Samanta Morelli Area Attività Laboratoristiche Arpa Emilia-Romagna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Samanta Morelli Area Attività Laboratoristiche Arpa Emilia-Romagna"

Transcript

1 Utilizzo della metodologia Six-Sigma, di applicazione prevalentemente industriale, come strumento di controllo dei prcesi analitici nelle Agenzie Ambientali 1

2 Cos e il Six Sigma programma di gestione della qualità che mira all ELIMINAZIONE dei DIFETTI e degli SPCHI Teoria: avere 6 deviazioni standard tra il limite superiore di specifica ed il centro della produzione raggiungere un controllo tale del processo da avere soltanto 3,4 parti difettose per milione 2

3 Nella pratica, questo principio non viene spesso applicato in modo rigoroso; la metodologia viene quindi vista come un METODO GENELE PER LA RIDUZIONE DEI DIFETTI. Sotto questo punto di vista, viene anche applicata in ambienti non produttivi in senso stretto (per esempio, ai servizi) 3

4 STATO DELL ARTE Qualità dei servizi offerti e Tracciabilità delle misure a tutti i livelli dei laboratori della Rete Arpa Laboratorio Multisito UNI EN ISO 17025/ Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura Verificare l accuratezza delle analisi Controlli di Qualità Proficiency Test (PT) z-score 4

5 Controllo di qualità: stato attuale Limiti dell attuale sistema di controllo della qualità dei dati: Miglioramenti realizzabili: NON permette di monitorare la performance del singolo Controllo della performance nel tempo laboratorio in tempi successivi NON permette di valutare la riproducibilità delle misure eseguite Controllo dal laboratorio della riproducibilità multisito fra le sedi NON è generalizzato Metodologia di valenza generale data la sistematicità della sua applicazione 5

6 Six-sigma: percorso DMAIC e le sue fasi Garantire DEFINE l omogeneità della Performance (obiettivi, dei risorse laboratori Nel e tempo e necessari) nello Spazio Tabella MEASU di raccolta dati (Variabili Indicatori critiche Riassuntivi e fattori influenti per Grafici la qualità) Valutazione della Riproducibilità/Ripetibilità ANALYSE dei laboratori (Analisi dati) ANOVA Contrasti Measurement System Analysis CONTROL UTILIZZO (Verifica Carte di controllo raggiungimento obiettivi, Capability Process Analysis mantenimento nel tempo) COSTRUZIONE Carte IMPROVE di controllo (Ipotesi I-MR di miglioramento) CHART X-CHART 6

7 Tempi e metodi per la realizzazione del progetto Fase di DEFINE Denominazione commerciale: Matrice scelta: Levissima, Acqua San Potabile Benedetto, - Minerale Uliveto 1. Matrice 5000 di facile reperimento: grande distribuzioneacqua DEST. AL CONSUMO UMANO (POTABILI) 2. Matrice 4500 semplice dal punto di vista analitico SUPPORTO SANITA' Matrice con un impatto diretto sulla salute pubblica 3500 ALIMENTI, MATERIALI A CONTATTO CON ALIM. 4. Matrice conforme al dettato previsto dal D.Lgs 31/ MONITOGGI AMBIENTALI Scelta dei parametri: 2500 SCARICHI Gruppo 2000 Accreditamento: ph, Conducibilità a 20 C, Durezza. Gruppo 1500 Cromatografia: Cloruri, Nitrati e Solfati ARIA 1000 Gruppo ICP: Ca, Mg, Na, K 500 TERNI, SEDIMENTI E SABBIE, RIFIUTI, FANGHI, SITI CONTA MINATI 0 ALTRO Ogni laboratorio LAB. PC LAB. ha PRricevuto LAB. LAB. a MO cadenza LAB. LAB. periodica FE LAB. i LAB. tre campioni di acqua Ciascuna misura è stata eseguita in triplo L esperimento ha avuto durata annuale: simulazione dell attività di routine 7

8 Acqua T e m p o Fase di MEASU Tabella di raccolta dati: ACQUA ULIVETO Spedizione Data Analisi ph Cond Dur Misura Subgroup Sezione Operatore Lotto ph-m Cond-M Dur-M 23/02/ /03/2009 7, ,2 1 1 AB L /31 ISS UNI EN 27888/95 ACQUA 23/02/2009 SAN 02/03/2009 BENEDETTO 7, ,1 2 1 AB L /31 ISS UNI EN 27888/95 Spedizione 23/02/2009 Data Analisi 02/03/2009 ph Cond 7,7 Dur 129 Misura 6,1 Subgroup 3 Sezione 1 Operatore AB Lotto L ph-m 07/31 Cond-M ISS UNI EN 27888/95 Dur-M 23/02/ /04/ /03/ /04/2009 7,8 7, ,1 6,2 6, AB BB L L /31 07/31 ISS UNI ISS EN UNI 27888/95 EN 27888/95 ACQUA 23/02/ /04/2009 LEVISSIMA 02/03/ /04/2009 7,7 7, ,8 6,1 6, AB BB L L /31 07/31 ISS UNI ISS EN UNI 27888/95 EN 27888/95 Spedizione 23/02/ /04/2009 Data Analisi 02/03/ /04/2009 ph Cond 7,7 Dur 7, ,8 Misura 6,1 6,6 Subgroup 3 3 Sezione 1 1Operatore AB BB Lotto L L ph-m 07/31 Cond-M 07/31 ISS UNI ISS EN UNI 27888/95 EN Dur-M 27888/95 08/06/ /06/2009 7,81 123,1 6,7 1 CB L /31 ISS UNI EN 27888/95 23/02/ /04/ /03/ /04/2009 7,8 7, ,1 6,2 6, AB BB L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 08/06/ /06/2009 7,83 123,1 6,3 2 1 CB L /31 ISS UNI EN 27888/95 23/02/ /04/ /03/ /04/2009 7,7 7, ,8 6,1 6, AB BB L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 27/04/ /06/ /04/ /06/2009 7,7 7,83 125,8 122,9 6,6 6, BB CB L L /31 07/31 ISS UNI ISS EN UNI 27888/95 EN 27888/95 23/02/ /03/2009 7, ,1 3 1 AB L /31 ISS UNI EN 27888/95 08/06/ /02/ /06/ /02/2009 7,81 123,1 7, , CB AF L L /31 07/31 ISS UNI ISS EN UNI 27888/95 EN 27888/95 UNI 10505/96 27/04/ /04/2009 7,67 125,1 6,8 1 1 BB L /31 ISS UNI EN 27888/95 27/04/ /06/ /04/ /06/2009 7,7 125,8 7,83 123,1 6,7 6, BB CB L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 27/04/ /06/ /04/ /06/2009 7,7 125,8 7,83 122,9 6,6 6, BB CB L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 08/06/ /02/ /06/ /02/2009 7,81 123,1 7, , CB AF L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 UNI 10505/96 08/06/ /02/ /06/ /02/2009 7,83 123,1 7, , CB AF L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 UNI 10505/96 08/06/ /02/ /06/ /02/2009 7,83 122,9 7, , CB AF L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 UNI 10505/96 23/02/ /04/ /02/ /04/2009 7,7 7, , AF CF L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 UNI 10505/96 UNI 10505/96 23/02/ /04/ /02/ /04/2009 7,7 7, AF CF L L /31 07/31 ISS UNI ISSEN UNI 27888/95 EN 27888/95 UNI 10505/96 UNI 10505/96 23/02/ /02/2009 7, AF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 27/04/ /04/2009 7, ,7 1 2 CF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 27/04/ /04/2009 7, CF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 27/04/ /04/2009 7, CF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 08/06/ /06/2009 7, , BF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 08/06/ /06/2009 7, , BF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 08/06/ /06/2009 7, , BF L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 23/02/ /02/2009 7,86 122,7 6, BV L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 23/02/ /02/2009 7,86 122,8 6, BV L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 23/02/ /02/2009 7,86 123,5 6, BV L /31 ISS UNI EN 27888/95 UNI 10505/96 Laboratorio 8

9 Fase di MEASU Analisi dati raccolti: statistica descrittiva, rappresentazioni grafiche, ANOVA ph versus Invio, H2O e Sezione 95% CI for the Mean Sezione ph Sezione H2O LV SB UV LV SB UV LV SB UV Invio II III IV 9

10 Fase di ANALISE Valutare la reale Ripetibilità la Riproducibilità INTLATORIO NEL TEMPO INTELATORIO ANOVA: per definire le relazioni dei fattori critici sulle CTQ CARTE DI CONTROLLO: valutazione stabilità spazio-temporale GAUGE R&R Analysis: valutazione dell influenza e del peso di fattori accidentali o sistematici che influenzano sulla misura 10

11 Fase di IMPROVE COSTRUZIONE Carte di Controllo Xbar-S Chart of ph Laboratorio Multisito - Sezioni di,,, 7.80 UCL=7.81 Sample Mean 7.75 _ X= LCL=7.68 I II III IV V UCL=0.12 Sample StDev _ S= LCL=0.026 I II III Invio IV V 11

12 Subgroup Mean Naturale Fase di IMPROVE I-MR-R (Between/Within) Chart of ph by Acqua Gassata UCL=8.07 _ X=7.72 LCL=7.38 Controllo della stabilità delle attività analitiche nel tempo e in termini di riproducibilità e ripetibilità UCL=6.61 _ X=5.95 I Chart of t-score by Acqua LCL=5.28 MR of Subgroup Mean Naturale 0.8 Z-score 0.4 per il parametro ph 0.0 t-score Naturale Gassata UCL=0.42 MR=0.13 LCL=0 Gassata 2.07 UCL=0.82 MR=0.25 LCL=0 Sample Range Naturale UCL=0.18 _ R=0.072 Sezioni del Laboratorio Multisito LCL=0 Sam ple Gassata UCL=0.25 _ R=0.096 LCL=0 12

13 Fase di CONTROL UTILIZZO Carte di Controllo Xbar Chart of ph Laboratorio Multisito USL=7.97 Sample Mean UCL=7.81 _ X=T=7.75 LCL= I II III Invio IV V LSL=

14 Fase di CONTROL Process Capability Analysis Laboratorio Multisito Process Capability of ph Process Data LSL 7.53 Target 7.75 USL 7.97 Sample Mean Sample N 60 StDev (Within) S tdev (O verall) LSL Target USL Within Overall Potential (Within) C apability Cp 1.21 CPL 1.19 CPU 1.22 Cpk 1.19 O verall C apability Pp 0.90 PPL 0.88 PPU 0.91 Ppk 0.88 Cpm Observed Performance PPM < LSL 0.00 PPM > U SL 0.00 PPM Total 0.00 Exp. Within P erformance PPM < LSL PPM > USL PPM Total Exp. Overall Performance PPM < LSL PPM > U SL PPM Total

15 Fase di CONTROL Process Capability Analysis Singole Sedi Laboratorio di Bologna 1 Laboratorio di Rav2 enna LSL Target USL LSL Target USL Process Data LSL 7.53 Target 7.75 USL 7.97 Sample Mean 7.74 Sample N 15 StDev( Within) StDev( Overall) Within Overall Potential (Within) Capability Cp 2.07 CPL 1.98 CPU 2.16 Cpk 1.98 Process Data LSL 7.53 Target 7.75 USL 7.97 Sample Mean Sample N 15 StDev( Within) StDev( Overall) Within Overall Potential (Within) Capability Cp 2.82 CPL 3.73 CPU 1.92 Cpk 1.92 Overall Capability Overall Capability Exp. Overall Performance PPM < LSL PPM > USL PPM Total Pp 1.12 PPL 1.07 PPU 1.17 Ppk 1.07 Exp. Overall Performance PPM < LSL 0.00 PPM > USL PPM Total Pp 1.54 PPL 2.03 PPU 1.04 Ppk 1.04 Cpm 1.11 Cpm Laboratorio di F orlì-c3 esena Laboratorio di Reggio 4 Emilia LSL Target USL LSL Target USL Process Data LSL 7.53 Target 7.75 Within Overall Process Data LSL 7.53 Target 7.75 Within Overall USL 7.97 Potential (Within) Capability USL 7.97 Potential (Within) Capability Sample Mean Sample N 15 StDev( W ithin) Cp 2.59 CPL 2.21 CPU 2.96 Sample Mean Sample N 15 StDev( Within) Cp 2.59 CPL 2.10 CPU 3.07 StDev( Overall) Cpk 2.21 StDev( Overall) Cpk 2.10 Overall Capability Overall Capability Exp. Overall Performance Pp 0.78 Exp. Overall Performance Pp 1.10 PPM < LSL PPL 0.66 PPM < LSL PPL 0.89 PPM > USL PPM Total PPU 0.89 Ppk 0.66 PPM > USL PPM Total PPU 1.30 Ppk 0.89 Cpm 0.73 Cpm

16 Conclusioni 1. L introduzione del percorso DMAIC nell Agenzia ha permesso di individuare e validare, una strategia aziendale in termini di controllo di processo che, indipendentemente dalle variabili critiche, assume una valenza di carattere generale 2. La garanzia sulla riproducibilità dei processi assume importanza fondamentale a livello di organizzazione delle attività e in termini di razionalizzazione delle risorse umane e strumentali 3. Ulteriore valore aggiunto dell introduzione del percorso DMAIC: procedere a un miglioramento continuo 4. I risultati ottenuti in questo lavoro possono divenire gli strumenti dì una nuova fase di DEFINE 16

17 "Misurate ciò che è misurabile e rendete misurabile ciò che non lo è" Galileo Galilei 17

Design for Six Sigma

Design for Six Sigma Cp = 2.0 Cpk = 1.5 ppm = 3.4 6σ Design for Six Sigma Applicazione ad un sotto-sistema di: - Robust Design - Sensitivity Analysis - Tolerance allocation Pier Giorgio DELLA ROLE i_dfss_applicazione05 1 Evoluzione

Dettagli

L applicazione del metodo Six Sigma in una piccola azienda

L applicazione del metodo Six Sigma in una piccola azienda Torino, novembre 206 L applicazione del metodo Six Sigma in una piccola azienda (Pier Giorgio DELLA ROLE Master Black Belt) Introduzione Anche se il Six Sigma è stato implementato con successo in molte

Dettagli

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo Un primo passo verso PAT Un applicazione di controllo preventivo Sommario Situazione iniziale: linea di produzione con controllo peso off-line Cambiamento vs. una linea con controllo peso automatico on-line

Dettagli

La metodologia Six Sigma nello sviluppo nuovi prodotti

La metodologia Six Sigma nello sviluppo nuovi prodotti Torino, Febbraio 2006 La metodologia Six Sigma nello sviluppo nuovi prodotti Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt e-mail: pgrole@yahoo.it La metodologia Six Sigma è nota e la sua efficacia

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati

Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati Predisposizione di un modello di controllo delle acque potabili: modalità di lavoro ed analisi dei dati Leonella Rossi Direzione Tecnica Arpa Emilia Romagna Claudio Bonifazzi Professore di Statistica e

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente FECCHINO SUSANNA Materia insegnata Classe Previsione numero ore di Analisi chimica, elaborazione dati e laboratorio 5 E 256 256 256 Nome Ins. Tecn. Pratico ROMAGNOLLO LIDIA Cozzi, Protti,

Dettagli

Sviluppo di un piano di riorganizzazione logistica e di rete: esperienza di Arpa Emilia Romagna

Sviluppo di un piano di riorganizzazione logistica e di rete: esperienza di Arpa Emilia Romagna Sviluppo di un piano di riorganizzazione logistica e di rete: esperienza di Arpa Emilia Romagna Lisa Gentili Area Attività Laboratoristiche Direzione Tecnica 1 Attività dei cantieri 2006-2007 Analisi critica

Dettagli

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17

Indice. pag. 15. Prefazione. Introduzione» 17 Indice Prefazione 15 Introduzione 17 1. Pianificazione della qualità 1.1. Il concetto di 6 sigma 1.1.1. Le aree e le fasi del sei sigma 1.2. I processi produttivi e la variabilità 1.2.1. Cause comuni 1.2.2.

Dettagli

Esperienza Six Sigma

Esperienza Six Sigma Cp 6 = 2.0 Cpk = 1.5 ppm = 3.4 Novembre 2001 6 Esperienza Six Sigma. Cosa abbiamo imparato da questa esperienza Pier Giorgio DELLA ROLE aicq2.ppt 1 Indice. IL Six Sigma come evoluzione del Sistema Qualità.

Dettagli

Environment Six Sigma

Environment Six Sigma Environment Six Sigma Uno strumento per la riduzione dell impatto ambientale e dei costi di funzionamento nello stabilimento di Bricherasio Marco Vallone HS&E Manager Black Belt Six Sigma TRW Automotive

Dettagli

Statistical Process Control

Statistical Process Control Statistical Process Control ESERCIZI Esercizio 1. Per la caratteristica di un processo distribuita gaussianamente sono note media e deviazione standard: µ = 100, σ = 0.2. 1a. Calcolare la linea centrale

Dettagli

Linea Guida UNICHIM. Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE. Bologna, 5 giugno 2014

Linea Guida UNICHIM. Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE. Bologna, 5 giugno 2014 Linea Guida UNICHIM Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE Bologna, 5 giugno 2014 1 Linea Guida UNICHIM La Qualità del dato analitico in campo ambientale Bozza in Revisione 7 del 14/02/14 2 In campo ambientale La

Dettagli

LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte)

LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte) LA METODOLOGIA SIX SIGMA (prima parte) Sommario Definizione di Six Sigma Cosa significa sigma? Una considerazione Perché proprio Six Sigma? L algoritmo DMAIC DFSS DEFINIZIONE DI SIX SIGMA Il Six Sigma

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

Criteri applicativi ed esperienze relative alla verifica della conduzione delle prove chimiche

Criteri applicativi ed esperienze relative alla verifica della conduzione delle prove chimiche AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l accreditamento I.S.S. - Roma, 13-14 Dicembre

Dettagli

PRODUZIONE DI LENTI A CONTATTO

PRODUZIONE DI LENTI A CONTATTO 1 PRODUZIONE DI LENTI A CONTATTO Per monitorare il processo di produzione di un determinato tipo di lenti a contatto viene misurato, ad intervalli di tempo regolari di h 15 minuti, il diametro X (in mm)

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

Carte di controllo (Shewhart): monitoraggio della precisione e della giustezza dei risultati di prove chimiche M. BETTINELLI - UNICHIM

Carte di controllo (Shewhart): monitoraggio della precisione e della giustezza dei risultati di prove chimiche M. BETTINELLI - UNICHIM Carte di controllo (Shewhart): monitoraggio della precisione e della giustezza dei risultati di prove chimiche M. BETTINELLI - UNICHIM Milano, 4-5 novembre 014 1 Le carte di controllo Le carte di controllo

Dettagli

Incertezza di Misura Approccio utilizzando la relazione di Horwitz

Incertezza di Misura Approccio utilizzando la relazione di Horwitz Validazione dei metodi e incertezza di misura nei laboratori di prova addetti al controllo di alimenti e bevande Bologna 25 novembre 2004 Incertezza di Misura Approccio utilizzando la relazione di Horwitz

Dettagli

Criteri di elaborazione delle linee guida

Criteri di elaborazione delle linee guida Criteri di elaborazione delle linee guida Maurizio Bettinelli Convegno sul tema: Linee guida UNICHIM per l armonizzazione dei metodi di prova in campo ambientale. Prove interlaboratorio e stato di avanzamento

Dettagli

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I)

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) 203 APPENDICE A: Tabella Process Sigma (II) 204 APPENDICE B: Tipologie di variabili Lo schema sottostante è utile per la corretta scelta degli indicatori durante

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

METODOLOGIA SIX SIGMA

METODOLOGIA SIX SIGMA METODOLOGIA SIX SIGMA Prof. Ing. Egidio Cascini 11 maggio 2011 Dott. Ing. Egidio Cascini Direttore Qualità e Metodologie Six Sigma 3M Italia fino al 2003 Professore di Tecniche statistiche nella facoltà

Dettagli

Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX

Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX Convegno Network Italiano Silice: dieci anni dopo Il sistema di Prevenzione del rischio in Italia Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX E. Incocciati,

Dettagli

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA

INSIGHTFUL CONSULTING LEAN SIX SIGMA CORSO DI FORMAZIONE PER GREEN BELT I Green Belt sono una figura importantissima nell implementazione della Lean Six Sigma: essi ricoprono il ruolo, part time, di Project Leader dei progetti di miglioramento

Dettagli

Continua sul retro 42.1 39.7 38.0 38.7 41.4 37.5 38.6 40.5 39.8 38.0 36.9 40.3 42.0 41.3 40.4 39.1 38.4 42.0

Continua sul retro 42.1 39.7 38.0 38.7 41.4 37.5 38.6 40.5 39.8 38.0 36.9 40.3 42.0 41.3 40.4 39.1 38.4 42.0 Statistica per l azienda Esame del 19.06.12 COGNOME NOME Matr. Firma Modulo: singolo con Informatica con StatII & PDRM con Mat. & PDRM altro (specificare) Attenzione: Il presente foglio deve essere compilato

Dettagli

Determinazione del contenuto di manganese nella benzina

Determinazione del contenuto di manganese nella benzina Determinazione del contenuto di manganese nella benzina Andrea Gallonzelli www.ssc.it 1 Direttiva 2009/30/CE 31 dicembre 2010 - Recepimento della Direttiva da parte degli Stati membri 2 Nuovo parametro

Dettagli

Statistica per l azienda 19.06.2014 (1)

Statistica per l azienda 19.06.2014 (1) Statistica per l azienda 19.06.2014 (1) COGNOME NOME Matr. Firma Modulo: singolo con Informatica con StatII & PDRM con Mat. & PDRM altro (specificare) Attenzione: Il presente foglio deve essere compilato

Dettagli

Statistical Process Control

Statistical Process Control Statistical Process Control ESERCIZI Esercizio 1. Per la caratteristica di un processo distribuita gaussianamente sono note media e deviazione standard: µ = 100, σ = 0.2. 1a. Calcolare la linea centrale

Dettagli

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE

VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE VALIDAZIONE METODI DI PROVA PROVE MICROBIOLOGICHE 1 Il processo di validazione/qualificazione di un metodo microbiologico presuppone che i fattori critici siano adeguatamente disciplinati da indicazioni

Dettagli

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle 5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle tarature eseguite. I dati risultanti devono essere registrati

Dettagli

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l Limiti di legge Acque Potabili (D.Lgs 3/00): 5 ug/l A. Superficiali e Sotterranee(D.Lgs 5/999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 008 (Decreto 367/003): 0, ug/l La stima della ripetibilità intermedia (S I )

Dettagli

Metrologia e gestione dei laboratori di misura e prova

Metrologia e gestione dei laboratori di misura e prova M di conferma metrologica Obiettivi generali Accrescere la competenza e le abilità del personale operante all interno dei laboratori e del controllo qualità Fornire un quadro completo ed esaustivo di tutte

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Six Sigma Uno strumento per la crescita della sostenibilità ambientale

Six Sigma Uno strumento per la crescita della sostenibilità ambientale TRW Automotive Italia Six Sigma Uno strumento per la crescita della sostenibilità ambientale Marco Vallone HSE Manager - Black Belt Six Sigma TRW Automotive Italia Milano, 29 Ottobre 2010 TRW Automotive

Dettagli

Da Eurachem e Nordtest linee guida per la terminologia e il controllo di qualità interno

Da Eurachem e Nordtest linee guida per la terminologia e il controllo di qualità interno Da Eurachem e Nordtest linee guida per la terminologia e il controllo di qualità interno Michela Sega Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica - INRiM Marina Patriarca Istituto Superiore di Sanità - ISS

Dettagli

PROGRAMMA DATIAnalisiMetodiOrganizzazioneConfrontiLaboratoriEsperti

PROGRAMMA DATIAnalisiMetodiOrganizzazioneConfrontiLaboratoriEsperti Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte VIA DELL INDUSTRIA 24-00057 MACCARESE ROMA Tel. 06 6678830 Fax. 06 6678811 e-mail lsl@aia.it PROGRAMMA DATIAnalisiMetodiOrganizzazioneConfrontiLaboratoriEsperti

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Andrea Gallonzelli Stazione Sperimentale per i Combustibili www.ssc.it 1 Metodi di prova prodotti petroliferi I metodi di prova sono utilizzati

Dettagli

Marco Currò Marco Currò

Marco Currò Marco Currò Marco Currò Moni Srl Marco Currò è titolare di MONI srl e M2Casting, aziende operanti nel comparto orafo valenzano per la produzione di gioielleria e di semilavorati microfusi. Nel corso degli anni ha

Dettagli

Design for Six Sigma ed applicazioni Minitab in FIME Elica Motors

Design for Six Sigma ed applicazioni Minitab in FIME Elica Motors Design for Six Sigma ed applicazioni Minitab in FIME Elica Motors Milano 17 Maggio 217 Leonardo Vitaletti R&D Manager Fans & Motors Elica Corporation Today N#1 Player Worldwide in Hoods 216 Turnover 439.3

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1. Capitolo 2 Disponibilità e produzione delle informazioni statistiche 19

Sommario. Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1. Capitolo 2 Disponibilità e produzione delle informazioni statistiche 19 Prefazione XI Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1 1.1 Premessa 1 1.2 Il ruolo della statistica a supporto del processo decisionale del manager 3 1.3 L impiego della statistica

Dettagli

I risultati del PT2013: metalli pesanti e additivi nei mangimi

I risultati del PT2013: metalli pesanti e additivi nei mangimi I risultati del PT2013: metalli pesanti e additivi nei mangimi Francesco Ingravalle Introduzione Nel corso del 2013, il NRLFA e il NRLPTHM, hanno organizzato un Proficiency test (PT) per monitorare i laboratori

Dettagli

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop

Industrial Management School. Lean Six Sigma Workshop Lean Six Sigma Workshop 1 Origini del Six Sigma La metodologia Six Sigma nasce a metà degli anni 80 in Motorola estendendosi poi ad altre grandi aziende americane; è una metodologia per il miglioramento

Dettagli

Implementazione della metodologia DMAIC per il miglioramento del prodotto Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.)

Implementazione della metodologia DMAIC per il miglioramento del prodotto Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.) Implementazione della metodologia DMAIC per il miglioramento del prodotto Gruppo Ruota Anteriore (G.R.A.) D. Falcone, G. Di Bona, A. Silvestri, V. Duraccio Department of Industrial Engineering - University

Dettagli

L esperienza della rete di ARPA Emilia Romagna

L esperienza della rete di ARPA Emilia Romagna Congresso UNIDEA Rimini, 8-9 Maggio 2014 L esperienza della rete di ARPA Emilia Romagna Arpa Emilia-Romagna L. Rossi 1 Assetto organizzativo Direzione tecnica Rete dei laboratori Cruscotto operativo di

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

Flavio Cioffi - Contento Trade srl Cosa sono i controlli analitici I controlli analitici sono test eseguiti per conoscere o verificare una o più proprietà di un prodotto Sono eseguiti in strutture specializzate

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE A quali temi la vostra organizzazione è al momento interessata? TEMI - relativi ai vostri FORNITORI - relativi ai vostri PROCESSI: efficacia,

Dettagli

PORTFOLIO. Organizzazione e miglioramento dei processi. Cliente Ente Technical Service della Direzione Macchine Luigi LAVAZZA S.p.A.

PORTFOLIO. Organizzazione e miglioramento dei processi. Cliente Ente Technical Service della Direzione Macchine Luigi LAVAZZA S.p.A. Organizzazione e miglioramento dei processi Ente Technical Service della Direzione Macchine Luigi LAVAZZA S.p.A. 2008-2009 OBIETTIVI Definizione requisiti e specifiche per la qualificazione delle reti

Dettagli

Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove

Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove Interlaboratorio Giovanni Perego Convegno sul tema: Linee guida UNICHIM per l armonizzazione dei metodi di prova in campo ambientale. Prove

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

FORMAZIONE SIX SIGMA IN POLONIA PROGRAMMA E TARIFFE

FORMAZIONE SIX SIGMA IN POLONIA PROGRAMMA E TARIFFE FORMAZIONE SIX SIGMA IN POLONIA PROGRAMMA E TARIFFE OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi del progetto proposto sono sintetizzati in: fornire alla Direzione ed ai responsabili di Linea, le necessarie conoscenze

Dettagli

SPC e distribuzione normale con Access

SPC e distribuzione normale con Access SPC e distribuzione normale con Access In questo articolo esamineremo una applicazione Access per il calcolo e la rappresentazione grafica della distribuzione normale, collegata con tabelle di Clienti,

Dettagli

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature

Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Percorso n 3 Convalide e controlli sulle apparecchiature Convalida delle LAVAENDOSCOPI 1 Fulvio Toresani CONVALIDA Convalide e controlli sulle attrezzature Prove di Tipo / Prove di Fabbrica Prerequisiti

Dettagli

L approccio Festo Consulenza e Formazione

L approccio Festo Consulenza e Formazione L approccio Festo Consulenza e Formazione Festo Consulenza e Formazione opera con un approccio integrato, attraverso un Customer Team che integra le competenze nei diversi ambiti aziendali (Operations,

Dettagli

La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia

La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia Pierluisa Dellavedova Direttore Settore Laboratori ARPA Lombardia UNIDEA, Rimini, 8-9 maggio 2014 I Laboratori di ARPA Lombardia: La Struttura del Settore DIRETTORE

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA PRODOTTO 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 1.INTRODUZIONE 3 2.TERMINOLOGIA 3 2.1 PRODUTTORE 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO 3 2.3 CAMPIONATURA 3 2.4 PIANO PER LA QUALITÀ

Dettagli

Catalogo Humanform 2013. Lean Six Sigma

Catalogo Humanform 2013. Lean Six Sigma Catalogo Humanform 2013 Lean Six Sigma PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è certificata UNI EN ISO

Dettagli

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione

Risultati. Competenze. Soluzioni. Catalogo Formazione Risultati Competenze Soluzioni Catalogo Formazione Benvenuti! Mauro Nardon, Consulente di Direzione e di Organizzazione Aziendale, Manager e tecnico di azienda, dopo aver acquisito negli anni adeguate

Dettagli

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas

L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca. Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas L acqua di Genova: controlli di qualità e iniziative di ricerca Franca Palumbo - Fabio Bonfiglioli Laboratori Iride Acqua Gas Introduzione Aspetti di gestione distribuzione risorse idriche Controlli di

Dettagli

SANTA CHIARA. Analisi Bromatologiche. Analisi chimiche e microbiologiche delle acque

SANTA CHIARA. Analisi Bromatologiche. Analisi chimiche e microbiologiche delle acque Agropoli Via Pio X, (SA) 47 84043, Agropoli Italia (SA) Analisi Cliniche E-mail: Tel/Fax: info@analisisantachiara.it 0974 822282 Analisi Bromatologiche Analisi chimiche e microbiologiche delle acque Ambiente

Dettagli

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Definizione di Prodotto e di Processo Analisi Statistica SPC Manutenzione programmata Pianificazione lavori Rilevamento e

Dettagli

Assicurazione di qualità dei dati di monitoraggio ecologico delle acque superficiali interne

Assicurazione di qualità dei dati di monitoraggio ecologico delle acque superficiali interne Assicurazione di qualità dei dati di monitoraggio ecologico delle acque superficiali interne Stato ecologico dei fiumi ai sensi della Direttiva 2000/60/CE: valutazione della qualità del dato ISPRA 30 novembre

Dettagli

Conferma metrologica: approfondimento

Conferma metrologica: approfondimento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Conferma metrologica: approfondimento aprile 2015 Paola Pedone Funzionario Tecnico ACCREDIA-DT Riunione Centri- Accredia Dipartimento Taratura 1 /8 Aprile 2015

Dettagli

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Nicola Mondini Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli ambientali ed i controlli prestazionali Ferrara, 18

Dettagli

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO Pag. 1 di 5 SOMMARIO SOMMARIO...1 1. GENERALITA...2 1.1.1. Criteri di qualifica... 2 1.1.2. Sviluppo sistema qualità fornitore... 2 1.1.3. Attività di Valutazione... 2 1.1.4. Valutazione annuale... 2 1.1.5.

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

VALIDAZIONE, STIMA DELL INCERTEZZA E ASSICURAZIONE DEL DATO ANALITICO ALLA LUCE DEI REGOLAMENTI EUROPEI

VALIDAZIONE, STIMA DELL INCERTEZZA E ASSICURAZIONE DEL DATO ANALITICO ALLA LUCE DEI REGOLAMENTI EUROPEI VALIDAZIONE, STIMA DELL INCERTEZZA E ASSICURAZIONE DEL DATO ANALITICO ALLA LUCE DEI REGOLAMENTI EUROPEI Corso ACCREDIA ISS Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai laboratori accreditati

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

Latina, 17 Novembre 2011

Latina, 17 Novembre 2011 Determinazione di ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico. scarico. Progetto EMAS di Distretto finalizzato all Attestato APO (Ambiti Produttivi Omogenei) e al supporto delle singole

Dettagli

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro Dal BREF Monitoring : 2.1 Perché monitorare? - per controllare che le emissioni rientrino nei VLE e quindi per la valutazione di

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

L analisi dei rischi: l aspetto statistico Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt

L analisi dei rischi: l aspetto statistico Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt L analisi dei rischi: l aspetto statistico Ing. Pier Giorgio DELL ROLE Six Sigma Master lack elt Dicembre, 009 Introduzione Nell esecuzione dei progetti Six Sigma è di fondamentale importanza sapere se

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO ARPAM ASCOLI PICENO - SERVIZIO ACQUE Unità Operativa Acque Potabili e minerali

DIPARTIMENTO ARPAM ASCOLI PICENO - SERVIZIO ACQUE Unità Operativa Acque Potabili e minerali 1 DIPARTIMENTO ARPAM ASCOLI PICENO - SERVIZIO ACQUE Operativa Acque Potabili e minerali INDAGINE CONOSCITIVA a cura di S.O.S.MISSIONARIO- S.Benedetto del Tronto ed ARPAM- Ascoli Piceno SU n.21 Acque di

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE

INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE EUROPEAN CONFERENCE ON ASBESTOS MONITORING AND ANALYTICAL METHODS INDAGINE SULLA PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO NELL ACQUA POTABILE O. Sala (1), E.Guberti (2), G.Pecchini (1), T.Bacci (1), V.Biancolini (1),

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management!

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management! easypoli Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management / / Lagestionedeiprogetticonil metododmaic www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Continuous(Improvement(and$Project$Management$

Dettagli

UNI EN ISO 7218:2007 Microbiologia di alimenti e mangimi per animali Requisiti generali e guida per le analisi microbiologiche

UNI EN ISO 7218:2007 Microbiologia di alimenti e mangimi per animali Requisiti generali e guida per le analisi microbiologiche elementi innovativi e conseguenti criticità Stefanetti Mariavittoria Roma, 25-26 giugno 2009 1 TEMPI DI ADEGUAMENTO al 30 novembre 2008 (dopo 12 mesi dall emanazione della norma UNI EN ISO 7218-22/11/2007)

Dettagli

LE CARTE DI CONTROLLO (4)

LE CARTE DI CONTROLLO (4) LE CARTE DI CONTROLLO (4) Tipo di carta di controllo Frazione difettosa Carta p Numero di difettosi Carta np Dimensione campione Variabile, solitamente >= 50 costante, solitamente >= 50 Linea centrale

Dettagli

CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System

CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System CROMoS Continuous Remote Odour Monitoring System NOWCASTING & FORECASTING MANAGEMENT SYSTEM Progetto I3P EVOLVEA E GRUPPO FILIPPETTI EVOLVEA fornisce servizi di controllo, verifica per la Qualità, Salute,

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI 1. L azienda Wood produce legno compensato per costruzioni

Dettagli

Caratteristiche di un controllo di qualità esterno (VEQ) ed interno per test HPV primario di screening: presentazione documento aggiornato

Caratteristiche di un controllo di qualità esterno (VEQ) ed interno per test HPV primario di screening: presentazione documento aggiornato Convegno Nazionale GISCi 2015 Finalborgo (SV), 21-22 maggio 2015 Caratteristiche di un controllo di qualità esterno (VEQ) ed interno per test HPV primario di screening: presentazione documento aggiornato

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

. PRODUZIONE: Diminuire il denominatore cioè ridurre la variabilità del processo produttivo e centrare il suo valore medio sul valore target

. PRODUZIONE: Diminuire il denominatore cioè ridurre la variabilità del processo produttivo e centrare il suo valore medio sul valore target Tolerance Design Confronto tra metodo tradizionale (WCA) e metodo statistico (RSS) Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt 1. Introduzione C è un interesse crescente nell industria per

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE COMUFFICIO «CAMBIARE PER CRESCERE»

CONVEGNO NAZIONALE COMUFFICIO «CAMBIARE PER CRESCERE» CONVEGNO NAZIONALE COMUFFICIO «CAMBIARE PER CRESCERE» D.LGS. N. 127/2015 TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Mario Carmelo Piancaldini - Agenzia delle Entrate Milano, 29 ottobre

Dettagli

Laboratorio di Pordenone. Laboratorio di Trieste. Laboratorio di Udine. Dipartimento di Gorizia

Laboratorio di Pordenone. Laboratorio di Trieste. Laboratorio di Udine. Dipartimento di Gorizia RISULTATI INDAGINE SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PER LE ATTIVITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DEL LABORATORIO MULTISITO UNI CEI EN ISO/IEC 17025 ANNO 2014 Al fine di assicurare la corretta individuazione

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

03/12/2007 M. SCOGNAMIGLIO G. TACCHI VENTURI P. BIANCO Data Redazione Convalida Approvazione

03/12/2007 M. SCOGNAMIGLIO G. TACCHI VENTURI P. BIANCO Data Redazione Convalida Approvazione Pag. 1 03/12/2007 M. SCOGNAMIGLIO G. TACCHI VENTURI P. BIANCO Data Redazione Convalida Approvazione Pag. 2 Verbale degli incontri aggiornamento per laboratori accretati SINAL del 13/09/2007 - Milano, Sede

Dettagli

Real Time Control (RTC)

Real Time Control (RTC) Real Time Control (RTC) Controllo di Qualità Interno (CQI) e Valutazione Esterna di Qualità (VEQ) Il controllo di qualità in Medicina di laboratorio si articola nell esecuzione del Controllo di Qualità

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati. Flavio Beretta,- 20 Novembre 2013 Convegno Assolombarda-EnergyLab L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati. Marzo 2011 Slide 1 ABB un

Dettagli