MANIFESTAZIONE DEL LIBERO PENSIERO: IL LIMITE. DOVE FINISCE UN GESTO?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANIFESTAZIONE DEL LIBERO PENSIERO: IL LIMITE. DOVE FINISCE UN GESTO?"

Transcript

1 MANIFESTAZIONE DEL LIBERO PENSIERO: IL LIMITE. DOVE FINISCE UN GESTO? Sono il passaggio dall ombra alla luce, sono insieme l occidente e l aurora. Sono un limite, un rapporto (Aragon, Il paesano di Parigi). Definizione di diritto alla libertà di manifestazione del pensiero Consiste nella libertà di esprimere le proprie idee e di divulgarle ad un indeterminato numero di destinatari. In ciò si distingue dalla libertà di comunicazione che consiste nella trasmissione del pensiero ad una o più persone. La libertà di manifestazione del pensiero è uno dei pilastri di ogni ordinamento democratico e non si estende non solo al pensiero politico, ma anche alla fede religiosa, all arte e alla scienza. Da ciò deriva la libertà di insegnamento e la libertà della scuola. L unico limite che l art. 21 della costituzione pone alla libertà di pensiero è il BUON COSTUME, ovvero quelle manifestazioni del pensiero che per la collettività offendono il comune senso del pudore (tale limite non è applicabile alle opere d arte e di scienza). La legge penale pone dei limiti ai reati di opinione, ovvero: non sono ammesse espressioni di pensiero atte a determinare azioni pericolose per la pubblica sicurezza, come l istigazione, l apologia dei delitti e la diffusione di notizie false o tendenziose; il diritto di ognuno a manifestare il proprio pensiero non deve ledere la dignità altrui, sono quindi considerati delitti l ingiuria e la diffamazione. Allo stesso modo si tutela il sentimento religioso ed il prestigio delle istituzioni, attraverso al previsione di reati come il vilipendio e l oltraggio.

2 La libertà di manifestazione del pensiero è esercitata attraverso una pluralità di mezzi, come la stampa, la telediffusione e la radiodiffusione, internet. La manifestazione del pensiero attraverso strumenti divulgativi rappresenta la libertà di informazione (art21cost). Essa si articola nel diritto ad informare, di informarsi e di essere informati. Tra gli strumenti di diffusione la costituzione disciplina direttamente solo la stampa. Il regime della stampa è caratterizzato dai seguenti principi: esclusione di ogni forma preventiva e di censura; possibilità di sequestro degli stampati, ma con la garanzia della riserva di legge assoluta e della riserva di giurisdizione. Circa la radiotelevisione, va detto che in Italia vige un sistema misto di remittenza pubblico e privato, legittimato dalla legge Mammì del 90 (fino al 1975 vi era il monopolio della RAI).

3 Sez. I. - IN GENERALE: L'ART. 21 COMMA 1 DELLA COSTITUZIONE. 1. La garanzia costituzionale apprestata alla libertà in esame. La libertà di manifestazione del pensiero ha ricevuto garanzia costituzionale nell'art. 21 cost., del quale converrà riportare l'intero testo: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili. In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro si intende revocato e privo d'ogni effetto. La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica. Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni». La nostra Costituzione dà vita ad una regola fondamentale in tema di limiti alle libertà costituzionali: sono ammessi solamente i limiti ricavabili dalla norma che pone la libertà (nel nostro caso, il buon costume) o da altre norme costituzionali, attraverso un giudizio di comparazione tra le norme stesse. In questi termini, tuttavia, il problema è solo impostato ma non risolto. Non è affatto semplice, infatti, definire quali siano gli interessi tutelati dalla Costituzione che possono costituire altrettanti limiti certi alla libertà d espressione, in quanto prevalenti rispetto a quest ultima. Infatti il bilanciamento tra interessi e valori costituzionali è quanto mai incerto e difficoltoso specialmente ove si consideri che si assiste ad una continua evoluzione delle situazioni tutelate (diritti della personalità), alla emersione di nuove domande di libertà. Nel nostro sistema costituzionale esiste una valvola di entrata di nuovi valori: l art. 2, che riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, è infatti considerato una

4 clausola aperta che consente il riconoscimento di nuovi diritti. È evidente che accogliendo questa impostazione la possibilità di individuare limiti impliciti alla libertà di manifestazione del pensiero aumenta in modo esponenziale. Per cui centrale è l operazione di bilanciamento, la ponderazione tra valori contrapposti che è riservata alla discrezionalità del legislatore (ordinario e regionale) e dei giudici costituzionali che possono sindacare il bilanciamento operato dal legislatore attraverso le sue scelte normative. Il limite esplicito: IL BUON COSTUME Si legge al comma sei dell art. 21: «Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e reprimere le violazioni». Il fatto che questo limite sia esplicitato non semplifica l opera dell interprete: l espressione buon costume è infatti un concetto giuridico indeterminato. È una nozione la cui portata semantica è interamente rimessa all interprete per garantire la elasticità e adattabilità delle norma al cambiamento del tessuto sociale (scelta consapevole del legislatore per assicurare flessibilità al sistema). La giurisprudenza ha abbandonato la nozione di buon costume riferita genericamente alla cd. morale comune o etica sociale. Il concetto di buon costume che la giurisprudenza costituzionale e la dottrina hanno adottato è tratto dal codice penale: si intende per buon costume il comune senso del pudore e della pubblica decenza nella sfera sessuale. Nella sentenza n. 9 del 1965 la Corte costituzionale definisce il buon costume: «l insieme di precetti che impongono un determinato comportamento nella vita sociale di relazione, la inosservanza dei quali comporta la violazione del pudore sessuale, della dignità personale ( ) e del sentimento morale dei giovani». La contrarietà al sentimento del pudore non dipende dall oscenità di atti o oggetti in sé considerati, ma dall offesa che può derivarne al pudore sessuale considerando il contesto e le modalità in cui quegli atti sono compiuti o quegli oggetti esposti. Sicché la pubblicità si configura come requisito essenziale della nozione di buon costume. («Non può riconoscersi capacità offensiva del sentimento del pudore a quelle manifestazioni che, pur avendo in sé un significato osceno si esauriscono nella sfera privata, e non costituiscono oggetto di comunicazione verso un numero indeterminato di persone»: sentenza Corte cost. n. 368/1992). Le attività contrarie al buon costume sono rappresentate unicamente dalle manifestazioni pubbliche attinenti alla sfera sessuale e contrarie alle regole di convivenza sociale e di espressione del costume sessuale in un determinato contesto storico. Il punto è comunque molto dibattuto: alcuni ritengono che il limite non dovrebbe valere per le manifestazioni rivolte ai maggiorenni che non hanno bisogno della protezione paternalista dello Stato, avendo la piena capacità di determinarsi secondo il proprio libero arbitrio [BARILE, 1984]. D altro canto se il buon costume venisse individuato nella morale sociale corrente, secondo la concezione accolta nel codice civile, verrebbe repressa ogni manifestazione del pensiero anticonformista, cioè non coerente con l opinione pubblica prevalente. Terreno di prova, non sempre agevole, del limite del buon costume è quello dell espressione artistica che ai sensi dell art. 33 Cost. dovrebbe godere di una tutela particolare e più accentuata. La circostanza che l art. 33 non faccia riferimento esplicito al limite del buon costume ha consentito agli interpreti di ritenere l insussistenza di limitazioni legate al pudore sessuale per quanto riguarda la libertà d arte e di scienza. Tesi suffragata dalla circostanza che l art. 529 del codice penale afferma che «non si considera oscena l opera d arte o l opera di scienza, salvo che, per motivo diverso da quello di studio, sia offerta in vendita, venduta o comunque procurata a persona

5 minore degli anni 18». Diversa disciplina è poi prevista a seconda del mezzo di comunicazione prescelto: mentre per gli stampati non è ammessa alcuna forma di controllo preventivo ma solamente la possibilità di un eventuale sequestro successivo alla pubblicazione, la legge n. 161 del 1962 (modificata dal d.lgs. n. 3 del 1998) sugli spettacoli pubblici teatrali e cinematografici stabilisce controlli preventivi fino a prevedere per la produzione cinematografica la censura, ovvero l imposizione di tagli e modifiche per scene giudicate contrarie al buon costume. Una speciale disciplina è poi dettata dalla legge n. 203 del 1995 per i film prodotti per la televisione, la cui trasmissione può essere vietata in determinate fasce orarie. I limiti impliciti alla liberta d espressione si desumono dalla lettura dell intero testo costituzionale in materia di libertà. Rispondono alla necessità di contemperare la libertà di manifestazione del pensiero con altri interessi e valori di rilevanza costituzionale. Possiamo distinguere limiti impliciti di natura individuale e limiti impliciti di natura pubblicistica. Tra i limiti impliciti di natura individuale vengono in rilievo anzitutto quelli legati ai cd. diritti della personalità, i limiti individuali costituiscono una categoria aperta, non delimitabile a priori, che coincide con i diritti della personalità cui la nostra Costituzione, in una prospettiva evolutiva, consente di offrire protezione (si pensi ai cd. nuovi diritti della personalità: il diritto all identità personale, il diritto alla privacy, all obiezione di coscienza, al libero orientamento sessuale, il diritto all oblio). Evidentemente devono essere considerati anche diritti più tradizionali, come l onore e la reputazione delle persone interessate da forme di manifestazione del pensiero e da attività informative. I limiti di natura pubblicistica sono invece rivolti alla tutela di finalità collettive (esigenze di giustizia, sicurezza dello Stato, ordine pubblico). Il limite dell onore e della reputazione: si radica nel principio personalistico che permea di sé l intero testo costituzionale ed è corollario dell art. 3 Cost. sulla pari dignità sociale dei cittadini. Il rispetto di tale limite è affidato agli artt. 594, 595 c.p. L art. 595 c.p. identifica la diffamazione nel reato in cui incorre colui che offende la reputazione di chi non è presente (poiché se il soggetto leso fosse presente si tratterebbe di reato di ingiuria ex art. 594 c.p.). Nucleo centrale del reato è l offesa all altrui reputazione: la reputazione e il decoro non rappresentano concetti interpretabili in maniera assoluta poiché essi devono essere valutati in diretta dipendenza del ruolo del soggetto nell ambito della società e pertanto le offese risultano diversamente valutabili a seconda del gruppo sociale di appartenenza. Dunque la reputazione si profila diversamente a seconda del ceto sociale e del peso economico della parte lesa, come messo in luce dalla giurisprudenza. In particolare la decisione 28 febbraio 1995, n. (Dir. inf., 1995, 86) ha statuito che in tema di diffamazione, la reputazione non si identifica con la considerazione che ciascuno ha di sé stesso o con il semplice amor proprio, ma con il senso della dignità personale in conformità all opinione del gruppo sociale secondo il particolare momento storico. Ancora Cass., 1 marzo 1993, ha stabilito che tra gli elementi di valutazione della diffamazione possono essere considerate le condizioni sociali dell offeso e la sua collocazione professionale dovendosi tenere conto del fatto che le sofferenze morali sono proporzionate al discredito nell ambito sociale. L offesa all altrui reputazione, nel caso di diffamazione a mezzo stampa o radiotelevisione, può essere impugnata sia in ordine al contenuto sia in ordine alle modalità con le quali la notizia è stata diffusa poiché è stato deciso dalla giurisprudenza che può essere ritenuta offensiva la notizia in se stessa come anche l indulgenza in particolari o descrizioni tali da coinvolgere i sentimenti o la sfera emozionale del soggetto fino a concretizzare una vera e propria offesa alla reputazione. Anticipando un discorso che faremo oltre è possibile dire che per evitare

6 che la fattispecie del reato di diffamazione costituisca un ostacolo eccessivo all esercizio del diritto di cronaca la giurisprudenza ha elaborato una serie di requisiti sussistendo i quali l attività giornalistica è scriminata (verità oggettiva o putativa del fatto, utilità sociale della notizia, continenza formale). Vi è però un altro elemento che consente un efficace difesa dal reato di diffamazione a mezzo stampa, elemento che risulta spesso il punto discriminante decisivo e cioè la natura esclusivamente dolosa che l ordinamento attribuisce al reato. Sistema diversificato di rimedi (condanna penale del giornalista, risarcimento del danno, sequestro della pubblicazione in via preventiva, applicazione delle sanzioni disciplinari da parte del competente Consiglio d Ordine, rettifica). Il limite della riservatezza è da ricondursi, al pari del diritto all onore e alla reputazione, ai cd. diritti della persona. L interesse specifico protetto è da ravvisarsi nella tutela di quelle situazioni e vicende strettamente personali e familiari, le quali, anche se verificatesi fuori del domicilio domestico, non hanno per i terzi un interesse socialmente apprezzabile (Cass., 2199/1975). La nozione di riservatezza si è progressivamente arricchita di nuovi significati: da quello più tradizionale di intimità della sfera privata, mutuato dall esperienza angloamericana della privacy (e fondata sulla logica proprietaria della difesa di uno spazio privato dalle interferenze altrui) a quello emerso più di recente con riguardo ai cd. Crimini informatici e collegato al controllo dei propri dati personali. La riservatezza riguarda insomma una costellazione di diritti (right to be let alone, diritto all autodeterminazione informativa). In Italia il problema della esistenza di un diritto alla riservatezza si è affacciato nel secondo dopoguerra in relazione alla divulgazione di fatti inerenti la sfera intima di persone note. A metà degli anni 50 la Cassazione negò l esistenza nel nostro ordinamento di un diritto alla riservatezza (Cass ) nella nota causa intentata dagli eredi del tenore Caruso contro la società di produzione di film sulla vita del celebre tenore. ( Nell ordinamento giuridico italiano non esiste un diritto alla riservatezza ma soltanto sono riconosciuti e tutelati in modi diversi singoli diritti soggettivi della persona; pertanto non è vietato comunicare ( ) vicende della vita altrui, quando la conoscenza non ne sia stata ottenuta con mezzi illeciti o che impongano il segreto ). A metà degli anni 60 si intravede un mutamento di rotta nell orientamento della Suprema Corte (Cass. 20 aprile 1963): sebbene non sia ammissibile il diritto tipico alla riservatezza, viola il diritto assoluto della personalità, inteso come diritto alla libertà di autodeterminazione nello svolgimento della personalità dell uomo, la divulgazione di notizie relative alla vita privata, in assenza del consenso dell interessato e ove non sussista per la natura dell attività svolta dalla persona e del fatto divulgato un preminente interesse pubblico alla conoscenza (caso Petacci). Nel 1975 dopo aver negato per lungo tempo l ammissibilità di una protezione autonoma del rispetto della vita privata il Supremo Collegio perviene all affermazione che l ordinamento giuridico riconosce e tutela l interesse di ciascuno a che non siano resi noti fatti o avvenimenti di carattere riservato senza il proprio consenso (Cass., : caso Soraya Esfandiari). Nel risolvere questo caso la Corte non si arresta come pure avrebbe potuto al richiamo della normativa del diritto all immagine ma manifesta chiaramente la volontà politica di ampliare il discorso alla protezione della vita privata in un clima culturale propizio (in Francia era stata appena approvata la norma del Code civil sulla protezione della vie privee). In Italia la situazione legislativa cambia radicalmente con il recepimento delle direttive comunitarie in materia di trattamento dei dati personali (d.lgs. 675/1996 in attuazione della dir. 95/46, attualmente Codice della privacy). Da tali provvedimenti non è stato solo recepito il diritto alla riservatezza nella sua valenza costituzionale ma è stato introdotto un nuovo tipo di tutela che difende questo diritto a fronte dei ben noti pericoli insiti nei processi di raccolta, elaborazione e circolazione dei dati personali. Mentre lo strumento risarcitorio interviene ex post e offre alla riservatezza una tutela insufficiente e parziale, il nuovo strumentario introdotto dai predetti provvedimenti operando in via preventiva attraverso il riconoscimento del diritto al controllo sulle proprie informazioni,

7 appresta una tutela di altra efficacia. Profilo specifico della riservatezza è il diritto all identità personale. Sono i giudici della Cassazione civile a tracciare i contorni della nuova figura in un noto caso giurisprudenziale del Il Caso Veronesi è un leading case della materia ( fatti processuali). Il contenuto del diritto in questione è ravvisato nell interesse di ciascun soggetto alla intangibilità della propria proiezione sociale, interesse a non vedersi all esterno alterato, travisato, offuscato, contestato il proprio patrimonio intellettuale, politico, sociale, religioso, ideologico, professionale, quale si manifesta nell ambiente sociale. Il diritto all identità personale mira cioè a garantire la fedele e complessa rappresentazione della personalità individuale del soggetto nell ambito della comunità in cui la tale personalità è venuta svolgendosi. Distorsione dell immagine sociale del prof. Veronesi (false light in the public eye, diritto ad essere se stesso). Ulteriore specificazione del diritto alla identità personale è il cd. Diritto all oblio (riguarda specialmente il caso di quanti si siano resi colpevoli di un reato e tentino di ricostruirsi una credibilità sociale). Caso Rececconi (fatti processuali/bilanciamento tra tutela all identità personale e diritto di cronaca romanzata/la Corte ha ritenuto la prevalenza del diritto di cronaca individuando la rilevanza e l attualità della divulgazione dello sceneggiato nella rappresentazione di un particolare contesto storico caratterizzato da una diffusa violenza e da una attitudine aggressiva sia nel comportamento dell aggressore sia in quello della vittima (scherzo violento). Il limite della sicurezza dello Stato: si trova espresso nelle disposizioni penali che puniscono la rivelazione di segreti di Stato (artt. 261 e 262 c.p.) ossia di notizie che, nell interesse della sicurezza dello stato o comunque nell interesse politico, interno o internazionale dello stato, debbono rimanere segrete. Il fondamento di questo interesse è stato rinvenuto dalla Corte costituzionale nell interesse alla sicurezza nazionale, inteso come interesse dello Stato-comunità alla propria integrità territoriale, alla propria indipendenza e alla sua stessa sopravvivenza. Il segreto investigativo (le esigenze di giustizia): gli artt. 114, 115 e 329 c.p.p. si propongono di contemperare i diversi interessi in gioco: l efficienza delle indagini, l indipendenza del giudice, il diritto all informazione sulle vicende giudiziarie, il diritto di difesa, la presunzione di non colpevolezza, la riservatezza delle persone coinvolte, la corretta amministrazione della giustizia. Ma è una normativa sostanzialmente disapplicata tanto che si parla di desuetudine del segreto investigativo. Il Governo Berlusconi con il disegno di legge Alfano propone una riforma della disciplina del segreto nel senso di aumentare la segretezza e le sanzioni previste nel caso di violazione dei divieti di pubblicazione. In realtà il segreto processuale dovrebbe essere limitato ai soli casi in cui la diffusione della notizia potrebbe pregiudicare l accertamento della verità o ledere la riservatezza di un soggetto rispetto a circostanze processualmente irrilevanti (Triggiani). L art. 329 c.p.p. dispone che gli atti d indagine compiuti dal P.M. e dalla polizia giudiziaria sono coperti da segreto fino a quando l imputato non ne possa avere conoscenza e comunque non oltre la chiusura delle indagini preliminari. Anche per gli atti non più coperti da segreto il divieto di pubblicazione non cade integralmente (pubblicazione del contenuto dell atto ma non del testo integrale). Cautele speciali sono previste per la cronaca giudiziaria che riguarda i minori, rispetto ai quali si prevede il divieto di pubblicare e divulgare, con qualsiasi mezzo, notizie o immagini idonee a consentire l identificazione del minorenne comunque coinvolto nel procedimento. Il giudice se le parti vi consentono può autorizzare le riprese televisive del dibattimento a condizione che non ne derivi pregiudizio

8 al sereno e regolare svolgimento dell udienza o della decisione. L autorizzazione può essere data anche senza il consenso delle parti quando sussiste un interesse socialmente apprezzabile alla conoscenza del dibattimento. Il limite dell ordine pubblico: limite di natura pubblicistica fortemente problematico per la matrice autoritaria da cui trae origine e per i rischi di strumentalizzazione in senso antidemocratico a cui si presta. Attualmente la Corte cost. riferisce la nozione di ordine pubblico alla sicurezza, alla tranquillità pubblica, alla prevenzione dei reati (nozione in senso materiale). In senso ideale è inteso come ordine legale su cui poggia la corretta convivenza sociale. Parliamone anche in Storia Secondo Aristotele ciò che non ha limite ( peras) non è rappresentabile esaurientemente nel nostro pensiero, ed è perciò inconoscibile. Per Calvino come già per Leopardi il compito della letteratura consiste precisamente nel continuo tentativo di descrivere l ignoto, l indeterminato, il vago. E come per Leopardi anche per Calvino la ricerca dell indeterminato diventa l osservazione del molteplice, del formicolante, del pulviscolare... (Calvino, 1993), cioè dell infinito e dell illimitato. Ma per poter rappresentare l illimitato lo scrittore deve far ricorso al limite, come osserva ancora Calvino a proposito di Leopardi: Il poeta del vago può essere solo il poeta della precisione cioè dell esattezza che deriva da un senso del limite.

9 Bateson ( Perché le cose hanno contorni?, Verso un ecologia della mente), citando Blake, spiega come i confini siano essenziali alla comprensione delle cose, per evitare la confusione, o l omogeneizzazione. Si tratta di una specie di epistemologia morale. Per bene conoscere occorre segnare dei limiti. Limiti mobili, che possono cambiare, che s articolano secondo punti di vista, che si flettono e si spostano nel tempo, che sono persino in grado di cancellarsi, ma pur sempre limiti, bordi, contorni. Il limite non è mai una cosa facile. Quando un atleta lavora sulla sua soglia, è il momento in cui fa il massimo della fatica e soffre. Deve avere il coraggio di affrontarla, questa sofferenza, se vuole migliorare le sue prestazioni e la sua resistenza. Se riesce a lavorare al limite della soglia anaerobica, allora tutto cambia: diventa più forte, più potente. Questa forza non è solo un semplice incremento quantitativo, ma comporta una trasformazione qualitativa di tutto l atleta. Ora sarà capace di affrontare altre prove, di vincere altre gare. Perché è sempre grazie alla fatica del limite che le cose cambiano. E cambiando, esse ridisegnano i proprio confini, entrano in nuovi rapporti fra loro, acquisiscono una diversa potenza.

10 Le guerre scoppiano quando la tensione della differenza diventa insopportabile e ognuno, ogni territorio, ogni entità territoriale non vuole ammettere la differenza, non vuole accettare i propri confini. Non vuole ammettere di esser limitata da altri, e quindi non vuole ammettere la differenza di questi altri limitanti. Vuole renderli omogenei a sé, oppure eliminarli: lo scopo è lo stesso, perché ciò che segue l eliminazione o la cacciata degli altri è sempre l istituzione di insediamenti coloniali, ossia di entità che sono omogenee al territorio madre. La guerra di espansione come ogni altra guerra - ha per fine quello di estendere i propri confini. Nessuna guerra ammette confini (tranne le guerre di liberazione e d indipendenza, che per definizione rivendicano confini e differenze specifiche, e per questo hanno uno statuto particolare); persino la guerra civile non ammette la limitazione differenziazione che esiste al proprio interno. Il coraggio del limite è proprio questo: non solo saper tracciare un confine là dove non c era, ma anche riconoscere la differenza inevitabile che così si crea e situarsi in questa stessa differenza, disporsi nel limite, saper passare. Il coraggio consiste infatti in questo doppio gioco del porre e del passare, del chiudere e dell aprire. È più facile pensare che ogni delimitazione sia definitiva, che ogni confine sia una prigione, che disporre un limite sia una chiusura; ci vuole invece coraggio per capire che ogni chiusura è anche immediatamente un apertura, che un confine dev essere valicato, che il limite nel momento in cui è posto va spostato, che la differenza è irrinunciabile e che per quanto ci si rinchiuda o si rinchiuda, per il fatto stesso di farlo si prepara l evasione. Nel Secolo dei lumi si portò all'estremo compimento il principio secondo il quale la ragione, essendo condizionata e quindi tipica manifestazione della limitatezza umana, era l'unico strumento in grado di fornire all'uomo quella conoscenza certa cui egli aveva, sin dalle origini del pensiero occidentale, aspirato. Essa venne pertanto elevata a giudice imparziale al cui tribunale sottoporre ogni realtà al fine di distinguere il vero dal falso e di individuare ciò che poteva risultare di giovamento per la realtà; costante risultò pertanto, all'interno del movimento illuminista, l'esortazione al avvalersene in modo libero e pubblico, come si legge nella celebre definizione kantiana fornita nel saggio Risposta alla domanda: che cos'è l'illuminismo? (1784): "Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo il motto dell'illuminismo [ ] Senonchè a questo Illuminismo non occorre altro che la libertà, e la più inoffensiva di tutte le libertà, quella cioè di fare pubblico uso della propria ragione in

11 tutti i campi." La novità più importante che l'illuminismo introdusse, rispetto alla pretesa razionalistica di considerare vero solamente ciò che apparisse evidente alla ragione, fu la rigorosa autolimitazione della ragione stessa nel campo dell'esperienza; non più, pertanto, uno sterile dogmatismo nel quale la ragione si erigesse ad assoluta legislatrice valicando le proprie possibilità, ma, al suo posto, una scienza feconda e caratterizzata dalla possibilità di investigare ogni aspetto della realtà, solamente a prezzo di accettare l'obbligo preliminare di delineare con precisione i limiti della conoscenza umani..

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE

I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE I DIRITTI FONDAMENTALI NELLA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE Relazione predisposta in occasione dell incontro della delegazione della Corte costituzionale con il Tribunale costituzionale della

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Capitolo 1 Informazione e democrazia

Capitolo 1 Informazione e democrazia Capitolo 1 Informazione e democrazia Esiste un irrinunciabile duplice natura del diritto a manifestare il pensiero, che coincide con una liberta inviolabile dell individuo e valore fondamentale di ogni

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA Carte deontologiche - La Carta di Treviso La Carta di Treviso La Carta di Treviso è il documento che impegna i giornalisti italiani a norme di comportamenti deontologicamente corrette nei confronti dei

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

LA DIGNITÀ DELL UOMO QUALE PRINCIPIO COSTITUZIONALE I N D I C E

LA DIGNITÀ DELL UOMO QUALE PRINCIPIO COSTITUZIONALE I N D I C E LA DIGNITÀ DELL UOMO QUALE PRINCIPIO COSTITUZIONALE Quaderno predisposto in occasione dell incontro trilaterale delle Corti costituzionali italiana, spagnola e portoghese Roma, Palazzo della Consulta,

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONCORSO FOTO E VIDEO DiversaMente Apertura ore 8:00 del 14 Aprile 2014 Chiusura ore 24:00 del 30 Ottobre 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

CONCORSO FOTO E VIDEO DiversaMente Apertura ore 8:00 del 14 Aprile 2014 Chiusura ore 24:00 del 30 Ottobre 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Dati della Scuola Secondaria di appartenenza Dati dello studente / studentessa CONCORSO FOTO E VIDEO DiversaMente Apertura ore 8:00 del 14 Aprile 2014 Chiusura ore 24:00 del 30 Ottobre 2014 DOMANDA DI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli