I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe"

Transcript

1 I salti a scuola Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe

2 A scuola noi vogliamo Educare con il salto, cioè arricchire la motricità di base dei nostri alunni con una ampia gamma di attività legate a questo schema motorio di base. Possiamo utilizzare allo scopo queste tipologie di esercitazioni : Giochi e percorsi e altre libere attività di salto Salti in basso ( e dal basso) Andature di salto - impulso Rimbalzi e balzi Esercitazioni di pre- acrobatica elementare generale e specifica Pratica delle specialità di salto

3 Le tipologie citate sviluppano di fatto i pre-requisiti necessari per il lavoro sulle specialità e costituiscono il nucleo del lavoro di base sullo schema motorio del salto. Lo sviluppo delle abilità nella pre- acrobatica elementare ( in particolare tuffi- rotolamenti semplici e saltati- cadute indietro sotto varie forme ) è a sua volta premessa indispensabile al lavoro sulle specialità ( anche sotto il profilo della sicurezza )

4 Obiettivo del lavoro di oggi : -Fornire strumenti, ossia : Esercizi e progressioni didattiche Modalità organizzative dell attività Suggerimenti per l utilizzo di semplici attrezzature Allo scopo di lavorare CON EFFICACIA IN SCUOLA CON LE DISCIPLINE DI SALTO E LE ESERCITAZIONI AD ESSE COLLEGATE

5 Programma di oggi. Pre requisiti necessari al lavoro sul salto : esempi di attività per svilupparli e consolidarli Salto in alto a scuola : percorso di apprendimento storicodidattico e modalità organizzative delle lezioni Salto in lungo a scuola. Percorso di approfondimento dopo la presentazione globale del gesto Es. di rimbalzo e didattica dei balzi

6 Pre requisiti : Salti in basso rimbalzi salti in elevazione salti in estensione

7 Pre requisiti. Attività di pre-acrobatica

8 Pre acrobatica : es. specifici

9 Modello tecnico alto : salto frontale Con pochi passi di rincorsa presa di fronte all asticella, staccare con un piede, raccogliere gli arti inferiori in volo, ed atterrare sui due piedi su materassino duro Modalità elementare di superamento, ma molto importante, sintetizza in se il possesso di molti prerequisiti e stimola alla pura capacità di spinta verso l alto. Modello tecnico : sforbiciata Rincorsa diagonale di 4-5 passi, stacco con il piede piu distante dall asticella, (destro se la rincorsa parte da sinistra e viceversa ) poco oltre il ritto prossimale. L arto sollevato per primo supera l asticella e poi si abbassa, mentre l arto di spinta a sua volta supera. Il movimento ricorda quello della forbice

10 Salto in alto : Modello tecnico scolastico fosbury- flop Per il fosbury, utilizziamo a scuola una rincorsa di 6-8 passi ( 8-9 piedi x a sei passi e piedi x piedi x 8 passi ) di cui 3 4 in curva. Lo stacco deve essere posizionato vicino al ritto prossimale,( da 40 a 70 cm. oltre )ed eseguito con il piede sinistro se la rincorsa parte da destra rispetto al piano dei ritti e viceversa. La traiettoria del salto deve prevedere un passaggio sull asticella con il corpo sostanzialmente perpendicolare ad essa. L atterraggio deve avvenire sulla parte alta del dorso in piena sicurezza tenendo le ginocchia divaricate e evitando l iper- estensione della testa

11

12 Salto in alto : fotogrammi di una alunna

13

14 Progressione storico- didattica per apprendere il salto in alto Semplice progressione didattica ( e storica ) a) Salto frontale con atterraggio dapprima libero, poi richiesto a piedi pari b) Sforbiciata di destro e sinistro con rincorsa diagonale e, quindi rincorsa in curva N.b. : in questa fase si puo lavorare senza materassoni,con ritti anche di fortuna e utilizzando l elastico. Si potrebbe saltare semplicemente al suolo, ma è meglio usare comunque un tappetino( che non scivoli!) c) Sforbiciata con rincorsa in curva e arrivo sui materassoni di ricaduta Scegliere a questo punto il piede di stacco d) Mantenere precedente rincorsa e eseguirla con stacco e salita sui materassi puntualizzando il punto di stacco ( segnare l area di stacco e posizionarsi all interno dei ritti). e) Rincorsa stacco e salita sul materassone con arrivo a piedi pari e fronte rivolta al centro della pedana ( avendo realizzato la rotazione tipica del fosbury ) Confermare la scelta del piede di stacco f) idem e dopo l atterraggio lasciarsi cadere con schiena sul materasso g) salto completo flop grezzo prima con elastico e poi con asticella.

15 Video sulla progressione didattica per apprendimento

16 Video su organizzazione attività a lezione : frontale-sforbiciata diagonale ed in curva

17 Organizzazione lezione 2 sforbiciata 1,2 e flop

18 Per passare a livelli esecutivi piu evoluti : Lavorare sulla corsa in curva con varie soluzioni e percorsi imparando ad adattare al raggio di curvatura la velocità ed il controllo del gesto Precisare il punto di stacco ( area segnaletica ) e anche il punto di inizio della curva ( segnaletica ) Lavorare sulla efficacia dello stacco usando forme di jump-reach e varianti opportune delle andature di salto. Lavorare anche sul condizionale. Correggere la traiettoria laddove palesemente errata Utilizzare situazioni specifiche per migliorare il valicamento e, piu in generale, la preacrobatica

19 Video su es. per corsa in curva

20 Salto in lungo : descrizione - Fase di rincorsa : permette di accumulare l energia necessaria per il gesto. Si esegue su una pedana che termina con una fossa riempita di sabbia Fase di stacco : si realizza il lavoro principale. L alunno spinge con un piede e con forte componente in avanti ed in alto. Fase di volo : si mantiene l equilibrio con semplici movimenti degli arti sup. ed inferiori. Fase di atterraggio : si atterra con i due piedi contemporaneamente in sabbia, ammortizzando bene la ricaduta, in piena sicurezza

21 Salto in lungo : modello tecnico ( scuola secondaria primo grado ) La rincorsa va da 12 a 14 passi ( a seconda dell età ) E progressiva con deciso incremento nel finale Lo stacco è eseguito senza frenare e le parti libere sono coordinate La fase di volo è semplice, con tecnica a raccolta, l atterraggio in sicurezza con buon ammortizzamento Si utilizza l asse di battuta regolamentare

22 Salto in lungo modello tecnico scuola primaria - Rincorsa di metri - Stacco in una zona di almeno un metro di larghezza e utilizzando l inizio della sabbia come limite - Si atterra sui due piedi contemporaneamente dopo semplicissima fase di volo - Si assegna, a volte, un punteggio per la distanza raggiunta invece che misurare tutti i salti

23 Progressione didattica per avviamento salto in lungo Primo approccio globale : obiettivo saltare in estensione con pochi metri di rincorsa, staccare con un piede ed atterrare con due in sabbia ( avendo magari superato una zona predisposta) Approfondimento del gesto. Saltare da fermo con part. in diva sagittale e con azione studiata piu precisamente, ( sentire l avanzamento della gamba libera atterrare in divaricata controllare l azione degli arti superiori migliorare la fase di atterraggio) Trasportare l esecuzione appresa con rincorse di 3-5 passi, inserendo anche l esercizio di stacco, atterraggio su gamba libera e uscita in corsa dalla pedana Stacco e salto con 3, 5 passi di rincorsa e superamento di oggetti o zone delimitate.staccare a bordo buca, controllare l esecuzione ed invitare, poi, i ragazzi a superare oggetti, zone delimitate, righe etc. per stimolarli a spingere bene in avanti e dare loro un obiettivo Allungare progressivamente la rincorsa e staccare in zona ( 1 mt. circa per 1 mt. ). Normali errori tipo passettini, sbilanciamenti, atterraggi scorretti. Infine rincorse 12 passi con asse di battuta regolare

24 Progressione didattica salto in lungo piu evoluta ( per la prima specializzazione del movimento ) con controllo preciso e «ricercato» degli arti superiori. Dimostrazione pratica o osservazione video.

25 Dai rimbalzi ai balzi Dai saltelli a piedi pari alle varie forme di balzo a piedi pari Rimbalzi p. pari sul posto : cura dell appoggio dei piedi e dell allineamento della parte superiore del corpo lavorando anche «sulla catena tesa» Varie modalità di utilizzo degli arti superiori e variazioni di intensità Varie modalità di utilizzo degli arti inferiori Rimbalzi p. pari in avanzamento: Controllo dell appoggio simultaneo - esecuzione con superamento di coni, over, etc. Esecuzione con richiamo alto delle ginocchia alternato a gi nocchia basse e poi consecutivo Balzi in avanzamento con vari angoli di pieg. ginocchia

26 Dai rimbalzi alternati e successivi ai balzi alternati e successivi Rimbalzi alternati con poco avanzamento e cura dell appoggio del piede Idem con cura dell azione degli arti superiori Idem con cura dell azione dell arto libero Dai rimbalzi ai balzi Medesima progressione per il balzo successivo comprese, per i piu abili, azioni con il richiamo dell arto di spinta

27 Le principali andature di salto : passo stacco e passo saltellato Il passo saltellato e le sue varianti esecutive con modifica delle traiettorie, dell utilizzo delle braccia, delle ritmiche esecutive Il passo- stacco e le sue varianti esecutive con le modifiche precedenti piu l incremento progressivo della velocità esecutiva. Entrambe le andature possono essere collegate in pedana col salto vero e proprio

28 Temi di discussione Come organizzare il lavoro per ridurre i tempi morti? Elastico e asticella didattica per salto in alto? Aspetti relativi alla sicurezza nel lavoro sui salti

29 N.b. Le sequenze fotografiche sono tratte dal volume «insegnamento dell atletica leggera a scuola di G. Paissan, che consiglio di procurarsi assieme all altro testo, del medesimo autore, «I salti nelle categorie giovanili «. Entrambi i testi sono edizioni del Centro studi e ricerche della Fidal

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA Si ricorda ai candidati che, per l espletamento delle seguenti prove pratiche, sono tenuti a presentarsi con abbigliamento

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva.

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva. Categoria cadetti Indirizzi programmatici per i giovani ( fascia d età 13/14/15 anni ) PERIODO DELL ALLENAMENTO GENERALE Es. di lavoro settimanale (fino alle vacanze di Natale) con corsa lenta rimbalzata

Dettagli

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte CORSO DI FORMAZIONE ISTRUTTORI 2006 La corsa ad ostacoli: tecnica e didattica. Prof. Roberto Amerio L IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEGLI OSTACOLI NELLE CATEGORIE GIOVANILI

Dettagli

GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara

GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara (3 SETTEMBRE 2015, ore 15:00-17.30) PALESTRE ITG PALLADIO TREVISO ROTOLAMENTI CAPOVOLTA AVANTI: Tecnica: Partenza: stazione eretta,

Dettagli

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 La tecnica del lancio del disco prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 prof.ri Domenico Di Molfetta, 2 prof.ri Domenico Di Molfetta, 3 prof.ri Domenico Di Molfetta, 4 prof.ri Domenico Di Molfetta, 5 prof.ri Domenico

Dettagli

IL GIOCO: alla base dell atletica leggera di Alice Minetti

IL GIOCO: alla base dell atletica leggera di Alice Minetti IL GIOCO: alla base dell atletica leggera di Alice Minetti GIOCARE = DIVERTIRSI Il gioco è divertimento, questa è la definizione data dal dizionario etimologico. Giocare è alla base di tutta la nostra

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

I SALTI NELL ATLETICA

I SALTI NELL ATLETICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI di URBINO Carlo Bo Dipartimento di Scienze Biomolecolari Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sportive e della Salute A.A. 201/13 T. T. D. Sport INDIVIDUALI Modulo Atletica Leggera

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

RASSEGNA. RASSEGNA individuale

RASSEGNA. RASSEGNA individuale Programmi tecnici RASSEGNA e RASSEGNA individuale STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 REGOLAMENTO GENERALE Fasce d età per le gare di squadra: CATEGORIA PULCINI solo asilo (la distinzione A/B è prevista solo in

Dettagli

Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale

Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale A cura di Cinzia Pennesi Ilenia Oberni Alice Grecchi Monia Melis Ginevra Civiletti Sonia Frasca Componenti Commissione Tecnica Nazionale Aggiornato

Dettagli

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Forme Basilari della Ginnastica Artistica agli attrezzi, strumento molto utile sia per i neofiti che per gli appassionati,

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

M.I.U.R. C.O.N.I. C.I.P. Giochi Sportivi Studenteschi 2009/2010 Istituzioni scolastiche secondarie di I grado GINNASTICA AEROBICA

M.I.U.R. C.O.N.I. C.I.P. Giochi Sportivi Studenteschi 2009/2010 Istituzioni scolastiche secondarie di I grado GINNASTICA AEROBICA GINNASTICA AEROBICA ABBIGLIAMENTO Gli alunni devono indossare una tenuta ginnica libera possibilmente aderente in modo da consentire alla Giuria di valutare la giusta postura e l esecuzione dei movimenti.

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

Ancona 10 Settembre 2014. di Robertais Del Moro

Ancona 10 Settembre 2014. di Robertais Del Moro Ancona 10 Settembre 2014 di Robertais Del Moro Classificazione Salti in ESTENSIONE Lungo Triplo Salti in ELEVAZIONE Alto Asta SALTARE Tra gli schemi motori fondamentali, SALTARE è forse uno dei più complessi

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Preatletismo generale,

Preatletismo generale, Preatletismo Con il termine preatletismo molto spesso indichiamo quello generale, cioè una serie di esercitazioni che sviluppano la forza a carico naturale in età giovanile, favorendo lo sviluppo armonico

Dettagli

PREFAZIONE 1. CONFERIMENTO

PREFAZIONE 1. CONFERIMENTO PREFAZIONE Il Deutsches Sportabzeichen è l onorificenza sportiva del DOSB ed è riconosciuta dallo stato Tedesco. Lo Sportabzeichen brevetto sportivo e un onorificenza per una buona e molteplice prestazione

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Il Campionato Nazionale Serie B è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D. ad esclusione di coloro che partecipano

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 PERCHE PROPORRE UN MODELLO DI MANIFESTAZIONI A SQUADRE E PERCORSI? Elaborare un modello di gara per bambini basato su tre requisiti fondamentali:

Dettagli

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA Fig. 1 Fig. 2 Fig.3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 SEQUENZA FOTOGRAFICA DELLO STRAPPO RECORD DI 180 KG. EFFETTUATO DA ASEN ZLATEV,

Dettagli

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof.

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof. SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE Prof. Paolo Moisè LA CORSA (KOLTAI) È UN ESPRESSIONE FONDAMENTALE DELL ATLETICA

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Livelli ed obiettivi didattici

Livelli ed obiettivi didattici I Corsi di nuoto per bambini si svolgono tutto l'anno e sono finalizzati all'apprendimento graduale e personalizzato dei quattro stili canonici. L'insegnamento è impartito da istruttori qualificati, brevettati

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

IL BALL-HANDLING NEL MINIBASKET

IL BALL-HANDLING NEL MINIBASKET www.minibasket.it IL BALL-HANDLING NEL MINIBASKET Prof. Maurizio Mondoni Premessa La palla, meglio di qualsiasi altro attrezzo, è un elemento simbolico, motivazionale, simpatico e data la sua poliedricità

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009 Istituto Comprensivo di LORIA Educazione Motoria Attività di aggiornamento Secondo incontro Loria, 2 marzo 2009 1 ARGOMENTI: Parte Teorica Sintesi primo incontro Programmazione: definizione degli obiettivi

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Il Campionato Nazionale Serie A è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D., alle ex-ginnaste federali che, da almeno

Dettagli

RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI

RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI RESISTENZA: CORSA DI SEI MINUTI Fattore: CAPACITA AEROBICA * Materiale: - un cronometro; - pista di atletica o altro. * Istruzioni al ragazzo: - corri per sei minuti in maniera più costante possibile e

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO CON IL FOSBURY FLOP Quali i vantaggi rispetto allo straddle? BACK

ANALISI DI UN SALTO CON IL FOSBURY FLOP Quali i vantaggi rispetto allo straddle? BACK ANALISI DI UN SALTO CON IL FOSBURY FLOP Quali i vantaggi rispetto allo straddle? BACK Parliamo della parabola, che nell atletica leggera è il moto fisico più comune. La parabola caratterizza il volo di

Dettagli

GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014

GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014 GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014 CATEGORIE Supermini dal 2007 al 2006 Esordienti 2005 Mini dal 2004 al 2003 Propaganda dal 2002 al 2001 Under 15 dal 2000 al 1999 Libera 1998 e precedenti (questa categoria

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Referente Gabriella Zanmarchi cell 335 83 03 803 e mail gabriella.zanmarchi@gmail.com INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B SERIE B 1. Il Campionato è riservato alle ginnaste più esperte. Sono escluse le ginnaste partecipanti al Campionati di Serie A; 2. La competizione è individuale; 3. E prevista una classifica assoluta determinata

Dettagli

L Atletica va a scuola Giocosport

L Atletica va a scuola Giocosport L Atletica va a scuola Giocosport La Federazione La scuola e l atletica leggera Obiettivi del progetto Proposta per la scuola primaria Aggiornamento continuo degli insegnanti attraverso il sito Fidal 1

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza.

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza. Complimenti, siete sulla linea di partenza. Qui inizia il vostro Zurich percorsovita «...» che avrete a vostra disposizione ogniqualvolta lo vorrete. Resistenza A voi la scelta! Troverete 15 stazioni con

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Giglioli Mauro IL MURO

Giglioli Mauro IL MURO Giglioli Mauro IL MURO Il muro è la prima linea di difesa della squadra. Fare muro è una manovra esplosiva che assolve a diverse funzioni. La funzione primaria è intercettare l attacco avversario e respingerlo

Dettagli

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile

Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile Tecnica e didattica dell Attacco nella pallavolo giovanile TECNICA DELL ATTACCO Fondamentale importante in quanto presente in entrambe le fasi del gioco, spesso conclude l azione. A livello statistico

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Per la valutazione dei giovani sciatori di fondo L obiettivo principale dell allenamento giovanile è di assicurare ai giovani una valida

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

Sport a Scuola La proposta della PALLAVOLO

Sport a Scuola La proposta della PALLAVOLO Sport a Scuola la proposta della pallavolo 1, 2, 3..Volley 1 Guida per gli insegnanti di Educazione Fisica della Scuola Media Sport a Scuola La proposta della PALLAVOLO Questa guida si articola in 5 moduli

Dettagli

Prova n. 1 LEGER TEST

Prova n. 1 LEGER TEST Prova n. 1 LEGER TEST La prova si svolge su un percorso delimitato da due coni, posti alla distanza di 20 mt l uno dall altro. Il candidato deve percorrere a spola la distanza tra i due coni, passando

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia. GpT/GpS

Federazione Ginnastica d Italia. GpT/GpS Federazione Ginnastica d Italia Direzione Tecnica Nazionale Ginnastica per Tutti Direzione Tecnica Nazionale Salute e Fitness GpT/GpS PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2015 Fase nazionale NOTE: I VIDEO esplicativi

Dettagli

Terza parte. Avviamento alle specialità

Terza parte. Avviamento alle specialità Terza parte Avviamento alle specialità LE CORSE SUL PIANO E CON GLI OSTACOLI Antonio Laguardia Nuovo manuale dell istruttore - Corsa ed ostacoli CAPITOLO 1 - La corsa 1.1 Struttura del movimento Ogni passo

Dettagli

Contro la parete. Principianti (2 punti per ogni ripetizione) Avanzati (3 punti per ogni ripetizione) Esperti (4 punti per ogni ripetizione)

Contro la parete. Principianti (2 punti per ogni ripetizione) Avanzati (3 punti per ogni ripetizione) Esperti (4 punti per ogni ripetizione) Contro la parete Lanciare la palla a due mani contro una parete e riprenderla. Palleggiare la palla contro la parete senza interruzione. Far rimbalzare due palloni contemporaneamente contro la parete usando

Dettagli

L ALLENAMENTO GIOVANILE ATTRAVERSO L AVVIAMENTO E LO SVILUPPO DELLA TECNICA DI CORSA SUL PIANO E CON GLI OSTACOLI Elio Bert - Allenatore specialista

L ALLENAMENTO GIOVANILE ATTRAVERSO L AVVIAMENTO E LO SVILUPPO DELLA TECNICA DI CORSA SUL PIANO E CON GLI OSTACOLI Elio Bert - Allenatore specialista L ALLENAMENTO GIOVANILE ATTRAVERSO L AVVIAMENTO E LO SVILUPPO DELLA TECNICA DI CORSA SUL PIANO E CON GLI OSTACOLI Elio Bert - Allenatore specialista Cos è l allenamento L ALLENAMENTO SPORTIVO MODERNO E

Dettagli

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso Getto del Peso RECORD GETTO PESO Outdoor: Randy Barnes 23.12 m Westwood, California USA 20 May 1990 Natalya Lisovskaya 22.63 m Mosca, 1987 Indoor Randy Barnes 22.66 m 1989 Helena Fibingerová 22.50m 1977

Dettagli

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società USCITE STAGGIO GIRI/SLANCI ENTRATE PARALLELE CAMPIONATO GOLD Saltare all'appoggio ritto frontale Kippe infilata con 1 gamba: infilata in presa poplitea Capovolta dietro all appoggio ritto frontale (partenza

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015

CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015 CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015 Agg. 01/01/15 Post riunione Giuria Nazionale di sabato 06 e domenica 07 dicembre 2014 CODICE DEI PUNTEGGI Elementi artistici 1. Salto del Montone: c è scritto

Dettagli

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO Classe: 1 INFO A Anno scolastico 2013-2014 Esercizi a corpo libero e con piccoli attrezzi per migliorare la mobilità articolare, l allungamento

Dettagli

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI BEATRICE NERVO TESINA DI ATLETICA LEGGERA - CORSO ISTRUTTORI FIDAL 2009-2010 TITOLO: PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI COS E L ALLENAMENTO? L

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA 4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA A questo punto è necessario analizzare la tecnica di base del kayak da velocità. Per tecnica di base infatti si intende la tecnica da insegnare

Dettagli

Mezzi e metodi nell allenamento della categoria Ragazzi/e. Prof.. Giorgio Ripamonti

Mezzi e metodi nell allenamento della categoria Ragazzi/e. Prof.. Giorgio Ripamonti Mezzi e metodi nell allenamento della categoria Ragazzi/e Prof.. Giorgio Ripamonti LA COORDINAZIONE La coordinazione può essere inoltre definita come l esatta esecuzione di una determinata immagine motoria,,

Dettagli

PALLAVOLO campo di gioco

PALLAVOLO campo di gioco PALLAVOLO campo di gioco Geometria di un campo di gioco di pallavolo (visto dall'alto). Le partite di pallavolo si disputano al coperto, la zona libera deve misurare almeno 3 metri dalle linee di fondo

Dettagli

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it)

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani DEFINIZIONE L ESIGENZA DI UNO STUDIO DELLA CORSA L IMPORTANZA

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli