli, sedie ed armadi. La falegnameria dava lavoro a tre fa- 7

8 legnami fissi oltre che, saltuariamente, a molti giovani. Il castello dopo il crack Gualino In seguito il castello passò in diverse mani; dal 1940 al 1946 ai Padri della Consolata (vi erano più di 300 allievi nel seminario) che costruirono un nuovo caseggiato definito dormitorio dove attualmente si può ancora vedere la struttura base, mentre il vero e proprio stabile crollò a causa della scadente qualità dei materiali utilizzati per la sua costruzione solo dopo alcuni anni; modificarono la stanza della musica fatta costruire da Riccardo Gualino (nella loggia ), per trasformarla in luogo di culto, visto che la piccola chiesa privata in stile romanico della famiglia Gualino risultava essere troppo piccola per loro. Crearono le cucine all interno del castello alla base della torre. Inoltre, era loro consuetudine recarsi, per i baratti con altre comunità, presso il Castello d Uviglie (comune di Rosignano Monferrato - Al) una volta la settimana, e presso la sede dei Padri della Consolata di Torino una volta al mese. In seguito ci fu un altro acquirente che volle trasformare il castello e il suo splendido parco in un azienda agricola modello per l epoca, ma le trattative non andarono a buon fine. Alcuni anni dopo giunse in paese per l acquisto del maniero, Padre 8 Primo Fiocchi di Roma (legale rappresentante dell Azienda Agricola Cereseto s.r.l. ) che avrebbe voluto fare del castello un convalescenziario per gli ex tubercolotici ma nessuno nel paese voleva la presenza di queste persone malate. Gli abitanti di Cereseto fecero intervenire esperti per convincere Padre Fiocchi a desistere, con la giustificazione che il clima non era adatto per quel genere di convalescenza, anche se il motivo principale era quello di non volere vicino questo potenziale rischio di contagio. Il Consiglio Comunale si oppose, ma Padre Fiocchi riuscì ugualmente a portare i malati nel castello per la stagione invernale; nella primavera successiva essi lo abbandonarono. Il canonico allora decise di creare una grossa struttura industrialreligiosa; venne presentato anche il progetto d un eliporto nel parco. Ad un certo punto Padre Fiocchi cedette sei delle venticinque quote della società a Luigia Faccincane, prima moglie di Gian Carlo Trombin che nel 1963 le restituisce al sacerdote. Padre Fiocchi cedette poi le 25 quote a quattro suore (anch esse di Roma) che a loro volta le vendettero a Brigitte Jesine, una signora viennese moglie dell ing. Dionigi Fornari di Rapallo. Anche quest ultimo aveva progetti grandiosi: centro d aste, mostre di pitture e sculture, scuole d arte, antiquariato. Purtroppo il Fornari non riuscì mai ad entrare in possesso del castello di Cereseto (occupato dal Trombin), anche perché nella causa s intreccia un fallimento dei coniugi Trombin; per un certo periodo il Pretore di Moncalvo consentì al Trombin il diritto di rimanere nella dependance della Faccincane, che in quel periodo era la proprietaria di un ristorante a Vergiate (Va). Comunque il 29 Marzo 1978 il Tribunale di Casale ordinò al Trombin l immediato abbandono degli immobili abusivamente occupati a Cereseto, sentenza confermata il 9 Novembre 1979 dalla Corte d Appello. Un altro potenziale acquirente fu un noto industriale, intenzionato ad La Gabina veniva utilizzata per pompare acqua dalla valle al castello (foto 1996) acquistare il castello per trasformarlo in una fabbrica di foulard raffiguranti immagini sacre e promettendo lavoro per molti ceresetesi. Fortunatamente il castello non passò mai nelle mani di questo individuo, in quanto il progetto era ben diverso da quello dichiarato; in realtà la sua folle idea era quella di radere al suolo o quasi l intera costruzione per venderne i mattoni allo scopo di ricostruire la fortezza spagnola di Alcazar. Grazie all interessamento dell ingegner Vittorio Tornielli (allora Presidente del Comitato per la protezione dei beni architettonici del Piemonte), che fu invitato ad un Consiglio Comunale, l acquisto non fu mai portato a termine; per fare capire ai consiglieri comunali del disastro che si sarebbe venuto a creare, portò con sé una foto del paese e mise davanti al castello la sua mano per mostrare come si sarebbe presentato il paesaggio se il castello fosse stato venduto. Nell anno 1980, la Guardia di Finanza scoprì e sgominò una banda di malviventi (facente parte della gang mondiale nota come French connection ) che aveva trasformato parte del castello nella fabbrica di droga più grossa d Europa. Le indagini furono coordinate dal Procuratore Gresti di Milano e dal Procuratore Poggi di Casale. Quest ultimo dichiarò: si sapeva che l organizzazione aveva trasferito le sue basi in un castello in Monferrato, ma qui ce ne sono 17 Per quanto riguarda la Guardia di Finanza, hanno preso parte al blitz e alle indagini il Colonnello Bianchi, comandante del nucleo di Milano, il Ten. Colonnello Sgarlata del nucleo di Genova, il Maggiore Siri e il Maggiore Bertella del nucleo di Alessandria, il Maresciallo Minute, comandante del distaccamento di Casale. Il 19 Maggio 1980 arrivarono in paese due autoarticolati che scaricarono strane attrezzature sia nei pressi della torre della servitù (costruzione distaccata dal fabbricato principale), sia nella dependance del castello, in Via Masera; la giustificazione da parte dei castellani fu: è per la realizzazione

9 una fabbrica di gelati. Nei giorni successivi arrivarono anche gli additivi chimici (acido tartarico, lattosio, ammoniaca e altri ancora), tipici per un laboratorio di gelateria. In realtà, dall Afghanistan, dall Iraq, dall Egitto e dalla Turchia giungevano l oppio e la morfina base; nella torre della servitù, laboratori d alta precisione, tagliavano l eroina pura all 80%. Il giornale locale Il Monferrato riportò nel 1980: si è arrivati a Cereseto con indagini iniziate dalla Finanza Genovese dopo lo smantellamento di un laboratorio ricavato in un deposito di acque minerali in Valle Ormea, vicino a San Remo ( ). Si usa anche un elicottero per controllare le mosse in tutti i manieri e si arriva a Cereseto, che viene controllato a distanza, da alcuni finanzieri che si travestono da frati (qui, data la vicinanza con Crea danno meno nell occhio dei Preti) o gitanti di fine settimana che, con moglie e figli scattano foto su foto a torri, torrette, altane; si interessano soprattutto dei cani da guardia (dobermann) e dei varchi (la cinta è in pessimo stato) ( ). 200 uomini circondano il castello e vi fanno irruzione ( ). Entrano nella torre, due porte blindate vengono superate, si salgono duecento gradini di scala a chiocciola con il fiato sospeso; un altra porta blindata chiude il laboratorio ( ). La merce sequestrata: 65 kg. di morfina base, 2 kg. di eroina pura, 15 kg. in fase di raffinazione, un operazione da 135 miliardi di Lire ( ). Testimoni ceresetesi ricordano, il giorno del blitz, dopo un lungo susseguirsi di colpi per abbattere la porta di entrata della torre, tali parole Commissario, Commissario venga su che qui abbiamo trovato la roba! portate su le manette! Furono arrestate 22 persone: il proprietario Giancarlo Trombin di 44 anni (già coinvolto anni prima in giri di bische clandestine, slot machine e prostituzione) ed amico del boss marsigliese Turatello, Franca Girardi di 36 anni compagna del Trombin, Alfia Salis di 21 anni (la domestica), Giuseppe Vetro di 57 anni, Giovanna Montanelli di 38 Merlatura interna del Castello (Foto 1982) anni, i fratelli Orazio e Marco di Maggio di 40 e 38 anni, nati a Tunisi e residenti a San Remo, Giovanna Lombardi di 34 anni e moglie di Orazio, Jean Jehan di 82 anni, arrestato a Marsiglia proprio in base ai documenti scoperti a Cereseto, Tullio Toscano di 52 anni, Marcel Gambetti di 58 anni, Jean Antoine Ettori di 52 anni, Giovanbattista Costantini di 48 anni, Guilliame Valli di 52 anni, Domenico Rocco di 51 anni, l algerino Hamed Chennoune di 30 anni; inoltre finirono in carcere due turchi e quattro chimici francesi che lavoravano nei laboratori a Cereseto. Nei giorni successivi, durante le perquisizioni con i cani, la Guardia di Finanza trovò, ai piedi di una secolare pianta, ancora 20 chilogrammi di droga; i sommozzatori dei vigili del fuoco di Casale Monferrato scandagliarono il laghetto ma non trovarono più nulla. Nel corso di una perquisizione, nella cosiddetta torre della servitù, fu trovata una valigia contenente una piccola bara di zinco senza coperchio, con dentro il cadavere mummificato di una bimba. C era un cartellino dell Ospedale Santo Spirito di Casale Monferrato: Anna Trombin, deceduta il 19 Giugno In quella stessa data nacque un altra bimba, gemella della defunta, di nome Sara; secondo gli inquirenti il Trombin dissotterrò il corpo della piccola figlia seppellita nel cimitero di Cereseto. Così si spiegherebbe una frase che un altra figlia del Trombin, Cinzia, ha riferito durante gli interrogatori: mio padre ripeteva sempre che Anna non deve marcire nella terra. Il castello fu poi messo sotto sequestro per alcuni anni. Oggi è di p r o p r i e t à della Martina S.r.l. che, nel 1995, lo ha in parte ristrutturato. I lavori di r e s t a u r o sono durati complessivamente quindici mesi; l esterno è stato ripulito completamente utilizzando sostanze del tutto prive di aggressivi chimici e si è provveduto al rifacimento dei numerosi balconcini in legno in stile gotico e dei tetti. Gli affreschi interni al primo e al secondo piano e le decorazioni esterne sono stati restaurati sotto la stretta sorveglianza della Soprintendenza alle Belle Arti. Notevoli i costi di ripristino strutturale del maniero: l intero ponteggio installato ricopriva una superficie di oltre metri quadrati. Sulle testate dei giornali locali, nel 1996 si legge: Quasi ultimati gli interventi di recupero dell antico maniero; restaurato il castello di Cereseto. Centro Congressi o residenza per Vip in vacanza? Ad oggi, nulla è cambiato. Una frase che nel dopoguerra è stata dedicata dai ceresetesi al castello in abbandono è: La giusta vendetta implacabile della storia che non volle ingoiare il rospo artistico di quei mille anni rubati con ingegnoso spregiudicato tranello. I ceresetesi più anziani affermano che nelle fredde notti d inverno, mentre al chiarore di luna si possono ammirare le bifore ed i merletti che ne ornano l esterno, le immense ombre delle sue alte torri si proiettano sulle piccole ed umili abitazioni quasi a proteggerle; molti pensieri e ricordi riaffiorano alla memoria, ai tempi in cui il castello era abitato e vivo, ma col sorgere del sole l amara realtà ha il sopravvento sui sogni e l opera distruttrice del tempo continua inesorabile. 9

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli