PROFILI LEGALI E CAUTELE NELL UTILIZZO DEI SOCIAL MEDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI LEGALI E CAUTELE NELL UTILIZZO DEI SOCIAL MEDIA"

Transcript

1 PROFILI LEGALI E CAUTELE NELL UTILIZZO DEI SOCIAL MEDIA CONI - COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA Aosta, 4 dicembre 2014 Studio Legale Avv. Stefano Comellini 1

2 SOCIAL NETWORK SITES Servizi di rete sociale basati su una struttura informatica che gestisce nel Web le reti basate su relazioni sociali e che permettono: la creazione di un profilo pubblico o semipubblico all'interno di un sistema vincolato l articolazione di una lista di contatti la possibilità di scorrere la lista di amici dei propri contatti 2

3 SOCIAL NETWORK SITES I più diffusi: Facebook Myspace Twitter Linkedin Bebo 3

4 FACEBOOK Social network disponibile in oltre 70 lingue, che già ad ottobre 2012 contava 1 miliardo di utenti attivi, primo servizio di rete sociale ad accesso gratuito da giugno 2013 il sito web più visitato al mondo pubblica dieci milioni di immagini all ora, (Instagram sessanta al secondo). rappresenta una sorta di agorà virtuale (Cass. pen., n ) 4

5 FACEBOOK Una "piazza immateriale" che consente un numero indeterminato di "accessi" e di visioni, resa possibile da un evoluzione scientifica, che certo il legislatore non era arrivato ad immaginare. Ma che la lettera della legge non impedisce di escludere dalla nozione di luogo e che, a fronte della rivoluzione portata alle forme di aggregazione e alle tradizionali nozioni di comunità sociale, la sua ratio impone anzi di considerare (Cass. pen., n ) 5

6 FACEBOOK Per la valutare la sussistenza di illeciti civili e penali occorre avere presente il funzionamento dei social network, e in particolare del sito web "Facebook, rete sociale in cui può essere coinvolto un numero indeterminato di utenti o di navigatori Internet 6

7 FACEBOOK Utenti o navigatori Internet che tramite FB entrano in relazione tra loro, pubblicando e/o scambiandosi contenuti che sono visibili ad altri utenti facenti parte dello stesso gruppo o comunque a questo collegati. All'interno di FB gli utenti possono creare propri "profili personali" su cui pubblicare fotografie, video, informazioni personali e liste di interessi e aderire ad un gruppo di cosiddetti "amici". 7

8 FACEBOOK Per ciò che qui maggiormente rileva, FB consente agli utenti di fruire di alcuni servizi tra i quali l'invio e la ricezione di messaggi, rilascio di commenti, fino alla possibilità di scrivere sulla bacheca di altri amici, decidendo di impostare diversi livelli di condivisione di tali informazioni 8

9 FACEBOOK È evidente che gli utenti del social network sono consapevoli delle loro azioni di inserimento, e anzi in genere tale effetto non solo è accettato ma è indubbiamente voluto In sostanza, vogliono che altre persone prendano o possano prendere visione delle informazioni scambiate in rete 9

10 FACEBOOK Infatti, è nota agli utenti di FB la possibilità che altri possano in qualche modo individuare e riconoscere le tracce e le informazioni lasciate in un determinato momento sul sito, anche a prescindere dal loro consenso: si tratta del cd. "tagging 10

11 FACEBOOK Il "tagging consente, ad esempio, di copiare messaggi e foto pubblicati in bacheca e nel profilo altrui oppure e conversazioni in "chat Di fatto, quindi, si sottrae alla disponibilità dell'autore questo materiale, che sopravvive alla stessa sua eventuale cancellazione dal social network 11

12 RESPONSABILITÀ Penale (da reato) Civile (risarcitoria) 12

13 INGIURIA E DIFFAMAZIONE Il reato di ingiuria (art. 594 c.p.) e il reato di diffamazione (art. 595 c.p.) tutelano la dignità personale da tutte le manifestazioni del pensiero, in forma scritta e orale, che siano lesive dell onore e del decoro della persona nonché della sua reputazione 13

14 L'uso sui social network di espressioni di valenza denigratoria e lesiva della reputazione di un soggetto integra sicuramente gli estremi della diffamazione alla luce - del detto carattere pubblico del contesto in cui quelle espressioni sono manifestate, - della sua conoscenza da parte di più persone - della possibile sua incontrollata diffusione tra i partecipanti alla rete del social network. 14

15 INGIURIA E DIFFAMAZIONE La differenza principale tra le due fattispecie è che l ingiuria presuppone la presenza della vittima nel momento in cui viene posta in essere la condotta criminosa mentre, al contrario, la diffamazione ne presuppone l assenza. Per quanto qui rileva, il reato di ingiuria richiede, inoltre, che l offesa sia percepita o quantomeno percepibile dalla vittima nel momento stesso in cui viene posta in essere. 15

16 ELEMENTI DELLA DIFFAMAZIONE La precisa individuabilità del destinatario delle manifestazioni ingiuriose La comunicazione con più persone, alla luce del carattere "pubblico" dello spazio virtuale in cui si diffonde in modo incontrollato la manifestazione del pensiero dell utente, in relazione con un numero potenzialmente indeterminato di partecipanti che ne vengono a conoscenza 16

17 ELEMENTI DELLA DIFFAMAZIONE La coscienza e volontà di usare espressioni idonee a recare offesa al decoro, onore e reputazione del soggetto passivo. Ai fini della sussistenza dell'elemento soggettivo della fattispecie è sufficiente la consapevolezza di pronunciare una frase lesiva dell'altrui reputazione e la volontà che la frase venga a conoscenza di più persone, anche soltanto due. 17

18 Se un messaggio offensivo postato su Facebook viene rimosso dall'autore prima che sia giunto a conoscenza di almeno due persone, allora il reato di diffamazione non sussiste (ma potrebbe essere contestato il tentativo di diffamazione, in quanto si realizza una condotta idonea, diretta in modo non equivoco a commettere il reato stesso). 18

19 GIURISPRUDENZA Il legislatore, pur mostrando di aver preso in considerazione l'esistenza di nuovi strumenti di comunicazione, telematici ed informatici, non ha ritenuto di mutare o integrare la normativa con riferimento ai reati contro l'onore (artt. 594 e 595 c.p.), pur essendo intuitivo che questi ultimi possano essere commessi anche per via telematica o informatica. 19

20 IL LUOGO PUBBLICO L'utilizzo di Internet integra l'ipotesi aggravata di cui all'art. 595, co. 3, c.p. (offesa recata con qualsiasi altro mezzo di pubblicità), poiché la particolare diffusività del mezzo usato per propagare il messaggio denigratorio rende l'agente meritevole di un più severo trattamento penale. 20

21 GIURISPRUDENZA Sussiste l'aggravante dell'utilizzo del mezzo di pubblicità, tenuto conto che la pubblicazione di frase offensiva sul profilo del social network Facebook rende la stessa accessibile ad una moltitudine indeterminata di soggetti con la sola registrazione al social network ed anche per le notizie riservate agli "amici" ad una cerchia ampia di soggetti. (Cass. pen., n ) 21

22 GIURISPRUDENZA Mentre nel caso di diffamazione commessa, ad es., per posta, telegramma o , è necessario che l'agente provveda a una serie di messaggi a più destinatari, nel caso in cui egli utilizzi uno spazio web, la comunicazione deve intendersi potenzialmente erga omnes, sia pure nel ristretto, ma non troppo, ambito di tutti coloro che abbiano gli strumenti, la capacità tecnica e, nel caso di siti a pagamento, la legittimazione, a connettersi (Cass. pen., n ) 22

23 GIURISPRUDENZA È configurabile il reato di diffamazione in capo a un militare che aveva pubblicato sul proprio profilo Facebook una frase offensiva nei confronti del collega designato a sostituire l'imputato nella posizione di comando da quest'ultimo in precedenza ricoperta (Cass. pen., n ) 23

24 DIRITTO DI CRITICA Per la costante giurisprudenza in tema di diffamazione, il limite di esercizio del diritto di critica è superato in presenza di espressioni che, in quanto gravemente infamanti e inutilmente umilianti, trasmodino in una mera aggressione verbale del soggetto criticato. Pertanto, non si può in alcun modo giustificare l'uso di espressioni che si risolvano nella denigrazione della persona in quanto tale (Cass. pen., n ) 24

25 GIURISPRUDENZA Ed ancora, il limite immanente all'esercizio del diritto di critica è essenzialmente quello del rispetto della dignità altrui, non potendo lo stesso costituire mera occasione per gratuiti attacchi alla persona ed arbitrarie aggressioni al suo patrimonio morale'' (Cass. pen., n. 4938) 25

26 MOLESTIA O DISTURBO ALLE PERSONE (Art. 660 c.p.) Integra il reato di cui all'art. 660 c.p. l'invio di messaggi molesti, "postati" sulla pagina pubblica di Facebook della persona offesa, trattandosi di luogo virtuale aperto all'accesso di chiunque utilizzi la rete e quindi di "luogo aperto al pubblico (Cass. pen., n ) 26

27 ATTI PERSECUTORI (Art. 612-bis c.p.) Integra il delitto di atti persecutori il reiterato invio alla persona offesa di telefonate, sms e messaggi di posta elettronica, anche tramite i c.d. social network (ad es., Facebook), nonché la divulgazione, attraverso questi ultimi, di filmati che ritraggono rapporti sessuali intrattenuti dall'autore del reato con la medesima vittima, procurandole così uno stato d'animo di profondo disagio e paura in conseguenza delle vessazioni patite 27

28 ACCESSO ABUSIVO AD UN SISTEMA INFORMATICO O TELEMATICO (ART. 615-ter c.p.) Risponde del reato di cui all'art. 615-ter c.p. chi abusivamente accede alla casella di posta elettronica ed al profilo Facebook di altro soggetto dal quale invia messaggi molesti (dal contenuto ingiurioso o osceno) a diversi contatti, così tra l'altro precludendo alla intestataria il legittimo accesso. 28

29 INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI Questione di grande rilevanza nell ambito dei social network. Può essere che una persona di nostra fiducia (che magari conosce le nostre password o le può facilmente reperire tra i file del nostro pc) possa accedere al nostro profilo Facebook o Twitter e pubblicare contenuti offensivi nei confronti di altri utenti. E altresì possibile che il nostro profilo virtuale possa essere hackerato a distanza a nostra insaputa. 29

30 INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI Il titolare del profilo violato può difendersi con una consulenza tecnica informatica che fornisca la prova che l accesso : è stato ottenuto in modo forzato tramite operazioni di hackeraggio a distanza è stato effettuato da un luogo diverso da quello dove egli si trovava in quel momento e che è pertanto opera di altro soggetto, diverso da lui. 30

31 INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI Per poter riferire la paternità delle frasi riportate in Facebook - ovvero per far corrispondere l'identità della persona che ha postato il messaggio a quella che ha formato il profilo su Facebook è di norma necessario acquisire informazioni negli USA, sede legale di Facebook 31

32 INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI Tuttavia, spesso le difficoltà di indagine sono superate dal contenuto degli inserimenti, incauti, dell autore con i quali si consente di individuare, anche solo per via indiziaria, la sua vera identità 32

33 PROVA DEL REATO Salvataggio della pagina quale prova documentale Testimonianza diretta di chi ha potuto visionare i contenuti offensivi 33

34 SOSTITUZIONE DI PERSONA (Art. 494 c.p.) Integra il reato di sostituzione di persona (art. 494 c.p.), la condotta di chi crea ed utilizza un "account" di posta elettronica, attribuendosi falsamente le generalità di un diverso soggetto, inducendo in errore gli utenti della rete internet nei confronti dei quali le false generalità siano declinate e con il fine di arrecare danno al soggetto le cui generalità siano state abusivamente spese, soggetto subdolamente incluso in una corrispondenza idonea a lederne l'immagine e la dignità" (Cass. pen., n )

35 SOSTITUZIONE DI PERSONA (Art. 494 c.p.) Integra il delitto di sostituzione di persona (art. 494 cod. pen.) la condotta di colui che si attribuisca un falso nome in modo da poter avviare una corrispondenza con soggetti che, altrimenti, non gli avrebbero concesso la loro amicizia e confidenza" (Cass. pen, n ) 35

36 RESPONSABILITÀ CIVILE Art c.c.: inadempimento di particolari obblighi previsti nelle clausole contenute nei contratti di accesso e nelle condizioni generali che regolamentano il servizio Art c.c. (Risarcimento per fatto illecito): Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno 36

37 RESPONSABILITÀ CIVILE Oggi si dubita che i rimedi tradizionalmente destinati alla tutela della reputazione e dell'immagine, (azione inibitoria e rettifica), possano considerarsi veramente efficienti e adeguatamente compensativi. Le loro carenze sono state accentuate da Internet, in cui la diffusione di una notizia avviene in tempi rapidi e senza controllo, mentre spesso è ignorata l'eventuale rettifica. 37

38 DANNI NON PATRIMONIALI Il danno alla reputazione comprende, innanzi tutto, i danni non patrimoniali causati dalla sofferenza e dal disagio, la cui liquidazione deve avvenire tramite valutazione equitativa. Si tratta di danni la cui configurabilità costituisce il riflesso della concezione tradizionale della reputazione come onore o dignità. 38

39 DANNI PATRIMONIALI Da liquidarsi nella misura atta a permettere al soggetto di ripristinare la situazione precedente all'offesa in modo da compensare la svalutazione della sua immagine intesa come bene 39

40 ART CODICE CIVILE Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte. I genitori e i precettori (vi rientrano i tecnici sportivi) e coloro che insegnano un mestiere o un'arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto.

41 GIUSTIZIA SPORTIVA Codice di Comportamento Sportivo CONI Statuti e Regolamenti delle Federazioni e Discipline Associate 41

42 Codice di Comportamento Sportivo Art. 7. CONI I tesserati, gli affiliati e gli altri soggetti dell'ordinamento sportivo non devono esprimere pubblicamente giudizi o rilievi lesivi della reputazione dell'immagine o della dignità personale di altri persone o di organismi operanti nell'ambito dell'ordinamento sportivo" 42

43 STATUTI FEDERALI Statuto FITARCO Art : Gli Affiliati sono responsabili della corretta applicazione delle norme emanate dal CONI Art : Il Tesserato ha il dovere di osservare il Codice di comportamento sportivo CONI la cui violazione costituisce grave inadempienza e, come tale, passibile di adeguate sanzioni 43

44 REGOLAMENTI DI GIUSTIZIA FEDERALI Regolamento di Giustizia FITARCO Art : I tesserati e gli affiliati sono tenuti all osservanza dello Statuto, dei Regolamenti e delle deliberazioni federali, del Codice di comportamento sportivo del CONI 44

45 GIURISPRUDENZA DISCIPLINARE Commissione Disciplinare Nazionale FIGC (Dec ): ammenda di 6.670,00 nei confronti sia del Parma che di Alessandro Melli, suo team manager. Melli era stato deferito per aver pubblicato sul proprio profilo Facebook espressioni e giudizi ritenuti lesivi della reputazione del tecnico dell Inter Mazzarri, mentre il Parma era stato chiamato in causa a titolo di responsabilità oggettiva per i comportamenti ascritti al proprio tesserato. 45

46 GIURISPRUDENZA DISCIPLINARE Giudice Sportivo FPI (Dec ): 1 mese di sospensione per il tesserato colpevole di Comportamento antisportivo nei confronti dell arbitro dell incontro tra le atlete S.B. e P.P. Signor E.C., per aver offeso quest ultimo in Internet, a mezzo del social network Facebook, con espressioni quali: Faccia da venduto di merda, Beccamorto e Venduto. 46

47 CONDIZIONI DI UTILIZZO Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità di Facebook (https://www.facebook.com/legal/terms/update) 47

48 DOVERI DELL UTENTE non denigrare, intimidire o infastidire altri utenti non pubblicare contenuti minatori, pornografici, con incitazioni all'odio o alla violenza o con immagini di nudo o di violenza forte o gratuita non usare Facebook per scopi illegali, ingannevoli, malevoli o discriminatori non favorire o incoraggiare l'inottemperanza della presente Dichiarazione o delle nostre normative 48

49 FOTOGRAFIE Qualora la foto che si vuole inserire in un social network contempli l immagine di soggetti che non abbiano dato uno specifico assenso a tale utilizzo non può parlarsi di accettazione, anche implicita, delle particolari condizioni d uso che dell immagine può farsi in tale ambito. Pertanto, sconsiglio l inserimento non autorizzato di immagini di tesserati su social networks. 49

50 In particolare, possiamo pubblicare sui social network qualunque immagine o foto di cui siamo in possesso, ma qualora vi siano altre persone raffigurate nella foto che intendiamo rendere pubblica: avvisiamole della nostra volontà di pubblicazione richiediamo (se sono estranei) un consenso scritto (es. ) provvediamo all'immediata rimozione se ci viene richiesta per i minori è sempre necessaria l autorizzazione dei genitori (e la massima cautela) 50

51 L IMMAGINE DEL MINORE Nell occorrenza della ripresa e diffusione di una competizione sportiva, (come tale riconducibile ad attività protetta nell ambito del diritto costituzionale alla salute) il consenso del genitore esercente la potestà a che il figlio partecipi alla stessa include, a mio avviso, anche l implicito, ma conseguente, consenso a che egli venga fotografato e ripreso nel corso di quella specifica attività sportiva 51

52 L IMMAGINE DEL MINORE Sempre che l immagine venga diffusa nel sito istituzionale o paraistituzionale in modo corretto, ovvero nei mezzi di comunicazione con le cautele di cui sopra 52

53 L IMMAGINE DEL MINORE Diversamente, ma sarebbe questione non di privacy ma di diritto di immagine (legge 633/1941), se la raffigurazione del minore, riconoscibile, venisse utilizzata fuori da tale ambito, ad esempio per propaganda o pubblicità commerciale, ecc, così da estrapolare quella immagine tra tutte le altre ravvisabili nella manifestazione. Inammissibile sarebbe, invece, giova ripetere il concetto generale, un immagine offensiva del minore: ad esempio, in difficoltà nel gesto tecnico con dei compagni che ridono di lui. 53

54 GRAZIE PER L ATTENZIONE 54

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Tribunale di Livorno Ufficio Giudice Indagini Preliminari Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Presso il Tribunale di Livorno Dr. Antonio Pirato all udienza in Camera

Dettagli

I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK

I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK I REATI PIU' FREQUENTI COMMESSI SU INTERNET E SOCIAL NETWORK - ingiuria (art.594 c.p.) - diffamazione (art. 595 c.p.) - sostituzione di persona (art.494 c.p.) - violazione della Privacy (Legge 196/2003)

Dettagli

Sicurezza su Internet. www.studiolegalerb.it info@studiolegalerb.it

Sicurezza su Internet. www.studiolegalerb.it info@studiolegalerb.it Sicurezza su Internet Avv. Federica Rosato www.studiolegalerb.it info@studiolegalerb.it Avv. Francesca Braglia I social network I Social Network sono «piazze virtuali, cioè dei luoghi in cui via internet

Dettagli

A tutti gli operatori scolastici Atti

A tutti gli operatori scolastici Atti Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Scuola Secondaria di 1 grado FRESA - PASCOLI Viale Europa ~ 84015 Nocera Superiore (SA) 081 933111 Telefax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mecc.: SAMM28800N

Dettagli

LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN

LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN I REATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE Avv. Sergio Barozzi Prof. Paolo Aldrovandi Avv. Serena Muci Avv. Marco Giangrande Lexellent via Borghetto 3 - Milano 25 marzo

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA QUESTA GUIDA, SEMPLICE E ALLA PORTATA DI TUTTI, VUOLE FORNIRE AL MEDIATORE

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

POLI L ZI Z A A DI D STAT A O

POLI L ZI Z A A DI D STAT A O POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Social Network e diffamazione online LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Nascita nel 1981 con la riforma della Polizia di Stato Diffusione sul

Dettagli

REATI IN RETE si possono commettere senza saperlo?

REATI IN RETE si possono commettere senza saperlo? si possono commettere senza saperlo? 1 1. Diffamazione tramite Tripadvisor si può essere chiamati a rispondere se si postano commenti o giudizi particolarmente «pesanti» su una struttura? (v. caso milanese).

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

UTILIZZO DI INTERNET/CELLULARE e RISCHI DI REATO

UTILIZZO DI INTERNET/CELLULARE e RISCHI DI REATO BULLISMO: Relazione tra ragazzi non di pari forza nella quale avvengono ripetute vessazioni di tipo verbale (prese in giro, insulti, offese, minacce), psicologiche (esclusioni sistematiche dal gruppo,

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 18 ottobre 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1119 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTA (V. stampato Camera n. 925) approvato dalla Camera dei deputati il 17 ottobre 2013 Trasmesso dal Presidente

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0

Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0 Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0 Come è noto Internet non è un entità fisica o tangibile, ma piuttosto una gigantesca rete che interconnette un numero infinito di gruppi più ristretti

Dettagli

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa) e/o detentive (es. reclusione). Reati informatici

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

Ordine degli Avvocati di Milano. Comitato per le Pari Opportunità. Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne

Ordine degli Avvocati di Milano. Comitato per le Pari Opportunità. Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne Ordine degli Avvocati di Milano Comitato per le Pari Opportunità Niente Paura! Informazioni utili per la tutela dei diritti delle donne - vademecum normativo - consigli pratici 1 Decreto Legge 23 febbraio

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (approvate con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 28 febbraio 2015)

CITTÀ DI AVIGLIANO. (approvate con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 28 febbraio 2015) CITTÀ DI AVIGLIANO LINEE GUIDA E POLICY PER L UTILIZZO DEI CANALI SOCIAL MEDIA DA PARTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO E PER LA GESTIONE DEI CONTENUTI ISTITUZIONALI SUL WEB (approvate con deliberazione di Giunta

Dettagli

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico

REATI INFORMATICI Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico REATI INFORMATICI Le reti telematiche non sono spazi virtuali senza regole, sottoposti ad una sorta di extraterritorialità: le norme che ne regolamentano il funzionamento sono, infatti, sempre più numerose.

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Roma, 30 novembre 2007 Direttiva n. 104 IL MINISTRO CONSIDERATO che il diritto alla protezione dei dati personali

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Roma, 30 novembre 2007 Direttiva n. 104 IL MINISTRO CONSIDERATO che il diritto alla protezione dei dati personali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Roma, 30 novembre 2007 Direttiva n. 104 IL MINISTRO CONSIDERATO che il diritto alla protezione dei dati personali gode di specifiche forme di tutela stante la vigenza

Dettagli

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Per comprendere al meglio il funzionamento del procedimento disciplinare è innanzitutto necessario

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Avv. Patrizia D'Arcangelo - Foro di Bergamo

Avv. Patrizia D'Arcangelo - Foro di Bergamo La Giovii e Sarah ii bullo Franti: "E' malvagio. Quando uno piange, egli ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando fa a pugni, s'inferocisce e tira a far male. Non teme nulla, ride in

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

Condizioni generali di utilizzo del nostro sito web

Condizioni generali di utilizzo del nostro sito web Condizioni generali di utilizzo del nostro sito web Tutti gli utilizzi del sito web www.sceglime.ch e dei servizi offerti sono vincolati all accettazione preliminare di queste condizioni generali da parte

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

Supporti Tecnico-Informativi al PON. Regolamento della Community per gli Operatori dei Servizi per il Lavoro

Supporti Tecnico-Informativi al PON. Regolamento della Community per gli Operatori dei Servizi per il Lavoro Supporti Tecnico-Informativi al PON Regolamento della Community per gli Operatori dei Servizi per il Lavoro Versione n 1 del 1 giugno 2012 Descrizione del servizio e finalità La Community per gli Operatori

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008

PROVINCIA di ROVIGO. Art. 3, comma 4, CCNL 11/04/2008 PROVINCIA di ROVIGO NUOVO CODICE DISCIPLINARE del PERSONALE NON AVENTE QUALIFICA DIRIGENZIALE (art. 3 del e artt. 55 e da 55bis a 55 septies del D. Lgs. n. 165/2001, come modificati dagli artt. 68 e ss.

Dettagli

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi

PRIVACY ED INTERENT. Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi PRIVACY ED INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2014 1 ART. 13 - L informativa all interessato L informativa deve contenere: - Finalità e modalità del trattamento; - Natura obbligatoria o meno;

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Direttiva n. 104 CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO CONSIDERATO IL MINISTRO Roma, 30 novembre 2007 che il diritto alla protezione dei dati personali gode di specifiche forme di tutela stante

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LUISA D ANNUNZIO ISTITUTO DI ALTA CULTURA Il DIRETTORE Ai sensi e per gli effetti dell art.55, comma 2 del D.Lgs 165 del 2001 come sostituito dall art.68, comma 1, del D.Lgs. 27 ottobre 2009 n.150 PUBBLICA Il testo del codice disciplinare di cui

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI

CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI RIMPROVERO VERBALE RIMPROVERO SCRITTO CODICE DISCIPLINARE SANZIONE FONTE FATTISPECIE DISCIPLINARI Art. 3, Comma 4 Inosservanza disposizioni di servizio, anche in tema di assenze per malattia, nonché dell'orario

Dettagli

KIT per Superiori 1 Copyright www.paginescuola.it

KIT per Superiori 1 Copyright www.paginescuola.it Il videofonino è un mezzo potente e alla portata di tutti. Però la facilità d uso a volte spinge a farsi prendere la mano. PRECISE LEGGI PENALI E CIVILI DISCIPLINANO SEVERAMENTE L USO DELLE IMMAGINI DI

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy 1 Linux e la sicurezza LL.M. Master of Laws Dottore di ricerca g.gallus@tiscali.it Principali computer crimes secondo il codice penale (introdotti dalla L. 547/1993) Accesso abusivo a un sistema informatico

Dettagli

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria)

Dalla Costituzione alla tutela civile e penale. Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE. (Insegnante scuola primaria) Dalla Costituzione alla tutela civile e penale Relatore: Avv. Maria Teresa ALTAMORE (Insegnante scuola primaria) La Legge tutela le Vittime e condanna il Bullo Spesso un atto di bullismo viene ignorato

Dettagli

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace (Cassazione, terza sezione penale, sentenza del 19 luglio 2011, depositata il 2 agosto 2011, n. 30564).

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY) CONTESTO NORMATIVO La Legge 190/2012 1 ha introdotto nel nostro ordinamento una misura, conosciuta nel mondo anglosassone

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Oltre alla violenza privata, in seguito alla pubblicazione del video scatta anche la violazione della privacy di Marina Crisafi

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI Premessa L uso improprio o l abuso da parte dei dipendenti degli strumenti informatici assegnati dall azienda

Dettagli

Si verifica quando qualcuno compie atti di

Si verifica quando qualcuno compie atti di CYBER BULLISMO E IL TERMINE USATO PER INDICARE IL BULLISMO ONLINE Si verifica quando qualcuno compie atti di vessazione, umiliazione, molestia, diffamazione, o azioni aggressive nei confronti di un altro,

Dettagli

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS

POLO Consulting INFORMATION SYSTEMS ENGINEERING PRIVACY CORPORATE CONSULTANTS IL CODICE PENALE E LA PRIVACY Questa è una raccolta, non esaustiva, degli articoli del Codice Penale inerenti la privacy e la frode informatica, aggiornata con le modifiche introdotte dalla Legge 48 del

Dettagli

Condizioni di utilizzo

Condizioni di utilizzo Condizioni di utilizzo Premessa Questa pagina contiene informazioni sulla proprietà e il copyright, le cui condizioni vanno osservate e seguite. Tutti i marchi registrati appartengono ai legittimi proprietari.

Dettagli

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni PROCEDURA DI SEGNALAZIONI DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ DA PARTE DEI DIPENDENTI O COLLABORATORI DELL AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA E RELATIVE FORME DI TUTELA. 1. Fonte normativa e natura dell istituto.

Dettagli

Regolamento del servizio Internet della Biblioteca di Villa Guardia

Regolamento del servizio Internet della Biblioteca di Villa Guardia Approvato con deliberazione di C.C. n. 58 del 09.11.2005 Modificato ed integrato con deliberazione di C.C. n. 35 del 30.06.2010 Regolamento del servizio Internet della Biblioteca di Villa Guardia 1. Obiettivi

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537 (Pres. E. Lupo; Est. A. Fiale) Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a danno dello Stato - Indebita

Dettagli

La diffamazione/ le aggravanti

La diffamazione/ le aggravanti La diffamazione Cosa distingue la diffamazione (595 cp) dall ingiuria (594 cp)? Cos è la calunnia (368 cp)? La differenza rispetto a codici Zanardelli e Rocco. 595 cp: chiunque, fuori dei casi indicati

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE

Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE Comune di Casina CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (art. 3 CCNL 11.04.2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e

Dettagli

indice REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK 4 quadro normativo

indice REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK 4 quadro normativo REGOLAMENTO Comune di Valeggio sul Mincio PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK indice Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Principi Art. 3 - Gestione della pagina e pubblicazione degli atti Art. 4 - Modalità di accesso

Dettagli

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010)

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010) NUOVO CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DIRIGENZA MEDICA - VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA COORDINATO CON IL D.LGS. 27/10/2009 N. 150

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI. Comportamenti illeciti e pericoli

POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI. Comportamenti illeciti e pericoli POLIZIA DI STATO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Comportamenti illeciti e pericoli LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Specialità della Polizia di Stato nata nel 1981 con la riforma della Polizia

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni

Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Schema riepilogativo di infrazioni e sanzioni Sommario: 1. Personale docente: Infrazioni e sanzioni. 2. Personale amministrativo, tecnico e ausiliario: Infrazioni e sanzioni. 1. PERSONALE DOCENTE: INFRAZIONI

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009 L art. 69 del D.Lgs. 150/09, modificativo del D.Lgs. 165/01, ha apportato ulteriori modifiche in materia disciplinare. Le norme del Codice disciplinare sotto riportato sono applicate solo se risultano

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

VESPA CLUB TREVISO. CODICE DI COMPORTAMENTO Edizione 2014. - approvato dall'assemblea Straordinaria dei Soci in data 14.12.2013 -

VESPA CLUB TREVISO. CODICE DI COMPORTAMENTO Edizione 2014. - approvato dall'assemblea Straordinaria dei Soci in data 14.12.2013 - VESPA CLUB TREVISO CODICE DI COMPORTAMENTO Edizione 2014 - approvato dall'assemblea Straordinaria dei Soci in data 14.12.2013 - VESPA CLUB TREVISO CODICE DI COMPORTAMENTO Premessa L associazione VESPA

Dettagli

LA DIRETTIVA SUL TELEFONINO IN AULA

LA DIRETTIVA SUL TELEFONINO IN AULA Occorre sempre rispettare il diritto alla privacy LA DIRETTIVA SUL TELEFONINO IN AULA (Direttiva Istruzione 104 del 30.11.2007) www.gildavenezia.it Chi diffonde immagini con dati personali altrui non autorizzate

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare Articolo estratto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 Titolo II

Dettagli

Codice disciplinare Sanzioni riferibili al personale del Comparto Art. 13 del CCNL del 19 aprile 2004 con le integrazioni e modifiche disposte dall art. 6 del CCNL 10 aprile 2008 1. Nel rispetto del principio

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI

REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI REGOLAMENTO SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI POZZUOLO DEL FRIULI Approvato con deliberazione consigliare n. 58 del 25.11.2004 Esecutivo dal 25.11.2004 Art. 1 OBIETTIVI DEL SERVIZIO La biblioteca

Dettagli

Condizioni di Utilizzo del Sito

Condizioni di Utilizzo del Sito Condizioni di Utilizzo del Sito 1 - Premessa: Le presenti condizioni di utilizzo sono stipulate tra l utente del sito (qui di seguito denominato Utente ) e Decathlon Italia S.r.l. società Unipersonale,

Dettagli

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro

Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo del lavoro Seminario sulla prevenzione e la tutela dalle molestie nei luoghi di lavoro Verso una cultura della parità: Codice di condotta INGV e strumenti giuridici per la tutela delle vittime di molestie sul luogo

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

ROAD TO EXPO CONTEST

ROAD TO EXPO CONTEST ROAD TO EXPO CONTEST Le società adidas (società promotrice), con sede legale in via Monte San Primo,1-20900 Monza (MB), società operante nel settore sportivo, organizza il CONTEST ROAD TO EXPO che si svolgerà

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Regolamento interno sull'utilizzo di internet e della casella di posta elettronica istituzionale sul luogo di lavoro

Regolamento interno sull'utilizzo di internet e della casella di posta elettronica istituzionale sul luogo di lavoro Via Peruzzi, 9 Carpi (MO) Tel. +39 059 695241 Fax + 39 059 643028 Cod. Fisc. 81004250361 itivinci@itivinci.mo.it - motf030004@istruzione.it - motf030004@pec.istruzione.it - www.itivinci.mo.it - MIUR: MOTF030004

Dettagli

Regolamento per l uso accettabile e sicuro della rete a Scuola

Regolamento per l uso accettabile e sicuro della rete a Scuola Regolamento per l uso accettabile e sicuro della rete a Scuola Il presente documento è stato redatto per consentire un uso sicuro della rete all interno della scuola. Nella compilazione del documento si

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Codice di Comportamento Sportivo

Codice di Comportamento Sportivo Codice di Comportamento Sportivo Garante del Comportamento Sportivo Stadio Olimpico Curva Sud Gate 23 00135 - ROMA e-mail: garante@coni.it Deliberato dal Consiglio Nazionale nella riunione del 30 ottobre

Dettagli

GRUPPO DI INIZIATIVA FORENSE. DOCUMENTO INFORMATICO Problematiche di formazione e probatorie. Email, documento informatico e privacy

GRUPPO DI INIZIATIVA FORENSE. DOCUMENTO INFORMATICO Problematiche di formazione e probatorie. Email, documento informatico e privacy GRUPPO DI INIZIATIVA FORENSE Verona 7 maggio 2004 DOCUMENTO INFORMATICO Problematiche di formazione e probatorie Email, documento informatico e privacy Per affrontare la tematica, pur nei ristretti limiti

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione (in seguito denominata RSI) 1. Oggetto e definizioni

Dettagli

i) Regolamento per l'utilizzo dei sistemi informatici dell Associazione Forte di Bard

i) Regolamento per l'utilizzo dei sistemi informatici dell Associazione Forte di Bard Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. 231/01. PARTE SPECIALE D : I DELITTI INFORMATICI E DI TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI. La presente Parte Speciale, dedicata alla prevenzione dei reati

Dettagli

Condizioni generali di contratto

Condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto Ai fini della sottoscrizione del contratto di fornitura di servizi con la Roomsalad A.P.S., gli utenti inserzionisti, gli utenti visitatori (di seguito collettivamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

IL TRIBUNALE FEDERALE. Riunitosi in Roma, il giorno 16 giugno 2015, presso i locali della Federazione Italiana Sport

IL TRIBUNALE FEDERALE. Riunitosi in Roma, il giorno 16 giugno 2015, presso i locali della Federazione Italiana Sport R.G. TRIB. FED n. 23/15 (Proc. Disc. P.A. 28/15) IL TRIBUNALE FEDERALE Riunitosi in Roma, il giorno 16 giugno 2015, presso i locali della Federazione Italiana Sport Equestri (F.I.S.E.), così composto:

Dettagli

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network L uso sicuro della Rete e dei social network LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Servizio Centrale 20 Compartimenti regionali 80 Sezioni provinciali Compartimenti Polizia Postale Sezioni della Polizia

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV.

LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV. LA CONCORRENZA SLEALE (PARTE NONA) PROF. GUIDO BEVILACQUA Indice 1 LE FATTISPECIE DI CUI ALL ART. 2598 N. 2 COD. CIV. -------------------------------------------------------- 3 2 LA DENIGRAZIONE ---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli