La formula magica. dei Six Sigma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formula magica. dei Six Sigma"

Transcript

1 Incentivare COVER DOSSIER IN-HOUSE STARS DESTINAZIONI NEWS UN EQUAZIONE CHE PORTA ALLA PERFEZIONE La formula magica dei Six Sigma Il triangolo cliente-agenzia incentive-dmc dà vita a un numero quasi infinito di preventivi, spesso realizzati a vuoto, per le destinazioni più disparate e disperate. Alla faccia del saggio adagio: Il tempo è denaro. Eppure una strategia per ottimizzare il lavoro che sta dietro a un progetto incentive ci sarebbe... e ruota tutta intorno a una lettera greca 27

2 Quando il numero delle agenzie coinvolte dall azienda cliente è elevato, si innesca un machiavellico meccanismo a catena che si scarica su un numero ancora più elevato di Dmc interpellate Lo spunto per questo articolo mi è nato vedendo la pletora infinita di preventivi che vengono prodotti da parte delle incentive house e dalle agenzie incentive italiane, in risposta DI ANTONIO ACUNZO a una altrettanto infinita sfilza di richieste di preventivo inoltrate dalle divisioni marketing, direzioni commerciali e direzioni acquisti alle agenzie incentive. È la solita never ending story, in cui le aziende, da un lato, chiedono le più disparate e disperate destinazioni, perché, con la necessità di organizzare un evento, un meeting, un incentive, scatta la molla della fantasia e inizia il giro del mondo. Per poi finire a Barcellona, oppure dietro l angolo di casa, si inizia con richiedere preventivi per il mondo intero stazionando per i cinque continenti senza considerare che, non avendo dato alcuna indicazione di budget, i confronti saranno necessariamente complessi e, ovviamente, inconfrontabili. Mi ricordo di un importante azienda (ma sono tutte importanti ) che, in ultima ratio, è finita con un pacchetto charter a Cancun dopo aver in origine richiesto preventivi per almeno dieci destinazioni differenti e inconfrontabili tra di loro, come per esempio Barcellona, Praga, Varsavia, Parigi, Dubai, Miami, Rio de Janeiro, Sharm-el-Sheikh. 28 Ovviamente l azienda committente, spesso, ma oserei dire quasi di prassi, non comunica il budget a disposizione per questo evento (anche perché spesso non lo conosce nemmeno chi se ne deve occupare all interno dell organizzazione) e, giusto per aggiungere ulteriore confusione, la stessa richiesta viene trasmessa, grazie all assenza di fidelizzazione tra azienda e agenzia (altro che partnership!), a più agenzie perché si ritiene fondamentale, così pare, poter avere un confronto tra le varie proposte al fine di ottimizzare la scelta sulla migliore (forse la più conveniente dal punto di vista economico e delle condizioni). Peccato che il numero delle agenzie coinvolte non si limita a due o tre, ma arriva spesso a cinque e, in alcuni casi dei quali sono stato testimone, anche a ben 11, esatto 11 agenzie coinvolte per lo stesso progetto. Penso sia chiara la totale confusione che si genera in queste occasioni e che innesta un meccanismo machiavellico a catena: un azienda richiede un preventivo e coinvolge cinque agenzie, ogni singola agenzia coinvolge una o due Dmc locali per ogni destinazione (facciamo per beneficio di calcolo una stima su cinque destinazioni differenti), per cui abbiamo in totale una movimentazione di 50 preventivi (due Dmc per cinque destinazioni per cinque agenzie incentive) che vengono scremati, filtrati, comparati, preparati, spesso riciclati con la veloce formula del copia e incolla, presentati nei formati più vari che vanno da un asettico Excel a una descrizione in word, a una presentazione illustrata in powerpoint e presentati al cliente nel classico formato che prevede un pacchetto base più tutta una serie di supplementi e di extra. Extra che però in un incentive sono essenziali altrimenti per un pacchetto base basta prendere il catalogo di un tour operator e non si perde tempo. O meglio, non si fa perdere tempo! Insomma altro che lavoro divertente e creativo: questa è una vera e propria catena di montaggio e, infatti, sembra di essere in una fabbrica piuttosto che in una full service incentive marketing company. Ironia del mestiere, o del mercato! Il tempo è denaro Ed ecco il punto dolente, ispiratore di questo articolo: si perde un sacco di tempo, tutti gli attori di questa tarantella perdono un sacco di tempo per cercare una soluzione da offrire, per prepararla (sorvolo sullo staff della programmazione che sempre più spesso lavora a contratti a progetto, senza che il tempo utilizzato oltre alle canoniche ore lavorative venga monetizzato da cui turnover di personale, malcontenti generali e via dicendo, perché qui apriremmo un altro scenario che, però, in parte rientra nel tema dell articolo) e spesso si tratta di un lavoro a vuoto, perché alla fine solo uno dei 50 preventivi andrà in porto, una sola agenzia riceverà l incarico per organizzare l evento e tutti gli altri attori che hanno lavorato su questo progetto avranno solo consumato tempo ed energie senza guadagnare nulla.

3 L infinita girandola di preventivi che è ormai prassi comune nel mercato incentive italiano, dà vita in realtà a un effetto solo: una gran perdita di tempo. E spesso si tratta addirittura di tempo speso a vuoto Ovviamente lo scenario è simile anche per l azienda che si vede sommergere da preventivi presentati in formati differenti, ognuno da leggere, interpretare e riportare su una tabella di Excel per le comparazioni qualitative e quantitative di rito. Un lavoro, questo, che richiede il suo tempo e che spesso è tempo perso oltre che, comunque, un costo aziendale. Infatti, sarebbe interessante avere un dato statistico relativo alla percentuale di preventivi preparati contro il numero di eventi confermati e calcolare l operatività della divisione o del reparto di programmazione di un agenzia incentive in funzione delle tempistiche per preparare una proposta di viaggio e vedere quanto incide singolarmente il costo di preparazione e produzione (incluso il costo delle risorse dedicate e utilizzate) in rapporto al margine operativo dell evento confermato. Ecco, dunque, i tre spinosi ambiti: n time management n costi aziendali n organizzazione interna. 30 Questione strategica La teoria aziendale insegnata dalle business school parla di una strategia denominata Six Sigma per conseguire l eccellenza aziendale, ridurre i costi e incrementare il valore nei processi. Lontani da complesse teorie statistiche, ottenere Six Sigma significa realizzare una rottura con il tradizionale modo di lavorare di ogni ufficio o reparto, impiegando al minimo le risorse disponibili e applicando in continuo un miglioramento sistematico per soddisfare le aspettative del cliente. Sigma (σ) è la lettera greca utilizzata come simbolo della variabilità e si esprime con un numero che varia da uno a sei in funzione della capacità del processo. In statistica, così come nel quality management, sigma (σ) è il parametro che rappresenta la deviazione standard di un gruppo di dati rispetto a un valore medio. Il cuore quindi della strategia Six Sigma è il controllo della variabilità nei processi al fine di ridurre costi e inefficienze, partendo dall individuare gli elementi di criticità per il cliente nelle caratteristiche di qualità per minimizzare la variabilità e le eventuali dispersioni nei processi aziendali. Senza entrare in definizioni complesse, il processo capace è quel processo che nel tempo riesce a mantenere le promesse fatte dal fornitore al cliente, senza generare, meglio ancora in assenza di, difetti, errori, anomalie, scarti, sprechi, lamentele e via dicendo. Più alto è il numero Sigma migliore è la qualità del processo che, se raggiunge per l appunto il valore di sei, è quasi virtualmente perfetto perché sinonimo di un efficienza pari al 99,9997 per cento, che si può leggere anche come un indice di errore pari a 3,4 ogni milione di operazioni svolte. Il valore del numero Sigma indica anche il posizionamento competitivo dell azienda: 6 rappresenta un azienda eccellente 5 un azienda competitiva 4 un azienda di buon livello 3 un azienda nello standard medio di mercato 2 un azienda scarsamente competitiva 1 un azienda totalmente fuori dal mercato. Come si calcola il valore Sigma? Proviamo a fare un esempio applicato a un agenzia incentive. Pensiamo all agenzia incentive X di Milano che si autoincensa nei vari messaggi pubblicitari su media con svariati attributi distintivi, non dispone di un nutrito portfolio di clienti fidelizzati e, grazie al contributo di diversi account, si presenta a un pubblico di aziende molto diversificato per settori merceologici. L obiettivo è di posizionarsi nel segmento finanziario e assicurativo, percepito come maggiormente profittevole dal punto di vista del mark-up, con l ambizione di gestire annualmente almeno 60 eventi. L esperienza consente di conoscere in anticipo gli eventuali difetti di produzione dei preventivi di progetto, ipotizzando le seguenti tipologie di difetti: n logistica e contenuti non sempre in linea con le aspettative Ctq (Critical To Quality) del cliente n pricing più alto rispetto a quanto proposto

4 dalla concorrenza n tempistica di risposta non tempestiva rispetto alla deadline richiesta dal cliente n turnover interno di personale e quindi non allineamento con la filosofia aziendale Se stimiamo una media di 250 preventivi a fronte di 60 conferme, abbiamo un numero totale di difetti pari a 190. Se applichiamo la formula del Dpo (difetti per opportunità di errore) pari al rapporto tra numero totale di difetti misurati (preventivi non confermati) diviso per il prodotto tra il numero totale di pezzi (il numero di preventivi preparati) moltiplicato per Dpo = numero totale difetti misurati = 190 = 0,19 Numero pezzi x numero tipologie difetti 250 x 4 il numero di tipologie di difetti (quattro come da esempio), otteniamo il seguente rapporto: Dpo = numero totale difetti misurati = 190 = 0,19 Numero pezzi x numero tipologie difetti 250 x 4 Per convenzione si parla di difetti per milioni di opportunità, per cui: Dpmo = Dpo x = Dpmo Sorvoliamo sulla complessità dei calcoli e affidiamoci alla tabelle di conversione Dpmo in Sigma, per cui a un Dpmo uguale a corrisponde un valore Sigma di circa 2,375 un valore che caratterizza un azienda che si posiziona più come scarsamente competitiva e nello standard di mercato. Prevenire è meglio che curare A differenza del tradizionale approccio alla qualità, basato sul contenimento degli errori, l approccio Six Sigma si ispira alla logica di prevenire eventuali possibilità di errori. Dato che la sopravvivenza, e quindi la continuità di un azienda è strettamente legata al proprio business development, alla crescita del fatturato e del range dei prodotti e servizi offerti; dato che la crescita si realizza solo in funzione della soddisfazione del cliente e dato che la soddisfazione del cliente è direttamente legata alla qualità, al prezzo e alle modalità specifiche del prodotto e del servizio offerto, e che questi sono in funzione della capacità dei processi interni, è chiarissimo come la metodologia Six Sigma debba essere presa in considerazione. Anche dalle agenzie incentive che si trovano a dover affrontare la preparazione di una pletora infinita di proposte di viaggio e una sfilza infinita di preventivi! Il tutto quindi ruota intorno al cliente e a quei suoi parametri critici verso il prodotto e servizio definiti come Ctq ovverosia Critical To Quality. Ogni cliente ha specifici Ctq, oggettivi ma anche soggettivi, ed è pronto a cambiare fornitore se il suo Ctq raggiunge un elevato indice di criticità per una particolare caratteristica (per esempio, il cliente chiede una soluzione dinamica ma esclusiva per un evento e gli viene invece proposto il solito villaggio turistico). Come sostiene Don Peppers, inventore dell approccio di marketing one-to-one : «Il focus futuro del marketing deve essere il dialogo e non il prodotto». Obiettivo primario per un azienda, e quindi per un agenzia incentive, deve essere il rapporto con il cliente dal momento che in moltissimi casi i prodotti e servizi sono ormai massificati, indistinguibili, e, nel caso dei prodotti Mice, sono una commodity, ormai un bene di prima necessità, per cui le priorità vanno giocate sul piano qualitativo e dei rapporti. Anima dei Six Sigma è la Casa della Qualità, o più formalmente Quality Function Deployment, ovverosia il metodo per ottenere parametri misurabili in progettazione. Il termine Quality Function Deployment è la traduzione letterale di sei parole giapponesi: Hin/Shitsu, attributi della qualità (Qualità); Ki/No, funzioni (Function); Ten/Kai, evoluzione e sviluppo (Deployment). Alla base dei componenti della Casa della Qualità ci sono: n i desideri e aspettative del cliente (le aziende che passano il briefing e le aspettative sui contenuti e sul risultato dell evento) n le analisi di benchmark con la concorrenza (cosa fanno/come si comportano le agenzie incentive concorrenti) n le caratteristiche del prodotto e del servizio (logistica e creatività dell evento in funzione dei desiderata dell azienda cliente) n la matrice dei desideri e delle caratteristiche (si disegna una matrice che abbina ogni richiesta del cliente con una caratteristica del servizio, assegnando un peso a questa correlazione: forte medio debole, evidenziando così il livello d importanza (per esempio, la priorità per un resort di lusso piuttosto che un villaggio turistico, pasti buf- 31

5 fet piuttosto che à la carte, programma sociale intenso oppure dinamico stile teambuilding, e via dicendo) n le metriche e i valori di riferimento (si è in grado di capire quanto la propria proposizione riesce a centrare l obiettivo e quindi a distanziarsi da quanto proposto dalla concorrenza). Il processo di preparazione di un preventivo (nel nostro caso di agenzia incentive) deve essere pertanto un insieme di operazioni sequenziali (analisi del briefing, obiettivi del cliente, obiettivi dell evento, tipologia dell evento, tipologia/demografiche del partecipante, destinazione, struttura, programma day-by-day, scelta del Dmc locale, creatività, programma di comunicazione, modalità di presentazione, e così via) gestite in sintonia nella prospettiva di un determinato risultato (presentare una proposta unica, vincente, superiore a quella della concorrenza e ottenere la conferma da parte dell azienda). Tiriamo le somme Il valore della nostra proposizione deve obbligatoriamente essere maggiore di uno, ovverosia il rapporto tra la proposta offerta e il briefing ricevuto (rapporto tra output e input) deve essere tale da soddisfare il cliente attraverso un incremento del valore del briefing ricevuto. Forse non si dovrebbe sempre rispondere sì a ogni richiesta e comportarsi sistematicamente da yes men, ma elaborare invece una proposizione qualitativa, che si distingua per unicità e contenuti e che abbia tutte le qualità per non essere una delle tante proposte copia e incolla che poi vengono catalogate in excel e cestinate, bensì che attiri invece l attenzione del cliente perché si presenta come una Distintive Value Proposition. Quindi, saranno necessari, prima di tutto, un management dell agenzia illuminato e convinto assertore del concetto di lavoro di team; attenzione alla selezione delle risorse dedicate al reparto programmazione, puntando su persone capaci, dotate di empowerment, autonomia gestionale e conoscenza del proprio ambito lavorativo (se poi la risorsa viene incentivata con un interessante forma contrattuale e con un compenso adeguato ma stimolante, evitiamo anche problematiche di turnover e di malumori interni); chiarezza di intenti e di dialogo con il cliente Impatto dei Six Sigma sulla competitività aziendale Posizione competitiva Sigma PPM Resa % Dpmo Cnq/vendite Azienda eccellente 6 0,02 99,99 3,4 <2% Azienda competitiva 5 0,57 99, dal 2% al 15% Azienda di buon livello , dal 15% al 20% Standard di mercato , dal 20% al 35% Az. poco competitiva , >35% Azienda fuori mercato , non noti Legenda Sigma: PPM: Resa: Dpmo: Cnq/vendite: livello della deviazione standard difettosità misurata in milioni di parti indice espresso in percentuale della performance difetti per milioni di opportunità di commettere errori costo per la non qualità/valore delle vendite Fonte: American Management Association 2006 Come sostiene Don Peppers: «Il focus futuro del marketing deve essere il dialogo e non il prodotto». Obiettivo primario per un incentive house, quindi, deve essere il rapporto con il cliente prospect finalizzata alla creazione di un solido rapporto one-to-one ; un ricco database di progetti/logistica/informazioni tecniche propedeutiche alla migliore preparazione dell offerta; capacità di leggere tra le righe il briefing e di evidenziare subito i punti Ctq richiesti dal cliente; saper formulare un offerta giusta evitando dispersioni di tempo ed esercizi teorici su una dozzina di destinazioni; e via dicendo. Ovviamente la qualità presentata nell output, nella proposizione, è un obiettivo impegnativo che passa attraverso il comportamento delle persone addette alla creazione dell output, per cui sono fondamentali la voglia di fare e la voglia di fare bene. Per offrire qualità bisogna disporre di qualità all interno della struttura. Qualità significa bisogno di formazione della risorsa umana, significa qualità nei rapporti tra staff e organizzazione, tra staff e management. Qualità significa saper far crescere l azienda, saper far crescere in azienda e saper fare tesoro del know-how dell azienda quale patrimonio unico dell azienda. Evito ulteriori approfondimenti e rimando a letture più approfondite sull argomento Six Sigma, ma resta il fatto che l industria incentive italiana deve cambiare marcia e rendersi più qualificata e qualitativa, non solo per ottimizzare la gestione aziendale propria ma, soprattutto, per riqualificarsi verso un utente, un cliente che in mancanza di qualità decide solo sulla base del prezzo, come si fa con un prodotto da scaffale al supermercato. 32

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

Marketing Metrics: al cuore dell azienda VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING

Marketing Metrics: al cuore dell azienda VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING Incentivare COVER DOSSIER INHOUSE STARS DESTINAZIONI NEWS VALUTARE IL SUCCESSO DI UNA STRATEGIA DI MARKETING Oltre al Roi, ovvero il ritorno sull investimento, esiste anche uno strumento espressamente

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA

IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA Il rapporto di necessità fra comunicazione e sponsorizzazioni PROGETTO MANAGER FIDAF IL MARKETING DI UNA ASSOCIAZIONE SPORTIVA a cura di EUGENIO MEINI CONCETTI DI MARKETING Il marketing è inutile quanto

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer Index Profilo Agenzia Grafica Internet Perchè affidarsi a noi Profilo Dal 2012 lo studio RAMAGLIA si occupa di comunicazione, grafica pubblicitaria, web design e marketing. I nostri servizi si rivolgono

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner 1 L Azienda Profilo Aziendale Un orologio, che con i suoi meccanismi interni permette di unire le energie di più elementi per raggiungere

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

SEDE LEGALE: Strada Iovita, n.4 settore 5 Bloc P24 scala 8 app. 35, Bucarest (Romania)

SEDE LEGALE: Strada Iovita, n.4 settore 5 Bloc P24 scala 8 app. 35, Bucarest (Romania) SEDE LEGALE: Strada Iovita, n.4 settore 5 Bloc P24 scala 8 app. 35, Bucarest (Romania) Sede Operativa: Bd Unirii n. 37 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.com

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

L ARREDO UFFICIO INTELLIGENTE

L ARREDO UFFICIO INTELLIGENTE L ARREDO UFFICIO INTELLIGENTE 8 minuti per fare un buon acquisto INTRODUZIONE Questo e-book è stato ideato dagli specialisti nella progettazione, produzione ed ambientazione di mobili per ufficio. Perché

Dettagli

INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE

INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE web applications e marketing tridimensionale COMPANY PROFILE INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE Il successo non è un obiettivo programmabile bensì la conseguenza delle

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.

Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa. Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.com CHI SIAMO Bites Credit Management, nata nel 2012 dalla

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT. Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT. Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche MASTER IN TOURISM MANAGEMENT Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche Il Master in Tourism Management - Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche è il risultato

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

Comunicazione per le PMI nuove soluzioni a un problema di sempre una practice di Orga 1925

Comunicazione per le PMI nuove soluzioni a un problema di sempre una practice di Orga 1925 Comunicazione per le PMI nuove soluzioni a un problema di sempre una practice di Orga 1925 1 LA PRATICA SOLITA La comunicazione delle PMI si basa di regola sull assoluto privilegio della comunicazione

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT

MASTER IN TOURISM MANAGEMENT MASTER IN TOURISM MANAGEMENT Gestione tione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche Il Master in Tourism Management - Gestione, Marketing e Programmazione delle imprese turistiche è il risultato

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 2014

CORSI DI FORMAZIONE 2014 CORSI DI FORMAZIONE 2014 Gentile utente, Con grande piacere presento il nuovo catalogo per la formazione d impresa, periodo 2014, strumento indispensabile per pianificare gli interventi formativi delle

Dettagli

NetforumOTTOBRE. L integrazione è la soluzione SITOVIVO. Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori. Un treno chiamato Search Engine PAGINA 24

NetforumOTTOBRE. L integrazione è la soluzione SITOVIVO. Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori. Un treno chiamato Search Engine PAGINA 24 2007 NetforumOTTOBRE RIVISTA MENSILE DI COMUNICAZIONE, MARKETING E MEDIA BUSINESS IN RETE Fabio Pagano, ceo e product manager di SitoVivo INTERVISTA Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori PAGINA

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Il nostro valore aggiunto. La formazione aziendale. La metodologia lavorativa. Comunicazione. Grafica e web design.

Il nostro valore aggiunto. La formazione aziendale. La metodologia lavorativa. Comunicazione. Grafica e web design. Il nostro valore aggiunto La formazione aziendale La metodologia lavorativa Comunicazione Grafica e web design Authorised Centre Abc Formazione. Abc Formazione opera nel campo della formazione professionale

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il Business Model Canvas Value side

Il Business Model Canvas Value side Il Business Model Canvas Value side Andrea Mezzadri 1 BMC Partnership Attività Valore offerto Relazioni con i clienti Segmenti di clientela Risorse Canali Struttura dei costi Flussi di ricavi 2 1 Value

Dettagli

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick è una soluzione di Customer Relationship Management

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL LAVORO NEL NONPROFIT

IL LAVORO NEL NONPROFIT IL LAVORO NEL NONPROFIT Evidenze dai lavori dell Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Un progetto: Giovanni Medi, Fondazione Sodalitas Responsabile 5^ Conferenza Nazionale della Donazione Isola

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill ThinkGet S.r.l. nasce con una mission molto chiara: Sostenere gli individui e le organizzazioni nella realizzazione del successo desiderato. Costituita

Dettagli

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto!

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Solidità e passione Il gruppo Frigerio Viaggi Facciamo muovere il mondo Frigerio Ugo e C.

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

Area Applicativa: Qualità

Area Applicativa: Qualità Il software progettato e sviluppato per gestire in modo del tutto informatizzato le attività relative al controllo qualità aziendale. Un applicazione specifica che consente di raccogliere dati, analizzarli

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

"Dietro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa.

Dietro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa. "Dietro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa. [Peter Druker] "Non contare le persone che raggiungi, ma raggiungi le persone che contano. [David Ogilvy] ALESSANDRO

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città.

Videoproiezioni: Studio Materia sta sviluppando un circuito di videoproiezioni su alcuni muri significativi della città. Milano, novembre 2005 Chi Siamo Studio Materia è un agenzia di comunicazione urbana che nasce con l obiettivo di sviluppare un sistema di comunicazione specifico per il contesto urbano milanese. Per raggiungere

Dettagli

C era una volta la Farmacia. Dalla Farmacia dei servizi alla farmacia delle idee Cosenza 11 ottobre 2015

C era una volta la Farmacia. Dalla Farmacia dei servizi alla farmacia delle idee Cosenza 11 ottobre 2015 C era una volta la Farmacia Dalla Farmacia dei servizi alla farmacia delle idee Cosenza 11 ottobre 2015 La farmacia? Questione di punti di vista. Per molti.. Eppure sarebbe più opportuno parlare di.. Come

Dettagli

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi www.leanfactoryschool.it catalogo corsi Lean Factory School Gli obiettivi 99 Capire i principi e le tecniche Lean mettendoli in pratica, in modo coinvolgente 99 Lavorare in un ambiente produttivo reale,

Dettagli

leaders in engineering excellence

leaders in engineering excellence leaders in engineering excellence engineering excellence Il mondo di oggi, in rapida trasformazione, impone alle imprese di dotarsi di impianti e macchinari più affidabili e sicuri, e di più lunga durata.

Dettagli

LA FORMAZIONE VINCENTE

LA FORMAZIONE VINCENTE CFMT E MANAGER LA FORMAZIONE VINCENTE Gli ultimi dati del nostro Centro di formazione del terziario confermano che i dirigenti non rinunciano a percorsi formativi. Ma cosa si chiede oggi alla formazione?

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie Marketing e Strategie Marketing e Strategie INDICE 1. IL METODO DEL CHECK UP Pag. 3. 2. I RISULTATI Pag. 5 3. IL CONFRONTO CON GLI ALTRI Pag. 10 4. AREE DI MIGLIORAMENTO Pag. 12 5. PROSSIMI PASSI Pag.

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA

VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA VINCERE NELLE VENDITE COMPLESSE: LA VALUE PROPOSITION EFFICACE NASCE CON IL PROCESSO DI VENDITA BUYVALUESELL: VENDERE VALORE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI INNOVATIVI? Gli

Dettagli

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione

Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Il valore dell integrazione con gli Standard di comunicazione Servizi e soluzioni per la logistica dei documenti del ciclo dell ordine; dalla generazione alla gestione, distribuzione e conservazione sostitutiva

Dettagli

Ricerca A BOLOGNA UN COLLABORATORE PER STAGE NEL SETTORE MARKETING E COMUNICAZIONE

Ricerca A BOLOGNA UN COLLABORATORE PER STAGE NEL SETTORE MARKETING E COMUNICAZIONE MIND BUSINESS SCHOOL, attività di ENGAGE, Società autorizzata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale prot. 13 / I / 0001661 del 05/02/2009, società del gruppo Mind Consulting Ricerca A BOLOGNA

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Caso di Studio Turismo on-line

Caso di Studio Turismo on-line Caso di Studio Turismo on-line Il sistema SITOVIVO.COM, mi ha dato sicurezza sul reale effetto del messaggio sul cliente finale. Per merito loro ho ottimizzato la mia attività di Marketing Elisabetta Damiani

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Ogni azienda ha la necessità di conoscere il proprio sistema dei costi sia per controllare la situazione esistente che per verificare il

Ogni azienda ha la necessità di conoscere il proprio sistema dei costi sia per controllare la situazione esistente che per verificare il Ogni azienda ha la necessità di conoscere il proprio sistema dei costi sia per controllare la situazione esistente che per verificare il raggiungimento degli obiettivi avendo come fine il mantenimento

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10 Piano di valutazione Horsa Anno 2013 Sommario Perché Horsa introduce un Piano di Valutazione... 3 I destinatari del Piano di Valutazione... 4 I criteri di acquisizione dei Punti... 4 Costi standard di

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

EVOLUZIONE Il Marketing Integrato

EVOLUZIONE Il Marketing Integrato EVOLUZIONE Il Marketing Integrato IL NUOVO CHE AVANZA Tutto si trasforma. Anche il mercato. Industria, distribuzione, consumi: gli attori sono sempre gli stessi ma evolvono i rapporti di forza, i ruoli,

Dettagli

DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE

DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE Grazie alla sinergia delle sue business unit, GGF Group accorcia la distanza tra il presente che hai costruito e il futuro che sogni per

Dettagli

C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O

C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O C O M E U S A R E FACEBOOK ADS 7 E R R O R I D A P R I M A D I C R E A R E Q U A L S I A S I A N N U N C I O Ciao sono Alessio Giampieri, web marketer e consulente da 5 anni. Ho scritto questa guida con

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA Chi conosce la storia del Mago di Oz, ricorderà perfettamente che il Mago non regala nulla che i bizzarri personaggi non abbiano già in sé. Nel corso delle

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 1 Il corso di Economia ed Organizzazione

Dettagli

Locazione e Vendita Frazionata

Locazione e Vendita Frazionata Servizi e sistemi per lo sviluppo immobiliare Housing Sociale: Locazione e Vendita Frazionata Una nuova opportunità per i Fondi Corso Roma, 29 12038 Savigliano CN Tel. 0172 33129 Fax 0172 726090 info@certasrl.it

Dettagli

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo Un primo passo verso PAT Un applicazione di controllo preventivo Sommario Situazione iniziale: linea di produzione con controllo peso off-line Cambiamento vs. una linea con controllo peso automatico on-line

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli