La trasparenza nel fund raising. Giuseppe Ambrosio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La trasparenza nel fund raising. Giuseppe Ambrosio"

Transcript

1 Argomnti La trasparnza nl fund raising Giuspp Ambrosio Attravrso il fund raising si cra una rlazion tra donator bnficiario intr- mdiata da un organizzazion non profit. Una dll condizioni prché qusta rlazion si sviluppi è la condivision dgli obittivi. La sconda è la rputazion, ch dipnd dai risultati consguiti dall fficacia con cui si comunicano. In altri trmini, la trasparnza convin prché vicola fiducia. Prmssa C è un punto su cui non bisognrbb mai scivolar: il risptto dl donator individual, di colui cioè ch, a front di un largizion di valor non lvato, 1 spsso non ha alcun potr contrattual pr potr incidr sull sclt dll organizzazioni non profit bnficiari. Gli indicatori intrnazionali ci dicono ch l norm numro di donatori individuali costituisc la bas di qul patrimonio intangibil costruito giorno dopo giorno da ogni organizzazion non profit basato sul principio dlla fiducia. Tal patrimonio non dv ssr in nssun modo msso a rpntaglio, tanto più ch è ormai dimostrato com tal fiducia sia un conctto introrganizzativo non smplicmnt di una singola organizzazion. 2 A qusto punto una domanda sorg spontana: qual trasparnza è ncssaria pr non intaccar la fiducia dl donator individual? Il fund raising Pr potr analizzar il tma dlla trasparnza ci smbra important riprndr qualch conctto di bas dl fund raising. Lttralmnt la traduzion di fund raising è innalzamnto/lvamnto di fondi, un attività proattiva dinamica, costituita da stratgi da azioni ch aumntino costantmnt, in cornza con gli obittivi la mission, l risors 68 1 Il rang dlla donazion individual mdia, a sconda dl mtodo di rilvazion utilizzato, va da 68 uro (Docsa 2006, mtodo Capi) a 144 uro (Swg/Vita Consulting 2010, mtodo Cawi). Giuspp Ambrosio Sda Bocconi, Lumsa (Libra Univrsità Maria Ss. Assunta) 2 Tutti gli scandali o l truff a danno di donatori rs not dai mass mdia hanno provocato smpr impatti ngativi su tutti i potnziali bnficiari non solo sull organizzazioni coinvolt. Diritti Mrcato Argomnti

2 dstinat all attività ai progtti. Si tratta, quindi, di un procsso continuo, intrno a un organizzazion, non di un attività sporadica. Il fund raising, ch è uno strumnto prvalntmnt utilizzato nll ambito dl Trzo sttor, si basa su un mccanismo di scambio cosiddtto solidal o filantropico 3 (Capaldo, 1996), divrso da qulli ch carattrizzano gli altri sttori dl sistma conomico: lo Stato, ch attravrso il prlivo coattivo di risors utilizza prvalntmnt il mccanismo rdistributivo il mrcato, ch usa invc il mccanismo di scambio di bni quivalnti il przzo com strumnto di quilibrio tra domanda offrta di bni srvizi. Il mccanismo solidal o filantropico si basa su uno scambio di non quivalnti molto particolar poiché da un lato vi è un valor conomico dall altro un valor mta-conomico intso com rciprocità, partcipazion, solidarità, gratuità; in pratica attravrso il fund raising si cra una rlazion tra donator bnficiario d è fondamntal ch tal rlazion sia mantnuta il più possibil alla pari affinché si risca a crar vro valor social d conomico. Privato (donator) 1 Organizzazion 2 non profit (bnficiario) 3 3 Situazion di disagio (clint-utnt) Il mccanismo di scambio solidal o filantropico si può raffigurar con un doppio circuito; da una part sist un clint/utnt ch ricv una prstazion di srvizi o un bn rlazional (2), dall altra part invc l organizzazion non profit in qualità di bnficiario ch ricv dal donator il valor conomico ncssario pr ralizzar i propri obittivi (1). Quindi tra colui ch ricv la prstazion colui ch paga prché ssa vnga ralizzata non vi è un lgam dirtto: vi è una sorta di trzo pagant. Il donator, dirttamnt oppur molto più spsso attravrso la non profit, ricv a sua volta dal clint/utnt un valor mta-conomico ch dà il snso dlla partcipazion alla causa (3). Riassumr in poch righ quali siano l motivazioni ch spingono un individuo a donar è molto difficil ngli anni sono stat laborat numros ricrch in tal snso. In un analisi dlla lttratura sulla filantropia, Bkkrs Wipking dlla Vu Univrsity di Amstrdam (Bkkrs Wipking, 2007), individuano alcuni mccanismi motivazionali di cui qualcuno può ssr dfinito com pr-condizion 3 Pr ssr più chiari, tra l organizzazioni comprs nl Trzo sttor ci sono: l imprs sociali, l azind auto-produttrici l azind rogatrici o filantropich. Qust ultim sono qull ch basano quasi sclusivamnt l propri attività sul fund raising. Diritti Mrcato Argomnti 69

3 alla donazion (la consapvolzza dll sistnza di un problma, quindi, di un bisogno insoddisfatto, oppur la prsnza di una sollcitazion alla donazion snza la qual non si attivrbb lo scambio o ancora l fficacia intsa com la prczion ch attravrso la donazion si possa far ffttivamnt qualcosa), mntr alcuni altri sono vr propri motivazioni (l altruismo, oppur la rputazion positiva o ancora i bnfici psicologici tra cui l autostima, oppur i valori pro-sociali intsi com il fatto ch attravrso l organizzazioni non profit si possa ralmnt rndr il mondo miglior). In manira analoga all intrno di una ricrca ralizzata da Thrsa Lloyd sull motivazioni a donar (Lloyd, 2004) mrgono cinqu dirttrici motivazionali: il crdr nlla causa ch si sostin, l ssr un catalizzator di cambiamnto, l auto-ralizzazion, il snso dl dovr dlla rsponsabilità, la possibilità di migliorar l propri rlazioni sociali. Un ultima important considrazion: uno di più importanti studiosi dl fund raising,, Hank Rosso, ha scritto «fund raising is th nobl art of taching popl th joy of giving». Tal art dv star dntro un organizzazion non profit ch svolg il ruolo di intrmdiazion dl bisogno, poiché qust ultima ha la capacità intrinsca unica di costruir intorno a sé il coinvolgimnto la partcipazion di prson, costrundo la gioia di donar. Tutt l azioni di dono ralizzat dirttamnt dagli individui a favor di altri individui più bisognosi non sono fund raising, ma affriscono più spcificamnt al conctto di carità ch trova la propria ragion d ssr in motivazioni spirituali o rligios. Inoltr l intrmdiazion ni confronti dl donator svolta da soggtti dl mrcato o dllo Stato (divrsi dall organizzazioni non profit) rischia di ssr il frutto di una mdiazion di intrssi troppo allargata difficil da gstir pr i costi, dirtti o indirtti, ch n drivano; inoltr pr dfinizion Stato mrcato non producono bni rlazionali ch, nllo scambio mta-conomico dl fund raising, sono ssnziali. La trasparnza nll azion di fund raising Il conctto di trasparnza è strmamnt complsso, in un crto snso, è addirittura scontato ch la trasparnza com drivazion di trasparnt, di cristallino, sinonimo di chiarzza di limpidzza, sia più un utopia ch una possibilità. 4 È anch vro ch il conctto di trasparnza assum indubbiamnt una doppia valnza, di tipo oggttivo (chiarzza, pubblicità) di tipo soggttivo (assnza di ogni volontà di occultamnto di sgrtzza), così mntr su un piano 70 4 In conomia la trasparnza di un mrcato è una condizion basata sulla mancanza assoluta di situazioni nascost basata, invc, sulla disponibilità complta dll informazioni ncssari alla collaborazion, alla cooprazion al procsso dcisional di più soggtti. La forma di mrcato chiamata concorrnza prftta prvd, tra l ipotsi di bas, la condizion di informazion prftta pr tutti gli opratori dl mrcato. Diritti Mrcato Argomnti

4 oggttivo si potrbb raggiungr tcnicamnt un inccpibil trasparnza, nlla raltà la dimnsion soggttiva potrbb minar il conctto stsso attravrso la volontà di nascondr particolari anch rilvanti dll oggtto. Possiamo, quindi, dir ch la trasparnza oggttiva è ncssaria, ma non è sufficint, in quanto potrbb scontrarsi comunqu con una non trasparnza soggttiva; qust ultima divnta un important obittivo da prsguir. Nlla raltà si parla di asimmtri informativ, spcificando ch in raltà tra comprator vnditor, ch nl fund raising sono il donator l organizzazion non profit, il scondo possid un numro maggior di informazioni ch potrbb utilizzar a proprio vantaggio in occasion dlla transazion (donazion). Ovviamnt l asimmtria informativa sarà più lvata in caso di donator individual o microdonator, mntr sarà mno lvata in caso di donator istituzional (pubblico o privato) a motivo dl maggior potr contrattual di qust ultimo. Sgundo il piano soggttivo dlla trasparnza mrg uno strtto lgam con il conctto di rputazion, 5 ch è una sorta di garanzia ch ciò ch è stato promsso vrrà ffttivamnt mantnuto sulla bas di un sprinza passata di una continua attnzion alla crscita allo sviluppo dlla rputazion stssa; qust ultima divin anch una barrira all ntrata di tal importanza pr cui il soggtto ch ha costruito con il tmpo la propria rputazion difficilmnt potrà ssr scalzato. Si può dir in sintsi ch una costruzion attnta dlla rputazion può ffttivamnt garantir una discrta trasparnza soprattutto nlla dimnsion soggttiva favorir il fund raising. Una dll pr-condizioni dlla rputazion è la fiducia; ssa consnt di lavorar sul snso di appartnnza, attivando qui circuiti virtuosi ch possono portar alla condivision dlla mission dgli obittivi. La fiducia è gnrata dall rlazioni di rciprocità, ovvro da una rlazion biunivoca nlla qual un soggtto dona a qualcuno gratuitamnt sulla bas di un aspttativa rciproca. Il prcorso ch conduc al risultato dlla trasparnza soggttiva è sinttizzato nllo schma sgunt coinvolg in manira fondamntal la trasparnza oggttiva. Rlazioni basat sulla rciprocità Fiducia Rputazion Trasparnza soggttiva Trasparnza oggttiva (accountability) 5 La rputazion è l insim dll crdnz dll opinioni rlativ a un organizzazion o a un individuo. Ess si formano attravrso l aspttativ, l sprinz, i mssaggi ch si diffondono i dibattiti a cui si partcipa. I costitunti di un organizzazion, quindi, dtrminano sono i propritari dlla rputazion (Chartrd In- stitut of Public Rlations, Rputation and th board, Guidanc for PR Consultants and Board Dirctors). Diritti Mrcato Argomnti 71

5 Com migliorar la trasparnza nl fund raising? Ci sono du possibili dirttrici di lavoro: la prima riguarda singolarmnt ciascuna organizzazion non profit l attività ch può ralizzar pr risultar mno opaca, la sconda è un azion di sistma pr rndr il fund raising miglior più diffuso tra i cittadini. Sul primo punto prioritariamnt si parla di accountability, cioè dl complsso dll tcnich di sistmi di misurazion, di controllo di valutazion dll prformanc dll organizzazioni. In tal snso una dll domand più importanti cui dar risposta sarbb: cosa misurar, controllar, valutar nl caso dl fund raising? E di consgunza quali strumnti sono più fficaci pr assolvr a tal compito? Crtamnt sist un dato inconfutabil: gran part dll rlazioni attivat nll ambito dll iniziativ non profit hanno una marcata rilvanza di tipo social; ciò val anch pr il fund raising ch, pur sprimndo una prstazion di tipo conomico, fa rifrimnto a una controprstazion ch è di tipo mtaconomico a un obittivo final ch è di tipo social. Quindi la prformanc dovrbb prvdr una prima analisi di conomicità (è in qusta fas, pr smpio, ch si fa rifrimnto all annosa qustion dl costo dl fund raising) 6 un scondo stp, bn più important, ch dovrbb invc ntrar nllo spcifico dll impatto social di fondi rogati, misurando cioè il bnficio social di quanto rogato. Tutto ciò considrato, gli strumnti ch si possono utilizzar possono ssr distinti tra: strumnti a finalità conomich, spsso di natura contabil (pr smpio il bilancio d srcizio il rport finanziario) oppur strumnti a finalità sociali (pr smpio il bilancio social). Smpr nll ambito dll sclt dll singol organizzazioni, grand attnzion ovviamnt andrbb riposta nlla comunicazion di tipo informativo in quanto strumnto il cui intnto dv ssr qullo di offrir ai donatori, o ai potnziali donatori, informazioni chiarimnti sia sull conomicità sia sui risultati sociali raggiunti da raggiungr. Quando, invc, si pnsa ad azioni di sistma ch favoriscano la trasparnza dl fund raising si fa rifrimnto principalmnt a tr asptti. Il primo è qullo di cosiddtti marchi di garanzia. Ci sono, infatti, sprinz significativ in molti Pasi dl mondo dov - a livllo nazional - vngono fissati standard organizzativi gstionali pr l non profit ch n conosntono una più corrtta valutazion al fin dlla promozion dll donazioni. I soggtti ch 72 6 Tal argomnto è costantmnt alla ribalta prché l assunto di fondo è: tutto ciò ch si raccogli pr finalità solidaristich dv andar compltamnt alla causa social. Ovviamnt in prsnza di un organizzazion non profit tal assunto è assolutamnt privo di ogni fondamnto. La qustion si sposta smmai su qual dbba ssr un limit minimo /o massimo di costi dlla raccolta fondi. Inoltr, a onor dl vro, il tma ch alcuni autori affrontano è: ma il costo dlla raccolta fondi davvro intrssa i donatori? In tal snso, l conclusioni di alcuni autori sono molto forti: «Gli indicatori di fficinza sul fundraising sono irrilvanti, la diffrnza tra un organizzazion non profit altr organizzazioni è la fiducia su chi gstisc i soldi non sapr ch un uro raccolto costi 0,05 oppur 0,15 cntsimi» (Sargant, Jay, L, 2008). Diritti Mrcato Argomnti

6 crano sviluppano qusti marchi sono pubblici, pr smpio il Dzi in Grmania, oppur privati, com è il caso dll Istituto italiano dlla donazion in Italia. Il scondo asptto di sistma riguarda lo sviluppo di un conctto di tica dl fund raising. Alcuni principi rgol di rifrimnto sono stat laborat all intrno dlla Carta dlla donazion promossa dall Istituto italiano dlla donazion. 7 In ssa, tra i diritti di donatori si parla di «trasparnza compltzza di informazion sull organizzazion» nl snso dlla sua struttura oprativa, dgli organi di govrno, ma anch dlla mission dll finalità ch si prsguono. Inoltr, si parla di «trasparnza compltzza di informazion sull iniziativa» da sostnr, sia sull finalità, i tmpi l modalità, sia sui risultati ottnuti attravrso la donazion. A front di diritti di donatori, ci sono poi l rsponsabilità dll organizzazioni non profit pr l quali si affrma in via gnral ch: «L organizzazioni si impgnano a rndr conto ai donatori ai dstinatari dll loro attività sociali, vidnziando la rlazion tra l finalità annunciat l utilizzo ffttivo di fondi raccolti. Prtanto l organizzazioni si impgnano a curar la rdazion la pubblicizzazion in modo chiaro, vritiro puntual, con mzzi adguati all propri dimnsioni attravrso l utilizzo di rgolari scrittur contabili, dlla loro situazion patrimonial finanziaria, in modo da rndr manifsti sia la provninza ch l utilizzo di tutt l risors conomich amministrat. Inoltr a fornir al pubblico ai donatori, una chiara vritira informazion sugli scopi ch ss prsguono, sull finalità, i tmpi l modalità d attuazion dll iniziativ da sostnr, nonché sull attività svolt attravrso l impigo di fondi stssi. Si impgnano, infin, a non promuovr alcuna raccolta di fondi s non accompagnata da una chiara vritira informazion sugli scopi sull attività pr i quali vrranno impigati i fondi stssi». Infin, un grand lavoro sta svolgndo l Associazion italiana di fund raisr (Assif) sul tma dll tica di profssionisti dl fund raising, ponndosi com obittivo, tra gli altri, «la dfinizion, l aggiornamnto la diffusion di un codic tico di autorgolamntazion profssional, al fin di prsguir la tutla di moltplici intrlocutori con cui i fund raisr intragiscono, nl risptto di principi di corrttzza trasparnza». L ultimo intrvnto gnral è qullo govrnativo. In tutti i Pasi, a cominciar da qulli anglosassoni dov il fund raising in snso strtto è nato, il sistma dll organizzazioni non profit è sottoposto a un controllo a una vigilanza da part di authority o agnzi spcificamnt crat. Il motivo è smplic riguarda, da un lato, il rgim fiscal agvolato di cui godono tali soggtti, dall altro lato, la tutla di cittadini alla sollcitazion dl fund raising. In Italia l Agnzia pr il Trzo sttor proprio pr far chiarzza su qust ultimo asptto ha manato l lin guida pr la raccolta fondi, in cui si ribadiscono, tra gli altri, alcuni lmnti di attnzion sulla trasparnza l utilizzo dll risors raccolt. 7 Tratto dalla prmssa alla Carta dlla donazion, ch è possibil scaricar intgralmnt dal sito Diritti Mrcato Argomnti 73

7 Infin, ci sarbb un tma, o una dirzion, più di tipo cultural di ampio rspiro ch prnd in considrazion il donator in quanto cittadino, d è qullo dll ducazion alla donazion. Troppo spsso, infatti, si considra, anch corrttamnt da un punto di vista antropologico, ch il dono, colui ch lo pon in ssr, sia pr sua stssa natura in grado di individuar corrttamnt il bnficiario ch più ncssita dll attnzion di tal gsto o, comunqu, il bnficiario con cui il donator ntra in una rlazion di vra compassion. In raltà, tal automatismo non è più sufficint. In pratica accanto al dono, intso com gsto gratuito volontario di altissimo valor, si è sviluppato un mondo (qullo dll organizzazioni non profit), ch sulla raccolta di qul dono costruisc una risposta modrna all principali istanz di disagio d slcusion. La consgunza è ch il cittadino-donator è oggtto di continu prssioni alla partcipazion a una causa da qui nasc la ncssità di uno sforzo di ducazion alla donazion ch vada nl snso dlla diffusion dlla trasparnza com mccanismo di tutla pr i donatori, di difsa dll organizzazioni buon risptto a qull cattiv ovviamnt di maggior sostgno a coloro ch vivono situazioni di disagio. Conclusioni: com si scgli a chi donar? Prmsso ch il gsto filantropico dlla donazion è basato sulla librtà di dar quanto si vuol a chi si vuol diffrntmnt dall obbligo forzoso di pagar l impost pr potr usufruir di bni srvizi pubblici, qualch chiarimnto suggrimnto può ssr util a un potnzial donator ch, prò, si trovi nlla condizion di non sapr com muovrsi nlla sclta dll organizzazion non profit cui dstinar il proprio contributo. Alcun ricrch individuano i fattori ch più comunmnt influnzano la dcision di un donator, Bth Brz in un suo studio vidnzia: 1) i gusti, l prfrnz l passioni com risultato di sprinz prgrss; 2) il background prsonal profssional; 3) la prczion sull capacità di un organizzazion non profit; 4) la volontà di ottnr un impatto ral dirtto su una crta situazion di disagio (Brz, 2010). Ciò dtto è possibil individuar alcun smplici rgol ch possano aiutar la dcision di donar facndo lva su alcuni lmnti prdittivi dl conctto di trasparnza. Pr quanto possibil: 74 vitar di donar in contanti. Mglio usar smpr strumnti di pagamnto tracciabili, pr costringr l organizzazion non profit bnficiaria a rn- dicontar quanto raccolto a mttrsi in rlazion con il donator; Diritti Mrcato Argomnti

8 vitar di donar a un organizzazion ch non abbia un proprio sito Intrnt aggiornato ch dovrbb contnr tra l altr cos: 1) un bilancio, anch sinttico, dll propri attività, 2) i nomi i rifrimnti dl prsidnt di consigliri, 3) i nomi di principali collaboratori/dipndnti con l loro funzioni; conoscr prvntivamnt l organizzazion ch si vuol supportar. Poiché è fondamntal scglir qual causa sposar è opportuno avr un link/ contatto dirtto con tal organizzazion; donar a una organizzazion ch sia Onlus (Organizzazion non lucrativa di utilità social). Tal figura fiscal è l avamposto più trasparnt in quanto soggtto a obblighi di lgg pr potr ottnr i vantaggi fiscali; donar a un organizzazion fficint ch abbia la somma dll sps amministrativ dll sps di comunicazion fund raising non infrior al 10% non suprior al 35% dl total di costi annuali dll organizzazion. Tal indicazion provin dall Istituto tdsco pr l qustioni sociali: Dutschn Zntralinstitut für sozial Fragn (Dzi). 8 Rifrimnti bibliografici Bkkrs, R., Wipking, P., Philanthropy: a litrtur rviw, Papr, sptmbr 21, Brz, B., How donors choos charitis, Occasional Papr 1, Univrsity of Knt, Cntr for charitabl giving and philanthropy, Capaldo, P., L azind non profit tra Stato Mrcato, Atti dl convgno Aida 1995, Club, Lloyd, T., Why rich popl giv, Philanthropy, UK, Sargant, A., Jay, E., L, S., Th tru cost of fundraising: should donors car? Journal of Dirct, Data and Digital Markting Practic, vol. 0, gskostnkonzpt.pdf Diritti Mrcato Argomnti 75

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Donare ai tempi della crisi

Donare ai tempi della crisi Argomnti Donar ai tmpi dlla crisi Domnico Chirico Non è smplic districarsi all intrno dll numros richist opportunità di donazion ch, soprattutto in tmpi di crisi, provngono da molti fronti. L articolo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale.

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale. Il conctto di CSR i suoi impatti sulla govrnanc azindal. 25-27 Ottobr 2012 conctti, principi strumnti di gstion in Italia nlla UE Gioacchino D Anglo I livlli di adozion gli strumnti dlla CSR. La gstion

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

Politiche fiscali per la famiglia

Politiche fiscali per la famiglia Politich fiscali pr la famiglia Tatiana Onta Lo Stato social fonda l su radici nlla Costituzion: infatti, compito dllo Stato è il sostgno alla famiglia alla matrnità, 1 utilizzando l ntrat gnrat da un

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA 2 MOBILITAZIONE DEGLI OPERATORI E DELLA POPOLAZIONE LOCALE ATTRAVERSO EVENTI SINTESI DEL PROGETTO 1

AZIONE DI SISTEMA 2 MOBILITAZIONE DEGLI OPERATORI E DELLA POPOLAZIONE LOCALE ATTRAVERSO EVENTI SINTESI DEL PROGETTO 1 AZIONE DI SISTEMA 2 MOBILITAZIONE DEGLI OPERATORI E DELLA POPOLAZIONE LOCALE ATTRAVERSO EVENTI SINTESI DEL PROGETTO 1 Il Programma di Sviluppo Rural (PSR) 2007-2013 dlla Sardgna prvd ch i Gruppi di Azion

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW PREMESSA 1. La spnding rviw, ch trova appoggio su numros sprinz intrnazionali, è una procdura di govrno lgata all dcisioni, alla gstion al controllo dlla spsa pubblica ch

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9"-* "/4

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9-* /4 UNIONE EUROPEA lnlzìitlrva n J:ì\,)ra dr 1 ()al::tii,..ìtìrì,rf iì,{ìy,ì,r,lrì! 0rltJ(ì Sr)(jrilÌr ì)jlrír..) # A.N.AC. Autó.it! N.rrronalr tutlcorrurron. Ona-*,*,1*". **-,a; ",1,/9",*,*o-'6*,Jàr*Z w,r#h.'úr*h,*,

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Il costo di cittadinanza

Il costo di cittadinanza Il costo di cittadinanza Brnardo Pizztti La rinnovata attnzion di opinion pubblica Parlamnto al sttor di srvizi pubblici locali non può ssr limitata ai soli asptti di organizzazion di srvizi, ma dv ssr

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

Politica dei consumi e federalismo in Germania 1. Cornelia Tausch

Politica dei consumi e federalismo in Germania 1. Cornelia Tausch Politica di consumi fdralismo in Grmania 1 Cornlia Tausch La Grmania è un smpio di Stato fdral in cui si è riusciti a conciliar l signz di 16 diffrnti Ländr. Tal organizzazion fa sì ch ci siano divrsi

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli.

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli. VERSO LA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PIANO DIDATTICO DI SCUOLA 21 s. Istituto Tcnico Commrcial L'obittivo dl prsnt documnto è qullo di smplificar la compilazion dl Piano Didattico di Scuola 21 ch è riportato

Dettagli

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni Tassar i rdditi o i consumi? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Divrs ragioni sono stat avanzat a favor di uno spostamnto dll imposizion dal rddito al consumo, in particolar vrso l Iva: la possibilità di

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA 1. Dati gnrali ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chsotti PIANO DI MATERIA Indirizzo lttronica Matria Rligion Cattolica o att. alt. Class quinta Anno scolastico: 2015/2016 2. : Sulla bas dll Indicazioni

Dettagli

Federica Brunetta e Lucia Marchegiani

Federica Brunetta e Lucia Marchegiani L outsourcing nlla sanità Fdrica Bruntta Lucia Marchgiani Il ricorso all strnalizzazion si inquadra tradizionalmnt in politich di contnimnto di costi ricrca dll fficinza da part dll imprs, configurandolo

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

Anna Soru e Cristina Zanni

Anna Soru e Cristina Zanni Consumatori in cifr L prospttiv occupazionali di laurati in Lombardia Anna Soru Cristina Zanni La CCIAA di Milano Unioncamr Lombardia, attravrso Formapr con il coinvolgimnto dll dodici univrsità dlla Lombardia,

Dettagli

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie Consumatori in cifr L impatto dll libralizzazioni sull conomia dll famigli Michl Cavuoti Marco Pirani Uno dgli asptti pr i quali si è fino a ora cotraddistinto il scondo Govrno Prodi è qullo dl rilancio

Dettagli

La gestione della sicurezza nel settore del trattamento rifiuti dal punto di vista europeo: l esperienza INAIL nell ambito del progetto SAF RA

La gestione della sicurezza nel settore del trattamento rifiuti dal punto di vista europeo: l esperienza INAIL nell ambito del progetto SAF RA Convgno IL RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI Rimini, 4 novmbr 2015 La gstion dlla nl sttor dl trattamnto rifiuti dal punto vista uropo: l sprinza INAIL nll ambito dl progtto SAF

Dettagli

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà.

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà. Corpo di Polizia Provincial 3 Corso di Formazion pr Opratori Volontari pr Cntri di Primo Soccorso Cntri di Rcupro Animali Slvatici Friti o in difficoltà. (Opratori da impigar prsso il Cntro di Rcupro Animali

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

La revisione dell acquis comunitario sui consumatori

La revisione dell acquis comunitario sui consumatori Argomnti La rvision dll acquis comunitario sui consumatori Liliana Rossi Carlo Con il rcnt Libro Vrd sulla Rvision dll acquis rlativo ai consumatori, la Commission uropa compi un primo, piccolo passo pr

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia ORGANO GOLD PIANO COMPENSI E Facil, E smplic. E caffè. Italia INDICE Indic INTRODUZIONE...2 PIANO COMPENSI...3 DEFINIZIONI ED ACRONIMI.4 COME DIVENTARE UN INCARICATO ALLE VENDITE OG...5 I SETTE MODI PER

Dettagli

Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario

Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario Sanità, risk managmnt assicurazion Elio Marchtti Nl rcnt passato l compagni ch oprano nll assicurazion sanitaria si sono ridott di numro hanno ristrtto l opratività dll loro polizz, gnrando il sosptto

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

LINEE GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE CONFRONTO CON STANDARD INTERNAZIONALI

LINEE GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE CONFRONTO CON STANDARD INTERNAZIONALI INNOVAZIONE E ACCOUNTABILITY NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Polo Multifunzional RGS Sala Confrnz Roma 22 april 2008 LINEE GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE CONFRONTO CON STANDARD INTERNAZIONALI Onna Gabrovc

Dettagli

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente

Responsabilità del posteggiatore e diritti dell utente Rsponsabilità dl postggiator diritti dll utnt Danil Monsi Qusto articolo tratta dlla qualificazion giuridica dl contratto atipico di postggio dlla sua assimilabilità al contratto di dposito. La rsponsabilità

Dettagli

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi I rifiuti vanno gstiti, non rimossi Antonio Massarutto La gstion di rifiuti è un attività smpr più complssa costosa. Essa coinvolg i produttori di bni, i consumatori gli addtti alla rimozion smaltimnto

Dettagli

Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto

Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto Gli fftti dll obbligo a contrarr nl mrcato Rc auto Luigi Buzzacchi Michl Siri In qusto lavoro discutiamo il ruolo dll obbligo a contrarr pr l compagni assicurativ dl ramo Rc auto. S n riconoscono gli fftti

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE Poiché nl nostro prcorso si darà ampio spazio all mtodologi finalizzat a sviluppar l comptnz dgli allivi ( attravrso la dattica laboratorio, l sprinz in contsti applicativi, l analisi

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

Marketing SI? Marketing NO?

Marketing SI? Marketing NO? Markting SI? Markting NO? Prché siamo qui Oggi non vinc chi è più fort ma chi è più vloc ad adattarsi al mrcato Vloc com: pnsiro, vision, cratività, iniziativa C è smpr chi è più vloc di noi ci mangia

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Unità didattica: Grafici deducibili

Unità didattica: Grafici deducibili Unità didattica: Grafici dducibili Dstinatari: Allivi di una quarta lico scintifico PNI tal ud è insrita nllo studio dll funzioni rali di variabil ral. Programmi ministriali dl PNI: Dal Tma n 3 funzioni

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia

La pubblicità comparativa in Italia: molti numeri e poca ironia La pubblicità comparativa in Italia: molti numri poca ironia Antonio Aillo In Italia, la pubblicità comparativa si è contraddistinta soprattutto pr i suoi noiosi confronti tabllari, fondati su numri dati

Dettagli

la mente cosciente... oltre i neuroni?

la mente cosciente... oltre i neuroni? la mnt coscint... oltr i nuroni? smbra ch ci sia un problma insolubil pr la scinza! com puo il mondo fisico produrr qualcosa con l carattristich dlla mnt coscint? un problma cosi difficil ch qualcuno lo

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

emercato L innovazione digitale nei canali di vendita Argomenti Roberto Liscia

emercato L innovazione digitale nei canali di vendita Argomenti Roberto Liscia Argomnti L innovazion digital ni canali di vndita Robrto Liscia Il commrcio lttronico sta modificando l logich di businss di molt imprs il rapporto tra l stss i clinti. Il mrcato si è modificato anch una

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 Laboratorio di Didattica Musal a cura dl dll Associazion Cultural RArt La musica di Orfo ATTIVITÀ: Visita guidata laboratorio didattico. FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da dfinir in bas alla

Dettagli

Economia comportamentale e scelte del consumatore

Economia comportamentale e scelte del consumatore Economia comportamntal sclt dl consumator Marco Novars L approccio comportamntal all conomia sta acquisndo smpr maggior visibilità. Tra i suoi punti fondamntali c è la critica all ida ch l prson siano

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico Argomnti Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nl mrcato lttrico britannico Pt Moory Il Big Switch ralizzato da Which? - organizzazion di consumatori ingls - è la dimostrazion ch un gruppo d acquisto

Dettagli