Il Progetto Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Progetto Formazione"

Transcript

1 Il Progetto Formazione II MEETING MANUTENTORI ANTINCENDIO Milano, 12 maggio

2 La formazione nel settore della manutenzione antincendio Il gruppo, costituito nel 2003, ha l obiettivo di supportare le Aziende associate nel delicato quanto fondamentale campo della formazione degli operatori del mercato dell'antincendio. L obiettivo della formazione UMAN è contribuire alla professionalizzazione dei manutentori, offrendo tutti gli strumenti tecnico-normativi necessari allo svolgimento della corretta manutenzione dei presidi e degli impianti antincendio, secondo la normativa tecnica vigente e la regola dell arte. 2

3 Nuove linee operative Partendo dall esperienza maturata UMAN ha deciso di intraprendere un progetto formazione L attività consentirà una sempre più stretta collaborazione tra i costruttori e i manutentori consentendo all Associazione e alle Aziende Associate di divenire sempre di più punto di riferimento per la formazione. Nel far questo il Gruppo Formazione ha ritenuto fondamentale operare all interno degli schemi per la certificazione delle professioni che le Regioni stanno sviluppando in conformità alla norma europea. 3

4 Le basi del Progetto (I) Sviluppo di uno schema di certificazione del percorso formativo Nel far questo UMAN si appoggerà ad un Ente Terzo Riconosciuto, che certifichi appunto il percorso formativo. Potenzialmente 11 le aree alle quali applicare lo schema: Estintori e Componenti Reti Idranti Reti Idranti e Alimentazioni idriche Chiusure Taglia Fuoco e uscite di emergenza Impianti Sprinkler, impianti a diluvio d acqua e alimentazioni idriche Impianti di spegnimento con gas inerti e con gas di sintesi chimica Impianti Rivelazione incendi e atmosfere esplosive Evacuatori Fumo e Calore Dispositivi di primo intervento Impianti di spegnimento a Schiuma e alimentazioni idriche Impianti di spegnimento a polvere Impianti di spegnimento ad aerosol 4

5 Schema del Percorso Formativo REQUISITI E SCHEMA DEL PERCORSO FORMATIVO ISTRUZIONE ESPERIENZA LAVORATIVA FORMAZIONE SPECIFICA QUALIFICATA CERTIFICAZIONE VALUTAZIONE COMPETENZE CONOSCENZE CAPACITA CARATTERISTICH E ESPERIENZE ESPERIENZA LAVORATIVA SPECIFICA MANTENIMENTO DURATA DELLA CERTIFICAZIONE 3 ANNI RINNOVO 5

6 Il profilo del tecnico-manutentore Obiettivo della formazione è consentire lo sviluppo di competenza conoscenze abilità nelle seguenti aree: - Sicurezza Ambiente e Salute sul Lavoro - Prevenzione incendi e quadro legislativo - Apparecchiature per estinzione incendi, impianti e dispositivi - Programmare e gestire gli interventi di manutenzione - Comunicazione e relazione con il cliente 6

7 Le basi del Progetto (II) Pre-requisiti Docenti Sedi D Esame Commissione d Esame Definizione requisiti Valutazione Mantenimento 7

8 Pre-requisiti Gli iscritti ai corsi di formazione devono possedere i seguenti requisiti: essere dipendenti o collaboratori 18 avere età minima di 18 anni possedere attestato di frequenza a corso antincendio a rischio medio avere il diploma di scuola media inferiore ed avere operato in questa mansione per almeno un anno, oppure avere diploma di scuola media superiore o laurea ed avere operato in questa mansione per almeno 6 mesi 8

9 Docenti Il docente deve possedere e garantire: Conoscenza della normativa tecnica e della normativa di legge nel settore della prevenzione incendi ed in particolare per la specifica area formativa; Conoscenze specialistiche teorico-pratiche, sulla specifiche attrezzature da utilizzare; Buona capacità comunicativa; 9

10 Sedi d Esame locali: ambienti idonei ai fini della sicurezza nei luoghi di lavoro; aula con capienza minima di 15 persone; spazio coperto dove poter effettuare prove pratiche; attrezzature estintori: macchinari per revisione e collaudo estintori; macchina di caricamento polvere; pompa di travaso per ricarica del biossido di carbonio; pompa di collaudo per serbatoi a bassa pressione e/o alta pressione; attrezzature idranti: Componenti reti idranti (Naspi, Idranti, Attacchi autopompa, ecc.); strumenti di misura di portata e pressione; attrezzature chiusure tagliafuoco e uscite di emergenza: Componenti chiusure (Porte, Serrande, Maniglioni, ecc.); strumenti di regolazione (Livella, Dinamometro, ecc.); 10

11 Commissione d Esame La commissione deve possedere e garantire: Conoscenza della normativa tecnica e della normativa di legge nel settore della prevenzione incendi ed in particolare per la specifica attrezzatura; Conoscenza del contenuto dei corsi di formazione; Conoscenza delle problematiche legate alla manutenzione. Chi la compone: Ente Terzo Riconosciuto Associazione (rappresentante UMAN) Azienda Associata (costruttore) 11

12 Valutazione Scopo della valutazione in sede d esame: approfondire, nell ambito dell esperienza professionale, le informazioni presentate dal Candidato, valutando il grado di adeguatezza della documentazione e dei titoli presentati e la loro congruenza con i settori di interesse indicati dal Candidato; accertare il possesso da parte del Candidato delle conoscenze tecniche, delle competenze sui riferimenti legislativi e normativi e sulle relative metodologie e tecniche applicative, necessarie a svolgere l attività di manutenzione Antincendio. Esame tipo: parte teorica (normativa tecnica, apprendimento, ecc.) + parte pratica 12

13 Mantenimento La verifica del mantenimento, a cura dell azienda a cui sarà proposto un percorso di aggiornamento; Verifica triennale del Candidato, sarà valutazione teorica. impostata su una 13

14 L attività del Gruppo Formazione l impostazione del progetto Formazione precedentemente illustrato, è la base per lo sviluppo successivo dei corsi per le specifiche aree di competenza. La richiesta da parte del mercato della certificazione professionale, è la vera strada da percorrere per ottenere un riconoscimento reale delle professioni poiché le competenze acquisite e dimostrate vengono riconosciute da tutto il mercato ed hanno perciò una visibilità più ampia nello spazio e nel tempo, attraverso la garanzia della soddisfazione dei clienti e della continuità dell attività professionale. 14

15 Progetto Formazione GRAZIE PER L ATTENZIONE 15

DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L.

DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. 2012 DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. DI.M.A.R.C.A. SERVICE S.R.L. 2012 2 IMPIANTI ANTINCENDIO 3 FORNITURA VIGILANZA ANTINCENDIO ADDESTRAMENTO Premessa La DI.M.A.R.C.A SERVICE S.r.L., nata nel 1998 dal conferimento

Dettagli

Diamo valore alla vostra sicurezza

Diamo valore alla vostra sicurezza Diamo valore alla vostra sicurezza Assistenza Emporio Accademia L organizzazione fa la sicurezza La sicurezza è una cosa seria. E complessa. Non è quindi un caso se ai professionisti della sicurezza vengono

Dettagli

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1;

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1; DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Manutentore di estintori: Figura che opera nel: controllo; manutenzione o riparazione degli estintori portatili e carrellati, al fine di garantirne l efficienza operativa

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE REGISTRO ANAGRAFICA ASSOCIATI RAGIONE SOCIALE: FORMA SOCIETARIA: INDIRIZZO: CITTA : CAP: PROV: TEL: FAX: SITO: NOME: PERSONA DI RIFERIMENTO

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

Antincendio Sistemi Integrati

Antincendio Sistemi Integrati Antincendio Sistemi Integrati La società FARO è presente sul mercato italiano già dal 1916 con una produzione di estintori che ebbe largo successo sin dalla sua prima comparsa e poi nell ultimo dopoguerra,

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Amministrazione Provinciale di Pordenone Settore Edilizia e Appalti AUDITORIUM CONCORDIA Via Interna, 2 Pordenone REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Auditorium Sala Conferenze Sala Teatrale e Musicale

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

SAPER PROTEGGERE DAL FUOCO LA GARANZIA DI UNA PROTEZIONE TOTALE DA CHI DI FUOCO SE NE INTENDE

SAPER PROTEGGERE DAL FUOCO LA GARANZIA DI UNA PROTEZIONE TOTALE DA CHI DI FUOCO SE NE INTENDE SAPER PROTEGGERE DAL FUOCO LA GARANZIA DI UNA PROTEZIONE TOTALE DA CHI DI FUOCO SE NE INTENDE Mozzanica & Mozzanica è una società specializzata in tecniche e sistemi antincendio, che nasce più di 25 anni

Dettagli

Un angelo custode guarda alla VostRa serenità PIgHI. la sicurezza di sentirsi PRotettI.

Un angelo custode guarda alla VostRa serenità PIgHI. la sicurezza di sentirsi PRotettI. Un angelo custode GUARDA ALLA VOSTRA SERENITà Ha lo sguardo che Pighi Antincendi rivolge a chi cerca più tranquillità per la propria casa e il proprio ambiente di lavoro, stabilendo un nuovo standard di

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA RAGIONE SOCIALE O TIMBRO DELL AZIENDA : Responsabile della gestione del registro : DI ISTITUZIONE DEL REGISTRO: REV. REDAZIONE DESCRIZIONE

Dettagli

L esame dovrà essere fatto entro 6 mesi dalla data di rilascio di attestazione del corso.

L esame dovrà essere fatto entro 6 mesi dalla data di rilascio di attestazione del corso. DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Figure che operano nel: controllo; manutenzione o riparazione delle chiusure tagliafuoco e porte poste sulla via dell esodo, al fine di garantirne l efficienza operativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VANVITELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VANVITELLI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VANVITELLI P.co degli Aranci 81100 Caserta (CE) PRINCIPALI INDICAZIONI OPERATIVE DESTINATARI: ADDETTI ALL EMERGENZA COMPONENTI SQUADRA ANTINCENDIO. Il Datore di Lavoro dott.ssa

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011 CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011 PROGRAMMA ai sensi dell art. 4 del DM 5/08/2011 Modulo 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi

Dettagli

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze Marino Mariani CEA Estintori SpA Sviluppo e Supporto ai Servizi di Sicurezza e Antincendio Imola, 19 novembre

Dettagli

Il Vostro percorso... nel D.Lgs. 81/08 e succ. modif. 1- l'incarico di Responsabile del Servizio Prevenzione e protezione aziendale

Il Vostro percorso... nel D.Lgs. 81/08 e succ. modif. 1- l'incarico di Responsabile del Servizio Prevenzione e protezione aziendale Il Vostro percorso....... nel D.Lgs. 81/08 e succ. modif. 1- l'incarico di Responsabile del Servizio Prevenzione e protezione aziendale formalizzando l'incarico nominate il RSPP adempiendo così agli obblighi

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. maggio 2010 oggi Robustelli Test Geom. Mauro, Cascina Santa Maria Appiano Gentile (CO)

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. maggio 2010 oggi Robustelli Test Geom. Mauro, Cascina Santa Maria Appiano Gentile (CO) F ORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Cascina Santa Maria 22070 Appiano Gentile (CO) Telefono Ufficio +39 031 89 11 20 Cellulare + 39 366 31 43 432 Fax Ufficio +39 031

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

LISTINO. Servizi e corsi di formazione in linea con il D.Lgs. n. 81 del 09/04/2008

LISTINO. Servizi e corsi di formazione in linea con il D.Lgs. n. 81 del 09/04/2008 LISTINO Servizi e corsi di formazione in linea con il D.Lgs. n. 81 del 09/04/2008 1. ELABORAZIONE DELL D.V.R. COMPLETO DI TUTTI I RISCHI SPECIFICI (RUMORE VIBRAZIONI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

Dettagli

ESTINTORI IDRANTI E NASPI

ESTINTORI IDRANTI E NASPI ESTINTORI La norma di riferimento per la manutenzione degli estintori portatili e carrellati è la UNI 9994 rev. 11/03. Tale norma indica le periodicità degli interventi e le modalità d'esecuzione. Le principali

Dettagli

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza - Prevenzione incendio

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Emergenza - Prevenzione incendio di Emergenza - Prevenzione incendio - Aziende a basso, medio ed alto rischio - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione

Dettagli

Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

Servizi offerti. Sicurezza e Ambiente di lavoro - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i

Servizi offerti. Sicurezza e Ambiente di lavoro - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i Obiettivo della Riccardi è di fornire supporto a tutte le realtà professionali nell assolvimento delle problematiche tecnico/legislative in ambito di igiene del lavoro, sicurezza dei lavoratori e sicurezza

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro Servizi BrainCare S.r.l., opera anche nel settore Medicina del Lavoro offrendo alle Aziende Clienti, i suoi servizi

Dettagli

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATO - RETRAINING

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO ELEVATO - RETRAINING SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE In collaborazione con il Servizio Qualità Formazione Comunicazione e Accreditamento Corso di addestramento CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO

Dettagli

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it NOVACONSULT TEAM CORSI DI FORMAZIONE Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it www.novaconsult.it INDICE Premessa Corso base per lavoratori Corso di formazione

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

CATA CNA Udine srl. Spett.le Impresa/partecipante. Oggetto: corsi di formazione per istruttore antincendio

CATA CNA Udine srl. Spett.le Impresa/partecipante. Oggetto: corsi di formazione per istruttore antincendio SERVIZIO INTERPROVINCIALE PER UDINE, GORIZIA E PORDENONE Spett.le Impresa/partecipante Oggetto: corsi di formazione per istruttore antincendio Egregio Referente, come d accordo Le invio l invito al corso

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE MPTF UNI 11473-3

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE MPTF UNI 11473-3 DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE La norma UNI 11473-3 definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza relativi all'attività professionale dell'installatore e del manutentore di porte resistenti

Dettagli

FEBBRAIO 2015. Informazioni ed Iscrizioni: Antonella Moi amoi@confindustriaravenna.it Tel.0544/210499 Fax 0544/34565

FEBBRAIO 2015. Informazioni ed Iscrizioni: Antonella Moi amoi@confindustriaravenna.it Tel.0544/210499 Fax 0544/34565 FEBBRAIO 2015 : Aggiornamento di Primo Soccorso per aziende appartenenti al Gruppo A (D.M. n.388 del 15/07/03) 03/02/2015 ore 11.00-18.00 Aggiornamento della formazione degli Addetti al Primo Soccorso,

Dettagli

TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010

TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010 IL PERCORSO DEL TECNICO MANUTENTORE DI ESTINTORI, COMPONENTI DI RETI IDRANTI E PORTE TAGLIAFUOCO PER OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DELLE SUE COMPETENZE TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010 Nel 2010, quando ancora

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI L'AZIENDA NASCE NEL 1990 SU INIZIATIVA DEI SOCI ARGIOLAS MARCO E DENACI ANTONIO ED È STATA LA PRIMA AZIENDA IN SARDEGNA AD OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001: 2000.

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Circolare n. 47 data, 15.10.2015. E, p.c. R.L.S.

Circolare n. 47 data, 15.10.2015. E, p.c. R.L.S. ISTITUTO COMPRENSIVO Sede Centrale Via Don Minzoni, n 1 tel segret 099 5635481 tel presid 099 5619721, Fax n 099 5669005 wwwistitutocomprensivopignatelligovit Distretto n054 - Cod Mecc TAIC85900X - CF

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto)

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi Manutenzioni e verifiche Listino Servizi CODICE DESCRIZIONE ARTICOLO A VISITA COSTO ANNUO 2 VISITE NORMA UNI 9994 5.1 E 5.2 per estintori portatili e carrellati CON da 1 a 5 estintori CON da 6 a 10 estintori

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO. Azienda SPA Via Roma, 1 20100 Milano (MI)

REGISTRO ANTINCENDIO. Azienda SPA Via Roma, 1 20100 Milano (MI) REGISTRO ANTINCENDIO Azienda SPA Via Roma, 1 20100 Milano (MI) Data 02/07/2009 Elenco attività soggette a controllo VV.FF. Attività Fascicolo Data Estremi Certificato Prevenzione Incendi Fascicolo Data

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI SECURITY MANAGER JUNIOR SECURITY MANAGER

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI SECURITY MANAGER JUNIOR SECURITY MANAGER SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004 Sistemi Valutazione della conformità - Requisiti generali

Dettagli

Decreto Ministeriale 15/1/2007

Decreto Ministeriale 15/1/2007 Decreto Ministeriale 15/1/2007 Approvazione dei requisiti degli organismi formatori, del programma e delle modalità di svolgimento dei corsi di formazione, rivolti ai rivenditori e agli installatori di

Dettagli

COMPETENZE E REQUISITI FORMATORE ANTINCENDIO. Relatrice CINZIA FINI

COMPETENZE E REQUISITI FORMATORE ANTINCENDIO. Relatrice CINZIA FINI 1 COMPETENZE E REQUISITI FORMATORE ANTINCENDIO Relatrice CINZIA FINI DOVE ERAVAMO RIMASTI? BOZZA Nuovo D.M. 10 Marzo 1998 Art.8 1.I corsi di formazione di cui al presente articolo possono essere svolti,

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Decreto 3 agosto 2015

Decreto 3 agosto 2015 Decreto 3 agosto 2015 Controllo e manutenzione impianti e attrezzature antincendio Marino Mariani CEA Estintori SpA Sviluppo e Supporto ai Servizi di Sicurezza e Antincendio Imola, 12 novembre 2015 Controllo

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

Master per il conseguimento del DIPLOMA EUROPEO DI ESPERTO NELLA PREVENZIONE INCENDI. 46 edizione. Roma, 21 ottobre 19 dicembre 2014

Master per il conseguimento del DIPLOMA EUROPEO DI ESPERTO NELLA PREVENZIONE INCENDI. 46 edizione. Roma, 21 ottobre 19 dicembre 2014 Il secondo modulo Il rischio di incendio e di esplosione nei luoghi di lavoro è valido come Corso di Aggiornamento per RSPP e ASPP (D. Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni 26.01.06) Master per il conseguimento

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI CENNI SULLA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED IL PIANO DI EMERGENZA DOCUMENTI DA PREDISPORRE E CONSERVARE Relatore: Ing.

Dettagli

Natale Mozzanica. Padova, 27 novembre 2014

Natale Mozzanica. Padova, 27 novembre 2014 LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI : UN ATTIVITA FONDAMENTALE PER GARANTIRE L EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI E PER GARANTIRE L ASSEVERATORE NELLA FASE DI RINNOVO PERIODICO Natale Mozzanica Padova, 27 novembre

Dettagli

come qualificato, con effettivo svolgimento delle mansioni individuate nella norma UNI 11554.

come qualificato, con effettivo svolgimento delle mansioni individuate nella norma UNI 11554. _SCPGAS DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Figura professionale che opera sugli impianti a gas di tipo civile alimentati da reti di distribuzione. UNI EN ISO 17024:2012 UNI 11554:2014 Prassi di Riferimento

Dettagli

PREVENZIONE DEGLI INCENDI

PREVENZIONE DEGLI INCENDI PREVENZIONE DEGLI INCENDI M.Tedesco Premessa: a ciascuno il suo mestiere: non siamo Vigili del Fuoco Non siamo formati per estinguere grandi incendi. tel. 115 Ma tra il personale ci possono essere delle

Dettagli

L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO L INDIVIDUAZIONE DEL TIPO DI IMPIANTO DA REALIZZARE COME CONSEGUENZA DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO Forum di Prevenzione Incendi Milano, 26 ottobre 2011 LA PROTEZIONE ATTIVA FATTORE DI SICUREZZA

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015 DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE Formazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs 81/2008) e s.m.i PRESENTAZIONE Con il presente catalogo intendiamo sintetizzare le principali opportunità

Dettagli

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 1 Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 Sommario 2 Formazione di lavoratori..4 - Formazione generale

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

0LVXUHGLSURWH]LRQHSDVVLYD 5HD]LRQHDOIXRFRGHLPDWHULDOL

0LVXUHGLSURWH]LRQHSDVVLYD 5HD]LRQHDOIXRFRGHLPDWHULDOL 0LVXUHGLSURWH]LRQHSDVVLYD 5HD]LRQHDOIXRFRGHLPDWHULDOL Rappresenta il comportamento al fuoco dei materiali. Per determinare la reazione al fuoco si fanno delle prove sperimentali in laboratorio. I materiali

Dettagli

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013)

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) La presente norma prescrive i criteri per effettuare il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico, la revisione programmata e il

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 STANDARD FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

ESTINTORI DI INCENDIO

ESTINTORI DI INCENDIO ESTINTORI DI INCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO NORME TECNICHE E PROCEDURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ ESTINGUENTE E PER L OMOLOGAZIONE DEGLI ESTINTORI CARRELLATI D INCENDIO D.M. 06/03/1992 Art.

Dettagli

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30 Scheda N 1 Estintori Tipo di controllo Sorveglianza 30 A1 Verificare i seguenti aspetti: a) l estintore sia presente e segnalato con apposito cartello, secondo quanto prescritto dalla legislazione vigente;

Dettagli

Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6

Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6 Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6 REQUISITI MINIMI DI ACCESSO E CORSI E LEARNING/VIDEO LEZIONI DISPONIBILI CONOSCENZE CONTENUTI FORMATIVI

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N.

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA FONDAZIONE COMUNITÀ DI ARCO A.P.S.P. Comune di Arco (Tn) COPIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 126 Protocollo n. 3209 del 25.09.2015 OGGETTO: SERVIZIO DI ASSISTENZA,

Dettagli

P.IVA 0242905 069 9 n. R.E.A. CH - 178338 Via A. Barrella,63,61 66034 LANCIANO (CH) Tel. 0872/470057 info@humanfactorysrl.com www.humanfactorysrl.

P.IVA 0242905 069 9 n. R.E.A. CH - 178338 Via A. Barrella,63,61 66034 LANCIANO (CH) Tel. 0872/470057 info@humanfactorysrl.com www.humanfactorysrl. 1 2 ELENCO CORSI Abilità Personali Sviluppo delle competenze trasversali Leggere la Busta Paga Gestione e Amministrazione del personale base Gestione e Amministrazione del personale avanzato Formazione

Dettagli

ADDESTRAMENTO SQUADRA DI PRIMO INTERVENTO ANTINCENDIO SVOLTI SECONDO IL PROGRAMMA DEL DECRETO MINISTERIALE 64/98

ADDESTRAMENTO SQUADRA DI PRIMO INTERVENTO ANTINCENDIO SVOLTI SECONDO IL PROGRAMMA DEL DECRETO MINISTERIALE 64/98 ADDESTRAMENTO SQUADRA DI PRIMO INTERVENTO ANTINCENDIO SVOLTI SECONDO IL PROGRAMMA DEL DECRETO MINISTERIALE 64/98 CORSI ESEGUITI PRESSO IL NOSTRO CAMPO PROVE OPPURE PRESSO LE SEDI DEI CLIENTI (MAX 20 persone)

Dettagli

Il Presidente ing. Franco Luraschi

Il Presidente ing. Franco Luraschi PRESENTAZIONE Dopo qualche tempo di silenzio editoriale, carico comunque di impegni tecnici, questo Comitato ha ritenuto di rivolgere le proprie risorse umane anche allo studio di un Registro Antincendio,

Dettagli

ALLEGATO A) al decreto STANDARD PROFESSIONALE COMPETENZE

ALLEGATO A) al decreto STANDARD PROFESSIONALE COMPETENZE ALLEGATO A) al decreto STANDARD PROFESSIONALE E FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI - FER STANDARD PROFESSIONALE

Dettagli

9 SICUREZZA INDUSTRIALE

9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9.1 Gestione dell impianto La Sedamyl si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza, ai sensi del D.L. 81/2008 conforme alla normativa OMSAS(18001). Insieme al sistema di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 6 1 06.02.2014 Rev. Generale 0 01.10.2013 CEPAS srl Presidente Comitato

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu PROCEDURA GESTIONALE sigla: PG46 Pag. 1 di 10 AL FUOCO E/O PER IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO A CURA DI Ing. SEBASTIANO MARTIGNANO Via G.Boccaccio, n. 4 73100 LECCE Via Cerreto di Spoleto, n. 29 00181 Roma Tel.: +39 (832) 498023 Fax: +39 (832)

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI SECURITY PROFESSIONAL

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI SECURITY PROFESSIONAL SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI Il presente Schema è stato redatto in conformità alla Norma : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 Sistemi Valutazione della conformità Requisiti generali

Dettagli

Viale Italia n.10 07100 Sassari. www.missionelavoro.org. Tel. 079.9102080 345.4287341 RSPP MODULO B3

Viale Italia n.10 07100 Sassari. www.missionelavoro.org. Tel. 079.9102080 345.4287341 RSPP MODULO B3 Viale Italia, 10 07100 Sassari www.missionelavoro.org Associazione Missione Lavoro Ente di Promozione Sociale Tel. 079.9102080 345.4287341 Centro Studi Formazione Professionale Missione Lavoro Ente accreditato

Dettagli

CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO

CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO 1. Presentazione ed obiettivi dei corsi di formazione. 2. Descrizione dei

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it

CATALOGO FORMATIVO. SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it CATALOGO FORMATIVO SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it INDICE Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione - Datore di

Dettagli

Raccomandazioni generali Il CIG consiglia che: Corsi di formazione propedeutici a percorsi di qualificazione/certificazione siano tenuti da docenti

Raccomandazioni generali Il CIG consiglia che: Corsi di formazione propedeutici a percorsi di qualificazione/certificazione siano tenuti da docenti Programma corsi di formazione per qualificazione/certificazione degli operatori del post contatore gas ai sensi della norma UNI 11554 e del PdR 11/2014. Premessa Il presente documento riporta indicazioni

Dettagli

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE ESTINTORI PORTATILI E CARRELLATI SERVIZIO DI CONTROLLO E MANUTENZIONI (ART.4 D.M. 10 MARZO 1998) UNI 9994-1 IL CONTROLLO AVVIENE TRAMITE L EFFETUAZIONE DEI SEGUENTI

Dettagli

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROGRAMMA DEL CORSO R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO DI SPECIALIZZAZIONE) MACROSETTORE N. 6 COMMERCIO, TRASPORTO (Decreto Legislativo coordinato

Dettagli

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto.

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto. REGISTRO DEGLI ADEMPIMENTI ANTINCENDIO - (art. 5 d.p.r. n. 37 del 12-01-1998) _ A.S. 2014-2015 Denominazione della ditta, azienda, attività POLO PROFESSIONALE L. SCARAMBONE I.S.I.S.S. Ubicazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 304/2008 DELLA COMMISSIONE I L 92/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.4.2008 REGOLAMENO (CE) N. 304/2008 DELLA COMMISSIONE del 2 aprile 2008 che stabilisce, in conformità al regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo

Dettagli

ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI. PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali)

ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI. PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali) N.ORE DOCENTI ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI PER PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali) PROCEDIMENTI DI TECNOLOGIA DEI SISTEMI E DEGLI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide)

PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide) PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide) Corso ASPP-RSPP modulo Macrosettore Ateco B5 Chimica (Decreto Legislativo coordinato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONIO ANDREUZZI VIA Roma 9 33092 MEDUNO (PN)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONIO ANDREUZZI VIA Roma 9 33092 MEDUNO (PN) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONIO ANDREUZZI VIA Roma 9 33092 MEDUNO (PN) Codice Fiscale: 81018040931 Codice Meccanografico: PNIC81000P E-mail: pnic81000p@istruzione.it PEC: pnic81000p@pec.istruzione.it

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli