Lupus Anticoagulant:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lupus Anticoagulant:"

Transcript

1 Lupus Anticoagulant: Diagnostica di laboratorio Agatina Alessandrello Liotta AOU Careggi- Firenze SOD Malattie Aterotrombotiche CRR per lo Studio della Trombosi

2 Lupus anticoagulant Famiglia eterogenea di immunoglobuline di tipo IgG, IgM, IgA In vitro provocano allungamento dei test fosfolipide dipendenti Nel nostro organismo sono responsabili di trombosi arteriose e/o venose, di aborti ripetuti, morti fetali

3 NUOVA DEFINIZIONE DI SINDROME DA apl Criteri di laboratorio (Miyakis S et al, J Thromb Haemost 2006, 4: ) Presenza di LAC, determinato secondo le linee guida proposte da SSC e/o Medio/alto titolo di anticorpi anticardiolipina β2 glicoproteina I dipendenti (IgG e/o IgM), misurati con tecnica ELISA standardizzata Conferma in 2 o più occasioni ad almeno 12 settimane di distanza

4 Intrinsic Pathway HMWK F IX F XI Surface HMWK F XII F XIIa F XIa F X PK Kallikrein F IXa F VIIIa Ca ++ PL F VIII Ca ++ PL Prothrombin TF-FVIIa Ca ++ F Xa Extrinsic Pathway Vascular Injury FXa Thrombin F VIIa F IXa F Va Ca ++ PL Ca ++ PL F X F Xa Ca ++ PL F V Tissue Factor (TF) TF-FVII F IX F XIII Thrombin FVII Ca ++ Fibrin F XIIIa Centro Trombosi, Firenze Fibrinogen Fibrin Cross-linked Fibrin

5 Antigeni degli apl Beta2 Beta 2 glicoproteina 1 1 Protrombina Protrombina Proteina Proteina C (attivata) C (attivata) Proteina Proteina S S Trombomodulina Annessina Annessina V V Attivatore Attivatore tissutale tissutale del del plasminogeno Chininogeni Chininogeni a basso a basso ed a alto ed a peso alto peso molecolare molecolare Fattore Fattore XII XII Lipoproteine Lipoproteine abassa a bassa densità densità ossidate ossidate (ox-ldl) (ox-ldl) Centro Trombosi, Firenze

6 CRITERI PER LA DIAGNOSI DI LUPUS ANTICOAGULANT PROPOSTI DAI SSC (1995) Prolungamento di 1 o più test di screening PL dipendenti (aptt, KCT, drvvt, dpt o TTI) Studi di mixing (1:1) per dimostrare la presenza di un inibitore ed escludere eventuali carenze di fattori Test di conferma per dimostrare che l inibitore è diretto contro i PL Esclusione di altre coagulopatie (es. inibitore del fattore VIII o presenza di eparina)

7 DIAGNOSTICA DEL LAC aptt Un aptt di routine nei limiti della norma, non è sufficiente per escludere la presenza del LAC I reagenti contengono fosfolipidi piuttosto concentrati, quindi l aptt può essere normale nei pazienti con LAC medio/debole Un aumento del fibrinogeno o fattore VIII (fase acuta, gravidanza) può accorciare l aptt e mascherare la presenza di un LAC debole Possono però essere utilizzati reagenti diluiti

8 APTT Ratio 3 2,5 2 1,5 1 APTT Responsiveness Tripodi et al, Clin Chem 2003 PTT LA Roche (n=21) Actin FSL Dade (n=6) Pathromtin SL Dade (n=8) Synthasil IL (n=5) APTT LT Roche (n=6) APTT SP IL (n=9) 0,5 A B C D Plasmas KPTT Stago (n=5)

9 aptt REAGENT Kershaw G Semin Thromb Hemost 2012

10 DIAGNOSTICA DEL LAC Kaolin e Silica Clotting Time (KCT, SCT) Non contengono PL Sono molto sensibili Molto influenzati dalla presenza di piastrine residue Specificità ridotta dalla presenza di carenza di fattori Il SCT è una modificazione del KCT che ne consente l impiego su tutti gli strumenti

11 DIAGNOSTICA DEL LAC drvvt Il veleno di vipera Russell attiva il fattore X in presenza di ioni Ca, FV,e PL. Esistono molti reagenti commerciali che sono però molto diversi per sensibilità e specificità Molti kit commerciali forniscono anche un reagente di conferma (fosfolipidi concentrati)

12 drvvt Ratio 2,5 drvvt Responsiveness Tripodi et al, Clin Chem ,5 Am. Diagnostica (n=23) LAC Screen IL (n=27) LA1 Dade (n=17) 1 0,5 A B C D Plasmas

13 DIAGNOSTICA DEL LAC Tissue Thromboplastin Inhbition Test ( TTI) Il PT è generalmente normale in soggetti con LAC (la tromboplastina contiene elevate concentrazioni di PL) Se però il reagente è diluito, la concentrazione dei PL può diventare fattore limitante Il TTI viene in genere eseguito con due o più diluizioni di tromboplastina Alcune tromboplastine ricombinanti sono particolarmente sensibili al LAC (Innovin, Dade Behring)

14 TEST DI SCREENING MODALITA DI ESPRESSIONE DEI RISULTATI - SECONDI - RATIO R = SEC Tempo di coagulazione campione SEC Tempo di coagulazione pool plasmi normali

15 TEST DI SCREENING INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI I risultati sono considerati positivi quando i tempi di coagulazione sono più lunghi o la Ratio è maggiore del valore Cut-off stabilito per il test e calcolato al 99 percentile della distribuzione normale ( SSC 2009)

16 STEP I: TEMPO DEL CAMPIONE Possibili cause dell allungamento del tempo del campione in esame Carenza fattoriale o presenza di terapia farmacologica interferente (eparina, warfarin) Inibitore di tipo anticorpale: Lupus anticoagulante Inibitore specifico

17 drvvt (ratio) Studi di mixing Ripetere il test sulla miscela: plasma del paziente e plasma di un pool di soggetti sani in rapporto 1:1 (La miscela comunemente non è incubata a 37 C) Cut-off INIBITORE 0.8 Carenza fattoriale Carenza fattoriale P P+N Centro Trombosi Fi

18 TEST DI MIXING MODALITA DI ESPRESSIONE DEI RISULTATI RATIO R = SEC Tempo di coagulazione miscela (paziente/pool plasmi normali V/V) SEC Tempo di coagulazione pool plasmi normali ICA % = (sec tempo di miscela-sec tempo pool normale) x 100 sec tempo del paziente ICA = (Indice di anticoagulante circolante)

19 TEST DI MIXING : INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Risultati sono suggestivi per la presenza di LAC quando ratio o ICA maggiori del valore Cut-off stabilito per il Test e calcolato al 99 percentile della distribuzione normale

20 STEP II: TEMPO DELLA MISCELA Cause dell allungamento del tempo della miscela in esame Inibitore di tipo anticorpale Lupus anticoagulante Inibitore specifico Eparina?

21 STEP III: TEST DI CONFERMA Tempo di coagulazione in presenza di fosfolipidi in eccesso: PNP Triplett, Am J Clin Pathol, 1983 Fosfolipidi in fase esagonale Rauch, Thromb Haemost, 1989 Triplett, Thromb Haemost, 1993 (Questo tipo di conformazione rende i PL più disponibili a legare il LA : maggiore specificità) valore assoluto - delta - ratio

22 drvvt (ratio) Test di conferma Cut-off 0.8 P P+fosfolipidi Centro Trombosi Fi

23 TEST DI CONFERMA FALSI POSITIVI LISATI PIASTRINICI FOSFOLIPIDI ESAGONALI Eparina Inibitori del fattore VIII Inibitori del fattore V a basso titolo (rilascio di fattore V dai granuli piastrinici) Centro Trombosi Fi

24 DIAGNOSI DIFFERENZIALE PER LA PRESENZA DI INIBITORI DELLA COAGULAZIONE ANAMNESI POSITIVA PER SOSPETTA DIATESI EMORRAGICA Anti-fattore VIII, II, IX, X, XI Anti-fibrinogeno/fibrina Anticoagulanti eparino-simili Anti-fattore V ANAMNESI POSITIVA PER EVENTI TROMBOTICI Lupus Anticoagulant Anti-fattore XII Centro Trombosi Fi

25 DOSAGGIO DEI FATTORI RIDUZIONE CHE MARCATA SINGOLO FATTORE NON SI MODIFICA DEL LA DILUIZIONE DEL CAMPIONE CON RIDUZIONE CHE SI APPARENTE PIU FATTORI NORMALIZZA DI CON LA DILUIZIONE DEL CAMPIONE INIBITORE SPECIFICO INIBITORE DI TIPO : LUPUS

26 J Thromb Haemost 2009

27 SCELTA DEI TEST L utilizzo di più di due test fosfolipide dipendenti aumenta il rischio di risultati falsamente positivi I due test devono basarsi su principi diversi I test raccomandati sono : drvvt, SCT

28 SCT aptt drvvt drvvt/sct drvvt/aptt SCT aptt drvvt drvvt/sct drvvt/aptt

29 SC

30 STANDARDIZZAZIONE DELLA FASE PREANALITICA - PRELIEVO - Tipo : venoso - Sede : vena cubitale della piega del gomito - Evitare laccio emostatico o ridurne la presenza, la stasi ematica provoca:variazioni di ph ed aumenti della CO 2 con perdita del fattore V; danno tissutale con conseguente liberazione di fattore tissutale e attivazione del fattore VII - TRATTAMENTO DEL CAMPIONE DI SANGUE - CONSERVAZIONE - Centrifugazione a 2800 g per 15 minuti a temp. ambiente - Separazione del plasma - 2 centrifugazione a rpm per 3-5 minuti * E importante ridurre le piastrine al di sotto di 1x10 9 /L - Congelamento rapido e conservazione a -80 C

31 CARATTERISTICHE DEL POOL di PLASMA NORMALE PER I TEST DI MISCELAZIONE * PRIVO DI PIASTRINE * NORMALE CONTENUTO DI TUTTI I FATTORI DELLA COAGULAZIONE * NORMALE CONTENUTO DI FIBRINOGENO ( per escludere processi infiammatori o infettivi in atto) IL POOL DI PLASMA NORMALE DEVE ESSERE CONGELATO RAPIDAMENTE E CONSERVATO A -70 C Centro Trombosi Fi

32 SOSPETTO DI EPARINA NEL CAMPIONE Prima di eseguire test di miscelazione e di conferma, procedure lunghe e costose ESEGUIRE TEST TEMPO DI TROMBINA

33 Effect of Lupus Anticoagulant and Anticoagulant Therapies on commonly used clinical laboratories assays Ortel TL, 2012, mod

34 LAC nei Pazienti anticoagulati Terapia eparinica: neutralizzare l eparina con sostanze antiepariniche(polibrene o eparinasi) oppure mediante l uso di una resina (ecteola) che mescolata al plasma, dopo idonea incubazione, è capace di adsorbire l eparina Anticoagulanti orali: Esecuzione dei test previa miscela del plasma del paziente con plasma normale (v/v); Esecuzione del test di conferma a due diverse concentrazioni di fosfolipidi, senza preventiva miscelazione con plasma normale. L entità della correzione rispetto ai valori di base del test consente di effettuare la diagnosi (Tripodi A et al )

35 LAC e Sospensione terapia anticoagulante VKA: 1-2 settimane dalla sospensione della terapia o quando INR < 1.5 LMWH: l effetto dipende dal tipo di eparina utilizzata, dal momento in cui viene eseguito il prelievo attendere almeno 12 h dall ultima somministrazione

36 Normalized Ratio SILICA CLOTTING TIME 2.0 before surgery 5 days after surgery, 2-3 hours of rivaroxaban administration Patients Alessandrello Liotta A.

37 Ratio DILUTED RUSSELL VIPER VENOM TEST 3.0 before surgery 5 days after surgery,2-3 hours of rivaroxaban administration lessandrello Liotta A Patients

38 Ratio DILUTED RUSSELL VENOM VIPER: mixing normal plasma (V/V) test five days after surgery Patients on Rivaroxaban Alessandrello Liotta A.

39 Ratio DILUTED RUSSELL VIPER VENOM TEST: Confirm Test five days after surgery Patients on Rivaroxaban Alessandrello Liotta A.

40 STACLOT LA test by using hexagonal phospholipids After DRVVT confirmation test (by adding phospholipids) 6 patients were positive at LA testing, in the other 10 patients the DRVVT confirmation was still prolonged. For this reason, we performed STACLOT LA test by using hexagonal phospholipids and LA was not confirmed.

41

42 Test Integrati per la rilevazione del LUPUS ANTICOAGULANT Modalità di espressione dei risultati: % Correzione = [(Screening ratio-confirmation ratio)/screening ratio] x 100 Ratio Normalizzata (TR)= Screening Ratio/ Confirmation Ratio

43 Lupus Anticoagulant: I test integrati To Mix or Not To Mix in Lupus Anticoagulant Testing? That is the Question Armando Tripodi Seminars Thrombosis and Hemostasis, 2012 ; 38:

44 Lupus Anticoagulant: I test integrati L esperienza del Centro Trombosi- Firenze Test mix effettuati su campioni negativi: 127 Allungamento del tempo di miscela: 0 L allungamento del tempo di miscela è stato rilevato su un solo caso positivo N.M. DRVVT S sec.47,2 R=1,51 SCT S sec 60,3 R=1,61 DRVVT C sec.29,7 R= 0,98 TR= 1,55 SCT-C sec 26,4 R= 0,86 TR= 1.88 DRVVT Mix sec R= 1,51 SCT-Mix sec 84,2 R = 2,21 TR =2,56 [DRVVT cut-off TR< 1.12] [SCT cut-off TR< 1.16]

45 Da fare

46 aptt allungato.? Test Integrati LAC Presente LAC assente Test di Miscelazione v/v drvvt S R= 1.49 (cut off R <1.16) drvvt C R=1.64 (cut off R <1.11) drvvt Mix R= 1.07 (cut off R <1.09) SCT S R= 1.58 (cut off R <1.33) SCT C R= 1.86 (cut off R <1.45) SCT Mix R= 0.98 (cut off R <1.16) Campione 1 : aptt 51 sec (V.N sec) drvvt S R= 1.21 (cut off R <1.16) drvvt C R= 1.23 (cut off R <1.11) drvvt Mix R= 1.32 (cut off R <1.09) SCT S R= 2.11 (cut off R <1.33) SCT C R= 2.09 (cut off R <1.45) SCT Mix R= 1.50 (cut off R <1.16) Campione 2: aptt 56 sec (V.N.26-38sec) Carenza fattoriale: Fatt X = 20% Inibitore Fatt VIII = 2.8 U/mL

47 Nuova definizione di Sindrome da apl (Miyakis S et al, J Thromb Haemost 2006, 4: ) CRITERI DI LABORATORIO Lupus anticoagulant determinato in base a quanto stabilito nelle linee guida proposte dal SSC, positivo in 2 o più occasioni ad almeno 12 settimane di distanza. Anticorpi anticardiolipina-β 2 glicoproteina I dipendenti qualificati con tecnica ELISA standardizzata, di classe IgG e/o IgM, presenti a medio o alto titolo in 2 o più occasioni a distanza di almeno 12 settimane. Centro Trombosi Fi

48 Schouwers Thrombosis Research 2010

49 Lupus Anticoagulant Appropriatezza della richiesta Alta: -Tromboembolismo venoso spontaneo in pz. età <50 anni -Tromboembolismo arterioso inspiegabile -Trombosi in sedi inusuali -Morti fetali -Trombosi o patologia gravidica in pz. con malattie autoimmuni Moderata: -Rilievo casuale di aptt allungato in pz. asintomatico -Più aborti spontanei precoci -Tromboembolismo venoso secondario in pz. giovani Bassa: -Tromboembolismo venoso o arterioso in pz. Anziani Thrombosis Research 2012 Pengo

50 REFERTO Risultati analitici accompagnati da un commento sulla loro compatibilità con la presenza o meno di lupus anticoagulant Per i casi positivi alla prima determinazione consigliare di ripetere il test dopo almeno 12 settimane

51

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione Anna Paola Cellai 29.10.2014 Centro di Riferimento Sicurezza di Qualità Valutazione esterna di qualità V.E.Q. Coagulazione 2013 Laboratori partecipanti:

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO

INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO INTERPRETAZIONE CRITICA DEGLI ESAMI COAGULATIVI DI PRIMO LIVELLO Barbara Montaruli Laboratorio Analisi Ospedale Evangelico Valdese, Torino Fasi processo emostatico ADESIONE PIASTRINICA Fasi processo

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia Pag.1/5 PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia e necessarie 3 impegnative riportanti le seguenti Screening trombofilia 3 Screening trombofilia in TAO e Ricerca LAC (DT) Proteina C attività

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI

Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Spoleto, 8 maggio 2009 Ruolo diagnostico degli autoanticorpi anti- domini I e IV/V della β 2 GPI Nicola Bizzaro Laboratorio di Patologia Clinica Ospedale Civile Tolmezzo Tridimensional structure of human

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli Valutazione del test CMV nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza Gianna Mazzarelli 21/10/2014 Citomegalovirus (CMV) Famiglia Herpesviridae Sottofamiglia β Herpesvirinae Tipica morfologia

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza

La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza Giorn. It. Ost. Gin. Vol. XXIX - n. 4 Aprile 2007 La sindrome da anticorpi antifosfolipidi e la gravidanza A. MILITELLO, M. ROMANO, R. GIORDANO, E. LO MAGNO, N.C. PLACENTI, C. NAPOLI RIASSUNTO: La sindrome

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

TEG 5000 Sistema analizzatore dell emostasi. Il nuovo standard di cura nella gestione dell emostasi

TEG 5000 Sistema analizzatore dell emostasi. Il nuovo standard di cura nella gestione dell emostasi TEG 5000 Sistema analizzatore dell emostasi Il nuovo standard di cura nella gestione dell emostasi Il test tradizionale della coagulazione è comprovato, ma limitato Quanto spesso accade che vengano effettuate

Dettagli

Cristina Legnani, Nicola Ciavarella

Cristina Legnani, Nicola Ciavarella La trombofilia e i suoi percorsi diagnostici Cristina Legnani, Nicola Ciavarella Milano, 9 Giugno 2011 Quali alterazioni trombofiliche ricercare Quali test eseguire Quando eseguire i testt Quali soggetti

Dettagli

Disordini da ipercoagulazione

Disordini da ipercoagulazione Disordini da ipercoagulazione Cos'è? L'ipercoagulazione è una condizione ereditaria o acquisita caratterizzata da un aumento del rischio di trombosi. La coagulazione è una normale risposta del sangue a

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Dalla diagnosi alla terapia: Il lupus eritematoso sistemico a 360

Dalla diagnosi alla terapia: Il lupus eritematoso sistemico a 360 Brescia, 7 Maggio 2011 Breve report di una giornata dedicata al LES Dalla diagnosi alla terapia: Il lupus eritematoso sistemico a 360 Micol Frassi, Matteo Filippini, Angela Tincani U.O. Di Reumatologia

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA SOPHIE TESTA CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI LABORATORIO ANALISI CHIMICO-CLINICHE E MICROBIOLOGICHE Istituti Ospitalieri di Cremona FARMACI ANTICOAGULANTI

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti Ed.II Rev.1del 25/11/2012 Pag. 1 di 10 Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia I SERVIZI OFFERTI L U.O. di Medicina Trasfusionale di Macerata ha anche la funzione di Centro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Direttore: Prof. G. Semenzato SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE MEDICHE, CLINICHE E SPERIMENTALI INDIRIZZO SCIENZE REUMATOLOGICHE

Dettagli

TROMBO. Massa solida che si forma nelle cavità cardiache e nei vasi arteriosi e venosi durante la vita a partire dai normali costituenti del sangue.

TROMBO. Massa solida che si forma nelle cavità cardiache e nei vasi arteriosi e venosi durante la vita a partire dai normali costituenti del sangue. TROMBO Massa solida che si forma nelle cavità cardiache e nei vasi arteriosi e venosi durante la vita a partire dai normali costituenti del sangue. - Aderisce alla parete del vaso - Friabile - Superficie

Dettagli

Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto

Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto U.O.C. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche Via Circonvallazione. 1-37047 San Bonifacio (VR) Tel: 045 6138471 - Fax: 045 6138047 E-mail:

Dettagli

DOSAGGIO DELL ATTIVITÀ ANTI-XA

DOSAGGIO DELL ATTIVITÀ ANTI-XA Lavoro di diploma 2011 Scuola Superiore Medico Tecnica Locarno DOSAGGIO DELL ATTIVITÀ ANTI-XA PER IL MONITORAGGIO DI PAZIENTI ANTICOAGULATI CON EPARINA Autore: Giada Gambetta Responsabili: Dr. C. Castelli,

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

Anamnesi fisiologica e familiare

Anamnesi fisiologica e familiare Caso clinico Anamnesi fisiologica e familiare Donna coniugata con una figlia di 15 anni e 2 aborti negli ultimi due anni 37 anni Commerciante Fumatrice di 20 sigarette/die Famigliari in buona salute apparente

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO.

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. La fisiopatologia del sistema coagulativo e fibrinolitico, in modo sempre più dettagliato, è stata caratterizzata e

Dettagli

Codice Prodotto: 708835, 708845

Codice Prodotto: 708835, 708845 QUANTA Lite aps/pt IgG ELISA (anti-fosfatidilserina e protrombina) QUANTA Lite aps/pt IgM ELISA (anti-fosfatidilserina e protrombina) Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata Codice Prodotto:

Dettagli

L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga

L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga L importanza della biologia individuale nell impiego clinico dei marcatori di neoplasia ovarica Federica Braga Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica e Cattedra di Biochimica Clinica e Biologia

Dettagli

QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata

QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata Finalità d uso QUANTA Lite TM ACA IgG III è un test immunoenzimatico per la ricerca semi-quantitativa di anticorpi

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti Orali

Nuovi Anticoagulanti Orali Nuovi Anticoagulanti Orali DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN (PRADAXA) (XARELTO) (EQUILIS) Meccanismo d azione Inibitore diretto Inibitore diretto Inibitore diretto F II (trombina) F Xa F Xa Via di somministrazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta SINOPSI DELLE RACCOMANDAZIONI DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta Contesti clinici in cui i è comproata eidenza dell utilità del dosaggio del D-dimero: 1) sospetto di trombosi enosa

Dettagli

AUTOMAZIONE DEI PERCORSI DIAGNOSTICI PER LA DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLA MALATTIA CELIACA. E. Tonutti (Udine)

AUTOMAZIONE DEI PERCORSI DIAGNOSTICI PER LA DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLA MALATTIA CELIACA. E. Tonutti (Udine) AUTOMAZIONE DEI PERCORSI DIAGNOSTICI PER LA DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLA MALATTIA CELIACA E. Tonutti (Udine) Flow chart for the diagnosis of of celiac disease ttg IgA + total IgA ttg negative non IgA

Dettagli

trombosi antitrombotici

trombosi antitrombotici trombosi e antitrombotici La medicina è una scienza sociale e la politica non è altro che medicina su larga scala 4000 la lista della spesa 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 a b c d e f g h i j k

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

DIAGNOSI E TERAPIA DELLA TROMBOCITOPENIA EPARINA INDOTTA

DIAGNOSI E TERAPIA DELLA TROMBOCITOPENIA EPARINA INDOTTA DIAGNOSI E TERAPIA DELLA TROMOCITOPENIA EPARINA INDOTTA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 6 3. Diagnosi 13 3.1 Conteggio piastrinico 13 3.2 Efficacia degli score clinici nella

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede amministrativa del corso di dottorato Dipartimento di Scienze della Vita XXI Ciclo di Dottorato in Patologia Sperimentale e Clinica settore scientifico disciplinare:

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Tiziano Barbui Monica Galli. Sindrome da anticorpi antifosfolipidi

Tiziano Barbui Monica Galli. Sindrome da anticorpi antifosfolipidi C OAGULAZIONE VI Tiziano Barbui Monica Galli Sindrome da anticorpi antifosfolipidi Tiziano Barbui, Monica Galli Sindrome da anticorpi antifosfolipidi Indice 3 Sindrome da anti-fosfolipidi primaria e

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

Sensibility and specificity for pregnancy morbidity of anti-β2-glycoprotein I antibodies in antiphospholipid syndrome

Sensibility and specificity for pregnancy morbidity of anti-β2-glycoprotein I antibodies in antiphospholipid syndrome LAVORO ORIGINALE Reumatismo, 2005; 57(4):262-266 Sensibilità e specificità degli anticorpi anti-β2-glicoproteina I per l impegno ostetrico della sindrome da anticorpi antifosfolipidi Sensibility and specificity

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Confidex Monografia del prodotto

Confidex Monografia del prodotto Confidex Monografia del prodotto Indice Introduzione 6 1 Rapida antagonizzazione degli effetti degli anticoagulanti orali: le opzioni terapeutiche disponibili 7 1.1 Introduzione: fisiologia del sistema

Dettagli

PROGETTO TAO SORESINA E COOP

PROGETTO TAO SORESINA E COOP PROGETTO TAO SORESINA E COOP Sophie Testa Direttore U.O. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche Centro Emostasi e Trombosi Istituti Ospitalieri Cremona TAO: TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino Sorveglianza delle malattie batteriche invasive Diagnosi di laboratorio

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

Laboratorio di Chimica clinica ed Ematologia NATALE 2011

Laboratorio di Chimica clinica ed Ematologia NATALE 2011 Laboratorio di Chimica clinica ed Ematologia NATALE 2011 Page 1 Laboratorio di Chimica clinica ed Ematologia NATALE 2011 Page 2 Laboratorio di Chimica clinica ed Ematologia Ospedale S. Bortolo Vicenza

Dettagli

Antiphospholipid antibody: laboratory, pathogenesis and clinical manifestations

Antiphospholipid antibody: laboratory, pathogenesis and clinical manifestations RUBRICA Reumatismo, 2010; 62(1):65-75 UN OCCHIO IN LABORATORIO Gli anticorpi antifosfolipidi: il laboratorio, la patogenesi e la clinica (cosa è utile sapere degli anticorpi antifosfolipidi) Antiphospholipid

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali, ovvero gli anticoagulanti orali diretti: dalla farmacologia alla gestione pratica delle malattie tromboemboliche

I nuovi anticoagulanti orali, ovvero gli anticoagulanti orali diretti: dalla farmacologia alla gestione pratica delle malattie tromboemboliche AGGIORNAMENTO MEDICO, 37, 5-6, 2013 I nuovi anticoagulanti orali, ovvero gli anticoagulanti orali diretti: dalla farmacologia alla gestione pratica delle malattie tromboemboliche Editoriale Luca Masotti

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI BOMBARA, MARIA. Nome. Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale

INFORMAZIONI PERSONALI BOMBARA, MARIA. Nome. Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOMBARA, MARIA Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico I livello Responsabile della Sezione Professionale di Ematologia

Dettagli

Gli esami e la contraccezione

Gli esami e la contraccezione Gli esami e la contraccezione 1 Ottobre 2011 dott.ssa Sara Mazzoldi Dottore, che esami devo fare per la pillola? ü Proteina C ü Proteina S ü Fattore di Leiden/APC resistance ü Antitrombina III ü PT ü PTT

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SCREENING DEI PAZIENTI TROMBOFILICI

LINEE GUIDA PER LO SCREENING DEI PAZIENTI TROMBOFILICI LINEE GUIDA PER LO SCREENING DEI PAZIENTI TROMBOFILICI Armando Tripodi Centro Emofilia e Trombosi "A. Bianchi Bonomi", Istituto di Medicina Interna, Università e IRCCS - Ospedale Maggiore, Milano. La fonte

Dettagli

Hs CRP e MPO: punto di vista del Laboratorio. Dr. Maria Morello

Hs CRP e MPO: punto di vista del Laboratorio. Dr. Maria Morello Hs CRP e MPO: punto di vista del Laboratorio Dr. Maria Morello L Aterosclerosi è una patologia infiammatoria cronica multifattoriale controllata dal sisitema immunitario in cui vengono coinvolti vari elementi

Dettagli

DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE

DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE AICE (Associazione Italiana Centri Emofilia) DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE AICE (Associazione Italiana

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO (Lotto 2)

CAPITOLATO TECNICO (Lotto 2) CAPITOLATO TECNICO (Lotto 2) Oggetto: Acquisizione di un sistema analitico necessario all U.O. di Laboratorio Analisi del Presidio di Busto Arsizio, per l esecuzione di tests di Allergologia ed Autoimmunità

Dettagli

Protocollo 101 : TSH Reflex AL SUD

Protocollo 101 : TSH Reflex AL SUD Protocollo 101 : TSH Reflex AL SUD TSH Reflex TSH TSH < 0.45 μu/ml 0.45 μu/ml TSH 3.50 μu/ml TSH > 3.50 μu/ml FT4 AbTPO FT4 FT4 1.12 ng/dl FT4 > 1.12 ng/dl AbATPO 9 UI/ml AbATPO > 9 UI/ml FT3 Ab ATG In

Dettagli

Programma di Valutazione Esterna di Qualità UK NEQAS. U.K. National External Quality Assessment. Blood Coagulation GENERAL INFORMATION 2004/2005

Programma di Valutazione Esterna di Qualità UK NEQAS. U.K. National External Quality Assessment. Blood Coagulation GENERAL INFORMATION 2004/2005 Programma di Valutazione Esterna di Qualità UK NEQAS U.K. National External Quality Assessment Blood Coagulation GENERAL INFORMATION 2004/2005 Revised: 19 th July 2004 Distribuito in Italia da: CODEX srl

Dettagli

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio DIAGNOSI (διαγνωσισ = distinguere) individuazione della causa di una patologia Diagnosi su base clinica e/o anatomo-patologica sospetto o orientamento diagnostico Diagnosi di laboratorio (diagnosi eziologica)

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari Cos è il Food-Detective? E un test rapido per la rilevazione delle intolleranze alimentari E un test sicuro ed affidabile E un test che si esegue

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA

PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA LA DIAGNOSTICA SIEROLOGICA A. BIANO LAB. PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE La CELIACHIA è l intolleranza permanente al glutine, sostanza di natura proteica

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 1 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA A cura

Dettagli

Vivaglobin 160 mg/ml Injektionslösung (subkutane Anwendung) iniezione, 160 mg/ml [150-170 MG]

Vivaglobin 160 mg/ml Injektionslösung (subkutane Anwendung) iniezione, 160 mg/ml [150-170 MG] Allegato I ELENCO DEI NOMI DEI MEDICINALI, DELLE FORME FARMACEUTICHE, DEI DOSAGGI, DELLE VIE DI SOMMINISTRAZIONE, DEI TITOLARI DELL AUTORIZZAZIONE ALL IMMISSIONE IN COMMERCIO NEGLI STATI MEMBRI 1 Stato

Dettagli