Apparecchiature per uso Estetico: Risultati preliminari dei controlli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Apparecchiature per uso Estetico: Risultati preliminari dei controlli"

Transcript

1 Apparecchiature per uso Estetico: Risultati preliminari dei controlli Dott.ssa Iole Pinto A.U.S.L. 7 di Siena Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Sud Est Laboratorio Agenti Fisici Centro LAT Acustica n.164 Strada di Ruffolo, Siena 1

2 Elenco degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico Legge 1/90 Vaporizzatore con vapore normale e ionizzato non surriscaldato; Disincrostante per pulizia con intensità non superiore a 4 ma. Apparecchi per l aspirazione dei comedoni con aspirazione non superiore ad una atmosfera e con cannule aventi diametro di non oltre un centimetro. Doccia filiforme ed atomizzatore con pressione non superiore ad una atmosfera. Apparecchi per massaggi meccanici solo a livello cutaneo e non in profondità. Apparecchi per massaggi elettrici solo con oscillazione orizzontale o rotazione,et Lampade abbronzanti UV-A. Lampade di quarzo con applicazioni combinate o indipendenti di raggi ultravioletti (UV) ed infrarossi (IR). Apparecchi per massaggio ad aria con pressione non superiore ad una atmosfera. Apparecchi per massaggio idrico con pressione non superiore ad una atmosfera. Scaldacera per cerette. Rulli elettrici e manuali, Vibratori elettrici oscillanti. 2

3 Elenco degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico Legge 1/90 Attrezzi per ginnastica estetica Attrezzature per manicure e pedicure. Apparecchi per il trattamento di calore totale o parziale. Apparecchi per massaggio aspirante con coppe di varie misure e applicazioni in movimento, fisse e ritmate, e con aspirazione non superiore ad una atmosfera. Apparecchi per massaggi meccanici picchiettanti. Apparecchi per massaggi elettrici picchiettanti. Stimolatore a luce blu con tutti gli elettrodi per uso estetico (alta frequenza) [soppresso nella nuova lista]. Apparecchi per ionoforesi estetica con intensità massima sulla placca di 1 ma ogni 10 centimetri quadrati. Depilatori elettrici ed elettronici. Apparecchi per massaggi subacquei. Apparecchi per presso-massaggio. Elettrostimolatore ad impulsi. Apparecchi per massaggi ad aria con pressione superiore ad una atmosfera. Laser estetico. (non consentito in Regione Toscana come Luce Pulsata) 3 Saune.

4 .20 anni dopo(15 luglio 2011) DECRETO Ministero Sviluppo Economico n. 110/2011 Recepito RT Legge regionale 17 luglio 2013, n. 38 SCHEDE TECNICO INFORMATIVE RECANTI CARATTERISTICHE TECNICO DINAMICHE, LE I MECCANISMI DI REGOLAZIONE, LE MODALITA DI ESERCIZIO E DI APPLICAZIONE E LE CAUTELE D USO DEGLI APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO 4

5 Art. 3 ( Livello di sicurezza ) Gli apparecchi elettromeccanici di cui all'elenco allegato alla legge 4 gennaio 1990, n. 1, anche successivamente aggiornato, possono essere utilizzati in Italia purché assicurino il livello di sicurezza prescritto dalle direttive comunitarie e dalle norme armonizzate europee. Per gli apparecchi per i quali non esistono norme armonizzate di riferimento possono essere utilizzate norme nazionali emanate dagli organismi nazionali di normalizzazione. 5

6 FATTORI DI RISCHIO FISICO ASSOCIATI ALL IMPIEGO DI APPARECCHIATURE ESTETICHE VIBRAZIONI: SCHEDA TECNICO-INFORMATIVA n. 12 : PEDANE VIBRANTI RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: SCHEDA TECNICO- INFORMATIVA n. 7 SOLARIUM PER L ABBRONZATURA N. 21 n. 16,21,22 : LASER, IPL RADIOFREQUENZE INFRAROSSI SCHEDA TECNICO- INFORMATIVA n. 13 :APPARECCHI PER IL TRATTAMENTO DI CALORE TOTALE O PARZIALE ULTRASUONI: SCHEDA TECNICO-INFORMATIVA n. 2 : STIMOLATORI 6

7 Norma CEI Apparecchi elettrici per uso estetico. Guida generale per la sicurezza La Guida riguarda la sicurezza degli apparecchi per uso estetico il cui normale utilizzo, da parte di un operatore estetico, prevede una o più parti applicate al soggetto da trattare e che entra/entrano in contatto fisico o elettrico con soggetto trattato e/o trasferisce/trasferiscono energia verso o dal soggetto trattato. Scopo della guida è quello di specificare prescrizioni generali per la sicurezza degli apparecchi elettrici per uso estetico e di servire da base per le prescrizioni di sicurezza di guide particolari. 7

8 Obblighi costruttore [1]: Quali informazioni dobbiamo ricevere con l apparecchiatura? Dichiarazione di Conformità al marchio CE La marcatura CE è l indicazione di conformità del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza previsti da una o più Direttive comunitarie applicabili al prodotto. deve essere evidente il nome dell Azienda che ha emesso il documento; Deve riportare il nome dell apparecchio al quale il documento si riferisce, con l esatto numero di serie; Il documento deve essere firmato in originale da una figura aziendale di rilievo. Importante sempre richiedere quale sia il laboratorio presso il quale sono stati effettuati tali test. 8

9 Obblighi costruttore [2] : Quali informazioni dobbiamo ricevere con l apparecchiatura? norma CEI Il Manuale d uso deve riportare: Descrizione dell energia erogata Per poter verificare con certezza se l apparecchio è conforme ai requisiti normativi ed è di competenza dell estetista, il Produttore deve dichiarare quali forme di energia vengono erogate verso il cliente, specificandone per ognuna di esse il tipo di energia, la frequenza erogata ed il dosaggio massimo previsto dall apparecchio. 9

10 Obblighi costruttore [3]: Quali informazioni deve contenere il Manuale d uso Effetti Fisiologici: simboli ed avvertimenti La norma CEI paragrafo 6.1 punto q) prescrive che gli apparecchi che producono effetti fisiologici potenzialmente pericolosi per il soggetto trattato e/o per l operatore estetico devono riportare un simbolo atto a segnalare il pericolo in questione. ( ) Per le radiazioni non ionizzanti deve essere usato il simbolo tutte le indicazioni e/o contrassegni devono essere specificati in extenso nella documentazione annessa. 10

11 Decreto legislativo n. 206/ 2005 (Codice del Consumo) art. 6 prescrive che al momento della vendita di un bene il cedente informi il cliente dei possibili rischi di effetti collaterali e delle controindicazioni previste per il bene proposto, in pratica è obbligato a specificare quali sono i rischi di danno biologico al quale il cliente può andare incontro 11

12 Pacemaker Le case produttrici di pacemaker raccomandano di mantenere una distanza minima di 20 cm tra un telefono senza fili ed un pacemaker al fine di evitare possibili interferenze con il pacemaker stesso. I portatori di pacemaker devono osservare le seguenti precauzioni: Tenere sempre il telefono cellulare a più di 20 cm dal proprio pacemaker quando il telefono cellulare è acceso. Non tenere il telefono cellulare nel taschino (a contatto con il petto). Usare l'orecchio sul lato opposto al pacemaker, al fine di ridurre al minimo le potenziali interferenze. Se, per qualsiasi motivo, si sospetta il verificarsi di un'interferenza, spegnere immediatamente il telefono cellulare. Apparecchi acustici Alcuni telefoni senza fili digitali possono interferire con alcuni apparecchi acustici. In casi del genere, è consigliabile consultare il proprio operatore. Informazioni sulla certificazione (SAR) QUESTO MODELLO DI TELEFONO CELLULARE SODDISFA I REQUISITI UE PER L'ESPOSIZIONE ALLE ONDE RADIO. Il limite SAR raccomandato dal Consiglio dell'unione Europea è pari a 2,0 W/kg.* I test per i livelli di SAR sono stati eseguiti utilizzando le normali posizioni d'uso con il telefono cellulare che trasmetteva al massimo livello di potenza certificato in tutte le bande di frequenza testate. 12

13 13

14 Esempi di risultati delle valutazioni su Apparecchiature per ringiovanimento a radiofrequenze (o nomenclatura analoga) Superamento Valori limite popolazione fino a 1 metro dagli applicatori; Superamento valori azione lavoratori (per operatrice); Superamento valori esposizione a CEM massimi consentiti per il soggetto trattato Assenza informazioni su campi emessi, rischi associati, Assenza simboli ed avvertimenti 14

15 lunghezza d onda (λ) L energia assorbita dall organismo può avere effetti acuti o a lungo termine sul soggetto esposto: ampiezzaesistono valori limite al fine di prevenire l insorgenza di effetti avversi 15

16 Obblighi costruttore [4] : Quali informazioni dobbiamo ricevere con l apparecchiatura? D.Lgvo 81/2008 Il Manuale d uso deve riportare: le informazioni necessarie affinché il datore di lavoro possa valutare il rischio di esposizione dei lavoratori all agente di rischio prodotto dall apparecchiatura così come prescritto dal combinato disposto degli artt. 17, 28, 181 e 209 del D.lgvo 81/08. 16

17 poi piovve dentro l alta fantasia Dante Alighieri Divina Commedia Purgatorio XVII,25 Radiofrequenze: Stimlatori a radiofrequenza Ringiovanimento a radiofrequenza Fotostimolazione e Radiofrequenza Ultrasuoni: massaggi picchiettanti ad ultrasuoni Cavitazione SI (?) Cavitazione No (?) 17

18 Nuove schede: n. 13 APPARECCHI PER IL TRATTAMENTO DI CALORE TOTALE O PARZIALE Descrizione apparecchio (c): Apparecchio elettrico alimentato a corrente di rete e/o batteria, composto da un generatore di corrente a radiofrequenza trasmessa al corpo tramite uno o più applicatori. L applicatore deve essere dotato di appositi elettrodi di forma, superficie e numero variabile i quali sono isolati elettricamente a mezzo di un dielettrico dal corpo. La potenza erogata dall apparecchiatura deve essere minore o uguale a 50W con una frequenza base compresa tra i 400 ed i 1500 khz. ( ) Per quanto attiene ai limiti di esposizione ai campi elettromagnetici, si applicano quelli previsti dalla normativa vigente in Italia per i lavoratori e la popolazione. 18

19 Nuove schede: n. 13 APPARECCHI PER IL TRATTAMENTO DI CALORE TOTALE O PARZIALE L azione termica produce una moderata sudorazione ed un aumento della circolazione sottocutanea. Si conferma che gli apparecchi per ringiovanimento a radiofrequenze non possono essere usati presso Centri Estetici 19

20 Ringiovanimento a Radiofrequenze (1 MHz) ( stimolatori a radiofrequenza ) 20

21 CEM: meccanismi di interazione fino alla frequenza di circa 1 MHz prevale l induzione di correnti elettriche nei tessuti elettricamente stimolabili (nervi e muscoli) 21

22 RF-MO :Meccanismi di interazione 2001 IFMSA con l aumentare della frequenza diventa prevalente l assorbimento di energia nei tessuti attraverso il rapido movimento oscillatorio di ioni e molecole di acqua: SAR La molecola dell acqua (W/kg) Implicazioni biomediche ed aspetti radioprotezionistici dell esp osizione alle NIR a frequenze superiori a circa 10 MHz questo effetto è l unico a permanere al di sopra di 10 GHz l assorbimento è esclusivamente superficiale 22

23 Limitazione livelli campi esterni in funzione della frequenza 23

24 Il rispetto dei valori limite per la popolazione tutela i soggetti con controindicazioni all esposizione Portatori di protesi o corpi estranei metallici anche non ferromagnetici Portatori di protesi munite di dispositivi elettronici Donne in gravidanza 24

25 Esempi di risultati delle valutazioni su Apparecchiature per ringiovanimento a radiofrequenze (o nomenclatura analoga) Superamento Valori limite popolazione fino a 1 metro dagli applicatori; Superamento valori azione lavoratori (per operatrice); Superamento valori esposizione a CEM massimi consentiti per il soggetto trattato Assenza informazioni su campi emessi, rischi associati, Assenza simboli ed avvertimenti 25

26 Obbligo di delimitazione aree con superamento valori limite per la popolazione: Segnaletica sicurezza CEM 26

27 Tutela della popolazione da esposizione a Campi Elettromagnetici Legge 22 febbraio 2001 n. 36 Legge Quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici esclude dal campo di applicazione dei limiti di esposizione per la popolazione unicamente le esposizioni intenzionali per scopi diagnostici o terapeutici. 27

28 Apparecchiature per ringiovanimento a radiofrequenze L'impiego si sta diffondendo presso studi odontoiatrici Controllare i manuali di istruzioni... Carenze generali di informazione sui rischi per i lavoratori: necessità di delimitazione delle aree per evitare esposizioni di soggetti con controindicazioni 28

29 Agenti fisici T.U. TITOLO VIII Rumore (capo II) Vibrazioni (capo III) Campi elettromagn.(statico/rf/m.o) (IV) Radiazioni Ottiche artificiali (capo V) Ultrasuoni, Infrasuoni Microclima Atmosfere iperbariche 29

30 ULTRASUONI 30

31 STIMOLATORI AD ULTRASUONI A1) Vibrazione meccanica peeling: => 22 khz -- =<28 khz potenza massima di emissione inferiore a 10 W totali. A2) Ultrasuoni per trattamenti superficiali: > 0.8 MHz =< 3.5 MHz Ultrasuoni ad alta frequenza CARATTERISTICHE TECNICO-DINAMICHE frequenza di lavoro compresa fra 0,8 MHz e 3,5 MHz. Potenza Max 1,5 W/cmq [0.8-1,2 MHz] Potenza Max 3 W/cmq [1,2-3,5 MHz] 31

32 CAVITAZIONE ESTETICA Mediante ultrasuoni di potenza [34kHz-40kHz] si ottiene per cavitazione una disgregazione graduale delle cellule adipose e di conseguenza una riduzione del volume del tessuto adiposo. le cellule adipose, grazie al notevole aumento della temperatura indotto nel tessuto, si imbibiscono di liquidi e rigonfiano La pressione esercitata dagli ultrasuoni sulla parete cellulare (sino a 100 kp/cm2), porta all'implosione della parete stessa. Il grasso contenuto nell'adipocita stravasa nell'interstizio, e da li, tramite il circolo linfatico, è escreto (come un qualsiasi grasso alimentare) tramite reni e fegato. 32

33 Ultrasuoni: Cavitazione estetica Non può essere usata presso Centri Estetici Nel dubbio consultare sempre il manuale per conoscere le frequenze e le potenze erogate dal generatore di ultrasuoni Richieste onde ultrasoniche con frequenze intorno a 34 KHz ±4,75 KHz; altri tipi di frequenze non riescono ad ottenere l'effetto cavitazionario 33

34 Apparati per Cavitazione: risultati Non conformità dei manuali a quanto richiesto dal marchio CE Assenza indicazioni rischio per operatori Assenza informazioni sulle potenze ed energie erogate Dalle misure effettuate: Rischio di danni per esposizione apparato uditivo 34

35 Nuove schede: n. 11 ATTREZZI PER GINNASTICA ESTETICA PEDANE VIBRANTI Tonificazione muscolare tramite vibrazioni trasmesse al corpo Controindicazioni al trattamento: Minori Stato di gravidanza accertata o presunta Soggetti con disturbi osteo articolari o muscolotendinei Soggetti con patologie vestibolari 35

36 VIBRAZIONI TRASMESSE AL CORPO INTERO WBV Disturbi e patologie del rachide lombare 36

37 Agenti fisici - Vibrazioni Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro D.M. 9 aprile 2008 n. 81 Titolo VIII Agenti Fisici Capo III Vibrazioni 37

38 VIBRAZIONI TRASMESSE AL CORPO INTERO patologie occupazionali correlate Lombalgia aspecifica, lombalgia acuta, lombosciatalgia Alterazioni degenerative precoci (non legate all età) del rachide lombare Discopatie e ernie discali del tratto lombare Controindicazioni assolute: gravidanza; minori 38

39 Pedane vibranti: aw da 3 a 9 Superato il limite m/s2 a 1.5 m/s wrms 2 Trattore aw (rms) = 1.8 m/s2 Valori molto superiori ai limiti massimi previsti dal D.lgvo 81/08 (danni acuti) Asssenza generale di informazioni su entità vibrazioni 39

40 Radiazioni Ottiche Naturali Artificiali Coerenti (LASER) Incoerenti 40

41 Radiazioni Ottiche IR - VISIBILE - UV λ = 1mm 10-9m (100 nm) calore, luce, reazioni chimiche 41

42 Organi bersaglio Radiazioni Ottiche: occhi e cute 42

43 Principali Lunghezza d onda (nm) effetti della radiazione ottica Tipodannosi Occhio Pelle sull occhio e la pelle fotocheratite Foto congiuntivite UV C Ultravioletto C UV B Ultravioletto B cataratta fotochimica UV A Ultravioletto A Visibile lesione fotochimica e termica della retina cataratta IR A - Infrarosso bruciatura della retina A IR B - Infrarosso B cataratta, bruciatura della cornea IR C - Infrarosso C bruciatura della cornea Eritema (scottatura della pelle) Tumori cutanei Processo accelerato di invecchiamento della pelle Reazione di foto sensibilità Bruciatura della pelle 43

44 Elenco degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico Legge 1/90 LEGGE REGIONALE 31 maggio 2004 n. 28 (.) Apparecchi per massaggi meccanici solo a livello cutaneo e non in profondità. Apparecchi per massaggi elettrici solo con oscillazione orizzontale o rotazione,et Lampade abbronzanti UV-A. Lampade di quarzo con applicazioni combinate o indipendenti di raggi ultravioletti (UV) ed infrarossi (IR). Apparecchi per massaggio ad aria con pressione non superiore ad una atmosfera. ( ) Laser estetico. (non consentito in Regione Toscana come Luce Pulsata) Saune. 44

45 Lampade abbronzanti: esiste specifica norma di prodotto 45

46 CLASSIFICAZIONE DEI LETTINI ABBRONZANTI E LAMPADE UV PER USO ESTETICO CEI EN CEI TIPO 1 Effetto biologico prodotto dalle radiazioni con lunghezza d onda superiore a 320 nm. (UVA) Irradianza relativamente elevata da 320 a 400 nm. Sono destinati ad essere usati nei centri di abbronzatura, sotto la supervisione di persone adeguatamente addestrate. Tipo 2 Effetto biologico prodotto dalle radiazioni con lunghezza d onda sia inferiori che superiori a 320 nm (UVA + UVB). Irradianza relativamente elevata da 320 a 400 nm. Sono destinati ad essere usati nei centri di abbronzatura, sotto la supervisione di persone adeguatamente addestrate. Tipo 3 Effetto biologico prodotto dalle radiazioni con lunghezze d onda sia inferiori che superiori a 320 nm. Irradianza limitata nell intera banda nell intera banda UV. Possono essere usate da persone non specializzate. Tipo 4 Effetto biologico prodotto dalle radiazioni con lunghezze d onda inferiori a 320 nm. (UVB) Da usare solo seguendo le avvertenze mediche. 46

47 Specifiche costruttive Le apparecchiature UV devono essere tali da non emettere radiazioni UV che abbiano un irradiazione efficace totale superiore a 0.3 W/m2, ponderata conformemente allo spettro d azione dell eritema. Le ditte costruttrici e i rivenditori devono fornire le tabelle sui tempi di esposizione basate sulle caratteristiche delle lampade delle apparecchiature abbronzanti. Le apparecchiature abbronzanti devono essere munite di un interruttore programmabile a tempo. N.B.: Importante richiedere sempre certificato di irradiazione efficace UV in fase di: installazione/collaudo/sostituzione lampade 47

48 SCALA INDICE UV

49 49

50 Lampade abbronzanti: scheda n. 7 D.M. n. 110/2011 Soggetti con controindicazione assoluta all esposizione DIVIETO DI ESPOSIZIONE Minori di 18 anni, donne in gravidanza, albini, soggetti che soffrono o hanno sofferto di neoplasie della cute; soggetti che non si abbronzano o che si scottano facilmente all esposizione al sole. 50

51 Controindicazioni (impiego sconsigliato) Soggetti con un elevato numero di nevi (> 25). Soggetti che tendono a produrre lentiggini. Individui con una storia personale di frequenti ustioni solari in età infantile e nell'adolescenza. Persone che assumono farmaci. In questo caso, si dovrebbe chiedere il parere del medico curante per appurare se essi possano aumentare la propria fotosensibilità agli UV. 51

52 Criticità informativa al cliente L utilizzo delle apparecchiature è esclusivo per fini estetici e non terapeutici. Non devono essere pertanto vantati effetti benefici.. L operatore consiglia l apparecchiatura e i tempi di esposizione più idonei, in base al fototipo dell utilizzatore e secondo le indicazioni fornite dal costruttore. Esclusione soggetti con controindicazioni 52

53 53

54 Risultati delle misurazioni ( ) Su un campione 30 lampade UV valutate circa il 50% non è risultato conforme ai valori di emissione Richiesta sostituzione lampade con certificato di emissione UV Controlli a campione 54

55 Solarium: verifica requisiti strutturali La riflessione della radiazione UV sulle pareti interne dei locali è un fattore di incremento del rischio per l utilizzatore in quanto potrebbe comportare un sovra dosaggio di raggi UV, pertanto la normativa richiede che le pareti dei locali di installazione non siano riflettenti 55

56 Solarium: requisiti strutturali I locali al cui interno sono posizionate le apparecchiature UV hanno talvolta le pareti riflettenti Talvolta le porte dei locali sono in vetro satinato Necessaria l'applicazione di pellicole per bloccare i raggi UV trasmessi dalle porte in vetro satinato. 56

57 Riferimenti normativi: Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro DL 81/2008. Decreto Legislativo 3 Agosto 2009 n. 106 Modifiche al D.L. 81/

58 Art Campo di applicazione 1. Il presente capo stabilisce prescrizioni minime di protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza che possono derivare, dall'esposizione alle radiazioni ottiche artificiali durante il lavoro con particolare riguardo ai rischi dovuti agli effetti nocivi sugli occhi e sulla cute. 58

59 D.M. 9 aprile 2008 n. 81 Titolo VIII Agenti Fisici + modifiche Articolo 181 Valutazione dei rischi in modo da identificare e adottare le opportune misure di prevenzione e protezione con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi Comma 2 programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato aggiornata ogni qual volta si verifichino mutamenti che potrebbero renderla obsoleta, ovvero, quando i risultati della sorveglianza sanitaria rendano necessaria la sua revisione. Comma 3 Il datore di lavoro nella valutazione dei rischi precisa quali misure di prevenzione e protezione devono essere adottate 59

60 Art Identificazione dell esposizione e valutazione dei rischi 2. Il datore di lavoro, in occasione della valutazione dei rischi, presta particolare attenzione ai seguenti elementi: a) il livello, la gamma di lunghezze d'onda e la durata dell'esposizione a sorgenti artificiali di radiazioni ottiche; b) i valori limite di esposizione di cui all'articolo 215; c) qualsiasi effetto sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori appartenenti a gruppi particolarmente sensibili al rischio; d) qualsiasi eventuale effetto sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori risultante dalle interazioni sul posto di lavoro tra le radiazioni ottiche e le sostanze chimiche fotosensibilizzanti; e) qualsiasi effetto indiretto come l'accecamento temporaneo, le esplosioni o il fuoco; 60

61 Art Identificazione dell esposizione e valutazione dei rischi f) l'esistenza di attrezzature di lavoro alternative progettate per ridurre i livelli di esposizione alle radiazioni ottiche artificiali; g) la disponibilità di azioni di risanamento volte a minimizzare i livelli di esposizione alle radiazioni ottiche; h) per quanto possibile, informazioni adeguate raccolte nel corso della sorveglianza sanitaria, comprese le informazioni pubblicate; i) sorgenti multiple di esposizione alle radiazioni ottiche artificiali; l) una classificazione dei laser stabilita conformemente alla pertinente norma IEC e, in relazione a tutte le sorgenti artificiali che possono arrecare danni simili a quelli di un laser della classe 3B o 4, tutte le classificazioni analoghe; m) le informazioni fornite dai fabbricanti delle sorgenti di radiazioni ottiche e delle relative attrezzature di lavoro in conformità delle pertinenti direttive comunitarie. 61

62 Possiamo ridurre o eliminare il rischio? 62

63 Art Disposizione miranti ad eliminare o a ridurre i rischi 2. In base alla valutazione dei rischi di cui all'articolo 216, i luoghi di lavoro in cui i lavoratori potrebbero essere esposti a livelli di radiazioni ottiche che superino i valori di azione limite di esposizione devono essere indicati con un'apposita segnaletica. Dette aree sono inoltre identificate e l'accesso alle stesse è limitato, laddove ciò sia tecnicamente possibile. 3. Il datore di lavoro adatta le misure di cui al presente articolo alle esigenze dei lavoratori appartenenti a gruppi particolarmente sensibili al rischio. 63

64 LIGHT AMPLIFICATION by STIMULATED EMISSION of RADIATION 64

65 65

66 CEI EN

67 Classe 1 Classe 1M Classe 2 Classe 2M Classe 3R Sono sicuri nelle condizioni di condizioni di funzionafunziomento namento ragionevol- ragionevolmente mente prevedibili, prevedibili, ma possono essere pericolosi se l'operatore impiega ottiche Sicuro per breve esposizioni agli occhi; Sicuri per breve esposizioni a occhio nudo; possono essere pericolosi se l'utente impiega ottiche Descri-zione Sono sicuri nelle classe Classe 3B Classe 4 Rischio di Sono normal- Sono pericolosi lesioni è mente per l'occhio e la relativamente pericolosi nel pelle; rischio di bassa, ma può caso di incendio essere esposizione pericoloso per diretta del uso improprio fascio da parte di personale inesperto 67

68 Classe 1 Forma-zione all utilizzo Classe 1M Classe 2 Classe 2M Seguire le Racco-mandata Seguire le Racco-mandata istruzioni del istruzioni del produttore produttore DPI (occhiali) Non richiesti Non richiesti Non richiesti Classe 3R Classe 3B Classe 4 Richiesta Richiesta Richiesta Non richiesti Possono essere Richiesti (per Richiesti (per necessari a operatore e operatore e seguito di paziente paziente valutazione del eventuale eventuale rischio accomaccompagnatore) pagnatore) Misure di Non necessarie Evitare di Evitare di Evitare di Evitare Evitare Evitare preven-zione per il normale modificare la fissare il fascio fissare il fascio l esposizione l esposizione l esposizione utilizzo messa a fuoco e evitare di diretta diretta diretta e o la collimamodificare la dell occhio dell occhio e diffusa zione ottica del messa a fuoco della pelle. dell occhio e fascio o la Evitare della pelle. collimazione riflessioni Evitare ottica del accidentali del riflessioni fascio fascio accidentali del fascio 68

69 SCHEDA TECNICO-INFORMATIVA n. 21a SOFT LASER PER TRATTAMENTI RILASSANTI E TONIFICANTI DELLA CUTE FOTOSTIMOLANTE AREE RIFLESSOGENE PIEDI E MANI Potenza Max 10 mw/cm2 Durata di impulso max T=300 msec VIETATI LASER 3B - 4 Lunghezza d onda: deve essere compresa nell intervallo fra 760 e 1200 nanometri. Sistema defocalizzazione non deve essere rimovibile da parte dell operatore 69

70 SCHEDA TECNICO-INFORMATIVA n. 21b LASER ESTETICO DEFOCALIZZATO PER LA DEPILAZIONE esclusivamente per i trattamenti di depilazione. Densità di energia: non deve superare 40 J/cm2, lo spot del laser deve essere maggiore o uguale a 10mm Durata di impulso max T=300 msec Lunghezza d onda: deve essere compresa nell intervallo fra 800 e 1200 nanometri. Sistema defocalizzazione non deve essere rimovibile da parte dell operatore 70

71 Esempi danni causati da epilazione Laser 1,064 nm Nd:YAG (100 J/cm2/durata impulso: 50 ms) Eritema 48 ore dopo Cicatrici persistenti 4 anni dopo il trattamento Laser Lasers in Surgery and Medicine 38:1 15 (2006) 71

72 SCHEDA TECNICO-INFORMATIVA n. 16 depilatori Elettrici ed elettronici: Apparecchiatura elettronica ad impulsi luminosi per foto depilazione (IPL) La densità di energia non deve superare i 26 J/cm2, le lunghezze d onda emesse devono essere comprese nell intervallo fra 600 e 1100 nanometri,, le durate di impulso fra 2 e 50ms, l area di trattamento deve essere maggiore di 5 cm2. 72

73 Laser 3B e 4 : Delimitazione ZLC ZONA LASER CONTROLLATA CEI EN

74 DPI: occhiali di protezione LASER EN 207 EN

75 C o n tro llo f u n z io n a m e n to s p ia a ll a c c e n s io n e d e ll a p p a re c c h io La s e r La s e r s p e n to La s e r a cce s o 75

76 76

77 Densità ottica (OD) e Trasmittanza (T) occhiali Laser T =1 O 0 D Es.: se OD (densità ottica = 2 T= (10) -2 = 0,01 L occhiale trasmette l 1% della radiazione emessa dal Laser a quella specifica lunghezza d onda 77

78 78

79 Esempi di danni oculari da laser 79

80 Principali cause degli incidenti laser Occhiali protettivi (disponibili) non usati Scorretta scelta degli occhiali Occhiali danneggiati Malfunzionamento/scorretto uso strumentario 80

81 Cosa non fare mai Non usare mai occhiali di protezione Laser (singola lunghezza d onda) per sistemi a luce pulsata!!! (occorrono occhiali specifici per lunghezza d onda multipla) 81

82 In conclusione: emerge l'importanza di una corretta informazione sui rischi associati all'impiego delle apparecchiature...in attesa di un auspicabile miglioramento dei prodotti in commercio

83 OTTICHE ARTIFICIALI CEM 83

Sorgenti Artificiali UV: Caratteristiche, normative, utilizzo

Sorgenti Artificiali UV: Caratteristiche, normative, utilizzo Sorgenti Artificiali UV: Caratteristiche, normative, utilizzo Dott.ssa Iole Pinto A.U.S.L. 7 di Siena Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Sud Est Laboratorio Agenti Fisici Centro SIT Acustica

Dettagli

Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell attività estetica. Le nuove disposizioni

Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell attività estetica. Le nuove disposizioni Apparecchi elettromeccanici utilizzati nell attività estetica Le nuove disposizioni Dal 30 luglio nuove disposizioni Con il nuovo provvedimento, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 163 del 15 luglio

Dettagli

da compilare in ogni sua parte ed inviare al numero fax 081/5512056

da compilare in ogni sua parte ed inviare al numero fax 081/5512056 Scheda di rilevazione dati finalizzata alla verifica di Idoneità al Decreto Ministeriale n 110 del 12 maggio 2011 recante Regolamento di attuazione dell articolo 10, comma 1della legge 4 gennaio 1990 n.

Dettagli

FAPIB Piazza IV Novembre 4 20124 Milano - Tel. 02-671 658 081 - Fax. 02-58019698 - info@fapib.it

FAPIB Piazza IV Novembre 4 20124 Milano - Tel. 02-671 658 081 - Fax. 02-58019698 - info@fapib.it FAPIB Piazza IV Novembre 4 20124 Milano - Tel. 02-671 658 081 - Fax. 02-58019698 - info@fapib.it 1 La Legge n.1/1990 e Decreto n.110/2011 L associazione FAPIB, che riunisce i fornitori di apparecchi per

Dettagli

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA)

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) 1.1 Descrizione della fonte di rischio Le radiazioni ROA sono radiazioni elettromagnetiche che hanno la caratteristica di avere una lunghezza

Dettagli

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI A cura di Norberto Canciani Capo I: DISPOSIZIONI GENERALI - definizioni e campo di applicazione - Agenti fisici: rumore, ultrasuoni, infrasuoni, vibrazioni meccaniche,

Dettagli

OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista.

OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista. Al Comune di -Servizio Commercio- C H I O G G I A OGGETTO: Denuncia di Inizio Attività per l esercizio dell'attività di acconciatore, estetista. Il sottoscritto nato a (Prov. ) il / / /, residente in C.A.P.

Dettagli

TECNOLOGIE NEL CAMPO DEL BENESSERE

TECNOLOGIE NEL CAMPO DEL BENESSERE L AVVENTO DELLE Free Powerpoint Templates TECNOLOGIE NEL CAMPO DEL BENESSERE Dr. Daniele Dondarini Responsabile CNA Benessere e Sanità Emilia Romagna Free Powerpoint Templates Page 1 1990 Free Powerpoint

Dettagli

Fattori di rischio fisico le novità

Fattori di rischio fisico le novità Fattori di rischio fisico le novità Decreto Legislativo 09 aprile 2008 n 81n Attuazione dell articolo 1 della legge 03 agosto 2007, n 123 n in materia di tutela della salute della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. La sicurezza LASER nei laboratori (ROA)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. La sicurezza LASER nei laboratori (ROA) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 La sicurezza LASER nei laboratori (ROA) Articolazione Intervento Inquadramento normativo Danni fisiologici da ROA

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di. CAPBP24C.rtf - (06/2010) Oggetto:

Dettagli

La nostra storia. Come è venuto a crearsi il tavolo tecnico dei produttori di apparecchi elettromedicali ad uso estetico

La nostra storia. Come è venuto a crearsi il tavolo tecnico dei produttori di apparecchi elettromedicali ad uso estetico La nostra storia Come è venuto a crearsi il tavolo tecnico dei produttori di apparecchi elettromedicali ad uso estetico Lo scorso autunno CNA Unione Benessere e CNA Unione Produzione, hanno accolto la

Dettagli

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Fabio Baronio Laboratorio di Campi Elettromagnetici e Fotonica,

Dettagli

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 Articolo 180 - Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Rischio laser in ambito medicale DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento

Dettagli

ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori

ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori Alessandra Cattini Dipartimento SanitàPubblica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Reggio Emilia ROA: effetti sulla salute Gli effetti

Dettagli

AGENTI FISICI: Campi Elettromagnetici. Radiazioni Ottiche Artificiali

AGENTI FISICI: Campi Elettromagnetici. Radiazioni Ottiche Artificiali AGENTI FISICI: Campi Elettromagnetici Radiazioni Ottiche Artificiali Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I: Disposizioni generali + Sanzioni Titolo I: da art. 1 a 61 Titolo II: Luoghi di lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA D. Norme operative utilizzo sistemi Laser GENERALITA... 2

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA D. Norme operative utilizzo sistemi Laser GENERALITA... 2 PAGINA 1 di 7 PROCEDURA D Norme operative utilizzo sistemi Laser SOMMARIO GENERALITA... 2 I PERICOLI ASSOCIATI ALL USO DI SISTEMI LASER... 2 CLASSIFICAZIONE DEI LASER...2 Vecchia classificazione... 2 Nuova

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL E IL RUOLO DEL TECNICO SICUREZZA LASER

LA VALUTAZIONE DEL E IL RUOLO DEL TECNICO SICUREZZA LASER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LASER E IL RUOLO DEL TECNICO SICUREZZA LASER Il presente articolo affronta il tema della valutazione dei rischi delle radiazioni laser ed è sostanzialmente diviso in due parti:

Dettagli

Classificazione dei laser

Classificazione dei laser Classificazione dei laser ATTENZIONE: i criteri di classificazione sono cambiati Classi introdotte nel 1993 Classi introdotte nel 2007 1 1 1M 2 2 3A 3B 2M 3R 3B 4 4 Che cos è la coerenza (spaziale):

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE E SICUREZZA Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 Ing. Dante Milani Ufficio rischi fisici e tecnologici Tel. 0382 984887 E-mail: dante.milani@unipv.it Associazione

Dettagli

CAPO IV - PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAPO IV - PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI CAPO IV - PROTEZIONE DEI AVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI EETTROMAGNETICI Articolo 206 - Campo di applicazione 1. Il presente capo determina i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori

Dettagli

RASSEGNA SULLE PRINCIPALI MISURE DI RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETROMAGNETICI (0 300 GHz)

RASSEGNA SULLE PRINCIPALI MISURE DI RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETROMAGNETICI (0 300 GHz) RASSEGNA SULLE PRINCIPALI MISURE DI RIDUZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETROMAGNETICI (0 300 GHz) Iole Pinto Fisico Responsabile AUSL 7 di Siena Laboratorio Agenti Fisici Area Vasta Toscana Sud E-mail:

Dettagli

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI Riferimenti Normativi Decreto Legislativo 81/08 come modificato da D. Lgs. 106/09 TITOLO VIII AGENTI FISICI CAPO V Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali Art.

Dettagli

Procedure di valutazione delle radiazioni ottiche: saldature ad arco, ecc. www.portaleagentifisici.it

Procedure di valutazione delle radiazioni ottiche: saldature ad arco, ecc. www.portaleagentifisici.it Procedure di valutazione delle radiazioni ottiche: saldature ad arco, ecc. www.portaleagentifisici.it Uso industriale e sanitario delle ROA Saldatura e taglio di metalli con arco elettrico o laser Controlli

Dettagli

APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO REGOLAMENTO in vigore dal 31 luglio 2011

APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO REGOLAMENTO in vigore dal 31 luglio 2011 APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO REGOLAMENTO in vigore dal 31 luglio 2011 Art. 1 ( Identificazione degli apparecchi per uso estetico) 1. Per apparecchi elettromeccanici per uso estetico si

Dettagli

Abbronzatura artificiale: problemi di salute pubblica e rispetto delle normative. Risultati attività di vigilanza della ASL di Milano

Abbronzatura artificiale: problemi di salute pubblica e rispetto delle normative. Risultati attività di vigilanza della ASL di Milano Sicurezza e Benessere, una sinergia vincente Abbronzatura artificiale: problemi di salute pubblica e rispetto delle normative Risultati attività di vigilanza della ASL di Milano Intervento di: Roberto

Dettagli

e le radiazioni ottiche naturali?

e le radiazioni ottiche naturali? e le radiazioni ottiche naturali? art. 17: il datore di lavoro deve compiere una valutazione di tutti i rischi; art. 28: la valutazione dei rischi deve riguardare tutti i rischi per le sicurezza e la salute

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive.

Lo sviluppo tecnologico, con il relativo aumento esponenziale del rischio da esposizione, non e stato seguito da adeguate misure preventive. AGENTI FISICI IL RUMORE INTRODUZIONE Il rumore negli ambienti di lavoro è ormai diventato uno dei problemi più importanti tra quelli compresi nell igiene del lavoro. La continua meccanizzazione della produzione

Dettagli

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Newsletter 11/2012 Introduzione Per quanto riguarda il rischio fisico, le radiazioni ottiche artificiali (ROA) ed i laser rappresentano uno dei fattori di rischio

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE PREVENZIONE DEL RISCHIO DA RADIAZIONI OTTICHE Dott.ssa Iole Pinto A.U.S.L. 7 di Siena Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Sud Est Laboratorio Agenti Fisici Centro LAT Acustica n.164 Strada

Dettagli

Radiazioni ottiche incoerenti: Misure di tutela e Dispositivi di Protezione

Radiazioni ottiche incoerenti: Misure di tutela e Dispositivi di Protezione Radiazioni ottiche incoerenti: Misure di tutela e Dispositivi di Protezione I.Pinto ASL 7 Siena Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Sud Est e-mail: i.pinto@usl7.toscana.it 1 D.M. 9 aprile

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva Ing. Federica Riva Cosa sono le radiazioni Differenze da sorgenti coerenti ed incoerenti Effetti per la sicurezza e salute Normativa nazionale e norme tecniche Il termine luce (dal latino, lux, lucis)

Dettagli

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1.

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1. E-WALL SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 1.0 Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi di Esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali nell Azienda USL n.12. di Viareggio SORVEGLIANZA SANITARIA

Documento di Valutazione dei Rischi di Esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali nell Azienda USL n.12. di Viareggio SORVEGLIANZA SANITARIA Documento di Valutazione dei Rischi di Esposizione a Radiazioni Ottiche Artificiali nell Azienda USL n.12 di Viareggio SORVEGLIANZA SANITARIA Dott. Lamberto Lastrucci U.O.S Medico Competente Az. USL12

Dettagli

D.M. 110 del 12.05.2011 Le schede tecnico-informative

D.M. 110 del 12.05.2011 Le schede tecnico-informative D.M. 110 del 12.05.2011 Le schede tecnico-informative Marco Knaflitz Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni ITALY Sistema Internazionale (MKSA) Grandezze principali Grandezza fisica Lunghezza

Dettagli

1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti

1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti 1 di 9 09/07/2013 13.28 Leggi d'italia L. 4-1-1990 n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. Allegato

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni non ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

(2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n. 7.

(2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n. 7. L. 4 gennaio 1990, n. 1 (1). Disciplina dell'attività di estetista (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. (2) Vedi, anche, il comma 2 dell'art. 10, D.L. 31 gennaio 2007, n. 7. 1. 1.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER L IMPIEGO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER

INDICAZIONI OPERATIVE PER L IMPIEGO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER pag. 1/9 INDICAZIONI OPERATIVE PER L IMPIEGO IN SICUREZZA DI APPARECCHIATURE LASER File: IO 15 Redazione : Dott. Stefania Bertoldo, Dr Giuliana Bonizzato, Dott. Alessandro De Lucchi Data applicazione :

Dettagli

NORMATIVE PER LA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI ULTRAVIOLETTE Alessandro Polichetti Dipartimento di Tecnologie e Salute Istituto Superiore di Sanità, Roma Giornata di Cultura Ambientale sulle Radiazioni Ultraviolette

Dettagli

ELENCO DEGLI APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO (ALLEGATO ALLA LEGGE 1/90)

ELENCO DEGLI APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO (ALLEGATO ALLA LEGGE 1/90) ALLEGATO 1 ELENCO DEGLI APPARECCHI ELETTROMECCANICI PER USO ESTETICO (ALLEGATO ALLA LEGGE 1/90) (Articolo 1, comma 2) Vaporizzatore con vapore normale e ionizzato non surriscaldato Stimolatori ad ultrasuoni

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export. 1 di 10 18/04/2016 14:13

*** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export. 1 di 10 18/04/2016 14:13 1 di 10 18/04/2016 14:13 LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 18-4-2016 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Art. 1.

Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Art. 1. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. Art. 1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

1 di 6. LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1. Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 13-10-2015

1 di 6. LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1. Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 13-10-2015 1 di 6 LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attivita' di estetista. Vigente al: 13-10-2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

Dettagli

Un esperienza di valutazione rischio ROA in sanità

Un esperienza di valutazione rischio ROA in sanità Un esperienza di valutazione rischio ROA in sanità Marco Cirilli - RSPP ASL 12 di Viareggio - 1 Articolo 181 - Valutazione dei rischi 1... il datore di lavoro valuta tutti i rischi derivanti da esposizione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII - Agenti fisici Capo V Radiazioni Ottiche Artificiali

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII - Agenti fisici Capo V Radiazioni Ottiche Artificiali Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Titolo VIII - Agenti fisici Capo V Radiazioni Ottiche Artificiali Claudio Arcari, Alessandra Pompini

Dettagli

Agenti fisici presenti nell Università

Agenti fisici presenti nell Università Agenti Fisici Agenti fisici presenti nell Università Illuminazione e Microclima Rumore e Vibrazioni Radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Radiazioni ottiche artificiali Rumore Comunemente identificato

Dettagli

Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali

Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali Dott. Salvatore Mìnisci Art. 180 DLgs 81/08

Dettagli

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Date delle lezioni del corso: Data Ora Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 10 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Giovedì 12 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì

Dettagli

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena

LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI. Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena LE NUOVE NORME DI CERTIFICAZIONE DELLE EMISSIONI DI VIBRAZIONI Iole Pinto Dipartimento di Prevenzione Laboratorio Agenti Fisici - Azienda USL 7 Siena 1. Introduzione Il D.L. 9 Aprile 2008 n. 81 titolo

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Dettagli

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

3. Sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico.

3. Sono escluse dall'attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. L. 4 gennaio 1990, n. 1 (1). Disciplina dell'attività di estetista. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 gennaio 1990, n. 4. (giurisprudenza di legittimità) 1. 1. L'attività di estetista comprende tutte le

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici

La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici Paolo Rossi Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

Pericoli e danni connessi alla presenza di luce blu

Pericoli e danni connessi alla presenza di luce blu Pericoli e danni connessi alla presenza di luce blu Analisi e quan3ficazione delle emissioni da sorgen3 LASER nei luoghi di lavoro A.Tomaselli Università di Pavia 15-11- 2013 A.Tomaselli 1 Cos è un LASER?

Dettagli

Radiazioni Ottiche Artificiali: gli adempimenti legislativi. Andrea Guerzoni SPSAL AUSL di Ferrara - 21/10/2010

Radiazioni Ottiche Artificiali: gli adempimenti legislativi. Andrea Guerzoni SPSAL AUSL di Ferrara - 21/10/2010 Radiazioni Ottiche Artificiali: gli adempimenti legislativi Andrea Guerzoni SPSAL AUSL di Ferrara - 21/10/2010 D.Lgs. 81/2008 Titolo VIII Capo V non sono previsti Valori di Azione, ma solo Valori Limite

Dettagli

Casi pratici di calcolo dei DPI. Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania

Casi pratici di calcolo dei DPI. Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania Casi pratici di calcolo dei DPI Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania Cause degli incidenti: Occhiali protettivi non utilizzati (anche se disponibili) Uso di occhiali non adatti o difettosi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA

SICUREZZA SUL LAVORO: SICUREZZA SUL L COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA SICUREZZA SUL LAVORO: COME METTERSI IN REGOLA I RISCHI FISICI ED ERGONOMICI IN AGRICOLTURA Dott. Roberto BEDINI Ai fini del DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 per agenti fisici si intendono: il RUMORE,

Dettagli

endodermal la soluzione che cercavi.

endodermal la soluzione che cercavi. endodermal la soluzione che cercavi. Scopri tutte le novità Esclusiva endodermal la soluzione che cercavi di serie Vacum Radiofrequenza Ultrasuoni Elettroporazione Musicoterapia (Relax) in aggiunta Multipla

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: i DPI per OCCHI e VISO

RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: i DPI per OCCHI e VISO RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI: i DPI per OCCHI e VISO Omar Nicolini - Az.USL di Modena (o.nicolini@ausl.mo.it) Lorenza Gandolfi Az.USL di Modena (l.gandolfi@ausl.mo.it) 1 DLgs.81/08 -Titolo VIII -Capo

Dettagli

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista.

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell'attività di estetista. (GU n. 4 del 5 1 1990) Testo coordinato con le modifiche (evidenziate con doppia parentesi tonda) apportate dagli articoli 78 e 85 del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2528 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BOREA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 9 OTTOBRE 2003 Disposizioni a tutela dei portatori di pace-maker TIPOGRAFIA

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA Radiazioni Ottiche Artificiali Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia 1 E possibile definire i passi

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 15 ottobre 2015, n. 206. Regolamento recante modifiche al decreto 12 maggio 2011, n. 110, concernente il regolamento di attuazione

Dettagli

Aspetti di Igiene e Sicurezza nell esercizio di Centri di Estetica

Aspetti di Igiene e Sicurezza nell esercizio di Centri di Estetica Aspetti di Igiene e Sicurezza nell esercizio di Centri di Estetica Incontro formativo per gli operatori professionali Esposizione a Radiazioni Ottiche UV e Laser Paolo Zanichelli ARPA Reggio Emilia PARTE

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

ALLEGATO 2. (Articolo 2)

ALLEGATO 2. (Articolo 2) ALLEGATO 2 (Articolo 2) SCHEDE TECNICO-INFORMATIVE RECANTI LE CARATTERISTICHE TECNICO-DINAMICHE, I MECCANISMI DI REGOLAZIONE, LE MODALITA DI ESERCIZIO E DI APPLICAZIONE E LE CAUTELE D USO DEGLI APPARECCHI

Dettagli

Premessa. Centri estetici

Premessa. Centri estetici Premessa La presente guida informativa non è aggiornata (risale all ottobre 2003), ma dà un indicazione di massima della complessità normativa che circonda i luoghi soggetti a normativa specifica (centri

Dettagli

La valutazione dei rischi fisici: radiazioni ottiche. Dott.ssa Iole Pinto

La valutazione dei rischi fisici: radiazioni ottiche. Dott.ssa Iole Pinto La valutazione dei rischi fisici: radiazioni ottiche Dott.ssa Iole Pinto A.U.S.L. 7 di Siena Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Sud Est Laboratorio Agenti Fisici Centro SIT Acustica n.164

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2011-12. Agenti fisici. 1 Sicurezza in edilizia

Corso di laurea in Ingegneria Edile A.A. 2011-12. Agenti fisici. 1 Sicurezza in edilizia Agenti fisici 1 Titolo VIII (art. 180) Definizioni e Campo di applicazione Per agenti fisici si intendono il rumore, gli ultrasuoni, gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche, i campi elettromagnetici,

Dettagli

La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti

La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti Paolo Rossi Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

LASER è l acronimo di

LASER è l acronimo di LASER è l acronimo di ovvero: amplificazione luminosa per mezzo di emissione stimolata di radiazioni. LASER Il fenomeno fisico sul quale si base il suo funzionamento è quello dell'emissione stimolata,

Dettagli

XR9DT. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO. Manuale di installazione ed uso. Versione 2.1. [Revisione HW: 3]

XR9DT. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO. Manuale di installazione ed uso. Versione 2.1. [Revisione HW: 3] XR9DT SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO Manuale di installazione ed uso Versione 2.1 [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle direttive R&TTE

Dettagli

Tutti siamo esposti a una certa quantità di radiazioni ultraviolette (UV) provenienti in gran parte dal sole, ma anche da fonti artificiali usate

Tutti siamo esposti a una certa quantità di radiazioni ultraviolette (UV) provenienti in gran parte dal sole, ma anche da fonti artificiali usate Sole UV Tutti siamo esposti a una certa quantità di radiazioni ultraviolette (UV) provenienti in gran parte dal sole, ma anche da fonti artificiali usate nell industria, nel commercio e nel settore ricreativo.

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

2. Soggetti con controindicazioni assolute all impiego di lampade abbronzanti.

2. Soggetti con controindicazioni assolute all impiego di lampade abbronzanti. Indirizzi per un corretto impiego di lampade e lettini solari 1. Premesse a. L analisi delle più recenti evidenze scientifiche mostra che la radiazione ultravioletta (UV) è uno dei fattori causali maggiori

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

SISTEMA PER EPILAZIONE. LASER 808 nm. www.esteticaprodotti.it

SISTEMA PER EPILAZIONE. LASER 808 nm. www.esteticaprodotti.it SISTEMA PER EPILAZIONE By LASER 808 nm www.esteticaprodotti.it I VANTAGGI PER L OPERATORE TECNOLOGIA INNOVATIVA CHE MIGLIORA L ASSORBIMENTO DELLA LUCE E DEL CONFORT RIDUZIONE DEI TEMPI DI TRATTAMENTO DI

Dettagli

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Sezione Toscana e Umbria I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

Utilizzo professionale

Utilizzo professionale Utilizzo professionale Protocollo di utilizzo Professionale Young Young Generation è la linea Smart dedicata alla fotobiomodulazione. La fotobiomodulazione è un trattamento usato da anni in ambito medico

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Alessandra Pompini COSA SONO I LASER? Cioè:

Dettagli

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1 DT9 SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 3.1 [SMD] [Serie 100] [48bit] [SPV] [AN] [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

Art. 2 Apparecchiature non soggette ad autorizzazione. Art. 3 Apparecchiature soggette ad autorizzazione ministeriale

Art. 2 Apparecchiature non soggette ad autorizzazione. Art. 3 Apparecchiature soggette ad autorizzazione ministeriale Decreto del ministero della sanità del 03/08/1993 AGGIORNAMENTO DI ALCUNE NORME CONCERNENTI L'AUTORIZZAZIONE ALL'INSTALLAZIONE ED ALL'USO DI APPARECCHIATURE A RISONANZA MAGNETICA. Art. 1 Apparecchiature

Dettagli

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 (in Gazz. Uff., 5 gennaio, n. 4). Disciplina dell'attività di estetista (1) (2).

LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 (in Gazz. Uff., 5 gennaio, n. 4). Disciplina dell'attività di estetista (1) (2). LEGGE 4 gennaio 1990, n. 1 (in Gazz. Uff., 5 gennaio, n. 4). Disciplina dell'attività di estetista (1) (2). (1) A partire dal 1 gennaio 1999 ogni sanzione pecuniaria penale o amministrativa espressa in

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO ATTIVITÀ INTEGRATE Ufficio Studi e Formazione Ufficio Studi CIRCOLARE N. 127 Operativa OGGETTO: Attività produttive Polizia Amministrativa.

Dettagli