Piani di alta formazione per lo sviluppo delle competenze nella direzione e nella gestione d impresa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piani di alta formazione per lo sviluppo delle competenze nella direzione e nella gestione d impresa."

Transcript

1 Piani di alta formazione per lo sviluppo delle competenze nella direzione e nella gestione d impresa. Un'offerta completa di piani formativi fortemente finalizzati verso risultati immediati. ALPID ha studiato un programma modulare di interventi che copre tutte le esigenze di miglioramento delle competenze e delle conoscenze per manager, imprenditori e figure professionali interessate ad avviare un percorso di crescita e di sviluppo professionale. I Piani di formazione I Corsi Programmazione e quote di partecipazione

2 A. Direzione aziendale - Destinatari: Executive manager - Imprenditori Pensare strategicamente prima di decidere, per competere efficacemente. B. Management e strumenti - Destinatari: Management Gestire la complessità e l'incertezza. Nuove priorità del management. C. Marketing e comunicazione - Destinatari: Responsabili marketing Il marketing oggi. Frugale, essenziale e rapido. Anzi, rapidissimo. D. Commerciale e vendite - Destinatari: Responsabili commerciali e vendite Strutturare efficacemente la rete di vendita e monitorare l'azione del venditore. E. Customer care - Destinatari: Responsabili qualità Rilevare i fattori di soddisfazione del cliente, e la loro importanza, per fidelizzarlo. F. Organizzazione e processi - Destinatari: Responsabili organizzazione I nuovi modelli di riorganizzazione che puntano alla centralità della risorsa umana. G. Risorse umane - Destinatari: Responsabili del personale Dalla selezione alla valutazione, passando per la comunicazione interna. H. Produzione e qualità - Destinatari: Responsabili produzione ed acquisti Accorciare la catena logistica. Con il Lean Thinking efficienza e profitto. I. Auditing e controllo - Destinatari: Responsabili amministrazione Nuovi indirizzi nel controllo di gestione. Meno indicatori, più confronto interno. J. Out-placement - Destinatari: Gestori e destinatari di progetti di ricollocazione Ricollocarsi nel lavoro è un progetto complesso, rendilo entusiasmante.

3 A. Direzione aziendale Pensare strategicamente prima di decidere, per competere efficacemente. Per la direzione d'impresa, intesa come cabina di regia per lo sviluppo competitivo, ALPID propone i temi su cui strutturare progetti formativi per imprenditori e vertici aziendali. Pensare strategicamente prima di decidere, perseguire una leadership adeguata alla rapidità dei cambiamenti ed ottimizzare le risorse di cui si dispone, costituiscono fattori imprescindibili per il buon governo dell'impresa. A1. La pianificazione strategica La sempre maggiore imprevedibilità degli andamenti di mercato sta rendendo la pianificazione strategica come momento decisivo per determinare la sostenibilità dei programmi aziendali. A2. La leadership avanzata Sviluppare un livello avanzato di leadership attraverso tecniche e strumenti di utili a perseguire obiettivi di elevata performance individuale e di efficace coordinamento dei team. A3. L'ottimizzazione delle risorse Ottimizzare il fabbisogno, il reperimento, l'impiego ed il controllo delle risorse può fare la differenza in termini competitivi.

4 B. Management e strumenti Gestire la complessità e l'incertezza. Nuove priorità del management. La gestione d'impresa si è evoluta in chiave sistemica ed oggi necessita di competenze specifiche per il mantenimento di adeguati livelli di efficienza. Il cambiamento ha ormai una ciclicità elevata e va gestito con flessibilità e rapidità, I temi che propone ALPID, per la formazione sul management, sono stati selezionati per rendere rapido l'apprendimento, o l'approfondimento, di tecniche di gestione prioritarie per il buon funzionamento dell'impresa. B1. Il change management Il cambiamento è un viaggio che parte da una condizione di origine per arrivare ad una nuova condizione. Cosa c'è prima e cosa c'è dopo è solo una serie di dati. Ciò che importa è il presidio del processo che porta dal vecchio al nuovo da parte degli attori del cambiamento. B2. Il project management La crescita e lo sviluppo delle aziende che lavorano per commessa punta su direttrici che tendono verso una sempre maggiore integrazione organizzativa con la supply chain. Tale indirizzo presuppone la necessità di un adeguato presidio della catena del valore per garantire il massimo livello di competitività sul mercato. B3. Il contract management Il Contract Management è il processo di sistematica gestione dei rapporti contrattuali tra fornitore e cliente al fine di massimizzare le performance operative ed economiche e minimizzare i rischi delle parti generando valore comune. La padronanza del CM è una prerogativa determinante del management aziendale.

5 C. Marketing e comunicazione Il marketing oggi. Frugale, essenziale e rapido. Anzi, rapidissimo. Oggi il marketing è soprattutto differenziazione e cattura dell attenzione del cliente. Cambiano le logiche di progettazione di prodotti e servizi e si affermano nuove tecniche di pianificazione di marketing. La creatività, ed il processo che ne determina l efficacia o meno, è diventata strumento trasversale alle funzioni aziendali. La comunicazione, come elemento decisivo della commercializzazione del prodotto e del servizio, si incentra oggi sulla rete, che ne sta modificando irreversibilmente regole e presupposti. C1. Il piano di marketing Le nuove tecniche di pianificazione di marketing e di implementazione dei piani operativi aziendali. L evoluzione del marketing-mix e la sua integrazione con gli strumenti evoluti che la rete mette a disposizione. C2. Il processo creativo Cosa c è alla base del processo creativo che porta ad individuare gli elementi di differenziazione della propria offerta di prodotti e servizi. Come attivare le risorse cognitive ed emotive per integrare fantasia, innovazione ed utilità. C3. Il piano di comunicazione Le fasi del piano di comunicazione. Come individuare correttamente gli obiettivi della comunicazione. La congruenza tra investimenti e piano media, le soglie economiche per avere ritorni adeguati. L'importanza della web-reputation.

6 D. Commerciale e vendite Strutturare efficacemente la rete di vendita e monitorare l'azione del venditore. Come sta cambiando la distribuzione e la commercializzazione, le competenze del venditore si accrescono di nuovi fattori persuasivi, il cliente è sempre più sensibile all'etica che diventa un valore necessario, le tecniche di vendita diventano meno complesse e sofisticate. ALPID propone un programma mirato di interventi formativi rivolti a direttori commerciali, responsabili vendite e dealer. Un percorso completo di formazione e coaching. Dalla progettazione, realizzazione e messa a regime di una rete di vendita, alla evoluzione del comportamento verso il cliente, alla possibilità di padroneggiare nuovi strumenti di vendita. D1. Progettare la rete di vendita La rete di vendita è una complessa struttura di persone, strumenti e sistema d'offerta di prodotti e servizi. Questa struttura interagisce con una serie di variabili ambientali di tipo economico, demografico, sociale. Per progettare una rete di vendita occorre tener conto di innumerevoli variabili. L'equilibrio, la flessibilità, l'attualità sono, infatti, i fattori vincenti di una forza vendite competitiva. D2. La comunicazione persuasiva La comunicazione persuasiva ha come obiettivo quello di far cambiare opinione a qualcuno. Nel processo di comunicazione che si attiva tra un venditore ed un cliente potenziale, il principale cambiamento è costituito dalla conclusione positiva della vendita e dalla soddisfazione del cliente per l acquisto fatto. Le regole della comunicazione alla prova delle proprie abilità persuasive. D3. Tecniche di vendita avanzate La tecnica del modeling e le sue applicazioni. Modellarsi sul cliente e sui suoi criteri di rappresentazione della realtà. Le dinamiche emozionali e la loro influenza sull'efficacia della comunicazione. Riconoscere e gestire le proprie emozioni. Conoscere ed individuare le leve decisionali del cliente per indirizzarle verso la positiva conclusione della vendita.

7 E. Customer care Rilevare i fattori di soddisfazione del cliente, e la loro importanza, per fidelizzarlo. La customer care è un vero e proprio progetto che si basa su precisi presupposti. Non basta misurare la soddisfazione del cliente, occorre preliminarmente individuare i fattori su cui basa la sua soddisfazione misurandone l importanza, e confrontare, quindi, l aspettativa con la soddisfazione effettiva. Tra i presupposti, la fidelizzazione del cliente è la fase più complessa e difficile per la necessità di disporre di un vero e proprio sistema informativo sul ciclo di vita del cliente. Da qui l esigenza di strutturare un customer service che presidi l intero processo di customer care. ALPID propone la progettazione di un sistema di rilevazione della customer satisfaction, della sua installazione in azienda e dell addestramento delle risorse umane da impiegare. E1. Misurare la soddisfazione Misurare la soddisfazione del cliente significa creare un modello di ricerca che tenga conto di diversi fattori. Dalla valutazione dei fattori di soddisfazione, alla loro importanza per il cliente. Dal confronto tra la soddisfazione attesa a quella percepita. Il Customer Satisfaction Index rappresenta la sintesi dell efficacia della nostra presenza sul mercato. E2. Fidelizzazione del cliente Le tappe del processo di fidelizzazione. Quanto costa fidelizzare un cliente, quanto costa perderlo, quanto costa un cliente nuovo. L evoluzione della marginalità del cliente fidelizzato nel tempo. Il bilancio periodico delle dinamiche inout della clientela, chi entra e chi esce, incrementi/decrementi della redditività. E3. Strutturare il customer service Valutare l'opportunità di strutturare un customer service. Una scelta irreversibile che coinvolge tutta l'azienda e che impone cambiamenti radicali nei processi interni. Il customer service è una filosofia di gestione che va condivisa prima di ogni investimento che lo riguardi. Come strutturare un customer service. L'assoluta rilevanza delle risorse umane coinvolte e della loro selezione e formazione.

8 F. Organizzazione e processi I nuovi modelli di riorganizzazione che puntano alla centralità della risorsa umana. ALPID considera l organizzazione come un insieme di risorse orientate al raggiungimento di una finalità comune ed in costante relazione con l ambiente di riferimento. Finalità ed ambiente di riferimento devono essere attentamente valutati in termini di coerenza, sostenibilità, convenienza. Da tali presupposti scaturiscono le attività fondamentali per la strutturazione di un organizzazione vincente: la gestione per processi, la costruzione organizzativa e la gestione dei ruoli. Un pacchetto di interventi formativi studiati per fornire metodi e modelli applicativi per manager impegnati nella gestione dell organizzazione aziendale. F1. La gestione per processi Passare dalla gestione funzionale a quella per processi rappresenta oggi un passaggio obbligato per tutte le organizzazioni, non solo per quelle che operano su commessa. Tutte le aziende pubbliche e private stanno orientando le loro politiche gestionali al presidio dei flussi interfunzionali ed alla sistematica misurazione delle performance integrate. F2. La costruzione organizzativa La costruzione organizzativa è la pietra miliare di ogni impresa. le regole che sottendono ad una efficace ed efficiente strutturazione di funzionigramma ed organigramma dell impresa sono poche, ma precise ed ineludibili. Sostenibilità, semplicità, chiarezza dei processi da gestire, visione precisa dell insieme organizzativo, persone giuste al posto giusto. F3. Job analysis e gestione dei ruoli L inquadramento delle risorse umane nell organizzazione. si basa sul principio della gestione per obiettivi. La gestione per obiettivi implica, tuttavia, una rigorosa sequenza di scelte ed attività. L individuazione delle operazioni elementari all interno dei sistemi gestionali delle organizzazioni rappresenta una fase importante per poter strutturare efficacemente mansioni e compiti.

9 G. Risorse umane Dalla selezione alla valutazione, passando per la comunicazione interna. Il successo di una impresa è legata all organizzazione delle risorse umane, al loro efficace coinvolgimento nei processi aziendali ed al loro livello di motivazione. Un non adeguato impiego delle risorse umane può rallentare lo sviluppo dell impresa. La selezione del personale è tanto importante quanto la sua organizzazione. Attivare un efficiente processo di selezione, inserimento, coinvolgimento e e valorizzazione del personale costituisce un fattore rilevante di competitività. G1. La gestione delle risorse umane I fattori che stanno influenzando la gestione delle risorse umane, nel mondo del lavoro, sono: la selezione, che passa da processo procedurale a sistema informativo e di relazione; i nuovi modelli di inquadramento, incentrati sulla gestione per progetti; gli attuali orientamenti della valutazione delle prestazioni, si tende a passare dal metodo al risultato. Come definire il proprio modello di gestione delle risorse umane e farlo diventare fattore competitivo. G2. La comunicazione interna La comunicazione interna è un processo complesso di relazioni che coinvolge il pubblico interno di un organizzazione. Questo processo è utilizzato per la diffusione di informazioni, comunicati, dati, compiti. Lo strumento della comunicazione interna ha la capacità di far condividere e diffondere i valori e la cultura organizzativa aziendale. Esso ha, pertanto, la finalità di: diffondere ed affermare lo spirito di corpo e l orgoglio di appartenenza all interno dell organizzazione. G3. La valutazione delle prestazioni Le organizzazioni pubbliche e private sono alla ricerca di nuovi modelli di misurazione e valutazione delle prestazioni per rimuovere vecchie criticità di metodo, ma soprattutto per trovare dimensioni diverse di motivazione. Le nuove aspettative motivazionali per migliorare la performance stanno facendo evolvere i sistemi di valutazione. le nuove metriche valutative che si stanno affermando nei sistemi premianti.

10 H. Produzione e qualità Accorciare la catena logistica. Con il Lean Thinking efficienza e profitto. Il processo produttivo non costituisce solo il momento realizzazione di un prodotto dopo una fase di analisi e progettazione. Esso rappresenta il punto focale della struttura organizzativa. Occorre concepire la produzione come un terminale di energie espresse da parte di tutta l impresa e cogliere dal suo out-put gli elementi e le informazioni per mantenere una condizione di miglioramento continuo dei livelli di qualità. Perseguire tale finalità significa adottare un vero sistema di monitoraggio e controllo continuo. ALPID propone dei corsi mirati sui principali strumenti per il presidio della fase produttiva. H1. Supply chain management La gestione della supply chain si è evoluta negli ultimi anni di pari passo con la nacessità di accorciare sempre più i tempi di studio, progettazione, realizzazione, distribuzione dei prodotti. Dalla ottimizzazione dell approvvigionamento attraverso sistemi procedurali, si è passati alla valutazione della supply chain come disciplina del management dando vita ad una vera e propria area strategica dell impresa. H2. La strategia lean thinking Tra le più significative discipline organizzative e gestionali affermatesi a livello internazionale negli ultimi anni, il Lean- Thinking (Pensare Snello) rappresenta sicuramente il passo più importante nella ricerca di efficienza e di eliminazione degli sprechi sulle risorse messe a disposizione del management per produrre prodotti e servizi. Con il Lean Thinking si stanno affermando nuovi parametri di efficienza: sviluppare il controllo, ridurre i livelli gerarchici, snellire i processi, gestire con i valori. H3. Qualità e sistema six sigma Il Six Sigma è un unità di misura statistica che rappresenta la capacità di ottenere un eccellente processo in relazione alla probabilità di riscontrare difetti nella sua realizzazione. Consente di operare non sugli effetti, ma sulle possibili cause predeterminando le probabilità di errore del processo. Negli ultimi anni migliaia di aziende, in tutto il mondo, sono stati coinvolti nei progetti 6 Sigma. Raggiungere 6 Sigma significa realizzare un breakthrough attraverso una rottura con il tradizionale modo di lavorare in tutti i reparti e/o uffici aziendali.

11 I. Auditing e controllo Nuovi indirizzi nel controllo di gestione. Meno indicatori, più confronto interno. La funzione di Internal Auditing è caratterizzata da specifici fattori di gestione. L ambiente operativo dell azienda, con le proprie risorse umane, le proprie strutture, è l ambiente di allocazione condivisa dell Internal Auditing. La valutazione dei rischi. Le attivita di controllo, che verificano sistematicamente lo stato dei rischi individuati. Le misurazioni, che coinvolgono tutti i processi. Le informazioni, che vengono raccolte, strutturate e registrate. Ed infine la comunicazione di tutte le informazioni elaborate. ALPID propone una serie di interventi che coprono tutte le esigenze di auditing dell impresa. I1. I sistemi di budgeting Elemento d ingresso del controllo di gestione, il budget svolge una funzione guida sull andamento dell azienda, ma rappresenta anche l obbligo per tutte le funzioni aziendali di ragionare sulle attività di propria competenza, definire azioni ed interventi, prevedere investimenti, ricavi e costi, strutturare il monitoraggio dei processi sotto la propria responsabilità durante l operatività. L attività di budgeting pianifica e formalizza la comunicazione tra le aree aziendali che devono trovare una sintesi di metodo e di azione rispetto alle diverse tipologie di performance. I2. Il controllo di gestione Il controllo di gestione è il processo attraverso il quale i responsabili di un organizzazione si assicurano che, per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, si acquisiscano e si impieghino in modo efficace ed efficiente le risorse necessarie. Il controllo di gestione si basa su presupposti imprescindibili. Il concetto di processo e di valore aggiunto generato. La misurazione degli input e degli output di processo. La adeguatezza della struttura operativa che lo gestisce. La disponibilità puntuale degli indicatori di bilancio. La chiarezza delle modalità di lettura degli output. I3. Sistema degli indicatori L oggetto della misura di un processo è la caratteristica qualitativa e quantitativa da misurare. Il problema consiste nell identificare bene il processo. La caratteristica di un prodotto o servizio può essere espressa per mezzo di variabili oggettive come peso, distanza, costi, ricavi, tempo, etc, e di attributi discrezionali come l operatore, vero/falso, il fornitore, la funzione, etc). Grande importanza assume quindi il sistema di misurazione delle variabili che vengono identificate con precisi parametri. Un sistema di indicatori efficace deve presupporre una valutazione integrata dell assetto aziendale e non può essere legato a specificità funzionali.

12 J. Out-placement Ricollocarsi nel lavoro è un progetto complesso, rendilo entusiasmante. Cambiare lavoro può essere una scelta o una necessità. In entrambi i casi si tratta di un processo complesso le cui fasi vanno programmate con molta attenzione per avere successo. Ecco le 5 tappe del processo che ci porta a cambiare lavoro in modo efficace. 1. Come effettuare il bilancio delle proprie competenze La prima fase del processo che ci porterà a cambiare lavoro è il bilancio delle proprie competenze in funzione dei risultati raggiunti o meno. Chi ci dovrà valutare vorrà conoscere anche i nostri errori ed i nostri insuccessi. 2. Come valutare il rapporto tra competenze e risultati raggiunti Individuare le aree di eccellenza e quelle di miglioramento per verificare le lacune da colmare prima di avviare la fase di ricerca delle nuove opportunità. La consapevolezza dei propri punti di forza e di debolezza con le relative attività di miglioramento della nostra professionalità, consentiranno di fornire delle risposte circostanziate alla inevitabile domanda: cosa hai fatto o stai facendo per prepararti al cambiamento. 3. Come aggiornare il proprio profilo professionale La terza fase del processo è quella di definire il proprio nuovo profilo professionale costituito: da una sintesi delle proprie caratteristiche, da un curriculum aggiornato e circostanziato, da una puntuale descrizione delle motivazioni al cambiamento e degli obiettivi che si vogliono raggiungere. 4. Come pianificare la ricerca delle nuove opportunità Adesso, non prima, possiamo cercare i nostri nuovi interlocutori potenziali. Solo a questo punto, infatti, avremo chiaro il quadro delle nostre possibilità ed avviare la ricerca dei nuovi potenziali datori di lavoro in modo realistico. Quali strumenti sono oggi necessari per avviare e finalizzare una ricerca rapida ed efficace. 5. Come curare la propria banca dati di contatti E dopo? Un primo colloquio efficace genererà sicuramente un successivo contatto, a volte quello decisivo. Cosa fare dopo il primo colloquio? Non è vero che occorre aspettare di essere chiamati. Spesso una intelligente proattività genera risultati inattesi.

13 Piano formativo A. DIREZIONE AZIENDALE B. MANAGEMENT E STRUMENTI C. MARKETING E COMUNICAZIONE D. COMMERCIALE E VENDITE E. CUSTOMER CARE F. ORGANIZZAZIONE E PROCESSI G. RISORSE UMANE H. PRODUZIONE E QUALITA I. AUDITING E CONTROLLO J. OUT PLACEMENT Codice Corso Corso Durata (Giornate) Quota di partecipazione (Per persona) A1. Pianificazione strategica iva A2. Leadership avanzata iva A3. L ottimizzazione delle risorse iva B1. Il change management iva B2. Il project management iva B3. Il contract management iva C1. Il piano di marketing iva C2. Il processo creativo iva C3. Il piano di comunicazione iva D1. Progettare la rete di vendita iva D2. La comunicazione persuasiva iva D3. Tecniche di vendita avanzate iva E1. Misurare la soddisfazione iva E2. Fidelizzazione del cliente iva E3. Strutturare il customer service iva F1. La gestione per processi iva F2. La costruzione organizzativa iva F3. Job analysis e gestione dei ruoli iva G1. La gestione delle risorse umane iva G2. La comunicazione interna iva G3. La valutazione delle prestazioni iva H1. Supply chain management iva H2. La strategia lean thinking iva H3. Qualità e sistema six sigma iva I1. I sistemi di budgeting iva I2. Il controllo di gestione iva I3. Sistema degli indicatori iva Da pianificare con il cliente Sede dei corsi ed iscrizioni Sedi della formazione ed orari Milano, Genova, Venezia, Roma, Bari, Reggio Calabria (la sede prescelta andrà indicata alla prenotazione) Orario: 9,30-13,00 / 14,00-18,30 (da concordare eventuali modifiche) Conferma dei corsi I corsi verranno confermati al raggiungimento delle partecipazioni previste. La quota di partecipazione verrà corrisposta, dopo la conferma, anticipatamente con versamento tramite bonifico bancario. Iscrizioni e quote di partecipazione Per gruppi aziendali si possono valutare condizioni economiche agevolate Per prenotare e richiedere informazioni:

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE e CONTROLLO di GESTIONE D I R E T T O R E S C I E N T I F I C O

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO 2015

CATALOGO FORMATIVO 2015 CATALOGO FORMATIVO 2015 Formazione del personale aziendale Tel. 030/37614 Fax 030/3761174 e.mail pellegrino@pellegrino.it Pag. 1 di 14 PRESENTAZIONE Il nostro catalogo formativo, valido per la formazione

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman

SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Consulenza organizzativa e formazione www.consulman.it www.e-formazione.net SERVIZI DI CONSULENZA La proposta Consulman Esperienze e Competenze Offerta di consulenza Tratto distintivo Criteri di lavoro

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO Prof. Alberto Pasquale Programma 1. Elementi di economia e organizzazione aziendale 2. Contabilità e bilancio 3. Finanza aziendale 4. Sistemi di programmazione

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali

Controllare e snellire tutti i processi aziendali. Utilizzare nuovi canali di vendita. Incrementare le attività commerciali L erp de Il Sole 24 ORE L INNOVAZIONE CHE FA CRESCERE LA TUA AZIENDA Controllare e snellire tutti i processi aziendali Il miglioramento dell efficienza aziendale si ottiene anche con nuovi strumenti di

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business

Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business Consulenza Formazione Coaching Chi siamo Kairòs Solutions è una società di consulenza, formazione e coaching, protagonista in Italia nell applicazione del

Dettagli

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Marketing Strategico L'analisi attenta del mercato di riferimento può aprire nuove prospettive al business alberghiero:

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI

PRESENTAZIONE DELL AZIENDA LA FORMAZIONE GRUEMP PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRASVERSALI PRESENTAZIONE DELL AZIENDA GRUEMP nasce nel 1993 come conseguenza di un percorso di formazione personale e professionale dei titolari e ispiratori del progetto, Claudio e Damiano Frasson, che hanno saputo

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali

Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Redditività aziendale: i sistemi incentivanti per migliorare le performance aziendali Dott. Alberto Sesini Managing Director Sesini & Associati sas 21-22 maggio 2008 - Centro Congressi VeronaFiere Il contesto

Dettagli

Performance management

Performance management Performance management Valutare i risultati e valorizzare le competenze Una forte leva di sviluppo organizzativo e di gestione dei grandi processi di cambiamento che caratterizzano molte aziende Nicola

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.

Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa. Sede Legale e Operativa: Bd Unirii nr. 30 et.2 - Bacau (Romania) Tel: +4 0334-405434 Fax: +4 0334-405435 e-mail:bites.info@euroservicegroupspa.com CHI SIAMO Bites Credit Management, nata nel 2012 dalla

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEI MANAGER DELLE ORGANIZZAZIONI

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEI MANAGER DELLE ORGANIZZAZIONI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 11 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEI MANAGER DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Corso su MANAGEMENT PER OBIETTIVI E PER PROCESSI NELL UNIVERSITÀ

Corso su MANAGEMENT PER OBIETTIVI E PER PROCESSI NELL UNIVERSITÀ Corso su MANAGEMENT PER OBIETTIVI E PER PROCESSI NELL UNIVERSITÀ Roma, 29 febbraio 1 marzo 2012 Roma, 7-8 giugno 2012 (replica) sede Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 00186 Roma Il corso assegna i crediti

Dettagli

La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM

La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM La multicanalità Ridisegno dei servizi e Lean CRM Federico Butera e Sebastiano Di Guardo Aprile 2013 I costi del CRM sono insopportabili Il CRM e la gestione delle relazioni con i clienti/utenti sono un

Dettagli

Corso di Alta Formazione RETAIL AND STORE MANAGEMENT: strumenti e metodologie operative orientate alla gestione e sviluppo della rete di punti vendita Obiettivi Il corso di Alta Formazione in Retail e

Dettagli