Sun Chemical introduction

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sun Chemical introduction"

Transcript

1 Sun Chemical introduction

2 CONTENUTI Breve presentazione di Sun Chemical Group S.p.A. I 2 stabilimenti SunChemical di Settala La gestione ambientale in SunChemical: le attività svolte ed in corso. Rapporti con le pubbliche autorità

3 SUN CHEMICAL GROUP ITALIA

4 SUN CHEMICAL GROUP ITALIA Fatturato: 213 milioni Dipendenti : Siti Produttivi 25 Rivendite 7 Centri di miscelazione

5 I NOSTRI PRODOTTI SODDISFANO LE ESIGENZE DEI CLIENTI STAMPATORI MERCATI Quotidiani Periodici Editoria Imballaggio Decorazioni Ausiliari di stampa

6 MERCATO ITALIANO 2003 tons PUBL. GRAV SHEETFED PACKAGING NEWS HEATSET Packaging Heatset News PG SF

7 PG SUN CHEMICAL GROUP 2003 tons SF Packaging News Heatset Packaging Heatset News PG SF

8 PRESENZA IN ITALIA 5 SITI PRODUTTIVI: Caleppio 1 Caleppio 2 Firenze Torino Turate

9 CALEPPIO 1 CALEPPIO 2 Certificazione ISO 9001:2000 FIRENZE TORINO

10 PRESENTAZIONE DEI 2 STABILIMENTI DI SETTALA

11 CENNI STORICI CALEPPIO 1 CALEPPIO 2 Costruzione ed inizio attività Colorama: 1963 Da Colorama a Total Inchiostri: 1993 Da Total Inchiostri a Coates Lorilleux: 2000 Da Coates Lorilleux a Sun Chemical: 2002 Costruzione ed inizio attività Rotorama: 1969 Da Rotorama a Total Inchiostri: 1993 Da Total Inchiostri a Coates Lorilleux: 2000 Da Coates Lorilleux a Sun Chemical:

12 CALEPPIO 1

13 Caleppio 1 Area Totale m 2 Area Coperta m 2 3

14 Tons Offset Colours 9037 Tons Total 341 Tons Offset Mixing Station 6461 Tons Black News Inks Caleppio 1 Produzione Tons Offset Colours 8909 Tons Total 351 Tons Offset Mixing Station 6536 Tons Black News Inks Tons Total 3564 Tons Offset Colours 377 Tons Offset Mixing Station 7220 Tons Black News Inks 2800 Tons Offset Colours Tons Total 390 Tons Offset Mixing Station 7000 Tons Black News Inks 2005 Forecast

15 CALEPPIO 2

16 Caleppio 2 Area Totale m 2 Area Coperta m

17 2000 Stabilimento Caleppio 2 Produzione Rotogravure W/B Black Ink Flexo News W/B Varnishes 2500 Tons 1300 Tons 1500 Tons S/B Whites S/B Varnishes 7600 Tons 5800 Tons S/B Whites S/B Varnishes 7750 Tons 8550 Tons W/B Inks 1400 Tons S/B Inks 7800 Tons S/B Colours 8000 Tons S/B Colours 7900 Tons Total Tons Total Tons Total Tons 4

18 Pigmento Schema produzione inchiostri Resine Additivo Additivo A B C Solvente D Produzione Resine V.T. Solvente Vernice Predispersione Macinazione Messa a tipo Base concentrata Base concentrata Vernice Tecnologica Miscelazione Inchiostro Finito Q.C. Confezionamento Spedizione

19 GESTIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI

20 ADESIONE A PROGRAMMI VOLONTARI

21 RESPONSIBLE CARE Adesione al programma volontario di Protezione Ambientale. Tale programma richiede di agire proattivamente per soddisfare definiti standard ambientali, ma anche di utilizzare prodotti e processi eco-compatibili, con adeguati sistemi di gestione ambientale ed efficaci progetti di riduzione delle emissioni e dei rifiuti. Membro della Commissione Coordinatore Membro Comitato Tecnico Relatore Ruggero Benedini Simona Manfredini Anna Perego Chiara Parapini

22 FILOSOFIA di GRUPPO SUNCHEMICAL per l imballaggio alimentare 1) Partecipazione a tutti i Comitati Internazionali riguardanti problemi inerenti alla salute e all ambiente dell industria della stampa. 2) Esclusione su base volontaria di tutte le materie prime che possono direttamente o indirettamente costituire un rischio per la salute del consumatore. 3) Contatto quotidiano con tutte le organizzazioni nazionali e/o associazioni, specie quelle dei Paesi a più severe legislazioni. 4) Informazione continua ai nostri clienti sull evoluzione non solo della legislazione in materia di sicurezza ma anche sui risultati delle più recenti conoscenze di eventuali rischi

23 FILOSOFIA di GRUPPO SUNCHEMICAL per l imballaggio alimentare 2) Esclusione su base volontaria di tutte le materie prime che possono direttamente o indirettamente costituire un rischio per la salute del consumatore. Eliminazione di tutte le Materie Prime comprese nella Exclusion List CEPE. Impiego di Pigmenti con contenuto di Metalli pesanti e Ammine aromatiche inferiori a quanto indicato dalla legislazione vigente per l imballo alimentare. Eliminazione su base volontaria di ogni tipo di plasificante ftalico.

24 FILOSOFIA di GRUPPO SUNCHEMICAL per l imballaggio alimentare Ricerca e studio di metodi analitici innovativi per determinare la cessione di sostanze dagli imballaggi agli alimenti e studio di nuovi inchiostri e vernici che riducano al minimo fenomeni di inquinamento dell ambiente contenuto nell imballo. Formulazione di inchiostri UV/EB solidi al 100% con eliminazione di VOC

25 SUNCARE Adesione volontaria al programma SunCare del Gruppo SunChemical, finalizzato a raggiungere gli standard più elevati nel campo Ambiente, Salute e Sicurezza. Questo è uno dei quattro principi basilari su cui si fonda la vision SunChemical. Tutti i nostri dipendenti hanno diritto ad un posto di lavoro sicuro e le nostre fabbriche devono essere gestite in modo da minimizzare gli impatti sull ambiente. Ciò può essere raggiunto solo se tutti partecipano all implementazione delle politiche di Ambiente, Salute e Sicurezza definite dall organizzazione. Grazie al supporto di tutti possiamo essere leader nella gestione della salute e sicurezza e dell ambiente.

26 POLITICA QUALITA DARE VALORE AL CLIENTE Ci prefiggiamo di creare un maggiore valore, differenziando i nostri prodotti e sviluppando nuove tecnologie per aumentare la nostra competitività sul mercato. SICUREZZA E AMBIENTE L azienda si impegna a migliorare l ambiente di lavoro per i propri dipendenti in termini di sicurezza e ambiente attraverso la formazione e l informazione sui mancati incidenti CRESCITA PROFESSIONALE Attraverso la formazione e l analisi delle prestazioni assicurarsi che i dipendenti abbiano le adeguate conoscenze e motivazioni per raggiungere e superare gli obiettivi preposti PRODUTTIVITA SIX SIGMA/LEAN SIGMA Utilizzare le metodologie six sigma/lean sigma allo scopo di ottenere attraverso i nostri dipendenti la Soddisfazione dei Clienti, il miglioramento della Qualità e della Produttività

27 SunChemical Europe Politica Salute e Sicurezza Sun Chemical Group S.p.A. (Italia) La politica salute e sicurezza di Sun Chemical Group (SunCare ) consiste nel fornire e mantenere condizioni di lavoro, macchinari e sistemi operativi tali da garantire la protezione della salute e sicurezza dei nostri dipendenti, visitatori, clienti, vicini e di ogni altra parte interessata dalle nostre attività. La sicurezza viene considerata prioritaria rispetto agli aspetti di carattere operativo e commerciale. l Gruppo Direttivo Europeo (European Leadership Team ELT) diretto dal Vice Presidente in carica ha la responsabilità assoluta sull efficace implementazione della politica SunCare ; questa comprende: Riconoscere la salute e sicurezza sul lavoro come parte integrante delle nostre attività operative. Fissare, pubblicare e rivedere periodicamente gli obiettivi in campo di salute e sicurezza. Utilizzare l analisi di rischio come base per identificare gli ambiti di miglioramento, anche al fine di decidere la priorità di utilizzo delle risorse della Società per la gestione di salute e sicurezza. Garantire adeguati controlli sui rischi generati dalle nostre attività. Raggiungere elevate prestazioni in campo salute e sicurezza, nel totale rispetto o nel miglioramento delle prescrizioni legali, degli standard industriali e delle norme di buona pratica. La promozione di standard elevati ed in continuo miglioramento in tema di salute e sicurezza deve rappresentare un obiettivo sia per la direzione che per i dipendenti ad ogni livello. Assegnare la gestione della salute e sicurezza come responsabilità primaria di tutti i responsabili dell azienda, dall Amministratore Delegato ai capi turno. Tutti i dipendenti, a prescindere dal loro livello e dal loro ruolo, hanno il dovere di occuparsi della salute e sicurezza di se stessi e delle altre parti eventualmente coinvolte dal loro operato e dalle loro inefficienze. Incoraggiare il pieno coinvolgimento e la consultazione dei dipendenti al fine di dedicare un efficace impegno finalizzato all implementazione di questa politica; ciò include la designazione di rappresentanti per la sicurezza, la creazione di comitati specifici ed la definizione di diritti e doveri dei membri eletti/designati per tali incarichi. Fornire a tutti i dipendenti formazione, informazione, istruzione e supervisione tali da renderli competenti a svolgere i loro compiti e consapevoli delle loro responsabilità. Assicurare che questa politica sia compresa, implementata e aggiornata da tutti i livelli dell organizzazione. Fornire adeguate ed appropriate risorse per implementare questa politica. Rivedere periodicamente la politica SunCare ed il sistema di gestione e svolgere audit di verifica della conformità per assicurarne la costante efficacia. Carlo Musso Amministratore Delegato Sun Chemical Group, Membro ELT John Gowlett Vice Presidente Sunchemical Corp., Responsabile Attività Operative 22Settembre 2004

28 POLITICA AMBIENTALE Sun Chemical si impegna, nel rispetto della legge, a seguire procedure operative responsabili. Lo scopo è quello di individuare e sviluppare nuove pratiche che miglioreranno gli standard relativi a Sicurezza, Igiene ed Ambiente a partire dalla selezione delle materie prime fino allo smaltimento dei rifiuti.

29 EMISSIONI IN ATMOSFERA (Caleppio 2)

30 STORIA Richiesta di autorizzazione alla modifica sostanziale di un impianto esistente (2001) Durante le verifiche finalizzate al rilascio dell autorizzazione è stata concordata l installazione di un combustore rigenerativo a 3 letti ceramici A questo vengono oggi convogliati tutti i punti di emissione (anche quelli precedentemente autorizzati come punto di emissione previo depolverazione)

31 LAY OUT IMPIANTI DI ASPIRAZIONE

32 MONITORAGGI E MIGLIORAMENTO Controllo di ARPA Città di Milano per la messa in servizio e a regime dell impianto e per i monitoraggi periodici Collaborazione di ARPA Città di Milano per ottimizzazione dell uso delle captazioni a monte e la gestione dell impianto Sollecito da ARPA Città di Milano per la stesura di un protocollo di esercizio del combustore rigenerativo e proposta per la gestione delle fermate dovute ad avaria Bozza in revisione, verrà trasmessa al Comune per la discussione e la formalizzazione durante una conferenza di servizi (Comune, Provincia, ARPA Melegnano, ARPA Città di Milano, Regione)

33 120,0 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 0,0 POST COMBUSTORE 10,11 10,20 10,29 10,38 10,47 10,57 11,06 11,15 11,24 11,34 11,43 11,52 12,01 12,11 12,20 12,29 12,38 12,48 12,57 13,06 13,15 13,25 13,34 13,43 13,53 14,02 14,11 14,20 14,29 14,39 14,48 14,58 15,07 MONITORAGGIO GIUGNO 2005 orario TOC mg/mc

34

35 EMISSIONI DIFFUSE (Caleppio 2) Ex DM 44/2004 Stoccaggio resine liquide, solventi e additivi Nessuna emissione (carico serbatoi tramite ciclo chiuso) Macinazione (opzionale) emissione di COV durante operazioni di aggiunta manuale additivi e prelievi di controllo per la qualità; emissione di polveri e tracce di COV durante caricamento resine e pigmenti in polvere V 3005 Agitazione (Dispersione e/o Solubilizzazione) emissione di COV durante operazioni di aggiunta manuale additivi e prelievi di controllo per la qualità; emissione di polveri e tracce di COV durante caricamento resine e pigmenti in polvere V3001 scrubber filtro filtro 130 filtro ex astra Stoccaggio semilavorati e/o Trasferimenti intermedi Emissione COV per alcuni trasferimenti non effettuati in ciclo chiuso (fori centrali su coperchi vasche produzione) Emissione diffusa Miscelazione finale e Confezionamento (cisternette da litri, fusti da 200 litri, latte da litri) Emissione di COV V3001 scrubber filtro 3003 vecchio ink 3003 nuovo ink

36 RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DIFFUSE Mantenimento del condotto di aspirazione ad idonea distanza dalla sorgente Copertura delle vasche in fase di miscelazione tramite coperchi forati ed installazione di giunti mobili di protezione a chiusura del foro Pulizia e manutenzione periodica dei condotti e degli impianti di aspirazione Valvole di chiusura dei tratti di condotti di aspirazione inutilizzati

37 ULTERIORI RIDUZIONI DELLE EMISSIONI DIFFUSE Copertura completa dei contenitori di solventi nelle fasi di pre- e post-lavorazione (stoccaggio e trasporto) tramite coperchi e tappi Ottimizzazione delle portate estratte dalle cappe di aspirazione per migliorare l efficienza del sistema di captazione generale Ottimizzazione vasche di produzione per garantire la riduzione di solventi utilizzati per i lavaggi Segregazione delle teste di dosaggio Modifica di reparto bianchi con spostamento di parte di produzione in impianto chiuso

38 Segregazione delle teste di dosaggio

39 PROGETTI IN CORSO 1. Eliminazione dei big bag 2. Riduzione delle emissioni

40 ACQUE DI SCARICO

41 Sistema di gestione acque di scarico STORIA Richiesta di autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura (1998) ed in corso d acqua superficiale (2000) Conferenza di Servizi durante istruttoria (ARPA, Provincia, Comune): L art. 47 del Regolamento Consortile della rete Fognaria rende obbligatorio l invio delle acque di prima pioggia alla fognatura comunale in forza dall art. 20 della legge Regione Lombardia n 62/85 11

42 Sistema di gestione acque di scarico Obiettivi: Le acque piovane provenienti dalle aree di pertinenza degli insediamenti produttivi quali depositi scoperti, parcheggi, cortili di transito e/o carico e scarico di veicoli devono essere convogliate separatamente ed opportunamente trattate in modo da sversare quelle di prima pioggia in fognatura prima di disperdere le restanti in acque superficiali. Le acque di prima pioggia sono da intendersi come i primi 5 mm d acqua che si formano dopo i primi 15 minuti di precipitazione. Installare un sistema di chiusura di emergenza in caso di sversamenti accidentali di liquidi (inchiostri, materie prime) al fine di evitare qualsiasi impatto sulle aree esterne. 11

43 Schema vasche di prima e seconda pioggia

44 Layout rete fognaria e vasche prima pioggia Caleppio 1

45 Layout rete fognaria e vasche prima pioggia Caleppio 2

46 EVENTI DA CONSIDERARE EMERGENZE INCENDIO/SCOPPIO/ESPLOSIONE PERDITA/FUORIUSCITA DI SOSTANZE IN FASE LIQUIDA O GASSOSA INFORTUNIO/MALORE CROLLO/ ALLAGAMENTO BLACK-OUT ELETTRICO CATASTROFE NATURALE (TERREMOTO, NUBIFRAGIO, ecc.) ATTENTATO/ATTO TERRORISTICO O VANDALICO EMERGENZA (DEL GENERE SOPRA CITATO) PRESSO STABILIMENTI CONFINANTI 11

47 FORMAZIONE TUTTI I DIPENDENTI FORMATI SUL PIANO DI EMERGENZA/EVACUAZIONE GRUPPI SELEZIONATI DI DIPENDENTI FORMATI SUGLI IMPATTI AMBIENTALI POTENZIALMENTE CORRELATI ALLE ATTIVITA SVOLTE DAGLI STESSI (gestione rifiuti, pronto intervento in caso di piccoli sversamenti accidentali, formazione costante di una squadra di emergenza interna, sensibilizzazione di tutti i dipendenti sulle emissioni diffuse e ottimizzazione delle captazioni per l estrazione dei vapori di solventi e di polveri, ecc.) 12 ORE DI CORSO OGNI ANNO PER OGNI OPERATORE E 3 ORE PER PERSONALE IMPIEGATIZIO SU TEMATICHE AMBIENTE/SICUREZZA E IL TARGET FISSATO DALLA CORPORATE 11

48 RIFIUTI

49 GESTIONE RIFIUTI (Caleppio 2) RIFIUTI VENDITE INDICATORE ton valore ton valore volume valore agosto ,8 0, ,4 0,2

50 WASTE REDUCTION PROJECT (6σ) Scarti di acetato di etile in kg Gennai o Febbr aio Mar zo Apr ile Maggi o Giugno Luglio Agosto Settembr e Ottobr e Novembr e Dicembr e

51 WASTE REDUCTION PROJECT (6σ) RIDUZIONE DI > kg YTD DI ACETATO DI ETILE SMALTITO SAVING > Euro YTD PER L ACQUISTO DI MATERIA PRIMA SAVING 2400 Euro SU SMALTIMENTO (RECUPERO) RIFIUTI 4

52 INDAGINI E BONIFICHE DEL SOTTOSUOLO

53 INDAGINI E BONIFICHE SOTTOSUOLO CALEPPIO 1 Indagine di caratterizzazione, sotto il controllo degli enti, e rimozione parco serbatoi Caleppio 1 (a seguito verifica perdita): 1998 Bonifica mediante sistema pump&treat Monitoraggio rete piezometri Verificato superamento dei limiti a causa di perdita da pompa (Novembre 2004) Notifica, messa in sicurezza di emergenza, piano di caratterizzazione e nuova fase di indagine (Dicembre 04-in corso)

54 INDAGINI E BONIFICHE SOTTOSUOLO CALEPPIO 2 Bonifica parco serbatoi solventi a seguito dismissione (Novembre 2004) Notifica sospetta contaminazione agli enti (Novembre 2004) Piano di caratterizzazione (Dicembre 2004) Indagine (Aprile 05-in corso) Rimozione parco serbatoi solventi (Agosto 2005)

55 RIMOZIONE SERBATOI INTERRATI C2

56 PREVENZIONE CONTAMINAZIONE SOTTOSUOLO SERBATOI INTERRATI SOSTITUITI CON SERBATOI FUORI TERRA IN BACINO DI CONTENIMENTO A C1 SERBATOI INTERRATI SOSTITUITI CON SERBATOI TUMULATI, DOPPIA PARETE, INERTIZZATI CON AZOTO, VERIFICATI OGNI 10 ANNI DA SOCIETA ESTERNA E SEMESTRALMENTE DA PERSONALE INTERNO ISOLAMENTO RETE DI DRENAGGIO TRAMITE VALVOLE DI CHIUSURA VASCHE DI PRIMA PIOGGIA SPILL KIT (comprendenti copri-tombino, tira acqua, secchio, estintore, prodotti assorbenti, DPI) IN TUTTI GLI STABILIMENTI 11

57 CONCLUSIONI ASPETTI AMBIENTALI CONSIDERATI: emissioni in atmosfera, emissioni diffuse, scarichi idrici, rifiuti, indagini e bonifiche sottosuolo. Tutti gli aspetti gestiti e migliorati grazie alla collaborazione ed al consiglio delle PPAA Adesione volontaria a 2 programmi: Responsible Care, Suncare Proposta di certificazione ISO integrata con ISO 9001:2000.

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI COMPETENZA AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI SERVIZI AMBIENTALI 20 1993-2013 Soluzioni Ambientali Integrate ECOTRASPORTI, nata nel

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE Convegno SURFACE TREATMENTS News 2011 Fiera di Milano Rho LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE PER ANODIZZATORI E VERNICIATORI DELL ALLUMINIO Ing. Rolando Ragazzini 1 Principali aspetti ambientali nel settore

Dettagli

Il nostro impegno quotidiano è teso al miglioramento continuo per ridurre l impatto ambientale delle nostre attività produttive.

Il nostro impegno quotidiano è teso al miglioramento continuo per ridurre l impatto ambientale delle nostre attività produttive. Sostenibilità Lo stabilimento di Brindisi di Basell Poliolefine Italia S.r.l. opera in maniera sostenibile in linea con la politica aziendale che prevede l'uso responsabile ed etico delle risorse naturali

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali

Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali Cenni normativi e ottimizzazione ciclo di gestione reflui e scarti industriali 24 gennaio 2013 Definizioni Cosa sono gli scarti di produzione o residui industriali (NON acque reflue industriali o rifiuti)

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO)

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROVINCIA DI ROVIGO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI ADRIA PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROGETTO DEFINITIVO R03

Dettagli

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov...

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov... A.O.O. Provincia di Roma Servizi di Tutela Ambientale Anno Classificazione Fascicolo.. N.. DATA. Modello I-5bis (Provincia Modello_E-bis Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Civitavecchia

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni Codice Ambientale Scopo e campo di applicazione Il presente documento, regola le norme che il personale della Società Nava deve rispettare nell esecuzione dei servizi di pulizia in merito alle modalità

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO Documento di sensibilizzazione e di informazione del personale di cantiere sulle problematiche ambientali in fase di costruzione A

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 41/5 DEL 11.8.2015

DELIBERAZIONE N. 41/5 DEL 11.8.2015 Oggetto: Aumento del quantitativo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi stoccati in deposito preliminare e messa in riserva e inserimento di impianto di trattamento di rifiuti, ubicato nel Comune

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Eni Corporate University

Eni Corporate University I fondamenti delle professionalità Health, Safety, Environment & Quality Eni Corporate University E n i ' s k n owledge company AMBIENTE Il nostro sguardo sul territorio Internet www.enicorporateuniversity.it

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia;

Prescrizioni. 1. rispettare i criteri igienici sanitari stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge in materia; Allegato B Prescrizioni Rinnovo dell autorizzazione in via definitiva all esercizio di un impianto mobile di recupero di rifiuti modello GCR 12.9 matr. 10900. Ditta Bartolini S.r.l. con sede legale via

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n.

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Provincia di Udine. Comune di Pradamano. Domanda di autorizzazione integrata Ambientale ai sensi del D.Lgs. n. ECO-ENERGY S.p.A. RIFIUTI INDUSTRIALI TRASPORTO, RECUPERO, SMALTIMENTO, BONIFICHE www.ecoenergy.it REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Provincia di Udine Sede legale: Via Pier Paolo Pasolini, 35 int. 11 33040

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Gyproc Saint-Gobain 3. La nostra sostenibilità ambientale 3. Il Progetto Gy.eco 5. Il valore del riciclo 5. I siti di recupero 6

Gyproc Saint-Gobain 3. La nostra sostenibilità ambientale 3. Il Progetto Gy.eco 5. Il valore del riciclo 5. I siti di recupero 6 Sistema di gestione e recupero di scarti a base gesso Sommario Gyproc Saint-Gobain 3 La nostra sostenibilità ambientale 3 Il Progetto Gy.eco 5 Il valore del riciclo 5 I siti di recupero 6 La tecnologia

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

soluzioni a impatto vero

soluzioni a impatto vero soluzioni a impatto vero @/\ tecniche, servizi e soluzioni: in una parola te.s.s. Un acronimo che racchiude un insieme intero di competenze all insegna della professionalità volte a trovare le giuste soluzioni

Dettagli

Dispositivi per il controllo e la standardizzazione prima e dopo il processo di decorazione digitale. Fiorano, 16 Novembre 2012, Convegno ACIMAC

Dispositivi per il controllo e la standardizzazione prima e dopo il processo di decorazione digitale. Fiorano, 16 Novembre 2012, Convegno ACIMAC Dispositivi per il controllo e la standardizzazione prima e dopo il processo di decorazione digitale Fiorano, 16 Novembre 2012, Convegno ACIMAC Network e Workflow 35 anni di esperienza nel settore degli

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2

SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2 SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2 Ambito di applicazione...2 Fasi lavorative...2 Materie prime...2 Sostanze inquinanti e prescrizioni specifiche...2 Schede impianti di abbattimento...2 Soglia massima...3

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

CIRCOLARE 02-2015. DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile ambientale Responsabile servizio prevenzione e A protezione

CIRCOLARE 02-2015. DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile ambientale Responsabile servizio prevenzione e A protezione CIRCOLARE 02-2015 DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile ambientale Responsabile servizio prevenzione e A protezione MITTENTE DA TecnoAdda S.a.s. Email info@tecnoadda.com TEL. N. 0341.281459

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE

INGEGNERIA PER L AMBIENTE Studio associato di ingegneria per l ambiente INGEGNERIA PER L AMBIENTE E PER IL RISPARMIO ENERGETICO professionisti per l impresa e per i suoi obiettivi sostenibilità ambientale risparmio ed efficienza

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Settore Tutela del Suolo, Grandi Rischi Industriali e Gestione Rifiuti dott.ssa Beatrice Miorini; dott.ssa Lorenza Bevilacqua

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Sicurezza igienico sanitaria per macchine, impianti e loro componenti a contatto con gli alimenti

Sicurezza igienico sanitaria per macchine, impianti e loro componenti a contatto con gli alimenti SIAB 2010 Verona Fiere 26 maggio 2010 Sicurezza igienico sanitaria per macchine, impianti e loro componenti a contatto con gli alimenti Dr. Gianpietro Boieri Produzione materiali a contatto: caratteristiche

Dettagli

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano.

Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA Progetto relativo a Nuovo impianto di trattamento lampade fluorescenti provenienti dalla raccolta differenziata sito in Comune di Milano. Committente: AMSA S.p.A.

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE Pag. 1 di 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE INDICE 1. Scopo... 2 2. Principi guida... 2 3. Politica per la qualità e l Ambiente... 2 4. Pianificazione... 2 5. Responsabilità, autorità e comunicazione...

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

La nuova normativa ambientale e la riduzione delle emissioni dei composti organici volatili

La nuova normativa ambientale e la riduzione delle emissioni dei composti organici volatili La nuova normativa ambientale e la riduzione delle emissioni dei composti organici volatili Treviso, 13 Aprile 2007 Franco Giacomin 1 Ambito di applicazione Soglie minime ategorie di attività di consumo

Dettagli

Massima qualità per prolungare la durata dei refrigeranti. Alfie 500 per il trattamento dei refrigeranti

Massima qualità per prolungare la durata dei refrigeranti. Alfie 500 per il trattamento dei refrigeranti Massima qualità per prolungare la durata dei refrigeranti Alfie 500 per il trattamento dei refrigeranti Riduzione dei tempi di fermata Migliore qualità del prodotto Non più utensili sporchi Eliminazione

Dettagli

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio 26 settembre 2014 Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio Pasquale DEL NORD Responsabile HSE di Trenitalia Trenitalia ed il gruppo FS Controllata al 100%

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana E ANIA - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici Confindustria,

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori

PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori PROCESSI DI STAMPA Aspetti legati alla salute dei lavoratori Marco Fontana - Roberto Riggio Struttura Semplice 20.02 Igiene industriale Utilizzo di agenti chimici nelle lavorazioni di stampa metalli pesanti

Dettagli

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili Relazione sull attuazione della direttiva 1999/1/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (redatta ai sensi dell articolo 11 della direttiva 1999/1/CE secondo il formato stabilito

Dettagli

www.protezione-ambientale.it

www.protezione-ambientale.it www.protezione-ambientale.it Chi Siamo Una struttura all avanguardia in grado di offrire un ampia gamma di prestazioni a soggetti pubblici e privati per il corretto adempimento di quanto previsto dalla

Dettagli

Istruzione Operativa SISPC-Amianto

Istruzione Operativa SISPC-Amianto REGIONE TOSCANA Direzione Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Coordinamento Tecnico Sistema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva https://www.prevenzionecollettiva.toscana.it Istruzione

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE

RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE RISCHIO INQUINAMENTO E SOLUZIONI ASSICURATIVE Giovanni Faglia Pool Inquinamento 21 settembre 2011 Rischio Inquinamento 2 INQUINAMENTO: E UN RISCHIO SPECIALE? E un rischio che richiede specifiche competenze:

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche AREA SVILUPPO SOSTENIBILE E PIANIFICAZIONE AMBIENTALE Determinazione del Dirigente del Servizio Gestione Rifiuti e Bonifiche Torino, 18 OTT 2007 N. 233-1190524/2007 (numero - protocollo / anno) OGGETTO:

Dettagli

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE)

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) Le risposte esatte sono riportate in file a parte pubblicato nella stessa pagina del nostro sito --------------------------------------------

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci. Studio Mastracci P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.it indice RIFIUTI BONIFICHE INQUINAMENTO DA AGENTI FISICI

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELLE CONDOTTE RIPARATORIE DI BONIFICA E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI

L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELLE CONDOTTE RIPARATORIE DI BONIFICA E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELLE CONDOTTE RIPARATORIE DI BONIFICA E RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI Alberto Milani, amministratore delegato Arcadis Italia S.r.l. Fiera Ecomondo - Rimini - 4 Novembre

Dettagli

25/11/2015 IL DEPOSITO TEMPORANEO

25/11/2015 IL DEPOSITO TEMPORANEO IL DEPOSITO TEMPORANEO 1 1 IL DEPOSITO TEMPORANEO È: (ART. 183, CO. 1, LETT. BB) bb) deposito temporaneo : il raggruppamento dei rifiuti effettuato, "e il deposito preliminare alla raccolta ai fini del

Dettagli

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008

Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre 2008 Elementi salienti e criticità di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza dei Lavoratori nella filiera del riciclo della carta: il punto di vista dell ente di certificazione. Milano 18 novembre

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti.

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti. SISTEMI INTEGRATI Nasce dall esigenza di proporre alle aziende un servizio sempre più flessibile ed organizzato per meglio adattarsi alle necessità del mercato e nel contempo ampliare i servizi offerti

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. ++39/0541/343030 - telefax ++39/0541/345540 pag.1/7 REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Contenuti Capitolo

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001)

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001) GUIDA UTILE.......... LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001) Pag. 1 di 6 INDICE LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE (UNI EN ISO 14001) COS È LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE SECONDO LA NORMA ISO 14001?...

Dettagli