ABC#'6DE F*)*'& *#'G6F*#&'7"%&'&

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABC#'6DE F*)*'& *#'G6F*#&'7"%&'&"

Transcript

1 !"#$%&'()'#*+$,-.$'(//0!""#$%%%$"&'()#$*+, meteoora NUVOLOSO PIOGGIA NUVOLOSO NUVOLOSO NUVOLOSO CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO VIBO 4"*56%67#*'%86#9*.,7:6*#$'.$;6*#7!$ -.)(//#)($0!#1#$0#11.23.(". 1'23// Obama si insedia Oliverio ci sarà L appuntamento è fissato per il 20 gennaio alla Casa Bianca. Due calabresi potrebbero presenziare all insediamento del nuovo presidente americano, Barack Obama. Invitati all evento infatti il presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio, e il sindaco di San Giovanni in Fiore, Antonio Nicoletti. Sono quattro i filoni dell inchiesta della Procura di Paola attinenti a Why not. Tutti e quattro confluiscono in un unico fascicolo processuale aperto da oltre un anno. Il primo di questi filoni vede indagati, con le accuse di concorso in truffa aggravata, peculato e abuso d ufficio, l ex presidente della Giunta Chiaravalloti e con lui gli ex assessori Gentile, Luzzo, Dima e Basile.! "))*#$"%&'*#+#*#, Drammatico incidente lungo la provinciale che collega Porto Salvo a Briatico. L auto con a bordo Luigi Morello, 49 anni, complice forse l asfalto viscido, è finita contro il guard rail. A nulla è valso l intervento chirurgico cui è stato sottoposto Morello. A bordo dell auto anche il nipotino di tre anni, miracolosamente illeso.! "#$"%&'"#( Sono quattro i filoni d inchiesta Tutti i nomi eccellenti Il Csm revocò già ad agosto l applicazione al pm Greco! "#$"%&'"#= ABC#'6DE F*)*'& *#'G6F*#&'7"%&'& Dalla Procura di Paola l ennesimo dossier sui fondi Por Spari davanti al bar feriti due crotonesi I fratelli vittima di un regolamento di conti?! "#$"%&'"#I Schianto fatale nel Vibonese L auto di un 49enne di Briatico finisce contro il guard rail: illeso il nipotino H0-:8HJ2 Ondata di freddo polare e in Sila arriva la neve Mareggiate, Falerna chiede lo stato di calamità! "#$"%&'"#( Cosenza frenato dal Monopoli Toscano amaro «Due punti persi» 38198#0 La Reggina ci prende gusto Cozza-Corradi: Atalanta ko J19H0#>9K9392/8 Crotone, occasione sprecata Rossi agguanta il Sorrento 38<2/>0#>9K9392/8 Il Catanzaro resta in scia Con il Gela pareggio sofferto 38<2/>0#>9K9392/8 Polito esalta la Vibonese Vigor sconfitta dall Igea Virtus 38198#> Castrovillari ko a Siracusa Rosarno, impresa a Modica >9-8::0/:9 Il Praia continua la rincorsa Rossano e Scalea solo pari K2--8; Tonno Callipo, brutto stop Il filotto si ferma a Modena -./0# "%2'389"1)!"#$%&'()*+,-"-.%&!"#$%&'()*"+,"%-"."-$-/% 0'%#'10"0'.)%'%2-$3"0$1.$% 0$**'%4),,"33")1$% 0"%5"6"*'17'%89'10)%,"%3'-/ -$3)%#)1.)%0"%$33$-$%'0%91 #$1.",$.-)%0'*%-"0"#)*): ;3<$.."',): ='%>' ",<-$33")1$%91%3'*('.)-$ 0$**'%<'.-"'? '17"%0$**'%<'.-"'.$*$("3"('? <9-%$33$10)%3)#"'*"3.'% 0"%!")? 1)1%'DD"'%)..$19.) 0'*%!"'()*)? #),$%E'93.? 91'%<'..9".'%<$-$11$ 6")("1$77': 180-9:;#9/#<01 Calabrese si aggiudica il premio! &'#4"56'76

2 "#$%&'!"#$%&'()*'#!++, ()*+,+-./0/ ,0!! " # $ % " & '()(*+,( -+( 456%$78 Sono quattro i filoni dell inchiesta della Procura di Paola attinenti alla più complessa Operazione Why not. Tutti e quattro confluiscono in un unico fasciolo processuale contrassegnato dal numero 5436/07 ed aperto da oltre un anno. Filone Regione Il primo di questi filoni vede indagati, con le accuse di concorso in truffa aggravata, peculato e abuso d ufficio, l ex presidente della giunta regionale Giuseppe Chiaravalloti e con lui gli ex assessori della giunta di centrodestra Giuseppe Gentile, Giovanni Luzzo, Giovanni Dima e Domenico Basile. Al registro degli indagati, per gli stessi reati, anche i funzionari Antonio Mazza, Aldo Curto e Giuseppe Fragomeni, quest ultimo direttore generale della Presidenza, e presidente del Consorzio industriale di Reggio Calabria, ai tempi della giunta Chiaravalloti, incarichi che mantiene tutt ora anche con la giunta di centrosinistra presieduta da Agazio Loiero. Secondo l accusa formulata dai pubblici ministeri, politici e funzionari regionali avrebbero agito per agevolare alcuni imprenditori privati legati alla Compagnia delle Opere e con loro imputati. Si tratta di Antonio Saladino, Giovanni Lacaria, Eugenio Conforti, Alessandro Lachimia, Gianfranco Franzè, Pietro Macrì e Giuseppe Lillo. Da questo filone è partito il mandato di comparizione al consigliere regionale Francesco Morelli «perché, quale dirigente generale Dipartimento Obiettivi strategici e capo di gabinetto del presidente della giunta regionale dell epoca (Chiaravalloti), in concorso con Chiaravalloti Giuseppe, Dima Giovanni, Gentile Giuseppe, Luzzo Giovanni e Basile Domenico - il primo quale Presidente e proponente delle delibere di Giunta n. 332 del e 362 del gli altri quali membri della giunta regionale, nonché con Mazza Antonio - nella qualità di responsabile per la Regione Calabria della Misura 6.3 Por Fragomeni Giuseppe - nella qualità di dirigente generale del Dipartimento del personale della Regione Calabria - Curto Aldo - nella qualità di dirigente del Dipartimento del personale della Regione Calabria - Anastasi Pasquale, nella qualità di funzionario della Regione Calabria - Saladino Antonio - nella qualità di presidente del Consiglio di Amministrazione del consorzio Brutium Service s.r.l. - Lacaria Giovanni - nella qualità di vicepresidente del Consiglio di Amministrazione del Consorzio Brutium Service s.r.l. Franzè Giancarlo - nella qualità di membro del consiglio di amministrazione del Consorzio Brutium Service s.r.l.- Lillo Giuseppe, nella qualità di presidente del c.d.a. del Consorzio Brutium dall e di responsabile del progetto Ipnosi per ;2</1),= 0>0?:)1) Siarricchisce il dossier sui fondi Por. Ecco tutti gli indagati conto del Brutium Service s.r.l.; Conforti Eugenio Luigi, nella qualità di amministratore unico della società Why not outsourcing s.r.l. dal al ; Lachimia Alessandro Antonio - nella qualità di presidente del c.d.a. della società Why not s.r.l. dal Macrì Pietro, quale responsabile del progetto Ipnosi in seno al Consorzio Brutium Service s.r.l. con più azioni esecutive di un unica risoluzione criminosa, anche in tempi diversi perpetrate, avendo pubblici amministratori e funzionari, per ragione del loro ufficio, il possesso e comunque la disponibilità dei fondi stanziati dalla Comunità Europea per l esecuzione della Misura 6.3 del Por Calabria , afferente alla diffusione della Società dell Informazione, si appropriava della somma complessiva di euro ,00 oltre Iva, distraendola in favore del Consorzio Brutium rappresentato da Saladino Antonio, Lacaria Giovanni, Franzé- Giancarlo, Lillo Giuseppe, Conforti Eugenio Luigi, Lachimia Alessandro Antonio, Macrì Pietro, in aperto contrasto con le finalità pubbliche». Agli ex assessori Dima, Gentile e Luzzo, inoltre, si contesta l avere adottato «la delibera nr. 332 del con la quale affidavano direttamente al consorzio Brutium a trattativa privata, il Progetto di promozione della società dell informazione in Calabria, in attuazione del Por Calabria , Misura 6.3, compivano un atto di gestione, in violazione del D.P.G.R. nr. 354 del e successive modifiche, recante norme in materia di separazione dell attività amministrativa di indirizzo e controllo da quella di gestione». Secondo i pubblici ministeri, infatti, La delibera di Giunta regionale nr. 332 del , nonché tutti i contratti succedutesi in esecuzione della predetta delibera, sono stati assunti in violazione di norme di legge ed in particolare del d.lgs. n. 157/1995 recante norme in materia di appalti di pubblici servizi in attuazione della direttiva Cee 92/50. Contrariamente, difatti, all obbligo generalizzato di pubblicazione del bando di gara per l affidamento del servizio oggetto della delibera nr. 332, gli amministratori ed i funzionari regionali procedevano all affidamento diretto, a trattativa privata, al Consorzio Brutium Service srl, in difetto dei presupposti indicati dall art. 7 d.lgs nr. 157/1995, affidamento non consentito per!"#$%&&%'()"*+*,*--./"'!".,*00"'1"2*' 34*5".'6."%+. 7"8.-*'39*2.' :"08%05*';+#0.';.$$". <"8)%-*04%-.'=&*/*+. una pluralità di ragioni». Tutti reati che, secondo l accusa, sarebbero stati consumati «dal maggio 2003 sino a tutto il 2004». +19.:.,+ 1.2%0"8.';*$"-%'!"#$%&&%'!%0/"-%'!".,*00"'6#55.?+*08%$8.'1%'!+*0. 30/.0".'=*-*9"0.?+*08%$8.'<.+%--"!"#$%&&%'?+*4.2%0"' Filone Posto sicuro Un secondo filone investigativo, invece, riguarda il progetto Posto sicuro, e qui gli indagati sono oltre a Morelli, Saladino Antonio, Lillo Giuseppe Antonio Maria, Mazza Antonio, avendo la disponibilità dei Fondi strutturali, stanziati dalla Comunità Europea, per l esecuzione della misura 6.3 del Por Calabria , afferenti alla diffusione della Società dell Informazione. Per l accusa gli indagati usavano fondi, per complessivi ,00 oltre Iva, «impiegandoli formalmente nella esecuzione di attività comunque non ricomprese nell ambito della predetta misura. In particolare, agendo il Morelli ed il Mazza quali pubblici ufficiali, il Saladino quale istigatore e beneficiano della condotta illecita di seguito descritta, il Lillo quale sottoscrittore del contratto appresso indicato, aggiudicavano al Consorzio Brutium Service s.r.l. l esecuzione del progetto Posto sicuro, per l importo di euro ,00, a trattativa privata, senza la previa pubblicazione di un bando di gara, con decreto n del , sottoscritto da Mazza Antonio e Morelli Francesco e successivo contratto n in data ». Filone Loiero Fincalabra Altro filone dell inchiesta Why not riguarda, invece, non solo la giunta di centrodestra ma anche il presidente di quella attuale targata centrosinistra e gli amministratori vecchi e nuovi di Fincalabra. Anche qui l accusa è di concorso in truffa, abuso d ufficio e peculato e riguarda i rapporti intercorsi tra la Regione Calabria, la Fincalabra ed il consorzio informatico Tesi. In questo contesto sono stati iscritti al registro degli indagati «nelle rispettive qualità pubbliche e/o private: Chiaravalloti Giuseppe, Loiero Agazio, Gentile Giuseppe, Gargano Antonio, Fragomeni Giuseppe, Scopelliti Rinaldo, Bruno Bossio Vincenza, Macrì Pietro, Pometti- Filomeno, Adamo Nicola, Saladino Antonio, Viapiana Antonio, Spataro Michelangelo, Pegorari Aldo, Lucifero Francesco, Fagà Maria Teresa, Franco Antonio Michele, Marafioti Pasquale, Vigna Luciano, Postorino Filippo, Muraca Luigi, Bevilacqua Gianpaolo, Garagozzo Nicola. Ed ecco l ipotesi accusatoria: «Per avere con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, anche in tempi diversi perpetrate, consistite nell avere Chiravalloti, Loiero, Gentile e Adamo predisposto quali referenti politici, ed i primi due, anche quali di azionisti di riferimento della Spa Fincalabra, finanziaria della Regione Calabria, in concorso con Saladino Antonio e Bruno Bossio Vincenza, un percorso operativo finalizzato all ingresso del consorzio Clic nella compagine societaria della Tesi Spa partecipata Fincalabra Spa ed al suo controllo di fatto attraverso il patto parasociale del 15/09/2004 (tra Fincalabra e soci privati) in spregio della formale proprietà della maggioranza assoluta delle azioni in capo alla componente pubblica. Ingresso di Clic, realizzatosi attraverso artifici e raggiri, per non essere il predetto Consorzio mai stato selezionato, perché ancora non formalmente costituito, mediante la procedura di evidenza pubblica di individuazione del socio privato, indetta nel luglio 2003». Sempre in questo filone d inchiesta, i magistrati inquirenti contestano a Francesco Morelli di aver omesso di disporre che fossero effettuati i dovuti controlli sulle attività di Fincalabra Spa specie con riferimento alla mancata trasmissione dei bilanci»; nonché di avere, insieme a Nicola Adamo, «sostenuto in sede politica e regionale le attività del Gargano Antonio, in particolare, l Adamo interveniva direttamente per vincere le resistenze del Direttore generale di Fincalabra Spa, Tucci Antonio, contrario all erogazione del finanziamento, e induceva Scopelliti Rinaldo ad assumere un atteggiamento favorevole al finanziamento alla Tesi Spa, prendendo nel contempo un interesse personale nella vicenda per essere coniuge di Bruno Bossio Enza, presidente del Clic, nonché amministratore delegato di CM Sistemi Sud, consorziata Clic contratto di finanziamento stipulato in contrasto con quanto prescritto dall art. 3 della L.R. n. 7/1984, istitutiva della società Fincalabra Spa., che vieta qualsiasi intervento finalizzato a sostenere imprese manifestamente improduttive, quale era appunto la società Tesi Spa, la quale in data veniva dichiarata fallita». Filone for Europe Vede imputati i dirigenti regionali Francesco Simonetti e Francesco De Grano in concorso con gli imprenditori Antonio Saladino, Giuseppe Lillo e Gianfranco Franzè che «avendo la disponibilità di fondi comunitari stanziati se ne appropriava, determinando l adozione di atti amministrativi non rispondenti all interesse regionale. Il Simonetti, agendo d'intesa ed in esecuzione delle direttive impartitegli dal Morelli emanava il decreto dirigenziale 5001 del , afferente al progetto denominato For Europe, volto alla esecuzione dei progetti approvati dal Comitato Transnazionale di Programmazione, certificando l esistenza di un interesse pubblico sotteso alla esecuzione ditali progetti, al solo fine di far conseguire al Consorzio Brutium e quindi al Saladino ed al Franzè, quale amministratore della società Why not s.r.l., ingenti somme di danaro e procedere ad assunzioni strumentali alla creazione di un sistema clientelare destinato ad avvantaggiare i referenti politici dei dipendenti. Successivamente, lo stesso Simonetti stipulava con il Lillo il contratto avente ad oggetto l esecuzione del menzionato progetto per un corrispettivo comprensivo di Iva, par ad euro ,00 contratto aggiudicato, in violazione di legge, a trattativa privata, senza la previa pubblicazione di un bando di gara. MIRELLA MOLINARO

3 "#$%&'!"#$%&'()*'#!++,!! " # $ % " & '()(*+,( -+( ()*+,-./* ).2*0 /)0+463,,)0*07*-*2) Carte scoperte dopo che Greco è stato sollevato dall inchiesta *-*28.0)2/3534) Politici Chiaravalloti Giuseppe Dima Giovanni Gentile Giuseppe Luzzo Giovanni Basile Domenico Loiero Agazio Adamo Nicola Funzionari Mazza Antonio Fragomeni Giuseppe Curto Aldo Morelli Francesco Gargano Antonio Simonetti Francesco De Grano Francesco Privati Saladino Antonio Lacaria Giovanni Franzé Giancarlo Lillo Giuseppe Conforti Eugenio Luigi Lachimia Alessandro Macrì Pietro Bruno Bossio Vincenza Pometti Filomeno Fincalabra Scopelliti Rinaldo Viapiana Antonio Spataro Michelangelo Pegorari Aldo Lucifero Francesco Fagà Mariateresa Franco Antonio Marafioti Pasquale Vigna Luciano Postorino Filippo Muraca Luigi Bevilacqua Gianpaolo Garagozzo Nicola DI PAOLO POLLICHIENI Una nuova vagonata di veleni arriva con il riesplodere del filone paolano dell inchiesta Why not e la ragione è semplicissima: l avviso a comparire con il quale il pubblico ministero Franco Greco ha deciso di scoprire le carte e rendere noti, a cinque anni dai presunti fatti-reato, i nomi degli indagati, i reati loro contestati e le singole posizioni processuali, arriva esattamente quindici giorni dopo che lo stesso pm Greco è stato sollevato dal Consiglio superiore della magistratura e con voti unanimi dall applicazione presso la Procura generale per l indagine Why not. Una circostanza, questa, che era nota allo stesso pubblico ministero paolano ed al procuratore generale di Catanzaro Enzo Jannelli che si era visto bocciare dal Consiglio superiore della magistratura il decreto con il quale aveva provveduto alla proroga della sua applicazione per l inchiesta Why not. In sostanza, è accaduto che nel corso del plenum tenuto dal Csm il cinque novembre scorso, il Consiglio con voti unanimi (e di questi tempi è una rarità vedere concordi tutte le componenti dell organo di autogoverno della magistratura) ha ritenuto di bocciare la riconferma di Francesco Greco nel pool di magistrati che indaga su Why not per gravi ragioni procedurali. Si tratta della deliberazione 671/as/2008 che riportiamo integralmente: «Letto il decreto numero 43 in data primo agosto 2008 con cui il procuratore generale presso la Corte d Appello di Catanzaro ha disposto l applicazione del dottor Francesco Greco sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Paola e della dottoressa Antonella Lauri, magistrato ordinario in attesa della prima valutazione, assegnato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Paola a quella Procura Generale per la trattazione del procedimento penale cosiddetto Why not, per mesi sei a decorrere dall 11 agosto 2008; Rilevato che nei confronti del dottor Greco è stata avviata una procedura ai sensi dell articolo 18 o.g. e che dunque non appare opportuna la sua applicazione all ufficio superiore; Delibera di approvare il decreto numero 43 dell uno agosto 2008 del procuratore generale presso la Corte d Appello di Catanzaro solo limitatamente all applicazione della dottoressa Antonella Lauri alla Procura generale presso la Corte d Appello di Catanzaro per la trattazione del procedimento penale cosiddetto Why not». Dal provvedimento del Consiglio superiore della magistratura, di conseguenza, emerge anche la notizia della pendenza a carico del magistrato inquirente di un procedimento avviato ai sensi dell articolo 18 dell ordinamento giudiziario che poi è quello che regola le incompatibilità dei magistrati. Nulla di più è trapelato ma ciò basta a riattualizzare i tanti veleni che accompagnano da sempre l inchiesta Why not. L inchiesta, del resto, pende presso la Procura di Paola e, più in generale, presso la Procura generale di Catanzaro da ormai due anni per cui diventa singolare che dalla montagna di carte dell inchiesta adesso partorisce un topolino sotto forma di invito a comparire in capo ad uno solo dei tanti indagati e neanche il più prestigioso. Non bastasse, tutto questo arriva due settimane do- Dal Csm emerge anche la pendenza di un provvedimento a carico del pm!"#$%"%&&'#()#*)+,-)&)%#()#.%'"% po che il Consiglio superiore della magistratura ha ritenuto di non convalidare l applicazione di uno dei firmatari dell avviso a comparire nell inchiesta Why not ritenendo tale applicazione «non opportuna» in pendenza di una indagine da parte dello stesso Csm. C è quanto basta per un nuovo scontro istituzionale di cui, francamente, non se ne sentiva il bisogno in una realtà politica e giudiziaria ormai caratterizzata dal gusto dell eccesso e del clamore. Gli annunci di grandi inchieste non si contano più, così come non si contano più i flop mediatico-giudiziari che accompagnano, quasi a comando, tali annunci. E la politica? Si sveglia e si riaddormenta secondo le proprie strumentali convenienze. Quando occorre far fuori dal gioco qualche amico ingombrante basta un astruso tintinnar di manette a legittimare la revoca. In altre circostanze, invece, si preferisce far finta di nulla e tollerare odiosi trasversalismi ed inaccettabili incompatibilità funzionali. Segno evidente che la politica con i provvedimenti giudiziari ci giochicchia. E dall altro lato inchieste ad andamento carsico che durano anni e che si ampliano in maniera disorganizzata e confusa in modo da rendere assai difficile il raccapezzarsi e distinguere il vero dal verosimile e tutte e due dal falso e dall impostura. Segno, questo, altrettanto evidente che anche la magistratura con le inchieste sulla politica, spesso e volentieri, ci giochicchia.

4 GIORNO 00 mese T E S T A T A calabria ora

5 dal allo P S OLLINO LUNEDÌ 24 novembre 2008 PAGINA 4 calabria ora TRETTO Passa il vento e arriva la neve Imbiancata la Sila cosentina e catanzarese. Pochi problemi alla viabilità COSENZA Dopo la terribile giornata di sabato in cui il maltempo ha duramente segnato il territorio calabrese ieri la situazione è decisamente migliorata, è cessato il forte vento e solo in alcune zone piove. In Sila. sia in provincia di Cosenza che in quella di Catanzaro, ha fatto la sua comparsa la prima neve che ha imbiancato gli alberi e le case, ma senza arrecare alcun disagio alla viabilità. Il personale delle unità di soccorso delle Province di Cosenza e Catanzaro è in allerta per fronteggiare la situazione, anche se per il momento la neve non sta provocando particolari problemi per la viabilità. L allerta è, comunque, legata ad un possibile peggioramento della situazione. Le nevicate si stanno verificando non solo nelle zone più IMBIANCATA Buona parte della Sila cosentina (in foto) e quella catanzarese «Per il lametino dichiarare lo stato di calamità» CATANZARO «Cosa deve succedere di più sul litorale lametino? Cosa devono rischiare o perdere ancora gli operatori turistici e commerciali della zona? Cosa devono inventarsi i sindaci di Gizzeria, Falerna e Nocera Terinese, per attirare l attenzione della regione, su un piano organico strategico del nostro litorale, al fine di dar vita ad interventi strutturali e immediati su una costa ridotta un colabrodo, senza cadere nelle solite pastoie burocratiche?». Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale Egidio Chiarella, del Pd. «Intanto - aggiunge Chiarella - visti i danni ingenti causati dal maltempo di questi giorni, mi auguro che si riconosca in sede governativa lo stato di calamità Rientra l allarme mareggiate Circolazione ripresa sulla A3 l appello di chiarella (pd) naturale, per l intera area marina interessata. Sono anni che sollecito la Regione, con interpellanze, interrogazioni, contatti diretti con gli assessori preposti o interventi mirati nei vari incontri pubblici o istituzionali, di porre le problematiche del litorale lametino al centro della massima attenzione politica e istituzionale della propria azione di governo. I risultati non sono quelli aspettati - conclude il consigliere regionale - e alcuni investimenti deliberati della Giunta Loiero, ancora oggi, per i soliti cavilli procedurali, non sono stati spesi, nonostante l allarme rosso permanente che incombe sui territori interessati e l ottimo attivismo dei sindaci dei comuni colpiti». calabria al buio alte della Sila, ma anche a quote più basse. Mobilitati anche i carabinieri per fare fronte ad eventuali situazioni di emergenza. E rientrato, invece, almeno per il momento, l allarme per le mareggiate che due giorni fa hanno provocato danni nella zona di Lamezia Terme ed a Pizzo, sulla costa tirrenica dove ora si contano i danni provocati alle strutture turistiche della zona, alberghi e ristoranti, invase dall acqua. Non ci sono più le forti raffiche di vento di sabato e il mare si è ritirato dalla costa. La situazione è tornata tranquilla. Continua a piovere, ma senza particolari problemi, in tutta la Calabria. Il traffico si sta svolgendo regolarmente sul tratto calabrese dell A3 e sulle altre strade della regione. E stato ripristinato inoltre il traffico sulla ss 18 del lametino mentre a Falerna (dove sabato il mare ha distrutto la strada) la circolazione è stata deviata su un unica corsia. Qualche banco di nebbia viene segnalato lungo la statale 107 Silana- Crotonese. r. r. Lattarico senza energia Qualche problema sulla costa COSENZA A causa dell ondata eccezionale di maltempo e delle condizioni metereologiche particolarmente critiche Enel sta effettuando dalla scorsa notte un piano straordinario di interventi in alcune zone della Calabria. In particolare nella costa tirrenica e sulla Sila, dove la bufera di vento, in casi sporadici supportata da nevicate e piogge, ha causato in molte zone disalimentazioni a macchia di leopardo. Alcune decine di famiglie, geograficamente isolate dai centri urbani stanno ricevendo dalle prime ore del mattino i soccorsi delle squadre Enel. Sono oltre 50 le unità di soccorso mobilitate in tutta la regione. In alcuni casi però, spiega la società in una nota, le operazioni sono state rallentate dai fusti di grossi alberi che si sono abbattuti sulle linee elettriche. Resta critica, invece, la situazione a Lattarico (Cs) dove il forte vento che ha Pali spezzati dal vento Oltre 50 le unità di soccorso mobilitate Rientra l allarme a Cosenza metà paese era senza energia elettrica. Sempre provocato la caduta degli alberi e di molti pali dell Enel ha isolato parzialmente la popolazione. Ancora ieri pomeriggio l Enel comunica che la situazione a Cosenza e Rende è tornata alla normalità nel 95% dei casi. Resta al buio solo qualche palazzo non ancora raggiunto dai soccorsi. r. r. ad aprile era deceduto il nipote Tragico incidente d auto Muore 49enne di Briatico Lo Jazzolino di Vibo Valentia BRIATICO (VV) E morto ieri pomeriggio, nel reparto di Rianimazione dell ospedale Jazzolino di Vibo, Luigi Morello, 49 anni, pescivendolo di Briatico, vittima sabato sera di un pauroso incidente stradale lungo la provinciale 522 che collega Porto Salvo a Briatico. Un lungo intervento chirurgico, durato tutta la notte, non è stato sufficiente per arrestare una violenta emorragia. Morello, per cause in corso di accertamento, ma probabilmente legate alle velocità e al fondo stradale reso viscido dall incessante pioggia che si è abbattuta sul Vibonese, intorno alle dell altra sera è sbandato ribaltandosi ripetutamente sulla carreggiata e schiantandosi poi sul guardrail. A bordo della sua vecchia Fiat Uno azzurra, ridottasi in un cumulo di lamiere e sventrata dalla protezione metallica ai bordi della strada, c era anche un suo nipotino di appena tre anni, che si è salvato miracolosamente sbalzando fuori dall abitacolo grazie alla forza centrifuga del ribaltamento. Il bambino, che ha riportato numerose ferite lacerocontuse, è stato soccorso da alcuni automobilisti che lo hanno subito messo in salvo. Il giovane nonno, invece, è rimasto impigliato nell auto. Si è reso necessario l intervento di due equipaggi del 118 per liberarlo. Nessuna grave conseguenza per il nipotino, mentre a Luigi Morello è stata subito riscontrata una frattura alla gamba e un trauma cranico. Immediatamente trasportato in ospedale, ed espletati gli esami di rito, i sanitari si sono resi conto del grave shock emorragico. L uomo è stato così sottoposto ad un lungo intervento chiururgico al fine di bloccare il flusso di sangue. Tecnicamente riuscita l operazione, e ricoverato in Rianimazione, la coagulopatia ha spento la sua vita dopo poche ore. Le sue condizioni si sono aggravate nella mattinata. Si è spento, quindi, alle 14. Morello lascia moglie e una figlia. Nell auto insieme al nonno c era il nipotino di tre anni rimasto illeso Era zio di Giuseppe Morello, il giovane di 26 anni che lo scorso 11 aprile perse la vita, sempre a Briatico e sempre a causa di un incidente stradale. Quella mattina stava viaggiando a bordo di un ciclomotore che, nei pressi della locale scuola elementare, ha impattato violentemente contro un automobile. Il ragazzo, dopo un volo di diversi metri, perse la vita sul colpo. Luigi Morello faceva parte di una famiglia di pescatori ed era conosciuto come persona dedida al mare, al lavoro e alla famiglia. La sua morte ha destato grande commozione in tutto il paese. r.v.

6 "#$%&'!"#$%&'()*'#!++,!! " # $ % & # # ' ( & $ " # # & $ ) * +, * * & -./ /84910:7;< =/:-<>.;7;-/>?? :7/212/0-/<121 A Cosenza le ragazze raccolgono maggiori consensi!"!# $%&"'&()!"#$%&&'(#)%*#+% )*',-*'%#./"'(*#-#0'1( ()*%$+, Forse ha ragione Salvatore Bruno (sconfitto da Fausto Raciti nella corsa alla segreteria nazionale dei giovani Pd) a sostenere «che qualcuno dovrà spiegare perché per conoscere la scrutinio di 120mila voti occorrono più giorni di quanti ne sono serviti per proclamare Obama. Era così complicatopubblicare i risultati via via che venivano scrutinati?». In effetti solo ieri sera a Cosenza si è riusciti ad avere una prima proiezione (molto parziale in realtà perché mancavano anc ora i dati di alcuni seggi) degli eletti alle primarie dei democrats junior. Il garante nominato dal partito dei grandi, Giovanni Apa, è rimasto chiuso per tutta la giornata nella sede degli ex diessini di Corso Telesio a raccogliere le preferenze di tutti i seggi dislocati nella provincia. Il dato curioso relativo alla provincia bruzia riguarda il primato di consensi assegnato dagli elettori alle donne. Ai primi posti per l assemblea nazionale si collocano, infatti, Marianna Loria esponente della Sinistra giovanile di San Giovanni in Fiore, seguita da Luca Ritacco (esponente vicino alla corrente di Carletto Guccione) e Luigi Guglielmelli (uno dei big calabresiu, considerato che è stato l ultimo segretario calabrese della Sinistra giovanile). Per l assemblea regionale, i dati parziali, assegnano un ottima performance per Maria Francesca Amodeo, di Diamante e proveniente dalla Margherita, Maria Cristina Guido della Sinistra giovanile (zona Presila), e Domenica Borgia. Il primo dei ragazzi fino a ieri sera era Alberto Settembre (anche lui di Diamante) ma proveniente dalla Sg. Inutile ribadire che questi rappresentanti he questi eletti non rappresentano nessuno, sono il frutto di trattative e lunghe riunioni tenute in gran segreto nelle stanze dei loro politici di riferimento. A tal proposito basta ricordare, per chi se ne fosse dimenticato, i casi di Catanzaro e Reggio Calabria. In queste due province sono stati presentati tanti candidati per i posti disponibili. E a questo proposito appare illuminante ancora un altra battuta rilasciata alle agenzie dello stesso Bruno: «Come nella fasepreparatoria, anche ad urne chiuse sono evidenti metodi opachinella gestione di un evento che dovrebbe essere specchio dellademocrazia che vorremmo realizzata nelle istituzioni. Lo dobbiamoanche a quei ragazzi che hanno interpretato correttamente questoappuntamento. Invece si continua con comportamenti per nientetrasparenti». an. ri. COSENZA Con molta probabilità anche la Calabria sarà rappresentata il 20 gennaio, alla Casa Bianca, nel giorno dell insediamento del presidente americano Barack Obama. Il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio e il sindaco di San Giovanni in Fiore, Antonio Nicoletti, proprio in quei giorni saranno negli Stati Uniti per partecipare alla festa di inizio mandato (fissata per il 19 gennaio) del governatore della West Virginia, Joe Manchin. Non sarà una presenza casuale, la loro. Manchin, che tra l altro è stato confermato nell importante carica di governatore, è proprio originario della città florense. Suo nonno, infatti, partì proprio da San Giovanni all inizio dallo scorso secolo per cercare fortuna negli States. E proprio Manchin, che è uno dei maggiori esponenti del Democratici americani, avrebbe promesso ad Oliverio e a Nicoletti un posto nella sala dove Obama giurerà come presidente. Non va dimenticato poi il legame tra Obama e Gioacchino da Fiore. L ha citato tre volte nel corso della sua vittoriosa campagna elettorale. Ne ha parlato durante discorsi ufficiali in diverse città, cogliendo di sorpresa cronisti e commentatori. Tre richiami espliciti nei quali non ha esitato a definirlo «maestro della civiltà contemporanea» e «ispiratore di un mondo più giusto». Barack Obama - oltre che il presidente, l incarnazione della nuova America - colloca, insomma, tra i suoi punti di riferimento ideali l abate calabrese Gioacchino da Fiore, figura complessa e affascinante del medioevo italiano. Solo frasi di circostanza, quelle di Obama? Una semplice riproposizione di concetti stereotipati? Non sembra proprio, certamente non in quest occasione. La riscoperta di Gioacchino da Fiore nell Obama-pensiero sembra davvero tutta farina del suo sacco. Non è riconducibile, infatti, né al suo speechwriter ufficiale, Jon Favreau, l intellettuale 26enne autore dei suoi discorsi più memorabili ispirati a Kennedy e ad Abramo Lincon. E neppure a Chris Hughes, considerato a soli 24 anni il mago di internet, che ha utilizzato la rete per costruire la più formidabile macchina organizzativa della storia politica americana. Il 20 gennaio con lui negli Usa anche il primo cittadino di San Giovanni Dai primi dati emergerebbe un vantaggio della corrente degli ex diessini E Oliverio vola da Obama Il presidente della Provincia di Cosenza sarà all insediamento ANTONIO RICCHIO SAN GIOVANNI IN FIORE (CS) Per un democrazia partecipata. Ripartiamo da loro: Barack Obama, Don Luigi Nicoletti, Gioacchino Da Fiore è il tema dell incontro tenutosi ieri pomeriggio presso la sala convegni del centro Florens Arssa di San Giovanni in Fiore. L incontro è stato promosso dal Centro Studi Nuova Calabria e dal Comitato per le Primarie Aperte di San Giovanni in Fiore. Il convegno ha visto come relatori: Mario Segni, in qualità di Coordinatore del Comitato Nazionale per i referendum, il Sindaco della città florense Antonio Nicoletti, il Presidente della Provincia On. Mario Oliverio e Tonino Perrelli, esponente storico del Patto Referendario Calabria. E stato illustrato come le primarie aperte siano uno strumento necessario per STILO (RC)Barack Obama cittadino onorario di Stilo. Questo è quanto si evince dalla storica richiesta dello studioso nonché giornalista stilese, Claudio Stillitano, avanzata in via del tutto formale nella giornata di ieri al sindaco di Stilo, Giancarlo Miriello, e per conoscenza al presidente del Consesso civico stilese ed all assessora alla Cultura: una lettera densa di contenuti socio-politico-culturali sui quali abbiamo sentito lo stesso Stillitano, fine cultore di Tommaso Campanella, sul quale ha pronta una pubblicazione che aggiungerà altre verità sul filosofo secentesco che propugnò la mitica Città del Sole. Lo studioso trova diverese analogie: «Il successo elettorale di Barack Obama è senza dubbio il risultato di un abile e indovinata strategia politica asserisce Stillitano ma affonda le sue radici anche grazie alle intuizioni culturali, sociali e filosofiche che hanno costituito l - humus vincente ed efficace». Ed invero lo studioso di Campanella evidenzia ancora come «Il richiamo felice all illustre concittadino di Stilo è avvertibile nell ormai celebre frase Yes, we can (Sì, si può fare) prosegue Stillitano che non è altro che l attualizzazione del motto campanelliano Non tacebo». Nota conclusiva la data dell eventuale riconoscimento che il sopraccitato latore della proposta indica nel 21 maggio 2009, quando ricorrerà il 370 anniversario della morte di Tommaso Campanella. Che potrebbe segnare ancora una volta il corso della storia di Stilo, conferendo la cittadinanza per la prima volta in assoluto ad un capo di stato. Antonio Baldari -./ Mario Segni battezza le primarie E Stilo vuole Barack fra i suoi cittadini Uno studioso di Campanella scrive alle istituzioni: «Il We can come il Non tacebo» Abati e pensatori Siamo tutti Mr President Sarà pure il leader mondiale più multietnico, con radici in tutti i continenti. Tanto che per saldarne quelle europee la Calabria cerca di sopperire con una doppia cittadinanza, addirittura. Corsa a spulciare negli speechs, allora si cercano citazioni e analogie: siamo tutti Obama, fascinazione mediatica. Anche qui serve la speranza che qualcuno «possa». Noi non ce la facciamo. riallineare l attuale sistema elettorale a dei criteri di selezione più democratici e, soprattutto, condivisi e partecipati da parte dei cittadini. Definito, altresì, come meccanismo elettorale che serve a far conoscere, scegliere ed eleggere buoni amministratori partendo dalle persone comuni, le primarie rappresenterebbero, dunque, un nuovo rapporto di responsabilità civile e partecipazione politica, basati su di un metodo semplice, trasparente, democratico che garantisce una sana competizione elettorale, tra persone, proposte e idee. Non più politici scelti a porte chiuse dai vari partiti politici, ma persone scelte dai cittadini. Tre, come detto, le figure di riferimento da cui ripartire: Barack Obama, Gioacchino Da Fiore uno dei più importanti mistici del XII secolo, e Don Luigi Nicoletti che, agli inizi del Novecento, è stata una delle figure più rappresentative del Movimento Cattolico dell Italia Meridionale. Roberta Rocca

7 "#$%&'!"#$%&'()*'#!++,!! " # $ % & # # ' ( & $ " # # & $ ) * +, * * & -./ ()*++),-.)-/0,1)-.*0* Fuoco in Brianza contro due fratelli crotonesi. Uno è in gravi condizioni :;<%$=> Spari da una moto in corsa all uscita dal bar I due lavorano nel Milanese Una raffica di colpi, esplosi dalla sella di una moto contro due fratelli originari di Isola Capo Rizzuto. Nella notte tra sabato e domenica, in pieno centro a Mezzago piccolo paese del hinterland milanese, si spara probabilmente per uccidere. Si spara in Brianza contro due fratelli calabresi. Si spara, secondo quanto filtra, per un ragolamento di conti, forse una lite privata che avrebbe visto coinvolti i due congiunti. In seguito alla sparatoria, il più grande dei fratelli, F. T., quarantuno anni muratore che vive a Mezzago, viene raggiunto a quanto sembra da cinque o sei proiettili all addome e versa ora in gravi condizioni all ospedale San Gerardo di Monza. Più piccolo di due anni, G.T. che di mestiere fa l autista di camion e vive a Busnago, altro piccolo paese della provincia milanese, viene raggiunto invece da un solo proiettile che lo attinge alla spalla: per lui dieci giorni di prognosi. L episodio, nella tarda serata di sabato scorso. I due fratelli, entrambi sposati e con figli, si trovano in noto bar del centro cittadino di Mezzago. Dal locale, nel quale i due, secondo quanto è stato possibile apprendere, stavano seguendo la partita tra l Inter e la Juve, escono poco prima della mezzanotte (intorno alle 23,30) per fumare una sigaretta. Qui, nella zona di via Concordia, secondo una prima riscostruzione, una persona a bordo di una moto e col volto coperto grazie all utilizzo del casco protettivo, si sarebbe avvicinato ai due fratelli. Il killer avrebbe quindi esploso molti colpi di pistola, forse ad- dirit- tura un intero caricatore, contro i due uomini fermi all angolo della strada, allontanandosi rapidamente subito dopo. Immediato, a quel punto, l intervento sul posto dei militari dell Arma della Compagnia di Monza e dei sanitari del pronto soccorso medico del 118. Le condizioni del quarantunenne F. T. appaiono da subito molto gravi. L uomo, infatti, secondo quanto si apprende, viene attinto da sei colpi d arma da fuoco nella zona addominale del corpo, mentre il fratello trentanovenne è!"#$ %$&'$!"#$%&"'()"'$*"&+!"'!",%"-"./)"01'".'23$&0" ("+%."'&3',3"'".!/(/.+'",/%/4"."$%"'-+.5$&" raggiunto da un solo proiettile che lo ferisce alla spalla. Le ferite riportate, già nel corso della notte tra sabato e domenica, rendono necessario un intervento chirurgico per il più anziano dei fratelli: l uomo viene sottoposto a una delicata operazione nel vicino ospedale di Vimercate e versa ora in gravi condizioni, ricoverato in prognosi riservata. Evidentemente meno importanti le conseguenze per G. T., per il quale si deve procedere a estrarre il proiettile dalla spalla. Per il trentanovenne un prognosi di dieci giorni. Sull episodio sono al momento più che mai vive le indagini da parte dei carabinieri monzesi. IVANO GRANATO Latorre agli studenti «Siamo fieri di voi» Il commento del rettore dopo la puntata di AnnoZero COSENZA «Sono orgoglioso di voi e della determinazione con cui, durante la trasmissione AnnoZero, giovedì scorso, dall aula Filologia 8, avete difeso il buon nome della nostra Università e ciò che essa rappresenta per la Calabria». E quanto scrive il rettore dell Università della Calabria, Giovanni Latorre, in una lettera aperta agli studenti ed ai ricercatori dell ateneo. «Interpreto certamente il sentimento di tutto l ateneo - aggiunge Latorre - se individuo nelle vostre parole e nelle argomentazioni che avete sostenuto, non soltanto il desiderio che accompagna la vostra quotidianità, di essere protagonisti del cambiamento nella nostra regione, ma anche la ferma volontà di impedire che l ateneo di Arcavacata finisca nel tritacarne della generalizzazione scandalistica. Vittima anch esso del clima di caccia alle streghe con cui da qualche tempo i media, e alcuni settori politici del Paese, considerano e pretendono di affrontare i problemi dell università italiana». «Grazie ai vostri interventi e alle puntuali e competenti riflessioni utilizzate nella circostanza - afferma ancora il rettore - l immagine dell Unical non ha subito i contraccolpi temuti e, dopo le vicende dei giorni scorsi, il suo cammino lungo il percorso «Si è evitato che l Ateneo finisse nel tritacarne del generalismo scandalistico» che la vede impegnata, ha ripreso lo slancio di sempre. Quello che avete detto durante il collegamento è esattamente ciò che avrei sostenuto anch io, se mi fosse stato chiesto di intervenire alla trasmissione. Ciò che, con la stessa forza e determinazione mostrata da voi, mi sarei impegnato a rivendicare in quel difficile e imprevedibile faccia a faccia mediatico». Secondo Latorre, «quel che è accaduto, non posso e non possiamo negarlo, al di là degli aspetti giudiziari che impongono un atteggiamento tanto rispettoso per l azione dei magistrati quanto garantista per le persone coinvolte nell inchiesta, merita il massimo di autocritica e il più fermo impegno a mettere in campo ogni misura capace di scongiurare il ripetersi di altre situazioni come queste. Sono, siamo consapevoli che qualcosa ha funzionato male e che servono meccanismi di controllo ancora più severi di quelli esistenti, in grado di frenare sul nascere qualunque elemento di potenziale condizionamento dell attività scientifica e della gestione dell ateneo. Questo, ripeto, sarà oggetto di approfondita valutazione e di una conseguente applicazione sul campo. Ma oggi la scommessa che posso e che possiamo tutti affermare di aver vinto, è quella di aver lavorato bene non solo sul fronte, certamente importante, della formazione e della crescita culturale degli studenti, ma anche sul versante, per molti aspetti, forse, ancora più decisivo, della maturazione ideale e della coscienza civile dei nostri ragazzi». «Vi chiedo, vi chiediamo tutti - conclude la lettera del rettore Latorre - di continuare su questa strada, con pacatezza ed equilibrio, e di essere, come avete dimostrato, la speranza e la certezza non solo dell Università, ma della Calabria. Ve ne saremo sempre grati e, orgogliosamente, lo testimonieremo fin quando ci sarà possibile farlo». Identità e rinascita per il Sud Quando la cultura è la differenza RENDE (CS) E stata presentata a Rende l associazione culturale Identità e rinascita del Sud, «che riunisce - è detto in un comunicato - uomini e donne meridionali che intendono assumersi in prima persona la responsabilità di tutte quelle azioni necessarie per riappropriarsi della smarrita identità culturale del Mezzogiorno d Italia e su di essa fondare la sua rinascita politica, culturale ed economica, secondo una prassi di assoluta trasparenza e rispetto delle leggi dello Stato e della Costituzione». Sono intervenuti il presidente dell associazione, Franco Ferraro, il professore Antonio Mucciardi ed il dottor Antonio Lavorato» L associazione, che a poche settimane dalla sua fondazione ha raccolto in Calabria numerose adesioni - prosegue la nota - intende far conoscere ed ampliare la propria attività e presenza in tutto il Meridione d'italia, proprio per meglio diffondere i valori fondanti del proprio agire si organizzeranno incontri e dibattiti nelle diverse regioni del sud. E stato messo in campo un programma ambizioso al quale l associazione Identità e rinascita del sud intende porre in essere, senza assumere alcuna specifica connotazione partitica, ma pronta ad appoggiare e collaborare, di volta in volta, con quelle formazioni politiche, culturali, e finanziarie che si attiveranno nella realizzazione dei progetti che vengono elaborati e proposti». 6%"-/'!$))7"."5"+'!$))/'*/%0"0/8 )/'&+,"$01'!$))/'9$)"0$&$':/'#+)30+ +-/(("/%$',+.'3.'*/))+.$8 3./'030/'$!'3.'-/55+'!"';"+%"'")'*",,+)+ <.0+.".+'=/(/.1'$')/'&3/';/-"()"/',:$';"./)-$.0$'&+.+'%"0+%./0"'/

8 ! "#$%$&'$ ) &#&**"*$ -./ (!"#$%&!"#$%&'()*'#!++,#'()*#(+, "+,($22'.."9,$8$62"89 Volantino minaccioso delle Nuove Br annuncia la ripresa della lotta armata!"#$%&'("#)!"#$%&&'(()*#'#+),$'#-./*0%#1,)('2%#3*&&%4#5#&2'2* +'22*#,)2,*0',%#6'0'"2)#'778)"(,%&&*#6%77'#,%6'9)*"%#6)#:,)$*#;'"'7% '77'#<=%9)'> C7#$%&&'(()*#5#&2'2*#'22';;'2* ;*"#7*#&;*2;D#&/77'#=*,2'#'#0%2,)#6%778)"(,%&&*#=,)";)='7%#%6#5#&2'2* 2,*0'2*#6'#/"#()*,"'7)&2'B <%;*"6*#7%#=,)$%#)"+*,$'9)*")> "%7#6*;/E $%"2*#&)#=',7'#6)#7);%"9)'$%"2)#%#&)#=,%'""/";)'#)7#,)2*,"*#6%77'#7*2E 2'#',$'2'B C7#6*;/$%"2*#5#&2'2*#&%F/%&2,'2*#6'77'#G)(*&B -.%&&/" ;*$=,*$%&&*#&',H#=*&&)I)7%#;*"#)#;',"%+);)#6%77'#7)I%,2H#%#6%)#6),)2E 2)B 3*$=%,%$*#78';;%,;D)'$%"2*#6%7#,%()$%#=7/2*;,'2);*4#&)#7%((% '";*,'#"%7#6*;/$%"2*> 7'#;/)#)"2%&2'9)*"%#,%;'#7'#&2%77'#'#;)"F/% =/"2%B C7#2%&2*> &;,)22*#=,*I'I)7$%"2%#;*"#/"#;*$=/2%,#%#+),$'2* ;*"#)7#"*,$*(,'+*> 5#I,%0%#%#,)+%,)&;%#6%77*#-&+,/22'$%"2*#6%7#=,*E 7%2',)'2*4B -J8)"('""*#E#&)#7%((%#E#"*"#&%,0%#=)KL *,$')#2/22)#)#=,*7%E 2',)#&'""*#;D%#)7#(*0%,"*#;'=)2'7)&2'> )$=%,)'7)&2'#%#)#=',2)2)#;7'&&)&2) F/'7)#;D%#&)'"*#MBBBN#"*"#+'""*#'72,*#;D%#)$=/2,)6),%#F/%&2'#;,)&)4B C7 6*;/$%"2*#;*";7/6%#'++%,$'"6*#;D%#-)7#2%"2'2)0*#6)#&=%("%,%#7% 0*;)#6)#6)&&%"&*#;D%#&2'""*#"'&;%"6*#"%77%#+'II,);D%#%#"%)#2%,,)2*,) =,*6/,,H#;*$%#/");*#,)&/72'2*#78)"'&=,)$%"2*#%#78)"2%"&)+);'9)*"% 6%77'#7*22'#',$'2'4B "+,#'%:":')9 Un egiziano per la poltrona di sindaco Lo sostiene una lista di centrodestra *"+,-"#) O'#PQ#'"")> 0)0%#)"#C2'7)'#6'#RS> 5#%()9)'"*#%6#5#&2'2*#;'"E 6)6'2*#=%,#7'#;',);'#6)#&)"6';*#6)#:'6*0'#6'77'#J)&2'#'/2*"*$'#)$E $)(,'2)#=%,#7%#7)I%,2H> '==*(()'2'#6'7#;%"2,*6%&2,'B T*D'$%6#UDE $%6>,)&2*,'2*,%> ;*"6/22*,%#2%7%0)&)0*> D'#)&=),'2*#2,'#78'72,*#7'#=,)E $'#,*"6'#$/72)%2");'#)2'7)'"'B J'#"/*0'#7)&2'#;D%#7*#&*&2)%"%#D'#/"' ;*$=*"%"2%#$'(()*,)2',)'#)2'7*,*$%"'B -C#,*$%")#;D%#D'""*#6),)2E 2*#'7#0*2*#E#'++%,$'#)7#$%6);*#,*$%"*#G)$)2,/#C7)";'#E#&*"*#;),;' V$)7'> '22/'7$%"2%#&*7*#/"#;%"2)"')*#6)#7*,*#5#)&;,)22*#'77%#7)&2%#%7%2E 2*,'7)#6%7#?*$/"%> $'#"%)#=,*&&)$)#$%&)#=',2),H#/"'#(,'"6%#;'$E ='("'#)"+*,$'2)0'4B?*$=7%&&)0'$%"2%>,)+%,)&;*"*#7%#2%&2'2%#7*;'7)> (7)#&2,'")%,)#'#:'6*0'#&*"*#)"#2/22*#;),;'#W$)7'B -X*(7)'$*#E#D'#6%2E 2*#6'#=',2%#&/'#78'00B T'22%*#?'0'22*"#=%,#U77%'"9'#.'9)*"'7%#E ;D%#78)"2%(,'9)*"%#=',2'#6'#/"'#,'==,%&%"2'"9'#)&2)2/9)*"'7%4B!"#$%&"'($%)"* +',-."+/ 01,#'2',344("+',56$#'6"7 Il sindacato: «I tagli si faranno entro fine anno» ROMA Natale amaro per i precari. La crisi rischia di mandare a casa quattrocentomila lavoratori a termine. Così stima la Cgil che prende in considerazione solo il settore privato dove operano con contratto diverso dal tempo indeterminato, 3,4 milioni di giovani. «Di tutti questi lavoratori - concludono i ricercatori del sindacato - quattrocentomila circa rischiano di perdere il posto alla scadenza dei contratti il prossimo 31 dicembre». Un anticipo di quella «valanga» distruttrice che aveva annunciato tristemente pochi giorni fa il segretario della Cgil Gugliemo Epifani. Già nei mesi scorsi, molte aziende prima di ricorrere alla cassa integrazione per i lavoratori con contratto standard, hanno preferito non rinnovare i contratti a tempo determinato, oppure hanno rescisso i contratti vincolati alla realizzazione di un progetto. «La situazione è gravissima», dice allarmato Cesare Damiano, viceministro del Lavoro nel governo ombra del Pd, «bisogna intervenire immediatamente a favore dei lavoratori precari attraverso ammortizzatori sociali». Persino la maggioranza è preoccupata: «È chiaro che a causa della crisi, ci sarà una stretta sul versante dell occupazione», ammette il vicepresidente della Commissione lavoro della Camera Giluliano Cazzola del Pdl, anche se a suo parere i dati diffusi dalla Cgil gli «sembrano esagerati». Poi cerca di tranquillizzare: «Il Governo sta preparando delle misure sul fronte degli ammortizzatori sociali per queste categorie. Le risposte ai problemi posti dalla Cgil in qualche modo il governo le sta valutando». Ma il tempo stringe e «occorrono misure concrete, non promesse», come riassume l ex ministro del Lavoro Damiano. Secondo il segretario confederale della Cgil Fulvio Fammoni, nel gruppo Fiat entro fine anno, tra contratti a tempo determinato e somministrati, ci saranno posti in meno, mentre il settore alimentare perderà contratti a termine. «C è poi una fortissima riduzione dell interinale - ha aggiunto Fammoni - già nel terzo trimestre dell anno che peggiorerà nel quarto». A questo si aggiungono i precari di Alitalia e i tanti lavoratori già in cassa integrazione. «I provvedimenti annunciati dal governo a tutela di questi lavoratori non vanno bene», sottolinea il sindacalista della Cgil. «Gli stanziamenti previsti per gli ammortizzatori non bastano e comunque sono previsti dal 2009 mentre ai precari serve una tutela subito, adesso, prima del 31 dicembre». +;'88"29,"2)")<&"9%'+$ Fini: Di Pietro è incompatibile con un quadro di regole democratiche.,/"#) -U0%"6*#7%22*#/"'#='(%77'#&;*7'&2);'#6)#G)#:)%2,*#D*#7' ;*"+%,$'#6%77'#&/'#&;',&'#6)$%&2);D%99'#;*"#7'#7)"(/'#)2'7)'"'B Y*,&% F/%&2'#%0)6%"2%#%#=%,6/,'"2%#6)++);*72H#=/Z#&=)%(',%#(7)#%,,*,)#;*"E 2)"/)B T'#&%#F/%&2*#&=)%('#7'#(,'$$'2);'#;',%"2%> '72,*0%#0'""*#,)E ;%,;'2%#7%#,'()*")#6%77'#'77/;)"'"2%#=*,2'2'#6)#'7;/"%#'++%,$'9)*")B G)#:)%2,*#"*"#=%,6%#*;;'&)*"%#=%,#;*"+%,$',&)#)";*$='2)I)7%#;*" /"#F/'6,*#6)#,%(*7%#6%$*;,'2);D%4B J*#D'#'++%,$'2*#)7#=,%&)6%"2% 6%)#&%"'2*,)#6%7#:67> T'/,)9)*#['&=',,)B "+,)6'8'.+"9,:$+,5:+ Rotondi: serve un chiarimento non possiamo fondare un partito al dì.,/"#) -1%"0%"/2*#'77'#<'"2'";D5#%#'77%#=%,&*"'7)2H#;D%#&;%(7)%E,'""*#)7#:67> $'#"%7#=',2)2*#&%,0%#/"#;D)',)$%"2*L "*"#=*&&)'$* &;)*(7)%,%#)#"*&2,)#=',2)2)#%#=*)#+'0*,),%#7'#+*"6'9)*"%#6)#/"#=',2)2*#'7 ()*,"*B C#&*;)#+*"6'2*,)#6%7#:67#&*"*#Y*,9'#C2'7)'#%#U77%'"9'#.'9)*E "'7%> =*)#D'""*#'6%,)2*#G;'>U9)*"%#&*;)'7%> :&)> :,)#%#)7#=,%&)6%"2% G)")B :%,#"*)#78%7%";*#&)#;D)/6%#F/)#*#)7#I'";*#&'72'4B J*#D'#6);D)','E 2*#)7#&%(,%2',)*#6%77'#G;'> [)'"+,'";*#3*2*"6)B :"6".$%)",:",5'6)")9 Giovani del Pd, Raciti eletto segretario su un totale di 120mila partecipanti.,/"#) C"#F/%&2*#+)"%#&%22)$'"'#&)#&*"*#&0*72% 7%#%7%9)*")#6)#6),)(%"2)#,%()*"'7)#%#=,*0)";)'7)#6%7#:6B T'#&)#&*"*#&0*7E 2%#'";D%#7%#=,)$',)%#6%)#()*0'")B \#&2'2*#%7%22*#2,'#(7)#*72,%#]QS$)7' =%,&*"%#2,'#)#]R#%#)#QW#'"")> Y'/&2*#3';)2)> =,)$*#&%(,%2',)*#6%7 $*0)$%"2*#6%)#()*0'")#6%7#:6B C7#&%(,%2',)*#6%7#:',2)2* 6%$*;,'2);*#^'72%,#X%72,*")#(7)#D'#)"0)'2*#7%#&/%#;*"(,'2/7'9)*")B #9(5'.%"',:",='%:"$6' Ancora troppi nodi Cai prende tempo ROMA Mancano ancora diversi passi prima che Cai possa partire. Difficilmente si riuscirà a rispettare la data prevista del primo dicembre considerando il nodo non ancora sciolto della cassa integrazione, oggetto di una riunione oggi con i sindacati, e le pronunce dell Antitrust italiano e quello europeo. Anche se il presidente dell Antitrust Antonio Catricalà ha annunciato che anticiperà le sue conclusioni sul dossier Alitalia prima del 20 dicembre ( senza sfruttare tutti 30 giorni a disposizione da quando la documentazione è arrivata, ossia giovedì), fonti vicine a Cai spiegano che bisogna comunque vedere quando realmente tutti questi passaggi saranno stati compiuti. «Non possiamo individuare una data adesso», dicono alla Cai, lasciando intendere che si farà del tutto per partire il 15 dicembre e non proprio durante le feste natalizie. Catricalà a Domenica In ha detto che non si può «chiedere ad Alitalia di vendere gli slot, le rotte, la legge ce lo impedisce. Faremo però in modo che i viaggiatori italiani non debbano rimpiangere il vecchio duopolio Alitalia-AirOne». Per Catricalà occorre pensare sia ai passeggeri che guardano al prezzo sia a quelli che magari possono spendere di più e vogliono avere la comodità di cambiare biglietto fino all ultimo momento. «Speriamo di avere tutte queste caratteristiche» ha sottolineato il presidente dell Antirust rilevando che «l aereo è un mezzo importante e non è già sostituibile con il treno». 8"."+'%&',6'" Il Cav: c è il passaparola per prendermi in giro L AQUILA «È passata la parola tra tutti i conduttori, Rai e non, che stanno a sinistra di far convergere sul presidente del Consiglio prese in giro e a volte insulti, oltraggi, molto spesso menzogne». Silvio Berlusconi, in conferenza stampa ieri a L Aquila, torna su quello che, a suo giudizio, è un atteggiamento di dileggio, nei suoi confronti, da parte di tv pubbliche e private. «Domenica ho guardato la tv e c ero sempre di mezzo io, sempre attaccato in malo modo. Sono fenomeni che tutti possono verificare guardando la tv», afferma. «Quanto a trasmissioni come Ballarò, Porta a Porta, Annozero e Primo Piano ho pregato ministri e sottosegretari di non prestarsi a risse - aggiunge - cosa contraria agli interessi dei conduttori che dalla rissa aumentano gli ascolti, ma non dignitosa per chi ha responsabilità di governo». Il premier fa un accenno, rispondendo a una domanda, allo stallo che blocca la Vigilanza Rai: «È una situazione kafkiana, noi non possiamo incidere su nulla». E comunque «il presidente del Consiglio non si lascia influenzare da questa opposizione e dai suoi comportamenti». Poi Silvio Berlusconi torna sulla crisi economica e sul «pessimismo» del centrosinistra, del quale afferma di non voler tener conto. «Sono ottimista - afferma - e non credo sia logico dare troppo spazio al pessimismo che purtroppo troppi media diffondono e che è la canzone quotidiana della nostra opposizione, che è lungi dall'opposizione americana, pronta ad unirsi alla maggioranza in un momento di crisi». E sulla crisi, Berlusconi insiste: «Solo i cittadini con il loro comportamenti, non cambiando le loro abitudini di vita e lo stile dei loro consumi, possono determinare la profondità della crisi economica. Io resto ottimista ma dico anche con grande chiarezza che c'é una crisi globale nel mondo della finanza con ricadute sul mondo reale. E insisto: gli italiani con il loro comportamento possono determinare la profondità di questa crisi».

9 234567!"#$%&'()*'#!++, 1! " # $ % $ & ' $ ( ) ( * & # & + + " + $!"#"$%&" '%"!"#$$#%&'$$(%)*+#$(, -%.#$'/0*( I giovani studenti torinesi fanno un blitz di protesta al Film Festival ;#;%-%/(0%8"#..#%8("&0 TORINO Si scalda il dibattito sulla tragedia che sabato ha colpito il liceo di Rivoli (Torino), dove un crollo ha provocato la morte del diciassettenne Vito Scafidi. Per il premier si è strattato di una tragica fatalità. Il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni denuncia invece «la situazione fatiscente degli edifici scolastici nel nostro paese» considernado la «situazione da terzo mondo». Il ministro della pubblica amministrazione Brunetta riconosce il problema, ma sottolinea che la stragrande maggioranza degli edifici funziona. Sulla tragedia la procura di Torino ha aperto un'inchiesta per per disastro e omicidio colposo. Intanto monta la protesta. Ieri pomeriggio un ottantina di studenti hanno fatto irruzione al Cinema Massimo, dove è stata interrotta la proiezione di uno spettacolo del Torino Film Festival. Gli studenti, arrivati dopo un assemblea a Palazzo Nuovo (sede delle facoltà umanistiche dell università), hanno interrotto la proiezione di «Berlinguer ti voglio bene», invitando gli spettatori a unirsi alla loro protesta. La sala si è parzialmente svuotata, ma non sono mancati malumori e momenti di attrito. Durante la marcia per le vie del centro i manifestanti hanno urlato slogan che accomunavano l'incidente all istituto scolastico con l'incendio alla Thyssenkrupp: «Di scuola e di lavoro non si può morire», «Rivoli e alla Thyssen, per non dimenticare». Il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta riconosce che esistono problemi di manutenzione nelle scuole come nel resto del patrimonio pubblico del Paese, ma vuole anche rassicurare perché «esistono migliaia, decine di migliaia di plessi scolastici con comunità di insegnati, studenti, presidi, genitori bene attenti ai loro figli, alla loro scuola, e la stragrande maggioranza del sistema va, non va come dovrebbe andare, però va». Tanti i bigliettini e i fiori sul cancello dell istituto. «Non è possibile che nel 2008 un ragazzo debba perdere la vita nella propria scuola», si legge su un biglietto. «Dolce angelo, tu in questa maledetta scuola ti sei spento ingiustamente», recita un biglietto dedicato a Vito. Qualcuno ha lasciato anche dei fiori. Una rosa blu, una margherita: «Non ti conoscevo - è scritto su un biglietto attacco a uno dei mazzi - ma la tua morte mi ha lasciato senza parole. Addio Vito». Due nonne 70enni arrestate per spaccio di cocaina ROMA Due nonne romane, di 70 e 68 anni, sono state arrestate dai carabinieri nella capitale, in due distinte operazioni, con l accusa di spaccio di cocaina. La donna di 70 anni, che è al suo nono arresto, secondo gli investigatori, riforniva i piccoli pusher del litorale. L anziana è stata sorpresa nella sua abitazione di Ostia, dove i carabinieri sono intervenuti con l ausilio delle unità cinofile e di personale femminile dell Arma. Tra gli effetti personali della donna, i militari hanno trovato le dosi di cocaina e il denaro contante, probabilmente provento dell'attività di spaccio. A Tor Bella Monaca l altro arresto: a finire in manette è stata una donna di 68 anni, madre di tre figli e nonna di sette nipoti, che, per «arrotondare» la pensione, confezionava dosi di cocaina, in piccolissime bustine di cellophane termosaldate. Sono stati sequestrati, nel suo appartamento, bilancini di precisione, frullatori e mezzo chilo di cocaina: il tutto era contenuto in una busta, sul tavolo della cucina. /($8'/.# Neve da nord a sud e andrà anche peggio ROMA Neve al Nord, vento e mareggiate al Sud, temperature in picchiata ovunque per la perturbazione di origine polare ampiamente annunciata nei giorni scorsi. È un anticipo di inverno quello che ha colpito in queste ultime ore l Italia. E le temperature continueranno a calare decisamente anche nei prossimi Disagi in tutta la Penisola per le condizioni meteo Due turisti dispersi a Ischia giorni. Il mare mosso ha causato diverse interruzioni dei collegamenti con le isole. In Sicilia disagi per alcuni traghetti rimasti per ore ancorate al largo di Palermo per l impossibilità di attraccare nel porto. Danneggiate alcune navi ormeggiate. Nella mattinata di oggi la situazione è migliorata e i disagi sono diminuiti: sono ripresi i collegamenti con Napoli e Genova, ancora sospesi quelli con Ustica. Sempre in Sicilia, isolate le Eolie a causa della violenta tempesta che si è abbattuta sull'arcipelago. Ingenti i danni causati dalle onde che hanno eroso parte delle coste mettendo in pericolo strade e abitazioni. Mare in tempesta nella notte anche nel golfo di Napoli. Forti ritardi nei collegamenti marittimi; solo i traghetti hanno avuto il via libera. Capri è rimasta isolata. Situazione analoga sull Adriatico: sospesi i collegamenti tra il porto di Termoli e le isole Tremiti (Foggia). Forti mareggiate in Calabria sul litorale lametino e sulla costa di Pizzo (Vibo Valentia), sul Tirreno. Chiuso il porto di Gioia Tauro. In Sardegna stop navi nel porto di Golfo Aranci. Primi fiocchi di neve in Sila e in Puglia. Dopo la terribile giornata di sabato in cui il maltempo ha duramente segnato il territorio calabrese oggi la situazione è migliorata, è cessato il forte vento e solo in alcune zone piove. In Sila ha fatto la sua comparsa la prima neve che ha imbiancato gli alberi e le case, ma senza arrecare alcun disagio alla viabilità. A Camigliatello Silano e Lorica si lavora per preparare gli impianti sciistici. Complice il maltempo, due turisti si sono persi nei boschi del Cretaio (Ischia) e intorno alle 17 di ieri hanno lanciato l allarme al 112 dei carabinieri, non riuscendo a trovare la strada per il ritorno. Le ricerche sono partite immediatamente, ma i militari non sono riusciti a localizzare i dispersi. 0;*0&';80 Undici morti sulle strade ROMA Carneficina sulle strade italiane nel weekend appena trascorso. Undici morti e diversi feriti è il tragico bilancio degli incidenti che si sono susseguiti a cominciare da sabato notte. Nel Novarese a perdere la vita è stato un ragazzo di 27 anni. Sulla A13 un ferrarese di 48 anni è morto dopo aver imboccato contromano il raccordo autostradale Ferrara-Lidi. Altro scontro frontale con morto nei pressi di Tortona (Alessandria). La vittima è un marocchino di 29 anni. Sempre in provincia di Alessandria è morto un altro marocchino di 56 anni sabato sera, poco dopo le 22. Alle 4 del mattino di ieri un incidente sulla strada statale 115 nei pressi di Siculiana (Agrigento), ha tolto la vita ad una giovane di 22 anni della provincia di Pavia, in vacanza in Sicilia. Alle 5 di ieri, ancora, sull A1 è morta una coppia di albanesi residenti a Piacenza. Alle 5.30 nel Paramense muore una ragazza di 19 anni. Due morti e due feriti gravi sulla strada statale 460, nel territorio torinese. E infine, a Roma poco dopo le 8 due incidenti in rapida successione. Muore un carabiniere di 33 anni che con la sua moto è finito contro le due auto che poco prima si erano scontrate. $(%$#88(%.(*090*( Il Dalai Lama non si ritira «Non mi fiderò più della Cina» NEW DEHLI La comunità tibetana è «in grave pericolo» avverte il Dalai Lama nel giorno in cui ritira ogni proposito di dimissioni. Il Dalai Lama dice di aver perso tutta la fiducia nelle autorità cinesi dopo il fallimento di anni di negoziati sullo statuto del Tibet. «Negli ultimi tempi ho perso sempre di più la fiducia nelle autorità cinesi» ha detto il leader tibetano intervenendo alla chiusura dell'assemblea speciale sul futuro del Tibet che ha visto riunirsi oltre 600 tra monaci e sostenitori della causa tibetana di tutto il mondo a Dharamsala, nel nord dell India, sede del governo tibetano in esilio. «Nei prossimi vent anni dovremo fare molta attenzione alle nostre azioni e alla nostra strategia, perché la comunità tibetana è in grave pericolo». '$':0#;0%+)( Hillary segretario di Stato? «È troppo filo-israeliana» WASHINGTON Il mondo arabo, i palestinesi in particolare, temono che la scelta di Hillary Clinton come prossimo segretario di Stato da parte di Obama stia a significare il proseguimento della politica estera americana così come è stata impostata finora e che loro ritengono troppo sbilanciata a favore di Israele e aggressiva nei confronti dell Iran. Le posizioni di Clinton, scrive il Washington Post, ne fanno verosimilmente la più filoisraeliana tra tutte le candadiature prese in considerazione da Obama. Durante le primarie Clinton disse che gli Stati Uniti potrebbero «obliterare» l Iran se questo lanciasse un attacco nucleare contro Israele. «Gli Stati Uniti sono dalla parte di Israele, ora e per sempre», ha detto Clinton in giugno ad una conferenza della lobby pro israeliana Ai-Pac. '$':0#;0%+)(<= E rispunta il Ku Klux Klan «È la reazione dopo Obama» NEW YORK Il Ku Klux Klan rialza la testa. Cappi dell impiccato che evocano i linciaggi degli schiavi neri, croci bruciate come ai tempi di Mississippi Burning, graffiti razzisti, minacce di morte: nell America di Barack Obama si stanno moltiplicando i segni inquietanti lasciati dal KKK, il più potente simbolo dell odio razziale. Oltre 200 incidenti imputabili a gruppi razzisti, anche se non tutti agli incappucciati del KKK, sono stati catalogati dalle forze dell'ordine da quando gli elettori americani hanno mandato per la prima volta un nero alla Casa Bianca. «La retorica è fuori controllo» avverte Brian Levin, direttore del centro per lo studio dell estremismo presso l'università di California a San Bernardino. «L elezione di Obama ha provocato una fortissima reazione».!"#$%#&'(!"#"!" $% )*"+,-'&&./ 0 &#'(# 1).2'34+5 6%'2#"'3$',)"7( )*+,-./ ).32#89#'%#(!.44*523./ /! )26.:83*/! :#%'$$.%',8'3'%+9'( ;284./! !"#"$%&" '%" :#%'$$.%',%'2;.32+<#9' ;*.6./;.662%<2832 )+;.%'"+$$.%',&'3$%+9' =*4>*4*/?*6*42%. =* )+;.%'"+$$.%',&'3$%+9' =* )+;.%'"+$$.%',&'3$%+9' $-87*3./B8-848 &85*A2.38/!83-4*68/ )*"+,-'&&./ 0,>'3"',1)?5 #3B.C&+9+<%#+.%+*#$ $'9* ).%2.,N+44#3#/ JIF $'9* DEIJ*HDKDLI,,,DEIJ*HFHJED,,,B+M,DEIJF0DJIJ &8992./!*6*>42*C O#+,P#3.,Q#M#./ GF $'9* DEIL*GKFGGI,B+M,DEIL*GDDHED $25843.C O#+,72;%.A.3$'/ B+M,DEII*LL0IJ B2>./B*683-2*C &*2. =#$$.%#.,!A+3R'9',SSS/ JKG $'9* D*:8A2*/?84:8C O#+,-'.3+%".,"+,=#3&#/ G $'9* DEI0*FFJ00F,,B+M,DEI0*FDDKIE &.,,*3.C O#+,T+9'+3./ DE0G*KEDIDF,B+M,DE0G KEKKKD ;*.6*C O#+9',S;;.&%+$'/ B+M,DE0K*L0GLDG 7R$*U%#<* "#,)?,3* HH0,"'9,KI*DJ*DI >V),3* JGGJD,"'9,E*DK*DI P* #2&%#4#.3',79<.,)..;'%+$#O',7,JHLLJL )'3$%.,?$+A;+,?$+<*U#;.8%+B#&.,:',>.2' N.3$+9$.,WBBR8.,1)?5 6R<<9#&#$X ).3&'22#.3+%#+,'2&9R2#O+ #+4.:252*/,46 2'"'( O#+,T#.O+33#,YYSSS/ I DE0FZ0FIDL0,B+M,DE0FZ0FHJLD >V),,3* JFD0H,"'9,JK*DH*DI WBB#&#(!*-*3A*4.C ).%2.,N+44#3#/ DEIJHDKDLI,,B+M DEIJF0DJIJ, B2>./B*683-2*C &.%2.,=#$$.%#.,!A+3R'9',SSS/ JKG $'9* &8992./!*6*>42*C O#+,P#3.,Q#M#./ GF,>'88#.,)+9+<%#+ $'9* DEILZGKFGGI,B+M,DEILZGDDHED &.AA'%&#+9',GD/DD,'R%.[ %#&'%&+,"#,;'%2.3+9',GD/DD,'R%.[ 9'8+9',ED/DD,'R%.,Z,A."*[ 3'&%.9.8#'/ ;+%$'&#;+4#.3#/ +33#O'%2+%#/ %#&.%%'34',KL/DD,'R%.* N+3&\'$$',;%#A+,;+8#3+,&.9.%',JLD/DD,'R%.,&+"+R3+ ]#3'2$%'99+,;%#A+,;+8#3+,&.9.%',LDD/DD,'R%.,&+"+R3+ N+88#.%+4#.3#( "+$+,B#22+/ B'2$#O#/ ;.2#4#.3#,"#,%#8.%'/ &.9.%'( $.,KD^* ).32'83+,A+$'%#+9#,F0,.%',;%#A+,"'99+,;R<<9#&+4#.3' 6R<<9#&#$X,-'8+9'( #+4.:252*/,46 2'"'( O#+,T#.O+33#,YYSSS/ I DE0FZ0FIDL0,B+M,DE0FZ0FHJLD 6R<<9#&#$X,P+4#.3+9'( U'9* GGE*GGKFGLI

10 LUNEDÌ 24 novembre 2008 PAGINA 9 l ora di Cosenza Tel Fax Mail: FARMACIE GUARDIE MEDICHE CINEMA Intervallo pomeridiano BERARDELLI corso Mazzini, 40 tel. 0984/26452 DEL VECCHIO via P. Rossi, 3 tel. 0984/75881 Rende PELLEGRINI piazza M. L. King, 11/12 (Metropolis) tel. 0984/ Servizio notturno CHETRY piazza Kennedy 7 tel. 0984/ COPPOLA TANCREDI via Tribunali 2/4 (centro storico) tel. 0984/27575 Cosenza via delle Medaglie d Oro, Castrolibero Rende centro paese Rende Roges Rende Arcavacata Montalto Uffugo CITRIGNO via Adige 0984/25085 Sala 1: Twilight 17.30/20.00/22.30 Sala 2: High school musical /18.10 a seguire 007- Quantum of solace 20.15/22.30 MODERNISSIMO c.so Mazzini 0984/24585 (chiuso lunedì) Nessuna verità 17.30/20.00/22.30 SAN NICOLA p.zza San Nicola (chiuso mercoledì) La fidanzata di papà 16.30/18.30/20.30/22.30 GARDEN via Torino 0984/33912 Sala Garden: Changeling 17.30/20.00/22.30 Sala A: Galantuomini 16.30/18.30/20.30/22.30 Sala B: The orfanage 16.30/18.30/20.30/22.30 Quartieri senza luce dopo il maltempo Il 5% delle utenze ancora al buio. Enel: stiamo lavorando Nemmeno l Enel spa è in grado di dare un quadro preciso dei tantissimi black-out che si sono verificati a Cosenza e nei comuni vicini a causa del maltempo che nella giornata di sabato ha flagellato soprattutto la provincia di Cosenza e un po tutta la Calabria: «Il sistema fa le bizze ma abbiamo circa 50 operai al lavoro solo tra Cosenza e Rende. Per il 95% delle utenze è stato ripristinato l allaccio della corrente elettrica per il restante 5% stiamo lavorando». Il problema principale per gli operai Enel è che i danni nella stragrande maggioranza dei casi provocati dalla caduta di alberi o grandi rami spezzati dal vento sui cavi dell alta e media tensione sono distribuiti a macchia di leopardo, rendendo estremamente complesse e laboriose le operazioni di ripristino del servizio. Per far fronte a una situazione oggettivamente straordinaria Enel spa è stata costretta a ricorrere anche a personale proveniente da altre regioni. Ieri sera, al momento di andare in stampa c erano ancora diverse zone della città ancora prive di energia elettrica. A via Cattaneo, per esempio, ma anche a contrada Badessa, i residenti di numerose abitazioni e condomini erano esasperati. Ci sono casi in cui i black out hanno superato le 24 ore, creando gravi disagi. Problemi analoghi anche a Rende, dove ieri sera c erano ancora 20 utenze rimaste prive di allaccio alla rete elettrica. Nonostante il vento di maestrale le cui raffiche hanno soffiato oltre i 120 chilometri orari si sia ormai calmato, anche ieri le squadre della protezione civile (coordinate dalla Prefettura) e soprattutto dei vigili del fuoco hanno lavorato ininterrottamente. Centinaia di interventi si sono resi necessari per eliminare i pericoli: alberi e rami spezzati, cartelli stradali e cartelloni pubblicitari scaraventati a terra, cornicioni, tegole e pezzi di copertura pericolanti, frane e smottamenti. Nottata da incubo anche per le squadre del Comune di Cosenza, che hanno lavorato a lungo, con l ausilio di un autospurgo, per tentare di liberare i tombini ostruiti dalle foglie secche e La Prima Repubblica è densa di avvenimenti che passeranno giustamente alla Storia: la Costituente, i grandi partiti di massa con i loro prestigiosi leader e con i loro valori ed idealità, le lotte popolari per il lavoro, i diritti sociali, la democrazia. Ma anche di tante pagine nere, su cui i poteri forti hanno sempre cercato di calare omissis ed insabbiare la verità: tentativi golpisti, servizi segreti più o meno deviati, stragi più o meno di stato, logge massoniche coperte, scandali ed affari più o meno illegali, eccetera. La concezione dell insabbiamento da parte del potere, del contrasto all emergere della verità, è forte anche a Cosenza. Non parliamo ovviamente di fatti così gravi, ma della vicenda (piccola ma pesantissima per la nostra città) di viale Mancini. Lascia attoniti ed esterrefatti la consentire il normale deflusso delle acque piovane, cadute abbondanti per tutto il giorno. Non si segnalano problemi, invece, per quanto riguarda la viabilità. Le strade dell area urbana cosentina sono tutte completamente transitabili. Né le nevicate che ieri hanno imbiancato l Altopiano della Le situazioni più gravi in via Cattaneo e a contrada Badessa Sila hanno provocato particolari disagi alla circolazione. Da segnalare soltanto qualche incidente stradale provocato dalla presenza di acqua sull asfalto. Non ci sono vittime. E i feriti hanno riportato danni di lieve entità. Passata l ondata di maltempo, dunque, ora è il momento della conta dei danni. «Impossibile al momento fare una stima», fanno sapere i vigili del fuoco di Cosenza. Mentre in prefettura è cessato l allarme. Le previsioni meteo parlano di maltempo anche per la giornata di oggi ma in via di attenuazione. dichiarazione del sindaco Perugini, che esprime l apprezzamento per le dimissioni dalla commissione consiliare d inchiesta su viale Mancini del presidente Bartoletti e di tre componenti (tutti e tre di maggioranza, anzi di stretta osservanza peruginiana-ambrogiana, guarda un pò!). I tre si sarebbero dimessi perché il delicato compito della commissione stessa poteva essere svilito dopo che organi di informazione ne avevano rivelato la bozza di relazione finale. Ma chi ha rivelato ad organi di informazione (azione espressamente viatata) pezzi dei lavori della commissione che ancora non aveva terminato il suo mandato? Con quali scopi, se non per strumentalizzarne la pubblicazione? A chi è convenuto che la commissione saltasse? Il dubbio, che nasce anche dalla notizia di una mancanza di condivisione all interno della commissione, è che il problema sia la possibilità che, in qualche modo e in qualche sede, possano emergere precise e forti responsabilità o la mancanza di volontà da parte di questa Amministrazione (la coppia Perugini- Ambrogio e i loro protettori) di riaprire viale Mancini. Perugini, che al solito è affaccendato in cose serie, come capire chi lo ha messo su facebook, preoccuparsi dei deliri di qualche pensionato e soprattutto lavorare alacremente per essere riconfermato (come merita ampiamente) ultimo sindaco d Italia, fa finta di non vedere come la cosa più grave sia la fuoriuscita delle notizie, tant è che nel suo comunicato neanche condanna questo gesto. Prodotto, a mio avviso, con precostituita malafede. DANNI I calcinacci caduti a viale Trieste. In alto, operai del Comune portano via l albero caduto su via Petrarca vicino al liceo Telesio. A sinistra, il semaforo divelto dal vento a Rende e che nessuno si è ancora preoccupato di raccogliere (fotoguru) la polemica Viale Parco, chi ha paura della verità? Non so se si dovrebbe denunciare all autorità giudiziaria questa irregolarità, questa violazione delle normative amministrative da parte della talpa che, verosimilmente, è un membro della Commissione. Forse così si potrebbe arrivare a chi e perché ha fatto ciò. E forse così potrebbero anche emergere verità che qualcuno cerca di celare e concezioni e modalità di gestione del potere da rabbrividire. A chi non conviene la verità? È questa la domanda a cui si dovrà dare risposta al più presto. Ritengo che il sindaco, ancora una volta, non stia dimostrando alcuna sensibilità istituzionale ed alcun rispetto per il compito che è stato chiamato a svolgere, speriamo per poco tempo ancora. Ciccio Gaudio consigliere comunale Prc

11 LUNEDÌ 24 novembre C O S E N Z A calabria ora Corbelli vuole il posto di Principe Ma il presidente della Provincia si è già impegnato con i socialisti Franco Corbelli ci crede: vuole il posto che fu del compianto Cecchino Principe e sta facendo il diavolo a quattro per convincere Mario Oliverio e la sua maggioranza a concedergli la presidenza del consiglio provinciale. Purtroppo quell incarico Oliverio lo ha già promesso ai socialisti. A meno di un anno dal voto, infatti, il presidente della Provincia non intende modificare gli equilibri della sua compagine di governo. Equilibri che gli hanno consentito di arrivare a fine legislatura senza strappi. In mattinata al termine dei lavori della commissione sul Piano territoriale di coordinamento i consiglieri del Partito socialista si incontreranno per stabilire al loro interno chi dovrà assumere la presidenza del consiglio. Ci saranno sicuramente Giuseppe Aieta, Flaviano Federico e Leonardo Trento e Gianni Prillo (l uomo che ha preso il posto di Principe in consiglio). Non ci sarà, invece, Vincenzo Adamo, transitato a destra sulla scia di Mancini, che non è stato nemmeno invitato. L invito è giunto, invece, ad Antonio Ruffolo. Ma non è detto che partecipi. Pare abbia chiesto al partito «un po di tempo per riflettere» da che parte stare, così come ha riferito il segretario provinciale del Ps Gianni Papasso durante l ultimo congresso cittadino. Intanto, anche l Udc e il folliniano deluso dal Pd Piercarlo Chiappetta appoggeranno, insieme al Pdl, la candidatura di Franco Corbelli. Giovedì mattina il fondatore di Diritti Civili si giocherà la carta sperando in qualche improbabile defezione nella maggioranza. «Dopo Fi e An, Oggi la riunione del gruppo che indicherà il nome alla maggioranza i consiglieri Mimmo Barile, Gianfranco Ponzio, Pasqualina Straface e gli altri colleghi del Pdl, che ringrazio racconta Corbelli oggi ho avuto il sostegno di altri due importanti partiti di centro, l Udc e l Idm. Ho sentito al telefono il capogruppo dell Udc in consiglio provinciale, Nino Fiorillo, e il capogruppo di Idm, Piercarlo Chiappetta. Il centrodestra e questi altri due importanti partiti di centro sono uniti e compatti per quella che definisco una comune, grande battaglia di libertà, per una scelta al di fuori delle logiche partitocratiche, che auspico veda insieme anche i consiglieri della maggioranza, così come è stato in questi quattro anni e mezzo per belle e importanti battaglie civili che abbiamo tutti insieme (centrodestra e centrosinistra) condotto nell aula del Consiglio provinciale. Giovedì il Consiglio sarà chiamato ad una decisione importante e che assume una valenza particolare quale segnale di cambiamento e rinnovamento del modo di fare politica e di rappresentare le istituzioni. Per questo ho accettato questa proposta della candidatura da parte del Pdl, consapevole che bisogna finalmente rompere con il passato, con il vecchio modo di fare politica, e dare la libertà ai consiglieri di votare senza rispondere a logiche di partito e di appartenenza, con il solo obiettivo di assicurare al consiglio una guida super partes». Corbelli auspica un voto «rappresentativo di tutti i gruppi politici presenti nell assemblea provinciale». a. b. la denuncia del pdl La Destra Crati si arena sugli espropri «È ormai oltremodo intollerabile la situazione della famosa arteria sulla provinciale Destra-Crati, i cui lavori non sono mai neppure iniziati, nonostante i soldi spesi dalla Provincia di Cosenza per progettazione e incarichi esterni, a causa dell insipienza dell amministrazione Oliverio: incapace di di fare gli espropri a regola d arte». Ad affermarlo è il consigliere provinciale del Pdl Gianfranco Ponzio, che evidenzia come i contenziosi, rischino di pregiudicare in maniera irreversibile l effettiva realizzazione di un arteria tanto importante. «Una situazione che rappresenta la cifra dell incapacità amministrativa della giunta Oliverio e del suo ipotetico progetto della realizzazione di Grandi Opere che dovevano rappresentare il volano dello sviluppo della provincia cosentina», continua Ponzio sottolineando come che l amministrazione provinciale abbia istituito persino un nuovo settore, che doveva occuparsi della realizzazione di questi importanti progetti, e per il quale i cittadini pagano somme considerevoli per compensi a Dirigenti e tecnici esterni, per come si evince peraltro dagli elenchi pubblicati sul sito del Ministro Brunetta: «ma se i risultati sono quelli che stiamo vedendo sulla Destra-Crati dobbiamo purtroppo ancora una volta osservare che questa amministrazione non fa che sprecare risorse perché la mano sinistra non sa che cosa fa la mano destra». la vertenza Drago service le richieste della Cisl Il ritiro immediato delle richieste di trasferimento e il pagamento delle tre mensilità arretrate ai lavoratori. Sono le richiesta che la segreteria sindacale della Fisascat Cisl di Cosenza rivolge alla Drago service sas a proposito della vertenza che riguarda la mensa della Carime a Vaglio Lise ospitata nel palazzone acquistato di recente dalla Provincia. La Cisl fa sapere che «non si stancherà, mai di dire come questo trasferi- «La proprietà paghi i salari arretrati e revochi i trasferimenti» mento sia non solo impensabile ma soprattutto inattuabile». Quindi ricorda che nella mensa di Vaglio Lise attualmente prestano servizio quattro operatori, di cui tre sono esattamente i tre che hanno ricevuto la lettera di trasferimento, e il cuoco. Se questi lavoratori dovessero essere trasferiti in altra sede chi garantirà il servizio mensa ai dipendenti della banca Carime? Come farà la mensa a funzionare? Chi distribuirà i pasti?». Domande alle quali secondo la Fisascat Cisl la Drago service dovrebbe dare «risposte chiare». Intanto, lo sciopero avviato dai lavoratori 15 giorni fa, continua.

12 "#$%&'(!"#$%&'()*'#!++,!!! " # $ % & ' ( # ) " * +,-.-/01-20-!"#$%&'(&)%#*!"#$%"&'(&)"#"*"('&+"(",#&*-%'. /-&(-&0(-++'1'0- +"%%'23&-#0"%-4 5%-$$-#$". /-#0-#"&6&+3$$'/-#3&-( 23%78&0,'. +'&+*3%-. *"++-#"&-++'+$3%3&'&$'1"+' 2'&3#$%-/73&(3&+9,-2%3&& 789:%;7437.(</2=1=+)+->!"#$%&' (F"/-JJ'"&23' $'1"+'&- G3%J-/'#'&- KL&-##'&2-((- +,-&/"%$34 (#)*"*)&+$ ;#%'0"&M"(-#' +1"%$,#-$" *%"$-J"#'+$- 23(&/-$0<&2' '3%'&0"#&9,3( *-("&03#$%-$" -&*"0<' +30"#2'& 2-((-&1'#3& 3%43%(56"&%!"#&,#&0"*%'0-*"&2-&*-+$"%3&+-%2"&'(&+'#2-0"&+' /'/3$'::-&'#&$%'7,#-4 ;&$,$$'&+'&0<'32"#"= +-%>&(,' A3&'(&(,*"&*3%23&'(&*3("&!-%/3#+'$-&'#B303&#"C D)'++&/-$%'/"#'"E&+'&1-&-00-%3::-%3&2-(&B3#$"&3 2-&9,-#$'&(F<-##"&+0-/7'-$-&*3%&,#&$3%%-#"B- A'&B-&-&*3+0-&2'&*,#$'&3&9,'#2'&-#0<3&5%-#0" G%,#"&+'&-2-$$-&-((F"00-+'"#34H(&A-#&I'$"&/"((-&(3 -#0"%3&3&+'&-BB'-&0"(&*3+0<3%300'"&'#&-($"&/-%3 DI BRUZIO Temperatura glaciale al San Vito in questo pomeriggio di fine autunno ma la passione del popolo rossoblù non si fa certo fermare dal freddo che in questi giorni sta imperversando nella città dei Bruzi. In questi casi quando gioca il Cosenza si dice che è tempo da lupi e che quindi il risultato verrà da sé. E infatti gli 11 rossoblù sembrano voler portare avanti questa tradizione. Il Cosenza parte bene, ma dopo pochi minuti il gol pugliese sembra far venir meno le certezze dei meteorologi locali. Il gol dei biancoverdi paradossalmente però sembra esaltare la tifoseria rossoblù ormai abituata a rimonte di questo genere. E infatti palla al centro e parte subito il coro immancabile «la vinciamo noi». Due minuti e capitan parisi rimette le cose al loro posto. Calcio d angolo e 1 a 1. Sembra l inizio dell ennesima riscossa rossoblù! Il coro «la Per la prima volta non si vince in casa: meglio ieri che l 8 dicembre Due buone ragioni per amare il Monopoli vinciamo noi» si alza con prepotenza e i monopolitani sono zittiti dopo pochi minuti. Il Cosenza ci prova e sfiora il gol più volte. Intanto la temperatura si abbassa ulteriormente ma a scaldare l ambiente ci pensano gli ultrà con lo striscione dedicato al mai dimenticato Donato Bergamini la cui morte rimane ancora oggi un mistero irrisolto a 19 anni di distanza. Il coro Bergamini Bergamini fa partire gli applausi anche dagli altri settori. Bellissimo e significativo lo striscione dei ragazzi di Amantea che non dimenticano ciò che accadde nel 1990 quando si spiaggiò a Campora la nave che pare contenesse scorie nucleari: Jolly rosso, vergogna nera. Amantea: decine di tumori per una nave affondata gli ultras pagano per una scazzottata. Ma c è da vincere una partita e allora gli altri problemi si mettono per un attimo da parte. La curva prova in tutti i Vent anni fa un altro pareggio legò per sempre il Monopoli alla storia del calcio cosentino. La trasferta in Puglia fu infatti l ultimo capitolo della promozione in serie B, quella targata Gianni Di Marzio (nella foto). Per centrare l obiettivo al Cosenza bastava un punto. Una formalità insomma, sugellata dallo 0-0 finale. Quel giorno circa ottomila tifosi avevano invaso il piccolo stadio di Monopoli, colorandolo di rossoblù. Chi era rimasto in città, invece, si consolava con la radio che, fin dal mattino, gracchiava a ciclo continuo Lupi alé, l inno tormentone di Tonino Lombardi. Il pensiero però andava a quei fortunati ottomila partiti per la Puglia. In quelle ore, molti adolescenti sparirono dalla circolazione per poi poter dire agli amici «Io c ero». In realtà, si erano barricati nelle loro camerette. A tarda sera, poi, il ritorno dei giocatori per una festa cittadina disturbata dalla pioggia. I ragazzini desaparecidos mettevano infine il naso fuori di casa. «Io c ero» ripetevano orgogliosi e ossessivi, mentendo a se stessi e agli altri. Nessuno, però, si premurò di fare delle verifiche. Un anno e mezzo prima, invece, gli eventi non furono così propizi. Cosenza- Monopoli era semplicemente l ultima partita del girone d andata con i Lupi a veleggiare nei quartieri alti della classifica. Allenatore era il barbuto Vincenzo Liguori con Bruno Fantini che, tra i pali, aveva sfilato il posto a Gigi Simoni. Perdemmo 2-1 con due papere del portiere. Il furetto Urban sbagliò anche un rigore e, poche ore dopo, Liguori fu esonerato. Sembra la cronaca di un dramma e, invece, fu l inizio della riscossa. In panca, infatti, arrivò Di Marzio e la prima cosa che fece fu quella di rimettere Simoni in porta. La domenica successiva strappammo lo o-0 a Siena grazie ai suoi paratoni. «Abbiamo fatto una rapina a mano armata» disse il mister e, da quel momento, ebbe inizio la sua leggenda. L anno dopo centrammo la promozione. A ben vedere, fu tutto merito del Monopoli. Giovannone Calcagni modi ad aiutare la squadra a far entrare dentro quel maledetto pallone. Ma sembra davvero una partita stregata. E lo si capisce ancor di più quando la botta di Polani si stampa su palo tra le imprecazioni di tutti e quel rumore del pallone che sbatte che si sente sin dalla Sud. Il Cosenza perde i primi punti tra le mura amiche e forse se qualche punto prima o poi bisognava per forza perderlo in casa allora meglio averlo perso oggi piuttosto che tra qualche giorno Nonostante il risultato non positivissimo la squadra viene acclamata dal pubblico per due volte quasi a voler caricare i giocatori e ricordare che alla prossima partita casalinga punti non se ne dovranno regalare. )*+,-./01))2 Antonante? Siempre Non è un reduce della battaglia di Guadalajara, bensì il tostissimo direttore del teatro Rendano, Antonello Antonante. Ieri, per la prima volta in vita sua, il gelo lo ha costretto a fare il tifo per un alzamiento, anche se solo della temperatura. Allora, un commento artistico sulla partita. «Fa freddo». Questa non l ho capita, sarà arte contemporanea forse.. «Non seguo molto il calcio. Quest anno poi è la prima volta che vengo allo stadio». Vabbè, ma le regole del gioco le conosce? «Eccerto. Guarda che io ho giocato con la Morrone». Erano gli anni... «Quelli della mia generazione. Che faceva il tifo per il Torino». Il grande Toro, quello di Valentino Mazzola? «No, quello degli anni 70». Infatti non la facevo così vecchio «Oh grazie».

13 LUNEDÌ 24 novembre P R O V I N C I A calabria ora Scoppia la pace tra Pd e Idv A due anni dalla rottura prime convergenze in vista delle amministrative Pd e Idv, quanto prima, riprenderanno il dialogo interrotto bruscamente circa due anni fa. I tempi non sono ancora maturi del tutto ma sia il sindaco Coschignano che il consigliere regionale Feraudo, si dicono ottimisti riguardo la ripresa di un discorso politico programmatico in vista delle amministrative del Le due fazioni hanno collaborato dal 2005, inizio legislatura, fino a metà 2007, quando, cioè, Idv scelse di uscire dall esecutivo. Vi era entrato sebbene non fosse presente in consiglio comunale. Poi, una serie di eventi, portarono due consiglieri, Gencarelli prima e Cavallotti poi (ora all Udc) ad aderire ai dipietristi. Le altre forze, però, impedirono l ingresso di Idv nella maggioranza. In pratica, quindi, Pd, Pdci, Sdi, Verdi Ulivo e Prc avrebbero preferito solo un appoggio esterno. Da qui, quindi, la decisione di Idv di uscire dalla giunta. Ma ora, L'ultimo consiglio comunale, tenutosi sabato sera a San Lorenzo del Vallo, ha riaperto il discorso sulla questione rifiuti in Calabria. Infatti, dopo la proposta del sindaco Luciano Marranghello (foto) di voler ospitare un termovalorizzatore nel proprio territorio, l argomento ritorna di estrema attualità visto che il Comune, nonostante non abbia ancora ricevuto nessuna risposta, raddrizza il tiro e supera il problema delle autorizzazioni regionali. È stato lo stesso sindaco a sottolineare che la necessità della costituzione di una società mista è il primo passo per poter gestire e realizzare un impianto di smaltimento dei rifiuti. Nel piano dell amministrazione, infatti, c è la volontà di costruire un dissociatore molecolare, un impianto di dimensioni più ridotte rispetto al termovalorizzatore, ma capace di produrre energia bruciando 10 tonnellate di rifiuti al giorno. «Entro questi limiti -spiega Marranghello- non c è bisogno delle autorizzazioni regionali, anche perché ci siamo stancati di attendere risposte dalla Regione. Ho fatto la proposta di un termovalorizzatore però, in virtù anche dei nuovi scenari nazionali, Pd e Idv potrebbero riprendere a dialogare. Ciò è emerso a margine di una conferenza stampa indetta da Feraudo all indomani della sua assoluzione dai reati di truffa ai danni della regione e concussione. Inevitabilmente, anche per la presenza del primo cittadino, durante l incontro sono stati toccati anche aspetti politici. Feraudo ha annunciato che Idv avrà un proprio candidato alle prossime elezioni provinciali dove sosterrà il presidente uscente Mario Oliverio. «Idv, dice Feraudo, è nel 2006 e nessuno, ad oggi, si è degnato di dare una risposta, né positiva né negativa. Credo che la situazione sia diventata indecente sul piano istituzionale. Ma io vado avanti lo stesso». Parole dure da parte del sindaco che aggiunge: «Non possiamo più aspettare che il presidente Loiero si renda conto di come stanno le cose in Calabria. Quasi tutti i comuni della regione sono sommersi da rifiuti e Loiero non se ne accorge, o perché quando cammina ha gli occhi bendati oppure perché fa finta di non vedere. Le discariche sono ormai quasi tutte sature e molte di esse non sono a norma. La situazione è drammatica e credo che presto ci sarà il collasso. Cosenza puzza di spazzatura ed in sempre stata leale e coerente appoggiando e restando all interno del centro sinistra sia a livello nazionale che regionale e provinciale. Mi auguro che anche ad Acri possa ripartire quel dialogo politico ed amministrativo soprattutto con il Pd. Idv ha ottimi rappresentanti nazionali che possono contribuire alla causa della Calabria e della nostra città». Gli fa eco il sindaco Coschignano: «un eventuale ripresa di collaborazione tra noi e Idv necessita di una serie di incontri ma sono sicuro che le due forze politiche staranno insieme nei prossimi appuntamenti elettorali». Poi il sindaco fa un passo indietro e ricorda i retroscena di due anni fa; sono stato io a volere fortemente la presenza di Idv in giunta nonostante il parere contrario degli altri partiti. Mi opposi al diniego di tutta la maggioranza ma ora, Pd e Idv sono pronti a riprendere il cammino». ROBERTO SAPORITO L alternativa al termovalorizzatore Il Consiglio approva la realizzazione di un dissociatore molecolare MANGONE Elezioni nel Ps Giuseppe Cosco segretario zonale Il ventinovenne Giuseppe Cosco, della sezione del partito socialista di Cellara, è stato eletto all unanimità segretario zonale a conclusione del Congresso del partito che si è tenuto presso i locali della Comunità montana del Savuto a Piano Lago. Il neo eletto si è detto lusingato dell incarico affidatogli dal partito, dichiarandosi intenzionato a dare subito al partito un nuovo tipo di organizzazione, utilizzando al massimo il lavoro svolto dal segretario zonale uscente Francesco Galzarano. Presenti il segretario provinciale Gianni Papasso, l assessore provinciale all urbanistica Pietro Mari, dell ex sindaco di Cosenza Pino Iacino, del sindaco di Belsito Antonio Basile e di Anna Falcone membro della direzione nazionale, gli iscritti al partito della zona del Savuto si sono incontrati per discutere e valutare le prospettive future, soprattutto dopo il passaggio di Giacomo Mancini jr. al Pdl. Ad aprire i lavori del congresso sono stati Francesco Galzarano e Gianni Papasso. Oltre al nuovo segretario i congressisti hanno eletto Antonio Basile di Belsito, Natino Deni di S. Stefano di Rogliano, Franco Mazzotta di Lago, Attilio Alice di Mangone e Franco Perri di Bianchi, quali nuovi rappresentanti zonali al direttivo provinciale. Alessandro Tartaro ACRI APRIGLIANO Comune, Crisuolo commissario Giorgio Criscuolo, ex Prefetto in pensione e persona di assoluta competenza, è il commissario nominato per il comune di Aprigliano a seguito della caduta dell amministrazione guidata da Franco Gallucci. Su mandato del signor Prefetto di Cosenza il dott. Criscuolo sarà coadiuvato dalla dott.ssa Chiellino, nelle vesti di sub commissario. Come Forza Italia ci congratuliamo con il Prefetto di Cosenza per l ottima scelta fatta e per averci voluto assegnare un commissario che ha ricoperto nel tempo importanti incarichi istituzionali. SAN LORENZO DEL VALLO alcune vie, addirittura, ci vorrebbe la mascherina. L atteggiamento di Loiero è gravissimo e lui continua a non dare risposte». Ma la denuncia di Marranghello si amplifica quando invita Loiero e l assessore all ambiente Greco di fare «una indagine concreta sulla questione della gestione della raccolta differenziata». «Faccio appello al Noe dei Carabinieri -continua-. Mi risulta che molti dei comuni che fanno la differenziata, scaricano in aree non autorizzate e poi bruciano tutto insieme, carta e plastica». Sul dissociatore, infine, Marranghello rassicura: «Non ha canna fumaria e non ha emissioni esterne, quindi non produce diossina. Questo impianto - sottolinea- produrrà benefici alla collettività sia dal punto di vista dell abbattimento della tassa sulla nettezza urbana, sia perché una decina di persone avranno lavoro. Inoltre, poiché il comune partecipa alla società con il 51%, tutti gli utili (si pensa a 1milione di euro annui dalla vendita di energia) verranno divisi in modo proporzionale ed il ricavato servirà ad aumentare servizi e ad abbattere la pressione fiscale». EMANUELE ARMENTANO In un manifesto la débâcle di Gallucci Centinaia i volantini a firma della minoranza: chi troppo vuole nulla stringe APROGLIANO «Chi troppo vuole nulla stringe», questo il titolo dei manifesti gialli, che spiccavano tra la nebbia che avvolgeva il paesello, che i cittadini di Aprigliano hanno trovato ieri mattina per il buongiorno a firma dei gruppi consiliari di minoranza. Risulta essere una sorta di cronistoria della debacle amministrativa del sindaco Gallucci e della sua giunta. «Siamo alla politica politicante - si legge nel manifesto- fatta dai furbetti del quartierino, non abbiamo tollerato il voltafaccia del sindaco e dei soliti suggeritori rispetto al solenne impegno preso nella seduta del Consiglio del 30 settembre. Il sindaco pensava più alla sua ricandidatura e voleva farlo senza pagare alcun prezzo per la crisi in atto. Non c erano più le condizioni politiche e istituzionali per continuare con questa tiritera che avrebbe fatto perdere altro tempo a noi e al Paese. I partiti devono ritornare a fare politica. I furbi vanno isolati. Aprigliano non ha bisogno di soluzioni pasticciate e deve ripensare il suo futuro e per farlo ha bisogno di politici che pensino di più alle responsabilità del proprio ruolo, di partiti seri ed attenti a ciò che si muove nella società e di amministratori all altezza». Daniela Caprino ROGLIANO Emergenza rifiuti Due appuntamenti con la prevenzione Mercoledì sarà una giornata dedicata al problema dei rifiuti: in mattinata si terrà, nella sala del Museo d Arte sacra, la riunione del Comitato per l ordine e la sicurezza pubblica, convocata dal prefetto di Cosenza, Melchiorre Fallica; nel pomeriggio, al teatro comunale, organizzato dal Forum ambientalista e da Rifondazione comunista, si svolgerà un convegno sul problema dello smaltimento con la partecipazione di Paul Connett, docente di Chimica alla St. Lawrence University a Canton, New York, teorico della strategia Rifiuti zero, uno dei massimi esperti dei processi di riciclaggio. Il primo appuntamento, già preannunciato nei giorni scorsi, prevede la partecipazione dei diciassette sindaci Mercoledì gli incontri con l esperto Connett e il prefetto Fallica dei Comuni del comprensorio, del presidente della Presila cosentina, Luigi Michele Perri, e, novità, del sindaco di Cosenza. L atto di convocazione è già stato notificato agli interessati. L iniziativa s inquadra nella strategia di contrasto della criminalità organizzata, dopo le incursioni incendiarie, quella del 6 novembre e del successivo 16 novembre, che hanno distrutto, quasi per intero, il parco automezzi della Presila, società che gestisce il servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti nel bacino del Savuto. Con la determinazione prefettizia è stata accolta l istanza dei primi cittadini del posto circa la «necessità come si legge in una nota del Comune di Rogliano di dare un segnale forte di marcata attenzione verso questa zona nel momento in cui la criminalità pone in essere la sua strategia di penetrazione in un territorio sin qui diffusamente immune dal fenomeno». Intanto, al presidente della Presila cosentina stanno pervenendo numerose manifestazioni di solidarietà da parte del mondo politico e istituzionale, tra cui quelle di alcuni membri della commissione parlamentare Antimafia e di diversi consiglieri regionali di ogni schieramento. Il secondo appuntamento si lega al dibattito che, nei mesi scorsi, si è acceso sull ipotesi di realizzazione di un impianto terminale per lo smaltimento dei rifiuti nella zona. In un comunicato degli organizzatori si sottolinea la caratura dello studioso statunitense, che si occupa di rifiuti da oltre un ventennio. E la ventinovesima volta che il professor Connett si reca in Italia per discutere sulle modalità di trattamento dei rifiuti. Il segretario del circolo di Rifondazione comunista, Aldo Gabriele, ha espresso la sua soddisfazione per avere avuto l adesione di uno studioso di fama internazionale alla iniziativa del proprio partito e del Forum degli ambientalisti. I promotori hanno fissato le finalità del convegno all esigenza di dover dare risposte alternative al quadro delle soluzioni in discussione. MARIO MASSIMO PERRI

14 LUNEDÌ 24 novembre 2008 PAGINA 13 l ora di Castrovillari Tel Fax Mail: OSPEDALE &FARMACIE EMERGENZA CINEMA ENTI LOCALI Pronto soccorso Guardia medica Farmacia Blandi Farmacia Caccuri Rende Farmacia Caterini Filpo Farmacia D Atri Farmacia Giannoni Farmacia Restieri Polizia Polizia stradale Carabinieri Vigili del fuoco Guardia di finanza Corpo forestale dello Stato Tribunale Procura Cinema Ciminelli High School Musical 3: Senior Year Cinema Atomic Café La fidanzata di papà Municipio Polizia municipale Ufficio gas Comunità montana Pro Loco Ufficio informazioni e accoglienza turistica (I.A.T.) Canile, tra degrado e abbandono Gli ambientalisti sollecitano Comune e gestore: servono altri interventi Da creare un servizio per le emergenze attivo h24 e una zona per soli cuccioli Canile municipale. Dopo l attacco ricevuto su un settimanale locale, due associazioni ambientaliste dicono la loro in merito alla gestione della struttura comunale. «Abbiamo segnalato più volte agli organi preposti la necessità di interventi strutturali, senza ricevere risposte concrete. Ma le associazioni che denunciano situazioni che non funzionano nel nostro territorio, vengono sempre accusati di fomentare gli animi e creare dissapori». Quest accusa, secondo gli ambientalisti «nasce per giustificare le inadempienze di chi dovrebbe gestire al meglio la struttura e di chi dovrebbe controllarla nel rispetto delle leggi. Certamente se tutto fosse stato in regola, come sostenuto dal gestore del canile (Piero Condemi), non sarebbero stati necessari i vari interventi frettolosi volti a sistemare parte della struttura. Infatti, nei giorni successivi ad un nostro vecchio intervento sulla situazione strutturale del canile, gli enti preposti alla manutenzione della struttura (gestore del canile e comune) si sono, finalmente, attivati iniziando i lavori che hanno riguardato in particolare la sostituzione e sistemazione di alcuni cancelli della struttura e la sostituzione dei tombini rotti. La segnalazione aveva ed ha solo un fine di un intervento migliorativo della struttura». I due gruppi ricordano poi che «altri interventi dovranno essere effettuati nella struttura come ad esempio la sistemazione di alcuni pali rotti delle recinzione; la mancanza di pavimentazione dei box che ospitano i cani cosiddetti pericolosi ; la sistemazione di alcuni pali dell illuminazione; la piantumazione di alberi di fusto alto all esterno e all interno del perimetro del canile; la ristrutturazione dei gazebo allocati all interno delle oasi del canile rifugio con copertura più ampia e resistente». Secondo gli ambientalisti è necessario «anche un miglior utilizzo degli spazi adiacenti all ambulatorio sanitario e ottimizzare quelli esistenti per esempio dividendo le oasi del canile rifugio a metà in modo da gestire gruppi di cani meno numerosi; creazione di una zona solo per i cuccioli; l attivazione di un servizio per le emergenze attivo 24 ore su 24». A questo punto i due gruppi attaccano: «Come si evince dal capitolato d appalto di gestione del canile municipale di Castrovillari, il comune e il gestore del canile hanno degli obblighi che devono essere ottemperati in modo costante e non sempre solo dopo le segnalazioni delle associazioni o dei cittadini. E sicuramente dall abolizione dei fondi comunali destinati al problema del randagismo canino da parte dell amministrazione non emerge un così vero interesse a risolvere il problema. Noi non ci fermeremo». LUIGI BRINDISI la polemica Lavori alla viabilità Le critiche di Vizzi Torna a far sentire la propria voce, a distanza di qualche settimana, l esponente di Italia dei Valori, Pinuccio Vizzi. Dopo le sue dichiarazioni sull insediamento del comitato istituzionale previsto dal Protocollo d Intesa per lo sviluppo del Parco del Pollino, questa volta il rappresentante del partito di Di Pietro interviene su una questione più prettamente cittadina, chiedendo un intervento di manutenzione e riqualificazione di viale del Lavoro. Dice Vizzi: «viale del Lavoro, la porta d ingresso alla città, è rappresentata da un rettifilo che conduce direttamente su via Roma, nel cuore del centro urbano». Si tratta aggiunge - «di una grande arteria, con intenso traffico, che avrebbe bisogno di manutenzione e riqualificazione lungo tutto il tratto di strada che meriterebbe un aspetto decoroso ed una illuminazione innovativa. «Sono convinto - conclude l esponente di Italia dei Valori - che l Aamministrazione comunale si farà carico di intervenire a rendere piacevole e gradevole l aspetto urbano di questa zona dove sono sorte nuove costruzioni e attività commerciali che necessitano, appunto, di una viabilità migliore». Domenico Fortunato SAN MARCO ARGENTANO Maltempo, senza acqua e luce Contrada Sant Onofrio, continuano i disagi. Protestano i cittadini La luce della Virgo Fidelis Il vescovo esorta i carabinieri: «Sarà per voi forza e sostegno» SAN MARCO ARGENTANO Ancora un giorno senza acqua né luce per contrada Sant Onofrio. E se la comprensibile rabbia dei cittadini, profondamente e duramente provati da una situazione al limite della decenza, aumenta di ora in ora, per loro arriva adesso anche la solidarietà e l appoggio dell amministrazione comunale del sindaco Giuseppe Mollo. La cittadina normanna, infatti, esattamente come accaduto in gran parte della penisola, negli ultimi giorni è stata letteralmente presa d assalto, flagellata e messa in ginocchio dalle violentissime folate di vento che hanno causato ingenti danni in tutto il territorio. Alberi sradicati, canne fumarie abbattute e auto danneggiate sono solo alcune delle emergenze alle quali i vigili urbani, supportati dagli operai comunali,hanno dovuto far fronte nelle scorse ore. Diverso, invece, il discorso relativo all interruzione dell energia elettrica e del servizio idrico ormai assenti (incredibilmente!) da ben due giorni. Ed è proprio qui che si fa sentire più forte la protesta dei cittadini di contrada Sant Onofrio, preoccupati, oltre che per la propria igiene e per il gran freddo di questi giorni, anche per gli alimenti che rischiano di andare a male e, trattandosi di una zona di campagna, per i propri animali. Inevitabile anche una puntatina polemica nei confronti del primo cittadino, a loro dire colpevole di non aver allertato la compagnia elettrica e di farsi negare al telefono. Ma a tranquillizzare tutti arriva il vicesindaco Virginia Mariotti, reduce da diversi sopralluoghi in loco. «Abbiamo provveduto stamattina (ieri per chi legge, ndr) a segnalare il danno all Enel ha spiegato investendo ampiamente del problema il responsabile dell Utc ingegnere Fabio Scorzo. Viviamo questa situazione drammatica con profonda ansia, trattandosi di una zona nella quale vivono diverse famiglie, le quali peraltro, avendo il termo camino, si trovano attualmente a fare i conti anche con il freddo pungente di queste ore». La stessa, tuttavia, ha poi ricordato come numerosi danni siano stati registrati in tutto il territorio, cosa che rende particolarmente difficile gli interventi di ripristino. «L Enel ha già chiesto rinforzi ha detto ancora e speriamo quindi che entro breve la situazione torni alla normalità. E impensabile lasciare dei cittadini al buio per giorni: sono troppi, nonostante la straordinarietà dell evento. Ecco perché presenteremo una protesta formale, pur rispettando il lavoro degli altri e le difficoltà ad esso collegate». GIUSEPPE MONTONE «Grazie, per l apprezzato servizio che ci offrite ogni giorno e per la vostra costante presenza di conforto. Non so se le persone sono abituate a ringraziarvi, ma stasera voglio farlo io». Queste le parole con le quali il vescovo di San Marco Argentano Scalea, monsignor Domenico Crusco, ha concluso la sua omelia nel corso della solenne concelebrazione nella cattedrale in occasione dei festeggiamenti della Virgo Fidelis, patrona dell Arma dei carabinieri. Presenti le delegazioni delle varie caserme presenti sull intero territorio e diversi rappresentanti istituzionali, tra i quali il sindaco Giuseppe Mollo e il consigliere regionale Giulio Serra. E lo stesso Vescovo, prima di soffermarsi sul significato liturgico della ricorrenza, ha inoltre voluto sottolineare con forza l importanza e il significato del ruolo dei carabinieri. «La Virgo Fidelis ha detto sarà per voi forza, luce e sostegno». A seguire un toccante momento di ricordo e preghiera in memoria di tutti i carabinieri caduti nell adempimento del proprio dovere e dei loro orfani e quindi, a chiusura della celebrazione, la lettura della Preghiera del Carabinieri e poi una stupenda esecuzione dell Inno dei Carabinieri da parte del coro. Prima del rinfresco riservato a tutti i presenti, ha, infine, preso la parola il Capitano della Compagnia di San Marco Argentano Rocco Taurasi, il quale non ha mancato di soffermarsi sui fatti della famosa battaglia di Culquaber, combattuta in Abissinia dal 6 agosto al 21 novembre 1941tra italiani e britannici e nel corso del quale il Primo Gruppo Mobilitato dei carabinieri si immolò quasi interamente con grande valore e coraggio elementi, questi, che valsero ai sopravvissuti il tributo dell onore delle armi da parte dei vincitori e una medaglia d oro al valor militare alla bandiera dell Arma. «Non riuscirono a vincere le sue parole ma ci lasciarono l esempio di un grande servizio. E come allora accade ancora oggi ogni giorno: la lista degli eroi si allunga sempre più». E dopo aver ricordato anche la strage di Nassyria, lo stesso ha sottolineato come dietro ad ogni carabiniere che cade ci siano anche moglie e figli. «Facciamo un servizio al servizio della gente ha concluso Taurasi fedeli al nostro giuramento». (g. m.)

15 LUNEDÌ 24 novembre 2008 PAGINA 14 l ora di Corigliano Redazione di Corigliano-Alto Jonio-Tel Fax Mail: SANITÀ&FARMACIE FARMACIE EMERGENZA COMUNE ospedale civile tel. 0983/8801 pronto soccorso tel. 0983/ guardia medica tel. 0983/ consultorio familiare tel. 0983/ farmacia de florio tel. 0983\ farmacia favaro tel. 0983\87042 farmacia rizzo tel. 0983\ farmacia romanelli tel. 0983\ farmacia romano tel. 0983\81023 farmacia russo tel. 0983\81119 farmacia san francesco tel. 0983\82043 farmacia scarcella tel. 0983\80017 farmacia taverna tel. 0983\87513 carabinieri tel. 0983\ polizia stradale tel. 0983\ polizia stradale tel. 0981\ polizia municipale tel. 0983\82879 guardia di finanza tel. 0983\ corpo forestale tel. 0983\ vigili del fuoco tel. 0983\ centralino tel. 0983/83851 segreteria sindaco tel. 0983/82145 tel. 0983/81834 polizia municipale tel.0983/82879 tel. 0983/81823 ufficio beni culturalitel. 0983/82260 servizio taxi tel. 360/ tel. 345/ Rubano l auto e fuggono ma finiscono fuori strada Scene da film in via Cavalcanti. Indagano i carabinieri L Arma celebra la Virgo Fidelis Cerimonia solenne a Corigliano per la patrona della Benemerita Il tema della fedeltà al centro della ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dei carabinieri, celebrata venerdì pomeriggio presso la chiesa di Santa Maria ad Nives di Schiavonea. Al termine della santa messa, officiata da padre Lorenzo Fortugno, il capitano Raffaele Ruocco, comandante della Compagnia di Corigliano, ha ribadito come l essenza di tale ricorrenza richiami l Arma alla parola fedeltà. Il capitano ha quindi ricordato un omelia di papa Giovanni Paolo II, illustrando le quattro dimensioni della fedeltà (ricerca, accoglienza, coerenza e perseveranza) e ponendo l accento soprattutto sulle ultime due «che devono animare e animano tutti i militari, tra cui i carabinieri». Alla celebrazione hanno partecipato i comandanti di tutte le Stazioni della Compagnia tra cui anche il tenente Giorgio Feola della Tenenza di Cassano Jonio. Erano altresì presenti il sub commissario prefettizio D Andrea, il comandante Seno della Capitaneria di porto, il capitano D Acunto, comandante della Compagnia della Guardia di finanza, il tenente Randon dei Baschi verdi, nonché la sezione cittadina dell Associazione nazionale carabinieri, presieduta dal tenente Langella, con le benemerite. Nel corso della celebrazione della Virgo Fidelis, istituita da Pio XII nel 1949, sono stati ricordati anche i due avvenimenti correlati: il 67 Un sabato notte all insegna della paura. Un fine settimana, l ennesimo, nel quale si conferma la presenza, sul territorio coriglianese, di balordi dediti a compiere azioni illegali. Per numerosi cittadini, infatti, quello di ieri non è stato un risveglio comune a tutti gli altri, di una tranquilla domenica caratterizzata dal freddo; a turbare la serenità dei residenti di via Cavalcanti, nel centro dello Scalo, ci hanno infatti pensato gli ignoti autori del furto di un auto, finito in modo rocambolesco ma fortunatamente non tragico. Erano circa le 4 di ieri mattina allorquando i carabinieri della locale Compagnia sono intervenuti nella zona, a due passi dal centro di eccellenza che vedrà domani la sua inaugurazione. La situazione che si è presentata agli occhi dei militari era a dir poco insolita: una Fiat Cinquecento, completamente distrutta, ribaltata nel bel mezzo della strada, priva di conducente e passeggeri, ed alcune vetture, parcheggiate ai lati della carreggiata, che recavano non pochi danni. Poco prima, infatti, due o più persone, sulla cui identificazione sono attualmente impegnati i carabinieri, hanno tentato, riuscendoci, il furto della suddetta Fiat Cinquecento, nuova di zecca, di proprietà di un cittadino coriglianese, parcheggiata in via Cavalcanti, nei pressi dell abitazione dell uomo. Non contenti, forse per l eccessiva velocità, magari frutto di un sabato sera all insegna dell alcool, gli ignoti autori del misfatto, una volta rubata l auto, hanno con la stessa iniziato la loro folle corsa, tamponando qua e là le altre vetture parcheggiate nel quartiere dello Scalo; poi, una volta perso il controllo del mezzo, si sono ribaltati con la Cinquecento, della quale è rimasto davvero poco, e infine, evidentemente illesi, se la sono dati a gambe levate. Il rumore provocato dall auto ribaltata e quello degli urti arrecati alle vetture poste nelle vicinanze hanno svegliato di soprassalto i cittadini residenti in via Cavalcanti, alcuni dei quali hanno immediatamente avvertito i carabinieri; quest ultimi, appena constatato l accaduto, hanno delimitato con transenne la zona ove era collocata l auto nell anomala posizione e avviato le indagini per risalire agli autori di quest ennesima azione furtiva. Un fatto, questo, che segue di poche ore quello accaduto a Schiavonea, ove ad un altro cittadino era stata rubata la propria Fiat Uno, poi ritrovata dai carabinieri a San Giorgio Albanese. FABIO PISTOIA anniversario della battaglia di Culqualber, nell Africa orientale, dove si sacrificò un intero battaglione di carabinieri dando prova di estrema fedeltà al giuramento prestato (alla bandiera dell'arma, per quell episodio, venne conferita la seconda medaglia d'oro al valor militare); la Giornata dell orfano, concomitante con la fondazione dell'opera nazionale di assistenza per gli orfani dei militari dell'arma dei carabinieri. ROSSELLA MOLINARI cassano I precari rivendicano maggiori diritti CASSANO Torna d attualità la triste vicenda dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità di Cassano allo Ionio. Non più tardi di un anno fa, circa un centinaio, avevano incrociato le braccia al fine di vedersi riconosciuti alcuni diritti e prerogative non più rinviabili, dal Municipio erano arrivate rassicurazioni ma poi più nulla. Note le ragioni del malcontento e della protesta dei precari. Difatti gli lsu-lpu cittadini da più tempo hanno iniziato una diatriba con l amministrazione comunale, poiché, sostengono i lavoratori, la giunta Gallo (nella foto) ha provveduto a stabilizzare un numero esiguo di lavoratori, cinque su oltre cento presenti, avrebbe altresì revocato la possibilità ai precari di poter effettuare il tempo pieno, dando loro la possibilità di guadagnare uno stipendio quantomeno sufficiente, visto che la retribuzione prevista per l orario minimo dei socialmente utili è poco più che irrisoria, ma viepiù, stante alle denunce e alle proteste dei precari stessi, gli Lsu-Lpu, pur costretti a lavorare per un monte ore superiore a quello previsto, non riceverebbero alcuna differenza retributiva per il surplus di ore lavorative prestate. «Siamo sfruttati e costretti a fare la miseria - ci dice uno dei tanti lavoratori precari chiediamo quantomeno che ci venga applicato il contratto collettivo nazionale di settore e che il tempo pieno venga concesso a tutti. «Non si può far vivere denuncia il lavoratore quali, con meno di mille euro al mese, spesso sballottati a destra e manca per l intero territorio comunale. Molti di noi infatti sono padri e madri di famiglia. Con ottocento euro abbiamo difficoltà a mandare i nostri figli a scuola ed a pagare la luce ed il gas in continua aumento. Fortunatamente i nostri genitori con la loro piccola pensione ci danno una mano, ma questo non sarà per sempre. I nostri figli non hanno futuro in tal situazione, spesso sono costretto a fare dei piccoli lavori pomeridiani per portare a casa qualche soldo in più. In Comune conclude il lavoratore disperato - altri impiegati oltre allo stipendio base percepiscono altre integrazioni evitabili che fanno lievitare la loro paga euro mensili. Perché non si inizia a tagliare questi inutili privilegi e si riconosce a tutti una paga adeguata?». Da Palazzo di città ancora nessuna novità. Rocca Imperiale in festa per suor Maria Vincenza ROCCA IMPERIALE Con una toccante cerimonia religiosa, nella chiesa del monastero della monache minime di San Francesco di Paola,ha fatto professione dei voti solenni, suor Maria Vincenza (nella foto) di Cristo Re Bellino. La celebrazione eucaristica è stata presieduta da S.E. mons. Salvatore Nunnari,arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano che ha concelebrato con 16 sacerdoti, e oltre trenta diaconi. Cerimonia sentita e vissuta dai parenti e dagli amici di suor Maria Vincenza, appositamente giunti in gran numero da Rocca Imperiale dove la novella suora è nata e PASQUALE GOLIA vissuta sino all età di 30 anni. Alle 17 in punta, com era stato scritto sull invito inviato ai parenti e agli amici,la piccola chiesetta ha aperto i battenti.era tanta gremita da non contenere tutti i partecipanti alla liturgia. Ai primi posti,da un lato, i parenti dall altro le autorità comunali nelle persone del sindaco di Rocca Imperiale Ferdinando Di Leo e di un assessore comunale di Paola, entrambi con la fascia tricolore. Nonostante la calca,c era un silenzio assoluto che di tanto in tanto veniva rotto dal vociare di due o tre bimbi in braccio ai propri genitori venuti appositamente da Milano e Policoro (Matera),ancora col succhiotto in bocca. Il vescovo Nunnari,nell omelia ha ricordato che il «suo commino, quello della valorizzazione presbiteriale, l ha vissuto proprio sostando nella clausura di Reggio Calabria» e, rivolgendosi alle suore ha detto «proprio in questo luogo,accanto al santuario che ricorda i luoghi del cammino di San Francesco, non a caso c è la vostra presenza, la presenza della Comunità delle monache Minime». Alessandro Alfano

16 $%&'()!"#$%&'()*'#!++,#*+,-&+./0!"!"# #$%!"##$%" &'()*+,-.*/,+0+123$4*+,-.*/,///+*5$6(7*8"##$%"9:$($;86$"8$)6<*!"#$%& :";<"=$> ><>;A>#B" =C<D#> '()*+,-*./010-*.!"#$ %&'()*+,+ )2'34'.('//'2('!"#$ %&'()*+,-,% 56,2+0,.7*+0/,.!"#$ %&'()*+,-.-!"#$ %&'()*--//% /'3(6-4'20'.8,70-0,2*.!"#$ %&'()*--(,% /92909!"#$ %&'()*+%%+, 8,27,/0,.8*22,20!"#$ %&'(0*+-(/, 8,27,/0,.+0.+'3,4'!"#$ %&'(0-&%,,- 8,27,/0,.3'4'!"#$ %&'(0*+---, 8,27,/0,.),)),-,2+'!"#$ %&'(0*(%(%% 8,27,/0,.?,2'3*!"#$ %&'(0*-%,-* %&'(0*-%/(- 8,27,/0,.5,--03,!"#$ %&'(0.//+* 8,27,/0,.7,(/,2'!"#$ %&'(0*.*%// /,2,?030*20!"#$ %&'(0*(%,(% %&'(0*+++-- %&'(0*(+%++ %&'(0*-%.(. %&'(0*++/&, /'2)'.8'2*(4,-*!"#$ %&'(0*-%-+( *-.86'/'!"#$ %&'(0*-%*** /*342,-03'!"#$ %&'()*-&+ %&'()*-&-(*,((9,-.4620(7'!"#$ %&'()*-%%*+ (*52*4*20,.(03+,/'!"#$ %&'()*-&/%+ %&'()-&%* /0'.4620(40/'!"#$ %&'()*-*-.( (.')(/,'*%'!"#$ (.%)'%-.**1!"#$ (/*)*%.*&.*!"#$%&"'(")'*('+"#'%)',"-#"$.#%/ I veltroniani cercano l accordo su un nome e rifiutano la proposte di Sd e Udeur Il vertice del Pd (unici assenti il consigliere Antonio Graziano e l assessore Natale Graziano) riunitosi ieri sera nella sede di via Venezia pare che un risultato sia riuscito a produrlo: quello di trovare la convergenza di un solo nome per la segreteria cittadina del partito. «Il nuovo segretario dovrà rappresentare - è stato detto nel corso della riunione - deve rappresentare tutte le anime». Tra gli interventi più incisivi quello dell assessore Nicola Galdiano. «Le scelte - avrebbe detto Galdiano - devono essere prese dal basso. Come partito, a Rossano, non possiamo accettare diktat da Cosenza o dal livello regionale». Ma la riunione è servita anche per mettere a fuoco l attuale momento dopo l attacco di Sinistra democratica e dell Udeur che sabato nel corso di una conferenza stampa hanno chiesto, come condizione per rientrare in maggioranza, due posti nella giunta guidata da Franco Filareto. Ovviamente nel corso del summit dei Democratici tale richiesta è stata da più parti definita «irricevibile». Che la situazione non sia delle più facili lo dimostra la situazione venutasi a creare in consiglio comunale dove la maggioranza può contare su sedici elementi: il minimo indispensabile per governare. E pur vero che la precedente!$#f"=c #43"!7 maggioranza di centrodestra guidata da Geppino Caputo si è ritrovata in una situazione analoga, ma in politica giocare sul filo dei numeri è molto rischiosa. «In ogni caso - ragionava ieri un importante esponente del Pd - Sd e Udeur devono indicarci quali sono gli obiettivi programmatici che intendono perseguire prima di chiedere assessorati. E chiaro che non accetteremo ricatti da nessuno. E poi detto molto francamente appare molto strano quest asse fra i mastelliani e gli esponenti della sinistra». Intanto questa sera tornerà a riunirsi la giunta programmatica alla presenza dei consiglieri. Seguirà una nuova riunione del maxigruppo dei Democrats. E questa volta potrebbe essere quella decisiva per la scelta del segretario. (.)'&/012"' Nuove postazioni per i rifiuti organici Completata la zona C, sono state posizionate, accanto ad ogni postazione Rsu, i bidoncini di colore giallo/arancio per la raccolta dell organico. A comunicarlo è la società della Sibaritide Spa, azienda preposta alla raccolta differenziata aa Rossano. Le vie nelle quali sono stati collocati i contenitori sono: Via Torricelli, Marco Polo, Verbano, Dora, Piazza Risorgimento, via Busento, Viale Luca De Rosis, via Cristoforo Colombo, Carducci, Ticino, Po, Via del Murialdo, Piazza Dante e via Nazionale. I cittadini termina l azienda- dovranno depositare i sacchetti con i rifiuti organici nei contenitori idonei tutte le sere facendo attenzione agli orari di conferimento. Giuseppe Cosenza

17 LUNEDÌ 24 novembre 2008 PAGINA 16 l ora di Paola Redazione viale Ippocrate (ex Madonna della Grazie) - Telefono e fax Mail: SANITÀ & FARMACIE ospedale civile tel. 0982/5811 pronto soccorso tel. 0982/ guardia medica tel. 0982/ centro trasfusionale tel. 0982/ farmacia Arrigucci tel. 0982/ farmacia Cilento tel. 0982/ farmacia Sganga tel.0982/ EMERGENZA carabinieri tel. 0982/ (112) commissariato tel. 0982/ (113) polizia stradale tel. 0982/ polizia municipale tel. 0982/ guardia di finanza tel. 0982/ (117) corpo forestale tel. 0982/ (1515) vigili del fuoco tel. 0982/ (115) croce rossa italiana tel. 0982/ COMUNE centralino tel. 0982/58001 ufficio manutentivo tel. 0982/ ufficio tributi tel. 0982/ bibioteca comunale tel.0982/ ufficio relazioni pubblico tel. 0982/ ufficio presidenza consiglio tel. 0982/ ufficio affari generali tel. 0982/ ufficio contenzioso tel. 0982/ La città ricorda il suo angelo Franco Serpa, infermiere e musicista, investito tre mesi fa sulla Ss18 La chiesa dell Addolorata Il compianto Franco Serpa Infermiere professionale, musicista e pilastro della banda San Francesco di Paola, ciclista per passione, padre e marito esemplare: a distanza di tre mesi da quel tragico 19 luglio, giorno in cui venne a mancare Franco Serpa, a causa di un incidente stradale, il complesso bandistico San Francesco di Paola lo ricorda questa sera con un concerto sinfonico, a cui è stata invitata tutta la cittadinanza. «Un doveroso e sentito ringraziamento - spiega il presidente della banda musicale, Luca Carnevale - è rivolto alla signora Pina e ai suoi figli Fabio e Federico, per averci indicato questa data per ricordarlo, il 24 novembre, il giorno del suo compleanno». Il presidente della banda, preliminarmente, ringrazia anche l amministrazione comunale di Paola per «averci dato la possibilità di ritrovarci nello splendido auditorium del Sant Agostino e grazie di cuore al sindaco, avvocato Roberto Perrotta, per la sua sentita e preziosa testimonianza». Durante la serata sono previsti gli interventi del dirigente del centro Unla Attilio Romano, già presidente del complesso bandistico cittadino per molti anni, e dall assessore comunale alla cultura Ettore Ferrigno. Tutto ciò, «ancora una volta, per sottolineare la bontà e la grandezza di una persona che ha lasciato in ognuno di noi tanti ricordi». Alle 17 odierne sarà poi celebrata una santa messa nella chiesa dell Addolorata, sita in corso Cristoforo Colombo, mentre alle nell auditorium del S.Agostino inizierà il concerto. Il programma della serata musicale (diretta dal giovane maestro Alberto La Neve) prevede l esecuzione di alcune suggestive marce sinfoniche: L Orientale di Nino Ippolito e Afrodite di Gino Bello e le colonne sonore di noti film quali: La vita è bella di Nicola Piovani, Il postino di Luis Bacalov, A discovery fantasy di Jan de Haan. Conclude Morricones melody, Gabriel s Oboe, arrangiamento di Roland Kernen Dopo aver realizzato il sito internet ufficiale della banda musicale (www.bandamusicalesanfrancescodipaola.it) Roberto Mario, ingegnere, musicista e componente del direttivo, ha messo in rete un sito web interamente dedicato a Franco: A Paola, dunque, forte e sentito è il ricordo dell infermiere tragicamente scomparso. Franco, infatti, prestava la sua opera professionale presso l unità operativa di oncologia di Paola, ed in quell ambiente in tanti hanno potuto apprezzare l impegno e l altruismo di una persona speciale. «Di Franco Serpa - spiega meglio il presidente Luca Carnevale - ci manca il suo sorriso, la sua allegria. Bastava solo la sua presenza per renderci felici. Attraverso la musica molti di noi hanno avuto la fortuna di conoscerlo, molti altri da parte sua hanno ricevuto sempre e in ogni momento un consiglio, un aiuto, una parola di conforto, perché Franco, oltre ad essere un papà esemplare e un amico di tutti era, soprattutto, un bravissimo infermiere. Un professionista che con un profondo altruismo, e con questa sua dedizione incondizionata nell aiutare il prossimo, ci ha lasciato senza parole tante volte. È capitato in diverse occasioni, durante le processioni, mentre la banda si esibiva, vederlo poggiare a terra il suo grande sax baritono e correre verso qualcuno che stava male, qualcuno in quel momento aveva bisogno di aiuto. Per fortuna sua c era in mezzo a noi un angelo. Franco correva sempre in soccorso di chi stava male, una missione quotidiana la sua. Ci ha lasciato un insegnamento fondamentale per la vita di ogni cristiano: aiutare e amare il prossimo, aiutare le persone in difficoltà. Franco era un bravo e appassionato musicista. Esordì nella nostra banda il venerdì santo nell aprile del Già da tempo si esibiva con il suocero nella banda di Serra d Aiello. Diversi di noi lo conoscevano, ma in quel periodo, a presentarcelo come musicista, fu il bandista Piero Calabria. In quegli anni Franco suonava il sax tenore e ben presto passò al sax baritono, uno strumento importante e molto pesante, ma non si lamentò mai di questo disagio. In questi ultimi anni alternava ai suoi tanti impegni le frequenti serate organizzate presso l Agriturismo La Palombara. Era diventato un appuntamento fisso dei fine settimana paolani, e non solo. Franco, nei locali della signora Lina Naccarato con i suoi figli Pino e Pasquale Gallipoli, era di famiglia, un punto di riferimento costante nella vita di tutti i giorni. Lì aveva il suo spazio e con una efficiente organizzazione si esibiva suonando la tastiera e il sax, ma soprattutto, lo si ricorda per l allegria che portava con il suo karaoke. Con un repertorio vastissimo riusciva a coinvolgere davvero tutti. Franco - conclude il presidente - era orgoglioso di far parte del complesso bandistico San Francesco di Paola, presente ad ogni evento, era diventato un grande amico di tutti». I musicisti della banda cittadina si dicono «orgogliosi di averlo avuto sempre al loro fianco: persona speciale, persona unica dal cuore immenso», e lo ricorderanno «sempre per tutti i momenti belli che ci ha regalato. La sua bontà ineguagliabile - concludono i musicisti - resterà per sempre nei loro cuori». GUIDO SCARPINO Stasera la banda musicale San Francesco gli dedica un concerto Dopolavoro, Cassano punta al rilancio La lista numero uno guarda avanti: «Dopo nove anni di buio e degrado dell organismo» Nei giorni 25, 26 e 27 novembre prossimi, si terranno le elezioni per il rinnovo del consiglio direttivo del Dopolavoro ferroviario di Paola. Tra le liste in campo, vi è quella rappresentata da Gianpaolo Adduci, Antonio Cardamone, Pasquale Caridi, Salvatore Cassano, Pasqualino Guido, Pasqualino Lanzillotta, Gioacchino Lorelli, Emilio Mantuano, Carmelo Romano, Francesco Rugno, Dante Santoro e Walter Siciliano. Si tratta della lista numero 1 Solidali nel lavoro. Insieme nel nuovo Dlf. Il macchinista Salvatore Cassano (foto) crede molto in questa competizione, «giunta, finalmente, dopo nove anni». «Oggi, infatti, bisogna volta pagina, guardare al rilancio di questo organismo, attraverso il rinnovo degli organi di gestione e di controllo - spiega Cassano - poichè questi anni abbiamo registrato una lunga fase di degrado del Dopolavoro, già fiore all occhiello dell ex compartimento di Reggio Calabria. Abbiamo assistito, tra l altro, ad una lunga fase nel silenzio più totale delle non attività del sodalizio, nonchè all annullamento di tutte le attività socio-culturali, sportive e turistiche. Abbiamo perso - ha proseguito Salvatore Cassano - la possibilità di incontrarci e confrontarci, nei luoghi istituzionali del Dlf, sul passato, sul presente e sul futuro della nostra società». Cassano, pertanto, assieme al suo gruppo auspica che il 25, 26 e 27 novembre prossimi, «il corpo associato del Dopolavoro ferroviario di Paola metta in campo la propria capacità di giudicare serenamente ma anche severamente l attuale gestione del nostro Dopolavoro». Si chiede all elettorato, pertanto, di «esprimere in piena serenità di coscienza e con la consapevolezza di un giudizio altamente democratico, valutando pacatamente l operato di chi, in questo tasso di tempo buio, ha dissipato tutto quello che rappresentava, non solo per i ferrovieri ma anche per la città di Paola e soprattutto per i nostri giovani, il Dopolavoro ferroviario». «Auspichiamo - spiegano i componenti della lista all elettorato - che i nuovi organismi che voi elettori sceglierete, determinino un forte rinnovamento del Consiglio direttivo capace di modellare le istanze degli associati nella consapevolezza di un rinnovamento serio e trasparente. Un passato ha avuto la responsabilità di vanificare le aspettative e i bisogni dei soci ferrovieri. Colleghi ferrovieri, in servizio e in pensione - proseguono i componenti della lista - non pensiamo di avere la bacchetta magica, ma siamo coscienti che con il lavoro, il forte senso di responsabilità e del volere stare insieme, riusciremo a rilanciare l attività del nostro Dpolavoro ferroviario. Per questo vi chiediamo il sostegno della nostra lista - fiduciosi che il vostro gratificherà il nostro impegno e la nostra disponibilità». (g. s.) «Mamma per sempre» Ad un anno dalla morte, Marcella Anna ricorda sua madre SINA LOMBARDO

18 LUNEDÌ 24 novembre C E T R A RO - ACQUA P P E S A - A M A N T E A - PAO L A calabria ora Mareggiata, si contano i danni Protestano i proprietari di seconde case tra Cetraro e Acquappesa CETRARO PAOLA Passato l allarme mareggiate che nei giorni scorsi si sono abbattute sulla costa tirrenica, si comincia a fare la conta dei danni provocati dalla furia del mare. Tra questi si registra un caso, in particolare, sul quale sta indagando la magistratura. A causa dei mancati lavori da parte del Comune di Cetraro, per proteggere il tratto costiero del litorale di Santa Maria di Mare, al confine con Acquappesa, i proprietari di alcune ville danneggiate dall'erosione si sono rivolti alla Procura di Paola. L avvocato Rocca che rappresenta le famiglie interessate dal problema, in una nota spiega l accaduto. «Nel lontano 2004 il Comune di Cetraro venne diffidato a realizzare dei lavori di cautela sul tratto costiero torrente Fiumicello (al confine con Aquappesa) in Via degli Oleandri, a causa della evidente rottura del muro di protezione ad alcune ville ivi situate spiega nella nota il legale - Numerosi i sopralluoghi del Genio civile, della Capitaneria di Porto, dei Carabinieri di Cetraro e dei vigili urbani, cha hanno constatato tutto. In data : dopo istruttoria Protezione civile (in relazione ai danni all'abitato costiero Torrente Fiumicello - Via Degli Oleandri) dispone dei lavori di somma urgenza, autorizzando il servizio di Cosenza all esecuzione dei lavori per un importo di euro , previa relazione tecnica, soldi da prelevarsi sul Fondo regionale protezione civile. In data la Regione Calabria, assessorato Prot. Civ., invita il sindaco di Cetraro ad effettuare i lavori alle abitazioni situate in Via degli Oleandri, confinanti con Acquappesa (alla foce torrente Fiumicello) predisponendo la somma di? Il problema riguarda in particolare le abitazioni dell ultimo tratto del litorale di Santa Maria di Mare, separata da Acquappesa dal torrente Fiumicello, tra cui una villa utilizzata da due famiglie consentine ed abitata stabilmente dal custode, un cetrarese con 3 bambini. Da allora, nonostante le plurime diffide, di tali soldi destinati dalla Regione per i lavori di somma urgenza Non se ne sa nulla. Dopo pasquetta 2008 nonostante le diffide inoltrate, il Comune di Cetraro non ha adottato alcun provvedimento. Pende innanzi al Tar giudizio contro il Comune di Cetraro. E di tali gravissime omissioni è stata interessata la procura paolana con un corposo esposto di settembre Finalizzato ad accertare e punire le responsabilità dell amministrazione comunale di Cetraro. A seguito dell ultima mareggiata di due giorni fa sul posto sono intervenuti il vicesindaco, i carabinieri e tecnici del Comune che hanno constatato il crollo del muro e l acqua marina che ha invaso tutto il piano terra dell abitazione. La famiglia del custode della villa è stata sgomberata, in considerazione del serio pericolo all incolumità del nucleo familiare (composto da tre bambini). L avvocato Rocca sottolinea le gravissime omissioni dell Amministrazione comunale di Cetraro. È dal 2004 che il Comune è a conoscenza del problema e dei pericoli relativi alla zona costiera in località Fiumicello. È dal 2005 che l amministrazione comunale ha a disposizione i soldi per cautelare la zona. Soldi predisposti dalla Regione Calabria per la realizzazione di lavori di somma urgenza in Via degli Oleandri, torrente Fiumicello, esattamente la zona sabato TIRRENO - I litorale tra Cetraro e Acquappesa flagellato dalla mareggiata di sabato colpita per l ennesima volta dalla furia del mare. Il muro a protezione delle abitazioni è crollato e i danni alla villa sono ingenti, in quanto il mare ha invaso e distrutto tutto quanto v era a piano terra ed al primo piano. Una situazione davvero disastrosa. Se il Comune fosse intervenuto prima, tutto sarebbe stato evitato! Oggi si registra l ennesima e colpevole inerzia dell amministrazione comunale. Nessuna cautela è stata mai adottata e i danni arrecati dalla mareggiata sono ingentissimi. Toccherà alla magistratura penale accertare adesso colpe e responsabilità, i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti». M.FIORELLA SQUILLARO All istituto Stillo il batterista Dei Lazzaretti Il batterista Maurizio Dei Lazzaretti ha tenuto una masterclass presso l Istituto Musicale Orfeo Stillo che ha visto la presenza in città di diversi percussionisti provenienti da tutta la Calabria. Maurizio Dei Lazzaretti, eccellente didatta oltre che concertista affermato, ha studiato percussioni al Conservatorio Piccinni di Bari. Al termine della masterclass, durante la cerimonia di consegna degli attestati, il direttore artistico Luigi Stillo e il direttore organizzativo Giusy Ferrara ringraziando il docente e tutti i partecipanti, hanno posto l accento sulla «valenza di queste attività, le masterclass appunto, che permettono a tanti giovani calabresi di perfezionarsi nella loro terra con illustri docenti provenienti da tutta Italia e anche dall estero». Auto a fuoco nel centro di Amantea E una Mercedes classe A. Si indaga anche sull ipotesi di estorsione Nella notte a cavallo tra sabato e domenica, in una strada centrale di Amantea (via Messina), un auto Mercedes Classe A - è andata interamente distrutta a causa di un incendio, presumibilmente di natura dolosa. Gli inquirenti, giunti tempestivamente sul luogo in cui si è consumato il fatto di cronaca, non hanno rinvenuto alcun genere di contenitore sporco o con rimanenze di liquido infiammabile, ma il modo in cui le fiamme si sono sviluppate e consumate, lasciano spazio all ipotesi che non si tratti di mera casualità. Il fuoco, infatti, è divampato dal lato destro della macchina (esternamente), si è propagato per tutta la carrozzeria e, una volta penetrato nell abitacolo, ha consumato completamente l interno del mezzo. A contribuire alla distruzione dell auto, il fatto che l allarme ai Vigili del Fuoco del distaccamento di Paola, coordinati dal capo squadra Giovanni Spizzirri, è giunto in ritardo, cioè quando le fiamme avevano già avvolto tutta la Mercedes classe A. Una volta raggiunto il luogo del grave episodio, i pompieri non hanno potuto fare più nulla per salvare l auto, intestata all amanteano Antonio Simari Benigno. Intanto, sulla via Messina di Amantea si è portata anche una pattuglia dei carabinieri della stazione della cittadina tirrenica, comandata da Giuseppe Lucchese. Toccherà ai militari dell Arma, adesso, comprendere se si sia trattato di una intimidazione e, nel caso i riscontri dovessero confermare tale tesi, scoprire se la stessa fosse diretta all intestatario del mezzo, oppure a suo figlio (maggiore utilizzatore della vettura in questione). Stefania Sapienza Un convegno europeo dal Gsp sulle attività dei disabili non vedenti Un convegno Europeo sulle attività sportive dei disabili non vedenti. L evento si terrà in Ungheria dal 27 al 30 novembre e tratterà le attività sportive dedicate ai disabili visivi. A rappresentare l Italia è stata selezionata l As Gruppo Subacqueo Paolano onlus, unica realtà italiana invitata a parlare delle attività subacquea per non vedenti e ipovedenti. L Associazione della città di Paola è stata anche selezionata per partecipare al Workshop Europeo che dovrà organizzare gli standard europei per la subacquea dei disabili. Al workshop organizzato da Leo Troiano, responsabile della Cmas svizzera (Confederation Mondiale des Activitèes Subaquatiques), parteciperà il presidente del Gruppo Subacqueo Paolano Piero Greco. Anche per questo motivo la dottoressa Judit Gombas, tra gli organizzatori del Convegno, ha scelto il Gruppo Subacqueo Paolano, oltre che per la sperimentazione avviata per conto della Fipsas (Federazione PAOLA/2 Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) ormai dieci anni fa e che si rinnova ogni anno con l organizzazione dei campi estivi in collaborazione con Uic e I.Ri.For. a cui partecipano aspiranti sommozzatori da tutta Italia ed Europa. Altro punto che ha spinto gli organizzatori del Convegno ad invitare il Gruppo Subacqueo Paolano è stata la Il codice dei segnali tattili subacquei per sommozzatori disabili realizzazione del codice di segnali tattili subacquei per sommozzatori con disabilità visive, approvato dalla Fipsas-Coni ed adottato come parte integrante del Manuale federale di subacquea dei diversamente abili. Il Gruppo Subacqueo Paolano onlus sarà rappresentato dal presidente, il professor Piero Greco e dal vicepresidente Giuseppe Zicca, affiancati dalla traduttrice Simona Abate e il tema della relazione sarà l attività svolta dall associazione nel corso di questi ultimi dieci anni, illustrando la didattica per l insegnamento della subacquea a disabili visivi. s. s. CETRARO L Avaf cetrarese apre a Fagnano L associazione di volontariato Andredoli Franco (Avaf), già attiva nella città di Cetraro ha aperto nei giorni scorsi una sede staccata anche a Fagnano Castello. Ciò è stato possibile grazie all intesa nata tra Nicola Andreoli, presidente dell associazione cetrarese, e Giovanni De Rosa, attivista nel settore del volontariato. Nicola Adreoli, ha dato vita all associazione di protezione civile in ricordo del padre, il Franco Andreoli, vigile urbano conosciuto e stimato nella cittadina tirrenica per il suo buon cuore. L associazione di protezione civile di Fagnano, di cui è presidente Paola De Rose, conta già di 20 soci, che si dedicano con passione a fare del bene senza chiedere nulla in cambio. Sono giovani tra i 22 e i 40 anni che hanno già una propria attività lavorativa, ci sono medici, infermieri, vigili del fuoco, professionisti, studenti, impiegati. Persone che amano dedicare parte del loro tempo per aiutare il prossimo. L Avaf si occupa di assistenza agli anziani, prevenzione, avvistamento e spegnimento incendi boschivi, interventi in caso di calamità naturali, salvaguardia dei beni culturali, coordinamento con le autorità locali per un più forte sistema operativo per far fronte alle varie emergenze, assistenza a disabili, organizzazione e gestione di eventi sportivi, manifestazioni culturali e feste patronali. m. f. s.

19 LUNEDÌ 24 novembre D I A M A N T E - P A O L A - L A G O calabria ora Sigilli, comizio contro Magorno I consiglieri comunali di opposizione in piazza replicano al primo cittadino DIAMANTE Sciopero della fame del primo cittadino per protestare contro i sequestri della Procura nella località Cirella Il freddo che ha avvolto piazza XI febbraio ieri sera non ha intimorito quanti aspettavano la risposta dei consiglieri di opposizione al comizio del sindaco Ernesto Magorno tenutosi domenica scorsa. Ma sulle note della canzone Il paese delle mezze verità del rapper milanese Fabri Fibra, i galli hanno cantato. Fabio Cavalcanti, Francesco Liserre e Giuseppe Pascale hanno tenuto il loro discorso dal titolo emblematico la verità vi farà liberi prendendo in prestito il Yes we can del neo presidente statunitense Barack Obama tanto caro a Waalter Veltroni e, per osmosi partitica, al primo cittadino di Diamante. Liserre e Pascale hanno invitato la popolazione ad avvicinarsi all opposizione disconoscendo il tentativo di Magorno di dipingere la stessa come la causa dei problemi del paese. L amico missionario così il consigliere Liserre ha definito il sindaco deve smetterla con queste scene di folklore patetico che sta mettendo in scena e deve tornare a confrontarsi con l opposizione in consiglio comunale. Ai tredici sindaci che hanno dimostrato solidarietà a Magorno per lo sciopero della fame indetto contro la decisione della magistratura di sequestrare i parchimetri, e non lo slargo di piazza mercato, Liserre e Pascale chiedono dove fossero quando si consumava la vicenda della Foderauto Bruzia. Magorno e i suoi colleghi dovrebbero rispettare le decisioni della magistratura anche perché il sindaco di fronte ai nostri primi reclami ci invitò a rivolgerci alla procura. Perché ora che la procura è arrivata si è dato allo sciopero della fame e al ricovero ospedaliero?. Nel corso del comizio sono tornati alcuni temi classici presentati dall opposizione come i veri punti di debolezza della figura del sindaco e del suo modo di operare: Magorno è vittima consapevole di un sistema che ha voluto creare per diventare sindaco ha dichiarato Liserre convinto che non ci sarebbe stata opposizione come è stato negli ultimi quindici anni. Giuseppe Pascale, storico rappresentante della politica adamantina, ha rispedito al mittente le accuse ricevute per il caso dei precari: dicevano che i precari scelti dall amministrazione di cui facevo parte erano dei raccomandati. Come spiegano il fatto che l 80% di questi è stato riassunto?. Una battuta è stata riservata anche alla lettera inviata da Magorno a Cavalcanti circa la quale Pascale e Liserre si sono chiesti perché il sindaco non ha teso la mano all opposizione subito dopo il suo insediamento. Se ci avesse ascoltato in diverse occasioni avrebbe evitato errori madornali che un uomo della sua esperienza politica non dovrebbe commettere, come per l assegnazione della redazione del piano strutturale comunale. Fabio Cavalcanti, capogruppo del Risveglio, ha invece analizzato a fondo la questione dei contenziosi con il demanio: i terreni demaniali sono della cittadinanza. Il magistrato ha solo restituito al popolo quello che è suo. La smetta il sindaco con questo atteggiamento e risolva la questione partendo dall utilizzo di altre aree per lo svolgimento del mercato del sabato come da noi proposto. Il comizio è stato ricco di ironiche battute ma anche di dati oggettivi come i 35 posti di parcheggio ticket esente sui 1200 stabiliti tra Diamante e Cirella ritenuti assurdi, i 48 atti illegittimi redatti dalla giunta che non distingue una delibera da una determina collezionati da Cavalcanti in un archivio parallelo, i 7 segretari comunali sostituiti in 15 mesi, gli 8 membri dello staff del sindaco manco fossimo il comune di Roma. Quanto al nome del candidato da presentare alle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale, le opposizioni riunite stanno ancora discutendo. Sarà molto probabilmente un membro dell associazione il Risveglio. Si vocifera il nome di Gianfranco Pascale, fratello del consigliere Giuseppe. GAETANO BRUNO PAOLA Iniziativa di ecosportello Gli studenti al mercato Questa mattina, alle ore 10,30, presso il mercato ortofrutticolo di Paola di via sottomercato, si terrà l iniziativa Un giro al mercato... due passi tra frutta e verdura, organizzata dall ecosportello (aperto dalla cooperativa Agorà ), in collaborazione con gli studenti della scuola media inferiore dell Istituto S.Vergine di Pompei e San Francesco di Paola, gestito da madre Giuditta Santo. «Scopo precipuo dell ecosportello spiega Renato Cupello, amministratore dell Agorà e coordinatore dell ecosportello - è quello di avvicinare i cittadini alle tematiche ambientali e svolgere altresì, un azione pedagogica, soprattutto sulle giovani generazioni, volta al rispetto dell ambiente, ai nuovi stili di vita e tutela della salute. Per le finalità dell ecosportello è stato ideato il progetto di educazione ambientale ecolezioni nello zaino rivolto al mondo della scuola e che prevede un articolato programma che si svilupperà in più fasi. I giovani studenti aggiunge Cupello - si recheranno all interno del mercato ortofrutticolo di Paola per osservare da vicino il vasto processo che porta sulla loro tavola frutta e verdura per dare ai consumatori dai giovani ai loro genitori - una risposta chiara ad una serie di quesiti aperti: da dove arrivano i prodotti che consumiamo? Chi garantisce la salubrità dei prodotti? Cosa sono gli Ogm? Perché è necessario introdurre nella dieta un giusto apporto di frutta e verdura?» Faranno da guida ai ragazzi: Franco Mazzei vicepresidente Cia (Confederazione Italiana Agricoltori) Cosenza, che parlerà di varietà, stagionalità e commercializzazione dei prodotti agricoli ; Adolfo Rossi, membro Associazione Consumatori Mdc di Paola, su qualità-prezzo dei prodotti agricoli ; Rosalia Romagno, nutrizionista che curerà l aspetto del giusto apporto di frutta e verdura per una dieta equilibrata. s. s. Il porto fa ancora discutere Ex sindaco all attacco. Polemica su elezioni e Corte dei Conti PAOLA Corte dei Conti, Porto, gestione comunale in genere, criminalità, elezioni provinciali e occupazione. Antonio Eboli (foto), già sindaco socialista della città, entra nel merito delle varie questioni esprimendo perplessità per il futuro. «Mi sono chiesto più volte se è possibile che l amministrazione d una città possa fare bene il suo lavoro senza avere un quadro di riferimento politico-amministrativo cui richiamarsi non solo nei principi fondamentali, ma anche nella pratica quotidiana», evidenzia Eboli. E ancora: «In democrazia - è la risposta che più si addice - è no. Non è possibile perché si tornerebbe alle signorie che è la maniera peggiore di rappresentare la collettività. Se Paola ha oggi questo riferimento politico-amministrativo sia nella maggioranza che governa sia nella minoranza che fa l opposizione non saprei. Il fatto è che tutto procede senza che un partito o i tanti partiti, forse troppi d un tempo, non hanno più voce in capitolo non solo ne, Consiglio Comunale dove pur sono stati eletti in nome e per conto delle diverse forze politiche, ma neanche nelle assemblee degli iscritti o nei vertici dirigenziali». Qui a Paola, secondo l ex sindaco, «tutto viene» invece «deciso a tavolino dal primo cittadino o dalla sua confraternita ; quando non addirittura da chi agisce dietro le quinte, dal nuovo sito che ha trovato da qualche tempo. Il paese tace». A Paola, difatti, succede di tutto: «le tariffe comunali sono alle stelle; i dissesti finanziari vengono di volta in volta rilevati e denunciati alla Corte dei Conti; gli sperperi continuano senza alcuna preoccupazione e senza curarsi dei rilievi della magistratura contabile; gli incarichi e le promozioni al interno della burocrazia comunale vengono elargiti a piene mani a gente d area; gli incarichi professionali a soggetti che staziona nelle anticamere municipale e così via». Nella città, però, l ordine pubblico - aggiunge - «nonostante le buone notizie degli operatori, lascia a desiderare quando non preoccupa per i continui atti delinquenziali che vi si riscontrano giornalmente: attentati, tangenti, droga e qualche volta uccisioni ed agguati». La massa dei lavori pubblici, a detta del politico, «ristagna, come abbiamo visto già tante volte, mentre i comunicati dell Amministrazione Comunale parlano trionfalisticamente di grandi realizzazioni fatte e da fare». Su cui Appello ai partiti della città di Paola: «Non fatevi incantare dai voti» spicca il Porto. «A proposito del quale - incalza Antonio Eboli - pare che i lavori di disotterramento dei vecchi massi di cemento a suo tempo sotterrati per liberare la spiaggia di quell ingombro, dovrebbero dimostrare l inizio dei lavori di costruzione del porto. Non sappiamo con quali fondi vengono operati detti lavori e se la Società Porto dei Normanni spa, abbia rispettato le regole per l appalto e se dispone dei fondi necessari. Se, insomma, non si tratti della solita bufala che si è sempre risolta buttando i soldi a mare». Eboli conclude con un appello sulle provinciali: «Le prossime elezioni per rinnovare della Provincia forse ci riserveranno qualche sorpresa ed io invito i partiti responsabili delle prossime candidature nel nostro collegio a ponderare bene le cose, senza farsi incantare dal flauto magico dei voti già presi che difficilmente si riprenderanno. Gli avventurieri della politica debbono essere messi da parte se vogliamo riprendere il cammino d una sana democrazia. A bon intenditor poche parole». GUIDO SCARPINO LAGO Il gruppo giovani locale si prepara al voto Ieri pomeriggio, alle ore 18:00, presso il salone parrocchiale laghese, il Gruppo Giovane Lago ha tenuto un convegno sui temi della politica, che lo vedrà «protagonista», come «alternativa», alle amministrative della primavera prossima. Il convegno è stato coordinato dal maresciallo dei carabinieri in pensione Francesco Allotta. Gli organizzatori hanno programmato gli interventi di Americo Runco (Ggl), Ezio Ombres, Alfonso Sesti, Alessandro Cherubini (Ggl). E stato invitato Emiliano Pandolfi dell Associazione Culturale Astragolo. Le conclusioni dei lavori sono state affidate al segretario del Gruppo Giovanile di Lago, Ermogesto Piluso. Interessante il tema dell appuntamento: Giovani: costruiamo un futuro nostro. Il Ggl è nato nel febbraio 2008 e si è posto quale obiettivo principale quello di «unire in un unico soggetto civico - si legge in una nota - tutte le forze esistenti in Paese e di proporre alla cittadinanza qualcosa di veramente alternativo e di innovativo». Questo gruppo fatto solo di giovani, vuole dunque unire l innovazione all esperienza e non l incontrario. Riguardo a tale argomento, il segretario del gruppo, Piluso, ha affermato: «E difficile e ne siamo consapevoli; soprattutto sarà duro l impatto con la popolazione, non sappiamo se saranno pronti a cambiare e a dare fiducia a nuove leve. D altra parte pensiamo che, solo in questo modo, sarà possibile stravolgere gli schemi della vecchia politica che finora non ha prodotto nessun risultato per via di gente opportunista e incompetente, e si potrà centrare l obbiettivo che tutti desideriamo: fare uscire il Paese da una fase di stallo e di crisi economica che dura da almeno 20 anni». s. s.

20 calabria ora LUNEDÌ 24 novembre 2008 PAGINA 19 MACONDO &tutto quanto fa spettacolo Redazione centrale: c.da Lecco, Rende (Cs) - mail: Reality in car: la calabrese vince lo show Alessandra si porta a casa un automobile E E alla fine la concorrente calabrese l ha spuntata. E Alessandra Lascala, reggina di origine e vibonese d adozione, la vincitrice del più strano reality show dell anno: reality in car. Dopo dieci giorni passati chiusa in un auto con altre tre persone (anche se per riposare erano stati adibiti divani all esterno) all interno di un centro commerciale di Casalecchio in provincia di Bologna, la giovane studentessa si è portata a casa una Volkswagen Polo 1.2 United. Su un totale di 16mila votanti (i clienti del centro commerciale) Alessandra ha vinto per un Per dieci giorni i concorrenti hanno vissuto in una macchina soffio, per soli 17 voti in più, sull altra concorrente femminile Valeria Costa ventiseienne commessa. Ieri pomeriggio il verdetto dopo 240 ore di resistenza. «Ancora non ci credo, ho sentito i miei genitori che credevano scherzassi quando gli ho detto della vittoria e invece è tutto vero» dice la ragazza che sogna di diventare magistrato o avvocato «ma certo se da quest esperienza dovesse giungere anche una buona occasione in altri settori perché no». Alessandra ha ventidue anni, studia giurisprudenza a Bologna e per caso, due settimane fa, passeggiando per il centro commerciale di Casalecchio, ha deciso di partecipare ai casting del reality. Ieri sera ha festeggiato la vittoria anche se i postumi di questa esperienza sotto i riflettori iniziano a farsi sentire. «Restare tutto quel tempo seduta con tre persone sconosciute non è stato facile. Mi sono legata molto a Valeria, l altra concorrente, e credo che ci vedremo anche fuori. Ho la schiena e il collo a pezzi ma sono così felice che per ora non ci penso». I concorrenti hanno dovuto affrontare delle prove durante la settimana: canto ballo e soprattutto gastronomia. «Credo che ad avere colpito il pubblico sia stata la mia solarità e il mio amore per i bambini che si avvicinavano alla macchina per parlare con noi». Per ora si gode il suo momento di gloria e quando tornerà a Filandari, in provincia di Vibo, questa volta ci arriverà sgommando. Alessia Principe segnaliamo Ayala ospite di Parole chiave musica A sinistra Alessandra portata in trionfo dagli altri concorrenti (Zucchini photo); in alto durante un esibizione Markowitz in riva allo Stretto REGGIO CALABRIA Dopo il concerto avanguardista del Matt Wilson quartet con la sua istrionica e sapiente dose di ritmo, alla ventesima rassegna internazionale di Musica jazz a Villa San Giovanni, in provincia di Reggio Calabria, torna questa sera in riva allo Stretto Phil Markowitz. Uno dei più completi e raffinati pianisti statunintensi di jazz moderno, affacciatosi sulla scena internazionale alla fine degli anni /0 suonando per quattro anni nella band di Chet Baker, Markowitz è un improvvisatore completo e di grande esperienza nonché raffinato compositore. Musicista che ha attraversato diversi decenni di jazz sia alla testa di proprie formazioni con Thielemans. Gomez. Locke e Foster, sia incidendo e suonando a lungo con grandi artisti quali tra gli altri Dave Liebman o Bob Mintzer. Torna al Jazzmin dopo qualche tempo e con il suo trio formato da Jay Anderson al contrabbasso e Adam Nussbaum alla batteria, il concerto sarà di grande impatto emotivo. Phil Markowitz è compositore, pianista e produttore di album quali A walk in the clouds, Meditations, New Vista, Voyage, Return of the Tenor, Songs for my daugheter, Miles away e Classique. Insegna presso la Manhattan School of Music ma la sua esperienza è spesso itinerante in tutto il mondo nei conservatori e nelle università. Lunedì scorso ad essere protagonista è stato l ottone opaco delle percussioni di Wilson. Particolare anche la gestualità dell artista nel modo di pinzare i piatti, di cercare sonorità diverse usando anche un bicchiere di birra abilmente inclinato e percosso da bacchette che giocano di virtuosismi entusiasmanti. Per questa sera dunque, un altro esempio di jazz di alto livello con virtuosismi, originalità timbrica per il pubblico di inteditori. Luisa Bellissimo cinema Niente Serata d onore per Palmi CATANZARO Il magistrato nisseno Giuseppe Ayala questa sera sarà l ospite di Parole chiave, la rassegna culturale ideata e condotta da Raffaele Gaetano al suo secondo appuntamento dopo quello dell esordio con il giornalista Franco Di Mare. Un appuntamento da non mancare, per un faccia a faccia senza esclusione di colpi su una parola chiave tra le più attuali e dibattute del nostro tempo, che altri non poteva essere appunto che mafia. L appuntamento con Ayala è fissato sempre per le 18 all auditorium dell istituto industriale Ercolino Scalfaro ed anche per oggi è immaginabile come parecchi saranno curiosi di sapere qualcosa in più del noto magistrato che era anche amico oltreché collaboratore di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Aneddoti e sensazioni particolari di quegli anni difficili nei quali lo stesso Ayala era impegnato nel pool antimafia di Palermo potranno così essere disvelati nel corso di questo interessante incontro nel quale sicuramente potranno emergere oltre ai ricordi tristi, anche quelli belli. Ayala ha rappresentato l accusa nel primo maxiprocesso. E stato deputato e senatore per quattro legislature e sottosegretario alla Giustizia dal 96 al 2000 ed è rientrato in magistratura nel Gaetano saprà pertanto coinvolgere il suo ospite nella discussione da renderla ancora più efficace con le sue domande. «Sono passati sedici anni da quell anno terribile con i due attentati di Punta Raisi e di via d Amelio - dichiara Gaetano - che segnò forse il momento più drammatico della lotta contro la mafia in Sicilia. Falcone e Borsellino restano due simboli. Ma per Ayala, i due magistrati siciliani sono anche il ricordo commosso di dieci anni di vita professionale e privata». Vito Fabio PALMI Non era L isola di Savino il cortometraggio andato in onda sabato scorso a Serata d onore, il programma presentato da Pippo Baudo su Raiuno. E quanti quella sera sono rimasti a casa nell attesa di vedere scorrere sul piccolo schermo le immagini di Palmi, del suo mare, della sua Varia e magari anche di qualche faccia conosciuta, sono rimasti inevitabilmente delusi. C era sì il regista del minifilm, Giacomo Del Buono, a Serata d onore. Ma i cinque minuti di pellicola trasmessi erano di un altra storia, ambientata nel Napoletano. Perché a quanto sembrerebbe, gli autori dell opera girata interamente a Palmi tra il centro città e la Tonnara, hanno preferito posticipare la prima assoluta de L isola. Pare a gennaio. E pare proprio a Palmi. «Lo stesso Del Buono - ci racconta Giuseppe Cricrì, palmese 46enne che nel corto ha interpretato il sindaco - mi ha spiegato che non ha voluto bruciare L isola di Savino mandandone in onda solo una parte, dal momento che il lavoro ultimato e montato raggiunge i venti-trenta minuti». Una telefonata tra regista ed attore, diventati ottimi amici dopo la loro collaborazione professionale, avrebbe pertanto chiarito che «i ragazzi del Centro sperimentale di cinematografia di Roma che hanno fatto le riprese ci tengono a tornare nella nostra città per la prima proiezione». Il corto mette in scena la storia di un amicizia tra i ragazzini Savino e Mic, l uno palmese e l altro un clandestino portato dal mare, che si conoscono in una sorta di rifugio segreto. «Inizialmente gli autori avevano pensato a Vibo come setting e infatti i due bambini coprotagonisti sono vibonesi spiega Cricrì, ma quando hanno visto le bellezze paesaggistiche di Palmi non hanno avuto dubbi». Francesca Pugliese ppuntamenti AOggi Palmi Presentazione della nuova mediateca comunale. Casa della Cultura ore 9,30 Oggi Reggio Calabria Conferenza stampa per illustrare le modalità di selezione del corso in Fashion Design. Municipio ore 10,30 Oggi Cosenza Inaugurazione della quinta Settimana delle biblioteche con mostre, spettacoli di animazione. Biblioteca civica ore 10,30 Oggi Reggio Calabria Cerimonia per il titolo di Reggio Calabria capoluogo di moda, arte e cultura. Villa Genoese Zerbi ore 11 Oggi Cosenza Conferenza stampa di La scuola dei classici rassegna di teatro classico per le scuole. Teatro Italia - Tieri ore 11

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 18.10. PRESIDENTE. Buongiorno. Vi ringraziamo per la vostra presenza e per la collaborazione che

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2008-2009 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια : 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/5 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA PER LA RACCOLTA FIRME

NOTA ESPLICATIVA PER LA RACCOLTA FIRME NOTA ESPLICATIVA PER LA RACCOLTA FIRME PREMESSA Chi raccoglie le firme per il referendum deve essere consapevole che sta esercitando un diritto previsto dallʹart. 138 della Costituzione, e che tale diritto

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI

BOZZA NON CORRETTA RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE IN SICILIA SEDUTA DI GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE STEFANO VIGNAROLI CAMERA DEI DEPUTATI 1/8 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche"

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette morti bianche REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche" TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALE Art. 1. (Compiti della

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 01.8.2011 OGGETTO: Schema di convenzione per collaborazione tra Carabinieri Sezione di Santa Maria di Licodia. N. 67 L anno duemilaundici il giorno uno

Dettagli

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti Corriere della Sera http://www.corriere.it/cronache/11_settembre_29/fasano-nonna-moto-cade_b1ce4c46... Page 1 of 2 03/10/2011 stampa chiudi IL RECORD DI TARANTO, 321 INDAGATI. E LE FRODI FANNO SALIRE IL

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città.

Si apre un nuovo ciclo nella vita politico-amministrativa di Torino. Alle nostre spalle sta un periodo di trasformazioni della città. Desidero innanzitutto ringraziare il Presidente del Tribunale, dottor Luciano Panzani, la dottoressa Giovanna Dominici, Presidente dell Ufficio Centrale Elettorale e tutti i loro collaboratori per lo scrupolo

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani LA METRONOTTE Di Paolo Mondani Montali è indagato, anzi, sotto processo per? Collusione con la Banda della Magliana, riciclaggio, corruzione e intestazione fittizia di beni. MILENA GABANELLI IN STUDIO

Dettagli

VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO

VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO VIGILI DEL FUOCO: CONFSAL, ALTA ADESIONE ALLO SCIOPERO (ASCA) Roma, 28 mag Grande partecipazione sul territorio all'iniziativa di protesta organizzata da Confsal Vigili del fuoco e da Conapo VV.F. I dati

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Deliberazione del Consiglio di Amministrazione Deliberazione del Consiglio di Amministrazione N. 85/2014 Data 17/12/2014 OGGETTO: Aggressione di uno studente nel collegio universitario Tridente la sera del 5/12/2014. Provvedimenti a carico dell aggressore.

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

Sfatare il mito del posto fisso

Sfatare il mito del posto fisso Intervista Sfatare il mito del posto fisso Gli obiettivi di Daniele Rossi neo presidente del gruppo giovani imprenditori Contribuire a creare una cultura d impresa per dare ad una regione che ancora vive

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

ALLERTA METEO. GIOIA. LE SCUOLE NON CHIUDONO-foto. Scritto da La Redazione Domenica 01 Dicembre 2013 14:27

ALLERTA METEO. GIOIA. LE SCUOLE NON CHIUDONO-foto. Scritto da La Redazione Domenica 01 Dicembre 2013 14:27 Queste le giustificazioni addotte dal prof Rocco Fazio in merito da noi contattato: "Stiamo parlando di situazione idrogeologica, per la quale è previsto un rischio moderato Per gli edifici dobbiamo aspettare

Dettagli

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0

Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Notizie dal Consiglio Comunale A cura del Gruppo Consiliare Uniti Per Burago Anno 0 Numero 0 Siamo qui... Ad un anno di distanza dalle elezioni comunali usciamo con questo nuova pubblicazione il cui obbiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

CURRICULUM. Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10.

CURRICULUM. Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10. CURRICULUM Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10. Laureato in giurisprudenza presso l Università di Bari il 21.4.1970; Avvocato dal 4.5.74 ; Abilitato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............

sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4............ sabato 20 luglio 2013 estratto da pag 4-4........................ LA SPEZIA 19 luglio 2013 online A rischio i sommozzatori dei pompieri La Spezia Il corpo dei vigili del Fuoco subisce tagli, e farne le

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Rubrica Ilquotidianodellabasilicata.Ilsole24ore. com Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. 27/10/2014 EDILIZIA, E' DI COSENZA IL GRUISTA CHE VINCE IL TITOLO DI MIGLIORE DELL'ANNO Ilquotidianodellacalabria.it

Dettagli

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010 18 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Responsabile: NICOLA TANZI Vice Direttore: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione al Tribunale di Roma n. 98 del 21 febbraio

Dettagli

Il Console Generale Massimiliano Mazzanti dà il benvenuto al nuovo Comites. Segue un giro di presentazioni.

Il Console Generale Massimiliano Mazzanti dà il benvenuto al nuovo Comites. Segue un giro di presentazioni. Londra, Consolato Generale d Italia 27/4/2015, 3pm Presenti tutti i membri del neoeletto Comites di Londra: Vincenzo Auletta, Luigi Billè, Nicola Del Basso, Alessandro Gaglione, Leborio Genuardi, Pietro

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E Deliberazione n. 40 della seduta del 27 febbraio 2015 Oggetto:PIANO DI RIORGANIZZAZIONE E DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA RETE SCOLASTICA E DELLA

Dettagli

La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio

La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio Università degli studi di Sassari Dipartimento di Economia, Istituzioni e Società Centro di Studi Urbani La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio PRIMO RAPPORTO DI RICERCA ANTONIETTA

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

I CONSIGLI ANTITRUFFA

I CONSIGLI ANTITRUFFA Città di Polizia di Stato Cologno Monzese Questura di Milano I CONSIGLI ANTITRUFFA a tutela dei nostri ANZIANI Presentazione Cologno Monzese ha da sempre a cuore e ben presenti le esigenze della Terza

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO Ammazza che mafia di Paolo Mondani MILENA GABANELLI FUORI CAMPO La storia che adesso vedremo avrebbe potuto, almeno in parte, essere raccontata 10 anni fa. Siamo a Roma dove una vera e propria federazione

Dettagli

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola

BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola BREVE GUIDA ALLE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO a cura dei Cobas Scuola Il corretto funzionamento degli Organi Collegiali, nonostante limiti e difetti, è oggi un importante presupposto per una partecipazione

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Sportelli al Comune: "non mi avete invitato alla conferenza stampa". Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni?

Sportelli al Comune: non mi avete invitato alla conferenza stampa. Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni? Sportelli al Comune: "non mi avete invitato alla conferenza stampa". Ma Agromed cosa ha fatto in tutti questi anni? Il presidente della Camera di Commercio di Taranto, rag. Luigi Sportelli ha inviato ai

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

1 di 5 11/01/2012 0.30

1 di 5 11/01/2012 0.30 1 di 5 11/01/2012 0.30 HOME S.O.S. CORRIERE S.O.S. AVVOCATO GALLERIA NUMERI UTILI JOB CONTATTI PUBBLICITÀ ATTUALITÀ CONCORSI COMMERCIO ANIMALI VINO SCUOLA INCHIESTE SANITÀ ITALIA SALUTE SOCIALE EVENTI

Dettagli

INTERVENTO CONCLUSIVO

INTERVENTO CONCLUSIVO INTERVENTO CONCLUSIVO NEROZZI Paolo Nerozzi * Anche io voglio partire dal tema del terrorismo, da ciò che è avvenuto, che non ci aspettavamo, ma che non intendiamo sottovalutare perché, accanto a vecchie

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

' UIL PA Penitenziari - Segreteria Nazionale '

' UIL PA Penitenziari - Segreteria Nazionale ' ' UIL PA Penitenziari - Segreteria Nazionale ' Da: Salvato da Windows Internet Explorer 7 Inviato: giovedì 19 febbraio 2009 15.05 Oggetto: Il Giornale di Calabria: il primo giornale online calabrese per

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Adriana Musella e Presidente del senato della Repubblica Italiana Pietro Grasso

Adriana Musella e Presidente del senato della Repubblica Italiana Pietro Grasso Tutti presenti alla giornata speciale della Gerbera Gialla 2016. Il Presidente del Senato Pietro Grasso, Prefetto, la Magistratura, le Forze dell'ordine, Scuola, No Profit, Giornalismo, Università. Adriana

Dettagli

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma.

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma. vori in Corso per l Autoriforma. Gli Osservatori sulla, prove tecniche di Democrazia Amministrativa 1 Luca Minniti * *Giudice del Tribunale di Firenze Questo intervento è stato inviato prima dell assemblea

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli