PIANO DI PRONTO SOCCORSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI PRONTO SOCCORSO"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1

2 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO COMPETENTE: FUNZIONI 9 5. L UNITA OPERATIVA MEDICINA DEL LAVORO E SICUREZZA: FUNZIONI 9 6. REGOLE DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA LOCALIZZAZIONE DEI PRESIDI SANITARI ATTO DI DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI COMUNICAZIONE DEGLI INCIDENTI 18 2

3 1. GENERALITA Nel trattare i diversi aspetti che riguardano il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori, Il D. Lgs. n. 81/2008 riserva alla organizzazione, da parte del datore di lavoro, del pronto soccorso e della gestione dell emergenza sui luoghi di lavoro. Il decreto ministeriale n.388/2003, recante disposizioni attuative del citato art.15, prevede l organizzazione di un pronto soccorso da modulare in relazione alla natura e al grado di assistenza medica di emergenza in rapporto alle caratteristiche dell azienda, dell attività svolta, del numero dei lavoratori occupati e dei fattori di rischio. Il Piano di Pronto Soccorso è emanato dal Dirigente Scolastico, investito dei poteri di privato datore di lavoro, ai sensi dell art.5 del D. Lgs. n.165/2001. Il Dirigente, in collaborazione con il medico competente, sulla base dei rischi specifici presenti nell Ente e tenuto conto della valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute, di cui all art.4, comma 2, lett. a) del D. Lgs. n. 81/2008, individuano, rendono disponibili e garantiscono le condizioni di efficienza e di pronto impiego dei presidi sanitari ossia della cassetta di pronto soccorso e/o del pacchetto di medicazione e favoriscono l accesso a mezzi di comunicazione idonei per attivare rapidamente il sistema del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Il contenuto minimo dei suddetti presidi è descritto negli allegati n.1 e n.2 del decreto n.388/2003 mentre, ai sensi dell art.7 del D.P.R. del 27 marzo 1992 e successive modifiche, al SSN è chiesto di assicurare, oltre gli interventi diagnosticoterapeutici di urgenza compatibili, almeno i primi accertamenti diagnostici, clinici, strumentali e di laboratorio e gli interventi necessari alla stabilizzazione del paziente, nonché garantire il trasporto protetto sotto la responsabilità di un medico competente. Obiettivo del presente Piano è l organizzazione interna del pronto soccorso inteso quale insieme di procedure da adottare qualora sia necessario intervenire nei confronti di coloro che all interno della struttura siano stati coinvolti in incidenti (infortuni o malori) al fine di proteggerli da eventuali ulteriori rischi: l addetto al pronto soccorso deve esaminare rapidamente le condizioni dell infortunato (stato di coscienza, funzione respiratoria e funzione cardiocircolatoria), avvertire il sistema di allarme sanitario, di cui all art.3 del D.P.R. del 27 marzo 1992, e soccorrerlo con manovre adeguate. Tutto il personale è tenuto ad osservare quanto contenuto nel presente Piano di pronto soccorso e si ricorda che è comunque dovere di ogni cittadino prestare assistenza a persona ferita o altrimenti in pericolo e darne immediato avviso all Autorità (cfr. art.593 Codice penale). 3

4 2. PRESIDI SANITARI Considerata la rete territoriale di emergenza facente capo al sistema di allarme sanitario, di cui all art.3 del D.P.R. del 27 marzo 1992, analizzando le caratteristiche delle attività svolte presso le diverse sedi dell Ente e i rischi specifici, il Dirigente, in collaborazione con il medico competente, ha individuato come presidio di pronto soccorso obbligatorio le cassette di pronto soccorso, opportunamente integrate sulla base dei rischi presenti nei diversi luoghi di lavoro. Le cassette di pronto soccorso, meglio se di tipo a valigetta, sono collocate come da allegato 1 e sono indicati dalla segnaletica apposita (croce bianca in fondo verde). I contenuti delle cassette di pronto soccorso devono essere completi e riportare l elenco del materiale disponibile; devono essere mantenuti in condizioni di efficienza e di pronto impiego e facilmente accessibili. Su proposta del medico competente, l unità operativa Medicina del lavoro e sicurezza potrà, sempre sulla base della valutazione dei rischi specifici, modificare l elenco del materiale disponibile in ogni cassetta di pronto soccorso e/o pacchetto di medicazione oppure indicare un presidio sanitario diverso per quello previsto. 2.1 Contenuti della cassetta di pronto soccorso Guanti sterili monouso (5 paia). Visiera paraschizzi Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro -0, 9%) da 500 ml (3). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2). Teli sterili monouso (2). Pinzette da medicazione sterili monouso (2). Confezione di rete elastica di misura media (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso (2). Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2). 4

5 Un paio di forbici. Lacci emostatici (3). Ghiaccio pronto uso (due confezioni). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2). Termometro. Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. 2.2 Contenuti del pacchetto di medicazione Guanti sterili monouso (2 paia). Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1). Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml (1). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3). Pinzette da medicazione sterili monouso (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezione di cerotti di varie misure pronti all'uso (1). Rotolo di cerotto alto cm 2,5 (1). Rotolo di benda orlata alta cm 10 (1). Un paio di forbici (1). Un laccio emostatico (1). Confezione di ghiaccio pronto uso (1). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1). Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio di emergenza. 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO Gli addetti al pronto soccorso sono lavoratori dipendenti designati dal datore di lavoro, ai sensi dell art.12, comma 1, lettera b) del D. Lgs. 19 settembre 1994, n.626, e opportunamente formati, ai sensi dell art.3 del Decreto n.388/2003, per l attuazione delle misure di primo intervento interno, per l attivazione degli interventi di primo soccorso e di gestione dell assistenza medica. I criteri di selezione per l individuazione dei suddetti lavoratori, preferibilmente volontari con predilezione per i soggetti che hanno già avuto esperienze affini, 5

6 sono: lo spirito di osservazione e di decisione; la capacità di assumere iniziative appropriate; assunzione di responsabilità; adeguato livello di comprensione; capacità di direzione e gestione di eventi incidentali; stabilità emozionale; permanenza sul posto di lavoro; conoscenza degli edifici; conoscenza dei principali rischi specifici; conoscenza dei presidi di pronto soccorso; conoscenza del piano di evacuazione e dei percorsi di fuga e punti di raccolta; conoscenza dei contenuti e delle modalità di utilizzo dei presidi sanitari; conoscenza dei principali riferimenti di soccorso sanitario pubblico presente sulla rete territoriale. Sono designati con provvedimento del Dirigente Scolastico. Essi sono preposti ad un intervento decisivo e limitato nei casi di incidente a persone presenti nella struttura. L intervento è: 1. decisivo, in quanto valido aiuto per il personale sanitario qualificato, perché presente sul luogo dell urgenza ed immediatamente disponibile al soccorso; 2. limitato: a. nello spazio: il campo di azione e l ambiente di lavoro; b. nel tempo: il primo soccorritore si prende cura dell infortunato nel periodo subito dopo l incidente fino all arrivo dei soccorsi qualificati; c. nella sostanza: il primo soccorritore deve riconoscere ed eliminare le situazioni di pericolo, valutare lo stato generale dell infortunato, prestare i primi soccorsi sanitari e gestire l assistenza medica. Il loro nominativo e recapito telefonico è presente in ogni ufficio dei diversi plessi dell Ente. Ad essi ci si rivolge in caso di infortunio o di malore per ricevere i primi soccorsi. 6

7 3.1 Compiti dell addetto al pronto soccorso Gli addetti al pronto soccorso, alla segnalazione di un infortunio o di un malore, devono: recarsi immediatamente sul luogo dell incidente; valutare la scena per assicurarsi di non correre alcun rischio; autoproteggersi con le attrezzature minime previste dal datore di lavoro, in collaborazione con il medico competente, ai sensi dell art.4, comma 1 del D.M. n.388/2003; allontanare persone estranee al soccorso; ridurre o eliminare le condizioni di pericolo e comunque richiedere l intervento di tecnici qualificati; allontanare la vittima dal pericolo (qualora fosse possibile); valutare la tipologia dell evento (traumatico, ambientale o medico) e lo stato generale dell infortunato; attivare il sistema di allarme sanitario esterno, di cui all art.3 del D.P.R. del 27 marzo 1992, ovvero il 118 fornendo le seguenti indicazioni: 1. informazioni logistiche; 2. tipo di evento; 3. stato generale dell infortunato con particolare riferimento alle funzioni vitali (coscienza, respiro, polso); prestare i primi soccorsi e gestire l assistenza medica procedendo con manovre adeguate; dirigere l opera di eventuali soccorritori improvvisati ; invitare l infortunato, se non impossibilitato fisicamente o psichicamente, a recarsi al più vicino pronto soccorso sanitario locale; accompagnare, in relazione alla gravità dell incidente, l infortunato alla più vicina struttura sanitaria esterna per fornire informazioni puntuali sulla dinamica dell incidente; Nel caso di più addetti al pronto soccorso presenti sulla scena è bene che sia preventivamente stabilito il coordinatore del soccorso e della gestione dell emergenza. 7

8 3.2 Altri compiti dell addetto al pronto soccorso curare, in collaborazione con l unità operativa Medicina del Lavoro e sicurezza e il medico competente, la tenuta efficiente e di pronto impiego dei presidi sanitari nonché le eventuali attrezzature minime di equipaggiamento e i dispositivi di protezione individuale, ai sensi dell art.4 del Decreto n.388/2003; verificare, in collaborazione con l unità operativa Medicina del Lavoro, la diffusione informativa dei nominativi e dei riferimenti telefonici degli addetti al pronto soccorso nonché la segnaletica dei presidi di pronto soccorso (croce bianca in campo verde); conoscere le variazioni strutturali dei plessi per poter descrivere al soccorso esterno i percorsi più rapidi per raggiungere il luogo dell incidente; collaborare con il dirigente per garantire la presenza degli addetti al pronto soccorso nei diversi turni lavorativi; partecipare alle esercitazioni pratiche e teoriche per l attuazione delle misure di primo intervento interno e per l attivazione degli interventi di pronto soccorso e di gestione dell emergenza. 3.3 Formazione degli addetti al pronto soccorso L Ente organizza, tramite l unità operativa Medicina del Lavoro e sicurezza, in collaborazione con il medico competente e il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale, corsi di formazione, di aggiornamento e di addestramento, secondo quanto previsto dall allegato 4 del Decreto n.388/ MEDICO COMPETENTE Il medico competente, nominato ai sensi del D. Lgs. n. 81/2008: collabora, con il datore di lavoro e l unità operativa Medicina del lavoro e sicurezza, alla predisposizione e organizzazione del servizio di pronto soccorso aziendale; collabora, sulla base dei rischi specifici presenti in azienda, alla individuazione dei presidi sanitari, delle attrezzature minime di equipaggiamento e dei dispositivi di protezione individuale; 8

9 collabora alla attività di formazione e di informazione degli addetti al pronto soccorso; esprime giudizi di idoneità allo svolgimento delle funzioni di addetto al pronto soccorso; collabora, sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale e delle diverse situazioni di rischio, alla predisposizione e alla attuazione di tutte le misure di tutela della salute e dell integrità psico-fisica dei lavoratori. annuale degli infortuni e dei malori verificatisi in azienda. 5. REGOLE DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA Le richieste di intervento devono essere corrette, complete, comprensibili e sintetiche per evitare perdite di tempo e per salvaguardare le funzioni vitali dell infortunato. L esito di ogni intervento di soccorso, anche a fronte di situazioni difficili, dipende, al di là delle competenze tecniche, soprattutto dal buon senso e dalla calma con cui si opera. 1. Chiamata del servizio sanitario esterno, di cui all art.3 del D.P.R. del 27 marzo 1992, ovvero il 118 Le informazioni devono contenere: Nome e cognome del richiedente; Unità di appartenenza; Numero degli infortunati; Descrizione sommaria delle condizioni dell infortunato; Descrizione precisa del luogo dell incidente (sede, indirizzo, piano dell edificio, denominazione dell ufficio). Se il luogo è di difficile raggiungimento si può invitare qualcuno ad aspettare i soccorsi all ingresso principale dell edificio; E bene accertarsi che l interlocutore abbia compreso esattamente le informazioni, nonché chiedere il nominativo e il riferimento dell interlocutore per eventuali richieste successive. 9

10 2. Chiamata dell addetto al pronto soccorso Le informazioni devono contenere: Nome e cognome del richiedente; Unità di appartenenza; Numero degli infortunati; Descrizione sommaria delle condizioni dell infortunato; Descrizione precisa del luogo dell infortunio (sede, indirizzo, piano dell edificio, denominazione dell ufficio). E bene accertarsi che l interlocutore abbia compreso esattamente le informazioni. 3. Numeri Utili Servizio sanitario esterno 118 Pronto intervento 112 Pronto intervento VV.FF. 115 Soccorso pubblico 113 Pubblica Assistenza 118 Medico competente - Dr. Andriani Dino

11 ALLEGATO 1 LOCALIZZAZIONE DEI PRESIDI SANITARI Sede P.le S. Andrea - Porto S. Stefano Cassetta di pronto soccorso (Piano terra) Sede Via Campagnatico Porto Ercole Cassetta di pronto soccorso (Piano terra) Sede Via delle Sughere Porto Ercole Cassetta di pronto soccorso (Piano terra e Primo Piano) 11

12 ALLEGATO 2 ATTO DI DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO OGGETTO: DESIGNAZIONER DEI LAVORATORI INCARICATI DELLA GESTIONE DELL EMERGENZA E DEL PRONTO SOCCORSO IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO l art.5 del D. Lgs. n.165/2001 che attribuisce ai Dirigenti i poteri del privato datore di lavoro; VISTO il D. Lgs. n. 81/2008 che obbliga il datore di lavoro ad adottare le misure per la gestione dell emergenza e del pronto soccorso e in particolare a designare i lavoratori incaricati; VISTO il D. Lgs. n. 81/2008 che attribuisce al datore di lavoro il compito di designare uno o più lavoratori incaricati per l assunzione di provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza; VISTO l art.3, comma 1 del D.M. n.388/2003 œ Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione del D. Lgs. n. 81/2008 e ss. mm. e ii.; VERIFICATI la disponibilità dei lavoratori nonché i criteri di selezione stabiliti dal suddetto Piano di Pronto Soccorso; DESIGNA 1. quali incaricati alla gestione dell emergenza e del pronto soccorso il seguente personale: vedi nomine annuali. Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Rosa Tantulli 12

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente.

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente. IL PRIMO SOCCORSO Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 mette in capo al Datore di Lavoro l obbligo di prendere i provvedimenti necessari in tema di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS IL PRIMO SOCCORSO A cura

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli

Primo soccorso in azienda

Primo soccorso in azienda Primo soccorso in azienda Articolo 15 D. Lgs. 626/94 1) Il datore di lavoro (omissis).. prende provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza.(omissis) 2) Il

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO PIANO DI PRONTO SOCCORSO INDICE 1 - GENERALITÀ 2 - ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 3 - PROCEDURE IMPARTITE AGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 4 - PROCEDURE IMPARTITE AI LAVORATORI 5 - CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Angelo Sacco Matteo Ciavarella Collana A B C INFORMAZIONE ESSENZIALE PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Manuale ad uso dei lavoratori Ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del Decreto n. 388 del

Dettagli

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Graziano Frigeri 1 graziano@euronorma.it Con sei mesi di ritardo rispetto alla scadenza originaria, il 3 Febbraio 2005bentra definitivamente

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE PIANO DI EMERGENZA SCUOLE ai sensi del D.Lgs. 81/08-242/96 e D.M. 10/3/98 Nome scuola/istitut o indirizzo Istituto Comprensivo di CastelGoffredo Anno scolastico 2014/2015 Gestione delle emergenze Il D.Lgs

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 INFERMIERE AREA CRITICA 16/12/2011 - Dott. G. Guastella - www.formatori.veneto.it 2

Dettagli

Documento Valutazione Rischi

Documento Valutazione Rischi ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI In Memoria dei Morti per la Patria CHIAVARI Succursale: via Castagnola 15A Documento Valutazione Rischi (art.28 Decreto Legislativo n 81/2008) ISTITUTO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003 Dott. Giulio Angelo Boario Medico Chirurgo, Specialista in Medicina del Lavoro Str. Ronchi Cunioli Alti 63/12-10024 Moncalieri (TO) tel. 0116612547 - cell.3397233693 e-mail giulioangelo.boario@fastwebnet.it

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 DATA: 27/01/2005 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Personale / Resp. Servizio Prevenzione e Protezione / Resp. Formazione / Addetti Primo Soccorso DA/FROM: TECNOLARIO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.Comprensivo " Villa Verrocchio " Montesilvano PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 DATA: IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.Leo Di Fabio DSGA Giuseppe Barrara IL MEDICO COMPETENTE dott. IL

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO D.M. n 388 del 15/07/2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Normativa - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI)

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) PIANO DI PRONTO SOCCORSO ITCG G. Maggiolini via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. PARINI VIA ROMA 56 21055 GORLA MINORE (VA) P.IVA/C.F. 81009990128 Tel.n.0331/601650 Fax n. 0331/601650 PEC: icsgparini.va.protocollo@pa.postacertificata.gov.it e-mail comprensivogorla@libero.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. RODARI

SCUOLA PRIMARIA G. RODARI ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASO GROSSI Via T. Grossi, 35-20017 RHO (MI) C.F.93546620159 Cod. Mecc. MIIC8FF002 Tel. 02. 93900447 FAX 02. 93 469700 E-mail miic8ff002@istruzione.it - PEC miic8ff002@pec.istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 15 luglio 2003, n. 388

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994,

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Cassetta di Pronto Soccorso

Cassetta di Pronto Soccorso 16002 Cassetta di Pronto Soccorso Per unità produttive oltre i 2 dipendenti. Dimensioni: 46 x 34 x 18 cm. Contenuto: 1 copia decreto ministeriale 388 del 15/07/03, 5 paia di guanti sterili, 1 mascherina

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE ed TU Titolo IV Cantieri temporanei o mobili 1 PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 dove parla del primo soccorso 2 Dlgs 81/2008+106/2009 allegato

Dettagli

http://bd01.leggiditalia.it/cgi-bin/fulshow

http://bd01.leggiditalia.it/cgi-bin/fulshow Pagina 1 di 11 Leggi d'italia D.M. 15-7-2003 n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626, e successive

Dettagli

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole PRIMO SOCCORSO: Aspetti organizzativi 7.13 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 Primo soccorso

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. Istituto comprensivo Toscanini Chiari -

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. Istituto comprensivo Toscanini Chiari - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "A. TOSCANINI" - CHIARI (BS) VIA ROCCAFRANCA n 7/b tel 030/711217

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO DIREZIONE DIDATTICA DI STATALE II CIRCOLO DI BOLLATE PIANO DI PRONTO SOCCORSO II CIRCOLO DIDATTICO DI BOLLATE - Scuola dell infanzia V. BACHELET - Scuola dell infanzia B. MUNARI - Scuola primaria M. MONTESSORI

Dettagli

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale.

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. InformaImpresa n. 43 del 03/12/04 Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. A distanza di quasi dieci anni è stato approvato e pubblicato

Dettagli

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M.

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. 388/03) ORGANIZZAZIONE: Responsabile del progetto formativo Ing. Giacinto

Dettagli

PIANO EMERGENZA PRIMO SOCCORSO La presente procedura si applica all Istituto Comprensivo Statale di Domegge e Calalzo di Cadore (BL)

PIANO EMERGENZA PRIMO SOCCORSO La presente procedura si applica all Istituto Comprensivo Statale di Domegge e Calalzo di Cadore (BL) Domegge di Cadore, 13 febbraio 2015 prot. 468 /A35 PIANO EMERGENZA PRIMO SOCCORSO La presente procedura si applica all Istituto Comprensivo Statale di Domegge e Calalzo di Cadore (BL) Via Garibaldi, n

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

- 1 - Cod. 13123 (Estintore polvere Kg. 2 13A 89 BC) Cod. 13162 (Estintore polvere Kg. 6-43A 233 BC - EN 3/7)

- 1 - Cod. 13123 (Estintore polvere Kg. 2 13A 89 BC) Cod. 13162 (Estintore polvere Kg. 6-43A 233 BC - EN 3/7) Cod. 13123 (Estintore polvere Kg. 2 13A 89 BC) Cod. 13162 (Estintore polvere Kg. 6-43A 233 BC - EN 3/7) Cod. 13192 (Estintore polvere Kg. 9-55A 233 BC - EN 3/7) Cod. 13251 (Estintore Co2 Kg. 5 113 BC -

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1 PIANO DI PRIMO SOCCORSO a.s. 2015-16 aggiornamento marzo 2016 (Allegato al DVR revisionato giugno 2015) Indice generale 2 1. SOGGETTI RESPONSABILI DELLA DEFINIZIONE DEL PIANO pag. 3 2. CRITERI PER LA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

ELMETTO ALTA VISIBILITÀ ELMETTO PER LAVORI SU PONTEGGI SOTTOGOLA PER ELMETTO ART. 31011 ART. 31012

ELMETTO ALTA VISIBILITÀ ELMETTO PER LAVORI SU PONTEGGI SOTTOGOLA PER ELMETTO ART. 31011 ART. 31012 ACCESSORI 180 31013 ELMETTO ALTA VISIBILITÀ Elmetto in polietilene alta densità trattato anti U.V., resistenza termica +50 C - 20 C, interno in plastica regolabile, fascia parasudore Predisposizione per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it INDICE: 1. SCOPO;

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE SuIla Gazzetta Ufficiale n.27 del 3 febbraio 2004 è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.388 del 15 luglio 2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZZARO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015. Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA)

ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZZARO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015. Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA) SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015 Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA) Dirigente Scolastico: Dott.ssa Giacomina Capuano DOCUMENTO DEI PROVVEDIMENTI NECESSARI

Dettagli

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO.

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO. ISTITUTO COMPRENSIVO - CENTRO E.D.A. Gian Giacomo Ciaccio Montalto Via Tunisi, 37-91100 TRAPANI Tel 0923 20398 Telefax 0923 20106 CF: 80004160810 - C.M.: TPIC836004 e-mail tpic836004@istruzione.it PEC

Dettagli

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale edizione Art. 34, 36, 37 D.Lgs. 81/2008 (ex Art. 22 D.Lgs. 626/97 Modificato con D.Lgs. 388/03) Gruppo A (16 ore)

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pagina 1 di 6 Revisione:1.4 a.s. 2015-16 GENERALITÀ L Istituto, articolato su tredici plessi, corrispondenti

Dettagli

L organizzazione del Primo Soccorso

L organizzazione del Primo Soccorso Seminario SIRS L organizzazione del Primo Soccorso Dott. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena Modena, 19 dicembre 2013 La normativa Articolo 18. Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 DATORE DI LAVORO (RETTORE) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE S.P.P. MEDICO COMPETENTE M.C. -DIRIGENTI -RESPONSABILI DELL ATTIVITA DIDATTICA E DI RICERCA -PREPOSTI LAVORATORI

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016. D.S. Prof. ing. Antonino Morfea. D.l.g. 81/2008-106/2009 e D.M. 20/12/2012 e s. i D.L.107/2015

Anno Scolastico 2015/2016. D.S. Prof. ing. Antonino Morfea. D.l.g. 81/2008-106/2009 e D.M. 20/12/2012 e s. i D.L.107/2015 Anno Scolastico 2015/2016 D.S. Prof. ing. Antonino Morfea D.l.g. 81/2008-106/2009 e D.M. 20/12/2012 e s. i D.L.107/2015 6 Corso di aggiornamento e formazione sulle mansioni e sicurezza nella Scuola responsabilità

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Marconi Via Badolato, s.n.c. - 84078 - Vallo della Lucania (SA) PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) prot. n. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa FLORISA SINISCALCO

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.P.S.S.A.R. P. ARTUSI Cod.Fis. 85001510248 Cod. min. VIRH010001 Via Pralonghi, 5 36076 RECOARO TERME (VI) Tel. 0445 75111 75215 fax. 0445 76387 www.artusi.vi.it info@artusi.vi.it E-mail certificata: virh010001@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 AI SENSI DEL D. LGS 9 APRILE 2008 n 81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro RSPP Prof.

Dettagli

CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORCO IN CASA

CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORCO IN CASA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO L a cassetta del pronto soccorso raccoglie il materiale che è necessario ad un primo sommario trattamento di un infortunato, detto primo soccorso. Un minimo di attrezzatura

Dettagli

Corso di. abilitazione per. Coordinatori

Corso di. abilitazione per. Coordinatori Corso di abilitazione per Coordinatori Dr.ssa I.Elena Sapia Obblighi del datore di lavoro Nel sistema delineato dal D.Lgs. n. 81/2008, il datore di lavoro: - designa il responsabile del servizio di prevenzione

Dettagli

INDICE PRONTO SOCCORSO

INDICE PRONTO SOCCORSO INDICE PRONTO SOCCORSO VALIGIE SPORTIVE Pag. 335 ARMADIETTI PENSILI IN PLASTICA Pag. 336 ARMADIETTI PENSILI IN METALLO Pag. 337 VALIGETTE ESTRAIBILI IN ABS Pag. 338 KIT REINTEGRO PACCHI MEDICAZIONE Pag.

Dettagli

VADEMECUM per gli addetti al primo Soccorso nelle scuole materne

VADEMECUM per gli addetti al primo Soccorso nelle scuole materne INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE VADEMECUM per gli addetti al primo Soccorso nelle scuole materne A cura di: M.C. CASALE M. GALLO F. LUISI A.OSSICINI Edizioni INAIL 2001 1 PRESENTAZIONE Il lavoro che

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO INDICE PREMESSA Addetti al Primo Soccorso Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso Attivazione del soccorso: procedura Procedure impartite al personale Cassetta di Pronto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso

ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso REGISTRO SICUREZZA PLESSO: ANNO: Compilato: Componenti Servizio Prevenzione e Protezione Referente Sicurezza: Addetti antincendio Addetti primo soccorso Visto Rappresentante dei lavoratori Sicurezza (RLS)

Dettagli

Piano Emergenza di Primo Soccorso

Piano Emergenza di Primo Soccorso Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza)

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) 1. REGISTRO INFORTUNI (SEGRETERIA) L Istituto Comprensivo deve dotarsi di un unico registro infortuni per tutti i dipendenti

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 Lice o classico Stellini Udine OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 01/09/2013 PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giuseppe Santoro IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 Il primo soccorso Resta inalterato, rispetto al D.Lgs. 626/94, il primo soccorso Il datore di lavoro, tenendo conto della natura della attività e delle dimensioni dell

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Anno scolastico 2008/2009 A) CRITERI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL PRESENTE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il DLgs. 81/2008 prevede che il datore di lavoro adotti i provvedimenti

Dettagli

L EMERGENZA NEGLI STUDI MEDICI

L EMERGENZA NEGLI STUDI MEDICI Commissione Albo Odontoiatri Ordine provinciale medici chirurghi e odontoiatri di Modena L EMERGENZA NEGLI STUDI MEDICI ODONTOIATRICI Modena, 28 ottobre e 4 novembre 2015 Centro Famiglia di Nazareth Via

Dettagli

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Piano di Primo Soccorso CORSO DI FORMAZIONE PER 5.1d DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI D.Lgs. 81/08

Dettagli

Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA

Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. del D.Lgs. 106/2009 e accordo STATO REGIONI del 21/12/2011 Il presente opuscolo non sostituisce

Dettagli

S IC U R S TAR S.r.l.

S IC U R S TAR S.r.l. Spett.Le CONSORZIO CENTRO CITTA Via Pagani 14 25127 Brescia (BS) Convenzione N.07/2013 del 03/07/2013 OGGETTO: Redazione Documento Valutazione Rischi, fornitura mezzi antincendio e di Primo Soccorso, manutenzione

Dettagli

PSCPS517 SCHEDA TECNICA

PSCPS517 SCHEDA TECNICA CODICE /CODE PSCPS517 SCHEDA TECNICA PRODOTTO MEDIC 2 ALLEGATO 1 DM 388 NORMA RIFERIMENTO: Contenuto a norma dell ALLEGATO 1 D.M. 388 del 15 luglio 2003 (art. 1) G.U. 27 del 03 febbraio 2004 D.L. 81 del

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO a.s. 2015/2016

PIANO DI PRONTO SOCCORSO a.s. 2015/2016 PIANO DI PRONTO SOCCORSO a.s. 2015/2016 LISTA DI DISTRIBUZIONE Agli Addetti designati alla gestione dell emergenza Pronto Soccorso Al personale docente e non docente interessato INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA INTERNO

PIANO DI EMERGENZA INTERNO Procedura Operativa Roma, 05/2014 Rev.06/semestrale Pagina 1 di 11 A.Orelli. Tel. 3387 PIANO DI EMERGENZA INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini,

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza PRIMO SOCCORSO Aspetti organizzativi CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI PS Primo soccorso Aspetti organizzativi DLgs 81/08 art. 45 IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso

Dettagli

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, 2 00036 PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE AGGIORNATO a Ottobre 2015 Il presente protocollo è stato previamente discusso e messo a punto insieme al RSPP, agli Addetti ai servizi d emergenza

Dettagli

PRONTO SOCCORSO ARMADIETTO P.S. 102/M VALIGETTA MEDIC 2. CONFEZIONE REINTEGRO ALLEGATO 2 Per aziende o unità produttive fino a due lavoratori

PRONTO SOCCORSO ARMADIETTO P.S. 102/M VALIGETTA MEDIC 2. CONFEZIONE REINTEGRO ALLEGATO 2 Per aziende o unità produttive fino a due lavoratori PRONTO SOCCORSO ARMADIETTO PRONTO SOCCORSO, in metallo Contenuto a norma DM 388 del 15/07/2003 allegato 1 e D.L. 81 del 09/0/08 art.5. Per aziende del gruppo A e B e comunque con tre o piu lavoratori ARMADIETTO

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Definizioni Art. 74 Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi (RESIDUI) suscettibili

Dettagli

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS P4 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 GESTIONE DEGLI INFORTUNI e INCIDENTI Occorre

Dettagli

10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.805/1 Taglia 9 10.805/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.810 Taglia 10 EN 388 - EN 420

10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.805/1 Taglia 9 10.805/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.810 Taglia 10 EN 388 - EN 420 GUANTI FIORE BIANCO Guanti in fi ore di vitello bianco orlato. Spessore pelle: mm. 0,9-1,1. 10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 GUANTI FIORE BIANCO DORSO CROSTA Guanti in fi ore di vitello bianco orlato

Dettagli

Resta inalterato, rispetto al D.Lgs. 626/94, il primo soccorso. Il datore di lavoro, tenendo conto della natura della attività e delle

Resta inalterato, rispetto al D.Lgs. 626/94, il primo soccorso. Il datore di lavoro, tenendo conto della natura della attività e delle Il primo soccorso e la prevenzione incendi Resta inalterato, rispetto al D.Lgs. 626/94, il primo soccorso. Il datore di lavoro, tenendo conto della natura della attività e delle dimensioni dell azienda

Dettagli

(Organizzazione di pronto soccorso) 1. Nelle aziende o unità produttive di gruppo A e di gruppo B, il datore di lavoro deve garantire le seguenti

(Organizzazione di pronto soccorso) 1. Nelle aziende o unità produttive di gruppo A e di gruppo B, il datore di lavoro deve garantire le seguenti D.M. 15 luglio 2003, n.388. Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.(gazzetta

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. del D.Lgs. 106/2009 e accordo STATO REGIONI del 21/12/2011 COORDINATORE DEL CORSO Dott. Mario Padroni

Dettagli