CAPITOLO 5 Architettura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 5 Architettura"

Transcript

1 CAPITOLO 5 Architettura

2 Michelangelo Pistoletto Casa a misura d'uomo (Oggetti in meno) Legno e smalto, 200 x 100 x 120 cm nella mostra: Le porte di Palazzo Fabroni, 1995 Pistoia Foto: A. Guaitoli 135

3 La sfera creativa l architettura è l insieme delle modifiche e delle alterazioni introdotte sulla superficie terrestre, in vista delle necessità umane, eccettuato solo il puro deserto 1 Nell immaginario collettivo quello dell architetto è uno dei mestieri creativi per eccellenza, in compagnia di artisti e designer. Il prodotto della sua opera intellettuale ci circonda. L architetto plasma lo spazio in cui viviamo, da forma alle nostre case, alle città, al paesaggio, rispondendo alle esigenze e ai desideri umani di avere un luogo dove abitare, rifugiarsi solitari o incontrare gli altri, lavorare, divertirsi, commerciare, studiare, pregare. Rispondendo alle istanze sociali e alle condizioni di contesto da forma ad un documento dove rispecchia il suo tempo, il sistema di conoscenze, gli usi e le consuetudini. E quando nel paesaggio e nell'architettura si cristallizza l eco della sapienza matematica come nel Pantheon o in Hagia Sofia, il racconto della convivenza pacifica di popoli diversi come nel Ponte di Mostar, l architettura diventa espressione della cultura, dell identità dei luoghi e delle persone che li abitano, una testimonianza da tutelare come patrimonio della collettività. Forse in nessun paese l architettura è associata alla cultura come in Italia, che ha ben 41 siti iscritti nella lista del patrimonio dell Umanità UNESCO e ha riconosciuto il valore del proprio paesaggio tutelando il 46% dell intero territorio nazionale e ha perseguito un estensiva politica di restauro e recupero del proprio patrimonio architettonico. La nostra creatività in architettura è un carattere distintivo, che ci caratterizza a livello internazionale. Una reputazione solida, guadagnata nei secoli grazie ad opere e personalità eccezionali e a un patrimonio architettonico di qualità diffuso estensivamente e riconosciuto universalmente dalla critica, che merita di essere adeguatamente valorizzato. Se a questa reputazione indiscussa, che permette di accendere facilmente un faro di attenzione sulle nostre iniziative, si somma la preziosa potenzialità dei numerosi studi di architettura giovani italiani (il 49% degli architetti iscritti alla cassa di previdenza Inarcassa ha meno di 40 anni) che vivono oggi la fase di avvio della professione, investendo energie, talento e denaro, si comprende che quest ambito merita una particolare attenzione per la definizione di strategie e azioni per la crescita e il posizionamento internazionale dell Italia nell economia della creatività e delle industrie culturali. Dopo anni di stasi i concorsi di idee e progettazione stanno finalmente aumentando, ampliando le opportunità di inserirsi nel mercato, ma per un giovane studio di architettura volgersi alla sperimentazione, partecipare sistematicamente concorsi comporta grossi investimenti. Misure di valorizzazione di questo potenziale creativo e di rimozione di blocchi e ostacoli che costringono a ripiegare su soluzioni consolidate, consentono loro di non abbandonare la strada della ricerca, incoraggiandoli e motivandoli a lavorare sulla sperimentazione e sull innovazione. 1 William Morris 1881, cit in L. Benevolo, Storia dell architettura moderna, Laterza 1985 pag

4 Creatività e qualità architettonica Chi vuole vivere in una bizzarria architettonica? Come già evidenziato in questo rapporto anche in architettura la creatività è un input fondamentale per la produzione di cultura, un modo per perseguire obiettivi dotati di valore e socialmente condivisi, non un obiettivo fine a se stesso. La pura innovazione formale, non dimensionata a misura d uomo ne rispettosa delle esigenze di vita degli utenti, da luogo ad architetture invivibili. La novità perseguita per esclusive esigenze di mercato è ancora più dannosa, una patina dorata per esigenze di pura speculazione, senza cura dei danni per il territorio, l ambiente e il paesaggio, che peggiora la nostra qualità della vita. Conosciamo l impatto dell industria delle costruzioni a grande scala sul paesaggio, come anche quello dell urbanizzazione a macchia d olio, lo abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Una città caotica e congestionata, dove i servizi sono insufficienti, gli spostamenti difficili, il rispetto dell ambiente ignorato a tal punto da minare la salute degli abitanti. Quella che ci interessa in questo contesto è la creatività che fornisce nuove soluzioni per un armonico inserimento dei nuovi interventi nel contesto storico, paesaggistico e ambientale, che persegue obiettivi di qualità architettonica e sociale. Un innovazione che sperimenta nuovi materiali e tecniche costruttive preoccupandosi della loro durabilità nel tempo e del loro riciclaggio, che sceglie materiali non dannosi per l ambiente e per l uomo, che si preoccupa del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale, che non mette a rischio la salute di chi lavora nei cantieri e nei luoghi di produzione dei materiali, che disegna e distribuisce le funzioni preoccupandosi della qualità degli spazi di relazione sociale. Un architettura consapevole di nascere nell interfaccia tra società (invisibile) e costruito (osservabile), e perciò non si limita alla lettura del loro rapporto storico, disegnato nella storia sociale dell'architettura, ma è consapevole che le scelte e le innovazioni sul piano progettuale incidono sul tipo di società che viene prodotto. Una creatività architettonica che non insegue un modello di sviluppo basato sulla competizione estrema e sul continuo incremento dei consumi ma che mira all innalzamento della qualità della vita dell uomo in un contesto di equità sociale e sostenibilità ambientale. Un architettura nuova ma che sembra ci sia sempre stata, una novità che non mette a disagio. Qualità architettonica e sviluppo La qualità architettonica e urbana è stata recentemente riconosciuta come fattore strategico per lo sviluppo europeo, "una qualità elevata dell'ambiente urbano contribuisce a conseguire l'obiettivo derivante dalla priorità della strategia di Lisbona rinnovata di rendere l'europa un luogo più interessante in cui lavorare, vivere o investire." 2 Perché la notorietà di architetture originali contribuisce positivamente all immagine internazionale di un paese, che è percepito come dinamico, vitale e attento alle trasformazioni, capace di attrarre investimenti, intelligenze e funzioni superiori, che a loro volta incidono sulla qualità della vita e il benessere degli abitanti. Si pensi a Dubai, una delle città a maggiore 2 Orientamenti strategici comunitari in materia di coesione nel periodo (2006/702/CE) par

5 espansione urbanistica del mondo, e alla sua strategia di sviluppo che punta proprio sull architettura per attrarre investimenti. Difficile quindi che una ricerca sul modello italiano di creatività possa escludere questo settore importante nell economia europea. Secondo una stima del CRESME, 3 che ha recentemente pubblicato uno studio sul mercato della progettazione in Italia, nei 27 Stati Membri dell Unione Europea nel 2005 sono state censite circa imprese di architettura ingegneria e altre attività tecniche,4 che hanno impiegato oltre 2,6 milioni di addetti, per un fatturato complessivo annuo di 245 miliardi di euro. Fatturato (milioni ) Occupati Imprese Regno Unito Francia Germania Italia Spagna Olanda Svezia Danimarca Norvegia Austria Belgio Polonia Finlandia Repubblica Ceca Grecia Irlanda Portogallo Ungheria Slovenia Romania Lussemburgo Fonte: Rapporto CRESME: Il mercato della progettazione architettonica in Italia. Edizioni il Sole 24 ore 2008 p. 1 4 Una sfera creativa cosi ampia e articolata crea una oggettiva difficoltà nella raccolta e nella comparazione di dati quantitativi che ci aiutino nella comprensione e valutazione del settore. Ad esempio, in questo studio il design è stato aggregato insieme alla cultura materiale e non all architettura. I dati Eurostat, la principale fonte statistica a livello europeo, si riferiscono ad un sistema di classificazione che raggruppa sotto la voce NACE Attività degli studi di architettura, ingegneria ed altri studi tecnici oltre alle aree citate la progettazione di macchine ed impianti industrali, l intera attività di ingegneria: civile, idraulica, trasporti, elettrica ed elettronica, mineraria, chimica, meccanica ed industriale, del sistemi e della sicurezza, previsioni metereologiche, impianti, sondaggi geodetici, mentre esclude il collaudo degli edifici, inserito nella classificazione NACE

6 Slovacchia Bulgaria Lituania Lettonia Estonia Cipro TOTALE Politiche pubbliche di promozione della creatività italiana, che incentivano la realizzazione di architettura di qualità possono generare ricadute economiche che vanno ben al di là delle cifre sopra descritte ma che sono difficili da stimare. Bisognerebbe calcolare gli innegabili benefici sul turismo, prendendo ad esempio il fortunato caso del Museo Guggenheim di Frank Gehry di Bilbao. Bisognerebbe valutare quanto il successo del nostro design traini il settore dell arredamento e di componenti. Bisognerebbe soprattutto valutare quanto le azioni di promozione della qualità architettonica, cosi come la promozione dell arte e della cultura, incidono sull immagine del paese e sullo stile di vita e quindi contribuiscono indirettamente al posizionamento di tutti i prodotti italiani. Il modello italiano L Italia è un paese di architetti. Da qualunque parte si imbocca la via dell analisi e confronto dei dati internazionali si giunge a questa conclusione. Quelli relativi al 2006 pubblicati sul sito web del Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori 5 ci dicono che abbiamo il maggior numero di iscritti all ordine professionale ( , uno ogni 470 abitanti a fronte di una media europea di uno ogni 1.148) e il maggior numero di iscritti alle facoltà di Architettura (76.041, uno ogni 761 abitanti, il 5% della popolazione universitaria italiana), distribuiti in 17 Facoltà.. PAESE Studenti Architettura Architetti registrati Popolazione/ Architetti Popolazione/ studenti architettura studenti universitari/ studenti architettura ITALIA % GERMANIA % SPAGNA % REGNO UNITO % FRANCIA % GRECIA % BELGIO % 5 Fonte: sito web CNAPPC Archiworld - Sezione Professione Europa 139

7 PORTOGALLO % PAESI BASSI % DANIMARCA % SVIZZERA % SVEZIA % NORVEGIA % AUSTRIA % IRLANDA % FINLANDIA % TOTALE % Il dibattito culturale è vivace, animato da figure di storici e critici di reputazione internazionale. In Italia si tiene la principale rassegna di architettura mondiale: nel 2006 la Decima Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, diretta da Richard Burdett e dedicata al tema Città. Architettura e società ha attirato oltre visitatori in poco più di due mesi di apertura. Nel 2005 sono state pubblicate in Italia 1098 opere di architettura e urbanistica, l 1,8% dell editoria nazionale 6. La consultazione del catalogo della biblioteca della Columbia University ci rivela che l indice corrente dei periodici Avery Index to Architectural Periodicals comprende ben 18 riviste italiane, Un numero elevato se si considera che le riviste francesi presenti sono 5, quelle tedesche 7, le giapponesi e le spagnole 6, quelle inglesi 14. Simile risultato porta la consultazione degli indici on-line della biblioteca del Royal Institute of British Architects di Londra dove sono presenti ben 14 riviste italiane 7. Dal sito del Consiglio Nazionale degli Architetti Paesaggisti Pianificatori e Conservatori 8 risulta che in Italia i Premi di architettura ambito internazionale sono 14, quelli in ambito europeo 3 mentre i Premi di architettura Nazionali sono 11 per un totale di 28. Un numero considerevole se si tiene conto che le nazioni con un maggior numero di premi in Europa sono Francia e Regno Unito, rispettivamente 19 e 18. L Italia fa parte di una rosa ristretta di nazioni i cui architetti sono stati insigniti di prestigiosi premi internazionali: Renzo Piano e Aldo Rossi hanno ricevuto il Pritzker Prize 9 rispettivamente nel 1998 e nel 1990, Renzo Piano e Giancarlo De Carlo il Riba 10 Gold Medal, rispettivamente nel 1989 e nel Sempre Renzo Piano nel 2002 ha ricevuto il Premio dell Unione Internazionale degli Architetti 11. Fra le 16 nazioni che hanno dato i natali a architetti premiati con il Pritzker Prize, assegnato dal 1979, siamo fra le poche ad aver ottenuto il riconoscimento per due 6 Fonte: ISTAT Sito web: riviste italiane sono presenti in entrambi gli indici: Abitare, L Architettura cronache e storia, Casabella, Domus, L Industria delle Costruzioni, L Arca, Lotus International, Parametro, Rassegna di Architettura e Urbanistica. 8 Fonte: DEE - Dipartimento Europa ed Esteri del CNAPPC sito 9 Il Pritzker Architecture Prize, uno dei più prestigiosi premi di architettura internmazionali, al punto di essere stato definito Nobel per l'architettura, è stato istituito nel 1979, ad opera della fondazione Hyatt della famiglia Pritzker e viene assegnato annualmente con lo scopo di "onorare annualmente un architetto vivente la cui opera dimostri una combinazione di quelle qualità di talento, visione ed impegno che producono contributi consistenti e significativi per l'umanità e l'ambiente". 10 Il piùprestigioso premio internazionale del del Royal Institute of British Architects di Londra 11 Il Premio viene assegnato in occasione del congresso dell Unione Internazionale degli Architetti, a cadenza triennale 140

8 architetti, insieme a Brasile e Francia. Più di noi soltanto il Giappone (3), il Regno Unito (4) e gli Stati Uniti d America (8). Un censimento DARC del 2004 sulle opere di architetti italiani realizzate all estero negli anni ha individuato circa 200 opere che hanno ricevuto il riconoscimento di almeno cinque pubblicazioni in una rosa di riviste di settore di reputazione internazionale. Oltre a loro Massimiliano Fuksas, Gae Aulenti, Benedetta Tagliabue, sono solo alcuni degli architetti italiani che fanno parte del panorama delle archistar, e realizzano opere in tutto il mondo. Una fama conquistata spesso al di fuori del territorio nazionale perché per lungo tempo gli architetti italiani hanno dovuto cercare fortuna all estero, dove hanno trovato opportunità concrete di realizzare le loro opere. Può quindi sorprendere che, nonostante questo grande amore per l architettura, il dibattito scientifico, la qualità riconosciuta, il numero di addetti, nella statistica pubblicata annualmente dal sito web Building Design World Architecture , dove sono elencati i primi 100 studi di architettura mondiale per dimensione e fatturato non ne compaia nessuno italiano. Gli studi collocati nelle prime dieci posizioni sono per la maggior parte britannici 5, 4 statunitensi e 1 giapponese

9 Studi architettura Top 100 Fonte: World Architecture 2008 Per capire come mai nessuna impresa italiana competa oggi con studi come Foster & Partners (al 5 posto), Skidmore Owings e Merril (al 6 posto) capaci di confrontarsi con standard elevatissimi a livello internazionale analizziamo i dati relativi al modello prevalente in Italia. Deteniamo il primato europeo di architetti registrati (CNA 13 ) e del numero di imprese tecniche (Eurostat 2007), una ogni 228 abitanti, ma le grandi imprese del settore, con numero superiore a 250 addetti sono solo 27 (CRESME 2008), le imprese medio-grandi, ( addetti) sono 135; le imprese medie (20 e 49 addetti) sono 343, quelle da 10 a 19 addetti I grandi numeri si registrano nelle piccole imprese: quelle da 2 a 9 addetti (29866) ma soprattutto quelle costituite da un singolo professionista, pari al l 87,58% del totale, il che abbassa la media degli addetti per impresa a 1,4, poco superiore all unità. Il modello italiano è quindi diffuso e gli studi di architettura e di ingegneria sono prevalentemente di piccola dimensione, la libera professione individuale è la meta più ambita, sono scarsi gli studi multidisciplinari, di architettura e ingegneria al massimo troviamo studi di architetti associati. Per fare un rapido confronto guardiamo ai modelli dei paesi europei. In Francia, che ha una popolazione numericamente vicina a quella italiana, gli architetti registrati sono , meno di un quarto di quelli italiani. Le imprese con più di 250 addetti sono 130, 13 Fonte: sito web del Consiglio Nazioaneldegli Architetti 142

10 quelle medio-grandi ( addetti) 526, quattro volte quelle italiane e la media degli addetti è di 5,6 per impresa. Nel Regno Unito gli architetti registrati sono , le imprese grandi 128, quelle mediograndi 566, con una media di 6,3 addetti per impresa. Occupati Imprese Popolazione Popolazione/I mprese Occupati/I mprese Regno Unito ,7 6,6 Francia ,6 751,9 4,1 Germania ,5 899,8 4,5 Italia ,5 230,9 1,4 Spagna ,2 381,1 2,6 Olanda ,3 951,8 6,5 Svezia ,6 2,3 Danimarca ,4 912,6 6,6 143

11 Esiste un innegabile relazione fra dimensione dell impresa, investimento in ricerca e sviluppo e quindi innovazione e competitività, con questo modello è chiaro che gli architetti italiani hanno difficoltà ad innovare. E per lo stesso motivo partecipano con difficoltà a gare e concorsi internazionali, anche perché incontrano altre barriere dovute a carenza di informazione, lingua, difficoltà di comprensione dei contesti normativi locali. Alcune informazioni utili per l esercizio della professione in Europa sono disponibili sul sito del Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori 14 ma il Ministero del Commercio Estero oggi non fornisce supporto agli architetti per la partecipazione a concorsi internazionali perché gli studi di architettura non sono assimilati alle imprese. Un grosso aiuto potrebbe venire dalla costituzione di strutture di riferimento nei paesi più dinamici per connettere e integrare diversi operatori italiani, informare tempestivamente sulle opportunità, realizzare studi di settore aggiornati e fornire supporto locale per la realizzazione delle opere aggiudicate. Ma la reputazione in architettura non si ottiene con la somma di fatturato e numero di impiegati, i parametri assunti da Building Design per la sua classifica, dove sono pochi gli studi di architetti noti per la qualità delle loro ricerche formali: fra i primi 100, oltre a Foster & Partners (Pritzker nel 1999 e RIBA Gold Medal nel 1983), troviamo OMA Rem Koolhas (Pritzker nel 2000 e RIBA Gold Medal nel 2004), al 40 posto, Herzog & De Meuron (Pritzker nel 2001 e RIBA Gold Medal nel 2007), al 51, Grimshaw al 71, Chipperfield al 76 e Coop Himmelblau all 83. Nessun altro architetto insignito di un prestigioso riconoscimento internazionale, come il Pritzker Prize, il RIBA Gold Medal, o il Premio UIA. Non compare nè Frank Gehry (Pritzker nel 1989, RIBA nel 2000, nè Renzo Piano (Pritzker nel 1998, RIBA nel 1989 e UIA nel 2002), nè Zaha Hadid (Pritzker nel 2004), nè Tadao Ando (Pritzker e UIA nel 2005 e RIBA nel 1997) nè Richard Rogers (Pritzker nel 2007 e RIBA nel 1985) nè Jean Nouvel (Pritzker nel 2008 e RIBA nel 2001). E quando si passa alla classifica degli studi più ammirati, sempre nella rivista 2008 World Architecture 100, si scopre che Renzo Piano è secondo dopo Norman Foster e che fra i primi dieci nomi compaiono Herzog & De Meuron, Santiago Calatrava, Frank Gehry. 14 Il sito nella sezione professione/europa, progettato, realizzato e sviluppato dal Dipartimento Europa ed Esteri del CNAPPC offre informazioni relative alla pratica della professione nei vari paesi europei. 144

12 Significativo osservare che in entrambe le classifiche troviamo Norman Foster, che si guadagna la copertina della rivista con il titolo di Mr. Motivator e lo studio Herzog & De Meuron, segno di un elevata capacità dello studio di conciliare la ricerca formale con l organizzazione imprenditoriale. Significativo anche osservare che Renzo Piano è ammirato perché le sue soluzioni innovative vanno in direzione di una migliore qualità della vita, del rispetto dell ambiente, della riduzione di emissioni nocive nell atmosfera. Una reputazione che si fonda sul modello italiano di creatività: obiettivi di qualità architettonica dotati di valore e socialmente condivisi, uno sguardo che legge e interpreta il contesto e crea opere innovative e inserite armonicamente nel contesto storico, paesaggistico e ambientale. I mattoni della creatività The architect must be a prophet... a prophet in the true sense of the term... if he can't see at least ten years ahead don't call him an architect F.L.Wright Per individuare quali politiche possono favorire lo sviluppo creativo dell architetto occorre analizzarne l ambito di attività, assai diverso da quello dell artista, che per esprimere la propria poetica personale è condizionato da minori elementi: materiali, tecniche, finanziamenti. Innanzitutto dietro al termine architetto si celano diverse figure, che operano sulle trasformazioni dello spazio in cui viviamo a diverse scale, dal livello territoriale a quello dell abitare, per citare una frase famosa dal cucchiaio alla città. Gli architetti danno forma al nostro ambiente di vita e di lavoro quotidiano occupandosi di pianificazione urbanistica e di recupero dei centri storici, di sistemazioni paesaggistiche, parchi e giardini, del restauro delle testimonianze architettoniche del passato da trasmettere alle generazioni future, di allestimenti museali e di siti archeologici, di luoghi per abitare, navi, treni, aerei, barche fino agli arredi e oggetti di design. Spesso più sapienze si danno convegno in una sola persona: Designer-architetti come Gio Ponti, Architetti-ingegneri come Sergio Calatrava Pierluigi Nervi, Riccardo Morandi, Sergio Musmeci, figure poliedriche come Renzo Piano che ha progettato musei, una nave da crociera, un isola artificiale per l aeroporto di Osaka, il masterplan per la risistemazione del waterfront genovese, il cosiddetto affresco fino ad un piano da cottura per cucine. Oggi negli studi di architettura più importanti cominciano ad essere presenti anche figure di creativi tout court 15. La creatività dell architetto è condizionata da molti fattori, cha allo stesso tempo sono spunti e condizioni di partenza per la ricerca progettuale. 15 La classifica Building Design World Architecture 100 ha pubblicato per la prima volta a pag il numero dei dipendenti creativi, identificati solo come non architetti e non amministrativi. 145

13 Il contesto - Innanzitutto l opera prende le mosse a partire dalle esigenze della committenza, dalle variabili di contesto e normative. L architetto dà forma a uno spazio che è vissuto da altri, interpreta e risponde a desideri e necessità dell utenza, pubblica o privata. Si confronta con i desideri e i programmi altrui: l opera viene commissionata per rappresentare una immagine esterna, un programma politico, è espressione di potere, un luogo dove trovare pace e serenità o stimoli culturali ecc. La natura e la localizzazione condizionano fortemente le scelte progettuali: la posizione e la geometria del sito, il paesaggio e il contesto circostante, le condizioni climatiche e ambientali, le risorse energetiche e i materiali disponibili per la realizzazione e il funzionamento. Ci sono limitazioni alla libertà creativa imposte dalle leggi in vigore, quelle finalizzate a difendere gli interessi collettivi: norme urbanistiche, regolamenti edilizi, norme tecniche e antisismiche, di tutela dei beni culturali e del paesaggio, di garanzia per accessibilità a tutti i cittadini. La dimensione collettiva - L architettura è un attività che si sviluppa in ambito sociale. Raramente il rapporto architetto-committente è uno a uno, a meno che si tratti di un progetto per una casa per una persona solitaria. Il prodotto creativo del processo di progettazione architettonica è un risultato di intelligenza collettiva, dove spesso l apporto del singolo al risultato finale è indistinguibile da quello degli altri. Raramente il processo creativo progettuale è solitario, più spesso il progetto nasce dal continuo confronto di idee nell ambito di un team multidisciplinare composto di architetti, ingegneri, impiantisti, ingegneri ambientali e si confronta con un gruppo di portatori di interessi, dalla famiglia ad una nazione per gli edifici di interesse collettivo. L opera di ognuno di loro, progettisti, tecnici, committenti, contribuisce alla creazione complessiva, si pensi al ruolo degli impianti nell immagine del Centre Georges Pompidou e alle conseguenze formali delle scelte per ridurre il dispendio energetico e le emissioni di co2 negli edifici ecosostenibili di Richard Rogers. L investimento - la creatività presuppone investimento, in tempo e risorse: per realizzare un opera di architettura occorrono finanziamenti cospicui e quindi non si può improvvisare. Il percorso dalla progettazione alla realizzazione di un opera architettonica passa su un crinale che divide i due versanti dell arte e della tecnologia, le scelte architettoniche non oltre ad essere il risultato di ricerche formali sono condizionale dalle leggi della statica, dalle tecnologie e i materiali disponibili, quelle innovative spesso comportano attività di ricerca e innovazione. Tutte le variabili e le conseguenze di un innovazione devono essere prefigurate, sottoposte a ricerca, calcoli e test preliminari. L innovazione si ripercuote nella filiera produttiva: necessita di adeguamento da parte dell industria delle costruzioni, di formazione delle maestranze, una mancata capacità di risposta della filiera non rende possibile la realizzazione dell opera. Lo sguardo a lungo termine - Se, come abbiamo visto uno dei principali obiettivi dell architetto è quello rappresentare il proprio tempo, è anche vero che nel compiere un atto creativo deve innovare, realizzare qualcosa che ancora non esiste, prefigurare, spesso a partire da elementi esistenti, fiuta una tendenza e la rende concreta Ma visto il tempo che passa fra progetto e realizzazione bisogna fare i conti con una dimensione temporale amplissima fra pensiero e realizzazione. L architetto deve quindi anticipare, prefigurare oggi uno spazio per le esigenze di domani, facendo i conti con un ampissimo arco temporale dell intervento. 146

14 Le ali della creatività In assenza di quell elemento di incertezza e di quella sensazione di intraprendere un viaggio verso l ignoto non può esserci progresso. Zaha Hadid Come abbiamo visto nel primo capitolo la ricerca ha dimostrato che un ambiente culturalmente creativo facilita la produzione di buone idee, che il processo creativo è fortemente influenzato dall atmosfera in cui si sviluppa. Più l ambiente culturale è interdisciplinare e stimolante, aperto alle novità, libero e non coercitivo perciò capace di stimolare la motivazione intrinseca dell individuo, maggiore è la produzione di talenti. Per la costruzione di un clima che favorisce la creatività occorre riflettere sui condizionamenti che in qualche modo contribuiscono a frenarla : blocchi culturali dovuti alla tendenza degli individui a conformarsi agli standard del momento, difficoltà economiche che costringono ad accettare condizioni di lavoro non ideali o restrizioni eccessive alle quali diventa impossibile sottrarsi, blocchi intellettuali o emozionali, incapacità di rinnovarsi, tutti fattori che spingono verso un atteggiamento conservatore, a ripetere piuttosto che innovare come chi tende a replicare il modello della casa dei propri genitori. In questo settore grande influenza hanno agli interessi economici in gioco, le pressioni dovute agli interessi speculativi. Chi vuole massimizzare i profitti calcola in anticipo con molta esattezza costi e ricavi, tende ad andare sul sicuro, a non rischiare. Le grandi personalità, gli architetti più caparbi e capaci sul piano delle relazioni riescono a resistere a questi condizionamenti, a convincere i committenti ad intraprendere la rischiosa strada dell innovazione, difendendo le loro scelte ad ogni passaggio cruciale fino alla realizzazione. Un immagine cinematografica ha influenzato più di una generazione: Gary Cooper in La fonte meravigliosa, un film ispirato alla vita di F L Wright, che distrugge gli edifici da lui progettati ma stravolti da modifiche formali imposte dal costruttore all atto della realizzazione. Ma se si vuole promuovere la qualità e l innovazione diffusa non si può fare conto solo sulle grandi personalità, capaci di superare le spinte conservatrici grazie alla forte carica di personalità, occorre promuovere modelli che incentivano la creatività, che incidono sulla propensione ad accettare le novità, scardinando quei blocchi che ad ogni bivio fanno ripiegare i progettisti sulla strada della consuetudine piuttosto che avventurarsi nel parco, a volte un po oscuro e non sempre facile da attraversare, della creatività. Per creare un clima più favorevole alla creatività occorre fare in modo che gli architetti non siano penalizzati, quando lavorano sulla sperimentazione e innovazione ma incoraggiati. Oggi la sperimentazione non paga, partecipare ad un concorso comporta grosse spese per uno studio, non tutti possono permetterselo, e anche ammesso che si riesca a vincere un concorso, le chanches di realizzare l opera sono ancora scarse. La committenza pubblica di qualità Le grandi opere innovative nascono dall incontro con committenti raffinati, che hanno chiare le loro esigenze di visibilità e prestigio, hanno interesse a trasmettere un immagine 147

15 che rispecchia il loro spirito di innovazione. Ma i committenti sono anche condizionati dal gusto e dalle tendenze correnti. Vedere che le idee innovative sono realizzate con risultati di qualità infonde coraggio nei potenziali committenti. Anche se spesso i giornali riportano accese polemiche sul ruolo delle archistar, spesso straniere, alle quali vengono commissionate opere penalizzando gli architetti italiani bisogna considerare l impatto positivo di queste operazioni sul gusto e sull apertura alla novità dei committenti. Vedere che le idee innovative dei pionieri, degli architetti visionari e più coraggiosi vengono accettate ha anche effetto di infondere coraggio e fiducia nei progettisti. La realizzazione di quartieri di alloggi popolari, cosi come in Francia, affidata a noti architetti contemporanei, ha dato origine a quartieri vivibili, nuove fonti di ispirazione per i progettisti. La circolazione delle idee Gli studi di architettura sono tappezzati di libri e riviste, esempi da cui partire ogni volta che si imposta l attività di concezione di una nuova opera. Il continuo confronto con le opere già realizzate non è un banale campionario di soluzioni, è fonte di ispirazione creativa e serve anche a creare le basi per la comunicazione interpersonale. Gli architetti, infatti, trattano il mondo delle forme e l attività creativa, condivisa con altri, passa per una comunicazione che è fatta di esempi e riferimenti alle opere dei grandi maestri, alle opere contemporanee visitate, disegnate e fotografate. Le pubblicazioni e le riviste sono strumenti che servono al processo di elaborazione, cosi come serve il continuo dialogo fra l idea e la sua rappresentazione, elaborato attraverso schizzi e disegni progettuali, plastici, modelli numerici, prefigurazioni e proiezioni in un altro sistema dimensionale. Da qui si capisce anche quanto è importante promuovere la realizzazione di incontri, dove gli architetti possano mostrare i loro progetti e descrivere la genesi del processo creativo. Fondamentale poi tutelare e conservare gli archivi di architettura, evitando il loro smembramento. I disegni di progetto sono la testimonianza tangibile dell'immateriale processo creativo, che grazie agli occhi dell'architetto che li studia, prendono nuova vita dando linfa al processo creativo. Expo, mostre e Biennali di architettura Anche le grandi esibizioni, le mostre di architettura di qualità che richiamano molto pubblico come la Biennale di architettura di San Paolo del Brasile o quella più famosa di Venezia, (che nel 2006 ha attirato oltre i visitatori in poco più di due mesi di apertura), contribuiscono a diffondere i risultati delle ricerche formali correnti più avanzati anche ad un pubblico meno specialistico. Le mostre di architettura di qualità, sono straordinarie occasioni di confronto con la sperimentazione in atto infondono, una carica di ottimismo nei progettisti che vedono che è possibile realizzare forme nuove, contribuiscono a ingenerare curiosità ed interesse e quindi creano un terreno positivo, forniscono stimoli, infondono coraggio per osare e sperimentare. A queste si aggiungono le mostre frequentate da un pubblico non specializzato e i grandi expo: Siviglia, Valencia, i Festival, concepiti per un ampia partecipazione di pubblico come il Festival di Architettura che si terrà quest anno a Londra, il cui tema è FRESH! fresh thinking, fresh talent, fresh approach, fresh air and fresh food, dove l intera città verrà invasa dall architettura con centinaia di eventi (mostre, performance, installazioni, incontri, dibattiti, laboratori, percorsi, concerti, letture, animazione ecc., in gran parte all aria aperta) 148

16 articolati intorno a cinque hubs, cinque punti nevralgici della città collegati tra loro da un battello sul Tamigi e da percorsi ciclabili. I concorsi Sicuramente lo strumento del concorso di architettura stimola la competizione e la creatività, produce qualità architettonica. Il confronto fra idee fa emergere la migliore soluzione, fa risaltare quella più innovativa. Anche se la legge sulla qualità architettonica e urbana, lungamente attesa, non è ancora stata approvata, grazie ad un intensa opera di promozione da parte del MiBAC e degli ordini professionali il numero dei concorsi in Italia è molto cresciuto, passando da 19 nel 1995 a 223 nel Numero concorsi per anno L aspettativa di realizzare l opera Oggi la sperimentazione purtroppo non paga, partecipare ad un concorso comporta grosse spese per uno studio, non tutti possono permetterselo, e anche ammesso che si riesca a vincere un concorso, le possibilità di realizzare l opera sono ancora scarse. 16 Fonte: Archivio on-line dell Osservatorio concorsi del Consiglio Nazionale dell Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori. 149

17 Se è vero che il numero di concorsi è aumentato in maniera considerevole negli ultimi anni è anche vero che la percentuale di realizzazioni che segue la vincita in Italia è oggi ancora bassa. Questo scoraggia molto i progettisti, i premi di concorso sono molto bassi e non coprono i costi sostenuti, così gli studi di architettura valutano che il rischio di impresa nel partecipare è troppo alto. Nulla di comparabile con quello che accade negli altri paesi europei. Ad esempio in Francia i progettisti sono selezionati sulla base del curriculum e quelli ammessi alla fase di concorso ricevono un rimborso spese che gli permette almeno di coprire i costi per progettare un opera di qualità. Si tratta di un processo che va sicuramente migliorato in Italia, anche grazie allo strumento della verifica preventiva della fattibilità e della copertura finanziaria delle opere messe a concorso, per fare in modo che gli architetti siano incoraggiati a lavorare sulla sperimentazione e innovazione. I Premi di architettura La strada per creare un giusto clima che favorisca la creatività e motivi gli architetti a perseguire strade creative passa per il riconoscimento pubblico del valore che l opera creativa riveste per la collettività, il modo più palese di rivelare questo valore è premiare i risultati. Il coraggio nel rompere le barriere della consuetudine scavalcando difficoltà economiche e condizionamenti culturali va premiato. Come abbiamo visto in Italia ci sono molti premi di architettura, che se vengono assegnati seguendo effettivi criteri di valutazione del carattere innovativo delle opere, hanno un effetto incoraggiante su chi non ripiega su soluzioni stereotipate ma impiega tempo e denaro per la sperimentazione di soluzioni innovative, i premi danno coraggio e innescano un meccanismo di emulazione positivo, l innovazione è una buona carta da giocare per emergere in una competizione. Interessanti per la loro capacità di promuovere la qualità diffusa il Premio Oderzo, basato su una rete di segnalatori di opere di qualità realizzate sul territorio e il Premio Dedalo Minosse alla Committenza d Architettura dove Architetti e ingegneri sono invitati a segnalare i loro migliori committenti d opere ultimate. La formazione Ci vogliono molti anni di studio e pratica per diventare architetto. Un edificio deve soddisfare le necessità e il programma del cliente, resistere al tempo, essere solido, rispondere ai regolamenti. Bisogna apprendere varie abilità, sia artistiche che tecniche, da quella del disegno (per la capacità di rappresentare passa tutto il processo ideativo), alla storia dell architettura che permette di confrontarsi con le soluzioni già adottate nel passato, all analisi e comprensione della dimensione sociale ed economica dell intervento, alla capacità di negoziare, all abilità matematica e alle conoscenze tecniche. La formazione usualmente passa per trasmissione da maestro ed allievo del processo progettuale, appreso per via di casi studio. A partire da condizioni di partenza date (sito, programma, budget) il docente allena l allievo mediante simulazioni di casi reali, che nel percorso formativo diventano sempre più complesse. Le altre materie forniscono via via informazioni sulla risoluzione di aspetti tecnologici, che spesso influenzano le scelte formali. Si diventa sempre più veloci nel percorrere un processo decisionale, ad individuare quali strade sono senza sbocchi, quali meritano di dedicare tempo per trovare la soluzione, quali necessitano la consulenza di esperti qualificati. Bisogna incentivare quella formazione che tiene conto della flessibilità, stimola ad innovare, incoraggia le nuove idee. 150

18 La dimensione interculturale Gli architetti viaggiano, fotografano, disegnano, annotano, riempiono freneticamente i loro carnet di viaggio di appunti grafici presi nei luoghi visitati: un dettaglio, una soluzione tecnologica, un particolare decorativo, uno schizzo di impianto planimetrico. Strumenti di analisi, appunti che, momento di trovare una soluzione, tornano alla memoria per essere rielaborati. L ultima generazione di architetti italiani è stata chiamata da alcuni critici Generazione Erasmus, accomunata dall esperienza di aver svolto un periodo di studio all estero con il supporto del programma di scambio e di studio o del programma Leonardo che permette di fare praticantato in uno studio professionale all estero. Si tratta di grandi occasioni di crescita, gli architetti ricavano molti stimoli dall approccio con culture diverse. Una mobilità proficua, da incentivare, lavorando in direzione dell abolizione degli ostacoli residui all esercizio della professione all estero. La ricerca e l innovazione tecnologica - Architettura e brevetti Le scelte architettoniche innovative sono possibili grazie alla ricerca e all innovazione tecnologica, l impiego di talenti specializzati, la sperimentazione di nuovi materiali e tecniche costruttive, il parallelo sviluppo di nuove tecnologie. L innovazione è condizionata anche dall avanzamento della ricerca in altre discipline specialistiche, matematica, ingegneria, scienza dei materiali, informatica. La ricerca in altri settori, ad esempio, ha rivoluzionato gli disegno e controllo della forma. Abbandonati i tecnigrafi, le matite e le chine gli architetti ormai progettano al computer, il CAD ha cambiato modo di progettare. Forma e soluzione strutturale sono aspetti inseparabili della progettazione, ed oggi che il livello tecnico è molto sofisticato è difficile innovare senza la collaborazione di strutturisti qualificati, fra i più celebri Peter Rice o Ove Arup. Prendiamo un esempio classico : le grandi tensostrutture create da Frei Otto per le coperture per il Parco Olimpico di Monaco del 1972, progettate e sviluppate grazie ad una sperimentazione condotta presso l 'Institut für Leichte Flächentragwerke (Istituto per le Strutture Leggere) alla Technisch Universitat di Stoccarda. Le tensostrutture sono, infatti, strutture che non possono essere disegnate a tavolino, seguendo i consueti criteri formali di composizione. La sperimentazione su modelli di fil di ferro sommersi in una soluzione di acqua e sapone ha permesso di ottenere empiricamente la forma della copertura, che segue una superficie tale da rendere minime le tensioni superficiali. Anche il mezzo di rappresentazione si riflette nell architettura. Il continuo confronto dialettico richiede strumenti di analisi e controllo: disegni e schizzi, modelli fisici o virtuali che consentono lo scambio di idee, il confronto, la trasmissione delle decisioni a chi realizza l opera, strumenti che a loro volta mutano nel tempo, tracciati regolatori scolpiti nella pietra, palinsesti, disegni su carta, modelli e plastici, software per la rappresentazione e la modellazione o per il calcolo e dimensionamento delle strutture. Oggi è possibile un controllo del risultato finale nell uso di forme complesse che prima era dificile rappresentare. Frank Gehry ad esempio ha realizzato le sue opere anche grazie ad un software sofisticato grazie al quale la soluzione formale, elaborata tramite un plastico tridimensionale, viene trasformata successivamente in modello numerico per permettere il calcolo strutturale e la rappresentazione. 151

19 Alcune di soluzioni sono ripetibili e possono essere brevettate 17. Ad esempio gli architetti Herzog & De Meuron, che abbiamo trovato in cima sia alle classifiche di reputazione che di importanza per dimensione e fatturato, registrano molti brevetti di vario genere, dalla serigrafia su cemento, alle strutture, ai materiali di rivestimento tessili. La ricerca formale dello studio è continuamente legata alla produzione industriale, all idea di esportabilità della soluzione, la fase di creazione e sperimentazione non crea degli unicum ma è indirizzata ad originare prodotti e risultati ripetibili nel tempo. Potrebbe essere interessante condurre una ricerca mirata sul numero di brevetti in Italia ma i dati che abbiamo analizzato ci suggeriscono che la creatività architettonica italiana è di tipo artigianale, legata alla concezione dello studio guidato da un maestro. Esiste un innegabile relazione fra dimensione dell impresa, investimento in ricerca e sviluppo e quindi innovazione e competitività e il modello diffuso italiano non agevola il dialogo fra ricerca e produzione di nuovi materiali e sistemi costruttivi e di soluzioni innovative in architettura, che in altri paesi europei danno luogo ad un consistente deposito di brevetti. Non si modifica in poco tempo questo modello ma si possono adottare accorgimenti per creare un terreno più favorevole e concentrare le energie in settori strategici, promuovendo la creazione, e supportando centri di eccellenza dove concentrare ricerca e sperimentazione interdisciplinare applicate al settore, orientati allo sviluppo di soluzioni innovative orientate al mercato sul modello dell Interaction Design di Ivrea. Non luoghi chiusi ma concepiti in modo che possano affiancare gli architetti in fase di progettazione di opere complesse e impegnative, un riferimento ai quali il professionista possa rivolgersi per esigenze di ricerca mirata. Se è vero che la dimensione di impresa italiana rende difficile raggiungere la massa critica per competere sul piano globale nel settore delle nuove costruzioni è anche vero che ci sono ambiti dove abbiamo maturato un know-how che ci fornisce una base di conoscenze tali da poter contribuire fortemente alla ricerca e innovazione globale, come ad esempio nel settore tradizionale del restauro o nel terreno innovativo del rapporto fra recupero dell architettura storica e risparmio energetico. Soluzioni sono davanti ai nostri occhi, da studiare ed elaborare con gli occhi della ricerca e del linguaggio contemporaneo. In Italia è presente una preziosa potenzialità, grazie ai numerosi studi di architettura giovani: il 49% degli architetti iscritti alla cassa di previdenza Inarcassa ha meno di 40 anni, ben il 22% quasi quanti tutti gli architetti francesi che sono ha meno di 36 anni. Questi giovani studi vivono oggi la fase di avvio della professione, investendo energie, talento e denaro. Il recente concorso promosso dalla Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee per la selezione di opere da esporre nell ambito della Biennale di architettura di Londra 2008 ha rivelato un livello di qualità medio altissimo. In poco meno di un mese sono pervenute 174 opere, delle quali più di un terzo realizzate, che puntano sul tema della sostenibilità e dell inserimento armonico nel paesaggio italiano. Dopo anni di stasi i concorsi di idee e progettazione stanno aumentando notevolmente ampliando la possibilità per i giovani architetti di inserirsi nel mercato a seguito di competizione e farsi conoscere per la qualità dei progetti ma troppo spesso i progetti vincitori non sono realizzati. Per un giovane studio di architettura volgersi alla sperimentazione, partecipare sistematicamente concorsi comporta grossi investimenti. La concreta realizzazione delle opere premia chi ha investito nella ricerca e consente agli studi emergenti di crescere e 17 Nell archivio dei Brevetti registrati negli USA, interrogabile mediante Google Patent, sono conservati numerosi brevetti di architetti: ad esempio il vetro strutturale progettato da F. L. Wrigt. 152

20 reinvestire in ricerca. Misure di valorizzazione di questo potenziale creativo e di rimozione di blocchi e ostacoli che costringono a ripiegare su soluzioni consolidate, consentono loro di non abbandonare la strada della ricerca, incoraggiandoli e motivandoli a lavorare sulla sperimentazione e sull innovazione. BIBLIOGRAFIA Rapporto CRESME: Il mercato della progettazione architettonica in Italia. Edizioni il Sole 24 ore 2008 BD Building Design World Architecture 100 Gennaio 2008 The nature of Creativity. Contemporary psychological perspectives, edited by Robert J. Sternberg, Cambridge University Press, 1988 Swedish Federation of Consulting Engineers and Architects. Sector Review November The Consulting Engineering and Architectural Groups. A Swedish and International Survey 153

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014 Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia 29 Gennaio 2014 Il Benessere Equo e Sostenibile Il progetto Istat-Cnel BES - Benessere equo e sostenibile» è un contributo al

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

Il BIM e il Cloud Design

Il BIM e il Cloud Design Il BIM e il Cloud Design Stefano Converso - Research Fellow - Parametric Design in Contemporary Practice, Adjunct Professor of Parametric Design, Università degli Studi Roma Tre - Dipartimento di Architettura

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola aggiornamento al 30 gennaio 2015 Dieci punti di forza dell Italia, talvolta poco conosciuti, fotografati da Fondazione Symbola: 1) È uno dei cinque

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

Politica dell Unione europea per le PMI. Prof.ssa Ernestina Giudici

Politica dell Unione europea per le PMI. Prof.ssa Ernestina Giudici Politica dell Unione europea per le PMI Prof.ssa Ernestina Giudici Un inquadramento generale! Uno Small Business Act (SBA) per l Europa! Migliorare il contesto imprenditoriale! Promuovere l imprenditorialità!

Dettagli

a trieste approda il futuro

a trieste approda il futuro company profile Una società, ma con la forza di quattro. Per un progetto di riqualificazione architettonica e urbanistica imponente come quello appena avviato nel Porto Vecchio di Trieste risultano vincenti

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ RICONOSCERE E DESCRIVERE FENOMENI FONDAMENTALI DEL MONDO TECNOLOGICO - I bisogni primari dell uomo: gli oggetti,

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

IMPRESS SURFACES GMBH

IMPRESS SURFACES GMBH IMPRESS SURFACES GMBH DORFSTRASSE 2 63741 ASCHAFFENBURG GERMANY Tel: +49 6021 40 6-0 Fax: +49 6021 40 6-295 info@impress.biz www.impress.biz Decorativi in sviluppo Impress vi invita a giocare con I decorativi

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Un giorno farò il giro del mondo

Un giorno farò il giro del mondo Un giorno farò il giro del mondo Con l Erasmus il giro inizia oggi! L'Erasmus è favoloso perché permette di crescere: ci si ritrova lontani da casa senza amici, senza famiglia, senza sapere di chi ci si

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTI PREVISTI L elaborazione del curricolo vuole rispondere alla complessità della realtà in cui i bambini si trovano a vivere. Nell arco dell anno si alternano progetti trasversali a progetti laboratoriali,

Dettagli

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Nell ambito del Programma Leonardo da Vinci, i partner, provenienti da sei nazioni europee (Austria, Belgio, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna)

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012

Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012 02/12/2014 1 GEOGRAFIA Insegnare geografia nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012 02/12/2014

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale

Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale aiuti il sociale doni al sociale Iniziativa nologo: il consumo che fa bene al sociale Americo Casci Magnani by Key Solution srl Obiettivo : profitto solidale Profitto Aziendale e Solidarietà Sociale Con

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO

Innovare significa cogliere i cambiamenti, questo è il nostro DNA CHI SIAMO CHI SIAMO Vendor propone soluzioni di Efficienza Energetica e Finanziaria per le imprese private e pubbliche, avvalendosi di un team composto da professionisti con esperienza decennale nel settore. In

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

15-16 Gennaio 2015 Si riunisce a Napoli il Commitment ROSE

15-16 Gennaio 2015 Si riunisce a Napoli il Commitment ROSE RASSEGNASTAMPA 15-16 Gennaio 2015 Si riunisce a Napoli il Commitment ROSE Distretto ad Alta Tecnologia per le Costruzioni Sostenibili Industria : è caccia alle idee Il Mattino Napoli - 13 gennaio 2015

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE 26 OTTOBRE 2015 RELAZIONE PRESIDENTE ing. Filippo Pontiggia E da poco più di un anno che ricopro la carica di Presidente del Gruppo Giovani, un anno trascorso velocemente, ricco

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si X No Gli obiettivi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli