RAPPORTO ANNUALE DI BILANCIO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO ANNUALE DI BILANCIO 2010"

Transcript

1 RAPPORTO ANNUALE DI BILANCIO 2010

2 RAPPORTO ANNUALE DI BILANCIO 2010

3 Un modello d impresa premiato dai risultati I risultati positivi ottenuti per il terzo anno consecutivo confermano la validità delle scelte industriali e strategiche Lamberto Cardia Presidente Il Bilancio Consolidato di Ferrovie dello Stato Italiane per l esercizio 2010 evidenzia risultati economici positivi che confermano il trend favorevole iniziato fin dal I ricavi operativi hanno superato per la prima volta nella storia la soglia degli 8 miliardi di euro ed il risultato netto del Gruppo è andato oltre i 100 milioni; positivi sono anche gli incrementi registrati nei risultati intermedi: EBITDA più 210 milioni ed EBIT più 73 milioni, rispetto al A partire dal bilancio 2010, con First Time Adoption (FTA) dal 1 gennaio 2009, il Gruppo ha effettuato la transizione volontaria ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS). La ratio di questa importante decisione si è fondata sulla volontà di presentarsi alla competizione nei diversi mercati in cui il Gruppo opera con le carte in regola, anche sotto il profilo del modello amministrativocontabile, avendo posto così le premesse per poter assumere, ove si ritenesse opportuno, la decisione di accedere al mercato dei capitali sotto forma sia di emissione di obbligazioni o altri titoli di debito collocati in misura diffusa presso il pubblico, sia di avvio di potenziali processi di quotazione in borsa di società già esistenti o future. Le positive performance economiche, conseguite in un contesto di perdurante crisi industriale sia mondiale che domestica, confermano la validità delle scelte strategicoindustriali operate da Ferrovie dello Stato Italiane e ci incoraggiano a proseguire nel cammino della razionalizzazione di alcuni settori ancora in difficoltà e dello sviluppo delle aree ad elevato margine di contribuzione. I servizi a mercato hanno registrato un aumento dell offerta complessiva, pari al 12%, avendo potuto usufruire dell intera nuova rete Alta Velocità. Nel corso dell anno l offerta dei treni Frecciarossa è stata rimodulata con interventi mirati per bacini di traffico e fasce di orario a maggiore produttività. Gli interventi tecnologici adottati su questa tipologia di treni (come internet/wi-fi) hanno elevato il livello di comfort, permettendo di sfruttare al meglio il tempo di viaggio. Per le tratte servite dai treni Frecciargento, il maggior livello di comfort è stato assicurato con il rinnovamento della flotta e con l incrementato della velocità commerciale. Per quanto riguarda invece il servizio universale, dove è vigente il contratto di servizio con lo Stato, sono state operate variazioni di perimetro al fine di ottimizzare le limitate risorse finanziarie a disposizione del Cliente Pubblico. Anche il segmento residuale non contribuito, che presenta margini negativi, ha subìto un ulteriore forte decremento dei volumi (-12,5% dei treni/km offerti). Il trasporto regionale ha visto proseguire la formalizzazione della maggior parte dei contratti di servizio con le Regioni sulla base di una piattaforma di offerta secondo catalogo. Ciascuna Regione quindi, ha potuto, in ragione delle risorse disponibili, scegliere la modalità dei servizi da ac- Mauro Moretti Amministratore Delegato 2- Rapporto Annuale di Bilancio 2010

4 quistare, impegnandosi con contratti di durata di sei anni più sei. Ciò ha permesso all impresa ferroviaria di pianificare i servizi da rendere mediante il miglior mix di fattori della produzione impiegati e, grazie alla certezza dei ricavi nel medio periodo, poter avviare l acquisto di nuovi treni. Il tema della pulizia dei treni è stato affrontato, specie a partire dall anno 2009, con particolare determinazione. Sono stati rinnovati nel corso del 2010 i contratti di pulizia dei treni e degli impianti industriali. Ad oggi, sono risolti quasi tutti i rapporti con i precedenti appaltatori e si è proceduto a nuove assegnazioni. I livelli di qualità percepita dalla clientela stanno progressivamente e complessivamente migliorando; è peraltro costante l attività di controllo e vigilanza. Dal lato dei costi operativi, merita particolare attenzione l ulteriore riduzione del costo del lavoro che, pur registrando un incremento unitario per rinnovo contrattuale allineato al tasso inflattivo, ha beneficiato della riduzione della consistenza media complessiva (passata da a unità) derivante essenzialmente dall introduzione di strumenti più avanzati, ad alta tecnologia, di gestione di taluni processi industriali. Per quanto riguarda gli investimenti, la flessione registrata nel 2010 (da milioni a milioni, pari al 21% circa), risultata allineata alle previsioni, è derivata essenzialmente da minori interventi sulla rete ad Alta Velocità, sostanzialmente completata, e dal rinvio di interventi sulla rete Convenzionale conseguente alla diminuzione dei trasferimenti pubblici. I ridotti trasferimenti di risorse finanziarie hanno accresciuto la necessità di selezionare con grande attenzione gli interventi di investimento su aree e settori a maggior ritorno economico. Per gli investimenti autofinanziati merita attenzione il forte impegno della società Trenitalia che ha destinato circa 483 milioni di euro al miglioramento della qualità dei servizi ed agli interventi in tecnologie. Particolare evidenza merita inoltre la massiccia operazione di innovazione tecnologica e riqualificazione degli asset effettuata sulle stazioni ferroviarie, sia sul fronte delle aree industriali che di quelle commerciali, da parte dei rispettivi gestori: RFI, Grandi Stazioni e Centostazioni. Gli investimenti dell ultimo anno, pur rispettando come già detto una selezione mirata degli interventi a più alto ritorno economico, hanno inevitabilmente limitato i risultati dello sforzo di riduzione dell indebitamento, sforzo che il Gruppo sta attuando con fermezza per eliminare la generale fragilità finanziaria derivante da un esposizione debitoria pregressa. Infatti permane il rischio che consistenti oneri finanziari, provocati da alto indebitamento, possano condizionare negativamente i futuri risultati economici. Per fare fronte a questa situazione il Gruppo applicherà un rigoroso e crescente livello di monitoraggio della gestione finanziaria complessiva. Guardando al 2011, il Gruppo continuerà a dedicare il massimo impegno al percorso di razionalizzazione di quei segmenti di attività che ancora presentano aree di sostanziale improduttività. In particolare proseguirà l attuazione del piano di ristrutturazione del settore cargo e della logistica nel suo complesso. Il Gruppo, sulla base della acquisita stabilità economica, potrà orientare sempre di più i propri sforzi verso quelle iniziative, già avviate nel corso del 2010, mirate a conquistare quote di mercato anche all estero mediante lo sviluppo diretto dei propri business o attraverso l acquisizione di realtà già presenti oltre confine. Su questo fronte i messaggi dati di recente con l acquisizione del gruppo Arriva Deutschland (oggi Netinera) e l alleanza con il Gruppo Veolia, nonché i numerosi progetti di ingegneria ferroviaria in campo internazionale, sono sicuramente segnali importanti e di assoluto valore strategico destinati a rilevanti sviluppi. 4- Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Introduzione - 5

5

6 Indice PARTE I - FERROVIE DELLO STATO ITALIANE Consolidamento e sviluppo internazionale Migliori in Italia, più forti in Europa 12 Verso un mercato ferroviario unico Regole nuove per il trasporto europeo 14 Governance e responsabilità etica La giusta organizzazione per uno sviluppo sostenibile 16 Un Piano d Impresa orientato allo sviluppo Crescere da protagonisti 18 PARTE II - ECONOMICS E INVESTIMENTI La forza economica del Gruppo Meno costi, migliori performance 24 PARTE III - CRESCE L IMPEGNO DEL GRUPPO Le strategie internazionali del Gruppo Una maggiore presenza in Europa 40 Un primato riconosciuto nel mondo Leader internazionali nella tecnologia ferroviaria 42 Servizi migliori per il cliente Sicurezza e ambiente, valori chiave 46 Protagonisti nell innovazione Progettare oggi le tecnologie di domani 48 Responsabilità ambientale e sociale Il lavoro del Gruppo per un futuro sostenibile 50 Il patrimonio umano Una ricchezza fatta di persone 54 Sostenere lo sviluppo Gli investimenti nel settore ferroviario una risorsa strategica per il Paese 34 PARTE IV - ALTRE ATTIVITÀ DEL GRUPPO Grandi Stazioni SpA 58 Centostazioni SpA 60 FS Sistemi Urbani 62 Italferr SpA 64 Fercredit SpA 66 Le attività trasversali Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Indice - 9

7 PARTE I - FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

8 Consolidamento e sviluppo internazionale Migliori in Italia, più forti in Europa Importanti investimenti e attività mirate portano a livelli più alti di servizio e sviluppano il ruolo internazionale del Gruppo Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, forte del consolidamento dei risultati di bilancio e di una riconosciuta eccellenza tecnologica, si propone sempre di più come protagonista nel mercato internazionale. L anno 2010 ha rappresentato un importante momento di passaggio da un percorso di risanamento, avviato dalla fine del 2006, a una fase di consolidamento economico. Oggi possiamo, e dobbiamo, porci l obiettivo di una sana crescita e di una progressiva espansione. Il Gruppo ha conquistato un ruolo di player importante nel mercato europeo dei servizi ferroviari, attività culminata con l acquisizione strategica (in partnership con il fondo Cube Infrastructure) delle attività del Gruppo Netinera (ex-arriva Deutschland) in Germania. Più ampiamente, il Gruppo sta rivolgendo il proprio interesse nell ulteriore sviluppo verso i Paesi dell Europa centrale e verso i mercati dell Est Europa. Il Gruppo è riuscito nel difficile compito di garantire seppure in presenza di una minore disponibilità di risorse pubbliche e in un difficile contesto macroeconomico internazionale importanti investimenti destinati principalmente allo sviluppo e al potenziamento dell infrastruttura ferroviaria, all acquisto e al revamping dei treni, a una forte riqualificazione delle stazioni ferroviarie. La stabilizzazione del progetto dell Alta Velocità, totalmente italiano nell infrastruttura, nei treni e nel know-how, ha portato ad una profonda rivoluzione che ha modificato e migliorato, con collegamenti più frequenti ad orari cadenzati e un sistema integrato nei nodi urbani a beneficio anche del traffico regionale e metropolitano e del trasporto merci, la mobilità tra e nei maggiori centri metropolitani. L utile di bilancio si conferma per il terzo anno consecutivo e con valori in progressiva crescita: 129 milioni di euro contro i 54 milioni del Il risultato è stato ottenuto senza alcun aumento di capitale dell'azionista, operando sulla leva dei costi e con ricavi in crescita, nonostante il permanere della difficile situazione economica dei mercati. Il primato del Gruppo nel settore dell innovazione è ormai riconosciuto in Europa e nel mondo, grazie all adozione sulle nostre linee e sui treni dei più elevati standard tecnologici, di matrice italiana, che sono stati scelti dall UE come riferimento per le reti transnazionali. Grande successo hanno ottenuto anche le iniziative commerciali dell Alta Velocità, premiate lo scorso anno dal World Travel Market con il Global Award per la tecnologia innovativa impiegata nella gestione dei processi industriali, nella comunicazione con gli stakeholder e nel fornire servizi alla clientela. Nel corso del 2010 Trenitalia ha conseguito il Premio Innovazione ICT, riconoscimento istituito dall Osservatorio Smau-Politecnico e consegnato ad aziende ed enti pubblici italiani che hanno innovato con successo il proprio business attraverso le tecnologie digitali. Nel corso del 2010 sono proseguite le attività del Gruppo volte a migliorare la qualità del servizio offerto, innalzando i livelli di comfort, qualità, informazione e pulizia a bordo dei treni. Sono circa il 90% gli utilizzatori dei servizi di media e lunga percorrenza che si dichiarano soddisfatti del viaggio nel suo complesso. Anche per la puntualità vengono più che confermate le buone performance raggiunte negli anni precedenti, con indici di oltre il 91% per i treni della lunga e media percorrenza e di quasi il 90% per i treni del trasporto regionale. Nel 2010 è aumentato ancora il numero di viaggiatori/km trasportati con i servizi a mercato (circa l 1,3% in più dell anno precedente) e con i servizi di trasporto regionale (in aumento di circa il 2,5%), mentre è stata contenuta entro il 3,5% la contrazione dei volumi merci, i quali ancora risentono della difficile situazione economica nazionale ed internazionale. Di grande importanza è la diminuzione del numero di incidenti considerati tipici dalla normativa internazionale, dai 13 del 2009 ai 10 del 2010 (nel 2000 erano stati 96) Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte I - Ferrovie dello Stato Italiane - 13

9 Verso un mercato ferroviario unico Regole nuove per il trasporto europeo Applicare il principio di reciprocità per una vera liberalizzazione: la concorrenza per migliorare il servizio nanziamento dei servizi universali oggetto di contratti di servizio pubblico. Peraltro, tale misura, ove fermamente applicata, comporterebbe anche minori oneri a carico della finanza pubblica. In Italia, a differenza di altri paesi tra i quali la Francia, non è stata ancora prevista alcuna norma di questo tipo. Con l apertura alla concorrenza, dal 1 gennaio 2010, del trasporto ferroviario internazionale passeggeri, è stato posto un ulteriore tassello verso la liberalizzazione del settore. Tuttavia, si è ancora lontani da un effettivo mercato ferroviario europeo unico. Continuano a coesistere, infatti, tra i principali Paesi, regole disomogenee in materia di accesso al mercato. Alcuni Stati hanno seguito una politica conservativa, tesa a recepire solo formalmente la legislazione comunitaria, piuttosto che a introdurre una effettiva liberalizzazione e una reale concorrenza nel mercato. Altri Paesi, tra cui l Italia, hanno già da tempo liberalizzato completamente il proprio mercato domestico. È quindi necessario che venga definito, a livello europeo, un quadro omogeneo in termini di condizioni, criteri e regole di accesso da tutti ugualmente rispettate, come avvenuto nel settore aereo. La recente proposta di modifica della legislazione comunitaria relativa al trasporto ferroviario (recast), presentata dalla Commissione Europea, è ancora lontana dal raggiungere questi obiettivi. Non è prevista, infatti, la costituzione di un Authority europea di settore, in grado di imporre regole uniformi per tutta l UE, e neppure è prevista la liberalizzazione del trasporto passeggeri nazionale, già attuata in Italia. In presenza di tali asimmetrie tra mercati nazionali, assume oggi particolare rilevanza l applicazione attenta e rigorosa da parte delle autorità competenti quantomeno del principio di reciprocità. Un applicazione solo formale di tale principio falserebbe le dinamiche competitive, impedendo una sana ed equilibrata concorrenza. Lo sviluppo di un mercato ferroviario libero e competitivo richiede, inoltre, l introduzione nel nostro ordinamento di specifici strumenti a garanzia dell equilibrio tra promozione della concorrenza e tutela del servizio universale. A seguito delle pratiche di cherry picking, ossia della scelta accurata di segmenti di mercato maggiormente redditizi, attuate dai nuovi competitor, l incumbent nazionale per tutelare il proprio equilibrio economico non potrebbe più assicurare servizi strutturalmente in perdita. A tale riguardo, la normativa comunitaria (direttiva 2007/58/CE del terzo pacchetto ferroviario) prevede la possibilità per gli Stati membri di imporre alle imprese che effettuano servizi di trasporto ferroviario passeggeri a mercato di contribuire al fi Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte I - Ferrovie dello Stato Italiane - 15

10 Governance e responsabilità etica La giusta organizzazione per uno sviluppo sostenibile DIREZIONE CENTRALE RELAZIONI CON I MEDIA E REDAZIONE DI GRUPPO DIREZIONE CENTRALE AMMINISTRAZIONE, BILANCIO E FISCALE DIREZIONE CENTRALE AFFARI SOCIETARI PRESIDENTE AMMINISTRATORE DELEGATO DIREZIONE CENTRALE AUDIT DIREZIONE CENTRALE COMUNICAZIONE ESTERNA DI GRUPPO DIREZIONE CENTRALE PROTEZIONE AZIENDALE DIREZIONE CENTRALE STRATEGIE E PIANIFICAZIONE DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI Anche attraverso il suo sistema di Governance, il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane opera per coniugare esigenze economiche, ambientali e sociali DIREZIONE CENTRALE LEGALE DIREZIONE CENTRALE RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE DIREZIONE CENTRALE AFFARI ISTITUZIONALI E DELLA CONCORRENZA DIREZIONE CENTRALE FINANZA, CONTROLLO E PATRIMONIO 16 - Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Ferrovie dello Stato Italiane si ispira, sin dal Codice Etico la Carta Costituzionale dell impresa che definisce la responsabilità etico-sociale di ogni dipendente a quei principi di trasparenza e correttezza che rappresentano i requisiti indispensabili del percorso verso la Sostenibilità. La Capogruppo indirizza e coordina le politiche e le strategie industriali delle Società Operative sulla base di considerazioni economiche, ambientali e sociali. L attenzione del Gruppo è rivolta, in particolare, alla triplice interazione fra il trasporto ferroviario, l ambiente naturale e la comunità, elementi cardine su cui fondare una mobilità più sostenibile. L organizzazione del Gruppo rispecchia la netta separazione societaria tra rete e servizi di trasporto, attuata a partire dal 2000 nel rispetto delle direttive europee sulla liberalizzazione del mercato. Il controllo contabile previsto dal Codice Civile è curato da PricewaterhouseCoopers SpA, cui è affidata anche la revisione del bilancio consolidato, del rapporto di sostenibilità e dei bilanci di esercizio delle Società del Gruppo. Ferrovie dello Stato Italiane, grazie anche alle recenti evoluzioni del sistema di governance, con dipendenti, più di 620 milioni di clienti all anno e oltre 8 mila treni che ogni giorno circolano sulla rete ferroviaria, sostiene il Paese verso un modello di sviluppo sostenibile. ORGANI SOCIALI DI FERROVIE DELLO STATO ITALIANE SpA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE LAMBERTO CARDIA** INNOCENZO CIPOLLETTA* AMMINISTRATORE DELEGATO CONSIGLIERI ALBERTO BRANDANI** ANTIMO PROSPERI PRESIDENTE SINDACI EFFETTIVI SINDACI SUPPLENTI MAURO MORETTI PAOLO BARATTA* CLEMENTE CARTA* COLLEGIO SINDACALE ALESSANDRA DAL VERME** GIUSEPPE DI GIOVANNI* VITTORIO NOLA* SOCIETÀ DI REVISIONE LEGALE PRICEWATERHOUSECOOPERS SpA STEFANO ZANINELLI** POMPEO COSIMO PEPE* GIANCARLO FILOCAMO** ALESSANDRO ZAVAGLIA* CINZIA SIMEONE PAOLO CASTALDI** GIOVANNI RAPISARDA* MAGISTRATO DELLA CORTE DEI CONTI DELEGATO AL CONTROLLO SU FERROVIE DELLO STATO ITALIANE SpA * In carica fino al 24 giugno 2010 ** Nominato dall Assemblea dei Soci in data 24 giugno 2010 VITTORIO ZAMBRANO Parte I - Ferrovie dello Stato Italiane - 17

11 Un Piano d Impresa orientato allo sviluppo Crescere da protagonisti Inizia una stagione di crescita e di espansione per rendere il Gruppo sempre più protagonista nel sistema di trasporto nazionale e internazionale I risultati operativi ed economici maturati nel periodo hanno evidenziato il raggiungimento ed il successivo consolidamento degli obiettivi di razionalizzazione e riposizionamento industriale assunti nel precedente Piano d Impresa L imponente risanamento industriale realizzato recupero di un disavanzo di oltre 2 miliardi di euro è stato conseguito, tra l altro, con la separazione tra servizi a mercato e servizi universali ; la ridefinizione del portafoglio di business; la chiusura di servizi e relazioni non profittevoli; la modifica nei rapporti contrattuali con tutti gli stakeholders; ed infine, il ridisegno dei processi produttivi, con l obiettivo di accorciare fortemente la catena di comando, decentrando responsabilità e competenze per semplificare il sistema delle decisioni. Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ha completato il suo percorso di ristrutturazione, condizione necessaria per poter avviare una fase di sviluppo e di creazione di valore. Su questa base sono stati identificati i presupposti per una nuova politica di crescita e di espansione, sia a livello nazionale che internazionale, da realizzarsi anche attraverso acquisizioni e/o partnership con importanti istituzioni e soggetti privati, finanziari o industriali. Il nuovo Piano d Impresa , in continuità con il precedente, individua nei temi relativi all internazionalizzazione, alla definizione di un nuovo modello operativo per il trasporto passeggeri regionale e locale e alla riorganizzazione del trasporto merci, gli elementi di maggiore sfida per il prossimo quinquennio. Internazionalizzazione Il Gruppo è attualmente il terzo operatore ferroviario europeo pur avendo, rispetto ai primi due grandi operatori DB (incumbent tedesco) e SNCF (incumbent francese), dimensioni relativamente più contentute. La crescita internazionale rappresenta dunque una condizione essenziale per poter continuare ad essere protagonisti di rilievo nel panorama europeo. A tal fine, nel corso del 2010 e nei primi mesi del 2011, il Gruppo si è dotato di strumenti idonei ad intraprendere un percorso di espansione. L operazione di acquisizione del Gruppo Netinera (ex-arriva Deutschland), uno dei maggiori operatori privati nel trasporto pubblico regionale di passeggeri su ferro e su gomma in Germania (con una quota di mercato pari al 5%), ha rappresentato un importante successo del Gruppo nel rafforzamento del proprio posizionamento internazionale. Netinera ha un fatturato 2010 di oltre 470 milioni di euro; offre più di 30 milioni di treni-km e circa 31 milioni di bus-km e si avvale di oltre addetti distribuiti in tutta la Germania. Il Gruppo acquisito opera in un contesto molto dinamico ed ha l obiettivo di raddoppiare, nei prossimi anni, l attuale quota di mercato (target 12%). Ancora, con la partnership fra Trenitalia e Veolia Transport, operatore di trasporto ferroviario del gruppo francese Veolia Environment, attivo nel trasporto passeggeri ferroviario, su gomma e navale, il Gruppo intende, nell immediato futuro, perseguire lo sviluppo sui mercati esteri di trasporto passeggeri ad alta velocità e regionale (extra - Germania). Il conseguimento della partecipazione totalitaria nella società TX Logistik, presente nel trasporto merci in Germania ed in altri Paesi del Nord Europa, attesta il medesimo impegno del Gruppo anche nel business dei servizi alle merci (trazione e logistica). TX Logistik rappresenta un caso di successo: infatti il modello di business adottato di operatore integrato, ispirato alla competitività e all efficienza, ha garantito il conseguimento di risultati economici positivi anche in un periodo di congiuntura economica negativa quale quello recente Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte I - Ferrovie dello Stato Italiane - 19

12 Trasporto passeggeri regionale e locale Grandi Aree Urbane In uno scenario di risorse sempre più limitate per i contratti di servizio universale, la strategia del Gruppo persegue l obiettivo di rafforzare l offerta di trasporto nelle aree a più alta domanda di mobilità adottando soluzioni di integrazione ferro-ferro e di integrazione ferrogomma con i diversi player del trasporto regionale e locale coinvolti. La sfida del Piano d Impresa , con riferimento al trasporto locale, è quella di modificare e ampliare i servizi sui nodi metropolitani oggi caratterizzati da un alta frequenza di esercizio, numerose fermate e una forte discontinuità della domanda concentrata soprattutto nelle ore di punta. La distinzione, nell ambito dello stesso bacino territoriale, tra treni metropolitani (con fermate più frequenti) e treni di media distanza (servizi più veloci con minori fermate all interno del nodo) consente di fornire una risposta più efficace alla crescente domanda di mobilità e di adottare un modello operativo più efficiente. Tale modello implica l adeguamento e la progressiva specializzazione della flotta alle diverse tipologie di servizio sopra menzionate. Ad esempio, il nuovo servizio regiofast, che permette di spostarsi in appena 49 minuti tra Pisa e Firenze e in 48 minuti tra Firenze e Arezzo, ha già incontrato il favore dei clienti perché collega le città toscane in maniera veloce, senza tappe intermedie e senza costi aggiuntivi. Il Gruppo ha già individuato alcuni grandi nodi metropolitani (Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Napoli e Palermo) sui quali adottare questa strategia di rafforzamento, da negoziare con le Regioni nell ambito dei contratti di servizio in vigore. Servizi alle Merci Il raggiungimento di una sostenibilità economica e finanziaria nei business dei servizi alle merci (trazione e logistica) è una sfida che può essere vinta. Le azioni intraprese nel biennio avevano già espresso un trend di risultati economici ed operativi in deciso miglioramento rispetto al dato di partenza (circa -900 milioni di euro di perdita). Tali esiti, seppur ancora in fase embrionale, hanno tuttavia subìto una grave battuta d arresto ne l 2009 in ragione della crisi internazionale. Il crollo della produzione industriale e del commercio internazionale ha determinato uno scenario generale di contrazione della mobilità merci. In Italia la modalità rail ha, inoltre, sofferto particolarmente in quanto risente di un quadro regolatorio che vede maggiormente assistito il trasporto su gomma. Nel Piano d Impresa sono state individuate nuove linee di azione in grado di consentire ai Business dei Servizi alle Merci di raggiungere una condizione di risanamento economico ed industriale. In particolare si intende procedere a: concentrare l attività di trazione ferroviaria sugli assi forti (corridoi e valichi europei) maggiormente remunerativi; selezionare, valorizzare e presidiare i punti chiave dell infrastruttura di trasporto (es. i porti) per attivare sinergie e partnership nel traffico combinato; riqualificare selezionate piattaforme logistiche per offrire e rendere maggiormente rispondenti alle esigenze dei clienti i servizi a monte e a valle della mera attività di trazione; razionalizzare la catena distributiva per garantire una risposta commerciale più veloce; sviluppare l information technology a supporto dei processi operativi del business al fine di rendere più efficaci tutte le fasi del trasporto, incluse quelle commerciali di vendita e post-vendita; espandere il business all estero con particolare attenzione all Est Europa, in coerenza con le strategie di internazionalizzazione; implementare un nuovo modello organizzativo e di governance che, riducendo le attuali sovrapposizioni di portafoglio, renda più efficiente l offerta complessiva. Il Gruppo si pone l obiettivo di rilanciare il potenziale del trasporto ferroviario delle merci riconfigurandolo, a livello nazionale, quale valida alternativa alle altre modalità di trasporto e proiettandolo verso una dimensione europea, con una maggiore gamma di collegamenti internazionali al servizio del sistema industriale italiano Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte I - Ferrovie dello Stato Italiane - 21

13 PARTE II - ECONOMICS E INVESTIMENTI

14 La forza economica del Gruppo Meno costi, migliori performance Diminuzione dei costi operativi e creazione di nuovo valore. Forte crescita dei ricavi da traffico passeggeri Lo sviluppo nel panorama del trasporto ferroviario nazionale e internazionale Ferrovie dello Stato Italiane, come già anticipato nelle pagine precedenti, chiude anche l esercizio 2010 con un risultato netto positivo di 129 milioni di euro (di cui 118 milioni di euro realizzati dal Gruppo e 11 milioni di euro dai terzi), con un considerevole incremento, pari a 73 milioni di euro, rispetto all utile dell esercizio precedente. Nel corso del 2010, il Gruppo ha proseguito a rafforzare il proprio equilibrio economico, facendo registrare un ottima performance a livello di EBITDA, superiore, per la prima volta, agli 1,6 miliardi di euro, grazie alla forte crescita complessiva dei ricavi da traffico passeggeri, dovuta in parte anche agli incrementi tariffari e alle maggiori risorse rese disponibili per i servizi di infrastruttura (+139 milioni di euro di cui 126 milioni di euro per contributi in conto esercizio). L EBITDA si attesta a milioni di euro, anche per la significativa flessione dei costi operativi, a conferma del trend positivo del recupero di efficienza nell utilizzo dei fattori produttivi e della conseguente riduzione dei costi stessi. All interno dei ricavi operativi, che per la prima volta nella storia del Gruppo superano la soglia degli 8 miliardi di euro, i ricavi da servizi di trasporto registrano un incremento di 152 milioni di euro (+2,5%), legato sia alla crescita dei ricavi da mercato (+76 milioni di euro), che dei ricavi da contratto di servizio pubblico con le Regioni e con lo Stato. In particolare, i ricavi da contratto di servizio pubblico si incrementano di 76 milioni di euro per effetto di maggiori ricavi con le Regioni, per 63,5 milioni di euro e maggiori ricavi da contratto di servizio pubblico con lo Stato, per 12,1 milioni di euro. I ricavi da servizi di infrastruttura aumentano di 139 milioni di euro, grazie ai maggiori corrispettivi erogati secondo quanto stabilito dalla Legge Finanziaria 2010 n. 191 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato e dalla Legge di Bilancio n.192 ad essa collegata (emanate il 23 dicembre 2009). Emerge, infine, la forte diminuzione degli altri proventi (-213 milioni di euro), legata in maggior parte a minori corrispettivi relativi ad anni precedenti e connessi alla Legge Finanziaria 2007, a minori proventi rispetto a quelli registrati nel 2009 a seguito del rilascio di alcuni fondi per rischi ed oneri e alla plusvalenza da alienazione derivante dalla cessione di un immobile a Venezia registrata nel 2009, evento non ripetuto nel I costi operativi, al netto della rettifica dovuta alle capitalizzazioni, evidenziano la significativa diminuzione di 128 milioni di euro, risultato del proseguimento della razionalizzazione degli stessi e derivante dai seguenti fattori: riduzione del costo del lavoro per 235 milioni di euro, effetto di una contrazione di organico di unità derivante dal continuo e graduale processo di miglioramento dell efficienza di tutti i vari processi di business, pur in presenza di un incremento delle retribuzioni unitarie legato alla dinamica dei rinnovi contrattuali ed agli incrementi automatici previsti dai contratti stessi; incremento degli altri costi netti per 107 milioni di euro dovuti, per la gran parte, a minori capitalizzazioni (-111 milioni di euro). Il risultato operativo conferma il trend positivo registrato già dall esercizio 2008, attestandosi a 508 milioni di euro (con un miglioramento di 73 milioni di euro rispetto al 2009) pur in presenza di maggiori ammortamenti netti (+127 milioni di euro), cui si aggiungono maggiori svalutazioni, perdite di valore e accantonamenti per rischi ed oneri (+10 milioni di euro). I maggiori ammortamenti sono relativi, in particolare, all entrata in esercizio di nuovi beni previsti dal piano degli investimenti, alla capitalizzazione delle manutenzioni di secondo livello effettuate nel corso del 2010 sul materiale rotabile e, infine, al pieno carico sul 2010 degli oneri riferiti alle tratte ferroviarie Alta Velocità/Alta Capacità Bologna-Firenze, Torino-Milano e Roma-Napoli, completate nel corso dell esercizio Il risultato netto, in forte crescita anche quest anno, sconta il saldo della gestione finanziaria, negativo per 263 milioni di euro e in leggero incremento rispetto all esercizio precedente per 12 milioni di euro dovuti, essenzialmente, a dinamiche dei tassi medi d interesse Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 25

15 LA RIPARTIZIONE DEI RICAVI OPERATIVI DEL 2010 Principali dati economici, patrimoniali, finanziari Ricavi operativi Costi operativi Margine operativo lordo (EBITDA) Risultato operativo (EBIT) Risultato netto Il Gruppo adotta i principi contabili internazionali Nel percorso sempre più deciso verso il mercato, Ferrovie dello Stato Italiane ha rivisto profondamente il proprio modello amministrativo-contabile adottando i Principi Contabili Internazionali (IAS-IFRS) a partire dalla chiusura del bilancio consolidato al 31 dicembre In conformità a quanto disciplinato dall IFRS 1 ( Prima Adozione degli International Financial Reporting Standards ), è stato necessario attuare un complesso processo durato oltre due anni di conversione dai Principi Contabili Italiani, utilizzati per la redazione del bilancio consolidato fino all esercizio chiuso al 31 dicembre 2009, agli IAS-IFRS, processo che ha visto coinvolte tutte le società controllate del Gruppo e la gran parte delle famiglie professionali Amministrazione, Finanza e Controllo in primis che operano nel settore. Volendo rappresentare un quadro coerente con le logiche previste dall IFRS 8 ( Settori Operativi ), il Gruppo articola la propria attività nei seguenti 5 settori operativi, riepilogati nella tabella di seguito, le cui sintesi in termini di performance e risultati sono riportate nell ultima sezione del presente documento. Anno 2010 = milioni di euro Anno 2009 = milioni di euro SETTORI OPERATIVI RIFERITI AI SERVIZI DI TRASPORTO 13% 11% 11% 14% SETTORE PASSEGGERI MEDIA/LUNGA PERCORRENZA SETTORE PASSEGGERI REGIONALI SETTORE MERCI 76% 75% SETTORE SERVIZI ALL INFRASTRUTTURA SETTORE SERVIZI IMMOBILIARI - ALTRI Ricavi da servizi di trasporto Ricavi da servizi di infrastrutture Altri ricavi Ricavi da servizi di trasporto Ricavi da servizi di infrastrutture Altri ricavi Trenitalia, la conferma delle performance Dopo i timidi segnali positivi registrati nella seconda metà del 2009, la ripresa economica mondiale è stata caratterizzata da una crescita lenta, con prospettive incerte nel medio lungo termine. In Italia nel 2010 il settore dei trasporti ha espresso segnali di assestamento e recupero sia nei segmenti passeggeri che merci. In questo contesto macroeconomico Trenitalia ha confermato il miglioramento delle perfor Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 27

16 mance, proseguendo nel consolidamento strutturale dei propri fondamentali economici avviato negli esercizi precedenti. I dati economico patrimoniali di seguito commentati presentano delle variazioni rispetto alla GLI INDICATORI DI TRENITALIA (1) Principali indicatori economico-patrimoniali Relazione Annuale di Bilancio 2009, derivanti dall applicazione dei Principi Contabili Internazionali (IAS) a partire dall esercizio I valori relativi all esercizio 2009 sono stati pro-formati per permetterne la comparazione Ricavi operativi 5.874, ,1 Costi operativi al netto di capitalizzazioni/variazioni di rimanenze 4.588, ,2 Margine operativo lordo 1.285, ,0 Risultato operativo 355,1 316,6 Risultato netto di esercizio 74,8 16,6 Flusso di cassa da attività di esercizio 929,3 424,8 Investimenti Capitale investito netto ,838 Posizione finanziaria netta Consistenza di personale finale valori in milioni di euro (1) I dati 2009 e 2010 pro-formati includono - al fine di permetterne una comparazione omogenea - i valori della performance intero anno del ramo d azienda Trasporto Regionale Lombardia che, a partire dal 15 novembre 2009, sono stati trasferiti alla nuova società TLN-Trenitalia Le Nord (oggi Trenord) a seguito di operazione di affitto del ramo stesso. Trenitalia presenta un margine operativo lordo positivo, nel 2010, per milioni di euro, in crescita del 13% circa sul Dello stesso segno il risultato operativo, 355 milioni di euro contro i 317 milioni del 2009 con un incremento del 12,2%. L esercizio si chiude con un risultato netto positivo pari a circa 75 milioni di euro (17 milioni nel 2009), che consolida il positivo andamento degli ultimi esercizi. I ricavi operativi presentano un incremento dell 1,6% rispetto all esercizio precedente, principalmente in seguito ad un incremento dei ricavi da traffico del 4,5% parzialmente compensati da una diminuzione negli altri ricavi caratterizzati da alcune partite di natura non ricorrente registrate nell esercizio Nei ricavi da traffico la positiva performance nel settore viaggiatori (+8,4% nel settore Media Lunga Percorrenza e +5% nel Trasporto Regionale) è mitigata dalla riduzione registrata nel settore merci, pari a -8,7%. Sul risultato positivo incidono anche i costi operativi che, in coerenza con il percorso di forte recupero di efficienza negli ultimi esercizi, registrano una ulteriore riduzione rispetto al 2009 per 54 milioni di euro. La posizione finanziaria netta (6.337 milioni di euro) presenta un lieve incremento, pari a 39 milioni di euro, rispetto all esercizio precedente. Traffico: in aumento i servizi a mercato I viaggiatori km trasportati, in valore assoluto, hanno raggiunto i 43,3 miliardi (-2,1% rispetto ai 44,3 del 2009), di cui circa 22,7 miliardi relativi al trasporto regionale e locale, in lieve aumento rispetto ai risultati del 2009 (+2,5%), e 20,6 miliardi relativi al complesso dei servizi di media e lunga percorrenza, che registrano una riduzione del 6,7% rispetto all anno precedente. Nel 2010 lo spostamento di viaggiatori a favore dei nuovi servizi a mercato ha confermato il trend registrato nell esercizio precedente (+2,9%), grazie al riscontro positivo della clientela rispetto all aumento dell offerta accompagnata da una più accurata modulazione della politica dei prezzi. Le minori risorse dedicate dal committente pubblico al comparto dei servizi a carattere universale hanno fatto registrare una riduzione dell offerta del 18,2%, particolarmente concentrata sui servizi notte. In linea con gli obiettivi di razionalizzazione dell offerta commerciale è proseguita la contrazione dei servizi non contribuiti per i quali non esistono presupposti di economicità (-10,3%). La produzione, espressa in treni km, mostra nel complesso un lieve aumento dello 0,4%, sintesi tra una riduzione per i servizi a media e lunga percorrenza (-1,4%) e un aumento per il trasporto regionale (1,1%). Sul fronte dell offerta passeggeri, i treni km sono stati pari a 267,4 milioni, di cui 78,1 milioni relativi al settore della media e lunga percorrenza: +7,5% nel segmento mercato profittevole, -8,1% e -15,1%, rispettivamente nei segmenti universale contribuito e mercato a margini negativi. Nel trasporto regionale e locale il volume di treni km prodotti è passato dai 187,1 milioni nel 2009 ai 189,3 milioni registrati nel 2010 (+1,1%). Il load factor del trasporto di media e lunga percorrenza è aumentato passando al 51% rispetto al 49%, registrato nell anno precedente, mentre quello del trasporto regionale è del 31%. Quest ultimo, sostanzialmente invariato rispetto all esercizio precedente, risente tuttavia di forti variazioni tra le fasce orarie di punta e quelle di morbida. Il traffico ferroviario merci ha realizzato un vo Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 29

17 lume complessivo pari a 20,5 miliardi di tonnellate km, con uno scostamento negativo del 3,8% circa rispetto al In generale è stata registrata una lieve ripresa nel secondo semestre del 2010, all indice della produzione industriale, ripresa che non si è però tradotta in un aumento degli ordinativi nel settore ferroviario. A livello nazionale tutte le tipologie di servizi ferroviari merci mostrano ancora trend negativi, seppur ridotti, rispetto a quelli registrati nell anno precedente: il trasporto a treno completo, ad esempio, ha avuto un calo dei volumi del 5% mentre quello a carro singolo del 55%. Di conseguenza, anche i volumi di treni km si sono ridotti di circa il 9%, attestandosi ad un livello pari a 43,2 milioni. Al contrario, le attività in ambito internazionale, con particolare riferimento alla società controllata TX Logistik AG, hanno avuto un incremento dei volumi trasportati di circa il 25%. I DATI DI TRAFFICO PASSEGGERI Delta % Dati traffico media e lunga percorrenza (1) Viaggiatori km - mercato profittevole milioni ,9 Viaggiatori km - universale contribuito milioni ,2 Viaggiatori km - mercato a margini negativi milioni ,3 Totale milioni ,7 Treni km - mercato profittevole migliaia ,5 Treni km - universale contribuito migliaia ,1 Treni km - mercato a margini negativi migliaia ,1 Totale migliaia ,4 Dati traffico trasporto regionale Viaggiatori - km milioni ,5 Treni - km migliaia ,1 Totale traffico passeggeri Totale viaggiatori - km milioni (2,1) Totale treni - km migliaia ,4 (1) Incluso il traffico di Cisalpino AG, per le sole tratte in territorio italiano I dati di traffico merci del Gruppo Cargo Delta % Dati traffico merci - solo Trazione Tonnellate - km milioni (3,8) Treni - km migliaia (9,1) 30 - Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 31

18 La performance di RFI RFI - Rete Ferroviaria Italiana, è la società che cura le attività di progettazione, costruzione, messa in esercizio, gestione e manutenzione dell infrastruttura ferroviaria. I suoi ricavi sono costituiti dai pedaggi corrisposti dalle società di trasporto che utilizzano l infrastruttura e dai corrispettivi dello Stato destinati prevalentemente alla messa in disponibilità della rete stessa. La società, anche nell esercizio 2010, conferma il suo trend positivo chiudendo con un incremento significativo del risultato operativo, più che doppio rispetto al 2009, ed un risultato d esercizio di 91 milioni di euro. Il risultato positivo, ottenuto grazie alla crescita dei ricavi operativi, è dovuto principalmente: ai maggiori proventi percepiti dallo Stato per i servizi all infrastruttura in esecuzione del Contratto di Programma (in parte compensati dalla riduzione di altri ricavi); alla riduzione dei costi operativi (al netto delle capitalizzazioni); al decremento del costo del lavoro; alla riduzione dei costi per servizi e, ancora, dall incremento delle capitalizzazioni. Tali effetti sono stati in parte compensati dall aumento dei prezzi delle materie prime sussidiarie, oltreché dall aumento degli altri costi operativi. Di seguito, in sintesi, i principali indicatori ed indici economici 2010 della società. Principali indicatori Delta % Ricavi operativi 2.612, ,2 57,5 2,3 Margine operativo lordo (EBITDA) 267,9 158,7 109,2 68,8 Risultato operativo (EBIT) 135,1 64,6 70,5 109,1 Risultato d esercizio 91,6 9 82,6 >200 Investimenti 3.078, ,7 (629,8) (17,0) Posizione finanziaria netta 3.199,2 923, ,5 >200 Mezzi propri , ,1 367,6 1,1 Consistenza finale di personale (1.386) (4,4) La variazione in aumento della posizione finanziaria netta del 2010 è dovuta all aumento dei debiti verso la Capogruppo e verso le banche ed al decremento dei crediti verso il valori in milioni di euro Principali indici ROE 0,28% 0,02% ROI 0,38% 0,19% ROS (EBIT MARGIN) 5,17% 2,53% MOL/Ricavi operativi (EBITDA MARGIN) 10,25% 6,21% Debt/Equity 0,10 0,03 Ministero dell Economia e delle Finanze e verso TAV, la controllata di RFI per la progettazione e costruzione delle linee veloci Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 33

19 Sostenere lo sviluppo Considerare gli investimenti nel settore ferroviario una risorsa strategica per il Paese Maggiore efficienza, miglioramento del servizio, nuove tecnologie di trasporto e di sicurezza e rinnovamento della flotta: queste le aree strategiche del piano di investimenti del Gruppo GLI INVESTIMENTI DEL GRUPPO Totale RFI rete convenzionale Sviluppo infrastrutturale Tecnologie per la sicurezza e la circolazione Mantenimento in efficienza AV TO-MI-NA Prosegue il piano degli investimenti finalizzato a sostenere la crescita dei volumi di traffico sulle linee ad Alta Velocità e nei nodi metropolitani, ma anche a rinnovare la flotta con l obiettivo di rendere il parco mezzi adatto alle specifiche esigenze in particolare del trasporto di media e breve distanza migliorando il comfort, incrementando l efficienza operativa e innalzando l affidabilità tecnica. In corso d anno è stata aggiudicata la gara per la fornitura di 50 nuovi elettrotreni AV serie 1000 di ultima generazione. Sono proseguiti anche gli investimenti per il Trasporto Regionale sulla base del programma di sviluppo imperniato sul rinnovo della flotta. Il programma è finanziato attraverso la sottoscrizione con le Regioni di contratti di servizio di durata certa e sulla base di corrispettivi adeguati alle reali necessità del servizio richiesto. Gli investimenti tecnici realizzati dal Gruppo nel corso del 2010 ammontano a milioni di euro, di cui circa milioni di euro per interventi legati all infrastruttura; in particolare: milioni di euro per la rete convenzionale e 520 per la rete AV/AC Torino-Milano-Napoli, ulteriori 483 milioni di euro (quasi interamente coperti con risorse proprie) per interventi connessi al trasporto e, infine, 102 milioni di euro per il patrimonio immobiliare, i servizi informativi e il trasporto su gomma. TRENITALIA Passeggeri M/L Percorrenza Trasporto Regionale Cargo Altri Altri investimenti Staz., trasp., gomma, servizi RFI - Rete Ferroviaria Italiana Il 2009 è stato l anno del completamento del collegamento delle linee ad Alta Velocità dell intero asse Torino-Salerno. Nel 2010 sono invece proseguite sullo stesso asse AV le attività per la realizzazione dei passanti di Bologna e Firenze e delle stazioni AV (Bologna Centrale, Firenze Belfiore, Napoli Afragola, Reggio Emilia e Roma Tiburtina). valori in milioni di euro Proseguono, inoltre, gli interventi per il mantenimento in efficienza dell infrastruttura ferroviaria convenzionale e per le tecnologie dedicate alla sicurezza e all automazione ed al controllo della circolazione. Ulteriori interventi sono stati dedicati ai progetti di sviluppo infrastrutturale per il potenziamento e l ammodernamento dei corridoi ferroviari, delle aree metropolitane e dei bacini regionali Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 35

20 PRINCIPALI OPERE ATTIVATE NELL ESERCIZIO 2010 Trenitalia Trenitalia ha investito nel 2010 circa 483 milioni di euro per il miglioramento della qualità dei servizi offerti, l adeguamento tecnologico dei mezzi per la sicurezza della circolazione, l attrezzaggio degli impianti ed i sistemi informativi. Gli investimenti hanno riguardato: nel segmento Alta Velocità, per il prodotto Frecciarossa, il miglioramento del servizio commerciale e dei servizi di informazione a bordo per la clientela su tutti i convogli ETR 500 (13% del totale); per il Frecciargento, il completamento dell acquisto di treni ETR 600 e gli interventi di politensionamento e restyling della flotta ETR 480 per consentirne la circolazione sulle nuove linee AV; per il trasporto di media e lunga percorrenza su rete convenzionale (per i Frecciabianca, Eurostar e Base ), si è investito sulla riqualificazione delle carrozze e delle locomotive Nuove infrastrutture (Nuove linee, raddoppi, varianti) km rete AV km rete Convenzionale km Ammodernamento linee km Tecnologie di sicurezza (SCMT, SSC, SSCC/STS, GSM-R) km Apparati di stazione (ACEI, ACS, ACC) n Soppressione passaggi a livello n Automazione passaggi a livello n per i collegamenti tra centri di medie e grandi dimensioni; nel settore del trasporto metropolitano si è rinnovato il parco con l acquisto di nuove locomotive E464, nuove carrozze Vivalto, la ristrutturazione e l ampliamento dei treni TAF (Treno Alta Frequentazione) e, nei segmenti regionale e interregionale, la ristrutturazione di carrozze a piano ribassato e quelle a media distanza (37% del totale); per il trasporto merci è stato completato il piano delle consegne di nuovi carri S11 e continuano gli interventi di adeguamento del parco carri alle richieste del mercato (1% del totale); per la sicurezza è stato installato sulle locomotive il Sistema Tecnologico di Bordo che integra tutte le tecnologie in dotazione al treno (SCMT, SSC, GSM-R); nel campo dell informatica si è investito nei programmi di gestione dei processi di ade- guamento tecnologico degli impianti di manutenzione dei treni e nella ricerca sulle tecnologie dedicate alla sicurezza ferroviaria (20% del totale). per i rotabili, nel corso del 2010 sono entrati INTERVENTI SUL PARCO ROTABILI TRENITALIA in esercizio 60 locomotive, 17 tra carrozze e carri e 1 nuovo treno. Sono stati riconsegnati all esercizio, dopo interventi di ristrutturazione, 4 locomotive, 94 fra carrozze e carri e 17 treni, come riportato nella tabella seguente: Nuovo materiale rotabile Materiale rotabile ristrutturato Locomotive n Carrozze/Carri n Treni a composizione bloccata n Le altre società Nel complesso le altre società del Gruppo hanno realizzato investimenti per circa oltre 100 milioni di euro, prevalentemente destinati alla valorizzazione e alla riqualificazione delle stazioni e del patrimonio immobiliare; allo sviluppo del parco per il trasporto su gomma e all incremento e manutenzione della dotazione informatica a supporto dei processi aziendali. Continua nel 2010 l opera delle società Grandi Stazioni e Centostazioni per il rilancio e la valorizzazione delle principali stazioni, ripensate per dare vita non solo a spazi per servizi di trasporto ferroviario più funzionali e sicuri, ma anche a grandi poli di servizio e spazi pubblici sempre più integrati con il tessuto della città. Prosegue e si sviluppa l attività di Italferr sui mercati esteri, grazie all eccellente know-how riconosciuto a livello internazionale. FS Logistica presidia il settore dei servizi logistici, mentre Ferservizi garantisce per il Gruppo le attività di acquisti, servizi amministrativi, facility e building management. Il settore del credito e delle attività finanziarie è affidato alla società Fercredit; mentre FS Trasporto su Gomma (ex Sita) e Sogin, operano nel settore del trasporto su gomma locale e media-lunga percorrenza, garantendo anche servizi sostitutivi del servizio ferroviario; infine, ad FS Sistemi Urbani è affidato il compito di valorizzare il patrimonio immobiliare e le strutture non più funzionali all esercizio ferroviario Rapporto Annuale di Bilancio 2010 Parte II - Economics e Investimenti - 37

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE. Assessorato alla Mobilità e Trasporti

QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE. Assessorato alla Mobilità e Trasporti QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Documento di consultazione OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE Assessorato alla Mobilità e Trasporti 29

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli