ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I Prof. CARLO GRANELLI SEMINARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I Prof. CARLO GRANELLI SEMINARIO 12.5.2011"

Transcript

1 ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I Prof. CARLO GRANELLI SEMINARIO Cessione del credito Cass., sez. III, , n Cass., sez. III, , n Accollo Cass., sez. II 24/02/2010 n Espromissione Cass., Sez. III, , n

2 Cessione del credito IL CASO La società Gamma effettua una fornitura di materiale a favore di Beta, che deve pagarne il corrispettivo. Successivamente, Gamma cede il credito vantato nei confronti di Beta ad Alfa. Poiché Beta si rifiuta di pagare, asserendo, fra l altro, che Gamma non le ha comunicato l avvenuta cessione, Alfa adisce le vie giudiziarie. Si illustrino le ragioni a sostegno delle rispettive posizioni di Alfa e Beta. Cass., sez. III, , n La figura della cessione del credito è un rapporto giuridico bilaterale, intercorrente tra cedente e cessionario; essa può riguardare anche crediti futuri, e rileva nel momento in cui questi vengono a giuridica esistenza; il perfezionamento della cessione avviene col semplice consenso tra cedente e cessionario, ed è opponibile al debitore ceduto dal momento della notificazione allo stesso; la notificazione è atto a forma libera, senza che sia necessario trasmettere a detto debitore l originale o la copia autentica della cessione. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con atto 27 aprile 1996 la società Alfa ha convenuto in giudizio innanzi al tribunale di Firenze la società Beta, chiedendone la condanna al pagamento della somma di FF , oltre interessi legali dal 10 novembre Ha esposto l'attrice (Alfa), a fondamento di tale richiesta, che Beta, in forza di contratto 5 ottobre 1994, aveva acquistato dalla Gamma rottami in ottone e barre per il prezzo sopra indicato e a fronte di tale fornitura la creditrice aveva emesso la fattura n del 10 ottobre Il credito portato da tale fattura era stato ceduto a essa concludente ma la convenuta, benchè a conoscenza della avvenuta cessione, aveva rifiutato il pagamento. - Costituitasi in giudizio, Beta ha resistito alla avversa pretesa eccependo, da un lato, che la cessione di credito descritta nella citazione introduttiva era sfornita di prova, dall'altro, che la stessa non le era opponibile. Ha evidenziato, in particolare, la convenuta, che la fattura non si riferiva ad alcuna consegna di materiale, che la asserita cessione di credito non era valida sia perchè redatta in inglese sia perchè non contenente espressioni univoche volte a precisare la volontà di cessione, sia perchè, infine, proveniente dal solo cessionario. Svoltasi la istruttoria del caso, l'adito tribunale con sentenza 18 gennaio 1999 ha accolto la domanda. 2. Gravata tale pronunzia dalla soccombente Beta, la Corte di appello di Firenze con sentenza 25 giugno ottobre 2001 ha rigettato il gravame, con conferma integrale della pronunzia del primo giudice e condanna dell'appellante al pagamento delle spese di lite. 3. Avverso tale pronunzia, notificata il 15 novembre 2001, ha proposto ricorso, con atto 14 gennaio 2002 Beta, affidato a 4 motivi e illustrato da memoria. Resiste, con controricorso Alfa. MOTIVI DELLA DECISIONE 1

3 1. Hanno accertato, in linea di fatto, i giudici del merito che: - con contratto 5 ottobre 1994 Gamma ha venduto a Beta kg.250, 000 di rottame di ottone; - a fronte di tale fornitura la venditrice ha emesso, in data 10 ottobre 1994, una prima fattura (n. 1089) e poi, in data 25 ottobre 1994, altre due fatture (nn e 1159) i cui importi sommati tra loro corrispondono esattamente all'ammontare della prima fattura (n. 1089); - successivamente, in data 25 novembre 1994, la venditrice ha emesso nota di credito con cui ha stornato e annullato la prima delle ricordate fatture: tale annullamento ha accertato la sentenza gravata, "si palesa come una operazione fittizia quanto maldestra posta in essere dalla emittente le fatture la quale, trovandosi in gravi difficoltà finanziarie, tanto che di lì a poco veniva dichiarata fallita, escogitò tale marchingegno per lucrare due volte sulla medesima fornitura"; - anteriormente alla detta data del 25 novembre 1994, e, in particolare, il 19 ottobre 1994 Beta (acquirente del materiale in questione e debitrice del corrispettivo) ha avuto conoscenza della mutata titolarità attiva del proprio debito (ceduto alla società attuale controricorrente). Certo quanto sopra, facendo applicazione del pacifico principio giurisprudenziale secondo cui nei confronti del cessionario di un credito derivante da fatture non sono opponibili le eccezioni fondate su fatti successivi alla comunicazione di cessione del credito, quale lo storno delle fatture, la sentenza gravata ha evidenziato che lo storno della fattura 1089, poichè successivo alla data in cui il credito da questa portato era stato già ceduto a terzi, non era opponibile al cessionario che aveva, di conseguenza, diritto al pagamento del proprio credito. 2. La ricorrente censura la riassunta pronunzia denunziando, con il primo motivo " violazione dell'art c.c. e di ogni altra norma e principio in materia di cessione di credito. Omessa motivazione circa un punto decisivo della controversia (art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c.)". Si osserva (Beta), infatti: - la emissione, il 10 ottobre 1994, della fattura n. 1089, che recava la clausola "franco stabilimento", prima della fornitura dei materiali (iniziata unicamente il 25 dello stesso mese di ottobre) era contraria tanto alla specifica previsione del contratto inter partes del 5 ottobre 1994, quando alla prassi seguita nei rapporti tra le parti che prevedeva la emissione della fattura in contestualità o successivamente alla fornitura dei materiali e, quindi emessa per un credito inesistente; - quanto precede è talmente incontrovertibile che allorchè la venditrice ha iniziato ha consegnare il materiale (25 ottobre 1994) ha emesso regolari fatture relative ai crediti derivanti dalle prestazioni rese, tutte regolarmente pagate da essa concludente. 3. Il motivo è manifestamente infondato. Come puntualmente evidenziato in controricorso con la deduzione in esame, lungi dal denunziare la violazione delle norme di legge indicate nella intestazione del motivo stesso, o vizi della motivazione, rilevanti sotto il profilo di cui all'art. 360 n. 5 c.p.c, parte ricorrente pretende, contra legem e cercando di superare quelli che sono i limiti del giudizio di Cassazione, una nuova valutazione dei fatti di causa. In particolare, pur avendo accertato i giudici del merito che la "fornitura" di cui al contratto 5 ottobre 1994 era stata regolarmente eseguita dalla parte venditrice, la ricorrente mira a sollecitare una diversa lettura degli elementi di causa (e del contratto inter partes, peraltro neppure trascritto nei punti essenziali e rilevanti al fine del decidere, in ricorso), al fine di pervenire alla conclusione in contrasto con gli accertamenti compiuti dal giudice del merito che in realtà il contratto 5 ottobre 1994 non aveva avuto esecuzione, almeno alla data della emissione della fattura e della cessione del credito da essa portato. Anche a prescindere da quanto precede, comunque, l'assunto di parte ricorrente è totalmente infondato perchè muove da un presupposto contraddetto da una giurisprudenza più che consolidata di questa Corte e, in particolare, dall'assunto che non sarebbero suscettibili di cessione crediti 2

4 "futuri" (o, come si assume si sia verificato nella specie, sub condicione costituita dalla consegna della merce venduta). Per contro si osserva che in giurisprudenza non si è mai dubitato da lustri, che possano essere oggetto di cessione anche crediti futuri (cfr., ad esempio, già la remota Cass. 10 maggio 1966, n. 1209, nonchè, recentemente, Cass. 22 aprile 2003, n e Cass. 19 giugno 2001, n. 8333). È evidente, pertanto, anche atteso che la ricorrente non ha difficoltà ad ammettere che, pur se in epoca successiva alla fattura 1089, la merce ivi indicata le è stata regolarmente consegnata, con conseguente suo obbligo di pagamento del corrispettivo, che la deduzione non coglie nel segno. La debitrice, infatti (cioè Beta) essendo a conoscenza della cessione del proprio debito sin dal 19 ottobre 1994 non poteva pagare, successivamente alla detta data, la stessa "fornitura" al debitore originario. Deve ribadirsi, infatti, in conformità a una giurisprudenza più che consolidata e da cui totalmente, e senza alcuna motivazione totalmente prescinde la difesa di parte ricorrente che nella cessione di credito, il debitore ceduto può opporre al cessionario tutte le eccezioni che avrebbe potuto opporre all'originario creditore. Tuttavia, se dopo la cessione intervengano fatti che incidono sulla entità, esigibilità o estinzione del credito, la loro efficacia deve essere considerata in relazione alla nuova situazione soggettiva che si è stabilita in dipendenza del già perfezionato trasferimento del diritto. Pertanto, dopo il perfezionamento della cessione, che avviene col semplice consenso, la risoluzione consensuale del contratto da cui traeva origine il credito ceduto convenuta fra l'originario creditore cedente ed il debitore ceduto, non è opponibile al cessionario, in quanto, una volta realizzato il trasferimento del diritto, il cedente perde la disponibilità di esso e non può validamente negoziarlo, recedendo dal contratto, mentre il debitore ceduto, a conoscenza della cessione, non può ignorare tale circostanza (in termini, Cass. 7 aprile 1979, n Sempre in questo senso, altresì Cass. 16 aprile 1999, n. 3797, nonchè sempre nel senso che, perfezionatasi la cessione con il semplice consenso, la modificazione convenzionale degli effetti (già verificatisi) del contratto dal quale traeva origine il credito ceduto, convenuta tra l'originario creditore cedente ed il debitore ceduto, non è opponibile al cessionario in quanto, una volta realizzato il trasferimento del diritto, il cedente ne perde la relativa disponibilità, e non può validamente negoziarlo in danno del cessionario, giusta il disposto dell'art c.c. - la cui ratio ha portata generale pur regolando la norma stessa fattispecie particolari - mentre il debitore ceduto, a conoscenza della cessione, non può ignorare tale circostanza, Cass. 27 gennaio 2003, n. 1145). Certi i principi che precedono, non controverso che nella specie lo "storno" della fattura 1089, da parte della venditrice è avvenuto senza ombra di dubbio in epoca successiva alla avvenuta conoscenza, da parte della debitrice Beta, della avvenuta cessione del credito, correttamente i giudici del merito hanno ritenuto inopponibile detto "storno" alla cessionaria e non opponibile a questa il pagamento eseguito da Beta, del materiale di cui al contratto 5 ottobre 1994 in favore dell'originaria creditrice. 4. Con il secondo motivo, denunziando "violazione e falsa applicazione dell'art c.c. Illogicità ed insufficienza della motivazione su punto decisivo della controversia (art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c.)" la ricorrente censura la sentenza gravata nella parte in cui questa "da per valida la notificazione della cessione effettuata...con la comunicazione del 12 ottobre 1994". Si osserva, infatti, che "la notificazione effettuata da soggetto che pretenda di essere cessionario del credito, se non accompagnata da conferme del creditore - originario o dai documenti relativi alla pretesa cessione non è idonea di per sè ad assolvere la sua specifica funzione, che è...quella di portare a conoscenza del debitore il mutamento della titolarità del diritto di credito". "Nella specie, prosegue parte ricorrente, Beta dopo avere ricevuto, in data 19 ottobre 1994, la predetta comunicazione da parte della cessionaria non ha ricevuto alcuna comunicazione in tale senso da parte del creditore originario...ha ricevuto successive fatture, regolarmente pagate, nelle quali Alfa non è mai indicata quale cessionario di alcun credito; Alfa si è sempre limitata a 3

5 rivendicare, quale cessionario, il pagamento di un solo credito...quello portato dalla fattura con ciò rendendo di difficile comprensione i documenti successivamente prodotti, dai quali si dovrebbe desumere l'acquisto da parte di Alfa di tutti i crediti presenti e futuri di Gamma". "Tutte queste circostanze - conclude la ricorrente - in aperto contrasto con quanto erroneamente valutato dal giudice del gravame, non sono certo idonee a garantire (contrariamente al requisito essenziale per la opponibilità della cessione ex art c.c.) la conoscenza della intervenuta cessione, intesa come assoluta certezza o, quanto meno, come il risultato di situazioni obiettive di apparenza dell'avvenuta cessione, idonee, nella loro univoca significazione, a giustificare che la cessione sia effettivamente avvenuta". 5. Al pari del precedente il motivo non coglie nel segno sotto nessuno dei profili in cui si articola Giusta la testuale previsione di cui all'art. 1264, comma 1, c.c. "la cessione del credito ha effetto nei confronti del debitore cedute quando...gli è stata notificata". Sia la giurisprudenza di questa Corte sia la prevalente dottrina sono fermissime nell'interpretare la disposizione in esame nel senso che la natura consensuale del contratto comporta che il credito si trasferisce dal patrimonio del cedente a quello del cessionario per effetto dell'accordo, mentre l'efficacia e la legittimazione del cessionario a pretendere la prestazione dal debitore (in quanto alla semplice conoscenza della cessione da parte di costui si ricollega l'unica conseguenza della non liberatorietà del pagamento effettuato al cedente) conseguono alla notificazione della cessione al contraente ceduto. La "notificazione" - prevista dall'art c.c. - ancora, non si identifica peraltro con gli istituti dell'ordinamento processuale e non è, pertanto, soggetta a particolari discipline o formalità, integrando un atto a forma libera (Cass. 12 maggio 1998, n. 4774; Cass. 2 settembre 1997, n. 8387). In particolare, ove la notificazione, consistente in una dichiarazione recettizia, venga fatta in forma scritta, la stessa non deve essere necessariamente sottoscritta dal creditore cedente, essendo al riguardo sufficiente che vi siano inequivoci elementi indicanti la relativa provenienza, in modo che risulti al debitore ceduto pienamente assicurata la prova e la non problematica conoscenza dell'avvenuta cessione (Cass. 26 aprile 2004, n, 7919, Analogamente, Cass. 28 gennaio 2002, n. 981). Potendo la "notificazione" della avvenuta cessione del credito avvenire con qualsiasi mezzo idoneo a far conoscere al debitore la mutata titolarità attiva del rapporto è pacifico, altresì, in giurisprudenza che non è necessario che al detto fine sia trasmesso, al debitore ceduto, l'originale o la copia autentica della cessione, essendo sufficiente possa conoscerne gli elementi identificativi e costitutivi (Cass. 2 febbraio 2001, n. 1510). Pacifico quanto precede è evidente la infondatezza del motivo in esame sotto il profilo di cui all'art. 360 n. 3 c.p.c. I giudici del merito, infatti, contrariamente a quanto si invoca con il motivo in esame, si sono, correttamente e puntualmente attenuti ai principi di diritto sopra evidenziato. Accertato - in particolare - che la debitrice aveva ricevuto il 19 ottobre 1994 notizia, per iscritto, della avvenuta cessione del proprio debito nei confronti della MIMETCO, ancorchè la comunicazione provenisse dalla cessionaria e non dal creditore ceduto, esattamente la Corte di appello di Firenze ha evidenziato "la negligenza addebitabile esclusivamente alla odierna appellante cioè alla Europa Metalli s.p.a., la quale, una volta notificatale la cessione del credito non doveva pagare consentendo alla MIMETCO di incassare due volte il prezzo per la stessa fornitura e comunque avrebbe dovuto informare la ignara cessionaria, che proprio a tal fine la aveva appositamente notiziata" Quanto alla censura svolta nel motivo sotto il profilo di cui all'art. 360 n. 5 c.p.c., si osserva che è rimesso, e non può essere, del resto, diversamente, integrando la circostanza un tipico accertamento di fatto, al giudice del merito la verifica, in concreto, in ogni singola fattispecie, se vi è stata o, meno, una "notifica" nei sensi precisati sopra idonea, o meno, a rendere "opponibile" al debitore ceduto la avvenuta cessione del suo debito. 4

6 Tale accertamento, quindi, secondo le regole generali, non è sindacabile in sede di legittimità allorchè suffragato da una motivazione congrua e priva di errori logici o giuridici. Ribadito, in particolare, che il vizio di omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione denunciabile con ricorso per Cassazione ai sensi dell'art. 360 n. 5 c.p.c. si configura solo quando nel ragionamento del giudice di merito sia riscontrabile il mancato o insufficiente esame di punti decisivi della controversia, prospettati dalle parti o rilevabili di ufficio, ovvero un insanabile contrasto tra le argomentazioni adottate, tale da non consentire la identificazione del procedimento logico giuridico posto a base della decisione, si osserva che detti vizi non possono consistere nella difformità dell'apprezzamento dei fatti e delle prove dato dal giudice del merito rispetto a quello preteso dalla parte, perchè spetta solo a quel giudice individuare le fonti del proprio convincimento e a tale fine valutare le prove, controllarne la attendibilità e la concludenza, scegliere tra le risultanze istruttorie quelle ritenute idonee a dimostrare i fatti in discussione, dare prevalenza all'uno o all'altro mezzo di prova (In argomento, tra le altre, Cass. 7 agosto 2003, n ; Cass. 14 febbraio 2003, n. 2222). L'art. 360, n. 5 - infatti - contrariamente a quanto suppone l'attuale ricorrente non conferisce alla Corte di Cassazione il potere di riesaminare e valutare autonomamente il merito della causa, bensì solo quello di controllare, sotto il profilo logico e formale e della correttezza giuridica, l'esame e la valutazione compiuti dal giudice del merito, cui è riservato l'apprezzamento dei fatti. Ne deriva, pertanto, che alla cassazione della sentenza, per vizi della motivazione, si può giungere solo quando tale vizio emerga dall'esame del ragionamento svolto dal giudice, quale risulta dalla sentenza, che si rilevi incompleto, incoerente e illogico, non già quando il giudice abbia semplicemente attribuito agli elementi valutati un valore e un significato difformi dalle aspettative e dalle deduzioni di parte. Certo quanto sopra si osserva che la ricorrente lungi dal denunziare vizi della sentenza gravata rilevanti sotto i ricordati profili, si limita - in buona sostanza - a sollecitare una diversa lettura, delle risultanze di causa preclusa in questa sede di legittimità. Anche a prescindere dai pur assorbenti rilievi che precedono, infine, deve escludersi che gli elementi indicati in ricorso potessero condurre a una diversa soluzione della lite. È certo, infatti come ampiamente osservato sopra, da un lato, che la notizia della cessione non deve, necessariamente, provenire dal creditore cedente, dall'altro, che non deve essere "notificato" nella sua integrità al terzo debitore il contratto di cessione. Da ultimo non può tacersi che era - comunque - onere del detto debitore, avuta notizia della "cessione" omettere il pagamento del corrispettivo della stessa "fornitura" al creditore originario o, comunque avvisare, immediatamente la parte cessionaria del comportamento - non certamente ispirato a buona fede e a quelli che sono i corretti rapporti commerciali - tenuti dalla cedente il credito. 6. Ha affermato, ancora, la sentenza impugnata, dopo le considerazioni riferite sopra (e oggetto dei primi due motivi di ricorso) che "tale cessione peraltro trovava la sua giustificazione, quale ulteriore riprova di quanto sostenuto, nel contratto denominato Security assignment, datato 28 aprile 1983, che documenta la disciplina della cessione in garanzia tra Gamma e la odierna appellata, e rispetto a questa generale previsione, la cessione in contestazione ne rappresenta uno specifico atto di esecuzione contrattuale". 7. Con il terzo e il quarto motivo la ricorrente denunzia, nella parte de qua la sentenza dei giudici d'appello lamentando, ancora, nell'ordine: - da un lato, "violazione e falsa applicazione dei principi in tema di cessione dei crediti nella Common Law (art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c.) terzo motivo; - dall'altro, "violazione e falsa applicazione della legge n. 976/1986 e della legge n. 218/1995. Illogicità e insufficienza della motivazione circa un punto decisivo della controversia (art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c.)" quarto motivo. 5

7 8. Entrambi i ricordati motivi sono inammissibili. In buona sostanza la parte finale della sentenza impugnata reca una seconda ratio decidendi, a suffragio della conclusione fatta propria dalla sentenza stessa. È di palmare evidenza, pertanto, una volta rigettati i primi due motivi, con i quali è stata censurata la prima delle riferite rationes decidendi, la inammissibilità, per carenza di interesse, degli ultimi due. Giusta un insegnamento assolutamente pacifico presso la giurisprudenza di questa Corte regolatrice e che nella specie deve trovare ulteriore conferma, ove una sentenza (o un capo di questa) si fondi su più ragioni, tutte autonomamente idonee a sorreggerla, è necessario - per giungere alla cassazione della pronunzia - non solo che ciascuna di esse abbia formato oggetto di specifica censura, ma anche che il ricorso abbia esito positivo nella sua interezza con l'accoglimento di tutte le censure, affinchè si realizzi lo scopo stesso dell'impugnazione. Questa, infatti, è intesa alla cassazione della sentenza in toto, o in un suo singolo capo, id est di tutte le ragioni che autonomamente l'una o l'altro sorreggano. È sufficiente, pertanto, che anche una sola delle dette ragioni non formi oggetto di censura, ovvero che sia respinta la censura relativa anche ad una sola delle dette ragioni, perchè il motivo di impugnazione debba essere respinto nella sua interezza, divenendo inammissibili, per difetto di interesse, le censure avverso le altre ragioni (in tale senso, ad esempio, tra le tantissime Cass. 23 ottobre 2001, n , nonchè, Cass. 24 maggio 2001, n. 7077). 9. Risultato totalmente infondato in ogni sua parte il proposto ricorso deve rigettarsi, con condanna della parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio, liquidate come in dispositivo. P.Q.M. La Corte rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese di questo giudizio di legittimità in favore della controricorrente, liquidate in E. 100,00 per spese, E ,00 per onorari, e oltre rimborso forfetario delle spese generali e accessori come per legge. IL CASO Cessione del credito La società Alfa è debitrice verso la società Beta di una somma di denaro; non avendo liquidità, Alfa cede a Beta, ad estinzione del suo debito, un credito dalla stessa vantato nei confronti della società Gamma. Siccome quest ultima non provvede a pagare quanto dovuto, Beta agisce in giudizio per ottenere soddisfazione del suo credito nei confronti di Alfa. Si illustrino le ragioni a favore e contro l accoglimento della domanda della società Beta. Cass., sez. III, , n La cessione del credito in luogo dell adempimento, prevista dall art c.c., non comporta la immediata liberazione del debitore originario, che consegue solo alla realizzazione del credito ceduto, ma comporta l affiancamento al credito originario di quello ceduto, con la funzione di consentire al creditore di soddisfarsi mediante la realizzazione di quest ultimo credito; all interno di questa situazione di compresenza, il credito originario entra in fase di quiescenza, e rimane inesigibile per tutto il tempo in cui persiste la possibilità della fruttuosa escussione del debitore ceduto, in quanto solo quando il medesimo risulti insolvente il creditore potrà rivolgersi al debitore originario. 6

8 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO L'Emmegi agro - industriale s.r.l. (Emmegi) proponeva opposizione al decreto, con il quale il presidente del tribunale di Taranto le ingiungeva di pagare lire all'associazione di zona tra produttori agrumari ed ortofrutticoli delle province di Lecce, Matera, Taranto (AZPAO), sostenendo di avere estinto il debito mediante la cessione di credito verso l'alma (ora EIMA), la quale aveva compensato il credito ceduto con un suo maggiore credito verso l'azpao. L'opposta resisteva; intervenivano nel giudizio di opposizione Francesco Amatulli, Filippo Bellacicco, Giovanni Simonetti, Nicola Biscozzi, Cosimo Camardo Leggieri, Orazio Maraglino, Francesco Zecchino, Orazio Carmine D'Echia, Cosimo Palmisano, Rocco Bellisario, Palma De Filippis, Rosalba Schettini, coop. Campo verde a r.l., Azienda agricola Serenella a r.l., soci dell'azpao. Il tribunale di Taranto accoglieva l'opposizione e revocava il decreto opposto. Su gravame dell'azpao e degli interventori la corte di appello di Lecce - sezione distaccata di Taranto - condannava l'emmegi al pagamento di somma di importo pari a quella ingiunta, considerando che nella specie si doveva applicare la norma di cui all'art c.c. e non quella di cui all'art stesso codice, "posto che sì tratta di cessione pro solvendo in luogo di adempimento e non di cessione tout court di contatto, con la conseguenza che il debitore cedente è liberato con la riscossione del credito vantato, se non risulta una diversa volontà delle parti che nella fattispecie non è stata neppure dedotta. Solo in questi limiti è fatto salvo il disposto dell'art. 1267, 2 comma". L'Emmegi si è gravata di ricorso per Cassazione, affidandone l'accoglimento a tre motivi; l'azpao in liquidazione ha resistito con controricorso; si è successivamente costituita con memoria l'emmegi in amministrazione straordinaria e si è integralmente riportata al ricorso; le parti hanno depositato memoria. MOTIVI DELLA DECISIONE 1. Il ricorso figura sottoscritto dall'avv. Buccico, che dal 2002 è componente del C.S.M., e da altri avvocati, i quali hanno svolto la successiva attività difensiva. Risalendo, tuttavia, il ricorso al 2001, nessun dubbio può sorgere sulla sua ammissibilità. 2. Con il primo motivo di ricorso si denuncia "violazione dell'art. 360, n. 5, c.p.c. nonchè dell'art. 360, n. 3, in relazione all'art. 111 Cost. e 132, 2 comma, n. 4, c.p.c.. Omessa e/o insufficiente motivazione circa punto decisivo della controversia"; la corte di merito - si sostiene - non ha esplicitato l'iter logico - giuridico seguito; in particolare si è limitata a riprodurre l'art c.c. senza stabilire alcun collegamento con l'art stesso codice; in definitiva, ha aderito alla ricostruzione giuridica della vicenda prospettata dall'azpao, ma non ha indicato le ragioni, per le quali ha disatteso quella contraria. 3. Con il secondo motivo si deduce "violazione dell'art. 360, n. 3, c.p.c. in relazione agli artt. 1198, 1267, 1362, 1367 c.c. Violazione dell'art. 360, n. 5, c.p.c. per omessa, insufficiente, contraddittoria motivazione su punto decisivo della controversia"; la presente fattispecie ricade sotto la previsione dell'art c.c., il cui contenuto normativo risulta dalla combinazione dei due commi che lo compongono; secondo la corte di merito la cessione di un credito in luogo dell'adempimento disciplinata dal menzionato art attribuisce al creditore cessionario la facoltà alternativa di rivolgersi al debitore originario o a quello ceduto; senonchè, l'art. 1198, richiamando l'art. 1267, istituisce un collegamento tra le due norme e tale collegamento comporta che il creditore, cui il debitore abbia ceduto un credito in luogo dell'adempimento, è tenuto ad escutere prima il debitore ceduto e, solo in caso di inadempimento di quest'ultimo, può rivolgersi al debitore originario; in altri termini, fino a quando non sia inutilmente escusso o per lo meno non risulti insolvente il debitore ceduto, il debito originario è inesigibile; nella specie, peraltro, l'atto di cessione reca la 7

9 clausola "pro solvendo" e ciò vale a rendere, comunque, operante la regola della preventiva escussione del debitore ceduto. 4. Evidenti ragioni di connessione consigliano la trattazione unitaria dei motivi La corte di merito ha affermato che la fattispecie è regolata dall'art e non dall'art. 1267, implicitamente escludendo un rapporto tra le due norme Viceversa, in dottrina si sottolinea il rapporto legislativamente stabilito tra tali norme attraverso il richiamo della seconda da parte della prima e si muove da questo rapporto per ricostruire la figura della cessione di credito in luogo dell'adempimento. Secondo un orientamento dottrinale la cessione regolata dall'art si distingue da quella prevista dall'art per diversità di disciplina e "rationes" ispiratrici. In questa ultima forma di cessione il creditore cessionario è titolare di due distinte pretese: l'una, quella originaria, nei confronti del debitore cedente; l'altra, quella derivata dalla cessione, verso il debitore ceduto, con la peculiarità che, in caso di inadempimento di quest'ultimo, il creditore ha la facoltà di scegliere se agire contro di lui o del debitore originario. Per effetto del rinvio all'art tale facoltà viene meno quando la mancata realizzazione del credito ceduto sia dovuta al comportamento negligente del cessionario e, cioè, con il realizzarsi delle condizioni previste dal menzionato articolo che determinano liberazione del debitore cedente. Altro orientamento dottrinale ritiene che la figura delineata dagli artt e 1267 sia unitaria e costituisca una specie di "datio in solutum", nella quale la prestazione dell'"aliud" è rappresentata da una comune cessione "solvendi causa" con annessa garanzia di solvenza, sicchè la responsabilità del cedente è legata alla solvibilità del ceduto ed è destinata a funzionare nel caso in cui il patrimonio di quest'ultimo sia escusso infruttuosamente. La dottrina prevalente vede una conferma della tesi della cessione a scopo di adempimento e non in luogo di esso nel richiamo dell'art. 1267, che fa obbligo al cessionario di agire diligentemente per la realizzazione del credito ceduto a pena della perdita della garanzia, precisando che si tratta di richiamo in via analogica, considerato che nell'art non è prevista garanzia di solvenza del debitore ceduto da parte del cedente, come è invece prevista nell'art Secondo tale tesi per effetto della cessione il creditore diventa titolare di due diritti di credito, uno dei quali, quello originario, è inesigibile fino all'eventuale inadempimento di quello ceduto; il soddisfacimento di uno di essi determina, tuttavia, estinzione dell'altro Questa Corte non ha avuto frequenti occasioni di occuparsi dell'art Con la remota sentenza , n. 340, ha affermato che la cessione del credito "pro solvendo" non ha di per sè efficacia novativa in quanto a norma dell'art il debitore cedente non rimane liberato, ma, salva diversa volontà delle parti, la sua obbligazione verso il proprio creditore si estingue solo con la riscossione del credito ceduto; successivamente, con sentenza , n. 4213, ha evidenziato che la cessione di un credito può essere preordinata sia al conseguimento di uno scopo di garanzia che, a norma dell'art. 1198, ad una funzione satisfattoria; più recentemente con sentenza , n. 9495, ha ritenuto che nell'ipotesi di cessione "pro solvendo" a scopo solutorio in cui il creditore cessionario diventa titolare di due crediti concorrenti, l'uno verso il proprio debitore e l'altro verso il debitore ceduto, si è in presenza di distinte obbligazioni, aventi ciascuna una propria causa e l'attitudine ad essere oggetto di autonomi atti di disposizione, con l'unico limite costituito dal fatto che l'obbligazione originaria si estingue con la riscossione del credito verso il debitore ceduto; non risulta alcuna pronuncia di questa Corte sulla specifica questione che si pone nel presente caso In relazione a tale questione va rilevato che la cessione prevista dall'art non estingue il credito originario, ma affianca ad esso quello ceduto con la funzione di consentire al creditore di soddisfarsi mediante la realizzazione di quest'ultimo credito. Si verifica, pertanto, la coesistenza di due crediti: quello originario e quello ceduto; stante il richiamo che l'art fa al secondo comma dell'art. 1267, in cui si subordina la responsabilità del 8

10 cedente non al solo adempimento del ceduto, bensì al fatto che il cessionario abbia iniziato e proseguito con diligenza le istanze contro quest'ultimo, il credito originario rimane quiescente fino a quando il cessionario non abbia inutilmente escusso il debitore ceduto; la realizzazione del credito ceduto produce l'estinzione anche di quello originario. In altri termini, la cessione del credito in luogo dell'adempimento non comporta liberazione del debitore originario, che consegue alla realizzazione del credito ceduto; il credito originario rimane inesigibile per tutto il tempo in cui persiste la possibilità di fruttuosa escussione del debitore ceduto; il creditore cessionario è tenuto ad escutere prima il debitore ceduto e, solo quando il medesimo risulti insolvente, si può rivolgere al debitore originario. 6. Ai principi sopra esposti non si è attenuta la corte di merito, la quale, riformando la sentenza di primo grado, ha implicitamente ritenuto inutile la preventiva escussione del debitore ceduto che quella sentenza aveva, invece, giustamente ritenuto necessaria. Pertanto, la sentenza impugnata va cassata con rinvio alla corte di appello di Lecce per nuovo esame e pronuncia sulle spese del giudizio di Cassazione. 7. Rimangono assorbiti gli ulteriori profili dei motivi esaminati ed il terzo motivo. P.Q.M. la Corte accoglie il primo ed il secondo motivo; assorbito il terzo; cassa in relazione la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla corte di appello di Lecce. accollo Nell'accollo cumulativo esterno non liberatorio per il debitore originario - che si perfeziona con il consenso del creditore, il quale può aderire alla convenzione di accollo anche successivamente, in tal modo acquisendo il diritto ad ottenere l'adempimento nei confronti del terzo - l'obbligazione dell'accollato, in analogia alla disciplina dettata per la delegazione dall'art. 1268, secondo comma, cod. civ., degrada ad obbligazione sussidiaria, con la conseguenza che il creditore ha l'onere di chiedere preventivamente l'adempimento all'accollante, anche se non è tenuto ad escuterlo preventivamente, e soltanto dopo che la richiesta sia risultata infruttuosa può rivolgersi all'accollato. Cassazione civile, sez. II 24/02/2010 n ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: GENFIMM SRL (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE 22, presso lo studio dell'avvocato CUCCIA ANDREA, rappresentato e difeso dall'avvocato BOCCHINI ERMANNO; contro C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BALBO N. 21, presso lo studio dell'avvocato GANDINO ANTONIO SILVIO, rappresentato e difeso dall'avvocato MORRA EMANUELE; G.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, - ricorrente - 9

11 VIA BANCO DI S. SPIRITO 48, presso lo studio dell'avvocato D'OTTAVI AUGUSTO, rappresentato e difeso dagli avvocati CESARE MASSIMILIANO, LOPIANO MICHELE; - controricorrenti con due separati atti - avverso la sentenza n. 4060/2007 della CORTE D'APPELLO di NAPOLI, depositata il 21/12/2007; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 11/02/2010 dal Consigliere Dott. UMBERTO GOLDONI; udito l'avvocato BOCCHINI Ermanno, difensore del ricorrente che ha chiesto di riportarsi agli atti; udito l'avvocato MORRA Emanuele difensore dei resistenti che si riporta agli atti; udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. MARINELLI Vincenzo che ha concluso per inammissibilità in subordine rigetto del ricorso. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con citazione del 2002, G.L. deduceva di essere proprietario di una unità immobiliare in (OMISSIS), facente parte del fabbricato "(OMISSIS)"; nel (OMISSIS), con atto di pennuta e costituzione di servitù, esso esponente aveva provveduto a regolare ogni questione relativa alla comunione delle opere realizzate, con il comproprietario del fabbricato, C. F.; tra l'altro, veniva pattuito che in caso di vendita del primo livello, lo stesso C. si obbligava a murare una finestra che affacciava sul giardino. Nel (OMISSIS), il predetto alienava alla società GEIM srl la quota di sua proprietà esclusiva del predetto fabbricato; benchè sollecitata a provvedere alla ricordata muratura, la società non aveva provveduto. In ragione di tanto, il G. aveva provveduto a citare la Geim ed il C. di fronte al tribunale di Napoli - Sezione distaccata di Capri- per sentir dichiarare l'avvenuta assunzione dell'obbligazione da parte della Geim, con condanna all'esecuzione della prestazione e, in subordine, chiedendo la condanna per danni del C.. Entrambi i convenuti si costituivano, resistendo alla domanda. L'adito Tribunale, con sentenza del 2004, accoglieva al domanda attorea e condannava la Geim a murare la veduta de qua; regolava le spese. La società proponeva appello cui resistevano il G. ed il C.; la Corte di appello di Napoli, con sentenza in data 19/ , rigettava il gravame e regolava le spese. Osservava la Corte partenopea che dall'esame dei due atti su cui si basava la richiesta del G., emergeva che non poteva assumersi l'estraneità della Geim all'impegno assunto dal C. anche se non v'era una espressa dichiarazione di accollo. Precisava la Corte distrettuale che per accollo doveva intendersi l'assunzione di un debito altrui mediante una convenzione tra il debitore accollante ed il terzo accollato, il quale si obbliga ad adempiere, in sostituzione del primo, al creditore accollatario, senza partecipazione al negozio del creditore medesimo. Su tale base, e in ragione della volontà manifestata dalle parti, doveva concludersi che la volontà manifestata dalla Geim fosse nel senso di una accettazione consapevole degli obblighi assunti con l'atto del (OMISSIS). Per la cassazione di tale sentenza ricorre, sulla base di due motivi, la Geim srl; resistono con separati controricorsi, il G. ed il C.. La società ricorrente (oggi GENFIMM srl) ed il C. hanno presentato memoria. 10

12 MOTIVI DELLA DECISIONE Vanno preliminarmente esaminate le eccezioni di inammissibilità del ricorso proposte dai controricorrenti; per un verso si assume l'incompatibilità (e, conseguentemente, la sopravvenuta carenza di interesse al ricorso) del comportamento tenuto dall'odierna ricorrente dopo la pronuncia della sentenza qui impugnata in quanto avrebbe dato esecuzione alla sentenza stessa, tanto da dimostrarne la intervenuta accettazione, con la coltivazione del presente ricorso. L'eccezione non merita accoglimento; per vero, la sentenza era provvisoriamente esecutiva e l'aver ottemperato agli obblighi che ne scaturivano non poteva costituire una implicita accettazione della decisione, siccome derivante da una specifica prerogativa della sentenza stessa, donde la perdurante sussistenza dell'interesse al ricorso. Per altro verso si eccepisce la violazione dell'art. 366 bis c.p.c. applicabile alla fattispecie ratione temporis, atteso che il ricorso è stato proposto nel lasso di tempo in cui la norma predetta, oggi abrogata, spiegava la sua validità. Questa Corte non ignora la copiosa giurisprudenza che si è formata al riguardo e che può essere riassunta nel senso secondo cui i quesiti di diritto devono per un verso investire la valenza di una regola generale ed astratta e, per altro verso, collegare la stessa alla fattispecie che ne occupa; ora, nel caso di specie, i quesiti proposti a conclusione dei due motivi di ricorso assolvono senza dubbio alcuno al primo requisito, mentre ad una lettura non meditata parrebbero (segnatamente il secondo), non assolvere alla altra caratteristica ritenuta pure necessaria. In realtà però, non può sottacersi che la questione che entrambi i motivi sollevano, sotto profili diversi, ma coincidenti, è di diritto nel senso pieno del termine, per cui la esatta determinazione della regola iuris da applicare comporta di per se la soluzione, in un senso o nell'altro, del caso concreto, cosa questa che consente di ritenere l'idoneità allo scopo dei quesiti come formulati e la conseguente reiezione della eccezione relativa. Con il primo motivo si lamenta violazione e falsa applicazione degli artt e 1362 c.c.; ci si duole infatti della ricostruzione quale operata dalla Corte partenopea della fattispecie in esame, siccome contrastante con la figura dell'accollo, quale prevista dall'ordinamento. Con il secondo mezzo ci si duole di violazione e falsa applicazione delle norme suddette e di vizio motivazionale; si assume che la Corte distrettuale non avrebbe svolto alcuna indagine circa al volontà delle parti di coinvolgere o meno all'accollo il terzo, in quanto la sentenza impugnata si sarebbe limitata ad affermare apoditticamente che sussisterebbe un accollo esterno. I due motivi possono essere esaminati congiuntamente; invero, la tesi che sotto profili solo parzialmente diversi viene sostenuta è quella della sussistenza di un accollo interno, come tale non suscettivo di produrre effetti al di fuori dell'ambito dei contraenti. La tesi su cui si basa invece la sentenza impugnata è invece quella, basata sulla lettura dei due atti intervenuti, il primo tra il G. e il C. ed il secondo tra questi e la allora Geim, dalla cui semplice lettura emerge in modo inequivoco da un lato l'obbligazione del C. di murare, in caso di vendita del primo livello, la finestra de qua, e dall'altro l'accollo della stessa obbligazione da parte della allora Geim, acquirente appunto del primo livello. A questo secondo negozio non aveva originariamente preso parte il G., il quale peraltro ha dimostrato di aderirvi successivamente, chiedendo espressamente alla allora Geim la muratura della finestra. Trattasi dunque di accollo cumulativo esterno, con successiva adesione del creditore; la giurisprudenza di questa Corte è nel senso secondo cui nell'accollo cumulativo esterno non liberatorio per il debitore originario, che si perfeziona comunque con il consenso del creditore, in analogia con quanto previsto per la delegazione dall'art c.c., comma 2, l'obbligazione dell'accollato degrada ad obbligazione sussidiaria, di talchè il creditore ha l'onere di richiedere preventivamente l'adempimento all'accollante, anche se non è tenuto ad escuterlo preventivamente e solo dopo che la richiesta sia stata infruttuosa, può rivolgersi all'accollato (cfr. Cass , n 9982). 11

13 In base a tali condivisi principi, risulta dunque conseguente ritenere che il creditore abbia aderito successivamente all'accollo e legittimamente si sia rivolto per l'adempimento all'accollante e ciò in base alla univoca interpretazione dei due atti in cui il rapporto è venuto a concretizzarsi ed alla inequivoca, successiva adesione del creditore, manifestata con la reiterata richiesta di adempimento all'accollante. Il creditore può infatti aderire successivamente alla convenzione di accollo, acquistando così il diritto alla solutio nei confronti del terzo (cfr. Cass , n. 305). Consegue che la motivazione della sentenza impugnata sia corretta sia in relazione alla regola iuris applicata che nella ricostruzione della volontà delle parti, adeguatamente interpretata in base agli elementi già evidenziati e non suscettivi di altri significati se non di quello fatto proprio dalla Corte partenopea. E' appena il caso di aggiungere che ad analoga conclusione si sarebbe pervenuti sulla base della applicazione al caso di specie della disciplina della obligatio propter rem, solo adombrata nel controricorso C., ma che pure avrebbe potuto regolare la fattispecie in esame se vista sotto tale diverso profilo. Ai quesiti di diritto posti con il ricorso deve dunque rispondersi nel senso che nell'accollo cumulativo esterno, istituto risultato applicabile nel caso di specie, il creditore può aderire anche successivamente, come è avvenuto nella specie, così acquisendo il diritto di ottenere l'adempimento nei confronti del terzo, risultando conseguentemente estranee alla fattispecie diverse regulae iuris. Il ricorso va pertanto respinto. Le spese seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo. P.Q.M. la Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese, che liquida a favore del C. in 3.200,00 Euro, di cui 3.000,00 Euro per onorari e a favore del G. in 2.200,00 Euro, cui 2.000,00 Euro per onorari, oltre agli accessori di legge. Così deciso in Roma, il 11 febbraio Depositato in Cancelleria il 24 febbraio 2010 espromissione L'espromissione è un contratto tra creditore e terzo, al quale resta estraneo il debitore. Pertanto, là dove tale contratto dovesse assumere la natura di un rapporto ad esecuzione continuata o periodica, il diritto di recesso previsto in via generale dall'art cod. civ. per tutti i rapporti di durata spetta all'espromittente, e non all'obbligato originario, che non è, appunto, parte del contratto di espromissione. CASS. CIV., SEZ. III, , n ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: 12

14 M.N., elettivamente domiciliato in ROMA VIALE MAZZINI 146, presso lo studio dell'avvocato SPAZIANI TESTA Ezio, che lo difende unitamente all'avvocato CORNACCHIA DIEGO, giusta delega in atti; - ricorrente - ICOS COOP SOCIALE A RL; - intimato - contro avverso la sentenza n. 2775/04 della Corte d'appello di MILANO, Sezione Quarta Civile emessa il 29/6/2004, depositata il 29/10/04; RG. 1883/2002; udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del 06/06/08 dal Consigliere Dott. Nino FICO; udito l'avvocato SPAZIANI TESTA; udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. MARINELLI Vincenzo, che ha concluso per accoglimento p.q.r. del ricorso Svolgimento del processo Il Tribunale di Como, in accoglimento della domanda di ICOS coop. soc. a r.l., ha condannato M.N. al pagamento della somma di Euro ,10 a titolo di integrazione delle rette di degenza corrisposte da C.G. dal marzo 1997 all'aprile 2000, giusta l'impegno in tal senso assunto dalla M. con dichiarazione del 9 maggio La M. ha appellato la sentenza e la Corte d'appello di Milano, ritenuto che l'impegno assunto integrasse un contratto di espromissione cumulativa comportante solo il trasferimento del debito dalla C. alla nuova debitrice, non anche delle posizioni attive, tra cui la facoltà di recesso, in quanto spettante unicamente alla debitrice originaria, ha escluso che potesse avere efficacia il recesso comunicato dalla M. nel settembre Avverso quest'ultima decisione la M. ha proposto ricorso per Cassazione affidandolo a due motivi. L'istituto intimato non ha svolto attività difensiva. Motivi della decisione 13

15 Col primo motivo (violazione e falsa applicazione degli artt. 1272, 1373, 1324 e 1560 c.c.) la ricorrente ha dedotto che la Corte di merito ha errato nel configurare come espromissione l'impegno assunto, di pagare alla casa di riposo la parte residua della retta di degenza dalla C. corrisposta direttamente mediante versamento della propria pensione, presupponendo l'espromissione la sussistenza di una precedente altrui obbligazione ed essendo invece l'assunzione del debito antecedente alla erogazione delle prestazioni assistenziali dalla quale sarebbero scaturiti il credito (della casa di riposo) e il correlativo obbligo di pagamento. Ha precisato la ricorrente che più corretto sarebbe stato ricondurre l'obbligazione assunta alla figura della promessa unilaterale di pagamento di prestazione futura e che, in ogni caso, trattandosi di rapporto di durata a tempo indeterminato, ad essa spettava la facoltà di recedere unilateralmente, ex art c.c., giusta il rinvio disposto dall'art c.c., in materia di atti unilaterali. La censura è fondata. Presupposto giuridico imprescindibile dell'espromissione, che non può essere ignorato dal giudice del merito nell'attività logico- giuridica di interpretazione del contratto, è la sussistenza di un'obbligazione altrui, precedente all'assunzione da parte dell'espromittente (Cass. 2267/65, 19118/03). Essa, pertanto, non può avere ad oggetto un debito non ancora sorto, che sorgerà se e quando il creditore avrà effettuato la sua prestazione, un debito indeterminato nell'an, anche se determinabile nel quantum. In mancanza di tale presupposto potrà aversi non estromissione, ma assunzione di un'obbligazione di garanzia per futuri possibili debiti dell'obbligato, garanzia in relazione alla quale la facoltà di recesso è pacificamente riconosciuta dalla giurisprudenza (Cass. n. 2284/99). D'altra parte, pur volendo ritenere che ricorra nella specie un contratto di espromissione, che è contratto tra creditore e terzo, del tutto svincolato dal rapporto esistente tra terzo e obbligato e tra quest'ultimo e il creditore (Cass. 2932/04), la facoltà di recesso unilaterale, prevista dall'art c.c., per i contratti ad esecuzione continuata o periodica, che rappresenta una causa estintiva ordinaria di qualsiasi rapporto di durata a tempo indeterminato, rispondendo all'esigenza di evitare la perpetuità del vincolo obbligatorio, in sintonia con il principio di buona fede nell'esecuzione del contratto (Cass. 6427/98, 14970/04), spetta al terzo che assume l'obbligazione altrui, non all'obbligato originario, che non è parte del contratto di espromissione. L'accoglimento del primo motivo comporta l'assorbimento dell'esame del secondo motivo, col quale, sotto il profilo del vizio di motivazione, la ricorrente ha dedotto che la casa di riposo aveva aderito al recesso da essa comunicato. Il ricorso va dunque accolto, va cassata la sentenza impugnata e, non occorrendo ulteriori accertamenti di fatto, ricorrendo giusti motivi, va rigettata la domanda proposta da ICOS con l'atto introduttivo del giudizio e vanno compensate tra le parti le spese dell'intero giudizio. P.Q.M. La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta la domanda proposta da ICOS con l'atto introduttivo del giudizio. Compensa tra le parti le spese dell'intero giudizio. 14

16 Così deciso in Roma, il 6 giugno Depositato in Cancelleria il 10 novembre

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO PRIMA SEZIONE CIVILE. Dott. LOREDANA NAllICONE - Rel. Consigliere - SENTENZA -691 14 115 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE PRIMA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto Opposizione a dichiarazione di fallimento.

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 16757 Anno 2015 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: MAISANO GIULIO Data pubblicazione: 12/08/2015 SENTENZA sul ricorso 11235-2014 proposto da: CALVANI MARZIA C.F. CLVMRZ273D68H901V,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI

SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI SEPARAZIONE DEI CONIUGI. PROVVEDIMENTI RELATIVI AI FIGLI MAGGIORE ETÀ. CASS. CIV., SEZ. I, 22 NOVEMBRE 2010 N. 23590. Il diritto del coniuge separato di ottenere dall'altro coniuge un assegno per il mantenimento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17433 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 30301-2011 proposto da: VASQUEZ SANTOS DAYELIN C.F. VZQDLN75T70Z504W,

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS);

CONDOMINIO (OMISSIS), in persona dell'amministratore pro tempore; avverso la sentenza della Corte d'appello di Trieste, depositata in data (OMISSIS); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 2 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GOLDONI Umberto - Presidente Dott. PETITTI

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 22029 Anno 2015 Presidente: STILE PAOLO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 28/10/2015 SENTENZA sul ricorso 17310-2010 proposto da: CANDIDO GIORGIO C.F. CNDGRG62H01D969A,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 17434 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 02/09/2015 SENTENZA sul ricorso 4419-2014 proposto da: MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162

Corte di Cassazione, Sezione 1 civile. Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 www.lex24.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione 1 civile Sentenza 10 maggio 2012, n. 7162 Integrale - Condominio negli edifici - Amministratore - Attribuzioni - Riscossione contributi ed erogazione

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 gennaio 2015, n. 1169 Svolgimento del processo Il giudice del lavoro del Tribunale di Brescia accolse la domanda con la quale G.M. aveva chiesto la dichiarazione di illegittimità

Dettagli

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno

Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno Spese straordinarie per l'ascensore: spettano anche ai condominini- proprietari di negozi commerciali situati al pian terreno (09/01/2012) Cass. Sez. II Civ. - Sent. del 23/12/2011, n. 28679 Svolgimento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 3 Num. 2872 Anno 2015 Presidente: RUSSO LIBERTINO ALBERTO Relatore: SPIRITO ANGELO Data pubblicazione: 13/02/2015 SENTENZA sul ricorso 18409-2011 proposto da: PROVICIA RELIGIOSA S PIETRO

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo)

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) Buoni postali e comunione legale Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) BUONI POSTALI COMUNIONE LEGALE APPLICABILITÀ DELL ART. 177 COMMA I C.C. - SUSSISTE I buoni

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

101 professionisti.it

101 professionisti.it Gli atti dispositivi del fideiussore successivi all'apertura di credito e alla prestazione della fideiussione sono soggetti ad azione revocatoria in base al solo requisito soggettivo della consapevolezza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini)

Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) Licenziamento impugnato fuori termine: preclusi reintegro e risarcimento Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 05.02.2010 n 2676 (Gesuele Bellini) http://www.altalex.com/index.php?idnot=50040 La mancata

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) CONTE (NA) PARROTTA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 28 gennaio 2015, n. 1604 Svolgimento del processo Con sentenza 12 luglio 2007, la Corte d appello di Messina rigettava l appello di G.C.L. ex dipendente di società del cd.

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 15 settembre 2014 n. 19400 Integrale Lavoro e occupazione - Licenziamento individuale - Periodo di comporto - Superamento Tempestivita - Valutazione -

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Pagina 1 di 6 Cassazione Civile CONTRATTI BANCARI - INGIUNZIONE (PROCEDIMENTO PER) Cass. civ. Sez. I, Sent., 11-01-2013, n. 603 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER ha pronunciato la seguente SENTENZA sui ricorsi riuniti n. 9338 e n. 9505 del 2005 proposti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 629/2007 proposto da: FALLIMENTO L.C. S.R.L., in persona

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 15131 Anno 2015 Presidente: LUCCIOLI MARIA GABRIELLA Relatore: CAMPANILE PIETRO Data pubblicazione: 20/07/2015 sul ricorso proposto da: AGENZIA DEL TERRITORIO SENTENZA Rappresentata

Dettagli

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Cassazione civile, sezione lavoro, 2 luglio 2014, n. 15070. Presidente Lamorgese. Relatore Tria. Notificazioni e comunicazioni - Comunicazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 05 02 2014 N 2597

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 05 02 2014 N 2597 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 05 02 2014 N 2597 Condono fiscale ex art. 9 legge 289/2002 condono tombale elisione dei debiti fiscali inoperatività sui crediti ha pronunciato la seguente: SENTENZA REPUBBLICA

Dettagli

Corte di Cassazione Sentenza n. 1197/2007

Corte di Cassazione Sentenza n. 1197/2007 Educazione fisica a scuola Corte di Cassazione Sentenza n. 1197/2007 Attività sportiva effettuata durante le lezioni di educazione fisica e responsabilità del docente Con la Sentenza n. 1197/2007, la Corte

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 03 02 2014 N 2261 Imposta di registro acquisto prima casa acquisto avvenuto a seguito di sentenza sostitutiva di contratto non concluso ex art. 2932 C.C. agevolazioni richiesta

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE - Sentenza 14 novembre 2005 n. 22913 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX.

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. Determinazione dirigenziale n. 15 del 24 dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. PICCIALLI Luigi - Presidente - Dott. MAZZACANE Vincenzo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza Data 22/05/2013 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE LAVORO Numero 12583 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO ha pronunciato la seguente:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE «Minori: ricorre lo stato di abbandono quando la vita offerta al minore non è in grado di assicurargli un normale sviluppo psico-fisico» (Cassazione civile sez. I, 25 giugno 2014, numero: 14448) Minore-

Dettagli

Successione nel rapporto impositivo Domenica 15 Novembre 2009 00:28 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Novembre 2009 09:24

Successione nel rapporto impositivo Domenica 15 Novembre 2009 00:28 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Novembre 2009 09:24 Comm. trib. prov.le Bari, sez. II, 14 ottobre 2009, n. 124 La massima In caso di successione nel rapporto impositivo, tutti gli eredi sono responsabili in proprio e solidalmente per le obbligazioni tributarie

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 22456 Anno 2014 Presidente: ODDO MASSIMO Relatore: BUCCIANTE ETTORE Data pubblicazione: 22/10/2014 SENTENZA sul ricorso 29147-2008 proposto da: REGNI LAURA natqa ROMA il 11/07/1961,

Dettagli

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA

INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA INGIUNZIONE IN MATERIA CIVILE. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITÀ. PROVA SCRITTA. CASS. CIV., SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23972. Il piano di ammortamento di un contratto di mutuo ha natura di clausola negoziale,

Dettagli

Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico. Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075

Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico. Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075 Condominio, servitù di parcheggio, acquisto, formula generale, trasferimento automatico Cassazione Civile, sez. II, sentenza 24/08/2015 n 17075 SE LA SERVITÙ NEL CASO DI SPECIE L USO DEL POSTO AUTO A ROTAZIONE

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. 1244

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 2917 Anno 2015 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: MELONI MARINA Data pubblicazione: 13/02/2015 SENTENZA sul ricorso 5632-2010 proposto da: AIPA SPA in persona del Presidente

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 Agevolazioni fiscali benefici per l acquisto della prima casa abitazione non di lusso secondo i parametri di cui al D.M. 2/8/1969 disposizione dell art. 10

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale:

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Anche se di proprietà esclusiva risponde il condominio in persona dell amministratore L art. 1126 cod. civ. Lastrici solari

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA CA BIANCA DI T. / VODAFONE ITALIA S.P.A. (GU14 n. 675/2015) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti dell 1 dicembre 2015;

Dettagli

Con il quinto motivo, la ricorrente lamenta violazione del principio di retroattività della legge, in relazione all'applicazione della disciplina

Con il quinto motivo, la ricorrente lamenta violazione del principio di retroattività della legge, in relazione all'applicazione della disciplina LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. BERRUTI Giuseppe M. - Consigliere - Dott. DI AMATO Sergio

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli