Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone S.p.A. 31 Dicembre, 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone S.p.A. 31 Dicembre, 2005"

Transcript

1 g GE Oil & Gas Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone S.p.A. 31 Dicembre, 2005 Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone S.p.A. al 31 Dicembre 2005

2

3 g GE Oil & Gas Via Felice Matteucci, Florence - Italy Nuovo Pignone S.p.A. Codice fiscale e numero d iscrizione: del Registro delle Imprese di FIRENZE Sommario Relazione sulla gestione al Bilancio della Nuovo Pignone S.p.A. al 31 dicembre Premessa... 3 Situazione congiunturale e prospettive... 5 Andamento dei settori di attività... 6 Qualità Lean Six Sigma... 9 Ricerca e sviluppo Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Personale Andamento economico, patrimoniale e finanziario Conto Economico Riclassificato Stato Patrimoniale Riclassificato Rapporti con le controllanti e le imprese del Gruppo Nuovo Pignone e del Gruppo General Electric Azioni proprie o di società controllanti Attività di direzione e coordinamento Sedi secondarie Evoluzione prevedibile della gestione Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio ed altre informazioni Bilancio della Nuovo Pignone S.p.A. al 31 dicembre Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio al 31 dicembre Relazione della Società di Revisione Deliberazioni dell assemblea

4 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vice Presidente e Amministratore Delegato Consiglieri COLLEGIO SINDACALE Piero Salvadori (1) Claudio Santiago Ponsa Stefano Ciolli (2) Pier Luigi Ferrara Alessandro Traversari GENERAL MANAGERS Michael Bellamy Fernando Bertoni Paul Fama (3) Claudio Materazzi (3) Joseph Mastrangelo Brian Masterson Mohammad Ehteshami Ken Resnick Bernardo Nicoletti Jay Wileman Frederic Ribieras Marco Sguanci Presidente Cosimo Imbrioscia Sindaci effettivi Sindaci supplenti Angelo Ciavarella Antonio Angelo Manzoni Luca Bonanno Filippo Pasquini SOCIETÀ DI REVISIONE KPMG S.p.A. (1) Nominato dall Assemblea Ordinaria del (2) In carica alla data di approvazione del presente bilancio (3) Tali nominativi sono quelli in carica alla data di approvazione del Bilancio 2

5 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Signori Azionisti, sottoponiamo alla Vostra attenzione il bilancio per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2005, corredato della relazione sulla gestione redatta ai sensi dell art del Codice Civile. Il 2005 è stato per Nuovo Pignone S.p.A. un anno complessivamente molto positivo, caratterizzato da risultati significativi in particolare nei settori di punta, quali la liquefazione di gas naturale e la compressione ad alta pressione. Nel corso dell esercizio la Vostra società ha reso operativa la riorganizzazione della struttura interna avviata nel corso del secondo semestre 2004, messa in atto al fine di rispondere in maniera più efficace alle richieste del mercato. Si ricorda che in data 28 giugno la Vostra Società ha proceduto ad acquistare dalla controllante Nuovo Pignone Holding S.p.A. la partecipazione nella GE Capital Funding Services S.r.l.. Il prezzo di acquisto, pari a mila Euro, è stato definito in base ad apposita perizia di stima. Si ritiene che il posizionamento di questa partecipazione sotto il controllo di una società operativa possa facilitare la funzionalità di aggregazione dei bilanci ai fini del consolidato; si tenga presente, a tal proposito, che GE Capital Funding Services S.r.l. svolge principalmente la propria attività nei confronti di Nuovo Pignone S.p.A.. In data 29 luglio 2005 la Vostra Società ha costituito la Fondazione Pignone, che ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica il 13 ottobre La Fondazione, nelle sue finalità di promozione, sviluppo e valorizzazione della cultura e dell immagine del Nuovo Pignone S.p.A., svolge prioritariamente, senza scopo di lucro, attività di educazione ed istruzione rivolte all'apprendimento, in particolare da parte dei giovani, delle competenze specialistiche e manageriali riguardanti il settore del petrolio e del gas, in cui opera il socio fondatore. Il Presidente Piero Salvadori Il Vice Presidente e Amministratore Delegato Claudio Santiago Ponsa 3

6 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 A questo scopo la Fondazione si propone di organizzare e gestire corsi di specializzazione ed aggiornamento, master ed altre forme didattiche di apprendimento, assegnare borse di studio, promuovere, organizzare ed eseguire progetti di ricerca, diffondere e preservare la cultura d impresa e la tradizione storica di Nuovo Pignone, anche mediante l istituzione di un archivio storico e la creazione di un eventuale spazio museale. La Fondazione Pignone, è un ente no profit, che nel tempo dovrà anche essere in grado di coniugare la propria attività didattica e di ricerca con l individuazione e la messa a punto di prestazioni di servizi a favore di terzi che gradatamente dovranno consentire di finanziare, anche se non in misura prevalente né esclusiva, una quota parte delle proprie attività. La capacità di autofinanziamento rappresenterà un dato essenziale sia per il riconoscimento e l affermazione della missione che la Fondazione si è data, sia per la crescita e l espansione delle aree d intervento della Fondazione. Si segnala che la Società, pur in presenza di partecipazioni in società controllate, si è avvalsa della facoltà di esonero dalla redazione del bilancio consolidato, ai sensi dell art. 27 comma 3 del D. L.vo 127 del 9 aprile 1991, in quanto lo stesso verrà predisposto dalla controllante Nuovo Pignone Holding S.p.A. e depositato ai sensi di legge. Si ricorda che in relazione ai nuovi termini fissati dall'autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, la Vostra Società ha svolto tutte le attività necessarie all'aggiornamento del Documento Programmatico sulla Sicurezza, redatto ai sensi del D. Lgs. 196/03. L adeguamento è stato completato entro il 31 Dicembre Qatargas II (cantiere) 4

7 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Situazione congiunturale e prospettive Nel corso del 2005 l economia mondiale ha registrato un tasso di crescita prossimo ai 4,5 punti percentuali. Si prevede che l elevato tasso di sviluppo, tra i più alti dalla fine degli anni 80, prosegua, anche se a ritmi meno sostenuti, sia nel corso del 2006 che nel corso del Stati Uniti e Giappone hanno registrato tassi di crescita rispettivamente del 3,6% e 2,4% mentre l America Latina ha raggiunto il 4,5%. In Cina, invece, l economia ha continuato a svilupparsi a tassi vertiginosi con una crescita superiore al 9%, in linea con i valori del biennio passato. Non altrettanto elevati sono stati i tassi di crescita realizzati dall Unione Europea che nel complesso ha registrato un incremento di circa l 1,7%, in leggera flessione rispetto al 2004 ma comunque in miglioramento rispetto al biennio All interno dell Unione Europea, a ben vedere, si sono delineati tre blocchi distinti le cui economie sono cresciute a tassi decisamente diversi: 1,4% per i 15 paesi membri prima del maggio 2004, 3,7% per i paesi dell Europa dell Est e ben 7,3% per le facendo da principale leva all aumento del prezzo. Il rincaro del prezzo del petrolio getta peraltro un ombra sulle prospettive di crescita dell economia mondiale. La corsa dei prezzi del greggio - media 2005 del Brent $54,99/bbl rispetto a $38.36/bbl del rappresenta l incognita maggiore alla possibilità di mantenere una crescita sostenuta nel lungo periodo. Alcune aree geografiche atte a soddisfare la domanda mondiale di petrolio (Medio Oriente, Venezuela, Nigeria, Africa Occidentale) continuano ad essere caratterizzate da assetti geo-politici instabili che contribuiranno a mantenere elevato il Rotore MS5002C repubbliche baltiche. Per il biennio si prevede una crescita annua che si collocherà in prossimità del 2% rispetto ad una crescita mondiale prevista intorno al 4%. Il positivo andamento dell economia mondiale ha portato ad una dinamica sostenuta nella domanda di materie prime ed in particolare del petrolio, prezzo del petrolio. Gli elevati prezzi del petrolio e del gas naturale e la crescente domanda in particolare da parte di paesi in via di sviluppo hanno peraltro favorito la prosecuzione di un trend positivo per l Industria dell Oil & Gas, di cui Nuovo Pignone S.p.A. è uno dei principali fornitori di beni e servizi. 5

8 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 L elevato prezzo del petrolio ha inoltre fatto spostare parte della domanda globale sul gas, con un conseguente aumento del prezzo di quest ultimo. Il prezzo medio del gas naturale nel 2005 è stato di 8.9 $/MMBtu rispetto ai 5.9 $/MMBtu del Si ritiene che gli investimenti nel settore Oil & Gas registreranno una crescita media intorno al 25% annuo nei prossimi tre anni. Oltre ai tradizionali segmenti della esportazione e produzione, i settori trainanti sono ora quelli della raffinazione per quanto riguarda il petrolio e del trasporto per quanto riguarda il gas. Continua infatti ad essere sostenuta la realizzazione di impianti di liquefazione del gas (LNG) principalmente nell area mediorientale. Ingenti capitali sono anche destinati allo sviluppo e alla realizzazione di impianti Gas-To-Liquids (GTL) che consentiranno di trasformare il gas in oli combustibili puliti, soluzione che da una parte consente di svincolarsi dalla morsa del caro prezzo del petrolio e dall altra offre maggiori garanzie in favore del rispetto delle norme in materia di inquinamento ambientale. Andamento dei settori di attività Nel corso del 2005, la Società ha riorganizzato la propria struttura interna consolidando le precedenti unità (Upstream, Midstream, Downstream) nella sola divisione New Units, a cui si aggiunge la Divisione Global Services con l installazione e l avviamento delle macchine ed un ampia varietà di servizi postvendita. Dalla riorganizzazione si attendono benefici in termini di semplificazione dei processi interni e sinergie nell ambito del project management e delle commercial operations, il tutto nell ottica di un miglioramento della soddisfazione del Cliente. Nella divisione New Units si distinguono diverse aree operative: Il Settore Natural Gas continua ad essere uno dei business di punta in cui la Società mantiene una rilevante quota di mercato e la leadership nei servizi di alta pressione. Il 2005 ha visto la Società aggiudicarsi importanti progetti in Cina e Medio Oriente. Proprio il settore dell alta pressione ha registrato un importante successo con il superamento dei test per il treno di compressione destinato al giacimento di Kashagan, nella Repubblica del Kazakhstan. Si tratta del treno di reiniezione con la più alta pressione operativa (820 bar) mai raggiunta fino ad ora. Un ulteriore difficoltà tecnologica, in questa installazione è rappresentata dalla alta acidità del gas trattato. Il Settore Liquefied Natural Gas e Pipeline Il segmento della Liquefazione Gas Naturale (LNG) ha registrato un nuovo picco di ordini, con un Blustream - Gasdotto Russia/Turchia 6

9 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 incremento del 35% sull anno precedente. La costante crescita della domanda di gas naturale, lascia prevedere che questo segmento continuerà ad essere attivo almeno per i prossimi cinque anni, con la Vostra Società orientata al mantenimento della posizione di leader mondiale nella fornitura di turbocompressori. Nel corso dell anno sono stati acquisiti cinque importanti ordini per impianti in Qatar, Algeria e Yemen, confermando così la importanza fondamentale della regione mediorientale come area di sviluppo. Un importante evento nel settore LNG è stato il superamento del test per il primo treno di compressione del Qatargas II, il più grande impianto LNG del mondo. Nel corso della prova è stata raggiunta la più alta potenza per un singolo treno LNG (92 MW). Di particolare rilievo nel segmento Pipeline è stata l acquisizione di un importante ordine di turbocompressori per la costruzione in Cina di 12 stazioni del gasdotto WGTE. Il Settore Refinery, Petrochemical, Industrial Power Generation Nel 2005 la crescita della domanda di combustibile ed il conseguente forte incremento del prezzo del petrolio hanno stimolato la crescita degli investimenti nel settore Raffineria e Petrolchimica, ove gli ordini sono pressoché raddoppiati rispetto allo scorso esercizio. Le aree che più hanno trainato questa crescita sono state il Nord America, l Estremo Oriente, in particolare con la Cina, ed il Medio Oriente, dove spicca un grosso ordinativo collegato alla ricostruzione degli impianti petrolchimici Iracheni. Per il futuro è confermata la forte attenzione sul GTL (Gas-To-Liquids) come nuovo mercato potenziale, nel campo delle raffinerie, sulle riserve non convenzionali, cosiddette Oil Sands e sui reattori, per cui sono attesi nel 2006 diversi cospicui ordini. Il settore dell Industrial Power Generation si mantiene per il momento stabile, anche se sono attesi sviluppi in questo campo grazie alla crescita Turbocompressori PCL804 per gasdotto WGTE - Cina 7

10 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 prevista degli impianti di rigassificazione LNG. Si segnala per il 2006 l introduzione proprio in questo segmento della prima unità del nuovo modello di turbina a gas MS5002-E. La divisione Global Services si conferma una importante piattaforma di crescita per la Società anche nel 2005, anno di risultati positivi sia sul fronte degli ordini che dei ricavi che hanno superato il record del miliardo di dollari. Sono state principalmente le attività di lungo periodo (contratti di assistenza ed aggiornamenti sulle macchine) a contribuire a tale risultato, mentre i settori più tradizionali (vendita di parti di ricambio e manutenzioni in campo) vengono progressivamente consolidati all interno dei contratti pluriennali. Tra i principali contratti stipulati nel 2005 va segnalato, per la sua rilevanza, il contratto stipulato ad inizio anno in Trinidad & Tobago della durata di 18 anni per l assistenza su 4 treni LNG (Frame 5D e Compressori Centrifughi). Gli investimenti del Global Services hanno continuato a riguardare l introduzione di nuove tecnologie per il miglioramento delle macchine e il monitoraggio delle loro prestazioni a distanza, con la possibilità di effettuare anche previsioni sul loro futuro funzionamento. A tale proposito si può menzionare l apertura del nuovo Remote Monitoring & Diagnostic Center all interno dello stabilimento di Firenze. Oltre ad essere uno dei principali fornitori nella Industria dell Oil & Gas, come anticipato, la Vostra Società conduce per mezzo della propria controllata, Fondazione Pignone, iniziative promozionali, culturali e sociali portate avanti con lo scopo di diffondere e consolidare l immagine e la cultura della Società all esterno. Per l anno 2005 si segnala l inaugurazione della Oil & Gas University ; si tratta di un corso semestrale offerto ai dipendenti di società operanti nel settore con moduli che vanno da corsi di leadership a corsi tecnici; l iniziativa coinvolge i massimi esperti dell Industria Oil & Gas ed è con tutta probabilità destinata a reiterarsi, con il lancio di un nuovo corso ad ottobre Con riferimento alla controllata GE Capital Funding Services S.r.l., ricordiamo che la controllata, che opera esclusivamente attraverso l acquisto dei crediti commerciali di società del Gruppo General Electric verso debitori ceduti esterni al Gruppo, ha realizzato un turnover di cessioni pari a milioni di Euro, contro milioni di Euro generati nell esercizio precedente (+31,7%), di cui 861 milioni di Euro relativi al Compressore MCL - Qatar II 8

11 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 mercato domestico (707 milioni di Euro nel 2004, +21,8%) e milioni di Euro relativi ad esportazioni (844 milioni di Euro nel 2004, +39,9%). Al 31 dicembre 2005, il saldo netto dei crediti ceduti è risultato pari a 945 milioni di Euro (658 milioni di Euro nel 2004, +44%). L incremento del turnover complessivo rispetto allo scorso anno è stato originato sia dall introduzione di nuovi partner industriali (Jenbacher S.r.l. e Datex Omeda S.r.l.), sia dall incremento dell operatività con il cedente Nuovo Pignone S.p.A.. Piccoli Compressori Centrifughi BCL - Pulsing Line Questa dinamica positiva si è riflessa solo in parte nel margine di intermediazione, in quanto dalla seconda metà del 2005 è stato registrato un incremento nei costi della raccolta. Inoltre la Società ha incrementato i propri costi di struttura principalmente a causa del rafforzamento dell organico e dell aumento delle spese per servizi; di conseguenza il margine operativo si è attestato sui 17,8 milioni di Euro contro i 26,4 milioni del precedente esercizio. Qualità - Lean Six Sigma Il tradizionale metodo di qualità Six Sigma, coniugato nel 2005 con i principi del Lean Management, ha dato vita ad un programma qualitativo ( Lean Six Sigma ) che ha rappresentato una delle iniziative strategiche della Vostra Società. Il Lean Six Sigma è una strategia manageriale di miglioramento continuo che si focalizza sulla qualità del prodotto e sulla velocità del processo. Nasce dalla sinergia dei due metodi, il Six Sigma e Lean Production (Lean). Il Six Sigma è una metodologia indirizzata all eliminazione dei difetti, dei guasti e dei problemi connessi al controllo di qualità, sia per i prodotti e servizi forniti, che per le operazioni di gestione ed organizzative. Il Lean è una metodologia che contribuisce a tagliare sprechi, ottimizzando l utilizzo delle risorse ed i tempi di ciclo e che riguarda tutti i principali aspetti del processo produttivo (riprogettazione del layout di linea, riduzione dei tempi di set-up, controllo dei costi, manutenzione degli impianti). Applicando il Lean Six Sigma è possibile migliorare notevolmente le prestazioni d efficienza in ogni area aziendale, sia a livello strettamente produttivo, che con riferimento ai processi transazionali, creando in azienda la consapevolezza della importanza di un modo nuovo di agire e di concepire il miglioramento 9

12 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 continuo. In particolare, la sinergia tra Lean e Six Sigma produce i seguenti effetti: - flessibilità dei processi produttivi e decisionali; - miglioramento della qualità delle operazioni aziendali, dei prodotti e dei servizi offerti alla clientela; - forte riduzione del lead time; - riduzione costi generali di produzione. L applicazione del Lean Six Sigma ha dato luogo, nel 2005, alla creazione di Pulsing Line, Fast Set Up e molti altri nuovi processi volti a consegnare prodotti migliori in tempi più rapidi. Ricerca e sviluppo Palette turbine a vapore Come nel 2004, anche nel 2005 Nuovo Pignone S.p.A. ha mantenuto il proprio impegno nell innovazione tecnologica, nell intento di creare valore aggiunto per i clienti attraverso i propri prodotti e la gamma dei servizi offerti. In termini d innovazione, la Società ha potuto trarre beneficio dalle diverse tecnologie disponibili nell ambito dei vari business di General Electric, che hanno supportato il consolidamento e l ampliamento della già consistente base di conoscenze ed esperienze. Le attività di ricerca e sviluppo sono aumentate, anno dopo anno, sia in termini di risorse umane che finanziarie. La Società ha continuato ad avvalersi, come negli anni precedenti, di collaborazioni con aziende ed Università di riconosciuto livello tecnologico, anche nell ambito di programmi sponsorizzati dalla Comunità Europea e dai piani Nazionali Ministeriali. L obiettivo primario è stato quello di migliorare costantemente la competitività dei propri prodotti e servizi e di cogliere tutte le nuove opportunità offerte dal mercato. 10

13 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Compressore assiale AN250 per impianti di LNG Un area a cui Nuovo Pignone continua a dedicare particolare attenzione è quella relativa allo sviluppo della turbina a gas. In particolare, nel 2005: si è concluso il programma di miglioramento delle prestazioni della turbina GE10-2, attraverso la prova della nuova ruota di potenza che, avendo fornito risultati in linea con le attese, consente di mantenere la competitività del prodotto; la turbina a gas FR52E è stata provata in configurazione Generator Drive, validando con successo la sua operabilità in caso di distacchi di carico parziali e totali. La sua introduzione sul mercato si aggiunge quindi a quella in versione mechanical drive, già rilasciata lo scorso anno; particolare interesse continuano a rivestire per l azienda gli aspetti legati alla combustione, sia per quanto riguarda le basse emissioni (ed il loro mantenimento al variare della temperatura e del carico), sia per quanto riguarda la flessibilità dei combustibili utilizzati. A questo scopo sono state effettuate prove con gas inerti (CO2) e con combustibile liquido sul combustore della turbina a gas GE10 e, a seguito di studi e prove dedicate, è stata data l approvazione all introduzione sul mercato della turbina a gas FR52D DLN extended operability, che garantisce emissioni inferiori a 42 ppm Nox fino al 60% del carico; nel 2005 si sono anche concluse le attività di progettazione legate alla ruota di bassa pressione HSPT da accoppiare con il nuovo generatore di gas G4, sviluppato e industrializzato da GE Aviation. L introduzione di questo prodotto, prevista per fine 2006, consentirà di mantenere la competitività nel settore delle turbine aero-derivative nella taglia dei 30 MW; dopo attenta valutazione lo sviluppo della nuova turbina a gas GE 15-2 è stato sospeso. Le nuove soluzioni tecniche introdotte hanno permesso di delineare un prodotto con caratteristiche assai innovative e di grande interesse per il mercato; 11

14 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 tuttavia, le difficoltà incontrate in fase di progettazione di dettaglio hanno determinato un generale ritardo del programma che non consente di conseguire gli obiettivi tecnico-commerciali in tempi ragionevoli. I numerosi cicli di progettazione richiesti, le nuove problematiche ed i rischi tecnici non ben quantificabili hanno compromesso tempi e costi di realizzazione del progetto. Nuovo Pignone ha quindi deciso di sospendere il progetto nella sua configurazione originaria e di chiudere anticipatamente il programma finanziato dal Ministero dell Attività Produttive, in attesa di meglio definire le possibili soluzioni ai rischi sopra elencati. Le attività svolte sino ad ora hanno tuttavia consentito di conseguire risultati parziali di notevole interesse e fortemente innovativi per quanto riguarda il compressore, la camera di combustione, la turbina di alta pressione e la turbina di potenza. Il 3 e ultimo Stato Avanzamento Lavori è stato presentato alla Banca Concessionaria IMI-San Paolo nel mese di dicembre. La quota finale di finanziamento sarà determinata da IMI-San Paolo, di concerto con MAP, solo dopo aver valutato i risultati parziali sino ad ora ottenuti. Tale valutazione avverrà presumibilmente entro il giugno La ricerca sui compressori centrifughi ed assiali nel 2005 ha essenzialmente avuto l obiettivo di migliorare le prestazioni operative del prodotto. In questo settore la Società ha investito il 70% in più rispetto all anno precedente, ottenendo i seguenti risultati principali: validazione di un compressore assiale AN250 per impianti di LNG, con portata elaborata del 12% superiore a quella dell attuale AN200 e con un incremento di efficienza pari a circa l 1%. completamento progettazione preliminare del compressore ibrido assial-centrifugo per gli impianti GTL (Gas-To-Liquids) dalla capacità di 3600 t/d O2. In particolare, le prestazioni della parte assiale del compressore, identica al booster della turbina aeroderivativa LMS100 (sviluppata da GE Aviation), sono state verificate durante le prove a carico di quest ultima effettuate durante l anno; miglioramento delle prestazioni di numerose famiglie di stadi di compressori centrifughi, attraverso la loro validazione. Più di 20 test su nuove giranti sono state completate nel 2005, con 70 campagne di prova, realizzando più di 130 curve di prestazioni che hanno permesso di migliorare la nostra capacità predittiva e di selezione degli stadi stessi per macchine di commessa; è proseguito, infine, l allestimento del banco ad alta pressione (500 bar) per misurare il comportamento dinamico delle tenute intermedie dei compressori. Numerosi studi e ricerche sono stati effettuati anche per migliorare l affidabilità delle tenute a gas e per introdurre nuove tenute abradibili sull occhio della girante il cui comportamento verrà analizzato tramite dedicati model tests nel Nell anno 2005 grazie al supporto del GE Global Research Center sono stati effettuati studi per lo sviluppo di motori elettrici a giri variabili. Di particolare interesse per il mercato LNG risultano i motori di taglia superiore a 30 MW che possono essere accoppiati direttamente al treno compressori. Per questi è stato sviluppato un sistema di gestione e Treno turbocompressori impianto re-iniezione di Kashagan prove testing nello stabilimento di Massa 12

15 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Green Stream - Mellitah controllo capace di ridurre al minimo le fluttuazioni di coppia, eliminando eventuali problemi torsionali. Attività di progettazione preliminari sono state svolte anche nel campo dei compressori integrati, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo di motori elettrici di taglia 6-12 MW con rotore a magneti permanenti, che si prestano anche a future applicazioni in sistemi di pompaggio sottomarini. Entrambe le menzionate attività di ricerca proseguiranno con opportune prove sperimentali nel Per quanto riguarda i compressori alternativi, è stato portato a termine il miglioramento della linea di prodotto API618, aumentando la potenza, le prestazioni e l affidabilità, pur mantenendo la stessa struttura del corpo compressore. Un programma analogo è stato iniziato per quanto riguarda i modelli ad alta velocità. Di particolare interesse per il mercato del Service si sono rivelati sia i sistemi diagnostici portatili che i sistemi di monitoraggio delle emissioni acustiche delle valvole, che sono stati installati su macchine già in esercizio fornendo ai clienti degli utili strumenti di diagnostica. Sempre nell area dello sviluppo legata ai prodotti cosiddetti maturi, vanno evidenziati i progressi ottenuti per quanto riguarda le tecnologie di riparazione, con l introduzione, all interno delle nostre officine, di tecniche e di processi legati alla riparazione di componenti critici (come le pale e gli ugelli delle turbine a gas) che consentono di espandere i servizi che l azienda può offrire ai clienti nell ambito dei cicli manutentivi delle macchine già in esercizio. Nel 2005, è stato approvato un nuovo finanziamento per 70 mila Euro dalla Regione Toscana a fronte del DOCUP Ob. 2 anni Misura Azione Aiuti alla Ricerca industriale e precompetitiva per lo stabilimento di Massa, per l introduzione di robot antropomorfi e manipolatori multiasse controllati numericamente in ambito saldatura. Nel corso del 2005 sono state presentate numerose proposte di finanziamento alla Comunità Europea (HyWays-IPHE, Programma Quadro 6), al Ministero delle Attività Produttive (proposta di progetto per lo Sviluppo di un combustore a basse emissioni per turbina industriale da 11 MW alimentato da gas naturale con alto contenuto di inerti e idrocarburi pesanti, al Ministero della Ricerca e Università (proposta di progetto per la Ricerca, sviluppo e dimostrazione di cicli a idrogeno zero emission, coordinatore Enel Produzione S.p.A., al Ministero dell Ambiente e delle Tutela del Territorio (proposta di progetto per lo Sviluppo di cicli zero emission a idrogeno ). Nel corso dell anno Nuovo Pignone S.p.A. ha inoltre depositato numerosi brevetti relativi all attività di ricerca condotta. La spesa per attività di ricerca e sviluppo è stata complessivamente di 55,7 milioni di Euro, contro i 45,7 milioni di Euro nel 2004 ed è stata interamente imputata al conto economico dell esercizio. 13

16 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Immobilizzazioni materiali Gli investimenti effettuati nell'anno sono stati finalizzati a sviluppare le nostre tecnologie e a migliorare la produttività. Le iniziative principali si sono concentrate sia nello stabilimento di Firenze che su quello di Massa. Per quanto concerne Firenze, fra gli investimenti più significativi ricordiamo: - tre macchine utensili a 5 assi per potenziare ulteriormente l'attuale linea per la lavorazione di giranti di compressori centrifughi; - il completamento del Bunker per l'equilibratura degli alberi di grandi dimensioni dei compressori destinati agli impianti di LNG. Per quanto concerne Massa, ricordiamo: - i banchi prova dedicati per l esecuzione delle prove speciali - String Tests di FR7 / FR9 per LNG e HP Re-injection; - la nuova linea di montaggio per compressori centrifughi e turbine a vapore di grosse dimensioni; - il banco per prove meccaniche dei compressori centrifughi di grosse dimensioni. Immobilizzazioni immateriali La Vostra Società negli ultimi anni ha lavorato ad un fondamentale programma di rinnovamento ed ampliamento delle piattaforme informatiche, che prevede la sostituzione del precedente sistema LM2500 DLE, Dual Fuel - Aluheim/Norvegia Prove testing nello stabilimento di Massa informatico con il package Oracle Application ERP (Enterprise Resource Planning). Il programma, iniziato nel 2003, prevede due grossi progetti: il primo focalizzato sulla revisione dei processi trasversali (Oracle Shared Services), il secondo mirato alle revisione dei processi inerenti al ciclo produttivo (MRP/BoM, Manufacturing Resource Planning & Bill of Material Redesign ). Il primo progetto è stato portato a compimento nel luglio 2004 e ha determinato l aggiornamento della piattaforma Oracle (dalla versione 10.7 alla nuova versione 11i) per i moduli finanziari, il modulo acquisti ed il modulo risorse umane; ha inoltre portato all implementazione ex-novo del modulo Oracle di fatturazione attiva, in precedenza gestita su un sistema legacy non Oracle. Questo primo progetto, oltre a portare benefici in termini di processi, è servito a preparare l architettura di sistema per il successivo progetto MRP/BoM. Il secondo progetto (MRP/BoM), a sua volta articolato in due fasi, ha visto il completamento della prima, relativa all area di operatività delle New Units, nel gennaio 2005 e della seconda, relativa all area di operatività del Global Service, nel febbraio Per la parte New Units è stata implementata una soluzione integrata alla base dell intera catena di produzione; per raggiungere questo obiettivo si è proceduto alla completa revisione dei processi aziendali, dall acquisizione dell ordine di vendita fino alla spedizione del prodotto finito al cliente finale, attraverso l integrazione dei moduli di Pianificazione/Produzione con quelli di Ingegneria. La fase di stabilizzazione dell MRP/BoM delle New Units si è conclusa con successo nel secondo semestre del Per la parte Global Services, l implementazione si è estesa alle fasi precedenti all acquisizione dell ordine - soprattutto per quanto riguarda la parte di business short cycle (parti di ricambio) e alla gestione degli archivi informativi necessari per il supporto delle attività di manutenzione delle macchine di proprietà dei clienti (Entrerprise Asset Management). Il nuovo sistema, operativo dal febbraio 2006, è adesso nella sua naturale fase di stabilizzazione. Sottolineiamo come il programma d implementazione di un sistema informatico integrato sia assolutamente strategico e fondamentale per il sostegno della crescita e dell evoluzione attesa della Vostra Società. 14

17 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Personale Il personale in forza presso la Società al 31 dicembre 2005 è pari a unità, di cui 164 Dirigenti, Quadri/Impiegati e 728 Operai. Nell anno 2005 è continuata l attività di formazione del personale con un impegno di oltre ore. In data 4 luglio 2005 è stato firmato un accordo sindacale avente ad oggetto l implementazione di una procedura di mobilità corta per n. 50 unità lavorative, relativamente alla sede di Firenze. È stato inoltre introdotto sempre con accordo sindacale un nuovo regime di flessibilità in termini strutturali e largamente estensivo rispetto alle regolamentazioni preesistenti. Queste rilevanti novità hanno riguardato tutte le categorie contrattuali ivi comprese le funzioni direttive. Andamento economico, patrimoniale e finanziario Il bilancio della Società al 31 dicembre 2005 si chiude con utile di 177 milioni di Euro a fronte di un utile di 509 milioni di Euro al 31 dicembre 2004, con una flessione rispetto al precedente esercizio di 332 milioni di Euro. Ricordiamo a tal proposito che nel 2004 è stato attuato il cosiddetto disinquinamento fiscale, previsto dalla entrata in vigore del D. Lgs. n.6 del 17 gennaio 2003, che ha impattato positivamente il risultato dell esercizio per 345 milioni di Euro al netto delle relative imposte differite. Nel corso del 2004 ha inoltre avuto luogo la cessione del ramo d azienda Distribution con cui è stata realizzata una plusvalenza di 82 milioni di Euro che, al netto della rettifica dell avviamento allocato al ramo d azienda ceduto (11 milioni di Euro), ha influenzato positivamente la gestione straordinaria dello scorso anno per 71 milioni di Euro. Escludendo gli effetti straordinari del disinquinamento fiscale e della cessione della Distribution sopra indicati, dal confronto tra i risultati degli esercizi 2004 e 2005 emerge un incremento pari a 84 milioni di Euro, da ricondurre essenzialmente al sensibile miglioramento dell andamento della gestione ordinaria, nonché alla contabilizzazione, per 23 milioni di Euro, delle imposte differite attive sulle perdite fiscali pregresse della Società. Il Margine operativo lordo, pari a 307 milioni di Euro, segna un aumento di 70 milioni di Euro rispetto al precedente esercizio, dovuto essenzialmente ai notevoli risparmi ottenuti sull acquisto dei materiali ed al miglioramento del mix dei ricavi nella Divisione New Units. Esaminando il Margine operativo lordo al netto degli oneri su cambi, l incremento si conferma pari a 70 milioni di Euro, rispetto al 2004; la gestione sui cambi, conseguente alla politica societaria tesa alla Bunker per l'equilibratura degli alberi di grandi dimensioni dei compressori 15

18 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 copertura del rischio di cambio con operazioni di forward e option, registra infatti un risultato in linea rispetto al precedente esercizio. Le imposte sul reddito dell esercizio sono in diminuzione rispetto allo scorso esercizio essenzialmente a seguito della contabilizzazione, per 23 milioni di Euro, delle imposte differite attive sulle perdite fiscali pregresse della Società. Conto economico riclassificato Migliaia di Euro % Migliaia di Euro % Ricavi della gestione caratteristica * , ,0 Altri ricavi e proventi , ,2 Acquisti, prestazioni di servizi e costi diversi ( ) -79,7 ( ) -79,8 Lavoro e oneri relativi ( ) -9,2 ( ) -9,7 Margine operativo lordo , ,7 Ammortamenti ** ( ) -6,2 ( ) -7,4 Risultato operativo , ,3 Proventi (oneri) finanziari (12.993) -0,5 (19.624) -1,0 Proventi (oneri) su cambi , ,3 Risultato della gestione ordinaria , ,6 Proventi (oneri) straordinari , ,5 Proventi da disinquinamento fiscale 0 0, ,0 Risultato ante imposte , ,1 Imposte sul reddito ,2 (1.145) -0,1 UTILE (PERDITA) DELL'ESERCIZIO , ,1 Progetto Qatargas II - Turbina a Gas MS9001 * I ricavi della gestione caratteristica comprendono convenzionalmente i ricavi delle vendite e delle prestazioni e la variazione dei lavori in corso su ordinazione. ** Gli ammortamenti comprendono la quota di competenza d esercizio dei contributi a fondo perduto in conto impianti. La situazione patrimoniale e finanziaria evidenzia un fabbisogno netto di capitale di milioni di Euro, coperto interamente dai mezzi propri. Il capitale netto investito diminuisce di 88 milioni di Euro rispetto al 2004, essenzialmente per effetto della sensibile riduzione del capitale circolante (capitale di esercizio netto). Nel 2005 la Vostra Società ha registrato un sensibile miglioramento della propria posizione finanziaria netta che è attiva per 584 milioni di Euro, a fronte di 318 milioni di Euro al 31 dicembre Il flusso di cassa del 2005, pari a 266 milioni di Euro, è stato generato per 425 milioni di Euro dal flusso monetario derivante dalle attività di esercizio che ha ampiamente compensato gli impieghi in investimenti di 160 milioni di Euro, riconducibili all acquisizione della partecipazione in GE Capital Funding Services S.r.l. 16

19 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre milioni di Euro - nonché agli investimenti netti in immobilizzazioni effettuati nel corso dell anno. Nel corso del 2005 il flusso delle operazioni di cessione crediti pro-soluto è cresciuto di 192 milioni di Euro rispetto al 2004, come pure il flusso di operazioni pro-solvendo che è stato superiore di 271 milioni di Euro rispetto al Stato patrimoniale riclassificato Migliaia di Euro % Migliaia di Euro % Immobilizzazioni immateriali , ,6 Immobilizzazioni materiali , ,9 Partecipazioni, titoli e azioni proprie ,9 5 0,0 Capitale Immobilizzato , ,5 Attività d'esercizio , ,7 Passività d'esercizio ( ) -98,8 ( ) -66,5 Fondi per rischi e oneri ( ) -38,6 ( ) -36,9 Capitale di esercizio netto ( ) -24,0 ( ) -15,7 Trattamento di fine rapporto (56.888) -4,4 (53.570) -3,9 CAPITALE NETTO INVESTITO , ,0 Patrimonio netto , ,1 Fondo ammortamento anticipato 0 0,0 0 0,0 Posizione fin.ria a m/l termine ,0 21,272 1,5 Posizione fin.ria a breve termine ( ) -46,2 ( ) -24,6 Posizione finanziaria netta ( ) -45,2 ( ) -23,1 COPERTURE , ,0 Stabilimento di Massa - Sala Prove in allestimento Cassa 3MCL

20 Relazione sulla gestione al Bilancio al 31 dicembre 2005 Rapporti con le controllanti e le imprese del Gruppo Nuovo Pignone e del Gruppo General Electric La Società, per lo svolgimento delle proprie attività, intrattiene con le controllanti Nuovo Pignone Holding S.p.A., General Electric Co. e con le imprese del Gruppo Nuovo Pignone e del Gruppo General Electric, rapporti di natura finanziaria e commerciale regolati da appositi contratti di fornitura, prestazioni di servizi e scambi di know-how regolati a normali condizioni di mercato. I rapporti economici e patrimoniali con queste imprese sono dettagliatamente indicati nella nota integrativa. Azioni proprie o di società controllanti La Società non possiede, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, azioni proprie o azioni di società controllanti. Nel corso dell'esercizio non sono state acquistate o alienate, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, azioni proprie o azioni di società controllanti. Attività di direzione e coordinamento Gli articoli sexies del Codice Civile impongono alla società di indicare la propria soggezione all altrui attività di direzione e coordinamento negli atti e nella corrispondenza, Oil & Gas University - Florence Learning Center nonché mediante iscrizione nell apposita Sezione Speciale del Registro delle Imprese. L articolo 2497 sexies prevede, in via presuntiva, e salvo prova contraria, che l attività di direzione e coordinamento sia esercitata dalla società tenuta al consolidamento della società o che comunque la controlla ai sensi dell articolo 2359 c.c. La Vostra Società è consolidata e controllata dalla Nuovo Pignone Holding S.p.A. che detiene attualmente il 100% del capitale sociale. Sedi secondarie La Società non dispone di sedi secondarie. Evoluzione prevedibile della gestione Le previsioni di crescita dell economia e le aspettative di un prezzo delle fonti energetiche ancora elevato fanno prevedere investimenti sostenuti nel settore Oil & Gas, dall Upstream alla raffinazione degli idrocarburi, tali da generare per la Nuovo Pignone S.p.A. un incremento atteso del volume di ordini superiore al 10%. Le aree di maggiore interesse sono il Medio Oriente, l area del Caspio, l Asia e l Africa dove si conferma la forte presenza nei mercati dell LNG e del gas naturale e nella fornitura di servizi ad essi correlati (in particolare contratti pluriennali di manutenzione). In Medio Oriente si prevede inoltre un trend positivo anche nel settore raffineria e petrolchimico. Per conseguire tale obiettivo di crescita, Nuovo Pignone S.p.A. intende portare avanti alcune iniziative strategiche tra cui: - il miglioramento della produttività realizzato con la progressiva re-ingegnerizzazione dei processi e la loro informatizzazione (si è realizzato ad inizio 2005 il progetto MRP/BoM per le Nuove Unità e ad inizio 2006 il progetto MRP/BoM per il settore Service); - l adozione del Lean Six Sigma che integra la Lean Technology con il Six Sigma e che oltre a ridurre i cicli produttivi in officina ha anche l obiettivo di semplificare e ottimizzare i principali processi aziendali; 18

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone Holding S.p.A. Relazione e Bilancio Consolidato del Gruppo Nuovo Pignone

Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone Holding S.p.A. Relazione e Bilancio Consolidato del Gruppo Nuovo Pignone Nuovo Pignone S.p.A. via F. Matteucci, 2 50127 Florence - Italy www.ge.com/oilandgas GE Oil & Gas Relazione e Bilancio della Nuovo Pignone Holding S.p.A. al 31 Dicembre 2007 - Relazione e Bilancio Consolidato

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli